Podcast di storia

Cronologia del Nilo

Cronologia del Nilo

  • C. 6000 aC

    La valle del fiume Nilo inizialmente abitata.

  • 3150 aC - 2613 aC

    Primo periodo dinastico in Egitto. Primi Re.

  • C. 2560 aC

    La Grande Piramide di Giza è stata costruita dal faraone Khufu (Cheope).

  • 2040 a.C. - 1782 a.C.

  • 1800 aC

    La lavorazione del bronzo introdotta in Egitto.

  • 1600 aC

    Fondazione del regno di Kush, Nubia.

  • 1504 aC - 1492 aC

    L'impero egiziano raggiunge la massima estensione sotto Thutmose I.

  • 1500 aC

    L'impero egiziano si estende fino all'Eufrate.

  • 1180 aC

    I Popoli del Mare iniziano ad aumentare le incursioni in Egitto.

  • 750 aC

    In Egitto viene introdotta la lavorazione del ferro.

  • C. 750 aC

    Viene fondata la città kushita di Meroe.

  • 712 a.C. - 671 a.C.

    L'Egitto è governato dalla dinastia Kushita.

  • 525 aC - 404 aC

    La Persia conquista l'Egitto.

  • 520 aC

    Dario di Persia collega il Nilo e il Mar Rosso tramite un canale.


Storia di Nike: cronologia e fatti

Lo swoosh Nike incombe sul settore calzaturiero. Questo gigante incontrastato del settore si è costruito attraverso sponsorizzazioni di alto profilo, design eleganti e campagne di pubbliche relazioni abbastanza riuscite da farsi strada nella storia della cultura pop. Ma il marchio di Lebron James, Tiger Woods e Michael Jordan non è venuto dal nulla. Per capire Nike (NKE) - Get Report richiede la comprensione di una storia iniziata con un corridore medio su pista che si autodefinisce uscendo dal college e un allenatore ossessionato dalla connessione tra velocità e design.


1° Bandiera della Repubblica Araba Unita, che simboleggia l'unione tra Egitto e Siria.

Febbraio -    Viene fondata la Repubblica Araba Unita. Siria ed Egitto si uniscono in un'unione nazionale guidata dal presidente Nasser.

Marzo - Viene scritta la prima costituzione dell'UAR. La riforma più importante della costituzione è la messa al bando di tutti i partiti politici. 400 rappresentanti dall'Egitto e 200 dalla Siria sono nominati alla nuova Assemblea nazionale dal presidente Nasser.

Aprile - Fidel Casto e il suo esercito rivoluzionario iniziano ad attaccare le forze governative cubane.

maggio - Sputnik 3 viene lanciato dall'Unione Sovietica. Ha orbitato per 692 giorni prima di essere distrutto al rientro.

giugno - Charles de Gaulle torna ad essere presidente della Francia per sei mesi, come deciso con decreto del tribunale.

Luglio - La National Aeronautics and Space Administration, altrimenti nota come NASA, è costituita dal Congresso degli Stati Uniti.

Agosto - La Federal Aviation Agency, altrimenti nota come FAA, è formata da un ordine esecutivo del presidente degli Stati Uniti Dwight Eisenhower.

Settembre - La quinta Repubblica francese viene dichiarata dopo che la nuova costituzione è stata trovata a favore del popolo francese con il 79% dei voti.

Ottobre - La Guinea dichiara l'indipendenza dalla Francia.

Novembre - Viene inaugurata a Parigi, in Francia, la nuova sede dell'UNESCO.

Dicembre - Charles de Gaulle viene eletto presidente della Francia con il 78,5% del collegio elettorale contro il candidato marxista George Marrane.

Gennaio - Fidel Castro prende il controllo del governo cubano.

Febbraio - A Cipro viene concessa l'indipendenza per essere dichiarata ufficialmente nei mesi successivi dal Regno Unito.

Marzo - Una rivolta tibetana si verifica dopo il decimo anniversario del dominio cinese. Il Dalai Lama fugge durante la repressione del governo.

Aprile - Liu Shaoqi viene eletto dall'Assemblea nazionale del popolo cinese presidente della Repubblica popolare, divenendo il successore di Mao Zedong.

maggio - I primi esseri viventi tornano sani e salvi dallo spazio. Due scimmie, Able e Miss Baker, tornano sulla Terra dallo spazio a bordo della Jupiter AM-18, inviata dall'Aeronautica degli Stati Uniti (USAF).

giugno - Singapore ottiene l'autonomia dal Regno Unito come Stato di Singapore.

