Podcast di storia

Cronologia della cultura Nok

Cronologia della cultura Nok



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.


Rapporto sulle caratteristiche principali di Nok Culture

Molte persone tendono a dare per scontati l'arte e il design, eppure sono prevalenti nella nostra vita quotidiana. L'arte è l'uso dell'immaginazione, la percezione e l'espressione di un individuo di qualcosa di speciale.

Questo può essere sotto forma di belle arti come dipinti e sculture, visual come la televisione, pubblicità e loghi e architettura. Il design incorpora semplicità ed efficacia e cerca di risolvere le difficoltà incontrate dall'uomo nella vita quotidiana.

Fattori come l'economicità, i materiali, gli aspetti negativi (ambientali) e la funzione sono ben ponderati dai progettisti. Insieme, designer e artisti svolgono un ruolo vitale nella società.

Attraverso le loro attività innovative, ritraggono un'immagine o un riflesso del mondo in cui viviamo. Aiutano a rappresentare la nostra cultura, l'agricoltura, i costumi sociali, le credenze e la religione.

L'arte e il design sono ovunque, dai nostri telefoni, laptop, penne, bottiglie, abbigliamento, strade, veicoli, treni e aeroplani (Davidson, 2000).

Una delle opere d'arte più significative è l'arte Nok, una testimonianza della cultura Nok. La cultura Nok è apparsa nella regione dell'Africa occidentale in Nigeria. Descrive la scultura Nok della Nigeria settentrionale che risale al 500 a.C. al 200 d.C.

Le sculture Nok, le statue in terracotta, sono considerate le prime tracce della notevole tradizione scultorea a sud del Sahara. La scoperta delle sculture nel 1943 indica l'uso del ferro, la pratica della fusione per gli strumenti e la contraffazione.

Le sculture Nok variavano di dimensioni da statue in miniatura a sculture massicce di posture in ginocchio, sedute e in piedi, per lo più di re e sacerdoti. Raffiguranti uomini e animali, le più famose delle sculture Nok sono le teste in terracotta.

La caratteristica principale delle terrecotte Nok è la loro struttura cava. Sono scolpiti da rotoli di argilla ed essiccati mediante cottura all'aria aperta e forni chiusi. Frammentate ed erose dai danni e dall'età, si ritiene che alcune teste Nok facciano parte di corpi completi.

Molte di queste sculture sono state modellate singolarmente in tecnica additiva altre sono state scolpite in tecnica sottrattiva. Questo caratteristico metodo sottrattivo suggerisce una pratica di intaglio comparabile (Rupp & Breunig, 2005).

A causa dell'erosione dell'acqua, del rotolamento e dell'età, la maggior parte dei frammenti di terracotta ha subito piccoli restauri che erano molto necessari per catturare l'essenza dell'arte. In proporzione le teste sono relativamente più grandi del resto dei corpi, le ragioni di queste rimangono sconosciute.

Orecchie traforate, bocche, occhi di forma triangolare con pupille forate sono alcuni degli stilemi tipici delle teste Nok. Acconciature particolari, l'uso di ornamenti e gioielli, la varietà della bellezza nel design forniscono un'affascinante testimonianza di decorazione del corpo e ornamento nella cultura Nok.

Il sistema sanitario della cultura Nok era rappresentato anche in alcune delle figurine con alcuni pezzi scolpiti per riflettere malattie come l'elefantiasi e la paralisi. Un esempio di terracotta Nok è la TESTA DI RAFIN KURA trovata a Rafin Kura in Nigeria.

La testa di Rafin Kura ha una bocca cava con labbra separate, grandi occhi forati e narici allargate. Annunciata come la prova principale della civiltà precoloniale, la cultura Nok rimane un enigma.

L'importanza, la funzione e il significato delle terrecotte Nok sono generalmente ancora sconosciute (Kleiner, 2009).


Guerra biafrana

1967 - Tre stati orientali si separano dalla Repubblica del Biafra, scatenando una guerra civile di tre anni.

