Podcast di storia

Oliver Wendell Holmes

Oliver Wendell Holmes

Due figure di spicco della storia intellettuale americana, padre e figlio, si chiamavano Oliver Wendell Holmes. Sebbene i termini "Jr." e "Sr." si applicherebbero, non sono stati utilizzati in modo coerente, portando a una certa confusione.Oliver Wendell Holmes Sr.
Il primo Oliver Wendell Holmes ha dato un contributo significativo sia alla medicina che alla letteratura. Nato il 29 agosto 1809 a Cambridge, Massachusetts, studiò alla Phillips Academy di Exeter e ad Harvard. Rifiutò di seguire i desideri di suo padre e di entrare nel ministero, e dopo un breve periodo alla scuola di legge, perse interesse anche in quello. Decise invece di entrare in medicina. Scrisse sulla diffusione delle malattie contagiose prima che fosse stabilita la teoria dei germi. Holmes sostenne la candidatura di Harriot Hunt per l'ammissione alla facoltà di medicina di Harvard, per la quale fu criticato dalla facoltà tutta maschile e dal corpo studentesco. Tuttavia, dopo lo scoppio della guerra civile, Holmes dimostrò il completo sostegno all'Unione. La carriera parallela di Holmes nella letteratura iniziò con la scrittura di poesie amatoriali in giovane età, che continuò attraverso la sua educazione formale. Costituzione, chiamato Old Ironsides, che lo portò all'attenzione nazionale. Scrisse anche saggi, molti dei quali furono pubblicati in forma di rivista nel 1831 e nel 1832 con il titolo "Autocrat at the Breakfast-Table". Quando il Atlantico mensile fu lanciato dall'élite letteraria di Boston nel 1856, Holmes divenne un collaboratore. Per il primo numero della pubblicazione, ha rivisto due saggi da L'autocrate al tavolo della colazione che ha contribuito al successo immediato della rivista. Nel 1859 produsse Il professore al tavolo della colazione, prima in forma seriale di rivista e poi come libro. La serie si è conclusa con Il poeta a tavola nel 1879. Il 7 ottobre 1894, Oliver Wendell Holmes Sr., sopravvissuto a moglie e figlia, morì a Boston.Oliver Wendell Holmes Jr.
Il secondo Oliver Wendell Holmes nacque a Boston l'8 marzo 1841. Dopo essersi laureato ad Harvard nel 1861, entrò nell'esercito dell'Unione, dove fu ferito tre volte in scontri che includevano Antietam e Fredericksburg. Laureatosi alla Harvard Law School nel 1867, entrò nello studio legale a Boston. Nominato professore alla facoltà di legge di Harvard nel 1882, si dimise alla fine di quell'anno per diventare un giudice della Corte Suprema del Massachusetts. Nel 1899 ne divenne il Presidente della Corte Suprema e tre anni dopo fu nominato giudice associato della Corte Suprema degli Stati Uniti, dove prestò servizio per trent'anni. Credendo che la legge fosse "un esperimento, come tutta la vita è un esperimento, " Holmes era spesso in conflitto con i giudici più conservatori e si è guadagnato l'etichetta di "Il grande dissidente". Ha scritto spesso a favore di interpretazioni più liberali della costituzione, per consentire una maggiore regolamentazione del governo come nel caso di Adkins v. Children`s Hospital. Ha sostenuto una forte protezione per la libertà di parola, anche se la sua citazione più memorabile potrebbe essere stata in Schenck v. United States (1919), ha affermato: "La protezione più rigorosa della libertà di parola non proteggerebbe un uomo che grida falsamente al fuoco in teatro e provocando il panico." Holmes dissentì in Adkins v. Children`s Hospital nel 1923, obiettando al ribaltamento della corte di una legge del Congresso che stabiliva un salario minimo per le donne nel Distretto di Columbia. Ha commentato:

Questo statuto non obbliga nessuno a pagare nulla. Proibisce semplicemente l'occupazione a tassi inferiori a quelli fissati come requisito minimo di salute e diritto di vita. È lecito ritenere che le donne non saranno impiegate nemmeno ai salari più bassi consentiti a meno che non li guadagnino, o a meno che l'azienda del datore di lavoro non possa sostenere l'onere.

Quando finalmente Holmes si dimise dalla Corte Suprema nel 1932, era diventato il giudice più anziano che avesse mai prestato servizio. Morì il 5 marzo 1935, due giorni prima del suo 94esimo compleanno.


È ora di smettere di usare la citazione "Fuoco in un teatro affollato"

Oliver Wendell Holmes ha fatto l'analogia durante un controverso caso della Corte Suprema che è stato ribaltato più di 40 anni fa.

Oliver Wendell Holmes ha fatto l'analogia durante un controverso caso della Corte Suprema che è stato ribaltato più di 40 anni fa.

Novantatré anni fa, il giudice Oliver Wendell Holmes scrisse quella che è forse la frase più nota, anche se citata e abusata, nella storia della Corte Suprema: "La protezione più rigorosa della libertà di parola non proteggerebbe un uomo che grida falsamente al fuoco. in un teatro e provocando il panico."

Senza fallo, ogni volta che si verifica una controversia sulla libertà di parola, qualcuno citerà questa frase come prova dei limiti del Primo Emendamento. E qualunque sia questa controversia, "la legge" - come alcuni l'hanno curiosamente chiamata - può essere interpretata per suggerire che dovremmo peccare dalla parte della censura. La citazione di Holmes è diventata una stampella per ogni censore in America, eppure la citazione è selvaggiamente fraintesa.

L'ultimo esempio viene dal consigliere comunale di New York Peter Vallone, che ha dichiarato ieri "Tutti conoscono l'esempio di urlare al fuoco in un cinema affollato", mentre ha chiesto accuse contro lo pseudonimo Twitter @ComfortablySmug per aver diffuso informazioni false durante l'uragano Sandy. Altri commentatori hanno avallato i suggerimenti di Vallone, citando la stessa citazione come precedente stabilito.

Negli ultimi anni, la citazione ha alzato la testa in innumerevoli occasioni. A settembre, i commentatori lo hanno indicato quando si sono chiesti se il controverso video anti-musulmano debba essere censurato. Prima di allora, veniva invocato quando un pastore pazzo minacciava di bruciare il Corano. Prima di ciò, l'analogia era stata distorta per denunciare WikiLeaks per la pubblicazione di informazioni riservate. L'elenco continua.

Ma coloro che citano Holmes potrebbero voler leggere effettivamente il caso in cui la frase ha avuto origine prima di usarla come principale difesa. Se lo facessero, si renderebbero conto che lo era mai legge vincolante, e la causa sottostante, Stati Uniti contro Schenck, non è solo una delle decisioni sulla libertà di parola più odiose nella storia della Corte, ma è stata ribaltata oltre 40 anni fa.

Innanzitutto, è importante notare Stati Uniti contro Schenck non aveva niente a che fare con incendi o teatri o false dichiarazioni. Invece, la Corte stava decidendo se Charles Schenck, il Segretario del Partito Socialista d'America, potesse essere condannato ai sensi dell'Espionage Act per aver scritto e distribuito un opuscolo che esprimeva la sua opposizione alla bozza durante la prima guerra mondiale. Come spiega Gabe Rottman dell'ACLU , "Non ha richiesto la violenza. Non ha nemmeno richiesto la disobbedienza civile".

La descrizione della Corte dell'opuscolo dimostra che è più mite di qualsiasi delle dozzine di proteste attualmente in corso ogni giorno in questo paese:

Diceva: "Non sottomettetevi alle intimidazioni", ma almeno nella forma si limitava a misure pacifiche come una petizione per l'abrogazione dell'atto. L'altro lato del foglio, successivamente stampato, era intitolato "Afferma i tuoi diritti".

L'osservazione sul teatro affollato che tutti ricordano era un'analogia fatta da Holmes prima di emettere la sentenza della corte. Stava spiegando che il Primo Emendamento non è assoluto. È quello che chiamano gli avvocati detto, parere accessorio della giustizia che non riguarda direttamente i fatti di causa e non ha autorità vincolante. La sentenza effettiva, secondo cui l'opuscolo rappresentava un "pericolo chiaro e attuale" per una nazione in guerra, fece finire Schenk in prigione e continuò a perseguitare la corte per anni a venire.

Due casi simili della Corte Suprema decisi più tardi nello stesso anno...Debs contro Stati Uniti e Frohwerk v. Stati Uniti...ha anche mandato in prigione attivisti pacifici contro la guerra ai sensi dell'Espionage Act per le più lievi critiche del governo. (Leggi l'eccellente e approfondita dissezione di Ken White su questi casi.) Insieme, il trio di sentenze ha fatto più danni al Primo Emendamento come qualsiasi altro caso nel 20 ° secolo.

Nel 1969, la decisione della Corte Suprema in Brandeburgo contro Ohio effettivamente ribaltato Schenck e qualsiasi autorità il caso ancora portato. Lì, la Corte ha ritenuto che il discorso incendiario - e persino il discorso che sostiene la violenza da parte dei membri del Ku Klux Klan - è protetto dal Primo Emendamento, a meno che il discorso "non sia diretto a incitare o produrre un'azione illegale imminente e è suscettibile di incitare o produrre tale azione" (il corsivo è mio).

Oggi, nonostante l'irrilevanza legale della citazione del "teatro affollato", i sostenitori della censura non hanno smesso di sparlarla come l'ultima parola sui limiti legali del Primo Emendamento. Come ha scritto Rottman, per questo motivo è "peggio che inutile nel definire i confini del discorso costituzionale. Se usato metaforicamente, può essere schierato contro qualunque discorso impopolare." Peggio ancora, i suoi sostenitori stanno tacitamente approvando una delle più ampie decisioni di censura mai adottate dalla Corte. È semplicemente, come lo chiama Ken White, "il più famoso e pervasivo imbroglio pigro nel dialogo americano sulla libertà di parola. "

Anche il giudice Holmes potrebbe aver presto capito la gravità delle sue opinioni in Schneck e i suoi casi di accompagnamento. Più tardi nello stesso termine, Holmes dissentì improvvisamente in un caso simile, Abrams contro gli Stati Uniti, che ha mandato in prigione gli immigrati russi ai sensi della legge sullo spionaggio. Sarebbe diventato il primo di una lunga serie di dissensi che Holmes e il collega giudice Louis Brandeis avrebbero scritto in difesa della libertà di parola che collettivamente hanno gettato le basi per le decisioni della Corte negli anni '60 e '70 che hanno plasmato la giurisprudenza del Primo Emendamento di oggi.

