Podcast di storia

Irving Kaufman

Irving Kaufman


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Irving Kaufman è nato in una famiglia ebrea a Brooklyn, New York City, il 24 giugno 1910. Si è laureato alla Fordham Law School nel 1931. Ha lavorato come avvocato in uno studio privato prima di diventare assistente procuratore degli Stati Uniti.

Nel 1949 il presidente Harry S. Truman nominò Kaufman giudice della Corte distrettuale degli Stati Uniti per il distretto meridionale di New York. Kaufman ha sviluppato una reputazione come un forte anticomunista e gli è stato dato il caso di Abraham Brothman e Miriam Moskowitz che ha avuto luogo nel novembre 1950.

Brothman e Moskowitz furono accusati, non di spionaggio, ma di aver cospirato con Harry Gold per impedire un'indagine del gran giurì federale nel 1947. Sebbene il Dipartimento di Giustizia fosse consapevole che Brothman era solo un agente minore, lo considerarono un'importante prova generale per l'imminente processo a Julius Rosenberg, Ethel Rosenberg e Morton Sobell. (1) Irving Saypol ha detto alla giuria che la maggior parte del processo è stata dedicata alla "prova di attività nell'interesse del governo russo, di appartenenza e affiliazione e di attività connesse con... il Partito Comunista". (2)

Durante il processo l'avvocato di Brothman ha spiegato che aveva distribuito progetti non classificati come un modo per tamburellare affari. (3) I progetti, che erano suoi, a volte venivano restituiti ea volte no. Elizabeth Bentley è stata uno dei testimoni più importanti contro Brothman. Insistette sul fatto che Brothman fosse un membro segreto del Partito Comunista degli Stati Uniti e che riscuotesse la sua quota. Bentley ha testimoniato: "Di solito prima mangiavamo qualcosa. Quando era abbastanza tardi e poi durante il pasto spiegavo l'ultima politica e le teorie del Partito Comunista al signor Brothman o lui parlava un po' di se stesso, e poi dopo mi dava i progetti e a volte mi dettava una spiegazione tecnica molto complicata di cosa fossero i progetti." (4) Bentley ha anche affermato che Brothman le ha detto che "aveva accesso ai progetti per quello che ha definito un bollitore da realizzare per l'arsenale degli Stati Uniti a Edgewood, nel Maryland. Ha detto che Jacob Golos le ha detto che i sovietici "sarebbero molto molto interessato a ottenere quel particolare progetto." (5)

Harry Gold ha anche testimoniato contro Brothman. Sostenne che il suo primo incontro avvenne il 29 settembre 1941. Al secondo incontro, Gold disse a Brothman quali informazioni industriali erano desiderate dall'Unione Sovietica e chiese anche "tutte le informazioni che Abe avrebbe potuto trovare a sua disposizione riguardo a questioni di carattere militare". interesse." Gold ha affermato che al loro quarto incontro gli ha dato un "progetto di un pezzo di attrezzatura chimica noto come esterificatore". Irving Saypol gli ha chiesto cosa ha fatto con questo progetto e lui ha risposto che l'ha dato a Semyon Semyonov. Gold ha anche detto alla corte che Brothman gli ha detto di aver dato a Golos e Bentley "piani riguardanti benzina ad alto numero di ottani, un motore a turbina per aerei e un primo modello della jeep". (6)

Gold ha ammesso di essere andato a lavorare come capo chimico per Abraham Brothman nel maggio 1946. Gli è stata promessa la possibilità di diventare un partner. Tuttavia, la società non era redditizia. Gold ha commentato: "Quando non c'erano soldi, ero un partner. Quando c'erano soldi, diventavo un dipendente". Gold ha affermato che gli era dovuto $ 4.000 di stipendio arretrato quando ha lasciato l'azienda. Alla fine Gold fu licenziato e Brothman cambiò le serrature per tenerlo fuori.

Walter Schneir e Miriam Schneir, gli autori di Invito a un'inchiesta (1983) ha sottolineato: "L'imputata dimenticata al processo era la signorina Moskowitz. L'accusa formale contro di lei, di aver cospirato per ostacolare la giustizia, non ha fornito dettagli - non è stata nominata in nessuno degli atti palesi dell'atto d'accusa. L'unico testimone contro lei, Harry Gold, la menzionava solo di rado e in termini così obliqui che era impossibile giudicare se avesse partecipato consapevolmente alla presunta cospirazione.Gold ha testimoniato che la signorina Moskowitz era stata presente ad alcune delle cene e ad altri incontri a cui lui e Brothman hanno discusso delle loro interviste all'FBI e delle apparizioni del gran giurì e hanno indicato che aveva dato loro la sua approvazione e incoraggiamento, ma non ha detto quasi nulla di ciò che aveva detto." Durante la sua testimonianza è emerso che a Gold non piaceva Moskowitz. Ha affermato che lei lo trattava male e senza sufficiente dignità ed era "scortese" e che l'aveva "trovata con un carattere violento" e "l'ha evitata". (7)

Abraham Brothman e Miriam Moskowitz non hanno testimoniato per conto proprio. Moskowitz ha sostenuto che la ragione di ciò era che non volevano esporre il fatto che avevano una relazione. "Lui era sposato. Non avevo il diritto di farlo. E sono stato sopraffatto, immagino, dall'umiliazione per il fatto che non mi fossi mai permesso di entrare in questo. (8) La giuria non è stata colpita da questa decisione e dopo aver deliberato per tre ore e cinquanta minuti, la giuria ha dichiarato colpevoli entrambi gli imputati.

Il giudice Irving Kaufman ha espresso "rammarico che la legge in base alla quale questi imputati devono essere condannati sia così limitata e così ristretta che posso solo emettere la sentenza che sto per emettere, poiché considero il loro reato in questo caso così grave grandezza. Non ho simpatia o pietà per questi imputati nel mio cuore, niente affatto." Ha condannato entrambi al termine massimo consentito dalla legge: Brothman, sette anni e una multa di $ 15.000; Miss Moskowitz, due anni e una multa di 10.000 dollari. (9)

Alexander Feklissov, un diplomatico sovietico che lavorava come agente dell'intelligence a New York in seguito sostenne: "Il 29 luglio sarebbe stato il turno dell'ex datore di lavoro di Harry Gold, Abraham Brothman, insieme a Miriam Moskowitz, sua associata e amante, di andare dietro le sbarre. Nessuno dei due aveva nulla a che fare con lo spionaggio atomico e nemmeno con la rete Rosenberg. Brothman, nome in codice Konstruktor e successivamente Esperto, aveva lavorato per l'INO ma aveva fornito solo i risultati delle sue ricerche, che non avevano valore militare... Quanto a Miriam Moskowitz, pur conoscendo le attività segrete del suo amante, non vi aveva preso parte." (10 )

Il suo caso più famoso riguardava il processo a Julius Rosenberg, Ethel Rosenberg e Morton Sobell iniziato il 6 marzo 1951. Irving Saypol aprì il caso: "Le prove dimostreranno che la lealtà e l'alleanza dei Rosenberg e Sobell non erano per il nostro paese, ma che era per il comunismo, il comunismo in questo paese e il comunismo in tutto il mondo... Sobell e Julius Rosenberg, compagni di classe insieme al college, si dedicarono alla causa del comunismo... questo amore per il comunismo e l'Unione Sovietica li portò presto a un anello di spionaggio sovietico... Ascolterete i nostri Julius, Ethel Rosenberg e Sobell entrare in progetti e installazioni in tempo di guerra del governo degli Stati Uniti... per ottenere... informazioni segrete... e accelerarne il viaggio verso la Russia. ... Dimostreremo che i Rosenberg hanno ideato e messo in atto, con l'aiuto di... agenti sovietici nel paese, un elaborato schema che ha permesso loro di rubare attraverso David Greenglass quest'unica arma, che potrebbe benissimo contenere la chiave alla sopravvivenza di questa nazione e significa la pace del mondo, la bomba atomica". (11)

