Podcast di storia

Mata Hari viene giustiziata

Mata Hari viene giustiziata



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Mata Hari, l'archetipo della seducente spia femminile, viene giustiziata per spionaggio da un plotone d'esecuzione francese a Vincennes, fuori Parigi.

È venuta per la prima volta a Parigi nel 1905 e ha trovato fama come interprete di danze di ispirazione asiatica. Presto iniziò a girare per tutta l'Europa, raccontando la storia di come era nata in un sacro tempio indiano e aveva insegnato antiche danze da una sacerdotessa che le aveva dato il nome Mata Hari, che significa "occhio del giorno" in malese. In realtà, Mata Hari nacque in una piccola città dell'Olanda settentrionale nel 1876 e il suo vero nome era Margaretha Geertruida Zelle. Ha acquisito la sua conoscenza superficiale delle danze indiane e giavanesi quando ha vissuto per diversi anni in Malesia con il suo ex marito, che era uno scozzese nell'esercito coloniale olandese. Indipendentemente dalla sua autenticità, ha riempito sale da ballo e teatri d'opera dalla Russia alla Francia, soprattutto perché il suo spettacolo consisteva nel suo nudo spogliarsi lentamente.

LEGGI ANCHE: La ballerina esotica che divenne la spia più famosa della prima guerra mondiale

Divenne una famosa cortigiana e con lo scoppio della prima guerra mondiale il suo catalogo di amanti iniziò a includere ufficiali militari di alto rango di varie nazionalità. Nel febbraio 1917, le autorità francesi la arrestarono per spionaggio e la imprigionarono nella prigione di St. Lazare a Parigi. In un processo militare condotto a luglio, è stata accusata di aver rivelato i dettagli della nuova arma degli Alleati, il carro armato, che ha provocato la morte di migliaia di soldati. È stata condannata e condannata a morte, e il 15 ottobre ha rifiutato la benda ed è stata colpita a morte da un plotone d'esecuzione a Vincennes.

Ci sono alcune prove che Mata Hari abbia agito come spia tedesca e per un certo periodo come doppiogiochista per i francesi, ma i tedeschi l'avevano liquidata come un'agente inefficace le cui chiacchiere a cuscino avevano prodotto poche informazioni di valore. Il suo processo militare fu pieno di pregiudizi e prove circostanziali, ed è probabile che le autorità francesi l'abbiano inventata come "la più grande spia donna del secolo" come distrazione per le enormi perdite che l'esercito francese stava subendo sul fronte occidentale.


Biografia di Mata Hari, famigerata spia della prima guerra mondiale

  • Il XX secolo
    • Inizio del XX secolo
    • Persone ed eventi
    • mode e mode
    • Gli anni '20
    • Gli anni '30
    • Gli anni '40
    • Gli anni '50
    • Gli anni '60
    • Gli anni '80
    • Gli anni '90

    Mata Hari (7 agosto 1876-15 ottobre 1917) era una ballerina e cortigiana esotica olandese che fu arrestata dai francesi e giustiziata per spionaggio durante la prima guerra mondiale. Dopo la sua morte, il suo nome d'arte "Mata Hari" divenne sinonimo di spionaggio e spionaggio.

    Fatti veloci: Mata Hari

    • Conosciuto per: Lavorare come spia per la Germania durante la prima guerra mondiale
    • Conosciuto anche come: Margaretha Geertruida Zelle Lady MacLeod
    • Nato: 7 agosto 1876 a Leeuwarden, Paesi Bassi
    • Genitori: Adam Zelle, Antje van der Meulen
    • Morto: 15 ottobre 1917 a Parigi, Francia
    • Sposa: Rudolf "John" MacLeod (m. 1895-1906)
    • Figli: Norman-John MacLeod, Louise Jeanne MacLeod
    • Citazione notevole: "La morte è niente, e nemmeno la vita, se è per questo. Morire, dormire, passare nel nulla, che importa? Tutto è un'illusione."

    Grazie!

    Mata Hari fu arrestata in un lussuoso hotel di Parigi nel febbraio 1917 e il suo processo a porte chiuse ebbe luogo cinque mesi dopo. Sebbene l'accusa l'abbia incolpata per la morte di 50.000 soldati francesi, non sono state fornite prove o spiegazioni specifiche su come abbia causato queste vittime.

    In effetti, "nessuno ha mai identificato alcuna specifica sconfitta o fuga di informazioni che potrebbe essere incolpata di lei", ha scritto Pat Shipman in Femme Fatale: amore, bugie e la vita sconosciuta di Mata Hari, che descriveva la sua eredità come un &ldquorich mélange di miti e leggende che ancora persistono.&rdquo

    Sebbene la sua vita amorosa fosse fedele a una parte in particolare, non esisteva alcuna prova che fornisse informazioni militarmente utili a nessuno.

    Ma nel 1917, l'esercito francese era stanco della guerra, il morale era basso e alcune divisioni militari avevano persino iniziato ad ammutinarsi. Shipman sostiene che la parte alleata, e in particolare quella francese, "avevano bisogno di qualcuno da incolpare, da punire e poi da sconfiggere". Così hanno trovato un perfetto capro espiatorio in questo "straniero immorale con una camminata sensuale che aveva spudoratamente sedotto gli uomini di tutti gli eserciti".

