Podcast di storia

Gli ordini di Lee - Storia

Gli ordini di Lee - Storia


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Aiutante e ispettore generale

RAPPORTO DI BATTAGLIA DEI SETTE GIORNI

Quartier Generale dell'Esercito della Virginia Settentrionale 6 marzo 1863

Signore:

Dopo la battaglia di Seven Pines, l'esercito federale guidato dal generale McClellan, preparatorio per un'avanzata su Richmond, procedette a fortificare la sua posizione sul Chickahominy ea perfezionare le comunicazioni con la sua base di rifornimenti vicino alla testa del fiume York.

La sua sinistra era stabilita a sud del Chickahominy, tra White Oak Swamp e New Bridge, difeso da una linea di robuste opere, il cui accesso, tranne alcune strade strette, era ostruito dall'abbattimento dei fitti boschi antistanti. Queste strade erano comandate a grande distanza dai cannoni pesanti nelle fortificazioni.

L'ala destra si trovava a nord del Chickahominy, estendendosi oltre Mechanicsville, e gli accessi dal lato sud erano fortemente difesi da trincee.

Il nostro esercito era intorno a Richmond, le divisioni di Huger e Magruder, appoggiate da quelle di Longstreet e D.H. Hill, davanti alla sinistra del nemico, e quella di A.P. Hill che si estendeva dalla sinistra di Magruder oltre Meadow Bridge. Il comando di Genl Jackson, inclusa la divisione di Ewell, che operava nella Shenandoah Valley, riuscì a distogliere l'esercito di McDowell a Fredericksburg dall'unirsi a quello di McClellan.

Per rendere più deciso questo diversivo e mascherare efficacemente il suo ritiro dalla Valle al momento opportuno, Jackson dopo la sconfitta di Fre'mont e Shields fu rinforzato dalla divisione del [Generale William HC] Whiting, composta dalla brigata Texas di Hood, e dalla sua sotto Col

[Evander M] Law, da Richmond, e quella del [General Alexander R. ] Lawton da sud.

L'intenzione del nemico sembrava essere quella di attaccare Richmond con approcci regolari. La forza della sua ala sinistra rendeva un assalto diretto come poco giudizioso, se non impraticabile. Si decise quindi di costruire linee difensive 50 in modo da consentire a una parte dell'esercito di difendere la città, e lasciare l'altra parte libera di attraversare il Chickahominy e operare sulla sponda nord. Spazzando lungo il fiume da quel lato e minacciando le sue comunicazioni con il fiume York si pensava che il nemico sarebbe stato costretto a ritirarsi o a dare battaglia fuori dalle sue trincee. Il piano è stato sottoposto a Sua Eccellenza il Presidente, che è stato ripetutamente sul campo nel corso della sua esecuzione.

Mentre erano in corso i preparativi, una spedizione di cavalleria, guidata dal generale Stuart, fu fatta intorno alle retrovie dell'esercito federale, per accertarne la posizione e i movimenti. Questo fu eseguito con grande indirizzo e audacia da quell'ufficiale compiuto.

Non appena le opere difensive furono sufficientemente avanzate, il generale Jackson fu incaricato di muoversi rapidamente e di nascosto dalla Valle, in modo da arrivare nelle vicinanze di Ashland entro il 24 giugno. Il nemico sembrava non essere a conoscenza del nostro scopo e il 25 attaccò GenI Huger sulla Williamsburg

spedizione stradale, con l'intenzione, come apparso da un gen! McClellan, di assicurarsi la sua avanzata verso Rich

umore.

Lo sforzo è stato resistito con successo e la nostra linea è stata mantenuta.

BATTAGLIA DI MECCANICSVlLLE

Secondo

all'ordine generale di battaglia [Ordine Generale N0. },

una copia della quale è allegata, il generale Jackson doveva marciare da Ashland il 25 in direzione di Slash Church, accampandosi per il gilet notturno della Central Railroad, e avanzare alle 3 del mattino. m. il 26 e girare Beaver Dam. A. P Hill doveva attraversare il Chickahominy a Meadow Bridge quando l'avanzata di Jackson oltre quel punto doveva essere nota, e passare direttamente a Mechanicsville. Non appena il ponte di Mechanicsville

dovrebbero essere scoperti Longstreet e D. Hill erano

per attraversare, il secondo per procedere al sostegno di Jackson, e il primo a quello di A. P Hill. I quattro comandi erano diretti a percorrere il lato nord del Chickahominy verso la York River Railroad, Jackson a sinistra e in anticipo, Longstreet più vicino al fiume e nella parte posteriore. Huger e Magruder ricevettero l'ordine di mantenere le loro posizioni contro qualsiasi assalto del nemico, di osservare i suoi movimenti e di seguirlo da vicino se si fosse ritirato.

