Podcast di storia

I volti degli imperatori romani: la crisi imperiale e gli imperatori delle caserme

I volti degli imperatori romani: la crisi imperiale e gli imperatori delle caserme


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Una serie di ricostruzioni facciali di imperatori romani durante la crisi del III secolo (235-284 d.C.), inclusi gli imperatori gordiani. Questi cosiddetti "imperatori di caserma" presero il potere durante un periodo di turbolenze e i loro regni furono generalmente brevi e violenti. Durante questo periodo, l'Impero Romano si frammentò, prima di essere finalmente riunificato durante il regno di Aureliano (270-275 dC).

Queste ricostruzioni fotorealistiche sono solo le migliori ipotesi su come potrebbero essere apparsi i loro soggetti, basate su prove letterarie e artistiche. È stata presa una licenza artistica per inserire alcuni dettagli che le fonti antiche non hanno notato. In alcuni casi, le prove artistiche sono scarse, quindi i ritratti di parenti stretti sono usati per dare un'indicazione di come un soggetto sarebbe probabilmente apparso. Parte di "Appearance of the Principate", una serie più ampia di Daniel Voshart, realizzata utilizzando Photoshop e Artbreeder, uno strumento di rete neurale.


Guardia Reale dell'Imperatore

Parti di questo articolo sono state identificate come non più aggiornate.

Aggiorna l'articolo per riflettere gli eventi recenti e rimuovi questo modello al termine.


Meno conosciuti e sarebbero imperatori romani e bizantini (27BC-695AD)

Bandiera crossover degli imperi romano e bizantino

Bentornato ad un altro articolo di Il blogger di Bisanzio! È passato molto tempo dall'ultima volta che ho pubblicato qualcosa e ti chiedi se sono ancora vivo o cosa, ma eccomi qui con un nuovo articolo da leggere per tutti voi. Questo qui sarà un altro articolo sugli imperatori romani e bizantini tranne che, a differenza dei molti precedenti che ho fatto, questo non si concentrerà sugli imperatori che conosciamo come Cesare Augusto, Traiano, Costantino il Grande e Giustiniano il Grande ma di quelli i cui nomi sono mai veramente trovato nei libri di storia. Questo articolo si concentrerà piuttosto e menzionerà i nomi degli imperatori romani e bizantini di cui non abbiamo mai sentito parlare o che non sono considerati imperatori legittimi nei libri di storia. Gli imperatori qui saranno per lo più uomini che sono stati nominati imperatori, compresi i membri della famiglia che erano co-imperatori ma di cui non si sente parlare molto in quanto non sono così vitali nella storia, imperatori che erano effettivamente al potere ma non erano considerati governanti legittimi come erano nemici dello stato, imperatori che effettivamente presero il potere ma rimasero usurpatori, e sarebbero usurpatori contro imperatori regnanti che arrivarono così vicini a governare l'impero ma furono sconfitti prima che potessero prendere il trono. Questo articolo sarà scritto in modo semplice e in un formato di elenco con nomi di imperatori che inizia nel periodo dei primi giorni dell'Impero Romano dopo la sua formazione da parte di Augusto nel 27 aC e termina nell'anno 695 in epoca bizantina. Prendi nota, questo articolo sarà una serie in 2 parti in quanto sarebbe troppo lungo menzionare tutti i nomi di imperatori sconosciuti e aspiranti dal 27 a.C. al 1453. D'altra parte, questo elenco non andrebbe avanti per così tanto tempo perché non tutti gli imperatori di Roma e Bisanzio avevano un'altra persona che li sfidava o veniva incoronato imperatore allo stesso tempo, ma questo articolo farà anche del suo meglio per nominare imperatori di cui non hai mai sentito parlare e alcuni altri di cui potresti aver sentito parlare ma non ti è stato dato molto attenzione come ad esempio Lucio Vero che è stato co-imperatore dell'imperatore Marco Aurelio per il tempo più lungo e il resto includerà figli o fratelli di imperatori che sono stati fatti co-imperatori dei loro padri o fratelli e capi ribelli che hanno cercato di rivendicare il trono o se non erano già stati proclamati imperatore dalle loro truppe. Anche questo articolo presenterà imperatori dell'Impero Romano e dei suoi imperi successori, l'Impero Romano d'Oriente e l'Impero Romano d'Occidente, altri imperatori romani che non governarono da Roma come gli imperatori gallici dal 260-274 d.C., i governanti dell'Impero romano separatista di Palmira a allo stesso tempo, altri co-governanti della tetrarchia romana tra il 286 e il 325, imperatori fantoccio dell'Impero Romano d'Occidente e usurpatori romani e bizantini, ma non governanti di stati successori romani come Soissons nel V secolo in quanto era solo un indipendente Stato romano nato fuori dall'impero ma non governato da un vero imperatore. Inoltre, altri dischi come il Historia Augusta menzionare alcuni nomi di imperatori usurpatori che potrebbero non essere esistiti, quindi questi nomi non saranno menzionati in questo articolo. Anche questo articolo sarà diviso in sezioni ciascuna con un elenco di imperatori meno conosciuti e sarebbero di quel periodo che inizierà con i primi Principato esattamente nell'anno 42 d.C. con il primo aspirante ma fallito imperatore romano. L'elenco poi continua, ma avrà più volume quando si arriva alla crisi dell'era del 3 ° secolo in cui l'Impero Romano aveva numerosi usurpatori e pretendenti e anche nel V secolo Impero Romano d'Occidente e periodo bizantino dopo il VI secolo come da allora in poi sarebbero molti a sfidare il potere dell'imperatore. Anche in questo caso, prima di iniziare, l'Impero Bizantino pur essendo situato ad est con Costantinopoli come capitale e diventando col tempo culturalmente e linguisticamente greca è ancora considerato la continuazione dell'Impero Romano in quanto la capitale si spostò ad est a Costantinopoli e così anche la sede dell'Impero Romano. imperatore.