Il giudice Kaufman è stato criticato per aver permesso a Saypol di interrogare i Rosenberg sulle loro opinioni sulla politica e sui giornali che leggono. Alexander Feklissov, l'autore di L'uomo dietro i Rosenberg (1999) ha sostenuto: "Il giudice Kaufman e il pubblico ministero Saypol hanno insistito per interrogare i Rosenberg sul loro atteggiamento nei confronti del comunismo, sulla loro appartenenza al partito e sul fatto che leggono giornali comunisti come Il lavoratore quotidiano. Questo era il vero scopo di questa parodia della giustizia: dimostrare che gli ideali comunisti equivalevano a tradimento del proprio paese!" (12) Rosenberg reagì invocando il quinto emendamento e si rifiutò di rispondere alle domande sulla sua possibile appartenenza al Partito Comunista del Stati Uniti (13)

Nella sua sintesi, il giudice Irving Kaufman è stato considerato da molti come altamente soggettivo: "Il giudice Kaufman ha collegato i crimini di cui erano accusati i Rosenberg alle loro idee e al fatto che erano simpatizzanti dell'Unione Sovietica. Ha affermato di aver dato la bomba atomica ai russi, che aveva scatenato l'aggressione comunista in Corea provocando oltre 50.000 vittime americane. Aggiungeva che, a causa del loro tradimento, l'Unione Sovietica stava minacciando l'America con un attacco atomico e questo rendeva necessario che gli Stati Uniti spendere enormi quantità di denaro per costruire rifugi antiaerei sotterranei". (14)

La giuria ha dichiarato colpevoli tutti e tre gli imputati. Ringraziando i giurati, il giudice Kaufman, ha detto loro: "La mia opinione è che il vostro verdetto sia un verdetto corretto... Il pensiero che i cittadini del nostro paese si presterebbero alla distruzione del proprio paese con le armi più distruttive che l'uomo conosca è così scioccante che non riesco a trovare le parole per descrivere questo disgustoso reato". (15) Il giudice Kaufman ha condannato Julius ed Ethel Rosenberg alla pena di morte e Morton Sobell a trenta anni di carcere.

David Caute, l'autore di La Grande Paura (1978) ha sottolineato: "La giuria di Rosenberg ha ritenuto Julius ed Ethel colpevoli di cospirazione per commettere spionaggio, ma non ha formulato alcuna raccomandazione in merito alla sentenza. L'onere era del solo giudice Irving R. Kaufman. Sebbene lo spionaggio durante la guerra fosse un crimine punibile, sotto l'Espionage Act del 1917, nessun tribunale americano aveva mai condannato a morte un civile per un crimine del genere, e i Rosenberg, dopotutto, furono accusati di aver passato informazioni a un alleato. Tuttavia, il giudice Kaufman, chiaramente indottrinato da la xenofobia paranoica del tempo, li trattava come se avessero commesso tradimento, il che significa fare la guerra o dare aiuto a un nemico in guerra con gli Stati Uniti". (16)

Un gran numero di persone è rimasto scioccato dalla gravità della pena poiché non era stato riconosciuto colpevole di tradimento. In effetti, erano stati processati in base ai termini dell'Espionage Act che era stato approvato nel 1917 per affrontare il movimento americano contro la guerra. Secondo i termini di questo atto, era un crimine passare segreti al nemico mentre questi segreti erano andati a un alleato, l'Unione Sovietica. Durante la seconda guerra mondiale diversi cittadini americani furono condannati per aver passato informazioni alla Germania nazista. Eppure nessuna di queste persone è stata giustiziata.

J. Edgar Hoover è stato uno di coloro che si sono opposti alla sentenza. Come Curt Gentry, l'autore di J. Edgar Hoover, L'uomo e i segreti (1991) ha sottolineato: "Mentre pensava che gli argomenti contro l'esecuzione di una donna non fossero altro che sentimentalismo, era la 'reazione psicologica' del pubblico all'esecuzione di una moglie e una madre e di lasciare orfani due bambini piccoli che temeva di più. Il contraccolpo, ha predetto, sarebbe stata una valanga di critiche avverse, che si sarebbero riflesse negativamente sull'FBI, sul Dipartimento di Giustizia e sull'intero governo". (17)

Tuttavia, la stragrande maggioranza dei giornali negli Stati Uniti ha sostenuto la condanna a morte dei Rosenberg. Solo il Lavoratore quotidiano, il giornale del Partito Comunista degli Stati Uniti, e il Ebraico Daily Forward ha preso una posizione forte contro la decisione. (18) Julius Rosenberg scrisse a Ethel che era "stupito" dalla "campagna giornalistica organizzata contro di noi". Tuttavia, ha insistito sul fatto che "non ci presteremo mai agli strumenti per coinvolgere persone innocenti, per confessare crimini che non abbiamo mai commesso e per aiutare ad alimentare le fiamme dell'isteria e aiutare la crescente caccia alle streghe". (19) In un'altra lettera, cinque giorni dopo, sottolineò che era "davvero una tragedia come i signori della stampa possano plasmare l'opinione pubblica stampando... palesi falsità". (20)

Nel dicembre 1952 i Rosenberg fecero appello contro la loro sentenza. Myles Lane, per l'accusa ha sostenuto: "Secondo me, Vostro Onore, questo e questo solo spiegano la posizione presa dai russi in Corea, che... ha causato morte e lesioni a migliaia di ragazzi americani e indicibili sofferenze a innumerevoli altri , e sostengo che queste morti e questa sofferenza, e il resto dello stato del mondo, debbano essere attribuiti al fatto che i sovietici hanno la bomba atomica, e poiché ce l'hanno... i Rosenberg hanno dato un enorme contributo a questo causa spregevole. Se loro (i Rosenberg) volessero collaborare... ciò porterebbe all'individuazione di un numero qualsiasi di persone che, secondo me, stanno oggi facendo tutto il possibile per ottenere informazioni aggiuntive per l'Unione Sovietica... questo non è il momento per una corte di essere morbida con spie spietate... Non hanno mostrato pentimento; sono rimasti saldi nella loro insistenza sulla loro innocenza". (21)

Il giudice Irving Kaufman ha acconsentito e ha risposto con la sentenza: "Sono di nuovo costretto a concludere che la colpevolezza degli imputati... è stata accertata al di là di ogni dubbio... del fatto che gli Stati Uniti avevano l'unica arma che gli conferiva superiorità militare e che, a qualsiasi prezzo, dovevano strappare quella superiorità agli Stati Uniti rubando le informazioni segrete su quell'arma... Nessuno dei due imputati ha ritenuto opportuno seguono il corso di David Greenglass e Harry Gold.Le loro labbra sono rimaste sigillate e preferiscono la gloria che credono sarà loro dal martirio che sarà loro concesso da coloro che li hanno arruolati in questa diabolica congiura (e che, infatti, desiderare loro di rimanere in silenzio)... Sento ancora che il loro crimine è stato peggiore dell'omicidio... La domanda è respinta." (22)

Julius Rosenberg ed Ethel Rosenberg rimasero nel braccio della morte per ventisei mesi. Due settimane prima della data prevista per la loro morte, i Rosenberg ricevettero la visita di James V. Bennett, il direttore del Federal Bureau of Prisons. Dopo l'incontro hanno rilasciato una dichiarazione: "Ieri ci è stato offerto un accordo dal Procuratore Generale degli Stati Uniti. Ci è stato detto che se avessimo collaborato con il governo, le nostre vite sarebbero state risparmiate. Chiedendoci di ripudiare la verità di la nostra innocenza, il governo ammette i propri dubbi sulla nostra colpevolezza. Non aiuteremo a purificare il fallo di una condanna fraudolenta e di una sentenza barbara. Dichiariamo solennemente, ora e per sempre, che non saremo costretti, anche sotto pena della morte, di testimoniare il falso e di cedere alla tirannia i nostri diritti di liberi americani. Il nostro rispetto per la verità, la coscienza e la dignità umana non è in vendita. La giustizia non è un gingillo da vendere al miglior offerente. Se veniamo giustiziati sarà l'omicidio di persone innocenti e la vergogna ricadrà sul governo degli Stati Uniti". (23)

Il caso è andato davanti alla Corte Suprema. Tre dei giudici, William Douglas, Hugo Black e Felix Frankfurter, hanno votato per la sospensione dell'esecuzione perché hanno concordato con la rappresentanza legale che i Rosenberg erano stati processati secondo la legge sbagliata. È stato affermato che l'Espionage Act del 1917, in base al quale la coppia era stata incriminata e condannata, era stata sostituita dalle disposizioni sanzionatorie dell'Atomic Energy Act del 1946. Secondo quest'ultimo atto, la condanna a morte può essere inflitta solo quando una giuria lo raccomanda e il reato è stato commesso con l'intento di ferire gli Stati Uniti. Tuttavia, gli altri sei hanno votato per l'esecuzione.