1975 - Il generale Gowon rovesciato dal brigadiere Murtala Ramat Mohammed, che avvia il processo per trasferire la capitale federale ad Abuja.

1976 - Il generale Mohammed assassinato nel fallito tentativo di colpo di stato. Sostituito dal suo vice, il tenente Gene Olusegun Obasanjo, che aiuta a introdurre la costituzione presidenziale in stile americano.

1979 - Le elezioni portano al potere Alhaji Shehu Shagari.

1983 agosto-settembre - Il presidente Shagari rieletto tra accuse di irregolarità.

1983 dicembre - Il Magg. Gen. Muhammad Buhari prende il potere con un colpo di stato incruento.

1985 - Ibrahim Babangida prende il potere con un colpo di stato incruento, limita l'attività politica.

1993 giugno - L'esercito annulla le elezioni quando i risultati preliminari mostrano la vittoria del capo Moshood Abiola.


  • NOME UFFICIALE: Repubblica Federale della Nigeria
  • FORMA DI GOVERNO: Repubblica federale
  • CAPITALE: Abuja
  • POPOLAZIONE: 203.452.505
  • LINGUA UFFICIALE: Inglese
  • DENARO: Naira
  • AREA: 356.667 miglia quadrate (923.768 chilometri quadrati)
  • MAGGIORE GAMMA MONTAGNA: Altopiani del Camerun
  • FIUMI PRINCIPALI: Niger, Benue

GEOGRAFIA

La Nigeria è spesso chiamata il "Gigante dell'Africa". Questo nome deriva dalla vastità della sua terra, dalla diversità dei suoi popoli e lingue, dalla sua enorme popolazione (la più grande in Africa), dal suo petrolio e da altre risorse naturali.

La Nigeria è un mosaico di regioni particolari, tra cui deserti, pianure, paludi, montagne e giungle piene di vapore. Ha uno dei più grandi sistemi fluviali del mondo, incluso il delta del Niger, il terzo delta più grande della Terra.

Gran parte della Nigeria è ricoperta di pianure e savane. Queste praterie tropicali si estendono a perdita d'occhio e sono interrotte qua e là da alberi e arbusti. Le pianure del sud-ovest ospitano il popolo Yoruba, che vive lì da migliaia di anni.

Mappa creata da National Geographic Maps

PERSONE e CULTURA

Ci sono almeno 250 lingue parlate in Nigeria e forse più di 400. La musica e l'arte derivano da forti radici tribali e sono prevalenti in tutta la società.

Almeno il 60 per cento dei nigeriani vive al di sotto della soglia di povertà, con meno di un dollaro al giorno. La distribuzione iniqua della ricchezza petrolifera del paese, nonché i conflitti politici, etnici e religiosi hanno messo a dura prova la società nigeriana.


BREVE NOTA SULLA STORIA DELLA NIGERIA IN GENERALE

La Nigeria è ben nota oggi che la sua storia risale a più di duemila anni fa. C'è un'emergenza di governo che è indipendente dal contatto con l'Europa, rendendo il paese un paese sovrano.

La storia non sarà completa se non scriviamo sull'impero Yoruba di Oyo, i Grandi Regni di Ife e Benin sono stati identificati come uno dei più grandi regni nell'area dell'arte che si erge come il potente Stato della costa della Guinea. La savana del nord della Nigeria prima che fosse rovesciata dagli Stati Uniti per cento anni, è stata governata dall'impero Fulani, inoltre, storicamente per più di mille anni, il Kanem-Borno è uno dei grandi regni del nord. C'è stato un aumento della domanda di schiavi da parte degli europei che ha ricevuto allora una grande affluenza da parte delle città-stato del Delta del Niger. Inoltre, l'olio di palma è stato culturalmente attribuito alle popolazioni orientali della parte Ibo e della piccola area della tribù dell'altopiano, ma in politica sono decentralizzate.

