Podcast di storia

Gloster Meteor F Mk.III

Gloster Meteor F Mk.III

Gloster Meteor F Mk.III

Il Gloster Meteor F Mk.III è stata la prima versione del Meteor ad essere prodotta in gran numero e la prima versione veramente soddisfacente del velivolo. La prima versione di produzione, l'F Mk.I, mancava di potenza del motore ed era nella migliore delle ipotesi pari alle prestazioni dei migliori velivoli con motore a pistoni, ma la maggior parte dei Meteor F Mk.III era alimentata da una coppia di motori Rolls-Royce Derwent I , ciascuno fornendo 2.000 libbre di spinta, rendendo il Meteor F Mk.III chiaramente superiore ai contemporanei Spitfire e Mustang, almeno in velocità. Tuttavia sia la Mk.I che la Mk.III erano lente a rispondere all'acceleratore, con il risultato che tendevano a impiegare troppo tempo per raggiungere la velocità massima.

Il prototipo dell'F Mk.III, DG209, aveva volato per la prima volta il 18 aprile 1944 ed era stato alimentato dal motore Rolls-Royce W.2B/37, l'originale Derwent. DH209 è stato il primo Meteor a volare con 2.000 libbre di spinta per motore e ha raggiunto le velocità più elevate mai raggiunte, raggiungendo 465 miglia all'ora a 16.000 piedi.

La F Mk.III era alimentata da tre diversi motori. Il Derwent I non era pronto in tempo per essere utilizzato sui primi quindici velivoli, e così ricevettero il W.2B/23c Wellands. La maggior parte era equipaggiata con il Derwent I. Infine, alcuni velivoli ricevettero motori Derwent IV da 2.400 libbre. Le statistiche sulle prestazioni pubblicate per l'F Mk.III sono normalmente per questa versione. Gli ultimi quindici F Mk.III sono stati dotati delle gondole motore più lunghe utilizzate sull'Mk.4, mentre un certo numero di velivoli è stato adattato con queste gondole, che hanno aumentato la velocità massima del velivolo.

Durante la seconda guerra mondiale il Meteor F Mk.III servì con gli squadroni n.616 e 504, ma solo il n.616 li usava in azione. Nel gennaio 1945 un volo di quattro aerei si trasferì a Melsbrook in Belgio, in parte per difendere l'aeroporto, e in parte nella speranza che potesse apparire il Me 262. L'intero squadrone si trasferì nel continente a marzo e trascorse il resto della guerra svolgendo missioni di ricognizione armata e attacco al suolo. Il tanto atteso scontro con il Me 262 non è mai arrivato. Negli anni dell'immediato dopoguerra, l'F Mk.III divenne il caccia a reazione standard della RAF, fino a quando non fu sostituito dall'F Mk.IV dal 1947.

Statistiche (la maggior parte con motori Derwent IV)
Motore: due motori Derwent I o Derwent IV
Spinta: 2.000 libbre (Derwent I) o 2.400 libbre (Derwent IV)
Portata: 43 piedi
Lunghezza: 41,4 piedi
Peso lordo: 13.342 libbre
Velocità massima a livello del mare: 486 mph
Velocità di livello massima a 30.000 piedi: 493 mph
Velocità di salita al livello del mare: 3.980 piedi/min
Soffitto: 46.000 piedi
Autonomia di crociera a carico normale: 504 miglia
Armamento: quattro cannoni da 20 mm nel muso e due bombe da 1.000 libbre o sedici proiettili a razzo da 90 libbre sotto le ali


Record di velocità aerea stabilito a Reculver, 7 novembre 1945

Il 7 novembre 1945, il Capitano del Gruppo Hugh Joseph Wilson, CBE, AFC, Royal Air Force, Comandante della Empire Test Pilots' School, Cranfield, stabilì il primo record mondiale di velocità con un aereo a reazione e il primo record di velocità di un aereo superiore a 600 miglia all'ora (965,6 chilometri all'ora), quando ha volato il Gloster Meteor F.4 (Mk.IV) EE454 ‘Brittania’ a 975,68 chilometri all'ora (606,36 miglia all'ora) ad un'altitudine di 250 piedi (76,2 metri) su un percorso dal molo di Herne Bay a Reculver Point, lungo la costa meridionale dell'estuario del Tamigi.