In quella che sarebbe diventata la sua seconda frase più famosa, Holmes scrisse in Abrams che il mercato delle idee offrisse la migliore soluzione per reprimere i discorsi offensivi: "Il bene ultimo desiderato è meglio raggiunto dal libero scambio delle idee - che la migliore prova della verità è il potere del pensiero di farsi accettare nella competizione tra mercato, e quella verità è l'unico terreno su cui i loro desideri possono essere realizzati in sicurezza".

Nel caso di @ComfortablySmug durante l'uragano Sandy, è esattamente quello che è successo. Pochi minuti dopo aver inviato i suoi falsi tweet, i giornalisti hanno scoperto che stava diffondendo voci e hanno rapidamente corretto il record, dando l'allarme per non fidarsi delle sue informazioni. Indipendentemente da ciò, nessuno è rimasto ferito a causa della sua disinformazione. Il giorno dopo, @ComfortablySmug (il cui vero nome è Shashank Tripathi) si è scusato e si è dimesso dal suo lavoro come manager della campagna di un candidato repubblicano alla Camera a New York in risposta alla reazione del pubblico alle sue azioni.

La verità ha prevalso, non forzando la censura o incarcerando una persona per aver parlato, ma attraverso l'opprimente contrappeso di più discorsi. Come disse Holmes dopo il suo soliloquio in Abrams, "Questa, in ogni caso, è la teoria della nostra Costituzione".


Comitato Permanente degli Stati Uniti per Oliver Wendell Holmes Devise

Il Comitato Permanente degli Stati Uniti per Oliver Wendell Holmes Devise è un comitato all'interno della Biblioteca del Congresso, istituito dal Congresso nel 1955 dopo che il defunto giudice associato Oliver Wendell Holmes Jr. lasciò in eredità una parte del suo patrimonio agli Stati Uniti nel 1935. Il Congresso usò il dono per creare un giardino per motivi di la Corte Suprema degli Stati Uniti e di istituire il Comitato per documentare e divulgare la storia della Corte. Il Comitato è composto da cinque membri: il Bibliotecario del Congresso e quattro membri aggiuntivi nominati dal Presidente per un mandato di otto anni. [1] Ad ottobre 2020, la Commissione ha pubblicato dieci volumi che descrivono in dettaglio la storia della Corte suprema. [2]

Oliver Wendell Holmes, Jr., Associate Justice della Corte Suprema degli Stati Uniti, morì il 6 marzo 1935, il suo testamento conteneva la seguente clausola residuale,

“Tutto il resto, residuo e residuo della mia proprietà di qualsiasi natura, ovunque si trovi, di cui potrei morire preso e posseduto, o di cui potrei avere un interesse al momento della mia morte, do, escogito e lascio in eredità negli STATI UNITI D'AMERICA”. [3]

Il valore del lascito era di circa $ 263.000 al momento della morte di Holmes e fu il presidente Franklin Roosevelt a raccomandare che il dono fosse utilizzato per documentare e promuovere la legge. Nel 1938 un comitato di tre membri del Congresso, tre senatori e tre membri della Corte Suprema raccomandò quattro opzioni per il dono. Le opzioni erano: (1) istituire una raccolta di letteratura giuridica nella Biblioteca del Congresso, (2) trasformare la residenza di Holmes in un memoriale permanente, (3) pubblicare gli scritti di Holmes o (4) creare un parco commemorativo a Washington dedicato a Holmes . Il Congresso approvò la terza e la quarta raccomandazione nel 1940, tuttavia, la seconda guerra mondiale prevenne l'esecuzione dei piani. La questione si concluse nel 1955 con la Public Law 84-246 che istituì il Comitato Permanente dell'Oliver Wendell Holmes Devise per pubblicare una storia ufficiale della Corte Suprema. Il Comitato ha quattro membri nominati dal Presidente come raccomandato dall'Association of American Law Schools, dall'American Philosophical Society, dall'American Historical Association e dall'Association of American Universities, con il Librarian of Congress che funge da d'ufficio presidente. [4] La serie non è stata pubblicata in ordine di volume, le prime pubblicate sono state, Volume 1: Antecedenti e inizi al 1801 e Volume 6: Ricostruzione e riunione, 1864-88 nel 1971. La pubblicazione più recente è stata Volume 12: La nascita della Costituzione moderna nel 2006 e il volume sulla corte di Earl Warren era previsto nel 2017 ma deve ancora essere pubblicato. [1]


Il più potente dissenso nella storia americana

Un nuovo libro intelligente rivela esattamente come e perché Oliver Wendell Holmes ha cambiato idea sul primo emendamento.

Se c'è un passaggio più rilevante o potente nella legge americana, non ne sono a conoscenza. Rilevante perché esprimeva un concetto universale – il libero scambio delle idee – che 125 anni dopo la ratifica della Costituzione non aveva ancora preso piede nella nostra democrazia. Potente perché è andato oltre i precetti legali a un fatto fondamentale dell'esistenza umana: tutti commettiamo errori. Tutti abbiamo buone opinioni e cattive. Nessuno di noi ha sempre ragione. Tutti noi prima o poi dobbiamo rispettare ciò che dice qualcun altro. e la vita è un esperimento dal momento in cui ci svegliamo al mattino fino al momento in cui abbassiamo la testa la notte.

È un brano scritto 94 anni fa che spiega e conserva le nostre pagine editoriali e Internet, talk-radio e blog, nella brillante fusione di due istituzioni americane che non sempre erano destinate ad andare insieme: il libero mercato e discorso libero. È un passaggio che riconosce la debolezza umana e si sforza di dominarla, che riconosce la turbolenta diversità del pensiero americano e cerca di trarne qualcosa di chiaro e profondo. Dal giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Oliver Wendell Holmes nel suo dissenso in Abrams v. Stati Uniti:

La persecuzione per l'espressione di opinioni mi sembra perfettamente logica. Se non hai dubbi sulle tue premesse o sul tuo potere, e vuoi un certo risultato con tutto il cuore, esprimi naturalmente i tuoi desideri in legge e spazza via ogni opposizione. Permettere l'opposizione con la parola sembra indicare che pensi che il discorso sia impotente, come quando un uomo dice di aver quadrato il cerchio, o che non ti preoccupi con tutto il cuore del risultato, o che dubiti del tuo potere o delle tue premesse.

Ma quando gli uomini si sono resi conto che il tempo ha sconvolto molte fedi combattive, possono arrivare a credere anche più di quanto credano le fondamenta stesse della propria condotta che il bene ultimo desiderato è meglio raggiunto dal libero scambio di idee - che la migliore prova di la verità è il potere del pensiero di farsi accettare nella competizione del mercato, e quella verità è l'unico terreno su cui i loro desideri possono essere realizzati in sicurezza.

Questa, in ogni caso, è la teoria della nostra Costituzione. È un esperimento, come tutta la vita è un esperimento. Ogni anno, se non tutti i giorni, dobbiamo scommettere la nostra salvezza su qualche profezia basata su una conoscenza imperfetta. Anche se quell'esperimento fa parte del nostro sistema, penso che dovremmo essere eternamente vigili contro i tentativi di controllare l'espressione di opinioni che detestiamo e riteniamo essere gravide di morte, a meno che non minaccino così imminente un'immediata interferenza con gli scopi legittimi e urgenti di la legge che è necessario un controllo immediato per salvare il paese.

Naturalmente, la storia della libertà di parola in America non inizia né finisce con Abramo. Ma è un chiaro punto di svolta. In quel caso del 1919, una controversia decisa un anno meno un giorno dopo la fine della prima "guerra per porre fine a tutte le guerre", la Corte Suprema degli Stati Uniti sostenne le condanne di cinque uomini di origine russa che furono perseguiti ai sensi dell'Espionage Act del 1917. , come era stato modificato dal Sedition Act del 1918, per "provocare e incoraggiare" la resistenza agli sforzi bellici del governo (e alle sue manovre ostili verso la Russia) attraverso una serie di opuscoli.

Tali procedimenti sarebbero impensabili oggi, non perché i funzionari moderni accolgano le critiche con più coraggio dei loro predecessori, ma perché siamo venuti come nazione e come popolo a riconoscere che le protezioni del Primo Emendamento sono (e dovrebbero essere) particolarmente robuste quando si tratta di dissenso sull'operato pubblico del governo. E quel riconoscimento quasi universale, che è sopravvissuto alle quattro principali guerre americane dalla prima guerra mondiale e guida il modo in cui conduciamo gli affari e gestiamo i nostri affari personali, è nato dal dissenso del giudice Holmes.

Giusto in tempo per la tua lettura da spiaggia di agosto, Thomas Healy, ex impiegato della corte d'appello federale e giornalista per Il sole di Baltimora, ha scritto un libro eccellente su come Justice Holmes, forse il giudice più famoso e influente di tutti i tempi, sia arrivato a scrivere questo passaggio e, alla fine, sia arrivato a una travolgente difesa del Primo Emendamento. intitolato Il grande dissenso: come Oliver Wendell Holmes ha cambiato idea e ha cambiato la storia della libertà di parola in America, il libro è uno sguardo affascinante su un'arte che oggi sembra persa nel diritto e nella politica: l'arte di cambiare idea.

Nei dettagli minuziosi, Healy ci racconta come il grande giurista, che pochi mesi prima aveva sostenuto con fermezza condanne penali in casi di libertà di parola, cambiò idea in Abrams. Lo ha cambiato a causa di un intenso sforzo di lobbying da parte dei suoi amici politici e colleghi giudici. L'ha cambiato perché aveva letto il lavoro di filosofi legali e politici in Europa, sia vivi che morti. L'ha cambiato perché è arrivato gradualmente a rendersi conto di quanto ampiamente il Dipartimento di Giustizia facesse affidamento sugli statuti federali per punire anche quel dissenso che era ovviamente improbabile che minasse la capacità di funzionamento del governo.

