Podcast storici

Enrico VIII e politica estera

Enrico VIII e politica estera


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

La politica estera di Enrico VIII interessò principalmente la Francia e l'Impero asburgico. Tradizionalmente, la politica estera di Tudor cercava di guidare un percorso di neutralità con entrambi questi stati e inizialmente la politica estera di Enrico VIII non era diversa. Henry sapeva che l'Inghilterra non aveva la capacità di assumere nessuno dei due stati, ma che come nazione poteva trarre profitto dall'estensione della mano dell'amicizia ad entrambi. Questo piano fallì quando divenne chiaro che Enrico voleva divorziare da Caterina d'Aragona. Carlo V non contemplava alcuna forma di associazione con Enrico VIII, poiché Caterina era sua zia. Carlo credeva che Enrico VIII privasse Caterina di ogni onore, qualcosa che non era disposto a tollerare. Tuttavia, Henry era abbastanza astuto da sapere che la posizione di Carlo V nell'Europa continentale era tale da non poter fare nulla per la difficile situazione di Catherine in Inghilterra. Charles aveva troppe cose a cui pensare con i turchi nel sud-est del suo impero per poter aiutare sua zia. Tuttavia, ha chiarito il suo dispiacere per il modo in cui Catherine era stata trattata.

Francesco I di Francia ha cercato di trarre vantaggio da questa rottura tra Enrico e Carlo. Diede tacitamente sostegno alla chiamata di Enrico affinché il Papa annullasse il suo matrimonio con Caterina. Di conseguenza, entrambi gli uomini si incontrarono con grande splendore a Calais nell'ottobre del 1532, dove Francesco salutò Anne Boleyn come se fosse regina. Francis progettò di aiutare ulteriormente Henry. Nell'ottobre del 1533, Francesco avrebbe dovuto firmare un trattato con papa Clemente VII, che Francesco sperava di includere una soluzione al problema di Enrico. Francesco non era altruista: voleva semplicemente creare un potente blocco contro gli Asburgo. Henry ha terminato questo tentativo di Francis quando ha chiarito che aveva intenzione di risolvere il problema da solo.

Lo stesso Henry ha dovuto giocare un delicato gioco diplomatico. Sapeva con certezza che Francesco lo stava solo "stringendo amicizia" come parte di un'alleanza contro Carlo V. L'ultima cosa che Henry voleva era essere coinvolto in una guerra tra Francia e Asburgo - eppure non voleva antagonizzare Francesco . La distanza geografica tra Vienna e l'Inghilterra fu sufficiente per convincere Enrico che l'Inghilterra era al sicuro da Carlo V. Tuttavia, la Francia era una questione diversa. Quando Francis fece discrete aperture sul matrimonio tra suo figlio o Mary o Elizabeth, Henry non riuscì a rispondere. Semplicemente non voleva essere coinvolto nella politica francese.

Francesco e Carlo si concentrarono l'uno sull'altro dopo la morte di Francesco Sforza, duca di Milano, nel 1535. Entrambi concentrarono i loro sforzi su chi avrebbe dovuto succedergli, lasciando così Henry con un certo grado di libertà riguardo alla sua politica estera. Ha perseguito il suo desiderato per la politica di neutralità. Ai diplomatici inglesi in Francia fu detto di mantenere “freddi” i rapporti con Francesco.

Henry poteva svolgere questa politica mentre Charles e Francis dirigevano l'un l'altro le loro politiche estere. L'unica cosa che Henry temeva era un'alleanza tra i due. Una simile alleanza sembrava una possibilità distinta nel 1538. Charles e Francis si incontrarono ad Aigues Mortes nel luglio 1538 alla presenza di Papa Paolo III. A Henry sembrava che le maggiori potenze cattoliche d'Europa stessero riunendo il loro potere. Sulla carta, Henry si trovava in una posizione debole contro avversari così uniti e potenti e cercò di spezzare l'intesa Asburgo-Valois - si offrì persino di sposarsi con varie principesse francesi, ma questo non fece nulla. Nel novembre del 1538 Enrico si dedicò alle trattative per il matrimonio con la nipote di Carlo V, ma anche questo non fece nulla. La sua posizione in un'Europa dominata dai cattolici divenne ancora più debole quando nel dicembre del 1538 fu inviato un ordine papale a sostegno del deposito di Enrico. L'ordine papale definì Enrico "il tiranno più crudele e abominevole". Questo ordine rese Henry un gioco leale per qualsiasi cattolico.

