Podcast di storia

USS Flint CL-97 - Storia

USS Flint CL-97 - Storia

USS Flint CL-97

Una città del Michigan.

Flint (CL-64) fu ribattezzato Vincennes (CL-64) (q. v.) il 16 ottobre 1942.

io

(CL-97: dp. 6, 000; l. 541'6"; b. 53'2"; dr. 16'4"; s. 33 k. ; cpl. 623; a. 12 5", 6 21 " tt. ; el. Oakland)

Flint (CL-97) è stato lanciato il 25 gennaio 1944 da Bethlehem Steel Co., San Francisco, California; sponsorizzato dalla Sig.ra R.A. Pitcher; e commissionato il 31 agosto 1944, comandante C. Will. È stata riclassificata CLAA-97 il 18 marzo 1949.

Flint fece rapporto alla 3a flotta per il servizio a Ulithi il 27 dicembre 1944 e 6 giorni dopo salpò con la TF 38 per una crociera di un mese a sostegno dell'invasione di Luzon. Ha esaminato le portaerei mentre lanciavano attacchi su Luzon, Taiwan e la costa cinese, e ha sparato una copertura antiaerea protettiva durante un attacco kamikaze giapponese il 21 gennaio 1945. Rifornimento a Ulithi dal 26 gennaio al 10 febbraio, Flint poi salpò con la nuova TF 58 per gli attacchi aerei su Tokyo precedenti l'attacco a Iwo Jima. La sua forza arrivò al largo di Iwo Jima il 21 febbraio per fornire supporto aereo ai Marines che erano sbarcati 2 giorni prima, e Flint tornò a Ulithi il 12 marzo per brevi 2 giorni di rifornimento.

Prendendo il mare con la TF 58 per attacchi contro Kyushu in preparazione per l'invasione di Okinawa, Flint aiutò ad abbattere diversi aeroplani in pesanti attacchi contro la task force dal 18 al 22 marzo 1945. La task force poi chiuse Okinawa, e Flint con altri gli incrociatori hanno bombardato le installazioni sulla spiaggia in preparazione dello sbarco del 1 aprile. A parte il periodo dal 14 al 24 maggio, quando era a Ulithi per la manutenzione, Flint ha operato al largo di Okinawa fino al 13 giugno, quando ha ancorato nel Golfo di Leyte.

Flint partì da Leyte il 1 luglio 1945 per schermare gli attacchi aerei finali sulle isole di origine giapponese e per unirsi al bombardamento della costa orientale di Honshu fino alla cessazione delle ostilità. Il 24 agosto, ha preso la stazione al largo di Nii Shima per servire come nave di soccorso e stazione di riferimento per gli aerei da trasporto che trasportano le truppe di occupazione in Giappone. Tra il 10 e il 15 settembre, è rimasta nella baia di Tokyo, quindi ha navigato con una task force di portaerei per fornire la sorveglianza aerea e marittima dell'Honshu centrale fino al 21 settembre.

L'incrociatore fece un viaggio dal Giappone a Eniwetok, quindi caricò i militari diretti a casa a Yokosuka il 13 ottobre 1945, portandoli nella baia di San Francisco il 28 novembre. Dopo essere salpato a Kwajalein per portare a casa più militari idonei per il congedo, Flint riferì a Puget Sound Naval Shipyard, Bremerton, Washington, l'11 gennaio 1946, e fu messo fuori servizio in riserva a Bremerton il 6 maggio 1947.

Flint ha ricevuto quattro stelle di battaglia per il servizio nella seconda guerra mondiale.


USS Flint CL-97 - Storia

L'USS Flint , un incrociatore leggero classe Oakland da 6.000 tonnellate costruito a San Francisco, California, fu commissionato alla fine di agosto 1944. Dopo essere sceso lungo la costa occidentale, arrivò nella zona di guerra del Pacifico occidentale alla fine di dicembre e durante il gennaio 1945 servito con i vettori veloci mentre colpivano obiettivi nemici a sostegno dell'invasione di Luzon. Ha continuato nel ruolo di scorta della portaerei a febbraio e marzo, durante gli sbarchi di Iwo Jima e i raid contro le Isole Nazionali giapponesi. Nei tre mesi successivi, mentre la lunga battaglia per Okinawa si concludeva con successo, Flint esaminò le unità della flotta e condusse operazioni di bombardamento a terra. Nel luglio e nell'agosto 1945, partecipò agli attacchi della Terza Flotta contro obiettivi in ​​Giappone e rimase brevemente nell'area per sostenere gli sforzi di occupazione iniziali dopo la conclusione delle ostilità.

Flint si diresse verso est attraverso il Pacifico nell'ottobre 1945, aiutando a riportare a casa i veterani di guerra come parte dell'operazione "Tappeto magico". Ha fatto un simile viaggio di andata e ritorno da e per il Pacifico centrale nel corso dell'anno. Inattivo a Bremerton, Washington, dopo il gennaio 1946, l'incrociatore fu dismesso nel maggio 1947. Fu riclassificato CLAA-97 nel marzo 1949 e rimase nella flotta di riserva del Pacifico fino a quando non fu cancellato dal registro navale nel settembre 1965. La USS Flint fu venduta per essere demolita nell'ottobre 1966.

Questa pagina contiene tutte le viste che abbiamo relativo alla USS Flint (CL-97, poi CLAA-97).

Se desideri riproduzioni a risoluzione più elevata rispetto alle immagini digitali presentate qui, vedi: "Come ottenere riproduzioni fotografiche".

Fare clic sulla piccola fotografia per richiedere una visualizzazione più ampia della stessa immagine.

Al largo di San Francisco, California, 18 settembre 1944.
La stampa originale è stata annotata per identificare radar e altre antenne.

Fotografia ufficiale della Marina degli Stati Uniti, dalle collezioni del Centro storico navale.

Immagine in linea: 87 KB 740 x 595 pixel

Probabilmente all'atollo di Ulithi, verso la fine di marzo 1945, mentre la Quinta Flotta era in partenza per l'operazione di Okinawa. Sullo sfondo due portaerei, un cacciatorpediniere e una corazzata.
Fotografato dalla USS West Virginia (BB-48).
Vedere la foto n. 80-G-K-3813 (ritagliata) per una versione di questa immagine che è stata ritagliata per enfatizzare Flint.

Fotografia ufficiale della Marina degli Stati Uniti, ora nelle collezioni degli Archivi Nazionali.

Immagine in linea: 94 KB 590 x 765 pixel

Le riproduzioni di questa immagine possono essere disponibili anche attraverso il sistema di riproduzione fotografica dell'Archivio Nazionale.

All'ancora in una base del Pacifico occidentale, verso la metà del 1945.

Fotografia ufficiale della Marina degli Stati Uniti, dalle collezioni del Centro storico navale.

Immagine in linea: 70 KB 740 x 610 pixel

Pronto per il battesimo, presso il cantiere navale Bethlehem Steel Company, San Francisco, California, 25 gennaio 1944.

Fotografia ufficiale della Marina degli Stati Uniti, dalle collezioni del Centro storico navale.

Immagine in linea: 57 KB 600 x 765 pixel

Varo, presso il cantiere navale Bethlehem Steel Company, San Francisco, California, 25 gennaio 1944.

Fotografia ufficiale della Marina degli Stati Uniti, dalle collezioni del Centro storico navale.

Immagine in linea: 75 KB 600 x 765 pixel

Ufficiali della nave salutano durante le sue cerimonie di messa in servizio, presso il cantiere navale Bethlehem Steel Company, San Francisco, California, il 31 agosto 1944.
La vista è verso sud.

Fotografia ufficiale della Marina degli Stati Uniti, ora nelle collezioni degli Archivi Nazionali.

Immagine in linea: 134 KB 765 x 600 pixel

Le riproduzioni di questa immagine possono essere disponibili anche attraverso il sistema di riproduzione fotografica dell'Archivio Nazionale.

Oltre alle immagini presentate sopra, l'Archivio Nazionale sembra contenere altre viste relative alla USS Flint (CL-97, poi CLAA-97). Il seguente elenco presenta alcune di queste fotografie:

Le immagini sotto elencate NON fanno parte delle collezioni del Centro Storico Navale.
NON cercare di ottenerli utilizzando le procedure descritte nella nostra pagina "Come Ottenere Riproduzioni Fotografiche".

Le riproduzioni di queste immagini dovrebbero essere disponibili attraverso il sistema di riproduzione fotografica dell'Archivio Nazionale per le immagini non possedute dal Centro Storico Navale.


Moduli

Velocità di fuoco
(colpi/min)
Tempo di svolta a 180°
(sec)
Dispersione massima
(m)
Danno massimo del proiettile HE
(CV)
Possibilità di fuoco sul bersaglio causato da HE Shell
(%)
Danno massimo del proiettile AP
(CV)
Prezzo di ricerca
(exp)
Prezzo d'acquisto
(  )
127 mm/38 Mk.12 su attacco Mk.2911.87.21081,80052,100 00
Punti vita
(CV)
Armatura
(mm)
Armatura
(mm)
Torrette principali
(pz.)
Torrette secondarie
(pz.)
Supporti AA
(pz.)
Tubi lanciasiluri
(pz.)
Capacità dell'hangar
(pz.)
Prezzo di ricerca
(exp)
Prezzo d'acquisto
(  )
pietra focaia26,6006896 8/6/1220 00
Velocità di fuoco
(colpi/min)
Tempo di ricarica dei tubi lanciasiluri
(sec)
Tempo di svolta a 180°
(sec)
Danno massimo
(CV)
Velocità del siluro
(nodo)
Gamma di siluri
(km)
Prezzo di ricerca
(exp)
Prezzo d'acquisto
(  )
Mk15 mod. 30.6987.216,633559.2 00

Ulithi – Top Secret: la base navale statunitense nell'atollo di Ulithi era una volta la più grande struttura navale del mondo

Il 22 settembre 1944, una squadra di combattimento del reggimento dell'81a divisione di fanteria dell'esercito fece un passo da gigante sulla strada verso la patria giapponese, senza alcun costo. I soldati sono sbarcati nell'atollo di Ulithi. Attraverso il suo costante studio delle mappe, l'ammiraglio Nimitz scoprì questo atollo e ne vide prontamente il valore. L'ha chiamata l'arma segreta della Marina degli Stati Uniti e i suoi censori hanno fatto in modo che nessun giornalista ne facesse menzione. Ma i giapponesi sapevano che Ulithi era lì, poiché distava solo 90 miglia dalla base giapponese sulla vicina isola di Yap, che l'americano aveva aggirato.

Vista satellitare Ulithi

Ulithi, situata nelle Isole Caroline occidentali, si trova a 1.300 miglia a sud del Giappone, in particolare a Tokyo, a 850 miglia a est delle Filippine e a 360 miglia a sud-ovest di Guam. È un classico atollo del Pacifico con barriera corallina, palme e sabbia bianca. Aveva profondità comprese tra 80 e 100 piedi, profondità adatte per l'ancoraggio delle enormi navi militari. Era l'unico rifugio adatto per 800 miglia dove la Marina degli Stati Uniti poteva ancorare le sue navi. La barriera corallina è lunga circa 20 miglia e larga 10 miglia, e ci sono oltre 30 piccole isole che si innalzano leggermente sopra il livello del mare, la più grande solo mezzo miglio quadrato nell'area.

Quando la Marina degli Stati Uniti sbarcò a Ulithi nel settembre 1944, trovò 400 nativi e tre soldati nemici che risiedevano lì. Gli indigeni, che si erano stabiliti su quattro isole più grandi, Sorlen, Falalop, Asor e Mogmog, furono tutti trasferiti in un'isola più piccola, Fassarai.

A Falalop fu costruita una pista di atterraggio di 3.500 piedi, larga appena a sufficienza per gestire i Douglas C-47 Skytrain e i Commando R5C (C46) che sarebbero arrivati ​​da Guam. Su base settimanale, 4.565 sacchi di posta, 262.251 libbre di merci aviotrasportate e 1.269 passeggeri atterrano su questa pista di atterraggio.

Mogmog era il luogo per la ricreazione. Attraverso la pura ingegnosità, i Seabees hanno inserito le strutture di un'intera base navale sulle restanti minuscole strisce di terra che compongono l'atollo di Ulithi.

Il Commodoro Worrall R. Carter ha creato il fenomenale comando di servizio mobile che ha permesso alla Marina degli Stati Uniti di dirigersi verso il Giappone a grandi passi da gigante. Invece di utilizzare l'alternativa costosa e dispendiosa in termini di tempo di conquistare centinaia di piccole isole su cui costruire una serie di basi terrestri e piste di atterraggio, il Commodore Carter ha creato un sistema di rifornimento mobile.

Molte navi refrigerate e di approvvigionamento alimentare gestite da un team a tre livelli:

La nave n. 1 attraccò a Ulithi e fu svuotata delle sue provviste e poi si diresse fuori per alleviare
La nave n. 2 che si trovava nel molo posteriore veniva caricata con più rifornimenti, mentre
La nave n. 3 era in viaggio per Ulithi per soccorrere la nave n. 1.
Più della metà delle navi ha dovuto essere rimorchiata per attraccare effettivamente. Alcuni di loro sono rimasti attraccati per fungere da magazzini di inventario come sistema ricorrente di carico, scarico e distribuzione di cibo e scorte forniti per la base e il personale.

MAPPA A DESTRA. Questa è una mappa di rilevamento del 1944 che mostra le posizioni di attracco delle navi all'interno dell'atollo di Ulithi. Area "A" è anche dove USS Mississinewa (AO-59) fu affondato da siluri kaiten con equipaggio giapponesi lanciati da due sottomarini vicini. Clicca sulla mappa (a destra) per ingrandire.

Sorlen Island nell'atollo di Ulithi ospitava un cinema da 1.600 posti e un ospedale. L'acqua è stata pompata dall'oceano e distillata in loco.

La Marina ha istituito bacini di carenaggio galleggianti per mantenere e riparare le navi nell'atollo. USS Iowa (BB-61), in riparazione nel 1945.

La portaerei della US Navy USS Randolph (CV-15) a fianco della nave di riparazione USS Jason (ARH-1) a Ulithi Atoll, Isole Caroline, 13 marzo 1945, che mostra danni al suo ponte di volo di poppa a causa di un colpo kamikaze l'11 marzo. La fotografia è stata scattata da un idrovolante dell'incrociatore leggero USS Miami (CL-89).

Ulithi Atol serviva principalmente come punto di ancoraggio e rifornimento gigantesco per le navi della Marina. Le forze americane vi sbarcarono nel settembre 1944 e iniziarono a costruire una delle più grandi basi navali utilizzate durante la guerra. Al suo apice, l'atollo di Ulithi ospitava 617 navi, aveva una propria pista di atterraggio di 1.200 iarde e ospitava 20.000 soldati sulla sua isola ricreativa, Mogmog.

Oltre alle riparazioni navali, ai rifornimenti militari e all'ancoraggio sicuro, Ulithi ospitava le petroliere utilizzate per soddisfare l'enorme sete di olio combustibile della flotta del Pacifico degli Stati Uniti. Un consumo mensile stimato di oltre 6 milioni di barili doveva essere soddisfatto dalle petroliere commerciali che trasportavano petrolio dalla costa occidentale a Ulithi. Lì è stato sempre mantenuto un deposito galleggiante di oltre 100.000 barili. Un servizio navetta di quaranta petroliere operava tra Ulithi e la flotta statunitense nel Pacifico occidentale. Inoltre, 900.000 barili di carburante di riserva sono stati divisi tra Saipan, Guam e Kwajalein, più una riserva di 5 milioni di barili è stata tenuta a Pearl Harbor.

I petrolieri della flotta partirono da Ulithi per incontrare le task force in mare, rifornendo le navi da guerra a breve distanza dalle loro aree operative di combattimento. Il risultato fu qualcosa di mai visto prima: una vasta stazione di servizio galleggiante che consentiva all'intera flotta del Pacifico di operare indefinitamente a distanze senza precedenti dalle sue basi sulla terraferma. Ulithi era tanto lontano dalla base navale americana di San Francisco quanto San Francisco lo era da Londra, Inghilterra. I giapponesi avevano ritenuto che la vastità dell'Oceano Pacifico avrebbe reso molto difficile per gli Stati Uniti sostenere le operazioni nel Pacifico occidentale. Con la base navale di Ulithi da riparare, riparare e rifornire, molte navi furono in grado di schierarsi e operare nel Pacifico occidentale per un anno o più senza tornare alla base navale di Pearl Harbor.