Il generale Stuart 4th la cavalleria fu lanciata alla sinistra di Jackson per proteggere il suo fianco e dare avviso dei movimenti del nemico. Il generale di brigata [William N. Pendleton fu incaricato di impiegare l'artiglieria di riserva in modo da resistere a qualsiasi approccio del nemico verso Richmond, di sovrintendere a quella parte di essa postata per aiutare nelle operazioni della sponda nord e di tenere il resto pronto per l'uso quando potrebbe essere richiesto.

A causa di inevitabili ritardi, l'intero comando di GenI Jackson non è arrivato ad Ashland in tempo per consentirgli di raggiungere il punto designato il 25. La sua marcia il 26 fu di conseguenza più lunga di quanto fosse stato previsto, ed essendo anche il suo progresso ritardato dal nemico, A. Hill non iniziò il suo movimento fino alle 3 p. quando attraversò il fiume e avanzò verso Mechanicsville. Dopo un aspro conflitto scacciò il nemico dalle sue trincee e lo costrinse a rifugiarsi nei suoi lavori sulla riva sinistra della diga del castoro a circa un miglio di distanza.

Questa posizione era forte, le rive del torrente di fronte erano alte e quasi perpendicolari, e l'avvicinamento ad esso su campi aperti, comandato dal fuoco dell'artiglieria e della fanteria trincerati sul lato opposto. La difficoltà di attraversare il torrente era stata aumentata abbattendo i boschi sulle sue sponde e distruggendo i ponti. Ci si aspettava che Jackson passasse sopra Beaver Dam e girasse a destra del nemico, Genl non ha effettuato un attacco diretto! Collina. Uno dei suoi reggimenti a sinistra della sua linea attraversò il torrente per comunicare con Jackson e rimase fino a dopo il tramonto, quando fu ritirato. Longstreet e D. Hill's attraversarono il Mechanicsville Bridge non appena fu scoperto e poteva essere riparato, ma era tardi prima di raggiungere la sponda nord del Chickahominy. La brigata principale di D. Hill sotto [il generale Roswell S. j Ripley avanzò in supporto delle truppe impegnate, e a tarda ora si unì alla brigata [del generale William Dorsey] Pender della divisione di A. Hill nel tentativo di girare a sinistra del nemico, ma le truppe non poterono nell'oscurità crescente a superare gli ostacoli, e dopo aver sostenuto un fuoco distruttore di moschetti e d'artiglieria a breve distanza, si ritirarono.

Il fuoco è continuato fino a circa 9 p. quando il fidanzamento è cessato. Le nostre truppe conservarono il terreno sulla riva destra da cui era stato cacciato il nemico. Ripley è stato sollevato alle 3 a. il 27 da due delle brigate di Longstreet che furono successivamente rinforzate. In attesa dell'arrivo di Jackson alla destra del nemico, la battaglia fu ripresa all'alba, e continuò con animazione per circa due ore, durante le quali fu tentato il passaggio del torrente, e le nostre truppe si fecero strada verso le sue sponde, dove il loro progresso fu arrestato dalla natura del ruscello.

Mantennero la loro posizione mentre si facevano i preparativi per attraversare in un altro punto più vicino al Chickahominy. Prima che fossero completati, Jackson attraversò la diga di Beaver sopra e il nemico abbandonò le sue trincee e si ritirò rapidamente lungo il fiume, distruggendo una grande quantità di proprietà, ma lasciando molto nei suoi campi deserti.

