Podcast di storia

Storia di San Francisco, California

Storia di San Francisco, California

L'area di San Francisco fu colonizzata nel 1776 dall'ufficiale spagnolo Juan Bautista de Anza. Il motivo originale per stabilirvisi fu la costruzione di un Presidio (forte) destinato a presidiare l'ingresso della Baia di San Francisco. Il forte era una grande struttura progettata per intimidire i belligeranti in arrivo. L'alloggio era necessario per i soldati di stanza nel forte. Padre Junipero Serra è stato incaricato di fornire una parte del suo alloggio. L'area è ora chiamata Mission Dolores. Quasi 75 anni dopo la costruzione del forte, gli Stati Uniti presero il controllo dell'area nel 1846. Non passò molto tempo dopo che gli Stati Uniti Nel 1848 fu scoperto l'oro ai piedi delle montagne della Sierra Nevada a circa 100 miglia a est. La gente arrivava da tutto il paese per tentare la fortuna di arricchirsi. Due personaggi degni di nota nella storia di San Francisco sono Levi Strauss, inventore del denim blue jeans; e lo scultore Beniamino Benvenuto Bufano. Anche San Francisco è benedetta da luoghi storici che ne definiscono l'unicità. Includono, ma non sono limitati a:

  • il Presidio di San Francisco,
  • Area ricreativa nazionale del Golden Gate,
  • Palazzo della Legion d'Onore della California,
  • Museo Marittimo Nazionale di San Francisco,
  • Museo dell'Accademia delle Scienze della California,
  • e il Museo Messicano.
  • San Francisco vanta numerosi luoghi e collaboratori storici artistici:

  • Davies Symphony Hall
  • Teatro dell'opera in memoria della guerra
  • Museo di Arte Moderna di San Francisco
  • Teatro Geary
  • Teatro del Conservatorio Americano
  • Opera di San Francisco
  • Istituto d'Arte di San Francisco
  • San Francisco Ballet
  • Sinfonia di San Francisco
  • Conservatorio di musica di San Francisco
  • Altri luoghi di importanza storica sono il Municipio di San Francisco, il George R. Moscone Convention Center, la Chinatown di San Francisco, Granite Lady, Fisherman's Wharf, Ghirardelli Square e la Transamerica Pyramid. L'istruzione superiore ha svolto un ruolo significativo nella storia di San Francisco. Le istituzioni di alta formazione includono, ma non sono limitate a, il New College of California, Academy of Art College, Golden Gate University, University of California - San Francisco, University of San Francisco, San Francisco State University e University of California Hastings College of Law.Due prove della determinazione civica di San Francisco possono essere viste sulla scia del terremoto di San Francisco del 1906 e di Loma Prieta, il terremoto del 1989.Anche se alcuni dicevano che non poteva essere fatto, l'ingegnosità di San Francisco ha trionfato quando l'imponente Golden Gate di San Francisco Il ponte è stato costruito.


    Storia dell'UCSF

    Una delle principali università di scienze della salute del mondo, l'Università della California, San Francisco (UCSF), risale al 1864, quando il chirurgo della Carolina del Sud Hugh Toland fondò una scuola medica privata a San Francisco.

    Toland era arrivato in occidente nel 1849 per cercare fortuna durante la corsa all'oro in California, ma dopo alcuni scoraggianti mesi come minatore, aprì uno studio chirurgico nella fiorente San Francisco. Man mano che la sua ricchezza e la sua influenza crescevano, acquistò un terreno a North Beach e aprì il Toland Medical College.

    I college affiliati, inizialmente situati in vari siti di San Francisco, erano uniti in un sito che si affacciava sul Golden Gate Park, noto oggi come Parnassus Heights.

    Il college prosperò e Toland cercò di affiliarsi con l'Università della California, che aveva aperto il suo campus a Berkeley nel 1868. Il presidente dell'UC Daniel Coit Gilman, che sostenne fortemente l'educazione scientifica, stabilì un precedente per la giovane università affiliandosi nel 1873 con entrambi Toland Medical College e il California College of Pharmacy. Otto anni dopo, l'UC Regents ha aggiunto un college dentale.

    I tre college affiliati, chiamati anche dipartimenti UC, erano situati in vari siti a San Francisco e dopo diversi anni c'era un forte interesse a riunirli. Il sindaco di San Francisco Adolph Sutro ha donato 13 acri su un sito che si affaccia sul Golden Gate Park - noto oggi come Parnassus Heights - e i nuovi edifici dei college affiliati sono stati aperti nell'autunno del 1898.

    Istituzione di un centro medico accademico

    Quando il grande terremoto di San Francisco distrusse gran parte di San Francisco e delle strutture mediche della città nell'aprile 1906, più di 40.000 persone si rifugiarono e cercarono cure in una tendopoli nel Golden Gate Park, dove furono allestiti ospedali all'aperto improvvisati. I Collegi Affiliati, situati sulla collina sopra l'accampamento in quella che allora era la parte più occidentale della città, si trovarono improvvisamente vicini a una popolazione significativa. La facoltà è entrata in azione per curare i feriti del terremoto e del successivo incendio.

    Più di 40.000 persone si sono rifugiate e hanno cercato cure in una tendopoli nel Golden Gate Park dopo il grande terremoto del 1906 a San Francisco.

    Il precedente interesse per la creazione di un ospedale universitario UC nel sito del Parnassus ha assunto slancio come responsabilità civica per fornire assistenza in un'area in cui era necessario. Questo tipo di impegno per il servizio alla comunità era stato messo in moto attraverso un accordo del 1873 stipulato dai leader dei college affiliati con la città per fornire assistenza ai pazienti presso il suo ospedale di salute pubblica (in seguito chiamato San Francisco General Hospital).

