Inoltre

La battaglia di Arnhem

La battaglia di Arnhem

Un atterraggio aereo ad Arnhem (l'attacco era in codice Operation Market Garden) era un piano per porre fine alla seconda guerra mondiale all'inizio. L'idea di un atterraggio aereo su Arnhem venne dal feldmaresciallo Bernard Montgomery. Gli eroici che si sono verificati ad Arnhem e nelle aree circostanti hanno sopportato eventi come Dunkerque, la battaglia della Gran Bretagna, la battaglia dell'Atlantico e il D-Day in termini di coraggio mostrato dagli uomini sul terreno. Tuttavia, alcuni vedono anche l'attacco ad Arnhem come un attacco che è andato un "ponte troppo lontano".

Il piano di Montgomery era relativamente semplice. Credeva che la crisi più evidente che gli Alleati avrebbero dovuto affrontare attaccando in Germania stava attraversando il Reno. I rapporti di intelligence erano già arrivati ​​affermando che quanto più gli alleati si avvicinavano al fiume Reno, tanto più agguerrita la difesa tedesca.

Montgomery contava di far cadere in Olanda una grande forza aerea che poteva quindi servire a diversi scopi. Potrebbe assorbire la resistenza tedesca in Olanda ma, cosa ancora più importante, potrebbe attaccare più rapidamente le difese poste dai tedeschi lungo la linea Siegfried e quindi attaccare le difese tedesche dietro il fiume Reno e aiutare un attraversamento alleato di quel fiume. Mentre il generale americano Patton continuava ad avanzare nel sud verso la Germania, l'attacco aereo avrebbe aiutato in un attacco nel nord Europa. Entrambi gli eserciti avrebbero quindi spremuto ciò che restava della resistenza tedesca nel mezzo.

"Monty" progettò un assalto aereo per catturare cinque ponti in Olanda per proteggere le strade di cui gli Alleati avevano bisogno per trasportare le loro divisioni corazzate e fornire veicoli. Due di questi ponti erano sui canali (i canali Wilhelma e Zuid Willems Vaart) mentre gli altri tre ponti erano sui fiumi. Questi fiumi erano i Maas dove il ponte attraversava Grave; il Waal dove attraversava il ponte a Nimega e il Neder Rijn ad Arnhem. Qui, ad Arnhem, la cattura del ponte era vitale poiché il Neder Rijn era largo oltre 100 metri a questo punto.

Il piano aveva i suoi critici in particolare nel campo americano che credeva che le forniture necessarie per l'attacco sarebbero state portate via dal loro viaggio verso il Reno. Inizialmente, Eisenhower, comandante supremo delle forze alleate in Occidente, definì il piano una "spinta simile a una matita". Il generale Bradley, comandante del 12 ° gruppo dell'esercito americano, la definì un'impresa "su un vicolo laterale". Tuttavia, un evento ha dato rapidamente slancio al piano di Montgomery.

I razzi V2 erano caduti a Londra. Chiaramente, questi rappresentavano un problema di gran lunga maggiore per il governo britannico rispetto ai V1 che spesso andavano fuori bersaglio o venivano abbattuti. I V2 erano in una categoria diversa. Gli Alleati sapevano che sarebbero stati licenziati dalla costa del nord Europa, quindi qualsiasi attacco riuscito in Olanda e oltre avrebbe facilitato notevolmente questo problema fino alla distruzione di tutti i siti di lancio. L'ufficio di guerra ha dato il suo sostegno a "Monty". Anche così, Montgomery ha scoperto che non poteva ottenere la promessa di forniture di cui aveva bisogno per Market Garden. L'11 settembre 1944, Montgomery disse a Eisenhower che, nonostante il supporto dell'Ufficio della Guerra, l'attacco avrebbe dovuto essere rinviato a causa della mancanza di rifornimenti vitali. La tattica di "Monty" ha funzionato ed Eisenhower ha immediatamente portato il suo capo di stato maggiore al quartier generale di Montgomery per vedere di cosa aveva bisogno.

L'esercito disperso nell'aria alleato era composto da quattro divisioni; due inglesi e due americani. A ciò si collegava la brigata indipendente paracadutista polacca guidata dal maggiore generale Sosabowski. I due più alti comandanti americani erano il maggiore generale Gavin della 101a divisione e il maggiore generale Maxwell Taylor dell'82a divisione. Entrambi gli uomini erano esperti nella guerra aerea. La prima divisione aerotrasportata britannica era guidata dal maggiore generale Urquhart. Fu una scelta insolita a guidare la divisione aerotrasportata poiché non si era mai paracadutato prima, non aveva mai partecipato a un atterraggio di aliante e si era ammalato. Lui stesso ha espresso la sua sorpresa quando è stato nominato comandante della divisione.

La First Airborne Division non aveva preso parte al D-Day. Era stato tenuto in riserva ed era rimasto inattivo dopo il giugno 1944. All'ultimo minuto erano state annullate alcune operazioni pianificate perché non erano necessarie a causa del successo delle colonne corazzate britanniche sul terreno. Nel settembre del 1944, la Prima Divisione era "irrequieta, frustrata e pronta a tutto". Urquhart disse che era:

"Affamato di battaglia a un livello che solo coloro che hanno comandato grandi forze di soldati addestrati possono comprendere appieno".

