Podcast di storia

Jones, John Paul - Storia

Jones, John Paul - Storia

Jones, John Paul (1747-1792) Comandante navale: Jones iniziò la sua carriera navale nella sua terra natale, la Scozia, all'età di 12 anni, passando da apprendista a capitano di mercantile dall'età adulta. Fu accusato di aver ucciso un carpentiere negligente e un membro dell'equipaggio ammutinato. Scagionato dalla prima accusa, fuggì in America per evitare un processo per la seconda accusa. Ha preso il cognome Jones per nascondere la sua identità. Il Congresso lo nominò primo tenente sull'Alfred una volta iniziata la guerra rivoluzionaria. Più tardi, come capitano e comandante della Provvidenza, catturò 16 premi in una sola crociera. Grandi successi lo attendevano nelle acque europee. Portò il Ranger nel Mare d'Irlanda nel 1778, eseguendo l'ordine del Congresso di interdire le spedizioni e razziare i porti nemici. L'anno successivo, il suo Bonhomme Richard fu impegnato in un'intensa lotta navale con i britannici Serapis. La nave di Jones affondò ma, quando gli fu chiesto di arrendersi, si dice che abbia detto: "Non ho ancora iniziato a combattere". In questa battaglia navale più famosa della guerra, Jones è stato in grado di affondare la nave nemica nonostante la distruzione della sua stessa nave. Conosciuto come un individuo vanitoso, ambizioso e controverso, Jones era tuttavia un uomo coraggioso. Dopo la guerra, prestò servizio nella marina russa, poi si ritirò in Francia. Dopo un'ampia ricerca, i suoi resti furono scoperti e restituiti negli Stati Uniti nel 1905.


Jones, John Paul

JONES, GIOVANNI PAOLO. (1747-1792). Eroe navale americano. Scozia. Nato nel Kirkcudbrightshire, sul Solway Firth, John Paul era il figlio del giardiniere di Arbigland, che era la tenuta di William Craik (padre del dottor James Craik). Dopo aver ricevuto un'istruzione rudimentale presso la scuola parrocchiale di Kirkbean, il giovane John Paul attraversò il Solway nel 1761 per diventare apprendista di un armatore a Whitehaven. Durante il suo primo viaggio visitò suo fratello maggiore, William, che era un sarto a Fredericksburg, in Virginia. Il giovane marinaio è stato rilasciato presto dal suo apprendistato perché il suo datore di lavoro è andato in bancarotta e si è imbarcato a bordo di una nave negriera. Commerciando tra la costa della Guinea e la Giamaica, è diventato il primo ufficiale di un altro schiavista all'età di 19 anni.


Contenuti

John Paul Jones, nato John Baldwin, è nato il 3 gennaio 1946 a Sidcup, nel Kent, in Inghilterra, da Joe Baldwin, pianista e arrangiatore per band degli anni '40 e '50. Jones è stato mandato in collegio in giovane età e ha frequentato il Christ's College whre ha studiato musica. A quattordici anni, Jones divenne maestro di cappella e organista in una chiesa. Lo stesso anno, ha acquistato il suo primo basso elettrico, un Dallas solid body. Ha comprato un Fender Jazz Bass nel 1962 che ha usato fino al 1976.

Jones è stato influenzato dal blues di Big Bill Broonzy, dal jazz di Charles Mingus e dal pianoforte classico di Sergei Rachmaninoff. Jones ha detto che la sua ispirazione per prendere il basso è stato il musicista di Chicago Phil Upchurch sul suo Non puoi sederti LP.

All'età di quindici anni, Jones si unì alla sua prima band, The Deltas, e poi ai Jett Blacks, con il chitarrista John McLaughlin. La sua pausa arrivò nel 1962 quando fu assunto dagli Shadows per due anni. Si parlava di Jones in sostituzione del bassista Brian Locking degli Shadows, che aveva lasciato la band nell'ottobre del 1963, ma John Rostill fu scelto per la posizione.

Nel 1964, Jones iniziò a lavorare in studio con la Decca Records. Ha suonato in centinaia di sessioni di registrazione fino al 1968. Ha lavorato con artisti come The Rollings Stones, Herman's Hermits, Donovan, Jeff Beck, Francoise Hardy, Cat Stevens, Rod Stewart, Shirley Bassey, Lulu e Dusty Springfield.

Durante questa sessione di gioco, Jones ha adottato il suo nome d'arte, Jhn Paul Jones, suggerito dal suo amico, Andrew Loog Oldham, che aveva visto un poster per il ilm John Paul Jones in Francia. La sua prima registrazione con il nuovo nome fu "Baja/ A Foggy Day In Vietnam", pubblicata nell'aprile del 1964. Aveva completato due o tre sessioni al giorno, sei o sette alla settimana. Ha detto che era esaurito a causa del pesante carico di lavoro.

Ha detto: "Stavo organizzando 50 o 60 cose al mese e stava iniziando a uccidermi".


Contenuti

Jones è nato il 19 luglio 1987 a Rochester, New York. [31] Suo padre Arthur è pastore presso la Mount Sinai Church of God in Christ a Binghamton, New York. [32] Arthur ha scoraggiato la carriera di combattente di Jon, "Volevo che predicasse. Ho cercato di scoraggiarlo dall'essere un combattente. Gli ho detto che non vuoi farlo. Puoi fare altre cose. Sii un pastore". [32] La madre di Jon, Camille, è morta nel 2017 all'età di 55 anni, dopo una lunga battaglia con il diabete. [33]

Jon era uno dei quattro figli. Suo fratello maggiore, Arthur, è un ex difensore di football americano che ha giocato per Baltimore Ravens, Indianapolis Colts e Washington Redskins, mentre suo fratello minore, Chandler, è un linebacker esterno per gli Arizona Cardinals. [34] Sua sorella maggiore, Carmen, morì di tumore al cervello prima del suo diciottesimo compleanno. [35] [36]

Inizio carriera

Prima di iniziare la sua carriera nelle MMA, Jones è stato un wrestler di spicco del liceo e un campione statale alla Union-Endicott High School nello stato di New York. [37] Ha anche giocato a calcio come guardalinee difensivo a causa della sua corporatura esile, il suo allenatore lo ha soprannominato "Bones". [38] Ha vinto un campionato nazionale JUCO all'Iowa Central Community College. [37] Dopo essersi trasferito al Morrisville State College [39] per studiare Criminal Justice, lasciò il college per iniziare la sua carriera di MMA. [40]

Jones ha fatto il suo debutto professionale in MMA nell'aprile 2008. [37] Ha accumulato un record di imbattibilità di 6-0 per un periodo di tre mesi, finendo tutti i suoi avversari. Nel suo ultimo incontro prima di firmare con l'UFC, Jones ha sconfitto Moyses Gabin al BCX 5 per l'USKBA Light Heavyweight Championship. [37] Ha vinto l'incontro per KO tecnico al secondo round. [41]

Ultimate Fighting Championship

Debutto e ascesa allo status di contendente

Jones ha fatto il suo debutto in UFC contro Andre Gusmão all'UFC 87 il 9 agosto 2008. Jones aveva accettato l'accordo con due settimane di preavviso in sostituzione di Tomasz Drwal. [37] Jones ha messo su una performance dominante, usando takedown e mostrando colpi non ortodossi, come gomiti rotanti e un calcio rotante all'indietro. Jones ha vinto per decisione unanime (30-27, 29-28 e 30-27). [42] [43]

Nella sua seconda partita UFC, Jones ha affrontato il veterano Stephan Bonnar a UFC 94 il 31 gennaio 2009. Jones ha ottenuto più takedown su Bonnar, persino facendogli un suplex sul tappeto e connettendosi con un gomito posteriore che ha ferito gravemente Bonnar. E 'apparso affaticato nel terzo turno, ma ha vinto la lotta con decisione unanime. [44] [45]

Il terzo incontro di Jones fu contro Jake O'Brien all'UFC 100 [46] l'11 luglio 2009. Jones controllò la maggior parte del match e alla fine si assicurò una ghigliottina modificata, costringendo O'Brien a battere fuori. [47] [48] Nel settembre 2009, Jones è stato premiato per le sue vittorie firmando un nuovo contratto di quattro incontri con l'UFC. [49]

