Podcast di storia

Zanna SS-426 - Storia

Zanna SS-426 - Storia



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Zanna

(SS-426: dp. 1.570 (surf.), 2.415 (subm.); 1. 311'8"; b. 27'3"; dr. 16'5" (media); s. 20.25 k. (surf .), 8,76 k.subm.); cpl. 81; a. 10 21" tt., 1 5", 1 40 mm., 120 mm., 2,50 car. mg.; cl. Balao)

Tusk (SS-426) è stato impostato il 23 agosto 1943 a Philadelphia, Pennsylvania, dalla Cramp Shipbuilding Co.; varato l'8 luglio 1946; sponsorizzato dalla signora Carolyn Park Mills; e commissionato l'11 aprile 1946, il Comdr. Raymond A. Moore al comando.

Tusk ha completato la sua crociera di shakedown nell'Atlantico meridionale con un giro di visite di buona volontà ai porti dell'America Latina. Ha fatto scalo a Rio de Janeiro e Bahia in Brasile, Curacao nelle Indie occidentali olandesi e Colon nella zona del canale prima di tornare a New London a giugno. Per l'anno successivo, condusse operazioni lungo la costa orientale tra New London e Wilmington, N.C. Durante il primo mese del 1947, Tusk partecipò a un'esercitazione tattica della flotta nell'Atlantico centrale. Una revisione di tre mesi a Filadelfia seguita da un lavoro oceanografico lungo la piattaforma atlantica in collaborazione con la Columbia University e il Woods Hole Oceanographic Institute occupato

lei fino all'ottobre 1947 quando entrò nel cantiere navale di Portsmouth per una conversione "Guppy II".

Nei successivi sette mesi, Tusk ha ricevuto ampie modifiche per migliorare le sue caratteristiche di prestazione in immersione. Quattro batterie "maggiore capacità" hanno sostituito le sue vecchie più grandi. Il suo scafo divenne più aerodinamico - le ancore furono incassate nello scafo e le protezioni dell'elica furono rimosse - per migliorare il suo design idrodinamico generale per le operazioni subacquee. La sua vela è stata snellita e allargata per ospitare lo snorkel, un dispositivo aggiunto per consentirle di operare con alimentazione diesel alla profondità del periscopio e di ricaricare le batterie durante il funzionamento sommerso. Tutti questi cambiamenti hanno contribuito a convertire Tusk da semplice nave di superficie sommergibile in un vero sottomarino. Hanno aumentato la sua portata sommersa; e, sebbene abbia perso circa due nodi in superficie, la sua velocità in immersione è aumentata da poco meno di 10 nodi a circa 15.

Il sottomarino appena convertito tornò in servizio attivo all'inizio dell'estate del 1948. Condusse il suo addestramento di shakedown e fece una pattuglia di guerra simulata nella Zona del Canale in giugno e luglio. È tornata negli Stati Uniti in agosto e ha visitato l'Accademia Navale di Annapolis, dove la sua presenza ha permesso a circa 1.000 studenti di quarta classe di vedere in prima persona gli ultimi sviluppi nel design dei sottomarini. Quell'autunno e quell'inverno, Tusk riprese le normali operazioni, partecipando ad esercitazioni con altre forze degli Stati Uniti e della NATO. Ha spaziato dal Mar dei Caraibi a sud fino al circolo polare artico a nord. L'inizio del 1949 ha portato un raggio d'azione più ristretto. Durante i primi sei mesi di quell'anno, ha servito con il Submarine Development Group 2 con sede a Newport, R.I. A luglio, Tusk si è riunita alle forze multinazionali della NATO per un altro round di esercitazioni nel Nord Atlantico. Durante questi esercizi, ha visitato Londonderry, Irlanda del Nord; e Portsmouth, Inghilterra.

Durante la fase finale di tali esercitazioni, Turk operava in un'unità che comprendeva anche il sommergibile Cochino (SS-345). Il 26 agosto, durante una burrasca al largo delle coste della Norvegia, Cochino ha subito un'esplosione in una delle sue batterie. Tusk si precipitò in aiuto del sottomarino colpito, fornendo forniture mediche per i feriti di Cochino tramite zattere di salvataggio. Una di queste zattere si è capovolta nel mare grosso, mandando nelle gelide acque artiche un ufficiale di Cochino e un impiegato civile del Bureau of Ships. Entrambi sono stati recuperati, ma durante la somministrazione della respirazione artificiale a bordo di Tusk, un'altra onda si è infranta sul suo ponte spazzando via i civili e gli 11 membri dell'equipaggio di Tusk. Solo quattro marinai sono stati successivamente salvati. Dopo quei tragici eventi, Tusk e lo zoppicante Cochino si diressero verso Hammerfest, in Norvegia. Lungo la strada, un'altra esplosione è scoppiata nella batteria di Cochino. La seconda detonazione segnò il destino di Cochino. L'acqua si riversava letteralmente attraverso il suo scafo malconcio. Tusk si avvicinò con il mare grosso e si aggrappò al sottomarino che affondava. Nelle peggiori condizioni possibili, Tusk ha portato via in sicurezza tutto l'equipaggio di Cochino. Pochi minuti dopo Cochino fece il suo ultimo tuffo; e Tusk si diresse verso Hammerfest.

Quell'autunno, il sottomarino tornò negli Stati Uniti per riprendere le operazioni sulla costa orientale da New London a sostegno della Submarine School. Ha fatto crociere a nord di Halifax, Nuova Scozia, ea sud di Bermuda. Il suo incarico con la Submarine School continuò fino alla metà del 1961 quando fu assegnata ancora una volta al Submarine Development Group 2. Tale incarico, punteggiato da regolari esercitazioni con la flotta, continuò fino all'estate del 1962 quando tornò in un'unità operativa, Submarine Squadrone (SubRon) 10. Il normale servizio sulla costa orientale al di fuori di New London durò fino alla fine dell'anno in cui Tusk fu schierato nel Mediterraneo per un tour di sei mesi con la 6a flotta. Il suo ritorno negli Stati Uniti all'inizio dell'estate del 1953 portò altre operazioni locali fuori da New London. Durante il primo

parte del 1954, il sottomarino operava nei Caraibi. Quindi, dopo quattro mesi di operazioni locali da New London, salpò per le acque del nord Europa. Quel tour ha portato visite portuali a Belfast, in Irlanda; e Glasgow, Scozia; così come esercitazioni di addestramento con le forze della NATO nell'Atlantico settentrionale.

