Podcast di storia

Mercenari

Mercenari

Mercenari

Un Mercenario può essere definito come un soldato che combatte per denaro piuttosto che per una causa o per obbligo legale o morale verso il proprio Paese. I mercenari professionisti esistono da quando la guerra stessa e gli esempi buoni e cattivi possono essere trovati nel corso della storia dai balestrieri genovesi a Crecy alle moderne compagnie mercenarie come "Sandline International" o "Executive Outcomes" che operano in Africa. Nel corso della storia i mercenari hanno avuto la cattiva reputazione di essere guardati dall'alto in basso dai soldati di professione come aiutanti di dubbia lealtà che scompariranno al primo segno di seria opposizione. Machiavelli scrisse a lungo avvertendo i governanti del pericolo dell'uso di mercenari durante le guerre italiane. Il mercenario moderno è considerato ufficiosamente da molti governi come un male necessario, che è più frequentemente assunto per addestrare le truppe locali che assunto per combattere effettivamente. Questo ruolo di mercenario come consigliere militare significa che i mercenari più ricercati sono quelli con precedente esperienza nelle forze armate britanniche, statunitensi o sudafricane. Nell'Africa moderna grandi società mercenarie ben attrezzate come Executive Outcomes hanno praticamente preso il controllo del paese per cui sono state assunte per proteggere concentrandosi sulla gestione di imprese redditizie come l'estrazione di diamanti in Sierra Leone, rappresentando così una minaccia per la democrazia.

L'atteggiamento nei confronti dei mercenari moderni potrebbe cambiare quando entriamo nel 21° secolo. Molti considerano le truppe internazionali utilizzate nelle operazioni delle Nazioni Unite come una sorta di mercenario e nell'improbabile eventualità che le Nazioni Unite ottengano le proprie forze permanenti, una forza mercenaria formale sarebbe l'opzione più probabile. Con molte forme di instabilità locale che richiedono un'azione militare internazionale ma con il pensiero di mettere a rischio la vita di giovani militari ancora politicamente impopolari il periodo di massimo splendore della compagnia mercenaria forse sta per tornare. Già il governo del Regno Unito ha suggerito di legalizzare le compagnie mercenarie e di regolamentarle per renderle un potenziale strumento di politica estera se il rischio per la vita delle forze britanniche fosse ritenuto troppo pericoloso o politicamente dannoso. Nonostante questo, l'opinione pubblica e militare ha ancora una cattiva visione del mercenario moderno e cambiare questo richiederà più della legislazione.


Mercenari - Diablo 2

mercenari o Seguaci in Diablo 2 ci sono NPC speciali che uniscono le forze con il giocatore per combattere contro le forze del male su Sanctuary. Ci sono diversi tipi di Mercenari che possono essere assunti durante i vari Atti del gioco. I giocatori possono personalizzare un equipaggiamento mercenario noleggiato e fornire loro materiali di consumo per curarsi.

Di seguito puoi trovare un elenco con All mercenari e le loro capacità distintive.



Ti sei appena imbattuto in Mercenaries Wiki, la fonte definitiva per mercenari informazione. Attualmente stiamo lavorando su 665 articoli. Puoi controllare le nuove pagine, le modifiche recenti e le statistiche. Non sai cosa sono i mercenari? Allora leggi il nostro riassunto qui!

Se non sei mai stato qui prima, puoi saperne di più visitando la pagina Informazioni. Ho bisogno di aiuto? Si prega di visitare la nostra sezione Aiuto. Domande? Se hai domande puoi pubblicarle nel nostro centro della comunità, la discussione sulla pagina principale. Prima di apportare modifiche, assicurati di leggere le Regole e il nostro Manuale di stile.

Non sai ancora da dove cominciare? Controlla qui per scoprire quali pagine richiedono un po' più di lavoro. Se hai bisogno di aiuto specifico per la modifica, controlla la nostra pagina di aiuto per la modifica. Vuoi provare alcune cose? Dai un'occhiata alla Sandbox, dove puoi provare qualunque del wiki o del codice HTML. Buon divertimento e buona caccia!

Nota a tutti i nuovi editori, il wiki sta attualmente attraversando alcuni importanti progetti per rendere i progetti esistenti e nuovi più dettagliati e mantenuti. Si prega di aiutare in ogni modo possibile per contribuire a questi progetti.

Si prega di fare riferimento alla pagina ufficiale dei progetti per informazioni dettagliate.

Aiutaci a espandere le informazioni su tutti i membri del mazzo. Assicurati di seguire il formato delle pagine e correggi eventuali errori che puoi vedere sulle pagine completate.

Entrambi Mercenari 1 e Mercenari 2 sono privi di articoli per i rispettivi contratti. Lo standard con cui questi articoli dovrebbero essere costruiti è dimostrato da questo articolo.

  • Un elenco di tutti gli articoli contrattuali correnti per Mercenari 1 può essere trovato qui.
  • Un elenco di tutti gli articoli contrattuali correnti per Mercenari 2 può essere trovato qui.

Aiuta questo progetto creando nuove pagine sulle varie località in Merc 1 e 2 e fornendo informazioni accurate e descrittive.

Corretta manutenzione dell'immagine

Se ti capita di vedere immagini che sono solo collegamenti a siti Web, salvale, quindi ricaricale nel wiki in modo che vengano visualizzate correttamente sulle pagine.

Mercenari Speedrunning Discord:

Se vedi questo, il tuo JavaScript potrebbe essere disabilitato o il plug-in DiscordIntegrator non funziona. In quest'ultimo caso, contatta un amministratore del wiki.


Condividere

Forse hai sentito parlare dello scandalo Iran-Contra, forse no ¯\_(ツ)_/¯ In ogni caso, il sostegno segreto degli Stati Uniti ai mercenari in Nicaragua e le continue ramificazioni di oggi potrebbero essere una sorpresa :

La storia di questa settimana viene da Porta la guerra a casa, di Kathleen Belew La fine del mito e la versione aggiornata e ampliata di Laboratorio dell'Impero (Devo amare le note espanse!), di Greg Grandin e Frana di Jane Mayer e Doyle McManus.

La prossima volta su Cronologia saltata...

