Podcast storici

Computers

Computers

I computer svolgono un ruolo molto importante nella nostra vita e, come in molte invenzioni recenti, nessuno può pretendere di avere la responsabilità esclusiva della propria invenzione.

Tuttavia, a un uomo viene attribuita la visione di vedere che un giorno esisterebbe una macchina informatica generica. Quest'uomo era Charles Babbage e ha lanciato la sua idea nel 1834 !! Cinque anni dopo la sua morte nel 1871, Lord Kelvin, un fisico scozzese, sollevò anche l'idea di costruire una macchina in grado di far fronte a problemi generali. Ma dovevano passare molti anni prima che fosse prodotta una macchina in grado di fare ciò che Babbage e Kelvin volevano.

Nel 1930, il MIT (Massachusetts Institute of Technology) costruì un "analizzatore differenziale". La squadra che lo ha fatto è stata guidata da Vannevar Bush. Questa macchina poteva risolvere equazioni differenziali emerse nell'ingegneria elettrica, ma era così grande da riempire un'intera stanza.

Il principale passo avanti nell'informatica è arrivato quando gli scienziati hanno iniziato a utilizzare il sistema binario nei dispositivi elettrici. Binario consente a ogni numero di essere espresso come una serie di uno o zeri e i dispositivi elettrici vedono i numeri binari come "on" o "off".

Nel 1938, un matematico tedesco, Konrad Zuse, inventò Z1. Questa macchina aveva un metodo operativo basato su binario, un'unità processore e memoria e per questo motivo alcuni storici vedono Z1 come il primo computer. Z1 porta a Z2 e Z3. L'ultimo è considerato il primo calcolatore programmabile al mondo. La seconda guerra mondiale interruppe il lavoro svolto da Zuse.

In America, Howard Aitkins e il suo team dell'Università di Harvard, completarono Mark 1 nel 1943. Questa macchina da 5 tonnellate poteva svolgere funzioni matematiche di base. Ha anche attirato l'attenzione di International Business Machines (IBM). Questa invenzione è avvenuta durante un'era molto importante per lo sviluppo del computer: la seconda guerra mondiale.

Durante questa guerra, la Gran Bretagna voleva sviluppare una macchina informatica che avrebbe infranto i codici segreti usati dai nazisti. Alcuni dei più brillanti matematici del paese erano basati a Bletchley Park, tra cui l'eccezionale Alan Turing. Anche prima della guerra, Turing aveva tentato di sviluppare una macchina in grado di eseguire tutte le operazioni matematiche. Una macchina del genere sarebbe stata in grado di decifrare anche il più difficile dei codici segreti.

Nel dicembre del 1943, un nuovo dispositivo fu inventato a Bletchley Park chiamato "Colosso“. Non era un vero computer, ma mostrava che le macchine potevano fare molto di più che gestire problemi numerici.

Colosso a Bletchley Park

In America durante la seconda guerra mondiale, Presper Eckhart e John Mauchly inventarono l'ENIAC (Electronic Numerical Integrator Analyzer and Computer). Questa vasta macchina, del peso di 30 tonnellate, fu ultimata nel novembre del 1945 e conteneva 18.000 valvole. Potrebbe funzionare 1000 volte più veloce di qualsiasi dei suoi predecessori. Fondamentalmente era solo un calcolatore, ma ha dimostrato agli scienziati che molte valvole messe insieme potrebbero funzionare in modo efficace.

Alcuni storici ritengono che il primo vero computer sia stato sviluppato da un team dell'Università di Manchester guidato dal dott. Freddie Williams. La loro invenzione fu prodotta commercialmente dalla ditta Ferranti ed era nota come Ferranti Mark 1. Questo avvenne nel 1951.

L'America produsse anche il suo primo computer commerciale nel 1951 chiamato UNIVAC; il suo primo uso importante fu predire l'esito della corsa alle elezioni presidenziali degli Stati Uniti nel 1952.

Guarda il video: Rowdy Rebel - Computers ft. Bobby Shmurda Official Video (Settembre 2020).