Corso di storia

Adolf Hitler dal 1918 al 1924

Adolf Hitler dal 1918 al 1924

Adolf Hitler rimase nell'esercito tedesco dopo la fine della Prima Guerra Mondiale nel novembre 1918. Ribollando di rabbia per la sconfitta della Germania, Hitler fu impiegato come V-Man. Il lavoro di Hitler era quello di visitare quante più organizzazioni politiche possibili per verificare se fossero di destra, di centrodestra o di sinistra. In particolare, all'indomani della rivoluzione russa, sia il governo che l'esercito volevano sapere chi fossero i socialisti o i comunisti. I termini del Trattato di Versailles non fecero che aumentare la rabbia di Hitler durante questo periodo della sua vita.

Hitler lavorò anche all'interno del Dipartimento dell'Educazione dell'esercito e il suo compito era quello di tenere lezioni sui soldati di ritorno sui pericoli del comunismo, del socialismo e del pacifismo. Gli alti ufficiali sono rimasti colpiti dalle capacità di Hitler come oratore. Fu in quel momento che il caporale, che era un solitario, scoprì il suo più grande talento: l'oratorio pubblico. L'attacco di gas che Hitler aveva subito aveva influenzato le sue corde vocali e parlava in un modo che pochi avevano sentito prima. Molti che in seguito hanno sentito Hitler parlare durante manifestazioni pubbliche hanno affermato che la sua voce aveva qualità ipnotiche. Nel novembre del 1922, Truman Smith, una spia americana con sede in Germania, scrisse:

La forza politica più importante in Baviera al momento è il Partito Socialista Tedesco dei Lavoratori Nazionalista .... Adolf Hitler ... è la forza dominante nel movimento .... questa capacità di influenzare un vasto pubblico è strana.

Karl Ludecke, che pubblicò un libro intitolato "I know Hitler", scrisse quanto segue circa la prima volta che sentì parlare Hitler:

Hitler era un uomo lieve e pallido con i capelli castani divisi da una parte. Aveva gli occhi blu acciaio ... aveva l'aspetto di un fanatico .... Teneva il pubblico, e io con loro, sotto un incantesimo ipnotico dalla forza pura della sua convinzione.

Ciò di cui Hitler parlava ai soldati di ritorno colpì anche a casa: il tradimento dei soldati da parte dei politici; la pugnalata alle spalle (dei soldati) da parte degli ebrei; il fallimento della politica democratica e il disastro comunismo sarebbero per la Germania. I suoi pensieri erano ampiamente diffusi, ma il pubblico di Hitler dal 1918 al 1919 era molto piccolo e il suo impatto era molto limitato.

Nel settembre del 1919, Hitler visitò, come V-Man, una riunione del Partito dei Lavoratori tedesco. Il nome del partito indicava che aveva inclinazioni socialiste con il suo tag "operai". In effetti, era un partito nazionalista di estrema destra, antisemita, anticomunista, guidato da Karl Drexler. Alla visita di Hitler, contava solo 40 membri. Hitler informò l'esercito che non rappresentava una minaccia per la Germania. Dopo questa visita, Hitler si unì al partito poiché sembrava rappresentare tutto ciò in cui credeva. Divenne rapidamente ufficiale di propaganda del partito.

All'inizio del 1920, il partito cambiò nome in Partito socialista tedesco dei lavoratori (NSDAP), che fu rapidamente corrotto in "nazista" da nemici e sostenitori. Hitler scrisse le credenze del partito nel cosiddetto programma del partito da 25 punti. Questo programma del partito era una miscela curiosa: nazionalismo di destra; anticapitalismo; anti-socialismo; anti-ricchezza ecc.

Questa miscela di sacchetti di stracci sarebbe stata ridicola in circostanze normali, ma la Germania non lo era in circostanze normali. Il NSDAP ha giocato sull'odio dei tedeschi per il Trattato di Versailles (che ha affermato che avrebbe ignorato); la convinzione che la Germania fosse stata pugnalata alle spalle. Anche ai suoi primi tempi, il NSDAP si sintonizzò sulle emozioni di molte persone. Tuttavia, nel 1920, il partito era solo uno dei tanti partiti di destra che sembravano esistere in Germania in quel momento.

In un volantino del 1920, l'NSDAP incolpò 300 banchieri e finanziatori di tutto il mondo per aver dettato la politica al mondo e averla trattata in riscatto.

"Scuoti i tuoi leader ebrei ... Non aspettarti nulla dai bolscevichi (i comunisti russi) ... (Il governo russo) è ebreo di nove decimi. Il bolscevismo è un imbroglione ebreo. "

Ciò ha toccato un nervo scoperto in alcuni tedeschi. Gli ex soldati che erano stati nel Corpo Libero si unirono al Partito nazista e le loro "abilità" furono usate per interrompere le riunioni di altri partiti politici. L'uso della violenza è diventato un modo di vivere per i nazisti.