Alla Prima Divisione fu assegnato il compito di catturare il ponte ad Arnhem e di trattenerlo. La 101a divisione doveva catturare lo Zuid Willems Vaart Canal a Veghel e il Wilhelmina Canal a Son. L'82ª Divisione doveva catturare i ponti di Grave e di Nijmegen.

L'attacco doveva essere pianificato in soli sei giorni. La prima divisione di Urquhart dovette affrontare due problemi principali; la carenza di aeromobili e la convinzione che il ponte di Arnhem fosse circondato da cannoni antiaerei che renderebbero troppo difficile l'atterraggio vicino al ponte stesso.

Agli americani è stata data la priorità per quanto riguarda gli aerei. La cattura del ponte ad Arnhem sarebbe inutile se gli americani non riuscissero a catturare i loro obiettivi. Pertanto, gli americani sarebbero stati portati ai loro obiettivi in ​​un ascensore mentre l'attacco ad Arnhem sarebbe stato effettuato in tre ascensori separati durante il giorno. Ogni atterraggio notturno era considerato troppo pericoloso.

Ciò ha rappresentato un grave problema per Urquhart. La sua prima forza avrebbe avuto l'elemento sorpresa e, se la resistenza tedesca fosse minima, avrebbe tenuto il ponte e assicurato eventuali zone di atterraggio per gli alianti. Tuttavia, qualsiasi atterraggio successivo sarebbe dopo che i tedeschi avrebbero avuto il tempo di organizzarsi.

I rapporti dell'intelligence hanno anche mostrato che la falla attorno al ponte stesso era pesante. Ciò è stato confermato dagli equipaggi dei bombardieri della RAF che hanno riscontrato il difetto durante i loro voli regolari in Germania. Urquhart decise di atterrare a ovest lontano dal ponte anche se sapeva che si trattava di un rischio. Se la resistenza tedesca era più forte del previsto, c'era la possibilità che il primo atterraggio non arrivasse nemmeno al ponte di Arnhem e tirasse fuori il fiocco. I rapporti dei servizi segreti britannici indicavano che la presenza tedesca ad Arnhem era minima. Si credeva che i tedeschi avessero solo sei divisioni di fanteria nell'area con 25 cannoni di artiglieria e solo 20 carri armati. Le truppe tedesche, in un rapporto dell'intelligence dell'11 settembre, si diceva che fossero "disordinate e scoraggiate". Un rapporto analogo è stato presentato il 17 settembre.

Tuttavia, i rapporti della resistenza olandese indicavano diversamente. Il 15 settembre, gli olandesi avevano informato gli inglesi che erano state viste unità SS nell'area di Arnhem. La First Airborne Division ricevette queste informazioni il 20 settembre, tre giorni dopo l'inizio dell'attacco al ponte di Arnhem.

L'operazione Market Garden iniziò domenica mattina, 17 settembre 1944. Le basi dei combattenti della Luftwaffe erano state attaccate così come le caserme tedesche basate vicino alle zone di sbarco. 1.000 aerei da caccia americani e britannici hanno dato copertura mentre gli alianti e i loro "rimorchiatori" attraversavano il Mare del Nord e si dirigevano verso l'Europa continentale. La più grande paura derivava dall'eccesso e l'intelligence stimava che la perdita di alianti e mezzi di trasporto potesse arrivare fino al 40%. Così com'erano, ben pochi dei 1.545 velivoli e 478 alianti furono persi.

L'82ª Divisione è atterrata senza grossi problemi attorno a Grave e Nijmegan. La 101a divisione ebbe ugualmente successo e al calar della notte, gli americani e il corpo corazzato britannico si erano incontrati a Eindhoven.

Tuttavia, entro il 18 settembre, la nebbia aveva fatto la sua parte. I voli in aliante e rimorchiatore che avrebbero dovuto attraversare il secondo giorno non potevano farlo. Ciò colpì l'82a divisione in quanto Gavin aveva meno uomini per attaccare i ponti di Waal, in particolare il ponte stradale che era durato per tre giorni durante l'attacco tedesco in Olanda nel 1940. Questo ponte cadde solo la sera di mercoledì 20 dopo un attacco combinato americano / britannico. Con questo ponte catturato, l'armatura del 30 ° Corpo poteva correre ad Arnhem per alleviare lì la prima divisione dispersa nell'aria di Urquhart.

