Podcast di storia

8 cose che dovresti sapere su Hanukkah

8 cose che dovresti sapere su Hanukkah


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

1. Cosa celebra Hanukkah?

Hanukkah celebra la ridedicazione del Secondo Tempio di Gerusalemme nel II secolo a.C., in seguito al trionfo di un piccolo gruppo di ribelli ebrei, detti Maccabei, contro i loro oppressori, i greco-siriani, che avevano profanato il tempio erigendo un altare a Zeus e i maiali sacrificali all'interno delle sue mura sacre. Per ridedicare il tempio, i Maccabei dovevano accendere una menorah che ardesse in ogni momento all'interno del tempio. Tuttavia, avevano solo abbastanza olio d'oliva puro per durare un giorno. Miracolosamente, l'olio bruciò per otto giorni, lasciando il tempo per trovare una nuova scorta di olio.

2. Menorah o hanukkiyah?

Una menorah, la parola ebraica per lampada, ha sette rami. Originariamente era usato nel Primo e nel Secondo Tempio di Gerusalemme. Le menorah venivano illuminate giornalmente con olio d'oliva della più pura qualità. Un hanukkiyah è una menorah di Hanukkah usata specificamente per accendere le candele (spesso usate oggi al posto dell'olio) su Hanukkah. Con nove rami, viene accesa ogni notte per celebrare il miracolo dell'olio che dura otto giorni. Nonostante queste differenze, oggi le hanukkiyah sono comunemente chiamate menorah.

3. Come accendere la Menorah.

Ci sono regole molto specifiche sull'accensione di una menorah; fortunatamente la maggior parte di loro si basa semplicemente sulla conoscenza della tua sinistra dalla tua destra. La menorah ha nove rami, uno per ogni notte della Festa delle Luci, più uno shamash, che significa aiutante o assistente, che viene acceso prima e poi usato per accendere le altre candele. Lo shamash siede sempre un po' più in alto o più in basso rispetto al resto delle candele in modo da non confondersi con le altre. Le candele sono poste sulla menorah da destra a sinistra, la stessa direzione in cui si legge l'ebraico. Tuttavia, quando accendi la menorah ti muovi nella direzione opposta, usando lo shamash per accendere le candele da sinistra a destra. Confuso? Ehi, fai del tuo meglio.

Di quante candele avrai bisogno? 44. Ogni notte una nuova candela viene aggiunta alla menorah, più una shamash, e bruciata fino in fondo. Ma non preoccuparti, non c'è bisogno di contare; se acquisti una scatola arriverà con 44.

4. Esiste un limite di altezza per le menorah.

C'è un limite di altezza chiaramente definito per menorah di 32 piedi di altezza. A New York City, due menorah si contendono l'altezza. Uno è in Grand Army Plaza, Brooklyn e si dice che abbia uno shamash che è sei pollici più alto del suo concorrente di Manhattan situato all'angolo tra la Fifth Ave. e la 59th St.

5. L'uso tradizionale dell'olio vale anche per i cibi delle feste.

Il miracolo dell'olio della durata di otto giorni non viene celebrato solo attraverso l'accensione della menorah, ma anche nei cibi tradizionali che si consumano. Due dei piatti più popolari, i latkes (frittelle di patate) e i sufganiyot (ciambelle di gelatina), sono entrambi fritti nell'olio. Mentre la bontà di questi cibi è una ragione sufficiente per mangiarli, è l'olio usato per cucinarli che li rende un alimento base per la maggior parte delle celebrazioni di Hanukkah.

6. Dreidel, dreidel, cosa?

Risalenti a prima della rivolta dei Maccabei, i dreidels (trottole a quattro lati usate per giocare a un gioco d'azzardo) erano originariamente usati come un tipo di esca dopo che gli eserciti greco-siriani del re Antioco IV Epifane promulgò una serie di leggi che vietavano molti religiosi ebrei pratiche. Il popolo ebraico ha semplicemente spostato i suoi studi sulla Torah nel sottosuolo, tirando fuori i suoi dreidel e facendo finta di giocare per confondere i soldati. Da allora, il dreidel è risorto come un gioco divertente giocato durante l'Hanukkah per le monete di cioccolato chiamate gelt, per commemorare questa volta. Ogni lato del dreidel ha una diversa lettera ebraica, che dice al giocatore quanto mettere o togliere dal piatto. Insieme, queste quattro lettere formano l'acronimo di "Nes Gadol Hayah Sham", che significa "un grande miracolo è accaduto lì", riferendosi al miracolo del petrolio durato otto giorni in Israele.

7. Perché Hanukkah si celebra in date diverse?

Anche se raramente sembra essere celebrato nello stesso giorno, nel calendario ebraico, Hanukkah cade sempre il 25 del mese di Kislev. Il primo giorno di Hanukkah può arrivare già a novembre o fino alla fine di dicembre, il che significa che occasionalmente Hanukkah si sovrappone al Ringraziamento o al Natale. L'ultima volta che abbiamo celebrato il Ringraziamento è stato nel 2013. Hanukkah e il Natale hanno visto duelli celebrativi nel 2005 e convergeranno di nuovo nel 2024. A causa della differenza nei calendari, ogni anno gli ebrei di tutto il mondo e i loro amici gentili vengono lasciati a cercare su Google l'inizio data per Hanukkah.

8. Come si scrive comunque Hanukkah?

Non esiste un modo giusto per scrivere Hanukkah. Se sei confuso, puoi incolpare la traslitterazione. Originariamente scritto in ebraico, una lingua basata sui caratteri, le variazioni sono emerse quando la parola doveva essere scritta in inglese, una lingua basata sull'alfabeto. La mancanza di esatti equivalenti inglesi ai suoni ebraici ha portato alle molte variazioni ortografiche che vediamo oggi: Hanukkah, Chanukah, Hanukah, Hannukah, Chanukkah. In inglese, le diverse grafie non influiscono sulla pronuncia. Quindi, quando scrivi Happy Hanukkah, non aver paura, scegli il tuo preferito.


8 cose che dovresti sapere su Hanukkah - STORIA

Questo post del blog di Bible Gateway ospite su Hanukkah è di Michael Norten, autore di Svelare i segreti delle feste: le profezie nelle feste del Levitico (Thomas Nelson, 2015).

Hanukkah è intrigante

Tutti hanno una certa consapevolezza della festa chiamata Hanukkah, a causa della sua vicinanza al Natale. Senti la gente dire: "Buon Natale e felice Hanukkah". Molti ebrei si scambiano persino doni all'interno delle rispettive famiglie, principalmente con i bambini a causa dell'influenza del Natale. Come tutti sappiamo, è una celebrazione molto ebraica, ma dovrebbe avere un interesse o un significato per i cristiani? Lo scopo e le tradizioni di questo festival sono così intriganti, che i cristiani dovrebbero apprezzare Hanukkah più di un riconoscimento passeggero della stagione. Le celebrazioni ebraiche sono piene di rituali e osservanze significativi, che servono come meravigliose illustrazioni delle verità spirituali. Quando le tradizioni puntano in qualche modo a Gesù, i cristiani dovrebbero prenderne atto in modo particolare.

A differenza delle sette feste annuali o feste della Pasqua ebraica ai Tabernacoli, Hanukkah è stata iniziata dagli umani stessi, piuttosto che da Dio. Le sette feste bibliche in Levitico 23 sono chiamate "tempi fissati dal Signore". Hanukkah d'altra parte è stato creato nella mente dell'uomo. Questo non dovrebbe in alcun modo minimizzare il significato dell'osservanza, perché è onorare Dio. Dopotutto, celebriamo la Pasqua, il Ringraziamento e il Natale, che sono stati tutti stabiliti dall'uomo come festività molto importanti e significative.

Storia di Hanukkah

Hanukkah è una festa che dura otto giorni per ricordare e celebrare due eventi importanti della storia che sono stati davvero collegati in un unico grande evento. La prima fu la vittoria che gli ebrei asmonei ebbero sui greci siriani in una rivolta guidata dai fratelli Maccabei nel 164 a.C. Il secondo evento, che è anche l'evento principale nel ricordo, sono gli otto giorni della purificazione e ridedicazione del tempio dopo che i Gentili lo avevano profanato. La parola Hanukkah in realtà significa "dedizione".

Daniele 8:9-12, 23-25 ​​e 11:21-35 profetizzò che un capo sarebbe sorto e avrebbe causato persecuzioni a coloro che vivevano in Israele. Quest'uomo era Antioco IV Epifane, che era una prefigurazione della venuta dell'Anticristo degli ultimi giorni. Fece molte cose deplorevoli, come proibire agli ebrei di praticare le loro leggi, e in aggiunta a ciò, sacrificò un maiale sull'altare. Antioco eresse persino una statua di Zeus proprio fuori dal tempio. Ha chiesto che gli ebrei adorassero il suo falso dio. Uccideva persino gli ebrei se si rifiutavano di mangiare carne di maiale. Si può capire perché è chiamato una persona spregevole nella profezia di Daniele.

Un sacerdote di nome Mattatia con l'aiuto dei suoi cinque figli iniziò una rivolta e vi riuscì. Dopo la vittoria della rivolta dei Maccabei, uno dei suoi figli, Giuda Maccabeo, guidò un progetto per ripulire il tempio e ristrutturarlo. Secondo il Talmud avvenne un miracolo nel momento in cui celebrarono la purificazione. In trattato Shabbat 21b si legge: “Qual è la ragione di Hanukkah? Poiché i nostri rabbini insegnavano: Il venticinquesimo giorno di Kislev iniziano i giorni di Hanukkah, che sono otto in cui sono vietati lamenti per i morti e il digiuno. Poiché quando i Greci entrarono nel Tempio, contaminarono tutti gli oli in esso contenuti e quando la dinastia degli Asmonei prevalse e li sconfisse, fecero ricerche e trovarono solo una brocca d'olio che era con il sigillo del Sommo Sacerdote, ma che conteneva abbastanza per l'illuminazione di un solo giorno, tuttavia, fu compiuto un miracolo e accesero con essa la lampada per otto giorni. L'anno successivo questi giorni furono nominati un Festival con la recita di Hallel e il ringraziamento”.

Da allora in poi gli ebrei chiamarono questa festa la Festa delle Luci. Fino ad oggi gli ebrei si concentrano sulla purificazione del tempio e sull'illuminazione della menorah. La menorah ha nove candelieri. Quello al centro che è elevato sopra gli altri è chiamato il finta, che significa "servo". La prima notte la candela del servo viene utilizzata per accendere la prima candela all'estrema destra. Prima che si accenda la prima candela, si recitano tre benedizioni:

  1. Benedetto sei tu, Signore nostro Dio, re dell'universo, che ci ha santificato con i suoi comandamenti e ci ha comandato di accendere la luce di Chanukah.
  2. Benedetto sei tu, Signore nostro Dio, Re dell'universo, che hai operato miracoli per i nostri antenati in quei giorni, in questo momento.
  3. Benedetto sei tu, Signore nostro Dio, Re dell'universo, che ci ha donato la vita, ci ha sostenuto e ci ha permesso di raggiungere questa occasione.

