Cronologia

Il proiettore di fiamme Livens

Il proiettore di fiamme Livens


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il proiettore di fiamme Livens, rigorosamente il proiettore di fiamme Livens Large Gallery, fu usato il primo giorno della Battaglia della Somme nel 1916 e solo una volta dopo quello nel 1917. Nessuno dei proiettori di Livens Flame esiste oggi sebbene siano stati trovati resti sul Campo di battaglia della Somme vicino a Mametz.

Un ufficiale dei Royal Engineers, William Livens, inventò il Livens Flame Projector. Si era arruolato nell'esercito il giorno in cui fu dichiarata la prima guerra mondiale. Aveva un desiderio di "azione", ma scoprì di essere tenuto nella caserma dei Royal Engineers a Chatham, nel Kent. La sua vita è cambiata il 7 maggioesimo 1915 quando fu affondata la "Lusitania". Liven ha creduto che il suo fidanzato fosse a bordo e si è fatto una promessa sulla notizia dell'affondamento che avrebbe fatto il possibile per sconfiggere i tedeschi. In effetti, il suo fidanzato aveva perso la Lusitania ma Livens non lo sapeva da tre giorni. La notizia della sua sopravvivenza non ha fatto nulla per ridurre la sua rabbia contro i tedeschi e ha continuato con la sua convinzione che avrebbe fatto tutto il possibile per sconfiggere i tedeschi. Livens fu incaricato della sezione segreta Z dei Royal Engineers. Questa unità ha funzionato su lanciafiamme. Il lavoro era spesso pericoloso per le persone coinvolte, ma Livens pensava a qualcosa di molto più grande di un lanciafiamme trasportato individualmente. Voleva progettare un lanciafiamme abbastanza grande da distruggere un intero sistema di trincea. Questo fu l'inizio del progetto che culminò con l'uso della nuova arma vicino a Mametz. Il suo proiettore Livens Flame ha impiegato solo 25 settimane per produrre dal piano cartaceo all'attuazione effettiva. Il prodotto finito era lungo 56 piedi, largo 14 pollici, 2,5 tonnellate e richiedeva un equipaggio di 7 uomini addestrati.

Il Proiettore di fiamme Livens era effettivamente un grande lanciafiamme costruito sottoterra. I diari di guerra tenuti dagli ufficiali all'epoca della battaglia della Somme indicano che il 28 giugnoesimo Nel 1916 circa 200 truppe britanniche dei Royal Engineers si radunarono in gran segreto vicino a Mametz, 100 miglia a nord-est di Parigi. Quello che facevano nessuno sapeva che il loro lavoro era nascosto mentre lavoravano sottoterra in una linfa che portava alle linee tedesche.

L'arma era alimentata dalla pressione dell'aria. Una volta che la pressione aveva raggiunto un certo livello, la testa (monitor) dell'arma veniva spinta fuori dal terreno. Una miscela di cherosene e diesel fu accesa e sparata verso le linee tedesche. Non si sa quanto fosse efficace l'arma, ma gli storici di guerra ipotizzano che, laddove era usata sulla linea della Somme, fosse molto efficace.

Gli storici di guerra generalmente accettano che per gli inglesi il primo giorno della Somme fu un disastro con 60.000 morti o feriti. Tuttavia, l'attacco degli inglesi il primo giorno non è stato un disastro totale in tutte le aree. Gli inglesi riuscirono a sfondare a Mametz e Carnoy, appena a sud di Mametz. Ciò pone le domande: come e perché è accaduto quando lungo le linee britanniche gli uomini sono stati uccisi e feriti con orribile frequenza, alcuni a pochi metri dalle loro stesse trincee?

Lo storico Peter Barton della Prima Guerra Mondiale ritiene che la risposta alla domanda sia stata il fatto che il Proiettore di fiamme Livens fu schierato a Mametz con conseguenze devastanti per i tedeschi. In totale sono stati utilizzati tre proiettori di fiamma il 1 ° lugliost a Mametz e dintorni. Quattro furono portati in prima linea qui, ma una linfa contenente una - linfa 14 - fu distrutta da un proiettile tedesco che seppellì l'arma. La fiamma che aveva lanciato avrebbe incenerito qualsiasi cosa sulla sua strada e Livens l'avrebbe progettata in modo che parte del carburante potesse essere espulso dal monitor ma si sarebbe acceso solo dopo aver raggiunto il suo obiettivo.

A Mametz, la linfa che conteneva il proiettore di fiamme Livens fu costruita per avvicinarsi il più possibile alle prime linee tedesche. Quindi, il suo impatto sarebbe stato enorme e assolutamente demoralizzante per i tedeschi dentro e intorno alle loro trincee a Mametz. Quello che non potevano sapere era se gli inglesi ne avrebbero usato un altro con le stesse conseguenze nella stessa area. Le truppe britanniche che seguirono l'attacco di fiamma entrarono nelle trincee tedesche ma fu un successo non costruito su altri settori della battaglia. In effetti, anche l'impatto del proiettore a fiamma Liven è stato solo temporaneo. Ogni arma aveva solo tre esplosioni di cherosene / diesel di 10 secondi prima che si svuotassero. Rifornire le armi con bottiglie di cherosene / diesel per una ricarica avrebbe richiesto del tempo, soprattutto perché tutto il rifornimento doveva essere effettuato sottoterra. Fu anche integrato negli alleati pensando che, quando il Livens Flame Projector avesse fatto il suo lavoro, gli inglesi sarebbero stati nelle trincee tedesche, li avrebbero assicurati ed erano pronti a spingersi oltre. Pertanto, non sarebbe stato necessario "ricaricare" l'arma, poiché il danno ai tedeschi sarebbe stato fatto.

L'impatto del Livens Flame Projector e dei saps che ti hanno portato fino alle linee tedesche devono aver impressionato gli alti ufficiali dell'esercito britannico come il 3 lugliord 1916 fu fatto un ordine per quadruplicare il numero di linfonodi sul fronte occidentale lungo il settore della Somme. Tuttavia, la battaglia è più ricordata per le accuse in prima linea fuori dalle trincee che si sono concluse con così tante vittime in contrapposizione a modi innovativi per entrare effettivamente nelle trincee tedesche.

Dopo la prima guerra mondiale massicci lanciafiamme come i Livens furono banditi dal diritto internazionale.


Guarda il video: Audiolibro Completo: "Il Profeta" di Khalil Gibran Voce Umana (Giugno 2022).