Podcast di storia

Perché i fanti e i samurai giapponesi non usavano gli scudi?

Perché i fanti e i samurai giapponesi non usavano gli scudi?


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Gli scudi erano considerati utili in Europa fino allo sviluppo dell'armatura a piastre completa. Nonostante il fatto che non abbiano mai avuto nulla di paragonabile all'armatura a piastre, l'uso dello scudo fu apparentemente abbandonato dal periodo Edo. Il tate indipendente era usato per proteggere gli arcieri, ma a parte questo, gli scudi non sembrano essere usati affatto.

Alcuni sostengono che l'uso degli scudi fosse obsoleto nel periodo Edo perché erano goffi e perché il Giappone mancava di influenze ellenistiche. Anche se non sono sicuro di essere d'accordo con questo, non sono in grado di valutare tale affermazione.


Wow, da dove cominciare.

Fondamentalmente, ignora qualsiasi cosa nella risposta precedente riguardante l'Europa e gli scudi.

Per quanto riguarda la metallurgia europea, la saldatura a disegno era in uso già nel II e nel III secolo. La tecnica continuò ad essere utilizzata fino alla fine dell'era vichinga (metà dell'XI secolo) quando la tempra e il rinvenimento presero sostanzialmente il sopravvento.

Come regola generale, gli scudi diventavano più piccoli man mano che le armature miglioravano e diventavano più comuni. Lungi dall'essere una difesa secondaria in mischia, gli scudi non sono goffi e sono eccellenti sia per l'attacco che per la difesa. Come ho detto, sono caduti in disuso in Europa perché i miglioramenti nell'armatura li hanno resi superflui. NON perché la tua mano secondaria può essere utilizzata meglio. A meno che tu non sia estremamente ben addestrato, usare due spade è semplicemente un invito a una morte umiliante. Penso che sia importante notare che il wakizashi era una spada di riserva, usata per combattimenti ravvicinati/interni e per decapitare gli avversari sconfitti.

Ma tornando alla domanda (finalmente), gli scudi erano usati nell'antico Giappone ma caddero in disgrazia. Penso che la ragione principale di ciò sia stata la predilezione dei guerrieri giapponesi per le armi a due mani, in particolare la lancia e l'arco. Entrambe sono importanti armi da battaglia, per ovvie ragioni, ed erano le armi preferite dei samurai. I samurai erano anche prima di tutto abili cavalieri nel periodo Edo, tuttavia le staffe non furono sviluppate in Giappone costringendo i samurai a tenere le redini o ad afferrare la sella con le ginocchia mentre usavano un arco. Uno scudo non era pratico per i combattimenti a cavallo. Combattere a piedi era per le classi basse del Giappone, la loro forza di ashigaru circondava i samurai a piedi.

Quindi, fondamentalmente, lance e archi a due mani erano molto popolari in Giappone e gli scudi portatili non sono particolarmente utili per arcieri e lancieri.


È importante che uno scudo sia principalmente una difesa contro il fuoco missilistico e solo secondariamente una difesa contro le armi da mischia. Come notato qui (pagina 107) la qualità dell'armatura giapponese, combinata con l'incapacità di utilizzare le balestre e la relativa debolezza dei loro archi incordati, significava che un samurai era ben protetto dal fuoco di proiettili dalla sua armatura:

giapponese bushi confrontato con circostanze tecnologiche, geografiche e organizzative molto diverse. Per cominciare, furono costretti ad accontentarsi di archi nettamente inferiori a quelli disponibili sul continente. Il kiyune e fusetake-yumi del X-XII secolo erano particolarmente deboli e, usati in combinazione con le pesanti armature oyoiroi preferite dai samurai altomedievali, costringevano i guerrieri a sparare solo a distanza molto ravvicinata - di solito meno di 10 metri - e per prendere di mira con precisione le lacune e i punti deboli nell'armatura di specifici avversari.


Prima di tutto, prima di leggere la mia, la sua spiegazione (non madrelingua giapponese ma fluente) --inglese (britannico) -- è disponibile su Youtube. Il blog è ovviamente scritto da lui. Per coloro che sono interessati alla risposta rapida, si prega di dare un'occhiata al suo video. La cosa rimasta che devo fare è... controllare il contenuto originale e presentare la mia controargomentazione.


Penso che questa sia una buona domanda. Il motivo è che oggi sta angosciando anche molti giapponesi. Nell'ultimo post, ho dato una risposta dal punto di vista della quantità di produzione di ferro (minerali) e del metodo allora prevalente per produrre acciaio, Tatara, ma ho scartato la mia risposta precedente poiché non ero in grado di rispondere alla mia domanda "Allora perché i Samurai giapponesi non hanno usato? di legno scudi come gli scozzesi?" nei campi di battaglia.

Ho cercato su Google nel sito del mio paese come "scudo, Bushi (samurais)" e, cosa interessante, ho trovato una spiegazione da un giapponese non nativo ma che è così fluente e ha abbastanza conoscenza e comprensione della storia giapponese (anche lui ha la sua armatura LOL ). Quindi vorrei sviluppare la mia risposta traducendo gradualmente il suo blog. (Dato che è troppo lungo, vorrei aggiornare gradualmente)

Blog di Metatron.

Metatronです。 私が大学の頃に専攻していた分野の1つが日本史、それも古い時代のものでした。もちろんそれに併せて日本語も学んでいました。それにも関わらずこの世界Youtubeチャンネルで日本の歴史についてはあまり深く語ってこなかったのは自分でも理由が分かりませんが、先週フェイスブックでとある質問が来たので今回は日本の?

io

?

io

Ciao a tutti! Mi chiamo Metatron. Uno degli argomenti che mi sono specializzato nella mia università è stata la storia del Giappone, in particolare la sua vecchiaia. Sì, certo, ho imparato il giapponese nel corso dello studio. Ora, non ho idea del perché gli Youtuber non si siano occupati della storia giapponese anche se hanno coperto la storia europea e le sue battaglie di mezza età, vorrei approfondire perché ho ricevuto una domanda sul mio Facebook. La domanda era

「Perché i giapponesi non usavano gli scudi nel loro campo di battaglia?」

La mia risposta più appropriata è

In effetti, l'hanno usato.」

"日本人は戦場で盾を使わなかった"という一般的によく言われる考えの問題io

? io

Vorrei mostrarvi 3 tipi di scudi usati in giapponese nel mio video ( *dov'è il video, è dopo. ) Ora, prima di parlarne, vorrei fare riferimento all'affermazione comune "I giapponesi non usavano gli scudi a Tutti". È applicabile solo al Giappone antico, dove, considerando purtroppo molte meno conoscenze giapponesi (full) le persone associano i Samurai come se fossero i soldati che coprono l'intera e intera storia giapponese.

L'età dei Samurai (o Bushi ( I Kentaro Tomono vorrebbe usare questa parola )) è, in modo molto approssimativo e grossolano, proprio dal X al XVII secolo. La storia giapponese non può essere descritta solo da un così breve periodo di tempo. Ci sono molti che non menzionano prima dell'apparizione dei Samurai aka Bushis anche se cronicamente parlando ce ne sono molti da raccontare prima di loro, solo pochi si riferiscono a loro.

もちろんサムライは日本の戦争の歴史において非常に大きな役割を果たしていましたがそれより前に2つ、縄文時代(12000BC-300BC)と弥生時代(300BC-AD300)というとても重要な時代があります。この2つの時代では「手持ちの盾」はとても一般的であり、その時代の日本の歩兵はそれを使っていました。 右上の写真が今話しているものです。

Inutile dire che il ruolo di Samurai è stato molto importante nella storia giapponese, tuttavia, ci sono anche epoche importanti, rispettivamente il periodo Jomon (12.000 a.C.-300 a.C.), il periodo Yayoi (300 a.C. - 300 d.C.). In queste 2 ere, gli scudi portatili hanno giocato un ruolo molto importante. Puoi vedere le immagini di quegli scudi nell'angolo in alto a destra dell'immagine sopra.

io

? io

というわけで正しい質問は「なぜ日本人は戦場で盾を使わなかったのか?」ではなく 「なぜ日本人は手で持つ盾を使わななくなったのか?」とすべきでしょう。

L'immagine sopra è il cerimoniale rituale che illustra queste età.

Questi eventi cerimoniali attirano la gente da guardare, ma non sono così popolari rispetto alle controparti dei Samurai. I samurai che sono popolari anche tra i nativi giapponesi, rendono gli eventi rituali di oggi più divertenti di quelli dei precedenti, raccolgono più persone da guardare, me compreso.

Ora, la domanda "corretta" non è "Perché i Samurai non hanno usato gli scudi sui campi di battaglia", ma piuttosto "Perché gli scudi manuali hanno perso il favore dei giapponesi?"

Perché gli scudi portatili hanno perso il favore dei giapponesi?

5世紀と15世紀には日本の氏族間の戦争を劇的に変える出来事が起こりました。15世紀に起きた事は有名ですね、種子島鉄砲あるいはマッチロック式銃と呼ばれるものの伝来です。ポルトガル人? io

5世紀に起きた出来事とは何か? それは馬の伝来です。これは状況を一変させました。以下を考慮してみてください。

Nel V e nel XV secolo, rispettivamente, si verificarono eventi drammatici, che alterarono le battaglie giapponesi tra i loro clan (preferisco usare "famiglie"). Quello che accadde nel XV secolo è abbastanza noto. Le importazioni di fucili Tanegashima o fucili Matchlock.. L'arma unica e speciale portata dai portoghesi fu copiata in Giappone e fu prodotta in serie. Il numero di questi fucili prodotti solo in Giappone ha superato l'aggregato totale di quello dell'intera Europa. Per favore, non dimenticare che non solo Ashigaru (soldati a piedi) ha usato l'arma, ma anche Samurai (signori) l'hanno usata.

Cosa è successo nel V secolo? È un'importazione di cavalli. Questo ha persino cambiato completamente l'intero Giappone. Si prega di considerare quanto segue.

? 20%しか資源を生産する事に適していないと指摘しています。それはつまり古代日本の戦争というものは主権や支配権の問題だけでio

Nell'età antica (penso si riferisca all'era Jomon e all'era Yayoi che ha citato sopra), c'erano periodi di pace, certo, ma la normalità sono continue battaglie tra giapponesi. Il motivo è semplice. Giappone, privo di importanti risorse per la vita, comprese le terre (arabili). Secondo uno storico giapponese, a quel tempo, solo il 20% dell'intera terra giapponese era coltivabile. Ciò significa che le battaglie nelle epoche antiche in Giappone significavano non solo per il dominio delle aree, delle aree regnanti, ma per la sopravvivenza stessa.

