Podcast di storia

Hank Aaron - Storia

Hank Aaron - Storia

Hank Aaron

1934-

Giocatore di baseball

Hank Aaron è nato il 5 febbraio 1934 a Mobile Alabama. È cresciuto in una famiglia povera. Si è unito ai Pritchett Athletics e poi ai Mobile Black Bears. Ha poi giocato per gli Indianapolis Clowns della American Negro League. I Boston Braves lo hanno poi acquistato per $ 10.000. Dopo aver giocato nelle minor league, Aaron fece il suo debutto in major league il 13 aprile 1954 con i Milwaukee Braves.

Aaron è rimasto un giocatore di baseball professionista per oltre due decenni, è ricordato soprattutto per aver battuto un record una volta ritenuto insuperabile: 714 fuoricampo totali stabiliti dalla leggendaria Babe Ruth. Lo ha fatto l'8 aprile 1974. Aaron ha concluso la sua carriera con 755 a casa punti, 3771 valide, una media battuta di 305 e un posto garantito nella Hall of Fame del baseball in cui è stato inserito il 1 agosto 1982.


L'indicibile verità di Hank Aaron

Il mondo del baseball ha dovuto dire addio a molti eroi di diamante nel 2020. Hall of Famer come Joe Morgan, Tom Seaver, Bob Gibson, Lou Brock e Whitey Ford sono tutti morti tra i mesi di agosto e ottobre, e il 2021 non ha t è andata meglio per lo sport. Nel primo mese dell'anno, il manager della Hall of Fame Tommy Lasorda e il lanciatore Don Sutton morirono entrambi. Il 22 gennaio, il paese ha dovuto dire addio a un'icona conosciuta sia dentro che fuori dal campo da baseball, Hank Aaron.

Come giocatore, la carriera di Aaron lo pone come uno dei più grandi nella storia ultracentenaria di questo sport. Sia Bleacher Report che ESPN lo hanno classificato come il quinto miglior giocatore nella storia di questo sport, il che potrebbe essere ancora troppo basso per lui. Il compagno di Hall of Famer Mickey Mantle (che è stato classificato n. 13 e n. 9 nelle liste) ha detto questo di Aaron in Digest di baseball nel 1970: "Per quanto mi riguarda, [Hank] Aaron è il miglior giocatore di baseball della mia epoca. È per il baseball degli ultimi quindici anni quello che Joe DiMaggio è stato prima di lui. Non ha mai ricevuto il credito che gli spetta".

Nel 1970, Aaron aveva ancora altri sei anni di carriera e avrebbe cambiato il gioco e la nazione per sempre in quegli anni. Aaron, di fronte al razzismo, ha sfidato un eroe americano ed è uscito segnato, ma vittorioso. Ecco la verità non raccontata di "Hammerin' Hank Aaron".


Hank Aaron

Il giocatore di baseball Hank Aaron è nato il 5 febbraio 1934 a Mobile, in Alabama, da Estella Aaron e Herbert Aaron. Ha frequentato la Central High School di Mobile, in Alabama, e si è trasferito al Josephine Allen Institute privato, dove si è laureato nel 1951. Mentre finiva il liceo, Aaron ha giocato per i Mobile Black Bears, una squadra di baseball semi-professionale della Negro League.

Nel 1951, Aaron firmò con gli Indianapolis Clowns della Negro American League, dove giocò per tre mesi prima che il suo contratto fosse acquistato dai Boston Braves. Aaron è stato assegnato all'Eau Claire Braves, la lega minore di Classe C affiliata per i Boston Braves ed è stato nominato Rookie of the Year nel 1952. La stagione successiva, Aaron è stato promosso ai Jacksonville Braves, l'affiliato di Classe A nel sud Lega Atlantica. L'anno successivo, Aaron è stato invitato allo spring training per i Milwaukee Braves appena trasferiti e gli è stato offerto un contratto nella Major League. Nel 1954 fece il suo debutto in major league con i Milwaukee Braves. Nel 1955, Aaron è stato nominato nel roster All-Star della National League e ha conquistato il suo primo titolo di battuta della National League nel 1956. La stagione successiva, Aaron ha vinto il National League MVP Award e ha portato i Braves a vincere le World Series del 1957. Aaron ha continuato a guidare i Braves a un altro campionato di pennant nel 1958 e ha ricevuto il suo primo Golden Glove Award. Nel 1965, i Milwaukee Braves si trasferirono ad Atlanta, dove divenne il primo giocatore in franchising a battere il suo 500esimo fuoricampo in carriera e nel 1970 fu il primo Brave a raggiungere 3.000 valide in carriera. L'8 aprile 1974 Aaron ha battuto il record assoluto di homerun di Babe Ruth con 715. Aaron è stato poi ceduto ai Milwaukee Brewers per la stagione 1975-1976, quando ha battuto il record RBI di tutti i tempi. Dopo la stagione 1976, Aaron si ritirò dal baseball professionistico e tornò all'organizzazione Atlanta Braves come dirigente. Nel 1982, è stato inserito nella Baseball Hall of Fame ed è stato poi nominato vicepresidente e direttore dello sviluppo dei giocatori dei Braves. Aaron ha continuato a servire come vicepresidente dei Braves. Possedeva anche diversi concessionari di automobili in Georgia e possedeva oltre trenta catene di ristoranti in tutto il paese. Nel 1990 ha pubblicato il suo libro di memorie Avevo un martello.