I giapponesi avevano costruito una pista di atterraggio su Falalop. È stato ampliato e riemerso, la pista percorre l'intera larghezza dell'isola. L'estremità orientale della striscia è stata estesa di circa 20 piedi (6,1 metri) oltre il litorale naturale. Un certo numero di piccole strisce per aerei leggeri sono state costruite su molte delle isole minori. I Seabees completarono un centro ricreativo della flotta sull'isola di Mog Mog che poteva ospitare 8.000 uomini e 1.000 ufficiali al giorno. Un teatro da 1.200 posti, incluso un palco di 25 x 40 piedi (8 x 12 m) con tetto a capanna Quonset è stato completato in 20 giorni. Allo stesso tempo, fu costruita una cappella da 500 posti. Alcune delle isole maggiori furono utilizzate sia come basi per sostenere navi militari che come strutture all'interno della laguna.

Entro un mese dalla sua occupazione, un'intera base galleggiante operava a Ulithi. Seimila costruttori di navi, artigiani, saldatori, carpentieri ed elettricisti sono arrivati ​​a bordo di navi di riparazione, tender di cacciatorpediniere e bacini di carenaggio galleggianti. L'USS Ajax aveva un negozio di ottica con aria condizionata, una scorta di metalli di base da cui poteva fare qualsiasi lega. Molte navi frigorifere e mercantili si unirono per formare squadre di rifornimento rotanti. È stato stimato che oltre la metà delle navi non erano semoventi ma venivano rimorchiate. Servivano quindi come magazzini per un intero sistema di trasporti, che scaricava i magazzini per la distribuzione. Questo tipo di catena risale agli Stati Uniti.

Entro il 13 marzo 1945, c'erano 647 navi all'ancora a Ulithi, e con l'arrivo di forze anfibie in preparazione per l'invasione di Okinawa, il numero di navi all'ancora raggiunse il picco di 722. Al suo apice, Ulithi aveva una popolazione temporanea di un grande città degli Stati Uniti ed era il sovrano del Pacifico. Dopo che il Golfo di Leyte nelle Filippine fu assicurato, la flotta del Pacifico spostò la sua area di sosta a Leyte e Ulithi fu ridotta a poco più di un deposito di petroliere. Alla fine, pochi civili statunitensi hanno mai sentito parlare di Ulithi. Quando la sicurezza navale ha autorizzato il rilascio del nome, non c'erano più ragioni per stampare storie al riguardo. La guerra era andata avanti, ma per sette mesi tra la fine del 1944 e l'inizio del 1945, la grande laguna dell'atollo di Ulithi fu l'ancoraggio più grande e più attivo del mondo. Inevitabilmente, proprio come era stato prima della guerra, Ulithi divenne un'isola corallina solitaria e tranquilla. Oggi è diventato il paradiso tropicale dei subacquei.


USS Flint (AR-32 / T-AE-32)

Scritto da: JR Potts, AUS 173d AB | Ultima modifica: 19/07/2017 | Contenuto e copiawww.MilitaryFactory.com | Il seguente testo è esclusivo di questo sito.

La USS FLINT (AE-32), una nave di rifornimento di munizioni/carico di classe Kilauea, fu commissionata il 20 novembre 1971. Era l'ultima della sua classe di otto e fu dismessa nel 1995 dalla Marina degli Stati Uniti e immediatamente trasferita a Military Sealift Comando come T-AE-32. In questo modo, la USS Flint continua a servire con un equipaggio civile sotto il comando della Marina mentre viene incaricata di passare munizioni alle navi da guerra della flotta, se necessario. Già nel 1888, le autorità della Marina degli Stati Uniti iniziarono a mostrare interesse per la logistica e fu il capitano Alfred Thayer Mahan a introdurre il termine e il concetto di rifornimento durante una presentazione al Naval War College. Storicamente, la necessità di rifornimento è iniziata non appena uomini e navi sono andati in mare e l'importanza della logistica navale gioca ancora oggi un ruolo vitale nell'operazione delle forze navali.

L'approvvigionamento e il rifornimento delle navi in ​​mare si erano rivelati inafferrabili per migliaia di anni. Nonostante sia una componente regolare delle moderne marine militari, rimane un pericoloso e difficile work in progress. Nel 1803 la flotta britannica era composta da 871 navi che utilizzavano 177 navi da trasporto a cui molte di queste erano assegnate per rifornirsi. Le provviste generali e le forniture belliche venivano immagazzinate nei cantieri navali del porto di origine delle navi e nelle basi straniere fornite dai trasporti. Nei momenti in cui le condizioni del mare erano favorevoli la nave da trasporto poteva incontrarsi in mare con navi da guerra per rifornire munizioni, merci, cibo e acqua. Durante i mari calmi il trasporto e la nave da guerra che necessitano di rifornimento si sarebbero semplicemente affiancati l'uno all'altro, legati insieme per il processo. Tra le due navi sono state sistemate delle assi di legno e i rifornimenti sono stati consegnati o caricati su reti da carico, quindi issati mediante blocco e placcaggio.

Tuttavia, se i mari erano intransigenti, i rifornimenti venivano calati sulle barche in attesa e trasferiti secondo necessità. I barili sarebbero stati lasciati cadere sul lato della barca (chiamato "galleggiante dei barili") a cui poi sarebbero stati semplicemente fatti galleggiare sul lato della nave ricevente da un nuotatore o spinti da un remo. La nave ricevente avrebbe quindi trasportato i barili mediante blocco e placcaggio. Una rete da carico potrebbe anche essere calata fino alla barca per essere riempita di merci per evitare che si bagnino. Indubbiamente la natura primitiva del rifornimento in mare era un processo che richiedeva tempo ed era l'ultima risorsa durante la navigazione. Se una nave nemica apparisse all'orizzonte, la nave da trasporto e la nave da guerra sarebbero in netto svantaggio e si sarebbero aperte al fuoco nemico senza ritorno.

Rifornimento e la guerra civile americana

La potenza della vela alla fine portò alla propulsione a vapore per mezzo del carbone come combustibile. Questo ora ha aggiunto la complessità di rifornire una nave che bruciava fino a 50 tonnellate di carbone al giorno. Grandi navi a carbone e navi "Ironclad" avevano bisogno di riempire i loro bidoni di carbone ogni 10 giorni. Le navi di rifornimento del carbone furono rapidamente progettate e costruite per rifornire le stazioni di rifornimento assicurate a bordo delle navi riceventi o su coste amiche.Sono state tentate varianti del processo: navi che rimorchiano chiatte per il carbone dotate di una linea di trascinamento in grado di trasportare lentamente sacchi da 500 libbre dalla chiatta per il carbone alla nave. I rifornimenti sono stati immagazzinati in tutti gli angoli della nave e depositi di rifornimento di carbone sono stati installati all'interno dei forti alleati lungo le coste e a monte.

Rifornimento durante la prima e la seconda guerra mondiale

La prima guerra mondiale ha visto l'inizio dell'era delle grandi navi da combattimento in acciaio per cannoni che hanno spinto molte marine a convertirsi dal carbone al petrolio. La natura liquida del petrolio ora richiedeva concetti completamente nuovi di rifornimento in mare per essere intrattenuti. Per la US Navy, la USS Maumee operava come petroliera e, nel 1917, la US Navy stava sperimentando con Maumee per rifornire e rifornire le navi in ​​mare durante la navigazione. Due navi si muoverebbero entro 50 piedi l'una dall'altra, navigando alla stessa velocità mentre su una rotta parallela. Una fune spessa 10 pollici sarebbe passata dalla petroliera alla nave in attesa che necessitava di rifornimento e un tubo di rifornimento in bronzo di tre pollici e mezzo attaccato a una torre di trivellazione oscillerebbe dalla Maumee alla nave cliente. Il carico veniva trasportato da boma sulla petroliera e l'intero processo richiedeva due ore o più.

Durante la seconda guerra mondiale, la marina britannica catturò due petroliere tedesche dotate di tubi di gomma che rappresentavano un balzo in avanti rispetto ai tubi di rame utilizzati in precedenza. Poiché la guerra nel teatro del Pacifico ha attraversato migliaia di miglia di oceani e mari, le sue innumerevoli campagne sono state combattute sia con la logistica che con proiettili e aerei. In quanto tale, UNREPlenishment in corso (UNREP) si è rivelato una necessità per la Marina degli Stati Uniti nel tentativo di rimuovere la presenza giapponese da varie catene di isole. Le operazioni hanno coinvolto il concetto di "salto da un'isola all'altra" in cui una catena di isole è stata presa dopo che una precedente era stata assicurata. Ciò ha consentito di consegnare le forniture ai porti catturati e quindi inoltrarle secondo necessità. I sottomarini americani avevano il compito di prendere di mira le petroliere nemiche per aiutare a ridurre il rifornimento giapponese delle proprie forze navali e queste operazioni alla fine ebbero successo come previsto. La flotta statunitense ha attraversato circa 4.200 miglia del Pacifico centrale per supportare navi da guerra che coprono quasi 3.000 navi ausiliarie di tutti i tipi. Le mutevoli esigenze di rifornimento alla fine hanno sviluppato navi di riparazione in mare, rimorchiatori, dragamine, chiatte per betoniere e magazzini generali, accendini per munizioni, oliatori di flotte e navi da carico di molte dimensioni.

Rifornimento durante la guerra di Corea

Nel giugno 1950, le forze comuniste della Corea del Nord (appoggiate da Cina e Unione Sovietica) invasero il Sud per iniziare la Guerra di Corea (1950-1953). Il rifornimento in corso di navi da combattimento era difficile da trovare nel Pacifico occidentale dopo la fine della seconda guerra mondiale poiché molte forze erano ridotte in numero e potenza. La grande flotta logistica creata per supportare le azioni della Marina degli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale era quasi scomparsa. Alla fine della guerra, la Marina degli Stati Uniti mise molte delle sue navi in ​​riserva e vendette o donò centinaia di navi alle marine amiche di tutto il mondo. Ciò pose l'americano nella solita posizione impreparata per un'altra guerra lontana, questa che arrivò così presto dopo la seconda guerra mondiale. Sarebbero stati necessari tutti i petrolieri della flotta e le navi da carico adatte che erano in servizio combinate con le navi da guerra alleate delle Nazioni Unite. Fino al loro arrivo, le navi da guerra dovevano ritirarsi nei porti amici del Giappone per munizioni e rifornimento di cibo. La situazione per le navi da guerra per combattere gli invasori cinesi dal nord ha esaurito le munizioni così rapidamente che era necessario rifornirsi ogni pochi giorni, portando via le navi da guerra necessarie dal fronte. Quando le navi di rifornimento arrivarono alla stazione, continuarono le tecniche di rifornimento in corso sviluppate in modo solido nella seconda guerra mondiale. La guerra alla fine si concluse con un armistizio anche se nessun trattato di pace formale fu mai firmato.

Rifornimento di petrolio e forniture Vietnam

Mentre le radici della guerra del Vietnam affondavano negli anni del dopoguerra e per tutti gli anni '50, nel 1964 il conflitto si allargò. Subic Bay divenne il punto focale delle attività di supporto della settima flotta della Marina degli Stati Uniti. La grande distanza dagli Stati Uniti al Vietnam richiedeva nuovi tipi di rifornimenti e l'aumento dell'uso di aerei ed elicotteri per il rifornimento era ancora un concetto in via di sviluppo. Mentre la guerra si gonfiava di truppe, si verificavano regolarmente carenze di rifornimenti a causa della mancanza di personale di approvvigionamento logistico addestrato sul posto e di una scarsa pianificazione.

Le navi di rifornimento della Marina avrebbero navigato su e giù per la costa del Vietnam giorno e notte per rifornire la flotta. La nave da carico si accosterà alla nave che necessita di rifornimento entro 100 piedi mentre raggiunge la stessa velocità. Gli equipaggi avrebbero quindi passato il cavo tra di loro per rifornire il carico. Il rifornimento in corso era, è e sarà il tipo più efficace di rifornimento delle navi. Durante la guerra del Vietnam, il 99% di tutto il supporto logistico per le portaerei e il loro gruppo di battaglia che richiede munizioni, bombe, missili, petrolio per navi, forniture generali, carburante per aerei, cibo e persino gelati è stato consegnato in mare utilizzando tecniche di rifornimento collegate e verticali . Per i tempi moderni era quindi necessario un nuovo tipo di nave da rifornimento.

La nave munizioni e rifornimenti

L'USS Flint (AE-32) fu ordinato nel 1968 durante la guerra del Vietnam ed era il quinto degli otto della classe di munizioni da carico Kilauea. Le navi munizioni della US Navy sono state chiamate per origini di fuoco come i vulcani o strumenti di fuoco come la selce che, se colpite contro l'acciaio, producevano scintille e fuoco. Flint è stato costruito presso la Divisione di costruzione navale nucleare di Ingalls, Litton Industries, Incorporated, a Pascagoula, Mississippi. La Marina degli Stati Uniti ha ricevuto la USS Flint quando è arrivata a Charleston, nella Carolina del Sud, il 30 agosto 1971. Ha quindi iniziato le sue prove in mare nel 1971 nelle acque al largo della costa orientale. Una volta completata, fu inviata attraverso il Canale di Panama al suo primo porto di origine presso la Naval Weapons Station a Concord, in California.

Flint era ancora in gran parte gestito da un equipaggio non testato con veterani collocati in posizioni chiave. Come costruito, era composta da 28 ufficiali e 375 soldati arruolati. La guerra del Vietnam infuriava e la Flint era necessaria sul posto il prima possibile. Pertanto, è stata caricata con 6.000 tonnellate di munizioni nella sua stiva che è stata ulteriormente suddivisa in compartimenti per la sicurezza e la stabilità: la nave aveva in tutto quattro stive di carico, suddivise in quattordici caricatori. Le furono dati sette serbatoi di carburante da 100.000 galloni che contenevano un totale di 2.500 tonnellate divise tra carburante per aviazione e carburante per navi. Per facilitare le operazioni di carico e scarico, la nave aveva a bordo sette stazioni di rifornimento (CONREP). Per gli alimenti congelati e freschi, Flint disponeva di due vani frigoriferi (RAS). A pieno carico, il suo dislocamento di superficie era di circa 11.900 tonnellate leggero e 20.500 tonnellate pesante.

Dimensionalmente, Flint sfoggiava una lunghezza di corsa di 564 piedi (172 metri) con un raggio di 81 piedi (25,3 metri) di diametro. Il progetto ha disegnato 31 piedi (10,3 metri) di acqua sotto la linea di galleggiamento. La nave aveva una capacità di velocità massima superiore a 20 nodi in condizioni ideali, viaggiando esaltata dalla prua a bulbo che consente buone capacità di tenuta in mare mosso. Il Flint è stato ulteriormente aiutato dal suo sistema di propulsione automatizzata (APS) di bordo che ha permesso al personale nella Pilot House di controllare direttamente la velocità. L'automazione prevedeva anche una modalità che consentiva al personale della stazione di ingegneria di "accendere" le tre caldaie e di comandare a distanza l'impianto di propulsione. La nave era dotata di 3 caldaie Foster Wheeler "D-Type" alimentate a petrolio, ognuna delle quali produceva 87.900 libbre di vapore. L'impianto di propulsione principale era costituito da una turbina a vapore ad alta pressione collegata ad un sistema ad ingranaggi che sviluppava fino a 22.000 cavalli d'asse. Il sistema di propulsione era accoppiato a un singolo albero ricoperto da un'elica a sei pale a passo fisso che misurava circa 20 piedi di diametro complessivo.

Il Flint era dotato di un sistema di comunicazione satellitare della flotta, una disposizione che ha meno probabilità di subire ritardi o ritardi dovuti a interferenze oa un intenso traffico di messaggi radio. La moderna struttura aiuta a controllare le operazioni della nave durante il rifornimento per tenere tutti a bordo consapevoli delle mutevoli direttive situazionali. Gli ordini operativi vengono elaborati in tempo reale ei sistemi di Flint potrebbero accettare richieste da altre navi che necessitano di rifornimento 24 ore al giorno.

Come nave da munizioni, la missione principale della nave era trasportare e consegnare bombe, proiettili di tutti i calibri, mine terrestri e navali, missili di ogni tipo, siluri e tutti gli ordigni esplosivi e incendiari eventualmente utilizzati dalla flotta principale. Come ruolo secondario, Flint forniva quantità limitate di carburante, acqua e scorte di cibo a varie navi durante la navigazione. Il caricamento della Flint presso la Naval Weapons Station, Concord, California, è stato effettuato mentre era ancorato al molo del porto. Lo scarico in mare è stato effettuato durante la navigazione e in una varietà di condizioni meteorologiche a qualsiasi ora del giorno o della notte e spesso in una zona di combattimento attiva.