BATTAGLIA DEL CHICKAHOMINY

[Mulino di Gaines]

Dopo aver riparato i ponti sulla diga del castoro, le diverse colonne ripresero la loro marcia il più vicino possibile, come prescritto nell'ordine. Jackson, con il quale D. Hill si era unito, si diresse a sinistra, per tagliare i rinforzi al nemico o intercettare la sua ritirata in quella direzione. Longstreet e A. Hill si avvicinarono al Chickahominy. Molti prigionieri furono presi durante la loro marcia e l'incendio di carri e provviste segnò la via dell'esercito in ritirata. Longstreet e Hill raggiunsero le vicinanze di New Bridge verso mezzogiorno. Fu accertato che il nemico aveva preso posizione dietro Powhite Creek, pronto a contestare i nostri progressi. Occupava una catena di colline, con la destra appoggiata vicino alla casa di McGehee e la sinistra vicino a quella del dottor Gaines, su una scogliera boscosa, che si ergeva bruscamente da un profondo burrone. Il burrone era pieno di bersaglieri, ai quali le sue sponde davano protezione. Una seconda linea di fanteria era di stanza sul fianco della collina dietro un parapetto di alberi sopra la prima. Un terzo occupava la cresta, rinforzato con trincee di fucile e coronato di artiglieria. L'avvicinamento a questa posizione avveniva su un'aperta pianura, larga circa un quarto di miglio, comandata da questa tripla linea di fuoco e spazzata dalle pesanti batterie a sud del Chickahominy. Davanti al suo centro ea destra il terreno era generalmente aperto, delimitato sul lato del nostro approccio da un bosco, con un sottobosco fitto e intricato, e attraversato da un ruscello lento che trasformava il terreno in una profonda palude. I boschi dall'altra parte della palude erano occupati da tiratori scelti, e gli alberi erano stati abbattuti per aumentare la difficoltà del suo passaggio e trattenere le nostre colonne in avanzata sotto il fuoco della fanteria ammassata sui pendii delle colline opposte e delle batterie sul loro creste.

Proseguendo verso la York River Railroad, A. Hill, che era in anticipo, raggiunse le vicinanze di New Cold Harbor verso le 2 p. m., dove incontrò il nemico. Immediatamente formò la sua linea quasi parallela alla strada che da quel luogo portava verso la casa di McGehee, e presto si fidanzò caldamente. L'arrivo di Jackson alla nostra sinistra era momentaneamente atteso, e si supponeva che il suo avvicinamento avrebbe causato l'estensione della linea nemica in quella direzione. Sotto questa impressione, Longstreet fu trattenuto fino a quando questo movimento non avesse avuto inizio.

La parte principale dell'esercito federale era ora sul lato nord del Chickahominy. L'unica divisione di Hill ha incontrato questa grande forza con il coraggio impetuoso per cui si distinguono quell'ufficiale e le sue truppe. Respinsero il nemico e lo assalirono nella sua forte posizione sul crinale. La battaglia infuriò ferocemente e con varia fortuna per più di due ore. Tre reggimenti trafissero la linea del nemico e si fecero strada verso la cresta della collina alla sua sinistra, ma furono costretti a ripiegare prima di essere sopraffatti dai numeri. La forza superiore del nemico, assistita dal fuoco delle sue batterie a sud del Chickahominy, che giocava incessantemente sulle nostre colonne mentre si spingevano attraverso le difficoltà che ostacolavano il loro cammino, le fece indietreggiare. Sebbene la maggior parte degli uomini non fosse mai stata sotto tiro fino al giorno prima, furono radunati e a loro volta respinsero l'avanzata del nemico. Alcune brigate furono spezzate, altre mantennero ostinatamente le loro posizioni, ma divenne evidente che il nemico stava gradualmente guadagnando terreno.