? 1つは歩兵と盾を持った歩兵を騎兵に対抗できるまで強化し進化させるか、それとも騎兵を軍隊に導入するかです。日本は後者を選びました。手持ちの盾を捨て騎兵を受け入れ、 ? io

Ora, in un paese del genere, dove le battaglie sono quotidiane, è stata importata la normalità, Horse. E di conseguenza, nacquero i soldati a cavallo. I soldati a cavallo stanno avendo il perfetto dominio sui soldati a piedi, ma i giapponesi avevano 2 scelte. O aggiorna i soldati a piedi dotati di scudi per abbinarli ai soldati a cavallo, o semplicemente seleziona i soldati a cavallo come militari. Il Giappone ha scelto quest'ultimo. Abbandonando gli scudi, accettando i cavalli che cavalcano, il suo sviluppo finale fu il Samurai. (Qui è importante (secondo me)) Anche se i fanti sono diventati più importanti dei Samurai a cavallo nella fase successiva della battaglia nella storia giapponese. I soldati britannici di allora, (quando?) usavano la spada a una mano, il motivo per cui i samurai giapponesi (Bushis) non usavano gli scudi sarà descritto più avanti.

Scudi Samurai continuarono a usare.

? Scudo Paveseに近いものです。それは弓対策に、後に鉄砲対策に使"持盾"ではありませんが盾なのは間違いありませんね。これが2つ目の盾です。

L'incidente che ho descritto sopra (importazione di cavallo) significava solo scudi manuali abbandonati giapponesi. Ma questo non significa che abbiano completamente "scaricato" gli scudi. Nelle epoche dominate dai Samurai si usavano degli "scudi" ma erano chiamati 「Okitate」 ( come questo ( di Kentaro Tomono ) che è grande e poggiato a terra, simile ai pesanti scudi di forma rettangolare "Scudo Pavese" usati in Italia nella mezza età dai balestrieri per proteggere interamente il proprio corpo. Anche se tecnicamente parlando non sono scudi "a mano", sono "scudi", sbaglio qui? E questo è il secondo "scudo" di cui ho parlato.

3つ目の盾が、少し奇妙に思えるかもしれませんがこの「袖」です、肩甲の事ですね。これは私が所有する16世紀の日本の当世具足甲冑の袖です。前のio

E il "terzo" scudo, è 「Sode」 o 「Katayoroi」( Acuticamente, entrambi significano la piastra della spalla che viene utilizzata nei tempi antichi. Probabilmente avrebbe voluto essere come questo. di Kentaro Tomono ) Questo (? (probabilmente sotto)) è il Sode」 del Toseigusoku del XVI secolo (disponibile solo in tedesco) che possiedo personalmente. Anche se sono più piccoli di quelli dell'età precedente, li attacchi alla tua spalla. Lo scopo principale è quello di difendersi dagli attacchi degli archi, ma in una certa misura può proteggere dai proiettili.

io

ではなぜ片手に盾を持ちもう片方にメインの武器を持つというスタイルではなく、盾を両肩に装着するようになったのでしょうか? 掲示板などでよく盾の大きさや重さのため扱いが難しいio

Perché i samurai attaccavano le spalline su entrambi i lati?

Vorrei chiedere perché i Samurai attaccano le spalline invece di tenere una spada con una mano e tenere il suo scudo con un'altra mano? Molto diffuso su Internet è che gli scudi sono troppo pesanti, troppo grandi da maneggiare, quindi sono stati abbandonati. Questo è sbagliato. E per favore ricorda che "scudi" significa così ampiamente.

?

Scutum romano antico

?

Scudo aquilone

Buckler (a sinistra) e Pavsive Shiled (menzionato sopra).

? ? io

Ad esempio, lo Scutum dell'Antico Impero Romano che copre interamente il corpo del difensore è uno dei buclers di scudi e gli scudi di aquiloni di medie dimensioni usati dai Normanni e Okitate che ho menzionato prima erano tutti scudi. Lo Scutum era molto efficace ma difficile da maneggiare (anche se secondo me lo Scutum non è così difficile da maneggiare) Gli scudi come quello arrotondato usato dai Vichinghi e i piccoli brocchieri consentono al conduttore di muoversi più agile e possono essere usati non solo per la protezione ma anche per l'attacco. Se Samurai avesse uno scudo così piccolo e di medie dimensioni. quindi non avrebbero alcun problema a equipaggiarsi.

? io

Altre cose che sento molto sono le armi a due mani preferite dai giapponesi. In realtà anche in realtà, i giapponesi hanno usato molto come lance, Naginatas, , spade, spade larghe e archi nel corso della storia. Queste armi hanno avuto un'influenza decisiva sul motivo per cui i giapponesi non usavano scudi (piccoli o medi o altro). Ma il problema (perché lo scudo è caduto in disgrazia dei samurai giapponesi) non è affatto dovuto alla loro preferenza.

? io

Quando sentiamo la parola "Samurai", immaginiamo un soldato con una spada, ma la loro arma principale era l'arco. I samurai giapponesi erano arcieri diversi dai cavalieri europei. Gli archi non possono essere maneggiati con lo scudo, a differenza delle spade e delle lance. E penso che questo sia il motivo principale per cui i giapponesi non avevano lo scudo portatile.

刀は片手で扱う事も一応できましたしその様に使われたこともありました。(実際には刀は戦場において主要な武器ではなく2次的、3次的な武器でした。) また? ? io

Le spade erano/possono essere usate singolarmente con una mano (Nel campo di battaglia "reale", le spade erano armi secondarie o di terza opzione.) Come in un caso nell'antica Grecia, la falange usava le lance con una mano e lo scudo con l'altra. Tuttavia, la combinazione di arco e scudo è stata piuttosto impegnativa. O scegli una spada con una mano e ti proteggi con un'altra mano o usi solo l'arco, il giapponese ha scelto quest'ultimo. Puoi dedurre dall'aspetto dell'armatura che ho mostrato in precedenza che l'armatura stessa si adatta all'attacco con l'arco.

io

La mia opinione è che, di conseguenza, per i samurai giapponesi che hanno selezionato gli archi come arma principale, hanno "attaccato" "il loro scudo" "su di essi", il che li ha portati a pensare che non fosse necessario tenere uno scudo a mano e usavano entrambe le mani ' Armi.

?

I ruoli e gli usi delle armature giapponesi

最後に日本の鎧についても語っておきましょう。古代ローマ人が盾を主要な防具としロリカ(板金鎧)を2次的な防具としていたのと違い、日本の侍にとっては鎧が主要な防具io

Infine, vorrei parlare delle armature giapponesi. Mentre gli antichi romani usavano lo scudo come principale strumento di difesa e le loro armature, la Lorica come strumento di difesa secondario, le armature giapponesi erano il principale strumento di difesa.

? io

Prima di entrare in ulteriori discussioni, vorrei mostrarvi come erano le armature giapponesi, usando il ToseiGusoku (le armature intorno alla fine del XVI (Kentar Tomono)) che ho come illustrazione. Queste armature sono progettate non solo per utilizzare le armi di entrambe le mani come lance e spade, ma anche per archi. Come puoi vedere nella mia foto sopra, posso muovere così ampiamente le braccia, permettendomi persino di esibirmi come un arciere.

(弦を掛ける際にかかる重さ) io

Quando Ashigarus o Samurai cercano di penetrare con le loro lance, l'avversario contrattacca con gli archi. Ora gli archi giapponesi hanno un peso di trazione più leggero (peso alla lunghezza dell'arco ( Kentaro Tomono ), quindi il loro obiettivo dovrebbe penetrare nelle parti scardinate delle armature dei Samurai perché altrimenti non possono entrare. Ci sono punti non protetti a causa delle strutture primarie per la mobilità delle armature giapponesi.

io

Così, coloro che cercano di penetrare con le lance inclinano il corpo e si dirigono un po' in avanti e girano il corpo (probabilmente a destra se il soldato è destrorso ( Kentaro Tomono ) per metà con le piastre delle spalle in avanti. Così facendo, mettendo le loro casco e spalle piastre in avanti si protegge dagli attacchi dell'arco.

? io

Quando gli avversari si avvicinano così tanto a te, potrebbe sembrare strano, però, Ashigarus o Samurais hanno spostato l'elmo più avanti, perché l'elmo è il più sicuro, consentendo loro di difendersi dalle punte di lancia e dalle frecce come illustrato sopra.

(騎士の一騎討ち)でも似たようなことが行われていました。

Questi tipi di tattiche non sono rari, gli stessi tipi possono essere osservati per le giostre medievali dei cavalieri in Europa allora.

io

La parte anteriore dei caschi da giostra è composta da 1 sola piastra e si è ritenuto che quella parte dovesse essere protetta per prima.

? io

Pertanto, i cavalieri europei "hanno aperto" il loro corpo verso l'alto proprio prima di incontrarsi come sopra in modo che la protezione possa essere al massimo e per proteggere lo spioncino che non è protetto. Anche se la punta della lancia volasse nel loro corpo, potrebbero schivare l'attacco. Lo stile di piegatura verso il basso del Samurai giapponese è simile a questo metodo, credo.


La mia controargomentazione e la mia approvazione.

1 Apparentemente non sa molto di lance soprattutto nel XVI secolo quando

Le battaglie erano così feroci.

Anche Wiki inglese dice

Nagae yari (lancia ad asta lunga) da 16,4 a 19,7 piedi (da 5,0 a 6,0 m) di lunghezza, un tipo di luccio usato da ashigaru.13 Fu usato specialmente dal clan Oda ashigaru fin dal regno di Oda Nobunaga; La tradizione dei samurai dell'epoca riteneva che i soldati della provincia rurale di Owari fossero tra i più deboli del Giappone. In effetti, Kantō era un luogo caotico; Il Kansai era la patria dello Shogunato e dei clan Uesugi, Takeda, Imagawa e Hojo, nonché dei predoni pirati di Shikoku. Inoltre, Kyushu era la casa di uno dei clan più guerrafondai del Giappone, il clan Shimazu. Per questo motivo, Nobunaga ha armato i suoi soldati Ashigaru con picche extra lunghe per essere più efficaci contro avversari corazzati e cavalleria, e combattendo in gruppi e formazioni.

La sua lancia sembra essere quella di epoche antiche. Zohyo Monogatari ( In giapponese ( Storia di Ashigaru ( fanti )), racconta la stessa cosa.