    Il 25 luglio 1917 il governo militare francese la dichiarò colpevole di spionaggio. Il governo olandese non è intervenuto in modo significativo per conto del suo cittadino, che è stato giustiziato dopo aver trascorso mesi a sopportare la malnutrizione e l'incarcerazione in condizioni di infestazione da parassiti.

    La creazione del mito è iniziata subito dopo il suo appuntamento con il plotone di esecuzione.

    Circolavano voci secondo cui i carnefici francesi avevano sparato a salve, permettendole di fuggire. La verità era molto meno romantica: dopo che fu uccisa, i suoi resti furono donati per la dissezione alla facoltà di medicina dell'Università di Parigi. Nonostante tutte le richieste che il suo corpo aveva precedentemente suscitato, nessuno lo voleva una volta morta.

    Dal punto di vista di Julie Wheelwright, autrice di L'amante fatale: Mata Hari e il mito delle donne nello spionaggio, Mata Hari "simboleggiava il pericolo delle donne, i loro desideri infidi nascosti sotto il loro grido di battaglia come madri della nazione o infermiere che si sacrificano".

    E così, per quanto dubbia fosse la sua carriera di spionaggio nella vita reale, la sua eredità divenne quella della spia femminile per antonomasia, e il suo nome evocava mistero, seduzione e doppiezza. Le rappresentazioni cinematografiche che coinvolgono star come Greta Garbo si sono aggiunte solo alla leggenda di Mata Hari.

    Tuttavia il pubblico ha scelto di ricordarla, il governo tedesco ha scagionato Mata Hari nel 1930. Ma la nazione che l'ha giustiziata ha mostrato più riluttanza a rivisitare la sua storia: sebbene alcuni documenti francesi relativi al suo caso siano stati declassificati, resta da vedere se il futuro aumenterà la sua notorietà come spia o consoliderà la sua tragedia come capro espiatorio.


    I cattivi investimenti hanno distrutto la famiglia di Mata Hari

    Nel 1889, quando Hari aveva solo 13 anni, suo padre fece una serie di scarsi investimenti in petrolio, che rovinarono finanziariamente la famiglia, secondo il Guardian. Fu costretto a dichiarare bancarotta. Poco dopo, ha lasciato la famiglia per stare con un'altra donna, divorziando dalla madre di Hari e trasferendosi ad Amsterdam per stare con lei, secondo National Geographic. La madre di Hari morì nel 1891 e Hari ei suoi fratelli furono mandati a vivere con parenti separati.

    Hari finì prima nelle cure del suo padrino, poi in seguito di uno zio, prima di essere mandata a studiare insegnamento in un college per insegnanti a Leida, per Britannica. Ma la scuola non sembrava interessarla tanto quanto il suo preside, con il quale iniziò ad avere una relazione nel 1892. Il preside era un uomo sposato, quindi dopo che la loro relazione fu scoperta, Hari fu espulsa. Senza nient'altro che la tratteneva a Leida, si trasferì all'Aia, ma nemmeno l'Aia sembrava interessarla molto.

    Annoiata, sola e assetata di eccitazione, Hari era incuriosita da una pubblicità che aveva visto sul giornale Het Nieuwes van den Dag nel marzo del 1895, per Enciclopedia. Un capitano dell'esercito di nome Rudolf "John" MacLeod aveva messo un annuncio (o forse era stato messo da un amico per scherzo) alla ricerca di "una ragazza dal carattere gradevole" che avrebbe potuto fare sua moglie, e Hari decise di scrivergli .


    Mata Hari viene giustiziata - STORIA

    Le immagini di persone morte ancora appese al palo a cui erano stati sparati erano relativamente comuni durante la prima guerra mondiale. Facevano parte della propaganda del tempo e venivano usati come modi per mostrare alla gente che la giustizia veniva fatta contro spie e traditori. Vedete qui un esempio: Marguerite Francillard, uccisa a Parigi nel 1917, accusata di spionaggio per conto dei tedeschi.

    Ci sono molte altre immagini come questa che possono essere trovate sul Web. Julie Wheelwright (l'autrice di "The Fatal Lover") mi racconta di aver intervistato il figlio di Pierre Bouchardon, uno dei procuratori di casi di spionaggio durante la prima guerra mondiale in Francia e che aveva un intero diario dove suo padre conservava le foto di persone giustiziate.