Per saperne di più sugli imperatori dell'Impero Romano compresi quelli meno conosciuti, segui Imperatori romani su Instagram, anche alcune immagini di questo articolo provengono da lì.

Iscriviti anche a Dovahhatty su Youtube per saperne di più sulla Storia imparziale di Roma a cui molti dei suoi video saranno collegati in questo articolo. Alcune informazioni in questo articolo e molte delle immagini di diversi personaggi dell'antica Roma che sono rare online sono state prese da questo canale. Inoltre, il finale di Unbiased History è appena stato rilasciato, quindi per non rovinarvi nulla, qui non è presente nulla di quell'episodio. Guardalo qui se vuoi vedere il finale La caduta di Roma.

Bandiera dell'Impero Bizantino L'impero romano al suo apice, 117 L'impero bizantino si estende in 3 periodi diversi

Articoli correlati da Il blogger di Bisanzio:

I. Il primo principato (27 a.C.-235 d.C.)

Camillo Scriboniano (42 d.C.)- Nel 41 d.C., Caligola, il 3° imperatore dell'Impero Romano, fu assassinato dalla guardia pretoriana in un complotto guidato dal comandante del pretorio Cassius Chaerea che procedette ad uccidere la moglie e il figlio di Caligola, ma un'altra divisione della guardia pretoriana invece di voler finire il famiglia imperiale voleva sostituire Caligola con lo zio Claudio che trovarono nascosto dietro una tenda e lì lo proclamarono imperatore. Claudio I in un primo momento non voleva diventare imperatore perché non era mai stato pianificato per lui, ma dovette accettarlo comunque altrimenti sarebbe scoppiata la guerra civile e come imperatore, l'obiettivo principale di Claudio era quello di ristabilire l'ordine dal regno sanguinoso e decadente di Caligola . Nel frattempo nella provincia romana della Dalmazia nel 42 d.C., il suo governatore, il senatore romano Lucius Arruntius Camillus Scribonianus, considerato imperatore dopo l'assassinio, guidò una ribellione contro Claudio con le sue truppe in Dalmazia con l'obiettivo di marciare su Roma e prendere il controllo di Claudio non avrebbe avuto successo come imperatore e come imperatore Camillo progettò di ripristinare l'antica autorità del senato. Claudio quando venne a sapere della rivolta di Camillo pensò di abdicare in favore di Camillo ma fu dissuaso dal senato così Claudio inviò un esercito in Dalmazia per affrontare la ribellione di Camillo che era invece composta da soldati nuovi e inesperti. Entro 5 giorni nell'anno 42 d.C., le legioni fedeli a Claudio furono in grado di schiacciare la ribellione di Camillo, ma non fu mai registrato se entrambe le forze si incontrarono in battaglia o se Camillo decise di rinunciare alla ribellione. Tuttavia, ciò che effettivamente accadde fu che dopo 5 giorni di ribellione, i soldati di Camillo si rifiutarono di obbedire ai suoi ordini, così Camillo fuggì sull'isola di Issa nella costa dalmata, suicidandosi per evitare la cattura. Ora, se Camillo avesse effettivamente avuto la forza e un esercito disciplinato, avrebbe effettivamente marciato contro Claudio e lo avrebbe rovesciato, ponendo così fine alla dinastia giulio-claudia nel 42 d.C.


I volti degli imperatori romani: la crisi imperiale e gli imperatori delle caserme - Storia

Le monete per questo emittente sono state emesse dal 235 al 238.

Gaio Giulio Valerio Massimino nacque in Tracia e iniziò la sua vita come umile soldato. Salì di grado fino a quando, con le campagne militari di Severo Alessandro, ebbe il controllo di una legione e del governatorato della Mesopotamia. Fu coinvolto nella campagna tedesca di Alessandro e acclamato imperatore dalle sue truppe vicino a Magonza.