Healy inizia il suo libro con un aneddoto su una visita che il giudice Holmes ha ricevuto a casa da tre dei suoi colleghi giudici, dopo aver distribuito il suo dissenso in Abrams ma prima che lo annunciasse pubblicamente. Ciò che è emerso in quell'incontro non è solo "un pezzo notevole di storia costituzionale", come dice Healy, ma notevole per ciò che suggerisce sul modo in cui la Corte Suprema opera (o non opera) oggi. Riuscite a immaginare i giudici Scalia, Thomas e Alito che visitano il giudice Anthony Kennedy in questo modo? Non posso. Dal libro di Healy, sulla reazione iniziale della Corte del 1919 alle parole di Holmes:

Nessun altro alla Corte ha scritto così. Solo Holmes poteva tradurre la legge in un linguaggio così emozionante e indimenticabile. Eppure, anche per i suoi standard elevati, ciò andava insolitamente bene e i suoi colleghi erano preoccupati per l'effetto che avrebbe potuto avere. Sebbene la guerra fosse finita un anno prima, il paese era ancora in uno stato fragile. C'erano state rivolte razziali quell'estate, scioperi sindacali quell'autunno. Una bomba era esplosa sulla soglia del procuratore generale: lo sciopero di apertura, avvertivano i giornali, in un grande complotto bolscevico. Un dissenso come questo, da parte di una figura venerabile come Holmes, potrebbe indebolire la determinazione del paese e dare conforto al nemico.

La sicurezza della nazione era in gioco, hanno detto i giudici a Holmes. Da vecchio soldato, dovrebbe serrare i ranghi e mettere da parte le sue opinioni personali. Si sono persino appellati a Fanny [la moglie di Holmes], che ha annuito con la testa. Il tono della loro supplica era amichevole, persino affettuoso, e Holmes ascoltò pensieroso. Aveva sempre rispettato l'istituzione della Corte e più di una volta aveva soppresso le proprie convinzioni per amore dell'unanimità. Ma questa volta sentiva il dovere di dire la sua. Ha detto ai suoi colleghi di essersi pentito di non potersi unire a loro, e se ne sono andati senza insistere ulteriormente.

Tre giorni dopo, Holmes lesse il suo dissenso in Abrams v. Stati Uniti dalla panchina. Come previsto, ha fatto scalpore. I conservatori lo hanno denunciato come pericoloso ed estremo. I progressisti lo salutarono come un monumento alla libertà. E il futuro della libertà di parola è cambiato per sempre.

Ci sono stati altri casi in cui un giudice ha cambiato idea in un caso di profonda importanza costituzionale. Come mi ha ricordato questa settimana il professore della Harvard Law School Laurence Tribe, il giudice Potter Stewart si è spostato sulla questione dell'autonomia riproduttiva dal dissenso in Griswold contro Connecticut nel 1965 alla maggioranza in Roe contro Wade nel 1973. Il giudice William J. Brennan si è spostato sugli standard di oscenità da Roth v. Stati Uniti nel 1957 a Paris Adult Theatre contro Slaton nel 1973. Il giudice Harry Blackmun cambiò tardivamente idea sulla costituzionalità della pena di morte. Poi c'è stato il "passaggio nel tempo" del giudice Owen Roberts in West Coast Hotel contro Parrish nel 1937. Nessuno si avvicina al passaggio "combattere la fede" di Holmes.

Giudici e politici sono troppo spesso criticati per aver cambiato idea. Non sei più intelligente oggi di 10 anni fa? Venti anni fa? I tanti "esperimenti" della vita non ti hanno dato una saggezza che prima non avevi? Il genio del dissenso del giudice Holmes in Abrams non era solo la sua eloquenza, era "meta-ness". Stava cambiando idea sulla necessità, il valore, la gloria, il beneficio, di cambiare idea e di accettare il cambiamento delle menti degli altri. Healy ha scritto un magnifico libro su un magnifico momento della storia legale americana e sulla vita di un uomo magnifico che è stato abbastanza intelligente da capire quanto le persone possano sbagliarsi.


Storia della Corte – Cronologia dei giudici – Oliver Wendell Holmes, Jr., 1902-1932

OLIVER WENDELL HOLMES, JR., nacque l'8 marzo 1841 a Boston, Massachusetts. Si laureò all'Harvard College nel 1861. Holmes prestò servizio per tre anni con i Massachusetts Twentieth Volunteers durante la Guerra Civile. È stato ferito tre volte. Nel 1866 tornò ad Harvard e si laureò in legge. L'anno successivo Holmes è stato ammesso all'avvocatura ed è entrato a far parte di uno studio legale a Boston, dove ha esercitato per quindici anni. Holmes ha insegnato legge alla sua alma mater, ha curato l'American Law Review e ha tenuto conferenze al Lowe Institute. Nel 1881 pubblicò una serie di dodici lezioni sul diritto comune, che fu tradotta in diverse lingue. Nel 1882, mentre lavorava come professore ordinario alla Harvard Law School, Holmes fu nominato dal Governatore alla Corte Suprema del Massachusetts. Ha servito in quella corte per vent'anni, gli ultimi tre come giudice supremo. Il 4 dicembre 1902, il presidente Theodore Roosevelt nominò Holmes alla Corte Suprema degli Stati Uniti. Il Senato ha confermato la nomina quattro giorni dopo. Holmes prestò servizio alla Corte Suprema per ventinove anni e si ritirò il 12 gennaio 1932. Morì il 6 marzo 1935, due giorni prima del suo novantaquattresimo compleanno.


Oliver Wendell Holmes - Storia

Il lettore di questo profilo biografico si starà probabilmente chiedendo perché il famoso giurista americano, Oliver Wendell Holmes, Jr., appaia nell'importante lista americana olandese. Bene, la risposta è perché sua nonna proveniva da un impeccabile background americano olandese. Sua nonna paterna era Sarah Wendell, figlia di una famiglia benestante. I suoi antenati risalgono al primo Wendell, Evert Jansen, che lasciò l'Olanda nel 1640 e si stabilì ad Albany, New York. Se dai un'occhiata alle pagine dell'elenco telefonico di Albany, New York, oggi, troverai una pletora di Wendell, tutti lontani cugini di Oliver Wendell Holmes.

Oliver Wendell Holmes, Jr. fu nominato alla Corte Suprema degli Stati Uniti nel 1902. Fu nominato da un altro famoso americano olandese, il presidente Theodore Roosevelt, e la sua nomina passò al Senato degli Stati Uniti all'unanimità. Holmes è diventato uno dei giudici della Corte Suprema degli Stati Uniti più citati nella storia. Resterà in carica fino al 1932, quando gli fu chiesto di dimettersi a causa della sua età avanzata. Holmes, a quel tempo, aveva raggiunto l'età avanzata di 90 anni.

Holmes nacque a Boston, Massachusetts, l'8 marzo 1841, ed era figlio di Oliver Wendell Holmes, Sr., e Amelia Lee Jackson, una nota abolizionista. Da giovane gli piaceva la letteratura e si laureò all'Università di Harvard nel 1861. Ma nota che il 1861 fu l'inizio della guerra civile. Holmes si arruolò nella milizia del Massachusetts. È salito al grado di primo tenente e ha visto molta azione nella guerra civile. Fu ferito nella battaglia di Ball's Bluff, ad Antietam e a Fredericksburg, in Virginia.

Dopo la guerra, Holmes tornò ad Harvard e studiò legge, e fu ammesso all'avvocatura nel 1866. Ha praticato legge a Boston e si è concentrato sulla legge dell'ammiragliato e sul diritto commerciale per quindici anni. Nel 1870, a soli cinque anni dalla scuola di legge, divenne direttore dell'"American Law Review". Dopo quel periodo pubblicò molti articoli sul diritto comune. Ha anche pubblicato il suo libro ben considerato, "The Common Law" nel 1881.

Nel 1882, Holmes fu nominato professore alla Harvard Law School. Poco dopo è stato nominato alla Corte Giudiziaria Suprema del Massachusetts, e si è dimesso dalla sua nomina ad Harvard. Nel 1889, Holmes fu nominato presidente della Corte Suprema del Massachusetts.

Nel 1902, il presidente Theodore Roosevelt nominò Holmes alla Corte Suprema degli Stati Uniti. Il Senato degli Stati Uniti ha confermato all'unanimità la nomina. Per i successivi 30 anni Holmes sarebbe stato membro della Corte e sarebbe diventato uno dei più influenti giudici di common law americani. Holmes considerava il Bill of Rights come privilegi di codificazione ottenuti nel corso dei secoli nel diritto inglese e americano.

Durante i suoi primi anni come avvocato, prima dei suoi anni alla Corte Suprema, Holmes trascorreva spesso del tempo a Londra, in Inghilterra, durante la stagione sociale della primavera e dell'estate. Mentre era lì si associò alla scuola di giurisprudenza "sociologica" in Inghilterra. Questo movimento, una generazione dopo, sarebbe stato conosciuto come la scuola "realista legale" negli Stati Uniti.

Dopo la laurea alla Harvard Law School, Holmes sposò la sua amica d'infanzia, Fanny Bowditch Dixwell. Il loro matrimonio sarebbe durato fino alla sua morte nel 1929. Sfortunatamente il loro matrimonio non ha prodotto figli. Tuttavia, adottarono e allevarono una cugina orfana, di nome Dorothy Upham. Oliver Wendell Holmes, Jr., morì il 6 marzo 1935, due giorni prima del suo 94esimo compleanno. Fu sepolto nel cimitero nazionale di Arlington.

Oliver Wendell Holmes, Jr. è riconosciuto come uno dei più grandi giudici della Corte Suprema degli Stati Uniti. Nel suo testamento, ha anche espresso il suo amore e la sua devozione al suo paese lasciando il suo patrimonio al governo degli Stati Uniti. In precedenza aveva affermato che le tasse che paghiamo al governo sono un prezzo che paghiamo per poter vivere in una società civile.

E-BOOK DISPONIBILI DA AMAZON GOOGLE: Kindle Store Pegels

AMERICANI OLANDESI DI spicco, ATTUALI E STORICI

OTTO FAMIGLIE AMERICANE OLANDESI IMPORTANTI: I ROOSEVELTS, VANDERBILTS E ALTRI, 2015

QUINDICI FAMIGLIE AMERICANE OLANDESI IMPORTANTI: I VAN BURENS, I FRATELLI KOCH, VOORHEES E ALTRI, 2015


Holmesdale, la tenuta di Pittsfield di Oliver Wendell Holmes Sr., "ha una storia dopo l'altra"

Dopo essere rimasta vacante per due anni, la storica tenuta del XIX secolo di Holmesdale, il poeta Oliver Wendell Holmes Sr. in Holmes Road a Pittsfield, è stata acquistata nel 2016 da due uomini della Florida, che la utilizzano come residenza privata.