Concludiamo la stagione 2! Ed esplora la dissonanza tra alte giustificazioni per l'attività degli Stati Uniti all'estero e ciò che il effettivo i risultati tendono ad essere. Tutto risale a una conferenza nel 1893.

La prossima settimana, gli abbonati paganti divini riceveranno qualche altro succoso, incredibile bocconcino sullo scandalo Iran-Contra. Joseph Coors e Maurice Sendak possono o meno fare la loro comparsa entrambi.

Interessato? Iscriviti qui sotto! Altrimenti, ci vediamo tra due settimane con il nostro finale di stagione!

Trascrizione di questa settimana

Ciao, sono Ben Tumin e benvenuto su Skipped History. La storia di oggi riguarda la guerra dei Contras in Nicaragua sostenuta dagli Stati Uniti e l'ascesa delle compagnie militari private. L'ho letto in Porta la guerra a casa, di Kathleen Belew La fine del mito e la versione aggiornata e ampliata di Officina dell'Impero, di Greg Grandin e Frana di Jane Mayer e Doyle McManus.

Per iniziare, discutiamo del nostro argomento preferito su Skipped History: supremazia bianca! Ricordiamo dal nostro ultimo episodio come dopo la guerra civile, i militari sono serviti come terreno fertile per il razzismo e i soldati statunitensi hanno continuato a uccidere migliaia di persone di colore nelle guerre nelle Filippine, nei Caraibi e in America Centrale. Dopo essere tornati a casa, molti soldati si unirono al KKK. E dopo il Vietnam, dove il razzismo che permeava l'esercito è rimasto irrisolto, i veterinari radicalizzati sono tornati a casa per continuare a combattere comunisti, ebrei e persone di colore in posti come Greensboro.

Quindi, entrando negli anni '80, gli Stati Uniti avevano un disperato bisogno di un leader che abbassasse la temperatura su questo stufato bollente di odio. Eppure, invece di assumere un Masterchef, siamo andati con Guy Reaganierii, il cui staff ha creato nuove opportunità per i veterani bigotti di combattere all'estero, in particolare in Nicaragua, trasformando anche il modo in cui il governo ha scatenato i suprematisti bianchi all'estero.

Per capire cosa intendo, torniamo in Nicaragua nel 1979. Poi, i sandinisti, un movimento popolare composto da socialisti e cristiani di sinistra, rovesciarono la dittatura di 50 anni sostenuta dagli Stati Uniti e si misero a combattere la povertà diffusa e l'alta mortalità infantile fornendo assistenza sanitaria, approvando la riforma agraria e sostenendo l'istruzione. Questo è stato un cambiamento positivo per i familiari delle migliaia di persone che il precedente regime aveva torturato, assassinato e "scomparso".

Ma per i membri dei cosiddetti "cowboy", una fazione assetata di guerra nell'amministrazione Reagan, i sandinisti rappresentavano una nuova minaccia comunista. Ad esempio, il nuovo capo della CIA, William Casey, voleva rovesciarli e riportare l'agenzia ai suoi "precedenti, bei tempi" sotto il guerriero della Guerra Fredda Allen Dulles. E quando a un altro cowboy, Oliver North, che aveva partecipato al programma Phoenix, un'operazione segreta in Vietnam che ha portato alla morte di migliaia di civili, è stato chiesto quale fosse la differenza tra il Vietnam e il Nicaragua, North ha risposto: "10.000 miglia", poi tirò fuori un pianoforte e aggiunse, "e sai che camminerei tutti quanti. "

Così alla fine del 1981, su sollecitazione dei cowboy, Reagan ordinò alla CIA di organizzare gli esuli nicaraguensi in un esercito controrivoluzionario chiamato Contras, e con il sostegno degli Stati Uniti, i Contras iniziarono a scavare nei porti nicaraguensi e a bombardare i ponti. Ma a causa della diffusa resistenza a ulteriori interventi statunitensi dopo il Vietnam, quando il Congresso ha appreso la portata dell'operazione, ha approvato emendamenti che vietano l'invio di ulteriori aiuti militari ai Contras.

Imperterriti, i cowboy cercarono modi alternativi e illegali per continuare ad armare e addestrare i contras.

Inserisci persone come Thomas Posey, membro di una rete vagamente organizzata di veterani e guardie nazionali e sostenitore del KKK. Posey era così entusiasta della spinta dell'amministrazione Reagan per far regredire il comunismo che ha disposto barattoli di sottaceti da gallone nei negozi chiedendo donazioni "per fermare i comunisti sui loro passi". Quando non ha funzionato e, la prossima volta, consiglio di usare barattoli di kimchi, Posey si è unito ad altri veterinari e Ku ​​Kluxer per formare un gruppo paramilitare chiamato "Assistenza militare civile".

Ben presto, CMA, insieme a una manciata di altri gruppi di mercenari e scuole di addestramento mercenario che si erano formati in questo periodo, attirò l'attenzione dei cowboy. E usando denaro che i funzionari di Reagan hanno raccolto segretamente da donatori conservatori e vendendo missili all'Iran, i mercenari statunitensi hanno aperto un negozio a Tegucigalpa, capitale dell'Honduras. Da lì, hanno trafficato armi ai Contras nel vicino Nicaragua e li hanno addestrati in tattiche che includevano, come ha riferito un alto funzionario Contra, arrivare a villaggi indifesi dove avrebbero "radunato tutti i residenti nella piazza della città e poi avrebbero proceduto ad uccidere …tutte le persone sospettate di lavorare” per il governo. Un altro leader dei Contra ha confessato che questa "era una politica premeditata per terrorizzare i non combattenti" e per spaventare le persone dal sostenere le riforme di sinistra dei sandinisti. Nel frattempo, Posey ha descritto il lavoro dei mercenari come "Per i suoi ragazzi, qualcosa come una meritata vacanza", un'affermazione ancora più eufemistica di quando Guy Fieri ha chiamato questa mostruosità un cannolo da cena.