Luglio - Le milizie curde e comuniste insorgono contro il governo iracheno, con la rivolta centrata a Kirkuk.

Agosto - Cipro diventa ufficialmente indipendente.

Settembre - Luna 2, il secondo satellite del programma sovietico Luna, si schianta sulla superficie lunare, diventando il primo satellite artificiale a schiantarsi contro un corpo celeste.

Ottobre - Luna 3, il terzo satellite del programma sovietico Luna, scatta la prima foto del lato opposto della luna

Novembre - Ben-Hur viene rilasciato, vincendo 11 Oscar, la maggior parte di tutti i tempi fino all'uscita di Titanic.

Dicembre - Nel tentativo di respingere la maggiore opposizione del partito Ba'ath, il presidente Nasser inizia una lenta e costante campagna per portare i funzionari Ba'ath fuori dai principali uffici politici in Siria.

Gennaio - Inizia la costruzione della diga di Assuan, che riduce le inondazioni annuali del fiume Nilo.

Febbraio - La Francia testa la sua prima bomba atomica nel deserto del Sahara in Algeria. La bomba era di 70 kilotoni, abbastanza per distruggere Washington DC. 

Marzo - Il massacro di Sharpeville viene commesso in Sud Africa, provocando 69 morti e 300 feriti.

Aprile - Il Togo ottiene l'indipendenza dalla Francia.

maggio - Sputnik 4 viene lanciato dall'Unione Sovietica nell'orbita terrestre.

giugno - Il presidente Nasser supera la fase iniziale delle riforme economiche orientate al settore pubblico. Senza consultare il governo siriano, Nasser nazionalizzò l'industria del cotone. Nazionalizza anche la stampa, riducendola a mezzo di propaganda.

Luglio - La Federazione del Mali (Senegal e Mali), Somalia, Madagascar e Congo-Brazzaville ottengono l'indipendenza dalle rispettive potenze coloniali.

Agosto  - Dahomey (Benin), Niger, Alto Volta (Burkina Faso), Costa d'Avorio, Ciad, Repubblica Centrafricana, Gabon e Senegal diventano indipendenti.

Settembre - Iran, Iraq, Kuwait, Arabia Saudita e Venezuela formano l'OPEC.

Ottobre - La Nigeria ottiene l'indipendenza dal Regno Unito.

Novembre - Il candidato democratico John F. Kennedy viene eletto presidente degli Stati Uniti contro il candidato repubblicano Richard Nixon.

Dicembre - Charles de Gaulle visita l'Algeria nel bel mezzo della guerra d'indipendenza algerina. La sua visita provoca disordini che uccidono 127 persone.

Gennaio - John F. Kennedy viene inaugurato come 35esimo Presidente degli Stati Uniti.

Febbraio - La Venera 1 viene lanciata dall'Unione Sovietica, effettuando il primo sorvolo di Venere prima di sprofondare nello spazio profondo.

Marzo - La rivolta angolana contro il Portogallo inizia con una serie di attacchi nell'Angola settentrionale da parte dell'Unione dei popoli dell'Angola (UPA).

Aprile - L'esercito cubano respinge con successo l'invasione della Baia dei Porci da parte degli Stati Uniti.

maggio - Il presidente degli Stati Uniti Kennedy annuncia la creazione del Programma Apollo, annunciando l'intenzione dell'America di andare sulla luna prima della fine del decennio.

giugno - L'Iraq minaccia di invadere il Kuwait. Il Kuwait risponde al fuoco certificando il patto difensivo con il Regno Unito.

Luglio - Il presidente Nasser approva molte riforme economiche tramite un ordine esecutivo. Tra questi ci sono i limiti della terra, la riduzione dell'orario di lavoro e la nazionalizzazione di molte grandi industrie. Queste mosse sono estremamente ridutrici per l'economia e la pressione inizia a crescere in Siria contro la loro partecipazione all'UAR.

Agosto - Inizia la costruzione del muro di Berlino, che limita il movimento tra le zone americana e sovietica di Berlino.

Settembre (POD) - Si verifica un colpo di stato militare in Siria. La Siria minaccia di dichiarare l'indipendenza dall'UAR se la loro sottomissione politica deve continuare. Nasser si piega con riluttanza alle loro richieste e abroga le restrizioni non scritte sui funzionari del partito Ba'ath in carica. La minaccia dei disordini siriani viene sedata per un breve periodo, ma non è sufficiente, poiché molti siriani sono ancora scontenti del fatto che il partito Ba'ath non sia in grado di prendere decisioni all'interno del governo.