Holmesdale, la storica tenuta del XIX secolo del poeta Oliver Wendell Holmes Sr. su Holmes Road a Pittsfield, ha avuto diversi proprietari dal 1928 e la proprietà è stata suddivisa molte volte negli ultimi 91 anni.

Oliver Wendell Holmes Sr., il padre del giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Oliver Wendell Holmes Jr., costruì la tenuta di Holmesdale da utilizzare come residenza estiva che chiamò Canoe Meadow. La tenuta, situata dall'altra parte di Holmes Road rispetto alla Miss Hall's School di Pittsfield, originariamente consisteva di 217 acri.

Una cartolina della Detroit Publishing Co. raffigura Holmesdale, la tenuta di Oliver Wendell Holmes Sr. in Holmes Road a Pittsfield.

Un annuncio immobiliare pubblicato in The Berkshire County Eagle del 25 giugno 1863, elenca "Holmes Place", in seguito noto come Holmesdale, in vendita.

PITTSFIELD — Henry Wadsworth Longfellow era un visitatore frequente. Herman Melville viveva in fondo alla strada.

Holmesdale, la storica tenuta del XIX secolo del poeta Oliver Wendell Holmes Sr. su Holmes Road, ha avuto la sua parte di famosi vicini e visitatori. E ora ha nuovi proprietari.

Dopo essere rimasta vacante per due anni, la dimora storica è stata acquistata nel 2016 da due uomini della Florida, che la utilizzano come residenza privata.

"Questa casa ha una storia dopo l'altra", ha detto Michael Cabana, che tre anni fa ha acquistato la tenuta di 16 acri dall'Holmesdale Revocable Trust per $ 375.000.

Holmesdale, costruito da Holmes nel 1849 su quello che allora era un appezzamento di terreno molto più grande, era sul mercato da diversi anni ed è stato quotato fino a $ 2,3 milioni nel 2007.

Gli ex proprietari Arthur e Sylvia Stein, che hanno acquistato la tenuta nel 1974, hanno cercato di mantenerla quando sono invecchiati e hanno dovuto ridimensionare - "significava moltissimo per loro", ha detto la loro figlia, Maxine Stein, di Northampton.

Ma, quando la salute della coppia è peggiorata, si sono trasferiti nel 2014. L'elenco alla fine ha attirato l'attenzione di Cabana, che lavora per l'amministrazione dei veterani, e Michael Nicholas, un designer d'interni in pensione, che viveva a Winter Park, in Florida Cabana, originario di Cumberland, RI, viveva in Florida da 30 anni e stava pensando di tornare nel New England quando ha saputo che la casa era disponibile.

"Ho venduto la mia casa in Florida", ha detto. "Sono sempre stato interessato alle dimore storiche, e questo è perfetto".

Nicholas, originario di New York, conosceva bene la zona, avendo frequentato i concerti all'ex Music Inn di Lenox.

Sostieni il nostro giornalismo. Iscriviti oggi. &rarr

"Ho sempre ricordato quanto fosse bello", ha detto, riferendosi ai Berkshire.

Holmes (1809-1894), il padre del giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti Oliver Wendell Holmes Jr., costruì la tenuta da utilizzare come residenza estiva che chiamò Canoe Meadow. La tenuta, situata dall'altra parte di Holmes Road dalla Miss Hall's School, originariamente consisteva di 217 acri, ciò che restava dei 24.000 acri che il bisnonno di Holmes, il colonnello Jacob Wendell, acquisì quando disegnò la cittadina di Pontoosuck nel 1738, l'area che in seguito divenne Pittsfield. Dopo sette estati, Holmes ha venduto la tenuta perché era diventata troppo costosa da mantenere, secondo i file Eagle. La famiglia Kernochan, di Tuxedo Park, N.Y., proprietaria della tenuta dal 1872 al 1928, la ribattezzò Holmesdale.

Holmesdale ha avuto diversi proprietari dal 1928 e la proprietà è stata suddivisa molte volte negli ultimi 91 anni. Conteneva 30 acri quando la famiglia Stein acquistò la proprietà da Miss Hall's 45 anni fa. La proprietà attualmente ospita la casa principale, che ora ha otto stanze, secondo Cabana e Nicholas, e una pensione di quattro stanze che i due uomini hanno iniziato a usare come Airbnb. La loro proprietà scorre ancora fino al fiume Housatonic, ha detto Cabana.

Nonostante la casa fosse vuota per così tanto tempo, Cabana ha detto che era strutturalmente sana quando l'ha acquistata e che la maggior parte dei $ 50.000 che lui e Nicholas hanno speso per restaurare la proprietà sono andati a miglioramenti estetici. La proprietà comprende anche una piscina, una fontana e un campo da tennis. Ha anche nove bagni.

"Siamo stati fortunati che sia ancora in ottima forma", ha detto Cabana.

Cabana e Nicholas hanno ripulito l'interno ma hanno mantenuto molte delle caratteristiche storiche della casa. Un ritratto di Holmes è appeso in uno studio al primo piano. Hanno anche messo un cartello all'ingresso del vialetto che indica che la proprietà è l'ex tenuta di Holmesdale.


Oliver Wendell Holmes - Storia

Oliver Wendell Holmes, Senior e Junior, sono entrambi olandesi americani? Sì. Il loro lignaggio olandese deriva dalla madre di Holmes, Sr. e dalla nonna di Holmes, Jr. Il suo nome era Sarah Wendell, figlia di una ricca famiglia americana olandese.I suoi antenati risalgono al primo Wendell, Evert Jansen, che lasciò l'Olanda nel 1640 e si stabilì ad Albany, New York. Se sfogliate le pagine dell'elenco telefonico ad Albany, New York, troverete una pletora di Wendell, tutti lontani cugini dei due Oliver Wendell Holmes.

Gli interessi e le competenze di Oliver Wendell Holmes, Sr. variavano ampiamente in una serie di aree diverse. Era un medico americano, un professore, uno scrittore e un conferenziere. Probabilmente è meglio conosciuto per la sua poesia, perché è considerato uno dei migliori poeti del diciannovesimo secolo, dai suoi coetanei. È anche considerato un membro dei “Fireside Poets”. Le sue opere in prosa più famose sono la serie "The Breakfast Table".

Holmes ha studiato alla Phillips Academy e all'Harvard College. Si laureò all'Harvard College nel 1829, quindi studiò brevemente legge prima di dedicarsi allo studio della medicina. La sua istruzione e formazione medica ha avuto luogo ad Harvard e presso le istituzioni mediche di Parigi, Francia. Nel 1836 conseguì la laurea in medicina, il M.D., presso la Harvard Medical School. Dopo la sua formazione medica, è entrato a far parte della facoltà di medicina a Dartmouth, e in seguito è tornato come membro di facoltà alla Harvard Medical School, dove in seguito è stato anche preside della facoltà di medicina.

Mentre era impegnato nei suoi studi di medicina, Holmes iniziò a scrivere poesie. Uno dei suoi primi lavori, e anche uno dei suoi pezzi più famosi, fu "Old Ironsides", che fu pubblicato nel 1830, solo un anno dopo la sua laurea all'Harvard College. Avrebbe continuato a scrivere poesie e prosa durante il resto della sua vita. Tuttavia, ha scritto gran parte della sua scrittura dopo essersi ritirato dalla Harvard Medical School nel 1882. Ha poi continuato a scrivere poesie, romanzi e saggi fino alla sua morte nel 1894.

Sebbene Holmes sia meglio ricordato come poeta e scrittore, dobbiamo ricordare che la professione principale di Holmes durante la sua vita era la medicina e l'insegnamento della medicina. Avendo ottenuto gran parte della sua formazione medica nella famosa Ecole de Medicine di Parigi, Holmes era ben posizionato per impartire e insegnare le ultime conoscenze mediche ai futuri medici americani. A quel tempo la medicina americana era ancora in una fase piuttosto formativa. Anche Holmes era noto per riferirsi a gran parte della medicina americana come "ciarlataneria". Holmes divenne un forte sostenitore della "mode Expectante" francese, un metodo di terapia medica per non interferire con il processo di guarigione naturale del corpo. Il ruolo del medico nella "modalità aspettativa" è quello di fare tutto il possibile per aiutare la natura nel processo di guarigione della malattia e di non fare nulla per interferire con esso.

Come poeta Holmes ha lasciato un'impronta indelebile nel mondo letterario del XIX secolo. Gran parte del suo lavoro è stato pubblicato dal prestigioso “Atlantic Monthly”. Ha anche ricevuto una serie di lauree honoris causa per la sua opera letteraria dalle università di tutto il mondo. Una delle sue poesie più note era "The Last Leaf", una poesia parzialmente ispirata a una delle figure storiche di Boston, Thomas Melville, membro del Boston Tea Party del 1774.

Oliver Wendell Holmes, Sr. è nato a Cambridge, Massachusetts, il 29 agosto 1809. Era il primo figlio di Abiel Holmes [1763-1837] che era un ministro della Prima Chiesa Congregazionale e un appassionato storico. La madre di Holmes era Sarah Wendell, figlia di un giudice. Il 15 giugno 1840 Holmes sposò Amelia Lee Jackson. Era la figlia del giudice Charles Jackson, che era stato un giudice associativo della Corte giudiziaria suprema del Massachusetts. La coppia ebbe tre figli, costituiti dal futuro giudice della Corte Suprema degli Stati Uniti, Oliver Wendell Holmes, Jr. [1841-1935], una figlia, Amelia Jackson Holmes [1843-1889], e un altro figlio, Edward Jackson Holmes [1846- 1884]. Oliver Wendell Holmes, Sr. morì il 7 ottobre 1894 all'età avanzata di 85 anni.

E-BOOK DISPONIBILI DA AMAZON GOOGLE: Kindle Store Pegels

AMERICANI OLANDESI DI spicco, ATTUALI E STORICI

OTTO FAMIGLIE AMERICANE OLANDESI IMPORTANTI: I ROOSEVELTS, VANDERBILTS E ALTRI, 2015

QUINDICI FAMIGLIE AMERICANE OLANDESI IMPORTANTI: I VAN BURENS, I FRATELLI KOCH, VOORHEES E ALTRI, 2015


La migliore frase in atlantico Storia?

