Podcast di storia

7 novembre 1944

7 novembre 1944



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

7 novembre 1944

Novembre

1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930
>dicembre

Stati Uniti

Il presidente Roosvelt vince un quarto mandato come presidente degli Stati Uniti, con Harry S. Truman come suo vicepresidente

Italia

8th Armata attacca verso Forlì

Giappone

Victor Sorge, una spia sovietica, viene giustiziato in Giappone



FDR eletto per registrare il quarto mandato

Il 7 novembre 1944, Franklin D. Roosevelt divenne il primo e unico presidente degli Stati Uniti eletto per un quarto mandato.

Franklin Roosevelt si candidò per la prima volta alla presidenza nel 1932. Corse contro il presidente in carica Herbert Hoover, che molti accusarono della Grande Depressione. L'ottimismo contagioso di Roosevelt e la promessa di un "New Deal" lo hanno aiutato a travolgerlo in carica. E ha mantenuto le sue promesse, istituendo una serie di nuovi programmi di miglioramento durante i suoi primi 100 giorni in carica. I programmi progressisti di Roosevelt aiutarono l'America a uscire dalla depressione e fu facilmente rieletto nel 1936.

Stati Uniti #1284bs – Roosevelt ha vinto 36 stati contro i 12 di Dewey.

Nel 1940, gran parte del mondo era in guerra e Roosevelt si stava avvicinando alla fine del suo secondo mandato. Sebbene non fosse una legge scritta, la maggior parte dei presidenti prima di lui ha scelto di non candidarsi per un terzo mandato, seguendo l'esempio di George Washington. All'inizio, Roosevelt aveva suggerito che non si sarebbe candidato per un terzo mandato. Ma mentre la guerra continuava all'estero, credeva di essere l'unico con l'esperienza e le capacità per guidare la nazione attraverso la minaccia nazista. Sebbene la sua scelta di candidarsi per un terzo mandato fosse controversa, Roosevelt vinse le elezioni con un comodo margine.

U.S. #1284c – Le elezioni del 1944 furono le ultime in cui un candidato ricevette oltre il 90% dei voti in un singolo stato (FDR aveva il 94% dei voti in Mississippi).

Poco più di un anno dopo, i giapponesi attaccarono Pearl Harbor e Roosevelt dovette infrangere la promessa della sua campagna di tenere l'America fuori dalla guerra. Si unì alla Gran Bretagna per formare le potenze alleate per combattere la Germania e il Giappone.

Nel 1944, Roosevelt affrontò un'altra elezione. Ha vinto facilmente la nomina del suo partito, ma molti si sono opposti al suo vicepresidente, Henry Wallace. La salute di Roosevelt stava notevolmente peggiorando e molti all'interno del suo stesso partito democratico credevano che Wallace fosse troppo di sinistra per assumere la presidenza se gli fosse successo qualcosa. I leader del partito hanno suggerito il senatore Harry Truman. Sebbene Roosevelt non lo conoscesse, accettò di accettarlo come suo compagno di corsa per mantenere l'unità del partito.

USA #3185a - Se avesse vinto, Dewey sarebbe stato il presidente degli Stati Uniti più giovane di sempre.

All'inizio c'erano diversi candidati repubblicani, incluso il generale Douglas MacArthur. Ma poiché stava comandando le truppe alleate nel Pacifico, non poteva fare una campagna. Alla fine, il governatore di New York Thomas E. Dewey ha vinto la nomination del partito. Ha criticato il New Deal di FDR e ha spinto per un governo più piccolo e un'economia meno regolamentata.

USA #2219d – Questa è stata l'unica elezione in cui entrambi i candidati provenivano dalla stessa contea (l'olandese a New York).

Roosevelt non aveva intenzione di fare una campagna, ma quando le voci sulla sua cattiva salute fiorirono, ha lanciato un vigoroso tour in ottobre. Ha guidato in un'auto scoperta per le strade della città per mostrare agli americani che era in buona salute. Le vittorie americane nel Pacifico mantennero alta la popolarità di Roosevelt e vinse facilmente le elezioni del 7 novembre 1944. Tuttavia, vinse con una percentuale inferiore rispetto alle precedenti elezioni.

Articolo #97833 – Roosevelt ha servito 1.500 giorni in più rispetto alla media del presidente con due mandati.

Le preoccupazioni per la salute di Roosevelt non erano infondate. L'aprile successivo alla sua elezione, ebbe un ictus e morì, portando Truman ad ascendere alla presidenza.

Negli anni successivi alle elezioni, il partito repubblicano ha fatto una campagna per fissare un limite di due mandati alla presidenza. Ci riuscirono nel 1951 con l'approvazione del 22° emendamento.


Nato questo giorno nella storia il 7 novembre

Festeggiamo il compleanno oggi

Festeggiamo il compleanno oggi

Johnny Rivers
Nato: 7 novembre 1942 a New York City, NY, USA
Conosciuto per: un cantante rock and roll americano noto per la sua serie di successi negli anni Sessanta tra cui Memphis, Where Have All The Flowers Gone, Poor Side Of Town, Mountain Of Love e Baby I Need Your Lovin


Billy Graham
Nato: 7 novembre 1918 Charlotte, North Carolina, Stati Uniti
Conosciuto per: Billy Graham è il cristiano evangelico più conosciuto al mondo che ha predicato di persona a più persone in tutto il mondo di qualsiasi protestante che sia mai vissuto e ha avuto un'udienza personale con ogni presidente degli Stati Uniti in carica da Harry Truman.


