Popoli, Nazioni, Eventi

Elisabetta I e le località

Elisabetta I e le località

L'Inghilterra di Elisabetta era tutt'altro che unita. Oltre alle questioni religiose e finanziarie, i problemi locali dovevano diventare un problema. Mentre il Sud era ben rappresentato a Corte e nel Consiglio Privato, il Nord no. Ciò era destinato a provocare risentimento. Certamente, non tutte le aree erano uguali.

Nel 1585, ogni contea in Inghilterra era sotto l'autorità di un Lord tenente. Sarebbero stati appuntamenti reali (anche se artisti del calibro di William Cecil avrebbero avuto una grande influenza in questi). Lord Lieutenants era responsabile del mantenimento della sicurezza nella sua contea e doveva assicurarsi che le politiche militari del governo fossero attuate. Era improbabile che questi uomini provenissero dalla Contea che ora controllavano e questo di per sé era una potenziale fonte di turbamento. Nel 1573 il governo ordinò che ogni contea avesse una "banda addestrata", un gruppo di uomini che erano stati appositamente addestrati in materia militare. Queste bande sono state create come risposta diretta alla minaccia di invasione. Ogni uomo in una "banda addestrata" doveva essere esperto nell'equitazione e nell'uso di una varietà di armi. Il loro compito era "la difesa di sua Maestà, la sua corona e il regno, contro tutti i tentativi (di invasione), sia verso l'interno che verso l'esterno".

Tuttavia, vi fu una costante battaglia tra le località e Londra per quanto riguarda il costo delle "bande addestrate" e chi doveva pagarle. Erano considerati così importanti che le "Bande addestrate" potevano essere utilizzate solo in Inghilterra - nessuna di esse poteva essere utilizzata nella campagna olandese. Ma il costo della formazione e dell'equipaggiamento di questi uomini causò attrito tra le regioni e Londra. Un'altra fonte di problemi era "cappotto e condotta". Questo era il nome dato al processo di spostamento degli uomini allevati per l'esercito da una località in cui era basato l'esercito nazionale. 'Cappotto e condotta' è stato pagato a livello locale ma questo è stato rimborsato dallo Scacchiere. Tuttavia, questo potrebbe essere un processo molto lento e lasciare i locali fuori di tasca per qualche tempo. Queste stesse persone dovevano anche assicurarsi che l'arsenale locale fosse tenuto aggiornato. Le coste sulla costa erano responsabili del mantenimento delle difese costiere. Il costo di questo e il ritardo nel recupero dei soldi erano destinati a causare attrito.

Un altro problema che ha suscitato molto risentimento tra Londra e le zone costiere sono stati i maestri Muster. Questi erano ex militari che erano stati nominati dal governo centrale per assistere nella formazione degli uomini nelle regioni, ma i cui salari dovevano essere pagati dai residenti nelle zone nonostante il fatto che le zone non fossero responsabili della loro nomina. Poiché i maestri Muster erano responsabili dell'addestramento, le shire tendevano a ovviare al bisogno di loro inviando criminali e mendicanti all'esercito in modo che l'esercito prendesse i loro uomini, ma non quelli che erano stati addestrati. Ciò serviva a un duplice scopo: una contea raggiunse il suo requisito in termini di uomini inviati all'esercito e rimosse da una regione "indesiderabili". Tuttavia, l'intero processo ha fatto ben poco per sviluppare una relazione positiva tra le regioni e il governo centrale.

Mentre la Storia tende ad associare Ship Money a Carlo I, fu un'altra fonte di malcontento tra le coste costiere durante il regno di Elisabetta. Il denaro della nave veniva usato per modernizzare la marina o veniva pagato dalle coste costiere per garantire che le loro navi non fossero comandate durante le guerre. Ad ogni modo, erano soldi pagati all'interno di una contea che andava a Londra. L'estensione di Ship Money alle zone interne era destinata a provocare rabbia.

Negli ultimi anni del regno di Elisabetta, l'Inghilterra subì una serie di fallimenti del raccolto. Ciò ha reso molte persone povere ed è stata una causa di disordini sociali localizzati. Entro il 1600, si stima che il 10% della popolazione avesse bisogno di assistenza, fornita dal governo locale. Un ulteriore 33% aveva bisogno di un sollievo temporaneo. Il trattamento dei poveri era solo una delle uniche questioni che riunivano il governo locale, il governo centrale e la Corona in quanto si trattava di un problema che doveva essere affrontato. Man mano che il regno di Elisabetta progrediva, furono approvate un'intera serie di leggi che tentavano di aiutare i poveri ma punivano il minimo. La società nel suo insieme si rivolse a coloro che erano considerati inattivi, mendicanti o vagabondi. Dal 1572 in poi, la legislazione imponeva a tutti i proprietari di case di pagare un basso tasso, che era amministrato dai funzionari della parrocchia. Dopo il 1576, i JP erano tenuti a sviluppare programmi per assistere i poveri. Mentre sono stati fatti sforzi per aiutare i bisognosi, è vero il contrario per coloro che volevano semplicemente abusare della fiducia della società. Nel 1597 fu approvato un atto (Atto per il soccorso dei poveri) che costituiva un passo verso un sistema nazionale di scarso rilievo.

Il grande scontro tra località e Londra era finito per chi avrebbe dovuto pagare per cosa. La legislazione è stata approvata in Parlamento, ma è stato richiesto di raccogliere fondi nelle regioni. C'era un risentimento negli anni in cui avevano poco controllo su questo, tranne che attraverso i loro parlamentari che erano uomini "londinesi", vale a dire più fedeli al governo centrale che alle località che rappresentavano. Ciò era comprensibile come se questi parlamentari volessero avanzare se stessi, per compiacere l'influenza della Corte reale. Tuttavia, ciò ha fatto ben poco per aiutare la crisi rispetto ai problemi del governo centrale.