Podcast di storia

16 luglio 1940

16 luglio 1940


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

16 luglio 1940

Luglio

1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Germania

Hitler ordina che i piani per l'invasione della Gran Bretagna siano pronti entro la metà di agosto

Giappone

Il principe Konoye nominato primo ministro del Giappone



Eventi importanti da questo giorno nella storia 16 settembre

1928: L'uragano Okeechobee colpisce il lago Okeechobee, in Florida con venti di circa 140 mph, un grande argine si ruppe con l'inondazione risultante che ricoprì un'area di centinaia di miglia quadrate con acqua che in alcuni punti era profonda più di 20 piedi (6 m) e circa 2.500 persone annegate.

Originale a grandezza naturale qui:
http://en.wikipedia.org/wiki/Image:1928_Okeechobee_Aftermath_21.jpg

1931: Mentre la recessione mondiale continua, l'economia britannica sta andando al minimo storico con migliaia di navi che arrugginiscono nei porti perché non ci sono merci da esportare, il deficit di bilancio continua a crescere e attualmente si attesta a $ 600 milioni di deficit di bilancio quest'anno.

Originale a grandezza naturale qui:
http://en.wikipedia.org/wiki/Image:Hoooverville_williamette.jpg

1940: il presidente Franklin D. Roosevelt firma il Selective Training and Service Act, che richiede a tutti gli uomini di età compresa tra 21 e 30 anni di registrarsi presso le commissioni di leva locali (in seguito modificate in tra i 18 e i 45 anni), diventando la prima leva militare in tempo di pace in Storia degli Stati Uniti.

Originale a grandezza naturale qui:
http://en.wikipedia.org/wiki/Image:FDR_in_1933.jpg

16 settembre 1949: Il Census Bureau ha pubblicato gli ultimi dati per la popolazione degli Stati Uniti di 149.452.000 il 1 agosto, mostrando un aumento di 237.000 dal 1 luglio.

16 settembre 1951: Re Giorgio è ancora molto malato ed è stato ricoverato in ospedale per ulteriori cure speciali per una malattia polmonare.

Originale a grandezza naturale qui:
http://en.wikipedia.org/wiki/Image:King_George_VI_of_England,_formal_photo_portrait,_circa_1940-1946.jpg

16 settembre 1981: centinaia di manifestanti anti-nucleari hanno invaso di nuovo il reattore nucleare di Diablo Canyon in California, anche dopo i 560 arresti di ieri nella loro continua protesta e blocco del reattore, quando arrestati non oppongono alcuna resistenza si limitano a camminare verso la polizia in attesa e la manifestazione non permetteranno ai manifestanti violenti di entrare nelle loro file.

Originale a grandezza naturale qui:
http://en.wikipedia.org/wiki/Image:Diablo_canyon_nuclear_power_plant.jpg

16 settembre 2004: dopo aver colpito Grenada, Aruba, Giamaica e Cuba, l'uragano Ivan si schianta sulla costa del Golfo con un vento di 130 miglia orarie e una forte mareggiata uccidendo altre 43 persone negli Stati Uniti e causando gravi danni.

Originale a grandezza naturale qui:
http://en.wikipedia.org/wiki/Image: Grenada_ivan.jpg


La battaglia d'Inghilterra

Con la Francia conquistata, Hitler poteva ora rivolgere le sue forze all'unico nemico rimasto della Germania: la Gran Bretagna, che era protetta dal formidabile esercito tedesco dalle acque del Canale della Manica. Il 16 luglio 1940 Hitler emanò una direttiva che ordinava la preparazione e, se necessario, l'esecuzione di un piano per l'invasione della Gran Bretagna. Ma un'invasione anfibia della Gran Bretagna sarebbe possibile solo, data la grande marina britannica, se la Germania potesse stabilire il controllo dell'aria nella zona di battaglia. A tal fine, il capo della Luftwaffe, Göring, il 2 agosto emanò la direttiva "Eagle Day", stabilendo un piano di attacco in cui pochi massicci colpi dall'aria dovevano distruggere la potenza aerea britannica e aprire così la strada agli anfibi invasione, denominata Operazione "Leoni marini". La vittoria nella battaglia aerea per la Luftwaffe avrebbe infatti esposto la Gran Bretagna all'invasione e all'occupazione. La vittoria del Fighter Command della Royal Air Force (RAF) ha bloccato questa possibilità e, di fatto, ha creato le condizioni per la sopravvivenza della Gran Bretagna, per l'estensione della guerra e per l'eventuale sconfitta della Germania nazista.

Le forze impegnate nella battaglia erano relativamente piccole. Gli inglesi hanno disposto circa 600 combattenti in prima linea per difendere il paese. I tedeschi misero a disposizione circa 1.300 bombardieri e bombardieri in picchiata, e circa 900 caccia monomotore e 300 bimotore. Questi erano basati in un arco intorno all'Inghilterra dalla Norvegia alla penisola di Cherbourg nella Francia costiera settentrionale. I preliminari della Battaglia d'Inghilterra occuparono giugno e luglio 1940, il culmine agosto e settembre, e le conseguenze - il cosiddetto Blitz - l'inverno 1940-1941. Nella campagna, la Luftwaffe non aveva un piano d'azione sistematico o coerente: a volte cercò di stabilire un blocco con la distruzione delle navi e dei porti britannici, a volte, di distruggere il Fighter Command britannico con il combattimento e con il bombardamento di installazioni terrestri e talvolta, per cercare risultati strategici diretti attaccando Londra e altri centri popolosi di importanza industriale o politica. Gli inglesi, d'altra parte, si erano preparati per il tipo di battaglia che di fatto ebbe luogo. Il loro allarme radar tempestivo, il sistema più avanzato e più adattato dal punto di vista operativo al mondo, ha dato al Fighter Command un avviso adeguato su dove e quando dirigere le proprie forze di caccia per respingere i bombardamenti tedeschi. Lo Spitfire, inoltre, anche se ancora scarseggiava, era insuperato come intercettore da qualsiasi caccia in qualsiasi altra forza aerea.