Ora, l'operazione si è arrestata in modo anomalo...letteralmente, quando nel settembre 1984 i sandinisti abbatterono un elicottero che si rivelò trasportare mercenari della CMA. L'incidente ha rivelato l'"oleodotto privato verso i Contras" dell'amministrazione Reagan in un episodio che è diventato noto come lo scandalo Iran-Contra. Il Congresso ha avviato indagini su una serie di funzionari di Reagan, incluso lo stesso Reagan, che in un'intervista con gli investigatori ha letto ad alta voce un promemoria che diceva non aveva niente a che fare con l'operazione poi, inavvertitamente, ha letto anche il promemoria dei suoi aiutanti per dirlo agli inquirenti non aveva niente a che fare con l'operazione- il che sembra un po' sospetto e, nel migliore dei casi, incautamente incosciente, ma ehi, anche i più grandi eroi a volte leggono le indicazioni di scena.

Qualunque sia il livello di colpevolezza di Reagan, chiaramente, il governo aveva molto da fare per controllare i danni e l'amministrazione Reagan ha interrotto il finanziamento dei mercenari in Nicaragua. Ma per molti versi il danno era già stato fatto. La guerra civile che hanno scatenato sarebbe continuata fino al 1990, durante la quale sarebbero morti 50.000 civili, principalmente per mano degli alleati degli Stati Uniti. E nel processo di utilizzo di mercenari per supportare i Contras, i funzionari di Reagan hanno anche contribuito a creare una nuova industria in cui i veterani potevano essere assunti per combattere all'estero. Come ha osservato uno degli aiutanti di North, "La guerra è diventata un business" e quell'attività sarebbe cresciuta costantemente negli anni successivi. Durante la guerra del Golfo Persico nel 1991, ad esempio, una persona su 50 sul campo di battaglia era un civile statunitense sotto contratto durante la missione di mantenimento della pace in Bosnia nel 1996, il numero era uno su 10 al picco della guerra in Iraq nel 2007, il numero era più vicino a uno su tre, con i 48.000 mercenari impiegati dagli Stati Uniti che lavoravano per un'infarinatura di aziende come la Blackwater in una nuova industria il cui valore era balzato a centinaia di miliardi di dollari. E chi ha continuato a fornire personale a queste compagnie militari private?

Bene, secondo uno studio, "per lo più uomini bianchi sulla quarantina" e "per lo più veterani", e se guardi alla Blackwater, il suo fondatore, Erik Prince, che è amico intimo di Oliver North, ha schierato intenzionalmente uomini che condividevano la sua "visione di supremazia cristiana, sapendo e volendo che questi uomini cogliessero ogni opportunità disponibile per uccidere gli iracheni”. Non sorprende che i "contraenti" della Blackwater abbiano continuato a compiere atrocità come quando "hanno ucciso 14 iracheni senza motivo". Il presidente Trump in seguito li ha perdonati per queste azioni, proprio come mercenari come Thomas Posey sono stati esonerati per la loro attività di atrocità in Nicaragua.

Ora, non sto dicendo che tutti i veterinari siano cattivi. Loro non sono! E solo una piccola percentuale diventa appaltatrice o si unisce a gruppi di odio. Ma sto dicendo che con l'aiuto di compagnie private, il modello degli Stati Uniti che scatenano i suprematisti bianchi all'estero che compiono atrocità impunemente continua, e mi sento così.

Nel nostro finale di stagione, esploreremo come il mito dell'eccezionalismo americano non solo è sopravvissuto, ma è fiorito lungo la strada. Sintonizzati la prossima volta per saperne di più su quel pezzo di Storia saltata.

Grazie per aver guardato la cronologia saltata! Per condividere questo articolo come pagina web, fai clic sul pulsante qui sotto:

Se desideri pubblicare un commento, fai clic sul pulsante "Lascia un commento":


Resident Evil: The Mercenaries 3D

La popolarità di The Mercenaries ha portato al titolo dello spin-off Resident Evil: The Mercenaries 3D, che lo espande in un gioco completo. Il gameplay è molto simile a Resident Evil 5, usando gli stessi comandi e armi da mischia. I nemici e le aree sono un mix di contenuti di Resident Evil 4 e Resident Evil 5. Il gioco è ancora giocato per fasi, ma queste sono spesso più compatte e presentano obiettivi unici e nuovi nemici. Esistono anche versioni diurne e notturne di alcune aree. Tuttavia, la maggior parte delle fasi richiede semplicemente ai giocatori di interagire con il gioco come farebbero normalmente.


Utilizzo di mercenari e gruppi terroristici per ostacolare i diritti delle persone allo sviluppo e garantire il futuro

I mercenari sono stati usati spesso nel corso della storia nei conflitti in tutto il mondo. La loro presenza ha aiutato gli eserciti e le forze combattenti a guadagnare forza lavoro e capacità di combattimento attraverso incentivi monetari, che si sono rivelati un metodo piuttosto conveniente per ottenere una spinta militare temporanea. Le Nazioni Unite, tuttavia, hanno riconosciuto le pericolose implicazioni che tali mercenari hanno per la pace e la sicurezza internazionale e hanno approvato risoluzioni che affermano non solo il pericolo, rappresentato dall'uso di tali mercenari, per la pace e la sicurezza internazionale, ma anche per l'autodeterminazione e la libertà delle persone 1 .

