Podcast di storia

Questo giorno nella storia: 26/06/1948 - Inizia il ponte aereo di Berlino

Questo giorno nella storia: 26/06/1948 - Inizia il ponte aereo di Berlino



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

In questa clip dello spettacolo This Day In History, diamo un'occhiata a cose interessanti accadute il 26 giugno. Dalla prima passerella di Oceanside al codice genetico negli umani, non te ne pentirai quando guarderai questo video. Scopri molti altri fatti divertenti su questo giorno della storia proprio qui.


Inizia il ponte aereo di Berlino

Dopo la seconda guerra mondiale, il controllo sulla Germania fu diviso tra i vincitori: Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia e URSS. Anche la capitale Berlino è stata divisa. Poiché Berlino si trovava nel profondo della zona sovietica, era difficile mantenere rifornita la parte occidentale.

Nel 1948, l'URSS tagliò tutte le strade e le rotte di rifornimento dei treni nel tentativo di ottenere il controllo totale della città. A partire dal 26 giugno 1948, i tre paesi alleati trasportarono in aereo cibo e rifornimenti per rifornire la città. Dopo più di un anno, 2,3 milioni di tonnellate di rifornimenti e aerei che atterrano quasi ogni 30 secondi, i sovietici fecero marcia indietro e aprirono le tradizionali rotte di rifornimento.

Il ponte aereo di Berlino fu il primo di molti tesi conflitti tra l'URSS e l'Occidente durante la Guerra Fredda.


Il ponte aereo di Berlino

Il 26 giugno 1948, i primi aerei pieni di rifornimenti partirono dalle basi in Inghilterra e nella Germania occidentale come parte del ponte aereo di Berlino.

Dopo che la Germania fu sconfitta nella seconda guerra mondiale, il paese fu diviso in quattro zone e occupato da Unione Sovietica, Stati Uniti, Francia e Regno Unito. Berlino, la capitale, si trovava a 100 miglia all'interno della sezione controllata dai sovietici. Al momento della spartizione della Germania, non furono raggiunti accordi formali che assicurassero l'accesso ferroviario, stradale e dei canali a Berlino dall'ovest democratico.

US #3211 – Copertura del primo giorno del blocco di piastre Fleetwood.

Nel 1948, i sovietici ne approfittarono e iniziarono a ispezionare tutte le merci in entrata e in uscita da Berlino. A giugno hanno bloccato tutto il traffico. L'obiettivo era quello di cacciare gli altri paesi da Berlino, poi dalla Germania, e rivendicarlo per l'Unione Sovietica.

US #3211 – Copertura mistica del primo giorno.

Sebbene tutte le vie di terra e d'acqua fossero bloccate, c'era ancora la possibilità di soccorsi attraverso l'aria. Le quattro potenze avevano precedentemente concordato tre corridoi aerei, ciascuno largo 20 miglia, dalle zone occidentali a Berlino. Fu presa la decisione di avviare un ponte aereo per fornire cibo e carburante ai cittadini della città.

US #3211 – Copertina Primo Giorno di Seta Cachet.

Il ponte aereo iniziò entro una settimana dalla decisione, il 26 giugno 1948, e avrebbe dovuto durare meno di un mese. Con gli aerei disponibili, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna sono stati in grado di consegnare solo circa 90 tonnellate al giorno. Il fabbisogno era di circa 5.000 tonnellate.

US #1136 – Reuter era il sindaco di Berlino all'epoca e fece appello al mondo affinché non abbandonasse Berlino.

A luglio, il generale William Turner arrivò per comandare le operazioni. Aveva riorganizzato un enorme ponte aereo in Cina durante la seconda guerra mondiale. La sua esperienza ha dato i suoi frutti. Alla fine di agosto, ogni giorno venivano consegnate circa 4.500 tonnellate di merci.