I primi quattro anni degli anni '50 stabilirono il modello per il resto della carriera nella marina di Tusk. Ha visto quattro ulteriori schieramenti nel Mediterraneo tra il 1954 e il 1973. Inizialmente, tuttavia, un lungo tratto di operazioni sulla costa orientale è intervenuto tra gli schieramenti all'estero. Trascorsero sei anni tra il suo incarico nel nord Europa del 1954 e la sua seconda crociera nel Mediterraneo alla fine del 1960. L'autunno del 1961 portò un altro ciclo di esercitazioni NATO seguite da operazioni di addestramento congiunte americano-canadese nell'Atlantico occidentale. Un altro periodo di tre anni di operazioni locali con sede a New London avvenne prima che fosse nuovamente schierata in Europa nell'autunno del 1964 per un ulteriore addestramento della NATO. Durante la primavera e l'estate del 1966, Tusk tornò nel Mediterraneo per il suo terzo turno di servizio con la 6a flotta. La fine del 1966 portò una ripresa del servizio nelle acque costiere americane che durò fino all'inizio del 1967. Durante l'estate del 1967, il sottomarino tornò nelle acque del nord Europa, visitando diversi porti e partecipando all'ennesima serie di esercitazioni multinazionali della NATO. Quel novembre, si unì agli esercizi binazionali americani canadesi nell'Atlantico occidentale prima di riprendere la sua routine sulla costa orientale. Per tutto il 1968 e durante la prima metà del 1969, la nave continuò le operazioni con base a New London, compresi i servizi ai sottomarini a propulsione nucleare Jack (SSN-605) e Lafayette (SSBN-616). A luglio, ha effettuato il suo quarto dispiegamento nel Mediterraneo, tornando alle operazioni sulla costa orientale in ottobre.

Dopo quasi tre anni di quella routine con sede a New London, Tusk partì per il suo quinto e ultimo turno di servizio con la 6a flotta. Concluse quella crociera l'ottobre successivo. Il sottomarino ha completato l'ultimo anno della sua carriera con normali operazioni lungo la costa orientale, principalmente nelle vicinanze del New England. Il 18 ottobre 1973, Tusk fu dismesso a New London, Connecticut, e contemporaneamente fu trasferito, tramite vendita, alla Marina di Taiwan. Il suo nome è stato cancellato dalla lista della Marina lo stesso giorno.


Zanna (SS-426)


USS Tusk come modificato nel dopoguerra.

Dismesso, colpito e trasferito a Taiwan il 18 ottobre 1973 ribattezzato Hai Pao (S-792).

Comandi elencati per USS Tusk (426)

Tieni presente che stiamo ancora lavorando su questa sezione.

ComandanteA partire dalPer
1Cdr. Raimondo A. Moore, USN11 aprile 194625 aprile 1946 ( 1 )
2Cdr. Guy F. Gugliotta, USN 194815 luglio 1949 ( 2 )
3T/Cdr. Robert Kemble Rittenhouse Worthington, Stati Uniti d'America15 luglio 194915 agosto 1951 ( 2 )

Puoi contribuire a migliorare la nostra sezione comandi
Fare clic qui per inviare eventi/commenti/aggiornamenti per questa nave.
Si prega di utilizzare questo se si individuano errori o si desidera migliorare questa pagina delle navi.

Eventi notevoli che coinvolgono Tusk includono:

26 agosto 1949
Durante le operazioni clandestine, la USS Tusk (SS 426) e la USS Cochino (SS 345) hanno attraversato una violenta tempesta polare al largo della Norvegia, e le scosse ricevute da Cochino hanno contribuito a provocare un incendio elettrico e l'esplosione della batteria, seguita dalla generazione di mortali idrogeno [cloro] il 25 agosto. Sfidando le condizioni meteorologiche più sfavorevoli, gli uomini di Cochino e USS Tusk hanno combattuto per salvare il sottomarino per 14 ore, compiendo atti di abilità marinaresca e grande coraggio. Una seconda esplosione della batteria il 26 agosto rese "Abandon Ship" l'unico ordine possibile e Cochino affondò a nord della Norvegia in posizione 71.35N. 23.35E. Tutti gli uomini di Cochino furono salvati dal valoroso Tusk che aveva perso sette dei suoi uomini nel tentativo di salvare Cochino. ( 3 )

Link ai media


Sottomarini statunitensi nella seconda guerra mondiale
Kimmett, Larry e Regis, Margaret


Amianto nelle navi della marina

Sebbene siano una componente essenziale della flotta navale, specialmente durante i conflitti del secolo scorso, i sottomarini rappresentano anche un rischio duraturo per la salute dei soldati che li servono. Tuttavia, questi rischi si estendono oltre i pericoli intrinseci che esistevano durante l'utilizzo delle navi durante i conflitti militari. Sfortunatamente, i prodotti contenenti amianto erano comuni anche a bordo dei sottomarini a causa dell'elevata resistenza del materiale al calore e al fuoco. Nonostante il suo valore come isolante, l'assunzione di fibre di amianto può portare a diverse gravi conseguenze per la salute, tra cui il mesotelioma, un cancro devastante senza cura. Inoltre, l'ambiente chiuso dei sottomarini espone i militari a un rischio di esposizione ancora maggiore. Il personale militare attuale ed ex che è entrato in contatto o ha prestato servizio sui sottomarini dovrebbe cercare cure mediche immediate al fine di rilevare le possibili conseguenze sulla salute associate all'esposizione all'amianto.