Alla dissoluzione dell'Unione Sovietica, molti conflitti sono sorti nella regione del Caucaso e, come risultato di questi conflitti, diverse parti hanno utilizzato mercenari nella loro lotta, ad esempio l'uso di mercenari afgani e ceceni contro gli armeni del Nagorno-Karabakh. Il conflitto del Nagorno-Karabakh è sorto quando l'Azerbaigian ha tentato di sopprimere brutalmente l'espressione legale dell'autodeterminazione da parte del popolo NK 2, che desiderava vivere separato da un governo che aveva continuamente negato loro i diritti e li aveva tenuti sotto oppressione. Anche se l'Azerbaigian aveva un chiaro vantaggio militare sugli armeni NK sotto tutti gli aspetti, non erano in grado di sconfiggere queste persone, che erano determinate a rimanere libere. Come risultato dei successivi fallimenti militari nei primi anni '90, l'Azerbaigian si è disperatamente rivolto all'uso di mercenari per cercare di cambiare il corso della guerra. Nel reclutare tali mercenari, l'Azerbaigian ha cercato attivamente di giocare la "carta della religione" nel rappresentare il conflitto tra armeni cristiani e azeri musulmani, quando in realtà tali connotazioni religiose non erano affatto al centro del conflitto. Di conseguenza, gruppi di mujahedin dall'Afghanistan, con legami con al-Qaeda, e gruppi estremisti dalla Cecenia sono stati portati per aiutare a reprimere questa espressione di libero arbitrio. Il Washington Post nel 1993 scrisse: "Il governo di questa repubblica caucasica ha assunto una forza di più di 1.000 mujaheddin afgani per sostenere il suo esercito cadente, introducendo un nuovo elemento volatile nella guerra quinquennale azerbaigiano-armena contro l'ex Unione Sovietica e #8217s bordo meridionale” – . Questa nota fazione era alleata con il famigerato signore della guerra, Hekmaytar, e associata alla fazione dei mujaheddin, Hezb-i-Wahdat. Parallelamente, i mercenari ceceni erano guidati dal terrorista ceceno Shamil Basayev, famoso per l'attacco alla scuola di Beslan, che in seguito si rese conto che il conflitto contro gli armeni NK aveva poco a che fare con il vero jihad.

Dopo la fine della guerra NK e con la tacita approvazione e conoscenza da parte del governo, l'Azerbaigian ha continuato a essere utilizzato per attività terroristiche da gruppi come al-Qaeda e Hezb-e-Islami, che avevano uffici logistici nel paese. Ad esempio, Wadih el-Hage, leader della cellula di al-Qaeda a Nairobi, che in seguito distrusse l'ambasciata statunitense del Kenya nel 1998, spesso trasmetteva comunicazioni vitali a individui come Osama bin Laden mentre era di stanza a Baku. Dopo gli attacchi all'ambasciata degli Stati Uniti nel 1998, la pressione internazionale ha cominciato a crescere sull'Azerbaigian per ospitare tali organizzazioni terroristiche, in risposta l'Azerbaigian non ha estradato tali individui, ma li ha piuttosto rimpatriati. Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha osservato nel 1999, nel suo rapporto annuale sul terrorismo globale, "Sebbene l'Azerbaigian non abbia affrontato una seria minaccia dal terrorismo internazionale, è servito come centro logistico per i mujahidin internazionali con legami con gruppi terroristici, alcuni dei quali hanno sostenuto il Insurrezione cecena in Russia”. 4 L'FBI ha successivamente stabilito nel 1998 che c'erano 60 telefonate tra Bin Laden e i suoi contatti dal ramo della "Jihad islamica" a Baku, ed è stato inoltre ipotizzato che di conseguenza potrebbe esserci stata una traccia azera nel mese di settembre 11 attacchi 5 . È stato anche menzionato dall'Associated Press che "uno dei soci di Bin Laden ha affermato che Bin Laden stesso ha guidato i mujahedin in almeno due battaglie nel Nagorno-Karabakh". 6 Il Congressional Research Services nel suo rapporto pubblicato ha anche affermato che gruppi e individui affiliati a Osama bin Laden e ad Al-Qaeda avevano usato l'Azerbaigian come una delle sue basi nella loro crescente rete terroristica 7 .

Mentre l'Azerbaigian ha fatto dichiarazioni più forti per affrontare il terrorismo dopo gli attacchi dell'11 settembre, ha usato il pretesto sia di combattere il terrorismo che del suo conflitto congelato con l'NK per sopprimere le libertà di vario genere e la democrazia nel proprio paese. Allo stesso modo, le Nazioni Unite hanno approvato risoluzioni sulla "protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali nella lotta al terrorismo" 8 che l'Azerbaigian ha continuato a violare. Ad esempio, l'intimidazione e l'incarcerazione di giornalisti e attivisti è diventata una routine per consolidare la presa autoritaria del clan Aliyev sul paese. Amnesty International e varie altre organizzazioni per i diritti umani hanno spesso criticato questa situazione dei diritti umani e in uno dei suoi comunicati stampa, Amnesty International ha dichiarato: "Nell'Azerbaigian ricco di petrolio, 20 anni di indipendenza, prosperità economica e relativa stabilità non si sono tradotti in una maggiore libertà fondamentali per i suoi cittadini, mentre il consolidamento del governo autoritario nell'ultimo decennio è stato ampiamente ignorato dal mondo esterno”. 9 Freedom House ha continuamente descritto l'Azerbaigian come "non libero" sia per i diritti politici che per le libertà civili e nel maggio del 2011 il Parlamento europeo ha espresso profonda preoccupazione per questo peggioramento dei diritti umani in Azerbaigian e ha invitato a liberare i restanti prigionieri politici e per l'Azerbaigian rispettare i suoi doveri verso le convenzioni sui diritti umani 10 . Lo stato desolante della democrazia in questo paese è stato solo ulteriormente oscurato da un referendum che ha abolito i limiti presidenziali e ha effettivamente permesso ad Aliyev e alla sua famiglia di governare il paese senza fine. Oltre a questa oppressione, l'Azerbaigian ha continuato con azioni provocatorie e violente nella zona di confine con NK e Armenia, che ha minacciato la pace e la sicurezza dei civili che vivono nelle zone di confine, ad esempio, la sua recente sparatoria sul villaggio di Movses al confine la zona. Gli atti di tali gruppi terroristici sovversivi da parte dell'esercito dell'Azerbaigian nelle aree di confine e vicino alle popolazioni civili possono essere visti come atti di terrorismo e si aggiungono all'eredità dell'associazione dell'Azerbaigian con il terrorismo. La completa distruzione della croce armena Julfa da parte dell'esercito azero ha aggiunto anche una dimensione culturale a questa ideologia terroristica. Organizzazioni come l'UNESCO e il Consiglio internazionale dei monumenti e dei siti (ICOMOS) hanno lanciato appelli all'Azerbaigian per fermare questo palese atto di distruzione culturale.