    Uno degli edifici dell'Affiliated Colleges a Parnassus Heights è stato ristrutturato come struttura per degenti, pazienti ambulatoriali e servizi odontoiatrici e aperto nell'aprile 1907 con 75 posti letto.

    Con questa nuova struttura è nata la necessità di reclutare infermieri e l'opportunità di formare studenti infermieri. Nel 1907 fu istituita la UC Training School for Nurses, aggiungendo una quarta scuola professionale ai college affiliati. Per fare spazio a servizi clinici estesi e istruzione sul Parnassus, i dipartimenti di scienze di base del college medico - patologia, anatomia e fisiologia - si sono trasferiti nel campus di Berkeley.

    Nel 1911, l'ultimo membro della tribù degli indiani d'America Yahi iniziò a vivere nel campus del Parnaso. Stava morendo di fame quando è uscito dal deserto di Oroville, in California, catturando l'attenzione degli antropologi della UC che lo hanno portato a San Francisco. Lo chiamarono Ishi, per "uomo" nella lingua Yahi. Negli anni successivi, i medici e gli antropologi dell'UC hanno appreso della cultura Yahi da Ishi e, nei fine settimana, centinaia di persone si sono radunate al museo di antropologia per vederlo dimostrare la creazione di frecce e altre abilità di vita. Continuò a vivere sul Parnaso fino al 1916, quando morì di tubercolosi.


    Geologia e storia naturale dell'area della baia di San Francisco Una guida di viaggio sul campo

    Una conferenza sul campo della National Association of Geoscience Teachers Far Western Section (NAGT-FWS) è un forum ideale per conoscere la geologia e la storia naturale dell'area della Baia di San Francisco. Visitiamo i classici siti sul campo, rinnoviamo vecchie amicizie e ne facciamo di nuove. Questa raccolta di documenti include guide sul campo e registri stradali per tutti i viaggi nell'area della baia tenuti durante la conferenza autunnale 2001 NAGT-FWS e capitoli supplementari su altri aspetti della storia naturale e umana dell'area. I viaggi toccano molti aspetti della geologia e dei rischi naturali dell'area della Baia, in particolare i problemi urbani associati alla vita su un margine di placca tettonica attiva: faglie sismiche, erosione costiera, frane e utilizzo del suolo e delle risorse naturali. Ci auguriamo che questa conferenza non solo fornisca un'opportunità di apprendimento di due giorni per i partecipanti alla conferenza, ma che studenti ed educatori utilizzino questa guida sul campo per l'insegnamento e la ricerca futuri.

    Molte grazie sono dovute all'U.S. Geological Survey (USGS) e alla San José State University (SJSU) per aver ospitato la conferenza. Siamo grati a ciascuno dei leader delle escursioni sul campo per aver preparato i viaggi e aver scritto le guide di accompagnamento. Apprezziamo particolarmente le molte ore dedicate dai revisori della guida, Robert I. Tilling (USGS) e Paula Messina (SJSU), e al USGS Western Publications Group per l'editing, il layout e la pubblicazione sul web. Ulteriori contributi alla guida includono articoli di John Galloway, Scott Starratt, Page Mosier e Susan Toussaint. Durante la conferenza i relatori ospiti includono Robert I. Tilling (USGS Volcano Hazards Team) e Ross Stein (USGS Earthquake Hazards Team). I workshop preparati per la conferenza includono GIS in classe, utilizzando i dati USGS di John Vogel (USGS) e Paula Messina (SJSU), e The Best of BAESI (Bay Area Earth Science Institute), un'organizzazione di formazione per insegnanti sotto la direzione di Ellen Metzger (SJSU) e Richard Sedlock (SJSU). La conferenza offre l'opportunità di mostrare le risorse scientifiche e educative dell'USGS con tour autoguidati della Biblioteca dell'USGS, dell'Earth Science Information Center (ESIC), del Centro visitatori e di vari laboratori nel campus dell'USGS e include un tour partecipativo di mezza giornata della nave da ricerca USGS la R/V Polaris e la USGS Marine Facility al porto di Redwood City sotto la direzione di Cynthia L. Brown, Francis Parchaso e Tara Schraga. Oltre ai nomi sopra menzionati, una schiera di personale USGS e SJSU, studenti SJSU e membri NAGT-FWS hanno contribuito alla preparazione e all'orchestrazione della conferenza. Avremmo potuto farlo da soli. Leslie C. Gordon (USGS), Philip W. Stoffer (USGS) e Deborah Harden (SJSU) NAGT-FWS 2001 Fall Field Conference Organizzatori


    Immagine satellitare dell'area della baia di San Francisco elaborata da Michael J. Rymer, USGS. Dati da Landsat 5, percorso 44, riga 34, bande 7, 4 e 2 in un rispettivo assemblaggio rosso, verde e blu (RGB). Data delle immagini 30 novembre 1991.

    Questo rapporto è composto da sei guide di viaggio sul campo e cinque articoli disponibili qui come file PDF (Portable Document Format). Ogni guida e articolo può essere scaricato separatamente oppure l'intera guida sul campo può essere scaricata come un unico documento.


    L'inizio di Chinatown

    I primi cinesi arrivarono a San Francisco nel 1848: un uomo e due donne. E solo due anni dopo, 20.000 cinesi arrivarono a "Gold Mountain".

    Eureka! Oro in collina

    Nel gennaio del 1848, fu scoperto l'oro ai piedi della Sierra e iniziò la corsa all'oro.

    Quando la notizia della scoperta dell'oro raggiunse la Cina, molti uomini lasciarono le loro case e si imbarcarono per la California. San Francisco era il porto di ingresso e il luogo in cui i minatori ricevevano provviste prima di dirigersi verso l'interno verso i giacimenti d'oro. I mercanti cinesi iniziarono a costruire negozi in quella che oggi è Chinatown, quest'area era a circa un isolato dalla baia ed era essenzialmente il primo porto di San Francisco.


