Podcast di storia

26 giugno 1945

26 giugno 1945


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

26 giugno 1945

Giugno

1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930

Diplomazia

Nasce la commissione preparatoria per l'ONU

La Carta della Sicurezza Mondiale è firmata a San Francisco

Cina

Le truppe cinesi occupano l'aeroporto di Liuchow

Pacifico

Le truppe statunitensi catturano l'isola di Kume (vicino a Okinawa)



Firma della Carta delle Nazioni Unite

USA #928 è stato l'ultimo francobollo creato sotto la guida di FDR, emesso appena due settimane dopo la sua morte.

Il 26 giugno 1945, 50 nazioni hanno firmato la Carta delle Nazioni Unite.

In seguito alla Conferenza di pace di Parigi che pose fine alla prima guerra mondiale, diverse nazioni si unirono per creare la Società delle Nazioni, volta a mantenere la pace nel mondo. Tuttavia, la lega non fu in grado di prevenire l'aggressione delle potenze dell'Asse negli anni '30 che alla fine portarono alla seconda guerra mondiale.

Stati Uniti #1419 è stato emesso per il 25° anniversario delle Nazioni Unite.

Nel 1939, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti aveva formulato un posto per una nuova organizzazione mondiale per sostituire la Società delle Nazioni. Inoltre, i rappresentanti di Regno Unito, Canada, Australia, Nuova Zelanda, Sudafrica e altre nove nazioni si sono incontrati a Londra nel giugno 1941 per firmare la Dichiarazione di St. James' Palace. Questa è stata la prima di sei conferenze che alla fine hanno portato alla fondazione delle Nazioni Unite.

Quel dicembre, il presidente degli Stati Uniti Franklin Roosevelt suggerì il termine Nazioni Unite come nome per gli alleati della seconda guerra mondiale. Quindi, il 29 dicembre 1941, Roosevelt e il primo ministro Winston Churchill redissero la Dichiarazione delle Nazioni Unite, un accordo per sostenere la Carta atlantica, impegnare tutte le risorse nella guerra contro le potenze dell'Asse e non firmare trattati separati con la Germania o il Giappone. . Ventisei nazioni firmarono la dichiarazione all'inizio di gennaio 1942 alla Conferenza dell'Arcadia (21 altre nazioni la firmeranno entro i prossimi tre anni).

USA #2974 – L'emblema delle Nazioni Unite raffigura una mappa del mondo vista dal Polo Nord.

Nel corso della guerra, l'idea delle Nazioni Unite ha continuato a evolversi quando le nazioni alleate si sono incontrate alle Conferenze di Mosca e Teheran. Attraverso questi incontri i leader nazionali hanno concordato sulla necessità di un'organizzazione internazionale per la pace e la sicurezza. Il presidente Franklin Roosevelt scrisse che il lavoro delle Nazioni Unite era "la pace: più che la fine di questa guerra, la fine dell'inizio di tutte le guerre".

Ciò portò a un incontro di 46 nazioni a San Francisco il 25 aprile 1945. Esausti per la lunga guerra e scoraggiati dalla disumanità che avevano visto, erano determinati a impedire alle generazioni future di sperimentare ciò che avevano visto in prima persona. Il loro obiettivo finale era quello di formare un'organizzazione internazionale che avesse il potere di mantenere la sicurezza e promuovere la prosperità e dare ai diritti umani uno status giuridico internazionale.

USA #3186k ritrae il Secretariat Building, la sede di New York completata nel 1952.

Un gruppo di organizzazioni non governative ha esercitato pressioni vigorose per un forte impegno per i diritti umani nella Carta delle Nazioni Unite. In particolare, diversi piccoli paesi dell'America Latina si sono impegnati a includere tale garanzia. Una conferenza panamericana tenutasi a Città del Messico ha prodotto un gruppo unito nella determinazione di vedere raggiunti tali obiettivi. Un certo numero di gruppi non governativi americani ha anche spinto per una sorta di "carta dei diritti" nella carta. Oltre 1.300 organizzazioni hanno pubblicato annunci sui giornali chiedendo che i diritti umani siano parte integrante dell'organizzazione internazionale.