METEOR ROTTURA IL RECORD DI VELOCITÀ (CH 16624) Didascalia originale in tempo di guerra: Per la storia vedi CH.16622 Dal tetto del quartier generale della capanna dei piloti collaudatori sull'aeroporto di Manston, i tecnici e i piloti meteorologici guardano ‘Britannia’ volare oltre. Copyright: © IWM. Fonte originale: http://www.iwm.org.uk/collections/item/object/205455663

Lui e il capo collaudatore di Gloster, Eric Stanley Greenwood, volando sull'EE455 ‘Yellow Peril’, che avrebbe anche stabilito una velocità media di oltre 600 mph, usarono Manston come base per i loro tentativi di record, quasi in una replica della disposizione per il rimbalzo test bomba.

Hanno battuto il record ufficiale di velocità dell'aria detenuto dall'inizio della guerra, dopo che le velocità non ufficiali sono state registrate durante la seconda guerra mondiale.

Gloster Meteor F Mk III EE455 © IWM (ATP 15305D)

I primi jet britannici

All'inizio del 1938, il ministero dell'Aeronautica britannico decise di dare un ordine a Gloster per lo sviluppo di un nuovo velivolo sperimentale alimentato dal nuovo motore a reazione Whittle. Con questo l'industria aeronautica britannica entrò nell'era dei jet.

Un contratto E.28/39 per due prototipi fu firmato dal Ministero dell'Aeronautica nel gennaio 1940 e il primo di questi fu completato nell'aprile 1941. Sebbene il Gloster E.28/39 non fosse in grado di raggiungere alte velocità, si dimostrò essere una piattaforma sperimentale capace e ha aperto la strada al primo aereo a reazione operativo della Gran Bretagna, il Gloster Meteor, seguito a breve da altri.

La mia collezione di primi aerei a reazione britannici comprende i seguenti modelli, 23 in tutto:

  • Armstrong Whitworth A.W. 52 TS363 (P)
  • de Havilland DH 100 Vampiro LZ548/G
  • di Havilland DH 100 Vampire LZ551/G
  • di Havilland DH 100 Vampire TG 274/G
  • de Havilland DH 108 Rondine Lo Speed ​​TG283 (P)
  • de Havilland DH 108 Rondine ad alta velocità VW120 (P)
  • Gloster G41 Meteor DG204/G
  • Gloster G41 Meteora DG206/G
  • Gloster G41 Meteor MKI EE214/G
  • Gloster G41 Meteor MKI EE240
  • Gloster G41 Meteor MKIII EE318
  • Gloster G41 Meteor MKIII TRENT (Ex EE227)
  • Gloster G41 Meteor MKIII HI SPEED EE454
  • Gloster G41 Meteor MKIII HI SPEED EE455
  • Gloster G41 Meteor MKIII EE416
  • Gloster G41 Meteor MKIV EE592
  • Gloster Whittle E28/39 Pioneer W4041
  • Gloster Whittle E28/39 Pioneer W4041
  • Gloster G.42 Ace TX145 (P)
  • Miglia M 39A Jet Bombardiere U0245 (P)
  • Miglia M 52 (Progetto E24/43)
  • Saunders Roe SRA1 SR44 TG263 (P)
  • Supermarino 392 TS409

Gloster Whittle

La società Gloster ha costruito due macchine E.28/39, queste sono state serializzate W4041 e W4046. Ho costruito il W4041 in due versioni differenti, rappresentative delle configurazioni precoci e tardive di questo aereo. Entrambi i modelli sono stati realizzati utilizzando i vecchi kit Frog e Novo con alcune modifiche.