Citazione

?

?

?

1人2人の敵の

io

?

?

?

① Non pensate che le lance siano le armi per spingere (spinta/spinta) il nemico.

② Integra tutta la mente dei lancieri e disponi le tue punte di lancia in una linea e colpisci le lance dei nemici dall'alto in un'unica azione.

③ Per ②, non considerare di spingere/spingere allora. Tuttavia, quando i nemici sono solo una o due persone, sarebbe OK.

④ Quando provi a colpire i nemici dall'alto, prova a farlo come se cercassi di colpire le bandiere che hanno dietro di loro.

⑤ Quando attacchi i nemici a cavallo, per prima cosa colpisci il corpo del cavallo e nel momento in cui il cavallo salta in piedi, e di conseguenza dopo che i nemici sono caduti da cavallo, attacca il nemico.

Quindi c'erano anche lance di 15-20 piedi a quei tempi, mentre l'altezza dei giapponesi era in media di circa 5,2 o 5,3.

Ma c'erano anche lance corte. Erano usati per battaglie a corto raggio, la loro lunghezza era di circa 6 piedi. E c'erano le lance di taglia "media", le loro dimensioni erano di circa 10 piedi a 12.

Ma indipendentemente dalle dimensioni, le lance erano armi a entrambe le mani, che non consentivano ai Samurai o agli Ashigarus di tenere gli scudi in mano.

Quindi, in sostanza, vorrei approvare nel complesso la sua - potenziale - teoria in cui sostiene che i Samurai giapponesi inclinano il loro corpo in modo che le loro parti più pesantemente corazzate vengano spinte in avanti per proteggere il loro corpo, indipendentemente dal fatto che sia vero o meno. ( Farò ulteriori ricerche su di esso. ) poiché, le lance, anche se erano lance corte ( potevano essere maneggiate da una mano) o lance lunghe ( 4-5 volte la dimensione dei gestori erano troppo lunghe per essere usate da una mano . ), la maggior parte delle lance era considerata usata da entrambe le mani. (Dai un'occhiata allo Zohyo Monogatari dove si dice, le lance non dovrebbero essere usate per "penetrare" "spingere" "spingere" ma piuttosto per "piegarsi dall'alto", che richiede il controllo di entrambe le mani.

Aggiornato in seguito.


Dato che esiste una risposta accettata e (credo) che rimangano alcuni equivoci nelle risposte fornite qui, spero di chiarire alcuni punti sull'uso degli scudi difensivi nella guerra giapponese e in altre questioni correlate. Inoltre, per aiutare Kentaro Tomono (che sembra essere particolarmente interessato).


Prima di passare attraverso un elenco di idee sbagliate (sotto), il principale da considerare è questo, nella domanda di OP:

... l'uso degli scudi era obsoleto nel periodo Edo perché erano goffi e perché il Giappone non aveva influenze ellenistiche.

Va notato che OP continua a dubitare della validità di questa affermazione.

Risposta: Invece di considerare scomodi gli scudi manuali durante il periodo Edo, o qualsiasi altra considerazione militarista, la vera risposta sta nel fatto che dal periodo Edo in poi (1600), c'era un ruolo significativamente ridotto per i samurai come guerrieri. In altre parole, se lo scudo non veniva usato durante il periodo Edo, era semplicemente perché la casta dei samurai come guerrieri non esisteva più in realtà semplicemente a causa di meno battaglie.

Durante il periodo feudale, i samurai erano guerrieri che combattevano per un signore in un rapporto feudale. Il periodo Edo, tuttavia, fu in gran parte esente da minacce esterne e conflitti interni. Invece, i samurai mantennero le loro abilità di combattimento più come un'arte che per combattere. I Samurai ricevevano uno stipendio dal loro signore, limitando i loro legami alla base economica. Inoltre, i samurai non potevano possedere terra, il che avrebbe dato loro un reddito indipendente dal loro dovere.

Fonte: Wikipedia su società Edo (enfasi mia).

Nelle discussioni storiche, in generale, il concetto di samurai come guerrieri è diverso dal periodo Edo (1603-1868 d.C.) in poi. In altre parole, prima del periodo Edo/shogunato Togukawa, i Samurai erano guerrieri. Ma sono meno frequentemente considerati tali dal periodo Edo in poi.

La casta di Samurai come guerrieri, sebbene identificato all'inizio dell'VIII secolo (periodo Nara), si sono distinti solo durante la fine Heian, cioè fine del XII secolo. Il Ribellione Heiji del 1160 fu un punto di svolta (nell'istituire questa classe di guerrieri). Quando arriviamo al Periodo Tokugawa (Edo), oltre 400 anni dopo, i samurai si erano evoluti in più burocrati (anche se altamente istruiti), che guerrieri.

Sopra abilità di combattimento come arte, questo è il concetto di bushido, che è stato istituito durante il periodo Edo, non prima. Quindi, invece di vederlo come un codice cavalleresco autonomo, è stato creato in un ambiente (fine del XVI secolo) con un'enfasi specifica sullo sviluppo di se stessi per essere un dotto-guerriero o monaco-guerriero. Un altro modo per dirlo, il "bun" (?) e "bu" (?), studi letterari e arti militari, rispettivamente.


Altri punti da considerare:

  1. Armatura Lamellare - Equiparare gli scudi portatili all'unica forma di difesa. L'esclusiva armatura dei Samurai (unita alla preferenza dei guerrieri dell'Asia orientale per il tipo lamellare) aveva un ruolo significativo nella difesa. (Questo vale solo per i Samurai a cavallo.)
  2. Il staffa giapponese, contrariamente alla risposta accettata, è in uso dal IV/V secolo a causa dei guerrieri Xianbei, in particolare del Tuoba Wei (?).
  3. UN Mantello del Samurai (oro) era anche difensivo, anche se non spesso apprezzato.

A proposito, non tutti i Samurai potevano usare i cavalli, solo i samurai di classe superiore potevano farlo. D'ora in poi, ci riferiamo alla classe superiore quando usiamo il termine "Samurai".


1. Armatura lamellare

Dal titolo della domanda:

Perché i fanti e i samurai giapponesi non usavano gli scudi?

Risposta: Come hanno affermato OP e altri, gli arcieri di fanteria lo usavano scudo pareti per proteggersi. Nel contesto europeo, sarebbe mantelli.

Nel contesto dell'equitazione Samurai, in realtà intendiamo "scudi portatili", che sono più piccoli/più leggeri degli scudi di fanteria standard.

Risposta: Nel contesto di armatura lamellare, il design unico dell'armatura Samurai, che era diverso dai cavalieri europei, precludeva la necessità di scudi a mano, sebbene li usassero occasionalmente (specialmente contro le armi a polvere da sparo nel tardo medioevo, tameshi gusoku /"proiettile testato").

Sebbene la preferenza è di non usare schermi portatili, a volte il La classe dei samurai usava gli scudi mentre cavalchi in battaglia.

Sul perché i Samurai non usassero gli scudi così spesso, oltre all'inconveniente che uno scudo tenuto in mano rappresenta per un arciere a cavallo, una delle ragioni più chiare è perché il armatura Samurai unica, il kogusoku e ōsode. Usati bene insieme, il design dell'armatura Samurai ha permesso un migliore movimento, meno restrizioni (il kogusoku). In particolare, le lamelle lamellari (ōsode), erano di solito sufficientemente forti a livello difensivo.

I guerrieri giapponesi, invece, non sembrano aver mai sviluppato molto interesse per gli scudi portatili, probabilmente a causa dell'incompatibilità di questo tipo di armamento con il tiro con l'arco montato. Ci sono, infatti, solo due apparizioni di scudi a mano nelle fonti altomedievali, entrambe in pergamene pittoriche del XIII secolo. Uno raffigura un soldato di fanteria leggermente corazzato che brandisce una spada nella mano destra e uno scudo di legno rettangolare di circa 60 cm per 40 cm nella sinistra, mentre partecipa a un attacco alla casa di un guerriero. L'altro mostra un guerriero a cavallo che trasporta quello che sembra essere un normale scudo a sé stante.

Al posto degli scudi portatili, bushi adottato armatura pesante appositamente ideata per combattere con arco e frecce da cavallo… In alcune precedenti armature lamellari giapponesi, le parti che proteggevano le spalle, il collo e il busto di chi lo indossava erano realizzate in un unico pezzo. Ma questo design limitava il movimento delle spalle e delle braccia, ostacolando il facile utilizzo dell'arco e della freccia. Per massimizzare la libertà di movimento per gli arcieri, la corazza del ōyoroi è stato tagliato via intorno alle spalle e alle ascelle, e gli spazi vuoti risultanti sono stati coperti da pezzi accessori pendenti (chiamata collettiva kogusoku).

Grandi lastre piatte rettangolari di lamelle, chiamate ōsode, che erano facilmente la caratteristica più riconoscibile delle armature altomedievali, offrivano protezione per le spalle e la parte superiore delle braccia. quadrato di circa 30 cm, ōsode servivano arcieri a cavallo (che avevano bisogno di entrambe le mani per cavalcare e sparare) come sostituti degli scudi manuali.

Fonte: venerdì, K.F. Samurai, guerra e stato nel Giappone altomedievale, Routledge, 2004, pp.90-3. Maggiori informazioni sui giapponesi ōsode è disponibile qui.

In realtà, c'è un'altra potenziale ragione per una minore frequenza di utilizzo degli scudi da parte dei samurai giapponesi. Sto per ribaltare la domanda di OP, i cavalieri europei erano considerati arcieri a cavallo? In caso contrario (alcuni non lo accettano), allora spiega perché i cavalieri europei medievali usavano più frequentemente scudi a mano.


2. Abumi - la staffa giapponese

Fonte immagine: Wikipedia

È sbagliato dire: "… le staffe non sono state sviluppate in Giappone costringendo i samurai a tenere le redini o ad aggrapparsi alla sella con le ginocchia mentre usano un arco" (risposta di Hux).

Riferendosi al periodo Edo, Giappone del XVII secolo, il staffa giapponese è stato in uso più di 1000 anni prima, cioè nel V secolo (Wikipedia). Potrebbe anche essere un secolo prima, IV secolo, a causa dell'influenza della cavalleria pesante di Xianbei Toba / Tuoba Wei (?) e il fatto che l'armatura dei samurai giapponesi sia stata datata al IV secolo.