Ho fatto luce sulle associazioni che l'Azerbaigian in particolare ha avuto con il terrorismo e i gruppi mercenari violenti, che, contrariamente ai principi delle Nazioni Unite, hanno contribuito all'oppressione dei diritti delle persone alla libertà e all'autodeterminazione, in particolare quella del popolo del Nagorno-Karabakh. Il tema del terrorismo e delle strategie internazionali nella lotta al terrorismo è argomento di frequente discussione alle Nazioni Unite, oltre ai principi fondamentali delle Nazioni Unite di libertà e autodeterminazione che sono stati così frequentemente violati dalla Repubblica dell'Azerbaigian nei confronti del popolo NK, che hanno espresso il desiderio democratico di autodeterminazione, e verso il proprio popolo, che ha espresso il desiderio di un paese democratico. Durante il tirocinio di due settimane il tema dell'antiterrorismo è stato spesso discusso nell'Assemblea Generale. Nella strategia delle Nazioni Unite per la lotta al terrorismo del 2006, è stato affermato che "gli Stati devono garantire che qualsiasi misura adottata per combattere il terrorismo rispetti i loro obblighi ai sensi del diritto internazionale, in particolare il diritto dei diritti umani, il diritto dei rifugiati e il diritto internazionale umanitario". 11

In conclusione, nell'ultimo decennio l'importanza di efficaci strategie antiterrorismo è notevolmente aumentata poiché anche il tipo di minacce nel mondo è cambiato. Nell'impiegare efficaci strategie antiterrorismo è stato sottolineato dalle Nazioni Unite che tali strategie non influiscono sui diritti umani fondamentali dei cittadini. In estensione a ciò, anche l'uso di mercenari è stato sottoposto a un esame più approfondito, soprattutto a seguito dell'uso di tali mercenari nella guerra in Iraq da parte delle forze statunitensi, come riportato dal Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite 12 . Nel caso dell'Azerbaigian, abbiamo visto quasi un incrocio di questi due importanti temi e si spera che paesi come l'Azerbaigian possano muoversi per essere più conformi alle convenzioni, richieste e sollecitazioni internazionali per contribuire al miglioramento della sicurezza internazionale.

Appunti
1. A/RES/42/96
2. Nagorno-Karabakh
3. Il Washington Post
4. http://www.state.gov/www/global/terrorism/1999report/eurasia.html#Azerbaijan.
5. http://www.realinstitutoelcano.org/wps/wcm/connect/a2aa12004f018b88b8d1fc3170baead1/WP20-2008_Taarnby_Mujahedin_Nagorno-Karabakh_Global_Jihad.pdf12004f312004f3170bae8a
6. Associated Press 14/11/99
7. Servizi di ricerca del Congresso (CRS, 9/10/2001)
8. http://www.un.org/terrorism/strategy-counter-terrorism.shtml
9. http://www.amnesty.org/en/news/international-community-must-act-azerbaijan-crackdown-2011-11-16
10. http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-//EP//TEXT+TA+P7-TA-2011-0243+0+DOC+XML+V0//EN&language =EN
11. http://www.un.org/terrorism/strategy-counter-terrorism.shtml#poa4
12. http://www2.ohchr.org/english/bodies/hrcouncil/docs/18session/A.HRC.18.32.Add.4_en.pdf

Movses Musaelian ha completato il programma di tirocinio presso la Missione armena presso le Nazioni Unite questa estate. Sopra è un progetto di ricerca completato per il tirocinio.


Dopo la Battaglia di Pavia [modifica | modifica sorgente]

Nonostante la fine della loro supremazia intorno al 1525, i mercenari svizzeri armati di picche continuarono ad essere tra i più capaci fanteria d'ordine ravvicinato in Europa per tutto il resto del XVI secolo. Ciò è stato dimostrato dalle loro prestazioni sul campo di battaglia al servizio della monarchia francese durante le guerre di religione francesi, in particolare nella battaglia di Dreux, dove un blocco di picchieri svizzeri ha tenuto l'esercito ugonotto fino a quando la cavalleria cattolica non è stata in grado di contrattaccare.

Servizio nell'esercito francese [ modifica | modifica sorgente]

Il Monumento del Leone a Lucerna, in Svizzera, commemora il sacrificio delle Guardie Svizzere alle Tuileries nel 1792.

I soldati svizzeri hanno continuato a servire come mercenari con molte nazioni dal diciassettesimo al diciannovesimo secolo. Il datore di lavoro più noto di queste truppe era l'esercito francese, dove gli svizzeri costituivano una parte d'élite della fanteria. Il famoso reggimento della Guardia Svizzera, il più anziano dei dodici reggimenti mercenari svizzeri al servizio della Francia, era essenzialmente identico alle Guardie francesi nell'organizzazione e nell'equipaggiamento, oltre a indossare un'uniforme rossa rispetto alle uniformi blu del corpo francese. Gli svizzeri adottarono il moschetto in numero sempre maggiore con l'avanzare del XVII secolo e abbandonarono la picca, il loro antico marchio di fabbrica, del tutto più o meno nello stesso periodo delle altre truppe dell'esercito francese, circa 1700. Hanno servito anche nel Nuovo Mondo: la mappa di Samuel De Champlain dell'insediamento Île Sainte-Croix (isola di Saint Croix) mostra una caserma per gli svizzeri. ΐ]