    Ma se abbiamo la foto di Marguerite Francillard, perché non ne abbiamo una per Mata Hari, giustiziata per lo stesso motivo, nello stesso luogo, solo pochi mesi dopo? In realtà, ci sono diverse immagini che puoi trovare sul web che pretendono di essere foto reali dell'esecuzione, ma tutte sono ovviamente false. C'è un'eccezione, forse, per questo:

    Questa foto proviene dagli archivi di Roger Viollet, ha un numero di catalogo, 72342-14, ed è etichettata "L'esecuzione di Mata Hari il 14 ottobre 1917". Certo, ci deve essere qualcosa di sbagliato nella data, perché l'esecuzione è avvenuta il 15 ottobre, ma potrebbe essere semplicemente un errore di battitura. A parte la data errata, diversi dettagli della foto concordano con l'unica descrizione che abbiamo scritto da una persona che era presente all'esecuzione, Emile Massard nel suo libro del 1926 "Espionnes à Paris". Le due auto, i dragoni a cavallo, i soldati armati di fucile, e gli alberi che potrebbero essere quelli del parco di Vincennes, vicino a Parigi. Per inciso, l'auto in primo piano sembra essere una Clement-Bayard, probabilmente un modello 4M, prodotta prima della guerra in Francia. La sua presenza si sposa bene con la data della foto. Manca solo un dettaglio: la collina di fronte alla quale sorgeva Mata Hari. Forse è reso invisibile dalla nebbia, o forse è fuori dai confini della foto.

    Nel complesso, direi che è possibile, anche se non certo, che questa sia una foto reale dell'esecuzione di Mata Hari. Ma, se è vero, significa che c'era un fotografo lì. Allora, perché abbiamo solo una foto? Perché una foto che non mostra nulla di interessante? Perché il fotografo non ha fotografato il corpo di Mata Hari?

    Come ho sostenuto in un post precedente, le esecuzioni sono state eseguite in condizioni di quasi oscurità, così che quando c'era abbastanza luce per scattare foto, l'unico soggetto per la fotografia era un cadavere appeso a un palo. Ma, nel caso di Mata Hari, c'era una differenza. Ha rifiutato di essere legata al palo e quando è stata colpita è crollata a terra. Certo, questo non ha impedito di scattare una foto al cadavere ma, forse, il fatto che non ci fosse bisogno di slegarla dal paletto ha permesso di rimuovere il corpo più velocemente del solito. Ciò avrebbe lasciato al fotografo nient'altro da fotografare se non gli astanti, come vediamo nell'unica foto che abbiamo.

    Non è impossibile, ma c'è una possibilità più intrigante. Le foto del corpo di Mata Hari sono state scattate ma non sono state mostrate o sono state distrutte. Per spiegare i motivi, dai un'occhiata all'immagine qui sotto.

    L'infermiera britannica Edith Cavell fu fucilata dai tedeschi nel 1915 per aver aiutato i soldati inglesi e francesi a passare attraverso il Belgio, territorio occupato dai tedeschi. A differenza di Mata Hari, Edith Cavell aveva davvero agito contro la Germania, come lei stessa aveva confessato. Tuttavia, gli Alleati la usarono come un potente strumento di propaganda, descrivendola come una santa donna brutalmente assassinata dai selvaggi tedeschi. Nota come, nell'immagine sopra, è mostrata sdraiata a terra nella stessa posizione impotente che Waterhouse ha scelto per Sant'Eulalia nel suo dipinto, sopra.

    La morte di Edith Cavell fu usata come una campagna di propaganda molto efficace e i tedeschi compresero il danno che si erano fatti. Può darsi che Mata Hari sia stata vittima di uno sforzo di contropropaganda da parte dei servizi segreti tedeschi che hanno manovrato per incastrare Mata Hari in modo tale da creare una vittima innocente dall'altra parte. Il piano potrebbe essere stato quello di poter utilizzare Mata Hari come strumento di propaganda, proprio come gli alleati avevano usato Edith Cavell.

    Non ha funzionato. Mata Hari era un'intrattenitrice di dubbia reputazione, non c'era modo che non potesse essere presentata come una donna santa nello stesso modo in cui lo era Edith Clavell, l'infermiera. Tuttavia, il piano tedesco era pericoloso per i francesi e dovevano essere molto attenti nel modo in cui presentavano alla stampa l'esecuzione di Mata Hari.

    Ora, immagina che il giorno dopo l'esecuzione le immagini del cadavere di Mata Hari vengano presentate a un gruppo di alti funzionari francesi. Guardano il corpo steso a terra e notano quanto queste immagini siano simili a quelle di Edith Cavell, così largamente usate per diffamare i tedeschi. Gli agenti si guardano brevemente e poi scuotono la testa: non c'è modo che queste foto debbano essere diffuse. Potevano generare un sentimento di simpatia per Mata Hari No, Mata Hari non doveva essere semplicemente uccisa, doveva essere umiliata, distrutta, schiacciata come un insetto. Non potevano essere consentite immagini del suo cadavere. Ed ecco perché non abbiamo mai visto quelle immagini e, probabilmente, mai lo faremo.

    Tutto questo è, ovviamente, solo una serie di ipotesi ma tutto su Mata Hari è avvolto nel mistero e nella leggenda e questo è il meglio che possiamo fare fino a quando, forse, queste immagini nascoste non riaffioreranno da dove sono nascoste. Ma poco importa, Mata Hari era una creatura di luce, proprio come il nome d'arte che ha scelto per se stessa, che significa "Il sentiero della luce" o "la luce dell'alba". È così che ci piace ricordarla.