Il 5 dicembre 2009, Jones ha combattuto contro il collega dei pesi massimi leggeri Matt Hamill a The Ultimate Fighter: Heavyweights Finale. Jones usò il suo wrestling per dominare Hamill, lussò la spalla con un takedown e lo colpì con colpi di gomito. Tuttavia Jones sarebbe stato squalificato per l'uso di gomiti illegali.12-6. Le regole unificate delle arti marziali miste proibivano i colpi di gomito verso il basso e Jones inizialmente fu penalizzato solo di un punto dal round. [50] Tuttavia, poiché Hamill non poteva continuare a causa di una spalla lussata, [51] Jones fu squalificato per quei colpi. Di conseguenza, la simulazione del replay è stata rivista e ha mostrato che i gomiti di Jones danneggiavano ulteriormente il naso già sanguinante e lacerato di Hamill. [50] Questo ha segnato la prima volta che il Nevada ha utilizzato la sua regola di replay istantaneo recentemente emanata, in cui la decisione dell'arbitro è stata supportata dalla commissione, che ha utilizzato un replay al rallentatore per rivedere i gomiti. [52] Il presidente dell'UFC Dana White era addolorato che l'arbitro Steve Mazagatti avesse giudicato l'incontro una sconfitta per Jones, dicendo che avrebbe dovuto essere un no contest. [53] Nel 2019, White ha dichiarato che stava ancora tentando di annullare il risultato in un no contest dalla Nevada State Athletic Commission. [54]

Jones ha combattuto contro Brandon Vera il 21 marzo 2010, a UFC Live: Vera vs. Jones. [55] Ha vinto l'incontro per KO tecnico dopo una gomitata in faccia a Vera seguita da vari pugni nel primo round. [56] Il gomito consegnato per fermare il combattimento ha anche rotto la faccia di Vera in tre punti. [57] Jones vinse anche il premio "Knockout of the Night". [58]

Jones ha sconfitto l'ex campione dei pesi massimi leggeri IFL Vladimir Matyushenko per KO tecnico con i gomiti in 1:52 del primo turno il 1 agosto 2010, a UFC Live: Jones vs. Matyushenko. [59] Dana White ha promesso a Jones un "enorme passo avanti nella competizione", se fosse riuscito a sconfiggere Matyushenko. [60] Dopo la partita con Matyushenko, White ha dichiarato: "Vladimir Matyushenko è un ragazzo di cui ho molto rispetto e non pensavo che sarebbe successo così facilmente. Jones è il vero affare e si è semplicemente catapultato stasera è tra i primi otto al mondo. Stasera lo ha consolidato. Deve tenere la testa a posto, rimanere concentrato e continuare a fare tutte le cose giuste in allenamento. È intelligente, di bell'aspetto e cattivo. Farà molto di soldi: questo ragazzo se la caverà molto bene". [61]

Dopo aver sconfitto Matyushenko, Jones ha dichiarato di volere un "avversario tra i primi tre" per il suo prossimo combattimento. [62] Jones menzionato in un'intervista con All'interno di MMA che avrebbe affrontato il vincitore di Antônio Rogério Nogueira contro Ryan Bader. [63] I rapporti secondo cui a Jones era stato precedentemente offerto un incontro con Nogueira, ma l'hanno rifiutato, [64] si sono rivelati falsi. [65] Nella All'interno di MMA intervista, Jones ha anche affermato di essere stato informato da Dana White e Lorenzo Fertitta che se avesse terminato i suoi prossimi due combattimenti, probabilmente avrebbe ricevuto una title shot. [63]

White ha presto confermato che Jones avrebbe affrontato l'imbattuto Ultimate Fighter vincitore Ryan Bader, il 5 febbraio 2011, a UFC 126. [66] Jones ha consegnato a Bader la sua prima sconfitta professionale sconfiggendolo per sottomissione a causa di una ghigliottina soffocata nel secondo round dopo aver dominato Bader nel primo round. Jones ha ricevuto il bonus "Sottomissione della notte". [67]

Campione dei pesi massimi leggeri

Immediatamente dopo l'incontro con Bader, è stato rivelato che il contendente al titolo e compagno di allenamento di Jones, Rashad Evans, aveva subito un infortunio al ginocchio durante l'allenamento e non sarebbe stato in grado di competere nella sua partita programmata con il campione dei pesi massimi leggeri UFC Maurício "Shogun" Rua. A Jones è stato detto da Joe Rogan nell'intervista post-combattimento che avrebbe sostituito Evans nella lotta per l'UFC Light Heavyweight Championship. [68] Il 19 marzo 2011, a UFC 128, Jones ha sconfitto Rua per KO tecnico alle 2:37 del Round 3, diventando il più giovane campione UFC di sempre. Dopo un primo ginocchio volante che ha ferito gravemente il campione, Shogun è stato dominato per tutti e tre i round. Un colpo al corpo e un ginocchio alla testa hanno fatto cadere il campione in ginocchio, costringendo l'arbitro a intervenire e fermare la partita. [69]

La prima difesa del titolo di Jones doveva essere il 6 agosto 2011, a UFC 133 contro Rashad Evans, [70] suo ex amico e compagno di squadra, [71] ma Jones è stato messo da parte per un infortunio alla mano. [72] Inizialmente è stato annunciato che l'infortunio alla mano avrebbe richiesto un intervento chirurgico, ma Jones ha optato per il riposo e la riabilitazione senza intervento chirurgico dopo ulteriori consultazioni con i medici. [73] Originariamente si pensava che l'infortunio di Jones lo avrebbe tenuto fuori dai giochi fino alla fine del 2011, [74] ma ha invece fatto la sua prima difesa del titolo contro Quinton Jackson il 24 settembre 2011, a UFC 135. Jones ha sconfitto Jackson per sottomissione (retro- soffocamento nudo) a 1:14 nel 4° round. [75] Nel processo, è diventato il primo combattente UFC a presentare Jackson. Nel 2012, Jones ha detto che questo era il suo incontro preferito fino a quel momento. [76]

Jones vs. Evans era in lavorazione per la seconda volta, e un incontro era previsto per il 10 dicembre 2011, a UFC 140. [77] Tuttavia, un persistente infortunio al pollice è costato un'altra opportunità per il titolo per Evans, e Jones invece ha affrontato Lyoto Machida allo stesso evento. [78] Nonostante sia stato scosso nel primo round da Machida, Jones ha difeso con successo il titolo dei pesi massimi leggeri a UFC 140, fermando Machida alle 4:26 del secondo round tramite sottomissione tecnica (strozzatura a ghigliottina), che ha causato il collasso di Machida privo di sensi lungo il gabbia. [79] Questa fu la prima perdita di sottomissione nella carriera di Machida.

Jones ha finalmente affrontato il suo arcirivale ed ex compagno di squadra Rashad Evans il 21 aprile 2012, a UFC 145, e ha vinto per decisione unanime (49-46, 49-46 e 50-45). [80] Durante la conferenza stampa post combattimento di UFC 145, Dana White confermò che il prossimo avversario di Jones sarebbe stato Dan Henderson. [81] L'incontro Jones-Henderson avrebbe dovuto svolgersi all'UFC 151, ma Henderson si è ritirato dall'incontro a causa di infortuni, [82] [83] Jones ha quindi rifiutato un incontro di sostituzione tardivo con Chael Sonnen dopo che il suo allenatore Greg Jackson ha detto lui con tre giorni di allenamento rimasti, sarebbe piuttosto difficile prepararsi. [84] UFC 151 è stato poi successivamente cancellato. In seguito è stato riferito che Henderson è stato ferito tre settimane prima dell'annuncio, ma ha tenuto nascosto l'infortunio mentre sperava ancora di competere. Tuttavia, ha dovuto ritirarsi dopo una sessione di sparring finale per valutare le sue condizioni. [85]

La decisione di Jones di rifiutare la lotta contro Sonnen è stata criticata. Nei 19 anni di storia dell'UFC, è stata la prima carta ad essere mai cancellata. Il presidente dell'UFC Dana White ha dichiarato: "Questa è una delle decisioni più egoistiche e disgustose che non riguarda solo te. Ciò sta influenzando altre 16 vite, le loro famiglie, i bambini stanno tornando a scuola. L'elenco potrebbe continuare e tra tutte le cose, i soldi che sono stati spesi per i combattenti per allenarsi e la lista potrebbe continuare all'infinito. Come ho detto, non credo che questo renderà Jon Jones popolare tra i fan, gli sponsor, i distributori via cavo, la televisione dirigenti della rete o altri combattenti". [86]