LA STORIA DELLA NIGERIA PRIMA DELL'INDIPENDENZA (1900-1960)

Sin dai tempi antichi, diverse tribù e imperi dominavano la terra del paese che componeva quella che oggi è conosciuta come Nigeria. La Nigeria divenne un territorio e come parte dell'Africa occidentale circa duecentomila anni fa, la progenie degli Asura e i lontani antenati degli ultimi pigmei entrarono nella terra dell'Africa orientale e centrale dall'antica tribù.

A Jos, nello stato di Plateau, che è lo stato che funge da parte centrale del paese, c'era il luogo in cui si formò la cultura Nok a metà del 1000 aC che segnò il periodo di passaggio dall'era della pietra all'età del ferro. Le figurine di terracotta rappresentano un personaggio importante della cultura Nok. Figurine di carri a ruote e cavalli che sono altri personaggi della cultura Nok permettono di combinare l'aspetto del Nok con l'antica origine mediterranea della civiltà influenzata dalla cultura del Nok.

Il bronzo del Benin che è stato utilizzato per l'abbellimento del palazzo dei re del Benin è recentemente raccomandato come principali musei in Europa, e il museo principale può essere visto nei musei degli Stati Uniti quando la civiltà Nok e il popolo Yoruba hanno presentato origini create dal pre -State Uniti, Ife, Oyo e il Regno del Benin sono misteriosamente scomparsi.

Fino all'anno 1911 a causa della data sconosciuta dell'avvenimento, l'esistenza del popolo Igbo dal 19° secolo nella parte sud-orientale della Nigeria può essere fatta risalire al Regno di Nri che ha reso la città di Nri considerata l'origine della cultura Igbo .

La parte settentrionale della Nigeria sviluppò la cultura del popolo di Tiv, che risale al VI secolo aC. Terracotta e Bronzo che costituiva le teste della Scultura. Tuttavia, sulla storia pre-indipendenza della Nigeria, alcuni dei fatti da notare sono i seguenti:

  • Le vicinanze di Tarugi e Samum Dukhiya, che erano gli insediamenti che appartengono alla cultura Nok identificati a Jos, nello stato di Plateau in Nigeria, furono i primi luoghi in cui il ferro metallurgico fu prodotto prima che venisse trovato in seguito in Europa. Fu ritrovata una fornace per la produzione del ferro a forma di cilindro, anch'essa in argilla, datata 450-500 a.C.
  • Il vasto paese Kanem-Bornu che va dalla Libia alla Nigeria è stato creato dalla gente di Zaghawa nel nomade nilodico nel nord-est della Nigeria nel 700.
  • La parte sud-occidentale della Nigeria è stata costituita di recente come nazione da 850, è stata anche stabilita come base delle tribù Akan orientali. La periferia settentrionale della Nigeria era un luogo in cui sorgeva lo stato di Hausa.
  • Nel 1150, la parte nord-orientale della Nigeria si unì a Kana e il Benin si unì alla Nigeria dalla parte meridionale della Nigeria.
  • Sotto l'influenza dei commercianti arabi, i governanti di Kanem-Bornu furono convertiti all'Islam nel 1085.
  • Il portoghese che è stato il primo paese europeo ad esistere è apparso sulle rive del Golfo di Guinea nel XV secolo.
  • Le tribù sahariane Kanumi entrarono nella parte nord-orientale della Nigeria nel 1600, e dalla parte occidentale della Nigeria entrarono le tribù Fulani. Sulla costa, nella parte meridionale della Nigeria, tribù come Bonny, Calabar e Brass emersero nel 1700. Le superfici di Igbomina ed Ekiti si trovavano all'estremità occidentale della Nigeria. L'Africa centrale ha Zaria.
  • Il califfato di Sokoto nel nord della Nigeria era un luogo di grande insediamento nel 1849 con Bornu e Baguimi emersi a est.
  • La parte della costa della Guinea, che era la costa dell'ultima Nigeria meridionale, è stata rivendicata dalla Gran Bretagna a causa della divisione dell'Africa nell'anno 1885. Una forma anglicana di cristianesimo che ha persone Yoruba nella sua grande popolazione è stata formata dai colonizzatori britannici.
  • La denominazione e la fusione della Nigeria furono colonizzate nell'anno 1914 dalle colonie britanniche. Le prime ferrovie in Nigeria furono costruite dagli inglesi nel 1916 e anche il primo pozzo petrolifero da loro perforato nel 1958.