Però, La storia del mondo di Cambridge, volume 4, (2015), afferma categoricamente l'influenza di Tuoba Wei (?), attraverso Goguryeo, raggiunse il Giappone nel V secolo (p. 421 - enfasi mia):

Durante il IV e l'inizio del V secolo, le bande Xianbei nel nord-est (della Cina) istituì una serie di dinastie nell'area della Manciuria sudoccidentale e della Cina nordorientale propriamente detta. La presenza degli imperi Xianbei in quest'area ebbe l'effetto di separare definitivamente la penisola coreana dall'amministrazione cinese. Le dinastie Xianbei interagirono dinamicamente sia con la cultura cinese che con il regno proto-coreano di Koguryo al loro est. Koguryo, per esempio, potrebbe aver appreso la tecnica della guerra di cavalleria dagli Xianbei. Koguryoarmatura da cavalleria in stile poi passò alla punta meridionale della penisola coreana e attraverso le isole giapponesi nel V secolo (dove il tiro con l'arco a cavallo sarebbe poi diventato lo stile di combattimento caratteristico dei successivi samurai giapponesi).


3. Il mantello del samurai (Horo)

Oltre a Wikipedia, questo è da Manuale per la vita nel Giappone medievale e della prima età moderna (2006), pag. 172 (enfasi mia):

Un altro mezzo di difesa era un pezzo di tessuto drappeggiato sul retro dell'armatura di un guerriero che potesse catturare frecce vaganti, specialmente in una carica o in altre manovre rapide che facevano gonfiare il mantello. Più tardi questo dispositivo, noto come a oro, assumeva la forma di un grande sacco che si gonfiava quando il guerriero si muoveva, sfruttando così la forza dell'aria intrappolata per respingere le frecce. A volte, questa sacca simile a un mantello posizionata sul retro dell'armatura era irrigidita con una gabbia di canne per garantire che poche frecce colpissero il bersaglio. Inoltre, questo tessuto oro servivano come mezzo di protezione per un messaggero, poiché possedevano pochi altri mezzi di difesa e spesso viaggiavano rapidamente e senza truppe di accompagnamento. Quando il sigillo di un signore (mon) veniva aggiunto al mantello, il messaggero poteva essere facilmente identificato sia che si avvicinasse che che si ritirava.


Ulteriori informazioni su Horo (mantello di un samurai)

  • un breve video che spiega come funziona, 2:55 in poi - https://youtu.be/nb1WcI9TNXw
  • aveva anche una funzione cerimoniale, in quanto veniva utilizzato per avvolgere in segno di rispetto la testa decapitata di un samurai sconfitto. Questo è secondo Hosokawa Yusai (che ha servito sia Toyotomi Hideyoshi che Tokugawa Ieyasu), nel suo Raccolta di principi generali 1671.
  • Non ricordo più la fonte, ma a oro potrebbe anche essere molto importante per la segnalazione - se fosse vinto da a daimyo o un samurai che conduce una battaglia (cioè più di un messaggero), come Shoni Kagesuke che ha combattuto i mongoli. Nella stampa della battaglia, a oro consentirebbe ai compagni guerrieri di individuare rapidamente il loro capo e le sue indicazioni per la battaglia in corso. (Il collegamento cita il ruolo di Shoni Kagesuke nell'invasione mongola del Giappone, del 1274 e del 1281, ma non su come usò il suo oro).

Le armi in asta/lance erano l'arma preferita su un vero campo di battaglia per il 95% delle culture. Cavaliere, samurai, greci, ecc. I romani sono un po' un'eccezione in quanto il pilim non era il loro principale. Ma un soldato possiederebbe ancora un'asta.

Una spada è più simile a una pistola. Un'arma laterale affidabile per gli scontri ravvicinati o se la tua arma principale si rompe (o si inceppa). Ma quando un uomo con un fucile incontra un uomo con una pistola, l'uomo con la pistola è un uomo morto. Mira solo al cuore.

Le spade venivano usate anche nei duelli giapponesi come arma cerimoniale. Un altro motivo per usare una spada è perché c'è il rischio di entrare in una rissa e vuoi essere preparato, ma non sei sicuro di entrare in una battaglia e non puoi portare una lancia tutto il giorno.


L'armatura fondamentalmente fa lo stesso lavoro di uno scudo e l'armatura giapponese è estremamente avanzata anche senza l'uso di metalli, inoltre gli Ashigaru avevano la maggior parte delle volte la lancia lunga come il luccio, ma con piccole differenze. Non ricordo il nome ma comunque, o l'arco, alcuni erano bande di predoni che usavano le spade, prese dai nemici caduti, e come i samurai che seguivano l'esempio, senza scudo.

Vorrei solo riassumere che è un mondo diverso, proprio come la sensazione quando sei esposto a un'altra cultura o area, paese in pratica, per quanto tu possa aver letto e imparato da esso, una volta che lo vivi, è un altro mondo perché è semplicemente unico.


Possiamo leggere ciò che Whitaker ha riferito nel suo "A Complete System of Universal History" (1821) su Jedso (Hokkaido):

Le loro armi sono archi, frecce e lance e una specie di corta scimetar. In alcune occasioni usano frecce avvelenate, essendo collerici, litigiosi e vendicativi. Invece di scudo o corazza, indossano cappotti fatti di piccole assicelle sottili.

Charlotte Salway, una famosa sinologa, ha scritto:

La potente spada e le frecce erano le principali armi difensive. Li hanno realizzati in infinite forme e mode per soddisfare tutte le esigenze, per la pratica a distanza o il combattimento corpo a corpo. I generali portavano ventagli piatti e chiusi, per dare indicazioni sul campo di battaglia o per essere usati come a scudo a distanza ravvicinata.

In generale, c'erano diversi fattori che scoraggiavano l'uso degli scudi. In primo luogo, il metallo era relativamente più costoso in Giappone rispetto all'Europa medievale. Pertanto, quale metallo avevano avuto la tendenza ad essere lavorato a una qualità superiore e utilizzato in armi offensive. Sarebbe stato considerato uno spreco per i giapponesi usare il metallo su uno scudo, dal momento che potrebbe essere trasformato in qualcosa di molto più prezioso: un'arma.

Un secondo fattore deriva dal primo. Poiché i giapponesi dedicavano più attenzione al loro acciaio, tendeva ad essere di qualità superiore. L'acciaio di buona qualità può tagliare qualsiasi scudo tipico. Uno scudo che potesse resistere a una spada ben fatta sarebbe molto pesante e costoso, del tutto antieconomico. I primi cavalieri usavano gli scudi perché spesso combattevano contro i contadini che usavano mazze e rocce.

Il terzo fattore è filosofico. Il Giappone dal 1608 era nella grande pace dello Shogunato, quindi la tecnologia bellica pratica era secondaria alla politica e all'etichetta. Ciò ha portato a una filosofia incentrata sulla spada. Salway scrive:

Le armi erano molto richieste durante i tempi turbolenti, quando i clan Minamoto e Taira si contendevano il diritto di governare il popolo in senso militare; ma quando Ieyasu risolse la lunga disputa e restituì la tranquillità, l'abbellimento delle spade e dei relativi mobili divenne una questione di grande interesse per tutti coloro che avevano il privilegio di portare queste armi protettive. Nella spada era concentrato tutto l'orgoglio di chi la indossava; divenne il suo più caro amico, il custode del suo onore nonché il suo più grande tesoro... Sulla spada, come su ogni altra cosa che producono questi orientali, il lavoro fu abbondantemente profuso; ogni porzione riceveva una minuziosa attenzione: la guardia, la lama, l'elsa, il fodero, fino ai più piccoli accessori. Non solo di giorno era un'appendice di un vestito, ma di notte veniva accuratamente riposto in un luogo di riposo adeguato; e nel soggiorno di ogni casa si vedeva una pedana rialzata, con un piedistallo appositamente predisposto allo scopo di impugnare la spada.

Un samurai avrebbe considerato l'uso di uno scudo, anche di fronte a frecce o pietre, come un disonore perché sarebbe sembrato codardo o egoista; in altre parole uno scudo non è coerente con i principi del bushido.

Inoltre, tanto per fare il punto sulla qualità dell'acciaio giapponese, ancora oggi è il migliore. Ad esempio, le migliori forbici al mondo provengono tutte dal Giappone. Ecco un esempio di Naruto, uno dei migliori produttori:

Esatto, 2000 dollari per un paio di forbici. E sì, tagliano gli scudi europei medievali come burro.


Il libro di Dorothy Perkins, I Samurai del Giappone: una cronologia dalla loro origine nell'era Heian all'era moderna, i fanti del Giappone orientale erano dotati di scudi e lunghe lance durante il VI secolo d.C. chiamate "Tate" usavano infatti degli scudi. Tuttavia, nel 1600 fu dispiegata una nuova arma; armi da fuoco e scudi che erano a schermo piatto e angolati si manifestavano in modo che i fanti potessero sparare dietro. In gran parte poiché i Samurai erano anche ben addestrati nell'uso delle armi in asta e dell'arco/freccia; non puoi usare dette armi senza ENTRAMBE le mani, poiché tali scudi portatili sono diventati poco pratici, quindi li hanno invece incorporati nella loro armatura. Grandi piastre di armatura erano attaccate alle spalle per fornire protezione al posto di uno scudo personale. Puoi vedere le immagini dell'armatura dei samurai, a differenza dell'armatura europea che la spalla si assottiglia e si curva al braccio, l'armatura dei samurai ha enormi piastre sulle spalle che insieme ai loro elmi, agiscono come grondaie per le precipitazioni e proiettili rivolti verso il basso.

Un altro aspetto è che la cultura della guerra tra Giappone ed Europa era diversa. In Occidente, l'armatura si stava evolvendo verso una protezione completa e totale e il risultato fu l'armatura a piastre. Le armi si svilupparono in parallelo, cercando di perforare o schiacciare quelle piastre piuttosto che tagliarle. Il Giappone non ha mai avuto questo problema; armi così pesanti come alabarde, mazze e martelli da guerra non si manifestarono mai, così il bisogno di scudi svanì nell'irrilevanza.


Da quello che ho capito, l'evoluzione sulla via della guerra corre leggermente parallela a quella degli indiani nativi americani, principalmente gli Iroquous (vagamente) poiché entrambi usano la mobilità come stratagemma principale per regioni geografiche, tribù/clan vicini, tecnologia delle armi, presidi ecc. I nativi americani sarebbero il miglior esempio, quindi, principalmente la mobilità sarebbe adatta a raid, imboscate, ecc., Gli Iroquos avevano molta foresta, meglio per gli agguati e quindi gli scudi sarebbero ancora utili poiché hanno combattuto molto in combattimento corpo a corpo, ma nel complesso, solo non ne vale la pena in quanto interferisce con il modo principale della guerra.

