Cronologia

Majdanek

Majdanek

Majdanek, uno dei famigerati campi di sterminio nazisti, fu costruito alle porte di Lublino in Polonia. Majdanek fu costruito come parte di Action Reinhard e, a differenza di altri campi di sterminio come Auschwitz-Birkenau, Sobibor e Treblinka, non fu costruito lontano da occhi indiscreti. Potrebbe essere facilmente raggiungibile in tram e tutti i lati del campo sono facilmente visibili dall'esterno.


Majdanek prese il nome da un sobborgo di Lublino chiamato Majdan Tatarski - un'area in cui un gran numero di ebrei viveva prima del 1939. Divenne un ghetto dopo l'invasione tedesca della Polonia nel settembre del 1939. Mentre l'esercito tedesco avanzava verso est, fu deciso che non potevano rischiare il problema dei pericoli dietro la loro linea di avanzamento. Di conseguenza, molti polacchi che furono identificati come potenziali partigiani furono arrestati e inviati al campo di Majdanek. Il campo ospitava anche prigionieri di guerra. Quando Majdanek era in funzione, sarebbe stato facile vedere all'interno del campo poiché nessun albero lo circondava. Ciò era in completo contrasto con altri campi di sterminio che erano stati collocati in aree remote lontano da fitte popolazioni. Ancora più insolito, era il fatto che i nazisti non avevano istituito una zona di sicurezza attorno al campo. Il crematorio e gli edifici con camera a gas erano facilmente visibili dall'esterno del campo. Una delle strade (ora conosciuta come la via dei martiri) che costeggiava il campo era quella principale che portava i soldati tedeschi sul fronte orientale nella guerra contro la Russia: nulla fu fatto per nascondere questo particolare campo di sterminio.

Nell'aprile 1942, nei mesi successivi alla Conferenza di Wannsee, il campo divenne anche un campo di detenzione per ebrei come parte della "Soluzione finale". Lo stesso è accaduto ad Auschwitz - originariamente questo campo era usato per ospitare prigionieri politici polacchi. Ma dopo la Conferenza di Wannsee, Auschwitz fu trasformato in un campo di sterminio. Lo stesso è successo a Majdanek. Tra la metà del 1942 e la metà del 1943, la maggior parte degli ebrei inviati a Majdanek provenivano da Lublino. Così un campo di lavoro (Majdanek era originariamente definito un campo di concentramento) divenne un campo di sterminio.

A differenza di Auschwitz, Majdanek non era servito da una grande linea ferroviaria. Le vittime destinate a Majdanek andarono in treno a Lublino e poi a Majdanek in camion.

Il primo comandante del campo fu Karl Otto Koch. Fu giustiziato dai nazisti per aver rubato dal magazzino del campo e saccheggiato merci destinate a Berlino. Anche il terzo comandante del campo, Hermann Florstedt, fu giustiziato dai nazisti per lo stesso crimine. Altri tre comandanti di Majdanek furono giustiziati dopo la guerra - Koegel, Weiss e Liebehenschel - per la loro parte nella gestione del campo.

Majdanek fu il primo dei campi di sterminio ad essere liberato dai russi il 23 luglio 1944.

Come per gli altri campi di sterminio, è difficile ottenere dati reali sul numero di omicidi compiuti. I russi avanzarono molto rapidamente nell'area in Polonia dove si trovava Majdanek. Hanno catturato molti dei documenti che i tedeschi hanno lasciato alle spalle in fretta. I russi trovarono anche lì le camere a gas - diversamente da Auschwitz-Birkenau - poiché non avevano avuto il tempo di distruggerle. Originariamente era stato affermato che a Majdanek furono uccisi fino a 1,7 milioni - cifre rilasciate alla fine della guerra. Tuttavia, i documenti catturati mostrano che solo 300.000 furono mai inviati al campo in totale e che il numero di morti potrebbe essere stato di 235.000. Ma questo non è chiaro. I ricercatori hanno figure di morte che variano da 42.000 al minimo a 1,3 milioni al massimo.

Guarda il video: 13. Wiśnia Bakajoko - MAJDANEK gość. WPU, muz. Czaha (Settembre 2020).