STORIA DELLA NIGERIA DOPO L'INDIPENDENZA (dal 1960 ad oggi)

Il 1° ottobre 1960 fu l'anno in cui la Nigeria ottenne la libertà dal dominio degli Stati Uniti. È stato anche l'anno in cui la Nigeria ha preso il controllo di militari, territori e politica. Il sistema di governo britannico caratterizzato da un primo ministro e un capo di stato cerimoniale era ancora seguito dalla Nigeria.

Il capo degli Stati cerimoniale della Nigeria a quel tempo era Nnamdi Azikiwe, mentre Sir Abubakar Tafewa Balewa serviva come Primo Ministro. A causa dell'accordo raggiunto tra il Congresso del popolo settentrionale e il Congresso nazionale della Nigeria e Cameron nel 1959, Nnamdi Azikiwe e Sir Abubakar Tafewa Balewa hanno assunto rispettivamente le posizioni di capo di stato e primo ministro. Durante quell'incontro, la selezione del Capo di Stato e del Primo Ministro avvenne attraverso le elezioni generali.

Come al momento della sua liberazione dal dominio britannico, il rapporto tra i due paesi era ancora troppo forte. Fino al 1963, quando la Nigeria è diventata una Repubblica completa, esistono ancora alcuni elementi del dominio della colonia britannica.

Nnamdi Azikiwe è diventato il primo capo di stato ufficiale quando la Nigeria ha deciso di eleggere il suo capo di stato che vede ancora gli affari della nazione in generale.

La costituzione che fu formata ad interim dopo la sua libertà dal dominio britannico che stabiliva come sarebbe stata governata la nazione fu utilizzata tra il 1963-1966 durante la guida di Nnamdi Azikiwe quando la prima Repubblica si tenne sotto l'accordo del Consiglio nazionale della Nigeria e Cameroni.

L'Action Group, che ha le sue radici nella parte sud-occidentale della Nigeria, è stato uno degli altri partiti politici molto vivaci in quel periodo. Gli altri partiti di spicco sono l'Igbira Tribal Union, il Partito Democratico della Nigeria e Cameron, e poi il Borno Youth Movement che ha la sua sede principale nello Stato di Borno.

Altri includono il Partito Repubblicano, il Congresso del Delta del Niger con popolarità tra la gente della regione del Delta del Niger in Nigeria e tanti altri.

Il sistema economico di governo sulla storia della Nigeria prima dell'indipendenza - Dal 1914 fino ad oggi

Nel XV secolo, la tratta atlantica degli schiavi fu introdotta dopo la costruzione di basi costiere tra il Regno del Benin ora noto come Nigeria e commercianti africani sulla costa ora chiamata Ghana.

A causa della crescita del sistema delle piantagioni atlantiche, la tratta degli schiavi atlantica ha dominato durante il periodo 1960-1800.

La parte della più ampia competizione per il commercio e l'impero nell'Atlantico durante il XVII secolo fino alla metà del XVIII secolo è stata stabilita dall'Europa sulle comunità dell'Africa occidentale.

Gli olandesi nell'Africa occidentale formarono le compagnie commerciali nazionali con la compagnia della Royal Adventures che era l'effettiva impresa inglese e noleggiata nel 1660 e nel 1972 fu succeduta dalla Royal African Company. La Gran Bretagna divenne l'abitante di un potere pubblico nell'Africa occidentale dopo la fine della Rivoluzione francese e delle guerre napoleoniche tra il 1799-1875.