7 novembre 1944 - Storia

Oggi nella storia: 7 novembre 1944 "FDR vince un quarto mandato senza precedenti"

Sappiamo tutti che FDR è il soltanto presidente per servire più di 2 mandati. E, naturalmente, sappiamo anche che la ragione principale di ciò è stata la fine della guerra in Europa. Ebbene, il 7 ottobre 1944, Franklin Delano Roosevelt vinse la sua quarta candidatura alle elezioni presidenziali.

Sappiamo anche che FDR ha dovuto sfidare tutte le probabilità per vincere uno mandato alla Casa Bianca, perché è stato paralizzato dopo aver contratto la poliomielite nel 1921 all'età di 29 anni. Ma essere paralizzato non gli ha impedito di presiedere a due delle più grandi crisi della storia americana: la Grande Depressione e la Seconda Guerra Mondiale. La gente aveva chiaramente molta fiducia in lui se fosse stata disposta a eleggerlo così tante volte!

Sfortunatamente, però, quando arrivarono le elezioni del 1944, l'America era perdutamente in guerra in Europa e il Sud Pacifico. Ancora più sfortunato è stato il fatto che la salute del presidente Roosevelt stava peggiorando rapidamente. “La sua arteriosclerosi (indurimento delle arterie) era stata aggravata dallo stress di servire come presidente in tempo di guerra” (Fonte). Ma il presidente Roosevelt aveva una cosa da fare per lui, almeno per quanto riguarda le elezioni: l'America aveva appena, mesi prima, sperimentato una delle più grandi vittorie della storia americana, il D-Day.

Poi, nel 1947, sotto il successore di Roosevelt, Truman, il Congresso decise di garantire che nessun altro presidente potesse mai servire più di due mandati. “Nel 1951 fu approvato il 22° emendamento alla Costituzione, che limitava ufficialmente il mandato di un presidente in carica a due mandati di quattro anni ciascuno” (Fonte). L'emendamento è importante e dovremmo essere tutti grati che esista. Non importa quanto grande possa essere un presidente, otto anni di una qualsiasi amministrazione sono probabilmente sufficienti. Quindi, è il momento di un po' di sangue nuovo alla Casa Bianca.


La spia principale sovietica viene impiccata dai giapponesi

Il 7 novembre 1944, Richard Sorge, una spia sovietica per metà russa e per metà tedesca, che aveva usato la copertina di un giornalista tedesco per riferire sulla Germania e il Giappone per l'Unione Sovietica, viene impiccato dai suoi rapitori giapponesi.

Sorge ha combattuto nella prima guerra mondiale nell'esercito tedesco e poi ha conseguito il dottorato in scienze politiche presso l'Università di Amburgo. Si unì al Partito Comunista Tedesco nel 1919, viaggiando in URSS nel 1924. Il suo primo importante incarico per l'intelligence sovietica fu alla fine degli anni '20, quando fu inviato in Cina per organizzare un giro di spionaggio. Tornato in Germania, si unì al partito nazista nel 1933 per perfezionare la sua copertura di fedele tedesco. Ha continuato a sviluppare una reputazione come giornalista rispettato che lavora per il Frankfurter Zeitung, convincendo infine i suoi redattori a mandarlo a Tokyo come corrispondente estero a metà degli anni '30. Una volta in Giappone, Sorge ha proceduto ancora una volta a creare un anello di spionaggio, che includeva un consigliere del governo giapponese e un comunista americano, che lavorava anche per l'intelligence sovietica come interprete di Sorge.

Sorge si era così ingraziato con successo con la comunità diplomatica tedesca in Giappone che gli fu permesso di lavorare fuori dall'ambasciata tedesca, dandogli accesso a file riservati. Allo stesso tempo, fece anche amicizia con i funzionari del governo giapponese, cercando di convincerli a non entrare in guerra con l'Unione Sovietica.

Nel maggio 1941, Sorge riferì a Mosca che Hitler stava pianificando un'invasione dell'Unione Sovietica e che 170 divisioni si stavano preparando a invadere il 20 giugno, ma Stalin ignorò l'avvertimento. Sorge fu anche in grado di riferire, nell'agosto 1941, che il Giappone aveva in programma di attaccare obiettivi nel Pacifico meridionale, non in Unione Sovietica. Ciò permise a Stalin di rimuovere le truppe dal confine con la Manciuria, liberandole per quando i tedeschi avrebbero finalmente invaso, poiché non ci sarebbe stato un "fronte orientale".


Le Pantere Nere entrano in combattimento: il 761° Battaglione Carri, novembre 1944

Gli uomini del 761° Battaglione carri afroamericano entrarono in combattimento a Morville-les-Vic il 7 novembre 1944. In un "inferno" di battaglia, dimostrarono il loro valore nella prima di una serie di dure battaglie.

Immagine in alto: toppa sulla manica della spalla del 761° Battaglione di carri armati degli Stati Uniti. Foto dell'esercito americano.

Il motto del 761° Battaglione Carri era "Come Out Fighting". E lo ha fatto, dal suo primo impegno nella cittadina belga di Morville-les-Vic nel novembre 1944, e attraverso pesanti combattimenti fino alla fine della guerra. Ma la lotta del 761° non fu solo contro i tedeschi. Come unità segregata afroamericana, prese parte alla lotta per l'uguaglianza razziale, una lotta in cui gli uomini del 761° - le cosiddette "Pantere Nere" - si impegneranno per il resto della loro vita.

Creato il 1 aprile 1942, a Camp Claiborne, in Louisiana, il 761° Battaglione carri armati si è addestrato tra le restrizioni e il razzismo del Jim Crow South. Il primo tenente Jack Roosevelt Robinson del 761°, un atleta che sarebbe diventato uno dei più grandi giocatori di baseball di tutti i tempi, perse la possibilità di assistere al combattimento quando si rifiutò di spostarsi sul retro di un autobus militare segregato durante un incidente a Fort Hood, Texas nel luglio 1944. Il comandante del 761° battaglione, il tenente colonnello Paul L. Bates, si rifiutò di perseguire Robinson, ma i suoi superiori aggirarono la cosa trasferendo il tenente in un'altra unità, dove fu sottoposto alla corte marziale. Robinson fu poi assolto, ma troppo tardi per ricongiungersi ai Black Panthers.