L'attacco alla nostra sinistra è stato ritardato dalla lunghezza della marcia di Jackson e dagli ostacoli che ha incontrato, a Longstreet è stato ordinato di fare un diversivo a favore di Hill con una finta alla sinistra del nemico. Nel fare questa dimostrazione si scoprì la grande forza della posizione già descritta, e il generale Longstreet capì che per rendere efficace il diversivo la finta doveva essere convertita in un attacco. Decise con caratteristica prontezza di portare le vette d'assalto. La sua colonna si formò rapidamente vicino al terreno aperto. Quando i suoi preparativi furono completati, Jackson arrivò e la sua divisione di destra, quella di Whiting, prese posizione a sinistra di Longstreet. Nello stesso tempo D. Hill si formò alla nostra estrema sinistra, e dopo un breve ma sanguinoso conflitto si fece strada attraverso la palude e gli ostacoli e scacciò il nemico dal bosco sul lato opposto. Ewell avanzò alla destra di Hill e affrontò furiosamente il nemico. La prima e la quarta brigata della stessa divisione di Jackson hanno riempito l'intervallo tra Ewe!! e A. Hill. Il secondo e il terzo sono stati inviati a destra. L'arrivo di queste truppe fresche permise ad A. Hill di ritirare alcune delle sue brigate, stanche e ridotte dal loro lungo ed arduo conflitto. Essendo la linea ora completa, fu ordinato un avanzamento generale da destra a sinistra. A destra le truppe avanzavano con fermezza, non frenate dal terribile fuoco delle triple linee di fanteria sulla collina, e dai cannoni su entrambe le sponde del fiume, che esplodevano su di loro mentre uscivano sulla pianura. I morti ei feriti segnarono la via della loro intrepida avanzata, guidati dai valorosi texani, seguiti a ruota dai loro non meno audaci compagni. I nemici furono scacciati dal burrone alla prima linea di parapetti, sopra la quale la nostra impetuosa colonna si precipitò fino alle trincee della cresta. Questi furono rapidamente presi d'assalto, quattordici pezzi di artiglieria catturati e il nemico cacciato nel campo al di là. Nuove truppe vennero in suo sostegno e tentò ripetutamente di radunarsi, ma invano. Fu costretto a tornare indietro con grande massacro finché non raggiunse i boschi sulle rive del Chickahominy, e la notte pose fine all'inseguimento.

Lunghe file di morti e feriti segnavano ogni resistenza del nemico nella sua ostinata resistenza, e il campo sul quale si ritirava era cosparso di uccisi. A sinistra l'attacco non fu meno vigoroso e riuscito. Hill caricò sul terreno aperto davanti a lui, uno dei suoi reggimenti aveva portato per primo coraggiosamente una batteria il cui fuoco aveva invaso la sua avanzata. Valorosamente sostenuto dalle truppe alla sua destra, che si spinsero in avanti con incrollabile risoluzione, raggiunse la cresta della cresta, e dopo una lotta sanguinaria ruppe la linea del nemico, catturò molte delle sue batterie e lo sospinse in confusione verso il Chickahominy fino all'oscurità. reso impossibile un ulteriore inseguimento. Le nostre truppe rimasero indisturbate in possesso del campo, coperte di morti e feriti federali, e le loro forze spezzate fuggirono al fiume o vagarono per i boschi.

A causa della natura del paese, la cavalleria non poté partecipare allo scontro generale. Ha reso un prezioso servizio di guardia al fianco di Jackson e ha preso un gran numero di prigionieri.

La mattina del 28 fu accertato che nessuno dei nemici era rimasto davanti a nord del Chickahominy. Poiché potrebbe ancora avere intenzione di dare battaglia per preservare le sue comunicazioni, al 9° Cavalleria, supportato dalla divisione di Ewell, fu ordinato di impadronirsi della York River Railroad e Genl Stuart con il suo corpo principale di collaborare.

Quando la cavalleria raggiunse la stazione di spedizione, il nemico si ritirò sulla riva sud del fiume e bruciò il ponte della ferrovia. Ewell, arrivando poco dopo, ha distrutto una parte della pista. Durante la mattinata, colonne di polvere a sud del Chickahominy hanno mostrato che l'esercito federale era in movimento. L'abbandono della ferrovia e la distruzione del ponte dimostrò che non si sarebbe fatto più alcun tentativo per mantenere quella linea; ma dalla posizione che occupava, le strade che portavano verso il fiume James gli avrebbero permesso anche di raggiungere i ponti inferiori sul Chickahominy e di ritirarsi lungo la penisola. In quest'ultimo caso era necessario che le nostre truppe continuassero sulla sponda nord del fiume, e fino all'intenzione di Genl! McClellan è stato scoperto che è stato ritenuto imprudente cambiare la loro disposizione. Pecora!! fu quindi ordinato di procedere al Ponte di Bottom per sorvegliare quel punto, e alla cavalleria per sorvegliare i ponti sottostanti. Nessuna indicazione certa di una ritirata a James River è stata scoperta dalle nostre forze sul lato sud del Chickahominy, e nel tardo pomeriggio è stato riferito che le opere del nemico erano completamente presidiate. La forza di queste fortificazioni impedì ai generali Huger e Magruder di scoprire cosa stava passando davanti al loro fronte. Al di sotto delle opere del nemico il paese era fittamente boscoso e intersecato da paludi impraticabili, nascondendo al tempo stesso i suoi movimenti e precludendo le ricognizioni se non per le strade regolari, tutte fortemente presidiate. I ponti sul Chickahominy alle spalle del nemico furono distrutti e la loro ricostruzione impraticabile in presenza di tutto il suo esercito e di potenti batterie. Siamo stati quindi costretti ad aspettare che il suo scopo fosse sviluppato.