Prima di ogni successiva accensione delle candele, vengono recitate solo le prime due benedizioni. La seconda notte si usa la candela del servitore per riaccendere la prima candela e poi la seconda accanto ad essa. Questa procedura viene ripetuta ogni notte fino a quando tutte e otto le candele sono accese.

Il significato cristiano di Hanukkah

Il miracolo secondo la tradizione è interessante, ma ci sono altri elementi che i cristiani devono apprezzare e che sono ancora più applicabili oggi. La prima applicazione che dovremmo prendere in considerazione è che "otto" nel sistema numerico ebraico indica un "nuovo inizio". Questo è molto toccante per il cristiano, perché ci ricorda che, dopo essere stati purificati dal sangue di Cristo alla salvezza, abbiamo un nuovo inizio come tempio dello Spirito Santo e una nuova vita in comunione con nostro Signore Gesù Cristo. In secondo luogo, è affascinante che la candela in posizione centrale sia chiamata la "serva" che illumina le altre candele. Ci ricorda la profezia messianica di Isaia 53, dove il Messia è chiamato Servo. Gesù, il nostro Messia, è la nostra unica fonte di luce.

Un altro fatto molto interessante su Hanukkah è quando si osserva sul calendario, che è il periodo dell'anno in cui le notti sono le più lunghe, in altre parole, il periodo più buio dell'anno. Nel mio libro, Svelare i segreti delle feste, nel capitolo sulla Festa dei Tabernacoli, spiego in dettaglio le prove che Gesù è nato durante il tempo della Festa dei Tabernacoli e concepito nel periodo di Hanukkah. Le testimonianze sono derivate dal Vangelo di Luca e dal calendario ebraico. La Festa dei Tabernacoli, che attende con impazienza la dimora del Messia o il "tabernacolo" con l'umanità nel Regno futuro, è chiamata lo "Spettacolo delle Luci", mentre Hanukkah è chiamata la "Festa delle Luci". Quando Gesù dichiarò di essere la "Luce del mondo", ebbe come reggilibri quelle due feste che circondano l'evento della sua nascita.

Infine, quando vediamo l'illuminazione progressiva della menorah diventare più luminosa ogni sera, i cristiani possono ricordare che risplendiamo sempre di più della luce di Cristo ogni giorno mentre cresciamo e camminiamo nella sua luce.

Migliaia l'hanno già fatto! Prova oggi la tua prova gratuita di 30 giorni!
Rimuovi i banner pubblicitari ed espandi la tua esperienza di lettura della Bibbia utilizzando la nostra preziosa libreria di oltre 40 risorse principali diventando un membro di Porta della Bibbia Plus. Provalo gratis per 30 giorni!


Fatti sorprendentemente affascinanti di Hanukkah per insegnare ai bambini la vera storia

Hanukkah, o Chanukah, è presto alle porte, e mentre i bambini che festeggiano lo sanno bene, questo significa tanti regali, potrebbero non avere familiarità con l'affascinante storia dietro a come la festa è nata e il simbolismo che risale a migliaia di anni.

Dai un'occhiata a questi fatti folli su Hanukkah che i bambini potrebbero non conoscere già, oltre ad alcune tradizioni nuove e antiche da inserire nelle tue feste. Ma giusto avvertimento per i più piccoli: è una bellissima vacanza scaturita da origini piuttosto raccapriccianti.

1. È stato tutto iniziato da ribelli con una causa

La storia di Hanukkah risale al II secolo aC. Questo è successo quando gli ebrei si ribellarono ai greco-siriani che avevano negato loro il diritto di praticare liberamente l'ebraismo e avevano chiesto che gli ebrei invece pregassero gli dei greci. Il figlio del re, Antioco IV Epifane, scese sull'allora Giudea, alias l'odierna Israele, e uccise gli ebrei, distruggendo il loro tempio e spalmando sangue di maiale, un simbolo molto offensivo, sulle sue pareti.

2. Il nostro eroe di Hanukkah era figlio di un predicatore

Judah Maccabee, il figlio di un sacerdote ebreo, assunse la causa e in due anni guidò un esercito che sconfisse i greci e si riprese il loro tempio e la loro città. Il suo esercito era conosciuto come i Maccabei.

3. C'erano alcune lampade magiche e, purtroppo, nessun genio coinvolto

Quando venne il momento di ridedicare il tempio dopo averlo riconquistato dai greci, i Maccabei trovarono solo abbastanza olio per accendere le loro lampade per una notte. In quello che è ampiamente noto come "il miracolo di Hanukkah", l'olio in qualche modo è durato abbastanza a lungo da consentire alla lampada di bruciare per otto giorni e otto notti. Ecco perché accendiamo la menorah con nove candele per otto notti (la nona è conosciuta come a shamash, o “candela a testa,” e la usi per accendere le altre).

4. È 8217 in un giorno diverso ogni anno e puoi dare la colpa alla luna

Hanukkah è celebrata per otto giorni e otto notti, a partire dal 25 del mese di Kislev del calendario ebraico. Poiché il calendario ebraico è lunare piuttosto che solare, Hanukkah cade in un giorno diverso ogni anno, da novembre all'inizio di gennaio del calendario romano con cui la maggior parte di noi ha familiarità. A volte Hanukkah è più vicino al Ringraziamento che al Natale, ea volte si sovrappone al Natale.

5. Oggi mangiamo il nostro “olio magico” invece di accenderlo

Sebbene non faccia affatto parte della storia originale di Hanukkah o anche di una tradizione molto antica, da qualche parte lungo la strada, qualcuno con un debole per i cibi fritti ha deciso che fare cose deliziose immerse nell'olio era un ottimo modo per onorare l'olio miracoloso del tempio dei tempi antichi. E perchè no? I due cibi più comunemente associati a Hanukkah sono i latkes, o frittelle di patate, e le ciambelle alla gelatina. Quindi vai avanti e goditi un po' di azione carboidrati su carboidrati.

5. Hanukkah è un momento per mettere i tuoi soldi dove la tua bocca è letteralmente.

Il regalo tradizionale di Hanukkah più comune può essere facilmente trovato nella tua farmacia locale: cioccolato avvolto in carta stagnola color oro gelt, o denaro. È spesso dato insieme o al posto di denaro reale. Si dice che dopo che i Maccabei furono vittoriosi contro i greci, iniziarono a produrre il proprio denaro per la prima volta. La tradizione di regalare monete ai bambini ad Hanukkah, però, è iniziata molti secoli dopo: in Polonia nel 1600, quando era consuetudine per gli scolari dare soldi ai loro insegnanti intorno ad Hanukkah. Quei ragazzi capitalisti, naturalmente, hanno iniziato a chiedere un'elemosina anche per se stessi, il che ha portato all'inizio di quella che oggi è una grande tradizione di regali ai bambini (quelli che si sciolgono oltre a quelli veri).

6. Praticamente giochi a poker, solo senza le carte

Oltre alla parte certamente più noiosa di Hanukkah, quando dici la preghiera ebraica per l'accensione della candela, ci sono diverse tradizioni che sono molto divertenti per tutta la famiglia. Il gioco dreidel è uno di questi e puoi facilmente giocarci con quante (o poche) persone vuoi. Tutto ciò di cui hai bisogno è il dreidel, che è un giocattolo rotante simile a una trottola, e un mucchio di centesimi o caramelle & mdash o qualunque cosa tu voglia mettere nel piatto. Il dreidel ha quattro lati, ciascuno con una lettera ebraica su di esso che simboleggia un'azione. Gira il dreidel e se atterra su “suora,” non fai nulla su “shin” significa che ne metti uno se atterri su “he” ottieni la metà di ciò che è nel mezzo e il “gimel” rivolto verso l'alto significa che ottieni l'intero piatto. Chi ha più bottino quando il piatto si esaurisce vince.

Ci sono anche canzoni facili che tutta la famiglia può cantare, tra cui &ldquoDreidel&rdquo &ldquoOh Hanukkah&rdquo o la canzoncina non tradizionale preferita da tutti, &ldquoThe Chanukah Song&rdquo di Adam Sandler.

Detto questo, ci sono molti riferimenti affascinanti e tradizioni bizzarre che sono emerse da migliaia di anni di onorare e celebrare Hanukkah & mdash e puoi trasmetterli tutti ai tuoi piccoli, se lo desideri. Quindi prendi spunto dai fatti di cui sopra e sentiti libero di mescolare i costumi contemporanei con il leggendario dramma storico per un Hanukkah di cui parleranno i bambini fino, beh, al prossimo.

Una versione di questo articolo è stata originariamente pubblicata nel dicembre 2008.


Curiosità su Hannukkah: 40 fatti che non sapevi sulla festa ebraica!

Hannukah è una festa ebraica che commemora la ridedicazione del Sacro Tempio (il Secondo Tempio) a Gerusalemme al tempo della rivolta dei Maccabei contro l'Impero seleucide. Hanukkah è osservato per otto notti e giorni, a partire dal 25 ° giorno di Kislev secondo il calendario ebraico, che può verificarsi in qualsiasi momento da fine novembre a fine dicembre nel calendario gregoriano. È anche conosciuto come il Festival delle Luci e la Festa della Dedicazione.

Vediamo alcuni fatti interessanti a riguardo!

1. Il nome “Hanukkah” deriva dal verbo ebraico “חנך”, che significa “dedicare”.

2.Ad Hanukkah, gli ebrei dei Maccabei ripresero il controllo di Gerusalemme e ridedicarono il Tempio.

3. Molte spiegazioni omiletiche sono state date per il nome:

4. Il nome può essere scomposto in חנו כ”ה, “[essi] riposarono [il] venticinquesimo”, riferendosi al fatto che gli ebrei smisero di combattere il 25° giorno di Kislev, il giorno in cui la festa inizia.

5. חנוכה (Hanukkah) è anche l'acronimo ebraico di ח נרות והלכה כבית הלל — "Otto candele, e la halakha è come la casa di Hillel".

6. Questo è un riferimento al disaccordo tra due scuole di pensiero rabbiniche - la Casa di Hillel e la Casa di Shammai - sull'ordine corretto in cui accendere le fiamme di Hanukkah.

7. Shammai ha affermato che otto candele dovrebbero essere accese la prima notte, sette la seconda notte, e così via fino a una l'ultima notte (perché il miracolo era più grande il primo giorno).

8. Hillel ha sostenuto a favore di iniziare con una candela e accenderne un'altra ogni notte, fino alle otto dell'ottava notte (perché il miracolo cresceva in grandezza ogni giorno). La legge ebraica ha adottato la posizione di Hillel.

9. La festa è osservata dall'accensione delle luci di un candelabro unico, la menorah a nove rami, una luce in più in ogni notte della festa, passando a otto nell'ultima notte.

10. La menorah tipica consiste di otto rami con un ramo aggiuntivo visivamente distinto. La luce in più, con cui vengono accese le altre, è chiamata shamash (in ebraico: שמש‎‎, "attendente") e viene assegnata una posizione distinta, di solito sopra o sotto il resto.

