Podcast di storia

Quanto era bloccabile lo Stretto di Gibilterra prima dell'operazione "Torcia?"

Quanto era bloccabile lo Stretto di Gibilterra prima dell'operazione



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Lo prenderò come un articolo di fede che se un potere, ad es. La Gran Bretagna controllava sia la Rocca di Gibilterra a nord, sia la costa algerina a sud, in modo che questo paese potesse bloccare lo Stretto di Gibilterra.

Fino allo sbarco della "Torcia", tuttavia, la capacità di "controllo" era divisa, con la Gran Bretagna che controllava la Rocca di Gibilterra e la Francia di Vichy (controllata dai tedeschi) che occupava la costa algerina.

Ciò significava che nessuna delle due parti poteva bloccare lo Stretto perché era una "spinta"? O era vero che la Gran Bretagna era in grado di bloccare lo Stretto più contro l'Asse che viceversa a causa della sua marina superiore, parte della quale era basata sulla Rocca di Gibilterra? (La mia comprensione era che gli Alleati avevano navigato senza problemi attraverso lo Stretto, mentre le navi dell'Asse dovevano "sgattaiolare" attraverso di esso.)

Questa domanda è diversa da quella sul perché i tedeschi non hanno bloccato lo Stretto perché volevo esplorare i problemi che entrambi parti, alleate e tedesche, avevano nel blocco di Gibilterra. Ho l'impressione che gli Alleati potrebbero stabilire solo un blocco "parziale" di Gibilterra fino a quando non potrebbero chiudere la costa meridionale (algerina) dopo Torch. E allo stesso modo, che la Germania e/o l'Italia potrebbero stabilire un blocco o un antiblocco "minimo" stabilendo, ad es. basi aeree in Algeria (anche se non sono mai riusciti a farlo).


Due punti mancanti:

La prima è che la Francia di Vichy "controllata dai tedeschi" è una semplificazione eccessiva.

Lo status dopo l'armistizio francese fu che la Francia si arrese, fu lasciata come uno stato indipendente che era neutrale sia per gli Alleati che per l'Asse. I tedeschi occuparono Parigi e la costa atlantica per evitare un'invasione alleata, ma legalmente anche le zone occupate erano ufficialmente governate dalla Francia di Vichy (anche se i comandanti tedeschi avevano l'ultima parola su tutto nelle zone occupate).

Quindi, la Francia fuori dalla zona di occupazione e le sue colonie erano governate dal governo di Vichy che, anche se filo-tedesco, era neutrale1 e ho cercato di ottenere un po' di potere contrattuale2. Quindi, non c'era nessuna forza dell'Asse a sud dello stretto che cercava di rompere il blocco britannico o stabilire il proprio blocco.

Il secondo punto è che le terre immediatamente a sud dello Stretto non erano sotto il controllo francese, ma spagnolo. Qualsiasi base dell'Asse che cercasse di interdire il passaggio attraverso Gibilterra sarebbe stata molto lontana da esso.

Vale anche la pena ricordare che il Mediterraneo e il Nord Africa erano principalmente "fronti italiani", Hitler ha dato un certo appoggio agli italiani (ad esempio il Afrika Korps), ma vedeva l'intero teatro come una distrazione dai veri obiettivi (Regno Unito e Unione Sovietica).

1 Dopo Torch e la defezione dell'ammiraglio Darlan agli Alleati, i tedeschi lanciarono "Case Anton" e occuparono tutta la Francia, quindi da quel momento non c'era più "Vichy neutrale", ma le colonie del Nord Africa erano già perse.

2 Ad esempio, avevano minacciato di affondare la loro flotta a Tolone se fossero stati occupati. Quando Case Anton è stato lanciato, è esattamente quello che è successo.


Lo Stretto poteva ed era bloccato solo con Gibilterra. La loro parte verso terra fu tagliata fuori dagli spagnoli neutrali. I loro approcci verso il mare erano difesi dalla potente Forza H. La terra attraverso lo Stretto era il Marocco spagnolo neutrale. Gibilterra era abbastanza sicura. Una volta che la flotta francese di Vichy a Mers-el-Kébir fu paralizzata e in seguito la flotta italiana a Taranto, non c'era una seria minaccia per Gibilterra. Le unità della RAF a Gibilterra potrebbero pattugliare lo Stretto. La minaccia principale proveniva dagli aerei tedeschi e italiani.

… ma chi starebbero bloccando?

Gli Alleati hanno bisogno che lo Stretto sia aperto alle spedizioni per rifornire le truppe che combattono in Nord Africa, Malta, Creta, Albania, Grecia e Medio Oriente. Ne avevano anche bisogno per utilizzare il Canale di Suez per accorciare la linea di rifornimento verso l'URSS attraverso il corridoio persiano, così come l'India, la Birmania e l'Estremo Oriente. Altrimenti le navi avrebbero dovuto fare tutto il giro dell'Africa impiegando molto più tempo, esponendole agli attacchi e mettendo a dura prova il sistema di rifornimento mondiale degli Alleati.

Al contrario, l'Asse non aveva bisogno dello Stretto. Avevano porti in tutta l'Europa meridionale per rifornire il Nord Africa e una (teoricamente) potente flotta italiana per proteggerli. L'Africa occidentale potrebbe essere rifornita dal lato atlantico attraverso i porti atlantici francesi. Le potenze dell'Asse europeo non avevano grandi operazioni militari da rifornire altrove per cui lo Stretto sarebbe stato rilevante, la maggior parte dei loro fronti erano via terra con linee interne di comunicazione e rifornimento.

L'unica eccezione è lo spostamento di navi da guerra, ma anche questo era di utilità limitata per l'Asse. La marina italiana non è mai stata progettata per lasciare il Mediterraneo e si è accontentata di provare a trasformare il Mediterraneo in un lago italiano. Ad esempio, le sue corazzate di classe Littorio avevano una gittata di circa 8000 km mentre la comparabile classe King George V britannica aveva una gittata di quasi 30.000 km.

La marina tedesca era principalmente interessata alla battaglia dell'Atlantico e ad altre incursioni commerciali. Erano interessati solo a spostare gli U-Boat nel Mediterraneo per interrompere i convogli di rifornimento alleati, cosa che potevano fare, con una certa sicurezza, rimanendo profondamente sommersi e silenziosi e permettendo alla corrente di spingerli attraverso.

Dopo l'invasione dell'Unione Sovietica, il Mar Nero divenne un campo di battaglia. Usare lo Stretto non sarebbe servito a nulla perché i turchi neutrali tenevano i Dardanelli chiusi a tutti i belligeranti. Invece, la potenza navale dell'Asse sul Mar Nero è stata fornita principalmente dalla Romania. Alcuni U-Boot e piccole imbarcazioni furono spediti via terra, o via fiume, in Romania, e riassemblati per l'uso nel Mar Nero.

La domanda di an alleato il blocco a Gibilterra è discutibile, lo Stretto era di scarso valore per l'Asse. Un blocco dell'Asse danneggerebbe gravemente gli Alleati, ma non potevano bloccare lo Stretto senza prima neutralizzare Gibilterra.


Guarda il video: Francesco Parisi - Attraverso lo Stretto di Messina (Agosto 2022).