Podcast di storia

NBA sospende Latrell Sprewell per allenatore in attacco

NBA sospende Latrell Sprewell per allenatore in attacco

Il 4 dicembre 1997, la National Basketball Association (NBA) sospende Latrell Sprewell, tre volte playmaker All Star dei Golden State Warriors, per un anno dopo aver attaccato l'allenatore dei Warriors P.J. Carlesimo. Durante l'allenamento del 1 dicembre, Sprewell ha avuto un confronto verbale con Carlesimo quando l'allenatore gli ha detto di "mettere un po' di senape" su un passaggio. Quando Carlesimo gli si è avvicinato, Sprewell ha afferrato l'altro uomo per il collo e ha iniziato a soffocarlo, fino a quando non è stato tirato via da molti altri giocatori e dirigenti della squadra. Detto di lasciare l'allenamento, Sprewell è tornato entro 20 minuti e ha tirato un pugno a Carlesimo prima che fosse di nuovo tirato via.

Carlesimo, noto per il suo stile di allenatore aggressivo e spesso conflittuale, ha avuto una storia di problemi con Sprewell, avendo precedentemente messo in panchina la guardia, il capocannoniere della sua squadra, dopo che era in ritardo per l'allenamento. I Warriors hanno inizialmente rescisso il contratto di Sprewell e la sua sospensione di un anno è stata la più lunga mai assegnata dalla NBA. Dopo che Sprewell ha spinto per l'arbitrato, la sentenza è stata successivamente ridotta a 68 partite, un divario che è costato ancora a Sprewell circa $ 6 milioni di salari. Dopo che Sprewell è stato reintegrato, Golden State lo ha ceduto ai New York Knicks, dove ha ripreso la sua carriera nel 1999 ed è stato abbracciato dai fan come un antieroe ribelle. Carlesimo è stato licenziato da Golden State all'inizio della stagione 1999 dopo che la sua squadra ha iniziato a zoppicare 6-21.

Nel luglio 2003, i Knicks scambiarono Sprewell con i Minnesota Timberwolves. Durante le sue 13 stagioni con la NBA, Sprewell ha collezionato una media di 18,3 punti a partita e ha contribuito a portare i Timberwolves a un posto nei playoff durante la stagione 2004-05. Quando la stagione si è conclusa, tuttavia, Sprewell ha rifiutato un triennale , $ 21 milioni di offerta di estensione da parte dei Timberwolves. Alla fine del 2007, è rimasto un free agent.


1997 NBA sospende Latrell Sprewell per allenatore attaccante

Il 4 dicembre 1997, la National Basketball Association (NBA) sospende Latrell Sprewell, tre volte playmaker All Star dei Golden State Warriors, per un anno dopo aver attaccato l'allenatore dei Warriors P.J. Carlesimo. Durante l'allenamento del 1 dicembre, Sprewell ha avuto un confronto verbale con Carlesimo quando l'allenatore gli ha detto di "mettere un po' di senape" su un passaggio. Quando Carlesimo gli si è avvicinato, Sprewell ha afferrato l'altro uomo per il collo e ha iniziato a soffocarlo, fino a quando non è stato tirato via da molti altri giocatori e dirigenti della squadra. Detto di lasciare l'allenamento, Sprewell è tornato entro 20 minuti e ha tirato un pugno a Carlesimo prima che fosse nuovamente tirato via.

Carlesimo, noto per il suo stile di allenatore aggressivo e spesso conflittuale, ha avuto una storia di problemi con Sprewell, avendo precedentemente messo in panchina la guardia, il capocannoniere della sua squadra, dopo che era in ritardo per l'allenamento. I Warriors hanno inizialmente rescisso il contratto di Sprewell e la sua sospensione di un anno è stata la più lunga mai assegnata dalla NBA. Dopo che Sprewell ha spinto per l'arbitrato, la sentenza è stata successivamente ridotta a 68 partite, un divario che è costato ancora a Sprewell circa $ 6 milioni di salari. Dopo che Sprewell è stato reintegrato, Golden State lo ha ceduto ai New York Knicks, dove ha ripreso la sua carriera nel 1999 ed è stato abbracciato dai fan come un antieroe ribelle. Carlesimo è stato licenziato da Golden State all'inizio della stagione 1999 dopo che la sua squadra ha iniziato a zoppicare 6-21.

Nel luglio 2003, i Knicks scambiarono Sprewell con i Minnesota Timberwolves. Durante le sue 13 stagioni con la NBA, Sprewell ha collezionato una media di 18,3 punti a partita e ha contribuito a portare i Timberwolves a un posto nei playoff durante la stagione 2004-05. Quando la stagione si è conclusa, tuttavia, Sprewell ha rifiutato un triennale , $ 21 milioni di offerta di estensione da parte dei Timberwolves. Alla fine del 2007, è rimasto un free agent.


Sprewell è sospeso dalla NBA

Meno di 12 ore dopo che i suoi ex datori di lavoro, i Golden State Warriors, hanno rescisso il suo contratto e il suo saldo di $ 23,7 milioni, l'NBA ha interrotto le prospettive di lavoro di Latrell Sprewell, sospendendolo per un anno, il resto di questa stagione e l'inizio del prossimo.

Inoltre, l'azienda di scarpe da ginnastica Converse, che aveva promesso di stare al fianco di Sprewell, lo lasciò.

"Latrell Sprewell ha aggredito l'allenatore P.J. Carlesimo due volte durante l'allenamento di lunedì", ha detto il commissario NBA David Stern. “In primo luogo, lo ha soffocato fino a quando non l'ha tirato via con la forza. Poi, dopo aver lasciato l'allenamento, il signor Sprewell è tornato e si è fatto strada tra gli altri per commettere un secondo, e questa volta chiaramente premeditato, assalto.

“Una lega sportiva non deve accettare o perdonare comportamenti che non sarebbero tollerati in nessun altro segmento della società. Di conseguenza, Latrell Sprewell è sospeso dalla NBA per un anno".

