Podcast di storia

USS Gilmer (DD-233/APD-11)

USS Gilmer (DD-233/APD-11)


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

USS Gilmer (DD-233/APD-11)

USS Gilmer (DD-233/APD-11) era un cacciatorpediniere classe Clemson che servì come trasporto veloce, prendendo parte alla campagna della Nuova Guinea, alle invasioni di Saipan e Taipan, Iwo Jima e Okinawa.

Il Gilmer prende il nome da Thomas Walker Gilmer, nominato Segretario della Marina il 15 febbraio 1944 ma ucciso dall'esplosione di un cannone ad arco sulla USS Princeton il 28 febbraio.

Il Gilmer fu varata il 24 maggio 1919 e commissionata il 30 aprile 1920.

Il Gilmer era uno dei cinque cacciatorpediniere della classe Clemson che erano armati con cannoni calibro 5”/51 al posto dei cannoni da 4 pollici usati nel resto della classe.

Fu uno dei primi cacciatorpediniere assegnati al Distaccamento che protegge gli americani e gli interessi americani nelle acque turche nel 1920, lasciando Hampton Roads il 2 ottobre 1920 e arrivando a Costantinopoli il 22 ottobre 1920. Successivamente visitò Pola, in Italia, il 10 febbraio 1921 , probabilmente a Zelinika, Jugoslavia il 21 gennaio 1921. Partì per le acque degli Stati Uniti nel luglio 1923, dopo che l'area si era calmata sebbene prima che Costantinopoli fosse consegnata ai turchi.

Dopo il suo ritorno negli Stati Uniti il Gilmer ha preso parte alla normale routine della flotta statunitense, prendendo parte ad esercitazioni nel Pacifico, nell'Atlantico e nei Caraibi.

Dal dicembre 1926 all'ottobre 1929 fu comandata da Robert Todd Young, mentre prestava servizio con la Divisione 40, lo Squadrone 12, i Destroyer Squadrons, la flotta da ricognizione.

Nel 1926 il Gilmer ha preso parte a uno degli interventi americani in Nicaragua, per proteggere gli interessi statunitensi durante una guerra civile.

Nel 1928 il Gilmer faceva parte della scorta del presidente Coolidge mentre visitava L'Avana sulla USS Texas. Più tardi nello stesso anno ha preso parte ai soccorsi in caso di catastrofe nei Caraibi.

Dall'ottobre 1929 alla primavera del 1931 fu comandata da John Reginald Beardall, sovrintendente dell'Accademia navale degli Stati Uniti dal gennaio 1942 all'agosto 1945.

Il 1 luglio 1934 il Gilmer è stato utilizzato per trasportare il presidente Roosevelt dalla costa alla USS Houston all'inizio di una crociera per Haiti, Porto Rico, Isole Vergini, St. Croix e Columbia. Il Gilmer rimase con il Partito Presidenziale fino all'11 luglio, quando il Houston attraversato il Canale di Panama, mentre il Gilmer rimasto ai Caraibi.

Il Gilmer fu dismesso a Filadelfia il 31 agosto 1938.

Il Gilmer fu rimesso in servizio il 25 settembre 1939 dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale. Si unì alla Divisione cacciatorpediniere della flotta atlantica e servì come nave ammiraglia. Effettuò pattugliamenti e prese parte ad esercitazioni nell'Atlantico e nei Caraibi per l'anno successivo, prima di essere trasferita nel Pacifico.

Raggiunse la sua nuova base a San Diego il 4 novembre 1940, dove svolse compiti simili fino all'attacco giapponese a Pearl Harbor.

1941-2

Dall'ottobre 1941 al giugno 1942 fu l'ammiraglia della Divisione Cacciatorpediniere 82, comandata dal capitano Jerome Lee Allen.

Il Gilmer era in mare al largo di Puget Sound il 7 dicembre 1941 e trascorse l'anno successivo in un mix di pattuglie antisommergibile e compiti di scorta. Fu quindi scelta per essere convertita in un trasporto veloce ed entrò in bacino di carenaggio il 13 novembre 1942.

1943

Il Gilmer fu rinominata APD-11 il 22 gennaio 1943. Lasciò Seattle il 28 gennaio e raggiunse Pearl Harbor il 13 febbraio. Tuttavia sarebbe passato del tempo prima che prendesse parte al suo primo assalto anfibio. Il suo primo ruolo è stato quello di scortare le navi mercantili a Espiritu Santo, dove è arrivata il 9 marzo. Ha poi seguito un periodo di addestramento con il 4° Battaglione dei Marine Raider, ma il 5 aprile ha lasciato Tulagi come nave ammiraglia della Divisione Trasporti 16 per effettuare pattugliamenti antisommergibile. Ha visitato Noumea il 22 aprile e Townsville Australia l'8 maggio. Ha quindi effettuato due viaggi di andata e ritorno tra Townsville e Brisbane fungendo da scorta tra il 13 maggio e il 22 giugno. Luglio e agosto sono stati spesi in compiti di scorta tra l'Australia e la Nuova Guinea.

Partecipò infine al suo primo sbarco anfibio il 4 settembre 1943, quando sbarcò truppe vicino a Lae, nella penisola di Huon in Nuova Guinea. Ha anche bombardato l'isola di Buna durante questa operazione. Nelle settimane successive fu utilizzata per supportare le truppe alleate in Nuova Guinea e per ulteriori viaggi di scorta in Australia. Il suo secondo sbarco anfibio avvenne il 26 dicembre 1943, quando sbarcò le truppe della 1a Divisione Marine a Cape Gloucester, nella Nuova Britannia. Ha anche sostenuto gli sbarchi a Finschhafen il 29 dicembre.