Dopo la battaglia di Antietam, Oliver Wendell Holmes ha scritto una storia avvincente sulla sua ricerca del figlio ferito. Ma una delle battute più memorabili non aveva nulla a che fare con la Guerra Civile.

Nel settembre 1862, il futuro giudice della Corte Suprema Oliver Wendell Holmes Jr. fu uno dei 22.717 uomini caduti durante la battaglia di Antietam. Suo padre, Oliver Sr., intraprese un viaggio epico per trovarlo e, un paio di mesi dopo, ne scrisse per L'Atlantico.

"My Hunt After the Captain" è un incredibile resoconto di prima mano di come appariva e si sentiva il Maryland subito dopo la più sanguinosa battaglia della Guerra Civile. Holmes descrive ciò che vide per le strade di Federico: “Ragazzi delicati, con più spirito che forza, arrossati dalla febbre o pallidi per la stanchezza o sfiniti dalla sofferenza, trascinavano le loro membra stanche come se ogni passo esaurisse la loro magra riserva di forza. " Nota come appariva il terreno dopo la battaglia, con "chiazze rosso scuro dove una pozza di sangue si era rappresa e incrostata, mentre un pover'uomo riversava la sua vita sulla zolla".

Ma c'è una frase particolarmente memorabile che non ha nulla a che fare con la guerra. Si avvicina all'inizio, poiché Holmes sta ricordando il suo viaggio in treno dal New England:

Molte volte, quando sono salito sulle macchine, aspettandomi di essere magnetizzato in un'ora o due di beata fantasticheria, i miei pensieri scossi dalle vibrazioni in ogni sorta di nuovi e piacevoli schemi, che si dispongono in curve e punti nodali, come le granelli di sabbia nel famoso esperimento di Chladni, nuove idee che emergono in superficie, come fanno i chicchi quando una misura di grano viene scossa nel carro di un contadino, tutto questo senza volontà, l'impulso meccanico da solo tiene in movimento i pensieri, come il solo atto di portare certi orologi in tasca li tiene carichi, - molte volte, dico, proprio mentre il mio cervello cominciava a strisciare e ronzare con questa deliziosa ebbrezza locomotiva, qualche caro amico detestabile, cordiale, intelligente, socievole, radioso , si è alzato e si è seduto vicino a me e ha aperto una conversazione che ha rotto il mio sogno ad occhi aperti, ha liberato i cavalli volanti che vorticavano lungo le mie fantasie e si sono attaccati al vecchio e stanco omnibus-squadra di associazioni quotidiane, ha affaticato il mio udito e attenzione, esauriva la mia voce, e mungeva i seni del mio pensiero a secco durante l'ora in cui avrebbero dovuto riempirsi di succhi freschi.

Questa frase (ed è una singola frase!) è sorprendente per tutti i tipi di motivi. Innanzitutto, c'è la pura lunghezza: sono lunghe 198 parole. Poi ci sono le metafore. I pensieri di Holmes sono "magnetizzati", quindi "scossi dalle vibrazioni". Allude casualmente al “famoso esperimento di Chladni” (puoi leggerlo su Wikipedia se non possiedi una copia del classico del 1787 Accedi alla teoria della teoria dei Klanges). Quindi paragona i suoi pensieri a chicchi di mais, ingranaggi di un orologio a carica automatica e carrozze trainate da cavalli volanti. Alla fine, i suoi pensieri sono i seni, che il suo amico chiacchierone ha munto a secco.

Non è solo la scrittura di Holmes a essere notevole. È anche l'esperienza reale che sta descrivendo. In questa era di smartphone, è difficile ricordare un'epoca in cui le persone cercavano attivamente opportunità per sognare ad occhi aperti. Ma puoi vederlo in quasi tutti atlantico articolo del XIX secolo: i nostri scrittori non avevano fretta. Si stavano godendo il processo di pensare sulla carta, lasciando che le loro associazioni li portassero avanti senza preoccuparsi di dove sarebbero potuti finire (o quando avrebbero potuto aver bisogno di usare un punto). Emerson scrisse in questo modo: James Russell Lowell una volta descrisse la prosa del saggio Concord come "un caos pieno di stelle cadenti, un miscuglio di forze creative". Ma non ho mai veramente capito la mentalità dietro questo tipo di scrittura finché non ho letto quella frase di Oliver Wendell Holmes.

Per saperne di più, ho chiamato David S. Reynolds, un illustre professore del CUNY Graduate Center specializzato in letteratura e storia del XIX secolo. Come qualcuno che studia quell'epoca, Reynolds ridacchiò affettuosamente alla frase di Holmes. Ha detto che gli ricordava Herman Melville: Per tutto il tempo Moby Dick e Bartleby, lo Scrivener, "ci sono molte di queste frasi più lunghe che vanno avanti e avanti, eppure stanno insieme e sono piene di metafore che sono semplicemente meravigliose".

Reynolds ha sottolineato che il diciannovesimo secolo era l'era romantica, un'epoca in cui gli scrittori volevano "lussarsi nel linguaggio" ed esplorare i loro mondi interiori. Un classico esempio, ha detto, era "Song of Myself" di Walt Whitman del 1855. Gli studenti di Reynolds hanno spesso difficoltà a capire cosa intendesse Whitman quando scriveva: "Mi chino e ozio a mio agio . osservando una lancia d'erba estiva”. "Alcuni di loro dicono: 'Cos'è questo ragazzo, un cadetto spaziale o qualcosa del genere?' Ma Whitman era così. È stato davvero in grado di rallentare e godersi il suo ambiente”.

Cosa ha spinto gli scrittori a smettere di oziare sull'erba? Mark Twain, un altro atlantico collaboratore, ha avuto molto a che fare con esso. Secondo Reynolds, Ernest Hemingway aveva ragione quando osservava: "Tutta la letteratura americana moderna proviene da un libro di Mark Twain chiamato Huckleberry Finn.”

"Voglio dire, la frase Holmes è stata davvero progettata per un pubblico di lettori istruiti", ha detto Reynolds. “Non pretende di essere affatto volgare. Quello che Mark Twain ha fatto è stato cercare di registrare le voci di persone che non erano necessariamente istruite, bambini a malapena alfabetizzati". E Twain non nascondeva il suo disprezzo per coloro che scrivevano frasi di 200 parole. Secondo Reynolds, "Una volta si è alzato in piedi davanti a una folla di letterati in un banchetto formale e ha continuato a parlare del linguaggio ventoso ed eccessivo di scrittori come James Fenimore Cooper".

La letteratura americana non è cambiata del tutto in una volta Reynolds sottolinea che Henry James ha continuato a fare le sue cose anche mentre Twain stava scrivendo il suo dialogo con i piedi per terra. Ma la storia era dalla parte di Twain. La diffusione dei mass media, l'ascesa dei film e la popolarità di Strunk e White hanno contribuito a plasmare la sensibilità che abbiamo ora. Di oggi atlantico gli editori non avrebbero mai lasciato alcune delle metafore usate da Holmes in una storia finita, figuriamoci tutte in una frase infinita.

Ma questo fa parte di ciò che rende la scrittura di Holmes così maliziosamente attraente. Infrange tutte le nostre regole moderne, ma in qualche modo funziona. Riesce a catturare il movimento della mente, i modi quasi fisici in cui fluttua, vibra e ronza. Gli scrittori possono scrivere in modo diverso ora, ma le nostre parole e idee provengono ancora da qualche parte, e il processo per portarle in superficie è meraviglioso e misterioso come sempre. A volte ci vuole una frase di 198 parole di uno scrittore magistrale per ricordarcelo.


Oliver Wendell Holmes, padre e figlio


1. Oliver Wendell Holmes1, nato l'8 marzo 1841 a Boston, Suffolk Co., MA morto il 6 marzo 1935 a Washington, DC. Era il figlio di 2. Oliver Wendell Holmes
e 3. Amelia Lee Jackson.


Note per Oliver Wendell Holmes:


Oliver Wendell Holmes, Jr. è nato a Boston l'8 marzo 1841. Visse fino a due giorni prima del suo 94esimo compleanno. Suo padre, Oliver Wendell Holmes,
Sr., era un medico, professore di medicina ad Harvard e autore di romanzi, versi e saggi umoristici. Così, Holmes è cresciuto in un ambiente letterario, e
prospero, famiglia.


Holmes ha frequentato scuole private a Boston e poi, come suo padre, ad Harvard. Il giovane Holmes non fu particolarmente impressionato dall'Harvard di quel tempo, trovando il
stordimento del curriculum (Henry Adams in seguito osservò che "Harvard ha insegnato poco, e quel piccolo malato."). Ha esercitato le sue doti letterarie come editore
dell'Harvard Magazine, e in numerosi saggi. La sua laurea era anche in qualche dubbio, come era stato pubblicamente ammonito dalla facoltà per
"mancanza di rispetto" verso un professore. Holmes evidentemente lo prese come un affronto e partì per allenarsi per la Guerra Civile. La sua unità non è stata immediatamente inviata a
il fronte, e Holmes fu persuaso a tornare e ricevere la laurea.


Dopo essersi laureato ad Harvard, Holmes iniziò il suo servizio nella Guerra Civile. Fu ferito in battaglia tre volte e soffrì anche di numerose malattie. Anche se era
in seguito per glorificare il servizio in tempo di guerra, ha rifiutato di rinnovare il suo termine di servizio quando è scaduto. Apparentemente Holmes, e giustamente, sentiva di aver fatto più di...
il suo dovere, ed era sopravvissuto a una battaglia di troppo per continuare a tentare il destino.


Holmes tornò a Boston, decise di studiare legge ed entrò alla Harvard Law School nel 1864. Sebbene inizialmente incerto che la legge sarebbe stata la sua professione, presto
si immerse nello studio e decise che la legge sarebbe stata il lavoro della sua vita. Si è impegnato per la legge, ma non necessariamente per lo studio privato.


Dopo aver superato l'esame orale richiesto, Holmes fu ammesso all'ordine degli avvocati del Massachusetts nel 1867. Per i successivi quattordici anni esercitò la professione di avvocato a Boston. Ma
il suo amore per l'erudizione legale, piuttosto che per la pratica quotidiana mondana, era evidente durante questo periodo. Ha lavorato a una nuova edizione dei Commentari di Kent,
un'impresa mastodontica che durò circa quattro anni e divenne l'editore dell'American Law Review.