Gli inglesi combatterono non solo con il vantaggio, per loro insolito, di un equipaggiamento superiore e di una mira indivisa, ma anche contro un nemico diviso nell'oggetto e condannato dalle circostanze e dalla mancanza di previdenza a combattere in svantaggio tattico. I bombardieri tedeschi non avevano la capacità di carico di bombe per sferrare colpi permanentemente devastanti e si dimostrarono anche, alla luce del giorno, facilmente vulnerabili agli Spitfire e agli uragani. Il radar della Gran Bretagna, inoltre, ha in gran parte impedito loro di sfruttare l'elemento sorpresa. I bombardieri in picchiata tedeschi erano ancora più vulnerabili all'essere abbattuti dai caccia britannici e la copertura dei caccia a lungo raggio era solo parzialmente disponibile dagli aerei da combattimento tedeschi, poiché questi ultimi operavano al limite del loro raggio di volo.

Gli attacchi aerei tedeschi iniziarono su porti e aeroporti lungo la Manica, dove furono bombardati i convogli e si unì alla battaglia aerea. Nel giugno e luglio 1940, mentre i tedeschi ridistribuivano gradualmente le loro forze, la battaglia aerea si spostò nell'entroterra sull'interno della Gran Bretagna. L'8 agosto iniziò la fase intensiva, quando i tedeschi lanciarono bombardamenti che coinvolgevano fino a quasi 1.500 aerei al giorno e li diressero contro gli aeroporti e le stazioni radar britanniche. In quattro azioni, l'8, 11, 12 e 13 agosto, i tedeschi persero 145 aerei contro la perdita britannica di 88. Alla fine di agosto i tedeschi avevano perso più di 600 aerei, la RAF solo 260, ma la RAF stava perdendo caccia disperatamente necessari e piloti esperti a un ritmo troppo grande, e la sua efficacia è stata ulteriormente ostacolata dai danni dei bombardamenti alle stazioni radar. All'inizio di settembre gli inglesi reagirono lanciando inaspettatamente un bombardamento su Berlino, che fece infuriare così tanto Hitler che ordinò alla Luftwaffe di spostare i suoi attacchi dalle installazioni del Fighter Command a Londra e in altre città. Questi assalti a Londra, Coventry, Liverpool e altre città continuarono senza sosta per diversi mesi. Ma già il 15 settembre, giorno in cui gli inglesi credevano, anche se erroneamente, di aver ottenuto il loro più grande successo distruggendo 185 aerei tedeschi, il Fighter Command aveva dimostrato alla Luftwaffe che non poteva ottenere il sopravvento aereo sulla Gran Bretagna. Questo perché i caccia britannici stavano semplicemente abbattendo i bombardieri tedeschi più velocemente di quanto l'industria tedesca potesse produrli. La battaglia d'Inghilterra fu così vinta e l'invasione dell'Inghilterra fu posticipata a tempo indeterminato da Hitler. Gli inglesi avevano perso più di 900 caccia ma avevano abbattuto circa 1.700 aerei tedeschi.

Durante l'inverno successivo, la Luftwaffe mantenne un'offensiva di bombardamenti, effettuando attacchi notturni sulle città più grandi della Gran Bretagna. Nel febbraio 1941 l'offensiva era diminuita, ma in marzo e aprile ci fu una ripresa e furono effettuate quasi 10.000 sortite, con pesanti attacchi a Londra. Da allora in poi le operazioni aeree strategiche tedesche sull'Inghilterra appassirono.


16 luglio 1940 - Storia

LA PROVA DELLA TRINITÀ
(Sito del Trinity Test, 16 luglio 1945)
Eventi > L'alba dell'era atomica, 1945

  • La guerra entra nella sua fase finale, 1945
  • Dibattito su come usare la bomba, tarda primavera 1945
  • Il Trinity Test, 16 luglio 1945
  • Sicurezza e Trinity Test, luglio 1945
  • Valutazioni di Trinity, luglio 1945
  • Potsdam e la decisione finale di bombardare, luglio 1945
  • Il bombardamento atomico di Hiroshima, 6 agosto 1945
  • Il bombardamento atomico di Nagasaki, 9 agosto 1945
  • La resa del Giappone, 10-15 agosto 1945
  • Il progetto Manhattan e la seconda guerra mondiale, 1939-1945

Fino a quando la bomba atomica non fosse stata testata, rimarrebbero dubbi sulla sua efficacia. Il mondo non aveva mai visto un'esplosione nucleare prima e le stime variavano ampiamente su quanta energia sarebbe stata rilasciata. Alcuni scienziati a Los Alamos continuava in privato a dubitare che avrebbe funzionato. C'era solo abbastanza uranio per armi disponibile per una bomba, e la fiducia nel design a pistola era alto, quindi il 14 luglio 1945, la maggior parte della bomba all'uranio ("Little Boy") iniziò il suo viaggio verso ovest verso il Pacifico senza che il suo progetto fosse mai stato completamente testato. Tuttavia, un test della bomba al plutonio sembrava vitale, sia per confermare il suo romanzo implosione progettare e raccogliere dati sulle esplosioni nucleari in generale. Diverse bombe al plutonio erano ora "in cantiere" e sarebbero state disponibili nelle prossime settimane e mesi. Si è quindi deciso di testare uno di questi.