Mobilità, questo concetto di base in sé è una radice per la quale entrano tutti i fattori come, scudi che colpiscono i rami degli alberi, materiali, modo di pensare ecc. Il samurai ha sviluppato un'armatura che ha la funzione primaria di uno scudo ma anche non interferisce con la loro tecnologia delle armi/pensiero militare/requisiti militari, rendendosi conto solo ora che lo sono, innumerevoli ragioni per non usare uno scudo in guerra e perché non lo hanno fatto.

Ultimo grande esempio è come con gli europei che hanno introdotto la polvere da sparo ai nativi americani, anche se hanno deciso di usare gli scudi in guerra, sarebbe irrilevante. O che l'imperatore giapponese vieti l'uso degli scudi, o che gli scudi promuovano temperamenti difensivi, o forse bloccare senza abilità, è la via del codardo e non del vero guerriero, non degno.

E infine, forse è l'influenza dei greci e la mancanza di quella, come i lemming: dove si va vanno tutti.


Il motivo è molto probabilmente molto semplice, come affermato prima che gli scudi siano principalmente una difesa dalle frecce. Ma per fare un buon scudo hai bisogno di pelle grezza e colla, due cose di cui i giapponesi non avevano molto.


beh prima di tutto il samurai ha usato due mani per saldare una katana non può tenere uno scudo allo stesso tempo. la seconda cosa è che non erano dei codardi a nascondersi dietro gli scudi, erano dei veri e propri combattenti.


Quando è diminuito l'uso degli scudi da parte dei fanti in Europa?

Ho appena notato che non ho risposto alla domanda, poiché mi riferivo alla polizia, non ai fanti, ma penso che la premessa sia ancora valida.

Ed è interessante che l'esperienza di Shikaka nell'esercito sia stata simile.

Inoltre, tenere in mano uno scudo balistico è sicuramente molto meno doloroso che affidarsi esclusivamente all'armatura balistica, che con il miglior design al mondo, trasmetterà comunque parte dell'energia cinetica in modo doloroso e forse debilitante al soldato.

Penso che sia notevole che gli scudi pre-polvere da sparo fossero usati all'aperto e non così utili in spazi ristretti, mentre ora è vero il contrario.

Janusdviveidis

Matteo Amt

Le spade non furono *mai* l'arma principale, con la possibile eccezione dei legionari romani. Le lance furono l'arma principale dall'età della pietra fino al medioevo, comprese lance e picche, fino a quando le armi ad asta divennero comuni nel XIV secolo. (E quelli sono tutti basati su una lancia con alcuni bit aggiunti!) Le spade sono sempre state un'arma di riserva.

Gli scudi erano chiaramente ancora l'equipaggiamento di base ben dopo Hastings e la fanteria non perse mai di importanza. È più probabile che sia stata l'introduzione del gambeson imbottito nel XII secolo a consentire la caduta degli scudi in favore delle armi a due mani.

E come altri hanno detto, gli scudi di certo non sono mai andati via del tutto! Interessante sapere del loro attuale uso militare.

Cimitero

Bart Dale

Ho visto alcuni dipinti del XV secolo che mostrano eserciti senza scudi, mentre ho visto anche un dipinto del XV secolo che mostra eserciti con pochi scudi. Entrambi erano di battaglie del secolo precedente, ma mi sembrava che i soldati fossero ritratti in armature contemporanee dell'inizio del XV secolo.

Mi sembra che sia stato il XV secolo che gli scudi hanno smesso di essere usati. I moschettieri/arbeque e la picca che stavano diventando armi popolari non lasciavano spazio per tenere uno scudo, e nemmeno le spade a due mani più lunghe potevano essere usate efficacemente con uno scudo. I nobili avrebbero potuto ancora usare uno scudo, ma con le loro armature complete, uno scudo non era così critico, e uno scudo avrebbe ostacolato un cavaliere che usava una pistola con bloccaggio a ruota o una balestra. Un uomo con uno scudo sarebbe in svantaggio per un uomo che porta una picca a due mani più lunga, e uno scudo non fermerebbe le palle di cannone. Poiché gli eserciti facevano più affidamento su picche e pistole, gli scudi perché non necessari.

Sciocchezza

È necessario tracciare una linea tra quando l'uso degli scudi da parte dei fanti declino e quando i fanti cessarono di usare gli scudi.

Capisco il declino - man mano che diventano meno popolari. Accadde alla fine del XV secolo per i motivi sopra citati (migliori armature, picche, armi da fuoco ecc.).

Meno popolare non significava che gli scudi si fossero estinti. Hanno continuato ad essere utilizzati da alcuni fanti. Ci sono molte prove dell'uso di scudi -
1. durante le guerre di religione francesi (1562&#821198)
2. Guerre dei trent'anni (1618-1648)
3. conflitti tra Scozia e Inghilterra dei secoli XV-XVIII.
4. gli scudi furono usati dai fanti asiatici e africani fino al XIX secolo.

Giovannicornwall

Ho visto alcuni dipinti del XV secolo che mostrano eserciti senza scudi, mentre ho visto anche un dipinto del XV secolo che mostra eserciti con pochi scudi. Entrambi erano di battaglie del secolo precedente, ma mi sembrava che i soldati fossero ritratti in armature contemporanee dell'inizio del XV secolo.

Mi sembra che sia stato il XV secolo che gli scudi hanno smesso di essere usati. I moschettieri/arbeque e la picca che stavano diventando armi popolari non lasciavano spazio per tenere uno scudo, e nemmeno le spade a due mani più lunghe potevano essere usate efficacemente con uno scudo. I nobili avrebbero potuto ancora usare uno scudo, ma con le loro armature complete, uno scudo non era così critico, e uno scudo avrebbe ostacolato un cavaliere che usava una pistola con bloccaggio a ruota o una balestra. Un uomo con uno scudo sarebbe in svantaggio per un uomo che porta una picca a due mani più lunga, e uno scudo non fermerebbe le palle di cannone. Poiché gli eserciti facevano più affidamento su picche e pistole, gli scudi perché non necessari.

Si Certamente. Anche se ovviamente varia in Europa, il regno di Ferdinando e Isotta è visto in Spagna come il passaggio dal medievale al moderno, che si lega alle armi e a questo filo.

C'è un famoso dipinto della Battaglia di la Higuerela nel 1431, appeso a El Escorial. È spesso considerato un modello di abito militare medievale in Spagna a causa dei dettagli, tanto più perché sarebbe stato lo stesso per molti anni, in particolare le forze granadine.

La guerra di Granada 1482-92 vede la transizione in atto. Truppe corazzate, ancora disposte a combattere sfide a singolar tenzone fuori le mura (fino alla messa al bando da Ferdinando) mescolandosi con armi più moderne e cannoni pesanti per avere l'impatto decisivo.

In effetti la guerra di Granada fu un processo decennale in cui da una parte entrarono concetti per lo più medievali e dall'altra parte arrivarono i moderni.

Dopo questa guerra il Gran Capitano continuò a combattere le guerre italiane di Ferdinando con un esercito "moderno".


È vero che non c'erano scudi in Giappone durante i Samurai e in quel caso perché?

Mi sono chiesto a lungo perché non usassero mai gli scudi in Giappone. A quanto ho capito, il tiro con l'arco era ancora più importante per i samurai delle katane. Era visto come codardo e disonorevole usare uno scudo o pensavano solo di ostacolare la loro capacità di combattimento? Se è così, perché il contadino ashigaru (che presumo non sia così ben addestrato) non ha usato gli scudi?

A seconda di quanto ampiamente vuoi definire lo scudo, i samurai potrebbero aver usato gli scudi più di quanto molti pensino.

Questi sono stati usati abbastanza di routine durante i secoli della guerra giapponese, anche quando altri tipi di scudi sono stati gradualmente eliminati. Furono usati molto durante l'era Sengoku, specialmente durante gli assedi e ancora di più una volta introdotte le armi da fuoco.

Detto questo, questi pavise non erano sicuramente così onnipresenti come lo scudo del mulino in altre parti del mondo, anche vicino alla Cina.

Ciò è dovuto a due importanti differenze nel modo in cui la guerra giapponese si è evoluta quando iniziamo ad entrare nell'era in cui i samurai erano più importanti, che inizia nell'XI - XII secolo fino alla fine del XVI e all'inizio del 17 ° secolo, che da allora era stato stabilito il periodo Edo e la pace in tutta la nazione regnò per centinaia di anni.

È dovuto alla differenza con le loro armi e al cambiamento di organizzazione durante il combattimento.

All'inizio, abbiamo il periodo Heian.Durante questo periodo, battaglie e guerre furono quasi sempre combattute tra forze molto piccole e dedicate che seguivano protocolli e regole di combattimento piuttosto peculiari. Le procedure per impegnarsi in combattimento erano abbastanza ritualizzate.

Questo è in netto contrasto con la calca e la brutalità della battaglia durante l'era Sengoku nel XVI secolo.

È qui che iniziamo a vedere il pronunciato trend verso combattimento individuale invece di concentrarsi su ranghi e formazioni. Ciò ha in parte a che fare con la grande enfasi sulla forza e l'abilità personali all'interno sia della cultura guerriera, sia nell'incentivo nella promozione e nell'ascesa nella scala sociale.

È molto più facile mostrare a tutti (e dimostrare) che guerriero tosto sei quando non devi competere per l'uccisione con altri 20 uomini.

Mentre entriamo nell'era Sengoku, la guerra è diventata molto più brutale, diffusa e divorante. Non sono più solo i professionisti che vanno in guerra, ma anche tutti gli uomini abili.

È qui che le formazioni organizzate tornano ad essere importanti, a causa del massiccio afflusso di reclute e dei tentativi dei comandanti di mantenere il loro tenue controllo sulle battaglie caotiche. Ma anche allora, le loro formazioni e le loro tattiche organizzate non raggiungono il livello di precisione che si vedrebbe in una falange ben addestrata.

La dottrina militare giapponese in questo periodo riponeva ancora una grande fiducia nella forza dell'individuo. In un certo senso, i pensatori militari giapponesi vedono le formazioni come uno strumento per coloro che non possono gestirsi in una lotta senza la forza dei numeri. I migliori guerrieri, le élite, si impegneranno sempre in un singolo combattimento, dove potranno tirare fuori tutto il loro potenziale.