Gloster Meteora

La Gloster Company ha ricevuto un contratto F.9/40 per dodici prototipi da DG202 a DG2013 il 14 febbraio 1941. L'idea era quella di dimostrare la fattibilità di diversi motori e configurazioni. Ho realizzato solo due di questi prototipi.

DG206/G e DG204/G
DG206/G è stato il terzo prototipo alimentato dai motori Havilland 2.300 lb Halford H.1 che è stato il primo F.9/40 a volare. Michael Daunt ha pilotato l'aereo ridisegnato come F9/40H per la prima volta a Croswell il 5 marzo 1943.

Il DG204/G (F9/40M) era alimentato da motori Metrovick F.2 da 1.900 libbre. Il primo volo ha avuto luogo il 13 novembre 1943 a RAE Farnborough. L'aereo è stato poi perso il 1 aprile 1944 dopo solo 3 ore e 9 minuti di volo.

Ho usato il vecchio kit Airfix Gloster Meteor Mk III per entrambi i modelli, ma ho dovuto apportare diverse modifiche, come: nuove tettoie, nuovi motori autocostruiti, code modificate e alcuni oggetti più piccoli.

EE214/S
Posizionato sotto la fusoliera dell'EE214/G è il serbatoio del carburante esterno da 100 galloni che ha volato per la prima volta sull'aereo il 1 maggio 1944. Questo era inteso come una cura per la portata limitata di Meteor. Questo progetto alla fine ha portato allo sviluppo di un serbatoio gettabile.

Il modello è stato realizzato utilizzando un kit Airfix Mk III con un proprio tettuccio termoformato e (ovviamente) un nuovo serbatoio del carburante esterno.

EE240
Il 20 gennaio 1945 quattro velivoli operativi furono dispiegati a Melsbroek in Belgio per fornire alla base la difesa aerea ma anche con l'intenzione di attirare in combattimento le unità tedesche Me 262. Nonostante una serie di voli per mostrare il nuovo tipo agli antimitraglieri alleati, i piloti trovarono ancora lo strano colpo sparato contro di loro durante le sortite in territorio amico e in un altro tentativo di distinguersi dal Me 262 e di fornirsi una misura di mimetizzazione invernale all'aereo è stata data una mano di cimurro bianco sopra il camuffamento superiore standard grigio scuro e verde oceano.

Il modello è stato realizzato utilizzando anche un Airfix Mk III con un proprio tettuccio formato sotto vuoto.

EE318
Il Meteor F Mk III del 74 Squadron RAF di stanza a Colerne, nel Regno Unito, durante il 1945. Questi contrassegni sono in realtà una delle opzioni fornite con il kit Airfix Meteor.

EE454 Britannia e EE455 Pericolo giallo
Prima che la produzione "reale" di F Mk 4 diventasse disponibile, due ultimi F Mk III (EE454 e EE455) furono tolti dalla linea di produzione e modificati secondo lo standard F Mk 4 per l'uso da parte del riformato RAF High Speed ​​Flight. Il velivolo conservava ali lunghe ma era dotato di prototipi di motori Derwent 5 con lunghe gondole. Gli aerei sono stati appositamente preparati per tentare il record mondiale di velocità. Il 7 novembre 1945 il capitano del gruppo H. H Wilson CO dell'ETPS ha volato con l'EE454 a una velocità media di 606 mph in 4 ore stabilendo un nuovo record mentre Eric Greenwood, il capo pilota collaudatore di Gloster è riuscito a raggiungere i 603 mph in EE455.

Ho clonato tutti i pezzi necessari (fusoliera, ali, ecc) per realizzare questi due modelli utilizzando il kit JP come capolavoro perché purtroppo non è più disponibile sul mercato. Le ali sono state estese in zero.
Ho comprato le decalcomanie per il pericolo giallo molti anni fa da Dutch Decal.

A causa del fatto che la fusoliera, la coda e l'elevatore erano parti in resina, ho dovuto usare molto peso per mantenere l'equilibrio. Ho anche messo il peso nelle gondole del motore.

EE592
Questo modello rappresenta un tipico F Mk 4 alimentato da Roll Royce Derwent 5 turboreattori. Ho usato il kit JP.