La sospensione è la più lunga nella storia della NBA. Il record è stato detenuto da Kermit Washington dei Lakers, che ha perso metà della stagione 1977-78 dopo aver tirato il pugno che ha ceduto in faccia a Rudy Tomjanovich.

Billy Hunter, direttore dell'NBA Players Assn., che aveva criticato Sprewell e aveva indicato che il sindacato ne sarebbe rimasto fuori quando i Warriors avrebbero emesso la prima sospensione di 10 partite, ha detto che ora presenterà un reclamo.

Tuttavia, i fatti centrali non sono in discussione. In una serie di interviste rilasciate mercoledì da Sprewell, ha ammesso di aver aggredito due volte Carlesimo dopo che l'allenatore lo aveva cacciato dall'allenamento di lunedì, di averlo soffocato dicendo "Ti ammazzo" e in seguito, dopo essere andato al front office chiedere uno scambio, tornando e andandogli di nuovo dietro.

C'è una disputa sulla provocazione, tuttavia.

Il direttore generale di Warrior, Garry St. Jean, ha affermato che Sprewell ha fatto "più assalti non provocati", ma il Contra Costa Times ha citato un guerriero senza nome che ha detto: "P.J. lo ha provocato", affermando che Carlesimo ha camminato per tre quarti della lunghezza del campo per affrontare Sprewell, che continuava ad avvertirlo: "Non venire su di me".

"Tutta la frustrazione si era accumulata al punto che non ce la facevo più", ha detto Sprewell al San Francisco Chronicle. “Volevo solo che P.J. mi lasciasse in pace, in pratica. . . . Sono appena arrivato al punto in cui non ne potevo più”.

Sprewell ha detto di aver pronunciato la minaccia di morte solo perché "ero arrabbiato". Tuttavia, per la partita di mercoledì sono state introdotte ulteriori misure di sicurezza.

La sospensione ha effetto immediato e terminerà il 3 dicembre 1998. Sprewell può essere ritirato in caso di deroghe o firmato come free agent alla scadenza delle deroghe, ma non può giocare per una nuova squadra fino a quel momento.

Nel frattempo, Converse, la cui portavoce aveva detto martedì: "Latrell sarà ancora con noi", ha ridotto le sue perdite giovedì.

Né Sprewell né il suo agente, Arn Tellem, erano disponibili per un commento giovedì. Tellem aveva indicato che avrebbero iniziato il processo di reclamo prima che la lega agisse.

(INIZIO TESTO INFOBOX / INFOGRAFICA)

Latrell Sprewell di Golden State è il quinto giocatore ad essere sospeso dalla NBA e il primo per insubordinazione:

* 1954--Jack Molinas di Fort Wayne Pistons fu condannato all'ergastolo per gioco d'azzardo e otto anni dopo fu implicato in uno scandalo di scommesse universitarie.

* 1986--Micheal Ray Richardson dei New Jersey Nets è stato sospeso per abuso di sostanze ed è stato reintegrato il 21 luglio 1988.

* 1987--Mitchell Wiggins e Lewis Lloyd degli Houston Rockets furono sospesi per abuso di sostanze. Wiggins è stato reintegrato il 27 luglio 1989 e Lloyd è stato reintegrato il 9 settembre 1989.

* 1995--Roy Tarpley dei Dallas Mavericks è stato bandito per l'uso di alcol, che ha violato i termini del suo accordo post-assistenza. Tarpley era stato bandito dalla lega nel 1991 e reintegrato il 30 settembre 1994.

* 1997: il commissario David Stern sospese Latrell Sprewell dei Golden State per un anno, la sospensione più lunga nella storia della lega, per quello che definì un "assalto premeditato" all'allenatore P.J. Carlesimo.

(INIZIO TESTO INFOBOX / INFOGRAFICA)

Testo della dichiarazione del commissario NBA David Stern sulla sospensione di un anno di Latrell Sprewell da parte della lega:

Latrell Sprewell ha aggredito due volte Coach P.J. Carlesimo durante l'allenamento di lunedì. Prima lo strozzò finché non si allontanò con la forza. Poi, dopo aver lasciato l'allenamento, il signor Sprewell è tornato e si è fatto strada tra gli altri per commettere un secondo, e questa volta chiaramente premeditato, assalto.

Una lega sportiva non deve accettare o perdonare comportamenti che non sarebbero tollerati in nessun altro segmento della società. Di conseguenza, Latrell Sprewell è sospeso dalla NBA per un anno.


Sprewell vince l'arbitrato NBA

Latrell Sprewell, licenziato e squalificato per un anno per aver attaccato il suo allenatore, ha ottenuto una doppia vittoria mercoledì quando un arbitro ha stabilito che la squadra deve reintegrare il suo contratto e la National Basketball Association deve ridurre la sua squalifica di cinque mesi.

Sprewell diventerà un membro dei Golden State Warriors il 1° luglio, quando scadrà la sua squalifica imposta dalla NBA.

È stato sospeso per un anno dal commissario NBA David Stern, la sanzione non legata alla droga più lunga nella storia della lega, per il suo attacco del 1 dicembre all'allenatore P.J. Carlesimo.

Stern ha citato il "premeditato" natura dell'attacco, ma l'arbitro John Feerick ha respinto tale caratterizzazione.

"Le prove indicano che non c'è storia né della lega né di una squadra che imponga la disciplina per la stessa condotta violenta, dentro o fuori dal campo", Feerick ha scritto nella sua decisione. "Questo parla della questione dell'equità, per come la vedo io".

Il ripristino del contratto di Sprewell significa che gli verranno pagati i restanti $ 16,3 milioni negli ultimi due anni del suo contratto.

Notizie di tendenza

È stata una vittoria clamorosa per Sprewell e il sindacato dei giocatori, che hanno sostenuto che i rigori erano indebitamente duri e senza precedenti.

"Questa decisione è una vittoria condivisa da Latrell e dagli altri 400 membri del nostro sindacato. Riafferma la santità dei contratti garantiti nella NBA", ha detto il presidente del sindacato Billy Hunter.