Una rivincita con Lyoto Machida è stata poi annunciata per il 22 settembre 2012, a UFC 152. [87] Lyoto Machida, che non è stato contattato prima dell'annuncio, ha rifiutato l'incontro a causa della mancanza di tempo per allenarsi prima dell'incontro. [88] Jones, invece, ha difeso il campionato contro Vitor Belfort il 22 settembre 2012, a UFC 152. [89] Jones ha aperto come un enorme favorito (13 a 1) entrando nell'incontro. [89]

—Jeff Wagenheim sulla vittoria per sottomissione di Jones su Vitor Belfort a UFC 152 [90]

Nonostante fosse stato quasi sottomesso tramite armbar nel primo round, Jones ha difeso con successo la cintura contro Belfort tramite la sottomissione americana nel quarto round, [91] [92] e ha eguagliato il numero di difese del titolo di Chuck Liddell. [93] [94] Jones ha vinto anche $65.000 Presentazione della notte bonus per la sua finitura di Belfort. [95]

Jones è stato scelto per allenare al fianco di Chael Sonnen nella stagione 17 di Ultimate Fighter. Con un incontro tra gli allenatori che si è svolto il 27 aprile 2013, a UFC 159. [96] Jones ha mostrato una mancanza di interesse per l'incontro e ha minimizzato attivamente la gara, mettendo in chiaro che non credeva che Sonnen fosse un concorrente adatto. In un'intervista, Sonnen ha fatto del suo meglio per attirare l'interesse per l'incontro, ma Jones gli ha riservato il "trattamento del silenzio" e si è rifiutato di stabilire un contatto visivo. [97] Jones fece un rapido lavoro sul suo sfidante, finendo Sonnen per TKO al primo turno. Tuttavia, ha lussato una falange (alluce) sul piede sinistro durante il combattimento. [98] [99] [100] [101] Con la vittoria, Jones eguagliò Tito Ortiz per il maggior numero di difese consecutive del titolo nella storia dei pesi massimi leggeri UFC. [102]

Jones ha affrontato Alexander Gustafsson il 21 settembre 2013, a UFC 165. [103] Jones è stato gravemente tagliato sopra l'occhio durante il primo round, [104] ma ha vinto il combattimento avanti e indietro per decisione unanime (48-47, 48-47 e 49-46). Dopo la partita, Jones ha detto che Gustafsson gli ha dato la lotta più dura della sua carriera, ed entrambi sono stati mandati in ospedale per le ferite riportate. [105] Entrambi gli uomini hanno riportato lacerazioni e gonfiore del viso, ma sono stati dimessi dall'ospedale senza fratture o lesioni gravi. [106] [107] L'incontro ha guadagnato entrambi i combattenti il Lotta della notte premio premio. [108] La partita ha ricevuto numerose recensioni positive: "una battaglia epica", [109] [110] "instant-classic", [111] "Fight of the Year", [112] "La più grande lotta per il titolo dei pesi massimi leggeri di tutti- tempo", [113] "uno dei più grandi combattimenti nella storia dell'UFC". [114] L'8 marzo 2020, è stato annunciato che il combattimento sarebbe stato inserito nella Fight Wing della UFC Hall of Fame il 9 luglio. [115]

Jones avrebbe dovuto affrontare Glover Teixeira il 1 febbraio 2014, all'UFC 169. [116] Tuttavia, il 7 ottobre, il presidente dell'UFC Dana White ha dichiarato che l'annuncio per questo combattimento su quella carta era prematuro e che Jones e Teixeira avrebbero affrontato l'un l'altro su una carta diversa. [117] Il 13 novembre 2013, è stato annunciato che Jones avrebbe combattuto contro Teixeira all'UFC 170, in programma per il 22 febbraio 2014, [118] tuttavia il giorno successivo è stato annunciato che il match era stato rimosso dal cartellino. [119] Il 4 dicembre 2013, è stato annunciato che Jones e Teixeira si sarebbero affrontati a UFC 171 il 15 marzo 2014, a Dallas, in Texas, [120] tuttavia, il combattimento è stato spostato di nuovo. Jones e Teixeira hanno finalmente combattuto il 26 aprile 2014, a UFC 172. [121] Jones ha vinto l'incontro con decisione unanime (50-45, 50-45 e 50-45). [122]

Il 27 aprile 2014, il presidente dell'UFC Dana White ha confermato che Jones avrebbe avuto la prossima rivincita contro Gustafsson e ha dichiarato la possibilità che la partita si svolgesse in uno stadio in Svezia in pay-per-view. [123] [124] Il 24 maggio 2014, è stato indicato che la rivincita si sarebbe svolta a Las Vegas il 30 agosto 2014, all'UFC 177. [125] La dichiarazione, l'ora e il luogo, tuttavia, non erano ufficiali , perché Gustafsson era l'unico che aveva ancora accettato di accettare la partita. [126] [127] Il 2 giugno, la lotta era ancora in sospeso, e White spiegò la situazione come "Jones non vuole combattere Gustafsson", e invece espresse la sua preferenza per combattere Daniel Cormier. [128] [129] [130]

Il 5 giugno 2014, l'UFC ha confermato che la rivincita Jones vs. Gustafsson si sarebbe svolta il 27 settembre 2014, all'UFC 178. [131] Tuttavia, Gustafsson ha dovuto ritirarsi dall'incontro a causa di una lesione al menisco. Jones avrebbe quindi dovuto assumere il sostituto Daniel Cormier a UFC 178. [132] Il 12 agosto 2014, è stato annunciato che Jones aveva subito un infortunio alla gamba durante l'allenamento, causando il ritiro. L'incontro è stato riprogrammato e alla fine si è svolto il 3 gennaio 2015, all'UFC 182. [133] Jones ha vinto l'incontro con decisione unanime (49-46, 49-46 e 49-46). [134] Divenne anche la prima persona ad abbattere Cormier, segnando tre eliminazioni in totale. La vittoria è valsa anche a Jones il suo quarto Lotta della notte premio premio. [135] In seguito è stato rivelato che Jones aveva fallito un test antidroga un mese prima dell'evento, poiché era risultato positivo alla cocaina. (vedi sotto in polemiche) [136]

Prima sospensione e rientro

Jones avrebbe dovuto difendere il suo titolo contro Anthony Johnson il 23 maggio 2015, all'UFC 187. [137] Tuttavia, il 28 aprile, Jones è stato privato della cintura e sospeso a tempo indeterminato dall'UFC in relazione a un mordi e fuggi. incidente in cui si è schiantato contro una donna incinta e poi è fuggito a piedi. [138] Cormier, che ha perso contro Jones a UFC 182 nel gennaio 2015, lo ha sostituito e ha continuato a sconfiggere Anthony Johnson conquistando il vacante campionato dei pesi massimi UFC. [139]

Il 23 ottobre 2015, l'UFC ha annunciato che Jones era stato reintegrato nel roster attivo, quasi sei mesi dopo l'annuncio della sua sospensione. [140] Una rivincita con Cormier avrebbe dovuto svolgersi il 23 aprile 2016, all'UFC 197. [141] Tuttavia, Cormier si è ritirato dal combattimento il 1 aprile, citando un infortunio al piede, ed è stato sostituito da Ovince Saint Preux. [142] [143] Jones sconfisse Saint Preux con decisione unanime (50-44, 50-45 e 50-45). [144]

Seconda sospensione e rientro

La rivincita con Cormier è stata riprogrammata e dovrebbe svolgersi il 9 luglio 2016, all'UFC 200. [145] Tuttavia, il 6 luglio 2016, Jones è stato rimosso dall'incontro dall'USADA il 16 giugno dopo una potenziale violazione del doping. [146] Il 7 novembre 2016, è stato annunciato che Jones era stato sospeso per un anno dall'USADA, retroattivamente al 7 luglio. Due giorni dopo, è stato annunciato che Jones era stato privato del suo titolo provvisorio, rendendolo il primo combattente nella storia della UFC per essere privato di un titolo due volte. Il 15 dicembre, Jones è stato anche sospeso dalla Nevada State Athletic Commission (NSAC) per un anno.