Contenuti

Debutto Manga: SBR Capitolo 25, Zanna (1)

Inizialmente chiamato "Tusk" poiché era la prima forma che Johnny vede, Tusk ACT1 è la forma base dello Stand. È indicato come il guardiano del braccio sinistro del cadavere del Santo. ΐ]

Aspetto esteriore

ACT1 assomiglia a un piccolo neoteno W animale. La sua testa è di dimensioni uguali o leggermente più grandi del suo corpo e galleggia con due braccia corte, vaghe e inarticolate e una gamba del genere. Il suo posteriore è segnato in modo alquanto irregolare da piccole stelle, dietro le quali cerchi scuri si irradiano alle loro punte mentre quattro viticci pendono dalla base del suo tronco fino alla lunghezza approssimativa della sua gamba, a forma di cuore.

Sulla sua testa porta due lunghe orecchie da mammifero, piccoli occhi neri riflettenti, sotto un sopracciglio di un angolo turbato una grande stella in cima alla sua fronte, dietro la quale un cerchio scuro si irradia alle sue punte, e dal cui centro una corda si collega alla punta di un cono fissato alla regione del naso. Otto vestigia ondeggianti emanano dalla sua testa lateralmente: due sopra quattro dai suoi lati, la parte inferiore delle quali, in corrispondenza delle sue guance, è anch'essa circondata da un cerchio scuro e uno per ciascun lato del mento.

È stato progettato pensando a un axolotl. Α]

Tusk è principalmente rosa in tutti i media che lo caratterizzano.

Personalità

Tusk ACT1 possiede una senzienza separata da Johnny, poiché è il guardiano del braccio sinistro. Decide di apparire a Johnny e aiutarlo autonomamente.

ACT1 produce occasionalmente il suono "chumimi

Capacità

Nonostante abbia una forma corporea, il potere di Tusk funziona come un'abilità soprannaturale che Johnny deve usare personalmente per combattere come un uomo armato. Tusk ACT1 è nel complesso piuttosto debole e non è sufficiente per sfidare la maggior parte degli utenti di Stand.

Unghie filanti

Tusk ACT1 concede a Johnny la capacità di infondere le sue unghie con lo Spin. Β]

Johnny è in grado di far girare le sue unghie, e poi le unghie dei piedi, ad alta velocità e spararle come proiettili fino a 10 metri. ΐ] Le unghie hanno un incredibile potere di taglio, in grado di tagliare la roccia, tagliare gli arti di netto, Β] o intagliare un albero in una forma umanoide in pochi secondi. Tuttavia, non possiedono il potere di tagliare il metallo. Γ] Una volta che Johnny si spara un'unghia, ci vuole poco tempo per ricrescere.

Occasionalmente, Johnny lascia che le unghie rimangano sulle sue dita. Quando mette i chiodi a terra, il loro movimento rotatorio può portare rapidamente Johnny lontano dalla sua posizione attuale. Può anche usare le sue unghie come armi da taglio a corto raggio. Γ]

Le unghie rotanti emettono un debole ronzio, simile a quello di una vespa, secondo Oyecomova. Δ]

Sinossi

Durante la seconda fase della Steel Ball Run, Johnny e Gyro hanno attraversato un Devil's Palm senza saperlo e il braccio sinistro del cadavere si è fuso con Johnny senza accorgersene. Più tardi contro la famiglia Boom Boom, Johnny risvegliò la sua Stand Tusk, che gli permise di sconfiggere Benjamin Boom Boom e L.A. Boom Boom. Β]

Tusk ACT1 appare per la prima volta a Johnny più tardi durante la seconda fase per informarlo della posizione degli occhi del cadavere del santo e aiutarlo brevemente contro Wired, facendogli girare le unghie dei piedi e permettendo a Johnny di dedurre la vera natura della Steel Ball Run. Γ]


Museo della forza sottomarina Casa della nave storica Nautilus

La mattina del 25 agosto 1949, la USS COCHINO (SS-345) e la USS TUSK (SS-426) furono impegnate in un'esercitazione a nord del Circolo Polare Artico nelle turbolente acque del Mare di Barents. Quanto segue è tratto da una pubblicazione, intitolata "Submarine Casualties Booklet", compilata dalla US Naval Submarine School nel 1966:

“Mentre operava nelle acque artiche, COCHINO si assicurò la ricarica delle batterie e si immerse alle 05:00 del 25 agosto 1949. … Corse sommersa con le batterie fino alle 10:30 circa, quando iniziò a fare snorkeling. Un mare grosso (stato 4) ha reso estremamente difficile il controllo della profondità e ha alternativamente affrontato e superato spesso la profondità dello snorkel. Dopo aver fatto snorkeling per una decina di minuti, la sala macchine di prua ha riportato una notevole entrata di acqua attraverso il sistema di induzione dello snorkel. Un'indagine dell'amministratore delegato non ha rivelato gravi allagamenti.

“Alle 10:46, l'interruzione dell'alto vuoto ha assicurato i due motori per lo snorkeling nella sala macchine di prua. Due minuti dopo, una serie di esplosioni, descritte come un tonfo attutito dai testimoni, si è verificata nel vano batterie nell'angolo di babordo vicino all'interruttore serie-parallelo. La nave emerse immediatamente e il vano batteria posteriore fu attrezzato per il fuoco. La manovra ha rimosso il carico dalla batteria posteriore.

“Poco dopo le 1100, gli amperometri nella sala di manovra indicavano che la batteria numero quattro si stava scaricando nella batteria numero tre al ritmo di 3.500 ampere. Il controllore si è subito presentato per informare il dirigente (preposto sul posto) dell'immediata necessità di tirare i sezionatori della batteria. A questo punto, però, lo scompartimento era stato abbandonato a causa del fumo e del gas, ed era stato sigillato. Durante l'allestimento di questo spazio, i sezionatori non erano stati tirati né i coperchi erano stati posizionati sopra le prese del vano batteria.