Ai generali Huger e Magruder fu nuovamente ordinato di usare la massima vigilanza e di inseguire vigorosamente il nemico se avessero scoperto che si stava ritirando. Durante il pomeriggio e la notte del 28 erano evidenti i segni di un movimento generale, e nessuna indicazione del suo avvicinamento ai ponti inferiori del Chickahominy essendo stata scoperta dalle truppe in osservazione in quei punti, divenne evidente che il generale McClellan si stava ritirando al fiume James.

BATTAGLIA DELLA STAZIONE SELVAGGIA

All'inizio del 29 Longstreet e A. Hill ricevettero l'ordine di riattraversare il Chickahominy a New Bridge e di spostarsi lungo la Darbytown fino alla strada del Long Bridge. Il maggiore R.K. Meade e il tenente S.R. Johnston del Genio, addetto alla divisione del generale Longstreet, che era stato inviato in ricognizione, trovarono verso l'alba, il lavoro all'estremità superiore della linea di trincea nemica abbandonata. I generali Huger e Magruder furono immediatamente ordinati all'inseguimento, il primo dalla strada di Charles City, in modo da prendere di fianco l'esercito federale, e il secondo dalla strada di Williamsburg, per attaccarne le retrovie.

A Jackson fu ordinato di attraversare il Grapevine Bridge e di scendere lungo il lato sud del Chickahominy. Magruder e Huger trovarono l'intera linea di lavori deserta e grandi quantità di depositi militari di ogni tipo abbandonati o distrutti. Il primo raggiunse le vicinanze di Savage Station verso mezzogiorno, dove si imbatté nella retroguardia dell'esercito in ritirata. Essendo stato informato che il nemico stava avanzando, si fermò e mandò a chiamare rinforzi. Fu ordinato a due brigate della divisione di Huger di sostenerlo, ma successivamente si ritirarono, essendo evidente che la forza sul fronte di Magruder stava coprendo la ritirata del corpo principale. Il percorso di Jackson ha portato al fianco e alla parte posteriore di Savage Station, ma è stato ritardato dalla necessità di ricostruire il Grapevine Bridge. Nel tardo pomeriggio Magruder attaccò il nemico con una delle sue divisioni e due reggimenti di un altro. Ne seguì un'azione grave che durò circa due ore, quando terminò di notte. Le truppe mostrarono grande galanteria e inflissero pesanti perdite al nemico, ma a causa dell'ora tarda e della piccola forza impiegata, il risultato non fu decisivo e il nemico continuò la sua ritirata col favore delle tenebre, lasciando diverse centinaia di prigionieri, con il suo morti e feriti, nelle nostre mani. A Savage Station sono stati trovati circa venticinquecento uomini in ospedale e una grande quantità di proprietà. I negozi di grande valore erano stati distrutti, comprese le forniture mediche necessarie per i malati e i feriti. Ma il tempo guadagnato permise alla colonna in ritirata di attraversare senza interruzione la Palude di Quercia Bianca e distruggere il ponte.

BATTAGLIA DELLA FATTORIA DI FRAYSER

[Glendale]

Jackson raggiunse Savage Station all'inizio del 30. Gli fu ordinato di inseguire il nemico sulla strada che aveva preso e Magruder di seguire Longstreet dalla strada di Darbytown. Mentre Jackson avanzava, catturò un tale numero di prigionieri e raccolse così tante armi che due reggimenti dovettero essere distaccati per la loro sicurezza. I suoi progressi sono stati arrestati a White Oak Swamp. Il nemico occupava il lato opposto e resisteva ostinatamente alla ricostruzione del ponte. Hill, continuando l'avanzata il 30, si imbatté presto nel nemico appostato con forza attraverso la strada del Ponte Lungo a circa un miglio dalla sua intersezione con la strada di Charles City. Il percorso di Huger portava a destra di questa posizione, quello di Jackson sul retro, e l'arrivo dei loro comandi era atteso per iniziare l'attacco.