Holmes sposò Fanny Dixwell nel 1872. Si conoscevano da quando Holmes aveva circa dieci anni, poiché era la figlia del proprietario del privato
scuola che ha frequentato. Il loro matrimonio doveva essere senza figli e durò fino alla sua morte nel 1929.


L'opera più famosa di Holmes, The Common Law, pubblicata nel 1881, nacque da una serie di dodici conferenze che era stato invitato a tenere, il che richiedeva che
spiegare i fondamenti del diritto americano. Holmes ha messo in dubbio le basi storiche di gran parte della giurisprudenza anglo-americana. L'opera contiene
La citazione più famosa di Holmes: "La vita della legge non è stata logica, è stata esperienza". Holmes era arrivato a credere che anche obsoleto e
dottrine giuridiche apparentemente illogiche sono sopravvissute perché hanno trovato nuova utilità. Le vecchie forme giuridiche sono state adattate alle nuove condizioni sociali.


Poco dopo la pubblicazione di The Common Law, a Holmes è stato offerto un posto di insegnamento in legge ad Harvard. Dopo un'intensa trattativa, principalmente incentrata sul denaro,
poiché Holmes non era ricco e aveva bisogno del reddito per vivere, accettò la cattedra. Ma dopo aver insegnato solo un semestre, si è dimesso per accettare un
nomina alla Corte Giudiziaria Suprema del Massachusetts, la più alta corte dello stato. L'apertura era sorta alla fine dell'attuale repubblicano
mandato del governatore, e poiché a lui doveva succedere un democratico, la nomina doveva essere eseguita con rapidità. La partenza di Holmes da Harvard
causò una certa costernazione, tuttavia, poiché era uno dei soli cinque professori a tempo pieno e una dotazione era stata appositamente raccolta per finanziare la sua cattedra.


Holmes ha fatto parte della Corte Suprema Giudiziaria per vent'anni, diventando giudice supremo. Amava il lavoro, la ricerca giuridica e la "scrittura" di
casi. Holmes trovava il lavoro facile, almeno per lui. Poteva vedere immediatamente il nocciolo di un problema e le sue capacità intellettuali erano di gran lunga superiori alle sue
colleghi. Holmes non è mai stato accusato di modestia, soprattutto per quanto riguarda la sua superiorità rispetto ai suoi colleghi giudici. Sebbene fosse felice alla Corte Suprema Giudiziaria,
desiderava maggiore fama e sfida.


L'opportunità per il massimo avanzamento professionale arrivò nel 1902, quando Holmes fu nominato dal presidente Theodore Roosevelt al Supremo degli Stati Uniti.
Tribunale. La sua nomina potrebbe non essere mai avvenuta, tranne per il fatto che il "seggio del New England" alla corte è diventato vacante durante il mandato di Roosevelt, e
Roosevelt e Holmes erano entrambi amici del senatore del Massachusetts, Henry Cabot Lodge. Lodge persuase Roosevelt che Holmes era "sicuro", cioè...
favorevole alle politiche progressiste di Roosevelt. Roosevelt in seguito si sarebbe pentito della nomina, dopo che Holmes aveva partecipato all'abbattimento di alcuni...
Le iniziative di Roosevelt.


Oliver Wendell Holmes, Jr. avrebbe fatto parte della Corte Suprema più a lungo di qualsiasi altra persona: trent'anni. Fu chiamato "Il grande dissenziente" perché...
era spesso in contrasto con i suoi colleghi giudici ed era capace di esprimere eloquentemente i suoi dissensi. Louis Brandeis si univa spesso a lui nei dissensi e nelle loro opinioni
divenne spesso l'opinione della maggioranza nel giro di pochi anni. Holmes si dimise a causa di problemi di salute nel 1932, all'età di novant'anni. Morì nel 1935 ed è sepolto in
Il Cimitero Nazionale di Arlington accanto a sua moglie.


La filosofia giuridica di Holmes si è evoluta nel corso dei sessanta e passa anni in cui ha scritto sulla legge. In un primo momento, ha tentato un razionale, sistematico o "scientifico"
concettualizzazione. Ma nel corso del tempo, si rese conto che la legge era più un compendio di decisioni che riflettevano le risoluzioni dei singoli giudici di effettivi
casi. Così, la crescita della legge è stata modellata dall'esperienza alle controversie reali nella società del giorno.


Ampiamente considerato un "liberale" perché credeva nella libertà di parola e nel diritto dei lavoratori di organizzarsi, Holmes fu molto conservatore nella sua risposta a
casi di lesioni. Era un campione di "restrizione giudiziaria" - rinviando al giudizio del legislatore nella maggior parte delle questioni di politica.


Holmes è considerato uno dei giganti del diritto americano. Non solo perché ha scritto così bene, ma anche perché ha scritto così tanto e per così tanto tempo. Un avvocato che cerca
una citazione di Holmes non manca mai. Anche l'edificio dell'Internal Revenue Service a Washington, D.C., porta la sua scritta: "Le tasse sono il prezzo che paghiamo"
per una società civile».


Maggiori informazioni su Oliver Wendell Holmes:


Sepoltura: Cimitero Nazionale di Arlington


2. Oliver Wendell Holmes1, nato il 29 agosto 1809 e morto il 7 ottobre 1894. Era figlio di 4. Abiel Holmes e 5. Sarah Wendell. Ha sposato 3. Amelia Lee Jackson.


3. Amelia Lee Jackson1, nata il 22 maggio 1818 e morta il 06 febbraio 1888.


Note per Oliver Wendell Holmes:


Oliver Wendell Holmes, un celebre medico e professore di anatomia e fisiologia ad Harvard, è il più difficile dei tre noti bramini da classificare
perché il suo lavoro è caratterizzato da una rinfrescante versatilità. Comprende raccolte di saggi umoristici (ad esempio, The Autocrat of the Breakfast-Table, 1858),
romanzi (Elsie Venner, 1861), biografie (Ralph Waldo Emerson, 1885) e versi che potrebbero essere vivaci ("The Deacon's Masterpiece, or, The Wonderful
One-Hoss Shay"), filosofico ("The Chambered Nautilus") o ferventemente patriottico ("Old Ironsides").


Nato a Cambridge, nel Massachusetts, il sobborgo di Boston che ospita Harvard, Holmes era figlio di un importante ministro locale. Sua madre era una discendente
della poetessa Anne Bradstreet. Ai suoi tempi, e ancor più dopo, ha simboleggiato l'arguzia, l'intelligenza e il fascino non come scopritore o apripista, ma piuttosto
come interprete esemplare di tutto, dalla società e dal linguaggio alla medicina e alla natura umana.


Holmes era il padre di Oliver Wendell Holmes, Jr, il giudice della Corte Suprema.


HOLMES nacque a Cambridge, Massachusetts, il 29 agosto 1809 e morì il 7 ottobre 1894.


All'età di vent'anni si è laureato all'Università di Harvard, quindi ha intrapreso lo studio della legge. Questo studio, tuttavia, fu presto abbandonato per la medicina. Ha studiato in
Europa per un breve periodo e si laureò come dottore in medicina a Cambridge, nel 1836. Due anni dopo fu nominato alla cattedra di Anatomia e
Fisiologia al Dartmouth College. Questa posizione mantenne fino al 1847, quando accettò una posizione simile ad Harvard, che mantenne fino al 1892. Tutti i suoi studi letterari
lavoro svolto in aggiunta alle fatiche di una cattedra continuativa in collegio di circa quarantasette anni.


I gusti letterari di Holmes furono presto indicati dai suoi versi comici e satirici che contribuirono a "The Collegian". Questi erano eccellenti per loro
tipo. Nelle sue prime opere, l'allegria superava così spesso il sentimento da diminuire la promessa e l'autoprevisione del suo essere davvero un poeta. mentre molti
delle sue strofe giovanili sono serie ed eleganti, quelle che si avvicinano al sentimento della vera poesia sono in celebrazione della compagnia e del buon umore. Lui sembrava
per esemplificare ciò che Emerson era solito predicare, che c'è un'onesta saggezza nel canto e nella gioia. Contribuì con numerosi pezzi a periodici americani e nel 1836
raccolse le sue poesie in un volume. La sua vita non è stata segnata da eventi noti, ma era come il movimento costante di un grande fiume. È cresciuto più ampio e
più profondo in ogni miglio del suo progresso. "Holmes è stato un brillante esempio di persona che ha svolto un solido lavoro come insegnante e praticante, nonostante il suo successo in
letteratura." "Poetry", un saggio metrico, fu seguito da "Terpsichore", una poesia nel 1846, "Urania", nel 1850,
"Astreea", "L'equilibrio delle allusioni", una poesia. Queste poesie furono consegnate per la prima volta prima del college e delle società letterarie.


Sebbene il più diretto e ovvio del gruppo di Cambridge, il meno portato alle sottigliezze, era il nostro tipico poeta universitario, il menestrello del college
che lo ha allevato, e nelle cui libertà ha insegnato, scherzato, cantato e brindato, dalla fanciullezza a quella che nella gente comune sarebbe stata la vecchiaia. Alma Mater era più per
lui che a Lowell oa Longfellow, e fino a quando non fosse entrato nella sua tenuta, Harvard poteva vantare un cantore naturale come suo vincitore. Due secoli di acclimatazione,
e una certa esperienza di libertà, probabilmente erano necessarie per germinare la fantasia che si ribella nelle sue misure. Prima di lui, inoltre, i figli dei Puritani
non erano maturi per la dottrina che c'è un tempo per ridere, che l'umorismo è un costituente della vita altrettanto utile quanto la gravità o l'oscurità. provinciale,
all'inizio dovettero riceverlo nella sua forma più rozza, e gustarono di cuore l'ampio divertimento dei versi giovanili di Holmes. Il loro allegro se ne accorse presto
sia il divertimento che la sensazione sono aumentati quando combinati. Il poeta di "The Last Leaf" fu tra i primi a insegnare ai suoi connazionali che il pathos è una parte uguale
di vero umorismo che il dolore è alleggerito dallo scherzo, e lo scherzo è riscattato dalla grossolanità dall'emozione, nella maggior parte delle condizioni di questa nostra evanescente vita umana".


