Podcast di storia

Melvin II DD-680 - Storia

Melvin II DD-680 - Storia


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Melvin II

(DD-680: dp. 2.050; 1. 376'6"; b. 39'9"; dr. 17'9" s. 37 k.; cpl. 319; a. 5 5", 10 40mm., 7 20mm., 10 21' tt., 6 dcp., 2 dct.; cl. Fletcher)

Il secondo Melvin (DD-680) fu impostato il 6 luglio 1943 dalla Federal Shipbuilding & Dry Dock Co., Kearny, N.J.; varato il 17 ottobre 1943, sponsorizzato dalla signorina Gertrude C. Bailey, nipote del tenente ( jg.) J. T. Melvin, e commissionato il 24 novembre 1943, Comdr. Warner R. Edsall al comando.

Dopo lo shakedown al largo delle Bermuda, Melvin salpò per il Pacifico il 1 febbraio 1944. Arrivando a Pearl Harbor il 4 marzo, imbarcò per Majuro 5 giorni dopo e per il mese successivo condusse pattuglie antisommergibile e partecipò al blocco degli atolli in mano al nemico nelle Marshall, ritorno a Pearl Harbor il 2 maggio. Lì ha subito un addestramento intensivo di supporto antincendio e il 31 maggio è partita con il TG 5217 per Saipan. Avvicinandosi a quell'isola nella notte tra il 13 e il 14 giugno, affondò un sottomarino nemico, l'RO-66. Poche ore dopo, mentre navigava al largo di Saipan settentrionale, ingaggiò di nuovo una nave nemica, questa volta un mercantile, che bruciò brillantemente per alcune ore prima di affondare. Per i successivi 23 giorni ha fornito fuoco di controbatteria; ha condotto pattuglie antisommergibile danneggiando un sottomarino nemico il 17, servito come nave antincendio per i marines sulla spiaggia; scortò navi da Eniwetok e partecipò al bombardamento di Tinian.

L'8 luglio Melvin salpò per Eniwetok, da dove il 18 salpò nello schermo dei trasporti che trasportavano truppe a Guam, al largo del quale selezionò trasporti e petrolieri dal 22 luglio al 7 agosto. Dopo i preparativi a Guadalcanal, dall'8 al 21 settembre ha partecipato alla cattura e all'occupazione del Palaus meridionale, poi si è unita al TG 33.19 per l'occupazione incontrastata di Ulithi. Dopo aver scortato gli LST a Hollandia, arrivò a Manus per organizzare l'invasione di Leyte.

Ora con il TG 79.11, Melvin ha navigato l'11 ottobre verso le Filippine nello schermo del mezzo da sbarco da utilizzare nell'assalto a Dulag. Poco dopo la mezzanotte del 20 dicembre è entrata nel Golfo di Leyte e ha preso la sua postazione di screening assegnata tra Dinagat e le isole Hibuson, effettuando pattuglie di screening simili per i successivi 4 giorni. Nelle prime ore del 25, si unì all'attacco con i siluri di DesRon 54 che aprì la battaglia dello stretto di Surigao. Assegnato con Remey (DD-688) e Gowabn (DD-678) all'Eastern Attack Group, Melvin iniziò a lanciare siluri poco dopo le 03:00, segnando su Fuso, che esplose e affondò verso le 0338 circa. In seguito al loro attacco, i cacciatorpediniere si ritirarono sul Dinagat costeggiò verso Hibuson da dove assistettero allo sbarramento mortale della linea di battaglia dell'ammiraglio Oldendorf.

Nel giro di 48 ore, Melvin era in viaggio per Hollandia e scortava i convogli di rifornimento nelle Filippine fino a dicembre, quando tornò alle Salomone per provare l'assalto a Luzon. Si è distinta da Purvis Bay, nell'isola della Florida, il 25 dicembre per scortare i trasporti a Manus e poi nel Golfo di Lingayen. Arrivò con le sue cariche l'11 gennaio 1945 e fornì illuminazione e supporto antincendio, nonché servizi di screening. Continuando a coprire gli sbarchi fino al 15, ha incontrato attentatori suicidi giapponesi, come nuotatori, in barche e in aerei, con uguale determinazione.