Rifornimento connesso (CONREP)

Il rifornimento connesso continua ad essere il metodo di scelta quando si sposta il carburante. Il carico, inclusi magazzini generali, merci della flotta o munizioni, viene spostato sul ponte dalle quattro stive di carico, suddivise in quattordici caricatori sottocoperta utilizzando sei ascensori ad alta velocità. Le navi possono ricevere carburante dal Flint in mare da una qualsiasi delle quattro stazioni lungo il porto oa dritta. Flint può caricare e scaricare munizioni o merci da se stesso a un molo o a una chiatta utilizzando quattro bracci di carico: due lungo il porto e due lungo la dritta. Le sette stazioni CONnected REplenishment (CONREP) su Flint possono essere tutte attrezzate per il sistema Standard Tension REplenishment Alongside Method (STREAM). Il sistema STREAM utilizza un carrello che viaggia su un filo ad alta tensione dal Flint alla nave ricevente. A seconda della missione e delle richieste di rifornimento, una o tutte le stazioni sia a babordo che a tribordo possono essere utilizzate contemporaneamente. Utilizzando CONREP, una nave può essere rifornita lungo il porto mentre un'altra nave può essere riparata a dritta. Mentre questo rifornimento viene effettuato contemporaneamente con due navi, Flint può ancora utilizzare VERTREP (Rifornimento verticale) tramite elicottero per una terza o quarta nave in scia.

Rifornimento verticale (VERTREP)

Il nuovo tipo di rifornimento è "verticale" utilizzando elicotteri da trasporto a rotore tandem Sea Knight (CH-46) che sollevano merci su reti da carico dal ponte di volo di navi come Flint. Questo carico viene trasportato al ponte di volo delle portaerei o ai ponti di poppa di altre navi da guerra di superficie. Flint ha un ponte di volo per elicotteri pesanti e può gestire qualsiasi elicottero militare statunitense, nonché elicotteri alleati per operazioni congiunte. I due elicotteri assegnati a Flint utilizzano l'UNREP per effettuare rifornimenti verticali simultanei in corso fornendo munizioni, scorte, scorte di cibo, posta e personale se necessario. Il moderno VERTREP aggiunge una nuova dimensione alla capacità di supporto logistico. Il rifornimento verticale utilizzando elicotteri che trasportano carichi di ordigni e depositi di combattimento può supportare le unità di navi della flotta oltre l'orizzonte dalla nave di rifornimento. Questo nuovo concetto avanza lo sviluppo del rifornimento per rifornire la flotta in mare.

Servizio della USS Flint (AE-32)

Flint lasciò la Naval Weapons Station, Concord, California, per il suo primo dispiegamento nell'ottobre del 1972 durante la guerra del Vietnam (1955-1975). Si sarebbe scaricata sulle navi intorno al teatro della guerra del Vietnam e poi sarebbe tornata vuota alla velocità del fianco per rifornirsi a Concord, in California. Flint ha fatto molti viaggi di andata e ritorno in Vietnam senza incidenti e poi ha programmato una revisione per sostituire i macchinari da lavoro e gli ascensori. Dall'ottobre 1973 all'aprile 1974, fu assegnata al supporto della flotta navale nel Pacifico occidentale. Tuttavia, la guerra aerea in Vietnam aumentò e Flint fu nuovamente schierato per supportare le azioni delle portaerei dal dicembre 1974 al giugno 1975.

Flint, che necessitava di riparazioni, è stata messa in bacino di carenaggio fino al giugno 1976. Quando le riparazioni sono state completate è tornata nel Pacifico occidentale dalla California fino al gennaio 1979. La durata del servizio costante ha lasciato Flint con bisogno di importanti riparazioni ed è tornata al molo per altri 13 mesi. Aveva bisogno di lavori sui suoi quattro boma da carico: due lungo il lato sinistro e due lungo la dritta situati sul ponte principale. Inoltre, le sette stazioni di rifornimento collegate (CONREP) necessitavano di lavori importanti sul loro sartiame richiesto dalle linee di rifornimento utilizzate tra le navi. Una volta completata, è tornata a "passare le munizioni", ora nell'Oceano Indiano e nel Golfo Persico, dal febbraio 1980 all'ottobre 1980. Flint ha continuato a servire nell'Oceano Indiano e nel Golfo Persico ed è stata nuovamente inviata in guerra durante L'Operazione Desert Shield e la successiva Operazione Desert Storm dal gennaio 1991 all'ottobre 1993. Il quindicesimo e ultimo dispiegamento di Flint per la Marina degli Stati Uniti fu nell'Oceano Indiano fino al dicembre 1994. Fu quindi dismessa nell'aprile 1995. Flint era previsto per gli aggiornamenti prima entrare in servizio con Military Sealift Command (MSC).

Servizio di USNS Flint (T-AE-32)

Nella sua forma rivista, Flint non è una nave formalmente commissionata sebbene risieda sotto il comando della Marina degli Stati Uniti. La USS Flint originale è stata dismessa e consegnata a MSC Pacific il 4 agosto 1995 per iniziare un'ampia rielaborazione delle aree dell'equipaggio. Questa conversione di revisione ha avuto luogo a Norshipco, Norfolk, Virginia. Flint, una volta costruita, aveva bisogno di 400 uomini per svolgere il ruolo principale della nave come nave munizioni. L'armamento principale è stato rimosso e sono stati aggiunti nuovi sistemi automatizzati aggiornati in modo che Flint potesse compiere la stessa missione con un equipaggio più piccolo di 125 civili più 55 personale navale sotto un comandante della Marina degli Stati Uniti. Il distaccamento di elicotteri è diventato un mix di equipaggi civili e militari.

La missione del Military Sealift Command consiste nel supportare le navi in ​​servizio attivo della nostra nazione fornendo rifornimenti e conducendo missioni specializzate negli oceani di tutto il mondo. Flint, e metà della flotta attiva T-AFS e T-AE di MSC, ha sede a Guam nell'Oceano Pacifico. A partire dal 2008, Flint e tutte le navi MSC hanno consegnato oltre 16 miliardi di galloni di carburante e rifornito 110 milioni di piedi quadrati di munizioni e forniture da combattimento alle navi statunitensi e della coalizione impegnate nei conflitti in Iraq e Afghanistan. Flint continua a "passare le munizioni" come unica nave di munizioni classificata nel comando militare di sollevamento marittimo.


NAVI DA GUERRA DEL PASSATO: USS Juneau (CL-119) incrociatore antiaereo della Marina degli Stati Uniti

USS Juneau (CLAA-119), nave guida degli incrociatori classe Juneau
L'USS Juneau (CL-119), nave guida della classe Juneau, una versione modificata degli incrociatori leggeri della classe Atlanta, aveva tre distinzioni che distinguevano questo singolo incrociatore dai molti altri incrociatori della Marina degli Stati Uniti (USN). In primo luogo, USS Juneau fu il primo dell' “ultima serie” di incrociatori leggeri antiaerei (CL) di classe Atlanta costruiti per la Marina. supporti antiaerei (l'altro è USS Manchester, CL-83) nel dopoguerra, infine, l'unico incrociatore cannone ad ingaggiare una battaglia di superficie con navi nemiche durante la Guerra di Corea (1950-53). La crociera fu inizialmente designata CL-119, ma cambiò in CLAA-119 il 18 marzo 1949, rappresentativa del ruolo previsto della classe, come navi di protezione antiaerea della flotta. Vediamo la sua storia!
USS Juneau al largo del cantiere navale di Mare Island, California, dopo la revisione, 11 febbraio 1952.

Margaret Mitchell (1941), autrice di
il mitico romanzo Via col vento,
a bordo dell'USS Atlanta (CL-51),
una nave da guerra che è stata sponsorizzata da lei
USS Atlanta (CL 51) scorre verso il basso
le modalità di costruzione, durante il varo
cerimonie, 6 settembre 1941,
nel New Jersey.
L'originale incrociatore leggero classe Atlanta (CL) ebbe le sue origini nel 1937-38, quando la Marina degli Stati Uniti incaricò lo studio di architettura navale Gibbs & Cox, Inc. di sviluppare nuovi progetti alternativi di incrociatori leggeri, destinati a sfruttare i nuovi 5” Torrette doppie (127 mm)/38 cal e gemelle pianificate 6 e 8221/47 cal a doppio scopo. Questi progetti variavano in un tonnellaggio da 5.500 a 8.000 tonnellate. Il progetto preliminare standard per la classe Atlanta fu completato nel luglio 1938. I requisiti del progetto originale furono superati, inclusi 7.000 colpi di munizioni 5'8221. Lo scafo era essenzialmente simile su scala ridotta rispetto alla classe Brooklyn attualmente in costruzione, mantenendo lo specchio di poppa completo. In base alle dimensioni, all'armamento e ad altre caratteristiche, erano considerati "comandanti di flottiglia" 8221 per uno squadrone di cacciatorpediniere (10 navi). Le prime quattro (4) navi ordinate, Atlanta, Juneau (IO), San Diego e San Giovanni, sono stati divisi tra Federal Shipbuilding Co. (Kearney, NJ) e Bethlehem Shipyard (Quincy, MA), il primo a causa delle dimensioni del cantiere, non è stato in grado di costruire progetti di navi più grandi. Tutti sono stati ordinati il ​​25 aprile 1939.


/>
USS San Diego (CL-53), vista lato sinistro
Il design consisteva in molte nuove caratteristiche, inclusa la fornitura di un fondo interno che si estendeva fino al secondo ponte e seguiva il contorno del guscio esterno. La corazza laterale era di costruzione a tenuta stagna che faceva parte dell'involucro a tenuta stagna dello scafo. La protezione della corazza era moderata, a causa della limitazione di peso dettata dai requisiti di velocità, e consisteva in blindature laterali in corrispondenza dei locali macchine, paratie che racchiudono caricatori, torre di comando e sala macchine di governo, con protezioni più leggere sui ponti e sui confini di altri vitali le zone. Il macchinario di propulsione era di progettazione migliorata in base all'esperienza acquisita nel funzionamento di macchinari per cacciatorpediniere. Prodotto da Westinghouse Electric Corporation, ogni set di turbine era costituito da una crociera, una ad alta pressione e una a bassa pressione a doppio flusso.
Foto del dopoguerra della USS Oakland, dopo la sua revisione nel 1948
I diversi modelli degli incrociatori leggeri 1937-38 variavano nell'armatura, a seconda della stazza del progetto. Gli Atlanta erano dotati di cintura da 3,75 pollici, che iniziava a prua dal ponte e fino alla fine della sala macchine di poppa. Anche le paratie avevano uno spessore di 3,75 pollici e un ponte corazzato orizzontale di 12,5 pollici offriva una certa protezione contro bombe leggere e proiettili. Il peso totale della protezione era di 585 tonnellate, quando la classe fu costruita per la prima volta, ma aumentò con l'aumento della protezione contro le schegge (0,75 pollici STS) durante la progettazione delle navi della seconda e terza serie. La seconda serie di quattro navi, incrociatori di classe Oakland, composta da Oakland, Reno, pietra focaia, Tucson, sono stati completati con 2,5 pollici. l'armatura sulle posizioni di controllo del fuoco e le torri di comando (CT) rimosse.

Vista di quarto di dritta della USS Oakland durante la navigazione a Puget Sound, 24 aprile 1946


Vista dal lato sinistro della USS San Diego
USS San Giovanni (CL-54) al largo di San
Francesco il 14 ottobre 1944
Gli Atlanta erano lunghi 165 metri.In condizioni normali, lo scafo pesava 2.555 tonnellate (Peso scafo: scafo nave, senza armamento, protezione, macchinari, equipaggiamento e allestimento) con Nave leggera ( Nave leggera: somma totale di scafo, armamento, macchinari, protezione, equipaggiamento e allestimento) dislocamento a 5.730 tonnellate, munizioni aggiunte di 338 tonnellate e le navi immagazzinano e forniscono altre 295 tonnellate con tutti gli altri pesi, per un totale di 6.592 tonnellate. Carburante aggiunto 943 NFO (Navy Fuel Oil) e 46,7 tonnellate di diesel (miscelato con NFO), per un dislocamento totale di 7.671 tonnellate - completamente pronto per la guerra!


Foto dall'alto della USS San Giovanni

USS Atlanta Come al fianco della USS San
Francesco
(CA-38) per fare rifornimento
Come costruito, la classe Atlanta di prima generazione aveva 16 x 5”/38 gemellare ( 5”/38 si è rivelata la migliore pistola a doppio scopo della seconda guerra mondiale), 16 x 1,1” quad e 6 x 20 mm singolo pistole AA. I doppi supporti 5'8221/38 Mk.28 HA erano azionati elettricamente tramite ingranaggi idraulici, sollevati da archi e pignoni su un albero comune. La cadenza nominale di fuoco - con una buona squadra di cannoni - era di circa 15 colpi al minuto (per cannone), con una portata di 16.640 metri a un'elevazione di 45 gradi e un'elevazione massima di 85 gradi (confronta questo con le allora elezioni britanniche di cannoni AA di 35-40 gradi massimo. Il controllo del fuoco avveniva tramite due Mk.37 situati sulla linea centrale in cima alla sovrastruttura - a quel tempo, il miglior sistema di controllo antincendio antiaereo del mondo. Gli incrociatori di classe Atlanta erano l'unica classe degli Stati Uniti Incrociatori della Marina commissionati durante la seconda guerra mondiale per essere armati con tubi lanciasiluri, con otto tubi lanciasiluri da 21 pollici (533 mm) in due lanciatori quadrupli per siluri Mk.15 (5.500 metri a 45 nodi).

Foto dall'alto della USS Oakland (CL-95), del 3 agosto 1943

Veduta aerea della USS pietra focaia (CL-97)
il 31 agosto 1945
USS Reno (CL-96) in corso su
11 gennaio 1944
Il secondo gruppo, la classe Oakland, è stato commissionato con solo sei installazioni gemelle 5”/38 montate in tre serie di torrette a due cannoni a prua e altre tre a poppa, e con cannoni “Bofors” da 40 mm dall'inizio, con quattro attacchi gemelli aggiuntivi da 40 mm rispetto ai loro predecessori: due che sostituiscono le precedenti torrette alari da 5 e 8221/38 (migliorando sia la stabilità che la potenza di fuoco AA a corto raggio riducendo al contempo la congestione) e due tra i fumaioli che spostano le precedenti due coppie di Oerlikon da 20 mm. Inoltre la batteria di cannoni antiaerei da 20 mm è stata incrementata con una coppia a prua, quattro (4) sulla sovrastruttura prodiera, otto (8) a centro nave disposti ai lati del fumaiolo di poppa e due sul cassero di poppa per un totale di 16.

Vista dal lato sinistro, guardando a poppa, del
USS Juneau (CL-52) al cantiere navale di New York
il 19 marzo 1942. Si vede facilmente qui
attacco quadruplo per tubo siluro 21 e 8221,
Spazio di ritaglio da 20 mm (1) e porta da 20 mm
postazioni di tiro (2)
USS San Giovanni (CL-54): Equipaggio al quartier generale, mentre la nave era in mare, intorno al 1942. La vista guarda a poppa dalla sovrastruttura di poppa. Nota Supporto per mitragliatrice antiaerea quadrupla da 1.1" al centro a sinistra, cannoni da 5"/38 oltre,
e bombe di profondità sui lanciatori "K-gun" dal bordo del ponte principale.

La loro classificazione potrebbe essere stata incrociatori, ma hanno mantenuto alcune caratteristiche simili ad altri grandi cacciatorpediniere, e ci si aspettava che operassero in modo coeso con i cacciatorpediniere. Ciò richiedeva capacità di guerra antisommergibile (ASW). Il montaggio iniziale prevedeva due cingoli rimovibili per la carica di profondità (DC) (cinque ciascuno, per la grande carica di profondità da 600 libbre). Dopo la messa in servizio, sono stati aggiunti sei lanciatori DC (cariche da 30 libbre ciascuno). Questi ultimi furono eliminati a partire da Mach 1943, quando furono aggiunte armi antiaeree nelle loro posizioni. Tuttavia, il sonar è stato mantenuto (la stessa unità dei cacciatorpediniere di classe Benson/Livermore).