    Storia della Commissione per la conservazione e lo sviluppo della baia di San Francisco

    Cinquant'anni fa, tre donne straordinarie convinsero lo Stato della California a creare la prima agenzia al mondo per la protezione delle coste, la BCDC. Kay Kerr, Sylvia McLaughlin ed Esther Gulick hanno guardato a ovest dai loro salotti di East Bay e hanno visto un litorale e zone umide contaminate da immondizia e sviluppo. La baia era in pericolo: una media di quattro miglia quadrate della baia era stata riempita durante ciascuno dei precedenti 110 anni. Era necessaria un'azione e le tre donne fondarono la Save San Francisco Bay Association (ora conosciuta semplicemente come Save the Bay).

    Riempire la baia non era certo un'impresa nuova. Per anni, la baia era stata riempita per fornire più spazio per porti, industrie, aeroporti, case e discariche (sia formalmente che ufficiosamente). Tre fattori rendono la baia di San Francisco particolarmente suscettibile di essere riempita: gran parte della baia è molto poco profonda (circa due terzi è profonda meno di 18 piedi) grandi porzioni del fondo della baia lungo il litorale sono di proprietà privata e il controllo politico di la Baia è frammentata tra decine di enti pubblici e giurisdizioni. Nel 1849, all'inizio della corsa all'oro in California, la baia aveva una dimensione di 787 miglia quadrate. Oggi è di circa 550 miglia quadrate. Un piano, promosso dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti alla fine degli anni '50 in vista di 75 anni, avrebbe comportato circa 325 miglia quadrate aggiuntive di riempimento. La Baia sarebbe diventata poco più di un ampio fiume.

    Su sollecitazione di Save the Bay, nel 1965 fu emanato il McAteer-Petris Act. Stabiliva la BCDC come agenzia statale temporanea, designava la Baia di San Francisco come risorsa protetta dallo Stato e incaricava la Commissione di preparare un piano per il lungo termine l'uso della baia e la regolamentazione dello sviluppo all'interno e intorno alla baia durante la preparazione del piano. BCDC è stata fondata come prima agenzia di gestione delle zone costiere della nazione. Per motivi di chiarezza, va notato che l'estuario noto come Baia di San Francisco - che comprende la giurisdizione della Baia di BCDC - è in realtà composto da otto baie separate: Baia di Suisun Baia di San Pablo Baia di Honker Baia di Richardson Baia di San Rafael Baia di San Leandro Baia di Grizzly e , infine, la stessa baia di San Francisco.

    Il piano iniziale del BCDC per la baia di San Francisco è stato approvato nel 1968 e il BCDC è stato reso permanente un anno dopo. Il Bay Plan viene aggiornato regolarmente in modo che la baia e il suo litorale siano utilizzati in modo responsabile e per affrontare nuovi problemi man mano che la Bay Area cambia. Il Piano include politiche su questioni critiche per la Baia che vanno dalle attività portuali e l'accesso pubblico allo sviluppo urbano e ai trasporti. Il Bay Plan mappa l'intera baia e designa aree per scopi legati all'acqua come porti, industria, attività ricreative pubbliche, aeroporti e rifugi per la fauna selvatica.

    Il McAteer-Petris Act è la disposizione legale chiave nella legge dello stato della California per prevenire il riempimento indiscriminato della baia. BCDC ha la responsabilità di garantire che uno sviluppo appropriato e rispettoso dell'ambiente fornisca benefici pubblici e sviluppo economico per l'intera regione. BCDC non è stato creato per ovviare o sostituire l'autorità di città, contee e distretti speciali che si trovano lungo la baia e il suo litorale. Invece, il suo ruolo è quello di vedere la Baia come un intero sistema, cosa impossibile per organismi governativi più ristretti. Nel corso della sua storia, BCDC ha appreso che i suoi successi più notevoli sono prodotti dal coordinamento, dalla collaborazione e/o dalla partnership con i governi a tutti i livelli e con un'ampia varietà di altri soggetti interessati. Questa cooperazione è vitale dato che la giurisdizione del BCDC per i problemi di accesso del pubblico si estende a 100 piedi dalla baia attraverso il litorale immediato a partire dall'alta marea media.

    Nel 1977, la California ha ampliato l'autorità della Commissione per fornire una protezione speciale per il Suisun Marsh. La palude è la &ldquomixing zone&rdquo che collega la baia con il Delta. È la più grande palude salmastra contigua sulla costa occidentale del Nord America, oltre il 10% delle restanti zone umide della California e più di 300 specie, tra cui l'80% della pesca commerciale del salmone dello Stato, si trovano nella palude. Pertanto, BCDC ha un grande incentivo a lavorare a stretto contatto con le organizzazioni e gli interessi associati ai problemi idrici della Baia e del Delta. Le connessioni ambientali, economiche e sociali tra e tra la baia, la palude di Suisun e il delta dovrebbero essere intese come risorse per tutti i residenti della grande area della baia e della California, e sono tutte soggette ai cambiamenti climatici.

    Oggi, le realizzazioni del BCDC sono evidenti in tutta la baia e all'interno del suo litorale. Prima che il BCDC fosse creato, le famiglie passeggiavano sui sentieri lungo la baia perché non ne esistevano. Il litorale era pieno di discariche, sviluppo industriale e poco altro. Le zone umide e la fauna selvatica della baia stavano scomparendo.