Robert Oppenheimer ha scelto di intitolare questo test "Trinity", un nome ispirato alle poesie di John Donne. Il sito scelto era un angolo remoto del campo di bombardamento di Alamagordo noto come "Jornada del Muerto" o "Viaggio della morte", 210 miglia a sud di Los Alamos. L'elaborata strumentazione che circonda il sito è stata testata con un'esplosione di una grande quantità di esplosivi convenzionali il 7 maggio. I preparativi sono proseguiti per tutto maggio e giugno e sono stati completati all'inizio di luglio. Tre bunker di osservazione situati a 10.000 iarde a nord, ovest e sud (a destra) della torre di fuoco a Ground Zero tenteranno di misurare gli aspetti chiave della reazione. Nello specifico, gli scienziati proverebbero a determinare la simmetria dell'implosione e la quantità di energia rilasciata. Verrebbero effettuate misurazioni aggiuntive per determinare le stime dei danni e l'attrezzatura registrerebbe il comportamento del bolide. La preoccupazione più grande era controllo della radioattività che il dispositivo di prova rilascerebbe. Non del tutto contento di affidarsi alle condizioni meteorologiche favorevoli per trasportare la radioattività nell'alta atmosfera, l'esercito era pronto a evacuare le persone nelle aree circostanti.

Il 12 luglio, il nucleo di plutonio è stato portato nell'area di prova in una berlina dell'esercito (a sinistra). I componenti non nucleari sono partiti per il sito di test alle 00:01 di venerdì 13. Nella giornata del 13 si è svolta l'assemblea finale del "Gadget" (così è stato soprannominato) nella casa del ranch McDonald. Entro le 17:00 il 15, il dispositivo era stato assemblato e issato in cima alla torre di fuoco di 100 piedi. Leslie Groves, Vannevar Bush, James Conant, Ernest Lawrence, Thomas Farrel, James Chadwick, e altri sono arrivati ​​nell'area di prova, dove pioveva a dirotto. Groves e Oppenheimer, in piedi al bunker di controllo S-10,000, hanno discusso cosa fare se il tempo non si è rotto in tempo per il test programmato delle 4:00. Per rompere la tensione, Fermi iniziò a offrire a chiunque ascoltasse una scommessa su "se la bomba avrebbe acceso o meno l'atmosfera e, in tal caso, se avrebbe semplicemente distrutto il New Mexico o distrutto il mondo". Lo stesso Oppenheimer aveva scommesso dieci dollari contro l'intero mese di paga di George Kistiakowsky che la bomba non avrebbe funzionato affatto. Nel frattempo, Edward Teller stava rendendo tutti nervosi applicando quantità generose di crema solare nell'oscurità prima dell'alba e offrendo di passarla in giro. Alle 3:30, Groves e Oppenheimer hanno riportato il tempo alle 5:30. Alle 4:00 ha smesso di piovere. Kistiakowsky e la sua squadra hanno armato il dispositivo poco dopo le 5:00 e si sono ritirati a S-10.000. In accordo con la sua politica secondo cui ciascuno osserva da luoghi diversi in caso di incidente, Groves lasciò Oppenheimer e si unì a Bush e Conant al campo base. Quelli nei rifugi hanno sentito il conto alla rovescia attraverso il sistema di diffusione sonora, mentre gli osservatori al campo base lo hanno raccolto su un segnale radio FM.

Durante gli ultimi secondi, la maggior parte degli osservatori si è sdraiata a terra con i piedi rivolti verso il sito della Trinità e ha semplicemente aspettato. Mentre il conto alla rovescia si avvicinava a un minuto, Isidore Rabi disse all'uomo sdraiato accanto a lui, Kenneth Griesen, "Non sei nervoso?" "No" è stata la risposta di Griesen. Come scrisse in seguito Groves, "Mentre giacevo lì negli ultimi secondi, pensavo solo a cosa avrei fatto se il conto alla rovescia fosse arrivato a zero e non fosse successo nulla". Conant ha detto che non avrebbe mai immaginato che i secondi potessero essere così lunghi. Quando il conto alla rovescia ha raggiunto i 10 secondi, Griesen ha improvvisamente sbottato al suo vicino Rabi: "Ora ho paura". Tre, due, uno e Sam Allison gridò: "Ora!"

Alle 5:30 precise di lunedì 16 luglio 1945 iniziò l'era nucleare. Mentre i membri dello staff del Manhattan Project osservavano con ansia, il dispositivo è esploso nel deserto del New Mexico, vaporizzando la torre e trasformando l'asfalto intorno alla base della torre in sabbia verde. Pochi secondi dopo l'esplosione è arrivato un enorme raffica onda e calore bruciando attraverso il deserto. Nessuno poteva vedere il radiazione generato dall'esplosione, ma tutti sapevano che era lì. Il container d'acciaio "Jumbo", del peso di oltre 200 tonnellate e trasportato nel deserto solo per essere eliminato dal test, è stato socchiuso anche se si trovava a mezzo miglio da ground zero. Mentre la palla di fuoco arancione e gialla si allungava e si allargava, una seconda colonna, più stretta della prima, si alzava e si appiattiva a forma di fungo, fornendo così all'era atomica un'immagine visiva che è stata impressa nella coscienza umana come simbolo di potere e terribile distruzione.

Le reazioni immediate più comuni all'esplosione sono state sorpresa, gioia e sollievo. Lawrence stava uscendo dalla sua macchina quando, nelle sue parole, tutto è andato "dall'oscurità al sole splendente in un istante" ed è stato "momentaneamente stordito dalla sorpresa". (Clicca qui per leggere i pensieri di Lawrence sul test Trinity.) Si udì un militare esclamare: "I capelli lunghi si sono lasciati scappare!" Hans Bethe, che stava guardando direttamente l'esplosione, è rimasto completamente accecato per quasi mezzo minuto. Norris Bradbury riferì che "la bomba atomica non rientrava in alcun preconcetto posseduto da nessuno". L'onda d'urto ha scaraventato a terra Kistiakowsky (che si trovava a più di cinque miglia di distanza). Si alzò velocemente in piedi e diede una pacca sulla schiena a Oppenheimer, dicendo: "Oppie, mi devi dieci dollari". Il fisico Victor Weisskopf ha riferito che "il nostro primo sentimento è stato di euforia". La parola usata da Isidor Rabi era "esultante". In pochi minuti, Rabi stava passando una bottiglia di whisky. Al campo base, Bush, Conant e Groves si strinsero la mano. Rabi ha riferito di aver visto Oppenheimer arrivare al campo base dopo il test:

