Podcast storici

Enrico VII e il commercio

Enrico VII e il commercio

Il commercio e l'industria furono la spina dorsale della forza economica dell'Inghilterra sotto Enrico VII. La merce più preziosa nel regno di Enrico era il tessuto di lana che costituiva il 90% delle esportazioni inglesi. Tradizionalmente la lana inglese era vista come la migliore in Europa e quando veniva esportata grezza, la Corona si impegnava molto per sfruttarne la domanda. All'inizio del regno di Enrico VII nel 1485, la quantità di lana grezza esportata era diminuita del 50% e veniva sostituita dall'articolo finito. Che l'allevamento di pecore stava diventando altamente redditizio, portò via un po 'della puntura dal passaggio dai seminativi al pascolo. Il lavoro nell'industria della lana era basato su base stagionale e gli operai agricoli tendevano a lavorare in entrambi. Mentre le pecore venivano allevate, il lavoro si basava su una fattoria. Dopo la cesoiatura, il lavoro si basava sul cardare, una jenny rotante e un telaio trovati in una casa. Quando la lana lasciava una casa era per follatura (un processo di pulizia) e tintura. I ricchi commercianti di lana hanno finanziato l'intera operazione.

Le tre aree principali per la fabbricazione di tessuti di lana erano la West Riding of Yorkshire, East Anglia e la West Country. Poiché il 90% del commercio estero era basato sulla lana, si potrebbe sostenere che queste tre aree erano le aree più importanti per il commercio estero in Inghilterra. Ma una tale dipendenza dal commercio estero presentava importanti svantaggi. Una grande guerra europea, anche se non coinvolse l'Inghilterra, potrebbe seriamente interrompere il commercio, così come uno scoppio della peste nel continente. Pertanto, mentre il tessuto di lana era un bene di grande valore, era anche fragile su cui basare la ricchezza di una nazione.

Mentre il regno di Enrico continuava, si svilupparono altri aspetti della produzione tessile, ma tutti su piccola scala. Il lino veniva prodotto nel Lancashire, mentre le calze lavorate a mano venivano fatte nel Lake District e nei Cotswolds. Ma il tessuto di lana era la caratteristica dominante e continuava ad esserlo per molti anni.

Alcuni altri prodotti furono esportati, ma i registri del tempo mostrano che l'Inghilterra importava molto e riponeva la sua fiducia commerciale nel tessuto di lana. Il piombo e lo stagno venivano estratti e ciò che non era richiesto in Inghilterra veniva esportato, ma ciò tendeva a essere fatto su piccola scala rispetto alla crescita osservata nel commercio della lana. È stato anche esportato del carbone. Il numero di persone coinvolte in questi era piccolo ed erano molto aperti ai capricci del tempo - guerra, peste, mercati più economici, ecc. Mentre si svilupparono notevolmente negli anni futuri, durante il regno di Enrico VII devono essere visti come periferico in termini di importanza economica.


Guarda il video: BUONCONVENTO SIENA, ITALY (Settembre 2021).