Inoltre

Fallimenti della League of Nations

Fallimenti della League of Nations

Mentre la Lega delle Nazioni poteva celebrare i suoi successi, la Lega aveva tutte le ragioni per esaminare i suoi fallimenti e dove era andata storta. Questi fallimenti, specialmente negli anni '30, esponevano crudelmente le debolezze della Società delle Nazioni e parteciparono allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale nel 1939. Durante gli anni '20 i fallimenti della Società delle Nazioni furono essenzialmente su piccola scala e non minacciarono pace nel mondo. Tuttavia hanno segnato un punto: che la League of Nations non potrebbe risolvere i problemi se i protagonisti non "giocassero".

L'articolo 11 del Patto della Lega affermava: "Qualsiasi guerra o minaccia di guerra è motivo di preoccupazione per l'intera Lega e la Lega dovrà agire per salvaguardare la pace".

Pertanto, qualsiasi conflitto tra nazioni, che si è concluso in guerra e la vittoria di uno stato su un altro, ha dovuto essere visto come un fallimento dalla Lega.

La prima crisi che la Lega dovette affrontare fu nel nord Italia Nel 1919, i nazionalisti italiani, irritati dal fatto che i "Grandi Tre", a loro avviso, avevano infranto le promesse fatte all'Italia con il Trattato di Versailles, catturarono il piccolo porto di Fiume. Il trattato di Versailles aveva dato questo porto alla Jugoslavia. Per 15 mesi, un nazionalista italiano chiamato d'Annunzio governò Fiume. La lega appena creata non ha fatto nulla. La situazione fu risolta dal governo italiano che non poteva accettare che d'Annunzio fosse apparentemente più popolare di loro - così bombardarono il porto di Fiume e impose una resa. In tutto ciò, la Lega non ha giocato alcun ruolo nonostante fosse stata appena istituita con il compito specifico di mantenere la pace.

La crisi successiva che la Lega dovette affrontare fu a Teschen, che era una piccola città tra Polonia e Cecoslovacchia. La sua importanza principale era che conteneva preziose miniere di carbone lì, che volevano sia i polacchi che i cechi. Dato che entrambe erano nazioni di nuova creazione, entrambe volevano rendere le rispettive economie il più forti possibile e l'acquisizione di ricche miniere di carbone avrebbe sicuramente aiutato in questo senso.

Nel gennaio del 1919, le truppe polacche e ceche combatterono per le strade di Teschen. Molti sono morti. La Lega fu chiamata ad aiutare e decise che la maggior parte della città doveva andare in Polonia mentre la Cecoslovacchia doveva avere una delle periferie di Teschen. Questo sobborgo conteneva le miniere di carbone più preziose e i polacchi si rifiutarono di accettare questa decisione. Sebbene non vi siano state altre violenze all'ingrosso, i due paesi hanno continuato a discutere della questione per i successivi vent'anni.

Molti anni prima del 1920, Vilna era stata rilevata dalla Russia. Storicamente, Vilna era stata la capitale della Lituania quando lo stato era esistito nel Medioevo. Dopo la prima guerra mondiale, la Lituania era stata ristabilita e Vilna sembrava la scelta naturale per la sua capitale.

Tuttavia, nel 1920, il 30% della popolazione proveniva dalla Polonia, con i lituani che rappresentavano solo il 2% della popolazione della città. Nel 1920, i polacchi sequestrarono Vilna. La Lituania ha chiesto l'aiuto della Lega ma i polacchi non sono riusciti a convincere a lasciare la città. Vilna rimase in mani polacche fino allo scoppio della seconda guerra mondiale. L'uso della forza da parte dei polacchi aveva vinto.

Nel 1920, la Polonia invase la terra detenuta dai russi. I polacchi hanno rapidamente travolto l'esercito russo e fatto un rapido progresso verso la Russia. Nel 1921, i russi non ebbero altra scelta che firmare il Trattato di Riga, che consegnò alla Polonia quasi 80.000 chilometri quadrati di terra russa. Questo trattato quasi raddoppiò le dimensioni della Polonia.

Che cosa ha fatto la Lega riguardo a questa violazione di un altro paese da parte della Polonia?

La risposta è semplice: niente. La Russia dal 1919 era comunista e questa "pestilenza dall'Oriente" era fortemente temuta dall'Occidente. In effetti, Gran Bretagna, Francia e America inviarono truppe per attaccare la Russia dopo che la Lega era stata istituita. Winston Churchill, ministro della guerra britannico, dichiarò apertamente che il piano era quello di strangolare la Russia comunista alla nascita. Ancora una volta, agli estranei, sembrava che i membri della Lega stessero selezionando quali paesi erano accettabili e quelli che non lo erano. L'invasione alleata della Russia fu un fallimento e servì solo a rendere la Russia comunista ancora più antagonista verso l'Occidente.