I Rosenberg furono giustiziati il ​​19 giugno 1953. "Julius Rosenberg, trentacinque anni, andò incontro alla morte senza parole alle 20:06 Ethel Rosenberg, trentasette anni, entrò nella camera di esecuzione pochi minuti dopo che il corpo di suo marito era stato rimosso. Poco prima di sedersi sulla sedia, tese la mano a una matrona che l'accompagnava, attirò a sé l'altra donna e la baciò leggermente sulla guancia. Fu dichiarata morta alle 20:16". Secondo il New York Times i Rosenberg andarono incontro alla morte "con una compostezza che stupiva i testimoni". (24)

Nel 1961 il presidente John F. Kennedy ha promosso Kaufman a una posizione di appello presso la Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Secondo Circuito. Ha servito come giudice attivo del Secondo Circuito per i successivi 27 anni. Il 7 ottobre 1987 è stato insignito della Presidential Medal of Freedom dal presidente Ronald Reagan.

Irving Kaufman morì di cancro al pancreas il 1 febbraio 1992. Miriam Moskowitz afferma di aver partecipato al funerale e descrive se stessa lanciando una lunga maledizione silenziosa sulla sua bara: "Ti maledico per aver bramato il prestigio e per aver nutrito le tue oscene ambizioni a mie spese ... Signor Kaufman, mi guardi negli occhi e mi dica che ha fatto bene." (25)

In un'altra strana svolta, il giudice Kaufman e il pubblico ministero Saypol hanno insistito per interrogare i Rosenberg sul loro atteggiamento nei confronti del comunismo, sulla loro appartenenza al partito e sul fatto che leggono i giornali comunisti.
come The Daily Worker. Questo era il vero scopo di questa parodia della giustizia: dimostrare che gli ideali comunisti equivalevano a tradimento del proprio paese!

La giuria di Rosenberg ha ritenuto Julius ed Ethel colpevoli di cospirazione per commettere spionaggio, ma non ha formulato alcuna raccomandazione in merito alla sentenza. Tuttavia, il giudice Kaufman, chiaramente indottrinato dalla xenofobia paranoica dell'epoca, li trattava come se avessero commesso tradimento, il che significa fare la guerra o dare aiuto a un nemico in guerra con gli Stati Uniti.

Sono nuovamente costretto a concludere che la colpevolezza degli imputati... La domanda è respinta.

(1) Sidney Zion e Roy Cohn, L'autobiografia di Roy Cohn (1989) pagina 66

(2) Walter Schneir e Miriam Schneir, Invito a un'inchiesta (1983) pagina 92

(3) Ted Morgan, Rossi: maccartismo nell'America del ventesimo secolo (2003) pagina 282

(4) Elizabeth Bentley, testimonianza al processo di Abraham Brothman e Miriam Moskowitz (14 novembre 1950)

(5) Il New York Tribune (15 novembre 1950)

(6) Walter Schneir e Miriam Schneir, Invito a un'inchiesta (1983) pagina 97

(7) Walter Schneir e Miriam Schneir, Invito a un'inchiesta (1983) pagina 104

(8) Rebecca Mead, Il newyorkese (29 novembre 2010)

(9) Walter Schneir e Miriam Schneir, Invito a un'inchiesta (1983) pagina 105

(10) Aleksandr Feklissov, L'uomo dietro i Rosenberg (1999) pagina 252

(11) Irving Saypol, discorso in tribunale (6 marzo 1951)

(12) Aleksandr Feklissov, L'uomo dietro i Rosenberg (1999) pagina 264

(13) Walter Schneir e Miriam Schneir, Invito a un'inchiesta (1983) pagina 147

(14) Aleksandr Feklissov, L'uomo dietro i Rosenberg (1999) pagina 268-269

(15) Walter Schneir e Miriam Schneir, Invito a un'inchiesta (1983) pagina 153

(16) David Caute, La Grande Paura (1978) pagina 66

(17) Curt Gentry, J. Edgar Hoover, L'uomo e i segreti (1991) pagina 424

(18) Walter Schneir e Miriam Schneir, Invito a un'inchiesta (1983) pagina 176

(19) Julius Rosenberg, lettera a Ethel Rosenberg (7 dicembre 1952)

(20) Lettera di Julius Rosenberg a Ethel Rosenberg (12 dicembre 1952)

(21) Myles Lane, comparso davanti al giudice Irving Kaufman (30 dicembre 1952)

(22) Giudice Irving Kaufman, dichiarazione (2 gennaio 1953)

(23) Dichiarazione rilasciata da Julius e Ethel Rosenberg dopo la visita di James V. Bennett, Direttore dell'Ufficio federale delle prigioni (maggio 1953)

(24) Walter Schneir e Miriam Schneir, Invito a un'inchiesta (1983) pagina 253

(25) Rebecca Mead, Il newyorkese (29 novembre 2010)


STORIA DELLA MUSICA DI SIRACUSA - CAPITOLO 35 - IRVING KAUFMAN - IL PRIMO GRANDE REGISTRATORE DI SIRACUSA (Registrato dal 1914-1974)

Dopo la sua partenza dalla Avon Comedy Four, Kaufman ha lavorato nella produzione dei fratelli Shubert (nativi di Siracusa) di "The Passing Show of 1918". Ha lasciato lo spettacolo dopo la prematura scomparsa del fratello Phillip che è caduto vittima dell'epidemia di influenza. Phillip era la metà del gruppo di canto "The Kaufman Brothers" insieme all'altro fratello di Irving, Jack. Jack e Irving si unirono poi in un nuovo Kaufman Brothers nel 1919. Questa collaborazione durò fino al 1923.

Irving si riunì agli Shubert in "Passing Show of 1919" suonando al Winter Garden Theatre di Broadway. Nel settembre 1919, Irving, Jack insieme al leader della band Arthur Fields (The Kaufields) firmarono un contratto discografico di tre anni con la Emerson Records. Kaufman è apparso successivamente nelle Ziegfeld Follies del 1920, quindi è tornato sulla strada di Vaudeville con il circuito del Keith's Theatre nel 1921.

La straordinaria carriera discografica di Irving Kaufman è durata dal 1914 al 1974 (cilindri, 78 giri, 33 1/3 e 45 giri). In quei sessant'anni la sua voce è stata ascoltata su oltre venti etichette diverse (centinaia su registrazioni) come-Edison, Apex, Banner, Bennett, Bell, Cameo, Columbia, Conqueror, Diva, Diamond, Domino, Emerson, Gennett, Harmony, Okeh , Paramount, Perfect, Regal, Silvertone, Star, Sterling, Velvet Tone, Vocalion e Victor "His Masters Voice" registrano sotto dieci nomi diversi. I suoi nomi di trasmissione radiofonica includevano "Happy Jim" Parsons, "Lazy Dan" e Johnny Prentiss.

Questo straordinario pioniere della registrazione americana morì il 3 gennaio 1976 a Indio, in California, all'età di 85 anni.