    Dopo cinquant'anni di gestione pionieristica, le dimensioni della Baia sono aumentate in modo significativo. La baia ospita il più grande rifugio urbano per la fauna selvatica della nazione e migliaia di acri di ex Baylands protette in modo permanente. Il litorale della baia è ora delimitato da centinaia di chilometri di sentieri, parchi, spiagge, passeggiate e progetti di restauro, anche in zone fortemente urbanizzate e industriali. Nel 1965, gli oppositori della proposta di legge McAteer-Petris sostenevano che salvare la Baia poteva essere ottenuto solo a costo di sacrificare la crescita economica. Contrariamente a questa paura, l'economia della Bay Area ha continuato ad espandersi, in parte perché la Commissione ha approvato miliardi di dollari di costruzioni e ha lavorato con i governi locali su piani speciali per incoraggiare un nuovo sviluppo appropriato.

    BCDC è l'agenzia di gestione costiera statale designata dal governo federale per il segmento della baia di San Francisco della zona costiera della California. Questa designazione autorizza la Commissione a utilizzare l'autorità del Federal Coastal Zone Management Act per garantire che i progetti e le attività federali siano coerenti con le politiche del Bay Plan e la legge statale.

    Ventisette persone siedono come commissari. Rappresentano un'ampia varietà di interessi del settore pubblico, privato e non profit. Il Governatore nomina il Presidente e il Vicepresidente, insieme ad altre tre persone. I supervisori della contea rappresentano ciascuna delle nove contee che toccano la baia, i funzionari eletti rappresentano quattro città della baia e altri commissari rappresentano le agenzie statali e federali interessate alle questioni della baia.


    Storia di San Francisco, California - Storia

    di WILL C. WOOD
    Soprintendente di Stato alla Pubblica Istruzione.

    “Credo,”, ha proseguito il sig. Semple, “che qui, soprattutto nei luoghi dell'Unione, dovremmo avere, e possediamo le risorse per avere, un sistema di istruzione ben regolamentato. L'istruzione, signore, è il fondamento, signore, è il fondamento delle istituzioni repubblicane, il sistema scolastico si adatta al genio e allo spirito della nostra forma di governo. Se le persone devono governarsi da sole, dovrebbero essere qualificate per farlo. Devono essere educati devono educare i loro figli devono fornire mezzi per la diffusione della conoscenza e il progresso dei principi illuminati.”

    Tale era la visione di uno dei leader di quel corpo di saggi che redasse l'originale legge organica della California accettata dal Congresso come base per l'ammissione nell'Unione nel 1850. Quella splendida visione si sta realizzando oggi nel grande sistema scolastico della California, che spicca tra i sistemi scolastici del mondo.

    Oggi, il sistema scolastico pubblico della California, che non era nato all'epoca in cui Semple parlava così eloquentemente a suo favore, ora iscrive più di un milione di persone in tutte le sue sedi. Offre opportunità a tutti gli esseri umani capaci di essere educati e mira a formare ciascuno a servire se stesso e la sua comunità nel modo più pieno e migliore, secondo le sue capacità ea godersi la vita servendo. Più di un quarto della popolazione dello stato era iscritto a vari rami del sistema scolastico durante il 1924.

    Nessun altro stato può vantare l'iscrizione di una percentuale così ampia della sua popolazione. Nessun altro popolo è stato così generoso nel suo sostegno all'istruzione come il popolo della California. La visione di Semple e di altri statisti pionieri si è realizzata.

    Gli americani che sono venuti nel Golden West durante la grande corsa all'oro non hanno aspettato, tuttavia, l'adozione della costituzione per stabilire scuole. L'amore per l'istruzione pubblica sembra essere innato negli americani, e questo amore si è manifestato in California anche prima della grande scoperta di Marshall a Coloma.

    Prima che la California diventasse territorio americano, almeno una scuola americana era stata fondata entro i confini di quello che è diventato il nostro stato. Nell'autunno del 1846 una banda di immigrati americani si trasferì nella contea di Santa Clara dopo un viaggio tedioso e rischioso attraverso le pianure. Con la band c'era una giovane donna che in seguito divenne la signora Olive M. Isbell. Fu lei ad aprire la prima scuola per bambini americani in California, in un vecchio adobe vicino alla missione di Santa Clara nel dicembre 1846. Doveva essere un'anima paziente e amante del servizio.

    Prima di morire alcuni anni fa nella contea di Ventura raccontò come, in assenza di ardesia, lavagna o carta, scrivesse l'alfabeto sul dorso delle mani dei suoi allievi affinché potessero imparare i rudimenti della nostra lingua. Pochi mesi dopo si è trasferita a Monterey, dove ha aperto una scuola nella vecchia dogana, diventata poi storica come il luogo in cui Sloat e Larkin hanno issato per la prima volta la bandiera americana per segnare l'inizio dell'occupazione americana della California.

    Poco dopo che la signora Isbell ha aperto la sua piccola scuola a Santa Clara, un signor Marston ha aperto una scuola privata a San Francisco. Si è tenuto in una piccola baracca situata nell'isolato tra Broadway e Pacific Street, a ovest di Dupont [Grant Ave.]. Tuttavia, poiché l'insegnante non era attento ai suoi doveri, la scuola durò meno di un anno.

    Per prevenire una mancanza di istruzione, l'ayuntimento, o consiglio comunale, alla fine del 1847, eresse una scuola di una stanza sulla piazza della città, ora Portsmouth Square. La scuola era sotto il controllo pubblico, ma era sostenuta quasi interamente dalle tasse universitarie. La scuola aprì nell'aprile del 1848, con Thomas Douglas come insegnante, ma era malamente stellata. Ben presto giunse voce dal fiume che l'oro era stato scoperto a Coloma e il signor Douglas, singolarmente incurante del suo piccolo gregge di bambini, disertò durante la notte per cercare fortuna negli anni “diggin’s.”