Berlino #9N346 onora il 25° anniversario del ponte aereo

I cittadini di Berlino hanno fornito manodopera negli aeroporti in cui sono state consegnate le forniture. Gli equipaggi si erano formati per scaricare il carico e potevano scaricare un carico di carbone da 10 tonnellate in meno di sei minuti. Anche gli ex membri degli equipaggi di terra dell'aeronautica tedesca hanno servito gli aerei. Con l'arrivo dell'inverno, le piste dovevano essere aggiornate. I berlinesi si sono lanciati ancora una volta per costruire nuove piste asfaltate e un aeroporto.

Berlino #9N575 è stato rilasciato per il 40 ° anniversario.

Il 15 aprile 1949, i sovietici dichiararono di essere disposti a revocare il blocco. Finì il 12 maggio. Camion e treni iniziarono immediatamente a rifornire Berlino. I voli sono proseguiti in modo da poter accumulare un surplus in caso di un altro blocco. Il ponte aereo è terminato ufficialmente il 30 settembre. Nel corso di 15 mesi, più di due milioni di tonnellate di cibo e carbone sono stati trasportati in città, impedendo un'acquisizione comunista.

Germania #2038 è stato emesso per il 50° anniversario.

All'incirca al momento della fine del blocco, la Repubblica federale di Germania era formata dalle tre zone controllate democraticamente. Rimarrebbe separato dalla Germania dell'Est per i successivi quattro decenni.


In questo giorno nella storia, 24 июнь

L'incidente è avvenuto vicino a Msagali, in Tanzania, quando un treno passeggeri con circa 1200 passeggeri è rotolato giù dalla collina di Igandu dopo che i suoi freni si erano rotti.

1982 Un jumbo jet British Airways subisce un improvviso guasto totale al motore

Allo stesso tempo, l'equipaggio ha osservato un misterioso bagliore nell'oscurità. I piloti del Boeing 747 erano involontariamente volati in una nuvola di cenere vulcanica causata dall'eruzione del monte Galunggung, provocando lo spegnimento di tutti e quattro i motori. L'equipaggio alla fine è riuscito a riavviare i motori e ad atterrare in sicurezza a Giacarta.

1948 Inizia il blocco di Berlino

In reazione alla riforma monetaria in Germania Ovest, l'Unione Sovietica ha bloccato ogni accesso a Berlino Ovest. Fu una delle prime grandi crisi internazionali della Guerra Fredda. Gli alleati occidentali hanno lanciato il ponte aereo di Berlino per trasportare rifornimenti nell'area bloccata. In Germania, gli aerei divennero noti come "bombardieri all'uva passa" o "bombardieri di caramelle".

1901 Pablo Picasso inaugura la sua prima mostra

L'artista spagnolo di 18 anni è stato presentato per la prima volta nella galleria di Ambroise Vollard in 6 Rue Laffite a Parigi. Nessuno dei due critici d'arte che hanno visitato la mostra ha pensato molto alle opere. Picasso è diventato uno degli artisti più influenti di tutti i tempi.

1717 Viene fondata la prima Gran Loggia massonica al mondo

La Massoneria è un'organizzazione fraterna che ha annoverato tra i suoi membri un gran numero di noti intellettuali. A causa della sua natura segreta, nel corso dei secoli sono emersi molti miti sulle loro attività sotterranee. Una Gran Loggia è l'organo di governo di una determinata area geografica.


25 giugno 1948

In risposta al blocco sovietico delle rotte terrestri verso Berlino Ovest, gli Stati Uniti iniziano un massiccio trasporto aereo di cibo, acqua e medicine ai cittadini della città assediata. Per quasi un anno, i rifornimenti degli aerei americani hanno sostenuto gli oltre 2 milioni di persone a Berlino Ovest.