Quando si incontrarono, Groves disse a Oppenheimer: "Sono orgoglioso di te". L'assistente di Groves, Thomas Farrell, fece notare al suo capo che "la guerra è finita", al che Groves rispose: "Sì, dopo che avremo sganciato due bombe sul Giappone". (Clicca qui per leggere le osservazioni di Groves sul test Trinity [pdf].) Probabilmente la risposta più banale di tutte fu quella di Fermi: aveva calcolato in anticipo fino a che punto l'onda d'urto avrebbe spostato i piccoli pezzi di carta rilasciati al suo interno. Circa 40 secondi dopo l'esplosione, Fermi si alzò, sparpagliò nel vento atomico i suoi fogli di carta preparati in anticipo e stimò dalla loro deviazione che il test aveva rilasciato energia equivalente a 10.000 tonnellate di tritolo. Il risultato effettivo come fu calcolato alla fine - 21.000 tonnellate (21 chilotoni) - era più del doppio di quello che Fermi aveva stimato con questo esperimento e quattro volte quanto era stato previsto dalla maggior parte a Los Alamos.

Ben presto lo shock e l'euforia lasciarono il posto a riflessioni più sobrie. Rabi ha riferito che dopo l'iniziale euforia, un brivido ha presto preso il sopravvento sui presenti. Il direttore del test, Kenneth Bainbridge, ha definito l'esplosione una "manifestazione orribile e impressionante" e ha osservato a Oppenheimer: "Ora siamo tutti figli di puttana". Le espressioni di orrore e rimorso sono particolarmente comuni negli scritti successivi di coloro che erano presenti. Oppenheimer scrisse che l'esperienza richiamò alla sua mente la leggenda di Prometeo, punito da Zeus per aver dato fuoco all'uomo, e disse anche che pensò fugacemente alla vana speranza di Alfred Nobel che la dinamite avrebbe posto fine alle guerre. Più famoso, Oppenheimer ricordò in seguito che l'esplosione gli aveva ricordato un verso del testo sacro indù, il Bhagavad Gita: "Ora sono diventato la Morte, il distruttore di mondi." Il terrificante potere distruttivo delle armi atomiche e gli usi a cui potrebbero essere usate avrebbero perseguitato molti dei Scienziati del Progetto Manhattan per il resto della loro vita.

Il successo del test Trinity significava che entrambi i tipi di bombe - il design all'uranio, non testato ma ritenuto affidabile, e il design al plutonio, che era appena stato testato con successo - erano ora disponibili per l'uso nella guerra contro il Giappone. Little Boy, la bomba all'uranio, è stata lanciata per prima a Hiroshima il 6 agosto, mentre l'arma al plutonio, Fat Man, seguì tre giorni dopo a Nagasaki il 9 agosto. In pochi giorni, Il Giappone si è offerto di arrendersi.

  • La guerra entra nella sua fase finale, 1945
  • Dibattito su come usare la bomba, tarda primavera 1945
  • Il Trinity Test, 16 luglio 1945
  • Sicurezza e Trinity Test, luglio 1945
  • Valutazioni di Trinity, luglio 1945
  • Potsdam e la decisione finale di bombardare, luglio 1945
  • Il bombardamento atomico di Hiroshima, 6 agosto 1945
  • Il bombardamento atomico di Nagasaki, 9 agosto 1945
  • La resa del Giappone, 10-15 agosto 1945
  • Il progetto Manhattan e la seconda guerra mondiale, 1939-1945

Precedente Prossimo


Sei nato su a il sabato

Il 16 luglio 1960 era il 28° sabato di quell'anno. Era anche il 198° giorno e il 7° mese del 1960 nel calendario georgiano. La prossima volta che potrai riutilizzare il calendario del 1960 sarà nel 2044. Entrambi i calendari saranno esattamente gli stessi.

Ci sono rimasti prima del tuo prossimo compleanno. Il tuo 61° compleanno sarà di domenica e il compleanno successivo sarà di sabato. Il timer qui sotto è un conto alla rovescia per il tuo prossimo compleanno. È sempre preciso e viene aggiornato automaticamente.

Il tuo prossimo compleanno è di domenica


16 luglio 1940 - Storia

Il secondo impegno in Normandia in cui i soldati della 59a divisione dovevano svolgere un ruolo era noto come ‘Operazione Melograno’. Accoppiato con ‘Operazione Greenline’ del 15-17 luglio, ‘Melograno’ faceva parte di un'azione che la storia ricorda come ‘La seconda battaglia dell'Odon’.

Poiché l'obiettivo del D-Day di Caen sfuggiva alle forze britanniche e canadesi il 6 giugno, gli sforzi alleati si spostarono a sud-ovest della città, iniziando il 7 giugno con l'operazione Perch, un'azione combinata di accerchiamento della capitale normanna. da est a ovest rispettivamente dal I Corpo e dal XXX Corpo. L'attacco del I Corpo è stato fermato dalla 21st Divisione Panzer, mentre l'assalto del XXX Corpo ha vacillato a Tilly-sur-Seulles di fronte alla Divisione Panzer-Lehr.

Nella settimana dal 7 al 14 giugno il XXX Corpo tentò di aggirare le difese della Divisione Panzer-Lehr e così facendo catturò Villers-Bocage a ovest di Caen. Più tardi nell'azione, il 17 giugno, Tilly-sur-Seulles fu presa mentre la Divisione Panzer-Lehr fu nuovamente respinta.

Un'ulteriore azione offensiva è stata ritardata dal maltempo, quando una forte tempesta è scoppiata il 19 giugno e ha ostacolato ogni ulteriore operazione per diversi giorni.