Antologia: L'ultimo pioniere della registrazioneIrving Kaufman


Irving Kaufman, Anthology: The Last Recording Pioneer rappresenta l'incredibile arco di 60 anni di attività di Irving, a partire dalle sue prime registrazioni acustiche nel 1914 fino ai tagli finali realizzati nella sua casa nell'agosto 1974. Il libretto include diverse fotografie rare, alcune fornite dalla famiglia di Irving, e contiene note di copertina dettagliate di Kaufman l'esperto Ryan Barna, esaminando sia la vita professionale che quella personale di questo leggendario interprete. Prezzo di listino: $ 16,99

PANORAMICA

  • Numero di catalogo: ARCH 5504
  • UPC: 777215109469
  • Data di uscita originale: 6 dicembre 2005
  • Durata della corsa: 76:27 / 26 brani
  • Note e confezione: include un libretto di 24 pagine
  • Brani registrati: 1914-1974
  • In Archeophone’s Antologia serie
Prova tutte le tracce

Personaggio dimenticato da tempo e trascurato dell'industria dell'intrattenimento, Irving Kaufman è stato tra i cantanti più popolari, attivi e versatili nella storia della registrazione. Ha cantato su innumerevoli dischi fonografici e ha lavorato con leggende come Billy Murray, Al Jolson, Eddie Cantor, Sophie Tucker e, più tardi, Tiny Tim. La sua produzione registrata è durata più a lungo di qualsiasi altro artista, dal 1914 al 1974.

Questo CD rappresenta l'incredibile arco di 60 anni di attività di Irving, a partire dalle sue prime registrazioni acustiche nel 1914 fino ai tagli finali realizzati nella sua casa nell'agosto 1974. Il libretto include diverse fotografie rare, alcune fornite dalla famiglia di Irving, e contiene dettagli note di copertina dell'esperto di Kaufman Ryan Barna, che esamina sia la vita professionale che quella personale di questo artista leggendario.

Credenziali solide dell'era acustica

La maggior parte delle persone che ricordano Kaufman lo conoscono dalle sue apparizioni come cantante ospite in dischi di danza e jazz dalla fine degli anni '20 fino agli anni '40. Ma la carriera di Irving risale al 1914, quando fece i suoi primi dischi per il nuovo formato cilindri di Edison, il Blue Amberol. Il primissimo disco di Kaufman è stato "I Love the Ladies",” e nel giro di un anno ha anche realizzato grandi successi per Victor con "Underneath the Japanese Moon" (dalle Ziegfeld Follies del 1914) e “They Non esitare più.” Nel 1916, Irving contribuì a inaugurare l'era del jazz per la Columbia con “Mr. Jazz stesso,” e in poco tempo, è apparso praticamente su tutte le etichette esistenti.

Partner famosi

Come nuovo artista, Irving ha ricevuto una grande spinta dall'essere in coppia con il vecchio professionista Billy Murray in “Are You from Dixie? (‘Cause I’m from Dixie Too).” Allo stesso tempo ha fatto coppia con il famoso duo di vaudeville di Smith e Dale nel nuovo Avon Comedy Four. Hanno incerato diversi classici a metà degli anni '10, come il veicolo Jolson, "Sei una ragazza pericolosa". Ma non era tutto. Con suo fratello Jack, già una star affermata, Irving realizzò molte registrazioni popolari, inclusa la hit più in voga del 1922, “Mr. Gallagher e Mr. Shean.” Quando Jack e Irving si sono avventurati in un trio, hanno chiamato il cantautore e star della registrazione Arthur Fields per formare i The Three Kaufields. Su Anthology puoi sentirli cantare la canzone di Sissle, Blake ed Europe, “Goodnight Angeline.” Altre grandi collaborazioni includono l'intramontabile “Hail! Salve! The Gang’s All Here,” che Irving canta con il Columbia (aka Peerless) Quartet, e “You Took Advantage of Me,” che dimostra lo stile cantilenante che Irving ha messo in questo delizioso duetto con “ 8220La ragazza radiofonica originale,” Vaughn De Leath.

Commedia Classici e Hot Jazz

Irving Kaufman è stato chiamato a fare interpretazioni Jolson o Cantor di canzoni di successo attuali. Ma ha lasciato un'impressione duratura su artisti del calibro del fenomenale “I’m All Bound ‘Round with the Mason Dixon Line” e il birichino “You’d Be Surprised.” Irving ha anche dato interpretazioni definitive del numero oscuro della prima guerra mondiale, “Oh! Susie Behave, ” “Porta la tua ragazza al cinema” (che rivaleggia con la versione di Billy Murray’s), e il brano composto da Eddie Cantor “My Yiddisha Mammy.” Quest'ultimo, suonato in un accordo minore, è pieno di una curiosa ma contagiosa miscela di novità e pathos. Oltre alle commedie canore, Kaufman divenne il cantante preferito dell'industria fonografica nei ritornelli jazz e dance negli anni '20. Si esibisce nell'assolo di pianoforte di Eubie Blake, “Sweet Lady,”, nella versione di Lucky Seven di Bailey di “Yes! We Have No Bananas,” e offre una performance sbalorditiva di “Yes Sir, That’s My Baby.” Sarai d'accordo sul fatto che Irving Kaufman sia una delle prime star della registrazione.

Un'istantanea di Twilight Years di Kaufman

Siamo fortunati ad ascoltare esempi di canto di Irving Kaufman mentre si avvicinava alla pensione e dai suoi ultimi anni. “Questo è il Good Old Sunny South” che lo mostra al suo apice, all'età di 39 anni, nel pieno controllo del suo tempismo comico e delle sue abilità dialettali. Quasi due decenni dopo, dal 1946, Kaufman cantò "In the Good Old Summertime" come un giovane, non uno che aveva visto tanti anni come lui. Poi, dal 1947 e poco prima del suo attacco di cuore, Irving ha dato una resa vellutata del vecchio classico, “Think It Over Mary,” con i Dandies che fungevano da coristi. La nostra Antologia si conclude nel 1974, a casa di Irving, quando The Last Recording Pioneer canta un emozionante "God Bless America" ​​per il produttore Paul Nehrich con l'accompagnamento al pianoforte della signora Irving Kaufman, l'ex Belle Brooks.

Non perderti questa favolosa collezione, tanto allegra quanto intrigante!


Le prime foto di Brooklyn di mio padre sono un tesoro che non sapevo esistesse

Mio padre, Irving Kaufman, amava New York. O almeno, per come lo conoscevo, amava Manhattan. Ma prima di amare Manhattan, amava Brooklyn. E dopo aver amato Manhattan, amava ancora Brooklyn.

Era un fotografo. Il suo amore si manifestava nelle sue fotografie. Ciò che amava di più, di per sé, senza alcun vincolo, era Brooklyn, poi Manhattan: le strade, i negozi, la gente, gli edifici, gli skyline, la bellezza urbana assoluta. All'aperto, dove la città poteva mettersi in mostra. Quell'amore è più evidente nei suoi primi lavori - dalla metà degli anni '30 agli anni della guerra - alcuni per il Aquila, alcuni per clienti locali, la maggior parte per la sua esplorazione e crescita, il tutto alle sue condizioni.

I clienti locali durante quei primi anni erano scuole di Brooklyn, ospedali, gruppi civici, enti di beneficenza, gruppi aziendali. Ha coperto un flusso costante di incontri, cene ed eventi pubblici che spesso non si prestavano all'estetica. Eppure gran parte del lavoro ha più o meno lo stesso carattere, attenzione, affetto e devozione che ha mostrato così fortemente nel lavoro indipendente e creativo che ha svolto per il Aquila o per la sua stessa gioia.

Inevitabilmente, ha trasferito il suo studio a Manhattan per unirsi agli anni del boom della fotografia commerciale. Il suo lavoro era incentrato su annunci pubblicitari su riviste o pubblicazioni commerciali. Ha inoltre fotografato eventi di beneficenza o incontri e cene istituzionali. Ha scattato ritratti o coperto apparizioni di persone "importanti" negli affari, negli affari pubblici, nello spettacolo. Sempre eccellente. Sempre professionale. Sempre apprezzato. Spesso stravagante, creativo, distintivo. “La fotografia che racconta è la fotografia che vende” era un motto che usava per farsi pubblicità. Lo intendeva e lo ha consegnato.

Vedo amore e bellezza straordinari nella maggior parte dei suoi primi lavori. Di necessità quelle qualità si manifestano meno spesso in seguito, ma le vedo ancora, a volte anche più forti, durante i suoi quasi 50 anni di carriera. Ma forse sono solo io. Sono suo figlio, dopotutto. sono di parte.