Sprewell ha saltato 44 partite da quando il suo contratto è stato rescisso il 3 dicembre dai Warriors. Entro la fine della stagione, avrà perso 68 partite, costandogli $ 6,4 milioni di stipendio perso.

Rimane escluso dalle strutture della squadra dei Warriors e dalle arene NBA fino al 1 luglio.

Il suo ritorno è soggetto alla ricezione da parte della NBA di assicurazioni da Sprewell e dall'associazione del giocatore che controllerà e gestirà il suo temperamento, ha stabilito Feerick.

Sprewell ha presentato due reclami, uno contro i Warriors per aver rescisso i restanti tre anni del suo contratto quadriennale da 32 milioni di dollari, l'altro contro la lega per aver imposto la sospensione di un anno.

In un'udienza arbitrale tenutasi a gennaio e febbraio, gli avvocati di Sprewell hanno sostenuto che era il primo giocatore ad essere penalizzato sia dalla lega che da una squadra per una grave trasgressione. La sua parte ha anche sostenuto che il contratto collettivo afferma chiaramente che una sanzione in un caso come questo potrebbe essere emessa da una squadra o dalla lega, ma non da entrambe.

La squadra di Sprewell ha anche sostenuto che la sospensione di un anno era troppo severa rispetto alle precedenti sanzioni emesse dalla NBA.

La NBA ha sostenuto che la sanzione non era eccessiva, data la natura dell'attacco. Il dipartimento di sicurezza della lega ha intervistato 23 testimoni e ha stabilito che Sprewell ha litigato con Carlesimo durante l'allenamento e ha soffocato l'allenatore, quindi è tornato circa 20 minuti dopo e lo ha preso a pugni.

Il sindacato ha contestato se un pugno è atterrato nel secondo scontro.

I Warriors sostenevano di avere il diritto di rescindere il contratto di Sprewell in base al contratto del giocatore in divisa, che dice che i giocatori devono "conformarsi a norme di buona cittadinanza e buon carattere morale" e proibisce "impegnarsi in atti di turpitudine morale".

Scritto da Chris Sheridan
©1998 L'Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito

Pubblicato per la prima volta il 4 marzo 1998 / 15:21

&copia 1998 The Associated Press. Tutti i diritti riservati. Questo materiale non può essere pubblicato, trasmesso, riscritto o ridistribuito.


PRO BASKET N.B.A. Sospende il giocatore che ha attaccato il suo allenatore

La National Basketball Association ha sospeso Latrell Sprewell dei Golden State Warriors per un anno senza stipendio ieri, tre giorni dopo che la 27enne guardia All-Star ha aggredito fisicamente il suo allenatore, P.J. Carlesimo.

La sanzione è stata rapida e la più severa mai inflitta a un giocatore professionista per quella che la lega ha classificato come insubordinazione. Ha segnalato la determinazione della lega ad affrontare i problemi comportamentali che hanno offuscato la sua immagine. Ed era giustificato, ha detto la Lega, per la gravità dell'aggressione, in cui Sprewell ha soffocato l'allenatore, ha minacciato di ucciderlo e lo ha colpito durante una sessione di allenamento lunedì.

"Una lega sportiva non deve accettare o perdonare comportamenti che non sarebbero tollerati in nessun altro segmento della società", ha dichiarato il commissario David Stern in una nota.

L'azione del commissario ha seguito la decisione dei Warriors di mercoledì sera di rescindere il resto del contratto da 32 milioni di dollari di Sprewell.

Ieri, il direttore esecutivo della National Basketball Players Association, Billy Hunter, ha dichiarato di voler presentare reclami separati contestando sia la risoluzione del contratto che la sospensione della lega. La controversia è quasi certo di andare davanti a un arbitro.

'' Privare un giocatore della sua capacità di perseguire il proprio sostentamento per un anno intero sulla base di un incidente è una punizione eccessiva e irragionevole,'' Hunter in una nota. ''In precedenza abbiamo affermato che non avremmo contestato una sospensione di 10 partite anche se sarebbe costata a Latrell 1 milione di dollari di stipendio.

''Ora sembra che qualche altro programma stia guidando i Warriors e la N.B.A. Una perdita di 25 milioni di dollari di stipendio e un anno di espulsione è sbalorditiva.''

Sprewell, nella sua quinta stagione fuori dall'Università dell'Alabama, aveva guadagnato $ 9,95 milioni entrando in questa stagione - $ 2,95 milioni sul suo contratto originale di quattro anni e altri $ 7 milioni la scorsa stagione nel primo anno del suo quadriennale, $ 32 milioni contrarre. Nel rescindere il suo contratto, i Warriors hanno citato l'Uniform Player Contract, che afferma che i giocatori devono 'ɼonformarsi agli standard di buona cittadinanza e buon carattere morale.''

L'incidente arriva in un momento in cui la lega è stata assillata da problemi che vanno dalle azioni criminali all'insubordinazione e alla mancanza di rispetto per l'autorità. Nell'ultimo anno, Dennis Rodman, l'attaccante dei Chicago Bulls, è stato sospeso e multato per aver preso a calci all'inguine un cameraman a bordo campo. Houston è stata recentemente accusata di un incidente in cui i testimoni hanno affermato di aver lanciato un uomo attraverso una vetrata dopo un disturbo in un bar a Orlando, in Florida.

Stern ha spiegato la sua sentenza caratterizzando Sprewell come un giocatore che non solo aveva perso il controllo durante una disputa durante un allenamento di squadra lunedì, ma anche uno che aveva avuto il tempo di calmarsi prima di tornare per un secondo attacco.

''Latrell Sprewell ha aggredito due volte Coach P.J. Carlesimo durante gli allenamenti di lunedì,'' Stern. ''In primo luogo, lo strozzò finché non si allontanò con la forza. Poi, dopo aver lasciato l'allenamento, il signor Sprewell è tornato e si è fatto strada tra gli altri per commettere un secondo, e questa volta chiaramente premeditato, assalto.''