“Un'adunata è stata condotta dall'ufficiale esecutivo in questo momento per assicurare che nessun personale fosse rimasto nel vano batteria posteriore mentre venivano fatti i preparativi per rientrarvi attraverso la porta posteriore di quello spazio. I motori di prua furono avviati per eliminare il fumo e, quando l'ufficiale esecutivo, indossando un autorespiratore, aprì la porta, entrambi i motori iniziarono ad accelerare. Il carburante è stato assicurato a entrambi i motori, ma il numero uno ha continuato ad accelerare. Un'esplosione è avvenuta all'interno del vano batterie posteriore, mentre, contemporaneamente, un'altra si è verificata vicino alla ventola del motore numero uno, bruciando cinque persone nella sala macchine. L'ufficiale esecutivo è riuscito a chiudere la porta, ma è riuscito a bloccarla con un solo giro. La sala macchine di prua è stata evacuata.

“Pochi minuti dopo, due sottufficiali sono tornati nella sala macchine di prua, hanno spento diversi piccoli incendi e hanno messo in sicurezza il vano ad eccezione dei sistemi di raffreddamento dell'acqua di mare del motore e della porta del vano batterie di poppa.

“Nello stesso momento in cui è stato fatto il tentativo di rientrare nel vano batterie prima della seconda esplosione, un uomo è stato travolto in mare dopo essere passato in superficie attraverso il portello della sala siluri. Era impegnato nell'esecuzione di un ordine per tutto il personale non di guardia o per combattere il fuoco di rimanere in superficie. Il comandante ha manovrato la nave e lo ha salvato.

“Verso il 1145, l'ufficiale in comando ordinò a tutto il personale in eccesso in superficie di scendere sotto la torre di comando. Rimasero al di sotto fino al 1208, quando tutto il personale in avanti fu evacuato a causa del fumo e dei gas.

“Alle 12:15, un'altra violenta esplosione (la terza) ha scosso la batteria di poppa. Poco dopo, i rapporti del personale ospedaliero sul trattamento dei feriti condotti nella sala siluri sono diventati più allarmanti e le sue richieste di forniture mediche sono diventate più urgenti. L'ufficiale comandante ha chiesto a TUSK, in compagnia, di affiancarsi per rimuovere i feriti e il personale in eccesso. Questo è stato tentato, ma è risultato impossibile a causa del mare grosso, ma alle 14:10 le forniture mediche sono arrivate da TUSK in gommone.

“Alle 14:20 un ufficiale e un tecnico civile hanno tentato di transitare a TUSK in barca. La barca si è ribaltata gettando entrambi gli uomini in acqua. Mentre TUSK li stava trasportando a bordo, il tecnico ha ricevuto un grave trauma cranico, ha perso i sensi ed è stato tirato a bordo apparentemente annegato. Quando il personale TUSK stava tentando di amministrare la respirazione artificiale, due enormi onde hanno travolto undici membri dell'equipaggio e il civile in mare. Cinque membri dell'equipaggio sono stati recuperati ma gli altri non sono stati individuati durante una ricerca di due ore.

“Durante il pomeriggio, sono stati fatti tre tentativi di entrare nella sala siluri anteriore di COCHINO dalla parte superiore per liberarla dai gas. È stato fatto un tentativo di sfiatare il vano batteria posteriore attraverso la valvola di salvataggio esterna alta, ma questa valvola non si è aperta. Gli uomini che soffrivano di gas venivano rianimati e curati. Si discuteva della situazione generale con la speranza di trovare soluzioni ai problemi. Alle 15:37 l'alimentazione ausiliaria è andata persa quando un cortocircuito ha fatto scattare l'interruttore del circuito ausiliario della batteria anteriore. Al 1610 i motori furono spenti quando il serbatoio dell'olio combustibile pulito si svuotò.

“L'alimentazione ausiliaria è stata ripristinata intorno al 1800 e poco dopo i COCHINO prendono il via, sterzando per la terra più vicina solo con le eliche. Il governo del timone fu ripristinato verso il 1900. Per le successive quattro ore, COCHINO procedette a poppa del TUSK. Il personale che era stato evacuato dal basso è stato riparato nella vela.

“Alle 2306, si è verificata la quarta e ultima esplosione (probabilmente nella sala macchine di prua) e ha riempito la sala macchine di poppa di fuoco e gas. Quest'ultimo spazio e la sala di manovra furono subito abbandonati. Intorno a mezzanotte, il resto del personale di sotto, tutto nella stanza del doposiluro, fu ordinato di sopra.

“Dieci minuti dopo, è arrivato TUSK ed è stato avviato il trasferimento del personale da lei. Alle 0036, a causa di una sbandata a dritta e di un bordo libero basso a poppa, il Comandante ordinò l'abbandono del COCHINO. Il Comandante si trasferì alle 0043 e tre minuti dopo COCHINO affondò in 170 braccia d'acqua”.

Il linguaggio clinico del resoconto nasconde quella che deve essere stata un'esperienza terrificante. La temperatura dell'acqua era inferiore a 50 gradi, i venti erano costanti a 20-25 miglia all'ora.