    Splendide foto a colori di Exotic Spy e Ultimate Femme Fatale Mata Hari

    Forse nessun'altra donna nella storia ha usato il suo fascino femminile con tale effetto come Margaretha Zelle, meglio conosciuta con il suo alias Mata Hari. Durante la prima guerra mondiale ha attraversato con astuzia e vistosamente le parti per diventare uno dei più famosi doppiogiochisti della storia. Nata nei Paesi Bassi nel 1876, divenne una ballerina e cortigiana esotica, trascorrendo la maggior parte del suo tempo a Parigi, che in seguito fu condannata per essere una spia dell'Impero tedesco e fucilata a Parigi nel 1917.

    Non ha avuto un'infanzia felice nei Paesi Bassi. Sua madre morì giovane e suo padre cadde in devastanti difficoltà economiche. Quando Margaretha compì 18 anni, rispose a un annuncio sul giornale per una moglie del ricco capitano Rudolf MacLeod dell'esercito coloniale olandese. Nel 1895 si sposarono e andarono a vivere sull'isola di Giava (oggi parte dell'Indonesia) che all'epoca era un possedimento olandese. Lì diede alla luce due figli, Norman-John MacLeod nel 1897 e Louise Jeanne MacLeod nel 1898.

    Non fu un matrimonio felice e presto Margaretha lasciò il marito e si trasferì con un ufficiale olandese. Durante questo periodo ha studiato danza e costumi indonesiani e ha inventato il suo famoso nome d'arte: Mata Hari, che significa "occhio del giorno" in malese. Alcune favolose colorazioni di Mata Hari sono state prodotte dall'artista russo Olga Shirnina.

    Mata Hari nel 1899. Colorazione di Olga Shirnina

    Nel 1899, i suoi figli si ammalarono gravemente, suo figlio alla fine soccombe alla malattia. Dopo la prematura scomparsa del figlio, la coppia è tornata in Olanda. dove divorziarono ufficialmente nel 1906. Margaretha ottenne la custodia di sua figlia.

    Mata Hari. Colorazione di Olga Shirnina

    Tuttavia il disastro colpì quando, dopo una delle visite organizzate con sua figlia, il Capitano si rifiutò di restituire la bambina a Margaretha. A quel tempo le donne avevano pochissimi diritti sui loro figli e Margaretha non era in grado di riavere sua figlia. Di conseguenza non fu mai più restituita e purtroppo morì all'età di 21 anni. Devastata, Margaretha si trasferì a Parigi nel 1903 e iniziò la sua vita teatrale. All'inizio si esibiva come amazzone in un circo e come modella per artisti. Nel giro di due anni, si era fatta un nome come ballerina esotica, la leggendaria Mata Hari.

    Colorazione di Olga Shirnina

    La storia dietro il personaggio di Mata Hari che lei presumeva fosse quella di una principessa indù che era stata coinvolta nella danza sacra indù fin dall'infanzia. È diventata una sensazione, posando per fotografie scintillanti che mostravano molta più pelle di quanto le persone fossero abituate all'epoca. Indossava per lo più stili di gioielli dell'Asia orientale, in particolare i suoi caratteristici copricapi e reggiseni ingioiellati.

    Colorazione di Olga Shirnina

    Colorazione di Olga Shirnina

    Il suo stile di danza era di gran moda a Parigi. Ha contribuito a diffondere la danza esotica grazie alla sua accettazione nei circoli sociali ricchi e allo spirito libero attraente. Aveva pubblicizzato affari con ufficiali militari e politici di alto rango, permettendole di attraversare liberamente i confini internazionali. Tuttavia, quando iniziò la prima guerra mondiale, l'atteggiamento del pubblico cambiò rapidamente e il suo comportamento e stile di vita promiscui non furono più visti come desiderabili o accettabili. A causa di questa disapprovazione pubblica e del suo corpo invecchiato, la sua esibizione finale si tenne nel 1915.

    Colorazione di Olga Shirnina

    Tornò in Olanda e, nel 1916, fu avvicinata dal console tedesco che le offrì dei soldi in cambio di essere una spia. Senza lavoro e senza alcuna vera lealtà verso entrambe le parti, Margarethe accettò e divenne l'agente H21. Lo scrittore francese Frédéric Guelton dice della sua decisione: “All'epoca immaginava di spiare manipolando gli uomini, come aveva fatto prima della guerra. Non aveva convinzioni politiche o ideologiche. La sua unica convinzione era vivere la bella vita

    Colorazione di Olga Shirnina

    Durante il suo ritorno a Parigi, Mata Hari fu presto coinvolta con il capitano Vadim Maslov, un pilota russo che prestava servizio nell'esercito francese. Quando fu abbattuto in Germania, ottenne il permesso dall'agenzia di intelligence militare straniera francese, il Deuxième Bureau, di fargli visita oltre le linee nemiche. Tuttavia, l'unica condizione era che diventasse una spia per loro. E così Mata Hari è diventata un doppiogiochista.

    Colorazione di Olga Shirnina

    I suoi famosi spettacoli di danza per il principe ereditario Guglielmo di Germania hanno portato il capitano francese Georges Ladoux a credere di poter acquisire in modo seducente i segreti del nemico. Sconosciuto ai francesi, tuttavia, il principe ereditario aveva poco da offrire in termini di preziose informazioni.