Quando le nazioni membri si incontrarono a San Francisco nell'aprile del 1945, la loro proposta non fu all'altezza dell'impegno chiaro e conciso per i diritti umani che questi gruppi cercavano. Quarantadue gruppi americani in qualità di consulenti della delegazione statunitense hanno convinto i governi partecipanti della necessità di definire chiaramente una politica di protezione dei diritti umani individuali. Erano persuasivi e il risultato è stato un impegno legale da parte dei governi di tutto il mondo a promuovere e incoraggiare il rispetto per i diritti umani inalienabili di ogni uomo, donna e bambino.

ONU #12 raffigura il Veterans Building (War Memorial) a San Francisco dove è stata firmata la Carta delle Nazioni Unite.

Il 26 giugno 1945 le cinquanta nazioni presenti firmarono la Carta delle Nazioni Unite, con il suo alto traguardo. “Noi popoli delle Nazioni Unite siamo determinati a salvare le generazioni successive dal flagello della guerra... a riaffermare la fede nei diritti umani fondamentali... a stabilire condizioni in cui... il diritto internazionale possa essere mantenuto e... a promuovere il progresso sociale e migliori standard di vita …”

ONU #85 immagini la sede delle Nazioni Unite a New York City.


Ottieni il podcast da ascoltare più tardi

Podcast Apple | Google Podcast | Spotify | Cucitrice | Pubblico radiofonico

Ecco il preambolo della Carta, che riflette la determinazione della comunità internazionale, all'indomani della Seconda Guerra Mondiale, a costruire un mondo migliore ea progettare il futuro che desideravano.

NOI POPOLI DELLE NAZIONI UNITE DETERMINATI a salvare le generazioni successive dal flagello della guerra, che due volte nella nostra vita ha portato all'umanità un dolore indicibile, e a riacquistare la fede nei diritti umani fondamentali, nella dignità e nel valore della persona umana, nella l'uguaglianza dei diritti di uomini e donne e di nazioni grandi e piccole, e di stabilire condizioni in cui possano essere mantenuti la giustizia e il rispetto degli obblighi derivanti dai trattati e da altre fonti del diritto internazionale, e di promuovere il progresso sociale e migliori standard di vita in maggiore libertà,

E PER QUESTI FINI... praticare la tolleranza e vivere insieme in pace gli uni con gli altri come buoni vicini, e unire le nostre forze per mantenere la pace e la sicurezza internazionali e per garantire, mediante l'accettazione dei principi e l'istituzione dei metodi, quella forza armata non devono essere utilizzati, se non nell'interesse comune, e per impiegare macchinari internazionali per la promozione del progresso economico e sociale di tutti i popoli,

HANNO RISOLUTO DI UNIRE I NOSTRI SFORZI PER RAGGIUNGERE QUESTI OBIETTIVI... Di conseguenza, i nostri rispettivi governi, attraverso rappresentanti riuniti nella città di San Francisco, che hanno mostrato i loro pieni poteri trovati in buona e debita forma, hanno accettato la presente Carta del Nazioni Unite e con la presente istituiscono un'organizzazione internazionale nota come Nazioni Unite.

75 anni dopo, le Nazioni Unite stanno ancora cercando di realizzare gli ideali riflessi in questo preambolo. A tal fine, l'ONU ha lanciato un enorme sondaggio disponibile in quasi tutte le lingue, chiedendo "noi popoli" di aiutare a determinare il futuro delle Nazioni Unite. Puoi trovarlo qui.


1998: uno studio condotto sulla popolazione di coyote in America afferma che continuano a crescere di numero e ora molti si accoppiano con cani e lupi. Il coyote è stato in Nord America per 2 milioni di anni attraverso l'era glaciale, l'età della pietra e ora l'età umana e si adatta bene al mondo umano. Il Coyote può correre fino a 40 MPH e quando caccia animali più grandi forma branchi.

1998: Microsoft ha rilasciato la sua ultima versione Windows 98 e una delle sue nuove caratteristiche chiave è la capacità plug-in di videocamere, macchine da gioco e altre periferiche plug and play.