Ora, questo non significa che non si aiutassero a vicenda o usassero tattiche che sfruttassero il vantaggio dei numeri quando si presentava un'opportunità. Se 3 ragazzi rossi mettono un solitario dal blu, i ragazzi rossi non se ne andranno solo perché vogliono i loro partner di ballo.

Ma in generale, i soldati giapponesi non avanzerebbero di pari passo e combatterebbero come un'unità coesa una volta che la battaglia si fosse unita.

Andrebbero alla ricerca di un avversario e semplicemente duellerebbero. Gli scudi sono probabilmente più efficaci se usati congiuntamente in una formazione solida e ben perforata.

L'altro motivo è lo stile in cui hanno usato le loro armi così come le armi stesse.

KingofAlba ha fatto un ottimo lavoro nel coprire i motivi per cui uno scudo non sarebbe utile.

Le lance erano l'arma principale per i samurai in mischia, non la katana.

Anche supponendo che abbiano usato la katana, è estremamente ingombrante usare la katana media in una sola mano. Ora non si tratta del peso, esattamente. Katana ha pesato a circa .7

1,5 kg su tutta la linea, praticamente uguale a qualsiasi altra spada medievale.

La chiave qui è l'equilibrio della katana. La maggior parte è stata realizzata con una presa a due mani in mente e il bilanciamento è stato eseguito di conseguenza.

Ai soldati sarebbe stato insegnato a usare la loro katana con una presa a due mani e quando colpivano il movimento che usavano principalmente era un movimento di taglio che tirava indietro verso il corpo, mirato a spazi vuoti e punti deboli nell'armatura. Questo tipo di taglio era l'attacco più efficiente con una katana e uno scudo avrebbe sicuramente ostacolato questo.

Per quanto riguarda le loro lance, è stato anche insegnato loro a usarle con una presa a due mani. Quelli che usavano lo yari più lungo si sarebbero probabilmente impegnati in un muro di lancia. Gli yari più corti venivano usati a cavallo e ancora più corti sarebbero stati per il combattimento ravvicinato e individuale. Questi sarebbero stati usati anche in una presa a due mani.

Lo stile di attacco con uno yari avrebbe comportato molti salti e rotolamenti, parare, chiudere e colpire. L'enorme gamma di movimento è probabilmente la chiave qui. Un grande scudo ostacolerebbe solo lo stile giapponese di combattimento con la lancia.

Immagino che la cosa da togliere da questo sia che uno scudo era visto come invadente e impediva di muoversi liberamente per lo stile di combattimento che facevano i giapponesi, in particolare con le lance.

Con l'adozione delle armi da fuoco, i pavimenti sul campo di battaglia tornarono di moda in grande stile ma gli scudi portatili non erano ancora considerati più utili o praticabili.


Samurai con scudi

Poiché l'armatura lamellare metallica forniva un'eccellente protezione contro le armi che affrontavano, non erano necessari scudi.

La cotta di maglia e il gambeson, al contrario, offrivano una scarsa protezione contro mazza, martello e picconi. Uno scudo sarebbe molto bello avere.

BBadolato

Luis3007

ContePietro

Oltre a quanto sopra menzionato, gli eserciti giapponesi tradizionalmente amavano il legno/pelle ecc. Non riesco a ricordare il nome per questo fuori dalla parte superiore della mia testa però.

Avevano anche cose come l'Horo che è incredibile.

Alexmilman

Il Giappone era già coperto ma, per quanto riguarda gli europei, questo non è del tutto corretto. Mentre i cavalieri inizialmente (fino al XII secolo circa) usavano i grandi scudi, le loro dimensioni, con la migliore protezione degli arti, erano andate progressivamente diminuendo fino a uno scudo (o a nessuno scudo), che era assolutamente inutile contro le frecce.

A proposito, non sembra che lo scopo principale dei grandi scudi iniziali dei cavalieri fosse quello di proteggersi dalle frecce: mentre era a cavallo, Knight semplicemente non poteva tenerlo davanti a sé come protezione contro i dardi di balestra o sopra la sua testa come protezione contro le frecce scagliate ad alto angolo. Lo scopo principale era quello di difendersi dalla lancia dell'avversario, da qui il successivo piccolo scudo in stile Boucher con uno speciale supporto per una lancia. Per non parlare del fatto che in gran parte dell'Europa continentale gli arcieri e persino i balestrieri non erano abbastanza numerosi da diventare un fattore critico nella formazione dell'equipaggiamento dei cavalieri.

I grandi scudi, pavisas, erano stati mantenuti solo dai tipi speciali di una fanteria, per lo più la fanteria tiratrice come i balestrieri e quelli con i primi tipi di armi da fuoco, come protezione contro il fuoco dell'avversario: queste truppe non dovevano combattere a mano al combattimento corpo a corpo. La fanteria con le armi ad asta non li usava affatto.

Idem per il XV secolo raffigurazioni/ricostruzioni dell'equipaggiamento degli uomini d'arme francesi, spagnoli e tedeschi e perfino dei Mamelucchi dello stesso periodo: niente scudi o piccolissimi. Non che uno scudo potesse essere usato contemporaneamente con una spada a due mani.

(Spero di non aver superato la quota di immagini ma è meglio vedere una volta che leggere 10 volte).


Battaglia: [ modifica | modifica sorgente]

La battaglia inizia con il vichingo che lancia la sua grande ascia a terra mentre il Samurai si avvicina a lui con il suo arco Yumi e Naginata in mano. Lancia un grido di battaglia e poi tira fuori una freccia. Spara al vichingo e lo colpisce alla spalla. Tira fuori la freccia e guarda in alto, solo per trovare una seconda freccia che gli sta venendo addosso. Lo colpisce nel casco e lo stordisce. Il vichingo estrae due lance e carica il Samurai. Quando si avvicina, li scaglia entrambi contro il Samurai. Il Samurai tenta di schivarli, ma viene colpito da uno e gettato a terra. Il vichingo estrae la sua grande ascia e si lancia contro il samurai. Il Samurai si alza e afferra la sua Naginata. Il vichingo fa oscillare la sua ascia ma viene bloccato dalla Naginata. Il Samurai torce la sua Naginata e getta via l'ascia del vichingo. Colpisce il Viking con la Naginata, ma il danno è leggermente ridotto dalla cotta di maglia del Viking. Il vichingo recupera la sua grande ascia e inizia a colpire selvaggiamente il Samurai. Con un duro colpo, fa cadere la Naginata dalle mani del Samurai e prende a calci il Samurai. Il vichingo fa oscillare l'ascia alle spalle del Samurai, ma come la cotta di maglia contro il Naginata, l'armatura del Samurai riesce a impedire all'ascia di lacerare il Samurai e ucciderlo. Il Samurai estrae la sua mazza Kanabo e colpisce la Grande Ascia, facendola cadere ancora una volta dalle mani del vichingo. Cerca di colpire il vichingo, ma il vichingo blocca con il suo scudo. Il Samurai inizia a colpire selvaggiamente lo Scudo con il suo Kanabo, e riesce a staccarne una piccola porzione. Il vichingo quindi si alza e carica il Samurai con il suo scudo. Spinge il Samurai fino a un ponte e poi giù. Il Samurai cade in un fosso sottostante e perde la mazza. Il vichingo estrae la sua spada lunga e salta giù. Il Samurai riesce ad alzarsi ed estrae la sua Katana. I due iniziano a scontrarsi con le spade, con il Samurai che prende a pugni il vichingo. Il vichingo colpisce il Samurai, ma la spada scivola via dalla sua armatura. Ci prova ancora una volta, ma il Samurai si sposta e il vichingo si schianta contro un albero. Il Samurai colpisce le gambe del vichingo, costringendolo a inginocchiarsi. Infilza la sua katana direttamente nel collo del vichingo. Quindi estrae la sua spada prima che il vichingo cada a terra, morto. Il Samurai capovolge il vichingo e prepara un'altra pugnalata al suo cuore, ma vede che il suo avversario è morto. Il Samurai rinfodera la sua katana e zoppica in lontananza.


Perché gli scudi non sono mai stati usati in battaglia in Cina e Giappone?

Sembra che gli scudi fossero piuttosto comuni nella storia militare dell'India, ma non esistevano in Cina e Giappone. Considerando quanto fossero versatili e diffusi gli scudi nel resto del mondo, questo è piuttosto sorprendente. Perché non c'erano scudi in Asia orientale?

Gli scudi esistevano in Cina.

Anche all'inizio del Giappone. ecco una discussione su un'altra pagina con una discussione sull'abbandono degli scudi ca 10th secolo. http://www.samurai-archives.com/earlyjapan.html

Il giapponese fatto avere scudi. dopo una moda. Erano solo più intelligenti al riguardo a causa del modo in cui le armi si sono evolute.

L'armatura era fatta di ampi vimini e bambù, a volte rinforzati con acciaio. Il design di questi è quello di fornire lo stesso tipo di protezione di uno scudo se si guarda al modo in cui si combatte con uno yari o una katana. Fondamentalmente, quando attacca, il samurai presenta la sua spalla in avanti con entrambe le armi e la combinazione di shikoro (armatura per il collo), sode (armatura per le spalle) e kote (bracciali) formano una difesa dura ma flessibile simile a quella fornita da uno scudo. In effetti, il design dell'intera armatura o-yoroi era quello di deviare o intrappolare le frecce come farebbe uno scudo, se il samurai presenta la spalla in avanti, cosa che spesso fanno se si osservano il bojutusu e il kenjutsu moderni.

Non è che i giapponesi non sapessero degli scudi, è che li hanno integrati nell'armatura da combattimento dell'epoca (sebbene le truppe di base non avrebbero questo tipo di protezione, più o meno come in Europa. Gli scudi sono caro). Questo era uno dei motivi per cui il kanabo era così utile. Negava gran parte della protezione fornita dall'armatura e aveva la capacità di rendere qualcuno incapace di combattere anche con un'armatura che lo proteggeva dalle frecce. essenzialmente il kanabo usa l'armatura contro tu, usandolo per rompere le ossa con il kanabo come leva.

Fondamentalmente i giapponesi hanno escogitato il modo migliore per implementare armi che sfruttassero la forza dell'intera parte superiore del corpo, ma con una protezione che gli europei riuscivano a ottenere solo con uno scudo e un'arma a una mano. La mia convinzione personale è che ciò fosse dovuto al fatto che l'ethos e l'addestramento del guerriero erano molto più sviluppati in Giappone e i guerrieri erano abbastanza abili da utilizzare la flessibilità, mentre i cavalieri europei erano meno concentrati sull'addestramento marziale, almeno nella stessa misura. Era più importante essere ricchi e devoti che abili nel combattimento, e uno scudo può essere usato con pochissimo addestramento.