Mentre era in disparte, Jones ha combattuto il combattente UFC in pensione Dan Henderson in una lotta per il torneo Submission Underground 2 il 14 dicembre. Per i primi minuti della partita, entrambi i combattenti hanno lottato per la posizione contro la gabbia. Jones ha presentato Henderson tramite una strozzatura a triangolo del braccio alle 6:39 minuti. Dopo il combattimento, Jones ha espresso il suo interesse a lottare con Chael Sonnen. [147]

Terza sospensione e rientro

La rivincita con Daniel Cormier ha avuto luogo il 29 luglio 2017, all'UFC 214 dell'Honda Center di Anaheim, in California. Jones ha vinto l'incontro e ha riconquistato l'UFC Light Heavyweight Championship per KO al terzo round dopo un calcio alla testa e una raffica di colpi a terra. [148] Dopo il combattimento, a Jones fu assegnato un Spettacolo della notte bonus. [149] Dopo il combattimento, Jones elogiò Cormier come un "campione modello", pur riconoscendo i propri fallimenti personali. Quindi sfida Brock Lesnar a combattere. [150]

Il 22 agosto, è stato annunciato che Jones era stato segnalato per una potenziale violazione del doping dall'USADA, derivante dal suo campione raccolto dopo il peso del 28 luglio. È risultato positivo al Turinabol, uno steroide anabolizzante. Jones è stato messo su una sospensione provvisoria di conseguenza. [25] Il 13 settembre, l'USADA ha confermato che entrambi i campioni "A" e "B" di Jones sono risultati positivi per Turinabol. [151] Di conseguenza, la California State Athletic Commission (CSAC) annullò ufficialmente il risultato del combattimento in un no contest. Successivamente, il presidente dell'UFC Dana White ha preso la decisione di privarlo del campionato dei pesi massimi leggeri e di restituirlo a Daniel Cormier. [152]

Nel settembre 2018, è stato annunciato dall'USADA che Jones avrebbe scontato una sospensione di 15 mesi. Da una potenziale sospensione di 48 mesi, l'USADA ha applicato una riduzione di 30 mesi per la collaborazione di Jones nell'identificazione di altri reati antidoping e altri 3 mesi sono stati applicati dagli arbitri McLaren in relazione al grado di colpa di Jones. [153]

Secondo regno del campionato dei pesi massimi leggeri UFC

Il 10 ottobre 2018 è stato annunciato che Jones sarebbe tornato all'UFC 232 il 29 dicembre 2018, in una rivincita con Alexander Gustafsson per il vacante UFC Light Heavyweight Championship. [154] Jones sconfisse Gustafsson per KO tecnico nel terzo round vincendo il campionato dei pesi massimi leggeri UFC. [155]

Nella prima difesa del suo secondo regno di campionato, Jones ha affrontato Anthony Smith il 2 marzo 2019, nel main event a UFC 235. [156] Jones ha dominato il combattimento, ma è stato sottratto di due punti nel quarto round dopo aver atterrato un ginocchio illegale alla testa di Smith. Ha vinto la lotta con decisione unanime con tutti e tre i giudici che hanno presentato scorecard 48-44 per Jones. [157]

Jones ha affrontato Thiago Santos il 6 luglio 2019, nel main event a UFC 239. [158] Ha vinto il match avanti e indietro per decisione divisa, difendendo il suo titolo per la seconda volta. [27]

Jones ha affrontato Dominick Reyes l'8 febbraio 2020 nel main event di UFC 247. [159] Jones ha vinto l'incontro con una controversa decisione unanime. [160] 14 dei 21 media hanno segnato il concorso per Reyes, mentre solo 7 lo hanno segnato per Jones. [161] Con questa vittoria, Jones stabilì il nuovo record per il maggior numero di vittorie nella storia dei combattimenti per il titolo UFC con 14 vittorie. [162]

Disaccordo con l'UFC

Dopo il conflitto con il presidente UFC Dana White sulla retribuzione nel maggio 2020, Jones ha dichiarato di aver lasciato vacante il campionato dei pesi massimi leggeri UFC. [28] Jones stava prendendo di mira un combattimento con il contendente dei pesi massimi Francis Ngannou e secondo White voleva "denaro di Deontay Wilder", riferendosi ai guadagni di $ 25-30 milioni riportati da Wilder nella sua rivincita con Tyson Fury tenutasi nel febbraio 2020. [29] Il 15 agosto , 2020, Jones ha annunciato sui social media che avrebbe rinunciato al campionato dei pesi massimi leggeri, esprimendo anche il suo desiderio di passare ai pesi massimi. [30]

Jones si è allenato con il Team BombSquad a Cortland, New York, poi brevemente con la palestra Tristar a Montreal, in Canada e più recentemente all'MMA di Jackson ad Albuquerque, nel New Mexico. [163] Si è anche allenato come powerlifter durante la sua sospensione dall'UFC. [164]

Jones si distingue per la sua elevata adattabilità e la sua tecnica impeccabile nella gabbia ed è stato descritto come "uno dei combattenti più dinamici, innovativi e in continua evoluzione nella storia delle MMA" [165] e "forse il più grande artista marziale mai esistito in un ottagono". [166] Jones sfrutta la sua vasta gamma e la lotta difensiva per sferrare colpi in uno stile creativo e non ortodosso. [167]

Impiega una tecnica di calcio diversa, favorendo calci frontali al corpo e alla testa, calci circolari alle gambe e alla parte superiore del corpo e la sua tecnica più nota, il "calcio obliquo", una mossa controversa che prende di mira il ginocchio del suo avversario. [167] [168] Il calcio obliquo era una tecnica resa popolare da Bruce Lee, [169] che Jones citò come ispirazione. [170] Jones eccelle anche nel clinch, dove è abile nel controllare le braccia dell'avversario e nel segnare colpi di gomito e ginocchio. A terra, ha un eccellente controllo di posizione e la capacità di trovare aperture per pugni e gomitate. [166]

Jones e la sua fidanzata Jessie [171] [172] hanno tre figlie: Leah, nata nel 2008 Carmen Nicole Jones, nata nel 2009 e Olivia Haven nata nel 2013. In un'intervista con Joe Rogan il 1 dicembre 2016, Jones ha dichiarato di aver ha quattro figlie (di età compresa tra 9, 8, 6 e 3), indicando una figlia nata prima di Lea. [173]

Il 19 marzo 2011, Jones era in viaggio verso il Great Falls Historic Park a Paterson, nel New Jersey, [175] dove aveva in programma di meditare diverse ore prima della sua lotta contro Maurício "Shogun" Rua all'UFC 128. Era accompagnato dal suo allenatori Mike Winkeljohn e Greg Jackson. Mentre il loro autista si preparava a lasciarli, Jones ha osservato una coppia di anziani che chiedeva aiuto. La donna ha informato Winkeljohn che un uomo le aveva rotto il finestrino della macchina ed era scappato con il suo GPS. Jones, insieme ai suoi due allenatori, ha inseguito il ladro, lo ha catturato e fatto inciampare e lo ha tenuto fermo fino all'arrivo della polizia. [176] [177]

L'8 agosto 2012, Jones è diventato il primo artista marziale misto ad essere sponsorizzato da Nike su scala internazionale. [178] È anche il primo combattente MMA ad avere una propria linea di scarpe, [179] e il primo combattente MMA a rappresentare Gatorade e MuscleTech nell'Ottagono. [180] Il 16 dicembre 2014, Jones ha annunciato di aver firmato un contratto di sponsorizzazione con Reebok. [181] Tuttavia, il 29 aprile 2015, Reebok ha interrotto la sua sponsorizzazione in seguito al coinvolgimento di Jones in un incidente con un incidente. [182] Il giorno dopo, Jones perse anche la sua sponsorizzazione con MuscleTech. [183]

Occhi puntati

Jones è stato criticato per aver ripetutamente colpito negli occhi i suoi avversari. In risposta alle critiche, Jones ha pubblicato un video su Instagram nell'aprile 2014 in cui prendeva in giro i fan simulando il pianto e dicendo "Jones si è messo un dito nell'occhio. Il combattente più sporco delle MMA". Dopo il contraccolpo verso il post, Jones lo ha cancellato dal suo account. [184]