Il 24 giugno 1948, l'Unione Sovietica bloccò tutti i viaggi stradali e ferroviari da e per Berlino Ovest, che si trovava all'interno della zona di occupazione sovietica in Germania. L'azione sovietica fu in risposta al rifiuto dei funzionari americani e britannici di concedere alla Russia più voce in capitolo sul futuro economico della Germania. Il governo degli Stati Uniti è rimasto scioccato dalla mossa provocatoria sovietica e alcuni membri dell'amministrazione del presidente Harry S. Truman hanno chiesto una risposta militare diretta. Truman, tuttavia, non voleva causare la terza guerra mondiale. Invece, ordinò un massiccio ponte aereo di rifornimenti a Berlino Ovest. Il 26 giugno 1948 i primi aerei decollarono dalle basi in Inghilterra e nella Germania occidentale e atterrarono a Berlino Ovest. È stato un compito logistico scoraggiante fornire cibo, vestiti, acqua, medicine e altre necessità di vita per gli oltre 2 milioni di paurosi cittadini della città. Per quasi un anno, gli aerei americani sono atterrati 24 ore su 24. Oltre 200.000 aerei trasportavano più di un milione e mezzo di tonnellate di rifornimenti.

I sovietici insistettero con il blocco fino al maggio 1949. Da allora, tuttavia, era evidente a tutti gli interessati che il blocco era stato un fiasco diplomatico per i russi. In tutto il mondo, i sovietici sono stati descritti come bulli internazionali, che tengono in ostaggio uomini, donne e bambini a Berlino Ovest e li minacciano di morire di fame. L'incredibile successo del trasporto aereo americano si è anche ritorto contro i russi, mettendo in evidenza la superiorità tecnologica degli Stati Uniti. Quando i sovietici posero fine al blocco, la Germania occidentale era diventata una nazione separata e indipendente e il fallimento russo era completo.


Il ponte aereo di Berlino – dal 1948 al 1949

Alla fine della seconda guerra mondiale, i settori della Germania erano stati assegnati ai tre principali eserciti di occupazione alleati, con un quarto settore, francese, formato dalle aree britanniche e statunitensi in Occidente. Berlino, nel profondo del settore russo, era ugualmente divisa in quattro.

Le relazioni del dopoguerra tra gli alleati occidentali e l'Unione Sovietica si deteriorarono rapidamente al punto che, il 24 giugno 1948, i russi bloccarono tutti gli accessi stradali, ferroviari e marittimi a Berlino dall'ovest. Alcuni si chiedevano se Berlino sarebbe stata abbandonata ai sovietici. Invece, il Regno Unito e gli Stati Uniti hanno deciso di trasportare i rifornimenti aerei a Berlino Ovest con il supporto delle forze aeree francesi, canadesi, australiane, neozelandesi e sudafricane. Operando da basi aeree nella Germania occidentale, lo sforzo alleato ha portato a circa 278.000 voli nel corso dell'anno successivo, consegnando quasi 400.000 tonnellate di rifornimenti (fino a 8.893 tonnellate al giorno).

La crisi sarebbe finita il 12 maggio 1949, quasi un anno dopo. Ma a quel tempo, gli sforzi combinati delle forze aeree britanniche e statunitensi mantennero l'approvvigionamento di Berlino Ovest, utilizzando i tre corridoi aerei larghi 20 miglia che erano stati precedentemente concordati con l'Unione Sovietica nel 1945. Per cominciare, c'era preoccupazione che, anche se fossero stati utilizzati i corridoi, i sovietici avrebbero risposto con la forza. Tuttavia, gli Stati Uniti presumevano che sarebbero stati riluttanti a rischiare un altro conflitto così presto dopo la fine della guerra commettendo un atto di aggressione contro una missione umanitaria. Avevano ragione e i voli non sono mai stati minacciati.

Il contributo della RAF al ponte aereo è iniziato appena due giorni dopo l'imposizione del blocco. All'epoca gli inglesi avevano più aerei degli Stati Uniti nella Germania occidentale, quindi inizialmente erano in grado di fornire una capacità maggiore rispetto ai loro partner alleati. Per cominciare, RAF Dakota ha volato da Wunstorf a Gatow – che si trovava nel settore britannico di Berlino. Nel luglio 1948, gli Avro York si unirono allo sforzo britannico, ciascuno con quasi 10 tonnellate di carico utile, rispetto ai 3 del Dakota.