Al Senato non piaceva Massimino perché non trascorreva tempo a Roma ed estorceva ingenti somme di denaro per finanziare le sue campagne militari di grande successo. Lo vedevano anche con pregiudizio a causa delle sue origini molto umili. Gordiano I e II cercarono di prendere il governo dall'Africa, ma quella ribellione fu sedata a Roma, Balbieno e Pupieno furono eletti imperatori congiunti dal Senato e Massimino marciò verso Roma. Fu fermato ad Aquileia quando il comune si rifiutò di offrirgli rifugio. Ha iniziato un assedio ma è stato ucciso da assassini che hanno portato la sua testa a Roma.

Maximinus, chiamato anche Maximinus Thrax in riferimento alle sue origini trace, era un uomo enorme con un mento prominente. I rapporti lo caratterizzano come anormalmente alto e molto muscoloso.

Ultimi esempi registrati con immagini

Abbiamo registrato 96 esempi.

Registrazione: LVPL-A959C2
Tipo di oggetto: COIN
Periodo ampio: ROMAN
Descrizione: Denario d'argento di base di Massimino I&hellip
Flusso di lavoro: in attesa di convalida

Record: BM -219093
Tipo di oggetto: COIN
Periodo ampio: ROMAN
Descrizione: Sesterzio romano di Maximin&hellip . in lega di rame
Flusso di lavoro: pubblicato

Registrazione: WAW-8553E6
Tipo di oggetto: COIN
Periodo ampio: ROMAN
Descrizione: Un sesterzio incompleto in lega di rame di M&hellip
Flusso di lavoro: pubblicato

Registrazione: HESH-0834DD
Tipo di oggetto: COIN
Periodo ampio: ROMAN
Descrizione: Denario romano d'argento a base incompleta o&hellip
Flusso di lavoro: pubblicato

Altre risorse su Maximinus Thrax

Visualizza tutte le monete registrate dallo schema attribuito a Maximinus Thrax.

Informazioni da Wikipedia

  • Etichetta preferita: Maximinus Thrax
  • Nomi completi:
    • Massimino Trace
    • Padre:
    • Madre:
    • Console dell'Impero Romano
    • Elenco degli imperatori romani

    Denominazioni emesse

    • As - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Maximinus
    • Aureus (Repubblica/Impero) - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Maximinus
    • Denario (Impero) - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Maximinus
    • Dupondius - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Maximinus
    • Sestertius - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Maximinus
    • Semis - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Maximinus
    • Dupondius o as - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Maximinus
    • Quadrans - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Maximinus
    • Quinarius - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Maximinus
    • Radiate (antoninianus) - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Maximinus
    • Medaglione - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Maximinus

    Emissione di zecche

    Questo video è stato incorporato dalla serie di podcast di Adrian Murdoch sugli Imperatori di Roma. Molte grazie a lui per averci permesso di usare questi podcast.

    Altri formati: questa pagina è disponibile come rappresentazioni xml json rdf.


    I volti degli imperatori romani: la crisi imperiale e gli imperatori delle caserme - Storia

    Capitolo 107 – I Quattro Capi Militari

    Ye Qingyu prese la sua decisione, non esitando più e preparandosi ad agire.

    Ha attivato il suo yuan interiore, poi ha colpito con il pugno.

    Un grande buco è stato creato direttamente nel ponte di pietra sotto il quale si nascondeva...

    La struttura rocciosa andò in frantumi immediatamente, polvere e fumo si alzarono nell'aria.

    In questo istante, Ye Qingyu era come un fulmine che volava da sotto il ponte con i suoi colpi di palmo come elettricità. In una frazione di secondo aveva colpito quattro volte. I quattro soldati d'élite delle [Black Mountain Barracks] che indossavano maschere corazzate nere non hanno reagito in tempo a questa imboscata. Sono stati colpiti direttamente alla fronte. Con un grugnito soffocato, i loro corpi si afflosciarono, cadendo.

    Ye Qingyu li ha solo fatti perdere i sensi, non li ha uccisi.

    Sul ponte, l'ultimo soldato della [Black Mountain Barracks] che teneva in braccio la persona vestita di nero era ancora lì. Era scioccato, la sua bocca si spalancò ed esclamò ad alta voce.

    La voce apparteneva a Xia Houwu

    Ye Qingyu emise una risata fredda, avvicinandosi in un istante alla distanza.

    Xia Houwu sentiva che quella risata era in qualche modo familiare, come se l'avesse già sentita da qualche parte. Ma in questo breve momento non poteva indagare troppo a fondo prima di dover difendere, la lunga lancia nelle sue mani che bloccava il colpo del nemico.

    Ye Qingyu utilizzava ancora solo i pugni.