Il 25 giugno si aprì l'operazione Martlet 8217 che mirava a mettere in sicurezza il fianco sinistro dell'VIII Corpo che aveva ricevuto l'ordine di avanzare verso sud sul fianco sinistro del XXX Corpo il 26 giugno. L'azione dal 26 al 29 giugno fu in seguito designata come ‘La prima battaglia dell'Odon’, ma è forse meglio conosciuta dagli storici come ‘Operazione Epsom’ che ebbe l'esito previsto di uno scoppio della testa di ponte dell'Orne a ovest di Caen attraversando i fiumi Odon e Orne e assicurando l'obiettivo delle alture intorno a Bretteville-sur-Laize.

L'evasione pianificata fallì a causa della determinata resistenza tedesca e l'operazione offensiva fu interrotta intorno all'altura della collina 112. Tuttavia, ‘Epsom’ fu un successo parziale in quanto l'esercito tedesco fu costretto a impegnare le forze di riserva, appena arrivate in Normandia, ai combattimenti. Queste unità di riserva avevano lo scopo di impegnare posizioni alleate lontano da Caen nelle vicinanze di Bayeux. Mentre si trovava a ovest di Caen, ben lontano dall'avanzata delle forze statunitensi, molti danni furono inflitti all'armatura pesante tedesca da intense sortite della RAF sul campo di battaglia.

La seconda battaglia dell'Odon iniziò alle 9.30 della sera del 15 luglio quando, sotto l'illuminazione del cosiddetto ‘Monty’s Moonlight’ (fasci di riflettori riflessi dalla parte inferiore della bassa copertura nuvolosa per illuminare campo di battaglia), fu lanciata l'operazione Greenline.

In questa azione, una 15a divisione (scozzese) rinforzata, la 43a divisione di fanteria (Wessex) e due brigate della 53a divisione di fanteria (gallese) dovevano proteggere le alture della collina 112 e forzare l'avanzata su Auray-sur-Odon a sud di Villers-Bocage o meglio ancora Thury Harcourt a sud-est, se l'azione dovesse sfociare in una ritirata tedesca.

A partire dal 16 luglio Operazione Melograno a ovest del piano Greenline, il XXX Corpo si è formato con un attacco della 49a divisione di fanteria (West Riding) sul fianco destro, la 59a divisione di nuovo al centro con la 53a divisione (gallese) sul la sinistra.

Nella battaglia che ne seguì, il piano prevedeva che il 49° prendesse Vendes e l'area circostante, il 59° per catturare Noyers-Bocage, Haut des Forges e Landelle. Il ruolo del 53° (gallese) era quello di sfruttare ogni opportunità per spostarsi su Villers-Bocage a sud.


Perché Hitler sta vincendo?

A partire dal Azione del lavoro, vol. 4 n. 14, 15 luglio 1940, p.ك.
Trascritto e contrassegnato da Einde O’Callaghan per il Enciclopedia del trotskismo in linea (ETOL).

Fortuna La rivista analizza l'economia di guerra degli alleati e giunge alla conclusione che il capitalismo americano non può vincere una guerra totalitaria senza diventare esso stesso totalitario

Come è successo? E cosa deve fare il capitalismo americano per evitare che si ripeta tra qualche anno da queste parti?

Queste sono le domande Fortuna, l'house organ da dollaro a copia del big business americano, risponde in un articolo autorevole e di enorme interesse nel suo numero attuale.

Fortuna esamina in modo molto dettagliato l'economia di guerra creata dalle democrazie e giunge a conclusioni su questo paese che normalmente non vengono pubblicate sulla stampa pubblica. Ma parlando a un pubblico da un dollaro a copia, i redattori di Fortuna senza dubbio sentivano che potevano essere realistici e franchi.
 

Imperi in bancarotta

La scoperta più notevole di FortunaGli editori di ’s è che gli imperi britannico e francese non si pagano più a modo loro. Vivono del capitale accumulato come una coppia di signore anziane che devono investire un po' nei loro risparmi ogni anno per andare avanti. o come Fortuna afferma, dopo aver presentato un'analisi dettagliata delle bilance dei pagamenti internazionali degli imperi per il prospero anno 1937:

“Sul lato merceologico del libro mastro internazionale, importano molto di più di quanto esportano che l'enorme reddito derivante dai loro servizi – interessi e dividendi dai loro 26 miliardi di dollari di investimenti esteri, dalle loro spedizioni, dalla spesa turistica all'interno dei loro confini , dalle commissioni bancarie maturate a Londra e Parigi come capitali finanziarie – non possono fare la differenza.”

La Francia e il suo impero hanno chiuso l'anno in rosso con 164.000.000 di dollari. L'unica parte dell'Impero britannico che ha prodotto più di quanto ha ricevuto è stato il Canada, ed è stata solo l'enorme produzione di oro del Sud Africa e del Canada ($ 675.000.000 nel 1937) che ha permesso all'Impero di riportare i suoi libri in un grosso equilibrio alla fine del l'anno.
 

Perché gli alleati hanno perso?

Ma questo fallimento economico dei due imperi era un fattore a lungo termine, non una debolezza immediatamente pericolosa. Avrebbero potuto vincere la guerra nonostante ciò. E tutti si aspettavano che lo facessero. Fortuna mostra che le democrazie sono entrate in guerra con adeguate forniture all'interno dei propri imperi di ciascuna di una lista di venti materie prime strategiche tranne una, vale a dire il petrolio, che non hanno avuto problemi a trovare sul mercato mondiale. La Germania aveva quantità considerevoli di soli cinque – acciaio, carbone, zucchero, zinco e potassa. Le democrazie, inoltre, avevano una cassa di guerra combinata, in riserve auree e investimenti esteri, di non meno di 37 miliardi di dollari a fronte di una Germania spogliata dallo sforzo di riarmo di quasi tutte le sue riserve auree e liquide, e bloccata dalla maggior parte del mondo mercato dalla flotta britannica.