Il 29 GenI Holmes aveva attraversato dal lato sud del fiume James con parte della sua divisione. Il 30, rinforzato dal generale Wise con un distaccamento della sua brigata, si mosse lungo la strada del fiume e si imbatté nella linea dell'esercito in ritirata vicino a Malvern Hill. Percependo segni di confusione, a Genl Holmes fu ordinato di aprire la colonna con l'artiglieria. Scoprì presto che un certo numero di batterie, appostate vantaggiosamente, sostenute da una forza di fanteria superiore alla sua e assistita dal fuoco delle cannoniere nel fiume James, sorvegliavano questa parte della linea. Magruder, che aveva raggiunto la strada di Darbytown, ricevette l'ordine di rinforzare Holmes, ma essendo a una distanza maggiore di quanto previsto, non raggiunse la posizione di quest'ultimo in tempo per un attacco.

Huger ha riferito che i suoi progressi sono stati ostacolati, ma verso le 4 p. si udì uno sparo in direzione della strada di Charles City, che avrebbe dovuto indicare il suo avvicinamento. Longstreet si è subito aperto con una delle sue batterie per avvertire della sua presenza. Ciò ha portato al fidanzamento, ma Huger non si è presentato, e Jackson non essendo stato in grado di forzare il passaggio di White Oak Swamp, Longstreet e Hill erano senza il supporto previsto. La superiorità numerica e il vantaggio di posizione erano dalla parte del nemico. La battaglia infuriò furiosamente fino a p. A quel tempo il nemico era stato cacciato con grande massacro da ogni posizione tranne una, che mantenne finché non fu in grado di ritirarsi col favore delle tenebre. Alla fine della lotta quasi tutto il campo rimase in nostro possesso, coperto di morti e feriti del nemico. Molti prigionieri, incluso un generale di divisione, furono catturati e pezzi di artiglieria [a salve] con alcune migliaia di armi leggere prese. Se gli altri comandi avessero collaborato all'azione, il risultato sarebbe stato disastroso per il nemico. Dopo il fidanzamento Magruder fu richiamato per alleviare le truppe di Longstreet e Hill. I suoi uomini, molto stanchi della loro marcia lunga e calda, arrivarono durante la notte.

BATTAGLIA DI MALVERN HILL

All'inizio del 1° luglio Jackson raggiunse il campo di battaglia del giorno precedente, essendo riuscito ad attraversare White Oak Swamp, dove catturò una parte dell'artiglieria nemica e un certo numero di prigionieri. Gli fu ordinato di continuare l'inseguimento lungo la Willis Church Road, e presto trovò il nemico che occupava un'alta distanza, estendendosi obliquamente attraverso la strada, di fronte a Malvern Hill. Su questa posizione di grande forza naturale aveva concentrato la sua potente artiglieria, sostenuta da masse di fanteria, parzialmente protetta da terrapieni. La sua sinistra riposava vicino alla casa di Crew e la sua destra vicino a quella di Binford. Subito davanti a lui il terreno era aperto, variando in larghezza da un quarto a mezzo miglio, e digradando gradualmente dalla cresta, era completamente spazzato dal fuoco della sua fanteria e artiglieria. Per raggiungere questo terreno aperto le nostre truppe dovettero avanzare attraverso un paese rotto e fittamente boscoso, attraversato quasi per tutta la sua estensione da una palude percorribile in pochi punti e difficile in quelli. Il tutto era a portata delle batterie sulle alture e delle cannoniere nel fiume, sotto il cui fuoco incessante dovevano essere eseguiti i nostri movimenti.

Jackson formò la sua linea con la divisione di Whiting alla sua sinistra e quella di D. Hill alla sua destra, una delle brigate di Ewell che occupava l'intervallo. Il resto delle divisioni di Ewell e Jackson erano tenute di riserva. A Magruder fu ordinato di prendere posizione alla destra di Jackson, ma prima del suo arrivo due delle brigate di Huger si avvicinarono e furono piazzate vicino a Hill. Magruder si formò successivamente alla destra di queste brigate, che con un terzo di quelle di Huger, furono poste sotto il suo comando. Hill furono tenuti in riserva e non presero parte al fidanzamento. A causa dell'ignoranza del paese, delle fitte foreste che impedivano le necessarie comunicazioni e dell'estrema difficoltà del terreno, l'intera linea non si formò fino a un'ora tarda del pomeriggio. Gli ostacoli presentati dai boschi e dalla palude rendevano impraticabile allevare un