Ma non sono stato di parte per molto tempo. Non ho mai visto nessuno dei primi lavori che ho appena descritto mentre mio padre era in vita. Le migliaia di negativi 4 x 5 in bianco e nero sono rimasti conservati negli schedari e nelle scatole dei garage per decenni dopo la sua morte. Non c'era un modo pratico per esaminarli e valutarli.

Poi è arrivata la fotografia digitale su telefoni e tablet, con "inverti colori" e funzionalità di modifica di base. Ancora un compito arduo, ma ora suo figlio in pensione ha avuto almeno la possibilità di visitare, valutare e resuscitare il lavoro di suo padre di 80 anni prima.

È stata una gioia per me vedere il mondo attraverso gli occhi di mio padre. Conoscevo alcuni scatti “special” e conoscevo il suo amore per la città. Ma questo non mi ha preparato per la portata e l'abilità artistica di ciò che ho scoperto. Queste prime opere traboccano di interesse storico e umano e sono semplicemente belle di per sé. Spero che tu sia d'accordo.

Un indice dei post di Brooklyn di Kaufman si possono trovare qui.


Irving R. Kaufman

KAUFMAN, IRVING R. (1910�), giudice degli Stati Uniti che ha presieduto il processo di Ethel e Julius Rosenberg. Nato a New York City, Kaufman ha studiato alla Fordham University, laureandosi alla Fordham Law School nel 1931 all'età di 20 anni. Ha lavorato negli studi legali di Louis Rosenberg (che non era imparentato con Julius Rosenberg), e in seguito come assistente Avvocato degli Stati Uniti. Nel 1949 fu nominato giudice della Corte Distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto Meridionale di New York Il presidente John F. Kennedy lo nominò alla Corte d'Appello degli Stati Uniti per il Secondo Circuito nel 1961. Kaufman fu giudice capo della corte del circuito di Manhattan per sette anni, dal 1973 al 1980. Andato in pensione ufficialmente nel 1987, è stato designato giudice anziano ed è rimasto attivo in tribunale fino alla malattia che ha preceduto la sua morte nel 1992.

Con grande frustrazione di Kaufman, la sua reputazione fu per sempre legata al processo di Julius ed Ethel Rosenberg nel 1951. I Rosenberg, accusati di spionaggio per aver cospirato per fornire segreti nucleari all'Unione Sovietica, furono giudicati colpevoli. Kaufman li ha condannati a morte sulla sedia elettrica, definendo il loro crimine "peggio dell'omicidio." Nonostante una campagna mondiale a loro favore, sette ricorsi al verdetto sono stati respinti e due richieste di clemenza esecutiva (prima al presidente Harry S. Truman nel 1952 e poi al presidente Dwight D. Eisenhower nel 1953) furono licenziati. Il 19 giugno 1953, i Rosenberg divennero i primi civili americani ad essere messi a morte per spionaggio negli Stati Uniti. Anche dopo la loro morte, il dibattito sul caso è continuato. Alcuni sostenevano che la condanna e la sentenza fossero state influenzate dall'ondata di anticomunismo promossa dal senatore Joseph McCarthy e dal Comitato per le attività antiamericane della Camera. Ufficio federale di indagine (FBI) i documenti diffusi negli anni '70 rivelavano che il giudice Kaufman aveva condotto discussioni private sulla sentenza con l'accusa e che aveva chiamato la FBI chiedere l'accelerazione delle esecuzioni. Sebbene le discussioni con una parte in un caso sotto processo siano generalmente considerate una violazione dell'etica giudiziaria, un sottocomitato dell'American Bar Association ha scagionato Kaufman, riferendo che il FBI le note non mettevano in dubbio la correttezza del procedimento o la condotta del giudice.

La successiva carriera giudiziaria di Kaufman è stata segnata da sentenze liberali. Kaufman ha emesso il primo ordine giudiziario per desegregare una scuola elementare nel nord in Taylor contro Board of Education (1961). Nel 1971 fu l'unico dissenziente nel caso di Stati Uniti contro il New York Times, quando la corte ha deciso di non consentire la pubblicazione dei Pentagon Papers, la Corte Suprema ha successivamente annullato tale sentenza. Molte delle sue decisioni riguardavano i diritti del Primo Emendamento, tra cui Edwards contro la National Audubon Society (1977), Herbert v. Lando (1977), e Reeves v. ABC (1983). La sua decisione ampiamente citata in Berkey contro Kodak (1979) è considerato un punto di riferimento nel diritto antitrust.

Nel 1983 Kaufman è stato nominato presidente della Commissione presidenziale sulla criminalità organizzata e ha ricevuto la Medaglia presidenziale della libertà nel 1987.

Fonti: Enciclopedia Judaica. © 2008 Il Gruppo Gale. Tutti i diritti riservati.

Scarica la nostra app mobile per l'accesso in movimento alla Biblioteca Virtuale Ebraica


Storia della città di Kaufman

La città di Kaufman, capoluogo della contea di Kaufman, è la più antica comunità nell'area delle Tre Forche del fiume Trinity che è stata abitata ininterrottamente. La regione di Three Forks (West Fork, Elm Fork e East Fork) era conosciuta come un'area ricca e fertile che fungeva da terreno di caccia indiano e alla fine del 1830 conteneva il più grande villaggio indiano a est del fiume Brazos.

La strada per i potenziali coloni in queste aree era bloccata dalla Terra Cherokee, terra assegnata agli indiani Cherokee, Kickapoo e Shawnee dal governo messicano. L'attuale contea di Kaufman, allora parte della contea di Nacogdoches, si trovava appena a ovest dell'estremità settentrionale delle Terre Cherokee. Questo primo accordo è stato onorato per diversi anni dalla nuova Repubblica del Texas sotto il suo primo presidente, Sam Houston, nonostante le pressioni dei coloni affamati di terra. Alla fine, un nuovo presidente, Mirabeau Lamar, usando denunce di attacchi e furti da parte dei Cherokee, ordinò loro di spostarsi oltre il Red River. Rifiutarono, ma persero una battaglia decisiva nel luglio 1839 in cui il loro capo, il capo Bowles, fu ucciso. Furono poi cacciati dalle loro terre. Questa battaglia aprì la strada all'insediamento, ma c'erano ancora molti indiani che riuscirono, ancora per un po', a intimidire coloro che volevano avventurarsi in questa zona settentrionale.

Il dottor William P. King, un imprenditore del Mississippi, era arrivato in Texas all'inizio del 1839 come presidente della Southern Land Company. Questa società aveva acquistato la sceneggiatura della terra del Texas (Toby Script) che autorizzava il titolare a localizzare e possedere la terra. Questa sceneggiatura era stata venduta da Sam Houston per raccogliere fondi per la neonata repubblica. Dopo la sconfitta di Chief Bowles, King firmò un contratto nell'agosto 1839 con Warren A. Ferris per esaminare oltre 400.000 acri (90 leghe e fatiche) nelle Three Forks. A partire dal mese successivo, Ferris iniziò il primo di numerosi tentativi falliti di raggiungere la regione, ma ogni volta fu respinto da attacchi indiani o minacce di attacco. Infine, il 3 giugno 1840, Ferris e King lasciarono Nacogdoches con ventinove uomini nonostante la siccità della stagione (l'acqua si trovava solo nelle buche), oltre 500.000 acri di terra furono censiti per King e altri in giugno e luglio da tre squadre guidate da vice geometri, di cui uno come il giovane Robert A. Terrell. Terrell era destinato a svolgere un ruolo importante nella storia della contea. Un altro geometra che lavorò con Ferris nel 1840 fu John H. Reagan, un uomo che avrebbe avuto un ruolo ancora più importante nella storia dello stato e della nazione. Al ritorno di Ferris a Nacogdoches all'inizio di agosto, scrisse . . . &ldquoMigliaia di bufali e cavalli selvaggi erano dappertutto da incontrare. Cervi e tacchini (sic) sempre in vista e un orso occasionale a volte incrociava il nostro cammino. Le praterie sono sconfinate e presentano un bell'aspetto, essendo estremamente fertili e coronate di fiori di ogni tonalità. . .&rdquo