Ieri non è stato possibile raggiungere Sprewell per un commento. Ma il suo agente, Arn Tellem, ha detto ieri sera: ''È totalmente eccessivo e fuori dai limiti di qualsiasi precedente nella storia degli sport di squadra. È un abuso dei poteri del commissario. Dati tutti gli altri incidenti che hanno coinvolto giocatori e arbitri e persino giocatori e allenatori, questa penalità è totalmente fuori linea con tutto ciò che è successo prima.

In un'intervista televisiva con una stazione di San Francisco a casa sua mercoledì sera, Sprewell si è scusato nella sua prima dichiarazione pubblica sull'attacco e ha ammesso di aver commesso un errore.

Ma non si è scusato con Carlesimo, dipingendo invece l'allenatore come qualcuno il cui modello di abuso verbale nel corso di due mesi non poteva più tollerare.

Se la reputazione di Sprewell è offuscata, lo è anche il suo potere di guadagno in questo momento. A seconda dei risultati dell'arbitrato in sospeso che vede i Warriors e la lega contro l'associazione dei giocatori, Sprewell rischia di perdere una parte sostanziale del suo stipendio di $ 7,7 milioni in questa stagione e più di $ 24 milioni per tutta la durata del suo contratto.

Inoltre, Converse, l'azienda di scarpe che Sprewell rappresenta, ha rescisso ieri il suo contratto di sponsorizzazione. Secondo Bob Williams, il presidente di Burns Sports, che consulta le agenzie pubblicitarie sui testimonial atletici, il contratto Converse per un giocatore del calibro di Latrell Sprewell vale tra $ 300.000 e $ 600.000 all'anno.

Un'udienza arbitrale sulla risoluzione del suo contratto o sulla sospensione può coinvolgere la testimonianza di decine di giocatori che sono stati allenati da Carlesimo, che ha la reputazione di allenatore rumoroso e schietto.

L'associazione dei giocatori ha cercato di cogliere quell'angolo ieri, usando un comunicato stampa che ritraeva Carlesimo come qualcuno che avrebbe potuto prevenire l'alterco non muovendosi verso Sprewell mentre si infuriava.

'ɺlcune persone hanno detto che Latrell ha superato il limite con le sue azioni,'', ha detto Patrick Ewing, il centro di Knick che è anche il presidente dell'associazione dei giocatori. 'ɼrediamo che la N.B.A. e i Warriors hanno tagliato il traguardo con le loro azioni.''

Secondo un funzionario della lega che ha familiarità con il processo investigativo della lega, la mancanza di rimorso di Sprewell nei confronti di Carlesimo e la scarsa cooperazione iniziale nel processo investigativo potrebbero aver danneggiato le sue possibilità di una sospensione più breve. Sprewell, ha detto il funzionario, ha rifiutato di parlare con i membri dell'associazione dei giocatori tramite una teleconferenza martedì, il giorno dopo l'incidente.

Horace Balmer, vicepresidente della sicurezza della lega e parte di una squadra di sicurezza di tre persone, ha intervistato Sprewell per telefono lo stesso giorno. Martedì e mercoledì sono stati intervistati altri giocatori.

Hunter aveva programmato di far volare Sprewell a New York per incontrare la lega e presentare la sua versione dei fatti. Ma ieri mattina la Lega aveva terminato la sua inchiesta e Russ Granik, il vice commissario della Lega, ha chiamato Hunter e gli ha detto di non preoccuparsi di portare Sprewell a New York, dicendo: "Abbiamo già preso la nostra decisione. ''

Carlesimo ha detto che non chiederà accuse penali contro Sprewell, e un portavoce del dipartimento di polizia di Oakland, in California, ha detto ieri di non essere a conoscenza di azioni separate pianificate.

La più lunga sospensione precedente emessa dalla N.B.A. per una trasgressione non legata alla droga arrivò nel 1977, quando Kermit Washington dei Lakers fu squalificato per 60 giorni, coprendo 26 partite, dopo aver rotto la mascella di Rudy Tomjanovich di Houston con un pugno durante una partita.

Il 28 marzo 1977, Lenny Randle dei Texas Rangers di baseball prese a pugni il suo manager, Frank Lucchesi, tre volte prima di una partita di esibizione. I Rangers hanno multato Randle $ 10.000 e lo hanno sospeso per 30 giorni, con una perdita di $ 13.408 di stipendio.

Le sospensioni sono state comminate dalle leghe per violazioni della droga o del gioco d'azzardo. Due ex N.B.A. i giocatori, Roy Tarpley e Richard Dumas, sono stati sospesi a vita per aver violato la politica sull'abuso di sostanze della lega. Per i Warriors, l'incidente Sprewell è arrivato nel bel mezzo di una misera stagione in cui hanno vinto 1 partita e ne hanno perse 14 in questa stagione.

Lunedì, Sprewell può essere ingaggiato da qualsiasi altra delle 28 squadre della lega. Ma almeno per ora non può tornare a lavorare o giocare fino al 3 dicembre 1998.


La NBA sospende Sprewell

La National Basketball Association giovedì ha dato il suo contributo alla decisione dei Golden State Warriors di rescindere il contratto di Latrell Sprewell, sospendendo la guardia All-Star per un anno.

Il commissario NBA David Stern ha citato gli incidenti durante l'allenamento di lunedì, in cui Sprewell ha soffocato l'allenatore P.J. Carlesimo, poi è tornato e ha cercato di prenderlo a pugni.

Stern ha aggiunto: "Una lega sportiva non deve accettare o perdonare comportamenti che non sarebbero tollerati in nessun altro segmento della società. Di conseguenza, Latrell Sprewell è sospeso dalla NBA per un anno".

La dichiarazione ha proseguito affermando che la sospensione, senza retribuzione, ha effetto immediato e terminerà il 3 dicembre del prossimo anno.

I Warriors avevano rescisso il contratto quadriennale di Sprewell da 32 milioni di dollari mercoledì a causa dell'attacco, un'azione senza precedenti per insubordinazione da parte di una squadra NBA. Due giocatori, Roy Tarpley e Richard Dumas, erano stati precedentemente licenziati per uso di droga.