Il 761° arrivò in Francia il 10 ottobre 1944, sbarcò a Omaha Beach e si trasferì in Belgio all'inizio di novembre. È noto che il generale George S. Patton tenne un discorso d'incoraggiamento alle Pantere Nere, dicendo in parte: “Uomini, siete le prime petroliere negre a combattere nell'esercito americano. Non ti avrei mai chiesto se non fossi stato bravo. Non ho altro che il meglio del mio esercito. Non m'importa di che colore sei, basta che tu vada lassù e uccida quei crucchi figli di puttana. Tutti hanno i loro occhi su di te e si aspettano grandi cose da te. Soprattutto la tua razza non vede l'ora che arrivi il tuo successo. Non deluderli e dannarti, non deludere me!” In privato, tuttavia, Patton nutriva gli stessi dubbi che molti ufficiali bianchi avevano sui soldati neri, ed era riluttante a impegnarli a combattere.

Il 7 novembre 1944, le Pantere Nere ebbero finalmente la loro possibilità quando attaccarono la città tedesca di Morville-les-Vic a sostegno della 26a divisione di fanteria. Bates, ferito la notte prima dello scontro, non era presente né molti dei suoi alti ufficiali bianchi. Invece, il primo attacco in città fu comandato dal capitano afroamericano John D. Long della compagnia B, che seguì il carro armato Sherman comandato dal sergente. Roy King. "Sono sicuro che i miei uomini pensavano che fossi un bastardo e mi odiavano a morte, ma mi hanno seguito", ha ricordato in seguito Long, un ufficiale senza fronzoli che proveniva da Detroit. "Erano una macchina da combattimento ben unta."

Proprio all'interno della città, il carro armato di piombo di King è stato messo fuori combattimento da un tedesco panzerfaust. Due membri dell'equipaggio di King sono rimasti feriti, i loro compagni li hanno trascinati in salvo dietro il carro armato e poi hanno continuato a uccidere il soldato con il panzerfaust e anche l'equipaggio di un cannone anticarro tedesco. King corse in aiuto di un fante bianco e fu ferito nel processo, ma rifiutò l'evacuazione e sarebbe stato ucciso in azione 12 giorni dopo. Alla fine della battaglia a Morville-les-Vic, un ufficiale tedesco avrebbe detto a Long che la condotta di King e del suo equipaggio "era eguagliata solo da quella di un equipaggio di carri armati russi in circostanze simili".

Un altro comandante del carro armato, Staff Sgt. Ruben Rivers, ha incontrato un posto di blocco tedesco che ha costretto il suo carro armato a fermarsi. Sotto il fuoco pesante delle armi di piccolo calibro del nemico, balzò fuori dal carro armato, attaccò un cavo dal suo Sherman al posto di blocco, rimontò in sella e poi fece spostare l'ostacolo dal suo carro armato fuori strada, liberando la colonna di carri armati per riprendere l'avanzata e catturare la città . Rivers avrebbe poi ricevuto la Silver Star per la sua condotta. Come King, tuttavia, Rivers sarebbe stato ucciso in azione diversi giorni dopo che la sua medaglia era stata inviata postuma alla sua famiglia in Oklahoma.

Le Pantere Nere catturarono Morville-les-Vic il 7 novembre. Tre giorni dopo, mentre l'avanzata continuava, Sgt. Lo Sherman di Warren Crecy è stato messo fuori combattimento da un cannone anticarro tedesco. Crecy saltò fuori, prese il comando di una mitragliatrice su un vicino semicingolato americano e la usò per spazzare via l'equipaggio nemico. Il giorno seguente, alla guida di un altro carro armato, Crecy smontò di nuovo sotto il fuoco quando il suo veicolo rimase bloccato nel fango e lavorò per districarlo. Mentre lo faceva, vide una mitragliatrice nemica prendere parte della fanteria della 26a divisione sotto il fuoco. Senza esitazione, Crecy salì sulla sua mitragliatrice a torretta e la usò per sopprimere il nemico. Avrebbe usato di nuovo la stessa pistola molte volte nello stesso giorno, esponendosi al fuoco nemico e distruggendo i nidi di mitragliatrici tedesche e un cannone anticarro. Anche lui avrebbe ricevuto una Stella d'Argento per il suo valore in azione.

Il capitano Long ha riassunto con orgoglio il suo orgoglio per le Pantere Nere e la loro condotta. "Non per Dio e il paese, ma per me e il mio popolo", ha detto. “Questa era la mia motivazione pura e semplice quando sono entrato nell'esercito. Ho giurato a me stesso che non ci sarebbe mai stato un titolo che dicesse che io e i miei uomini ce l'abbiamo fatta. Un soldato, in tempo di guerra, dovrebbe accettare l'idea di morire. È per questo che è lì per conviverci e dimenticarlo. Mi aspettavo di essere ucciso, ma qualunque cosa accadesse ero determinato a morire da ufficiale e da gentiluomo. . . . La città di Morville-les-Vic doveva essere un gioco da ragazzi ma era un inferno i miei uomini erano tigri, combattevano come veterani stagionati. Abbiamo i nostri grumi, ma abbiamo preso quella fottuta città".