Dopo il completamento dell'indagine, King stabilì il suo quartier generale nell'attuale sito della città di Kaufman. Ha costruito una palizzata chiamata King's Fort su un promontorio che si affaccia su un torrente ora chiamato King's Creek. Questa palizzata consisteva di quattro capanne circondate da picchetti, che racchiudevano circa tre quarti di acro. I picchetti erano formati da pali di soli pochi pollici di diametro e lunghi dieci piedi, posti a circa due piedi nel terreno. Una guarnigione di soli dieci o dodici a volte sfidava l'intera forza indiana di quella sezione e sosteneva la propria posizione con poche difficoltà come se fossero protetti da mura e merli di pietra massiccia. Robert Terrell raccontò la storia di un attacco in cui un giorno il cancello del forte era stato lasciato aperto e nel forte c'erano solo quattro uomini. L'abbaiare di un cane da guardia ha dato agli uomini un avvertimento di pericolo. Videro una trentina di indiani dirigersi rapidamente verso il cancello. Il cancello fu chiuso appena in tempo, e gli indiani si voltarono, cavalcarono per un breve tratto e discussero. Poi tornarono al galoppo per un attacco, ma Terrell sparò in fronte al cavallo di testa. Mentre il cavaliere cadeva, e il compagno indiano lo tirò su sul suo cavallo. Gli indiani poi rinunciarono all'attacco, ma rubarono i quattro cavalli appartenenti agli uomini nel forte. Con sorpresa degli uomini che sembravano ora bloccati, sette cavalli rubati dagli indiani in precedenza nella contea di Red River sono stati lasciati al pascolo nelle vicinanze. Furono rapidamente spinti nel forte, e quindi fu fatto uno scambio proficuo.

Un altro giorno (17 luglio 1841), un gruppo di venticinque indiani, presumibilmente Comanche e Ionie, fu sbattuto dal forte in questo modo ma, vedendo che non potevano spaventare i valorosi che lo difendevano, si ritirarono, portando con sé i cavalli appartenenti alla guarnigione. Alcuni di loro cavalcavano vicino ai picchetti. It is worthy to remark that this fort was situated within fifty miles of the largest Indian encampment east of the Brazos, so that the danger was both real and continuing.

This location, also known as Kingsborough, represents what is said to be the first permanent white settlement in the area about the Three Forks and the Upper Trinity River Basin and has never been abandoned.

During the summer of 1841, Dr. William P. King took Judge John H. Martin, of Vicksburg, Mississippi, on a tour of his property. Judge Martin was so favorable impressed with the country that he decided to join Dr. King and settle in Texas. Dr. King and Judge Martin started for Mississippi. Dr. King to visit his family at Holly Springs and to prepare for their removal to Texas, and Judge Martin to Vicksburg to arrange for the family to move to Texas also.

However, both men contracted yellow fever on their journey and died within a few days of each other, some time during the week of September 18, 1841, at Vicksburg. Adolphus Sterne of Nacogdoches wrote in his diary, Friday the 8 th October . . . &ldquonews was received that Dr. King the founder of Kingsborough and Judge Martin, who lately visited this country, died at Vicksburg or on the River Mississippi of yellow fever - this is a great loss to this part of Texas. Dr. King was an enterprising man and the country near the Three Forks of the Trinity will be thrown (sic) back at least five years - unless some very strong effort is made by his heirs or successors to carry on the work which he began.&rdquo

Settlement continued in the area, mostly around Kingsborough and to the southeast. However, Robert Terrell noted that prior to 1844 there were about only six or seven families in present Kaufman County. He commented that during 1844, 1845 and 1846 a good many families settled east of the Trinity River in what was called Mercers Colony. In the latter year, Henderson County was separated from Nacogdoches County and included the present Kaufman County as part of it. The first meeting of the Commissioners Court was held in the home of William Ware and was presided over by Chief Justice John Damron - both residents of what is now Kaufman County. We find references to the laying out of roads - one going through the Kingsborough Prairie.

Kaufman County was formed in 1848 and was named after David S. Kaufman, a noted Texas patriot who in 1845 was elected as one of the first members of the Texas Delegation to the United State House of Representatives. John H. Reagan, then a member of the state legislature, introduced the petition in order to honor his friend Kaufman. The county seat, when selected, was also required to bear the same name. The northern part of the county included the present Rockwall County and the eastern part included some of the present Van Zandt County, but the southern boundary was only about two miles south of Kingsborough. In February 1850, new adjustments were made in the eastern and southern boundaries of Kaufman County.

Despite the fact that Kingsborough was the only settlement of any real size in the new county, it was not initially the county seat. An election held in 1848 to select the location of the county seat chose the geographical center of the county, and another election held after the shift in boundaries chose the new geographical center (Center Point) on 150 acres to be donated by R. A. Terrell. Center Point was about three to four miles north of Kingsborough. A petition was subsequently submitted to the Texas legislature calling for another election, and in March 1851, Kingsborough was selected: 93 votes for Kingsborough, 90 votes for Center Point. With that vote, the name of the town was changed from Kingsborough to Kaufman in accord with the legislation.

In April 1851, Frances A. Tabor, the widow of Dr. King, deeded 150 acres of land for the new county seat, reserving only 12 lots for herself. This land included the site of the old fort, and included much of what became the city of Kaufman. The work of the county government was then transferred there in November of 1851. It has remained there ever since, although in two elections in 1879 and 1885, the new town of Terrell was selected as the new county seat, although not by the two-thirds majority required.

Since 1851, the town square has remained the center of activity in Kaufman, and the courthouse the focal point. The first courthouse was a simple one-room building which had been remodeled. It was located at the southwest corner of Washington and Mulberry Streets, i.e., not on the present courthouse square. The courthouse was only twenty by thirty feet, and the new county&rsquos needs quickly outgrew this facility.

A contract for a new brick courthouse was let in 1859 and following an intense dispute over the quality of construction, was occupied in 1861. The worst fears of some were borne out, and the courthouse was abandoned in 1862. After using some temporary quarter, the old wooden courthouse came back into use, serving until 1868. A contract for another courthouse was let in 1869, and was first used in February 1871 for the District, although it was not completed until August 1872. This building was of frame construction, fifty feet by fifty feet, and had two stories. The courtroom occupied the second story, while various county officials had offices on the first floor.

The continued growth of the county as well as concerns about the possibility of a fire in the frame building caused the county commissioners to vote for a new stone courthouse in December 1885. The old building was moved to the corner of Cherry and Washington Streets and used while the new courthouse was under construction. The new courthouse was accepted in July of 1887 and remained in use until early in 1955, when it was torn down to make way for the present two-story building.


Irving Kaufman - History

THE FINAL YEARS OF IRVING KAUFMAN:
An Illustrated Discography (1938-1974)

Last updated: November 22, 2010

All image scans from the Ryan Barna Collection. Use with permission. Thanks to Quentin Riggs for his help with this listing.

According to the American Record Corporation matrix cards, this matrix (22703-1) was recorded April 11, 1938. This is a double-track record, the first selection being "Jingle Bells" by the prolific childrens singer, Frank Luther. It is possible that the Kaufman track ("Old King Cole") could have been recorded years earlier, although the matrix card does not indicate it. Until more research surfaces, it will be treated here as a 1938 recording. Conqueror 9016 was also the only issue of this matrix, as it was not released on Melotone or other ARC labels. Kaufman is accompanied by an orchestra. It was withdrawn from the Fall 1942 edition of the Sears, Roebuck & Co. catalog.

New York, NY: February 19, 1942
RCA Victor Studios
Irving Kaufman (as "Happy Jim Parsons") and the Boys of Company "B." Accompanied by clarinet, fiddle, harmonica accordion, guitar, and string bass.
BS-071870-1 The Saga of Susie Brown (Ril-a-Ral-a-Ree)
(B. Bierman J. Manus H. Grant)
Standard T-2060-B
BS-071871-1 Johnny Private
(J. Manus B. Bierman)
Standard T-2060-A

New York, NY: July 31, 1942
Muzak Transcriptions Studios
Buddy Clarke [Kreisberg] and his Orchestra vocal refrain by Irving Kaufman (as "Happy Jim Parsons"). Joe Davis, producer.
13586-1 Laugh and the World Laughs with You (Fox trot)
(Leslie Beacon)
Beacon 107-A
13587-1 Why Is My Little Red-Head Blue? (Fox trot)
(Ted Meyn)
Beacon 105-B
Kaufman was paid $50 for this session.