Il 4 luglio, la RAF ha aggiunto all'operazione due squadroni di idrovolanti Short Sutherland. I loro equipaggi erano basati nelle vecchie fabbriche di Blohm e Voss sull'Elba, vicino ad Amburgo. Le Sunderland furono caricate con rifornimenti portati loro in piccole imbarcazioni, con ogni aereo che faceva fino a tre viaggi di andata e ritorno al giorno. Hanno continuato fino a dicembre, a quel punto il ghiaccio sull'Havel a Berlino è diventato un problema e i voli sono cessati.

Dopo che tutti gli aerei militari britannici disponibili erano stati assegnati all'operazione, il governo britannico si è rivolto alle compagnie aeree civili per aumentare la capacità. Uno dei requisiti principali a Berlino era per i combustibili liquidi come la benzina. Questo è stato inizialmente trasportato in fusti da 55 galloni che non erano solo dispendiosi in termini di spazio e carico utile, ma anche estremamente pericolosi. Il pioniere dell'aviazione commerciale Sir Alan Cobham, ad esempio, aveva già affrontato questo problema e la sua flotta di 12 velivoli di Flight Refuelling Ltd ha effettuato sortite durante il ponte aereo. Insieme ad altri 24 appaltatori civili, hanno consegnato quasi sette milioni di galloni entro la fine dell'operazione.

Con il crescente numero di aerei civili e militari coinvolti e la portata internazionale dell'operazione, divenne molto evidente la necessità di un adeguato sistema di gestione. Nell'agosto del 1948 fu costituita un'unica autorità di coordinamento chiamata ‘Combined Airlift Task Force (CALTF) che entro ottobre aveva assunto il controllo di tutti i voli umanitari in entrata e in uscita da Berlino. Uno dei primi compiti del CALTF è stato quello di migliorare la sicurezza riorganizzando i corridoi utilizzati da ciascuna nazione. Agli inglesi fu assegnato il corridoio aereo settentrionale per volare a Berlino, gli Stati Uniti avrebbero usato il corridoio meridionale ed entrambi sarebbero tornati indietro usando il corridoio centrale.

L'Unione Sovietica ha revocato il blocco il 12 maggio 1949, ma le tensioni tra gli ex partner della seconda guerra mondiale sono rimaste. Gli alleati occidentali istituirono presto la NATO e dichiararono che la loro area di territorio occupato era la nuova Repubblica federale di Germania, o Germania occidentale come divenne nota. I sovietici risposero a tono, dichiarando l'istituzione della Repubblica Democratica Tedesca – o DDR. E così fu preparata la scena per l'inizio della Guerra Fredda, che sarebbe durata circa tre decenni e che ancora oggi intacca le relazioni internazionali.

Alcuni fatti e cifre dell'ascensore di Berlino – per gentile concessione del Royal Airforce Museum


In questo giorno nella storia, 30 сентябрь

Il quotidiano danese Jyllands-Posten ha pubblicato una controversa vignetta del profeta Maometto. La pubblicazione ha portato a rivolte e proteste in molte parti del mondo.

1966 Il Botswana diventa indipendente

Il Botswana ha ottenuto l'indipendenza dal Regno Unito.

1960 Premier dei Flintstones

La serie animata I Flintstones ha debuttato in TV. Era ambientato nell'età della pietra e descriveva in dettaglio le vite delle famiglie Flintstone e Rubble. Ha funzionato per 6 anni fino al 1 aprile 1966.

1949 Termina il ponte aereo di Berlino

Dopo 15 mesi di forniture di trasporto aereo a Berlino, il ponte aereo di Berlino guidato dalle forze americane si è concluso. Il blocco di Berlino è stata una crisi internazionale in cui l'Unione Sovietica ha bloccato l'accesso dei paesi occidentali a Berlino.

1744 Inizia la battaglia della Madonna dell'Olmo

La battaglia fu combattuta durante la Guerra di successione austriaca e si concluse con la vittoria spagnola e francese sul Regno di Sardegna.