Quando è stato chiesto della controversia, il presidente dell'UFC Dana White ha dichiarato: "dobbiamo fermare quella roba. L'apertura delle mani e il mettere le mani sul viso sono qualcosa di brutto, ma succede con i ragazzi che hanno portata. Lo fanno Un sacco." [185] White ha chiarito la sua posizione in un'altra intervista, dicendo: "Non sono solo i combattenti più alti. Jones ha quel range e può farlo, ma molti ragazzi lo fanno perché è così che blocchi i pugni. Quindi tieni le mani aperte e schiaffeggi i pugni. Poi i ragazzi si precipitano dentro e tu fai qualsiasi cosa, e i ragazzi vengono presi a pugni negli occhi. " White ha anche notato che nella lotta contro Glover Teixeira, dopo che Jones è stato avvertito del comportamento, è stato più attento a evitare qualsiasi colpo d'occhio per il resto della partita, una mossa che ha affermato che Jones "non sarebbe stato accreditato" da detrattori. [186]

Jones in seguito ha detto in un'intervista: "Mi rendo conto che lo faccio. Mi rendo conto delle critiche che ho ricevuto da esso. Non è apposta. Se guardi i miei combattimenti, sono io che allungo il braccio in modo reazionario. Metto un mano sulla fronte delle persone per mantenere la distanza. Questo è quello che hai visto [contro] Teixeira, ma dire che sto intenzionalmente colpendo le persone negli occhi, è semplicemente impreciso. " [187]

L'alterco di Daniel Cormier

Durante un evento promozionale per UFC 178, il 4 agosto 2014, Jones e Daniel Cormier si sono azzuffati brevemente durante uno sguardo fisso sul palco, iniziato da Jones premendo la sua fronte contro la fronte di Cormier, spingendo Cormier a spingere Jones per la gola, a cui Jones ha risposto tirando un pugno. [188] Entrambi i combattenti furono trattenuti dagli allenatori e dagli organizzatori dell'evento. Il chief legal officer dell'UFC, Kirk Hendrick, ha dichiarato che "ci saranno conseguenze". Inoltre, la Nevada State Athletic Commission ha richiesto una copia video dell'alterco. [189] Il 23 settembre 2014, Jones è stato multato di $ 50.000 e gli è stato ordinato di sottoporsi a 40 ore di servizio alla comunità dalla Nevada Athletic Commission. [190] Durante l'udienza disciplinare, Jones ha affermato di aver perso un contratto di sponsorizzazione a sei cifre con Nike, ma in seguito ha ammesso di aver fabbricato la dichiarazione. [191] [192]

Condanna mordi e fuggi

Il 27 aprile 2015, la polizia di Albuquerque, nel New Mexico, ha dichiarato che Jones era stato ricercato in relazione a un incidente stradale avvenuto la mattina precedente. Jones è stato accusato di aver passato il semaforo rosso e si è schiantato con la sua auto a noleggio in una collisione che ha coinvolto altri due veicoli. Jones sarebbe fuggito a piedi dal luogo dell'incidente, lasciando una donna incinta ferita a bordo di un altro veicolo. L'incidente è stato assistito da un agente di polizia fuori servizio che ha identificato il sospetto come un uomo afroamericano, che indossava una camicia bianca e pantaloni scuri, che credeva fosse Jones. [193] [194] Secondo i testimoni, l'uomo descritto come Jones è poi tornato sulla scena per prendere del denaro dal veicolo prima di fuggire di nuovo. La documentazione trovata nell'auto a noleggio era sotto il nome di "Jonathan Jones". All'interno del SUV Buick color argento, le forze dell'ordine hanno trovato una pipa con dentro della marijuana. [195] Sebbene inizialmente ricercato per un interrogatorio che avrebbe potuto comportare un semplice reato, le accuse di Jones furono elevate a reato il 27 aprile per aver ferito una persona e aver lasciato intenzionalmente la scena di un incidente. [196]

Un mandato di arresto è stato emesso contro Jones e sono stati presi accordi per la consegna tra le forze dell'ordine e gli avvocati di Jones. [197] Quella sera, Jones si consegnò al dipartimento di polizia di Albuquerque. [198] Più tardi quella sera, ha pagato una cauzione di $ 2.500 e ha lasciato il centro di detenzione della metropolitana della contea di Bernalillo. [199] Ha fatto un'apparizione in tribunale il 28 aprile e non ha presentato appello. Il giudice ha revocato qualsiasi restrizione di viaggio e a Jones è stato permesso di rimanere libero, purché sia ​​rimasto in contatto con il suo avvocato e abbia rispettato determinate condizioni. [200] Con un incontro UFC in sospeso ancora nel suo contratto, il presidente UFC Dana White e il proprietario di Zuffa Lorenzo Fertitta si sono recati in New Mexico da Las Vegas per incontrare Jones di persona. Quello stesso giorno, l'UFC ha privato Jones del titolo, lo ha rimosso dalla classifica ufficiale e lo ha sospeso a tempo indeterminato. [201] In a statement released that day, the UFC announced that Jones was stripped from his belt for violating the Athlete Code of Conduct Policy. [202]

Jones apologized to his fans on Twitter by saying, "Got a lot of soul searching to do. Sorry to everyone I've let down." [203] On September 29, 2015, he pleaded guilty to leaving the scene of an accident and was subsequently sentenced to up to 18 months of supervised probation. He was authorized to travel for work-related purposes. Jones met all of the conditions, which included 72 separate appearances for charity or youth outreach, avoiding a felony charge on his criminal record. [204] In an interview in December 2016, Jones admitted he had run from the scene of the accident and had not checked on the occupant of the other vehicle. [205]

Other legal troubles

In the early morning of May 19, 2012, Jones drove his Bentley Continental GT into a pole in Binghamton, New York. Jones was arrested for driving under the influence and was bailed out by his mother. [206] He pleaded guilty to DUI charges and was order to pay a $1,000 fine, install ignition interlocks on all of his vehicles, complete a victims impact class, and had his driver's license suspended for six months. [207]

On July 21, 2019, it was reported that Jones had been charged with battery for an alleged incident in April 2019 involving a cocktail waitress at a strip club in Albuquerque. The waitress claimed that Jones slapped her, put her in a choke hold and kissed her on the neck, and touched her after she had asked him to stop. [208] [209] The bench trial of the case was held on September 26, 2019, [210] where Jones pleaded no contest to the charges and received a 90-day deferred sentence whereby he must avoid arrest, not violate the law, consume no alcohol or drugs and not return to the scene. He was also ordered to pay court fees during his unsupervised probation period, as per the court document. [211]

Jones was arrested in the early morning of March 26, 2020 in Albuquerque, New Mexico. [212] According to police reports, an Albuquerque PD officer heard what sounded to be a gunshot and, upon further investigation, observed a black Jeep with Jones in the driver's seat. After noticing signs of intoxication, the responding officer administered a field sobriety test, which Jones failed. Jones was also given a breathalyzer test and registered a BAC more than twice the legal limit. Police then searched Jones' vehicle while arresting him for DWI and found a partially empty bottle of Recuerdo Mezcal as well as a black handgun underneath the driver's seat. Jones was arrested on the scene and taken to the Bernalillo County jail. Altogether, Jones was charged with aggravated DWI, negligent use of a firearm, possession of an open container, and driving with no proof of insurance. [213] On March 31, it was announced that Jones had pleaded guilty to the DWI charge, after accepting a plea deal in which the other charges would be dropped. He was sentenced to four days house arrest, one year of supervised probation, a minimum of 90 days of outpatient therapy, and he must complete 48 hours of community service. [214]

UFC 182

On January 6, 2015, it was announced that Jones failed a drug test prior to UFC 182. He tested positive for benzoylecgonine, the primary metabolite of cocaine. [136] Because benzoylecgonine is not banned out-of-competition by the World Anti-Doping Agency, the NSAC could not halt Jones from participating during UFC 182. He was randomly tested on December 3, 2014, and results came back on December 23, 2014. A week after his first test, Jones was tested again. He passed the second test, which meant that the cocaine metabolite was out of his system before the fight. When the news was made public, Jones went into rehab for one night. [136] [215] [216] He was fined $25,000 on January 17 for violating the UFC's Athlete Code of Conduct policy. [217] On January 19, 2015, Jones was interviewed for the first time since the failed drug test and said: ". I'm not a cocaine addict by any means or not even a frequent user. I just made a really dumb decision and got caught with my pants down in this whole situation." [218]

