Podcast storici

La petizione millenaria

La petizione millenaria


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

La petizione del millenario fu presentata a Giacomo I da un sacerdote mentre si trasferiva dalla Scozia a Londra nel 1603. La petizione del millenario fu chiamata così come si diceva che 1000 sacerdoti la firmassero.

Alla morte di Elisabetta nel 1603, la Chiesa d'Inghilterra mantenne ancora tratti che per alcuni ricordavano troppo la pre-Riforma della chiesa. Per alcuni ecclesiastici, il formato dei servizi prescritti nel Libro di preghiere era troppo simile alla forma dei servizi prestati dalla Chiesa cattolica romana. Si erano convinti che James avesse lasciato che la Chiesa presbiteriana dominasse tutti gli aspetti della vita in Scozia creando ciò che Richard Bancroft descriveva come "una tirannia ecclesiastica ... come nessuna legge né Dio né uomo potevano tollerare". Questo atteggiamento fece molto arrabbiare James che si vantava di portare la Chiesa presbiteriana al tallone in modo che gli fosse obbediente. In "Basilikon Doron", scritto nel 1599 ma pubblicato solo in Inghilterra nel 1603, James criticava coloro che sostenevano le credenze puritane. Dichiarò senza mezzi termini che i puritani pensavano che le questioni religiose più lievi dovevano essere trattate come se fossero le più importanti. Tali "fantasie" erano inaccettabili, secondo James. Tuttavia, su questioni come il formato dei servizi, James voleva rimanere moderato. In "Basilikon Doron" James scrisse che apprezzava le opinioni di entrambe le parti: coloro che desideravano una forma di servizio semplice e quelli che desideravano un servizio più visivo in quanto James non considerava i servizi più decorati come "pop".

Assumendo questa posizione, James sperava di fare appello a entrambe le parti in questo particolare problema religioso, possibilmente senza rendersi conto che era improbabile che entrambe le parti compromettessero. C'erano quei sacerdoti che volevano sfruttare l'opportunità presentata all'inizio di un nuovo regno per presentare le loro opinioni a James nella speranza di spingere per un processo che avrebbe portato a una semplificazione dei servizi ecclesiali in Inghilterra e Galles. Ciò ha portato alla petizione millenaria.

La petizione affermava all'inizio che coloro che l'avevano firmata non erano uomini che volevano essere visti come la causa di problemi o attriti. Hanno anche chiarito che non avevano alcun desiderio di vedere una scissione nella Chiesa. I firmatari affermavano di essere "soggetti e ministri di Vostra Maestà che gemono sotto un comune carico di riti e cerimonie umane". Implorarono James di sollevarli da un tale fardello.

The Millenary Petition ha dichiarato chiaramente a cosa si sono opposti i firmatari. Questi includevano la firma della croce durante il battesimo, l'uso delle donne durante l'amministrazione del battesimo, inchinarsi al nome di Gesù, l'uso delle parole "sacerdote" e "assoluzione", l'uso del cappello quadrato e la cotta - entrambi sono stati considerati "popish". I firmatari volevano anche che il Sabbath venisse osservato meglio e che la qualità del clero in Inghilterra e Galles fosse migliorata. Hanno anche chiesto il clero residente rispetto a quelli che lavoravano in diverse parrocchie. Un clero sempre più istruito verrebbe pagato dal recupero delle decime la cui raccolta era passata nelle mani di figure secolari. La petizione millenaria ha inoltre affermato che l'uso della scomunica dovrebbe essere usato raramente e solo in casi importanti. In nessun momento della petizione i firmatari si sono lamentati della supremazia reale. In realtà, hanno chiesto a James di essere "il nostro medico per curare queste malattie".


Guarda il video: No firma ministeriale ammazza italiano. Firma la Petizione dell'ERA (Potrebbe 2022).