Music Hall Varieties broadcasted from 1946 to 1950, and featured such talents as Kaufman, Aileen Stanley, Joe E. Howard, and Beatrice Kay. Original labels have "NBC Thesaurus" at the top, later replaced by "RCA Thesaurus." All five releases by Kaufman are listed here. Some of the discs show dates in the runout area, although they may or may not be recording dates (other inspected copies of the same discs show different dates).

New York, NY: ca. 1946 &mdash 1947
Music Hall Varieties
Featuring Irving Kaufman, baritone. Orch. acc.
ND6-MM-9030 A. Where Did You Get That Girl? (AS) (2:15)
B. For Me and My Gal (AS) (2:40)
C. When I Get You Alone Tonight (AS) (2:25)
D. Along the Rocky Road to Dublin (AS) (2:12)
E. The Aba Daba Honeymoon (AS) (2:30)
NBC Thesaurus Orthacoustic 1322 (16" disc)


Music Hall Varieties
Featuring Irving Kaufman, baritone. Orch. acc.
ND6-MM-9031 H. He'd Have to Get Under, Get Out and Get Under (AS) (2:39)
J. I'm Sorry I Made You Cry (AS) (3:10)
K. They Go Wild, Simply Wild Over Me (AS) (1:37)
L. Tha's [sic] How I Need You (AS) (3:03)
M. Sit Down, Sit Down, Sit Down, You're Rocking the Boat (AS) (1:48)
NBC Thesaurus Orthacoustic 1326 (16" disc)


Music Hall Varieties
Featuring Irving Kaufman, baritone. Orch. acc.
ND6-MM-9085 H. My Wife's Gone to the Country (AS) (1:20)
J. Moonlight Bay (AS) (2:38)
K. Oh You Beautiful Doll (AS) (2:19)
L. Yaaka Hula Hickey Dula (AS) (2:55)
M. I Wish I Had a Girl (AS) (2:25)
NBC Thesaurus Orthacoustic 1343 (16" disc)


Music Hall Varieties
Featuring Irving Kaufman, baritone. Orch. acc.
ND6-MM-9090 H. Alexander's Ragtime Band (AS) (2:40)
J. Waitin' for the Robert E. Lee (AS) (2:02)
K. Under the Bamboo Tree (BMI) (1:46)
L. By the Beautiful Sea (AS) (2:07)
M. In the Good Old Summertime (BMI) (2:35)
NBC Thesaurus Orthacoustic 1362 (16" disc)
Archeophone 5504 (CD) (Track M only)


Music Hall Varieties
Featuring Irving Kaufman, baritone. Orch. acc.
ND7-MM-7065 H. Good Evening, Caroline (AS) (2:45)
J. Waltz Me Around Again Willie (AS) (1:33)
K. I Want a Girl (Just Like the Girl That Married Dear Old Dad) (AS) (2:10)
L. Bedelia (AS) (2:07)
M. Wait and See (You'll Want Me Back) (BMI) (2:27)
N. Li'l Liza Jane (AS) (1:02)
RCA Thesaurus Orthacoustic 1410 (16" disc)

New York, NY: ca. 1946
Goodee with Doc Clock, Happity-Yappity Appetite, and Sip-Sip Supper in "It's Fun to Eat."
Original idea, characters, and material created by Sylvia and Murray Winant.
Set to Verse by C. H. Gilman and D. Ross, Jr.
Cast: Reneé Terry as "Goodee"
Irving Kaufman as "Doc Clock" (The Breakfast-Time Friend)
Eugene Lowenthal as "Happity-Yappity Appetite" (The Lunch-Time Friend)
Jack Mercer as "Sip-Sip Supper" (The Supper-Time Friend)
Music composed and directed by Winston Sharples.
Cover illustration by James Tyer.
Notes by Angelo Patri, "America's best known authority on child behavior."

Reneé Terry and Irving Kaufman. Orchestra accompaniment.
WP 100 A Doc Clock (The Breakfast-Time Friend)
Winant Production WP 100 A (Album G1)

Irving Kaufman. Orchestra accompaniment.
WP 100 B Doc Clock (The Breakfast-Time Friend)
Winant Production WP 100 B (Album G1)

New York, NY: ca. mid 1947
Gene Hall [von Hallberg] and his Orchestra vocal refrain by Irving Kaufman (as "Happy Jim Parsons").
CT-1140M-3 Oh, Brother! (Polka) (2:35)
(Gene Hall)
Majestic 7231-A
The Duraflex Edition copy shows matrix T-1140MA-2 in the runout. Both types aurally use the same take.

New York, NY: ca. 1947
History in Song and Story
Irving Kaufman (as "Happy Jim Parsons"). Piano accompaniments. All 78s are double-track records issued in an album.
VX-101 Molly Pitcher Daniel Boone
(Bert Reisfeld Michael S. Stoner)
Vox 601-B
VX-102 Captain John Smith Betsy Ross
(Bert Reisfeld Michael S. Stoner)
Vox 601-A
VX-103 George Washington John Paul Jones
(Bert Reisfeld Michael S. Stoner)
Vox 603-B
VX-104 Abraham Lincoln Paul Revere
(Bert Reisfeld Michael S. Stoner)
Vox 602-A
VX-105 Patrick Henry Christofer [sic] Columbus
(Bert Reisfeld Michael S. Stoner)
Vox 603-A
VX-106 Nathan Hale Francis Scott Key
(Bert Reisfeld Michael S. Stoner)
Vox 602-B

New York, NY: ca. 1947
Irving Kaufman and his Musical Schmos: clarinet, trumpet, accordion, piano, string bass, and drums. Ruby Melnick, musical direction.
ST-5002-A Moe the Schmo Makes Love
(George Bennett Harry Tobias)
Sterling 5002-A
Rivoli R-5 (LP) (Side A, track 5)
ST-5002-B Moe the Schmo Takes a Rhumba [sic] Lesson
(George Bennett Harry Tobias)
Sterling 5002-B
Rivoli R-5 (LP) (Side A, track 4)
ST-5003-A Schmo Plays Golf
(George Bennett Harry Tobias)
Sterling 5003-A
Rivoli R-5 (LP) (Side A, track 3)
ST-5003-B Activity (Schmo Takes a Rest)
(George Bennett Harry Tobias)
Sterling 5003-B
Rivoli R-5 (LP) (Side A, track 1)
ST-5004-A Nat the Rat (Schmo Takes in a Boarder)
(George Bennett Harry Tobias)
Sterling 5004-A
Rivoli R-5 (LP) (Side A, track 2)
ST-5004-B Gay Vec, Cherie, Gay Vec
(George Bennett Harry Tobias S. Gurwitz)
Sterling 5004-B
Rivoli R-5 (LP) (Side A, track 6)
Note: All the tracks on the Rivoli LP (except "Nat the Rat") contain altered versions of the Sterling 78s.

New York, NY: ca. 1947
Irving Kaufman and the Dandies with Bert Knapp's Music: piano, organ, guitar, and string bass.
ST-801-A The Curse of an Aching Heart
(Henry Fink Al Piantadosi)
Sterling 801-A
Bennett 801-A
ST-801-B Think It Over Mary
(Thomas J. Gray Al Piantadosi)
Sterling 801-B
Bennett 801-B
The Recording Pioneers Phonograph Record Enterprise LP 100 (Side 2, track 8)
Archeophone 5504 (CD)

Kaufman retired from the entertainment industry in 1949. The only commercial releases from then until 1974 were reissues of his earlier recordings (made available on both 78rpm and LP formats). In the summer of 1974, Paul E. Nehrich produced two albums of Kaufman containing 40 tracks&mdashfour of which were newly recorded at Kaufman's home at 49-305 Highway 74 in Palm Desert, California. His second wife, Belle Brooks (1904-1993), accompanied him on the piano.

Two unissed recordings listed below were reported by Nehrich during a phone conversation with the compiler in 2003. At least two taped interviews also exist of Kaufman in the 1970s, but since none were commercially released, they will not be documented at this time.