HistoryLink.org

Il 7 novembre 1944, gli elettori approvano la formazione del porto di Klickitat. Il distretto portuale comprende il terzo occidentale della contea di Klickitat, dalla linea della contea di Skamania a poco più a est delle comunità di Dallesport e Wahkiacus. L'area del distretto portuale ospita circa 12.000 dei circa 20.000 residenti della contea. Il porto nasce per sfruttare le migliorie sul fiume Columbia derivanti dalla diga di Bonneville, completata nel 1937 a circa 25 miglia a valle di Bingen. Dopo alcune false partenze, entrerà in funzione due siti principali: un parco commerciale a Bingen Point e un parco industriale a Dallesport. Il porto gestisce anche un parco e un porto turistico vicino alle sue strutture a Bingen Point. Fin dalla sua fondazione nel 1945, lo scopo esplicito del porto è quello di "contribuire a diversificare l'economia locale e fornire più posti di lavoro e una più ampia gamma di opportunità di lavoro per i cittadini locali" (archivi del porto di Klickitat).

Origini nella diga di Bonneville

Il 29 marzo 1932, il Corpo degli Ingegneri dell'Esercito degli Stati Uniti ha presentato il suo "Rapporto 308" a Patrick J. Hurley, Segretario alla Guerra, raccomandando la costruzione di 10 dighe lungo il fiume Columbia per scopi di navigazione, miglioramento dell'energia idraulica, controllo delle inondazioni, e irrigazione. Il rapporto ha osservato che il commercio nella parte centrale della sezione inferiore di marea del Columbia (contea sudoccidentale di Klickitat) era "non importante, ma ci sono tutte le ragioni per prevedere un commercio sostanziale con grandi economie di trasporto se il fiume è migliorato per una chiatta efficiente ed economica navigazione" (Rapporto sul fiume Columbia e sugli affluenti minori).

La diga di Bonneville è stata messa in servizio il 6 giugno 1938. Si trova tra Washington e l'Oregon nella Columbia River Gorge, non lontano dalla contea di Klickitat. Una diga costruita lungo il fiume significava che la gente della contea di Klickitat poteva sperare in una riduzione delle tariffe di spedizione e in acque più navigabili per il commercio. Anche prima del completamento, c'era molta discussione nella contea sulla formazione di un porto a livello di contea al fine di migliorare il commercio.

Il 12 aprile 1937, al Brown's Café di Bingen si tennero tavole rotonde sulla possibilità di formare un distretto portuale a livello di contea. Tra i vantaggi menzionati c'era il fatto che un porto avrebbe dato alla contea un maggiore controllo sulle tariffe di spedizione e l'opportunità di migliorare le strutture del terminal con il Corpo degli ingegneri dell'esercito degli Stati Uniti. La discussione sulla formazione di un distretto portuale continuò per tutto il 1938, ma non fu fatto nulla.

Nel 1944 il rinnovato interesse per un porto pubblico fu ispirato dall'aumento della domanda di legname a causa della guerra (seconda guerra mondiale), legname che ora poteva essere spedito economicamente lungo la Columbia. Dopo gli incontri di successo a Bingen e White Salmon a luglio, sono state fatte circolare petizioni allo scopo di includere la formazione del porto nel ballottaggio di novembre. Entro agosto, secondo La sentinella di Goldendale, la metà occidentale della contea di Klickitat, dove doveva essere situato il porto, era a sostegno unanime del progetto.

Il 7 novembre 1944, gli elettori approvarono la formazione del porto con un voto di 507 voti a favore contro 143, che fu ufficialmente confermato il 20 novembre 1944. Il distretto n. 1 della contea di Klickitat doveva essere creato il secondo lunedì di gennaio del successivo anno.

Prime mosse

L'8 gennaio 1945, i primi tre commissari portuali prestarono giuramento e fu istituito il porto di Klickitat. Il porto era organizzato in tre distretti commissari separati (divisioni che esistono fino ad oggi): il distretto n. 1 comprendeva Bingen, White Salmon, Columbia e il distretto n. 2 di Burdoin Heights comprendeva Lyle, Klickitat, Hartland, North Dalles, Wahkiacus e Appleton e il Distretto n. 3 comprendevano Fruit Valley, Husum, Trout Lake, Laurel, Glenwood e Major Creek.

Il primo presidente e commissario del Distretto n. 2 fu Homer H. James (1884-1967) di Lyle. James sarebbe stato continuamente commissario per 22 anni fino alla sua morte nel 1967. James è stato uno dei primi e più accesi sostenitori del distretto portuale e ha tenuto una forte presenza nella politica portuale per oltre 20 anni. Insieme a Leon D. Killian e Steve F. Wnuk, commissari rispettivamente del Distretto n. 1 e del Distretto n. 3, i commissari avrebbero dovuto prestare servizio "gratuitamente e stanno pianificando di gestire il distretto nel modo più vantaggioso per il pubblico" (Mt. Adams Sun, 12 gennaio 1945).

I commissari portuali annunciarono i loro piani l'8 settembre 1945. Il commissario James cercò di sviluppare la sua città natale di Lyle come principale sito portuale. Il commissario Wnuk ha annunciato che si stava prendendo in considerazione un aeroporto per l'area del Monte Adams al fine di aumentare il turismo nella regione.

Tuttavia, lo sviluppo inizialmente si è concentrato su Bingen, un sito proposto per la prima volta dal commissario Killian. Il Corpo degli Ingegneri dell'Esercito degli Stati Uniti acconsentì e propose di sviluppare "un canale su chiatte per il lungomare di Bingen, Washington. a condizione che gli interessi locali fornissero gratuitamente agli Stati Uniti tutti i diritti di passaggio, accettassero di mantenere profondità nel bacino di ormeggio e di costruire, gestire e mantenere le strutture di ormeggio necessarie nel bacino" (Cronologia annotata). Il primo budget del porto fu approvato a $ 8781,07 per il 1946.