    All'interno del suono dell'impatto, l'arma standard in acciaio fu piegata in una frazione di secondo da questo pugno.

    Il pugno schiacciò completamente la lancia lamentosa, colpendo il corpo di Xia Houwu.

    Il corpo della lancia si spezzò.

    Xia Houwu sentì la sua anima volare via e disperdersi. Poteva percepire una vasta forza dietro il pugno che gli entrava nel petto. In seguito, come un torrente di montagna che irrompe e si scatena, la forza ha distrutto tutto sul suo cammino. In quel momento, poteva persino sentire il rumore terrificante dei suoi stessi organi interni che si frantumavano e si sbriciolavano.

    Questo era il suono della morte in arrivo.

    Le pupille di Xia Houwu si sono dilatate.

    "Sei tu..." Riuscì finalmente a riconoscere Ye Qingyu all'ultimo momento.

    Il secondo successivo, Xia Houwu fu posseduta dall'odio e da un folle rimpianto, incomparabilmente allarmata. Che avrebbe incontrato Ye Qingyu qui, poteva essere che il suo destino fosse già stato deciso dai Cieli? Questo incontro è stato diverso dal loro ultimo nel [Boundary Canyon Battlefield]. Morire qui rappresentava una vera morte, senza possibilità di resuscitare.

    “Avresti dovuto morire da tempo. Questa volta, chi può salvarti?" Una seconda forza è esplosa dal pugno di Ye Qingyu.

    "Tu... oseresti davvero uccidermi, tu..." urlò con un cupo ruggito gutturale, i tratti del viso coperti di odio e veleno. Il suo corpo era come un aquilone con la corda rotta, che atterrava contro un muro di pietra. Il sangue schizzò all'impazzata dalla sua bocca, svenendo completamente.

    La mano di Ye Qingyu colpì di nuovo, formando una lama con la sua mano e spezzando le catene dell'uomo vestito di nero.

    "Seguimi e vattene". Ye Qingyu tese la mano per sostenerlo.

    L'uomo vestito di nero gravemente ferito è stato in grado di riconoscere Ye Qingyu. Ma invece di prendere una mano, fece un passo indietro e scosse la testa.

    Ye Qingyu fu colto di sorpresa.

    Un sorriso amaro apparve sull'uomo vestito di nero, scuotendo con decisione la testa. “Giovane signore, andate presto. Hanno già visto la mia faccia e sanno che aspetto ho. Oggi all'interno di Deer City, alla fine si troveranno tutti coloro che si trovano sotto il livello del Mare amaro perseguiti dall'esercito. Non preoccuparti per me. Portarmi con te sarà solo il tuo fardello…”

    Ye Qingyu non poteva ancora sopportare di lasciarlo indietro.

    Dal momento che questa persona vestita di nero aveva il compito di portarlo a vedere Wang Jianru e la piccola loli, allora evidentemente era una persona di cui Wang Jianru si fidava molto. Se possibile, Ye Qingyu ovviamente voleva salvarlo.

    "Dovresti andartene in fretta, non indugiare in un posto così pericoloso." L'uomo vestito di nero fece un paio di passi indietro. “La mia vita è a buon mercato, se non fosse stato per il mio padrone in questi ultimi anni, sarei morto da tempo. In questo momento restituirò la mia vita al mio padrone... Giovane signore, vattene presto. Il Maestro ha già organizzato tutto, la piccola principessa sarà sicuramente illesa. Non devi preoccuparti."

    Quando ebbe finito, afferrò una lunga spada che giaceva accanto a lui. Con una fetta, veloce come un fulmine, si tagliò senza pietà la propria faccia.

    Ye Qingyu era molto scioccato.

    Era in grado di vedere che questa spada aveva completamente tagliato a pezzi la pelle del suo viso. Le sue intere caratteristiche facciali erano un disastro sanguinoso. Non c'era assolutamente più modo di riconoscere le sue caratteristiche originali. L'uomo vestito di nero fece una lunga risata, poi si conficcò la lama nel petto. Si è tuffato nel fiume sotto il ponte di pietra.

    Ye Qingyu rimase in silenzio senza parole che potesse dire.

    Sapeva il motivo per cui quell'uomo vestito di nero aveva distrutto i suoi tratti del viso. Aveva paura che anche se fosse morto, l'esercito sarebbe stato in grado di rintracciare il suo passato e la sua storia. Era preoccupato che la sua famiglia in città sarebbe stata colpita. Pertanto, avrebbe completamente distrutto la sua faccia e ha scelto di suicidarsi.

    Che tipo di uomo era questo per essere così fedele e leale?

    In questo istante, Ye Qingyu fu completamente scosso.

    E in quel momento si sentiva il rumore di passi che venivano da molto lontano. C'era una grande quantità di soldati d'élite delle [Black Mountain Barracks] che si sono precipitati rapidamente.