Aaron è stato insignito della Medaglia Spingarn nel 1976, dalla NAACP. Nel 1999, la Major League Baseball annunciò l'introduzione dell'Hank Aaron Award per onorare il miglior esecutore offensivo complessivo dell'American and National League. Nello stesso anno, Aaron si classificò quinto su Le notizie sportive' lista dei 100 migliori giocatori di baseball, ed è stato eletto nella Major League Baseball All-Century Team. Nel 2001, Aaron è stato presentato con la Presidential Citizens Medal dal presidente Bill Clinton. Ha anche ricevuto la Presidential Medal of Freedom, dal presidente George W. Bush nel giugno 2002.

Hank Aaron è stato intervistato da I creatori di storia il 1 ottobre 2016.


Henry Louis “Hank” Aaron (1934-2021)

Il leggendario giocatore di baseball Henry Louis Aaron è nato il 5 febbraio 1934 a Mobile, in Alabama, terzo di otto figli di Herbert Aaron, un operaio del cantiere navale dell'Alabama Drydock and Shipbuilding Company, e di sua moglie Estella. Aaron decise che voleva diventare un giocatore di baseball della Major League dopo aver ascoltato un discorso di Jackie Robinson dei Brooklyn Dodgers mentre visitava Mobile il 3 aprile 1950, durante l'allenamento primaverile. Mentre era al liceo, Aaron iniziò a giocare per i Mobile Black Bears, una squadra semi-professionista, e nel 1952 iniziò una stagione con gli Indianapolis, Indiana Clowns. Aaron è stato l'ultimo giocatore a venire dalle Negro Leagues ea raggiungere il successo nella Major League Baseball.

Nel 1954, Aaron fu allenato ai Milwaukee Braves per sostituire un esterno infortunato. Aaron ha segnato un fuoricampo nel suo primo at-bat in major league. Ha continuato a battere fuoricampo in modo straordinario per i successivi due decenni. Aaron è stato l'unico giocatore della Major League a colpire almeno venti fuoricampo in ogni stagione per venti anni consecutivi, almeno trenta per quindici anni, o almeno quaranta per otto anni. È stato il primo giocatore a registrare più di 3.000 valide e 500 fuoricampo. I Milwaukee Braves divennero gli Atlanta Braves nel 1966 e Aaron si trasferì a sud con la squadra. L'8 aprile 1974, Aaron ha segnato il suo 715esimo fuoricampo in carriera, battendo il record detenuto da Babe Ruth dal 1935. Il suo successo è arrivato davanti a una folla di 53.775, il più grande di sempre all'Atlanta-Fulton County Stadium ed era fuori da un quarto lancio di inning da Los Angeles Dodger Al Downing.

Nel periodo in cui Aaron si stava avvicinando al record di fuoricampo di Ruth, si è arrabbiato e disilluso dalla posta di odio e dalle minacce fisiche che lui e la sua famiglia ricevevano quotidianamente. Quando gli è stato chiesto se avesse buttato via la mail di odio, Aaron ha risposto che "No, non l'ho fatto. Non sarà mai buttato via... Dobbiamo ancora ricordarci che le cose non sono buone come pensiamo.”