Nasconde anche una serie di atti di straordinario eroismo. Quando il marinaio J.E. Morgan è andato in mare, il compagno del capo siluro Hubert Rauch si è tuffato dietro di lui, mantenendo a galla l'esausto marinaio fino a quando lo specialista di cucina Clarence Balthrop non è riuscito a riportarli entrambi a bordo. LT (jg) Charles Cushman, Jr., ha attrezzato una linea di sicurezza sul ponte di lancio e sul ponte che ha fornito un punto d'appoggio critico per 60 membri dell'equipaggio che erano stati ordinati in superficie, la maggior parte senza abbigliamento adeguato. L'ufficiale esecutivo, LCDR Richard Wright, ha mantenuto il controllo della situazione anche dopo che una delle esplosioni lo ha bruciato gravemente. Nonostante gli ovvi rischi, due uomini, l'ENS John Shelton e un ingegnere civile di nome Robert Philo, si sono offerti volontari per salire su un gommone fino a TUSK per comunicare la gravità della situazione di COCHINO. La zattera si è capovolta quasi immediatamente I marinai a bordo di TUSK hanno corso per trasportare la zattera attraverso le onde e uno, il marinaio Norman Walker, è saltato in acqua per fornire assistenza. Ma il mare grosso ha sbattuto la testa di Philo contro lo scafo della barca e mentre 15 membri dell'equipaggio di TUSK si sono arrampicati per rianimarlo e tirare a bordo Shelton, un'enorme onda ha trascinato 11 di loro nell'oceano. Sei degli uomini sono morti ma altri cinque sono stati salvati, almeno due dai marinai che si sono tuffati in acqua per prestare soccorso.

Poco prima che COCHINO affondasse, 76 uomini furono trasferiti dal suo ponte a TUSK. Il comandante, CDR Rafael Benitez, fu l'ultimo ad andarsene.


Zanna SS-426 - Storia

Taiwan, R.O.C. ha gli ultimi due sottomarini operativi della seconda guerra mondiale costruiti nel mondo. Entrambi ex-USS Zanna (SS-426), e l'ex USS sciabola(SS-478) furono costruiti durante la seconda guerra mondiale, modernizzati (Guppy II) nel 1949 e continuarono ad essere gestiti dagli Stati Uniti prima di essere trasferiti a Taiwan nei primi anni '70. Questi sono i sottomarini funzionanti più antichi del mondo. (I successivi sottomarini statunitensi più vecchi sono in Turchia.) Ci sono numerosi panorami e suoni unici per i sottomarini di tipo flotta che andranno persi per sempre quando queste ultime due barche saranno ritirate. Per motivi di sicurezza, è stata creata pochissima pellicola a colori delle operazioni interne di questa classe di imbarcazioni e quasi nessuna registrazione sonora. Sorprendentemente, è stato dato molto più accesso a bordo dei moderni sottomarini nucleari. Le barche di Taiwan rappresentano l'ultima possibilità di catturare l'essenza dell'esperienza del sottomarino della flotta statunitense della Seconda Guerra Mondiale e della Guerra Fredda. Sono anche il simbolo della complicata situazione politica e militare nello stretto. Durante il 2002, l'equipaggio del museo della USS pampanito chiesto e ottenuto il permesso di documentare queste barche storiche.

Con la generosa collaborazione della Marina taiwanese, nel febbraio 2003, USS pampanito i volontari di restauro Terry Lindell e Rich Pekelney hanno visitato Taiwan per documentare le barche storiche. Hanno avuto un accesso senza precedenti alle barche, inclusa l'opportunità di scattare fotografie e video. Il video è stato integrato dal video in corso creato dai fotografi della marina taiwanese. Tutte le foto e i video sono stati sottoposti a controllo di sicurezza da parte della Marina. Pochissime delle centinaia di foto sono state eliminate e 3 sono state leggermente modificate. Le foto al link qui sotto sono di Hai Shih (SS-791), ex USS sciabola (SS-478) e sono state riprese il 17, 18 e 19 febbraio 2003. Il video esterno in corso dall'elicottero e dalla barca è stato ripreso nel gennaio 2003. Hai Shihla nave gemella di Hai Pao (SS-792), ex USS Zanna (SS-426) era appena tornato dal bacino di carenaggio. Siamo stati in grado di visitarla rapidamente, ma non siamo stati in grado di scattare foto senza disturbare il lavoro che la stava preparando per il mare. Possiamo riferire che è molto, molto simile all'ex USS sciabola e anche in ottime condizioni. Il link sottostante vi darà una prima occhiata dettagliata a questa storica barca, fino ad ora sono state rilasciate solo una o due foto della barca. Abbiamo altre foto e un video di 20 minuti che include le immagini e i suoni del sottomarino, inclusa la sala di controllo durante le immersioni e l'emersione, che verrà utilizzato nel nostro museo. Alcune immagini fisse tratte da quel video sono alla fine delle foto.

Di seguito è riportato un racconto che descrive il nostro viaggio che è stato scritto mentre eravamo in aereo mentre tornavamo a San Francisco. L'abbiamo aggiornato un po' dopo che le nostre foto hanno superato la sicurezza nel settembre 2003.
==
20 febbraio 2003 (aggiornato a settembre 2003)

Terry Lindell e io siamo stati benissimo a Taiwan. I taiwanesi sono amichevoli, operosi e incredibilmente generosi. Il calore genuino che abbiamo sperimentato dalle persone per strada, dai funzionari governativi e dal personale della Marina è stato notevole.

Terry e io siamo arrivati ​​a Taiwan mercoledì. serata senza problemi, il R.O.C. L'ufficio informazioni del governo ci ha accompagnato attraverso le formalità e ci ha portato in hotel. Ci siamo conosciuti gio. con un ammiraglio, tre capitani, due LT e un fotografo al mattino per espletare le formalità. Questa è stata seguita da una visita al Martyr's Shine, il loro posto d'onore per coloro (militari e civili) che sono morti in guerra. Poi siamo stati portati a pranzo al Grand Hotel, sia il santuario che l'hotel sono interpretazioni premurose e belle di temi tradizionali costruiti negli anni '60. Il pranzo era nel grande ristorante che viene utilizzato per le cene di stato. Poi abbiamo incontrato i funzionari dell'Ufficio informazioni del governo e la troupe cinematografica locale che abbiamo assunto presso gli uffici del GIO.