Per salvare una città: il ponte aereo di Berlino, 1948-1949

Dopo la seconda guerra mondiale, l'Unione Sovietica disegnò una cortina di ferro in tutta Europa, coronando i suoi sforzi con un blocco di Berlino Ovest nel disperato tentativo di impedire la creazione di una Germania Ovest indipendente e democratica. Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, aiutati dalla Francia, risposero con un'audace operazione di logistica aerea che in quindici mesi consegnò quasi tre milioni di tonnellate di carbone, cibo e altri beni di prima necessità ai berlinesi. Ora, attingendo a rari file dell'aeronautica americana, documenti recentemente declassificati dagli archivi nazionali, documenti rilasciati dopo il crollo dell'Unione Sovietica e i ricordi degli stessi veterani del trasporto aereo, Roger G. Miller fornisce uno studio originale del ponte aereo di Berlino.

Il ponte aereo di Berlino è stata un'impresa di proporzioni epiche che ha dimostrato il potere della logistica aerea come strumento politico. Quella che era iniziata come un'operazione organizzata frettolosamente da un piccolo numero di aerei cargo stanchi di guerra si è evoluta in un intricato ponte di aerei che scorreva dentro e fuori Berlino attraverso stretti corridoi aerei. Ora dopo ora, giorno dopo giorno, settimana dopo settimana, un flusso di aeroplani ha trasportato di tutto, dal cibo e le medicine al carbone e alle caramelle, a dispetto dei guasti, del tempo inclemente e dell'ostilità sovietica. E al di là del ponte aereo stesso, un complesso sistema di trasporto, manutenzione e approvvigionamento che si estendeva in tutto il mondo ha sostenuto le operazioni.

Storici, veterani e lettori generici apprezzeranno questa storia della prima vittoria occidentale della Guerra Fredda. Mappe, diagrammi e più di quaranta fotografie illustrano i meccanismi interni meccanici e i volti umani che hanno reso possibile quel trionfo.


L'aeroporto di Tegel è stato il contributo francese al ponte aereo. Nell'autunno del 1948, gli alleati francesi costruirono quella che allora era la pista più lunga d'Europa, coprendo 2,5 km (1,5 miglia), in soli tre mesi. Sono stati sostenuti da 19.000 berlinesi, metà dei quali donne. Il 5 novembre 1948 entrò in funzione il terzo ponte aereo di Berlino.

Il ponte aereo di Berlino è terminato 70 anni fa


AlliiertenMuseum

Tre anni dopo la resa incondizionata della Germania l'8 maggio 1945 e la conseguente occupazione da parte delle quattro potenze vittoriose, Berlino conobbe una crisi che dalla prospettiva odierna appare come il primo grande conflitto della Guerra Fredda. Il blocco sovietico di Berlino Ovest ha posto le potenze occidentali di fronte a problemi praticamente insolubili. Mentre le cause del blocco furono varie, l'occasione immediata fu la riforma monetaria.

Una città – due valute

Le potenze vincitrici erano state costrette ad affrontare la situazione valutaria in Germania dalla fine della guerra nel 1945. Un drastico eccesso di denaro, una mancanza di accettazione per la valuta e un fiorente mercato nero hanno reso urgente la riforma. Il ritiro del rappresentante sovietico dal Consiglio di controllo alleato nel marzo 1948, tuttavia, rese impensabile un approccio congiunto delle quattro potenze vittoriose. Le potenze occidentali hanno annunciato la riforma valutaria il 18 giugno ed è stata attuata due giorni dopo. Come risposta immediata, il 19 giugno l'amministrazione militare sovietica interruppe il traffico passeggeri da e per Berlino per proteggersi dall'atteso flusso di reichsmark ormai inutili. Il 23 giugno fu decretata una riforma valutaria per la zona di occupazione sovietica. A Berlino le potenze occidentali si rifiutarono di riconoscere questa "valuta orientale". Adottarono invece le riforme valutarie attuate nelle zone occidentali, tanto che a partire dal 25 giugno il marco tedesco della Banca degli Stati tedeschi (West DM) divenne corso legale anche a Berlino Ovest. Berlino era ora divisa non solo in quattro zone di occupazione, ma anche in due zone monetarie.