I Warriors avevano anche chiesto deroghe a Sprewell, una mossa procedurale che avrebbe potuto renderlo idoneo a essere firmato da un'altra squadra. L'azione della lega gli impedisce di giocare per qualcun altro.

Non solo Sprewell perderà più di 8 milioni di dollari di stipendio, ma anche i soldi che ha ricevuto avallando i prodotti Converse. Il produttore di scarpe da ginnastica ha annunciato giovedì che avrebbe annullato la decisione del giorno precedente e annullato il contratto con Sprewell.

La mossa dei Warriors ha creato uno scontro legale con il sindacato dei giocatori e l'azione di giovedì della NBA è una forte indicazione che la lega andrà in battaglia al fianco della squadra.

L'agente di Sprewell, Arn Tellem, ha detto mercoledì alla fine che avrebbe presentato immediatamente un reclamo e che la National Basketball Players Association "è d'accordo con noi e combatterà vigorosamente contro questo".

In caso di successo, la mossa dei Warriors, annunciata dopo la sconfitta per 95-67 contro i Cleveland Cavaliers mercoledì sera, annullerebbe il resto del contratto quadriennale da 32 milioni di dollari che Sprewell ha firmato due estati fa.

La squadra risparmierebbe circa 24 milioni di dollari e potrebbe scendere sotto il tetto salariale della NBA nella prossima off-season, permettendole di perseguire agenti liberi che potrebbero aiutare a invertire le sorti del club. I Warriors sono 1-14 e sembrano sicuri di saltare i playoff per la quarta stagione consecutiva.

Il direttore generale Garry St. Jean ha insistito sul fatto che il denaro non era la questione centrale del trasloco.

"Questa non è stata una decisione economica", ha detto St. Jean.

"Questa è stata una decisione su morale ed etica e la cosa giusta da fare, e questo franchise è forte nella sua convinzione".

Tellem, noto per aver difeso aggressivamente i suoi clienti indipendentemente dalle circostanze, era altrettanto irremovibile nel contestare la contesa dei Warriors.

"Non sono riusciti a ottenere il miglior (commercio) possibile, quindi hanno deciso di eliminare l'obbligo finanziario", ha detto Tellem. "Questo è ciò che gli interessa più di ogni altra cosa. Non si tratta di una questione etica".

St. Jean, che ha detto che Sprewell non giocherà mai più per i Warriors, non importa come andrà a finire il caso, ha ammesso che non c'è alcuna certezza che la squadra possa semplicemente licenziare il tre volte All-Star senza dargli ulteriori compensi.

"Abbiamo una buona sensazione a riguardo, ma non posso dirvi che è solido come una roccia", ha detto.

Poiché il contratto collettivo prevede l'arbitrato vincolante come ultima risorsa nel caso in cui Warriors e Sprewell non raggiungano un compromesso, la questione può essere risolta in tempi relativamente brevi.

Ciò potrebbe avvantaggiare il club, che altrimenti potrebbe dover attendere un lungo processo legale prima di poter utilizzare la cap room che il licenziamento di Sprewell creerebbe.

Sprewell dà il suo lato&lt

Meno di quattro ore prima che i Warriors annunciassero la loro mossa, Sprewell ha dato la sua versione della storia per la prima volta in pubblico. In un'intervista con KPIX-TV, Sprewell ha espresso rammarico per le sue azioni ma non si è scusato con Carlesimo.

"Voglio scusarmi con i miei fan, la mia famiglia e i miei amici che hanno visto questo", ha detto Sprewell. "Sicuramente non è qualcosa che perdono, ma è successo. E questo è un errore che ho fatto.

"Penso che sia noto da un po' di tempo che non siamo stati in buoni rapporti. Ed è passato più di un mese o giù di lì, e non riuscivo proprio a sopportare l'abuso verbale che ha dato a tutti i ragazzi in passato mese o giù di lì."

Molti dei compagni di squadra di Sprewell hanno fatto notare prima della partita che il teso Carlesimo non è certo l'allenatore più rumoroso che abbiano avuto e che Sprewell non è stato individuato per gli abusi.

Tuttavia, dopo la partita sono rimasti quasi all'unanimità sbalorditi nel sentire dello sparo, e molti hanno ritenuto che la squadra fosse eccessivamente dura con il loro compagno di squadra.

"Giusto? Non so più cosa sia giusto", ha detto Bimbo Coles, che piangeva tenendosi la testa tra le mani. Si sedette davanti al suo armadietto, adiacente a quello di Sprewell, incredulo della notizia che era stata consegnata alla squadra subito dopo la partita.


Lo Sprewell dei Warriors è stato sospeso per aver attaccato e soffocato l'allenatore

Latrell Sprewell dei Golden State Warriors, a destra, si appoggia a Isaiah Rider dei Portland Trail Blazers, mentre va a canestro nel primo tempo, sabato 15 novembre 1997, a Oakland, in California AP Photo / Lacy Atkins

I Golden State Warriors hanno sospeso Latrell Sprewell per un minimo di 10 partite ieri, poche ore dopo che la tre volte All-Star guard e il capocannoniere della squadra hanno attaccato due volte l'allenatore PJ Carlesimo in allenamento – a un certo punto soffocandolo e lasciando un tre pollici segno sulla sua gola, ha annunciato la squadra.

La sospensione inizia con la partita casalinga di domani contro i Cleveland Cavaliers e si estende almeno fino alla partita del 22 dicembre dei Warriors ai Phoenix Suns. Il direttore generale Garry St. Jean ha detto ieri sera che da ora ad allora parlerà con Sprewell, il suo agente, Arn Tellem, e i funzionari della NBA per determinare le condizioni sotto

quale il giocatore sarà reintegrato. Sprewell perderà 10 partite di stipendio, più di $ 935.000 dal suo stipendio 1997-98 di $ 7,67 milioni. Sprewell - che è stato in contrasto con Carlesimo quasi dal momento in cui l'allenatore è stato assunto a giugno - non è stato possibile raggiungere per un commento ieri sera. Né potrebbe Tellem, che ha sede a Los Angeles.