    Nell'ottobre 1849, John C. Pelton aprì una scuola nella vecchia chiesa battista di San Francisco, che dipendeva interamente da sottoscrizioni volontarie per il suo sostegno. Era gratuito solo per i bambini poveri. Nella primavera del 1850 il consiglio comunale venne in suo aiuto e adottò un'ordinanza che rendeva gratuita la scuola pubblica, la prima in California. La scuola continuò con l'ordinanza originale fino al settembre 1851, quando fu riorganizzata con un'ordinanza che prevedeva un consiglio comunale di istruzione e un sovrintendente cittadino. Il primo sovrintendente, T.J. Nevins ha delineato l'organizzazione del primo sistema scolastico cittadino dello stato. Fu lui a proporre l'istituzione del liceo di San Francisco, la classificazione della scuola, la classificazione delle scuole e l'adozione di un corso di studi uniforme.

    TERRENI SCOLASTICI FORNITI.

    Gli sporadici tentativi locali di educazione che ho menzionato hanno dato il via all'inizio di un sistema scolastico pubblico completo sotto la Costituzione del 1849, che ingiungeva al legislatore di incoraggiare con tutti i mezzi adeguati la promozione del miglioramento intellettuale, scientifico, morale e agricolo.

    La Costituzione riservava un vasto demanio di terreni pubblici da vendere a beneficio del fondo permanente della scuola pubblica, che ora ammonta a oltre 9.000.000 di dollari, e prevedeva il mantenimento di una scuola pubblica in ogni distretto dello stato per almeno tre mesi ciascuno anno.

    Le disposizioni della Costituzione della California relative all'istruzione erano mutuate, quasi parola per parola, dalla Costituzione del Michigan, che era stata ammessa nell'Unione solo 12 anni prima e aveva istituito per l'epoca uno splendido sistema scolastico.

    La legislatura del 1849-1850 fu tenuta così occupata a gettare le basi della legge e dell'ordine in California che non trovò il tempo per emanare un codice scolastico. Verso la fine della sessione, il comitato per l'istruzione ha dichiarato che le tasse erano così pesanti che si è ritenuto sconsigliabile tassare ulteriormente le persone per il sostegno delle scuole, un argomento che persiste in alcune parti della California fino ad oggi.

    La legislatura del 1851, invece, fu rivista dalla legislatura successiva sotto la direzione di John G. Marvin, primo sovrintendente alla pubblica istruzione. Fu in base a questa legge che le prime scuole furono organizzate nello stato. La legge, ancora imperfetta, ha servito abbastanza bene per un intero decennio.

    DOLCE IMPRESSIONA DURATA.

    Fu solo quando John Swett divenne sovrintendente dell'istruzione pubblica nel 1863 che il sistema scolastico californiano fece il suo passo. Nessuno statista prodotto dalla California ha diritto a un onore maggiore di John Swett. Altri statisti hanno ottenuto grandi cose nel campo della politica, ma Swett ha ottenuto grandi cose a favore dei bambini che non avevano voti per premiarlo per il suo fedele servizio.

    Nel 1862 il sentimento di guerra era alto in California e i lealisti si organizzarono nel partito dell'Unione. La convention del partito si è riunita a Sacramento per nominare un biglietto. Alcuni amici di Swett hanno sollecitato il nome del giovane per la carica di sovrintendente di stato e alla fine ha acconsentito alla presentazione della sua candidatura.

    I rappresentanti delle contee minerarie e agricole non hanno inizialmente risposto alla sua candidatura. erano scettici nei suoi confronti, in primo luogo perché veniva da San Francisco, e in secondo luogo perché uno dei suoi avversari gli fece notare che Swett non aveva un'educazione classica.

    Come William Jennings Bryan a Chicago nel 1896, John Swett vinse la nomination facendo un discorso alla convention, in cui mostrò a quei minatori dal pugno duro che aveva grinta e capacità. È stato eletto a stragrande maggioranza ed è entrato nell'esercizio delle sue funzioni all'età di 33 anni.

    Swett ha scoperto che le leggi relative alle scuole erano un mosaico. Gli insegnanti erano sottopagati e la maggior parte di loro aveva poca formazione professionale. Con poca assistenza in ufficio, Swett trovò pesante il compito di riorganizzazione. Fu obbligato a fare lunghi viaggi in una parte lontana dello stato per visitare le scuole e conoscere la situazione scolastica.

    Ai tempi della diligenza il tempo speso nei viaggi necessari era molto grande, mentre le fatiche del viaggio erano tali che solo un giovane poteva sopportare senza rompersi sotto lo sforzo. Come ha trovato il tempo per fare il lavoro costruttivo che ha segnato il suo mandato è quasi una meraviglia.

    Durante il suo mandato Swett si assicurò l'approvazione delle leggi creando un consiglio statale per l'istruzione, prevedendo istituti per insegnanti dove gli insegnanti scarsamente attrezzati potessero ricevere aiuto, organizzando le scuole in gradi, istituendo biblioteche scolastiche, prevedendo la certificazione degli insegnanti e ponendo uno splendido base finanziaria per il sostegno dell'istruzione pubblica.

    Prima della fine del suo mandato si era assicurato l'abolizione delle tariffe in base alle quali i genitori pagavano le tasse scolastiche e aveva reso le scuole assolutamente gratuite in tutti i distretti per almeno cinque mesi all'anno. Riuscì a fare in modo che i consigli scolastici costruissero case scolastiche migliori, assicurasse gli aumenti necessari degli stipendi degli insegnanti e allungasse l'anno scolastico. Fin dai tempi di Horace Mann, le scuole pubbliche non avevano trovato un campione più ardente di John Swett.