Anche se sarà ricordato come il giocatore che ha battuto il record di fuoricampo di Babe Ruth, "Hammerin' Hank" Aaron ha stabilito una serie di altri record nella Major League Baseball. Detiene il record per la maggior parte dei fuoricampo in carriera (755), la maggior parte dei punti battuti (2.297) e la maggior parte delle partite giocate (3.298). Aaron ha anche vinto tre premi consecutivi Gold Glove dal 1958 al 1960, ha giocato in ventiquattro partite All-Star da record ed è stato nominato MVP della National League nel 1957. Hank Aaron è stato inserito nella National Baseball Hall of Fame nel 1982. Il premio Hank Aaron viene assegnato ogni anno al miglior battitore assoluto di ogni lega. Nel 2002, Henry Aaron è stato insignito della Presidential Medal of Freedom dal presidente George W. Bush, la più alta onorificenza conferita a un civile dal governo americano. Aaron era un membro della confraternita Sigma Pi Phi.

Il 22 gennaio 2021, Henry Louis "Hank" Aaron è morto ad Atlanta, in Georgia, all'età di 86 anni.


Rivelata la causa della morte della leggenda della MLB Hank Aaron

Aaron, l'86enne Hall of Famer e di lunga data esterno destro degli Atlanta Braves, non è morto per la sua prima dose di vaccino COVID-19.

Leggenda della Major League Baseball e imprenditore di Atlanta di Hank Aaron è stata rivelata la causa della morte.

L'86enne Hall of Famer e esterno destro di lunga data degli Atlanta Braves è morto per cause naturali, secondo un investigatore dell'ufficio del medico legale della contea di Fulton.

Aaron è morto venerdì nel sonno.

"Siamo assolutamente devastati dalla scomparsa del nostro amato Hank", presidente di Braves Terry McGuirk ha scritto all'inizio di questa settimana in una dichiarazione. "Era un faro per la nostra organizzazione prima come giocatore, poi con lo sviluppo del giocatore e sempre con i nostri sforzi della comunità".

La notizia della scorsa settimana della morte di Aaron ha suscitato alcune polemiche sui social media perché ha ricevuto la prima delle due dosi di vaccino contro il coronavirus il 4 gennaio e aveva incoraggiato anche altri neri americani a farsi vaccinare. La continua sfiducia nel vaccino nella comunità nera potrebbe essere stata ulteriormente esacerbata dalla morte di Aaron.

“Non ho alcuno scrupolo a riguardo, lo sai. Mi sento piuttosto orgoglioso di me stesso per aver fatto qualcosa del genere", ha detto Aaron all'epoca, insieme a una serie di altri rispettati anziani neri che si erano vaccinati alla Morehouse School of Medicine. "È solo una piccola cosa che può aiutare miliardi di persone in questo paese".

Come precedentemente riportato, la morte di Aaron è stata confermata da sua figlia. Il leggendario giocatore e uomo d'affari è stato lodato da celebrità e presidenti passati dopo la sua scomparsa.

Nel 2002, Presidente George W. Bush gli ha conferito la Presidential Medal of Freedom.

Nato Henry Louis "Hank" Aaron a Mobile, Alabama nel 1934 a Herbert e Estella Aaron, ha iniziato la sua carriera professionale nelle Negro Leagues nel 1951 e ha debuttato nella Major League Baseball all'età di 23 anni. Ha sopportato insulti razzisti e minacce di morte, ma ha continuato a cementare il suo posto nella storia.

Mentre molti neri mantengono una comprensibile sfiducia nella vaccinazione, il virus COVID-19 ha anche colpito in modo sproporzionato i neri sia con tassi di mortalità più elevati che con devastazione finanziaria.

Presidente Joe Biden ha promesso di rendere equa la somministrazione dei vaccini attraverso cliniche mobili, centri di vaccinazione e partenariati comunitari.


Di fronte al razzismo, Aaron aveva ancora speranza, ottimismo

Hank Aaron ha conservato le lettere - centinaia di migliaia di lettere - che ha ricevuto quando ha inseguito il record di fuoricampo di Babe Ruth e oltre. Erano lettere vili, lettere rabbiose, lettere minatorie. Lettere che hanno svelato, senza mezzi termini, il ventre sporco di una nazione che ha lasciato irrisolte le sue questioni più fondamentali di razza e uguaglianza.

Aaron, che è morto venerdì all'età di 86 anni, ha conservato quelle lettere per ricordare a se stesso - e a tutti gli altri - che gli Stati Uniti hanno solo progredito fino a un certo punto, che abbiamo ancora tanta strada da fare.

Eppure, anche nel raccontare il peggio di noi, Aaron ha sempre cercato di vedere il meglio in noi.