Foto modificata della USS San Diego incrociatore antiaereo di classe 1944. Per un'immagine ad alta risoluzione clicca qui.

Il progetto originale aveva un'autonomia di 7.530 miglia a 15 nodi di crociera. L'impianto di ingegneria era colpa di Westinghouse Electric, ogni set di turbine a ingranaggi composto da una crociera, una ad alta pressione e una a bassa pressione a doppio flusso, guidando due viti le quattro caldaie erano Babcock e Wilson, con una potenza di 75.000 alberi (SHP ), con prove che hanno dimostrato una velocità di 33,67 nodi. A causa del peso aggiunto, la velocità massima di fine guerra era più vicina a 31,5 nodi.

Vista di prua della USS toscana (CL-98) mentre era in corso durante la seconda guerra mondiale
Gli incrociatori della classe Atlanta trasportavano sedici cannoni da 5"/38 (12,7 cm), di cui quattordici potevano sparare alla traversa,
dando loro la bordata AAA più pesante di qualsiasi nave da guerra USN della seconda guerra mondiale.
La disposizione “two stack” mantenuta da tutti gli Atlanta rimase comune ai progetti di fine guerra, fino alle classi Fargo, Oregon City e Newport News. Ciascuna delle Sale di Ingegneria era situata a poppa di ogni pila. Come con altri progetti di incrociatori statunitensi, ciascuna delle installazioni gemelle 5”/38 aveva una sala di manovra situata appena sotto il ponte dell'attacco del cannone, con un caricatore di proiettili/polvere situato all'estremità inferiore dello scafo (4° ponte giù dal le montature A e Z ad Atlanta), con il sollevatore a conchiglia che si estende verso l'alto dal caricatore delle conchiglie a ciascuna montatura. Questi erano tutti manualmente caricato sul paranco e rimosso dallo stesso presso la Sala Movimentazione.

USS San Giovanni (CL-54) nel 1942. Notare le bombe di profondità sui binari del fiocco, il
Lanciatori DC e l'elevata elevazione dei cannoni da 5 pollici (torretta mitragliatrice ala-dritta)
USS Juneau (CL-52) al largo di New York il 1 giugno 1942
Vista laterale di babordo, della USS Juneau
Direttore in avanti Mk37 con Mk12
e radar Mk22 della USS Juneau
La Pilot House della nave era collocata come un'estensione del ponte di comando a poppa del ponte (due compartimenti) era la sala CIC (quasi direttamente sotto il direttore FC di prua Mk.37). Sotto il CIC c'era la Sala Radio centrale. La sala macchine era situata a poppa della torretta X, tre ponti sotto. L'ormeggio dell'equipaggio era uno o due ponti sotto i monti 5 e 8221. In questo modo l'equipaggio si trovava nelle immediate vicinanze del 5” Handling Shell/Powder Room(s) e delle cavalcature, per rapidi eventi “All Hands, Man Your Battle Stations”!

Attacco quad per cannone antiaereo americano da 28 mm (1,1 pollici) su USS Pennsylvania corazzata
Cannoni Bofors da 40 mm su un Mk 12
fuoco quadruplo acceso
bordo USS calabrone (CV-12)
Pistole Oerlikon da 20mm in passerella
della portaerei USS calabrone
(CV-12) nel 1945
Con il progredire della guerra, i cannoni AA 1.1 e 8221 altamente inefficaci sarebbero stati sostituiti da 40 mm/60 cal. doppia e quadrupla. In generale, l'armamento tra le navi variava. Ulteriori armature e altri miglioramenti hanno aggiunto più peso con il progredire della guerra e il numero finale delle armi secondarie variava con ogni revisione negli Stati Uniti. Gli Atlanta furono da allora in poi sovraccarichi di peso, rispetto alle dimensioni dei loro scafi, e durante la seconda guerra mondiale e gli anni del dopoguerra, ebbero problemi con il peso della parte superiore che fu affrontato da una riprogettazione del terzo ordine di ripetizione che fu chiamato incrociatore di classe Juneau . Gli unici due incrociatori della classe che si impegnarono in combattimenti di superficie furono affondati: Atlanta e Juneau. Entrambi furono affondati in un combattimento di superficie nella battaglia navale di Guadalcanal. Gli altri sei furono dismessi poco dopo la guerra e furono demoliti negli anni '60.

Tubi lanciasiluri, 20mm e
Cannoni da 40 mm
Varietà di registi e pistole
Spese di reparto rack e
pistole











USS Juneau (II) visto poco dopo la messa in servizio, come costruito,
con il suo radar di ricerca aerea SK-2 sull'albero di trinchetto
quando giugno (II), le principali modifiche progettuali del 1944 includevano l'eliminazione dei due supporti alari gemelli 5'8221 della classe ‘Atlanta’ al fine di ridurre il peso massimo, nonché i tubi lanciasiluri e le piste per la carica di profondità antisommergibile , aggiungendo altri due supporti quad da 40 mm e due doppi attacchi AA da 20 mm al design e due supporti da 20 mm hanno sostituito i precedenti supporti singoli da 20 mm. Un altro cambiamento importante è stato l'abbassamento delle torrette n.2 e n.5 al livello del ponte principale, con solo le torrette n.3 e n.4 superfire, quindi tutti i supporti principali erano su due livelli anziché tre per una migliore stabilità . Lo stesso layout è stato seguito dal loro successore, la classe Worcester. La suite radar ora includeva un singolo SK-2 e SG-6 sull'albero di trinchetto, un SP per compiti di direzione dei caccia sull'albero di maestra e un jammer radar TDY, tutti montati su alberi più pesanti per soddisfare la crescente domanda di elettronica. Altre due navi furono costruite nella nuova classe, Spokane (CL-120) e Fresno (CL-121). Nessuna delle navi ha servito durante la seconda guerra mondiale. USS Juneau (CL-119) differiva anche dalle precedenti due serie di Atlanta’ in modo diverso dall'armamento, tra cui l'elevata capacità di carburante (1.419 tonnellate), il dislocamento standard di 6.706 tonnellate e il dislocamento del carico di guerra di 8.470 tonnellate. L'olio combustibile era aumentato a 1.450 tonnellate. La resistenza è stata ora calcolata a 6.440 n. miglia a 20 nodi. CL-119 è stato inizialmente dotato anche di supporti gemelli 12 x 5”/38 Mk29 disposti in numero uguale davanti e dietro la sovrastruttura sulla linea centrale (similmente a Oaklands), un secondario rialzato a 32 x 40 mm/60 (6 x quad , 4 x doppi) e otto supporti AA doppi da 20 mm (16 in totale). L'armatura sui supporti 5 e 8221 era di 32 mm (1,25 pollici).


USS Fresno (CL-121) lato di dritta, Rio de Janiero, Brasile, 10 marzo 1947.
Legato a fianco (dall'interno) USS ingranaggio (DD 710), USS Gyatt (DD 712), USS Eugene A. Greene (DD 711).
USS Spokane (CL-120) all'inizio
delle cerimonie di incarico, 1946
USS Spokane (CL-120) all'ancora,
1946-1948 circa
Erano state aggiunte anche quattro unità locali di controllo antincendio Mk.57 e dieci (10) Mk.51. Anche il complemento è salito a 47 ufficiali e 695 gradi. La classe di Juneau aveva la stessa durata dei suoi predecessori. Le esperienze del tempo di guerra richiedevano anche la rimozione di non necessario attrezzature che avrebbero potuto essere conservate in tempo di pace, quindi se ne andarono le gru per barche e le barche delle navi che erano state immagazzinate a metà nave! Questi non erano più necessari, poiché gli ancoraggi e gli atolli fornivano abitualmente servizi di navigazione da nave a terra, mentre la seconda guerra mondiale avanzava attraverso il Pacifico. Con il progredire della guerra, la Marina favorì sempre più il più grande incrociatore leggero classe Cleveland per la protezione delle portaerei e delle corazzate veloci, poiché il design dell'incrociatore più grande offriva una migliore stabilità di crociera e la velocità necessaria per mantenere le stazioni con i nuovi BB’ e CV’. Gli Atlanta hanno sempre avuto un livello di vibrazione naturale a velocità medie (20-24 nodi) negli spazi di comando, così come il cannoniere si è lamentato delle vibrazioni a poppa - piccola sorpresa con un impianto di ingegneria che potrebbe emettere 75.000 SHP.

Foto modificata della USS Juneau incrociatore contraereo di classe, nel 1952. Per un'immagine ad alta risoluzione clicca qui.
USS Juneau (CL 119) subito dopo il varo, 15 luglio 1945
Seconda nave dell'ultima serie, USS Juneau (II) è stata impostata il 5 settembre 1944, varata il 15 luglio 1945 e messa in servizio il 15 febbraio 1946, sotto il comando del capitano Rufus E. Rose. Juneau ha trascorso il suo primo anno di servizio su commissione in operazioni lungo la costa atlantica e nei Caraibi. Prima della guerra di Corea, si è schierata tre volte nel Mediterraneo. La nave lasciò New York il 16 aprile 1947 e si unì alla 6a flotta a Trieste il 2 maggio, dove aiutò a stabilizzare la questione irrisolta della proprietà territoriale tra l'Italia e la Jugoslavia. Durante un lungo tour in Grecia, ha fornito un ampio avvertimento ai comunisti che l'aggressione non sarebbe rimasta incontrastata. La nave tornò a Norfolk il 15 novembre per l'addestramento e tornò in servizio con la 6a flotta dal 14 giugno al 3 ottobre 1948 e di nuovo dal 3 maggio al 26 settembre 1949.

USS Juneau nel 1946. Notare il radar SK-2 sull'albero di trinchetto e i radar Mk12/22 sugli Mk37
Vista in pianta a centro barca guardando a poppa
di USS Juneau con lei 40mm
pistole, a Mare Island su
2 novembre 1951
USS Juneau durante lei
revisione e ammodernamento presso
Isola di Mare il 2 novembre 1951.
È ancora dotata di supporti per cannoni da 40 mm.
USS Juneau (II) fu riclassificato come CL-119 il 18 marzo 1949, analogamente al resto degli Atlanta. Nel periodo 1951-1952, la nave fu revisionata a Mare Island e ricevette tra gli altri i nuovi supporti Mk.22 gemelli 3”/50cal, che sostituirono le armi antiaeree sia da 40 mm che da 20 mm. La nuova configurazione includeva sette gemelli da 3”/50 Mk 33, oltre a direttori di cannone Mk.56 da 3 pollici a centro nave, oltre a nuovi direttori di cannone Mk.37 (configurazione a parabola radar Mk.25) che sostituivano i precedenti Mk.12 e Mk.22 in cima i supporti 5”. I gemelli 3”/50 sono stati progettati per sconfiggere il kamikaze minaccia verso la fine della guerra, dove i proiettili da 20 mm e 40 mm si erano rivelati spesso incapaci di abbattere un aereo, e il 3 e 8221 avevano anche spolette VT. Svolgendo un ruolo per ingaggiare aerei nemici fino a 7 miglia, la portata è generalmente riportata a 14.600 iarde e la velocità di fuoco per cannone era di circa 50 rds/min. Il tasso di addestramento della cavalcatura era di 24 gradi. al secondo, offrendo una capacità di innesto sufficientemente rapida anche dei jet di prima generazione a bassa quota. Da due a trecento colpi sono stati trasportati in ogni area di stoccaggio dell'armadietto pronto per il montaggio, ma erano ancora manualmente caricato sul monte. Il dislocamento a pieno carico è stato aumentato a 8.678 tonnellate.

Juneau con le sue nuove pistole da 3 pollici (coperte)
Con nuove pistole da 3 pollici e registi Mk56
Juneau durante la modernizzazione








Vista in pianta di dritta di poppa Juneau
Vista in pianta a dritta di prua di Juneau

Le foto dei primi anni '50 mostrano il ponte appena chiuso che ha sostituito la precedente configurazione del ponte aperto di Atlanta e molti altri miglioramenti della configurazione. In questa configurazione il CLAA-119 salpò da Bremerton, Washington, il 15 gennaio 1950, per operazioni nel Pacifico occidentale.


3 pollici/50 (7,6 cm) Mk 33 montaggio doppio a bordo della portaerei US Navy USS a metà strada (CVA-41)

Il ponte di Juneau dopo
modernizzazione
Vista di prua di dritta
Juneau nei primi anni '50
Il 22 aprile, è diventata nave ammiraglia del contrammiraglio J. M. Higgins, comandante della divisione incrociatori 5 (CruDiv 5), e il 1° giugno è entrata in servizio a Yokosuka, in Giappone, dove ha iniziato le pattuglie di sorveglianza nello stretto di Tsushima. Quando il 25 giugno scoppiò la guerra di Corea, la Juneau era una delle poche navi immediatamente disponibili per il vice ammiraglio C. Turner Joy, comandante delle forze navali dell'Estremo Oriente. Ha pattugliato a sud del 38° parallelo per prevenire gli sbarchi nemici, ha condotto i primi bombardamenti sulla costa il 29 giugno a Bokuko Ko, ha distrutto le installazioni costiere nemiche, impegnato nella prima azione navale il 2 luglio quando ha affondato tre torpediniere nemiche vicino a Chumonchin Chan, e sostenne gruppi di razziatori lungo la costa. Il 18 luglio, la forza di Juneau, che includeva unità britanniche come l'incrociatore leggero della Royal Navy HMS Belfast, organizzò uno sbarramento mortale sulle concentrazioni di truppe nemiche vicino a Yongdok che rallentò l'avanzata nordcoreana verso sud.

/>
USS Juneau (CLAA-119) riceve munizioni e carburante a Sasebo, in Giappone, il 6 luglio 1950
Juneau con attacco doppia pistola da 3" su
fantail, e il suo direttore associato M 63
Ormeggiata a Genova, Italia, 1954
La nave è partita da Sasebo (Giappone) il 28 luglio e ha attraversato lo stretto di Formosa prima di presentarsi in servizio con la 7a flotta a Buckner Bay, Okinawa, il 2 agosto. Divenne nave ammiraglia della Formosa Patrol Force il 4 agosto, rimanendovi fino al 29 ottobre, quando si unì alla Fast Carrier Task Force che operava al largo della costa orientale della Corea. La nave condusse quotidianamente una protezione antiaerea per i vettori della 7a flotta e tornò a Long Beach, in California, il 1 maggio 1951 per la revisione. In corso il 26 gennaio 1952 e un periodo di operazioni al largo della costa del Pacifico e alle Hawaii. Il CL-119 tornò a Yokosuka il 19 aprile 1952 e condusse attacchi lungo la costa coreana in coordinamento con gli aerei da trasporto fino al ritorno a Long Beach il 5 novembre.


USS Juneau (CLAA-119) all'ancora a Kagoshima, Giappone, il 25 giugno 1950
Dopo una lunga guerra al largo della penisola coreana, il CLAA-119 sarebbe tornato alla flotta atlantica, operando da Norfolk, in Virginia, dall'aprile 1953. Il 13 maggio l'incrociatore partì nuovamente per il servizio con la 6a flotta e tornò a casa il 23 ottobre . Ha operato nell'Atlantico e nei Caraibi fino al 18 novembre 1954, quindi è tornata nel Mediterraneo per il suo ultimo turno di servizio. Dopo il suo ritorno sulla costa orientale il 23 febbraio 1955, fu messa in riserva a Filadelfia il 23 marzo 1955 e rimase inattiva fino alla disattivazione il 23 luglio 1955, poco dopo la fine della guerra di Corea. Fu poi assegnata al Philadelphia Group della Atlantic Reserve Fleet fino al 1 novembre 1959, quando fu cancellata dal Naval Vessel Register. Juneau fu venduta per essere demolita alla Union Minerals and Alloys Corporation, New York nel 1962.


USS Juneau nel 1954, un anno prima della sua dismissione
  • http://www.ussatlanta.com
  • https://en.wikipedia.org (1)
  • https://en.wikipedia.org (2)
  • https://en.wikipedia.org (3)
  • http://www.navsource.org (1)
  • http://www.navsource.org (2)
  • https://www.hazegray.org
  • http://www.navweaps.com (1)
  • http://www.navweaps.com (2)
  • Le navi da combattimento di Jane, Edizione 1944-5
  • Almanacco della guerra di Corea, Harry G. Summers Jr. (1990)
  • Dizionario delle navi da combattimento navali americane, vol. III, pp. 576-77.
  • INCHON a WONSON, Dal mazzo di un cacciatorpediniere nella guerra di Corea, James Edwin Alexander (1996).
  • La guerra marittima in Corea, Malolm W. Cagle e Frank A. Mason (1957) Capitolo: “The Seaborne Artillery”, p. 281 - 292.