11. Altre feste di Hanukkah includono giocare a dreidel e mangiare cibi a base di olio come ciambelle e latkes.

12. Dagli anni '70, il movimento chabad chassidico mondiale ha avviato l'illuminazione pubblica della menorah in luoghi pubblici aperti in molti paesi.

13. La storia di Hanukkah è conservata nei libri del Primo e del Secondo Maccabeo, che descrivono in dettaglio la ridedicazione del Tempio di Gerusalemme e l'accensione della menorah.

14. Questi libri non fanno parte del Tanakh (Bibbia ebraica) che proveniva dal canone palestinese, tuttavia facevano parte del canone alessandrino che è anche chiamato Settanta (a volte abbreviato LXX).

15. Entrambi i libri sono inclusi nell'Antico Testamento utilizzato dalle Chiese cattolica e ortodossa, poiché tali chiese considerano i libri deuterocanonici.

16. Non sono inclusi nei libri dell'Antico Testamento nella maggior parte delle Bibbie protestanti poiché la maggior parte dei protestanti considera i libri apocrifi.

17. Molteplici riferimenti a Hanukkah sono anche fatti nella Mishna (Bikkurim 1:6, Rosh HaShanah 1:3, Taanit 2:10, Megillah 3:4 e 3:6, Moed Katan 3:9 e Bava Kama 6:6 ), sebbene non siano descritte leggi specifiche.

18. Il miracolo della fornitura di un giorno di olio miracolosamente della durata di otto giorni è descritto per la prima volta nel Talmud, impegnato a scrivere circa 600 anni dopo gli eventi descritti nei libri dei Maccabei.

19. Rav Nissim Gaon postula nel suo Hakdamah Le'mafteach Hatalmud che le informazioni sulla festa erano così comuni che la Mishna non sentiva il bisogno di spiegarle.

20. Uno studioso moderno Reuvein Margolies suggerisce che, poiché la Mishnah fu redatta dopo la rivolta di Bar Kochba, i suoi redattori erano riluttanti a includere una discussione esplicita di una festa che celebrava un'altra rivolta relativamente recente contro un sovrano straniero, per paura di inimicarsi i romani.

21. La Gemara (Talmud), nel trattato Shabbat, pagina 21b, si concentra sulle candele di Shabbat e si sposta sulle candele di Hanukkah e dice che dopo che le forze di Antioco IV erano state cacciate dal Tempio, i Maccabei scoprirono che quasi tutta l'oliva rituale l'olio era stato profanato.

22. Trovarono un solo contenitore che era ancora sigillato dal Sommo Sacerdote, con abbastanza olio per mantenere accesa la menorah nel Tempio per un solo giorno.

23. Hanno usato questo, ma ha bruciato per otto giorni (il tempo necessario per avere l'olio nuovo spremuto e preparato).

24. Il Talmud presenta tre opzioni: la legge richiede solo una luce ogni notte per famiglia, una pratica migliore è accendere una luce ogni notte per ogni membro della famiglia, la pratica più preferita è variare il numero di luci ogni notte, Salvo nei momenti di pericolo, le luci dovevano essere poste fuori della propria porta, dal lato opposto della mezuza, o nella finestra più vicina alla strada.

25. Rashi, in una nota a Shabbat 21b, dice che il loro scopo è pubblicizzare il miracolo. Le benedizioni per le luci di Hanukkah sono discusse nel trattato Succah, p. 46a.

26. Hanukkah celebra la vittoria dei Maccabei o Israeliti sul sovrano greco-siriano, Antioco, circa 2200 anni fa.

27. Una Menorah è uno speciale candelabro a nove bracci, noto anche in ebraico come Hanukiah.

28. Ogni notte di Hanukkah, una candela aggiuntiva viene posta nella Menorah da destra a sinistra, e poi accesa da sinistra a destra. L'ultima notte, tutte le candele sono accese.

29. Un dreidel, o sivion, è un top a quattro lati che ha una lettera ebraica su ciascun lato.

30. Durante Hanukkah, le famiglie mangiano latkes (frittelle di patate) e sufganiot (ciambelle di gelatina), o altri cibi fritti nell'olio, per celebrare e commemorare il miracolo della Festa delle Luci.

31. Nello Yemen, i bambini andavano di casa in casa, barattoli in mano, per raccogliere stoppini per la Hanukkah Menorah.

32. In Germania, l'ottava e ultima notte di Hanukkah era molto speciale. Tutti gli stoppini e l'olio avanzati furono accesi in falò giganti. La gente cantava canzoni e ballava intorno al fuoco, spesso fino alle ore piccole della notte.

33. Tradizionalmente, Hanukkah è un momento in cui i bambini sono incoraggiati e ricompensati per i loro studi sulla Torah. Di conseguenza, è diventato di moda dare ai bambini Hanukkah soldi e regali durante le vacanze.

34. Durante gli otto giorni di Hanukkah, si recita l'intero Hallel (salmi di lode).

35. Salvo che in tempi di persecuzione religiosa, la menorah veniva posta fuori della porta d'ingresso o, come è consuetudine oggi, esposta nella finestra di ogni casa ebraica.

36. Durante gli otto giorni di Hanukkah, nelle preghiere è inserito il brano “Al Hanissim”, che esprime grazie a Dio per i miracoli di Hanukkah.

37. Buoni di risparmio, assegni e piccole monete di cioccolato avvolte in lamina d'oro: queste sono le moderne incarnazioni del dono tradizionale noto come Hanukkah gelt. "Gelt" è un termine yiddish per "denaro".

38. Hanukkah è celebrato in casa a partire dal 25esimo giorno del mese ebraico di Kislev.

39. Nei tempi antichi, l'olio veniva usato nella menorah. Nel corso del tempo, le candele sono state sostituite all'olio.

40. Che tu lo scriva Hanukkah, Channukah o Hunnakah, hai ragione.


Come celebrare Hanukkah

Il modo principale per celebrare Hanukkah è accendere le candele della menorah. Vedi sopra per istruzioni chiare su come accendere le candele di Hanukkah e adempiere a questo importante mitzvah. Hanukkah è anche il momento preferito della famiglia. Per una grande festa di Hanukkah, dopo aver acceso la menorah, goditi queste antiche usanze:

Canzoni

Le famiglie si divertono a sedersi al bagliore della menorah, mentre cantano insieme le melodie preferite di Hanukkah. La prima canzone tradizionalmente cantata dopo aver acceso le candele è &ldquoMaoz Tzur&rdquo (Rock of Ages).

Dreidel

Giriamo il dreidel, un top a quattro lati con una lettera ebraica su ogni lato (sivivon in ebraico). Giochiamo al gioco del dreidel (infografica), che ha un significato più profondo e invita all'"ispirazione dall'alto".

Ad Hanukkah, in commemorazione del miracolo dell'olio, si mangiano cibi cotti con olio d'oliva. Goditi queste ricette di frittelle di patate fritte (latke), o incredibili latke gourmet, usando questi quattro passaggi per il latke perfetto. (Non dimenticare la salsa di mele e la panna acida!) Per la versione israeliana di "cibo quotoily", usa questa guida "come fare" per ottime ciambelle fatte in casa (sufganiyot).

I regali

Ad Hanukkah, molti hanno l'usanza di condividere doni, dando Hanukkah "gelt" (monete di denaro o di cioccolato ricoperte di alluminio) ai bambini. Opzioni significative sono i regali di Hanukkah per mariti, mogli e bambini. (Suggerimento: "senza regali, più presenza".)

Preghiere

Durante Hanukkah, un paragrafo speciale che descrive il miracolo di Chanukah &ndash &ldquoAl Hanisim&rdquo &ndash viene aggiunto alla preghiera di Amidah e anche a Grace After Meals. La preghiera &ldquoHallel&rdquo viene recitata ogni giorno.

Figli

Prova queste divertenti idee per la famiglia per Hanukkah, tra cui un libro da colorare di Hanukkah, storie illustrate di Hanukkah per bambini (anche qui) e una poesia animata per tutte le età, "Era la notte prima di Hanukkah".


8 cose che devi fare per prepararti per Hanukkah

Dicembre è tutto incentrato sui 25 giorni di Natale, che tu lo guardi Elfo un milione di volte su ABC Family o 12 giorni di donazioni a tema natalizio di Ellen DeGeneres. Mentre stai tirando un George Washington e abbattendo un albero, alcune persone stanno alleggerendo le Menorah. La festa ebraica inizia sabato al tramonto e dura fino al 16 dicembre. Anche se non sei ebreo ma vuoi sorprendere i tuoi amici, ecco otto cose fondamentali quando ti prepari per i festeggiamenti che si svolgono durante Hannukkah.

  1. Ricevi i tuoi regali in tempo o anche in anticipo — Non fidarti della spedizione il giorno successivo. Sto chiamando mio fratello per quello. Fai partecipare la tua famiglia a un “Secret Samuel” o “Hanukkah Harry” e prendi qualcosa di piccolo per qualcuno a cui tieni. Che si tratti di un regalo bavaglio o di una carta regalo, Hanukkah riguarda il dare. www.elfster.com è un comodo sito web che aiuta a scegliere le persone a cui fare regali in segreto.
  2. Ottieni il tuo Gelt e Dreidels su — Per coloro che non lo sapessero, Gelt è una parola yiddish per denaro. Dal momento che cerchiamo di non promuovere il gioco d'azzardo tra i bambini, i gelt sono tipicamente monete a forma di cioccolato che vengono vinte giocando a Dreidel. I Dreidels sono trottole che girano e hanno quattro lettere ebraiche sopra. Dimentico che è perché in qualche modo sono stato cacciato dalla scuola ebraica. Nun, Gimel, Hay e Shin, se proprio volessi saperlo. Alla fine, tutti vincono quando ci sono soldi a forma di cioccolato.
  3. Tira fuori la Menorah dalla soffitta e rispolverala — Assicurati di avere abbastanza candele per tutte le otto notti.
  4. Riproduci musica Hanukkah — Adam Sandler's “The Chanukah Song” (che numero sta facendo in questi giorni?) e “Ho avuto un piccolo Dreidel.” Anche se potrebbero non essere in cima alle classifiche di Billboard, sono dei classici istantanei che tutti può cantare insieme a.
  5. Latkes dappertutto — I latkes sono frittelle di patate fritte che sono deliziose. Possono essere consumati al naturale, con salsa di mele e/o panna acida. Poiché la maggior parte delle vacanze è solo un'altra scusa per riempirti la faccia, potrebbe non essere salutare mangiare tutte e otto le notti.
  6. Prenditi una pausa dal mangiare Latkes, (Vedi #5) per ricordare la storia dietro le tradizioni di questa festa. Racconta la storia dell'olio che durò otto notti e insegnala a chi forse non lo conosce.
  7. Guarda i film e gli spettacoli televisivi di Hanukkah — Al passo con Adam Sandler, Otto notti folli, è piuttosto epico, soprattutto perché la mia ragazza Tyra Banks fa un cameo vocale come un vestito fluttuante. Sicuramente non dimenticare di concederti il ​​miglior episodio di L'O.C, il “Chrismukkah” perché Sandy Cohen è l'uomo e sia Mosè che Gesù avevano la barba.
  8. Nel campus? Vai a Penn State Hillel — Sabato sera alle 19:00 goditi antipasti gratuiti per ebrei e birrai: Hannukah Edition ospitato al Cafe 210 West.
  9. Un bonus per buona fortuna. Lo shamash è tecnicamente la nona candela sulla Menorah. Questo è usato per accendere tutte le altre candele ogni notte. Assicurati di tornare al passato con The Rugrats Hanukah Episode, è semplicemente fantastico.