"Era molto chiaro riguardo all'America, ma era anche una persona molto positiva", ha detto Sherrilyn Ifill, presidente e direttore consigliere del NAACP Legal Defense Fund (LDF). “Questa è una delle cose meravigliose di essere in sua compagnia e parlare con lui delle questioni più difficili che riguardano la razza, le opportunità e la disuguaglianza. C'era sempre un senso di speranza, calma e concentrazione su di lui, che ho trovato incredibilmente confortante".

Il NAACP LDF è un'organizzazione no-profit che cerca cambiamenti strutturali nella nostra società, promuovendo la giustizia e l'uguaglianza razziali. L'organizzazione ha raggiunto questo scopo dal 1940, ma l'importanza del suo lavoro è stata particolarmente pronunciata negli ultimi sette anni, poiché le uccisioni di Eric Garner, George Floyd e altri neri per mano della polizia hanno suscitato indignazione e protesta e sostegno più diffuso alla causa. La Major League Baseball, i proprietari e i rappresentanti delle operazioni di baseball di tutte e 30 le squadre hanno fatto una donazione alla LDF la scorsa estate.

Aaron aveva una relazione decennale con l'LDF. Sua moglie, Billye, fa parte del consiglio di amministrazione dell'organizzazione da 45 anni. Nel 2005, la LDF gli ha conferito il Thurgood Marshall Lifetime Achievement Award.

Molto tempo dopo aver inseguito il record di Ruth di fronte a tanto odio e bile, Aaron ha continuato a lottare per i diritti civili fungendo da autentica cassa di risonanza per Ifill e altri.

"È qualcuno che ha vissuto l'arco di un periodo straordinario nella storia americana", ha detto Ifill. “Era sempre onesto se gli chiedevi della razza e del razzismo, che è davvero incredibilmente rinfrescante e importante. Quell'arco gli ha dato una prospettiva e una comprensione uniche delle forze che esistono in questo paese che lavorano contro la promessa di uguaglianza".

Durante tutta la sua vita, Aaron ha sentito quelle forze all'opera. Cresciuto nel sud profondamente segregato, a Mobile, in Ala, aveva sperimentato sia la povertà che il razzismo sistemico. Aveva giocato nella Negro American League e aveva infranto la barriera del colore nella South Atlantic League. Aveva sentito molti insulti razzisti lungo la strada.

Ma ciò che Aaron ha sopportato mentre si avvicinava al record di Babe nel 1973 e ྆ era su un altro livello. Le lettere, alcune delle quali sono nella collezione della National Baseball Hall of Fame a Cooperstown, NY, erano costellate di insulti, minacce di morte, provocazioni e rabbia razzista, tutto perché un uomo di colore aveva osato colpire più fuoricampo di un bianco icona. Quando raggiunse il suo 715esimo fuoricampo in carriera l'8 aprile 1974, Aaron aveva due guardie di sicurezza personali. Le minacce che aveva ricevuto erano considerate abbastanza legittime da essere indagate dall'FBI.

"Mi ha fatto davvero vedere per la prima volta un quadro chiaro di cosa sia questo paese", ha detto Aaron al New York Times nel 1990. "I miei figli hanno dovuto vivere come se fossero in prigione a causa delle minacce di rapimento, e ho dovuto vivere come un maiale in un campo di macellazione. Ho dovuto anatra. Sono dovuto uscire dalla porta sul retro degli stadi. Dovevo sempre avere una scorta di polizia con me. Ricevevo lettere minatorie ogni singolo giorno. Tutte queste cose mi hanno messo l'amaro in bocca e non se ne andranno. Hanno tagliato via un pezzo del mio cuore”.

E questa bruttezza non è cessata quando Aaron ha colpito il n. 715 o il n. 755 o nei suoi giorni post-gioco. Aaron ha affrontato la derisione per il resto della sua vita. Il suo ex compagno di squadra, il grande conduttore dei Brewers Bob Uecker, ha ricordato il trattamento che Aaron avrebbe ricevuto quando tornò a Milwaukee per giocare per i Brewers nel 1975 e nel '76.

"Del Crandall era il nostro manager quando Henry è tornato, e Del ha reso importante per me stare con Henry tutto il tempo dopo le partite", ha detto Uecker venerdì. «Tornare in taxi in albergo o qualunque cosa sia. Eravamo così vicini. Hank ed io eravamo così vicini. Ricordo molte volte di aver visto messaggi di odio che riceveva. È stato terribile. È stato davvero brutto. Ho ricevuto posta, perché stavo parlando di lui in onda. Ho ricevuto posta da persone idiote che mi avrebbero fregato per aver parlato di Henry. È stato brutto. Il nostro manager, avresti dovuto vedere la posta di odio che è arrivata nell'ufficio del manager da persone stupide. Erano incredibilmente vili e viziosi”.