2 commenti:

La seconda USS Juneau era considerata più efficace nel ruolo di contraerea rispetto alla classe Worchester, molto più grande. La Royal Navy modernizzò un incrociatore equivalente, l'HMS Royalist, che rientrò in servizio con la RNZN nel 1956. Il Royalist 2 canale 275 MK 6 controllo del fuoco per le sue principali torrette 5.25 e 3 HADCT integrati negli Mk 2 STAAG per CIWS incorporano lo stesso Mk 37 e Mk 56 radar come rifacimento di modernizzazione Juneau 1951, in forma anglicizzata.
L'attuale RNZN vedrebbe probabilmente la Juneau come una nave molto più adatta per la Nuova Zelanda, ma i gemelli britannici 5.25 sono cannoni molto più pesanti che sparano proiettili da 82 libbre e uno dei motivi per cui l'equipaggio del C119 nel dopoguerra con solo i gemelli leggeri da 5 pollici come secondari armamement, probabilmente vide la luce 5/38 sparare Junea come un imbarazzo. Il gemello della Royal Navy da 40 minuti con il controllo del fuoco separato o montato sul supporto come nel Royalist era un sistema molto più efficace, con 150 giri/min da ciascun fucile * torretta da 300 giri/min rispetto ai quad da 40 mm in tempo di guerra, ed è stato sostanzialmente copiato dai sovietici per il loro gemello 37mm. Nel 1948 l'USN considerava i nuovi cannoni da 50 mm da 3 pollici dieci volte più efficaci dei 40 mm di guerra, ma negli anni '50 il British Twin 40 mm era un sistema efficace e sottostimato, sebbene parzialmente mantenuto a causa delle scorte di munizioni esistenti e disponibili.L'HMNZ Royalist era considerato un incrociatore AA altamente efficace durante prove ed esercitazioni e il lavoro fino al 1956 in cui la Nuova Zelanda e l'incrociatore RN/RNZN con doppio equipaggio erano molto più coinvolti di quanto ufficialmente ammissibile, e all'inizio della sua nuova carriera il Royalist fu considerato in grado di gestire tre bersagli aerei contemporaneamente, e probabilmente di colpire immediatamente. La nuova tecnologia montata andava a scapito degli standard di sistemazione dell'equipaggio che riflettevano il compromesso nel design dei piccoli incrociatori.
Gli anni '50 furono davvero pochi la fine dei piccoli incrociatori tradizionali, con i cacciatorpediniere incrociatori RN proposti non seguiti e l'Oregon City convertito, l'incrociatore di comando, USSS Northampton illustrò che l'armamento moderno efficace non sembrava impressionante o politicamente influente 0o a 15,0000 tonnellate scafo Il Northhampton è entrato in servizio con 4 torrette singole da 5 pollici 54 e 4 gemelle da 3 pollici 70 che in teoria avrebbero richiesto tutto lo spazio disponibile del caricatore per mantenere un dfire a 25 giri dal 5 pollici e 100 giri al minuto dal 3 pollici.

In alcune delle tue affermazioni, sono d'accordo, in altre no.

- 1a riga: "La seconda USS Juneau è stata considerata più efficace nel ruolo di contraerea rispetto alla classe Worchester molto più grande."

In risposta:
1] Non sono a conoscenza di studi relativi a un confronto tra i grandi incrociatori leggeri antiaereo di classe "Worchester" e "Atlanta" (CLAA).

Parte di questo è probabilmente che Atlanta/San Juan/Juneau II erano in servizio durante la seconda guerra mondiale e le due grandi classi Worcester non lo erano.

Come si fa un confronto valido quando uno era in servizio, l'altro no, durante il periodo in questione (seconda guerra mondiale), o in servizio limitato negli anni '50, quando nessuna azione antiaerea è avvenuta da nessuna delle navi di classe?

Se si considera che sia la classe CL che la classe CLAA avevano il 75mm (3")/50 migliorato con il direttore Mk.56 di fine guerra, diventa una questione di quanti supporti da 3"/50 c'erano su ciascun incrociatore come metodo di confronto diretto. Se i numeri numerici sono gli unici criteri, allora Worcester CL aveva il vantaggio (20x3"/50cal).

2] i comandanti della US Navy commentando il confronto antiaereo tra "Atlanta/etal" CLAA e "Cleveland" CL è un confronto più valido.

4. Realista dell'HMNZS. Sono stato a bordo della Royalist, durante la sua ultima crociera verso la costa occidentale degli Stati Uniti, prima della sua partenza per lo smaltimento. I membri dell'equipaggio hanno ammesso il loro 5,25 pollici. cannoni, nonostante avesse DCT ad alto angolo, non era paragonabile nel ruolo antiaereo come l'USN 127mm (5")/38 con Mk. 37 o Mc. 56/57 FCD,’s.

Non sono d'accordo: [citazione]". e all'inizio della sua nuova carriera il Royalist era considerato in grado di gestire tre bersagli aerei contemporaneamente, e probabilmente di mettere a segno colpi immediati." Questa è una seria sopravvalutazione della capacità di allora, nel ruolo antiaereo del Mk. 6 FCD con radar Type 275 e sistema informatico FPS 5 Flyplane.

Contrariamente all'affermazione di ingaggiare 3 bersagli aerei indipendenti, solo DUE bersagli potevano essere ingaggiati con i due sistemi di direzione GDS 2*.

Inoltre, le montature da 5,25" dei Royalist dipendevano dai grandi Mk.6 FCD - nessuno dei quali poteva ruotare a una velocità davvero accettabile per ingaggiare aerei veloci della seconda guerra mondiale - essendo dipendenti dai due direttori GDS 2 * .

. le torrette da 5,25 pollici non furono mai equipaggiate con Mk.57, poi Mk.60 o Mk.56 del dopoguerra - un chiaro vantaggio di qualsiasi torretta da 5 pollici degli Stati Uniti che avesse questi direttori durante la seconda guerra mondiale fino alla fine degli anni '50.
Neanche la montatura ROYALIST STAAG (Bofors da 40 mm con radar Mk.275) può essere utilizzata come FCD ravvicinato per i 5.25's.

Durante la guerra, l'Mk.37 impressionò così tanto l'Ammiragliato britannico, che fu installato su quasi tutti i combattenti della Royal Navy che ricevettero una revisione dei danni da battaglia nei cantieri navali statunitensi durante la guerra tra i primi fu l'HMS Delhi (quando ricostruito con 5"/38 Mk.30 supporti singoli (due Mk.37 installati).

5] Diverse filosofie.
Alcuni dei problemi qui riguardano le diverse filosofie di difesa antiaerea prima e all'inizio della guerra. Gli inglesi credevano nel fuoco di "sbarramento", gli americani no, preferendo il fuoco mirato. Quindi il più grande 5,25" potrebbe essere più utilmente utilizzato in attacchi a distanza su aerei attaccanti in arrivo a una distanza maggiore rispetto al Bofors 40mm/60cal. Per l'USN, il 5"/38 è stato utilizzato principalmente, specialmente dopo il dicembreས con Mk. 16 VT fuzing, come armi a fuoco diretto.
il grande ingaggio a distanza da 152 mm (6 pollici)/47 cal (così come alcuni Cleveland e i due CL di classe Fargo) contro le formazioni nemiche di attacco prima che i singoli aerei rompessero quelle formazioni. uno dei motivi per cui la tarda Cleveland e la Fargo hanno innalzato i loro 6"/47 a 60 gradi.
L'esperienza che ha portato alla battaglia di Okinawa e alla battaglia anti-kamikaze, ha mostrato che i Bofor da 40 mm non avevano il raggio di ingaggio, o il potere di colpire, desiderio.

Così, l'introduzione nel 1945 del motore semiautomatico 3"/50 cal Mk.26 (aggiornato Mk.22 con propulsori). Ciò ha permesso alle navi da guerra attrezzate di ingaggiare aerei nemici fino a 7 miglia, quasi paragonabili ai supporti da 5"/38.


Questa foto di USS Flint CL 97 è esattamente come lo vedi con il mascherino stampato intorno. Avrai la possibilità di scegliere tra due formati di stampa, 8 "x 10" o 11 "x 14". La stampa sarà pronta per l'inquadratura, oppure puoi aggiungere un ulteriore mascherino a tua scelta, quindi puoi montarla in una cornice più grande. La tua stampa personalizzata avrà un aspetto fantastico quando la incornici.

Noi possiamo PERSONALIZZARE la tua stampa del USS Flint CL 97 con il tuo nome, grado e anni di servizio e c'è NO COSTI AGGIUNTIVI per questa opzione. Dopo aver effettuato l'ordine, puoi semplicemente inviarci un'e-mail o indicare nella sezione delle note del tuo pagamento ciò che desideri stampare. Per esempio:

Marinaio della Marina degli Stati Uniti
IL TUO NOME QUI
Servito con orgoglio: i tuoi anni qui

Questo sarebbe un bel regalo per te o per quello speciale veterano della Marina che potresti conoscere, quindi sarebbe fantastico per decorare la parete della casa o dell'ufficio.

La filigrana "Grandi immagini navali" NON sarà sulla tua stampa.

Tipo di supporto utilizzato:

Il USS Flint CL 97 la foto è stampata su Tela priva di acidi sicura per l'archiviazioneutilizzando una stampante ad alta risoluzione e dovrebbe durare molti anni. L'esclusiva tela con trama tessuta naturale offre a look speciale e distintivo che può essere catturato solo su tela. La maggior parte dei marinai amava la sua nave. Era la sua vita. Dove aveva un'enorme responsabilità e viveva con i suoi compagni di bordo più vicini. Man mano che si invecchia, l'apprezzamento per la nave e l'esperienza della Marina aumenterà. La stampa personalizzata mostra proprietà, realizzazione e un'emozione che non va mai via. Quando camminerai accanto alla stampa sentirai la persona o l'esperienza della Marina nel tuo cuore.

Siamo in attività dal 2005 e la nostra reputazione di avere ottimi prodotti e la soddisfazione del cliente è davvero eccezionale. Ti godrai quindi questo prodotto garantito.


Merce degli incrociatori della Marina degli Stati Uniti

MilitaryBest.com è orgoglioso di presentare ai nostri marinai questa selezione di qualità di prodotti U.S. Navy Cruiser. Qui puoi visualizzare tutta la nostra merce per le seguenti navi:

Classe Pensacola: USS Pensacola CL-24, USS Salt Lake City CL-25 - Classe Northampton: USS Northampton CL-26, USS Chester CL-27, USS Louisville CL-28, USS Chicago CL-29, USS Houston CL-30, USS Augusta CL-31 - Classe New Orleans: USS New Orleans CL-32, USS Astoria CL-34, USS Minneapolis CL-36, USS Tuscaloosa CA-37, USS San Francisco CA-38, USS Quincy CA-39, USS Vincennes CA-44, USS Wichita CA-45 - Classe Portland, USS Portland CL-33, USS Indianapolis CL-35 - Classe Brooklyn, USS Brooklyn CL-40, USS Philadelphia CL-41, USS Savannah CL-42, USS Nashville CL- 43, USS Phoenix CL-46, USS Boise CL-47, USS Honolulu CL-48 - Classe St. Louis: USS St. Louis CL-49, USS Helena CL-50 - Classe Atlanta: USS Atlanta CL-51, USS Juneau CL-52, USS San Diego CL-53, USS San Juan CL-54 - Classe Cleveland: USS Cleveland CL-55, USS Columbia CL-56, USS Montpelier CL-57, USS Denver CL-58, USS Santa Fe CL- 60, USS Birmingham CL-62, USS Mobile CL-63, USS Vincennes CL-64, USS Pasadena CL-65, USS Springfield CL-66, USS Topeka C L-67, USS Biloxi CL-80, USS Houston CL-81, USS Providence CL-82, USS Manchester CL-83, USS Vicksburg CL-86, USS Duluth CL-87, USS Miami CL-89, USS Astoria CL- 90, USS Oklahoma City CL-91, USS Little Rock CL-92, USS Amsterdam CL-101, USS Portsmouth CL-102, USS Wilkes-Barre CL-103, USS Atlanta CL-104, USS Dayton CL-105 - Classe Baltimora : USS Baltimora CA-68, USS Boston CA-69, USS Canberra CA-70, USS Quincy CA-71, USS Pittsburgh CA-71, USS St. Paul CA-73, USS Columbus CA-74, USS Helena CA-75 , USS Bremerton CA-130, USS Fall River CA-131, USS Macon CA-132, USS Toledo CA-133, USS Los Angeles CA-135, USS Chicago CA-136 - Classe Oakland: USS Oakland CL-95, USS Reno CL-96, USS Flint CL-97, USS Tucson CL-98 - Classe Fargo: USS Fargo CL-106, USS Huntington CL-107 - Classe Juneau: USS Juneau CL-119, USS Spokane CL-120, USS Fresno CL- 121 - Classe Oregon City: USS Oregon City CA-122, USS Albany CA-123, USS Rochester CA-124 - Classe Des Moines: USS Des Moines CA-134, USS Salem CA-139, USS Newport News CA-1 48 - Classe Worcester: USS Worcester CL-144, USS Roanoke CL-145

Offriamo la migliore qualità di polo, cappellini da baseball, giacche e molti altri articoli di abbigliamento. Ci sforziamo anche di offrirti la più ampia selezione di colori e opzioni disponibili. Trova il regalo perfetto per il tuo soldato o per la tua riunione, festa o uno dei tuoi compagni di bordo!


Contenuti

Origini: 1974–1976 Modifica

Prima della fondazione dei Clash, i futuri membri della band erano attivi in ​​diverse parti della scena musicale londinese.

John Graham Mellor cantava e suonava la chitarra ritmica nel gruppo rock da pub The 101ers, formatosi nel 1974. Quando i Clash si unirono due anni dopo, aveva già abbandonato il suo nome d'arte originale, "Woody" Mellor, in favore di " Joe Strummer", un riferimento alle sue rudimentali abilità di strimpellare con l'ukulele come suonatore di strada nella metropolitana di Londra.