Rifornimenti dai cieli

A parte i citati blocchi del traffico stradale del 19 giugno, tra il 19 e il 29 giugno 1948 i sovietici bloccarono successivamente anche tutte le vie di terra, ferrovia e acqua tra Berlino Ovest e le tre zone occidentali. Solo i corridoi aerei sui quali le quattro potenze vittoriose si erano accordate nell'Accordo aereo del 1945/46 rimasero inalterati. Per questo motivo le tre potenze occidentali iniziarono un ponte aereo per Berlino per rifornire la città e i suoi circa due milioni di abitanti con le necessità. Era un piano ambizioso mai tentato prima su questa scala e non era chiaro se avrebbe funzionato.

Il 28 giugno 1948 il primo aereo americano e britannico atterrò agli aeroporti di Tempelhof e Gatow con merci per i berlinesi. Seguirono molti altri voli, ma nessuno poteva prevedere quanto sarebbe durato il blocco. Per questo motivo, le potenze occidentali inizialmente pianificarono di rifornire la città durante l'inverno. L'obiettivo nelle prime settimane del ponte aereo era di far volare in città 4.500 tonnellate di merci ogni giorno. Questo è stato portato a 5.000 tonnellate al giorno nell'autunno del 1948. Il carbone per soddisfare il fabbisogno energetico della città costituiva una grande parte di questo tonnellaggio.

In ottobre il generale americano William H. Tunner è stato nominato a capo della Combined Airlift Taskforce (CALTF), che aveva sede a Wiesbaden. Ha perfezionato il ponte aereo. Il governatore militare americano della Germania, il generale Lucius D. Clay, assicurò il necessario sostegno politico al presidente degli Stati Uniti Harry S. Truman. Clay richiedeva continuamente aerei sempre più grandi da utilizzare nel ponte aereo e Truman li approvò.

Nei primi mesi del ponte aereo, la potenza occupante francese partecipò con sei aerei. Il terzo aeroporto urgentemente necessario a Tegel nel settore francese fu completato nel novembre 1948. Circa 19.000 lavoratori lo costruirono in tempi record, impiegando solo tre mesi. Gli inglesi mobilitarono la loro Royal Air Force e contrattarono con altre 25 compagnie di charter per far volare in città principalmente petrolio e benzina. A parte la loro quota di circa il 23% del tonnellaggio totale del trasporto aereo per le merci, gli inglesi erano anche responsabili della parte del leone del trasporto passeggeri durante il blocco. Con i loro aerei da trasporto C-54, le forze statunitensi hanno fornito la più grande flotta aerea per "Operazione Vittles", come gli americani chiamavano la missione. Nella primavera del 1949 l'operazione per rifornire Berlino funzionava così bene che in alcuni giorni arrivava in città più merci di quante ne arrivassero prima del blocco su strada, acqua e ferrovia.

Le potenze occidentali hanno usato i media in modo molto efficace per pubblicizzare questa eccezionale efficienza. I continui rapporti positivi sul tonnellaggio alleato e la crescente reputazione delle potenze occidentali furono certamente parte della ragione per la revoca del blocco sovietico il 12 maggio 1949. Nonostante la fine del blocco, il ponte aereo continuò per altri quattro mesi fino a tardi. estate 1949. Gli eventi storici noti come “Berlin Blockade” e “Berlin Airlift” non sono quindi cronologicamente del tutto identici.

La revoca del blocco e la fine del ponte aereo hanno risolto la prima crisi della Guerra Fredda con mezzi logistici, senza forza militare. Ciò non significa, tuttavia, che non ci siano state vittime del ponte aereo. Almeno 78 persone sono morte in incidenti aerei. I loro nomi sono incisi sulla base dell'Airlift Memorial nel quartiere berlinese di Tempelhof.

Gli occupanti diventano protettori

Il ponte aereo di Berlino ha cambiato sensibilmente il rapporto tra le potenze occidentali e Berlino Ovest. Solo pochi anni dopo la seconda guerra mondiale, i nemici di una volta avevano superato una grave crisi politica grazie a un'intensa cooperazione. La popolazione di Berlino ora sperimentava le potenze occupanti come forze protettrici.


Guarda il video: Il Muro di Berlino (Agosto 2022).