***Dedicato a Cristiano e al ricordo del suo vecchio amico Johann Elser***

Negli anni '30 e '40 la Gran Bretagna vantava forse i migliori servizi di intelligence del mondo, con solo i sovietici come rivali. Il SIS (alias MI6) ha operato in tutto l'Impero ma anche in paesi alleati e potenziali nemici con grande efficacia. Quando arrivò la seconda guerra mondiale, la competenza e l'esperienza britanniche in questo campo furono ampiamente ripagate in termini di raccolta di informazioni, sabotaggio, controspionaggio e decrittazione. Come notava un vecchio mano, solo la SIM, i servizi segreti italiani, sono stati in grado di tenere il passo degli inglesi una volta che il conflitto era iniziato: i tedeschi e soprattutto i giapponesi sono rimasti molto indietro. Naturalmente, il dominio che la Gran Bretagna aveva costruito andò terribilmente storto dopo la guerra, quando le talpe sovietiche trasformarono l'MI6 in una responsabilità per l'alleanza occidentale. Ma questa è un'altra e molto più triste storia... Per oggi, l'MI6 è stato molto nelle notizie nell'ultima settimana perché è stata rilasciata una serie di documenti prebellici e bellici che descrivono le attività dell'MI6 e la raccolta di informazioni. Ci sono state note su una spia britannica travestita nella Madrid di Franco – whoops … e persino un progetto britannico per assassinare una serie di leader del Terzo Reich, dopo il DDay, uno che è stato felicemente distrutto ma che sopravvive sulla carta. Tuttavia, un vero gioiello poco discusso (fo-1093-288, pdf) è questo pezzo del debriefing di due ufficiali tedeschi. Herbert Kappler (necrologio 1978: nella foto sopra), un uomo con una buona dose di sangue sulle mani, che, alla fine della sua vita, evase da un ospedale carcerario italiano in una valigia, e Constantin Canaris (necrologio 1983), nipote del leggendario ammiraglio Canaris.

Non viene fornita alcuna spiegazione su come sia avvenuta questa conversazione tra due ufficiali tedeschi. Ma era politica comune nella guerra che gli interrogatori britannici inserissero microspie nelle cellule – ci sono già casi dall'estate del 1940 – e quasi sicuramente si trattava di una conversazione privata con un microfono alla fine. Forse Canaris faceva deliberatamente domande per gli inglesi? drbeachcombing AT yahoo DOT com Possibilmente.

Canaris e Kappler parlano di due argomenti affascinanti. Il primo è l'interrogatorio di Kappler a Johann Elser, l'uomo che si avvicinò di più all'uccisione di Hitler, nel 1939, una delle tante volte in cui la "provvidenza" (quella "puttana di Arrant") salvò il Führer. Canaris descrive come ha ucciso Elser con gentilezza, chiacchierando finché la storia della vita dell'uomo non è venuta fuori in quattrocento pagine dattiloscritte. Sappiamo da altrove che Kappler era un capo della Gestapo fin troppo capace: le sue abilità furono purtroppo prestate a fini orribili, tra cui la liquidazione del ghetto romano e il massacro delle Ardeatine: Kappler uccise personalmente uno degli ostaggi lì. Kappler, sulla scorta di questa conversazione, sembra aver nutrito un sincero affetto per Elser definendolo un 'genio' e affermando 'spero che sia ancora vivo': purtroppo quell'uomo coraggioso era stato giustiziato nell'aprile del 1945 come Terzo Reich cominciò a legare ‘fini sciolti’, sdegnando i posteri. Che eroe sarebbe stato Elser per la Germania del dopoguerra.

Kappler ci fornisce un aneddoto particolarmente prezioso dell'interrogatorio che, per quanto a conoscenza di Beach, non è ancora entrato nei libri di storia.

Una mattina, proprio mentre stavo interrogando Elser, il Reichsführer entrò e prese lui stesso l'interrogatorio. Con me [Elser] parlava sempre. Dopo che il Reichsführer era entrato mi ci sono volute due ore intere prima che riuscissi a convincerlo ad aprire di nuovo la bocca. Era troppo spaventato per parlare. Era completamente intimidito e mi ha chiesto se era vero che il Reichsführer voleva farlo arrostire vivo.

