Podcast storici

Il cardinale Wolsey e il potere

Il cardinale Wolsey e il potere


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il cardinale Wolsey acquisì un grande potere durante il regno di Enrico VIII. Il potere di Wolsey si estese sia alle questioni legali che a quelle religiose e di fatto offrì a Wolsey l'opportunità di influenzare quasi tutte le decisioni del regno. Mentre aveva il supporto di Enrico VIII e mentre "tutto andava bene", Wolsey era apparentemente l'uomo più potente del regno con un potere illimitato.

"È stato spesso sostenuto che Wolsey era in pratica un dittatore." (Randall)

Anche se questa potrebbe non essere la versione C20 di un dittatore, ci sono pochi dubbi sul fatto che Wolsey abbia accumulato un enorme potere. Tuttavia, questo potere ha influenzato a malapena la maggioranza del paese poiché erano stati educati a fare ciò che era richiesto. Quando questo si è rotto come nel Pellegrinaggio della Grazia (dopo la morte di Wolsey) lo stato ha preso le misure appropriate. Coloro che sarebbero stati al limite del potere di Wolsey erano quegli uomini e famiglie nobili che avevano istintivamente considerato di avere il diritto di essere coinvolti nel processo decisionale al più alto livello. Se qualcuno della nobiltà senior attraversava Wolsey - se non altro facendo un commento sul suo passato non nobile - li inseguiva con vigore e la rovina finanziaria era l'arma suprema che Wolsey poteva usare. Ha anche usato i tribunali - che ha dominato - per far valere i suoi desideri. Questo potere e la paura di ciò che potrebbe accadere se un individuo attraversasse Wolsey, assicurò che pochi sfidarono il Lord Cancelliere.

"All'inizio del 1520 un fatto accertato della vita politica in Inghilterra era che non sostenevi il dispiacere del cardinale se avessi aspirazioni per il futuro." (Randall)

Per diversi anni Henry diede a Wolsey quella che sembrava una mano libera per gestire il paese. Ciò si sarebbe adattato al modo in cui Henry credeva che un paese dovesse essere gestito. Credeva che il popolo non volesse vedere il proprio re impegnato in questioni di stato tutto il tempo (come sembrava fare Enrico VII), ma voleva che si comportasse come un re: caccia, giostre, esibizione di qualità virili ecc. Wolsey aveva fatto ciò poteva incoraggiare una simile credenza. Henry credeva anche che fosse perfettamente accettabile lasciare uomini a gestire il paese per suo conto dopo averli informati sulle politiche. Questi sarebbero uomini di cui poteva fidarsi, che avrebbero lavorato per il re con totale lealtà. Tale convinzione diede a Wolsey la libertà di cui aveva bisogno. Qui c'era un re che si interessava alle questioni di stato solo quando sentiva il bisogno di farlo e che era disposto a consentire agli uomini di governare per suo conto. Tuttavia, per "uomini" Wolsey leggi "uomo". Il suo enorme ritmo di lavoro e la sua capacità di fare le cose - come nel 1513 con la spedizione in Francia - fu una prova sufficiente per Henry che aveva ragione. Wolsey era un paio di mani sicure che si prendevano cura della nazione mentre il re poteva impegnarsi in altre attività.

In termini religiosi, il titolo di Wolsey come "legatus a latere" lo ha reso la più potente figura religiosa in Inghilterra. Quando ottenne questo titolo a vita, l'unico modo per sconfiggere qualsiasi decisione ecclesiastica presa da Wolsey era di fare un appello diretto a Roma. Ciò ha avuto due problemi. Innanzitutto, è stato un processo estremamente difficile da eseguire con poca o nessuna garanzia di successo. In secondo luogo, Wolsey, che non sarebbe probabile che guardasse a una tale mossa con carità, avrebbe rapidamente conosciuto la persona che aveva presentato l'appello. Mentre l'intero organo ecclesiastico ha dato a Wolsey grandi possibilità di agire, ha mantenuto il suo lavoro su due fronti: gli appuntamenti agli uffici e la riscossione delle tasse per i servizi. Wolsey si diede il diritto di nominare chiunque desiderasse qualsiasi posizione ecclesiastica quando divenne vacante. O ha nominato i suoi uomini a questi posti quando sono diventati vacanti o li ha dati al miglior offerente. Wolsey affermò inoltre che, in quanto "legatus a latere", aveva il diritto di decidere su tutti i casi di eredità in caso di controversie. Pochi erano disposti a discutere con il cardinale su questo punto. Ciò diede a Wolsey l'opportunità di fare grandi somme di denaro, introducendo quella che era essenzialmente una tassa di successione del 10% su tutte le sue decisioni.

Un'area che ha dato a Wolsey un grande potere era la sua capacità di svolgere enormi quantità di lavoro. Lavorò instancabilmente per scoprire il più possibile sulle grandi famiglie nobili dell'Inghilterra e del Galles. Voleva sapere del loro status finanziario; se potevano davvero fidarsi di loro; se fossero i legittimi detentori di qualunque titolo avessero ecc. Ciò gli imponeva di dedicarsi a una grande mole di lavoro e Wolsey non mancava. Questa conoscenza ha anche aumentato il suo potere quando ha scoperto i punti deboli di una famiglia nobile e poteva sfruttarli di conseguenza. Per fare questo impiegò uomini per spiare famiglie nobili. Queste spie erano ben ricompensate e apparentemente leali al loro padrone. Tuttavia, la natura senza scrupoli di Wolsey e il suo uso della legge mentre la interpretava, lo rendevano molti nemici

Post correlati

  • Cardinale Wolsey

    Il cardinale Thomas Wolsey nacque nel 1473 circa e morì nel novembre del 1530. Wolsey fu il più importante ministro del governo di Enrico VIII che acquistò molto potere che ...

  • Il cardinale Wolsey - l'uomo

    Il cardinale Thomas Wolsey nacque nel 1473 circa e morì nel novembre del 1530. Wolsey fu il più importante ministro del governo di Enrico VIII che acquistò molto potere che ...


Guarda il video: Un uomo per tutte le stagioni trailer ita (Potrebbe 2022).