Quando Aaron ha parlato con USA Today nel 2014 delle lettere che aveva conservato dal 1974, una nuova serie di lettere di odio ha inondato l'ufficio del giornale. "Hammerin' Hank" era una leggenda vivente che è rimasta vittima del nostro peggior peccato.

"Fa parte dell'America, quindi ecco qua", ha detto Ifill. “Nessuno ottiene un pass gratuito su questo. Quindi è un anello importante in una catena di atleti eccezionali che hanno dovuto affrontare quel tipo di razzismo e che nonostante ciò si sono esibiti ai massimi livelli e che si rifiutano anche di tacere”.

Ifill vuole che le persone ricordino la storia di Aaron ogni volta che gli atleti neri affrontano il rifiuto per aver parlato della disuguaglianza.

"Hank Aaron è una persona di grande talento, una persona mite che è stata attaccata nei modi peggiori e la cui famiglia è stata minacciata", ha detto Ifill. “Ci ha giocato attraverso e sopra. È un esempio di quanto sia assurdo cercare di mettere a tacere gli atleti, quando erano gli atleti che molto spesso dovevano affrontare la quotidianità della discriminazione razziale o etnica americana".

Aaron ha affrontato quella discriminazione con calma, con grazia, con onestà e con l'ottimismo che un giorno saremmo potuti essere migliori. Queste sono le qualità - ben oltre il suo conteggio dei fuoricampo - per cui molti lo ricorderanno.


Ricordando l'eredità e i contributi di Hank Aaron

Oggi ricordiamo Hank Aaron, la leggenda del baseball che ha cambiato il volto di questo sport. Aaron è morto oggi all'età di 86 anni, ma la sua eredità come grande di tutti i tempi vivrà.

Aaron è cresciuto in Alabama durante l'era di Jim Crow. Ha praticato il suo swing usando un bastone e tappi di bottiglia perché i suoi genitori non potevano permettersi l'attrezzatura da baseball. Tuttavia ha trovato la passione e la perseveranza per sognare di arrivare in Major League. Nel 1954 fece proprio questo, debuttando con i Milwaukee Braves. Alla fine del suo anno da rookie è stato soprannominato “Hammer” o “Hammerin’ Hank” a causa del suo potente swing. Durante i suoi 23 anni di carriera nella Major League ha segnato 755 fuoricampo in totale, battendo il record di 714 di Babe Ruth. Aaron ha detenuto il record per 33 anni. Dopo il suo ritiro, è rimasto coinvolto nello sport in ruoli manageriali, ricoprendo il ruolo di Senior Vice President degli Atlanta Braves. È stato inserito nella Baseball Hall of Fame nel 1982 e nel 1999 la MLB ha creato il “Hank Aaron Award” in suo onore.

L'impatto e l'influenza di Aaron si estendevano oltre lo sport. Nel 1976, il NAACP gli ha conferito la Medaglia Spingarn, che onora i neri americani per i risultati eccezionali. Nel 1995 ha fondato la Chasing the Dream Foundation, che fornisce borse di studio ai bambini per perseguire le loro passioni. Bill Clinton ha consegnato ad Aaron la Presidential Citizens Medal nel 2001. L'anno successivo ha ricevuto un onore ancora più alto quando il presidente George W. Bush gli ha conferito la Presidential Medal of Freedom, la più alta onorificenza che un civile possa ricevere. Questi risultati sono una testimonianza del tipo di persona che Aaron era sia dentro che fuori dal campo. Ebony ha seguito Aaron per tutta la sua carriera e onoreremo la luce brillante che ha portato in questo mondo continuando a sognare.


I più letti

(Aaron ha usato la stessa formulazione più di una volta - in "I Had a Hammer", Henry una volta ha scritto che gli uomini che gestiscono il baseball "indossano cravatte invece di abiti e cappucci" mentre raccontava un proprietario di MLB che ha affermato "preferirebbe assumere un scimmia addestrata di un nero.”)

