Cronologia

Enrico VIII e la nobiltà

Enrico VIII e la nobiltà


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Enrico VIII è di solito visto come un re potente che era quasi senza opposizione al governo. Tuttavia, lo stesso Henry era sempre preoccupato che a un certo punto potesse apparire un rivale al trono. Enrico sapeva che Enrico VII aveva vinto il trono dopo la battaglia di Bosworth e che la sua pretesa di trono non era fuori discussione. In verità, c'erano pochi che erano vivi che potevano contestare il trono e in sostanza Enrico VIII era sicuro. Tuttavia, Enrico VIII era sempre diffidente nei confronti del "Partito delle rose bianche" - uomini che erano nella famiglia di York e che potevano rappresentare una minaccia per lui.

Il membro principale del "White Rose Party" era Edmund de la Pole. Aveva una buona pretesa di trono, poiché sua madre era una sorella di Edoardo IV. Il fratello di Edmund, Richard, stava combattendo per i francesi ed Henry era preoccupato che ciò avrebbe sempre permesso ai francesi di giocare la "carta York" se e quando entrambi gli stati fossero tornati in guerra. Henry quindi ordinò che Edmund fosse giustiziato e ciò fu eseguito nel 1513. Ma Richard de la Pole rimase in libertà e fu riconosciuto come Richard IV dalla corona francese. Richard non morì fino al 1525 nella battaglia di Pavia e fino a quell'anno, Henry credeva sempre che ci fosse sempre la possibilità che Richard, sostenuto dai francesi e da altri, avrebbe contestato il trono.

Non vi è dubbio che Enrico crebbe sospettando chiunque avesse un'alta nascita sociale e in termini di ricchezza indipendente dal re. Henry superava spesso il segno per quanto riguardava i suoi sospetti e identificava chiunque sembrasse mettere in dubbio ciò che credeva con slealtà. Henry non poteva separare il fatto che qualcuno potesse essere totalmente fedele al re, ma poteva anche avere convinzioni diverse con lui su alcune questioni. Nel 1520, Wolsey ricevette istruzioni scritte da Henry per tenere d'occhio certi membri della nobiltà come Henry Brandon, il duca di Suffolk e il duca di Buckingham. Wolsey aveva bisogno di poco incoraggiamento per costruire un caso di slealtà nei confronti di qualsiasi membro della nobiltà senior - il risultato dei commenti feriti che ha dovuto sopportare sul suo passato dalla maggior parte di coloro che ricoprivano posizioni di alto livello. Nessun caso potrebbe essere formulato contro il Suffolk. Lo stesso non era vero per Buckingham, che saggiamente disse davanti ai testimoni che Henry non poteva essere re per molto più tempo. Nel 1521, Buckingham fu arrestato, inviato alla Torre ed eseguito. Buckingham era stato un nobile molto potente come controllore delle Signorie Marcher tra Inghilterra e Galles. La sua esecuzione ha inviato un messaggio molto chiaro agli altri nobili.

Henry si rivolse anche alle famiglie per nessun motivo ovvio se non le sue supposte paure. La famiglia Percy era fedele alla corona come ci si poteva aspettare ma era molto potente come Earls of Northumberland nel nord-est dell'Inghilterra. Questa apparente indipendenza è stata sufficiente a rendere sospettoso Henry. Tuttavia, Wolsey non riuscì a trovare alcuna prova che implicasse Percy in nessuna forma di tradimento e non fu trovato alcun caso per la chiamata a una prova. Henry non usò altro che una semplice intimidazione per rompere Percy. Il Conte di Northumberland non aveva figli e nel suo testamento dichiarò che l'erede della sua terra doveva essere Enrico VIII. Quando morì nel 1537, la tenuta di Percy andò alla Corona.

Henry si è sempre sentito minacciato dal "White Rose Party". In verità, qualunque status fosse scomparso nel 1525 con la morte di Richard de la Pole. Questo non fu abbastanza per soddisfare Henry e cercò quelle nobili famiglie che avevano solo un legame remoto con gli Yorkisti. Lo portò a prendere di mira la famiglia Pole, che era lontanamente legata agli Yorkisti. Per assicurarsi che i tre fratelli del Polo non potessero essere accusati di nulla, decisero persino di non incontrarsi nel caso in cui fossero accusati di aver cospirato contro il re. Per anni non è stato possibile presentare un caso contro di loro. Tutto è cambiato all'indomani della Riforma. Un fratello, Reginald, era furioso per la pausa con Roma. Andò a vivere a Roma e si schierò apertamente con il Papa su Enrico. Il Papa lo fece persino cardinale nel 1537. Henry era furioso per questo spettacolo di slealtà e mandò assassini a uccidere Reginald. Fallirono ma i due fratelli rimasti non furono così fortunati. Geoffrey fu arrestato e dopo diversi mesi di prigione ammise che la famiglia era stata coinvolta nella trama contro il re. Henry ordinò un arresto di massa di familiari di amici di famiglia. Soprattutto, l'ammissione aveva dimostrato a Henry, per quanto lo riguardava, che il "White York Party" e chiunque fosse associato ad esso non potevano essere considerati attendibili. Anche i bambini delle famiglie sono stati arrestati ed effettivamente tenuti in ostaggio in caso di problemi futuri. Geoffrey fu rilasciato e andò in Europa. Tuttavia, il suo tempo in prigione era stato così debilitante da essere un uomo distrutto. Si è incolpato per l'esecuzione di suo fratello, Lord Montague, tra gli altri. La sua "confessione" di una cospirazione gli ha risparmiato la vita e gli ha guadagnato la sua libertà e Henry non ha più visto Geoffrey come una minaccia.

Pochi credono che la famiglia polacca rappresentasse una minaccia per Henry. Ma nella sua mente lo erano e dovevano essere affrontati usando qualsiasi metodo senza scrupoli possibile. Mandò anche un altro messaggio molto chiaro alla nobiltà su cosa potevano aspettarsi se la loro lealtà verso il re fosse messa in dubbio anche al minimo grado.

Post correlati

  • Le credenze di Enrico VIII

    Enrico VIII era molto conformista riguardo alle sue convinzioni. La sua convinzione principale era che Dio avesse creato la società com'era ...

  • Enrico VIII - l'uomo

    Molti in Inghilterra credevano che la successione di Enrico VIII avrebbe inaugurato un'era meno austera di quella che Enrico VII aveva governato ...

  • Enrico VII - l'uomo

    A differenza di suo figlio, Enrico VIII, e di sua nipote, Elisabetta I, sappiamo molto poco di Enrico VII dal suo punto di vista - che ...



Commenti:

  1. Wilber

    Mi scuso, ma secondo me ammetti l'errore. Posso difendere la mia posizione. Scrivimi in PM, parleremo.

  2. Poni

    Gli sembra.

  3. Dirn

    Idea meravigliosa, molto utile

  4. Zenon

    Penso che troverai la decisione corretta.

  5. Madison

    Post autorevole :), curioso ...

  6. Lameh

    Scusa se ti interrompo, ma mi offro di andare in un altro modo.

  7. Akshat

    Un'opzione interessante



Scrivi un messaggio