Popoli, Nazioni, Eventi

Otto Strasser

Otto Strasser

Otto Strasser, il fratello minore di Gregor, fu una figura di spicco nei primi giorni del partito nazista. Otto Strasser si schierò con suo fratello quando sembrò che il partito nazista potesse dividersi in due diversi gruppi ideologici nell'immediato seguito della prigionia di Adolf Hitler.

Otto Strasser è nato a Windsheim il 10 settembreesimo 1897.

Si schierò prima con i socialdemocratici, ma si unì al partito nazista nel 1925. Si unì al partito quando era in un flusso. Tecnicamente il partito era stato sciolto dopo il fallito Beer Hall Putsch, ma il divieto era a malapena applicato. Tuttavia, il vero problema affrontato dal partito era che Hitler stava scontando 5 anni di carcere, anche se ha scontato solo nove mesi. Mentre era via, nella disputa tra due uomini sorse una disputa: Gregor Strasser e Gottfried Feder. Gregor voleva che il partito accettasse l'urbanizzazione e il vero socialismo, mentre Feder voleva che il partito rimanesse fedele alla Germania rurale e alla convinzione che tutti i veri tedeschi "venissero dal suolo". Era l'opinione sostenuta da Hitler. Tuttavia, il partito era senza leader mentre Hitler era in prigione.

Feder e Gregor Strasser hanno co-diretto il partito ma la partnership è stata condannata. Tuttavia, Strasser si è fatto un nome all'interno del partito perché presto è diventato evidente che era un organizzatore molto abile e aveva capacità di leadership naturali. Non in modo innaturale, Otto sostenne suo fratello. Otto era fermamente convinto che il partito nazista dovesse essere fedele alle parole "socialista" e "operaio" che erano nel nome ufficiale del partito. Otto voleva che il Partito nazista adottasse principi socialisti classici come la proprietà statale della terra e dell'industria. Ha dichiarato pubblicamente il proprio forte sostegno ai sindacati per scioperare e ha espresso simpatia per il modo di vivere in URSS.

Questo era completamente contro ciò che Hitler voleva. Una volta rilasciato dalla prigione, Hitler dovette riaffermare la sua autorità sul partito. La questione è arrivata al culmine alla conferenza del partito di Bamberg del 1926. Qui lo scontro tra Hitler e Gregor Strasser fu risolto a favore di Hitler. Ben presto divenne chiaro che molti più nazisti alla conferenza supportarono Hitler invece di Gregor Strasser. Sebbene inizialmente sostenesse lo stand di Gregor, il futuro ministro della Propaganda, Joseph Goebbels, si fece avanti per sostenere Hitler. Si rese conto che Hitler aveva molto più supporto all'interno del partito di Gregor Strasser.

L'associazione di Otto con Gregor non è stata di buon auspicio per il suo futuro all'interno del partito. Hitler lo definì un "salotto bolscevico" e etichettò chiunque seguisse lo Strasser come "idioti dottrinari". Hitler affermò che Otto fu vittima di "democrazia e liberalismo".

Il 21 maggiost 1930 Hitler chiese una resa dei conti con i due fratelli. Come membri del partito avevano continuato a sostenere l'idea del socialismo, inclusa la nazionalizzazione e il diritto di sciopero dei lavoratori. Allo stesso tempo Hitler corteggiava ricchi industriali e proprietari terrieri. L'ultima cosa di cui aveva bisogno erano due noti nazisti che promuovevano idee contrarie a quelle sostenute da questi industriali. Ordinò che sia Otto che Gregor si sottomettessero totalmente alla disciplina del partito. Otto si rifiutò di farlo e Hitler ordinò a Goebbels di espellerlo dalla festa.

Come risultato di questa espulsione nel 1930, Otto, insieme all'ex senior sa SA Walther Stennes, formò un nuovo partito politico: l'Unione dei socialisti nazionali rivoluzionari, che divenne noto come il Fronte Nero. In quel momento Otto era relativamente al sicuro poiché Hitler non era cancelliere. Otto ha definito Hitler "il traditore della rivoluzione", ma il Fronte Nero non ha mai vinto il sostegno di massa e non è mai stato una minaccia per Hitler. Tuttavia, il partito nazista aveva una meritata reputazione di violenza e Otto e la sua piccola banda di seguaci si stabilirono a Praga, dove gli ex emigrati del partito nazista credevano di essere al sicuro.

All'aumentare del potere del partito nazista nei primi anni '30, anche il suo uso della violenza. Otto Strasser iniziò a temere per la propria vita. Suo fratello si era ritirato dalla politica e aveva iniziato a lavorare per un'azienda chimica. Anche a Praga Otto non si sentiva al sicuro e decise di lasciare la Cecoslovacchia per la propria incolumità. Si trasferisce in Canada. Gregor Strasser fu assassinato durante la "Notte dei coltelli lunghi" - si diceva che Hitler non dimenticasse mai ciò che Gregor aveva fatto né lo perdonò. È probabile che Otto avrebbe subito la stessa sorte se fosse rimasto nella Germania nazista.

Otto Strasser tornò nella Germania occidentale nel 1955 dopo aver ottenuto nuovamente la cittadinanza tedesca. Tentò di impegnarsi di nuovo in politica, ma con scarso successo.

Otto Strasser è morto a Monaco di Baviera il 27 agostoesimo 1974.

Luglio 2012

Post correlati

  • Gregor Strasser

    Gregor Strasser Gregor Strasser fu uno dei primi membri del partito nazista. Durante la prigionia di Adolf Hitler Strasser tentò di prendere il partito nazista in un ...

  • Adolf Hitler

    Adolf Hitler guidò la Germania durante la seconda guerra mondiale. Il suo desiderio di creare una razza ariana era fondamentale nella sua etica e nelle sue campagne politiche. Hitler non aveva ...

  • Adolf Hitler e la Germania nazista

    Adolf Hitler guidò la Germania durante la seconda guerra mondiale. Adolf Hitler si uccise il 30 aprile 1945 - pochi giorni prima della resa incondizionata della Germania. Berlino era ...

Guarda il video: otto strasser ├╝ber adolf h. (Luglio 2020).