Nel 19° secolo, la tratta degli schiavi era la causa devastante dei conflitti interni nella parte meridionale della Nigeria e l'olio di palma era l'unico prodotto che la Gran Bretagna usava per espandere il suo mercato in tutta l'Africa occidentale.

La dipendenza della Nigeria principalmente dal petrolio che rappresentava l'87% delle esportazioni e le entrate correnti del governo federale che si attestano al 77% nel 1988 sono state una delle principali caratteristiche dell'economia nigeriana durante il periodo degli anni '70 e '80.

Il sistema politico di governo basato sulla storia della Nigeria prima dell'indipendenza - dal 1914 fino ad oggi.

Le regioni settentrionali abitate principalmente da Hausa-Fulani e hanno la religione islamica come credenza, la parte orientale abitata principalmente da Ibo e pratica il cristianesimo come credenza, e poi le regioni occidentali che sono in gran parte dominate da Yoruba e cristiani per credenza religiosa sono le tre province nell'anno 1914 amministrate singolarmente dalla Regola degli Stati Uniti. Il Gruppo d'Azione in Occidente, il Consiglio Nazionale del Consiglio del Popolo del Nord nel Nord e il Consiglio Nazionale della Nigeria e Cameron nell'Est sono i tre principali gruppi politici per i quattordici anni dopo l'anno 1914.

Alla Nigeria è stato permesso di avere il controllo dei suoi affari nazionali nell'anno 1963, che ha segnato l'anno in cui la Nigeria è stata confermata come repubblicana dopo il suo capo di stato di nome On. Nnamdi Azikiwe era solo un presidente cerimoniale nell'anno 1960.

La Nigeria ha visto diversi eventi negativi nella sua leadership e amministrazione. In conclusione, otto anni degli undici anni di leadership sono stati caratterizzati da regime militare e solo tre anni da regime civile. C'era anche un problema di colpo di stato.

Per una spiegazione dettagliata sulle diverse aree relative al paese

CONCLUSIONE SULLA STORIA PRIMA DELL'INDIPENDENZA DAL 1914 AD OGGI

È stata discussa la panoramica della storia nigeriana, l'impostazione politica, una metamorfosi del paese dalla nazione instabile a quella più gigante e il paese forte che è attualmente.

tag: la storia della Nigeria prima dell'indipendenza, Storia della Nigeria dal 1914 fino alla data


Obasanjo rieletto

2003 19 aprile - Prime elezioni presidenziali a conduzione civile dalla fine del governo militare. Olusegun Obasanjo eletto per il secondo mandato nonostante gli osservatori Ue abbiano segnalato "gravi irregolarità".

2003 settembre - Il primo satellite della Nigeria, NigeriaSat-1, lanciato da un razzo russo.

2004 maggio - Lo stato di emergenza è dichiarato nello Stato dell'altopiano centrale dopo che più di 200 musulmani sono stati uccisi a Yelwa negli attacchi delle milizie cristiane per vendetta lanciati da giovani musulmani a Kano.


Fortezze collinari dell'età del ferro

Vista aerea dell'ingresso alla Old Oswestry Hill Fort nelle Marche gallesi vicino a Oswestry nello Shropshire nord-occidentale durante l'età del ferro.

Patrimonio inglese/immagini del patrimonio/immagini Getty

Persone in gran parte dell'Europa celtica vivevano in fortezze collinari durante l'età del ferro. Mura e fossati circondavano i forti e i guerrieri difendevano i forti di collina dagli attacchi dei clan rivali.

All'interno delle fortezze collinari, le famiglie vivevano in semplici case rotonde fatte di fango e legno con i tetti di paglia. Coltivavano e allevavano bestiame, tra cui capre, pecore, maiali, mucche e oche.


Nonostante la grande resistenza, il numero dei pescherecci motorizzati sale a 6.000.

A Stavanger vengono costruite circa 70 fabbriche di conserve. L'industria dello spratto esplode.

Il primo peschereccio da traino di fabbrica, "M/TR Longva" è costruito in Norvegia.