Nota a margine: ci sono dieci modi per scriverlo: Hanukkah, Chanukah, Chanukkah o Hanukah, ma assicurati di dirlo con il suono di gola chhhh. Tu conosci quello. Quindi scegli il tuo preferito, tendo a cambiarlo. Mi dispiace.

Come festeggerete la festa delle luci quest'anno?

Lauren Feinstein è un'esperta di telecomunicazioni che attualmente accetta regali di Hannukkah e appende sul caminetto le calze con la scritta Shalom. Inoltre, sua madre è nata a Natale, quindi è quello che festeggia davvero il 25 dicembre.


Le otto cose migliori da fare in Israele negli otto giorni di Hanukkah

Relè torcia
L'annuale staffetta della torcia di Hanukkah segna l'inizio della vacanza in Israele. La gente lungo la strada dalla città di Modi’in al Muro Occidentale (Kotel) nella Città Vecchia di Gerusalemme, passando di mano in mano una torcia ardente. La torcia poi accende la gigante hanukkiyah (menorah) al Muro Occidentale.

L'anno scorso il rabbino capo di Beersheva Yehuda Deri ha illuminato l'hanukkiyah del Muro Occidentale. Foto di Yoav Ari Dudkevitch/FLASH90

Si ritiene che Modi'in, situata tra Gerusalemme e Tel Aviv, sia stata la casa degli eroi di Hanukkah, i Maccabei, e il luogo in cui iniziò la rivolta dei Maccabei.

Mangiare
Le sufganiyot (ciambelle) sono di gran lunga il cibo Hanukkah più popolare in Israele. Ogni anno, gli israeliani mangiano ben 24 milioni di queste prelibatezze fritte ricoperte di zucchero ad alto contenuto calorico fatte appositamente per le vacanze.

Quelli ripieni di gelatina di fragole sono i più onnipresenti, ma non perderti gli altri ripieni: halva, dulce de leche, cioccolato, crema di pistacchio e altro ancora.

Diete a parte, i cibi di Hanukkah vengono solitamente fritti nell'olio per ricordare la vittoria dei Maccabei sui loro oppressori e quella fiasca di olio bruciata miracolosamente per otto giorni nel Tempio ridedicato a Gerusalemme.

Molti piatti contengono anche formaggio per celebrare la vittoria di Giuditta sul potente esercito assiro (ha dato a Oloferne, un generale invasore di Nabucodonosor, formaggio salato per farlo venire sete, vino per farlo ubriacare, e poi lo ha decapitato).

Il menu tradizionale delle feste comprende anche latkes (frittelle di patate o formaggio fritte nell'olio), svinge (frittelle fritte tradizionali ebraiche marocchine), loukoumades o bimuelos (sfoglie di miele fritte) e monete di cioccolato.

Hanukkah è uno dei periodi migliori dell'anno per assistere a uno spettacolo. Decine di concerti, commedie, spettacoli teatrali e di danza – rivolti sia ad adulti che a bambini – sono offerti in tutto il paese.

Il Festigal e il Motek Shel Festival sono i due più grandi spettacoli di varietà orientati ai bambini con i migliori animatori per bambini. Il Festival è iniziato nel 1981, mentre il Motek Shel Festival, rivolto ai bambini più piccoli (dai due ai cinque anni), è giunto alla sua sesta edizione e racchiude un messaggio più educativo nei canti e nelle danze.

Gli spettacoli si esauriscono rapidamente e anche quei genitori che cercano di proteggersi dall'assalto troveranno i loro figli a cantare le canzoni fino alla prossima stagione di Hanukkah. Piaccia o no, Festigal e Motek servono la colonna sonora per l'anno a venire.

Luci di Hanukkah a Gerusalemme o Bnei Brak
La Città Vecchia di Gerusalemme e la città ultra-ortodossa di Bnei Brak mostrano perché questa festa è chiamata la Festa della Luce. Persone provenienti da tutto il paese - così come turisti dall'estero - fanno un tour autoguidato la sera durante gli otto giorni di Hanukkah per vedere lo sfarfallio dell'hanukkiyot sui davanzali delle finestre.

Accendi le candele con i tuoi vicini

L'organizzazione Chabad of Israel organizza grandi hanukkiyot nei quartieri di tutto il paese per garantire che tutti abbiano la possibilità di celebrare la festa.
Il più grande si trova a Gerusalemme. I rabbini di spicco di solito, a turno, guidano le preghiere e i canti durante la cerimonia dell'accensione delle candele.

Quindi, se stai visitando Israele e non hai portato una menorah con te... esci al tramonto al grande hanukkiyah più vicino e unisciti ai tuoi vicini,

Visita musei

Spettacolo di Pyromania Hanukkah al Museo di Israele. Foto di Kayleigh Rappaport/FLASH90

È il festival dell'olio, quindi quale posto migliore per iniziare la tua visita se non il Museo della produzione di olio commestibile ad Haifa?
In un paese traboccante di musei di ogni dimensione e natura, la vacanza è un ottimo momento per fare le valigie con la famiglia e andare a fare cultura. Quasi tutti i musei offrono attività di vacanza speciali per tutta la famiglia.

Cap: spettacolo Pyromania Hanukkah al Museo di Israele. Foto di Kayleigh Rappaport/FLASH90

Il Museo della Torre di David offre sempre qualcosa di speciale per Hanukkah, così come il Children's Museum di Holon, l'Israel Museum di Gerusalemme e il Tel Aviv Museum of Art, tra molti altri.

Crea le tue candele/hanukkiyah/dreidel (trottola)

Durante le festività natalizie, i laboratori di arte e artigianato spuntano ovunque: nei centri commerciali, nei musei, negli spazi pubblici all'aperto e nei festival. Un po' di colla, vernice, cera e glitter e sei sulla buona strada per creare un oggetto unico e personalizzato per le vacanze.

Sii un Maccabeo nella natura

Vivi la vera atmosfera del festival di Hanukkah e torna indietro nel tempo.
La storia delle vacanze viene ricreata ogni anno presso il villaggio di Hasmonean a Shilat. Impara la storia dei Maccabei, raccogli le olive, crea mosaici e crea candele di cera.

Anche l'annuale Ein Yael Oil Festival a Gerusalemme ti riporta ai tempi antichi e mostra come produrre l'olio d'oliva alla vecchia maniera. La storia della vacanza è intrecciata in diverse attività.

L'Autorità israeliana per la natura e i parchi vuole che tu faccia un'escursione. Le guardie forestali guidano i visitatori in escursioni guidate di narrazione e offrono attività ecocompatibili per i bambini, tra cui la realizzazione di un hanukkiyah ecologico.

La Società per la Protezione della Natura in Israele ha sempre una sfilza di eventi di Hanukkah per tutta la famiglia. Le guide raccontano storie legate alla vacanza e guidano i gruppi attraverso alcuni dei più bei scenari naturali di Israele.


Il misterioso festival di Hanukkah

Tutti hanno una certa consapevolezza della festa chiamata Hanukkah, a causa della sua vicinanza al Natale. Senti la gente dire: "Buon Natale e felice Hanukkah". Molti ebrei si scambiano persino doni all'interno delle rispettive famiglie, principalmente con i bambini a causa dell'influenza del Natale. Come tutti sappiamo, è una celebrazione molto ebraica, ma dovrebbe avere un interesse o un significato per i cristiani?

Lo scopo e le tradizioni di questo festival sono così intriganti, che i cristiani dovrebbero apprezzare Hanukkah più di un riconoscimento passeggero della stagione. Le celebrazioni ebraiche sono piene di rituali e osservanze significativi, che servono come meravigliose illustrazioni delle verità spirituali.

Quando le tradizioni puntano in qualche modo a Gesù, i cristiani dovrebbero prenderne atto in modo particolare.

A differenza delle sette feste annuali o feste della Pasqua ebraica ai Tabernacoli, Hanukkah è stata iniziata dagli umani stessi, piuttosto che da Dio. Le sette feste bibliche in Levitico 23 sono chiamate "tempi fissati del Signore". Hanukkah d'altra parte è stato creato nella mente dell'uomo. Questo non dovrebbe in alcun modo minimizzare il significato dell'osservanza, perché è onorare Dio. Dopotutto, celebriamo la Pasqua, il Ringraziamento e il Natale, che sono stati tutti stabiliti dall'uomo come festività molto importanti e significative.

Hanukkah è una festa che dura otto giorni per ricordare e celebrare due eventi importanti della storia che sono stati davvero collegati in un unico grande evento. La prima fu la vittoria che gli ebrei asmonei ebbero sui greci siriani in una rivolta guidata dai fratelli Maccabei nel 164 a.C. Il secondo evento, che è anche l'evento principale nel ricordo, sono gli otto giorni della purificazione e ridedicazione del tempio dopo che i Gentili lo avevano profanato.

La parola Hanukkah in realtà significa "dedizione".

Daniele 8:9-12, Daniele 8:23-25 ​​e Daniele 8:11:21-35 profetizzarono che un capo sarebbe sorto e avrebbe causato persecuzioni a coloro che vivevano in Israele. Quest'uomo era Antioco IV Epifane, che era una prefigurazione della venuta dell'Anticristo degli ultimi giorni. Fece molte cose deplorevoli, come proibire agli ebrei di praticare le loro leggi, e in aggiunta a ciò, sacrificò un maiale sull'altare. Antioco eresse persino una statua di Zeus proprio fuori dal tempio. Ha chiesto che gli ebrei adorassero il suo falso dio. Uccideva persino gli ebrei se si rifiutavano di mangiare carne di maiale. Si può capire perché è chiamato una persona spregevole nella profezia di Daniele.

Un sacerdote di nome Mattatia con l'aiuto dei suoi cinque figli iniziò una rivolta e vi riuscì. Dopo la vittoria della rivolta dei Maccabei, uno dei suoi figli, Giuda Maccabeo, guidò un progetto per ripulire il tempio e ristrutturarlo. Secondo il Talmud avvenne un miracolo nel momento in cui celebrarono la purificazione. In trattato Shabbat 21b si legge,

“Qual è la ragione di Hanukkah? Poiché i nostri rabbini insegnavano: Il venticinquesimo giorno di Kislev iniziano i giorni di Hanukkah, che sono otto in cui sono vietati lamenti per i morti e il digiuno. Poiché quando i Greci entrarono nel Tempio, contaminarono tutti gli oli in esso contenuti e quando la dinastia degli Asmonei prevalse e li sconfisse, fecero ricerche e trovarono solo una brocca d'olio che era con il sigillo del Sommo Sacerdote, ma che conteneva abbastanza per l'illuminazione di un solo giorno, tuttavia, fu compiuto un miracolo e accesero con essa la lampada per otto giorni. L'anno successivo questi giorni furono nominati un Festival con la recita di Hallel e il ringraziamento”.

