Inoltre

Costituzione della Repubblica di Weimar

Costituzione della Repubblica di Weimar

La nuova costituzione della Repubblica di Weimar fu adottata nell'agosto del 1919. Molti storici attribuiscono la colpa ai futuri problemi politici di Weimar su questa costituzione in quanto, ironicamente, era troppo giusta in quanto includeva tutti indipendentemente dalle loro convinzioni politiche. Tuttavia, Ebert era impegnato nella democrazia e la nuova costituzione aveva il suo pieno sostegno.

La costituzione introdusse un'assemblea bi-camerale: si trattava di un parlamento composto da due strati; una rappresentava l'intera nazione (il Reichstag) e prendeva decisioni sull'intera nazione, mentre l'altra rappresentava le regioni (il Reichsrat).

Il Reichstag era composto da politici eletti a suffragio universale. Tutte le persone di età superiore ai 20 anni potrebbero votare. I politici del Reichstag rimasero seduti per quattro anni e poi dovettero candidarsi per la rielezione. Il Reichstag utilizzava un sistema di proporzionale rappresentazione per le elezioni. Sono state discusse questioni come finanza, tasse, politica estera ecc.

Il Reichsrat rappresentava governi regionali all'interno della Germania come la Prussia, la Baviera e la Sassonia. Il loro compito era limitato all'esame delle questioni regionali.

Il Presidente era il capo dello stato. È stato eletto per un mandato di sette anni.

Il presidente potrebbe nominare il suo cancelliere con la raccomandazione che il cancelliere dovrebbe avere il sostegno di una maggioranza nel Reichstag.

Era anche in teoria il capo delle forze armate.

Il presidente potrebbe anche sciogliere il Reichstag e convocare un'elezione generale se ritenesse che la situazione politica lo giustificasse.

Potrebbe anche porre il veto (rifiutare di sostenere) la legislazione sul Reichstag (leggi approvate dal Reichstag). In questo modo, il presidente potrebbe uccidere tutte le leggi del Reichstag di cui non approvava.

Il presidente potrebbe anche dichiarare uno stato di emergenza e governare con decreto di emergenza.

La costituzione era autenticamente democratica, dopo la falsa democrazia di Kaiser Guglielmo II.

Le elezioni si basavano sul suffragio universale e sulla rappresentazione proporzionale. Tuttavia, la forza teorica della costituzione era anche il suo tallone d'Achille. A tutti è stato permesso di votare, compresi gli estremisti di entrambe le parti dello spettro politico - sinistro e destro. Il sistema di rappresentanza proporzionale significava anche che se un partito minore avesse ottenuto i voti necessari, avrebbe avuto membri del partito nel Reichstag. Le parti principali continuerebbero a dominare il Reichstag, ma le parti minori potrebbero interrompere i procedimenti e rendere il partito al potere - i socialdemocratici - incapace di mantenere l'ordine nella sua stessa sede di potere. Questo è esattamente ciò che il nuovo partito nazista ha fatto nei suoi primi anni. Ha ottenuto voti sufficienti per coinvolgere alcuni membri nel Reichstag (come risultato della rappresentanza proporzionale) e quei nazisti eletti hanno fatto il possibile per "dimostrare" al popolo tedesco che Ebert e i socialdemocratici erano incompetenti nel trattare tali basi come mantenimento della disciplina all'interno del Reichstag.

La costituzione avrebbe avuto un ruolo importante negli anni 1930-1933, quando il presidente Hindenburg nominò e licenziò i cancellieri apparentemente a volontà.

Guarda il video: La Repubblica di Weimar. Video-lezione di storia contemporanea. (Settembre 2020).