Cronologia

Eyam e la grande peste del 1665

Eyam e la grande peste del 1665

Eyam, un villaggio nel Derbyshire, fu anche gravemente colpito dalla Grande Peste del 1665 anche se la malattia è maggiormente associata al suo impatto su Londra. I sacrifici fatti dai villaggi di Eyam potrebbero aver salvato le città del nord dell'Inghilterra dal peggio della peste.

Al tempo della peste, il villaggio aveva una popolazione di circa 350 persone. La persona più importante del villaggio era il capo della chiesa - William Mompesson.

Nell'estate del 1665, il sarto del villaggio ricevette un pacco di materiale dal suo fornitore a Londra. Questo pacco conteneva le pulci che causarono la peste. Il sarto era morto per la peste entro una settimana dal ricevimento del pacco. Alla fine di settembre, altri cinque abitanti del villaggio erano morti. Ventitre morti per ottobre.

Alcuni abitanti del villaggio hanno suggerito di fuggire dal villaggio per la vicina città di Sheffield. Mompesson li persuase a non farlo, temendo che avrebbero diffuso la peste nel nord dell'Inghilterra che era più o meno sfuggita al peggio. In effetti, il villaggio ha deciso di tagliarsi fuori dall'esterno. Hanno effettivamente accettato di mettersi in quarantena, anche se ciò significherebbe la morte di molti di loro.

Il villaggio era rifornito di cibo da coloro che vivevano fuori dal villaggio. La gente portò provviste e le lasciò alle pietre della parrocchia che segnarono l'inizio di Eyam. I villaggi hanno lasciato soldi in un trogolo pieno di aceto per sterilizzare le monete rimaste al loro interno. In questo modo, Eyam non è stato lasciato morire di fame. Coloro che hanno fornito il cibo non sono entrati in contatto con gli abitanti del villaggio.

Eyam continuò a essere colpito dalla peste nel 1666. Il rettore, Mompesson, dovette seppellire la propria famiglia nel cimitero di Eyam. Sua moglie morì nell'agosto del 1666. Decise di tenere i suoi servizi all'esterno per ridurre le possibilità che le persone prendessero la malattia.

Eyam Church dove sono sepolte le vittime della peste

Nel novembre del 1666, la pestilenza fu considerata conclusa. 260 su 350 erano morti nel villaggio, ma il loro sacrificio avrebbe potuto salvare molte migliaia di vite nel nord dell'Inghilterra. Mompesson è sopravvissuto. Scrisse verso la fine del calvario del villaggio:

Ora, benedetto Dio, tutte le nostre paure sono finite, poiché nessuno è morto per la peste dall'11 ottobre e le case dei parassiti sono state vuote per lungo tempo.

Guarda il video: La gran peste de Londres (Settembre 2020).