Il Reichsführer è, ovviamente, il terribile Heinrich Himmler, un individuo, a differenza di Kappler, senza tratti salvifici, una tomba vuota e omicida di un uomo. L'immagine di lui che batte il pugno sul tavolo, la sua faccia sudata che viene dal tavolo verso il terrorizzato e onesto Elser rimarrà con Beach per il resto di questa sera. Forse un bagno caldo…

Il secondo argomento è la cattura di Stevens e Best, due membri dell'intelligence britannica che furono catturati in un brillante trucco tedesco al confine olandese nel cosiddetto incidente di Venlo nel 1939. Kappler descrive l'interrogatorio di Stevens (obit 1957) e un episodio preoccupante in cui, se si deve credere a Kappler, Stevens abbandonò un tedesco che lavorava per gli inglesi alla tenera misericordia della Gestapo: per fortuna l'uomo in questione era già scappato. Come sempre con queste domande, molto più è sconosciuto che noto: questa potrebbe essere stata una strategia deliberata anche prestabilita, potrebbe essere stata un'improvvisazione necessaria anche se spietata. I maestri delle spie non sono padri amorevoli.


Case History di un look alcolizzato –, 26 giugno 1945

Questo è Joe, un alcolizzato, al quarto giorno di abbuffata. Sta bevendo birra perché è tutto ciò che può ottenere al momento. Il suo ultimo dollaro è sul tavolo. Trovando il bicchiere troppo lento, Joe svuota la bottiglia finché non sviene. Per lui l'alcol non è una bevanda, ma una malattia che non può curare da solo, ha bisogno di un aiuto molto specializzato.

Uno su un milione è Joe, il soggetto della notevole sequenza di immagini in queste e nelle pagine seguenti. Joe (il nome è fittizio) è un alcolizzato, uno di circa un milione di alcolisti negli Stati Uniti oggi. Con alcune piccole deviazioni, la storia di Joe potrebbe essere la storia di tutti loro.

Alla fine dei 30 anni, è stato un bevitore incontrollato per 10 anni. Si è ubriacato senza lavoro, amici, tutte le comodità di un posto costruttivo nella società. Ha bevuto, non per un passaggio temporaneo o perché gli piace il sapore del liquore, ma per sfuggire alla realtà.

Gli psichiatri dicono che l'alcolista è un individuo che, a un certo punto del suo sviluppo, ha rifiutato di crescere e si trova a disagio nella maturità. Joe, come tutti gli alcolisti, ha cercato di affogare questo disagio nel mondo onirico del bere. Nei suoi periodi di calma ha conosciuto il senso di colpa e il rimorso, ma in seguito, trovandosi solo o non sufficientemente apprezzato - o spesso senza una ragione apparente - rimuginava sulla sua "separazione" e di nuovo tentava inutilmente di sfuggire alla vita attraverso l'alcol.

Questo circolo vizioso che intrappola i Joe del mondo ha sfidato i sinceri sforzi di salvataggio di medici, sacerdoti, la legge. Le minacce e le suppliche di familiari e amici di solito sono ugualmente vane. Solo il trattamento psichiatrico, che è costoso e lungo, ha avuto un successo consistente fino a quando gli Alcolisti Anonimi hanno iniziato la sua terapia di gruppo.

Ora che ha 10 anni, AA è un'organizzazione informale di circa 15.000 ex alcolisti. Riconoscendosi come malati di una specifica malattia, la loro preoccupazione reciproca è la guarigione da quella malattia per se stessi e per tutti gli uomini e le donne come loro. Joe, che vive a Minneapolis, è stato aiutato dal gruppo AA della sua città. Poiché sperava che la sua storia avrebbe incoraggiato altri alcolisti, acconsentì alla pubblicazione del resoconto delle sue ultime ore di ubriachezza e dei suoi successivi passi lungo la strada della sobrietà. Nel presentare la cronaca completa, LOOK saluta l'altruismo di quest'uomo e la collaborazione illimitata dei suoi mentori.

Alcolisti Anonimi in azione è raffigurato nelle pagine seguenti [solo didascalie]:

1. Uscendo dalla sua ubriacatura a casa il giorno successivo, Joe (che conosce leggermente AA) ha telefonato per chiedere aiuto. Due membri, ex alcolisti ora molto rispettati nella loro comunità, rispondono alla sua chiamata, sono pronti ad aiutare se Joe vuole davvero guarire.

2. Ha detto che ha bisogno di un ricovero in ospedale, ha un temporaneo ripensamento, afferma che la sua chiamata è stata un errore. Ma questi uomini, essendo passati attraverso il mulino, non possono essere ingannati, combinano simpatia e disciplina per farlo entrare nel suo cappotto.