Prior to his UFC 182 bout with Cormier, Jones's testosterone/epitestosterone (T/E) ratio was considered by some experts to be alarmingly low. Victor Conte, a former steroid distributor, who founded and led the Bay Area Laboratory Co-operative (BALCO), said of Jones's test "these (levels) are highly suspicious for Jon Jones, in my opinion. This is the reason that sophisticated anti-doping officials do target testing. So based on what we see here, my opinion is Jon Jones should be on a very short leash and should be random tested here until they sort out why he has these anomalies." [219] This resulted in several journalists imploring the NSAC to utilize CIR (Carbon Isotope Ratio) testing on Jones's samples. "Luckily, this is a situation where speculation could quickly be ended. Jon Jones' drug test samples still exist and a simple Carbon Isotope Ratio test could be conducted to find the result. Put simply, a CIR test would be able to determine if the testosterone in Jones' system was synthetic or natural," Brent Brookhouse of Bloody Elbow wrote. [220] However, according to NSAC executive director Bob Bennett, Jones' test samples had already undergone CIR testing by the same WADA-accredited lab which had reported his T/E ratios, noting that all CIR results came back clean. [221] Additionally, he said there were three different types of tests done during each of the random tests: urine, blood testing for human growth hormone and a blood passport test. "The only negative was testing positive for cocaine metabolites," Bennett said. [222]

UFC 200

On July 8, 2016, a urine sample from Jones tested positive for two banned substances, clomiphene, an anti-oestrogen substance, and letrozole, an aromatase inhibitor, prior to his scheduled championship bout with Cormier at UFC 200. The violation was from an "A" sample collection on June 16, with subsequent testing of the B sample confirming the doping. Both drugs, which are on the World Anti-Doping Agency banned substances list, are described as "hormone and metabolic modulators", which are not allowed to be used in or out of competition. [223] [224] As a result, Jones had to withdraw from the event, and was replaced by former middleweight champion Anderson Silva. [225] Throughout the ordeal, Jones maintained his innocence, claiming that he was the victim of a contaminated product that he believed to be Cialis, which was later independently obtained, tested and found to be contaminated by the United States Anti-Doping Agency. [226] On November 7, 2016, it was announced that Jones was issued a 1-year suspension by USADA following his arbitration hearing, though the panel concluded that Jones did not take the banned substances intentionally, and was not a drug cheat. [227]

UFC 214

On August 22, 2017, it was announced that Jones was flagged for a potential doping violation by USADA, stemming from his test sample that was collected on July 28, one day before his rematch against Cormier at UFC 214. He tested positive for Turinabol, an anabolic steroid, and was placed on a provisional suspension as a result of the positive drug test. [25] On September 13, the CSAC announced that it had overturned the result of the fight with Cormier from a KO victory for Jones to a no-contest, after both Jones's A and B samples tested positive for Turinabol. Jones was also stripped of the title for a third time, and it was then returned to Cormier. [228]

Jones stated that he did not knowingly take any prohibited substances, [229] with his team believing Jones consumed tainted substances. Jones potentially faced up to a 4-year suspension if found guilty, [230] but on September 18 he was handed a 15-month suspension by USADA, retroactive to July 28, [231] plus three months community service. [232] 30 months were deducted from the 4-year suspension because Jones provided "substantial assistance" to USADA. "Substantial assistance" refers to an athlete informing an anti-doping agency about a doping violation by another athlete. [233] USADA said it reduced the suspension by a further three months after a hearing with an independent arbitrator, Richard McLaren, on September 15. [231] Travis Tygart, CEO of USADA, said in a statement: "The independent arbitrator found that Jon Jones was not intentionally cheating in this case, and while we thought 18-months was the appropriate sanction given the other circumstances of the case, we respect the arbitrator's decision and believe that justice was served. This case is another strong reminder that athletes need to be extremely cautious about the products and supplements they use to ensure they are free of prohibited substances." [234]

UFC 232

Jones became eligible to fight again on October 28, 2018, [235] and was scheduled to perform at UFC 232 in Las Vegas on December 29. However, after further inconsistencies arose with his drug test on December 23, he was not granted a license to compete in Nevada, so the event was moved to Los Angeles. [236] In order to receive a license from CSAC, Jones had to enroll into the VADA (Voluntary Anti-Doping Association) testing program, thus making him the first UFC fighter to be signed to both USADA and VADA testing programs simultaneously. [237] Drug tests administered at UFC 232 found an ultra trace amount of turinabol, which doctors attributed to a long-term "pulsing effect" of the M3 metabolite detected in 2017. CSAC did not take disciplinary action against Jones as the medical experts stated that there was no evidence that Jones had re-administered a banned substance and no performance-enhancing benefits were gained. [238]


Jones, John Paul - History

"I Have Not Yet Begun to Fight," 1779

John Paul Jones in Battle

"I have not yet begun to fight!" This was the immortal retort of Captain John Paul Jones to a request to surrender as he and his crew engaged in a desperate battle with a British frigate off the northern coast of England during the American Revolution.

Born in Scotland in 1747, Jones went to sea at age thirteen and became Captain of his own ship by the time he was twenty-one. By 1775, he had emigrated to America where he volunteered for service in the fledgling American Navy and was given his own command. In 1777 he was dispatched to the European waters with orders to create whatever havoc he could accomplish including attacking British ships and sea ports.

In 1779 Jones took command of the 42-gun Bonhomme Richard a reconstituted merchant ship given as a gift to the Americans by the French. Leading a squadron of five ships, Jones attacked the coast of Ireland and then sailed north around the tip of Scotland to a point off the coast of Northern England where on September 23, 1779 he encountered a large merchant convoy escorted by two British naval vessels. The stage was set for John Paul Jones s most famous naval battle.

An observer aboard Captain John Paul Jones's ship describes his most famous battle:

"On the 23d of September, 1779, being below, I was roused by an unusual noise upon deck. This induced me to go upon deck, when I found the men were swaying up the royal yards, preparatory to making sail for a large fleet under our lee. I asked the coasting pilot what fleet it was. He answered:

'The Baltic fleet, under convoy of the Serapide of forty-four guns, and the Contessa di Scarborough of twenty guns.'

A general chase then commenced of the Bonhomme Richard, il Venseance, il Pallas, and the Alleanza [American ships in Jones's squadron].

At this time our fleet headed to the northward, with a light breeze, Flamborough Head being about two leagues distant. Alle 7 del pomeriggio. it was evident the Baltic fleet perceived we were in chase, from the signal of the Serapide to the merchantmen to stand in shore. At the same time, the Serapide e Countess if Scarborough tacked ship, and stood off shore, with the intention of drawing off our attention from the convoy. Quando queste navi si furono separate dal convoglio a circa due miglia, virarono di nuovo e si fermarono a riva dopo i mercantili. At about eight, being within hail, the Serapide demanded:

He was answered: "I can't hear what you say." Immediately after the Serapide hailed again:

At this moment I received orders from Commodore Jones to commmence the action with a broadside, which indeed appeared to be simultaneous on board both ships. Our position being to windward of the Serapis, we passed ahead of her, and the Serapide coming up on our larboard quarter, the action commenced abreast of each other. Il Serapide soon passed ahead of the Bonhomme Richard, and when he thought he had gained a distance sufficient to go down athwart the fore foot to rake us, found he had not enough distance . . . e il Bonhomme Richard, having headway, ran her bows into the stern of the Serapide. We had remained in this situation but a few minutes when we were again hailed by the Serapide:

To which Captain Jones answered: "I have not yet begun to fight."

As we were unable to bring a single gun to bear upon the Serapis, our topsails were backed, while those of the Serapide being filled, the ships separated. The Serapis bore short round upon her heel, and her jib boom ran into the mizen rigging of the Bonhomme Richard. In this situation the ships were made fast together with a hawser, the bowsprit of the Serapide to the mizenmast of the Bonhomme Richard, and the action recommenced from the starboard sides of the two ships . Una novità nei combattimenti navali era ora presentata a molti testimoni, ma a pochi ammiratori. . . .