EE416
Martin Baker inizialmente utilizzò un Boulton-Paul Defiant per i test sui sedili eiettabili, ma nel novembre 1945 acquisì un Meteor Mk III EE416, a cui fu aggiunto un secondo abitacolo al posto del vano munizioni, dietro il normale abitacolo. La cabina di pilotaggio extra non aveva comandi di volo ed era destinata solo ad ospitare un sedile in prova. Benny Lynch ha effettuato la prima espulsione con successo nel Regno Unito utilizzando un sedile Martin Baker il 24 luglio 1946.

Ho dovuto fare qualche modifica importante per poter aggiungere il secondo sedile. In questo caso è un sedile Martin Baker Mk I che ho acquistato da Aeroclub. Sia il modello che il baldacchino sono cloni.

Trento (Ex EE227)
Nel febbraio 1945, con le necessità immediate della RAF soddisfatte dalla consegna del Meteor F.3 migliorato, l'EE227 fu riconvertito allo standard F.1 e consegnato allo stabilimento Rolls-Royce di Hucknall come banco di prova volante per il nuovo RB.50 Trent elica-turbina, o turboelica. Questo tipo di propulsore offriva molti dei vantaggi della potenza della turbina: relativa semplicità, elevata potenza e assenza di vibrazioni, combinate con le comprovate capacità dell'elica: elevata efficienza aerodinamica anche fino a numeri di Mach piuttosto elevati. Il Gloster Trent-Meteor volò per la prima volta il 20 settembre 1945.

Per realizzare questo modello ho utilizzato come base un Airfix Gloster Meteor Mk III ma con le seguenti modifiche di scratchbuild:

  • nuove gondole
  • Nuovo spinner ed eliche corrispondenti
  • Nuovo piano di coda
  • Proprio baldacchino
  • Il carrello è stato allargato


Questa pagina:
È stato aggiornato l'ultima volta:
L'URL della pagina è:
Scaricato su:


Copyright 1997-2006 di IPMS Stockholm e dei membri della community. Tutti i diritti riservati.
Il layout e la grafica di questo sito, HTML e codice del programma sono Copyright 1997-2006 Martin Waligorski. Usato su autorizzazione.

Termini di utilizzo: Questo sito è una comunità interattiva di appassionati interessati all'arte della modellazione in scala di aerei, armature, figure, veicoli spaziali e soggetti simili. Tutto il materiale contenuto in questo sito è protetto da copyright e può essere riprodotto solo per uso personale. È necessario contattare l'autore(i) e/o l'editore per ottenere il permesso di utilizzare qualsiasi materiale su questo sito per qualsiasi scopo diverso dall'uso privato.


Gloster Meteor F Mk.III - Storia

Il Gloster Meteor è stato il primo caccia a reazione britannico e l'unico aereo a reazione degli Alleati a compiere operazioni di combattimento durante la seconda guerra mondiale.

La prima versione operativa del Meteor, designata come Meteor F.1, a parte i piccoli perfezionamenti della cellula, era una semplice "militarizzazione" dei primi prototipi F9/40. Le dimensioni del Meteor F.1 standard erano lunghe 41 piedi e 3 pollici (12,57 m) con un'apertura di 43 piedi 0 pollici (13,11 m), con un peso a vuoto di 8.140 libbre (3.690 kg) e un peso massimo al decollo di 13.795 lb (6.257 kg). Nonostante la rivoluzionaria propulsione a turbogetto utilizzata,[70] il design del Meteor era relativamente ortodosso e non sfruttava molte caratteristiche aerodinamiche utilizzate su altri caccia a reazione successivi, come le ali a freccia, il Meteor condivideva un'ampia configurazione di base simile al suo equivalente tedesco, il Messerschmitt Me 262, che era anche aerodinamicamente convenzionale.