    Dai tempi di Semple e Swett le scuole della California si sono sviluppate a passi da gigante. Nessun laico ha avuto una concezione adeguata dell'estensione o della complessità del nostro sistema scolastico. La divisione più bassa del sistema scolastico in termini di età è l'asilo, e l'iscrizione all'asilo della California è più grande di quella di qualsiasi altro stato. Tuttavia, alcune delle città più grandi hanno ritenuto necessario nei distretti di lavoro andare oltre la scuola materna e istituire asili nido per la cura dei figli delle madri lavoratrici.

    Le scuole elementari sono rappresentate in ogni distretto dello stato. Le scuole superiori che iscrivono oltre 300.000 studenti offrono opportunità senza precedenti ai giovani, mentre le loro classi serali iscrivono oltre 30.000 adulti o quasi adulti. L'Università statale e i college degli insegnanti iscrivono oltre 30.000 studenti.

    La California crede nell'istruzione e ha manifestato la sua fede nell'istruzione in modi molto sostanziali. Ha mantenuto la promessa di Semple e Swett sostenendo un sistema scolastico che prevede in piena misura “mezzi per la diffusione del sapere e il progresso dei principi illuminati.” Il Bollettino
    Edizione del giubileo di diamante
    settembre 1925

    Questo sito e contenuti ©1995-2013 Il Museo della Città di San Francisco


    Storia di San Francisco, California - Storia

    Anche tour virtuali e tour guidati dagli studenti

    Anche tour virtuali e tour guidati dagli studenti

    Vieni a fare un Virtual Tour del nostro Museo

    AVVENTURE NELLA STORIA ONLINE SFHS

    * Guarda oltre undici ore di presentazioni SFHS *

    Non restare a casa senza di loro!

    Vincitori del Premio Fracchia 2020!

    In occasione del mese della storia delle donne!

    In occasione del mese della storia delle donne!

    Guarda la presentazione di SFHS Zoom su YouTube

    In occasione del mese della storia nera!

    In occasione del mese della storia nera!

    In occasione del mese della storia nera!

    Guarda il programma mensile SFHS di gennaio online

    Autore e presidente del consiglio di amministrazione di SFHS John Briscoe

    In conversazione con l'ex Istituto di Meccanica

    Direttore esecutivo Ralph Lewin, registrato il 17 dicembre

    Evento realizzato in collaborazione con Istituto di Meccanica

    Guarda il programma di dicembre su YouTube

    Guarda l'ultima avventura di storia online di SFHS!

    Guarda il programma SFHS di ottobre su YouTube!

    Musica e cultura di San Francisco - 1965-1969

    Accoglienza! La San Francisco Historical Society esiste per scoprire, preservare e presentare,
    in modi coinvolgenti, la storia colorata e diversificata della nostra città dai suoi primi giorni fino ad oggi.

    Abbiamo in programma di riaprire il nostro museo al 608 di Commercial Street il 1° luglio.
    giovedì, venerdì, sabato
    dalle 10:00 alle 16:00

    Abbiamo in programma di riaprire il nostro museo al 608 di Commercial Street il 1° luglio.
    giovedì, venerdì, sabato
    dalle 10:00 alle 16:00

    Comunicato stampa – 28/10/20: La società storica di San Francisco si oppone alla ridenominazione delle scuole
    In una lettera al Board of Education, datata 29 ottobre 2020, la San Francisco Historical Society ha
    ha dichiarato la sua opposizione alla ridenominazione delle scuole della città come proposto dal Comitato consultivo dei nomi
    del Board of Education come autorizzato dalla delibera consiliare n. 184-10A1. Altro…


    Peonage e servitù a contratto

    Il lavoro da schiavi dei neri e degli indigeni era tutt'altro che le uniche forme di lavoro non libero che hanno costruito la prima California americana.

    Durante la corsa all'oro, una serie vertiginosa di persone provenienti da tutto il mondo è arrivata in California in un'enorme varietà di circostanze. "I campi d'oro sono uno dei luoghi più etnicamente e razzialmente diversificati del mondo", afferma Smith. "Le aspettative che le persone degli Stati Uniti orientali hanno, che ci siano due tipi di lavoro, schiavo e libero, si scontrano con tutti questi sistemi di lavoro distinti a livello regionale da altre parti del mondo".

    Chilean and Sonoran (people from northern Mexico) peones were brought by patrones, essentially feudal lords, to work in the gold fields. While these laborers came under less than free conditions, it was difficult for patroneS to control their subordinates once they arrived in California. There are reports of ships from Latin America sailing through the Golden Gate and passengers jumping ship and swimming ashore to go seek their own fortune.

    Hawaiian laborers were leased to American companies to work in California for three-year periods by their aristocratic ruling class, the Ali’i, who would then get a cut of the workers’ earnings. While their contracts stipulated that the workers must be brought home after their work period, many ended up staying on in California, working in the maritime trades or inter-marrying with California Indians.

    In the early part of the Gold Rush, Chinese “coolies,” an anachronistic British term describing indentured laborers from Asia, were brought under similar arrangements, with American or Western companies paying for their travel and then forcing them to work off the debt. But after 1851, most Chinese men came by way of their own countrymen, through the credit-ticket system, facilitated by the Chinese Six Companies in San Francisco. These men were in a form of debt bondage, but it was not as vicious or strict as other forms, particularly the coolie labor taking place in Cuba, where conditions in some cases resembled those faced by enslaved Black people.

    Many Chinese men came to California, which they called Jinshan, Gold Mountain, of their own volition, similar to migrants from across the United States and elsewhere in the world. Guangdong (Canton), where most of the early Chinese migrants to California originated from, was in a turbulent moment, suffering from natural disasters, colonialism, and the Opium Wars, leading many able-bodied men to leave the homeland.

