Cronologia

Bombardieri Gotha

Bombardieri Gotha

Il bombardiere tedesco Gotha V era l'equivalente del servizio aereo dell'esercito tedesco imperiale del bombardiere Handley Page O / 400 dell'RNAS / RFC. Il Gotha V entrò in servizio nell'agosto del 1917 ed era un bombardiere pesante che poteva coprire una distanza molto maggiore rispetto ai combattenti e consegnare un carico di bomba a specifici obiettivi militari o civili.

Come suggerisce il titolo, il Gotha V (GV) era la quinta variante del bombardiere. Il IV aveva sofferto di un grave difetto: i suoi serbatoi di carburante erano incorporati nelle gondole / vano motore. La maggior parte delle perdite operative del GIV avvenne quando il grande aereo atterrò. Lo sbarco rappresentava il 75% delle perdite di Gotha IV. Quando si schiantarono, il carburante rimanente nei vani motore si accendeva mentre il carburante si riversava invariabilmente sui motori molto caldi. Il Gotha V è stato riprogettato in modo che i suoi serbatoi di carburante fossero integrati nella sua fusoliera.

Il Gotha V trasportava il suo carico di bombe esternamente su portabombole. Un'altra innovazione rispetto al Gotha IV fu il fatto che il Gotha V era dotato di una mitragliatrice sul pavimento. Questo gli diede copertura da qualsiasi attacco dal basso, che era stato un punto cieco sul Gotha IV. I piloti di caccia alleati si resero presto conto di poter attaccare un Gotha IV dal basso con un piccolo pericolo per se stessi. Come tale, era un obiettivo grande, lento e invitante. Il GV, armato di una mitragliatrice Parabellum G14 nella sua "pancia", rese questa forma di attacco più pericolosa. In totale, il GV era equipaggiato con tre mitragliatrici Parabellum G14, con due posizioni in modo da dare copertura dall'alto e dai lati.

Tuttavia, questi erano gli unici miglioramenti rispetto a Gotha IV. I motori Mercedes della nuova variante sono stati progettati per dare più potenza all'aeromobile - soprattutto perché era 1000 libbre più pesante del Gotha IV - con una velocità massima di 87 mph e un'autonomia di oltre 500 miglia. Questo non ha dimostrato di essere il caso. Il blocco alleato dei porti tedeschi aveva preso piede. La Germania trovava molto difficile acquistare forniture esterne e il carburante era una di queste. Gotha V aveva bisogno di un certo carburante di qualità per i suoi motori per funzionare fino alla capacità per cui erano costruiti. Non è stato così e il carburante di qualità inferiore ha dato alla Gotha V la stessa potenza del motore della Gotha IV, che non era stato il desiderio pianificato. L'aumento di peso della Gotha V combinato con gli stessi motori a motore ha reso possibile l'utilizzo a bassa quota, rendendolo vulnerabile agli attacchi. Un nuovo piano di coda conferiva al Gotha Va una maggiore stabilità durante il volo. La successiva variante GV, la GVb, portava un carico utile maggiore, ma la questione del carburante di scarsa qualità non era stata superata poiché nel 1918 il blocco degli Alleati aveva colpito duramente la Germania in tutte le aree.

Il GV prese parte al più grande attacco aereo in Inghilterra il 19 maggioesimo 1918. Come ultimo raid dell'operazione Türkenkreuz, 38 GV attaccarono Londra. Tuttavia, mentre i precedenti raid su Londra avevano avuto successo (e avevano coinvolto principalmente GIV), questo non lo era. Quasi il 20% di tutti gli aerei nel raid sono stati distrutti - sei in combattimento e uno durante l'atterraggio. Un simile tasso di logoramento non era accettabile per l'Alto Comando tedesco e dopo questo attacco, ai GV e ai GIV rimanenti fu ordinato di essere usati a supporto delle forze di terra tedesche sul fronte occidentale.

Quando la Prima Guerra Mondiale terminò nel novembre del 1918, tutti i rimanenti bombardieri Gotha furono consegnati agli Alleati come parte dei termini dell'armistizio.

List of site sources >>>