Era un velivolo interamente in metallo con un carrello triciclo e ali basse e dritte convenzionali con motori turbogetto montati in posizione centrale e un piano di coda montato in alto lontano dallo scarico del jet. Il Meteor F.1 mostrava alcune caratteristiche di volo problematiche tipiche dei primi velivoli a reazione, soffriva di problemi di stabilità alle alte velocità transoniche, grandi cambiamenti di assetto, elevate forze del bastone e instabilità di imbardata autosufficiente (snaking) causata dalla separazione del flusso d'aria sulle spesse superfici della coda . La fusoliera più lunga del Meteor T.7, un addestratore a due posti, ridusse significativamente l'instabilità aerodinamica per cui erano noti i primi Meteor.

"Il tuo entusiasmante viaggio nel mondo digitale dell'aviazione inizia "

Sei decisamente curioso di scoprire Gloster Meteor.

Il Gloster Meteor è stato il primo caccia a reazione britannico e l'unico aereo a reazione degli Alleati a compiere operazioni di combattimento durante la seconda guerra mondiale. Lo sviluppo del Meteor è stato fortemente dipendente dai suoi rivoluzionari motori a turbogetto, introdotti da Sir Frank Whittle e dalla sua azienda, Power Jets Ltd. Lo sviluppo del velivolo è iniziato nel 1940, sebbene i lavori sui motori fossero in corso dal 1936. Il primo Meteor volò nel 1943 e iniziò le operazioni il 27 luglio 1944 con il n. 616 Squadron RAF. Il Meteor non era un aereo sofisticato nella sua aerodinamica, ma si dimostrò un combattente da combattimento di successo.

Negli anni '50, il Meteor divenne sempre più obsoleto quando più nazioni introdussero caccia a reazione, molti di questi nuovi arrivati ​​avevano adottato un'ala a freccia invece dell'ala dritta convenzionale del Meteor nel servizio RAF, il Meteor fu sostituito da tipi più recenti come l'Hawker Hunter e il Gloster Giavellotto. A partire dal 2018, due Meteor, G-JSMA e G-JWMA, rimangono in servizio attivo con la società Martin-Baker come banchi di prova per i sedili eiettabili. Un altro aereo nel Regno Unito rimane idoneo al volo, così come un altro in Australia.


Modelli di Hong Kong Gloster Meteor F4 1:32

Gloster Meteor F.4 VT340 Fairey Ringway 21.07.55 Notare i cofani motore più piccoli montati sul Gloster Meteor Mk.III. Questo aereo è Gloster Meteor Mk.III EE393

Il Gloster Meteor è stato il primo caccia a reazione britannico e il primo aereo a reazione operativo degli Alleati durante la seconda guerra mondiale. L'evoluzione del Meteor era fortemente dipendente dai suoi rivoluzionari motori a turbogetto, sviluppati da Sir Frank Whittle e dalla sua compagnia, Power Jets Ltd. Lo sviluppo del corpo dell'aereo iniziò nel 1940, sebbene i lavori sui motori fossero in corso dal 1936 Il Meteor volò per la prima volta nel 1943 e iniziò le operazioni il 27 luglio 1944 con lo Squadrone n.616 della RAF. Soprannominato dai piloti “Meatbox”, il Meteor non era un aereo sofisticato in termini di aerodinamica. Nonostante ciò, si è rivelato un combattente da combattimento efficace ed efficace.

Diverse varianti principali del Meteor incorporarono progressi tecnologici durante gli anni '40 e '50. Migliaia di Meteore furono costruite per volare con la RAF e altre forze aeree e rimasero in uso per diversi decenni. Il Meteor ha visto un'azione limitata nella seconda guerra mondiale. Le meteore della Royal Australian Air Force (RAAF) hanno fornito un contributo significativo nella guerra di Corea. Diversi altri operatori come Argentina, Egitto e Israele hanno pilotato Meteor nei successivi conflitti regionali. Varianti specializzate del Meteor sono state sviluppate per l'uso nella ricognizione fotografica e come caccia notturni.