Rivolgendo la sua attenzione alla prosa, pubblicò, nel 1858, "L'autocrate della tavola della colazione", una serie di saggi leggeri e geniali pieni di fantasia
e umorismo, che ha avuto successo sia nel Nuovo che nel Vecchio Mondo. Sembra che questo lavoro sia stato progettato nella sua giovinezza ma dobbiamo alla sua maturità il
esperienza, comicità, umorismo proverbiale e suggestione che scorrono a proprio agio attraverso le sue pagine. Poco era troppo alto o troppo basso per il commento di questo down-est
filosofo. Una sorta di Franklin attenuato, vedeva le cose e le persone con meno robustezza, ma con distinzione e intuizione più acute. Le sue massime pertinenti
sono così frequenti che sembra, come si diceva di Emerson, come se li avesse annotati di tanto in tanto e qui prima li avesse applicati
apotegmi della vita comune e dell'azione, spesso di esperienza mentale, tenuti insieme da un espediente originale tanto da rendere l'opera una novità assoluta in letteratura. Il
L'autocrate tiene un torneo intellettuale al tavolo di una pensione lì, giostre contro l'inganno e la stupidità, dà tocchi leggeri di conoscenza, sentimento,
illustrazione, conia qua e là una frase destinata ad essere lungamente attuale, né dimentica il dovere poetico di fornire un piccolo idillio di amore e interesse umano.


Questo è stato seguito da "Il professore a colazione" e più tardi da "Il poeta a colazione". "Il professore"
è scritto un po' alla maniera di Sterne, ma senza troppi artifici. La storia di Iris è un filo d'oro intrecciato. Le poesie in questo libro sono inferiori
a quelli dell'Autocrate, ma il suo autore qua e là mostra il dono di disegnare personaggi reali l'episodio del Piccolo Gentiluomo è esso stesso una poesia, - la sua
vicino molto toccante, anche se imitato dalla scena della morte in Tristram Shandy. "Il poeta a tavola", scritto alcuni anni dopo, è di a
cast più serio rispetto ai suoi predecessori, principalmente dedito alle peculiari speculazioni mentali di Holmes e ai suoi pettegolezzi fluenti sui libri e sull'apprendimento. lui fa il suo
raro vecchio esperto un pensatore liberale, chiaramente della nozione che un'alta borsa di studio porta a visioni più ampie.


Tra il secondo e il terzo della serie "Autocrat", apparve, nel 1861, "Elsie Venner", e nel 1868, "The Guardian Angel",
due ottimi romanzi. Poi, nel 1872, pubblicò "Mechanism in Thought and Morals". È anche autore di un prezioso lavoro medico, e di numerosi
saggi e poesie di valore.


Quando scoppiò la guerra civile, questo poeta conservatore, che poco aveva preso parte all'agitazione che l'aveva preceduta, condivise in tutto e per tutto lo spirito e
doveri del tempo. Nessuno dei nostri poeti ha scritto testi di guerra più commoventi durante il conflitto, nessuno era più nazionale per quanto riguarda la lealtà, in senso websteriano, alla
il nostro paese e il suo emblema è preoccupato. Ha sempre mostrato il patriottismo semplice e istintivo dell'uomo minuto americano. Potrebbe o non potrebbe essersi schierato con
i suoi vicini, ma era per la nazione. Il suo orgoglio non era inglese, ma di lunga discendenza americana.


Di Holmes, nessuno ha scritto un numero maggiore di brevi e belle poesie, che sono in ogni lingua. Quando una nota nave americana fu dichiarata inadatta alla navigazione,
e in procinto di essere abbandonato, il nostro poeta si fece avanti con una magnifica poesia, intitolata "Old Ironsides", che diede a quella bella vecchia nave mezzo secolo di
preservazione.


Ma ci ha dato alcuni dei migliori pensieri. Molti dei suoi detti devono stare tra i migliori esempi di arguzia e umorismo americani e i suoi scritti, come a
interi, saranno sempre classificati tra i migliori nel loro genere. Nelle sue opere in prosa siamo costantemente deliziati dal frequente verificarsi dei più brillanti e
pensieri originali. Resterà sempre nel tempio della letteratura americana, tra gli scrittori più brillanti e popolari.

Il figlio di Oliver Holmes e Amelia Jackson è:


1 io. Oliver Wendell Holmes, nato l'8 marzo 1841 a Boston, Suffolk Co., MA morto il 6 marzo 1935 a Washington, DC.


4. Abiel Holmes1, nato il 24 dicembre 1763 e morto il 4 giugno 1862. Era figlio di 8. David Holmes e 9. Temperance Bishop. Ha sposato 5. Sarah Wendell.


5. Sarah Wendell1, nata il 30 dicembre 1768 e morta il 19 agosto 1862.

Il figlio di Abiel Holmes e Sarah Wendell è:


2 io. Oliver Wendell Holmes, nato il 29 agosto 1809 morto il 7 ottobre 1894, sposò Amelia Lee Jackson.


8. David Holmes1, nato nel 1740. Ha sposato 9. Temperance Bishop.


9. Temperance Bishop1, nata nel 1740. Era la figlia di 18. John Bishop e 19. Temperance Lathrop.

Figlio di David Holmes e Temperance Bishop è:


4 io. Abiel Holmes, nato il 24 dicembre 1763, morto il 4 giugno 1862, sposò Sarah Wendell.


18. John Bishop1, nato nel 1700. Ha sposato 19. Temperance Lathrop.


19. Temperance Lathrop1, nata nel 1700. Era la figlia di 38. Joseph Lathrop e 39. Elizabeth Waterhouse.

Figlio di John Bishop e Temperance Lathrop è:


9 io. Temperanza Bishop, nato nel 1740 sposò David Holmes.


38. Joseph Lathrop1, nato nell'ottobre 1661 e morto il 05 luglio 1740 a New London, CT. Era il figlio di 76. Samuel Lothrop e 77. Elizabeth Scudder. Ha sposato 39.
Elisabetta Waterhouse.


39. Elizabeth Waterhouse1, nata il 22 marzo 1660/61 morta il 29 novembre 1726 a New London, CT.

Il figlio di Joseph Lathrop ed Elizabeth Waterhouse è:


19 io. Temperance Lathrop, nato nel 1700, sposò John Bishop.


76. Samuel Lothrop2,3, nato Abt. 1623 in Inghilterra morì nel 1700 a Norwich, New London Co., CT. Era il figlio di 152. John Lothrop. Ha sposato 77.
Elizabeth Scudder 28 novembre 1644 a Barnstable Co., MA.


77. Elizabeth Scudder4,5, nata il 12 maggio 1622 in Inghilterra morta nel 1700 a Salem, Essex Co., MA. Era la figlia di 154. John Scudder e 155. Elizabeth
Stoughton.


"Samuel Lathrop era un costruttore di Boston e un agricoltore di Barnstable, stabilendosi finalmente nell'attuale New London Co., CT, dove divenne uno dei giudici della
corte locale organizzata nel 1649. Nel 1668 si trasferì a Norwich, nel Connecticut, dove fu scelto conestabile. Si sposò (primo), il 28 novembre 1644, a Barnstable,
Elisabetta Scudder. erano i genitori di nove figli, il maggiore, un figlio John, battezzato il 7 dicembre 1645, la più giovane una figlia, Anne, nata in agosto
7, 1667. Samuel Lathrop sposò (secondo), nel 1690, Abigail Doane, nata il 29 gennaio 1632, figlia del diacono John Doane, della colonia di Plymouth. lei è sopravvissuta
suo marito trentaquattro anni, vivendo fino alla grande età di centodue".


Estratto dalla biografia di Ernest Avery Lathrop, "A Modern History of New London County, Connecticut", pubblicata nel 1922


Note per Elizabeth Scudder:


I discendenti di Samuel ed Elizabeth includono due presidenti: Grant e FDR Benedict Arnold e le mogli di altre due note figure rivoluzionarie
--"firmatario" Samuel Huntington e il generale Israel Putnam varie figure politiche moderne --Thomas Edmund Dewey, i Dulles, gli ultimi due Adlai
Ewing Stevensons (via Bordens), e la moglie di Charles Joseph Bonaparte, ministro di gabinetto "Teddy" Roosevelt e pronipote e pronipote di Napoleone.
varie famiglie di "magnati" - gli Scribner, editori, di New York, i Marshall Fields e i chewing-gum Wrigley di Chicago, i King-Kleberg
del King Ranch in Texas, Charles William Post di Post Toasties e le mogli di Levi Z. Leiter di Chicago e Leland Stanford della California. Boston
I "bramini" tra i discendenti di Samuel ed Elizabeth includono i due Oliver Wendell Holmes e John Lothrop Motley, la cui figlia sposò British
Il Cancelliere dello Scacchiere Sir William G.V. Harcourt. Altre connessioni britanniche includono il 1 ° marchese Curzon di Kedleston, ministro degli Esteri e indiano
Viceré, genero di Leiter e suocero del leader fascista Sir Oswald Mosley: i discendenti europei includono la moglie del presidente cecoslovacco Thomas
Jan (poi Garrigue) Masaryk e madre di Jan Garrigue Masaryk, ministro degli Esteri ceco (Charlotte Garrigue, la cui madre era una merlano del New England).


Le figure di Hollywood tra i discendenti di Lathrop/Scudder includono Dina Merrill, Anthony Perkins, Tuesday Weld e una moglie del regista Preston Sturges. mormone
discendenti includono Mary Anne Van Cott, una delle 16 mogli di Brigham Young da cui lasciò i figli, il quarto presidente Wilford Woodruff e i leader Orson e
Parley Parker Pratt, oltre al pronipote di Parley, figura politica George Romney. Le figure intellettuali successive della discendenza Lathrop/Scudder includono il college
presidenti Daniel Coit Gilman di Johns Hopkins, Frederick A.P. Barnard di Columbia e Charles Seymour di Yale, architetto paesaggista Frederick Law Olmstead di
Central Park, il poeta Hart Crane, il critico William Lyon Phelps, il compositore Charles Ives, il romanziere Louis Auchincloss, l'esperto sovietico George Frost Kennan e le mogli
dell'architetto Richard Morris Hunt, del compositore Edward Alexander MacDowell e del romanziere Robert Penn Warren e del marito dell'antropologa Ruth Benedict. infine
tra questi discendenti di Lathrop/Scudder, desidero citare Serena Alleyne Stanhope Armstrong-Jones, la viscontessa Linley, la nuora della principessa Margaret e
un "minore reale", la cui bisnonna matrilineare era una Sumner di Boston. Presidenti, alcune figure politiche rivoluzionarie e successive, magnati (in
New York City e soprattutto il Midwest), alcuni intellettuali bramini di Boston, diverse personalità britanniche o europee (tra cui alcuni primi ministri, presidenti,
o "reali") e le figure di Hollywood e Mormoni dall'Occidente sono tutti discendenti attesi dei pionieri del Connecticut o della Connecticut Valley.