    Ye Qingyu emise un lungo sospiro di rammarico, voltandosi e dirigendosi verso un'altra direzione.

    Mentre passava accanto al cadavere di Xia Houwu, gli venne in mente che questo tipo potesse fingere la sua morte. Mentre correva, prese a calci un masso, e sotto il suo yuan interiore, il masso era come una freccia lanciata da un arco. Ha completamente fracassato e mutilato la testa del cadavere. Confermando che non c'era nient'altro di cui occuparsi, Ye Qingyu si nascose rapidamente tra le macerie e la polvere lontano.

    Molto rapidamente, decine di soldati delle [Black Mountain Barracks] arrivarono al ponte di pietra.

    Ye Qingyu era riuscito a fuggire con successo dal caotico campo di battaglia intorno alla [Residenza della Nebbia].

    L'esperienza che aveva avuto nell'uccidere e nel passare attraverso l'area selvaggia del [Boundary Canyon Battlefield] gli aveva dato un istinto sensibile come quello di una bestia selvaggia. In questo momento, si è rivelato di vitale importanza. Si imbatteva continuamente nell'accerchiamento e nei blocchi delle [Black Mountain Barracks], ma ogni volta riusciva a sfondare con successo le truppe circostanti.

    La battaglia nei cieli era ancora in corso.

    Chen Jiuxing insieme a decine di esperti di Deer City ha continuato a intrappolare Wang Jianru.

    Questa era la lotta che avrebbe determinato l'esito finale di questa battaglia.

    La luce della spada era come un fulmine, che tagliava costantemente i cieli.

    Con ogni colpo dell'enorme ascia di Chen Jiuxing, ci sarebbe stata una vasta energia che avrebbe colpito insieme ad essa. L'ascia di yuan qi squarciò lo spazio, maree d'aria visibili all'occhio umano che si diffondevano ovunque, incomparabilmente vigorose. Secondo la stima approssimativa di Ye Qingyu, la forza di questa persona dovrebbe aver già raggiunto lo stadio delle trenta sorgenti spirituali. Non c'è da stupirsi che fosse uno dei quattro capi militari di Deer City, la sua forza era davvero potente.

    Ma anche se così fosse, insieme alla collaborazione di decine di esperti di primavera Spirit, Chen Jiuxing era ancora in svantaggio.

    Wang Jianru sembrava tenere qualcosa nel braccio sinistro. Il suo braccio destro colpì casualmente, e un altro raggio di luce della spada squarciò lo spazio. La luce della spada strettamente raggruppata era come stelle cadenti. Sebbene la luce della spada non fosse vasta o grande come l'ascia di yuan qi, ma era molto più luminosa. Lo splendore è stato in grado di avvolgere completamente lo splendore del sole e della luna. In un istante, ruppe completamente l'ascia di yuan qi.

    Ye Qingyu si ritirò in un ristorante a mille metri di distanza, mischiandosi alla folla. Tutta la sua attenzione e concentrazione erano concentrate sulla battaglia nei cieli.

    La conversazione circostante era rumorosa e clamorosa, discutendo degli eventi che stavano accadendo all'interno della città.

    “Hai sentito che la ragazza demoniaca delle tenebre è apparsa dalla Qingluo Merchant Company? "

    "Giusto. Non vedi la donna che impugna la spada nei cieli, il suo background è molto grande. Ho sentito che anche se muore, vuole proteggere la ragazza demoniaca delle tenebre!"

    "Sembra che questa demoniaca ragazza delle tenebre fosse persino una studentessa della White Deer Academy".

    “Speriamo che l'esercito possa eliminare rapidamente quella ragazza demoniaca. Altrimenti, ho sentito che la ragazza demoniaca delle tenebre porterà con sé una maledizione. Se è così, l'intera nostra Deer City sarà sprofondata nella sventura".

    In un mondo del genere, dove la via marziale era prospera, c'erano alcune persone che avevano paura di morire. Ma le persone che non avevano paura e amavano assistere all'eccitazione erano in numero maggiore. Non solo questo ristorante, ma molte delle strutture appena fuori dal raggio di ingresso vietato erano particolarmente affollate di ogni tipo di persona. Ognuno di loro stava osservando la battaglia che era come una lotta tra divinità che si svolgeva nei cieli.

    Personaggi come Chen Jiuxing non combattevano con tutta la loro forza da molto tempo. Anche gli artisti marziali della città non vedevano da molti anni una tale battaglia che scuoteva il mondo. Ognuno di loro era affascinato da ciò che stava accadendo.

    Ye Qingyu si era già cambiato indossando un altro paio di vestiti, spingendosi tra la folla senza dire nulla.

    E in quel momento, la battaglia nei cieli era già continuata per più di un'ora.

    Ye Qingyu sentiva che qualcosa era leggermente strano, ma non poteva dire cosa fosse esattamente.