Il trattato di Versailles aveva ordinato a Weimar Germania di pagare le riparazioni per danni di guerra. Questi potrebbero essere pagati in denaro o in natura (merci al valore di un importo prestabilito). Nel 1922, i tedeschi non riuscirono a pagare una rata. Sostennero che semplicemente non potevano piuttosto che non volerlo. Gli Alleati si rifiutarono di accettarlo e il sentimento anti-tedesco in quel momento era ancora forte. Sia la Francia che il Belgio credevano che fosse necessaria una qualche forma di azione forte per "insegnare alla Germania una lezione".

Nel 1923, contrariamente alle regole della Lega, le truppe francesi e belghe invasero la Ruhr, la zona industriale più importante della Germania. In Europa, la Francia era vista come un membro anziano della Lega - come la Gran Bretagna - e la sensazione anti-tedesca provata in tutta Europa permise sia alla Francia che al Belgio di infrangere le proprie regole come furono introdotte dalla Lega. Qui c'erano due membri della Lega che infrangono chiaramente le regole della Lega e non è stato fatto nulla al riguardo.

Perché la Lega potesse far valere la sua volontà, aveva bisogno del sostegno dei suoi principali sostenitori in Europa, Gran Bretagna e Francia. Eppure la Francia era uno degli invasori e la Gran Bretagna era un suo grande sostenitore. Ad altre nazioni, sembrava che se volessi infrangere le regole della Lega, potresti farlo. Pochi paesi hanno criticato ciò che hanno fatto Francia e Belgio. Ma l'esempio che hanno dato agli altri negli anni futuri era ovvio. La Lega chiaramente fallì in questa occasione, principalmente perché fu vista coinvolta nel infrangere le proprie regole.

Il confine tra Italia e Albania era tutt'altro che chiaro e il Trattato di Versailles non aveva mai affrontato davvero questo problema. Era una costante fonte di irritazione tra le due nazioni.

Nel 1923 fu inviato un gruppo di sondaggi di nazionalità mista per risolvere il problema. Durante il viaggio nell'area controversa, la sezione italiana della squadra di rilievo si è separata dalla parte principale. I cinque italiani sono stati colpiti da uomini armati che si erano nascosti.

L'Italia ha accusato la Grecia di pianificare l'intero incidente e ha chiesto il pagamento di una grossa multa. La Grecia ha rifiutato di pagare. In risposta, gli italiani inviarono la loro marina sull'isola greca di Corfù e bombardarono la costa. La Grecia ha fatto appello alla Lega per chiedere aiuto, ma l'Italia, guidata da Benito Mussolini, ha convinto la Lega attraverso la Conferenza degli Ambasciatori a multare 50 milioni di lire.

Per dare seguito a questo successo, Mussolini invitò il governo jugoslavo a discutere della proprietà di Fiume. Il trattato di Versailles aveva consegnato Fiume alla Jugoslavia ma, con l'evidenza di un bombardato Corfù, gli jugoslavi consegnarono il porto in Italia con pochi problemi.

Tutti questi fallimenti furono secondari ai due maggiori negli anni '30. Ciò che mostrarono al mondo fu che la Lega non poteva imporre un accordo se non avesse avuto la capacità di farlo e che i dittatori desiderassero sfruttare questo dove potevano. Prima dei problemi incontrati nell'Europa occidentale negli anni '30, la Lega dovette affrontare due problemi principali e cadde su entrambi: la Manciuria e l'Abissinia.

Post correlati

  • Lega delle Nazioni

    La Società delle Nazioni è nata dopo la fine della prima guerra mondiale. Il compito della League of Nation era semplice: assicurare che ...

  • Successi della League of Nations

    I successi della Società delle Nazioni sono spesso oscurati dai suoi fallimenti, specialmente negli anni '30, quando l'Europa e infine il mondo si spostarono ...

  • Palestina e la Società delle nazioni

    La Società delle Nazioni avrebbe avuto un ruolo cruciale in Palestina dopo la creazione della Società delle Nazioni dopo la prima guerra mondiale. La Lega…

Guarda il video: MA COME DIAMINE FUNZIONANO LE QUALIFICAZIONI CON LA NATIONS LEAGUE? - Ve lo spiego in modo semplice (Settembre 2020).