Il Canale Chiatta a Bingen West

Bingen si trova lungo il fiume Columbia, a circa 70 miglia a monte di Portland. La sua vicina città, White Salmon, si affaccia su Bingen ed è strettamente associata alla cittadina. A meno di due miglia da Bingen si trova il ponte sul fiume Hood che collega Washington a Hood River, nell'Oregon. Considerando che l'Oregon è esente da imposte sulle vendite, un significativo sviluppo al dettaglio dell'area di Bingen-White Salmon è stato generalmente considerato improbabile a causa della vicinanza di Hood River. Tuttavia, si è verificato uno sviluppo commerciale.

L'Army Corps of Engineers propose che il canale su chiatta fosse costruito a Bingen East, noto anche come Bingen Point, dal Columbia all'area del porto, un sito protetto dai venti di Gorge. Il Congresso ha autorizzato il finanziamento per il progetto del porto nel 1946, ma sfortunatamente i proprietari hanno rifiutato di vendere e il porto non è stato in grado di acquistare terreni a Bingen East.

Il porto ha dovuto aspettare sei anni, fino al 1952, per acquistare un terreno a Bingen West, che non era la sua scelta originale. A Bingen West il porto ha acquistato 126,49 acri vicino al ponte sul fiume Hood, e lì si è verificato lo sviluppo iniziale.

Nel 1952 si insediò il primo direttore del porto, Deane R. Nichols, come approvato dalla risoluzione 1-52. Nominato dai tre commissari portuali, il gestore portuale doveva gestire l'operatività quotidiana del porto secondo le politiche stabilite dalla commissione.

Nel 1953 il primo canale su chiatta fu dragato a Bingen West. Si estendeva per 2.000 piedi "dal fiume principale all'area del porto" (Cronologia annotata). Il porto ha speso $ 42.000 per costruirlo e altri $ 25.175 per l'acquisto di proprietà a Bingen West tra il 1952 e il 1955. Ma i forti venti da ovest hanno minacciato la fattibilità di Bingen West come un efficace canale di chiatte, e nonostante tutti questi investimenti nel 1956 lo sviluppo aggiuntivo in quella posizione è stato visto come sempre meno attraente. Nel febbraio 1957 il commissario Don Reed si dimise per la sua opposizione a un ulteriore sviluppo a Bingen West.

Torna a Bingen Est

Dopo un'udienza pubblica il 9 settembre 1958, il porto di Klickitat adottò la risoluzione 4-58, che modificava lo schema globale di sviluppo portuale del distretto. Successivamente, Bingen East divenne il fulcro di un ulteriore sviluppo.

Bingen West è stato inondato nel 1964 e di nuovo nel 1965, questo ha richiesto assistenza in caso di catastrofe. Nel 1966 il Porto decise di valutare la proprietà di Bingen West e nel corso degli anni successivi vendette vari appezzamenti di terreno. Gran parte di esso alla fine è andato a SDS Lumber.

Dopo il deludente investimento del porto a Bingen West, il punto di interesse originale a Bingen East è diventato sempre più attraente. Alla fine del 1958 il porto annunciò un piano per l'acquisto di 233 acri a Bingen East. Il porto trascorse i prossimi anni acquistando proprietà lì in preparazione di nuovi importanti sviluppi. Nel 1963 il porto ha accettato un nuovo piano di sviluppo "basato sulla piena capacità di prestito del nuovo porto" al fine di migliorare le infrastrutture e costruire un porto turistico (Cronologia annotata). Il progetto del porto di Bingen è stato stimato in $ 363.245 e il Corpo degli Ingegneri lo ha completato all'inizio del 1964.

Nonostante la rinnovata attenzione a Bingen East, gli anni successivi furono tranquilli quando il porto iniziò a prendere in considerazione la costruzione di un parco industriale a North Dalles. Il porto ha venduto parte dei suoi terreni a East Bingen nei primi anni '70 alla città per un progetto di sviluppo delle fognature e a SDS legname da aggiungere al terreno di quell'azienda a West Bingen.

La questione del progetto Barge

Alla fine del 1975 il porto iniziò a considerare la costruzione di strutture a Bingen per gestire chiatte di tronchi pesanti per la navigazione nell'area di Portland. La questione del porto turistico di Bingen che fungeva da terminal di chiatte era stata discussa sin dagli anni '40 ed era considerata una parte fondamentale dello sviluppo a lungo termine del porto. Alla fine del 1975 il porto aveva investito più di $ 100.000 nel progetto proposto.

La proposta è stata oggetto di un ampio dibattito. In una riunione della Commissione per la pianificazione del salmone bianco e Bingen, il dibattito è andato dal sostegno assoluto al progetto a un cauto scetticismo. La capacità del porto di gestire sia il traffico di imbarcazioni da diporto che il trasporto di tronchi è stata messa in discussione, con un partecipante che ha notato che "l'uno o l'altro avrebbe avuto la precedenza tra 20 o 30 anni nel Boat Harbour" (Cronologia annotata). Alla fine del 1977 il dibattito si era spento e i costruttori che lavoravano al progetto avevano cessato l'attività.

L'attività a Bingen East rallenterebbe fino alla metà degli anni '80, con la maggior parte dell'attenzione del porto concentrata a monte sul suo nuovo sviluppo a North Dalles (in seguito ribattezzato Dallesport).

Dallesport, precedentemente noto come North Dalles, si trova a circa 30 miglia a est di Bingen, attraverso il Columbia da The Dalles, nell'Oregon. L'interesse del porto in esso risale al 1947, quando i verbali del porto registrano una proposta da parte delle parti a The Dalles, nell'Oregon, per costruire un porto lì. Nel 1955 Dallesport è stato ancora una volta menzionato come sito di interesse in risposta al ponte Dalles recentemente completato e alla diga di Dalles che sarà presto completata. Il porto era interessato alla costruzione di un parco industriale a Dallesport per sfruttare i miglioramenti fluviali e commerciali e per completare i suoi sforzi a Bingen.