Da allora in poi gli ebrei chiamarono questa festa la Festa delle Luci. Fino ad oggi gli ebrei si concentrano sulla purificazione del tempio e sull'illuminazione della menorah. La menorah ha nove candelieri. Quello al centro che è elevato sopra gli altri è chiamato il “finta", che significa "servo". La prima notte la candela del servo viene utilizzata per accendere la prima candela all'estrema destra. Prima che si accenda la prima candela, si recitano tre benedizioni:

  1. Benedetto sei tu, Signore nostro Dio, re dell'universo, che ci ha santificato con i suoi comandamenti e ci ha comandato di accendere la luce di Chanukah.
  2. Benedetto sei tu, Signore nostro Dio, Re dell'universo, che hai operato miracoli per i nostri antenati in quei giorni, in questo momento.
  3. Benedetto sei tu, Signore nostro Dio, Re dell'universo, che ci ha donato la vita, ci ha sostenuto e ci ha permesso di raggiungere questa occasione.

Prima di ogni successiva accensione delle candele, vengono recitate solo le prime due benedizioni. La seconda notte si usa la candela del servitore per riaccendere la prima candela e poi la seconda accanto ad essa. Questa procedura viene ripetuta ogni notte fino a quando tutte e otto le candele sono accese.

Il miracolo secondo la tradizione è interessante, ma ci sono altri elementi che i cristiani devono apprezzare e che sono ancora più applicabili oggi. La prima applicazione che dovremmo prendere in considerazione è che "otto" nel sistema numerico ebraico indica un "nuovo inizio". Questo è molto toccante per il cristiano, perché ci ricorda che, dopo essere stati purificati dal sangue di Cristo alla salvezza, abbiamo un nuovo inizio come tempio dello Spirito Santo e una nuova vita in comunione con nostro Signore Gesù Cristo. In secondo luogo, è affascinante che la candela in posizione centrale sia chiamata la "serva" che illumina le altre candele. Ci ricorda la profezia messianica di Isaia 53, dove il Messia è chiamato Servo.

Gesù, il nostro Messia, è la nostra unica fonte di luce.

Un altro fatto molto interessante su Hanukkah è quando si osserva sul calendario, che è il periodo dell'anno in cui le notti sono le più lunghe, in altre parole, il periodo più buio dell'anno. Nel mio libro, Svelare i segreti delle feste, nel capitolo sulla Festa dei Tabernacoli, spiego in dettaglio le prove che Gesù è nato durante il tempo della Festa dei Tabernacoli e concepito nel periodo di Hanukkah. Le testimonianze sono derivate dal Vangelo di Luca e dal calendario ebraico. La Festa dei Tabernacoli, che attende con impazienza la dimora del Messia o il "tabernacolo" con l'umanità nel Regno futuro, è chiamata lo "Spettacolo delle Luci", mentre Hanukkah è chiamata la "Festa delle Luci". Quando Gesù dichiarò di essere la "Luce del mondo", aveva come fermalibri quelle due feste che circondano l'evento della Sua nascita.

Infine, quando vediamo l'illuminazione progressiva della menorah diventare più luminosa ogni sera, i cristiani possono ricordare che risplendiamo sempre di più della luce di Cristo ogni giorno mentre cresciamo e camminiamo nella Sua luce.

Originale di Michael Norten, autore di Svelare i segreti delle feste per FaithGateway e Devotional Daily.


Contenuti

Il nome "Hanukkah" deriva dal verbo ebraico " חנך ‎", che significa "dedicare". Ad Hanukkah, gli ebrei dei Maccabei ripresero il controllo di Gerusalemme e ridedicarono il Tempio. [7] [8]

Molte spiegazioni omiletiche sono state date per il nome: [9]

  • Il nome può essere suddiviso in חנו כ"ה , "[essi] riposarono [il] venticinquesimo", riferendosi al fatto che gli ebrei smisero di combattere il 25 di Kislev, il giorno in cui inizia la festa. [10]
  • ? Chinuch, dalla stessa radice, è il nome dell'educazione ebraica, che enfatizza la formazione etica e la disciplina.
  • חנוכה ‎ (Hanukkah) è anche l'acronimo ebraico di ??? ?? ?? ?לל – "Otto candele e la halakha è come la casa di Hillel". Questo è un riferimento al disaccordo tra due scuole di pensiero rabbiniche – la Casa di Hillel e la Casa di Shammai – sull'ordine corretto in cui accendere le fiamme di Hanukkah. Shammai ha affermato che otto candele dovrebbero essere accese la prima notte, sette la seconda notte, e così via fino a una l'ultima notte (perché il miracolo è stato il più grande il primo giorno). Hillel sosteneva di iniziare con una candela e accenderne un'altra ogni notte, fino alle otto dell'ottava notte (perché il miracolo cresceva in grandezza ogni giorno). La legge ebraica ha adottato la posizione di Hillel. [11] è chiamato
  • שיר חנכת הבית ‎, la "Canzone di Ḥănukkāt HaBayit", Il Canto della "Dedicazione" della Casa", ed è tradizionalmente recitato ad Hanukkah. 25 (di Kislev) + 5 (Libri di Torah) = 30, che è il numero della canzone.

Ortografia alternativa Modifica

Libri dei Maccabei Modifica

La storia di Hanukkah è conservata nei libri del Primo e del Secondo Maccabeo, che descrivono in dettaglio la ridedicazione del Tempio di Gerusalemme e l'accensione della menorah. Questi libri non fanno parte del Tanakh canonizzato (Bibbia ebraica) usato dagli ebrei moderni, sebbene fossero inclusi nella Settanta greca. Le Chiese cattolica romana e ortodossa li considerano libri deuterocanonici dell'Antico Testamento. [17]

La ridedicazione di otto giorni del tempio è descritta in 1 Maccabei, [18] sebbene il miracolo dell'olio non appaia qui. Una storia simile per carattere, e più antica per data, è quella a cui allude in 2 Maccabei [19] secondo cui la riaccensione del fuoco dell'altare da parte di Neemia sarebbe dovuta a un miracolo avvenuto il 25 di Kislev, e che sembra motivare la scelta della stessa data per la ridedicazione dell'altare da parte di Giuda Maccabeo. [20] Il racconto di cui sopra in 1 Maccabei, così come in 2 Maccabei [21] ritrae la festa come un'osservazione ritardata della Festa delle Capanne (Sukkot) di otto giorni, allo stesso modo 2 Maccabei spiega la durata della festa come "nel modo della Festa delle Capanne". [22]

Fonti rabbiniche antiche Modifica

Megillat Taanit (I secolo) contiene un elenco di giorni festivi in ​​cui è vietato il digiuno o l'elogio. Specifica: "Il 25 [Kislev] è Hanukkah di otto giorni, e uno non deve elogiare", ma non fornisce ulteriori dettagli. [ citazione necessaria ]

La Mishna (fine del II secolo) menziona Hanukkah in diversi punti, [23] ma non descrive mai le sue leggi in dettaglio e non menziona mai alcun aspetto della storia dietro di essa. Per spiegare la mancanza da parte della Mishna di una discussione sistematica su Hanukkah, Rav Nissim Gaon ha postulato che le informazioni sulla festa erano così comuni che la Mishna non sentiva il bisogno di spiegarle. [24] Lo studioso moderno Reuvein Margolies suggerisce che, poiché la Mishnah fu redatta dopo la rivolta di Bar Kochba, i suoi redattori erano riluttanti a includere una discussione esplicita di una festa che celebrasse un'altra rivolta relativamente recente contro un sovrano straniero, per paura di inimicarsi i romani. [25]

Il miracolo della fornitura di un giorno di olio miracolosamente della durata di otto giorni è descritto per la prima volta nel Talmud, impegnato a scrivere circa 600 anni dopo gli eventi descritti nei libri dei Maccabei. [26] Il Talmud dice che dopo che le forze di Antioco IV furono cacciate dal Tempio, i Maccabei scoprirono che quasi tutto l'olio d'oliva rituale era stato profanato. Trovarono solo un unico contenitore che era ancora sigillato dal Sommo Sacerdote, con abbastanza olio per mantenere accesa la menorah nel Tempio per un solo giorno. Hanno usato questo, ma ha bruciato per otto giorni (il tempo necessario per avere l'olio nuovo spremuto e preparato). [27]

Il Talmud presenta tre opzioni: [28]

  1. La legge richiede solo una luce ogni notte per famiglia,
  2. Una pratica migliore è accendere una luce ogni notte per ogni membro della famiglia
  3. La pratica preferita è quella di variare il numero di luci ogni notte.

Salvo nei momenti di pericolo, le luci dovevano essere poste fuori della propria porta, dal lato opposto della mezuza, o nella finestra più vicina alla strada. Rashi, in una nota a Shabbat 21b, dice che il loro scopo è pubblicizzare il miracolo. Le benedizioni per le luci di Hanukkah sono discusse nel trattato Succa, P. 46a. [29]

Megillat Antiochus (probabilmente composto nel II secolo [30]) si conclude con le seguenti parole:

. Dopo ciò, i figli d'Israele salirono al tempio, ne ricostruirono le porte e purificarono il tempio dai cadaveri e dalle impurità. E cercarono olio d'oliva puro per accendere con esso le lampade, ma non riuscirono a trovarne, tranne una ciotola che era sigillata con l'anello con sigillo del Sommo Sacerdote dai giorni del profeta Samuele e sapevano che era puro. C'era in essa [olio sufficiente] per accendere [le lampade con essa] per un giorno, ma il Dio del cielo, il cui nome abita lì, vi mise la sua benedizione e da essa poterono illuminare per otto giorni. Perciò i figli di Ashmonai fecero questo patto e presero su di sé un voto solenne, loro e tutti i figli d'Israele, di pubblicarlo tra i figli d'Israele, [fino alla fine] affinché potessero osservare questi otto giorni di gioia e onore, come i giorni delle feste scritti nel [libro della] Legge [anche] per illuminarli in modo da far conoscere a quelli che verranno dopo di loro che il loro Dio ha operato per loro la salvezza dal cielo. In loro, non è permesso piangere, né decretare un digiuno [in quei giorni], e chiunque abbia un voto da eseguire, lo faccia. [31]

La preghiera di Al HaNissim viene recitata ad Hanukkah come aggiunta alla preghiera di Amidah, che fu formalizzata alla fine del I secolo. [32] Al HaNissim descrive la storia della vacanza come segue:

Ai giorni di Mattiyahu ben Yohanan, sommo sacerdote, l'Asmoneo e i suoi figli, quando il malvagio regno greco si alzò contro il tuo popolo Israele, per fargli dimenticare la tua Torah e abbandonare le vie che desideri: tu, nella tua grande misericordia, li hai difesi nel loro momento di difficoltà hai combattuto la loro battaglia, hai giudicato il loro giudizio, hai preso la loro vendetta hai consegnato i potenti nelle mani dei deboli, i molti nelle mani dei pochi, gli impuri nelle mani dei puro, il male nelle mani dei giusti, i peccatori nelle mani di coloro che si sono impegnati nella tua Torah Ti sei fatto un nome grande e santo nel tuo mondo, e per il tuo popolo Israele hai fatto grande redenzione e salvezza come in questo stesso giorno . E poi i tuoi figli vennero nella camera interna della tua casa, e ripulirono il tuo tempio, e purificarono il tuo santuario, e accesero ceri nei tuoi santi cortili, e stabilirono otto giorni di Hanukkah per ringraziare e lodare il tuo santo nome.