Il Meteor è stato utilizzato anche per scopi di ricerca e sviluppo e per battere diversi record dell'aviazione. Il 7 novembre 1945, il primo record ufficiale di velocità dell'aria di un aereo a reazione fu stabilito da un Meteor F.3 di 606 miglia orarie (975 km/h). Nel 1946, questo record fu battuto quando un Meteor F.4 raggiunse una velocità di 616 mph (991 km/h). Altri record relativi alle prestazioni sono stati battuti in categorie tra cui resistenza al tempo di volo, velocità di salita e velocità. Il 20 settembre 1945, un Meteor I pesantemente modificato, alimentato da due motori a turbina Rolls-Royce Trent che azionavano eliche, divenne il primo aereo a turboelica a volare. Il 10 febbraio 1954, un Meteor F.8 appositamente adattato, il “Meteor Prone Pilot”, che metteva il pilota in posizione prona per contrastare le forze inerziali, fece il suo primo volo.

Negli anni '50, il Meteor divenne sempre più obsoleto quando più nazioni introdussero caccia a reazione, molti di questi nuovi arrivati ​​avevano adottato un'ala a freccia invece dell'ala dritta convenzionale del Meteor nel servizio RAF, il Meteor fu sostituito da tipi più recenti come l'Hawker Hunter e Gloster Javelin. A partire dal 2013, due Meteor, WL419 e WA638, rimangono in servizio attivo con la Martin-Baker Company come banchi di prova per seggiolini eiettabili. Altri due velivoli nel Regno Unito rimangono idonei al volo, mentre anche un singolo Meteor in Australia è in grado di volare.

Meteora F.4
Derwent 5 alimentato con fusoliera rinforzata, 489 costruito da Glosters e 46 da Armstrong Whitworth per la Royal Air Force. La F.4 è stata esportata anche in Argentina (50 velivoli), Belgio (48 velivoli), Danimarca (20 velivoli), Egitto (12 velivoli), Paesi Bassi (38 velivoli).

Ecco uno schema di bell'aspetto: Gloster Meteor a Melsbroek

Guarda questo…
OK, il Gloster Meteor F8, ma sicuramente ti mette di buon umore!


Ilmavoimissa australiano

kuninkaalliset australiano ilmavoimat sai käyttöönsä 113 Meteoria vuosina 1946�. F.8 Meteorit taistelivat coreano sodassa australiano 77. laivueen mukana. Laivue, joka oli aiemmin käyttänyt P-51 Mustangeja, sai Meteor-koneet käyttöönsä 30. heinäkuuta 1951 ja saavutti jonkinlaista menestystä ampuude ampalas jaisia- konetta syyskuusta marraskuuhun. Tosin laivue menetti pelkästään 1. joulukuuta 1951 neljä konetta taistelussa ylivoimaisia ​​MiGejä vastaan. Tämän seurauksena laivue siirrettiin maahyökkäystehtäviin, jossa se pärjäsikin hyvin. Vaikka ainakin 29 Meteoria menetettiin Koreassa, suuren osa näistä ampui alas ilmatorjunta.


Rego: VH-MBX S/N militare: VZ467

Rego: VH-MBX S/N militare: VZ467

Il Gloster Meteor è un velivolo interamente in metallo, con doppio motore a reazione e ingranaggio retrattile. La F.8 è stata la più costruita di tutte le Meteore, con 1.522 esemplari prodotti. Il Gloster Meteor è stato il primo jet operativo a volare con la Royal Air Force. I primi successi di combattimento registrati furono dei Meteor F.1, contro le bombe volanti V1 il 4 agosto 1944. Un Meteor fu utilizzato anche nei primi test di un seggiolino eiettabile a livello del suolo.

Nel maggio 1946 un F.3 Meteor fu preso in carico dalla Royal Australian Air Force, diventando il primo caccia a reazione della RAAF. Fu solo nel 1951 che le Meteore entrarono in servizio regolare con la RAAF e poi lo fecero con un vero “battesimo del fuoco”. Gli aerei Meteor F.8 furono messi in azione dal 77 Squadron RAAF, in Corea, contro il Mig-15.