Palm Desert, CA: August 20&mdash22, 1974
Reminisce with Irving Kaufman: The Last of the Recording Pioneers
Accompanied on piano by Belle Brooks (Mrs. Irving Kaufman).
Produced by Paul E. Nehrich. LPs dubbed from reel-to-reel tapes.

K-7046 Medley: a. Sunbonnet Sue
B. I'll Be with You in Apple Blossom Time
C. I'm Going to Sit Right Down and Write Myself a Letter
The Recording Pioneers Phonograph Record Enterprise LP 100 (Side 1, track 6)

K-7046 God Bless America
(Irving Berlin)
The Recording Pioneers Phonograph Record Enterprise LP 100 (Side 1, track 10)
Archeophone 5504 (CD)
Note: This track was dubbed with interruptions by Nehrich, and a cheering effect from Kaufman's record of "Fitzmaurice, Von Huenfeld, and Koehl!" (Columbia 1354-D as "Tom Edwards").

K-7049 Intro: Peg o' My Heart
(Alfred Bryan Fred Fischer)
The Recording Pioneers Phonograph Record Enterprise LP 101 (Side 2, track 1)

K-7049 Down Virginia Way
(Arthur Fields Irving Kaufman)
The Recording Pioneers Phonograph Record Enterprise LP 101 (Side 2, track 10)

The Ballad of the Green Berets
(SSgt. Barry Sadler Robin Moore)
Unissued

The Things I Didn't Do
(Ira Koslo Fred Jay Irving Reid)
Unissued


Rosenbergs sentenced to death for spying

The climax of the most sensational spy trial in American history is reached when a federal judge sentences Julius and Ethel Rosenberg to death for their roles in passing atomic secrets to the Soviets. Although the couple proclaimed their innocence, they were executed in June 1953.

The Rosenbergs were convicted of playing a central role in a spy ring that passed secret data concerning the atomic bomb to the Soviet Union during and immediately after World War II. Their part in the espionage came to light when British physicist Klaus Fuchs was arrested in Great Britain in early 1950. Under questioning, Fuchs admitted that he stole secret documents while he was working on the Manhattan Project—the top-secret U.S. program to build an atomic bomb during World War II. He implicated Harry Gold as a courier who delivered the documents to Soviet agents. Gold was arrested a short time later and informed on David Greenglass, who then pointed the finger at his sister and brother-in-law, Ethel and Julius Rosenberg. Julius was arrested in July and Ethel in August 1950. After a brief trial in March 1951, the Rosenbergs were found guilty of conspiracy to commit espionage. At their sentencing hearing in April, Federal Judge Irving R. Kaufman described their crime as “worse than murder” and charged, 𠇋y your betrayal you undoubtedly have altered the course of history to the disadvantage of our country.” He sentenced them to death.

The Rosenbergs and their attorneys continued to plead their innocence, arguing that they were “victims of political hysteria.” Humanitarian organizations in the United States and around the world pleaded for leniency, particularly since the Rosenbergs were the parents of two young children. The pleas for special consideration were ignored, and Julius and Ethel Rosenberg were executed on June 19, 1953.


Kaufman County's 'poor farm' being restored and turned into historical park

By Karel Holloway|Special Contributor

Kaufman County has a reason for you to be interested in history.

The county is holding an event from 9 a.m. to 6 p.m. Oct. 5 to bring awareness to the county's historical poor farm and provide a glimpse of what it could become.

In the late 19th and early 20th centuries, the indigent were often housed on poor farms. The county provided a roof, but residents had to work on the farm to support themselves.

Kaufman County has been working to restore the few old buildings left on its poor farm, located at 3003 S. Washington St. in Kaufman. It's believed to be the last county-owned poor farm in the state and one of the last remaining in the country. It's on Preservation Texas' list of top 10 most endangered sites.

But the county wants it to be more than historical. Officials want it to be a modern, active park.

Vintage Market, a joint project of Kaufman County Master Gardeners and the Kaufman County Historical Commission, will offer attendees a look at the farm along with activities and food. There will be a Wild West reenactment, blacksmith forging, and vendors with antiques, craft items and local honey. Food trucks will be there for snacks.

Children will have a chance to dig for arrowheads, create pottery pinch pots and try their hand at beading. The Perot Museum of Nature and Science will be on hand with a bone exhibit to help celebrate archaeology month.

In 1869, the Texas constitution began requiring counties to have a "manual labor poor house" to house the destitute, giving them a place to live as long as they worked.

Kaufman County bought 408 acres just north of downtown Kaufman in 1883, according to a history by Horace Flatt, a county historian. Barracks and other buildings were built on the property.

Residents, which included families and some elderly, supported themselves by growing their own food and other crops such as wheat, corn, hogs and cattle. Some, after being ordered to the farm, died and were buried there. There are no known records of how many were housed on the farm.

"Some were sentenced here [to the farm] and some were families who stayed a while then moved out," says Cindy Rich, a historical commission member involved with the project.

Many who were convicted of minor crimes worked their sentences off and were released, the history shows.

Those with chronic diseases were housed at the farm and given medical care.

"I have done what it was in my power to mitigate the sufferings of these unfortunates — and smooth their pathway to the tomb," Dr. W.H. Pyle wrote in 1886.

By 1951, the poor farm was referred to as the "County Farm and Old Folks Home."

It operated as a farm into the 1970s, according to an historical marker on the property.

Over time, the county built public buildings, including a library, county offices and a jail around the edges of the farm, and sold some acreage.

The remaining land has been used for a few events in the past, but mostly sat growing weeds as the old buildings fell down.

But the historical commission, with the support of the county, has begun serious restoration work.

The plan now is to turn the nearly 50 acres into a large park with walking trails and space to host events such as the market.

"What I envision is a place for the public to come walk. Whether it is just walking or walking your dog," says Mike Hunt, county commissioner for the area. He's also a member of the historical commission.

The property also has a small pond. "I'd like to see kids running and fishing with their parents," Hunt says.

There are also plans to continue restoration of the buildings and open a farm museum.

The master gardeners hope the Vintage Market will get the work moving. They plan to make the market an annual event.

"It's just going to take some time to get it done," Hunt says.

Karel Holloway lives in Kaufman County and is working on becoming a Master Gardener.


Irving Kaufman

(1910–92). U.S. judge Irving Kaufman was the presiding federal judge during the 1951 Julius and Ethel Rosenberg espionage trial. He sentenced the two to death in the electric chair after finding them guilty of having conspired to deliver atomic bomb secrets to the Soviet Union. It was the only death sentence for espionage by American civilians ever carried out in the United States (the Rosenbergs were electrocuted in 1953), and the order haunted Kaufman throughout his career, which was otherwise marked by liberal rulings.

Irving Robert Kaufman was born on June 24, 1910, in New York, New York. After graduating from Fordham Law School in New York City in 1931, Kaufman practiced law before serving as an assistant United States attorney. In 1949 he was appointed to the federal bench by Pres. Harry S. Truman and in 1961 was elevated to the United States Court of Appeals for the 2nd Circuit in New York, serving as chief judge from 1973 until mandatory retirement in 1980. He remained as a regular judge until 1987, when he retired to a senior judgeship. During his years on the bench, Kaufman specialized in First Amendment cases and consistently championed the freedom of the press. He cast the lone dissenting vote in 1971 when the court ruled not to allow Il New York Times to publish the sensitive Pentagon Papers dealing with the Vietnam War. The Supreme Court agreed with Kaufman and overturned the ruling. In 1961 Kaufman ordered the first desegregation of a predominantly black public school in the North. He also wrote a number of landmark decisions involving antitrust suits and race relations. Kaufman was excluded from a seat on the Supreme Court because of his controversial role in the Rosenberg spy case. He was taken to task by liberals for invoking divine guidance in determining the Rosenbergs’ sentencing and for imposing the harshest sentence on them, and some accused him of being influenced by Sen. Joseph McCarthy’s anti-Communist witch-hunting. Kaufman died on February 1, 1992, in New York, New York.


Guarda il video: Irving Kaufman - Greatest Hits FULL ALBUM (Potrebbe 2022).