    Still, labor conditions for Chinese workers in America were often extremely exploitative and unjust, especially during the construction of the Transcontinental Railroad in the 1860s. Chinese laborers were paid 30 percent less than their white counterparts, and unlike them, had to purchase their own food, according to Stanford’s Chinese Railroad Workers in North America Project. While railroad company records didn’t include the names of individual Chinese laborers — a sign of the way they were treated — historians believe anywhere from 150 to 1,000 Chinese men died during construction of the railroad.


    A History of UCSF

    Well before individual practitioners succeeded in organizing themselves into professional societies, the needs of the public’s health prompted official government action on behalf of the San Francisco citizens. The task of removing the seriously ill or indigent from the streets and the threat of major epidemics prompted the city to provide for hospital care, first in tents and board sheds under supervision of contracting physicians. In 1850 a state bill appropriated $50,000 to build a State Marine Hospital in San Francisco.

    Meanwhile, in 1851 the U.S. Congress created a U.S. Marine Hospital in San Francisco, which was completed in 1853 and provided accommodations for an additional 500 patients. In 1855 the State Marine Hospital building was transformed into the City and County Hospital of San Francisco, supported by fees collected by a public health officer who inspected every vessel that entered the port.

    In 1854, six Sisters of Mercy arrived from Ireland. They won praise for cleaning up the hospital environment after a series of scandals over poor care and for nursing patients through cholera and smallpox. The Sisters of Mercy stayed in San Francisco and continued to provide hospital care in a setting that eventually became St. Mary’s Hospital. By 1857 the City and County Hospital was located in the former North Beach School at the southwest corner of Francisco and Stockton Streets. In order to help relieve crowding, in 1867 the city of San Francisco built a large almshouse near Laguna Honda on eighty acres of city-owned land on the western side of Twin Peaks. The following year the city created a 24-bed smallpox isolation hospital on the Laguna Honda grounds.

    In 1858 California surgeon Elias Samuel Cooper organized the Medical Department of the University of the Pacific with a board of trustees consisting of ten clergymen and three physicians. The first session opened in May 1859, with a class of ten attending lectures in materia medica, chemistry, physiology, anatomy and medical jurisprudence. Dr. Cooper's death in 1862 brought confusion to the new school, and in 1864 the Pacific Medical faculty "suspended" activities and joined Dr. Hugh Toland in his efforts to found a viable medical school in San Francisco.

    As San Francisco's population continued to grow, Hugh Toland's influence and wealth also increased, earning an estimated $40,000 per year. In 1864, he decided to establish a medical school in San Francisco and purchased land for that purpose in North Beach, at Stockton and Francisco, opposite the San Francisco City and County Hospital. A handsome building was soon completed, and Toland Medical College was open for enrolment. Clinical instruction and dissecting experience were the centerpieces of Toland's educational program, reflecting his training and experience in Parisian hospitals where clinical findings were carefully correlated with autopsy results.

    The school catalogue reflected Toland's insistence on the importance of clinical instruction. Lectures were given at San Francisco City and County Hospital

    where a "senior student examines the patient announces the diagnosis and prognosis and views about treatment before class, discussion follows, complete clinical histories are kept and there are broad opportunities for autopsies." Just a month after classes began, the state of California approved a dissection law permitting pauper bodies to be studied by accredited physicians, thus opening the way for Toland students to gain experience doing dissection.

    Toland's first class consisted of eight students, mostly drawn from the Cooper Medical College. The faculty of this lapsed medical college were asked to serve on the Toland roster, and Drs. Levi Cooper Lane, Henry Gibbons, Sr., and John F. Morse joined the faculty with some ambivalence. Significantly, R. Beverly Cole, the Dean and professor of obstetrics and diseases of women and children at Cooper, was not asked by Toland to join his new faculty.

    The Toland Medical College quickly prospered. Its faculty of eight offered two four-month courses costing $130 and leading to the degree of doctor of medicine. In the valedictory address to the first graduating class of Toland Medical College in 1865, Toland urged his graduates to devote a portion of every day to the study of monographs and medical journals to remain professionally competitive. While boasting that he had built and furnished the school with his own resources, Toland also made a direct pitch to the new alumni to help their alma mater by supplying medical books. "When success crowns your efforts," he urged, "contribute in proportion to your ability and prepare a niche in this institution which will bear your names and transmit them to posterity."

    R. Beverly Cole returned from a tour of Europe in 1867 and was appointed Surgeon General of the State of California in recognition of his valuable public health efforts. As a member of the Outside Lands Committee of the San Francisco Board of Supervisors, Cole became a well-known figure in the city's political arena. He supported the establishment of Golden Gate Park on the western edge of the city. Cole simultaneously persuaded the local health board to condemn the old City and County Hospital building, and a new institution was planned at Potrero Nuevo, a site nearly four miles southeast of Toland's College. The impression among San Francisco's medical fraternity was that Cole had finally achieved his revenge for Toland's past rebuffs by weakening the College's vital link to the world of clinical medicine. Eventually, however, Dr. Cole would join the Toland medical faculty and become instrumental in the affiliation negotiations with the University of California.

    By 1870, Toland Medical College had a class of thirty students and had already granted diplomas to forty-five graduates. In that year, Toland sought to affiliate his medical school to the University of California, which itself was not yet two years old. In March 1873, the trustees deeded the Toland Medical College to the University of California Regents and the faculty minutes for the first time bore the heading, "The Medical Department of the University of California."

    R. Beverly Cole became the dean and twenty-seven students were enrolled in the first class. Toland's donation was appraised at the time at $100,000 in buildings, lands, and instructional equipment, a gift that substantially increased the holdings of the young state university. On September 15, 1874, the regents adopted a resolution stating that "young women offering themselves for admission and passing the required examination must be received to all the privileges of the Medical Department." Responding to this new policy, schoolteacher Lucy Wanzer matriculated and in 1876 became the first female graduate of the Medical Department of the University of California. Many other young women followed her precedent, among them Mayor Adolf Sutro's daughter. In the subsequent five decades, roughly 10 percent of each graduating class was female, far in advance of the national average of 4 percent.