    Colorazione di Olga Shirnina

    Margarethe prese accordi per incontrare il principe ereditario e vedere il suo amante offrendo di condividere l'intelligence francese con i tedeschi, mentre allo stesso tempo era in missione per raccogliere informazioni per i francesi. Quando il generale Walter Nicolai, capo dei servizi segreti dell'esercito tedesco, si rese conto che non aveva altro che pettegolezzi da offrire, la accusò di essere una spia francese e la rimandò in Francia.

    Colorazione di Olga Shirnina

    Al ritorno nel 1917, Margaretha fu arrestata a Parigi, presumibilmente portando su di lei un assegno tedesco per una somma considerevole. Fu processata, accusata di spionaggio per i tedeschi e accusata della sorte di cinquantamila soldati. Ha sostenuto la sua innocenza, ma il pubblico arrabbiato della Francia, che a quel tempo stava subendo enormi perdite nella guerra, non ne aveva. A peggiorare le cose, il suo personaggio di Mata Hari è stato esposto come falso, il che ha ulteriormente infranto la sua reputazione e credibilità. Il suo amante, il capitano Maslov, la abbandonò e si rifiutò di testimoniare in suo favore.

    Colorazione di Olga Shirnina

    Riguardo a come è storicamente considerata, la storica britannica Julie Wheelwright ha dichiarato di Mata Hari: "Margaretha era una donna indipendente, divorziata, cittadina di un paese neutrale, cortigiana e ballerina, il che l'ha resa un perfetto capro espiatorio per i francesi, che allora stavano perdendo la guerra. È stata additata come un esempio di cosa potrebbe accadere se la tua morale fosse troppo allentata".

    Margarethe Zelle (Mata Hari) al suo arresto

    L'autore Frédéric Guelton ha commentato: "C'erano prove sufficienti per condannarla al carcere per essere stata reclutata dai tedeschi, ma l'esecuzione ... non se lo meritava".

    All'età di 41 anni, dopo aver mandato baci ai suoi carnefici e aver rifiutato una benda, Margaretha Zelle ha affrontato la sua morte davanti al plotone d'esecuzione francese il 15 ottobre 1917. Con il passare del tempo il suo personaggio Mata Hari ha assunto uno status elevato, quasi mitico, come numerosi film (come la leggendaria interpretazione del 1931 di Greta Garbo), commedie e libri l'hanno presentata come una femme fatale misteriosa e astuta. L'ultima spia esotica.


    Tradito dalla Francia

    Mata Hari andò in Spagna, dove si imbarcò sulla S.S. Hollandia diretto nei Paesi Bassi, come indicato da Ladoux. I passeggeri sono stati fermati in viaggio e Mata Hari si è ritrovata ancora una volta interrogata in un porto britannico. Il suo incontro a Folkestone l'anno prima ha reso i funzionari ancora più sospettosi di lei. È stata portata a Londra dagli agenti per un ulteriore interrogatorio, che è stato condotto in diverse lingue.

    Come era accaduto nella precedente occasione, su di lei non è stato trovato nulla di incriminante. Ma Mata Hari si spaventò quando decisero di trattenerla, mentre cercavano di stabilire se fosse davvero Margaretha Zelle MacLeod o Clara Benedix, un'agente tedesca a cui assomigliava vagamente.

    Disperata per il rilascio, Mata Hari ha confessato il 16 novembre di essere un agente per la Francia alle dipendenze di Ladoux, che le autorità britanniche hanno poi contattato. Ladoux in seguito riferì di aver risposto: “Non capisci niente. Rimanda Mata Hari in Spagna". Questo è stato un tradimento totale del suo stesso agente. I file britannici riassumono la sua risposta nelle seguenti parole: “[Che Ladoux] la sospettava da tempo e fingeva di impiegarla, se possibile, per ottenere la prova definitiva che lavorava per i tedeschi. Sarebbe felice di sapere che la sua colpevolezza è stata chiaramente stabilita".

    A Madrid Mata Hari decise di scoprire quali segreti di importanza militare poteva apprendere lì. Un diplomatico tedesco inviato nella capitale spagnola, il maggiore Arnold von Kalle, rimase incantato dalla sua bellezza e grazia. Ben presto si lasciò sfuggire che c'erano piani per uno sbarco di ufficiali tedeschi, turchi e munizioni da un sottomarino sulla costa del Marocco. Ansiosa di trasmettere queste informazioni a Ladoux e reclamare la sua ricompensa, scrisse a Ladoux chiedendo ulteriori istruzioni. Nessuna risposta è mai arrivata.

    Instaurò anche rapporti con il colonnello Joseph Denvignes della legazione francese, che si innamorò appassionatamente di lei. Si infuriava quando lei cenava o ballava con altri uomini. Per calmare la sua gelosia, spiegò ingenuamente che lavorava per Ladoux e raccontò tutti i segreti che aveva appreso. Denvignes le ha chiesto di ottenere maggiori informazioni sul piano marocchino da Kalle, ma quando lo ha fatto, le sue domande hanno insospettito il tedesco. Dato che Denvignes stava per recarsi a Parigi, Mata Hari scrisse una lunga lettera piena di informazioni e chiese a Denvignes di consegnarla a Ladoux.