I mercenari svizzeri venivano reclutati in base a contratti (capitolazioni) tra la monarchia francese e i cantoni svizzeri o singole famiglie nobili. Nel 1740 più di 12.000 soldati svizzeri erano in servizio francese. Durante il resto del XVIII secolo il numero degli svizzeri variava a seconda delle necessità, raggiungendo un picco di 20.000 durante la guerra di successione austriaca e scendendo a 12.300 dopo il 1763. Α] Il soldato svizzero era pagato a un livello superiore rispetto al suo omologo francese ma era soggetto a un codice disciplinare più severo, amministrato dai suoi stessi ufficiali. La base del reclutamento variava a seconda del reggimento: in alcune unità le reclute venivano tratte esclusivamente dagli abitanti svizzeri di determinati cantoni, mentre in altre venivano accettati volontari tedeschi o francesi per compensare le carenze nel numero di svizzeri disponibili. Durante l'ultima parte del XVIII secolo, si fece sempre più affidamento sul reclutamento dai "figli del reggimento" - i figli di soldati svizzeri che avevano sposato donne francesi e rimasero in Francia dopo la fine del loro servizio. Allo scoppio della Rivoluzione francese le truppe svizzere erano, in quanto straniere, considerate più affidabili delle loro controparti francesi in un periodo di disordini civili. Di conseguenza, i reggimenti svizzeri costituivano una parte significativa delle truppe reali convocate a Parigi da Luigi XVI all'inizio di luglio del 1789. Un distaccamento di granatieri svizzeri del reggimento Salis-Samade fu inviato per rafforzare la guarnigione della prigione della Bastiglia poco prima che fosse assediato dalla folla. Le truppe svizzere e altre truppe reali furono successivamente ritirate nelle loro guarnigioni di frontiera. Un altro reggimento svizzero, lo Chateauvieux, svolse un ruolo importante nell'affare Nancy (ammutinamento) del 1790 e 23 dei suoi soldati furono giustiziati, dopo il processo dei propri ufficiali svizzeri. Β] La Guardia Svizzera tuttavia rimase fedele fino all'ultimo e fu massacrata il 10 agosto 1792, morendo per proteggere Luigi XVI quando la folla attaccò il Palazzo delle Tuileries, sebbene il re fosse già fuggito. Gli undici reggimenti svizzeri di fanteria di linea furono sciolti lo stesso anno con i disoccupati che tornarono per lo più in Svizzera.

Dopo l'occupazione della Svizzera da parte delle forze rivoluzionarie francesi nel 1798, fu avviato un progetto per raccogliere sei semi-brigate di fanteria svizzera per il servizio francese. Tuttavia il reclutamento si dimostrò difficile e nel maggio 1799 era stato raccolto solo un quarto dello stabilimento previsto di 18.000. Γ] Napoleone autorizzò il reclutamento di un reggimento di fanteria svizzero per il servizio francese nel luglio 1805. Nell'ottobre 1807 furono creati altri tre reggimenti di fanteria, ciascuno comprendente una compagnia di artiglieria. Ha precisato che questo Corpo svizzero appena costituito dovrebbe comprendere solo cittadini svizzeri senza "mescolarsi a disertori o altri stranieri". Δ] I reggimenti svizzeri combatterono bene sia in Spagna (dove si scontrarono nella battaglia di Bailén con le truppe svizzere dell'esercito spagnolo) che in Russia. Durante la ritirata da Mosca, le perdite svizzere ammontarono all'80% del loro numero originale. Agli svizzeri fu concesso di conservare i distintivi mantelli rossi che li avevano contraddistinti prima del 1792, con diversi rivestimenti che identificavano ogni reggimento. Un reggimento composito di veterani svizzeri di Napoleone combatté a Wavre durante la campagna di Waterloo. Ε] Dopo la restaurazione della monarchia nel 1815, due reggimenti di fanteria svizzera furono reclutati come parte della Guardia Reale, mentre altri quattro servirono come truppe di linea. Tutte e sei le unità svizzere furono sciolte nel 1830 in seguito al rovesciamento definitivo della monarchia borbonica.

Servizio nell'esercito spagnolo [ modifica | modifica sorgente]

Un altro primo datore di lavoro di mercenari svizzeri dal tardo XVI secolo in poi fu la Spagna. Dopo la Riforma protestante, la Svizzera è stata divisa lungo linee religiose tra cantoni protestanti e cattolici. Da allora in poi, i mercenari svizzeri provenienti dai cantoni cattolici erano sempre più propensi a essere assunti per il servizio negli eserciti della superpotenza asburgica spagnola nel tardo XVI secolo. Il primo reggimento svizzero regolarmente incorporato nell'esercito spagnolo fu quello di Walter Roll of Uri (un cantone cattolico) nel 1574, per il servizio nei Paesi Bassi spagnoli, e alla metà del XVII secolo c'erano una dozzina di reggimenti svizzeri che combattevano per gli spagnoli. esercito. Dalla seconda metà del XVII secolo questi si trovavano in servizio nella stessa Spagna o nei suoi possedimenti, e combatterono contro il Portogallo, contro le ribellioni in Catalogna, nella guerra di successione spagnola, guerra di successione polacca, guerra di successione austriaca (nei combattimenti in Italia), e contro la Gran Bretagna nella guerra rivoluzionaria americana. Nel 1790 c'erano circa 13.000 uomini che componevano il contingente svizzero in un esercito spagnolo totale di 137.000. Il loro ruolo finale nel servizio spagnolo fu contro i francesi nella guerra peninsulare, in cui i cinque reggimenti svizzeri (Ruttiman, Yann, Reding, Schwaller e cortigiana). Ζ] rimase per lo più fedele agli spagnoli - nella battaglia di Bailén, i reggimenti svizzeri spinti al servizio francese disertarono di nuovo all'esercito spagnolo sotto Reding - e alla fine furono schiacciati da anni di combattimenti. L'anno 1823 vide finalmente la fine del servizio mercenario svizzero con l'esercito spagnolo.

As in French service, the Swiss fighting in the ranks of the Spanish army generally followed its organization, tactics and dress. The Swiss regiments were however distinguished by their blue coats, in contrast to the white uniforms of the Spanish line infantry.

Service in the Dutch Army [ edit | modifica sorgente]

The Dutch employed Swiss units at various dates during the 18th century, although on a more limited scale than France or Spain. In 1745 three battalions of the Swiss Hirtzel Regiment formed part of the Dutch contingent sent to serve in England as allies at the time of the Jacobite uprising in Scotland that year. Η] Four regiments of Dutch line infantry retained Swiss elements until 1829. ⎖]


Lore [ edit | modifica sorgente]

Each mercenary is unique to Hearthstone, and their individual stories are told on the Meet the Mercenaries blog post.

Cariel Roame, Human Paladin [ edit | modifica sorgente]

A soldier torn between family and faith…

Cariel grew up in Stormwind, the younger of two sisters living under a strict father – guard captain Cornelius Roame. In her youth, Cariel’s friends included pickpockets and sellswords. She earned coin in an Old Town brawling ring.