Perché, allora, gli Alleati hanno fallito? Fortuna risponde abbastanza francamente: perché non avevano regimi totalitari che abbassavano i salari, sfasciavano i sindacati, organizzavano la produzione nazionale senza prestare troppa attenzione agli interessi della proprietà privata, e generalmente trasformavano la nazione in un campo di baracche. I nazisti costruirono questa sorta di macchina da guerra e vinsero la guerra.
 

La scelta per il capitalismo statunitense

Dal suo studio dell'esperienza alleata. Fortuna conclude che l'unico modo in cui un'America capitalista e nessun altro tipo di America è, ovviamente, considerata dagli editori di Fortuna – può vincere la sua prossima lotta contro l'imperialismo nazista sarà diventare lo stesso tipo di società totalitaria che esiste in Germania. FortunaLe conclusioni di ’ possono essere riassunte in quattro proposizioni:

  1. La guerra non è più un incidente, un episodio, ma parte integrante dell'ordine mondiale esistente (“È nella natura delle democrazie considerare la guerra come qualcosa a parte. Il fatto è che, indipendentemente dalla direzione delle istituzioni democratiche, la guerra è una fase ricorrente dell'esistenza democratica.”)
     
  2. Il tipo di Wehrwirtschaft (“war economy”) che i nazisti hanno creato è qualcosa di molto diverso dal tipo di dittature di emergenza in tempo di guerra (piani del M-Day, ecc.) messe in atto dalle democrazie. (“Così la Francia è entrata in guerra sotto quelli che sono generalmente descritti come controlli totalitari. Eppure lo stato non si è realmente preso il controllo. Ha semplicemente stabilito i suoi funzionari e ufficiali militari all'interno dell'economia normale, che era ancora gestita più o meno dagli stessi padroni .”)
     
  3. Questo Wehrwirtschaft è una proposta totalitaria, che governa l'intera economia nazionale (affari così come il lavoro) nell'interesse dei preparativi di guerra e solo in quell'interesse. (“In un'economia di guerra, il governo prende le decisioni. Comanda l'anima di un uomo e il suo lavoro e raziona il suo pane. Il governo fissa salari, prezzi e profitti. E attraverso la sua leva sul reddito nazionale, può spremere l'economia nella forma che desidera, spostando così la capacità produttiva di una nazione dal consumo ai beni di guerra.
     
  4. E infine, affinché non ci siano illusioni sulla natura di questa sorta di “economia di guerra” che Fortuna vede come l'unico modo possibile per il capitalismo americano di resistere a Hitler, c'è questo avvertimento: “I nostri statisti stanno ingannando se stessi e stanno ingannando noi quando, con frasi tagliate alle urne, dicono che una nazione può essere preparata a combattere una guerra efficiente senza toccare i guadagni sociali duramente acquistati

Cioè, gli editori di Fortuna educatamente chiamare il presidente Roosevelt un bugiardo.


Il magnifico motore V-16 di Cadillac: storia, foto, specifiche

Alla fine degli anni '20, le case automobilistiche stavano cercando di rendere i loro prodotti più potenti. Le auto di lusso stavano diventando più grandi e più opulente, le autostrade ad alta velocità si stavano aprendo e gli automobilisti volevano guidare più velocemente. Cadillac, già affermato come marchio di lusso, utilizzava motori V-8 dal 1915, infatti, è stata la prima casa automobilistica a mettere in campo un V-8 prodotto in serie di successo. L'azienda aveva appena presentato il suo ultimo V-8 per la Serie 341 del 1929, un motore da 5,6 litri (341 pollici cubici) che erogava una robusta potenza di 90 cavalli, e aveva un motore da 5,8 litri (353 cid) da 95 CV nel lavori.

Tuttavia, il V-8 non era abbastanza per quello che Cadillac sarebbe arrivato per il 1930: un modello di punta che era un piede più lungo e più pesante di mezza tonnellata e, secondo le stime dell'ingegnere capo William Strickland, avrebbe richiesto almeno il 40% di potenza aumento.

Più cilindri = più potenza

Cadillac ha preso in considerazione diverse opzioni per aumentare la potenza. I compressori erano visti come accessori da corsa troppo capricciosi. L'aggiunta di una quarta marcia alla trasmissione non produrrebbe abbastanza di un aumento nel mondo reale. Gli ingegneri di Cadillac avevano sperimentato diverse disposizioni di valvole e testate, ma hanno scoperto che non potevano aumentare la pressione media effettiva del motore senza sacrificare la raffinatezza a basso numero di giri.

L'ingrandimento del V-8 ha presentato diversi problemi. Mantenere il motore fresco era uno, e la morbidezza era un altro: Duesenberg stava ottenendo una potenza impressionante dal suo otto cilindri in linea, ma Strickland non pensava che fornisse la raffinatezza attesa dalla clientela di Cadillac. Inoltre, un V-8 più potente richiederebbe una nuova trasmissione e un nuovo assale posteriore. Cadillac aveva appena presentato la sua nuova trasmissione sincronizzata innovativa per il 1929, ed era preoccupata per i problemi di affidabilità e raffinatezza con un nuovo cambio.

La risposta era aggiungere più cilindri, molto di più. Raddoppiare il numero di pistoni significava che Cadillac poteva ottenere la potenza di cui aveva bisogno con una cilindrata per cilindro più piccola rispetto al V-8. Diminuendo l'alesaggio e la corsa consentirebbe l'uso di pistoni e bielle più piccoli e leggeri, che a loro volta ridurrebbero le vibrazioni e le sollecitazioni interne, contribuendo a garantire un motore di lunga durata. Meglio ancora, dal punto di vista dei costi, le caratteristiche di coppia del V-16 significavano che il motore poteva essere abbinato alla trasmissione e all'asse motore esistenti di Cadillac.