Sebbene nessun acquisto di terreni fosse avvenuto per molti anni, nel 1957 il porto aggiunse formalmente Dallesport ai suoi piani a lungo termine. Nel 1965 il porto aveva preso sul serio l'acquisizione del terreno e nel 1966 iniziò formalmente il progetto annunciando l'intenzione di acquistare il terreno in eccesso dal Corpo degli Ingegneri, terra che era rimasta inutilizzata dopo il completamento del progetto della diga di Dalles.

Nel 1969 il porto accettò una sovvenzione dell'Amministrazione per lo sviluppo economico di $ 2.073.000 per lo sviluppo di un parco industriale a Dallesport e acquistò 375 acri di terreno dal Corpo degli Ingegneri. La sovvenzione EDA è stata fornita sulla base della logica che il porto avrebbe sviluppato un sito in grado di gestire le esigenze industriali e commerciali della comunità.

Nel 1970 la Dow Chemical Company era pronta a diventare il primo grande cliente del porto a Dallesport. Dalla fine degli anni '60, Dow era interessata alla costruzione di un importante impianto di riduzione del magnesio a Dallesport, ma i negoziati sarebbero durati fino al decennio successivo. Dow ha fatto progressi nelle sue strutture, ma nel 1975 il progetto stava cominciando a crollare. La Dow semplicemente non è stata in grado di mettere a disposizione il capitale per completare il suo impianto di riduzione del magnesio.

Il fallimento del progetto Dow ha portato complicazioni finanziarie e legali per il porto che sarebbero durate fino al giugno 1980. Nonostante il sito non fosse stato sviluppato per la maggior parte degli anni '70, c'era qualcosa di buono che veniva dal ritiro dell'azienda. L'accordo con Dow è stato abbastanza sostanziale da togliere il debito al porto, liberare $ 1 milione della sovvenzione EDA e fornire al porto una sana riserva di cassa. Ad esempio, questi fondi hanno permesso al porto di stipulare un contratto con Plemmons Industries per costruire un magazzino di 30.000 piedi quadrati, che il porto ha poi affittato a The Dalles Cherry Growers.

Punto Bingen

I primi anni '80 sono stati anni tranquilli per il porto, che consistevano principalmente nel portare nuovi inquilini nel sito di Dallesport. Molti consideravano la proprietà di Bingen del Porto sottoutilizzata rispetto a Dallesport. Dopo che una fattoria locale ha venduto l'ultimo frammento di terreno non di proprietà del porto nel 1986, sono state presentate proposte per lo sviluppo di Bingen Point e delle proprietà sulla spiaggia. Il 5 novembre 1986, lo sviluppo iniziò nell'attuale sito di Bingen Point.

Il porto ha impiegato vari appaltatori privati ​​per creare la sostanziale infrastruttura che è diventata il Bingen Point Business Park. Al momento del suo completamento nel 1994, erano stati investiti più di $ 2.700.000.

Una delle aggiunte del porto al sito di Bingen Point è stato il Small Business Development Center. Questo è stato costruito per aiutare a portare in piccole imprese e per promuovere il parco commerciale del porto. Il Porto ha la sua sede in questo edificio e affitta altri uffici.

Tad McGeer e Andy von Flotow hanno fondato Insitu, Inc. a Bingen nel 1994 per produrre veicoli aerei senza equipaggio (UAV) per fornire ricognizioni meteorologiche e per il monitoraggio per i pescatori commerciali. Portando posti di lavoro ad alta tecnologia e ben pagati nell'area, Insitu è ​​diventato uno dei primi grandi clienti del porto nel nuovo parco commerciale, tuttavia, è stato solo dopo gli attacchi terroristici dell'11 settembre 2001 che Insitu ha registrato un'impennata monumentale di crescita.

Insitu ha collaborato con Boeing su un contratto militare nel 2002 e da allora ha iniziato a sviluppare molti nuovi progetti. Il porto ha accolto con entusiasmo l'azienda e nel 2004 ha aperto una nuova struttura di 25.000 piedi quadrati per consentire a Insitu di espandere le proprie capacità produttive. Nel 2007 il porto ha inoltre aperto una struttura di 15.000 piedi quadrati per Insitu.

Attualmente, Insitu sviluppa velivoli senza pilota per l'utilizzo da parte delle forze armate australiane, canadesi e statunitensi. È il più grande inquilino del porto e il suo successo è stato un grande impulso per l'economia locale. Nel 2006 l'allora sindaco di Bingen Brian Prigel ha descritto la presenza di Insitu come "praticamente tutti i vantaggi e nessun aspetto negativo" (il colombiano, 19 novembre 2006). Da tre dipendenti nel 2001, l'azienda impiega oggi più di 700 persone, molte delle quali lavorano presso il Bingen Point Business Park.

Porto di Klickitat oggi

Il porto di Klickitat sta attualmente cercando di espandere il suo recente successo con le piccole imprese nelle sue strutture a Bingen Point e Dallesport. Esclusi i tre commissari eletti, quattro dipendenti lavorano direttamente per il Porto.

Attualmente, il porto dispone di 52 acri a Bingen Point disponibili per usi industriali e commerciali leggeri. Il porto mantiene l'accesso dal lungomare al porto turistico protetto di Bingen Point ed è un popolare sito ricreativo per coloro che desiderano accedere alla gola.

Più di 660 acri sono attualmente suddivisi in zone e pronti per lo sviluppo a Dallesport per uso industriale leggero e pesante. Dallesport mantiene notevoli strutture di spedizione e commerciali. Il porto è attualmente alla ricerca di clienti di piccole imprese che desiderano sviluppare strutture sulla proprietà del porto, sia a Bingen Point che a Dallesport.