From the commencement to the termination of the action, there was not a man on board the Bonhomme Richard ignorant of the superiority of the Serapide, both in weight of metal, and in the qualities of the crews. The crew of that ship was picked seamen, and the ship itself had been only a few months off the stocks whereas the crew of the Bonhomme Richard consisted of part American, English, and French, and a part of Maltese, Portuguese, and Malays, these latter contributing, by their want of naval skill and knowledge of the English language, to depress rather than elevate the first hope of success in a combat under such circumstances.

Neither the consideration of the relative force of the ships, the fact of the blowing up of the gundeck above them by the bursting of two of the eighteen pounders, nor the alarm that the ship was sinking, could depress the ardor or change the determination of the brave Captain Jones, his officers and men. Neither the repeated broadsides of the Alliance, given with a view of sinking or disabling the Bonhomme Richard, the frequent necessity of suspending the combat to extinguish the flames, which several times were within a few inches of the magazine, nor the liberation by the master-at-arms of nearly five hundred prisoners, could change or weaken the purpose of the American commander. At the moment of the liberation of the prisoners, one of them, a commander of a twenty-gun ship taken a few days before, passed through the ports on board the Serapide, and informed Captain Pearson that if he would hold out only a little while longer, the ship alongside would either strike or sink, and that all the prisoners had been released to save their lives. The combat was accordingly continued with renewed ardor by the Serapide.

The fire from the tops of the Bonhomme Richard was conducted with so much skill and effect as to destroy ultimately every man who appeared upon the quarter-deck of the Serapide, and induced her commander to order the survivors to go below. Nor even under shelter of the decks were they more secure. The powder-monkeys of the Serapide, finding no officer to receive the eighteen-pound cartridges brought from the magazines, threw them on the main deck, and went for more. These cartridges being scattered along the deck, and numbers of them broken, it so happened that some of the hand grenades thrown from the main-yard of the Bonhomme Richard, which was directly over the main hatch of the Serapide, fell upon this powder, and produced a most awful explosion. The effect was tremendous. More than twenty of the enemy were blown to pieces, and many stood with only the collars of their shirts upon their bodies. In less than an hour afterward the flag of England, which had been nailed to the mast of the Serapide, was struck by Captain Pearson's own hands, as none of his people would venture aloft on this duty and this, too, when more than 1,500 persons were witnessing the conflict, and the humiliating termination of it, from Scarborough and Flamborough Head."

Riferimenti:
This eyewitness account appears in: Snyder, Louis L. and Richard M. Morris, They Saw it Happen (1951) Morison, Samuel Eliot, John Paul Jones: A Sailor's Biography (1959).


Contenuti

Willie Jones, revolutionary leader and "Father of Jeffersonian Democracy in North Carolina," was born in Surry County, Virginia, May 25, 1741, the son of wealthy planter Robin Jones, Jr., and Sarah (Cobb) Jones. He was named for one of his godfathers, the Reverend William Willie of Albemarle Parish, Virginia. Sometime prior to 1753, the Joneses moved to Northampton County, North Carolina, settling about six miles from the town of Halifax.

At the age of 12, Jones sailed to England to attend his father's alma mater, Eton, where he studied from 1753 to 1758. Afterward he made the Grand Tour of the Continent. When he returned to Halifax, Jones was described as a 'peculiarly thoughtful and eccentric man.'

Between 1774 and 1775, Jones completely reversed his attitude about England's relationship to the colonies and became a convert to the Whig cause. Historians have long speculated as to why he changed his views. While an aristocrat in social life, Jones fervently believed in political democracy. He interpreted the struggle with Great Britain as a democratic movement and was determined to embody its revolutionary ideals in the government of the state and nation. His later opposition to the United States Constitution was inspired by his fear of a national government that might become too powerful. [ citazione necessaria ]

From the beginning of the quarrel with England, Jones was an ardent supporter of colonial rights his enthusiasm drew him into politics. In 1774 he was recommended by the Board of Trade for a place on the colonial council but was not appointed because of his radical views. He served instead as chairman of the Halifax Committee of Safety. He supported the call for a provincial congress in 1774. This body remained in session for only three days, but during that time it fully launched North Carolina into the revolutionary movement. [ citazione necessaria ]

Jones was elected a member of each of the five provincial congresses, but he could not attend the fourth because the Continental Congress had appointed him superintendent of Indian affairs for the southern colonies. After a fifth provincial congress, with a liberal majority behind him, Jones served on the committee to draft the state constitution and bill of rights. He used his influence in shaping the state constitution. When it was completed, it was a compromise satisfactory to all but the conservative extremists. [ citazione necessaria ]

During the next twelve years, Jones was politically the most powerful man in the state. He was a member of the House of Commons from 1777 to 1780, and a state senator for three terms between 1782 and 1788. In 1781 and 1787 he was a member of the Council of State, a centralized organization that governed until the state government was elected. In 1780 he was elected to the Continental Congress and served one year.

Jones was elected as a delegate to the federal Convention, but did not accept. When the Constitution was submitted to the state, he led the opposition to its ratification at the Hillsborough Convention of 1788. At this convention he wanted to adjourn the first day. He said, 'all the delegates knew how they were going to vote,' and he did not want to be guilty of 'lavishing public money' on a long and tedious discussion in support of the Constitution and its ratification, in advance of amendment. After eleven days of debate, by a vote of 184 to 84, the Anti-Federalists carried a resolution neither rejecting nor ratifying the Constitution.

Jones favored a delay in ratification, but public sentiment ran the other way. The Federalists campaigned effectively to gain a second convention to act on the Constitution. Jones was elected to the Convention of 1789 but did not attend. It met in Fayetteville and ratified the Constitution by a vote of 195 to 77. His public career was over.

On June 22, 1776, forsaking an earlier vow of celibacy, at age 25 he married Mary Montfort, daughter of Colonel Joseph Montfort, who had been appointed by the Duke of Beaufort as the first and only "Grand Master of Masons of and for America". The couple had thirteen children, only five of whom lived to adulthood. [5] Of those who did, two were sons and both died unmarried. Their three daughters were: [6]

  • Anna Maria, married Joseph B. Littlejohn
  • Martha Burke ("Patsy"), married John Wayles Eppes, U.S. congressman and then senator, widower of Thomas Jefferson's daughter Maria
  • Sally Welch, married, first, Hutchins Gordon Burton, U.S. congressman and later governor of North Carolina and second, Andrew Joyner

Jones's home, the Grove, which he built at the southern end of the town of Halifax, became a center of social life and political activity for the region. He had an extensive plantation, owned numerous well-bred horses, and was considered to have one of the finest stables in the South. By 1790 he held 120 slaves. This was a large number in the Upper South, where men were classified as planters if they held 20 or more slaves.

Jones died in Raleigh after a long illness on June 18, 1801. At his own request, he was buried there in an unmarked grave. [5] In his will, he asked that he be buried beside one of his small daughters, and further mandated that "No priest or other person is to insult my corpse by uttering any impious observations over my body. Let it be covered sunny and warm and there is an end. My family and my friends are not to mourn my death, even with a black rag — on the contrary, I give my wife and three daughters, Anna Maria, Sally and Patsy, each a Quaker-colored silk, to make their habits [hoods, bonnets] on the occasion."


Jones, John Paul - History

JOHN PAUL JONES LIFE CHRONOLOGY

Jones fans will want to bookmark this page. It is our version of the life of JPJ, year by year. Feel free to email us with suggested changes or additions. This is a great starting point for our dozens of articles about Captain Jones on SeacaostNH.com.

Arrives back in Fredricksburg, VA. As a Mason, meets many influential Virginia revolutionaries. Assumes the name John Jones and plans to be a Virginia farmer. Short engagement to Dorothea Dandridge who soon after marries Patrick Henry. His brother William, a VA tailor, dies, but leaves nothing to John. 1775 Writes to Joseph Hewes, John Morris, Thomas Jefferson requesting naval appointment. His request coincides with the birth of the American Navy in October 1775 and the Marines are created in November. First called himself John Paul Jones in Philadelphia at this time. In December Jones is first to raise "Grand Union" liberty flag (not the Stars and Stripes) and is the first-ever to be commissioned as lieutenant in the Continental Navy in December. He is given command of The Alfred which, as part of a fleet, seizes a shipload of British munitions. aprile
1776 Alfred is among Commodore Hopkins fleet as Jones engages HMS Glasgow to protect captured prizes. Maggio
1776 Given command of Providence used to escort merchant ships. Writes to Joseph Hewes with ideas for modernizing Navy. Meets John Hancock and gains status of Captain. agosto
1776 Captures eight British prizes and destroys eight other ships while eluding larger warships in seven weeks aboard Providence. ottobre
1776 Despite best sea record, Jones is #18 on list of captains commissioned by the Continental Navy. novembre
1776 As Captain of the Alfred, captures prizes in a northern campaign. Key prize 'Mellish' contains winter uniforms intended for British army in Canada. Presto
1777 Two planned missions are scrubbed and Jones goes to Philadelphia to discuss problems in his commission papers with Alexander Hamilton Assigned to command French ship Amphitrite arriving in Portsmouth, NH, but arrangement falls through due to miscommunication.