Mick Jones ha suonato la chitarra nella band protopunk London SS, che ha provato per gran parte del 1975 senza mai suonare dal vivo e registrando solo un singolo demo. Le London SS erano gestite da Bernard Rhodes, un tempo collaboratore dell'impresario Malcolm McLaren e amico dei membri della band gestita dalla McLaren, i Sex Pistols. Jones e i suoi compagni di band divennero amici dei Sex Pistols Glen Matlock e Steve Jones, che li avrebbero assistiti mentre provavano potenziali nuovi membri. [3] Tra coloro che hanno fatto l'audizione per London SS senza essere tagliati c'erano Paul Simonon, che ha provato come cantante, [4] e il batterista Terry Chimes. Nicky Headon ha suonato la batteria con la band per una settimana, poi ha lasciato. [5] [6]

Dopo lo scioglimento dei London SS all'inizio del 1976, Rhodes continuò come manager di Jones. A febbraio, Jones ha visto i Sex Pistols esibirsi per la prima volta: "Hai capito subito che era così, e questo era come sarebbe stato d'ora in poi. Era una scena nuova, nuovi valori, così diversi da quelli era successo prima. Un po' pericoloso." [7] Su istigazione di Rhodes, Jones contattò Simonon a marzo, suggerendogli di imparare uno strumento in modo da potersi unire alla nuova band che Jones stava organizzando. [4] Presto Jones, Simonon al basso, Keith Levene alla chitarra e "chiunque potessimo trovare davvero per suonare la batteria" stavano provando. [8] A Chimes fu chiesto di fare un provino per la nuova band e ottenne il lavoro, anche se presto lasciò. [9]

La band era ancora alla ricerca di un cantante. Chimes ricorda un certo Billy Watts (che "sembrava avere, tipo, diciannove o diciotto anni allora, come lo eravamo tutti noi") occupandosi dei compiti per un po' di tempo. [10] Rhodes aveva messo gli occhi su Strummer, con il quale ha stabilito un contatto esplorativo. Sia Jones che Levene lo avevano visto esibirsi e ne erano rimasti impressionati. [11] Strummer, da parte sua, era pronto a fare il cambio. Ad aprile, aveva preso parte all'atto di apertura di uno dei concerti della sua band, i Sex Pistols. Strummer in seguito ha spiegato:

Sapevo che stava succedendo qualcosa, quindi sono uscito tra la folla che era piuttosto scarsa. E ho visto il futuro, con un fazzoletto moccioso, proprio di fronte a me. È stato subito chiaro. Pub rock era: "Ciao, gruppo di ubriaconi, suonerò questi boogie e spero che vi piacciano". I Pistols sono usciti quel martedì sera e il loro atteggiamento era: "Ecco i nostri brani, e non ce ne frega un cazzo che ti piacciano o no. Infatti, li suoneremo anche se li odi, cazzo". [12]

Il 30 maggio, Rhodes e Levene si avvicinarono a Strummer dopo un concerto dei 101'ers e lo invitarono a incontrarsi nel luogo delle prove della band in Davis Road. Dopo che Strummer si è presentato, Levene ha suonato "Keys to Your Heart", uno dei brani di Strummer. [13]

Rhodes ha dato a Strummer 48 ore per decidere se voleva unirsi alla nuova band che avrebbe "rivaleggiato con i Pistols". Entro 24 ore, ha accettato. [14] Simonon in seguito osservò: "Una volta che abbiamo avuto Joe a bordo, tutto ha iniziato a riunirsi". [8] Strummer ha presentato la band al suo vecchio compagno di scuola Pablo LaBritain, che si è seduto alla batteria durante le prime prove di Strummer con il gruppo. Il periodo di LaBritain con la band non durò a lungo (in seguito si unì a 999), e Terry Chimes, che Jones in seguito definì "uno dei migliori batteristi" nella loro cerchia, divenne il batterista regolare della band. [15]

In Westway al mondo, Jones dice anche: "Non credo che Terry sia stato ufficialmente assunto o altro. Aveva appena suonato con noi". [16] Chimes all'inizio non ha preso con Strummer: "Aveva ventidue o ventitré anni o qualcosa che mi sembrava 'vecchio' allora. E aveva questi vestiti retrò e questa voce gracchiante". [10] Simonon ha inventato il nome della band dopo che si erano brevemente soprannominati Weak Heartdrops e Psychotic Negatives. [17] [18] In seguito ha spiegato l'origine del nome: "Mi è venuto davvero in mente quando ho iniziato a leggere i giornali e una parola che continuava a ripetersi era la parola 'scontro', quindi ho pensato 'Clash, che dire di quello, ' agli altri. E loro e Bernard, ci sono andati." [17]

I primi concerti e la scena in crescita: 1976 Edit

Dopo aver provato con Strummer per meno di un mese, i Clash fecero il loro debutto il 4 luglio 1976, supportando i Sex Pistols al Black Swan di Sheffield. Apparentemente la band voleva salire sul palco prima che i loro rivali in The Damned, un altro spin-off delle SS londinesi, facessero il loro debutto programmato due giorni dopo. I Clash non suoneranno più davanti a un pubblico per altre cinque settimane. [19] [20] Levene stava diventando scontento della sua posizione nel gruppo. Al Black Swan, si avvicinò al cantante dei Sex Pistols, John Lydon (allora si chiamava Johnny Rotten), e suggerì di formare una band insieme se i Pistols si fossero sciolti. [21]

Ore dopo il loro debutto, i membri della band insieme alla maggior parte dei Sex Pistols e gran parte del resto della "cerchia ristretta" di punk di Londra si sono presentati al club Dingwalls per assistere a un concerto della principale band punk rock di New York, i Ramones. In seguito "è arrivato il primo esempio del litigio indotto dalla rivalità che avrebbe perseguitato la scena punk e minare ogni tentativo di promuovere uno spirito di unità tra le band coinvolte". [22] Simonon ha avuto una colluttazione con J.J. Burnel, il bassista degli Stranglers. Una band leggermente più vecchia, gli Stranglers sono stati pubblicamente identificati con la scena punk, ma non facevano parte del "cerchio interno" incentrato sui Sex Pistols. [22]

Con Rhodes che insisteva sul fatto che la band non si esibisse di nuovo dal vivo fino a quando non fossero stati molto più uniti, i Clash hanno provato intensamente nel mese successivo. Strummer in seguito descrisse quanto seriamente la band si dedicasse a forgiare un'identità distinta: "Eravamo quasi stalinisti nel modo in cui dovevi liberarti di tutti i tuoi amici, o tutto ciò che avevi saputo, o in ogni modo in cui avevi suonato prima. " [23] Strummer e Jones condividevano la maggior parte dei doveri di scrittura: "Joe mi darebbe le parole e ne farei una canzone", disse in seguito Jones. [24] A volte si incontravano in ufficio nel loro studio di prove di Camden per collaborare direttamente. [22] Secondo una descrizione successiva di Strummer, "Bernie [Rhodes] direbbe: 'Un problema, un problema. Non scrivere sull'amore, scrivi su ciò che ti colpisce, ciò che è importante". [25]

Strummer ha preso la voce solista nella maggior parte delle canzoni, in alcuni casi lui e Jones hanno condiviso la guida. Una volta che la band ha iniziato a registrare, Jones raramente avrebbe avuto un ruolo da solista in più di una canzone per album, anche se sarebbe stato responsabile di due dei più grandi successi del gruppo. Il 13 agosto, i Clash, che sfoggiavano un look "Jackson Pollock" macchiato di vernice, suonarono davanti a un piccolo pubblico su invito nel loro studio di Camden. [26] Tra i presenti c'era Suoni critico Giovanni Dadamo. La sua recensione ha descritto la band come un "treno in corsa. Così potente, sono il primo nuovo gruppo a venire avanti che può davvero spaventare a morte i Sex Pistols". [27]

Il 29 agosto, i Clash ei Buzzcocks di Manchester hanno aperto per i Sex Pistols allo Screen on the Green, la prima esibizione pubblica dei Clash dal 4 luglio. Il triplo disegno di legge è visto come fondamentale per la cristallizzazione della scena punk britannica in un movimento, [28] però NME il recensore Charles Shaar Murray ha scritto: "I Clash sono il tipo di garage band che dovrebbe essere rapidamente restituito al garage, preferibilmente con il motore ancora acceso". [29] In seguito Strummer attribuì ai commenti di Murray l'ispirazione per la composizione della band "Garageland". [30]

All'inizio di settembre, Levene è stato licenziato dai Clash. Strummer affermerebbe che il calo di interesse di Levene nella band è dovuto al suo presunto uso stravagante della velocità, un'accusa che Levene ha negato. [31] [32] Levene e Lydon avrebbero formato i Public Image Ltd. nel 1978. Il 21 settembre, i Clash si esibirono pubblicamente per la prima volta senza Levene in un altro concerto fondamentale: il 100 Club Punk Special, condividendo il cartellone con i Sex Pistols , Siouxsie and the Banshees e Subway Sect. [33] [34] [35] Chimes lasciò alla fine di novembre e fu brevemente sostituito da Rob Harper mentre i Clash erano in tournée a sostegno dei Sex Pistols durante l'Anarchy Tour di dicembre. [36]

Scoppio punk e fama nel Regno Unito: 1977-1979 Modifica

Alla fine dell'anno, il punk era diventato un importante fenomeno mediatico nel Regno Unito. Il 25 gennaio 1977, i Clash firmarono con la CBS Records per £ 100.000, una cifra notevole per una band che aveva suonato in totale una trentina di concerti e quasi nessuno come headliner. [38] Come descrive lo storico dei Clash Marcus Gray, "i membri della band si sono trovati a dover giustificare [l'accordo] sia alla stampa musicale che ai fan che hanno raccolto le divagazioni mormorate dai critici sul fatto che i Clash si erano 'tutto esaurito' ai istituzione." [39] Mark Perry, fondatore del principale periodico punk londinese, Sniffin' Colla, si è scatenato con quella che in seguito avrebbe chiamato la sua "grande citazione": "Punk è morto il giorno in cui i Clash hanno firmato con la CBS". [40] Come descritto da un membro della band, l'accordo "è stato successivamente utilizzato come un classico esempio del tipo di contratto che nessun gruppo dovrebbe mai firmare: il gruppo doveva pagare per i propri tour, registrazioni, remix, opere d'arte, spese. "[41]

Mickey Foote, che ha lavorato come tecnico ai loro concerti, è stato assunto per produrre l'album di debutto dei Clash e Terry Chimes è stato richiamato per la registrazione. Il primo singolo della band, "White Riot", è stato rilasciato nel marzo 1977 e ha raggiunto il numero 34. L'album, Lo scontro, è uscito il mese successivo. Pieno di tracce punk infuocate, presagiva anche le molte svolte eclettiche che la band avrebbe preso con la sua cover della canzone reggae "Police and Thieves". "Tra l'inerzia dei Sex Pistols nella prima metà del 1977, i Clash si sono trovati come gli sbandieratori della coscienza punk rock", secondo il giornalista musicale ed ex musicista punk John Robb. [42] Sebbene l'album sia stato ben tracciato nel Regno Unito, salendo rapidamente al numero 12, la CBS si è rifiutata di dargli un'uscita negli Stati Uniti, credendo che il suo suono grezzo e prodotto a malapena lo avrebbe reso invendibile lì. [43] Una versione nordamericana dell'album, con una tracklist modificata, fu infine pubblicata negli Stati Uniti due anni dopo, nel 1979, dopo che l'originale britannico divenne l'album di importazione più venduto dell'anno negli Stati Uniti. [44]

Chimes, le cui aspirazioni di carriera dovevano poco all'ethos punk, aveva lasciato di nuovo la band subito dopo le sessioni di registrazione. In seguito ha detto: "Il punto era che io volevo un tipo di vita e loro ne volevano un altro e, tipo, perché stiamo lavorando insieme, se vogliamo cose completamente diverse?" [45] Di conseguenza, solo Simonon, Jones e Strummer sono stati presenti sulla copertina dell'album e Chimes è stato accreditato come "Tory Crimes". Strummer in seguito descrisse ciò che seguì: "Dobbiamo aver provato ogni batterista che poi aveva un kit. Intendo ogni batterista a Londra. Penso che ne abbiamo contati 205. Ed è per questo che ci siamo persi finché non abbiamo trovato Topper Headon". [46] Headon, che aveva suonato brevemente con i London SS di Jones, fu soprannominato "Topper" da Simonon, che sentiva di assomigliare al Topper personaggio dei fumetti Topolino la Scimmia. [47] Eccellente musicista, Headon sapeva anche suonare il piano, il basso e la chitarra. Il giorno dopo essersi iscritto, ha dichiarato: "Volevo davvero unirmi ai Clash. Voglio dare loro ancora più energia di quanta ne hanno—se è possibile" [37] intervistato più di due decenni dopo, ha detto che il suo originale il piano era di rimanere brevemente, guadagnarsi un nome e poi passare a un concerto migliore. [48] ​​In ogni caso, Strummer in seguito osservò: "Trovare qualcuno che non solo avesse le qualità, ma la forza e la resistenza per farlo è stata solo la svolta per noi". [49]

A maggio, la band iniziò il White Riot Tour, come headliner di un pacchetto punk che includeva i Buzzcocks, i Subway Sect, gli Slits e i Prefects. [50] Il giorno dopo un concerto a Newcastle, Strummer e Headon furono arrestati per aver rubato delle federe dalla loro stanza d'albergo. [51] Quello stesso mese, la CBS pubblicò "Remote Control" come secondo singolo dell'LP di debutto, sfidando i desideri della band, che lo considerava uno dei brani più deboli dell'album. [52] La prima registrazione di Headon con la band fu il singolo "Complete Control", che affrontava la rabbia della band per il comportamento della loro etichetta discografica. È stato coprodotto dal famoso artista reggae Lee "Scratch" Perry, anche se Foote è stato chiamato a "radicare le cose" e il risultato è stato puro punk rock. Rilasciato nel settembre 1977-NME notato come la CBS ha permesso al gruppo di "esca i loro padroni" - è salito al numero 28 della classifica britannica ed è stato citato come uno dei più grandi singoli del punk. [53] [54] Nel febbraio 1978, la band uscì con il singolo "Clash City Rockers". Giugno ha visto l'uscita di "(White Man) In Hammersmith Palais", che ha sorpreso i fan con il suo ritmo e arrangiamento reggae.

Prima che i Clash iniziassero a registrare il loro secondo album, la CBS ha chiesto loro di adottare un suono più pulito rispetto al suo predecessore per raggiungere il pubblico americano. Sandy Pearlman, noto per il suo lavoro con Blue Öyster Cult, è stato assunto per produrre il disco. Simonon in seguito ha ricordato: "[R]registrare quell'album è stata la situazione più noiosa di sempre. È stato così pignolo, un tale contrasto con il primo album. Ha rovinato ogni spontaneità". [55] Strummer ha convenuto che "non è stata la nostra sessione più facile". [56] Sebbene alcuni ascoltatori si siano lamentati del suo stile di produzione relativamente tradizionale, Dagli abbastanza corda ha ricevuto recensioni ampiamente positive alla sua uscita di novembre. [57] [58] Ha raggiunto il numero 2 nel Regno Unito, ma non era la svolta americana che la CBS aveva sperato, raggiungendo solo il numero 128 sul Tabellone grafico. Il primo singolo britannico dell'album, l'hard rock "Tommy Gun", è salito al numero 19, la posizione più alta in classifica per un singolo dei Clash fino ad oggi. A sostegno dell'album, la band ha girato il Regno Unito supportata dagli Slits e dagli Innocents. La serie di concerti - erano più di trenta, da Edimburgo a Portsmouth - fu promossa come Sort It Out Tour. Successivamente la band intraprese il suo primo tour di grande successo in Nord America nel febbraio 1979. [59]

Cambiamento di stile e svolta negli Stati Uniti: 1979-1982 Modifica

In agosto e settembre 1979, i Clash registrarono Londra chiama. Prodotto da Guy Stevens, un ex dirigente di A&R che aveva lavorato con Mott the Hoople e Traffic, il doppio album era un mix di punk rock, reggae, ska, rockabilly, rock and roll tradizionale e altri elementi in possesso di un'energia che a malapena si era spenta. sin dai primi giorni della band e una produzione più raffinata. [61] Anche il titolo della traccia è stato fortemente influenzato dal segnale di chiamata del BBC World Service e dal panico che ha provocato l'allarme nucleare di Three Mile Island. [62] È considerato uno dei più grandi album rock mai registrati. [63] La sua traccia finale, un brano rock and roll relativamente semplice cantato da Mick Jones chiamato "Train in Vain", è stato incluso all'ultimo minuto e quindi non è apparso nell'elenco dei brani sulla copertina. E 'diventato il loro primo successo negli Stati Uniti Top 40, piazzandosi al numero 23 del Tabellone grafico. Nel Regno Unito, dove "Train in Vain" non è stato pubblicato come singolo, Londra chiama'La title track di s, maestosa nel beat ma inconfondibilmente punk nel messaggio e nel tono, è salita alla numero 11—la posizione più alta raggiunta da qualsiasi singolo dei Clash nel Regno Unito prima dello scioglimento della band.