220

I SETTE GIORNI

sufficiente quantità di artiglieria per opporsi con successo alla forza straordinaria di quell'arma impiegata dal nemico, mentre il campo stesso ci offriva poche posizioni favorevoli al suo uso e nessuna per la sua giusta concentrazione. Ad un dato segnale furono impartiti ordini per un'avanzata generale, ma le cause addotte impedirono il corretto concerto d'azione tra le truppe. Hill si spinse in avanti attraverso il campo aperto e affrontò valorosamente il nemico, spezzando e respingendo la sua prima linea, ma non avendo luogo un'avanzata simultanea delle altre truppe, si trovò incapace di mantenere il terreno che aveva guadagnato contro i numeri schiaccianti e numerosi batterie del nemico. Jackson inviò in suo sostegno la propria divisione e quella parte di Ewell che era in riserva, ma a causa della crescente oscurità e complessità della foresta e della palude non arrivarono in tempo per fornire l'assistenza desiderata. Hill fu quindi costretto ad abbandonare parte del terreno che aveva guadagnato dopo aver subito gravi perdite e aver inflitto gravi danni al nemico. Sulla destra l'attacco è stato effettuato con coraggio dagli ordini di Huger e Magruder. Due brigate della prima iniziarono l'azione, le altre due furono successivamente inviate a sostegno di Magruder e Hill. Furono fatti diversi sforzi decisi per prendere d'assalto la collina a casa di Crew. Le brigate avanzarono valorosamente in campo aperto, rastrellate dal fuoco di cento cannoni e dai moschetti di grossi corpi di fanteria. Alcuni si spezzarono e cedettero, altri si avvicinarono ai cannoni, respingendo la fanteria, costringendo le batterie avanzate a ritirarsi per sfuggire alla cattura, e mescolando i loro morti con quelli del nemico. Per mancanza di accordo tra le colonne attaccanti, i loro assalti erano troppo deboli per spezzare le linee federali, e dopo aver lottato valorosamente, sostenendo e infliggendo grandi perdite, furono successivamente costretti a ritirarsi. La notte si stava avvicinando quando iniziò l'attacco, e presto divenne difficile distinguere gli amici dai nemici. Il fuoco è continuato fino a dopo le 9 p. m., ma non si è ottenuto alcun risultato deciso. Parte delle truppe si ritirarono nelle loro posizioni originarie, altre rimasero in campo aperto, e alcune si riposarono entro un centinaio di metri dalle batterie che erano state così coraggiosamente ma invano assalite.

La condotta generale delle truppe fu eccellente, in alcuni casi eroica. Il ritardo dell'ora in cui l'attacco necessariamente iniziava dava al nemico il pieno vantaggio della sua posizione superiore e aumentava le difficoltà naturali delle nostre.

Dopo aver conquistato la York River Railroad il 28 giugno e cacciato il nemico attraverso il Chickahominy, come già narrato, la cavalleria del generale Stuart procedette lungo la ferrovia per accertare se ci fosse qualche movimento del nemico in quella direzione. Incontrò solo poca opposizione e il 29 giunse nelle vicinanze della Casa Bianca.

Al suo avvicinarsi il nemico distrusse la maggior parte delle immense scorte accumulate in quel deposito e si ritirò verso la Fortezza Monroe.

Con una pistola e alcuni uomini smontati Genl! Stuart scacciò una cannoniera che giaceva vicino alla Casa Bianca e si assicurò una grande quantità di proprietà, tra cui più di diecimila stand di armi leggere, parzialmente bruciate. Lasciato uno squadrone alla Casa Bianca, in ottemperanza ai suoi ordini tornò a presidiare i ponti inferiori del Chickahominy. Il 30 gli fu ordinato di riattraversare e cooperare con il generale Jackson. Dopo una lunga marcia raggiunse la retroguardia del nemico a Malvern Hill la notte del 1° luglio alla fine dello scontro.

Il 2 luglio si scoprì che il nemico si era ritirato durante la notte, lasciando il terreno coperto di morti e feriti, e la sua rotta presentava abbondanti prove di precipitosa ritirata. L'inseguimento fu iniziato, il generale Stuart con la sua cavalleria in anticipo, ma una violenta tempesta che prevalse per tutta la giornata, ritardò notevolmente i nostri progressi. Il nemico, assillato e seguito da vicino dalla cavalleria, riuscì a conquistare Westover sul fiume James e la protezione delle sue cannoniere. Cominciò subito a fortificare la sua posizione, che era di grande forza naturale, fiancheggiata da ogni lato da un torrente, e l'avvicinamento al suo fronte comandato dai pesanti cannoni della sua spedizione oltre a quelli montati nelle sue trincee.