Venerdì mattina abbiamo incontrato il nostro A.I.T. contatti. Venerdì pomeriggio abbiamo viaggiato a nord verso il porto di Keelung per pranzo sulla strada per una celebrazione del festival delle lanterne. L'occasione è iniziata come un viaggio con alcuni editori di libri. Tuttavia, durante il pranzo abbiamo visto le navi della Marina visitare il porto di Keelung e dare tour ai visitatori. Ci siamo lasciati alle spalle gli editori di libri e siamo andati in tournée Lafayette cacciatorpediniere di classe e un cacciatorpediniere di fabbricazione taiwanese basato sugli Stati Uniti Perry classe.

Devo menzionare senza annoiare tutti che il cibo era meraviglioso. Non siamo riusciti a trovare meno di un ottimo pasto in un venditore ambulante o in un ristorante elegante. Durante il tour delle moderne navi da guerra, ci siamo imbattuti in primarie R.O.C. Anche il contatto della Marina è in visita. Sebbene fosse fuori servizio, e con la sua ragazza il giorno di San Valentino, ci ha comunque spiegato la sua teoria della correlazione inversa tra la qualità della Marina e la qualità del cibo mentre visitavamo le navi. La sua teoria è che i francesi e gli italiani siano migliori per il cibo, ma che gli Stati Uniti e la Gran Bretagna abbiano marine migliori. Aveva numerosi altri esempi, ma sapevamo a questo punto che saremmo andati d'accordo. Si scopre che Taiwan ha buon cibo e una buona marina. Questo non poteva essere spiegato da nessuno durante la settimana successiva, anche se l'argomento è emerso molte volte durante la nostra visita.

Durante il nostro tour dei cacciatorpediniere, abbiamo potuto guardare attraverso il piccolo porto di Keelung e vedere almeno uno dell'era della seconda guerra mondiale Gerhing cacciatorpediniere di classe (aggiornamento FRAM, aggiornamenti aggiuntivi taiwanesi) che ancora operano. Abbiamo anche visto una nave di salvataggio/salvataggio dell'era della seconda guerra mondiale ancora in servizio. Ci è stato assicurato che ci sono molte altre classi di navi della seconda guerra mondiale ancora in servizio. Abbiamo lasciato Keelung e ci siamo diretti verso le montagne per visitare il Festival delle Lanterne a Ping-shi, dove ci siamo riuniti al gruppo editoriale di libri. Ping-shi è una piccola città in una bellissima valle stretta e ripida murata. Siamo arrivati ​​al tramonto e mentre camminavamo lungo la tranquilla valle (senza macchine durante il festival) abbiamo potuto vedere un piccolo numero di lanterne ad aria calda che galleggiavano sopra. Man mano che camminavamo più in alto e calava la notte, venivano lanciate sempre più lanterne. Presto il cielo notturno si riempì di lanterne che salivano verso l'alto. Abbiamo aiutato a costruire, scrivere desideri e lanciare lanterne con tutti gli altri. Ogni lanterna ha i desideri del suo mittente scritti sul lato e si dice che più in alto si alza la lanterna, più è probabile che il desiderio venga esaudito. Abbiamo visto partecipare tutti, dai giovanissimi agli anziani, e ci siamo sentiti molto fortunati a partecipare a questa celebrazione.

Sabato abbiamo visitato il Museo del Palazzo Nazionale in mattinata. La collezione del museo fu portata a Taiwan dai nazionalisti quando fuggirono dai comunisti nel 1947. Presero tutti gli oggetti più piccoli, libri, pergamene che potevano dalle collezioni imperiali della Città Proibita. Questa è la più bella collezione di arte imperiale cinese al mondo. Nel pomeriggio abbiamo visitato il memoriale di Chang-kai-shek, anch'esso decorato per la celebrazione del festival delle lanterne.

Domenica siamo volati dall'altra parte dell'isola e siamo atterrati a Kaohsuing, dove hanno sede i sottomarini. Siamo stati alla guest house della Marina appena fuori dalla base. Dopo esserci sistemati abbiamo preso un traghetto attraverso la baia per cenare nel mercato del pesce notturno.

Infine lunedì mattina ci siamo incontrati con gli ufficiali del comando sottomarini. Non ho contato quanti capitani, comandanti e tenenti erano nella stanza. Abbiamo ricevuto un briefing sulla sicurezza che ripeteva gli accordi che avevamo precedentemente firmato a Taipai. C'erano molte diapositive di PowerPoint, la maggior parte in cinese, alcune in inglese. Poi hanno stabilito il programma delle riprese. Non includeva lasciare il porto. La spiegazione è stata che il messaggio sulle riprese in corso non è mai arrivato. Avevano programmato 3 giorni di riprese in porto. Sarebbe impossibile autorizzare chiunque per operazioni in mare che non avesse subito un addestramento sulla sicurezza dei sottomarini. Hanno sottolineato che non consentono nemmeno ai propri ufficiali di superficie di uscire su un sottomarino.

Anche con questo cambiamento di programmi e orari, siamo stati i primi non appartenenti alla Marina ad avere accesso illimitato per scattare film e fotografie all'interno dei loro sottomarini. Eravamo tra un numero molto ristretto di stranieri mai ammessi a bordo fino a quel momento. Hanno sottolineato che tutti stavano provando molto duramente a lavorare con noi nel miglior modo possibile sotto i vincoli delle proprie regole di sicurezza. Tutti i presenti sono rimasti colpiti dal fatto che anche questo accesso fosse stato consentito. Siamo stati molto grati per la loro generosità e supporto.