1944

Il 2 gennaio 1944 il Gilmer sbarcò parte della 126a fanteria a Saidor, in Nuova Guinea. Fu quindi utilizzata per pattugliare Buna e il vicino Capo Sudest. Il 22 aprile 1944 bombardò la baia di Humboldt durante gli sbarchi statunitensi.

Il 1 maggio il Gilmer lasciò Hollandia per navigare verso Pearl Harbor, dove raccolse alcune squadre di demolizione subacquea. Il 14 giugno 1944 sbarcò queste forze all'inizio dell'invasione di Saipan.

Il 16 giugno il Gilmer trovato quattro trasporti costieri giapponesi (il Yusen Maru 1, Yusen Maru 2, Tao Maru e Tatsutaku Maru) e affondò tutti e quattro, in quella che a volte veniva chiamata la "battaglia di Marpi Point", fece anche 24 prigionieri.

Il 23 giugno il Gilmer bombardato Tinian Town. Ha anche operato con i suoi UDT al largo di Tinian.

Il Gilmer è stato poi accoppiato con USS William C. Miller per formare un piccolo gruppo di killer antisommergibile. La coppia affondò I-55 il 14 luglio. La Marina degli Stati Uniti originariamente credeva che fossero affondati I-6, ma quel sottomarino è stato perso dopo una collisione con una nave mercantile giapponese.

Il 12 agosto il Gilmer partì per Pearl Harbor, dove trascorse del tempo in UDT e addestramento di ricognizione intorno alle Hawaii.

Alla fine del 1944 sembra essere tornata negli Stati Uniti per una riparazione o una revisione, poiché è stata fotografata al Mare Island Navy Yard il 27 novembre 1944.

1945

Il 10 gennaio il Gilmer lasciò Pearl Harbor per prendere parte alle prove per l'invasione di Iwo Jima. effettuato al largo di Ulithi. Il 16 febbraio si è avvicinata a Iwo Jima per prendere parte all'attacco iniziale. Squadre UDT sono state sbarcate sulle spiagge orientali e occidentali, e il Gilmer poi proiettato la corazzata Tennessee mentre bombardava la riva. Il Gilmer trascorse ancora qualche giorno impegnato nel pattugliamento e nello screening, prima di partire per Leyte il 24 febbraio.

Il Gilmer prese poi parte all'invasione di Okinawa, operando come nave ammiraglia per gli UDT. Si è avvicinata all'isola il 25 marzo e il giorno seguente ha avuto una fuga fortunata con un aereo kamikaze che ha colpito la tuga della cambusa mentre mancava lo scafo, uccidendone uno e ferendone tre. Il 30 marzo ha preso parte al bombardamento pre-invasione di Okinawa. Il Gilmer rimase al largo di Okinawa fino al 9 aprile. Tornò quindi a Pearl Harbor per le riparazioni, prima di tornare a Okinawa il 4 luglio.

Questo è stato seguito da un periodo trascorso come parte dello schermo antisommergibile per i convogli diretti dalle Filippine a Okinawa. Dopo la resa giapponese arrivò a Nagasaki il 13 settembre e fu usata per riportare i prigionieri di guerra liberati a Okinawa.

Il 15 ottobre è partita da Okinawa diretta a Hong Kong, dove è arrivata il 22 ottobre. Il 24 ottobre partì per scortare le navi truppe che trasportavano la 13a armata cinese a Chinwangao (Qinhuangdao). Ha poi trascorso i successivi due mesi in pattuglia e scorta lungo la costa della Cina, prima di partire per gli Stati Uniti il ​​26 novembre. Raggiunse Filadelfia l'11 gennaio 1946 e fu dismessa il 5 febbraio. Fu venduta per essere demolita il 3 dicembre 1946.

Il Gilmer ha ricevuto sette stelle di battaglia per il servizio della seconda guerra mondiale, per le operazioni nella Nuova Guinea orientale (Lae, Finschaffen e Saidor), nell'arcipelago di Bismarck (Capo Gloucester e Isole dell'Ammiragliato), Saipan, Iwo Jima, Okinawa, Tinian e Hollandia.

Cilindrata (di serie)

1.190 t

Cilindrata (caricata)

1.308t

Velocità massima

35kts
35,51 nodi a 24.890 cv a 1.107 t in prova (Preble)

Motore

Tubi orientabili Westinghouse a 2 alberi
4 caldaie
27.000 CV (disegno)

Gamma

2.500 nm a 20 nodi (disegno)

Lunghezza

314 piedi e 4 pollici

Larghezza

30 piedi 10,5 pollici

armamenti

Quattro pistole da 4 pollici/50
Una pistola AA da 3 pollici/23
Dodici siluri da 21 pollici in quattro supporti tripli
Due tracce di carica di profondità
Un proiettore di carica di profondità Y-Gun

Complemento equipaggio

114

Lanciato

24 maggio 1919

commissionato

30 aprile 1920

Venduto per rottame

3 dicembre 1946


Guarda il video: US WWII Submarine Walkthrough u0026 Audio tour - The USS PampanitoSS-383 - Balao class (Giugno 2022).