    History of San Francisco, California - History


    Early drawings and paintings of San Francisco

    On July 31, 1846, a weary company of about 220 Latter-day Saints passed through the rocky portals of the Golden Gate, anticipating the end of a difficult six-month voyage which took them around the southern tip of South America . --The Voyage of the Brooklyn - By David R. Crockett


    On July 9, 1846 Commander J. B. Montgomery raised the American Frag

    What a strange town was that, the San Francisco of 1856, its 30,000 people in speedy transition from a city of tents and shacks to one of brick and stone buildings. --San Francisco in 1856 [SF Museum]

    Ferry Building built. Ferry transit has played a significant role in San Francisco Bay for almost 150 years. Vessels which brought people during gold rush days were utilized for San Francisco-Sacramento and cross-bay service. Eclipsed by highway and bridge construction during the 1930's, a faster generation of ferries are once more becoming valuable cross-bay connectors offering alternatives to congestion in some corridors, and as emergency alternatives to these same highways and bridges.

    Transbay ferry service began in 1850, with the establishment of a route between San Francisco and the Oakland Estuary, served by the "Kangaroo". In 1852, Oakland granted what was to be the first Bay ferry franchise to a "reliable" operator of a public ferry. Over the last century and a half, up to thirty major cross-bay ferry ah existed, serving 29 destinations. The great period of ferry transit reached its peak in the 1930's, when 60 million persons crossed the bay annually, along with 6 million autos. (26)

    The Ferry Building was the second busiest transportation terminal in the world in the early 1930s. Each day, some 250,000 persons travelled through the Perry Building to work or other destinations. Ferries made approximately 170 landings a day at this time, and the Ferry Building was served by trolley lines which left every 20 seconds for city destinations. Ferries to Oakland could carry 4,000 persons, and were designed to incorporate restaurants, shoe shine parlors, and luxury surroundings, including mohair hangings, teak chairs, hammered copper lighting fixtures, and leather chairs in the ladies lounges. The highly efficient Key Route ferry/train transfer at the Oakland Mole enabled 9,000 commuters to load and unload in . --Regional Ferry Plan San Francisco Bay Area - Final Report - September 1992


    History of San Francisco, California - History

    Colombus' voyages to the "New World" were just the beginning of the intermingling of peoples and cultures that formed our nation this rich and varied history is reflected in the prehistoric and historic sites, buildings, structures, objects and districts found throughout the land. The National Register of Historic Places can guide you through our history with Discover Our Shared Heritage--a series of travel itineraries that explore our country's past through visiting places listed in the National Register of Historic Places which reflect major aspects of American history, such as exploration and settlement and cultural diversity.

    The first explorers and settlers of Coastal California were American Indians. The most expansive European colonizations efforts were made by the Spanish. On September 28, 1542, Juan Rodriguez Cabrillo and his crew entered San Diego Bay--the first Europeans to visit California. The land they named "Alta California" was occupied by diverse groups of native people who had inhabited the land for thousands of years. Spanish colonization of "Alta California" began when the Presidio at San Diego, the first permanent European settlement on the Pacific Coast, was established in 1769. With the expedition was Father Junipero Serra, a Franciscan Father who would have a tremendous influence in the colonization of California through the establishment of missions. At San Diego, Serra founded the first of 21 Spanish missions that extend along the California coast. In October of the same year, a detachment of the expedition saw San Francisco Bay.

    Presidio of San Francisco in the foreground
    National Park Service photo

    The missions were an important aspect of Spanish colonization. At the missions, Native Americans were converted to Christianity and taught various skills. The Spanish divided California into four military districts, each under the jurisdiction of a military establishment or presidio, which protected several missions and vast areas of land. The presidios also served to reinforce Spanish control over the native people. Presidios were established at San Diego, Santa Barbara, Monterey, and San Francisco.

    In 1821 Mexico gained independence from Spain and "Alta California" became a Mexican province rather than a Spanish colony. A new era began in California as ranch life flourished and American trappers began to enter the territory. The Mexican government secularized the missions in 1834 and they were eventually abandoned. In June 1846 a party of settlers occupied Sonoma Plaza and proclaimed a Republic of California and raised the bear flag in rebellion. Known as the Bear Flag Revolt, this insurrection represented one of the first aggressive actions that divided California from Mexico. In 1848 gold was discovered at Sutter's Mill and dramatically altered the course of California's history as miners rushed into the area. On September 9, 1850, California became a state. The Gold Rush brought thousands of immigrants, both foreign and domestic, to California. This and later mass migrations, combined with the state's natural riches, assured Calfornia's success as it developed its diversified agriculture and industry, fisheries, forestry, and mining industries, aircraft plants and shipyards, tourism and recreation, the film industry, and the technological sector epitomized by Silicon Valley (highlighted in another National Register itinerary: Santa Clara County: California's Historic Silicon Valley).


    Old Pasadena Historic District
    Photo courtesy of Old Pasadena Management District

    This National Register of Historic Places Travel Itinerary links National Parks with places listed in the National Register that illustrate early periods of Coastal California's history. The 45 historic places highlighted in this itinerary can teach us about the contributions of the various people who settled in what became the United States of America. The itinerary includes a map showing the location of these historic places along with a brief description of their importance in our nation's past. Use this guide for locating interesting historic places in conjunction with your travel to Coastal California. Visitors may be intersted in Historic Hotels of America, a program of the National Trust for Historic Preservation, located along the California Coast.

    List of site sources >>>


    Guarda il video: San Francisco-Historia-California-USA-Producciones Vicari.Juan Franco Lazzarini (Novembre 2021).