3. Sulla strada per il sanatorio, Joe mostra segni di voler tornare indietro. Ma questo non preoccupa i suoi sponsor. Sanno per esperienza personale che questa è una vecchia routine per Joe, quindi lo portano pazientemente fuori dall'auto.

4. Una volta all'interno del sanatorio, il suo volto riflette la sua condizione, si sente che Joe ha superato la prima fase della sua redenzione. Non si fa più alcuno sforzo per ragionare con lui, per ramanzine, per rimproverarlo o per rimproverarlo. Ha bisogno di riposo, cibo, medicine.

5. Joe resiste ancora mentre si spoglia per andare a letto. Prima che i membri di AA possano aiutarlo in modo costruttivo, deve "toccare il fondo" ammettendo di essere un alcolizzato e distruggere l'illusione che possa mai sperare di "bere come un gentiluomo".

6. Joe rimane nella nebbia il suo secondo giorno al sanatorio. Poiché, come la maggior parte degli alcolisti, non ha mai mangiato mentre beve ed è denutrito, riceve iniezioni di vitamine. Il suo sponsor ritorna, lascia le sigarette, parla con il dottore.

7. Il suo cervello si schiarisce il terzo giorno e Joe beve caraffe d'acqua. Il suo sponsor chiama di nuovo, discute tranquillamente del suo caso e della sua guarigione. Joe riconosce uno spirito affine, pensa: "Se quest'uomo è guarito, perché io no?"

8. Fisicamente ristabilito dopo tre giorni, Joe saluta la sua infermiera. In abiti freschi forniti dai suoi sponsor, sembra–e si sente–un uomo nuovo. Per la prima volta affronta il futuro con speranza di ripresa.

Un pranzo socievole dopo un incontro a casa di un membro dell'AA mostra a Joe che può divertirsi quando la sobrietà è un primo passo fondamentale.

Joe ottiene informazioni sui propri problemi durante le riunioni settimanali dell'AA. Quando sente gli altri parlare apertamente dei loro casi, il suo senso di colpa svanisce.

Tornato al suo vecchio lavoro in una torrefazione di caffè, Joe riceve la visita di amici di AA che lo hanno aiutato a rimettersi in piedi. Con orgoglio, li mostra in giro.

Con una nuova visione della vita, Joe ha buone possibilità di rimanere sobrio.

Il ciclo della terapia con AA è completo quando Joe torna in clinica per visitare un altro che ha bisogno di aiuto. Ora ha una conoscenza approssimativa dei principi dell'AA, sa che aiutare altri alcolisti è una tecnica per preservare la propria sobrietà. Per la prima volta in 10 anni ha trovato la strada per una vita dignitosa. È troppo presto per dire se rimarrà su di esso, ma il record di AA del 75% di recupero è a suo favore.

Alla clubhouse dell'AA, un tempo una delle più belle case private di Minneapolis, Joe scopre il funzionamento interno dell'AA. Non esigono alcun requisito di appartenenza, nessuna tassa, nessuna quota, non richiedono un punto di vista religioso o medico speciale. Non sono missionari, riformatori o proibizionisti, non litigano con l'alcol come bevanda. La pietra angolare della loro terapia è l'incoraggiamento reciproco nella battaglia per la sobrietà che è la preoccupazione per tutta la vita dell'alcolista.

Quali sono i sintomi dell'alcolismo? Mettiti alla prova. . .

Le seguenti domande del test sono tratte dall'opuscolo Alcolisti Anonimi, pubblicato da uno dei 300 gruppi di AA ora attivi in ​​America. Se rispondi S, ABITUALMENTE, a qualsiasi delle due domande, è probabile che tu sia un alcolizzato.


26 giugno 1945 - Storia

Nota: le informazioni audio del video sono incluse nel testo sottostante.

Il ponte aereo di Berlino potrebbe essere definito la prima battaglia della Guerra Fredda. Fu quando i paesi occidentali consegnarono cibo e forniture alla città di Berlino per via aerea perché tutte le altre rotte erano bloccate dall'Unione Sovietica.