Si ritenne inopportuno attaccarlo, e viste le condizioni delle nostre truppe, che avevano marciato e combattuto quasi incessantemente per sette giorni nelle circostanze più difficili, fu deciso di ritirarsi per dar loro il riposo di cui avevano aveva così tanto bisogno. Trascorsero parecchi giorni a raccogliere armi e altri beni abbandonati dal nemico, e nel frattempo furono mandati dell'artiglieria e della cavalleria sotto Westover per infastidire i suoi trasporti.

L'8 luglio l'esercito tornò nelle vicinanze di Richmond. In circostanze normali l'Esercito Federale avrebbe dovuto essere distrutto. La sua fuga fu dovuta alle cause già dichiarate. Tra questi spicca la mancanza di informazioni corrette e tempestive. Questo fatto, attribuibile principalmente al carattere del paese, permise a Genl McClellan di nascondere abilmente la sua ritirata e di aggiungere molto agli ostacoli con cui la natura aveva assalito il cammino delle nostre colonne inseguitrici.

Ma il rammarico che non sia stato compiuto di più lascia il posto alla gratitudine al Sovrano Sovrano dell'Universo per i risultati raggiunti. Fu sollevato l'assedio di Richmond, e l'oggetto di una campagna, che era stata perseguita dopo mesi di preparazione con un enorme dispendio di uomini e denaro, completamente frustrata. Furono catturati più di diecimila prigionieri, inclusi ufficiali di grado, cinquantadue pezzi di artiglieria e più di trentacinquemila stand di armi leggere. Le provviste e le provviste di ogni tipo che caddero nelle nostre mani erano grandi per quantità e valore, ma piccole in confronto a quelle distrutte dal nemico. Le sue perdite in battaglia superarono le nostre, come attestano le migliaia di morti e feriti lasciati su ogni campo, mentre la sua successiva inerzia mostra in quali condizioni i sopravvissuti raggiunsero la protezione alla quale erano fuggiti.

Le tabelle allegate contengono gli elenchi delle nostre vittime nella serie di scontri. Tra i morti se ne troveranno molti i cui nomi saranno sempre associati ai grandi eventi in cui tutti ebbero una parte così onorevole. Per questi, così come per i nomi dei loro compagni superstiti non meno illustri, che si guadagnarono l'alto onore di speciale encomio, dove tutti assolsero così bene il loro dovere, si deve necessariamente fare riferimento ai rapporti di accompagnamento. Ma non posso fare a meno di esprimere la mia ammirazione per le nobili qualità mostrate, con rare eccezioni, da ufficiali e uomini, in circostanze che richiedevano l'esercizio di ogni virtù militare.

Agli ufficiali comandanti di divisioni e brigate spetta il merito della gestione delle proprie truppe in azione. L'estensione dei campi di battaglia, la natura del terreno e la densità delle foreste rendevano impraticabili indicazioni più che generali.

Agli ufficiali del mio staff sono debitore per l'aiuto costante durante tutto il periodo. I colonnelli [Robert H. ] Chilton e [Armistead L. ] Long, Majors [Walter H. ] Taylor, [Charles S. ] Venable, [Thomas M. R.] Taleott e [Charles] Marshall, e il capitano [A. P.] Mason era continuamente con me sul campo. il generale Pendleton, capo dell'artiglieria; tenente colonnello [James L. ] Corley, capo quartiermastro; Lieut Col [Roger G. ] Cole, Commissario Capo; Lieut Col [Edward P. ] Alexander, Chief of Ordnance; Surgeon [Lafayette] Guild, Medical Director; Col [George W. ] Lay and Lieut Col [Edwin J. ] Harvie, Inspectors General, and Lieut Col [Walter H. ] Stevens, Chief Engineer, attended unceasingly to their several departments. To the whole medical corps of the army I return my thanks for the care and attention bestowed on the wounded.

I am very respectfully, your obt servt

RELEE

General


Guarda il video: Bruce Lee Filosofia,Lezioni Di Vita. (Potrebbe 2022).