Ad Arnhem, gli inglesi incontrarono un'opposizione molto più rigida di quanto non fosse stato indotto a credere. Le Divisioni Panzer IX e X SS si erano raggruppate ad Arnhem - come aveva avvertito la resistenza olandese. Entrambi i gruppi comprendevano 8.500 uomini guidati dal generale Willi Bittich. Queste non erano le truppe tedesche scarsamente equipaggiate a basso morale che l'Intelligence britannica aveva affermato fossero di stanza ad Arnhem. Bittich - un generale molto apprezzato nelle SS Waffen - inviò immediatamente la IX SS Devision nelle zone di sbarco britanniche. Alla X Division fu ordinato a Nimega di fermare il 2 ° gruppo dell'esercito che avanzava su Arnhem. Bittich era fiducioso del successo:

“Presto saremo in grado di scartare la minaccia del nord britannico del Neder Rijn. Dobbiamo ricordare che i soldati britannici non agiscono di propria iniziativa quando combattono in una città e quando di conseguenza diventa difficile per gli ufficiali esercitare il controllo sono incredibili in difesa, ma non dobbiamo aver paura delle loro capacità in attacco. " Bittich.

Gli uomini della IX divisione hanno rapidamente creato una formidabile linea difensiva per fermare l'avanzata britannica verso Arnhem. Gli inglesi hanno affrontato una serie di gravi problemi nella zona di atterraggio. Quasi tutti i veicoli utilizzati dallo squadrone di ricognizione aviotrasportato andarono persi quando gli alianti che li trasportavano non riuscirono a sbarcare. Pertanto l'avanzata verso Arnhem stesso fu ritardata, ma dovette essere eseguita quasi interamente a piedi. Il lavoro dello Squadrone di Ricognizione era di partire in jeep, ecc. In anticipo e di assicurare ponti e strade. Non potevano farlo dopo la perdita dei loro veicoli. Anche le mappe fornite agli ufficiali si sono rivelate poco accurate.

I paracadutisti britannici caddero sotto il fuoco tedesco. Solo il 2 ° battaglione guidato dal tenente colonnello Frost avanzò con relativa facilità ma anche loro furono occasionalmente fermati dal fuoco tedesco. Gli uomini di Frost erano la più meridionale delle unità britanniche e i tedeschi avevano percorso la loro rotta per Arnhem meno bene delle altre rotte che gli inglesi avrebbero dovuto usare. Quando Frost arrivò al ponte di Arnhem, aveva solo circa 500 uomini. Assicurò l'estremità settentrionale del ponte e gli edifici circostanti, ma rimase pesantemente esposto a un attacco tedesco attraverso il ponte poiché gli inglesi non erano riusciti a proteggere l'estremità meridionale del ponte. Intorno ad Arnhem, le truppe britanniche, impegnate in combattimenti con le SS, subirono pesanti perdite. Ormai i tedeschi venivano rinforzati con carri armati Tiger.

Nonostante fossero a corto di munizioni e senza cibo o acqua, gli uomini di Frost continuarono a combattere. Un tedesco che ha combattuto nella battaglia finale per il ponte ha scritto:

“(La lotta era) un fanatismo indescrivibile ... e la lotta infuriava attraverso soffitti e scale. bombe a mano volarono in ogni direzione. Ogni casa doveva essere presa in questo modo. Alcuni inglesi hanno offerto resistenza al loro ultimo respiro. "

La 2a armata non riuscì a raggiungere Arnhem. Nel giro finale - a sole 10 miglia - da dove si trovava la 2a Armata ad Arnhem, le SS combatterono con grande abilità ritardando seriamente lo slancio in avanti che la Seconda Armata aveva precedentemente sviluppato. Le truppe britanniche rimaste nell'area di Arnhem furono catturate in terra che le SS chiamarono "Il Calderone". È stata presa la decisione di ritirarsi. Quei soldati che potevano essere evacuati erano ma molti feriti furono lasciati indietro. In tutto, oltre 1.200 soldati britannici erano stati uccisi e quasi 3.000 erano stati fatti prigionieri. 3.400 truppe tedesche erano state uccise o ferite nella battaglia.

Perché il piano ha fallito?

La velocità con cui Bittich organizzò i suoi uomini e la sua consapevolezza tattica furono le principali ragioni della vittoria tedesca. Tuttavia, i servizi segreti britannici avevano ignorato i rapporti della Resistenza olandese secondo cui le SS erano nella regione. Quando gli uomini sbarcarono scoprirono che le loro mappe erano imprecise riguardo alla disposizione delle strade nell'area di Arnhem. Un altro grosso problema era che le radio emesse per gli uomini avevano solo un raggio di 3 miglia e si dimostrarono inutili quando i vari segmenti dell'esercito britannico nell'area furono sparsi per 8 miglia. Una tale mancanza di comunicazione si è rivelata un grave handicap per i comandanti sul campo che raramente sapevano cosa stavano facendo o pianificando altri comandanti. Anche l'atterraggio doveva essere distribuito su tre giorni, quindi la divisione Airborne non è mai stata pienamente in grado.

Il piano di Montgomery era valido. Come ha commentato Churchill:

"Un grande premio era quasi alla nostra portata."

Post correlati

  • Arnhem

    Un atterraggio aereo ad Arnhem (l'attacco era in codice Operation Market Garden) era un piano per porre fine alla seconda guerra mondiale all'inizio. L'idea per un ...

Guarda il video: L'operazione Market Garden il fallimento piano di Montgomery (Settembre 2020).