500 pescherecci a circuizione consentono ai norvegesi di pescare in acque libere, lontano dalla deposizione delle uova di aringhe.


Miglior prestazione del girone

Pur essendo "il ragazzo tranquillo" tra tutte le altre divisioni del gruppo Varner-Oglaend, Oglaend System AS ha mostrato senza dubbio la migliore prestazione di tutti. Dopo l'acquisizione di Varner-Gruppen nel 1987, tutte le divisioni che non erano legate né al settore immobiliare né all'abbigliamento furono messe in vendita, inclusa la Oglaend System AS. A KPMG è stata assegnata la responsabilità della vendita di queste divisioni. C'erano diversi potenziali acquirenti, tra gli altri il gruppo di gestione di Oglaend System AS.

Quest'anno è stata lanciata sul mercato la fascetta stringitubo ETIN&trade.


C'è solo un'istituzione post-secondaria, l'Università del Benin a Cotonou. L'università funge da base per gruppi di ricerca internazionali e i suoi membri di facoltà hanno prodotto importanti contributi accademici. Gli iscritti sono circa dodicimila.

Adam, Kolawolé Sikirou e Michel Boko. Le Benin, 1983.

Allen, Chris, "Benin", in Benin, Congo, Burkina Faso: economia, politica e società, 1989.

Bay, Edna G. Mogli del Gattopardo: genere, politica e cultura nel regno del Dahomey, 1998.

Blier, Suzanne. Vodun africano: arte, psicologia e potere, 1994.

Cornevin, Robert. La Republique Populaire du Benin: Des Origines Dahoméennes a Nos Jours, 1981.

Decalo, Samuele. Colpi di stato e governo dell'esercito in Africa: studi in stile militare, 1976.

——. Dizionario storico del Benin, 3a ed., 1995.

Eades, J. S. e Chris Allen. Benin, 1996.

Herskovits, Melville J. Dahomey: un antico regno dell'Africa occidentale, 1938.

Kodjogbé, Nicaise, Gora Mboup, Justin Tossou, et al. Enquête Démographique et de Santé, Republique de Bénin, 1996, 1997.

Legge, Robin. Il Regno di Allada, 1997.

——. "La politica di transizione commerciale: conflitto di fazioni in Dahomey nel contesto della fine della tratta atlantica degli schiavi". Journal of African History 38 (2): 213–233, 1997.

Lombardo, Jacques. Strutture di tipo "Feodal" in Afrique Noire: Études des Dynamismes Internes et des Relations Sociales chez les Bariba du Dahomey, 1956.

Manning, Patrick. Schiavitù, colonialismo e crescita economica in Dahomey, 1640–1960, 1982.

Mercier, Paul. Tradizione, cambiamento, storia: Les "Somba" du Dahomey Septentrional, 1968.

Midiohouan, Thécla. "La Femme dans la Vie Politique, Économique et Sociale en RPB." Presenza Africaine 141: 59–70, 1987.

Parrinder, Geoffrey. "Dahomey mezzo secolo fa." Journal of Religion in Africa 19 (3): 264–273, 1989.

Ronen, Dov. Dahomey: tra tradizione e modernità, 1975.

Ryan, Josephine Caldwell. "Cambiare le abitudini alimentari a Parakou, Benin: uno studio sul comportamento alimentare delle donne Bariba e Dendi urbane". dottorato di ricerca tesi di laurea, Southern Methodist University, Dallas, Texas, 1996.

Sargent, Carolyn Fishel. Il contesto culturale della scelta terapeutica: decisioni di assistenza ostetrica tra i Bariba del Benin, 1982.

——. Maternità, medicina e potere: decisioni riproduttive nel Benin urbano, 1989.

Whiteman, Kaye. "High Road to Nowhere: African Aftermath". Incontrare 74 (4): 67–70, 1990.


Guarda il video: Nok Culture: BASIC NIGERIAN HISTORY # (Agosto 2022).