Ieri sera, durante una conferenza stampa convocata frettolosamente presso la struttura di allenamento dei Warriors nel centro di Oakland, St. Jean ha detto che non poteva speculare sul futuro di Sprewell, che, come praticamente tutti i giocatori della squadra 1-13, è stato nominato disponibile in tutto il campionato nelle offerte commerciali per tutta la stagione. "Non dirò che quello che è successo (ieri) aggiungerà benzina a ciò che facciamo", ha detto St. Jean.

Tuttavia, anche se St. Jean ha affermato di aver già visto scontri tra allenatore e giocatore, quello che è successo ieri è stato "molto, molto serio". Ciò era evidente all'apparizione di Carlesimo, sia dopo l'allenamento del primo pomeriggio che durante la conferenza stampa di ieri sera: aveva un graffio sulla gola dove Sprewell alto 6 piedi e 5, 190 libbre, arrabbiato con l'allenatore dopo essere stato ordinato di uscire pratica, aveva avvolto le dita.

Quel pomeriggio si sparse la voce della rissa, così come la speculazione che Sprewell stesse per essere severamente disciplinato, costringendo i Warriors a chiamare la conferenza stampa per raccontare la loro versione della storia.

"Durante l'allenamento, in due diverse occasioni, ci sono state parole pronunciate durante un'esercitazione", ha detto Carlesimo. "Ho chiesto a Sprewell di lasciare l'allenamento, non lo ha fatto, le parole sono aumentate fino al contatto fisico".

Sprewell ha finalmente lasciato il campo ed è andato negli spogliatoi dopo la rissa, che ha attirato l'intera squadra da tutti gli angoli del campo. Ma poi è tornato e, nelle parole di Carlesimo, "c'è stato più contatto fisico", creduto di essere uno scambio di pugni. Carlesimo non ha fornito ulteriori dettagli ed ha evitato di rispondere alle domande sui graffi ha detto che non credeva di aver provocato l'aggressione.

"Ciò che vogliamo affermare è che l'integrità della nostra franchigia è forte", ha detto St. Jean, seduto accanto a Carlesimo mentre i suoi tre assistenti allenatori - Rod Higgins, Bob Staak e Paul Westhead - erano nelle vicinanze. "Non tollereremo le azioni in campo (ieri)."

St. Jean non ha menzionato le condizioni che Sprewell avrebbe dovuto rispettare per tornare. Ha fatto notare, tuttavia, che Sprewell non si era né scusato né mostrato rimorso.

"Se c'è un dialogo tra tutte le parti in modo positivo", ha detto St. Jean, "(la sospensione) potrebbe essere abbreviata. O se non ci sono progressi, si allungherà".

L'NBA Players Association probabilmente farà appello contro la sospensione quando ne sarà informata oggi.

Il 9 novembre, durante una partita contro i Los Angeles Lakers a Inglewood, Carlesimo e Sprewell hanno litigato durante un timeout quando il giocatore è stato visto ridere durante la sconfitta di 35 punti. Carlesimo gli ordinò di uscire dal gioco, e Sprewell usò una parolaccia e definì l'allenatore "uno scherzo". Due giorni dopo, Carlesimo ha ordinato a Sprewell di fuori allenamento e lo ha messo in panchina per l'inizio della partita della sera successiva contro Detroit a Oakland. La relazione tra i due non è migliorata mentre Sprewell si è rifiutato di parlare pubblicamente di qualsiasi argomento in questa stagione, ha sistematicamente ridicolizzato Carlesimo in privato.

Carlesimo e St. Jean hanno insistito sul fatto che la dura punizione non fosse il risultato di atti insubordinati cumulativi. "Quello che riguarda la squalifica è quello che è successo oggi in allenamento", ha detto il tecnico, aggiungendo il qualificatore, "Ovviamente sono una delle persone coinvolte".

St. Jean ha detto di aver parlato brevemente con Sprewell nel suo ufficio dopo gli incidenti, per dirgli che era imminente un'azione disciplinare. Nel momento in cui il direttore generale ha parlato con i media, tuttavia, ha affermato di non aver parlato direttamente a Sprewell della sospensione, lasciando solo messaggi sulla segreteria telefonica del giocatore. Gli altri Warriors non erano stati informati della sospensione, nessuno poteva essere raggiunto per un commento.

L'allenatore e il giocatore hanno avuto scontri con altri durante la loro permanenza nella NBA. Sprewell e Tim Hardaway, l'ex guardia All-Star dei Warriors, ebbero una faida durante le stagioni 1994-95 e 1995-96. Sprewell trascorse la stagione 1994-95 protestando contro gli scambi dell'allora allenatore Don Nelson degli amici intimi Chris Webber e Billy Owens, fu sospeso due volte per un totale di tre partite per aver saltato gli allenamenti e le funzioni di squadra. Hardaway è stato ceduto a Miami nel febbraio 1996.

Carlesimo, nel frattempo, si è impegnato in una faida corrente con la guardia Rod Strickland mentre allenava i Portland Trail Blazers dal 1994 al 1996 Strickland una volta lasciò la squadra per più di una settimana dopo non aver ottenuto il suo desiderio di essere scambiato. La scorsa stagione, Carlesimo e l'organizzazione dei Trail Blazers hanno punito diversi giocatori in vari momenti per violazioni delle regole, e l'ex Blazer Clifford Robinson una volta ha maledetto ad alta voce Carlesimo dopo essere stato rimosso da una partita.


Un altro membro di spicco di quelle squadre dei Pistons era nientemeno che Bill Laimbeer, il grande uomo di 6 piedi-11. Il termine esecutore probabilmente non rende giustizia a ciò che ha fatto Laimbeer mentre era in campo. I suoi falli estremamente duri hanno lasciato il segno — in senso figurato e letterale. Sfortunatamente per il quattro volte All-Star, è considerato uno dei giocatori più sporchi nella storia del gioco.