Da Luzon, Melvin salpò verso sud verso Leyte, poi verso le Caroline e un nuovo incarico, controllando i veloci vettori del TF 38/58. Dirigendosi a nord con quella forza il 10 febbraio, Melvin in custodiva le cime pianeggianti mentre i loro aerei attaccavano Honshu e poi fornivano copertura aerea diretta per la campagna di Iwo Jima. Il 21, aiutò la Saratoga danneggiata (CV3) nella sua lotta contro gli incendi e gli aerei nemici, schizzandone tre, e poi la scortò a Eniwetok per le riparazioni.

A metà marzo si era riunita alle portaerei veloci a Ulithi, navigando con loro a nord-ovest il 14 per preparare la strada alla campagna di Okinawa. Per i successivi 61 giorni Melvin rimase in mare, a guardia dei vettori, fornendo supporto di fuoco per le truppe merlate dopo il 1 aprile e pattugliando la stazione di picchetto. Dopo una breve tregua a Ulithi a metà maggio, tornò a Ryukrus il 24 per incursioni contro le installazioni nemiche in quelle isole e su Kyushu. Metà giugno ha portato un'altra breve tregua dalla guerra mentre il cacciatorpediniere era attraccato nella baia di San Pedro. Era di nuovo in corso il 1 luglio mentre le portaerei si dirigevano verso nord per il loro ultimo dispiegamento contro il Giappone. Nel mese e mezzo successivo, la forza ha operato nella patria del nemico, bombardando e bombardando centri industriali e militari a Honshu e Hokkaido.

Melvin rimase con le portaerei fino al 10 agosto, quando salpò verso nord per unirsi alla TF 92 in una perlustrazione antinave e nel bombardamento di Paramushiro. Completata la missione il 12, salpò verso est verso Adak dove ricevette la notizia della resa giapponese e nuovi ordini di tornare in Giappone per l'occupazione con i dragamine al largo di Honshu settentrionale. Il 12 ottobre è partita per gli Stati Uniti, arrivando a San Francisco il 4 novembre. A San Diego, il 31 maggio 1946, si ritirò e si unì alla Pacific Reserve Fleet.

Melvin rimise in servizio il 26 febbraio 1951 e salpò 1 Jung per Newport per unirsi al DesRon 24 della flotta atlantica e rafforzare la 2a e la 6a flotta in modo che potessero risparmiare cacciatorpediniere per lo sforzo delle Nazioni Unite in Corea. Per 21 anni e mezzo ha navigato al largo della costa orientale e nei Caraibi schierandosi nel Mediterraneo dal 22 aprile all'8 ottobre 1952 e dal 22 aprile al 6 giugno 1953.

Il 13 gennaio 1954 si dimise di nuovo e si unì alla Reserve Fleet a Charleston, S.C. Vi rimase ormeggiata fino al 1960, quando fu riassegnata al Philadelphia Group, Atlantic Reserve Fleet, dove rimase fino al 1969.

Melvin ha ricevuto 10 stelle di battaglia per il servizio nella seconda guerra mondiale.


Guarda il video: Battle of warships USS Melvin Funny Moments (Potrebbe 2022).


Commenti:

  1. Kirby

    È un pezzo notevole, molto prezioso

  2. Zulujar

    Questo può essere discusso per sempre

  3. Abrecan

    Che parole... grande, l'idea eccellente

  4. Volar

    Sì, è accurato

  5. Vudodal

    Questa frase eccellente deve essere apposta

  6. Shaktit

    Sorprendente! Sorprendente!

  7. Ryszard

    Basta brillare



Scrivi un messaggio