    Durante questo momento, nell'aria avvenne un altro brusco cambiamento.

    Un altro raggio di luce, proveniva dal quartiere occidentale della città. Radiante come il sole, si trasformava in punti di luce strettamente raggruppati. Come la pioggia stessa, ha sparato verso Wang Jianru

    Quando Ye Qingyu guardò attentamente, non erano affatto punti di luce verdi.

    Era evidentemente un'ampia fascia di luci verdi di spada densamente ammassate. Come se fosse un uragano, colpì per uccidere Wang Jianru.

    Un altro vero esperto aveva agito.

    Era la persona numero uno dell'ufficio militare occidentale, il capo militare Qian Yuan.

    La gente tutt'intorno si è subito emozionata.

    I due grandi capi militari di Deer City avevano uno status elevato con grande potere e prestigio. Per i normali cittadini della città, erano esistenze in cui potevano vedere la testa del drago ma non la coda del drago*. Questa volta, in cui i due si unirono per affrontare un nemico comune, poteva essere considerata una grande occasione che non si verificava da decine di anni.

    Ma Ye Qingyu era un po' ansioso.

    Tra le tante persone che osservavano la battaglia, era l'unico che sperava che Wang Jianru e il piccolo loli sarebbero stati in grado di partire in sicurezza.

    Solo dopo un momento la preoccupazione di Ye Qingyu poté diminuire leggermente.

    Il capo militare occidentale Qian Yuan ha dimostrato una forza potente. La luce della sua spada si trasformò in pioggia, e all'interno della luce verde c'era un'energia strana e spaventosa. Non era in alcun modo meno potente del capo militare del sud Chen Jiuxing. ma ciò che era strano era che anche dopo che Qian Yuan era entrato nel campo di battaglia, non poteva cambiare affatto la situazione. Gradualmente in questa lotta, Wang Jianru ha ancora completamente soppresso e controllato gli esperti di Deer City.

    "Questo è strano, Wang Jianru può evidentemente gestire i loro attacchi con facilità, perché non riesce a sfondare?" Ye Qingyu intuì che stava subendo qualcosa di strano.

    Accompagnati dalla radiosità di due yuan qi che esplodeva dai distretti della città settentrionale e orientale, apparvero ancora più veri esperti. Come lunghe strisce di luce rossa che attraversavano l'aria, si unirono alla battaglia in un istante.

    Erano comparsi altri due capi militari.

    Immediatamente si creò un trambusto tra la folla che osservava la battaglia.

    I quattro grandi capi militari attaccano contemporaneamente!

    "Haha, finalmente sono apparsi i quattro rifiuti?" La voce di Wang Jianru risuonò in tutto il cielo, portando con sé orgoglio e disprezzo. “Qin Ying, il capo della tua città, perché non è ancora apparso? Osare agire contro di me, ma non avere il coraggio di apparire davanti a me. Manda a morte gli avanzi come voi?"

    Una luce di spada esplose dal braccio destro di Wang Jianru.

    Questa spada è stata sufficiente per avvolgere tutta la grazia e il colore del mondo in questo momento.

    Non importa se fosse l'accetta yuan qi di Chen Jiuxing o la luce verde della spada di Qian Yuan, niente poteva bloccarla. Ovunque nel cielo, insieme agli altri due grandi condottieri militari e alle decine di esperti, tutto è stato spazzato via. I loro attacchi di yuan qi, di fronte a una tale luce di spada erano come la neve bianca che incontra l'acqua bollente. È completamente scomparso. Ovunque passasse questa luce di spada, lo spazio veniva squarciato. Le nuvole erano completamente disperse, una crepa azzurra che spazzava Deer City.

    *agisce in modo estremamente misterioso

    Se trovi errori (link interrotti, contenuti non standard, ecc.), faccelo sapere in modo che possiamo risolverlo il prima possibile.


    Imperatore congiunto

    Quando Settimio Severo morì a Eboracum all'inizio del 211, Caracalla e Geta furono proclamati imperatori congiunti e tornarono a Roma.


    Il loro governo comune è stato un fallimento. Fonti successive hanno ipotizzato che il
    fratelli volevano dividere l'impero in due metà. Entro la fine del 211,
    la situazione era diventata insostenibile. Caracalla ha provato senza successo a
    omicidio Geta durante la festa dei Saturnali.
    Infine, il 19 dicembre, Caracalla fece organizzare a sua madre una
    incontro di pace con suo fratello negli appartamenti di sua madre, e poi aveva
    lui assassinato tra le sue braccia dai centurioni.


    I volti degli imperatori romani: la crisi imperiale e gli imperatori delle caserme - Storia

    Le monete per questo emittente sono state emesse dal 218 al 222.

