Inoltre

La battaglia di Passchendaele

La battaglia di Passchendaele

La battaglia di Passchendaele, combattuta nel luglio del 1917, viene talvolta chiamata Terza battaglia di Ypres. Per i soldati che combatterono a Passchendaele, era conosciuta come la "Battaglia del fango". Poche battaglie incapsulano la prima guerra mondiale meglio della battaglia di Passchendaele.

L'attacco a Passchendaele fu il tentativo di Sir Douglas Haig di sfondare le Fiandre. Haig aveva pensato a un attacco simile nel 1916, ma la battaglia della Somme occupò il suo tempo in quell'anno. Tuttavia, un anno dopo, Haig si sentì in grado di lanciare un simile attacco. Il suo obiettivo principale era una svolta nella costa del Belgio in modo che le penne sottomarine tedesche potessero essere distrutte. L'ammiraglio Jellicoe aveva già avvisato sia Haig che il governo britannico che la perdita delle spedizioni (principalmente mercantili) non poteva essere sostenuta e che la Gran Bretagna avrebbe dovuto affrontare gravi problemi nel 1918, se tali perdite fossero continuate. Il piano di Haig, di spazzare le Fiandre fino alla costa, non ricevette il sostegno del Primo Ministro britannico, David Lloyd George, ma poiché gli Alleati non avevano altri piani credibili, accettò che Haig portasse avanti il ​​suo piano.

Haig aveva anche un'altra ragione per andare avanti con il suo piano. Credeva, erroneamente, che il morale dell'esercito tedesco fosse molto basso, specialmente dopo il successo degli Alleati nella battaglia di Messines. Credeva che gli Alleati potessero attingere a questa mancanza di morale e rotolare attraverso le Fiandre senza troppi problemi.

Il 18 luglio 1917 fu lanciata una pesante raffica di artiglieria sulle linee tedesche. Questo è durato per dieci giorni. Tre mila pistole di artiglieria spararono oltre quattro milioni di proiettili. Pertanto, l'esercito tedesco nella zona si aspettava pienamente un grande attacco degli Alleati - quindi ogni vaga speranza di sorpresa fu persa, come era vero in qualsiasi attacco iniziato con un grande bombardamento di artiglieria.

L'attacco di fanteria è iniziato il 31 luglio. L'assalto principale fu guidato dalla quinta armata di Sir Hubert Gough. Alla loro sinistra c'erano unità della prima armata francese guidate da Anthoine e alla destra di Gough c'era la seconda armata guidata dal vincitore di Messines, Sir Herbert Plumer.

I tedeschi, come accadde alla Somme, furono completamente preparati e l'attacco degli Alleati, lanciato su un fronte di undici miglia, fece solo piccoli guadagni. Quindi, nei primi giorni di agosto, l'area era saturata dalla pioggia più pesante che la regione avesse visto in trent'anni. L'area nelle Fiandre divenne effettivamente una palude. I carri armati, inviati in avanti per aiutare la fanteria, rimasero semplicemente bloccati. I soldati di fanteria hanno trovato il movimento molto difficile. L'impatto del bombardamento di artiglieria aveva distrutto i sistemi di drenaggio della regione, aumentando notevolmente il problema. I crateri di conchiglie realizzati dai bombardamenti degli Alleati si riempirono d'acqua e non permisero agli uomini che avanzavano di nascondersi. I campi attraverso i quali gli uomini avrebbero dovuto passare sono diventati impraticabili.

Haig ha accusato la mancanza di progressi non sul tempo anormale e sulle condizioni che ha causato, ma su Gough. Haig spostò Gough e i suoi uomini su un fronte più a nord e mise Plumer a capo della battaglia. Plumer ha usato diverse tattiche per Gough. Voleva piccoli guadagni che potevano essere mantenuti permanentemente in contrapposizione all'apparente desiderio di Gough di un grande movimento radicale che avrebbe portato al successo. Di conseguenza, Plumer combatté una serie di piccole battaglie all'interno delle Fiandre: la battaglia di Menin Road Bridge, la battaglia di Polygon Wood e la battaglia di Broodseinde. Questi furono combattuti tra settembre e ottobre 1917. Ciò diede alle forze britanniche il vantaggio nel territorio ad est di Ypres. Haig si convinse che il morale tedesco era sul punto di crollare e ordinò che l'offensiva fosse continuata su Cresta Passchendaele.

Tra il 9 e il 12 ottobre, furono combattute due battaglie: Poelcappelle e la prima battaglia di Passchendaele. Ormai, quei soldati tedeschi che avevano combattuto sul fronte orientale erano stati spostati sul fronte occidentale - ed erano stati specificamente spostati sul crinale di Passchendaele per rafforzare le forze tedesche lì. I tedeschi usarono il gas mostarda per assisterli e il tentativo di sfondamento degli Alleati nel crinale di Passchendaele non si materializzò. Tuttavia, Haig non avrebbe ammesso che l'attacco non fosse riuscito. Alla fine di ottobre furono fatti altri tre attacchi alleati su Passchendaele Ridge. Il 6 novembre 1917, il villaggio di Passchendaele fu conquistato e Haig usò questo successo come motivo per annullare l'attacco.

Tuttavia, la terza battaglia di Ypres o Passchendaele era stata una battaglia molto costosa. Per qualche chilometro, gli inglesi avevano perso 310.000 uomini e i tedeschi 260.000. Haig è stato pesantemente criticato per l'attacco e per non aver modificato i suoi piani poiché l'attacco chiaramente non avrebbe avuto successo. C'erano alcuni che si radunarono a difesa di Haig. Hanno sostenuto che:

Haig non poteva sapere che il tempo avrebbe avuto un ruolo così importante nella battaglia.

L'input delle truppe tedesche appena arrivate dal fronte orientale non faceva parte della pianificazione di Haig e non avrebbe potuto esserlo.

I pericoli dell'attività sottomarina tedesca dovevano essere eliminati qualunque fosse il rischio.

Un successo britannico sarebbe andato in qualche modo a migliorare il morale dell'esercito francese che si era ammutinato in quell'anno - un alleato che sosteneva un alleato.

Haig sosteneva che qualsiasi perdita di uomini in Germania era di maggiore importanza rispetto alla perdita britannica in quanto gli Alleati potevano sostenere più perdite quando l'America si era unita alla guerra alla fine di Passchendaele

List of site sources >>>


Guarda il video: Passchendaele 1917 L'inferno di fango (Gennaio 2022).