Un C-54 in atterraggio all'aeroporto Tempelhof di Berlino
Fonte: United States Air Force

Alla fine della seconda guerra mondiale il paese della Germania fu diviso dagli Alleati in quattro zone. Gran Bretagna, Francia, Stati Uniti e Unione Sovietica controllavano ciascuna una zona diversa. La capitale della Germania, Berlino, si trovava nella zona dell'Unione Sovietica, ma anche il controllo di questa città era diviso in quattro zone tra i quattro paesi.

Tensioni tra Oriente e Occidente

Con la fine della guerra, cominciarono a crescere le tensioni tra i paesi democratici dell'ovest e i paesi comunisti controllati dall'Unione Sovietica dell'est. L'occidente era determinato a fermare la diffusione del comunismo e il Piano Marshall e la Dottrina Truman lo resero chiaro.

L'occidente voleva anche che il paese della Germania fosse unito sotto un governo democratico. L'Unione Sovietica non voleva questo. Presto le due parti furono in disaccordo sul futuro della Germania. L'occidente introdusse una nuova valuta chiamata marco tedesco, ma i sovietici si rifiutarono di usarla nella loro zona.

La città di Berlino era un'isola nel mezzo della zona controllata dai sovietici. L'Occidente ha inviato rifornimenti tramite ferrovie e strade. Tuttavia, i sovietici volevano il controllo totale di Berlino. Hanno pensato che se avessero tagliato Berlino dalle loro forniture esterne e cibo, allora sarebbe caduta sotto il loro controllo.

Il 24 giugno 1948 i sovietici bloccarono tutto il traffico ferroviario e stradale verso Berlino. Hanno tagliato l'elettricità proveniente dalla parte sovietica della città. Hanno bloccato tutto il traffico in entrata e in uscita dalla città. L'unico modo per entrare era volare.

Quando è iniziato il blocco, la città di Berlino aveva circa 36 giorni di cibo. Avevano anche bisogno di tonnellate di carbone per l'energia e altri articoli come le forniture mediche.

Senza andare in guerra o rinunciare alla città di Berlino, l'unica opzione che avevano i paesi occidentali era di cercare di far volare tutte le provviste. Questo è stato un compito enorme. C'erano oltre due milioni di persone che vivevano in città in quel momento. L'esercito ha stimato che ci sarebbero volute oltre 1500 tonnellate di cibo ogni giorno per mantenerli in vita.

I sovietici non credevano che un ponte aereo avrebbe funzionato. Sentivano che la gente di Berlino alla fine si sarebbe arresa.

Nei dieci mesi successivi gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno effettuato circa 277.000 voli verso Berlino. Hanno trasportato oltre 2,3 milioni di tonnellate di rifornimenti in città. Il 12 maggio 1949 l'Unione Sovietica fermò il blocco e il ponte aereo terminò.


La notizia del trattato è stata un completo shock per il nuovo governo e per il popolo tedesco. Praticamente tutte le sezioni dell'opinione pubblica tedesca hanno denunciato il trattato. Era noto come Diktat poiché la Germania era stata costretta a firmare il trattato.

Il giorno in cui è stato firmato, le chiese protestanti tedesche hanno dichiarato un giorno di lutto nazionale. I tedeschi erano indignati per la perdita delle sue colonie, del suo territorio e della sua popolazione in Francia, Belgio e Polonia.

Si risentiva anche delle limitazioni imposte alle dimensioni del suo esercito e della sua marina, il divieto di un'aeronautica e di carri armati e la smilitarizzazione della Renania. Sentiva che il principio di autodeterminazione era stato ignorato nel caso dei tedeschi d'Austria e dei Sudeti. Credeva che la War Guilt Clause e i pagamenti delle riparazioni fossero ingiusti. Un effetto del Trattato fu un'immediata mancanza di fiducia nei politici che lo avevano firmato. Ciò si rifletteva nello scarso rendimento dei partiti che sostenevano la repubblica nelle elezioni del 1920.