Narrativa di Giuseppe Flavio Edit

Lo storico ebreo Tito Flavio Giuseppe narra nel suo libro, Antichità giudaiche XII, come il vittorioso Giuda Maccabeo ordinò sontuose feste annuali di otto giorni dopo aver ridedicato il Tempio di Gerusalemme che era stato profanato da Antioco IV Epifane. [33] Giuseppe Flavio non dice che la festa si chiamasse Hanukkah ma piuttosto la "Festa delle Luci":

Ora Giuda celebrò per otto giorni la festa della restaurazione dei sacrifici del tempio, e non omise alcun tipo di piacere in essa, ma li festeggiò con sacrifici molto ricchi e splendidi e onorò Dio e li deliziò con inni e salmi. Anzi, furono così molto contenti della rinascita dei loro costumi, quando, dopo un lungo periodo di intervallo, inaspettatamente avevano riacquistato la libertà del loro culto, che stabilirono una legge per i loro posteri, che avrebbero tenuto una festa, a causa del ripristino del loro culto nel tempio, per otto giorni. E da quel momento ad oggi celebriamo questa festa e la chiamiamo Luci. Suppongo che la ragione fosse perché ci appariva questa libertà al di là delle nostre speranze e che da lì fosse il nome dato a quella festa. Giuda ricostruì anche le mura intorno alla città, eresse torri di grande altezza contro le incursioni dei nemici, e vi pose delle guardie. Ha anche fortificato la città Bethsura, affinché potesse servire da cittadella contro qualsiasi angoscia che potesse venire dai nostri nemici. [34]

Altre fonti antiche Modifica

Nel Nuovo Testamento, Giovanni 10:22-23 dice: "Poi venne la Festa della Dedicazione a Gerusalemme. Era inverno, e Gesù era nei cortili del tempio a camminare nel Colonnato di Salomone" (NIV). Il sostantivo greco utilizzato appare al neutro plurale come "i rinnovi" o "le consacrazioni" (in greco: τὰ ἐγκαίνια ta enkainia). [35] La stessa radice appare in 2 Esdra 6:16 nella Settanta per riferirsi specificamente a Hanukkah. Questa parola greca è stata scelta perché la parola ebraica per "consacrazione" o "dedizione" è "Hanukkah" (חנכה). Il Nuovo Testamento aramaico usa la parola aramaica "Khawdata" (un sinonimo stretto), che letteralmente significa "rinnovamento" o "fare nuovo". [36]

Modifica dello sfondo

La Giudea faceva parte del regno tolemaico d'Egitto fino al 200 a.C., quando il re Antioco III il Grande di Siria sconfisse il re Tolomeo V Epifane d'Egitto nella battaglia di Panium. La Giudea divenne poi parte dell'Impero seleucide di Siria. [37] Il re Antioco III il Grande, volendo conciliare i suoi nuovi sudditi ebrei, garantì loro il diritto di "vivere secondo le loro usanze ancestrali" e di continuare a praticare la loro religione nel Tempio di Gerusalemme. [38] Tuttavia, nel 175 a.C., Antioco IV Epifane, figlio di Antioco III, invase la Giudea, su richiesta dei figli di Tobia. [39] I Tobiadi, che guidavano la fazione ebraica ellenizzante a Gerusalemme, furono espulsi in Siria intorno al 170 aEV quando il sommo sacerdote Onia e la sua fazione filo-egiziana ne strapparono il controllo. L'esiliato Tobiad fece pressioni su Antioco IV Epifane per riconquistare Gerusalemme. Come riferisce Flavio Giuseppe:

Il re essendosi disposto in anticipo, li obbedì, e venne contro i Giudei con un grande esercito, e prese la loro città con la forza, e uccise una grande moltitudine di quelli che favorivano Tolomeo, e mandò i suoi soldati a depredarli senza pietà. Ha anche rovinato il tempio, e ha posto fine alla pratica costante di offrire un sacrificio di espiazione quotidiano per tre anni e sei mesi.

Vista tradizionale Modifica

Quando il Secondo Tempio di Gerusalemme è stato saccheggiato e i servizi sono stati interrotti, l'ebraismo è stato messo al bando. Nel 167 a.C., Antioco fece erigere un altare a Zeus nel Tempio. Ha vietato brit milah (circoncisione) e ha ordinato di sacrificare i maiali all'altare del tempio. [41]

Le azioni di Antioco provocarono una rivolta su larga scala. Mattatia (Mattityahu), un sacerdote ebreo, e i suoi cinque figli Jochanan, Simeone, Eleazar, Jonathan e Judah guidarono una ribellione contro Antioco. Cominciò con Mattatia che uccise prima un ebreo che voleva conformarsi all'ordine di Antioco di sacrificare a Zeus, e poi un funzionario greco che doveva far rispettare il comando del governo (1 Mac. 2, 24-25 [42]). Judah divenne noto come Yehuda HaMakabi ("Judah the Hammer"). Nel 166 aEV Mattatia morì e Giuda prese il suo posto come capo. Nel 164 a.C., la rivolta ebraica contro la monarchia seleucide ebbe successo. Il Tempio fu liberato e riconsacrato. La festa di Hanukkah è stata istituita per celebrare questo evento. [43] Giuda ordinò di purificare il tempio, di costruire un nuovo altare al posto di quello contaminato e di fare nuovi vasi sacri. [20] Secondo il Talmud,

"Poiché quando i Greci entrarono nel Santuario, contaminarono tutti gli oli in esso contenuti, e quando la dinastia degli Asmonei prevalse e li sconfisse, cercarono e trovarono solo una croce d'olio che stava con il sigillo del kohen gadol (sommo sacerdote) , ma che conteneva [olio] sufficiente per l'illuminazione di un solo giorno, tuttavia in essa fu compiuto un miracolo e accesero [la lampada] per otto giorni. L'anno successivo questi [giorni] furono nominati una festa con [la recita di] Hallel e ringraziamento».

— Shabbat 21b

Fonti terziarie della tradizione ebraica fanno riferimento a questo racconto. [44]

Lo studioso del XII secolo Maimonide, noto per aver introdotto l'aristotelismo sia nel mondo ebraico che negli scolastici cristiani, descrisse così Hanukkah nella Mishneh Torah, il suo autorevole compendio di 14 volumi sulla legge ebraica:

Quando, il 25 di Kislev, gli ebrei furono usciti vittoriosi sui loro nemici e li distrussero, rientrarono nel Tempio dove trovarono una sola giara di olio puro, sufficiente per essere accesa solo per un solo giorno ma usarono per accendere per otto giorni il necessario set di lampade, finché non riuscirono a spremere le olive e produrre olio puro. Per questo motivo, i saggi di quella generazione stabilirono che gli otto giorni che iniziano con il venticinquesimo di Kislev dovevano essere osservati come giorni di gioia e di lode al Signore. La sera si accendono lampade sulle porte delle case, in ciascuna delle otto notti, per manifestare il miracolo. Questi giorni sono chiamati Hanukkah, quando è proibito lamentarsi o digiunare, proprio come nei giorni di Purim. Accendere le lampade durante gli otto giorni di Hanukkah è un dovere religioso imposto dai saggi. [45]

Fonti accademiche Modifica

Alcuni studiosi moderni, seguendo il racconto in 2 Maccabei, osservano che il re stava intervenendo in una guerra civile interna tra gli ebrei dei Maccabei e gli ebrei ellenizzati a Gerusalemme. [46] [47] [48] [49] Questi gareggiarono violentemente su chi sarebbe stato il Sommo Sacerdote, con tradizionalisti con nomi ebraici/aramaici come Onia che si contendevano con Sommi Sacerdoti ellenizzanti con nomi greci come Giasone e Menelao. [50] In particolare, le riforme ellenistiche di Giasone si sarebbero rivelate un fattore decisivo che avrebbe portato a un eventuale conflitto tra i ranghi dell'ebraismo. [51] Altri autori indicano possibili ragioni socioeconomiche oltre alle ragioni religiose alla base della guerra civile. [52]

Quella che per molti aspetti è iniziata come una guerra civile si è intensificata quando il regno ellenistico di Siria si è schierato con gli ebrei ellenizzanti nel loro conflitto con i tradizionalisti. [53] Con l'escalation del conflitto, Antioco si schierò dalla parte degli ellenizzanti proibendo le pratiche religiose attorno alle quali i tradizionalisti si erano radunati. Questo può spiegare perché il re, in un totale allontanamento dalla pratica seleucide in tutti gli altri luoghi e tempi, bandì una religione tradizionale. [54]

Il miracolo dell'olio è ampiamente considerato come una leggenda e la sua autenticità è stata messa in dubbio fin dal Medioevo. [55] Tuttavia, data la famosa domanda posta dal rabbino Yosef Karo sul perché Hanukkah si celebra per otto giorni quando il miracolo durava solo per sette giorni (dato che c'era abbastanza olio per un giorno), [56] era chiaro che ci credeva è stato un evento storico. Questa credenza è stata adottata dalla maggior parte dell'ebraismo ortodosso, in quanto Rabbi Karo's Shulchan Aruch è un codice principale di diritto ebraico. La menorah iniziò ad essere usata per la prima volta come simbolo dell'ebraismo nel periodo asmoneo - comparendo sulle monete emesse dal re asmoneo Mattatia Antigono tra il 40-37 a.C. - indicando che allora era nota la tradizione di un miracolo dell'olio. [57]