In risposta a questa minaccia - una minaccia che Henry prese molto sul serio - Henry fece molto per sviluppare la marina. Nel 1539, Marillac, l'ambasciatore francese in Inghilterra, scrisse che 120 navi navali erano basate nella foce del Tamigi e 30 a Portsmouth - un aumento considerevole delle cinque navi che ereditò da Enrico VII. Henry ordinò la modernizzazione di tutte le difese costiere sulla costa meridionale - gran parte del materiale necessario per le riparazioni proveniva dai monasteri vicini.

Un modo in cui Henry ha contrastato questa minaccia era quello di corteggiare i principi luterani della Germania settentrionale. Sulla carta, non sarebbero stati in grado di contrastare la potenza militare di un attacco combinato franco-asburgico, ma avevano una posizione strategica in Europa che avrebbe potuto turbare l'imperatore. Nel gennaio del 1539 si tenne una trattativa con la Lega Schmalkaldica, ma si impantanarono nelle discussioni teologiche e non arrivarono a nulla.

Nel luglio del 1539, Enrico ricevette l'accordo di Guglielmo di Cleves per sua sorella Anna, per sposare Enrico. William era cattolico nello stesso stampo di Enrico e aveva bisogno di un alleato di una certa posizione poiché la sua posizione in Europa era minacciata dai cattolici romani fedeli al Papa - uomini come Francesco I e Carlo V. Il 6 gennaioesimo 1540, Henry sposò Anne a Greenwich. Francis aveva permesso a Charles di marciare attraverso le sue terre nel dicembre del 1539 per facilitare la repressione di una ribellione a Gand - la cooperazione tra i due era una chiara preoccupazione per Henry. Charles represse la ribellione di Gand, ma non introdusse un'era di maggiore cooperazione tra i due, con grande sollievo di Charles.

La capacità di Henry di mantenere un certo grado di separazione dall'Europa si basava, in larga misura, sul fatto che Carlo e Francesco erano a tutti gli effetti nemici. Ogni riconciliazione è stata invariabilmente seguita da un conflitto - e questo ha significato che la loro attenzione era concentrata su se stessi. L'accordo del 1539 tra Carlo e Francesco fu seguito nel luglio del 1541 dalla guerra tra i due. Henry non poteva che trarne beneficio. Nel febbraio del 1543, Enrico si alleò con Carlo. Concordarono di sostenere antichi accordi commerciali e di garantire l'altro contro l'invasione. Hanno anche convenuto che ci sarebbe stato un grave attacco alla Francia entro due anni. In particolare, Henry voleva guadagnare Boulogne. Henry commise 5.000 truppe in un attacco alla Francia. 14 settembreesimo 1544, Boulogne si arrende agli inglesi e Henry sembra essere in ascesa per quanto riguarda la sua posizione con Francesco. Tuttavia, il 18 settembreesimoCharles abbandonò Henry e prese accordi di pace con Francis.

Il 1545 fu un anno di crisi per Enrico. Molti si aspettavano un attacco francese e nel luglio 1544 una forza francese sbarcò a Bembridge sull'isola di Wight. La flotta intendeva anche un atterraggio a Seaford, ma la malattia è stata pagata per questo. L'unica grazia salvifica per Henry era che Francesco non era in una posizione forte e ha fatto causa per la pace. Ha concesso a Henry Boulogne per otto anni e ha accettato di pagare a Henry una pensione di 95.000 corone per la durata della vita di Henry.

Post correlati

  • Enrico VIII - l'uomo

    Molti in Inghilterra credevano che la successione di Enrico VIII avrebbe inaugurato un'era meno austera di quella che Enrico VII aveva governato ...

  • Le credenze di Enrico VIII

    Enrico VIII era molto conformista riguardo alle sue convinzioni. La sua convinzione principale era che Dio avesse creato la società com'era ...

  • Enrico VIII e la nobiltà

    Enrico VIII è di solito visto come un re potente che era quasi senza opposizione al governo. Tuttavia, lo stesso Henry era sempre preoccupato che in alcuni ...


Guarda il video: Idealista diplomatico? Henry Kissinger e la politica estera americana Lecce, 10 marzo 2016 (Potrebbe 2022).