Cadillac intendeva il V-16 come un motore di fascia alta per un'auto halo e, come molte altre case automobilistiche di lusso, stava anche sviluppando un motore a dodici cilindri da introdurre un anno dopo. Il V-12 aveva un alesaggio del cilindro più grande del V-16, ma condivideva molto in termini di parti e tecnologia con il motore più grande. E il V-12 serviva a un altro scopo: le indiscrezioni di stampa al riguardo hanno aiutato a mantenere il V-16 un segreto, non solo per il pubblico, ma anche per il personale e i fornitori di GM di livello inferiore. Molti dei progetti sono stati timbrati con "Bus" o "Coach", portando alla speculazione che Cadillac stava facendo lavori di ingegneria per altre divisioni della General Motors. Quando Cadillac lanciò il blitz pubblicitario V-16 nel dicembre 1929, il pubblico e la stampa furono completamente colti di sorpresa.

Una grande macchina nuova per il nuovo grande motore V-16 di Cadillac

Questo mostro di motore è stato montato su un mostro di macchina. Il nuovo modello, chiamato V-16, aveva un passo di 148 pollici (per fare un confronto, il passo della Chevrolet Suburban nuovo per il 2021 è di 134,1 pollici), che è stato successivamente esteso a 154". L'auto aveva un sincronizzato a tre velocità transmission with a larger-diameter clutch than the V-8 cars. The mechanical brakes were cable-operated and aided by a vacuum booster. (General Motors would not switch to hydraulic brakes until later in the 1930s.) Prices started at $5,350 (about $82,000 in 2020 dollars) and could exceed $9,000 ($138,000).

The V-16 engine itself was an overhead-valve unit displacing 7.4 liters (452 cid) with a 3-inch bore and a 4-inch stroke. The 45-degree vee angle was chosen for chassis fit and serviceability. Engine structures at the time were usually multi-piece affairs, and the V-16 consisted of two V-8 cylinder blocks bolted to an aluminum-alloy crankcase. Cadillac had avoided straight-eight engines because of the concerns about harmonic vibrations with a long crankshaft, but the small bore meant the V-16 was reasonably compact—its five-bearing crank was actually slightly shorter than that of the contemporary Pierce-Arrow V-12. (Cadillac fitted a leaf-spring-type harmonic balancer, just in case.) Each bank had its own single-barrel updraft carburetor. The engine's aesthetics were as impressive as its engineering. All plumbing and wiring were concealed, and the engines were painted with black enamel trimmed with chrome and polished aluminum.

The engine was rated at 165 horsepower at 3,400 rpm, and was designed to operate reliably at the then-heady speed of 4,000 rpm. The V-16 developed 300 lb-ft of torque at idle, peak torque of 320 lb-ft @ 1,400 rpm, and more than 300 lb-ft from 400 rpm to 2,000 rpm. One British magazine found that the car could be shifted into top gear at 2.5 MPH and accelerated smoothly to top speed—which, depending on the gearing and body fitted, ranged from 84 to 91 mph, with roadster bodies reportedly topping 100 mph.

V-16 Power Requires Cadillac Refinement

The Cadillac V-16's best attribute wasn't so much power as it was refinement. Valvetrain noise was the biggest issue with overhead-valve engines, so Cadillac developed an industry-first hydraulic lash adjuster (though of a different sort than the hydraulic tappets common today). According to Cadillac, the engine was so smooth and quiet that at idle you could hear the clicking of the ignition points in the distributor. Reviewers marveled at the car's speed, serenity, and smoothness. In terms of performance, the Duesenberg Model J was the only contemporary car that could top it, and the Duesey achieved its superior speeds at the expense of inferior refinement.

For a halo car, sales were surprisingly strong. Cars were in dealerships by the spring of 1930, and in the first two months of sale the V-16 cars accounted for some 20 percent of Cadillac's sales, far more than GM expected. But the Great Depression was taking hold, and the introduction of the 135-hp V-12 engine in 1931, fitted to a smaller chassis, impacted V-16 sales. Cadillac sold 2,887 V-16 cars for 1930, but only 750 in 1931, more than half of which were leftover 1930s—only 364 V-16s were produced in 1931. Sales continued to drop, with only 212 cars built between 1935 and 1937. (The V-16 car was renamed Series 90 in 1936.) In 1937, the V-12 engine outsold the V-16 10 to 1. Cadillac made few changes to the engine in this period, upping horsepower to 185 in 1934, with the V-12 increasing to 150 hp the same year.

Surprise, Surprise: A New V-16 for 1938

With sales down to a trickle, it was expected that Cadillac would kill the V-16 engine, but instead the company shocked the industry by introducing a new version in 1938. This was a completely different engine with a 135-degree angle between the cylinder banks, so wide that the engine looked more like a flat-16 than a V-16. Bore and stroke were both 3.25 inches, resulting in a displacement of 7.1 liters (431 cid). The crankshaft now had nine main bearings, and instead of overhead valves it used a flathead arrangement. The new engine was 250 lb lighter, six inches shorter front-to-back, and a whopping 13 inches lower from top to bottom, a boon to the lower hood lines then coming into vogue. Though its maximum engine speed was lower, it produced the same 185 horsepower as its predecessor and featured the same silent, smooth operation. The new V-16 could easily propel the Series 90 to speeds in excess of 100 mph.

Aesthetically, the engine was short and squat and fell far short of the beauty of the 452. Whereas the older V-16 had most of its wiring and plumbing concealed, the new V-16 did away with such frivolities, which was one of many changes intended to make the engine cheaper to produce and easier to service. This has led many collectors to deem the flathead engine inferior to the overhead valve engine, though it greatly improved acceleration.

Cadillac produced the new engine for the 1938, '39, and '40 model years, but only sold 508. Production of both the car and the engine ceased in December 1939.

The V-16 Lives On in the New Millennium

As it happens, the 431 was not the last Cadillac V-16. At the 2003 New York International Auto Show, Cadillac unveiled the gigantic Sixteen concept car, powered by a 13.6-liter naturally-aspirated V-16 engine said to produce 1,000 horsepower and 1,000 lb-ft of torque. The concept was drivable in fact our sister publication MotorTrend reviewed it and James May drove it on Top Gear (Season 2, Episode 10). Cadillac apparently had intended a production version, but it was scuttled by the 2008 bankruptcy.