Modifica cronologia

  • 198 a.C.: gli eserciti del re seleucide Antioco III (Antioco il Grande) cacciano Tolomeo V dalla Giudea e dalla Samaria. [37]
  • 175 a.C.: Antioco IV (Epifane) sale al trono seleucide. [58]
  • 168 a.C.: Sotto il regno di Antioco IV, il secondo Tempio viene saccheggiato, gli ebrei vengono massacrati e l'ebraismo viene messo al bando. [59]
  • 167 aC: Antioco ordina l'erezione di un altare a Zeus nel Tempio. Mattatia e i suoi cinque figli Giovanni, Simone, Eleazar, Gionatan e Giuda guidano una ribellione contro Antioco. Judah diventa noto come Judah Maccabee ("Judah the Hammer").
  • 166 aC: Mattatia muore e Giuda prende il suo posto come capo. Inizia il Regno Ebraico Asmoneo Dura fino al 63 a.C.
  • 164 aC: La rivolta ebraica contro la monarchia seleucide riesce a riconquistare il Tempio, che viene liberato e riconsacrato (Hanukkah).
  • 142 a.C.: Ristabilimento del Secondo Commonwealth ebraico. I Seleucidi riconoscono l'autonomia ebraica. I re seleucidi hanno una signoria formale, riconosciuta dagli Asmonei. Si inaugura così un periodo di crescita demografica e di sviluppo religioso, culturale e sociale. Ciò include la conquista delle aree ora coperte da Transgiordania, Samaria, Galilea e Idumea (nota anche come Edom) e la conversione forzata degli idumei alla religione ebraica, inclusa la circoncisione. [60]
  • 139 aC: Il Senato romano riconosce l'autonomia ebraica. [61]
  • 134 a.C.: Antioco VII Sidete assedia Gerusalemme. Gli ebrei sotto Giovanni Ircano diventano vassalli seleucidi ma mantengono l'autonomia religiosa. [62]
  • 129 a.C.: muore Antioco VII. [63] Il regno ebraico asmoneo si libera completamente del dominio siriano.
  • 96 aEV: inizio di una guerra civile durata otto anni tra il re sadduceo Alessandro Yanai e i farisei. [64]
  • 85-82 a.C.: consolidamento del regno nel territorio ad est del fiume Giordano. [65]
  • 63 a.C.: Il regno ebraico degli Asmonei finisce a causa di una rivalità tra i fratelli Aristobulo II e Ircano II, i quali si appellano entrambi alla Repubblica Romana affinché intervenga e risolva la lotta di potere in loro favore. Il generale romano Gneo Pompeo Magno (Pompeo Magno) viene inviato nell'area. Dodicimila ebrei vengono massacrati nell'assedio romano di Gerusalemme. I sacerdoti del tempio vengono abbattuti all'altare. Roma annette la Giudea. [66]

Battaglie della rivolta dei Maccabei Modifica

Battaglie scelte tra i Maccabei e i seleucidi siro-greci:

    (Giuda Maccabeo conduce gli ebrei alla vittoria contro le forze di Nicànore.) (Giuda Maccabeo sconfigge le forze di Seron.) (Eleazar il Maccabeo viene ucciso in battaglia. Lisia ha successo nella battaglia contro i Maccabei, ma concede loro una temporanea libertà di culto .) (Giuda Maccabeo sconfigge l'esercito di Lisia, riconquistando Gerusalemme.) (Una fortezza ebraica salvata da Giuda Maccabeo.) (Giuda Maccabeo muore in battaglia contro l'esercito del re Demetrio e Bacchide. Gli succede Gionatan Maccabeo e Simone Maccabeo, che continuano a guidare gli ebrei in battaglia.) (Giuda Maccabeo combatte le forze di Lisia e Georgia).

Personaggi ed eroi Modifica

    , indicato anche come Mattathias e Mattathias ben Johanan. Matityahu era un sommo sacerdote ebreo che, insieme ai suoi cinque figli, svolse un ruolo centrale nella storia di Hanukkah. [67], indicato anche come Giuda Maccabeo e Y'hudhah HaMakabi. Judah era il figlio maggiore di Matityahu ed è acclamato come uno dei più grandi guerrieri della storia ebraica insieme a Giosuè, Gedeone e Davide. [68] , indicato anche come Eleazar Avaran, Eleazar Maccabeus e Eleazar Hachorani/Choran. , indicato anche come Simon Maccabeus e Simon Thassi. , indicato anche come Johanan Maccabeus e John Gaddi. , indicato anche come Jonathan Apphus. . Re seleucide che controllava la regione durante questo periodo. . Acclamato per il suo eroismo nell'assassinio di Oloferne. [69][70] . Arrestato, torturato e ucciso uno ad uno, da Antioco IV Epifane per essersi rifiutato di inchinarsi a un idolo. [71]

Hanukkah è celebrato con una serie di rituali che vengono eseguiti ogni giorno durante gli otto giorni di vacanza, alcuni sono basati sulla famiglia e altri in comune. Ci sono aggiunte speciali al servizio di preghiera quotidiano e una sezione viene aggiunta alla benedizione dopo i pasti. [72]

Hanukkah non è una festa "simile al Sabbath", e non vi è alcun obbligo di astenersi da attività vietate di Sabbath, come specificato nel Shulkhan Arukhu. [73] [74] Gli aderenti vanno al lavoro come al solito, ma possono partire presto per essere a casa ad accendere le luci al calar della notte. Non c'è motivo religioso per la chiusura delle scuole, anche se in Israele le scuole chiudono dal secondo giorno per tutta la settimana di Hanukkah. [75] [76] Molte famiglie si scambiano regali ogni notte, come libri o giochi, e "Hanukkah Gelt" è spesso dato ai bambini. I cibi fritti (come i latkes (frittelle di patate), le ciambelle di gelatina (sufganiyot) e i bimuelos sefarditi) vengono consumati per commemorare l'importanza dell'olio durante la celebrazione di Hanukkah. Alcuni hanno anche l'abitudine di mangiare latticini per ricordare Giuditta e come ha vinto Oloferne dandogli da mangiare formaggio, che gli ha fatto venire sete, e dandogli da bere del vino. Quando Oloferne divenne molto ubriaco, Giuditta gli tagliò la testa. [77]

Accendere le luci di Hanukkah Modifica

Ogni notte, durante gli otto giorni di vacanza, viene accesa una candela o una luce a base di olio. Come "abbellimento" universalmente praticato (hiddur mitzvah) della mitzvah, il numero di luci accese viene aumentato di uno ogni notte. [78] Una luce extra chiamata a shamash, che significa "assistente" o "sexton", [79] è anch'esso illuminato ogni notte, e gli viene assegnata una posizione distinta, di solito più alta, più bassa o a lato degli altri. [74]

Tra gli ashkenaziti la tendenza è che ogni membro maschio della famiglia (e in molte famiglie anche le ragazze) accenda un set completo di luci ogni notte, [80] [81] mentre tra i sefarditi l'usanza prevalente è quella di avere un set di luci ogni notte, [80] [81] luci per tutta la casa. [82]

Lo scopo del shamash è aderire al divieto, specificato nel Talmud, [83] di usare le luci di Hanukkah per qualsiasi cosa diversa dalla pubblicità e dalla meditazione sul miracolo di Hanukkah. Questo differisce dalle candele del Sabbath che sono destinate ad essere utilizzate per l'illuminazione e l'illuminazione. Quindi, se uno avesse bisogno di un'illuminazione extra su Hanukkah, il shamash candela sarebbe disponibile, e si eviterebbe di usare le luci proibite. Alcuni, specialmente gli ashkenaziti, accendono il shamash prima la candela e poi usarla per accendere le altre. [84] Quindi nel complesso, compreso il shamash, si accendono due luci la prima notte, tre la seconda e così via, per finire con nove l'ultima notte, per un totale di 44 (36, escludendo il shamash). È usanza sefardita non accendere prima lo shamash e usarlo per accendere il resto. Invece, la candela shamash è l'ultima ad essere accesa e per accendere tutte le candele si usa una candela diversa o un fiammifero. Anche alcuni ebrei chassidici seguono questa usanza sefardita. [85]

Le luci possono essere candele o lampade a olio. [84] A volte vengono utilizzate luci elettriche e sono accettabili in luoghi dove non è consentita la fiamma libera, come una stanza d'ospedale, o per le persone molto anziane e inferme, tuttavia, coloro che consentono di recitare una benedizione sulle lampade elettriche lo consentono solo se è a incandescenza e a batteria (una torcia a incandescenza sarebbe accettabile per questo scopo), mentre una benedizione non può essere recitata su una menorah o una lampada plug-in. La maggior parte delle case ebraiche ha un candelabro speciale chiamato a Chanukiah (il moderno termine israeliano) o a menorah (il nome tradizionale, semplicemente ebraico per 'lampada'). Molte famiglie usano una lampada a olio (tradizionalmente riempita con olio d'oliva) per Hanukkah. Come la candela Chanukiah, ha otto stoppini da accendere più quello aggiuntivo shamash leggero. [86]

Negli Stati Uniti, Hanukkah è diventato un festival più visibile nella sfera pubblica dagli anni '70, quando il rabbino Menachem M. Schneerson ha chiesto la consapevolezza e l'osservanza del pubblico e ha incoraggiato l'illuminazione delle menorah pubbliche. [87] [88] [89] [90] Diane Ashton ha attribuito la maggiore visibilità e reinvenzione di Hanukkah da parte della comunità ebraica americana come un modo per adattarsi alla vita americana, reinventando il festival nel "linguaggio dell'individualismo e coscienza personale derivata sia dal protestantesimo che dall'Illuminismo". [91]

La ragione delle luci di Hanukkah non è per "l'illuminazione della casa all'interno", ma piuttosto per l'"illuminazione della casa all'esterno", in modo che i passanti possano vederla e ricordare il miracolo della festa (cioè che l'unica croce di trovato olio puro che conteneva abbastanza olio da bruciare per una notte in realtà bruciato per otto notti). Di conseguenza, le lampade sono installate su una finestra prominente o vicino alla porta che dà sulla strada. È consuetudine tra alcuni ebrei ashkenaziti avere una menorah separata per ogni membro della famiglia (le usanze variano), mentre la maggior parte degli ebrei sefarditi ne accende una per l'intera famiglia. Solo quando c'era pericolo di persecuzione antisemita si supponeva che le lampade fossero nascoste alla vista del pubblico, come avvenne in Persia sotto il dominio degli zoroastriani, [20] o in alcune parti dell'Europa prima e durante la seconda guerra mondiale. Tuttavia, la maggior parte dei gruppi chassidici accendono lampade vicino a una porta interna, non necessariamente in vista del pubblico. Secondo questa tradizione le lampade sono poste dalla parte opposta rispetto al mezuzah, in modo che quando uno varca la porta sia circondato dalla santità di mitzvot (i comandamenti). [92]

In generale, le donne sono esenti nella legge ebraica dai comandamenti positivi vincolati al tempo, sebbene il Talmud richieda che le donne si impegnino nella mitzvah di accendere le candele di Hanukkah "perché anche loro furono coinvolte nel miracolo". [93] [94]

Tempo di lume di candela Modifica

Le luci di Hanukkah di solito dovrebbero accendersi per almeno mezz'ora dopo che si è fatto buio. [95] L'usanza di molti è quella di accendere al tramonto, anche se la maggior parte dei chassidim si accende più tardi. [95] Molti Rebbe chassidici si accendono molto più tardi per adempiere all'obbligo di pubblicizzare il miracolo con la presenza dei loro chassidim quando accendono le luci. [96]

Piccole candele di cera economiche vendute per Hanukkah bruciano per circa mezz'ora, quindi dovrebbero essere accese non prima del tramonto. [95] Il venerdì sera, tuttavia, presenta un problema. Poiché le candele non possono essere accese durante lo Shabbat stesso, le candele devono essere accese prima del tramonto. [95] Tuttavia, devono rimanere accesi attraverso l'accensione delle candele dello Shabbat. Pertanto, la menorah di Hanukkah viene accesa prima con candele più grandi del solito, [95] seguite dalle candele dello Shabbat. Alla fine dello Shabbat, ci sono quelli che accendono le luci di Hanukkah prima di Havdalah e quelli che fanno Havdalah prima delle luci di Hanukkah. [97]

Se per qualsiasi motivo non si accendesse al tramonto o al calar della notte, le luci dovrebbero essere accese più tardi, purché ci sia gente per le strade. [95] Più tardi, le luci dovrebbero essere ancora accese, ma le benedizioni dovrebbero essere recitate solo se c'è almeno qualcun altro sveglio in casa e presente all'accensione delle luci di Hannukah. [98]

Benedizioni sulle candele Modifica

Tipicamente due benedizioni (brachot singolare: brachah) vengono recitati durante questa festa di otto giorni quando si accendono le candele. La prima notte viene aggiunta la benedizione shehecheyanu, per un totale di tre benedizioni. [99]

Le benedizioni vengono pronunciate prima o dopo l'accensione delle candele a seconda della tradizione. La prima notte di Hanukkah si accende una luce (candela o olio) sul lato destro della menorah, la notte successiva una seconda luce è posta a sinistra della prima ma si accende per prima, e così via, procedendo da posizionando le candele da destra a sinistra ma accendendole da sinistra a destra durante le otto notti. [100]

Benedizione per accendere le candele Modifica

Traslitterazione: Barukh ata Adonai Eloheinu, melekh ha'olam, asher kid'shanu b'mitzvotav v'tzivanu l'hadlik ner Hanukkah.