Her older sister Tamsin studied abroad in Scholomance and was presumed killed during the Scourging of Lordaeron. This tragedy threw the family into chaos. Cariel realized that with her sister gone, she would have to straighten up her life and make her father proud. She joined the Silver Hand, at last finding a sense of belonging and guidance through her faith.

As a new paladin, Cariel has been stationed at Northwatch Hold in the Barrens – a chance to prove herself and put her Holy skills to the test. There she hears a rumor: a Forsaken warlock matching her sister’s description has been spotted in Ratchet…

Scabbs Cutterbutter, Gnome Rogue [ edit | modifica sorgente]

A short order cook turned super-spy assassin!

No one wants to eat from a chef named Scabbs, but SI:7 Agent Cutterbutter was once the most sought-after cook in the Eastern Kingdoms. His unmatched talent with a knife drew the attention of Matthias Shaw and the other spies of Stormwind Intelligence.

Scabbs joined SI:7 during a difficult time for Stormwind. King Varian has gone missing. Calls for help from Redridge and Darkshire go unanswered. A glowing object explodes in the sky, raining shards of light across the land. A concerned member of the royal court has hired several mercenaries to search for these shards of light.

SI:7 wants to know more. Agent Cutterbutter is dispatched to the Barrens to investigate…

Tavish Stormpike, Dwarf Hunter [ edit | modifica sorgente]

A rebellious Stormpike living the life of a greedy mercenary…

The Stormpikes are a storied dwarven clan. A wealthy clan. But that wealth is not evenly distributed. At the narrow end of the battle axe is Tavish, the aggressive, bombastic mercenary who has set out to find the things that make life worth living: Glory! Loot! High adventure! More loot! He swears he’s never going back to the Stormpikes.

When a glowing object expodes in the sky, raining shards of light across Azeroth, Tavish feels the call of adventure (and loot). Luckily for him, a powerful client with deep pockets is looking for a few good mercenaries to collect the shards.

Tavish makes the long journey to Kalimdor, where many of the shards are said to be found…

Kurtrus Ashfallen, Night Elf Demon Hunter [ edit | modifica sorgente]

An angry outcast seeking vengeance…

For many years, Kurtrus lived modestly, tending a moonwell and caring for his young family. Then, during the Third War, the dreadlord Tichondrius used the Skull of Gul’dan to corrupt Kurtrus’s serene forest into the Felwood. The brother of Tichondrius, Anetheron, led demon armies to clear out the night elves who had resisted the corruption. Only Kurtrus survived the slaughter.

Illidan took in outcasts like Kurtrus, forging them into his elite demon hunters – the Illidari. Kurtrus sacrificed everything to join them. But Kurtrus had a vision. He saw Anetheron. The dreadlord was still alive, biding his time in the Twisting Nether, waiting to return. Kurtrus saw a warlock in Kalimdor determined to summon Anetheron to Azeroth.

Now, Kurtrus has abandoned Illidan. Stripped of his armor and warglaives, he travels to the Barrens on a personal quest for vengeance, to stop the warlock, before it is too late…

Xyrella, Draenei Priest [ edit | modifica sorgente]

A mother desperate to heal her child…

Xyrella grew up on Draenor, later Outland. A healer blessed by the naaru and the Holy Light, she became a disciple of Prophet Velen and was part of the raid on Tempest Keep to capture the Exodar, a city-sized satellite with transdimensional capabilities. But the Exodar malfunctioned and crashed on Azeroth. Xyrella’s husband did not survive the disaster, and their only daughter, Runi, fell into a coma that no healing magic could break.

As Xyrella prayed over her daughter, a glowing object exploded in the sky. Shards of fractured light rained across Azeroth. The draenei called this incident The Night of Falling Stars. Xyrella watched the lights fall like glowing embers. She had a vision. The falling stars were pieces of a fractured naaru – an enigmatic energy being deeply connected to the Light. The naaru spoke to her. “I am Mi’da, Pure Light. Gather my pieces. Reform me. Only I have the power to save your daughter’s life.”

Compelled by the naaru, Xyrella has made the difficult choice to leave her child and people behind and seek the shards. She hears the naaru’s call and follows it to the Barrens.

Dev Note: The Hearthstone timeline diverges from the Warcraft canon at many points. (Hijacked Dalaran, anyone?) Notable to Year of the Gryphon, the Exodar crashes, and the Sin’dorei join the Horde, during the events of King Varian’s kidnapping, approximately one year before the Invasion of Outland. (See Book of Heroes: Valeera for more info.)

Rokara, Orc Warrior [ edit | modifica sorgente]

An aspiring hero in service to the Horde

Rokara came of age in Alterac Valley, a proud orc of the Frostwolf clan. She grew up on heroic tales of Thrall and Grommash Hellscream. Inspired by Grommash’s prowess, Rokara followed the warrior’s path as well, leaving her family to seek honor and glory as part of the Horde.

When she arrives in Durotar, the bustle of Orgrimmar fills Rokara with a sense of pride. She is promptly tested and assigned a teacher – the Darkspear shaman Bru’kan. The shaman’s methods are eccentric, but he is a wise and capable guide to Rokara’s first proving ground – the Barrens.

On her adventures, Rokara encounters Guff, a tauren druid, Tamsin, a Forsaken warlock, and Dawngrasp, a blood elf mage. They meet another troll in service to the Horde, a potion maker and collector of artifacts named Kazakus, who is singularly focused on gathering certain items of great value in the Barrens…

Tamsin Roame, Forsaken Warlock [ edit | modifica sorgente]

A one-time over-achiever who wants to watch the world burn…

Like her younger sister Cariel, Tamsin grew up in Stormwind under the tutelage of their father. Whereas her sister was a troublemaker, Tamsin was a superstar mage, the family’s shining star. With a letter of recommendation from Archmage Antonidas, she was accepted to study at Scholomance Academy in Lordaeron, -- only to be cut down during the Scourge invasion.

When the Lich King’s power ebbed and Tamsin’s free will returned, she felt a resentment grow within her. She had lost so much seeking her father’s approval. Her own people had abandoned her in her time of need. In her wrath, she met a kind and supportive benefactor who encouraged her to study the dark arts. She turned to demon summoning.