Jane Fiske scoprì dai registri parrocchiali di Strood, nel Kent, il testamento del reverendo Henry Scudder, un atto di matrimonio di John Scudder ed Elizabeth Stoughton, e
altre fonti, alcune già pubblicate in TAG o in pubblicazioni della Scudder Family Association, che Elizabeth Scudder, moglie di Samuel Lathrop, fosse la
figlia del suddetto John Scudder ed Elizabeth Stoughton, sorella di Thomas e Israel Stoughton di Dorchester, Mass. John Scudder era fratello di Thomas
Scudder di Salem e uno zio di Thomas Scudder di L.I.


Fonte: Pensieri genealogici di Gary Boyd Roberts, NEHGS Senior Research Scholar, autore e bibliotecario di riferimento


I discendenti di Elizabeth Scudder includono Ulysses S. Grant, Benedict Arnold, Marjorie Merriwether Post, sua figlia Dina


Merrill (l'attrice), Franklin Delano Roosevelt, Thomas E. Dewey, John Foster Dulles e Frederick Law Olmsted, codesigner del Central Park di New York.


FONTE: Associazione Scudder

I figli di Samuel Lothrop ed Elizabeth Scudder sono:


38 io. Joseph Lathrop, nato nell'ottobre 1661 e morto il 5 luglio 1740 a New London, CT, sposò Elizabeth Waterhouse.


ii. Abigail Lothrop, nata l'11 maggio 1665 a Norwich, CT morta il 19 novembre 1745 a Norwich, CT, sposò John Huntington il 9 dicembre 1686 a Norwich, New London
Co., CT nato il 15 marzo 1665/66 a Norwich, CT morto il 07 novembre 1732 a Norwich, CT.


ii. Anne Lathrop6,7, nata nell'agosto 1667 morta il 19 novembre 1745 a Norwich, New London Co., CT sposò William Hough nato il 13 ottobre 1657 a New London Co.,
CT7 morì il 22 aprile 1705 a New London Co., CT7.


Estratto dalla biografia di Ernest Avery Lathrop, "A Modern History of New London County, Connecticut", pubblicata nel 1922


"Samuel Lathrop, che fu portato dall'Inghilterra da suo padre, il Rev. John Lathrop, nel 1734. Il Rev. John Lathrop entrò in aperto conflitto con l'Arcivescovo
di Londra, dove era parroco di una chiesa indipendente, e con quarantatré membri della sua chiesa fu arrestato, il 29 aprile 1632, e gettato in prigione.
Mentre era in prigione, sua moglie morì e alla fine fu rilasciato a condizione che lasciasse l'Inghilterra. Di conseguenza ha navigato con i suoi figli, e
nel 1634 arrivò nel New England. Fondò una chiesa a Scituate, nel Massachusetts, e con molti della sua congregazione si trasferì a Barnstable".


76 io. Samuel Lothrop, nato Abt. 1623 in Inghilterra morì 1700 a Norwich, New London Co., CT sposò Elizabeth Scudder il 28 novembre 1644 a Barnstable Co.,
MA.


154. John Scudder, nato Abt. 1588 nel Kent, Inghilterra. Era il figlio di 308. Henry Scudder. Ha sposato 155. Elizabeth Stoughton.

Il figlio di John Scudder ed Elizabeth Stoughton è:


77 io. Elizabeth Scudder, nata il 12 maggio 1622 in Inghilterra morì nel 1700 a Salem, Essex Co., MA sposò Samuel Lothrop il 28 novembre 1644 a Barnstable Co., MA.


308. Henry Scudder, nato nel 1545 morto Bet. 1594 - 1595. Era il figlio di 616. John Scudder.


Henry Scudder era il padre dell'immigrato, Thomas Scudder, ed è indicato come il reverendo dottor Scudder.


Henry Scudder, d 1594-1595 è probabilmente il figlio di un John Scudder, morto nell'ottobre


18, 1584, quando la sua vedova Margaret attirò proprietà a Sutton a Hone e Horton


Kirby a suo figlio Henry Scudder, falegname un William Scudder (probabile fratello)


firmò con lei la "concordia finale" l'"ottavo giorno di S. Martino", 19 novembre 1585.


Henry Scudder è un antenato del generale Hiram Ulysses Grant, del generale John Sedgwick, Franklin Delano Roosevelt, Oliver Wendell Holmes (padre e figlio) e
Charles Julius Guiteau (assassino del presidente James Garfield).

I figli di Henry Scudder sono:


io. Thomas Scudder8,9, nato nel 1586 a Darenth, Kent, Inghilterra morto Bef. 29 giugno 1658 a Salem, Essex Co., MA sposò Elizabeth Unknown a Darenth,
Kent, Inghilterra morì nel 1666.


I membri della famiglia in questo paese probabilmente scopriranno di discendere da quattro Scudder che arrivarono dall'Inghilterra all'inizio del XVII secolo nel Massachusetts
Colonia della baia. La prima fu Margaret che, con suo marito, il capitano John Johnson e la loro famiglia, si stabilì a Roxbury. Poi seguì Giovanni e sua sorella Elisabetta,
sposato in seguito con Samuel Lathrop, che si stabilì a Barnstable. Infine, Thomas, sua moglie Elizabeth e i loro figli si stabilirono a Salem nel 1636.


Si dice che THOMAS SCUDDER fosse figlio del "Rev. Dr. Henry Scudder d'Inghilterra, che ha presieduto una convenzione di sacerdoti nominati dal re a
Westminster nel 1643", e di essere venuto da Groton, in Inghilterra, nel 1636 con sua moglie ELIZABETH e i figli John ed Elizabeth. Si stabilì a Salem, Mass.,
e morì nel 1657. La figlia sposò Samuel Lothrop. Un corrispondente del New York Evening Mail, il 25 febbraio 1905, dice che la moglie di Thomas Scudder era...
Elizabeth Lowers of Daruth, Kent Co., England, e dà i seguenti figli: John Thomas Henry, sposato Catherine Este Elizabeth, nata nel 1622 sposata,
primo, Henry Bartholomew, e secondo, 28 novembre 1644, Samuel Lothrop William e Martha.


Fonte: Informazioni bibliografiche: Boardman, William F. J. The Ancestry of William Francis Joseph Boardman. Harford, Connecticut. 1906.


Molti anni fa, un ricercatore genealogico di nome H.F. Waters pubblicò un articolo intitolato,


"Spiglie genealogiche in Inghilterra". In esso scrisse di un testamento del 1645 per John Lowers of


Darenth, Kent, Inghilterra. Nel testamento, Giovanni parla di sua figlia Elisabetta e dei suoi figli, tutti


soprannominato Scudder. Poiché Thomas Scudder di Salem era della stessa zona del Kent, e il


i nomi dei bambini nel testamento erano simili a quelli di Thomas, Waters presumeva che la moglie di Thomas fosse...


Elisabetta Abbassa.Alcuni altri ricercatori, leggendo questo vecchio testamento, hanno letto il nome come Somers.


In seguito fu trovato un testamento di Henry Scudder di North Cray, Kent, datato 1641. Questo dimostrerà che


Henry, non Thomas of Salem, era il marito di Elizabeth Lowers, figlia di John Lowers. Il


il cognome della moglie di Thomas è ancora sconosciuto.


Molti storici di famiglia, essendo un po' pigri o inesperti nella ricerca, accettarono l'ipotesi di Waters


come fatto. Ecco perché vediamo ancora Thomas of Salem sposato con Elizabeth Lowers o Somers.


In alcuni casi, aggiungendo confusione, altri storici di famiglia confondono Thomas con John Scudder di


Barnstable (in realtà nipote di Thomas) che era sposato con Hannah, cognome sconosciuto. In altro


casi, gli storici di famiglia confondono Thomas con suo figlio, John Scudder, che sposò Mary King.


Forum genealogico della famiglia Scudder


Inserito da Chris Scudder, 30 aprile 1999


154 ii. John Scudder, nato Abt. 1588 nel Kent, in Inghilterra, sposò Elizabeth Stoughton.


616. John Scudder, morto il 18 ottobre 1584.


Henry Scudder, d 1594-1595 è probabilmente il figlio di John Scudder, che morì il 18 ottobre 1584, quando la sua vedova Margaret acquistò proprietà a Sutton at Hone e
Horton Kirby a suo figlio Henry Scudder, falegname un William Scudder (probabile fratello) firmò la "concordia finale" con lei "l'ottavo giorno di St.
Martin", 19 novembre 1585. TAG 72:291, 1997


308 i. Henry Scudder, nato nel 1545, morì Bet. 1594 - 1595.


1. Roberts, Gary Boyd, Kin notevole, (Santa Clarita, CA: Carl Boyer, 3rd, 1999).


2. Calkins Family Association, Kenneth W. Calkins, editore, Calkins Family In America, (Salem, MA: Higginson Book Company, settembre 2000).


3. Roberts, Gary Boyd, Kin notevole, (Santa Clarita, CA: Carl Boyer, 3rd, 1999).


4. Calkins Family Association, Kenneth W. Calkins, editore, Calkins Family In America, (Salem, MA: Higginson Book Company, settembre 2000).


5. Roberts, Gary Boyd, Kin notevole, (Santa Clarita, CA: Carl Boyer, 3rd, 1999).


6. Ettie T. McCall, McCall-Tidwell and Allied Families., (Atlanta, Georgia: Walter W. Brown Publishing Co., 1931.).


7. Calkins Family Association, Kenneth W. Calkins, editore, Calkins Family In America, (Salem, MA: Higginson Book Company, settembre 2000).


8. William F. J. Boardman, The Ancestry of William Francis Joseph Boardman, (Hartford, Connecticut: 1906).


9. Francis Baxley Lee, Memoriale genealogico e personale della contea di Mercer, New Jersey, (1907).

List of site sources >>>


Guarda il video: Oliver Wendell Holmes, Civil War soldier (Gennaio 2022).