Siamo partiti e ci siamo diretti verso l'ex-sciabola, ora SS-791 Leone marino. Tutto il nostro lavoro è stato svolto su ex-sciabola come ex-Zanna era appena tornato da un periodo di manutenzione del cantiere navale di 4 mesi. Erano molto occupati a finire, con operai in tutta la nave, a prepararla per il mare. Come nota a margine, ci è stata concessa una rapida visita ex-Zanna senza telecamere. Bisognava stare attenti a non rallentare gli operai. Possiamo riferire che è in ottime condizioni e quasi identica all'ex-sciabola. Di conseguenza, tutte le osservazioni tecniche che possiamo fare sull'ex-sciabola si applicherebbe all'ex-Zanna altrettanto bene.

Camminare fino alle barche è stato come entrare in una macchina del tempo e impostare la data al 1973 (o forse anche al 1949). Praticamente nulla è stato aggiunto o rimosso e i pochissimi aggiornamenti erano piccoli. A causa di questa cura, queste due conversioni Guppy II hanno a bordo tanto equipaggiamento e materiale della seconda guerra mondiale quanto qualsiasi conversione Fleet Snorkel, SSK, Guppy I, Guppy II o Guppy III in mostra come musei negli Stati Uniti. È stato assolutamente incredibile quanto poco sia cambiato. Altrettanto sorprendente è l'alto grado di condizioni operative.

Il mio esempio preferito è che entrambe le barche hanno la girobussola Arma Mk 7 installata e funzionante in perfette condizioni. L'ultimo di questi negli Stati Uniti è stato riparato negli Stati Uniti nel 1975. Praticamente tutti gli esempi di queste bussole sono stati rimossi dalle barche alla fine degli anni '50 e sostituiti con uno Sperry Mk 18 o successivo più piccolo, più facile da mantenere (anche se meno preciso). moderno Mc 19s. Quando siamo entrati nella sala di controllo c'era la girobussola Arma, proprio dove dovrebbe essere, che ruotava, puntava a nord e in uso. A causa di questo viaggio possiamo ora segnalare che ce ne sono tre di questi che lavorano in tutto il mondo (pampanitoè stato recentemente restaurato dopo 50 anni di inattività). Più e più volte questo accadeva durante il nostro tempo su queste barche. Troveremmo attrezzature funzionanti in perfetto ordine che non avevamo immaginato venissero mantenute o mantenute.

Il nostro primo pomeriggio, la troupe cinematografica si è messa al lavoro sulla lista delle riprese. Erano professionisti esperti e lavoravano secondo un programma che lasciava il tempo per solo due tagli sulla maggior parte delle riprese. I marinai hanno svolto i loro compiti, posando e agendo come richiesto dalla troupe cinematografica. La troupe del sottomarino ha lavorato molto duramente per darci quello che volevamo, lavorando bene con la troupe cinematografica e senza mai lamentarsi. Siamo stati in grado di lasciare la troupe cinematografica al proprio lavoro.

Terry ed io eravamo liberi di muoverci sulla barca, nel processo abbiamo conosciuto gli ufficiali e l'equipaggio. I took photographs of every compartment throughout the boat. Only the radio room was off limits. There were some interesting moments. In the lower flats of the engine room, they looked puzzled when I did not accept the white gloves passed down to me. I thought they wanted some kind of "white glove cleanliness test" of the lower flats, actually they use the white gloves as work gloves and would normally wear them below to keep their hands clean. They laughed when I explained my mistake. Everywhere I went I saw the same equipment that exists on our 1943 boat, only here all of it was operational, with much of it running while I toured the boat.

As Monday continued we got to know and respect the dedication and professionalism of this crew. They were as curious about us and we where about them. The education, skill and pride of this crew is the equal of any I have met anywhere. For example, Tuesday afternoon our visit was interrupted when they left to perform their most frequent mission, training war games with the ROC destroyers. The ROC Navy includes some effective and modern destroyers. Some they have built themselves in their own shipyard, while others are from the US and France. Tuesday afternoon this Guppy II prepared to go to sea and play cat and mouse. We had been talking with the crew about the upcoming mission, and they assured us that they are always able to hold their own. In training with the destroyer crews this 60 year old Guppy II boat always gets the "drop" on the much newer destroyers. They are good at what they do.

Tuesday morning the film crew continued their work and a new dynamic started. Terry went off with the Weapons Officer and started discussing Torpedo Data Computer's design, its history, trading techniques and useful tricks of the trade. I was in the wardroom talking with the Captain and some of the officers. By the time they left for their afternoon mission, both Terry and I had ideas of how our museum skills might be able to help these current day warriors. It was as unexpected as it was obvious in retrospect. Our respect for the crew became even stronger and they now understood our museum mission and the passion we hold for preserving the history and technology of the boats.

Tuesday afternoon while the boat was out war gaming we briefly visited the R.O.C Naval Academy Museum. We toured the museum, its Italian made mini-submarines and discussed HNSA. I hope they join. We then went to the Academy's video studio to view the underway, exterior shots of ex-Cutlass that they had taken for us in January. The footage is really wonderful, shot from both helicopter and surface ship it shows the boat diving, surfacing, as well as the periscopes, snorkel and other masts cutting through the water. Some of the film was quite dramatic including 30+ mile per hour winds with 4-5 foot seas. We felt a little guilty about indirectly having been the ones that made them to do it. Snorkeling in those waves could not have been much fun no matter how much the crew claimed it was not that bad.

Weds. morning began with the one of the officers showing us video that he shot on Tues. afternoon with his personal digital camera. He collected the sights and sound of the boat underway, just as we hoped we would collect with the professional film crew. The amateur footage is great, it was recorded in both torpedo rooms as well as the control room. It documents the diving and surfacing of the boat in the control room. Since he is a familiar part of the crew and this was not a simulation in port, the film really captures the sense of what it is like underway. He did a really great job and the final video released in September included much of this footage. We returned to the boat. The rest of the morning Wednesday became more and more interesting as the day progressed. Terry and the Weapons Officer disappeared. By about noon they reappeared with big smiles.