At her benefactor’s urging, Tamsin has journeyed to the Barrens to seek items of power – power she can use to get her revenge at last.

Varden Dawngrasp, Blood Elf Mage [ edit | modifica sorgente]

A curious intellectual seeking redemption in the eyes of their people…

Dawngrasp spent most of their life in Silvermoon, a curious young elf and student of all things magical. They showed a preternatural gift for the arcane, quickly mastering various schools of magical thought. They were trained by Prince Kael’thas Sunstrider himself, who was part of the High Council of the Kirin Tor. It looked like Dawngrasp would rise through the ranks of the mages of Quel’thalas and attain the title of Magister.

Alas, Arthas and the Scourge had other plans. In the aftermath of the destruction of the Sunwell, Kael’thas went to Outland, but Dawngrasp would not go. After the prince’s subsequent betrayal, many of the magisters, Grand Magister Rommath included, suspected that Dawngrasp might be in league with the traitorous prince. Alienated, Dawngrasp turned to their studies for comfort.

After the Night of Falling Stars, a troll appeared in Silvermoon. His name was Kazakus, and he sought aid in gathering the glowing shards that had rained across the Barrens. Suspicious of the troll’s intentions, Dawngrasp went to Kalimdor of their own accord, seeking knowledge about the power contained inside the shards…

Dev Note: The Hearthstone timeline diverges from the Warcraft canon at many points. (Hijacked Dalaran, anyone?) Notable to Year of the Gryphon, the Exodar crashes, and the Sin’dorei join the Horde, during the events of King Varian’s kidnapping, approximately one year before the Invasion of Outland. (See Book of Heroes: Valeera for more info.)'

Guff Runetotem, Tauren Druid [ edit | modifica sorgente]

A gentle giant more at home with trees and animals than politics…

Guff is the great-nephew of Archdruid Hamuul Runetotem. Like others of his tribe, he embraced the beauty and power of nature his awe for its majesty is as boundless as the natural realm. Guff once issued funeral rites to a grass clipping, and many assume he is weak and harmless, but his animal instinct will go wild if someone harms nature or his friends.

Guff’s family has never known quite what to do with him. Even among other druids he is perceived as soft and tender. In the hope of toughening him up, Uncle Hamuul sets him loose on the Barrens. Neither Guff nor the Barrens was ready for it…

Bru'kan, Troll Shaman [ edit | modifica sorgente]

A troll in his twilight teaches one last troop of troublemakers…

Bru'kan, an elderly Darkspear medicine man, has had encounters with lightning, lava, and other elemental dangers, resulting in him being a few totems short of a whole shaman. He has a good heart and cares deeply for his tribe, but in his younger years witnessed many tragedies.

Outside his hut one evening, Bru'kan looked to the heavens and witnessed the Night of Falling Stars. Glowing fragments of Light fell across the Barrens. His ear hairs stood on end: This was a sign. He reached out with his mind and cast Far Sight, hoping to divine the future: He saw two dragons twisted together he saw light and darkness merged, and ringed around it all he saw the arched symbol of the Horde triumphant. For the first time in many years, hope blazed within him.

Bru'kan found the face of that new promise in the young orc warrior Rokara. He sees great potential in her and in this new Horde she represents. But both her and the Horde they're building need guidance! He resolves to return to the fight, and to train Rokara with all his wisdom – thus guiding the Horde in the proper direction…


Far from a run-of-the-mill gun for hire, they appear to be trained to specifically challenge SHIELD and the Avengers. The question of who has trained them and to what end bears further investigation.

They are experts in ranged and close combat, and when working together, they pose a serious threat to even the most seasoned hero.

Specializing in defensive tactics, these Aegis Reapers get up close and personal with their opponents.


Landing and Behavior

Mercenaries

The mercenaries will spawn at the beacon near the ship at day 2. Mercenaries will drop in a fixed order: First Commander, then Sniper, then Spotter, then Medic, then finally Gunner.

When all Mercenaries drop off the helicopter, Commander will lead the way and the rest will follow. Their destination is randomized each time they move (though limited to various points of interest around the map). When they reach their location, they will stand still for a bit and then decide what location to move to next (also randomized) and begin moving there. If the mercenaries spot a player they'll charge towards the player instead of heading to their next location. Generally, one of the music tracks will play when the player sees or gets close to the mercenaries. When the player is killed the mercs will continue on their randomized patrol route.

The mercenaries follow the Commander in a straight line searching for players to kill. They also communicate with each other, emitting a beeping noise whenever they speak. Their communications can be intercepted and listened to at the Radio Station by powering it at the Generators. The mercenaries are able to climb slopes more easily than players. While players without climbing tools often slide down steep slopes, mercenaries can climb them with relative ease.

Each mercenary has a sight distance of 300 studs, except the Spotter who has a sight distance of 1200 studs.

When all five mercenaries are killed, all users will receive the following pop up text:

You feel a heavy sense of dread for the following day.

Elite Mercenaries

The elite mercenaries will spawn at the beacon near the ship the day after all the first wave of mercenaries are killed. The Elite Mercenaries drop in the order of: First Operator, then Demolitionist, then Ghost, then Firebug, then finally Specialist.

Similar to the regular mercenaries, the elite mercenaries move to a randomly determined location repeatedly until they spot a player. They can also climb up steep slopes very easily. There are some differences, however for example, the Operator's Drone can spot players significantly well, and the elite mercenaries overall have significantly greater walkspeed.

None of the soldiers have a farther sight distance than 300 studs, exactly like its predecessors (aside from the Spotter).

There is no pop-up text for killing all five elite mercenaries.


Grades

Grades are only given upon completing a game. Dying awards the player no grade and their score is not recorded. Additionally, players earn Exchange Points based on their rank.

Solo Mode Points Duo Mode Points Classifica Exchange Points Earned
0 - 9,999 0 - 19,999 D 200
10,000+ 20,000+ C 600
20,000+ 40,000+ B 1,000
40,000+ 80,000+ UN 1,500
60,000+ 120,000+ S 3,000
90,000+ 150,000+ SS 5,000

List of site sources >>>


Guarda il video: I Mercenari: Finché cè Guerra cè Speranza - Situazione 2021 (Gennaio 2022).