  • Termini del trattato di pace
  • Capacità militare notevolmente ridotta
  • Imposta la clausola di "colpa di guerra"
  • Riparazioni fissate ad un livello molto alto
  • Tutto ciò ha portato a GRANDI problemi dal 1919

Problemi dal 1919 al 1924

  • Rabbia diretta al governo per aver firmato il Trattato di Versailles
  • La nuova costituzione che fa affidamento sui governi di coalizione, che indebolisce il suo potere
  • Problemi economici poiché tutti i profitti vengono inviati direttamente agli alleati come risarcimenti
  • Valuta senza valore poiché la crisi economica porta all'iperinflazione
  • Ascesa di gruppi estremisti che tentano di strappare il potere al governo destabilizzato (Freikorps, Spartacists ecc.)
  • Gli spartachisti comunisti nel 1919, sconfitti dalla milizia di destra dei Freikorps
  • Il putsch di destra Kapp, sconfitto da uno sciopero generale

L'insoddisfazione dell'ala destra nei confronti del nuovo governo è stata aggravata quando il governo ha deciso di sciogliere le unità dei Freikorps. Un politico nazionalista, Wofgang Kapp guidò una rivolta a Berlino appoggiata dai Freikorps e dal comandante militare di Berlino. L'esercito regolare si rifiutò di reprimere la rivolta e il governo fuggì a Stoccarda. La sua richiesta di sciopero generale è stata lanciata dai sindacati della città e il golpe è crollato. Allo stesso tempo una rivolta comunista fu sedata nella Ruhr, il cuore industriale della Germania, con oltre mille morti.

Gli omicidi della destra avrebbero afflitto i primi anni della nuova repubblica con politici di primo piano come Matthias Erzberger e Walther Rathenau assassinato. Molti degli assassini furono trattati con grande clemenza dai tribunali, ma gli omicidi ebbero l'effetto di rafforzare il sostegno alle istituzioni della repubblica.


AQA Livello A Storia: Democrazia e nazismo: Germania, 1918&ndash1945, 7042/2O - 5 giugno 2019

Guardando il documento dell'ultimo anno, potrebbe esserci una domanda per un saggio su argomenti sociali (in qualsiasi momento nel periodo) come c'era l'anno scorso, né l'antisemitismo era presente, sebbene fosse nel documento del 2017.

In un mondo perfetto vorrei un'opposizione in tempo di guerra, e forse qualcosa di economico, anche se penso che potrebbe essere un compito difficile nel complesso e sono piuttosto nervoso per questo.

Questi sono alcuni argomenti che non credo siano emersi molto nei documenti campione AQA 2014 e nei documenti 2017 e 2018:

- Rivoluzione tedesca, 1918-19
- Stabilità sociale/culturale, 1924-29
- Politica estera, 1924-29
- Popolarità nazista e collasso della democrazia, 1928-33
- Stato del terrore, 1933-39
- Economia, 1933-39
- Radicalizzazione, 1933-41 (compreso l'antisemitismo, 1933-39)
- Impatto sociale della guerra, 1939-45

Soprattutto la Rivoluzione tedesca e i successi elettorali del partito nazista non si sono mai verificati prima. Poi di nuovo, le mie previsioni per il giornale Stuart Monarchy erano per lo più sbagliate, quindi.

(Post originale di luca.ah)
Questi sono alcuni argomenti che non credo siano emersi molto nei documenti campione AQA 2014 e nei documenti 2017 e 2018:

- Rivoluzione tedesca, 1918-19
- Stabilità sociale/culturale, 1924-29
- Politica estera, 1924-29
- Popolarità nazista e collasso della democrazia, 1928-33
- Stato del terrore, 1933-39
- Economia, 1933-39
- Radicalizzazione, 1933-41 (compreso l'antisemitismo, 1933-39)
- Impatto sociale della guerra, 1939-45

Soprattutto la Rivoluzione tedesca e i successi elettorali del partito nazista non erano mai esistiti prima. Poi di nuovo, le mie previsioni per il giornale Stuart Monarchy erano per lo più sbagliate, quindi.