Uscito a dicembre, Londra chiama ha raggiunto il numero 9 della classifica britannica negli Stati Uniti, dove è stato pubblicato nel gennaio 1980, ha raggiunto il numero 27. La copertina dell'album, basata sulla copertina dell'omonimo LP di debutto di Elvis Presley del 1956, divenne uno dei migliori conosciuto nella storia del rock. [60] La sua immagine, del fotografo Pennie Smith, di Simonon che fracassa il suo basso è stata poi citata come la "migliore fotografia rock 'n roll di tutti i tempi" da Q rivista. [64] [65] Durante questo periodo, i Clash iniziarono ad essere regolarmente annunciati come "The Only Band That Matters". Il musicista Gary Lucas, allora impiegato dal dipartimento dei servizi creativi della CBS Records, afferma di aver coniato lo slogan. [66] L'epiteto fu presto ampiamente adottato da fan e giornalisti musicali. [67]

Verso la fine dell'anno, i membri della band hanno partecipato a una speciale proiezione privata di un nuovo film, Ragazzo maleducato in parte finzione, in parte rockumentary, racconta la storia di un fan dei Clash che lascia il suo lavoro in un sexy shop di Soho per diventare un roadie per il gruppo. Il film, che prende il nome dalla sottocultura dei rude boy, include filmati della band in tournée, a un concerto di Rock Against Racism a Londra e nella registrazione in studio Dategli abbastanza corda. La band era così disincantata da ciò che hanno fatto creare pulsanti a Better Badges che dichiaravano "Non voglio RUDE BOY Clash Film". [68] Il 27 febbraio 1980, è stato presentato in anteprima al 30° Festival Internazionale del Cinema di Berlino, [69] dove ha vinto una menzione d'onore. [70]

I Clash avevano pianificato di registrare e pubblicare un singolo ogni mese nel 1980. La CBS si oppose a questa idea e la band uscì con un solo singolo—un brano reggae originale, "Bankrobber", ad agosto—prima dell'uscita di dicembre del 3 -LP, 36 canzoni sandinista! L'album riflette nuovamente un'ampia gamma di stili musicali, inclusi i doppiaggi estesi e una delle prime incursioni nel rap di una grande rock band, dopo "Ant Rap" di Adam and the Ants, che era stato pubblicato un mese prima. Prodotto dai membri della band con la partecipazione dell'artista reggae giamaicano Mikey Dread, sandinista! è stato il loro album più controverso fino ad oggi, sia politicamente che musicalmente. [71] L'opinione critica è stata divisa, spesso all'interno di singole revisioni. Stirapantaloni's Ira Robbins ha descritto metà dell'album come "grande", metà come "assurdità" e peggio. [72] Nel Nuova guida ai dischi Rolling Stone, sosteneva Dave Marsh, "sandinista! è assurdamente disordinato. O piuttosto sembra assurdamente disordinato. Una delle principali preoccupazioni dei Clash. è evitare di essere stereotipati." [73] L'album è andato abbastanza bene in America, classificandosi al numero 24. [74]

Nel 1981, la band uscì con un singolo, "This Is Radio Clash", che dimostrò ulteriormente la loro capacità di mescolare diverse influenze come dub e hip hop. Hanno iniziato a lavorare al loro quinto album a settembre, inizialmente pianificandolo come un set di 2 LP con il titolo Rat Patrol da Fort Bragg. Jones ha prodotto un taglio, ma gli altri membri erano insoddisfatti. I compiti di produzione furono affidati a Glyn Johns e l'album fu ripensato come un singolo LP e pubblicato come Roccia da combattimento nel maggio 1982. Sebbene pieno di canzoni insolite, esperimenti con collage di suoni e una voce parlata dal poeta beat Allen Ginsberg, conteneva due tracce "radio friendly". Il singolo di apertura negli Stati Uniti fu "Should I Stay or Should I Go", pubblicato nel giugno 1982. Un'altra caratteristica di Jones in uno stile rock and roll simile a "Train in Vain", ricevette un pesante airplay sulle stazioni AOR. Il seguito, "Rock the Casbah", ha messo i testi che affrontano il giro di vite iraniano sulle importazioni di musica occidentale a un ritmo di danza rimbalzante. (I singoli sono stati pubblicati nell'ordine opposto nel Regno Unito, dove sono stati entrambi preceduti da "Know Your Rights".) La musica di "Rock the Casbah" è stata composta da Headon, che ha eseguito non solo le percussioni ma anche il pianoforte e basso sentito nella versione registrata. [75] È stato il più grande successo mai registrato dalla band negli Stati Uniti, piazzandosi al numero 8, e il video è stato messo in rotazione pesante da MTV. L'album stesso è stato il maggior successo della band, raggiungendo il numero 2 nel Regno Unito e il numero 7 negli Stati Uniti.

Disintegrazione e rottura: 1982-1986 Edit

Dopo Roccia da combattimento, i Clash iniziarono a disintegrarsi. A Headon è stato chiesto di lasciare la band poco prima dell'uscita dell'album perché la dipendenza dall'eroina stava danneggiando la sua salute e il suo modo di suonare la batteria. [76] [77] Chimes fu riportato al tamburo per i prossimi mesi. La perdita di Headon, benvoluta dagli altri, ha messo in luce crescenti attriti all'interno della band. Jones e Strummer iniziarono una faida. La band ha aperto per gli Who in una tappa del loro ultimo tour negli Stati Uniti, incluso uno spettacolo allo Shea Stadium di New York.

Sebbene i Clash continuassero a fare tournée, la tensione continuava ad aumentare. All'inizio del 1983, Chimes lasciò la band dopo il Combat Rock Tour a causa di lotte intestine e disordini. È stato sostituito da Pete Howard per il Festival degli Stati Uniti a San Bernardino, in California, di cui i Clash hanno partecipato insieme a David Bowie e Van Halen. La band ha discusso con i promotori dell'evento per i prezzi dei biglietti gonfiati, minacciando di ritirarsi a meno che non fosse stata fatta una grande donazione a un ente di beneficenza locale. Il gruppo alla fine si è esibito il 28 maggio, il New Music Day del festival, che ha attirato una folla di 140.000. Dopo lo spettacolo, i membri della band hanno litigato con il personale di sicurezza. [78] Questa fu l'ultima apparizione di Jones con il gruppo: nel settembre 1983, fu licenziato. Poco dopo, è diventato un membro fondatore dei General Public, ma ha lasciato quella band mentre stavano registrando il loro primo album.

Nick Sheppard, ex membro della band di Bristol The Cortinas, e Vince White furono reclutati come nuovi chitarristi dei Clash. Howard ha continuato come batterista. La band ricostituita suonò i suoi primi spettacoli nel gennaio 1984 con un lotto di nuovo materiale e si lanciò nell'autofinanziato Out of Control Tour, viaggiando molto durante l'inverno e all'inizio dell'estate. A uno straordinario spettacolo di beneficenza dei minatori ("Scargill's Christmas Party") nel dicembre 1984, annunciarono che un nuovo album sarebbe stato rilasciato all'inizio del nuovo anno.

Le sessioni di registrazione per Taglia la merda erano caotici, con il manager Bernard Rhodes e Strummer che lavoravano a Monaco. La maggior parte della musica è stata suonata da musicisti in studio, con Sheppard e poi White che sono arrivati ​​per fornire parti di chitarra. Lottando con Rhodes per il controllo della band, Strummer tornò a casa. La band è andata in tournée negli spazi pubblici delle città di tutto il Regno Unito, suonando versioni acustiche dei loro successi e cover popolari.

Dopo un concerto ad Atene, Strummer è andato in Spagna per schiarirsi le idee. Mentre era all'estero, il primo singolo di Taglia la merda, il lugubre "This Is England", è stato rilasciato con recensioni per lo più negative. "La CBS aveva pagato un anticipo per questo, quindi hanno dovuto pubblicarlo", ha spiegato in seguito Strummer. "Ho appena detto, 'Bene fanculo', e sono scappato sulle montagne della Spagna per sedermi singhiozzando sotto una palma, mentre Bernie doveva consegnare un disco." [79] Tuttavia, il critico Dave Marsh in seguito dichiarò "This Is England" come uno dei migliori 1001 singoli rock di tutti i tempi. [80] Il singolo ha anche ricevuto elogi retroattivi da Q rivista e altri.

"This Is England", proprio come il resto dell'album uscito nello stesso anno, era stato drasticamente riprogettato da Rhodes, con synth e canti in stile football aggiunti alle registrazioni incomplete di Strummer. Sebbene Howard fosse un abile batterista, le drum machine venivano usate praticamente per tutte le tracce delle percussioni. Per il resto della sua vita, Strummer ha ampiamente rinnegato l'album, [77] anche se ha affermato che "Mi piace molto 'This Is England' e [traccia dell'album] 'North and South' è un'atmosfera". [79] All'inizio del 1986, i Clash si sciolsero. Strummer in seguito descrisse la fine del gruppo: "Quando i Clash sono crollati, eravamo stanchi. C'era stata un'intensa attività in cinque anni. In secondo luogo, sentivo che avremmo finito la benzina per le idee. E in terzo luogo, volevo stare zitto e lascia che qualcun altro ci provi". [81]

Questo periodo di disintegrazione, con interviste ai membri dei Clash, è l'argomento del libro e del film di Danny Garcia, L'ascesa e la caduta dello scontro. [82]

Collaborazioni, riunioni e morte di Strummer: 1986-oggi Edit

Dopo la rottura, Strummer contattò Jones nel tentativo di riformare i Clash. Jones, tuttavia, aveva già formato una nuova band, Big Audio Dynamite (B.A.D.), che aveva pubblicato il suo debutto alla fine del 1985. I due lavorarono insieme ai rispettivi progetti del 1986. Jones ha aiutato con le due canzoni che Strummer ha scritto ed eseguito per il Sid e Nancy colonna sonora. Strummer, a sua volta, ha scritto una serie di tracce sul secondo B.A.D. album, No. 10, Upping St., che ha anche co-prodotto. [79] Con Jones impegnato nella B.A.D., Strummer è passato a vari progetti da solista e al lavoro di attore cinematografico. Simonon formò una band chiamata Havana 3am. Headon ha registrato un album da solista, prima di finire ancora una volta nell'abuso di droghe. I rintocchi tamburellavano con una successione di atti diversi.

Il 2 marzo 1991, una ristampa di "Should I Stay or Should I Go" diede ai Clash il loro primo e unico singolo numero 1 nel Regno Unito. Nello stesso anno, secondo quanto riferito, Strummer pianse quando seppe che "Rock the Casbah" era stato adottato come slogan dai piloti di bombardieri statunitensi nella Guerra del Golfo. [83]

Nel 1999, Strummer, Jones e Simonon hanno collaborato alla compilazione dell'album dal vivo Da qui all'eternità e documentario video Westway al mondo. Il 7 novembre 2002, la Rock and Roll Hall of Fame annunciò che i Clash sarebbero stati introdotti nel marzo successivo. [84] Il 15 novembre, Jones e Strummer hanno condiviso il palco, eseguendo tre canzoni dei Clash durante uno spettacolo di beneficenza a Londra di Joe Strummer e dei Mescaleros. [74] Strummer, Jones e Headon volevano suonare uno spettacolo di reunion in concomitanza con la loro introduzione nella Hall of Fame. Simonon non ha voluto partecipare perché credeva che giocare all'evento ad alto prezzo non sarebbe stato nello spirito dei Clash. La morte improvvisa di Strummer per un difetto cardiaco congenito il 22 dicembre 2002 ha posto fine a ogni possibilità di una riunione completa. Nel marzo 2003, l'induzione della Hall of Fame ha avuto luogo i membri della band introdotti erano Strummer, Jones, Simonon, Chimes e Headon. [74]

All'inizio del 2008, i Carbon/Silicon, una nuova band fondata da Mick Jones e dal suo ex compagno di band delle SS londinesi Tony James, sono entrati in una residenza di sei settimane all'Inn on the Green di Londra. Nella serata di apertura, l'11 gennaio, Headon si unì alla band per "Train in Vain" dei Clash. Seguì un bis con Headon che suonava la batteria in "Should I Stay or Should I Go". Questa era la prima volta dal 1982 che Headon e Jones si esibivano insieme sul palco. [85]

Jones e Headon si sono riuniti nel settembre 2009 per registrare il lato B dei Clash degli anni '70 "Jail Guitar Doors" con Billy Bragg. La canzone è l'omonimo di un ente di beneficenza fondato da Bragg che dà strumenti musicali e lezioni ai detenuti. Jones, Headon e Bragg sono stati sostenuti da ex detenuti durante la sessione, che è stata filmata per un documentario sulla beneficenza, Rompere le rocce. [86] Simonon e Jones sono stati presenti nella title track dell'album Gorillaz spiaggia di plastica nel 2010. Questa riunione ha segnato la prima volta che i due artisti hanno lavorato insieme in oltre vent'anni. In seguito si unirono ai Gorillaz nel loro tour mondiale per il resto del 2010. [87]

Nel luglio 2012, le figlie di Strummer, Jazz e Lola, hanno rilasciato una rara intervista per discutere dell'imminente decimo anniversario della morte del padre, della sua eredità e della possibilità di una reunion dei Clash se il padre fosse vissuto. Jazz ha detto: "Si è parlato della riforma dei Clash prima che morisse. Ma si è parlato per anni e anni della loro riforma. Gli erano state offerte stupide somme di denaro per farlo, ma erano molto bravi a mantenere l'alto livello morale. e dire di no. Ma penso che se papà non fosse morto, sarebbe successo. Sembrava che fosse nell'aria". [88]

Il 9 settembre 2013 nel Regno Unito (e il giorno dopo negli Stati Uniti), i Clash sono stati rilasciati Sistema sonoro, un cofanetto di dodici dischi con i loro album in studio completamente rimasterizzati su otto dischi con altri tre dischi con demo, singoli non album, rarità e B-sides, un DVD con filmati inediti sia di Don Letts che di Julien Temple , video promozionali originali e filmati dal vivo, un libretto con il manuale del proprietario, ristampe della fanzine originale della band "Armagideon Times" e una nuovissima edizione curata e progettata da Paul Simonon e merchandising che include medagliette, badge, adesivi e un esclusivo poster dei Clash . Sia Mick Jones che Paul Simonon hanno supervisionato il progetto, inclusi i re-master. Il cofanetto è arrivato in una confezione a forma di ghetto blaster degli anni '80. Il cofanetto era accompagnato da Set di 5 album da studio, che contiene solo i primi cinque album in studio (escluso Taglia la merda), e Lo scontro colpisce ancora, un best of collection di 33 tracce e due CD sequenziato per copiare il set suonato dalla band al Brixton Fair Deal (ora Academy) il 19 luglio 1982. [89] [90]

In un'intervista del 3 settembre 2013 con Rolling Stone, Mick Jones ha discusso del ricongiungimento della band dicendo che probabilmente non sarebbe mai successo. Jones ha detto: "Ci sono stati alcuni momenti in cui ero pronto (reunion della Hall of Fame nel 2003), Joe era pronto. Paul no. E nemmeno, probabilmente, lo era Topper, che non è finito anche arrivando alla fine. Non sembrava che una performance sarebbe avvenuta comunque. Voglio dire, di solito suoni a quella cerimonia quando entri. Joe era passato a quel punto, quindi non l'abbiamo fatto. Non siamo mai stati d'accordo. Non era mai arrivato il momento in cui tutti noi volevamo farlo allo stesso tempo. La cosa più importante per noi è che siamo diventati di nuovo amici dopo che il gruppo si è sciolto e abbiamo continuato così per il resto del tempo. più importante per noi della band". Jones ha anche affermato che il Sistema sonoro il cofanetto è stata l'ultima volta che sarà mai stato coinvolto nelle uscite della band. "Non sto nemmeno pensando ad altre uscite di Clash. Questo è tutto per me, e lo dico con un punto esclamativo." ha detto Jones. [91]

Il 6 settembre 2013, i tre membri sopravvissuti della formazione classica (Mick Jones, Paul Simonon e Topper Headon) si sono riuniti di nuovo per un esclusivo programma di BBC Radio 6 Music per promuovere la loro eredità e l'uscita di Sistema sonoro. [92]

In un'intervista dell'ottobre 2013 con BBC 6Music, Jones ha confermato che Strummer aveva intenzione di una reunion dei Clash e infatti era stata scritta nuova musica per un possibile album. Nei mesi precedenti alla morte di Strummer, Jones e Strummer iniziarono a lavorare su nuova musica per quello che pensava sarebbe stato il prossimo album dei Mescaleros. Jones ha dichiarato: "Scrivevamo un batch - non ne scrivevamo uno, scrivevamo un batch alla volta - come gumbo. L'idea era che sarebbe andato in studio con i Mescaleros durante il giorno e poi avrebbe inviato tutti a casa. Io verrei tutta la notte e lavoreremmo tutti tutta la notte." Jones ha detto che erano passati mesi dopo il loro lavoro insieme quando si è imbattuto in Strummer a un evento. Jones era curioso di sapere cosa ne sarebbe stato delle canzoni su cui lui e Strummer stavano lavorando e Strummer lo informò che sarebbero state usate per il prossimo album dei Clash. [93]

La musica dei Clash era spesso carica di sentimenti ideologici di sinistra. [94] Strummer, in particolare, era un socialista impegnato. I Clash sono accreditati come pionieri nella difesa della politica radicale nel punk rock, e sono stati soprannominati "Thinking Man's Yobs" da NME. [95] Come molti dei primi gruppi punk, i Clash protestarono contro la monarchia e l'aristocrazia, tuttavia, a differenza di molti dei loro coetanei, rifiutarono il nichilismo. [44] Invece, trovarono solidarietà con un certo numero di movimenti di liberazione contemporanei e furono coinvolti con gruppi come la Lega antinazista. Il 30 aprile 1978, i Clash suonarono al concerto Rock Against Racism al Victoria Park di Londra per una folla di 50-100.000 persone [96] Strummer indossava una maglietta che identificava due gruppi di guerriglia di sinistra: le parole "Brigade [sic] Rosse"—Le Brigate Rosse italiane—apparso insieme alle insegne della Fazione dell'Armata Rossa della Germania Ovest. [97] [98]

La loro politica è stata resa esplicita nei testi di tali prime registrazioni come "White Riot", che ha incoraggiato i giovani bianchi disamorati a ribellarsi come le loro controparti nere "Career Opportunities", che ha affrontato l'alienazione dei lavori a bassa retribuzione e di routine e il malcontento per la mancanza di alternative e "London's Burning", sulla desolazione e la noia della vita nel centro della città. [99] L'artista Caroline Coon, che era associata alla scena punk, sosteneva che "le canzoni dure e militariste erano ciò di cui avevamo bisogno mentre entravamo nel thatcherismo". [100] La portata degli interessi politici della band si è ampliata nelle registrazioni successive.