RANGER, BONHOMME, VICTORY & FAME

Re-assigned to The Ranger being built in Portsmouth. Assigned on same day that US flag is adopted. Struggles with builder John Langdon over building and equipping his ship. novembre
1777 Ranger sets sail for France with plan to pick up new heavy frigate L'indien being made for America in Holland. He is given full choice of British targets to attack. Takes two small prizes en route. 1778 Meets Ambassador Ben Franklin in France and discovers The L'indien is not available. Ranger becomes first US ship recognized by foreign power. Piscataqua, NH crew desires to return home. aprile
1778 Sinks, burns and captures ships along the Irish coast in the Ranger. Attack at Whitehaven, England and "raid" on Selkirk mansion near Jones' birthplace where one plate is taken as token. First American vessel to capture British man of war HMS Drake. Takes 200 prisoners to France for exchange, waits there nine months for relief. Plans further British raid with Franklin. febbraio
1779 Receives command of Bonhomme Richard which he staffs with 380 crew including just 75 Americans and a mixture of British, Scotch, Irish, Portuguese Sep
1779 Capt Person struck - Jones crew and wounded were removed to the Serapis - 36 hours later the last man left the Bonhomme. At 11AM JPJ watched her sink, "Even though she sunk she was victorious. " JPJ said. He sailed Serapis to Holland. dicembre
1779 Given command of Alliance and sails to France where he is the toast of French society. He now holds 500 prisoners of war. ottobre
1780 Given command of loaned French ship Ariel which is nearly destroyed in a storm, but skillfully saved. After long repair period, sails to Philadelphia. Although, as yet unpaid for all his years of service, he receives commendations from Congress and is cleared of any and all charges held against him. giugno
1781 Given command of ship America in Portsmouth, which he finds only half built. Pushes builder John Langdon to complete work while studying and enjoying social life in Revolutionary NH. Sept
1782 After more than a year of work, Jones is told by Congress that he will not receive command, that instead, the America will be given to France. dicembre
1782 Receives permission from Congress to join French fleet's planned invasion of Jamaica, leaves on Triomphante. Maggio
1783 Returns to Philadelphia quite ill after invasion cancelled. Petitions Congress unsuccessfully for advanced rank and back wages. novembre
1783 Sails to France as official US Congress "prize agent" to recover unpaid income from prizes won in battle. Spends years in France and gets some promised reparation for himself and past crews. Romantically involved with mysterious "Madame T". 1787 Returns to United States to collect settlement, but still cannot improve military rank. Offer of Major General rank in Russian navy is received. Mar
1788 Makes "secret" journey to Denmark for payment of overdue prizes. Unsuccessful there, but accepts Russian offer. Sails from Stockholm.

Arrives in St. Petersburgh requesting rank of Rear Admiral with full command power. However, in an assault on Turkish forces, he finds his ships in poor repair and manned by Russian serfs who are beset by diseases. Jones' reports of the seige are blocked from reaching Catherine the Great by her own military leaders. He is later banned from court at St. Petersburgh and is reportedly "framed" in a sex scandal by military leaders. When promised commissions do not arrive, he resigns. 1790 Returns to Paris during French Revolution. He is offered a military commission by George Washington. In ill health, he does not accept. July 18
1792 Dies in Paris at age 45 and is buried in small private ceremony. In 1905 his body is transferred to US Naval Academy in Annapolis, Maryland.


Return to France

Nevertheless, Jones now led Ranger back across the Irish Sea, hoping to make another attempt at the Drake, still anchored off Carrickfergus. Questa volta, nel tardo pomeriggio del 24 aprile 1778, le navi, all'incirca uguali per potenza di fuoco, si impegnarono in combattimento. Earlier in the day, the Americans had captured the crew of a reconnaissance boat, and learned that Drake had taken on dozens of soldiers, with the intention of grappling and boarding Ranger, so Jones made sure that did not happen, capturing the Drake after an hour-long gun battle which cost the British captain his life. Lieutenant Simpson was given command of Drake for the return journey to Brest. The ships separated during the return journey as Ranger chased another prize, leading to a conflict between Simpson and Jones. Entrambe le navi arrivarono in porto in sicurezza, ma Jones fece richiesta di una corte marziale di Simpson, tenendolo trattenuto sulla nave.

In parte grazie all'influenza di John Adams, che prestava ancora servizio come commissario in Francia, Simpson fu liberato dall'accusa di Jones. Adams implica nelle sue memorie che la stragrande maggioranza delle prove ha sostenuto le affermazioni di Simpson. Adams sembrava credere che Jones sperasse di monopolizzare la gloria della missione, soprattutto trattenendo Simpson a bordo mentre celebrava la cattura con numerosi importanti dignitari europei.

Even with the wealth of perspectives, including the commander's, it is difficult if not impossible to tell exactly what occurred. È chiaro, tuttavia, che l'equipaggio si sentiva alienato dal loro comandante, che avrebbe potuto essere motivato dal suo orgoglio. Jones credeva che le sue intenzioni fossero onorevoli e che le sue azioni fossero strategicamente essenziali per la Rivoluzione. Regardless of any controversy surrounding the mission, Ranger's capture of Drake was one of the Continental Navy's few significant military victories during the Revolution, and was of immense symbolic importance, demonstrating as it did that the Royal Navy was far from invincible. By overcoming such odds, Ranger's victory became an important symbol of the American spirit and served as an inspiration for the permanent establishment of the United States Navy after the revolution.


Jones, John Paul: Revolutionary War Hero

In 1777, Jones was given command of the Ranger, fresh from the Portsmouth shipyard. He sailed to France, then daringly took the war to the very shores of the British Isles on raids. In 1778, he captured the Drake, a British warship.

It was, however, only after long delay that he was given another ship, an old French merchantman, which he rebuilt and named the Bon Homme Richard ( Poor Richard ), to honor Benjamin Franklin. He set out with a small fleet but was disappointed in the hope of meeting a British fleet returning from the Baltic until the projected cruise was nearly finished. On Sept. 23, 1779, he did encounter the British merchantmen, convoyed by the frigate Serapide and a smaller warship. Despite the superiority of the Serapide, Jones did not hesitate.

The battle, which began at sunset and ended more than three and a half hours later by moonlight, was one of the most memorable in naval history. Jones sailed close in, to cut the advantage of the Serapide, and finally in the battle lashed the Bon Homme Richard to the British ship. Both ships were heavily damaged. Il Serapide was afire in at least 12 different places. The hull of the Bon Homme Richard was pierced, her decks were ripped, her hold was filling with water, and fires were destroying her, unchecked yet when the British captain asked if Jones was ready to surrender, the answer came proudly, Sir, I have not yet begun to fight. Quando il Serapide surrendered, Jones and his men boarded her while his own vessel sank. He was much honored in France for the victory but received little recognition in the United States.

L'enciclopedia elettronica della Columbia, 6a ed. Copyright © 2012, Columbia University Press. Tutti i diritti riservati.


John Paul Jones' Personal Life

John Paul Jones is married to Maureen since 1967. They have been married for 50 years. The couple is residing in West London and is the proud parents of three daughters Kiera, Jacinda, e Tamara.

The band's song Royal Orleans emphasizes the time when John Paul Jones set his hotel room on fire. During their stay at Royal Orleans hotel in New Orleans, Jones had mistakenly taken a drag queen to his hotel room and fell asleep with a marijuana joint in hand. The next day when he woke up his room was filled with fireman and he realized he had set the whole room on fire.

List of site sources >>>


Guarda il video: History Brief: John Paul Jones (Gennaio 2022).