Non avremmo reso giustizia a questa lista se non avesse Ron Artest alias Metta World Peace. È stato una figura controversa per tutta la sua carriera — per dirla bene —, ma il suo indimenticabile coinvolgimento nel famigerato “Malice at the Palace” nel 2004 deve vincere la torta. Artest was suspended for the rest of the season and fined a hefty sum for starting what is considered the most violent brawl in NBA history.

Oh, and who could forget this vicious elbow on James Harden. It’s still tough to watch after all these years:


Latrell Sprewell Suspended For Attacking, Choking Coach

Golden State Warriors Latrell Sprewell, right, leans into Portland Trail Blazers Isaiah Rider, as he goes up for a basket in the first half, Saturday Nov. 15, 1997, in Oakland, Calif. AP Photo / Lacy Atkins

The Golden State Warriors suspended Latrell Sprewell for a minimum of 10 games yesterday, hours after the three-time All- Star guard and the team's leading scorer twice attacked coach P.J. Carlesimo in practice -- at one point choking him and leaving a three-inch mark on his throat, the team announced.

The suspension begins with tomorrow's home game against the Cleveland Cavaliers and extends at least through the Warriors' December 22 game at the Phoenix Suns. General Manager Garry St. Jean said last night that between now and then, he will talk to Sprewell, his agent, Arn Tellem, and NBA officials to determine the conditions under

which the player will be reinstated. Sprewell will lose 10 games' pay, more than $935,000 from his 1997-98 salary of $7.67 million.

Sprewell -- who has been at odds with Carlesimo almost from the time the coach was hired in June -- could not be reached for comment last night. Neither could Tellem, who is based in Los Angeles. At a hastily called news conference at the Warriors' practice facility in downtown Oakland last night, St. Jean said he could not speculate on the future of Sprewell, who, like virtually all of the players on the 1-13 team, has been made available around the league in trade offers all season. "I'm not going to say that what happened (yesterday) is going to add fuel to what we do," St. Jean said.

However, while St. Jean said he had seen coach-player confrontations before, what happened yesterday was "very, very serious." That was obvious upon Carlesimo's appearance, both after the early afternoon practice and at last night's news conference -- he had a scratch on his throat where the 6-foot-5, 190-pound Sprewell, angry at the coach after being ordered out of practice, had wrapped his fingers.

Word of the fight trickled out that afternoon, as did speculation that Sprewell was about to be severely disciplined, forcing the Warriors to call the news conference to tell their version of the story.

"During practice, on two different occasions, there were words spoken during a drill," Carlesimo said. "I asked Sprewell to leave practice, he didn't, the words escalated to physical contact."

Sprewell finally left the court and went to the locker room after the scuffle, which drew the entire team from all corners of the court. But he later returned and, in Carlesimo's words, "there was more physical contact," believed to be an exchange of punches. Carlesimo offered no more details and avoided answering questions about the scratches he did say that he did not believe he provoked the attack.

"What we want to state is that the integrity of our franchise stands strong," said St. Jean, sitting next to Carlesimo as his three assistant coaches -- Rod Higgins, Bob Staak and Paul Westhead -- stood nearby. "We are not going to tolerate the actions on the court (yesterday)."

St. Jean did not mention the conditions with which Sprewell would have to comply in order to return. He did point out, however, that Sprewell had neither apologized nor shown remorse.


BARKLEY SAYS SPREWELL'S ATTACKS WERE 'STUPID'

Outspoken Houston Rockets forward Charles Barkley said yesterday he backs the NBA's one-year suspension of Latrell Sprewell for attacking Golden State Coach P.J. Carlesimo but opposes the Warriors' voiding of the rest of the player's $32 million contract.

Appearing on CNN's "Crossfire," Barkley said there would be no boycott -- for Sprewell.

"We're not going to boycott anything for Latrell Sprewell," Barkley said. "I like Latrell, but what he did was stupid. It was wrong. And under no circumstances can we accept that."

Also interviewed on MSNBC, Barkley clarified his comments on Tuesday regarding a possible boycott. He said he had raised the possibility of an NBA players' boycott of the All-Star Game and the world championships in Greece next year only in connection with union negotiations with the NBA, not over the Sprewell controversy, as was widely reported.

Barkley said he found Sprewell's two attacks on Carlesimo at a practice on Dec. 1 to be indefensible. "It's the worst thing that happened since I've been in sports," said the 34-year-old Barkley, who is in his 14th year in the NBA. "I can't think of anything that even comes close."

But Barkley said players are concerned about teams using "selective judgment if they don't like a guy if he does something wrong off the court to be able to void his whole contract that's the problem we have."

Barkley was appalled that many of Sprewell's former teammates stood with the suspended guard at his Tuesday news conference.

"I did not like them being at that press conference because them being at that press conference meant it's all right to choke your coach," Barkley said. "I've read a couple of player accounts of what happened during that incident. And if you read it closely, several of the players keep shooting while Latrell is choking the coach. How absurd is that?"

Barkley also commented on former O.J. Simpson lawyer Johnnie Cochran, who gained fame for raising racial issues in successfully defending the ex-football star in his double murder trial, being on the dais with Sprewell.

"It bothers me more than anything le persone making this out to be a black-white thing," Barkley said. "I was proud of the association for sticking with Latrell. I was disappointed that they made race an issue. I was disappointed they brought in Johnnie Cochran."

Barkley added: "We as players have to police the game. We are caretakers of the game. And right now we're just doing a terrible job.

"I've done some things that were wrong and stupid. I've always said I had great respect for the coaches I've played for, even though I didn't agree with them all the time."

Barkley did not elaborate on future union actions should the NBA invoke its right to reopen the collective bargaining agreement, but said: "I want everybody to make as much money as possible, but we have to address the salaries. The owners need to make money just like the players."


PAGE ONE -- NBA Suspends Sprewell for a Year / Angry S.F., Oakland mayors call for investigation

Golden State Warriors all- star guard Latrell Sprewell was banned from basketball for one year yesterday by NBA Commissioner David Stern -- the longest suspension ever given by the National Basketball Association for a conduct violation.