The two of them had gone off to fix a small problem in the TDC that had recently appeared. Given that any problem with a TDC is nearly as bad as a sick child to Terry, you might image the Cheshire Cat smile he surfaced with. It turns out that the TDC expert in their shipyard has recently retired. The crew aboard ship is doing the repairs and appreciated a little help from Terry's museum experience. While Terry was helping fix the TDC, he also sorted through the manuals on hand and offered to provide copies of some other unclassified material that they will find helpful. I was in the wardroom discussing manuals, hard to find parts, and some suggestions on where to look for them. It was a very successful morning for all involved.

Weds. afternoon we went back to the Naval Academy studio to transfer the digital video tape to the Beta SP that was needed for the security review. It was hard to pry Terry off the boat. He wants to stay and become qualified on the boat. He actually sat in on one of the chiefs giving a torpedo room qualification test, and found the process fascinating.

We returned to Taipai on Wed. evening and got on our plane home three days early on Thursday morning, We are very thankful to the many very generous Taiwanese that helped us with this project.


Why Tusk?

The Challenge

Poaching, habitat loss and human-wildlife conflict are having a devastating impact on Africa’s wildlife. Finding space for both people and wildlife to co-exist is the ultimate conservation challenge …

The Solutions

Tusk works with its project partners to find sustainable solutions to preserve critical habitats, protect endangered species, combat the illegal wildlife trade, empower local communities and promote environmental education.


Tusk SS-426 - History


USS Archerfish AGSS-311
(submitted by Gerald "Corny" Cornelison)


USS Sargo SSN-583
(submitted by Mike Hacking)


USS Bonefish
(submitted by Paul Perris)


USS Mariano G. Vallejo
(submitted by Bill Linn )


USS Queenfish SS-311 - 1945 Christmas Card
(contributed by Harry Hall)


USS Tusk SS-426 - Christmas Card
(contributed by Gary Parker)


Hr. Ms. Potvis
(submitted by Joop)


Canadian Submariners Association
(submitted by Joop)

USS Sam Houston SSBN 609
Submitted by Greg Thomas

USS Barbel SS 580
Submitted by Sue McLaughlin


Abilities

E - Nail Shots: Shoots 5 nails each dealing 6 damage (around 5-second cooldown & blockable)

R - Nail Slash: Punches opponent with a golden spiral around your fist dealing 11 damage and knocking the opponent down (around 5-second cooldown & bypasses blocks)

T - Golden Rectangle Nail: Shoots 1 nail dealing 18 damage and ragdolling the opponent. (around 7-second cooldown & bypasses blocks)

H - Tea Time: You drink tea that heals you by 17.4 (30.4 by max) (around 20-second cooldown)

Z - Nail Glide: Glide with your nail for 3 seconds (around 10-second cooldown)

X - Wormhole Nails: Tusk ACT 2 uses wormholes to redirect nails that have recently been shot and missed, automatically aiming them back at a singular target. When upgraded, extra nail shots will be added to this ability. You can use this ability at medium ranges by pressing X on a target while having your cursor hovered over them.


Contenuti

Wallace Bryton and Teddy Craft are two podcasters who run the inappropriately named podcast called "The Not-See Party", which specializes in talking about weird things and weird people. Wallace is dating a hot Latina named Ally Leon, but their relationship is rocky due to Wallace's newfound celebrity status as a successful podcaster. As such, Ally has been secretly seeking comfort in the arms of Teddy Craft.

Wallace and Teddy receive video of a young man who is practicing martial arts moves with a samurai sword who accidentally cuts his own leg off. They talk about the video on the podcast, and the opportunity arises for Wallace to meet the so-called "Kill Bill Kid" for an interview.

Wallace flies to Winnipeg, Canada, only to discover that the kid has since committed suicide. Having already spent more than $500 on the flight, Wallace is desperate to find something worthy of the podcast. He finds a flier about a man in Manitoba named Howard Howe, who is an elderly invalid seeking companionship and someone with which to tell stories of the amazing adventures of his life. Wallace sees this as his Golden Ticket and makes the two hour drive to Manitoba.

Howard greets him and offers him tea. He then tells him stories of his past about serving with Ernest Hemmingway during World War II, and being lost at sea off the coast of Russia. This last story chronicles how Howard was supposedly saved by a walrus, which ultimately became the most defining characteristic of his life.

Wallace drinks all of this up, as well as Howard's tea, which ends up being poisoned. He collapses to the floor unconscious. When he awakens, he is still in a deep stupor, and discovers to his horror that one of his legs has been amputated. Howard spins a yard about how Wallace had been bitten by a Brown Recluse spider and how he had to call a doctor to perform an emergency operation before the poison could reach his heart. Wallace begins freaking out and wants to go to a hospital and contact his family. Howard makes it plainly clear that there are no lines of communication, and that he is now stuck at the manor in this condition. Wallace deduces that Howard is psychotic and made up the whole story about the spider. His suspicion is confirmed when Howard stands up, and Wallace learns that it was Howard who cut off his leg.

That evening, Wallace manages to find his cell phone and sends a hurried voice male to Ally, telling her that he is trapped by a psychopath who has cut off his leg. When Ally finally gets the message, Teddy and she frantically make their way to Canada.

Wallace's nightmare continues. Howard is obsessed with this notion of a walrus savior, so he cuts off Wallace's other leg. He then performs bizarre surgery in an effort to biologically transform Wallace into a walrus, and even surgically grafts tusks to his face. Howard then dons his own walrus skin suit and the two fight one another inside of an indoor wading pool.

Ally and Teddy manage to find an aloof investigator named Guy Lapointe. Working with Guy, they manage to track Wallace to his last known whereabouts. Breaking into the Howe residence, they find the dead Howard Howe and Wallace the Walrus Man.

Wallace is taken to an exotic petting zoo. Ally and Teddy visit him each year and bring him raw fish as treats.


Guarda il video: All Tusk Acts Showcase. AUT (Agosto 2022).