    Mentre Mata Hari stava conquistando i diplomatici tedeschi a Madrid nel dicembre 1916, Ladoux ordinò di intercettare e monitorare tutti i messaggi radio tra Madrid e Berlino, utilizzando un posto di ascolto situato sulla Torre Eiffel. In seguito ha affermato che i messaggi identificavano chiaramente Mata Hari come una spia tedesca.

    Quando l'esotica ballerina tornò a Parigi, aspettandosi una ricompensa per l'intelligenza che aveva trasmesso, Ladoux si rifiutò di vederla. Alla fine ha preso contatto, ma ha negato di aver ricevuto alcuna comunicazione tramite Denvignes. Quando è andata al Deuxième Bureau, le è stato detto che Denvignes era "sconosciuto". Solo in seguito è apparso evidente che c'era qualcosa di strano nei messaggi radio intercettati dalla Torre Eiffel. I numeri dei file francesi indicano che i messaggi che nominavano Mata Hari come spia sono stati portati all'attenzione del pubblico ministero da Ladoux nell'aprile di quell'anno, non a dicembre e gennaio, quando Ladoux ha affermato di essere stati inviati. Apparentemente, Ladoux è stata l'unica persona ad aver visto i messaggi originali prima della loro decodifica e traduzione. È anche emerso che i messaggi originali erano scomparsi dai file.

    Anche così, il contenuto di questi messaggi stava per essere usato con effetti devastanti contro il ballerino. Più tardi, Ladoux stesso sarebbe stato arrestato con l'accusa di spionaggio, ma la sua detenzione è arrivata con diversi giorni di ritardo per salvare Mata Hari.


    Il legame di Mata Hari con la prima guerra mondiale

    Wikimedia Commons Mata Hari aveva un debole per gli ufficiali militari, da entrambi i lati della guerra.

    Data la posizione neutrale dei Paesi Bassi nella prima guerra mondiale, Mata Hari non ha avuto problemi ad attraversare i confini nazionali. Quindi lo faceva spesso, motivo per cui è apparsa in una lista di controllo sia per l'intelligence francese che per quella britannica.

    Quello che è successo dopo dipende da chi racconta la storia. Non è chiaro se Mata Hari fosse in realtà una spia letale per i tedeschi o per i francesi, o quale paese abbia accettato di aiutare per primo e per quale motivo.

    Una versione della storia è che intorno al 1914, Hari aveva proprietà personali (comprese le pellicce) confiscate in Germania. Come va la storia, è tornata nei Paesi Bassi poco dopo. E nel 1915 o 1916, i tedeschi le chiesero di tornare in Francia per lavorare come spia, offrendole 50.000 franchi per farlo. A quanto pare pensavano che sarebbe stata preziosa per loro a causa delle sue numerose connessioni romantiche con i soldati.

    Sebbene abbia presumibilmente accettato il denaro, in seguito ha affermato di averlo fatto solo per riavere ciò che i tedeschi le avevano preso - e non aveva seriamente intenzione di spiare. Tuttavia, fece due viaggi in Francia nel 1915 e nel 1916, durante i quali si innamorò di un ufficiale russo.

    E nel 1916, secondo quanto riferito, accettò un'offerta dal capo del controspionaggio francese di spiare per il suo paese per un milione di franchi. In seguito avrebbe affermato che questo era solo per poter ritirarsi dalla sua vita precedente e sistemarsi con l'uomo che amava veramente. Ma questa decisione alla fine segnerebbe il suo destino, poiché è stata presto sorpresa a lavorare come doppiatrice.

    Tuttavia, un'altra versione afferma che ha accettato un'offerta redditizia dai francesi per spiare prima (di nuovo, a causa dei suoi legami romantici con i soldati). In questa storia, viene falsamente etichettata come spia tedesca, dopo un tentativo fallito di estrarre informazioni da un addetto tedesco.

    Detto questo, è possibile che abbia semplicemente accettato denaro da una o da entrambe le parti solo per mantenere se stessa e il suo amante. Ma anche se non avesse mai accettato un singolo incarico di spionaggio, questa connessione sospetta con diversi programmi di intelligence l'avrebbe portata alla rovina.


    Oggi nella storia: Mata Hari giustiziata dai francesi

    Mandò un bacio al plotone di esecuzione prima che la giustiziassero il 15 ottobre 1917. Mata Hari - cortigiana, ballerina esotica e spia - fu condannata a morte dopo essere stata accusata di essere un doppiogiochista. Mata Hari è diventata una spia per la Francia verso la fine dei trent'anni dopo che la sua carriera di ballerina stava per concludersi e ha iniziato ad essere un'amante a tempo pieno: una decisione finanziaria. Ha sedotto militari, uomini del governo e molti altri, compresi gli ufficiali tedeschi. Dato che questo era durante il periodo della prima guerra mondiale, sembrava che stesse giocando con il fuoco, ma questo non la fermò. I suoi frequenti viaggi oltre confine la mettono sotto la sorveglianza di funzionari francesi. È diventata una spia dopo aver deciso che doveva fare soldi per sostenere il suo nuovo amante, un capitano russo, Vladimir de Masloff, che è rimasto cieco da un occhio dopo aver combattuto sul campo di battaglia. Mata Hari ha usato i suoi contatti per ottenere informazioni e sedurre ufficiali e comandanti tedeschi, sperando che sarebbero stati negligenti intorno a lei o speravano di impressionarla fornendole pettegolezzi e informazioni "pericolose".