Il titolo di sandinista! celebrava i ribelli di sinistra che avevano recentemente rovesciato il despota nicaraguense Anastasio Somoza Debayle, e l'album era pieno di canzoni guidate da altre questioni politiche che si estendevano ben oltre le coste britanniche: "Washington Bullets" si occupava di operazioni militari segrete in tutto il mondo, mentre "The Call -Up" era una meditazione sulle bozze di politica degli Stati Uniti. [101] [102] Roccia da combattimento "Straight to Hell" è descritto dagli studiosi Simon Reynolds e Joy Press come un "tour guidato intorno al mondo in una guerra in cinque versi delle zone infernali dove avevano languito i soldatini". [102]

I sentimenti politici della band si riflettevano nella loro resistenza alle consuete motivazioni di profitto dell'industria musicale anche al loro apice, i biglietti per gli spettacoli e i souvenir avevano un prezzo ragionevole. [44] Il gruppo ha insistito sul fatto che la CBS vendesse i suoi set di album doppi e tripli Londra chiama e sandinista! al prezzo di un singolo album ciascuno (quindi £ 5), riuscendo con il primo e compromettendo con il secondo accettando di venderlo per £ 5,99 e perdendo tutte le loro royalties sulle prestazioni sulle sue prime 200.000 vendite. [103] Questi principi del "VFM" (value for money) significavano che erano costantemente indebitati con la CBS e iniziarono a raggiungere il pareggio solo intorno al 1982. [1]

I Clash sono principalmente descritti come una band punk rock. [104] [105] [106] Secondo Stephen Thomas Erlewine di AllMusic, "i Sex Pistols potrebbero essere stati la prima band punk rock britannica, ma i Clash erano i punk rocker britannici definitivi". [105] Più tardi nella carriera della band, i Clash iniziarono a utilizzare elementi di molti generi musicali, tra cui reggae, rockabilly, dub e R&B. [105] Con il loro album Londra chiama, la band ha ampliato la propria ampiezza di stili musicali nel primo doppio album del periodo "post-punk". [107] La ​​musica dei Clash è stata anche descritta come rock sperimentale [108] [109] e new wave. [110] [111] Hanno anche usato il reggae fin dai loro inizi. Hanno fatto cover di canzoni reggae e ne hanno anche scritte di proprie. Hanno anche usato il rock degli innamorati nell'album London Calling. [112]

Nel 2004, Rolling Stone classificato il numero 28 dei Clash nella sua lista dei 100 più grandi artisti di tutti i tempi, [113] e nel 2010, la band si è classificata al 22° posto nella classifica dei 100 migliori artisti di tutti i tempi di VH1. [114] Secondo I tempi, il debutto dei Clash, insieme a Lascia perdere i coglioni, ecco i Sex Pistols, è "la dichiarazione definitiva del punk" e Londra chiama "rimane uno degli album rock più influenti". [98] In Rolling Stone l'elenco del 2003 dei 500 migliori album di tutti i tempi, Londra chiama classificato numero 8, la voce più alta da una band punk. Lo scontro era il numero 77 e sandinista! era il numero 404. [115] Nella lista 2004 della rivista delle 500 migliori canzoni di tutti i tempi, "London Calling" si è classificata al numero 15, ancora una volta la più alta per qualsiasi canzone di una band punk. Altre quattro canzoni dei Clash hanno fatto la lista: "Should I Stay Or Should I Go" (228), "Train in Vain" (292), "Complete Control" (361) e "(White Man) in Hammersmith Palais" (430 ). [54] "London Calling" si è classificato al numero 48 nella lista 2008 della rivista delle 100 migliori canzoni per chitarra di tutti i tempi. [116]

Jake Burns degli Stiff Little Fingers, la prima grande band punk dell'Irlanda del Nord, ha spiegato l'impatto del disco:

[T] il grande spartiacque è stato l'album dei Clash: esci, taglia i capelli, smettila di scherzare sul tempo, sai. Fino a quel momento avevamo ancora cantato di giocare a bowling lungo le autostrade della California. Voglio dire, non significava niente per me. Anche se i Damned e i Pistols erano fantastici, erano solo musicalmente eccitanti dal punto di vista dei testi, non riuscivo davvero a capire molto se... [T] rendersi conto che [i Clash] stavano effettivamente cantando delle loro vite a West London è stato come un fulmine a ciel sereno. [117]

I Clash hanno anche ispirato molti musicisti che erano solo vagamente associati, se non del tutto, al punk. L'abbraccio della band allo ska, al reggae e alla sottocultura giamaicana inglese ha contribuito a fornire l'impulso al movimento 2 Tone che è emerso tra le ricadute dell'esplosione punk. [118] Altri musicisti che hanno iniziato a esibirsi mentre i Clash erano attivi e hanno riconosciuto il loro debito nei confronti della band includono Billy Bragg e Aztec Camera. [119] The Edge degli U2 ha paragonato l'effetto ispiratore dei Clash a quello dei Ramones—entrambi hanno dato ai giovani musicisti rock in generale la "sensazione che la porta della possibilità si fosse spalancata". [120] Ha scritto: "I Clash, più di ogni altro gruppo, hanno dato il via a un migliaio di garage band in Irlanda e nel Regno Unito. Vederli esibirsi è stata un'esperienza che ha cambiato la vita". [2] Bono ha descritto i Clash come "la più grande rock band. Hanno scritto il libro delle regole per gli U2". [121]

Mentre il concerto di debutto dei Sex Pistols al Lesser Free Trade Hall di Manchester è stato riconosciuto come il punto di partenza della scena punk di quella città, il primo concerto dei The Clash all'Eric's, supportato da The Specials, è servito da spartiacque simile per Liverpool. Il concerto è stato assistito da Jayne Casey, Julian Cope, Pete Wylie, Pete Burns, Bill Drummond, Holly Johnson, Will Sergeant, Budgie e Ian McCulloch, che hanno poi formato Big in Japan, The Teardrop Explodes e Echo & The Bunnymen tra altre bande. [122]

Negli anni successivi, l'influenza dei Clash può essere ascoltata nelle band punk politiche americane come Rancid, Anti-Flag, Bad Religion, NOFX, Green Day e Rise Against, nonché nell'hard rock politico dei primi Manic Street Preachers. [123] I Rancid della California, in particolare, sono conosciuti come "incurabili fanatici di Clash". [124] La title track dell'album della band Indistruttibile proclama: "Continuerò ad ascoltare quel grande Joe Strummer!" [125] Al di fuori della musica rock, Chuck D ha accreditato i Clash come fonte di ispirazione per i Public Enemy, in particolare per il modo in cui il loro uso di testi socialmente e politicamente consapevoli ha attirato l'attenzione della stampa musicale: "Hanno parlato di argomenti importanti, quindi i giornalisti hanno stampato quello che hanno detto, che era molto preciso. L'abbiamo preso dai Clash, perché eravamo molto simili in questo senso. I Public Enemy lo hanno fatto solo 10 anni dopo". Nel 2019 Chuck D ha narrato Resta libero: la storia dello scontro, una serie di podcast in otto parti prodotta da Spotify e BBC Studios. [126]

Secondo il biografo Antonio Ambrosio, il coinvolgimento dei Clash con gli stili musicali e di produzione giamaicani ha ispirato sforzi interculturali simili da band come Bad Brains, Massive Attack, 311, Sublime e No Doubt. [127] Jakob Dylan delle liste Wallflowers Londra chiama come il disco che "gli ha cambiato la vita". [98] Band identificate con il revival garage rock della fine degli anni '90 e degli anni 2000 come gli svedesi Hives, gli australiani Vines, i britannici i Libertines e gli americani White Stripes e Strokes mostrano l'influenza dei Clash. [128] Tra i molti atti britannici degli ultimi giorni identificati come ispirati dai Clash ci sono i Babyshambles, i Futureheads, i Charlatans e gli Arctic Monkeys. [129] Prima di M.I.A. ha avuto un successo internazionale nel 2008 con "Paper Planes", che è costruito attorno a un campione di "Straight to Hell", ha fatto riferimento a "London Calling" su "Galang" del 2003. [129] Una cover di "The Guns of Brixton" della band punk tedesca Die Toten Hosen è stata pubblicata come singolo nel 2006. [130] Una versione della leggenda del reggae Jimmy Cliff con Tim Armstrong dei Rancid era prevista per l'uscita nel novembre 2011. [131] Il gruppo punk americano-irlandese Dropkick Murphys ha pubblicato una cover della canzone su Anti Eroi contro Dropkick Murphys nel 1997. [132] [133]

Nel giugno 2009 Bruce Springsteen e la E Street Band hanno aperto il loro concerto a Hyde Park, Londra, con 'London Calling'. Il concerto è stato successivamente pubblicato in DVD come Bruce Springsteen e la E Street Band: London Calling – Live in Hyde Park. Bruce Springsteen, Little Steven, Dave Grohl ed Elvis Costello hanno eseguito la stessa canzone ai Grammy nel 2003 come tributo a Joe Strummer, morto l'anno prima. Nel 2009 Springsteen e la E Street Band hanno anche fatto una cover di "Coma Girl" di Strummer mentre nel 2014 e insieme a Tom Morello, hanno aperto alcuni dei loro spettacoli nell'High Hopes Tour con "Clampdown".

La band ha anche avuto un notevole impatto sulla musica nel mondo di lingua spagnola. Nel 1997 è stato pubblicato un album tributo ai Clash con esibizioni di gruppi punk di Buenos Aires. [134] Molte band rock en español come Todos Tus Muertos, Café Tacuba, Maldita Vecindad, Los Prisioneros, Tijuana No e Attaque 77 sono in debito con i Clash. [135] [136] [137] I Los Fabulosos Cadillacs argentini hanno coperto "Dovrei restare o dovrei andare", Londra chiama 's "Revolution Rock" e "The Guns of Brixton" e hanno invitato Mick Jones a cantare nella loro canzone "Mal Bicho". [137] L'influenza dei Clash si riflette similmente nei testi politicizzati dei Mano Negra, fondati a Parigi, e nella fusione di stili musicali. [138] [139]

Il successo del 1982 della band, "Should I Stay or Should I Go", è presente in più episodi della serie drammatica di fantascienza Netflix del 2016, Cose più strane, che è ambientato nel 1983. [140] [141] [142]

città londinese, un film che racconta la storia di un adolescente ossessionato da Clash che incrocia per caso Joe Strummer nel 1979 e scopre che la sua vita cambia di conseguenza, è uscito nel 2016. [143] Il film ha ricevuto recensioni contrastanti e presentava imprecisioni temporali lungo con testi di canzoni sbagliati eseguiti dagli attori nel film. [1]


Operazione JAMBOREE 2



Un equipaggio di cannoni da 40 mm a bordo della USS WILKES-BARRE CL-103 in corso alla fine di febbraio 1945.
-NOI. Foto della Marina nel gruppo record NARA 80-G-265787


In seguito alle azioni di superficie del Golfo di Leyte nell'ottobre 1944, l'ammiraglio Halsey stava cercando di avere l'opportunità di finire le navi della flotta combinata giapponese. L'intelligence suggeriva che le rimanenti navi capitali sopravvissute alle azioni nel Golfo di Leyte fossero divise in due sezioni: un gruppo nel Mare interno del Giappone e l'altro nel Mar Cinese Meridionale. Avendo perso l'opportunità a Leyte, Halsey voleva disperatamente affrontare la restante minaccia di superficie giapponese e finirla.



Il Task Group 38.2 fa rifornimento nel Mar Cinese Meridionale l'11 gennaio 1945. USS THE SULLIVANS DD-537 e ASTORIA stanno imbarcando carburante in corso da lati opposti TALUGA AO-62. Nota il trifoglio sullo stack in avanti dei THE SULLIVANS. L'ammiraglia di Halsey NEW JERSEY BB-62 è sullo sfondo a sinistra.
-manipolato dalle immagini di Google Earth





Hancock CV-19, Wasp CV-18 e un CVL non identificato.
-NOI. Foto della Marina nel gruppo record NARA 80-G-K-3814


Una volta che Armitage è stato trasferito di nuovo ad ASTORIA, ha ricevuto dai suoi colleghi ufficiali una buona accoglienza per commemorare la sua avventura. A cena gli fu assegnata una "Croce di servizio estinta", una croce di grandi dimensioni su una catena. Gli hanno anche cantato la loro versione di una famosa melodia

Per Gerard Armitage, la giornata è stata ancora più memorabile per un'altra ragione per cui il Capitano dei Marines era stato riportato sano e salvo alla USS ASTORIA per il suo 24° compleanno.



Enterprise CV-6, Bunker Hill CV-17, Essex CV-9 e un CV non identificato in lontananza al centro a destra. La mia ipotesi migliore è Bennington CV-20, ma per ora conserverò quel processo di pensiero a meno che qualcuno non sia interessato. Incrociatori in primo piano sono Flint CL-97 e Miami CL-89 con USS Shannon DM-25 in corso al centro. Nota che Miami sta lanciando o recuperando il suo idrovolante di dritta.
-NOI. Foto della Marina nel gruppo record NARA 80-G-K-3816



Una vista più ravvicinata di Flint CL-97. La prua dell'Enterprise è a sinistra, Bunker Hill al centro e Essex CV-9 a destra.
-NOI. Foto della Marina nel gruppo record NARA 80-G-K-3813


Una vista più ravvicinata di Miami CL-89. Si noti che manca il suo Kingfisher di dritta, forse l'idrovolante visibile sopra la testa. Un'intrigante nota a margine è che l'unità aeronautica di Miami è stata responsabile della vista dall'alto della USS Randolph il giorno dopo che il suo Kamikaze ha colpito nella sua cuccetta l'11 marzo, rendendo del tutto possibile che queste foto mostrino quel volo in corso. L'ormeggio di Randolph sarebbe nella distanza centrale di questa fotografia e tutte le navi identificate erano presenti dalla mattina del 12 marzo, quindi tutto corrisponde bene.
-NOI. Foto della Marina nel gruppo record NARA 80-G-K-3812


DD-660 passa tra il fotografo e Bunker Hill CV-17. L'incrociatore a sinistra è Pasadena CL-65 o Springfield CL-66 e la USS Astoria CL-90 è parzialmente visibile al largo del quartiere portuale di Bunker Hill.
-NOI. Foto della Marina nel gruppo record NARA 80-G-K-3815



Prossimamente CAPITOLO 20: OPERAZIONE ICEBERG parte 1


CLICCA SULLE FOTO PER PASSARE AL CAPITOLO SUCCESSIVO

Fonti:

Aman, Giuseppe. Cavalcata dell'umorismo di Joey Fubar. Stampato a bordo della USS ASTORIA CL-90, 1945.

Dyer, George C., Vice Ammiraglio USN (in pensione) Interviste personali condotte da John T. Mason, Jr.
Annapolis, MD: 1970

Jones, Brent. Raccolta privata di foto e documenti.

MIGHTY NINETY: Crociera USS ASTORIA CL-90 libro. 1946.

Morison, Samuel Eliot. Storia delle operazioni navali degli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale Vol. XIII: La liberazione delle Filippine. Boston: Little, Brown and Company Inc., 1959.

Peddy, Jim. Raccolta di documenti privati.

Schnipper, Herman. Raccolta privata di foto e documenti.

Stafford, Edward P. La Grande E. New York, NY: Random House, Inc., 1962.

List of site sources >>>


Guarda il video: USS FLINT CL-97, T7 PREMIUM - Review Special World Of Warships (Gennaio 2022).