4 Le armi


Come soldati, i samurai impiegavano una serie di armi diverse. Originariamente portavano una spada chiamata "ldquochokuto", che era essenzialmente una versione più sottile e più piccola delle spade dritte successivamente utilizzate dai cavalieri medievali.

Con il progredire delle tecniche di fabbricazione delle spade, i samurai passarono alle spade ricurve, che alla fine si evolsero nella katana. La katana è forse il tipo di spada più famoso al mondo e sicuramente la più iconica di tutte le armi dei samurai. Bushido (il codice dei samurai) dettava che l'anima di un samurai fosse nella sua katana, il che la rendeva l'arma più importante che portava. Le katane venivano solitamente portate con una lama più piccola in un paio chiamato "ldquodaisho", che era uno status symbol usato esclusivamente dalla classe dei samurai.

Mentre alcuni samurai combattevano davvero con nient'altro che la loro katana, la maggior parte ha adottato un approccio più pratico. Le spade erano tutt'altro che l'unica arma che avevano a loro disposizione. Usavano comunemente lo yumi, un arco lungo con cui praticavano religiosamente. Le lance divennero importanti poiché il coraggio personale sul campo di battaglia fu infine sostituito da una pianificazione e una tattica meticolose. Quando la polvere da sparo fu introdotta nel XVI secolo, i samurai abbandonarono i loro archi a favore di armi da fuoco e cannoni. La loro arma preferita per le lunghe distanze era il tanegashima, un fucile a pietra focaia che divenne popolare tra i samurai dell'era Edo e i loro lacchè. Erano comunemente impiegati anche cannoni e altre armi a polvere da sparo.


Gunbai: antica guerra giapponese


Dato che ho ricevuto alcune richieste su questa particolare arma, ho deciso di scrivere un articolo dettagliato su questa iconica mazza.

Il Kanabou ( ? ) o Tetsubù ( ? ) , meglio conosciuto come Kanasaibou (?) in giapponese, è un'arma a percussione progettata per contro-armatura .
Il nome tradotto significa "bastone di metallo o di ferro".
Per semplicità in questo blog non prenderò in considerazione armi simili come la aribo o kanemuchi come diversi poiché sono essenzialmente anche Kanabou.

Ho già parlato del perché e quando le armi a percussione giapponesi hanno iniziato a essere sottovalutate nel mio precedente articolo su asce da guerra quindi non spenderò più righe a parlarne ma le mazze in Giappone erano conosciute e usate per tutto il periodo feudale, senza essere considerato"minore" o "disonorevole" utensili.

Il Kanabou è una mazza o fatta di legno duro come quercia o ferro forgiato, anche se quest'ultimo è più probabile che sia cavo o legno rivestito di ferro a causa di problemi di peso.
Di solito ha ferro da stiro punte, borchie o un superfici piane la sezione trasversale dell'albero è poligonale o arrotondato e potrebbe essere affusolato come una mazza da baseball. A volte entrambe le estremità erano rivestite di metallo, e in alcune varianti un pomo a forma di anello è montato all'estremità vicino al manico.

La lunghezza potrebbe variare molto, da versioni a una mano di 30 cm a a due mani quelli di 2 metri, ma la maggior parte sono nello spot di 1,50 metri, e in base alle dimensioni il peso è nel mezzo 50 grammi e 5 kg ma la maggior parte delle versioni a due mani sono vicine al posto da 2 kg, lasciando i più pesanti alle "armi cerimoniali".
Contrariamente all'opinione popolare, quest'arma non lo è così pesante richiederebbe la stessa quantità di energia necessaria per impugnare un Nodachi o un Nagamaki, due armi lunghe e pesanti.

La prima menzione di quest'arma si trova all'interno del Taiheiki ( ? ) nel XIV secolo non è un caso che durante questo periodo armi pesanti specializzate cominciato ad apparire.

Nel XIV secolo, l'armatura giapponese vide alcune innovazioni peculiari che molti studiosi ancora oggi non considerano quanto dovrebbero: sebbene non così rivoluzionarie come quelle del XVI secolo, durante il periodo Nanbokucho (1336-1392) la Dou Maru iniziò ad essere la principale forma di armatura, nuovi modelli di caschi sono stati creati per enfatizzare la protezione della parte superiore della spalla, il Osode da in piedi lo scudo anti-freccia è diventato spallacci adeguati, gli Haidate e i Kote sono stati ulteriormente sviluppati, abbiamo l'introduzione dei Kogake, dei sabati giapponesi e non da ultimo un uso estensivo della posta per coprire le lacune dell'armatura.

Un Kanabou era una soluzione diretta per circonvallazione tutta la quantità di copertura con cui un guerriero aveva trauma da corpo contundente. Questo tipo di arma è simile al cinese Lang Ya Bang o all'europeo buongiorno (ma senza un picco superiore).
Nel folklore giapponese, il Oni sono spesso raffigurati usando quest'arma, e secondo la tradizione è una delle sette armi del famoso monaco guerriero Saito Musashibou Benkei (武蔵坊弁慶).



Forma e utilizzo

Piace asce da battaglia , e mazze in tutto il mondo, non ci sono manuali dettagliati che descrivano l'uso del Kanabou.
Secondo la sua forma e variazione, bojutsu (le tecniche del bastone ferrato giapponese), kenjutsu (tecniche di spada) o juttejustu (tecniche del bastone) potrebbero essere applicate e questo potrebbe essere il motivo per cui non si sono sviluppate scuole specifiche attorno a questa particolare arma.
Le versioni più lunghe sono state utilizzate anche da a cavallo colpire o colpire.
Si dice che quest'arma fosse usata anche per spezzare le gambe dei cavalli da guerra, ma è difficile stabilire se ciò sia stato effettivamente fatto o meno.
Come ho detto prima, il Kanabou non lo è massicciamente pesante, ma è ancora abbastanza pesante e richiedeva forza, equilibrio e allenamento per essere usati in modo efficace.



A differenza di una mazza classica, il peso è in genere non focalizzato in una piccola area (anche se alcune varianti hanno questa proprietà) ma è diffuso in tutta la "zona appuntita" tuttavia il centro delle percussioni è lontano dal manico, il che significa che il Kanabou è ancora alto pesante: può colpire forte, ma risulta pesante nel maneggio e quindi non è veloce nel reindirizzarlo o riprendersi dopo un colpo.

Avere un'area più ampia di punte offre entrambe le cose vantaggi e svantaggi in termini di danno se tutta la forza è concentrata in una piccola area, il danno sarebbe più alto e questo è il caso di una mazza classica.
Tuttavia, avendo a area più ampia aumentare il "zona di battuta" dell'arma: a differenza di una normale mazza, puoi comunque infliggere molti danni anche se "overshoot" (= colpendo con il manico anziché con la testa della mazza) il tuo avversario.
Oltre a ciò il Kanabo, essendo a due mani e generalmente più pesante delle altre mazze, potrebbe comunque generare il stessa quantità di energia (se non di più) in un colpo solo.

Sebbene quest'arma, a causa del peso e dell'equilibrio, manchi delle proprietà difensive delle spade, ed è solitamente più corta di una lancia, può rompere le guardie/posizioni e le armi nemiche. Con i primi problemi in mente, il Kanabo è stato creato per essere utilizzato in combinazione con armatura pesante.
Il famoso portatore di queste armi era Akiyama Mitsumasa ( ? ) e Shinozuka Shigehiro (?) nel XIV secolo, Kojima Yatarou ( 小島 弥太郎 ) e Mogami Yoshiaki ( ? ) nel XVI secolo.

Per avere un articolo a tutto tondo sull'arma ho deciso di fare alcuni schizzi delle diverse varianti seguite da alcuni commenti Sicuramente non sono un artista ma penso che questi disegni potrebbero essere utili. Si prega di considerare che data la quantità di caratteristiche (dimensioni, conicità, sezione trasversale, tipi di punte/nodi ecc.) le combinazioni possibili potrebbero essere infinite.

Versioni a una mano:



Queste versioni con una mano sono anche chiamate ararebo partendo da sinistra verso destra, la prima è interamente in ferro, ha sezione esagonale e due file di borchie lungo i "bordi".

Il secondo è molto simile a una mazza da trincea della prima guerra mondiale, è arrotondato e ha due cappucci di ferro alle estremità, borchie di ferro sull'estremità superiore, mentre è anche rastremato lungo il manico.

L'ultimo che è abbastanza famoso , è più simile a una mazza classica: è arrotondata nella sezione trasversale e la maggior parte del peso e tutte le punte sono concentrate in un'area più piccola, il che significa che potrebbero concentrare più forza in un punto.

Sebbene abbastanza pratico nel senso che queste mazze può essere portato in giro, sono sprovvisti il potere e la portata delle versioni a due mani, e anche se sono più veloci, non sono mai state più popolari di quelle più lunghe.

Versioni a due mani:



Ripartendo da sinistra verso destra, queste sono alcune delle varianti delle versioni a due mani.
Il primo è un semplice albero esagonale in ferro pieno, che potrebbe anche essere chiamato kanemuchi o aribo a causa della mancanza di rastremazione o borchie.

Il secondo è rastremato verso il manico in legno, è esagonale e presenta una "testa" in ferro rinforzata in tre diverse zone con ulteriori fasce in ferro.

Anche il terzo è in realtà piuttosto famoso poiché si trova all'interno di un ukiyo-e è essenzialmente un Kanabou ottagonale, senza rastremazione e con borchie lisce verso l'estremità, rinforzata da una fascia di metallo laccato.

L'ultimo è probabilmente uno dei più interessanti come il precedente ararebo, il peso dell'arma è tutto concentrato verso la fine, in quella spessa sfera, rendendo questa variazione un come una mazza classica, mentre il manico è avvolto negli indumenti. Si trova all'interno del cartiglio originale del XIV secolo Jiuunirui-emaki ( )

Queste ultime versioni potrebbero essere classificate come quelle "più pesanti".

Il primo a sinistra è in realtà una forma molto classica associata al kanabo è di sezione ottagonale e presenta borchie all'estremità superiore, mentre il manico si assottiglia verso il basso.

Il secondo è tondeggiante, ha borchie molto lunghe e pronunciate e un grosso pomo sull'impugnatura per controbilanciare l'arma. È anche affusolato.