Traduzione: "Benedetto sei tu, L ORD nostro Dio, Re dell'universo, che ci ha santificato con i suoi comandamenti e ci ha comandato di accendere la luce[s] di Hanukkah".

Benedizione per i miracoli di Hanukkah Modifica

Traslitterazione: Barukh ata Adonai Eloheinu, melekh ha'olam, she'asa nisim la'avoteinu ba'yamim ha'heim ba'z'man ha'ze.

Traduzione: "Benedetto sei tu, Signore nostro Dio, re dell'universo, che hai operato miracoli per i nostri antenati in quei giorni in questo momento. "

Hanerot Halalu Modificare

Dopo che le luci sono accese l'inno Hanerot Halalu è recitato. Ci sono diverse versioni la versione qui presentata è recitata in molte comunità ashkenazite: [102]

Versione ashkenazita:
ebraico Traslitterazione inglese
הנרות הללו אנו מדליקין על הנסים ועל הנפלאות ועל התשועות ועל המלחמות שעשית לאבותינו בימים ההם, בזמן הזה על ידי כהניך הקדושים. וכל שמונת ימי חנוכה הנרות הללו קודש הם, ואין לנו רשות להשתמש בהם אלא להאיר אותם בלבד כדי להודות ולהלל לשמך הגדול על נסיך ועל נפלאותיך ועל ישועותיך. Hanneirot hallalu anu madlikin 'al hannissim ve'al haniflaot 'al hatteshu'ot ve'al hammilchamot she'asita laavoteinu bayyamim haheim, (u)bazzeman hazeh 'al yedei kohanekha hakkedoshim. Vekhol-shemonat yemei Hanukkah hanneirot hallalu kodesh heim, ve-ein lanu reshut lehishtammesh baheim ella lir'otam bilvad kedei lehodot ul'halleil leshimcha haggadol 'al nissekha ve'al nifleotekha.veotekha ' Accendiamo queste luci per i miracoli e le meraviglie, per la redenzione e le battaglie che hai fatto per i nostri padri, in quei giorni in questa stagione, per mezzo dei tuoi santi sacerdoti. Durante tutti gli otto giorni di Hanukkah queste luci sono sacre e non ci è permesso farne uso ordinario se non per guardarle per esprimere grazie e lodi al Tuo grande Nome per i Tuoi miracoli, le Tue meraviglie e le Tue salvezze.

Maoz Tzur Modificare

Nella tradizione ashkenazita, ogni sera, dopo l'accensione delle candele, viene cantato l'inno Ma'oz Tzur. La canzone contiene sei strofe. Il primo e l'ultimo trattano temi generali della salvezza divina, e i quattro centrali trattano eventi di persecuzione nella storia ebraica e lodano Dio per la sopravvivenza nonostante queste tragedie (l'esodo dall'Egitto, la cattività babilonese, il miracolo della festa di Purim , la vittoria degli Asmonei), e il desiderio dei giorni in cui la Giudea trionferà finalmente su Roma. [103]

Il canto fu composto nel XIII secolo da un poeta conosciuto solo attraverso l'acrostico presente nelle prime lettere delle cinque strofe originarie del canto: Mordechai. La melodia familiare è molto probabilmente una derivazione di un inno della chiesa protestante tedesca o di una canzone popolare popolare. [104]

Altre usanze Modifica

Dopo aver acceso le candele e Ma'oz Tzur, cantare altre canzoni di Hanukkah è consuetudine in molte case ebraiche. Alcuni ebrei chassidici e sefarditi recitano salmi, come il Salmo 30, il Salmo 67 e il Salmo 91. In Nord America e in Israele è comune scambiarsi regali o fare regali ai bambini in questo momento. Inoltre, molte famiglie incoraggiano i propri figli a fare tzedakah (beneficenza) al posto dei regali per se stessi. [105] [106]

Aggiunte speciali alle preghiere quotidiane Modifica

Traduzione di Al ha-Nissim [107]

Viene aggiunta la "hoda'ah"(ringraziamento) benedizione nell'Amidah (preghiere tre volte al giorno), chiamata Al HaNissim ("Su/sui Miracoli"). [108] Questa aggiunta si riferisce alla vittoria ottenuta sui Siri dall'Asmoneo Mattatia e dai suoi figli. [109] [110] [20]

La stessa preghiera si aggiunge alla grazia dopo i pasti. Inoltre, il allele (lodi) I salmi [111] sono cantati durante ogni servizio mattutino e il Tachanun si omettono le preghiere penitenziali. [109] [112]

La Torah viene letta ogni giorno nei servizi mattutini shacharit nella sinagoga, il primo giorno a partire da Numeri 6:22 (secondo alcune usanze, Numeri 7:1), e l'ultimo giorno che termina con Numeri 8:4. Poiché Hanukkah dura otto giorni, include almeno uno, e talvolta due, sabati ebraici (sabati). La porzione settimanale della Torah per il primo sabato è quasi sempre Miketz, raccontando il sogno di Giuseppe e la sua schiavitù in Egitto. Il Haftarah la lettura per il primo sabato Hanukkah è Zaccaria 2:14 – Zaccaria 4:7. Quando c'è un secondo sabato ad Hanukkah, il Haftarah la lettura è da 1 Re 7:40 – 1 Re 7:50.

L'Hanukkah menorah si accende anche ogni giorno nella sinagoga, di notte con le benedizioni e al mattino senza le benedizioni. [113]

La menorah non è accesa durante lo Shabbat, ma piuttosto prima dell'inizio dello Shabbat come descritto sopra e non durante il giorno. Durante il Medioevo "Megillat Antiochus" veniva letto nelle sinagoghe italiane ad Hanukkah proprio come si legge il Libro di Ester a Purim. Fa ancora parte della liturgia degli ebrei yemeniti. [114]

Zot Hanukkah Modificare

L'ultimo giorno di Hanukkah è conosciuto da alcuni come Zot Hanukkah e da altri come Chanukat HaMizbeach, dal versetto letto in questo giorno nella sinagoga Numeri 7:84, Zot Hanukkat Hamizbe'ach: "Questa era la dedicazione dell'altare". Secondo gli insegnamenti della Kabbalah e del chassidismo, questo giorno è il "sigillo" finale della stagione delle feste dello Yom Kippur ed è considerato un momento per pentirsi per amore di Dio. In questo spirito, molti ebrei chassidici si augurano l'un l'altro Gmar chatimah tovah ("che tu possa essere sigillato totalmente per sempre"), un saluto tradizionale per la stagione dello Yom Kippur. Nella letteratura chassidica e cabalistica viene insegnato che questo giorno è particolarmente propizio per l'adempimento delle preghiere. [115]

Altre leggi e usanze correlate Modifica

È consuetudine che le donne non lavorino almeno per la prima mezz'ora di accensione delle candele, e alcune hanno l'abitudine di non lavorare per tutto il tempo della combustione. È anche vietato digiunare o elogiare durante Hanukkah. [74]


Cos'è Hanukkah?

Secondo il Enciclopedia Britannica, Hanukkah è un festival che "riafferma gli ideali dell'ebraismo e commemora la ridedicazione del Secondo Tempio di Gerusalemme". La celebrazione fu istituita da Giuda Maccabeo nel 165 a.C. per commemorare la sua vittoria su Antioco IV Epifane, un re seleucide che aveva invaso la Giudea e aveva cercato di mettere al bando l'ebraismo. La festa viene celebrata accendendo la menorah ogni notte, recitando preghiere speciali e mangiando cibi deliziosi.


La Menorah è un simbolo di Gesù

La luce della menorah rappresenta la luce di Gesù in noi (Terra del miele Sette ramificati).

Hazon (Apocalisse) 2:2- 5 4: 4-5: “Al messaggero dell'assemblea di Efeso scrivi: Colui che tiene le sette stelle nella sua destra, che cammina in mezzo ai sette candelabri d'oro, dice questo: 2 “Conosco le tue opere, la tua fatica e la tua perseveranza, e che non puoi sopportare i malvagi, e ho provato quelli che dicono di essere emissari e non lo sono, e li ho trovati falsi 3 e hai sopportato e hai perseverato, e hai lavorato per amore del mio nome e non ti sei stancato. 4 Ma ho questo contro di te, che hai lasciato il tuo primo amore. 5 Ricordati dunque da dove sei caduto, ravvediti e compi le opere di prima, altrimenti verrò presto da te e rimuoverò il tuo candelabro dal suo posto, se non ti penti».

4: 4-54 E intorno ai troni c'erano ventiquattro troni, e sui troni vidi seduti ventiquattro anziani, vestiti di bianche vesti. E avevano corone d'oro sul capo. 5 E dal trono uscirono lampi, tuoni e voci. E davanti al trono ardevano sette lampade di fuoco, che sono i sette spiriti di Elohim».

Hanukkah non è una festa comandata e la storia principale ad essa associata potrebbe non essere vera. Tuttavia, può essere un momento per celebrare la vittoria che Dio ha dato e continua a dare al suo popolo. Può essere un momento per ricordare che Gesù è la luce del mondo e dovrebbe essere la luce che risplende attraverso di noi. Può essere un momento per rompere la monotonia ed essere festosi durante l'inizio delle fredde giornate invernali.

Tuttavia, Hanukkah non dovrebbe essere reso più alto o più importante delle High Holidays della Bibbia, e la comprensione della storia di Hanukkah dovrebbe essere in prima linea. Assicurati di usare una menorah a sette rami per assicurarti che non stiamo aggiungendo ai comandi del Signore, e divertiti, Shalom!

Tutte le scritture dell'Antico Testamento provengono dalla Settanta e tutte le scritture del Nuovo Testamento provengono dalle traduzioni delle Scritture 2009 se non diversamente indicato.


Guarda il video: Elf Yourself - Oh Hanukkah (Giugno 2022).