    Sebbene non sia stato dimostrato, molti dicono che i tedeschi erano su Mata Hari e l'hanno venduta ai francesi. Altri funzionari credono che fosse in realtà un doppiogiochista, che contemporaneamente spiava per i tedeschi. Si dice che Mata Hari abbia detto alle guardie di frontiera tedesche che la stavano importunando: “Una cortigiana, lo ammetto. Una spia, mai! Ho sempre vissuto per amore e piacere.” La donna dalle molte maschere fu arrestata il 13 febbraio 1917.

    Mata Hari è nata nei Paesi Bassi, ma fortemente influenzata dalla moda "orientale" dell'epoca, ha cambiato nome e ha creato una danza influenzata dalle "Indie". Interessata anche all'induismo, si definiva un'artista indù e si drappeggiava con veli e copricapo che richiamano le divinità indù. La ballerina ha usato questo appello "esotico" a suo vantaggio e ha tratto un grande profitto dalle sue esibizioni, guadagnando una vasta cerchia di amanti e mecenati che alla fine avrebbero chiesto pietà per la sua condanna.

    Dopo essere stata arrestata, Mata Hari è stata gettata in una cella infestata dai topi nella prigione di Saint-Lazare dove il suo anziano avvocato e un ex amante l'hanno incontrata per creare una difesa. Le probabilità sono state accumulate contro di lei, con i capitani francesi che hanno manomesso le prove per implicarla ulteriormente per spionaggio e il denaro che è stato pagato dagli ufficiali tedeschi è stato etichettato come denaro di spionaggio. Il processo durò meno di quarantacinque minuti: fu condannata a morte.


    Mata Hari è nata a Leeuwarden, nei Paesi Bassi. Era la terza di quattro figli di Adam Zelle e sua moglie Antje van der Meulen. Aveva tre fratelli. Suo padre possedeva un negozio di cappelli, fece investimenti di successo nell'industria petrolifera e divenne abbastanza benestante da dare a Margaretha una prima infanzia sontuosa che includeva scuole esclusive fino all'età di 13 anni.

    Tuttavia, il padre di Margaretha fallì nel 1889, i suoi genitori divorziarono poco dopo e sua madre morì nel 1891. Suo padre si risposò ad Amsterdam il 9 febbraio 1893 con Susanna Catharina ten Hoove, dalla quale non ebbe figli. La famiglia era andata in pezzi e Margaretha si era trasferita a vivere con il suo padrino, il signor Visser, a Sneek. A Leida, ha studiato per diventare una maestra d'asilo, ma quando il preside ha iniziato a flirtare con lei in modo vistoso, è stata rimossa dall'istituto dal suo padrino offeso. Dopo solo pochi mesi, è fuggita a casa di suo zio a L'Aia.

    Nel 1903, Zelle si trasferì a Parigi, dove si esibì come cavallerizza da circo, usando il nome di Lady MacLeod, con grande disapprovazione dei MacLeod olandesi. Lottando per guadagnarsi da vivere, ha anche posato come modella per artisti.

    Nel 1905, Mata Hari iniziò a diventare famosa come ballerina esotica. Era una contemporanea delle ballerine Isadora Duncan e Ruth St. Denis, leader nel primo movimento di danza moderna, che all'inizio del XX secolo guardava all'Asia e all'Egitto per l'ispirazione artistica. I critici avrebbero poi scritto su questo e altri movimenti simili nel contesto dell'orientalismo. Gabriel Astruc è diventato il suo agente di prenotazione personale.

    Mata Hari ha portato in scena questo stile spensierato e provocatorio nel suo atto, che ha ottenuto ampi consensi. Il segmento più celebrato del suo atto è stato il suo progressivo svestirsi fino a quando non ha indossato solo un reggiseno ingioiellato e alcuni ornamenti sulle braccia e sulla testa. È stata vista raramente senza reggiseno, poiché era imbarazzata dal fatto di avere un seno piccolo. Indossava un bodystocking per le sue esibizioni che era simile nel colore alla sua pelle.

    Verso il 1910 erano sorti una miriade di imitatori. I critici iniziarono a ritenere che il successo e le caratteristiche abbaglianti del popolare Mata Hari fossero dovuti all'esibizionismo a buon mercato e alla mancanza di meriti artistici. Nonostante abbia continuato a programmare importanti eventi sociali in tutta Europa, è stata disprezzata da serie istituzioni culturali come ballerina che non sapeva ballare.

    Durante la prima guerra mondiale, i Paesi Bassi rimasero neutrali. In quanto suddito olandese, Zelle poteva così attraversare liberamente i confini nazionali. Per evitare i campi di battaglia, ha viaggiato tra la Francia e i Paesi Bassi attraverso la Spagna e la Gran Bretagna, e i suoi movimenti hanno inevitabilmente attirato l'attenzione. In 1916, she was travelling by steamer from Spain when her ship called at the English port of Falmouth. There she was arrested and brought to London where she was interrogated at length by Sir Basil Thomson, Assistant Commissioner at New Scotland Yard in charge of counter-espionage. He gave an account of this in his 1922 book Queer People, saying that she eventually admitted to working for French intelligence. Initially detained in Cannon Street police station, she was then released and stayed at the Savoy Hotel. A full transcript of the interview is in Britain's National Archives and was broadcast, with Mata Hari played by Eleanor Bron, on the independent station London Broadcasting in 1980.