Penso che le domande del saggio di solito specifichino una scala temporale che va da circa 2 a 6 anni. Ad esempio, questi erano sul Paper 2018:

"In che misura il consolidamento del potere nazista negli anni 1933 e 1934 è stato raggiunto con mezzi legali?" (1-2 anni)

&lsquoL'economia tedesca è stata adattata con successo per soddisfare le esigenze della guerra prima del 1945.&rsquo (più a tempo indeterminato, ma di solito parlava degli anni 1938-45)

(Post originale di luca.ah)
Penso che le domande del saggio di solito specifichino una scala temporale che va da circa 2 a 6 anni. Ad esempio, questi erano sul Paper 2018:

"In che misura il consolidamento del potere nazista negli anni 1933 e 1934 è stato raggiunto con mezzi legali?" (1-2 anni)

&lsquoL'economia tedesca è stata adattata con successo per soddisfare le esigenze della guerra prima del 1945.&rsquo (più a tempo indeterminato, ma di solito parlava degli anni 1938-45)

Se lo trovi restrittivo, puoi ampliarlo più a una domanda riguardante le questioni generali che hanno affrontato la Repubblica, 1919-24, e quanto fosse responsabile il Trattato di Versailles per questo - tuttavia, assicurati di continuare a fare riferimento alla domanda per rimanere concentrato. Potresti farne più di uno per motivi economici e/o politici, o utilizzare prove come punti (che potrebbero essere meno restrittivi).

Esempi potrebbero essere:
- La reazione immediata in Germania (principalmente politico/sociale piuttosto che economica).
- Reazione di sinistra e/o di destra (politica, confrontate come i disordini erano direttamente collegati all'anti-Versailles o più semplicemente all'anti-Weimar).
- Inflazione e, dopo l'occupazione della Ruhr, iperinflazione (economica, confronta se è stato il Trattato stesso o la reazione della Repubblica ad esso).

In particolare, poiché l'intervallo di date è fino al 1924, si potrebbe sostenere che l'impatto economico non è stato chiaramente così dannoso in quanto è stato parzialmente risolto alla fine del 1923/1924 (come con il taglio delle spese di Stresemann, il Rentenmark, il piano Dawes, ecc.).

Spero che abbia senso, non la migliore spiegazione


Il materiale che vedrai qui sono foto originali, diapositive a colori e cartoline della mia collezione di ricordi di Okinawa che ho passato molti anni a salvare dai cassonetti della spazzatura della storia. Questi sono i ricordi di coloro che sono trapassati e non hanno lasciato nessuno a cui importasse di ricordare. Per te, che sei ancora con noi, spero che queste foto e queste cartoline ti ricordino cose del tuo passato. Per quelli delle generazioni attuali e future, spero che queste foto e cartoline vi diano un'idea di ciò che vi siete persi.

Questo sito web ti porterà dalla spiaggia di Hagushi il 1 aprile 1945 e dall'ultima grande battaglia della seconda guerra mondiale alle strade secondarie e ai vicoli di Naha, Koza, Nago, Itoman, Jagaru, Yonabaru, Ishikawa, Kin e Shuri.

Eri di stanza a Camp Kue, Camp Mercy, Camp Kuba Saki, Fort Buckner, Camp Hanson, Camp Schwab, Machinato Service Area, White Beach, Sukiran, Kadena Air Base, Naha Air Base o una qualsiasi delle altre numerose basi militari?

Hai visto i siti di Naminoue (Tea House August Moon), sorseggiare una birra Orion in BC Street, visitare Suicide Cliff, vedere i numerosi castelli di Okinawa o visitare alcuni dei siti storici legati alla Battaglia di Okinawa?

Hai fatto acquisti da Plaza House ad Awase Meadows o Heiwa Dori (Black Market Alley) o hai passeggiato lungo Kokusai Dori, a Naha?

Hai nuotato a Moon Beach, Yaka Beach o Ishikawa Beach?

Quante volte hai fatto il giro del Kadena Circle prima di capire dove scendere?

Quelli di voi della generazione di oggi potrebbero non conoscere nemmeno alcuni di questi nomi poiché nel corso degli anni molti di loro sono cambiati, tali sono le vie del progresso.

USCAR, GRI, RYCOM, RYKOM, OBASCOM, USARYIS, suonava come una lingua straniera al personale appena arrivato di ARMY, NAVY, MARINES e AIR FORCE. La maggior parte se ne sono andati, ma alcuni rimangono ancora a ricordarci i vecchi tempi.

Lo sapevi come LA ROCCIA, PIETRA CHIAVE DEL PACIFICO, GIBILTERRA DEL PACIFICO, NANSEI SHOTO o LE ISOLE RYUKYU, qualunque sia il nome che ricordi è ancora OKINAWA.


Guarda il video: The Monument To Marshal Zhukov Is One Of The Moscows Best Known Attractions (Giugno 2022).