Il terzo è probabilmente uno dei più efficaci in termini di danno l'estremità superiore è racchiusa in ferro, è di sezione poligonale e ha punte quadrate molto lunghe e brutte che potrebbero ferire gravemente l'avversario, ed è probabilmente una delle più lunghe esempio.

Anche il Kanabou finale è piuttosto famoso, con il suo manico "globulare" che si assottiglia verso il basso. È piuttosto massiccio ed è fatto di legno duro, con punte e una sezione trasversale ottagonale.

Una nota interessante è il confronto tra punte e borchie potresti già notare che c'erano diverse configurazioni della stessa arma, da superfici piane a punte appropriate.
Sebbene la superficie piana possa sembrare "innocua", è giusto dire che la maggior parte dei Kanabou senza punte sono poligonali e che i bordi da soli potrebbero ancora infliggere danni attraverso l'armatura, per non parlare del fatto che essere battuti da una pesante barra di ferro è già un esperienza spiacevole.

Tornando al tema, è abbastanza ovvio che le punte sono più pericolose dal momento che potrebbero direttamente forare armatura nemica, e in realtà anche questo è un problema: l'arma potrebbe finire per essere presa bloccato nel corpo del nemico lasciando il possessore disarmato.
D'altra parte, uno stallone deformare (o mordere) piuttosto che perforare l'armatura, così è meno probabilità di rimanere bloccati in esso, e se le borchie sono piuttosto semplici, l'utente potrebbe comunque afferrare in sicurezza l'asta per eseguire tecniche di bojutsu che sono ugualmente utile (se non di più) che perforare le difese del nemico in un contesto di combattimento corazzato.

Il Nyoubou ( ?) e il Dou Tsuki ( ? )

Due varianti interessanti della mazza giapponese sono le Nyoubou e il Dou tsuki il primo è in realtà uno strumento di allenamento utilizzato per aumentare la forza del braccio ed è ancora usato oggi in alcuni dojo. La sua forma è la stessa di quella di an Kanabou oversize, e non è mai stato pensato per essere usato sul campo di battaglia.

Proprio come le asce da guerra, il Kanabou (e tutte le sue numerose varianti) non furono mai ampiamente utilizzate sui campi di battaglia sebbene fossero abbastanza semplice fare e estremamente efficace contro i nemici corazzati, richiedevano di essere usati da uomini corazzati forti e addestrati, non possono essere usati correttamente all'interno di formazioni e mancano della portata di una lancia.

Spero che questo articolo ti sia piaciuto! Se hai domande, non esitare a scrivere un commento qui sotto e non esitare a condividerlo!


Fuori da questo secolo

In varie culture marziali di tutto il mondo, la spada è tenuta nella massima stima: è un'arma che ha trasceso il suo ruolo originale di strumento di guerra, ed è quindi vista anche come un simbolo di potere, giustizia e così via . Come scrisse una volta il grande spadaccino europeo Sir Richard Francis Burton, "La storia della spada è la storia dell'umanità".

Detto questo, l'aura di romanticismo che circonda la spada ha fatto molto per offuscare il fatto che ci siano, in effetti, altre armi da taglio che sono molto più formidabili. Tra le numerose armi a mano che i combattenti hanno sviluppato nel corso dei secoli, la semplice lancia è forse la più grande e la più incompresa.

I giapponesi hanno sempre avuto una cultura marziale molto forte e non hanno ignorato lo sviluppo della lancia. Le prime lance giapponesi erano del hoko tipo, realizzato con una presa di metallo in cui si adattava l'asta di legno, proprio come le lance dell'Asia continentale e dell'Europa. Secondo Donn F. Draeger nel suo testo classico Arti di combattimento asiatiche complete, l'hoko rimase in uso dal c. 200 a.C./B.E.V., fino al tardo periodo Heian o all'inizio del periodo Kamakura (ca. fine XII secolo d.C./E.V.). Quindi, i giapponesi hanno sviluppato il loro distintivo yari, che presentava una punta di lancia con un codolo molto lungo, che era inserito in una porzione scavata nell'asta dell'arma.

Da un punto di vista puramente combattivo, il grande vantaggio della lancia era ovviamente la sua portata superiore. Per uno spadaccino, affrontare un lanciere è una prospettiva scoraggiante. Il protetto di Draeger, Hunter B. Armstrong, ha commentato questo nel suo eccellente articolo, “Owari Kan Ryu Sojutsu–Classical Japanese Spear Arts”, apparso nel numero di febbraio 1998 di Arti marziali esotiche nel mondo. Armstrong ha giustamente notato che “era la lancia che dominava il campo di battaglia,” e, “In un combattimento uno contro uno tra un lanciere e uno spadaccino, la spada aveva poche possibilità.”

I praticanti di altre culture marziali hanno notato questo truismo. Nel suo Paradossi della difesa dal 1599, il grande spadaccino inglese George Silver scrisse che, “Il bastone corto (bastone ferrato) o la mezza picca (lancia) hanno un vantaggio contro la spada a due mani, la spada e il bersaglio (scudo rotondo), e sono troppo duri per due spade e pugnali…” In altre parole, un lanciere potrebbe ingaggiare e sconfiggere in sicurezza due uomini armati di spada e pugnale, affrontandolo contemporaneamente.

La grande difficoltà per lo spadaccino nell'affrontare un lanciere sta nel fatto che il lanciere può effettuare quelle che oggi vengono generalmente chiamate “slip-thrusts”–, ovvero un affondo dato con la mano posteriore, dove l'asta della lancia scorre attraverso la presa allentata della mano in avanti (simile all'uso di un bastone da piscina). L'uso di spinte scivolose rende estremamente difficile per lo spadaccino giudicare il ma-ai (distanza di ingaggio combattiva, ciò che gli spadaccini occidentali chiamano “misura di scherma”). Il lanciere può così fare finte alte e basse, verso l'esterno e verso l'interno, ed è egli stesso al sicuro dai contrattacchi, poiché lo spadaccino non può raggiungerlo immediatamente.

I giapponesi portarono il concetto di slip-thrust e la tecnica dell'amplificatore al suo massimo estremo, facendo talvolta uso di un piccolo tubo di metallo (kuda), che si adatta intorno all'asta della lancia, ed è tenuto dalla mano anteriore del lanciere. Con il kuda, le spinte di scorrimento possono essere effettuate con velocità ancora maggiore, grazie al ridotto attrito. Kan Ryu sojutsu–che fa uso di a yari quasi 12 piedi di lunghezza–contiene l'uso del kuda.

Un altro vantaggio del yari–una cosa che non è presente su tutte le lance in tutto il mondo–è il fatto che ha anche taglienti funzionali. Yari le teste sono tipicamente di una robusta sezione trasversale triangolare e hanno due bordi. Il lanciere può quindi effettuare tagli ampi su varie parti del corpo dell'avversario, oltre alle spinte.

Yari erano disponibili con una varietà di punte di lancia. Oltre alla testa convenzionale sopra descritta, c'erano alcuni yari che presentava una traversa chiamata a addio, alla base della testa (simile alla traversa o alla ginocchiera vista sulle lance dei cinghiali europei), che poteva essere usata per parare e intrappolare. Inoltre, c'erano yari con teste più elaborate, come il magari-yari (noto anche come jumonji yari), con lame laterali più o meno perpendicolari alla lama principale. Queste lame laterali apparentemente potrebbero funzionare come un hadome, ma erano anche affilati, dando al lanciere più opzioni di taglio. Durante il XVI secolo, quando l'archibugio portoghese (un tipo di moschetto a miccia) entrò nell'arsenale giapponese, il nagae-yari o si sviluppò una lunga lancia, che, a circa 16 piedi o più di lunghezza, era simile al luccio europeo. Il nagae-yari è stato utilizzato dal ashigaru (lett. “piedi leggeri”), i fanti di ceppo contadino che servivano come picchieri e archibugieri. Questi fanti organizzati rappresentavano un parallelo giapponese degli svizzeri di base reislaufer e tedesco landsknechte–soldati di basso rango che potrebbero usare la portata della picca e la portata ancora maggiore dell'archibugio, per abbattere i loro superiori sociali (rispettivamente samurai e cavalieri).

Un'arma devastante come il yari era naturalmente destinato a produrre la sua quota di utenti leggendari. L'autore Anthony Bryant, nel suo libro Osprey, Samurai 1550-1600, ha osservato il grande Watanabe Hanzo, che era uno dei servitori di Tokugawa Ieyasu. Era così abile nel combattimento con la lancia che alla fine ottenne il soprannome di “Yari no Hanzo” (letteralmente, “Hanzo della lancia”). Un altro famoso lanciere fu Kato Kiyomasa, uno dei comandanti dell'esercito di Hideyoshi che invase la Corea nel 1592. Durante le pause dei combattimenti, Kiyomasa era noto per cacciare le tigri, usando solo una lancia. Questo era ancora un altro esempio di combattenti professionisti che cacciavano e/o combattevano selvaggina grossa e pericolosa usando le lance, in aggiunta al loro addestramento militare. I nordeuropei cacciavano spesso i cinghiali con le lance e i cavalieri spagnoli si impegnavano nella corrida con spade e lance. Sebbene tali pratiche possano sembrare ripugnanti alla mente moderna, richiedono comunque una notevole abilità e un grande coraggio.

Anche dopo la scomparsa dei bushi feudali a metà del XIX secolo d.C./E.V., la tecnica della lancia non morì. Proprio come la tecnica europea del luccio e del mezzo luccio è sopravvissuta nell'uso della baionetta, così ha fatto il giapponese sojutsu contribuire a juken-jutsu. E così la lancia - una delle prime armi dell'uomo - rifiuta tenacemente di essere dimenticata. Sebbene manchi della mistica popolare della spada, la sua assoluta efficacia e praticità non possono essere negate.

Arti di combattimento asiatiche complete di Donn F. Draeger e Robert W. Smith

Bujutsu classico–Le arti marziali e le vie del Giappone Vol. Uno di Donn F. Draeger

Samurai 1550-1600 di Anthony Bryant (Osprey Warrior Series 7)

Guerra dei Samurai dal dottor Stephen Turnbull

Samurai–Le armi e lo spirito dei giapponesi guerriero di Clive Sinclair

“Owari Kan Ryu Sojutsu–Arti di lancia giapponesi classiche”, di Hunter B. Armstrong (dal numero di febbraio 1998 di Arti marziali esotiche nel mondo)


Guarda il video: Mampu Menembus Baju Besi. Inilah Pedang Terkuat Dan Legendaris Sepanjang Sejarah. (Potrebbe 2022).