The ban prompted by Sprewell's attack Monday on team coach P.J. Carlesimo provoked an outpouring of reaction, including an angry response from the mayors of San Francisco and Oakland.

"This is not a person accused of rape, accused of kicking a TV cameraman, accused of carrying a gun on an airplane," said San Francisco Mayor Willie Brown, who has asked the Rev. Jesse Jackson, the NAACP and Oakland Mayor Elihu Harris to investigate.

Reminded that Sprewell was accused of choking his boss, the mayor responded, "His boss may have needed

choking. It may have been justified . . . someone should have asked the question, 'What prompted that?' "

Warriors' counsel Robin Baggett swiftly replied to Brown's allegations.

"He doesn't know the facts. He obviously hasn't learned from his Elvis Grbac experience," said Baggett, referring to Brown's controversial comments on the 49ers' former quarterback.

In Oakland, Harris joined with Brown in calling for an investigation.

"Race is an issue but, more importantly, for an athlete who may be similarly dismissed and sanctioned by the NBA without a fair hearing is cause for pause," Harris said.

"Whether it's a millionaire athlete, black or white, simply the issue of fairness and the avoidance of kangaroo court or a media circus should concern all of us."

On Wednesday, Sprewell was fired by the Warriors for the alleged "premeditated assault" on Carlesimo. Sprewell's ouster led the NBA Players Association -- which called the firing "excessive and unreasonable punishment" -- to announce yesterday that it would file a grievance against both the Warriors and the league.

The Warriors' termination of Sprewell's contract will cost him more than $23 million over the next three years, and the suspension prevents his being paid by any other NBA team. The ban was not unexpected, since the Warriors did not want him to go to another team for no compensation. Sprewell, 27, is a three-time All-Star and a 20-point-per-game scorer who had some trade value before Monday's attack.

Sprewell could not be reached for comment.

The Warriors refused comment on the suspension and the union's challenge to it.

Sprewell's former Warriors teammates, however, weighed in.

"I think it was just a little bit too hard," said Donyell Marshall after yesterday's practice in Oakland. "They already took his contract from him. They took $25 million. They didn't even say, go play somewhere for the minimum. They took everything from him."

"I'm not sure what good can come out of it," said Muggsy Bogues. "You've got a guy out on the street with no source of income, and he's got kids to feed."

Sprewell has a daughter, 7, and a son, 2.

Sprewell will not have endorsement income to fall back on. Yesterday, after having stood behind their client in light of the original 10-game suspension, Converse dropped Sprewell as a spokesman after more than three years.

Stern left no doubt as to his feelings about the attack. "A sports league does not have to accept or condone behavior that would not be tolerated in any other segment of society," he said.

Stern also described what the NBA had learned of the attack through its investigation, saying that Sprewell "returned and fought his way through others in order to commit a second, and this time clearly premeditated, assault."

The treatment of the matter in the sports world set off a firestorm of controversy in the political world.

Mayor Brown said last night at City Hall that he decided to get involved by contacting other political leaders and civil rights figures on Sprewell's behalf because of a belief that the former Warriors player had not been treated fairly by the team or the media.

"I hate to see a huge apparatus take advantage of a single individual," Brown said. "The singular overkill in this incident cries out for attention."

Brown noted that at least five other NBA players have had serious problems with the Warriors coach, "a whole host of people who have had trouble."

He said that stress, tough work schedules and other factors may have affected Sprewell. t "We also need to find out the root causes" of the assault, he said, adding that Sprewell is "being held up as if he's Charlie Manson."

Harris said he had asked for a briefing from the Warriors on the matter. "This is fairly unprecedented in the annals of the NBA and professional sports," Harris told KGO radio. "That it happened so fast, and such finality is of concern to us . . . yes, it is a person of color. As a community leader, who's certainly concerned about everyone who lives and works in Oakland, (I) just want to make sure it's fair."

The Rev. Amos Brown, a prominent African American community leader and San Francisco supervisor, said he does not in any way condone physical violence -- but added he was angered by the Sprewell suspension.

"It was unconscionable that he got this kind of severe punishment, considering that, stereotypically, black folk historically have been used to provide entertainment to the established culture, whether through sports or music," Brown said.

"We have been used as fodder for the entertainment world. People have made money off us . . . and yet they expect a player to be subjected to the hostile, abusive approach of this coach. He got what he was asking for."

But not all the reaction was favorable to Sprewell among African American community leaders.

"I can't buy that -- I don't think anybody deserves to be choked," said Alameda County Supervisor Mary King, who is African American. "Violence is not OK in politics. It's not OK in sports, and it's not OK in our dealings on the street . . . it's really unfortunate that it would get political."

Oakland NAACP President Shannon Reeves said neither he nor the NAACP is part of any organized effort by Bay Area political heavies to insert themselves in the Sprewell incident. Reeves said he was contacted by Brown and that his office also received numerous calls from fans regarding the case.

Reeves said if a discrimination complaint is filed, the NAACP will investigate -- but the case will not get special treatment. "We will follow normal procedure," he said. "We cannot push everyday people aside just because an athlete has a problem."

Meanwhile, sports leaders -- particularly coaches and general managers -- supported Stern's action and, by extension, the Warriors and Carlesimo.

"It was the most outrageous act of insubordination I've ever seen," said Boston Celtics general manager Chris Wallace. "I'm happy the discipline had some teeth to it."

New Jersey Nets General Manager John Nash agreed, while raising the question of whether Sprewell would be signed to play in the NBA again when the suspension is lifted. "I suspect someone will give him a shot," he said. "I know one team that won't, though, and that's the one I'm working for."

Chronicle reporters Torri Minton, Thaai Walker, Manny Fernandez, Andy Ross and Phil Matier contributed to this report.

List of site sources >>>


Guarda il video: Latrell Sprewell 20 Points 5 Ast @ Raptors, 2001 Playoffs Game 3. (Novembre 2021).