Podcast storici

Heidi Safia Mirza

Heidi Safia Mirza

Nel 1992, Heidi Safia Mirza ha pubblicato "Young, Female and Black", che è stato il culmine della sua ricerca su 198 giovani donne e uomini, tra cui 62 donne di colore di 15-19 anni che erano al centro dello studio. Tutti hanno frequentato due scuole complete nel sud di Londra. Heidi Safia Mirza ha condotto l'osservazione nella scuola, ha utilizzato questionari per ottenere dati di base sul campione e ha condotto interviste informali con i membri del campione e con i genitori. Ha anche usato fonti secondarie come documenti scolastici e risultati degli esami. Heidi Safia Mirza ha condotto studi di casi dettagliati su tre donne di colore.

Mirza sostiene che esiste un "mito di risultati insufficienti" per le donne di colore. Le ragazze del suo campione hanno fatto meglio negli esami rispetto ai ragazzi neri e agli allievi bianchi della scuola, e Mirza crede che in generale i risultati educativi delle donne nere siano sottovalutati.

Mirza sfida anche la teoria dell'etichettatura del rendimento scolastico. Sebbene ci siano state prove di razzismo da parte di alcuni insegnanti, nega che ciò abbia l'effetto di minare l'autostima delle ragazze nere.

Alla domanda su chi ammirassero di più, il 48% delle ragazze nere si chiamava e più della metà chiamava qualcuno che era nero.

Alcune ragazze hanno sentito che alcuni insegnanti li hanno messi giù e non hanno dato loro la possibilità di mettersi alla prova. Tuttavia, "sebbene le ragazze fossero risentite di questi atteggiamenti, c'erano poche prove che fossero psicologicamente minate da questo diverso trattamento".

Alcuni insegnanti che Mirza descrive come "palese razzista". Le ragazze hanno cercato di evitare questi insegnanti, se possibile, e certamente non erano preparate ad accettare le loro definizioni negative di neri.

Un altro gruppo, che Mirza descrive come "i cristiani", ha cercato di essere "daltonico", non riconoscendo differenze tra i gruppi etnici. Sebbene il comportamento di questo gruppo fosse meno dannoso di quello dei razzisti palesi, aveva i suoi problemi. Alcuni insegnanti erano attivi antirazzisti, descritti da Mirza come "i crociati". Tuttavia, Mirza descrive le loro campagne come "spesso fuorviate e troppo zelanti". Hanno fatto più sforzi nel promuovere queste campagne in aula di quanti ne abbiano fatti nella preparazione per la classe.

Un altro gruppo è stato definito "sciovinista liberale". Come i crociati, erano ben intenzionati. Volevano aiutare gli alunni neri, ma il loro "aiuto" era condiscendente e spesso controproducente. Sentivano di aver capito i loro problemi e sapevano cosa era meglio per loro.

Il gruppo finale identificato da Mirza era un gruppo di quattro insegnanti di colore. Mirza ha scoperto che questo gruppo erano insegnanti efficaci che erano apprezzati e rispettati dai loro allievi di tutte le etnie. Sebbene non mostrassero favoritismi agli alunni neri, potevano essere "di immenso valore quando si trattava di consigliare e comprendere i bisogni delle ragazze".

Per gentile concessione di Lee Bryant, direttore della sesta forma, scuola anglo-europea, Ingatestone, Essex

Guarda il video: CRASSH Impact - Reni Eddo - Lodge and Heidi Safia Mirza in Conversation (Settembre 2020).