    Riferito bello, Eliogabalo era il sommo sacerdote dell'omonimo dio-sole siriano. Tentò di introdurre questo culto a Roma, portando anche con sé l'enorme pietra che rappresentava il dio e costruendogli un tempio vicino al Colosseo. Eliogabalo aveva anche famigerati appetiti sessuali sia per gli uomini che per le donne e prometteva un'enorme ricompensa a qualsiasi medico che potesse eseguire un'operazione di cambio di sesso. Ha sposato almeno tre donne entro quattro anni. Alla fine, l'esercito e il senato romani non poterono più rispettare Eliogabalo e le donne dietro la sua amministrazione iniziarono a litigare. Adottò il futuro Alessandro Severo nel tentativo di legittimare il suo potere, ma i pretoriani uccisero comunque Eliogabalo e sua madre.

    Eliogabalo aveva grandi occhi e un viso giovane e sottosviluppato. Tendeva a indossare tuniche d'oro o viola e, a volte, un diadema femminile.

    Ultimi esempi registrati con immagini

    Abbiamo registrato 373 esempi.

    Registrazione: BH -59990C
    Tipo di oggetto: COIN
    Periodo ampio: ROMAN
    Descrizione: Un romano incompleto silv&hellip . degradato
    Flusso di lavoro: in attesa di convalida

    Registrazione: SF-02D007
    Tipo di oggetto: COIN
    Periodo ampio: ROMAN
    Descrizione: Una copia contemporanea placcata in argento di una tana&hellip
    Flusso di lavoro: in attesa di convalida

    Registrazione: NMS-5FC8F7
    Tipo di oggetto: COIN
    Periodo ampio: ROMAN
    Descrizione: Denario d'argento indossato di Eliogabalo (A&hellip
    Flusso di lavoro: pubblicato

    Registrazione: OXON-2835B9
    Tipo di oggetto: COIN
    Periodo ampio: ROMAN
    Descrizione: Denario romano d'argento incompleto di Ela&hellip
    Flusso di lavoro: pubblicato

    Altre risorse su Eliogabalo

    Visualizza tutte le monete registrate dallo schema attribuito a Eliogabalo.

    Informazioni da Wikipedia

    • Etichetta preferita: Elagabalus
    • Nomi completi:
      • Eliogabalo
      • Padre: Sesto Vario Marcello
      • Madre: Julia Soemias
      • Console dell'Impero Romano
      • Elenco degli imperatori romani
      • Oclatinia (genere)
      • Macrino

      Denominazioni emesse

      • As - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Elagabalus
      • Aureus (Repubblica/Impero) - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Eliogabalo
      • Denario (Impero) - visualizza tutti i documenti di questa denominazione emessi da Eliogabalo
      • Dupondius - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Eliogabalo
      • Sesterzio - visualizza tutti i documenti di questa denominazione emessi da Eliogabalo
      • Semis - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Elagabalus
      • Dupondius o as - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Elagabalus
      • Quadrans - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Elagabalus
      • Quinarius - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Eliogabalo
      • Radiato (antoninianus) - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Elagabalus
      • Medaglione - visualizza tutti i record di questa denominazione emessi da Elagabalus

      Emissione di zecche

      Questo video è stato incorporato dalla serie di podcast di Adrian Murdoch sugli Imperatori di Roma. Molte grazie a lui per averci permesso di usare questi podcast.

      Altri formati: questa pagina è disponibile come rappresentazioni xml json rdf.


      Riferimenti

      • Birley, Anthony R. (1999) [1971]. Settimio Severo: l'imperatore africano. Londra: Routledge. ISBNـ-415-16591-1.   . Gli imperatori romani, 1985. ISBN 0-7607-0091-5. . I Severani: l'impero romano cambiato, 1996. ISBN 0-415-12772-6.
      • Continuité gentilice et continuité sénatoriale dans les familles sénatoriales romaines à l'époque impériale, 2000.
      • A. Daguet-Gagey, Septime Sévère (Parigi, 2000). , "Settimio Severo: l'imperatore augusteo", in Simon Swain, Stephen Harrison e Jas Elsner (a cura di), cultura severiana (Cambridge, CUP, 2007).
      • Johannes Hasebroek, Untersuchungen zur Geschichte des Kaiser Settimio Severo (Cambridge, 1921).
      • R.G. Hovannisian, Il popolo armeno dall'antichità ai tempi moderni, Volume I: I periodi dinastici: dall'antichità al quattordicesimo secolo, Palgrave Macmillan, 2004
      • Achim Lichtenberger, Severus Pius Augustus: Studien zur sakralen Repräsentation und Rezeption der Herrschaft des Septimius Severus und seiner Familie (193-211 n. chr.) (Leiden Boston: Brill, 2011) (Impact of Empire, 14).