A partire dal 2010, il porto ha attratto tutti i tipi di attività, dai produttori di prodotti in fibra di carbonio e veicoli aerei senza equipaggio alla lavorazione della frutta, una fonderia e un'azienda specializzata in tronchi. Gli obiettivi futuri includono il miglioramento delle infrastrutture sia nei siti di Bingen Point che di Dallesport per favorire l'ulteriore sviluppo, aumentare i posti di lavoro salariati familiari e sostenere la comunità locale.

Associazione dei porti pubblici di Washington

Nave da crociera sul fiume Columbia Esploratore coloniale al porto di Klickitat chiatta dock, Dallesport, Klickitat County, 1980s

Per gentile concessione del porto di Klickitat

Mappa del distretto del porto di Klickitat

Per gentile concessione del porto di Klickitat

Bonneville Dam alle Cascades of the Columbia, 1934

Foto di Asahel Curtis, Courtesy UW Special Collections (Neg. CUR65027)

Sito del futuro porto di Klickitat dopo essere stato inondato dalla diga di Bonneville, Bingen, anni '40

Per gentile concessione del porto di Klickitat

Futuro sito del porto di Klickitat prima di essere inondato dalla diga di Bonneville, Bingen, 1937

Per gentile concessione del porto di Klickitat

Il commissario Oliver P. Kreps (a destra) acquista ufficialmente dal colonnello Bangert il terreno del Corpo degli Ingegneri dell'Esercito degli Stati Uniti che diventerà il Complesso industriale di Dallesport (a sinistra), 1966


HistoryLink.org

Il 7 novembre 1944, i Democratici spazzano le elezioni nazionali e statali per inviare Warren G. Magnuson (1905-1989) al Senato degli Stati Uniti e per conferire al presidente Franklin D. Roosevelt (1882-1945) un quarto mandato senza precedenti. Il leader della Washington Commonwealth Federation Hugh DeLacy (1910-1986) vince l'ex seggio di Magnuson al Congresso. Gli elettori di Seattle e Washington sconfiggono anche un'imposta sul reddito del 3%, un sistema di sicurezza sociale in tutto lo stato e modifiche alla struttura dei servizi pubblici.

Mentre la seconda guerra mondiale entrava nel suo ultimo e più costoso anno, Roosevelt ebbe la meglio sul governatore di New York Thomas E. Dewey (1902-1971) ei Democratici mantennero il controllo del Congresso. Four-term Congressman Magnuson defeated Tacoma Mayor Harry P. Cain, who was on active duty as a paratrooper in Europe during the campaign.

Magnuson was first elected to the 1st District seat in U.S. House of Representatives in 1936, succeeding Marion Zioncheck (1901-1936), who committed suicide that same year. Magnuson succeeded fellow Democrat Senator Homer T. Bone, who was appointed to the U.S. Court of Appeals in 1944. Under intense pressure, lame duck Gov. Langlie appointed Magnuson to take Bone's vacant Senate seat on December 13, 1944, providing him additional seniority, which would boost his rise to power in Washington, D.C.

U.S. Senator Mon Wallgren defeated incumbent Governor Arthur Langlie, a former Seattle mayor and Republican (who would regain the governor's office four years later). Governor Wallgren later appointed Hugh Mitchell, his former secretary, to finish his U.S. Senate term. Harry P. Cain defeated Mitchell two years later. Democrats also kept their majority in the state legislature.

DeLacy beat Republican Robert Harlin for Magnuson's First District seat in Congress. A Seattle City Councilman, wartime shipyard worker, and former teacher at the University of Washington, DeLacy also headed the Washington Commonwealth Federation, a coalition of liberal political organizations formed in 1935. The WCF's adherence to left-wing positions such as pensions, production-for-use, and support of the Soviet Union led to its branding as a Communist Front. DeLacy was defeated two years later in a post-war Republican sweep of electoral offices.

Statewide, turnout for the election was almost 85 percent. Returns for selected races are as follows:

  • Franklin D. Roosevelt (D) - 486, 774
  • Thomas E. Dewey (R) - 361,689

Henry M. Jackson Foundation

Mon Wallgren (1891-1961) and Warren Magnuson (1905-1989)

Courtesy UW Special Collections

Fonti:

Shelby Scates, Warren G. Magnuson and the Shaping of Twentieth Century America, (Seattle: University of Washington Press, 1997), 110-114 Ross Cunningham, "Walgren's Lead 26,743 in 2.107 Pcts." The Seattle Daily Times, November 9, 1944, p. 1, 11 "Voters Indorse

Better Schools," Ibid., 2 "Demos lose, Gain in Legislature," Ibid., 10 "Record Vote Cast in Seattle," Ibid., 11 Washington Secretary of State, Abstract of Votes polled in the State of Washington at the General Election, November 8, 1944, (Olympia: Secretary of State, 1944).


Background and party nominations

In the election of 1940, prior to the entry of the United States into World War II, Roosevelt had shattered the two-term presidential tradition that had been established by the country’s first president, George Washington. In 1944, not surprisingly, the dominant issue of the presidential and congressional elections was the disposition and competency of the candidates to deal with the prosecution of the war and the no-less-formidable problems that would confront the United States, as the most powerful of the Allies, in the establishment of a just and lasting peace when the fighting was over.