Today, the original Cadillac V-16 remains a highly sought-after collectible and one of the most revered American cars of its era. It has been argued that the V-16 was not a success, as sales were limited and Cadillac reportedly lost money on every one it built. Even so, the V-16—car and engine—was a triumph that solidified Cadillac's reputation as one of the world's finest motor cars and a true Standard of the World, a reputation that would remain largely untarnished until the 1980s.


1950s Music: What Songs Were Most Popular?

The world audience for music in the 1950s was the largest in history and showed every sign of growing even larger. Musicians of reputation were in such demand that they could have been performing every day of the year. Traditional seasonal patterns had disappeared.

In the U.S., music was everywhere, from Muzak to an unaccompanied violin in the restaurant. There was an audience for everything.

From Elvis Presley and Pablo Casals, Andre Kostelanetz and Otto Klemperer, folk singer and the Saint Matthew Passion.

There was a noticeable broadening of the taste of concertgoers.

Rock and Roll was just in its infancy, but LOTS of it was created. I’m always amazed at how many great songs were made in the 50s that I’ve never heard before.

Share your love for 1950s Music: What Songs Were Most Popular?

Classical music was still very popular. Blues, swing and jazz were easily accessible. It was truly the convergence of the future and the past because the Sixties changed everything permanently.

But do you really know who ruled the charts in the 1950s? I bet you haven’t heard most of these songs. It’s amazing what we think was popular back then and what actually was popular in the 50s.

It makes me wonder what’s going to be popular in the future that isn’t popular now!

Names like Patti Page, Perry Como and Nat King Cole carry over from the 40s. Rosemary Clooney had a good run, as did Tony Bennett. In the early 50s, the crooners perfected their trade.

But when Elvis came in everything changed. Not only did he completely dominate sales, but pop music from then on was completely different. Guitars, screaming, hip shaking music was topping the charts and the old folks were left wondering what the hell just happened.

Some quick notes: It’s kinda hard to believe All I Have To Do Is Dream gets overtaken by Purple People Eater in 1958. Mr. Blue by The Fleetwoods is a great song. Unchained Melody (1955) and Sleep Walk (1959) are also two of my personal favorites in this list.


16 July 1940 - History

TEXT OF PART V OF SUBTITLE A (3001 ET SEQ.), EFFECTIVE JANUARY 1, 2022, CURRENTLY SET OUT AS A PREVIEW

§2385. Advocating overthrow of Government

Whoever knowingly or willfully advocates, abets, advises, or teaches the duty, necessity, desirability, or propriety of overthrowing or destroying the government of the United States or the government of any State, Territory, District or Possession thereof, or the government of any political subdivision therein, by force or violence, or by the assassination of any officer of any such government or

Whoever, with intent to cause the overthrow or destruction of any such government, prints, publishes, edits, issues, circulates, sells, distributes, or publicly displays any written or printed matter advocating, advising, or teaching the duty, necessity, desirability, or propriety of overthrowing or destroying any government in the United States by force or violence, or attempts to do so or

Whoever organizes or helps or attempts to organize any society, group, or assembly of persons who teach, advocate, or encourage the overthrow or destruction of any such government by force or violence or becomes or is a member of, or affiliates with, any such society, group, or assembly of persons, knowing the purposes thereof-

Shall be fined under this title or imprisoned not more than twenty years, or both, and shall be ineligible for employment by the United States or any department or agency thereof, for the five years next following his conviction.

If two or more persons conspire to commit any offense named in this section, each shall be fined under this title or imprisoned not more than twenty years, or both, and shall be ineligible for employment by the United States or any department or agency thereof, for the five years next following his conviction.

As used in this section, the terms "organizes" and "organize", with respect to any society, group, or assembly of persons, include the recruiting of new members, the forming of new units, and the regrouping or expansion of existing clubs, classes, and other units of such society, group, or assembly of persons.

Historical and Revision Notes

Section consolidates sections 10, 11, and 13 of title 18 , U.S.C., 1940 ed. Section 13 of title 18 , U.S.C., 1940 ed., which contained the punishment provisions applicable to sections 10 and 11 of title 18 , U.S.C., 1940 ed., was combined with section 11 of title 18 , U.S.C., 1940 ed., and added to this section.

In first paragraph, words "the Government of the United States or the government of any State, Territory, District or possession thereof, or the government of any political subdivision therein" were substituted for "any government in the United States".

In second and third paragraphs, word "such" was inserted after "any" and before "government", and words "in the United States" which followed "government" were omitted.

In view of these changes, the provisions of subsection (b) of section 10 of title 18 , U.S.C., 1940 ed., which defined the term "government in the United States" were omitted as unnecessary.

Reference to conspiracy to commit any of the prohibited acts was omitted as covered by the general conspiracy provision, incorporated in section 371 of this title . (See reviser's note under that section.)

Words "upon conviction thereof" which preceded "be fined" were omitted as surplusage, as punishment cannot be imposed until a conviction is secured.

The phraseology was considerably changed to effect consolidation but without any change of substance.

Editorial Notes

Modifiche

substituted "fined under this title" for "fined not more than $20,000" in fourth and fifth pars.

defined the terms "organizes" and "organize".

1956-Act July 24, 1956, substituted "$20,000" for "$10,000", and "twenty years" for "ten years" in the paragraph prescribing penalties applicable to advocating overthrow of government and inserted provisions relating to conspiracy to commit any offense named in this section.

Statutory Notes and Related Subsidiaries

Effective Date of 1956 Amendment

Amendment by act July 24, 1956, as applicable only with respect to offenses committed on and after July 24, 1956, see section 3 of act July 24, 1956, set out as a note under section 2384 of this title .


Guarda il video: Codice segreto.. MUSSOLINI agli alpini della MONTEROSA - 16 luglio 1944 - Germania (Giugno 2022).