Bob Nightengale, che ha intervistato Aaron, ha insistito sul fatto che Henry non chiamava i repubblicani razzisti o li paragonava al Klan. Ma quasi sette anni dopo, abbiamo visto un presidente repubblicano e membri repubblicani del Congresso salutare una violenta insurrezione (a cui si è unito un legislatore repubblicano del West Virginia), piena di bandiere confederate sventolate e svastiche disegnate in Campidoglio. I giornalisti sono ancora confusi da un atleta nero che dice quello che pensano mentre sta attento a come parlano. Credo che Hammerin' Hank abbia deciso.

Il prossimo post di Jones, un'ora dopo, presentava un video intitolato "Twitter vs realtà". La clip mostra due cani che abbaiano a vicenda, ma solo mentre sono separati da un cancello. Una volta sollevato il cancello, i cani smettono di mostrare le zanne. L'implicazione di Jones è ovvia, dato il trascinamento online che stava ancora subendo: Nessuno di voi parlerebbe se doveste affrontare delle conseguenze reali.


Persona che infrange i record

Essendo quasi del tutto autodidatta, Aaron nei suoi primi anni ha battuto le mani incrociate, "perché nessuno gli aveva detto di non farlo," secondo uno dei suoi biografi. Tuttavia, il sensazionale successo di Aaron con i Clowns spinse uno scout dei Boston Braves ad acquistare il suo contratto nel 1952. Assegnato a Eau Claire, Wisconsin, nella Lega Nord minore (dove l'allenatore ha corretto il suo stile di battuta), Aaron ha battuto .336 e ha vinto il premio Rookie of the Year della lega. L'anno successivo è stato assegnato alla squadra Braves' Jacksonville, Florida, nella South Atlantic (Sally) League. Anche mentre sopportava le provocazioni dei fan e gli insulti razziali da parte degli altri giocatori nel sud segregato, ha continuato a battere .362, con 22 homer e 125 punti battuti (RBI). È stato nominato giocatore più prezioso della lega nel 1953.

Durante il ballo invernale a Porto Rico nel 1953 e nel 1954, Aaron iniziò a giocare posizioni nel campo esterno. Nella primavera del 1954 si è allenato con la major league Milwaukee Braves e ha vinto una posizione da titolare quando l'esterno destro regolare ha subito un infortunio. Anche se Aaron è stato messo da parte alla fine della stagione con una caviglia rotta, ha battuto .280 da rookie quell'anno. Nelle successive ventidue stagioni, questo tranquillo All-Star destro di un metro e ottanta si è affermato come uno dei battitori più resistenti e abili nella storia della major league.

In quattordici stagioni in cui Aaron ha giocato per i Braves, ha battuto .300 o più. In quindici stagioni ha colpito 30 o più homer, ha segnato 100 o più punti e ha guidato in 100 o più punti. Nella sua lunga carriera Aaron ha guidato tutti i giocatori della Major League in RBI con 2.297. Ha giocato in 3.298 partite, che lo hanno classificato terzo tra i giocatori di tutti i tempi. Aaron ha guidato due volte la National League in battuta e quattro volte ha guidato la lega in homers. Il suo successo costante ha prodotto un totale in carriera di 3.771 valide, classificandolo nuovamente al terzo posto di tutti i tempi. Quando Aaron registrò il suo tremilaesimo successo il 7 maggio 1970, fu il giocatore più giovane (a trentasei anni) dai tempi di Ty Cobb (1886�) a raggiungere quel traguardo. Aaron ha giocato in ventiquattro All-Star games, pareggiando un record. La sua media battuta in vita è stata .305, e in due World Series ha battuto .364. Detenne anche il record di fuoricampo in tre partite consecutive di playoff della National League, che realizzò nel 1969 contro i New York Mets.


Tributi

La gente ricordava Aaron per la sua umanità e la sua grazia di fronte al razzismo virulento.

L'ex giocatore della MLB Chipper Jones ha scritto, in un tweet condiviso sulla pagina degli Atlanta Braves, "Non riesco a immaginare cosa abbia passato Hank Aaron nella sua vita. Aveva tutto il diritto di essere arrabbiato o militante... ma non lo era mai stato! Ha diffuso la sua grazia su tutto e su tutti quelli con cui veniva in contatto. Epitome di classe e integrità. RIP Henry Aaron! #HammerinHank.”

I New York Yankees hanno scritto: "I New York Yankees piangono la perdita della leggenda del baseball Hammerin' Hank Aaron. Il suo impatto dentro e fuori dal campo non sarà mai dimenticato. Inviamo le nostre condoglianze alla sua famiglia e ai suoi cari”.

List of site sources >>>


Guarda il video: Hank Aaron - Sports Century (Gennaio 2022).