Il Meteor nella collezione del Museo fu costruito da Gloster nel 1949 e portava il numero di serie della RAF VZ467, in servizio fino al 1982. Il suo ultimo ruolo militare fu quello di rimorchiatore. Dopo essere stato ritirato dalla RAF, il Meteor era di proprietà privata e operato nel Regno Unito. Dopo essere stato acquistato dal Temora Aviation Museum, l'aereo è stato smontato, trasportato in Australia e rimontato a Bankstown NSW. Nell'agosto 2001, il Meteor è volato da Bankstown alla sua nuova casa a Temora, dove è mantenuto in condizioni di aeronavigabilità, rendendolo l'unico Gloster Meteor F.8 volante al mondo.

Da quando è stato ridipinto dal Museo, l'aereo porta i segni di un Meteor dell'era della Guerra di Corea operato dallo squadrone RAAF 77 e pilotato dal sergente. George Hale.

Questo aereo fa ora parte della Air Force Heritage Collection dopo essere stato generosamente donato dal Temora Aviation Museum nel luglio 2019.


Gloster Meteor F Mk.III - Storia

Pilota Senza Ronald David Guthrie, RAAF A22149 (prigioniero di guerra / sopravvissuto)
Incidentato 29 agosto 1951

Storia degli aerei
Originariamente assegnato alla Royal Air Force (RAF) Seriale WA954. Consegnato alla Royal Australian Air Force (RAAF) il 17 febbraio 1951. Ha servito con 77 Squadron, RAAF, durante la guerra di Corea.

Quando è stato perso, questo aereo aveva i motori Derwent 8 installati con i numeri 6423 e 6454.

Storia della missione
Il velivolo è stato uno degli 8 Meteor che hanno condotto una perlustrazione di caccia nell'area di Chongju insieme a 26 F-86 Sabre dell'USAF.

Secondo lo Squadron Operations Book:
". La sezione ha incontrato aerei nemici (MIG 15). Durante un attacco A77-616 ha ricevuto un colpo nell'alettone di sinistra e il serbatoio del carburante principale è stato forato. I colpi sono stati sparati contro l'aereo nemico con risultati inosservati. A77-721 mancava quando l'aereo si stava stabilizzando da un attacco. È stato osservato un paracadute aprirsi. La sezione è tornata alla base riportando al controllo di area lungo il percorso. Al ritorno un aereo non identificato è stato visto schiantarsi a circa trenta miglia a sud/ovest di KIMPO. L'aereo non aveva abbastanza carburante per indagare, ma ha segnalato l'avvistamento alla torre KIMPO".

Il destino del pilota
In seguito è stato confermato che W/O Guthrie è stato fatto prigioniero. È sopravvissuto alla guerra.

Aerei visualizzati
L'aereo in mostra come A77-721 al Queensland Air Museum è in realtà Ex-RAF Meteor WA880.

Riferimenti
Grazie a Daniel Leahy per la sua assistenza con questo profilo.
Registro delle operazioni dello squadrone 77 (NAA: A9186, 103)
Tessera vittima RAAF
Seriali ADF - Meteor A77-721
Ruolo nominale della guerra di Corea - R D Guthrie

Informazioni sul contributo
Sei un parente o associato a una delle persone menzionate?
Hai foto o informazioni aggiuntive da aggiungere?