      Introduzione: Narrazioni della storia tedesca della prima età moderna
      I. La Germania e il Sacro Romano Impero nel 1500
      1:Origini e frontiere
      2: Il Reich come politica
      3: Territori frammentati
      4:Il Reich e la nazione tedesca
      II. La riforma del Reich e della Chiesa c. 1490-1519
      5: L'era della Riforma nella storia tedesca
      6: Il Reich sotto Massimiliano I
      7: Reich, Papato e Reichskirche
      8: Rinnovamento religioso e laici
      9:Umanesimo nel Reich
      10: La "rivoluzione della stampa" e la sfera pubblica
      11:Paesaggi economici, comunità e le loro lamentele
      12:Martin Lutero e l'"affare Lutero" 1517-1519
      III. Carlo V e la sfida della Riforma negli anni 1520
      13: Il Reich durante il primo decennio di Carlo V
      14: Lutero e la politica imperiale, 1519-1526
      15: Lutero e il movimento di riforma tedesco
      16: Riforme alternative e dominio del luteranesimo
      17: La guerra dei cavalieri, 1522-1523
      18: La guerra dei contadini, 1525
      19: Riforma nelle città
      IV. Padroneggiare la Riforma c. 1526-1555
      20: L'emergere dei territori protestanti
      21: La persistenza del cattolicesimo
      22: Carlo V, Ferdinando e il Reich in Europa
      23: L'istituzione del protestantesimo, 1526-1530
      24: La Lega di Smalcalda, le sue controparti e la politica del Reich, 1530-1541
      25: Carlo V come 'Signore di Germania', 1541-1548
      26: Il trionfo del Reich, 1548-1555
      V. Gestire la pace 1555-1618
      27: Contorni dell'"età confessionale"
      28: imperatori, funzionari imperiali e stati dopo la pace di Augusta
      29: Sviluppi costituzionali dopo il 1555: Reichstag, Kreise, tribunali e legislazione
      30:Il Reich in Europa
      31: Gestire la pace domestica, 1555-c.1585
      32: Il consenso vacilla, c. 1585-1603
      33: Paralisi, 1603-1614
      34: Problemi della dinastia degli Asburgo
      35:Il Reich sotto il regno dell'imperatore Mattia, 1612-1619
      36: La crisi delle terre asburgiche
      37:Diritto pubblico imperiale e lotta per la costituzione imperiale
      38: Irenicismo e patriottismo alla vigilia della guerra
      VII. I territori e le città tedesche dopo il 1555
      39:Problemi di interpretazione
      40: Un ambiente benigno?
      41: Formazione dello Stato?
      42: Ordine e difesa interni
      43: Confessionalizzazione?
      44:Finanza, tassazione e proprietà
      45: La rinascita dei tribunali
      46: Le città imperiali
      47:Rispondere alle crisi
      VII. La Guerra dei Trent'anni 1618-1648
      48: La guerra dei trent'anni nella storia tedesca
      49: Che tipo di conflitto?
      50: La riconquista dell'Austria e della Boemia, 1618-1623
      51: Ferdinando Vittorioso
      52: La Danimarca e la guerra per il Reich, 1623-1629
      53: Che tipo di Reich? Svezia e difesa delle libertà tedesche, 1630-1635
      54: Wallenstein e dopo
      55: Francia, Svezia e Cammino Tedesco, 1635-1648
      56: La pace di Westfalia
      57: L'impatto della guerra sulla società tedesca
      58: La guerra dei trent'anni e la politica tedesca
      Glossario
      Bibliografia
      Indice

      Joachim Whaley

      Storia di Oxford della prima Europa moderna


      La Germania e il Sacro Romano Impero offre una sorprendente nuova interpretazione di un'epoca cruciale nella storia tedesca ed europea, dalle grandi riforme del 1495-1500 alla dissoluzione del Reich nel 1806. In due volumi, Joachim Whaley rifiuta l'idea che questo fosse un lungo periodo di decadenza, e mostra invece come le istituzioni imperiali si svilupparono in risposta alle crisi dei secoli XVI e XVII, in particolare la Riforma e la Guerra dei Trent'anni. Il
      impact of international developments on the Reich is also examined.

      The first volume begins with an account of the reforms of the reign of Maximilian I and concludes with the Peace of Westphalia in 1648. It offers a new interpretation of the Reformation, the Peasants' War, the Schmalkaldic War and the Peace of Augsburg, and of the post-Reformation development of Protestantism and Catholicism. The German policy successfully resisted the ambitions of Charles V and the repeated onslaughtsof both the Ottomans and the French, and it remained stable in the face of
      the French religious wars and the Dutch Revolt. The volume concludes with an analysis of the Thirty Years War as an essentially German constitutional conflict, triggered by the problems of the Habsburg dynasty and prolonged by the interventions of foreign powers. The Peace of Westphalia, which ended
      the conflict, both reflected the development of the German polity since the late fifteenth century and created teh framework for its development over the next hundred and fifty years.
      show more


      Guarda il video: CRONOLOGIA IMPERATORI ROMANI (Giugno 2022).