Indipendentemente da ciò, il partito ha fatto pochi progressi in politica. Ha beneficiato di un grande vantaggio nella Germania di Weimar: il sistema elettorale ha usato la rappresentanza proporzionale per decidere i risultati. Qualsiasi partito che avesse ottenuto più voti della soglia avrebbe ottenuto alcuni seggi nel Reichstag. Ciò favorì i nazisti. Non potevano permettersi costose campagne elettorali come raccontava Karl Ludecke nel suo libro "Conoscevo Hitler".

“L'organizzazione viveva quotidianamente finanziariamente, senza tesoreria da utilizzare per gli affitti delle aule, i costi di stampa o le mille e una spesa che minacciavano di sommergerci. Gli unici fondi su cui potevamo contare erano piccoli, semplicemente una goccia nel secchio. "

Fino al 1923, il partito nazista era piccolo e rumoroso. La sua importanza era principalmente nell'area di Monaco di Baviera. Il denaro, o la sua mancanza, era sempre un problema. La crisi dell'iperinflazione del 1923 si rivelò un'opportunità troppo bella per perdere l'ormai leader del partito - Hitler.

L'iperinflazione ha rovinato la classe media. I poveri avevano poco e hanno perso la maggior parte del piccolo che avevano. I ricchi hanno perso molto, ma come ricchi potevano tenere la testa fuori dall'acqua. La classe media non aveva le riserve di liquidità dei ricchi ma conducevano vite confortevoli. Queste vite sono state rovinate dall'iperinflazione e hanno incolpato il governo.

Hitler progettò di impadronirsi della città più importante del sud - Monaco - e di usare la città come base per lanciare un attacco al resto della Germania, sperando che la classe media arrabbiata si sollevasse per sostenerlo in tutta la nazione.

The Beer Hall Putsch:

L'8 novembre 1923, Hitler e 2000 nazisti marciarono per le strade di Monaco per assumere un incontro presso la Munich Beer Hall. Questo incontro era presieduto dalle tre persone più importanti della politica bavarese: Hans Seisser, Otto von Lossow e Gustav von Kahr. A seconda del racconto che hai letto, Hitler si avvicinò alla riunione e dichiarò che quando il conveniente von Kahr sarebbe stato dichiarato reggente della Baviera, il governo di Berlino sarebbe stato processato come traditore, Seisser sarebbe stato nominato capo della polizia tedesca ... il tempo non era conveniente. Lui, Hitler, avrebbe preso in carico il paese. Dichiarò che il giorno seguente i nazisti avrebbero marciato per il Ministero della Guerra e vi avrebbero istituito il governo.

Il 9 novembre, i nazisti hanno iniziato la loro marcia solo per essere incontrati dalla polizia armata. Quello che è successo dopo varia. Quando la polizia sparò contro i principali manifestanti, la biografia ufficiale nazista di Hitler pubblicata nel 1934 affermava di aver salvato la vita dell'uomo accanto a lui che era stato colpito.

Un'altra versione non ufficiale - di Rudolf Olden - afferma che al primo colpo Hitler scappò verso un'auto in attesa di essere guidato sulle montagne bavaresi e in sicurezza. Non avrebbe saputo che 13 nazisti erano stati uccisi a colpi d'arma da fuoco dalla polizia.

Indipendentemente da ciò che accadde e da ciò che Hitler fece, la marcia fu un disastro per i nazisti e poteva hanno facilmente scritto la fine del partito nazista. Ironia della sorte, la Beer Hall Putsch avrebbe lanciato Hitler alla fama nazionale. Fu arrestato per tradimento e processato. Questo processo doveva rendere famoso Hitler in Germania e potrebbe aver salvato il crollo del partito nazista.

Post correlati

  • Adolf Hitler

    Adolf Hitler guidò la Germania durante la seconda guerra mondiale. Il suo desiderio di creare una razza ariana era fondamentale nella sua etica e nelle sue campagne politiche. Hitler non aveva ...

  • Adolf Hitler e la Germania nazista

    Adolf Hitler guidò la Germania durante la seconda guerra mondiale. Adolf Hitler si uccise il 30 aprile 1945 - pochi giorni prima della resa incondizionata della Germania. Berlino era ...

  • Julius Streicher

    Julius Streicher è diventato uno dei più famosi leader nazisti, nonostante abbia giocato una piccola parte nella seconda guerra mondiale e abbia perso ...