Gloster Meteor F Mk.III - Storia

Produttori, costruttori e designer

Gloster, aereo del Gloucestershire

IVA - RAF: N222
Giavellotto GA-5 - RAF: WD804
GA-5 Giavellotto F(AW).Mk.3 - RAF: WT830
GA-5 Giavellotto F(AW).Mk.4 - RAF: XA632, XA723
GA.5 Giavellotto F(AW).Mk.8 - RAF: XH980
GA.5 Giavellotto F(AW).Mk.9 - RAF: XH756, XH756, XH897
GA.5 Giavellotto F(AW).Mk.9R - RAF: XH892
G.14 Sula - G-EBHU
G.25 Goring - Ministero dell'Aeronautica: J8674
G.38 F.5/34 - Ministero dell'Aeronautica: K5604
G.40 - RAF: W4041
G.41A Meteor F.Mk.I - RAF: EE216, EE227
G.41C Meteor F.Mk.III - RAF: EE484, foto
G.41F Meteor F.Mk.4 - AF argentino: C-005, C-020, C-073 - RAF: EE454, RA435
G.41K Meteor F.Mk.8 - RAAF: A77-510, A77-870 - RAF: WH291, WK935, WL168
G.41M Meteor PR.Mk.10 - RAF: VS968
G.42 - RAF: TX145, TX148
G.43 Meteor T.Mk.7 - RAF: VW481, WA634, WF776, WF881, WL361, WL413, WL364
G.47 Meteor NF.Mk.11 - RAF: WA546, WM185
G.47 Meteor NF.Mk.14 - RAF: foto
G.47 Meteor TT.Mk.20 - G-LOSM - N94749, N94749, N94749
Gamecock Mk.I - RAF: J7910, J7910, J8089
Guanto Mk.II - RAF: K5296
Gladiatore Mk.I - G-AMRK, G-AMRK - RAF: K6131, K6132, K6143
Moscerino - RN: N227
Gorcock - Ministero dell'Aeronautica: J7502
Svasso Mk.II - RAF: J7400
Svasso Mk.III - RAF: J7534
Marte VI - RAF: H8544, J6926
Sparviero II - Marina giapponese: JN.401
SS.18B - Ministero dell'Aeronautica: J9125, J9125
TC.33 - J9832


Vinci due kit modello Airfix Gloster Meteor del valore di oltre £ 73

Il Gloster Meteor è stato il primo aereo a reazione operativo della Gran Bretagna, una pietra miliare nella storia della Royal Air Force. Con la sua velocità massima di oltre 645 chilometri all'ora (400 miglia all'ora), le Meteore furono schierate per inseguire e deviare i razzi V-1 sulla Gran Bretagna, e successivamente furono sorvolate sull'Europa negli ultimi mesi della seconda guerra mondiale. Tuttavia, non hanno mai ingaggiato il primo caccia a reazione del mondo, il Me 262. Storia della guerra numero 61 contiene un Manuale dell'operatore completo sul Meteor, inclusa una lettura tecnica dettagliata di questo iconico velivolo da combattimento.

Il Gloster Meteor F8 ha visto l'azione nella guerra di Corea, schierato dalla RAAF

Probabilmente la versione definitiva del Meteor era l'F.8, che ha visto un ampio servizio durante la guerra di Corea con il Royal Australian Air Force No.77 Squadron. Ben presto entrò in combattimento con il nuovo MiG-15 di produzione sovietica, contro il quale fu superato. Si dimostrò efficace come aereo da attacco al suolo per tutta la durata della guerra. Questa edizione, Abbonati a Storia della guerra avere la possibilità esclusiva di vincere un set di due kit modello Gloster Meteor F.8, per gentile concessione di Airfix.

Il Meteor è stato l'unico jet da combattimento alleato ad essere schierato durante la seconda guerra mondiale ed è stato utilizzato per deviare le bombe volanti V1

Un kit viene fornito con un modello RAF, 111 Squadron, 1954, l'altro è modello Royal Australian Air Force No. 77 Squadron, come volato dal sergente George Spaulding, 1953. Ciascuno di questi kit vale £ 36,99, per un valore totale del premio di £ 73.98. Per l'accesso esclusivo a più concorsi come questo ogni numero, perché no? Iscriviti a Storia della guerra oggi.

Per avere la possibilità di vincere entrambi questi kit di modelli di qualità, rispondi semplicemente alla domanda qui sotto

All About History fa parte di Future plc, un gruppo media internazionale e un editore digitale leader. Visita il nostro sito aziendale.

© Future Publishing Limited Quay House, The Ambury, Bath BA1 1UA. Tutti i diritti riservati. Numero di registrazione della società in Inghilterra e Galles 2008885.

List of site sources >>>