Popoli, Nazioni, Eventi

Le Isole del Canale e la seconda guerra mondiale

Le Isole del Canale e la seconda guerra mondiale

Le Isole del Canale furono l'unica parte del Regno Unito ad essere occupata dalle forze naziste durante la seconda guerra mondiale. Le Isole del Canale hanno sofferto di conseguenza e mentre ciò che è accaduto sulle isole è stato su piccola scala rispetto a paesi come la Francia o la Polonia, è stato segnato l'impatto dell'invasione nazista sulle Isole del Canale.

L'esercito tedesco ha invaso le Isole del Canale il 30 giugnoesimo 1940. Da quel giorno la vita quotidiana degli isolani cambiò notevolmente. Alcuni decisero che non avevano altra scelta che lavorare con i tedeschi e che erano collaboratori di marca. Altri hanno scelto la resistenza passiva. Per Hitler le isole avevano un enorme valore strategico. Le sezioni più fortificate della parete atlantica si trovavano nelle Isole del Canale. Tuttavia, la valutazione di Hitler sulle isole era sbagliata. Winston Churchill li abbandonò immediatamente come persi e riconobbe che avevano poca importanza strategica per il Regno Unito mentre i nazisti facevano grande uso della loro occupazione nei film di propaganda.

I nazisti occuparono le Isole del Canale per cinque anni. L'impatto più importante su coloro che vivevano sulle isole colpì gli ebrei o quelli classificati come ebrei. Il 18 ottobreesimo 1940, fu approvata una legge sulle Isole del Canale che imponeva a tutti gli ebrei di registrarsi presso le autorità civili. Coloro che erano coinvolti in questo all'interno del governo erano guidati da Clifford Orange. Fu severamente criticato dagli isolani dopo la fine della guerra in Europa a causa dello zelo che mise nel suo lavoro. Ciò che condannava Orange era il fatto che classificasse quelli che non erano ebrei come ebrei. La legge nazista affermava che se tu avessi un nonno che era ebreo, eri ebreo. Orange lo ha applicato rigorosamente. Tuttavia, è noto che almeno 2 famiglie erano classificate come ebrei quando, in realtà, non rientravano nei criteri nazisti. Questo è stato incolpato di Orange. Sarebbe facile criticare Orange e coloro che lavoravano per lui, ma loro stessi erano soggetti alla legge nazista. Se Orange avesse fallito nel suo compito, era certo che i suoi padroni lo avrebbero arrestato.

Nel maggio del 1941 le autorità naziste sequestrarono tutte le attività ebraiche nelle Isole del Canale. Nessuno dei proprietari ha ricevuto un risarcimento.

Voci si diffondono tra le isole per quanto riguarda il trattamento degli ebrei. Tuttavia, ora è accettato che non ci sono prove di alcun ebreo maschio arrestato dalla popolazione delle isole. È noto che tre donne ebree furono arrestate e che furono assassinate nel campo di sterminio di Auschwitz in Polonia. Circolavano voci all'interno delle isole secondo cui alcune famiglie ebree si erano suicidate piuttosto che affrontare i traumi di essere fatti prigionieri. Tuttavia, tali voci non sono mai state confermate e quasi certamente erano basate sulla propaganda alleata.

Nel settembre del 1942, le autorità tedesche annunciarono che tutti i soggetti britannici sulle Isole del Canale che non avevano documenti di residenza permanente sarebbero stati espulsi. La polizia sull'isola doveva imporre questo. 2.200 furono deportati nella Germania nazista per la durata della guerra.

Con lo sviluppo della guerra, gli isolani si opposero sempre più all'occupazione nazista. Gli occupanti tedeschi avevano preso il controllo dei media minimali delle isole - principalmente giornali e radio. Di conseguenza, sono stati stampati fogli di notizie illegali. Il più famoso fu il foglio delle notizie sotterranee di Guernsey (GUNS), le cui copie venivano spesso gettate sul retro di macchine naziste o affisse nelle piazze di città / villaggio. Coloro che hanno prodotto "GUNS" sono stati traditi da un isolano chiamato Paddy O'Doyle e hanno ricevuto condanne da 10 a 15 mesi in una prigione tedesca.

Nel marzo del 1943, le autorità tedesche sulle Isole del Canale credevano che le trasmissioni radio dalla terraferma avessero sempre più un effetto dannoso sugli isolani. L'ascolto della BBC è stato reso illegale e tutte le radio sono state confiscate. Gli isolani hanno cercato di aggirare il problema costruendo i propri set di cristalli, ma ottenere parti per questi era estremamente difficile.

I prigionieri di guerra dall'est Europa erano stati portati come schiavi nelle Isole del Canale per costruire la parete atlantica. Alcuni sono fuggiti e sono stati aiutati dagli isolani. La punizione per l'aiuto ai braccianti era severa. Due sorelle anziane furono accusate di aver tradito coloro che aiutavano i lavoratori fuggiti, ma dopo la guerra non furono raccolte prove sostanziali contro Lily e Maude Vibert e non furono processate e quindi non furono mai ritenute colpevoli.

Durante la loro occupazione ebbe luogo una sola esecuzione pubblica sulle Isole del Canale. La storia è strana e tragica. Sedici francesi lasciarono la Francia occupata con l'intenzione di unirsi ai francesi liberi nel Regno Unito. Atterrarono nelle Isole del Canale, ma credevano di trovarsi nell'Isola di Wight. Cedendosi agli "inglesi", furono arrestati dai nazisti. Il leader, Francois Sourbet, è stato processato e fucilato dalla squadra di fuoco.

Le vite per gli isolani cambiarono radicalmente dopo un raid sul commando britannico, nome in codice "Operazione Bassault" nell'ottobre del 1942. Dieci commando sbarcarono a Hog's Back, in un'incursione che aveva lo scopo di dare cuore agli abitanti dell'entroterra e destabilizzare i tedeschi sull'isola. In effetti serviva solo a rafforzare la sicurezza dei tedeschi sull'isola e limitare ulteriormente gli stili di vita di coloro che vivevano nelle Isole del Canale. In totale, furono compiute sei incursioni di commando su isole che Churchill aveva dichiarato specificamente non avere alcun valore strategico.

Dopo il D-Day, e nel timore di incursioni di commando più consistenti, i nazisti adottarono un approccio più rigoroso per controllare gli isolani. Tutte le spiagge sono state minate e messe fuori limite per i civili sulle isole. Le isole furono usate come base per il trattamento dei soldati tedeschi feriti nelle battaglie nel nord della Francia dopo che gli Alleati erano scoppiati dai loro capi il 6 giugnoesimo. Una volta sempre più la Francia settentrionale fu liberata dal controllo nazista, sempre più isolani della Manica cercarono di arrivarci per sfuggire al dominio nazista sulle isole.

Una volta diventato chiaro che il dominio nazista in Europa occidentale stava per finire, la gente delle Isole del Canale si rivolse a coloro che consideravano collaboratori. Le persone di Sark erano tutte classificate come tali da quelle delle isole più grandi. Tuttavia, le dimensioni ridotte dell'isola significavano che le persone lì non avevano altra scelta che fare ciò che potevano per andare avanti con gli occupanti tedeschi che avrebbero potuto peggiorare la vita se non lo fossero stati. Anche le donne sulle isole che erano diventate troppo amichevoli con i tedeschi furono prese di mira. Conosciuta come "Jerry Bags" o "Collaboratori orizzontali", la vita divenne difficile per loro se rimasero sulle isole una volta che i tedeschi se ne fossero andati.