In his previous three presidential runs, Roosevelt had faced little challenge from the Republican Party, and, with the war continuing, observers found it highly unlikely that the opposition would be able to mount much of a campaign against the president. In the Republican primaries, three candidates emerged: Dewey, the governor of New York John W. Bricker, the governor of Ohio and Harold Stassen, the former governor of Minnesota. By the time the Republican convention began in Chicago on June 26, however, both Bricker and Stassen had withdrawn, and Dewey was nominated on the first ballot. Bricker, in turn, was unanimously selected as the party’s vice presidential candidate. The Republicans adopted a platform that favoured the creation of a United Nations and the strengthening of the military—at least until Germany and Japan had been defeated—but it criticized the administration in a number of areas, particularly the enormous deficit that had been generated during the war and the centralization of power in the executive branch.

The Democratic convention was held in Chicago on July 19–21. It was a foregone conclusion that Roosevelt would be renominated, but there was considerable opposition to renominating the sitting vice president, Henry A. Wallace (as his initial nomination had caused dissent). Instead of designating a vice presidential nominee, Roosevelt made no formal declaration of support for anyone. On the first ballot, Wallace led but lacked the necessary delegates to clinch the nomination, and Missouri senator Harry S. Truman was second. Southern states eventually shifted their votes to Truman, enabling him to win after the second ballot. In his acceptance speech, which was delivered by radio to the Chicago convention from a secret naval base in California, Roosevelt declared that he would not have the time or the inclination to campaign in “the usual partisan sense.” The Democratic platform that was adopted called for the successful prosecution of the war and the postwar creation of a United Nations.


2.SS "Das Reich" in November 1944.

Posta da Timo » 23 Dec 2002, 14:26

Regarding the license plate thread in the equipment forum, can somebody tell me if the Das Reich Division, during preparation for the Ardennes offensive, entered the Eifel before 10 November 1944 or after that date?

Posta da JC » 23 Dec 2002, 15:14

According to Die Deutschen Divisionen 1939-1945 band 1, DR was in the Prüm area (which, I beleive, is in the Eifel) from early September until 23 October, when they moved to the Brilon area (south of Büren). They stayed there until 11 November when they moved to the Krefeld area. They re-entered the Eifel on about December 19 as they approached St. Vith from the east.

Hope that is of some help to you.

PS: I've now read the license plate thread you mention, and should add that DR arrived in Prüm from Huy. Therefore elements may have passed through La Gleize in transit!

Posta da Timo » 23 Dec 2002, 16:04

In that case the license plate mystery is solved. They entered the Eifel after O-Tag (16.12.1944) so there was no need to cover the Sigrunen or other ID-marks.


7 November 1944 - History

Each defendant was accused of one or more of four charges: conspiracy to commit crimes alleged in other counts crimes against peace war crimes or crimes against humanity. Specific charges included the murder of over 6 million Jews, pursuing an aggressive war, the brutality of the concentration camps and the use of slave labor. The judges represented the major victors in the war in Europe - Britain, France, the Soviet Union and the United States. The defendants all proclaimed their innocence, many declaring that they were just following orders or questioning the authority of the court to pass judgment.

The verdicts were announced on October 1, 1946. Eighteen of the defendants were found guilty while three were acquitted. Eleven of the guilty were sentenced to death by hanging, the remainder received prison sentences ranging from 10 years to life.

The Defendants React to their Sentences

Goering came down first and strode into his cell, his face pale and frozen, his eyes popping. 'Death!' he said as he dropped on the cot and reached for a book. His hands were trembling in spite of his attempt to be nonchalant. His eyes were moist and he was panting, fighting back an emotional breakdown. He asked me in an unsteady voice to leave him alone for a while.

When Goering collected himself enough to talk, he said that he had naturally expected the death penalty, and was glad that he had not gotten a life sentence, because those who are sentenced to life imprisonment never become martyrs. But there wasn't any of the old confident bravado in his voice. Goering seems to realize, at last, that there is nothing funny about death, when you're the one who is going to die.

Rudolph Hess
Hess strutted in, laughing nervously, and said that he had not even been listening, so he did not know what the sentence was and what was more, he didn't care. As the guard unlocked his handcuffs, he asked why he had been handcuffed and Goering had not. I said it was probably an oversight with the first prisoner.

Hess laughed again and said mysteriously that he knew why. (A guard told me that Hess had been given a life sentence.)

Ribbentrop wandered in, aghast, and started to walk around the cell in a daze, whispering, 'Death!-Death! Now I won't be able to write my beautiful memoirs. Tsk! Tsk! So much hatred! Tsk! tsk!' Then he sat down, a completely broken man, and stared into space. . .

Keitel was already in his cell, his back to the door, when I entered. He wheeled around and snapped to attention at the far end of the cell, his fists clenched and arms rigid, horror in his eyes. 'Death-by hanging!' he announced his voice hoarse with intense shame. 'That, at least, I thought I would be spared. I don't blame you for standing at a distance from a man sentenced to death by hanging. I understand that perfectly. But I am still the same as before. - If you will please only - visit me sometimes in these last days.' I said I would.

Franco smiled politely, but could not look at me. 'Death by hanging,' he said softly, nodding his head in acquiescence. 'I deserved it and I expected it, as I've always told you. I am glad that I have had the chance to defend myself and to think things over in the last few months.'

Doenitz didn't know quite how to take it. 'Ten years! - Well - anyway, I cleared U-boat warfare. - Your own Admiral Nimitz said - you heard it.' He' said he was sure his colleague Admiral Nimitz understood him perfectly

Jodl marched to his cell, rigid and upright, avoiding my glance. After he had been unhandcuffed and faced me in his cell, he hesitated a few seconds, as if he could not get the words out. His face was spotted red with vascular tension. 'Death - by hanging! - that, at least, I did not deserve. The death part - all right, somebody has to stand for the responsibility. But that -' His mouth quivered and his voice choked for the first time. 'That I did not deserve.'


Guarda il video: Nati - 7 Novembre (Agosto 2022).