    It is unclear if she lied on this occasion, believing the story made her sound more intriguing, or if French authorities were using her in such a way, but would not acknowledge her due to the embarrassment and international backlash it could cause.

    In January 1917, the German military attaché in Madrid transmitted radio messages to Berlin describing the helpful activities of a German spy code-named H-21. French intelligence agents intercepted the messages and, from the information it contained, identified H-21 as Mata Hari. The messages were in a code that some claimed that German intelligence knew had already been broken by the French (in fact it had been broken not by the French, but by the British "Room 40" team), leaving some to claim that the messages were contrived. However, this same code, which the Germans were convinced was unbreakable was used to transmit the Zimmermann Telegram. in 1914 , she meets a radio producer(Guy Burgess) close to Soviet Union and at the same time,are created rumors that both worked in the Cambridge Five.

    On 13 February 1917, Mata Hari was arrested in her room at the Hotel Elysée Palace on the Champs Elysées in Paris. She was put on trial on 24 July, accused of spying for Germany, and consequently causing the deaths of at least 50,000 soldiers. Although the French and British intelligence suspected her of spying for Germany, neither could produce definite evidence against her. Supposedly secret ink was found in her room, which was incriminating evidence in that period. She contended that it was part of her makeup.She wrote several letters to the Dutch Consul in Paris, claiming her innocence. "My international connections are due of my work as a dancer, nothing else . Because I really did not spy, it is terrible that I cannot defend myself".Her defence attorney, veteran international lawyer Edouard Clunet, faced impossible odds he was denied permission either to cross-examine the prosecution's witnesses or to examine his own witnesses directly.Under the circumstances, her conviction was a foregone conclusion.

    German documents unsealed in the 1970s proved that Mata Hari was truly a spy. In the autumn of 1915, she entered German service, and on orders of section III B-Chief Walter Nicolai, she was instructed about her duties by Major Roepell during a stay in Cologne. Her reports were to be sent to the Kriegsnachrichtenstelle West (War News Post West) in Düsseldorf under Roepell as well as to the Agent mission in the German embassy in Madrid under Major Arnold Kalle, with her direct handler being Captain Hoffmann, who also gave her the code name H-21.It is contended by some historians, however, that Mata Hari may have merely accepted money from the Germans without actually carrying out any spy duties.

    In December 1916, the French Second Bureau of the French War Ministry let Mata Hari obtain the names of six Belgian agents. Five were suspected of submitting fake material and working for the Germans, while the sixth was suspected of being a double agent for Germany and France. Two weeks after Mata Hari had left Paris for a trip to Madrid, the double agent was executed by the Germans, while the five others continued their operations. This development served as proof to the Second Bureau that the names of the six spies had been communicated by Mata Hari to the Germans.

    She was executed by firing squad on 15 October 1917, at the age of 41.

    After this,Guy Burgess left the life of espionage and goes into depression.


    Mata Hari Executed By A French Firing Squad

    Today on October 15, 1917, Mata Hari was executed by a French firing squad on charges of espionage.

    Margaretha Geertruida MacLeod, better known by her stage name “Mata Hari”, was a famous exotic dancer and mistress of the early 1900s. Born in the Netherlands, she later moved to Paris where she took the city by storm, becoming a well-known figure among many top saloons. At the turn of the century, Oriental culture had become trendy throughout Paris so her exotic look certainly catered to that fad. She soon began touring all across Europe, telling the story of how she was born in a sacred Indian temple and taught ancient dances by a priestess. Her stage name, Mata Hari, means “eye of the day” in the Indonesian dialect.

    By the start of WWI, Mata was approaching forty years old and her dancing days were certainly behind her. In 1916, she was hired by an French Army captain to spy for him during the war. He assumed her courtesan contacts would be useful for French intelligence programs. Mata planned to seduce high ranking German officials to gather important information, however, she never actually made it that far. On one of her first missions, she met with a contact working for the German ambassador. She began sharing bits of gossip with him in the hopes that he would return the favor. After their meeting, he ended up naming her as a German spy in his communication notes back to Berlin. French authorities quickly intercepted his message and moved to arrest Mata on charges of being a double agent.

    In February 1917, she was imprisoned at the St. Lazare Penitentiary in Paris. After lengthy interrogations, Mata was convicted and found guilty of causing thousands of soldier fatalities. Her accusers blamed her for sharing details of the Allies’ newest weapon - the tank. Mata was brought to Vincennes (outside of Paris) to face the capital punishment. She refused a customary blindfold and was executed by firing squad. Some historians believe the German captain purposely set her up, as he likely knew his messages were being read. The French Government reportedly used this high-profile and very public trial as a scapegoat, or distraction, from the mounting losses of the war.


    Guarda il video: Sad execution of gay men in Iran (Agosto 2022).