Ottobre - La Tsar Bomba, una bomba all'idrogeno da 58 megatoni in grado di distruggere l'intera area metropolitana di Tokyo, viene testata sull'isola sovietica di Novaya Zemlya.

Novembre - Neil Armstrong stabilisce il record mondiale di velocità in un X-15, registrando a 6587 km/h.

Dicembre - Gli Stati Uniti entrano ufficialmente nella guerra del Vietnam, inviando 400 soldati statunitensi e più brigate di elicotteri nel Vietnam del Sud.

Gennaio - Di fronte a una massiccia opposizione e temendo che lo stato panarabo possa fallire prima di aver raggiunto il suo apice, Nasser abroga i limiti alla terra e l'aliquota massima dell'imposta sul reddito viene ridotta dal 90% al 75%. 

Il presidente Nasser saluta la folla alla firma della Costituzione del 1962.

Febbraio - Sebbene la restaurata libertà economica sia ben accolta, gli attivisti indipendentisti siriani non sono soddisfatti. Si tiene una nuova convenzione costituzionale, che crea un nuovo documento che depenalizza i partiti politici nasseristi, baathisti o comunque laici. L'Assemblea nazionale non è più nominata, ma eletta per cinque anni illimitati ogni cinque anni, a partire dallo stesso anno della firma della costituzione. 100 Assemblatori devono essere inviati da ciascuno stato dell'UAR. Tutti gli stati devono essere ribattezzati governatorati, governati da un governatore nominato che può essere rieletto a volte deciso dal governatorato locale. Il presidente ora serve tre mandati quinquennali in un'elezione presidenziale che si tiene ogni cinque anni a partire dal 1965. Queste nuove riforme democratiche sono accolte molto bene in tutta l'UAR e la popolarità di Nasser sale di nuovo alle stelle.

Marzo - La Repubblica Araba Unita inizia a gettare le basi per l'Agenzia Spaziale Panaraba, il programma spaziale nazionale dell'UAR.

Aprile - Ranger 4 viene lanciato dagli Stati Uniti per avere un impatto sulla luna e raccogliere dati. La sonda si guasta prima che colpisca.

maggio - La Coppa del Mondo FIFA 1962 si svolge in Cile.

giugno - L'ultimo della Legione straniera francese lascia l'Algeria.

Luglio - L'Algeria diventa indipendente dalla Francia.

Agosto - Il Mariner 2 viene lanciato dagli Stati Uniti, diventando la prima sonda americana a sorvolare Venere.

Settembre - Nel nord dello Yemen inizia la guerra civile tra repubblicani e realisti. I sovietici annunciano il loro sostegno allo Yemen repubblicano.

Ottobre - Abdullah Al-Sallal, il presidente dello Yemen del Nord, chiede al suo paese di aderire all'UAR per sedare la ribellione realista. Con le prime elezioni che si avvicinano rapidamente, il presidente Nasser accetta che il paese aderisca, ma che entri ufficialmente nell'UAR dopo il ciclo elettorale.

Palazzo Montaza ad Alessandria, dove si riunisce il Parlamento UAR.

Novembre - I nuovi partiti politici si apprestano a partecipare al registro delle elezioni della prima Assemblea nazionale. Molti nuovi partiti, molti comunisti, vengono respinti e gli alti funzionari del partito arrestati. Le parti registrate sono le seguenti.

  • Unione Socialista Araba - Partito Nasserista Egiziano.
  • Festa Baath - Partito Ba'athista siriano.

Dicembre - Si tengono le prime elezioni nella Repubblica Araba Unita. L'Unione socialista araba conquista tutti i seggi della delegazione egiziana, essendo estremamente popolare. Il partito Ba'ath ottiene la maggioranza nella delegazione siriana.

2a bandiera della Repubblica Araba Unita, all'ascensione dello Yemen del Nord.

Gennaio - Vengono inaugurati tutti i primi funzionari eletti dell'Assemblea nazionale.

Febbraio - Lo Yemen entra nella UAR, aggiungendo 100 seggi vacanti all'Assemblea Nazionale. Abdullah Al-Sallal è nominato governatore del governatorato.

Marzo - La ribellione realista nello Yemen del Nord viene sconfitta dalle forze dell'UAR. L'Arabia Saudita si ritira dal sostegno ai ribelli, cercando di evitare una guerra con la confederazione paritaria.

Aprile - L'Agenzia Spaziale Panaraba è ufficialmente istituita con decreto del Presidente Nasser. 

maggio - Annunciati il ​​programma Feda e il programma Amar. Il programma Feda mira a portare gli astronauti arabi nello spazio entro la fine del decennio. Il programma Amar mira a lanciare sonde spaziali in orbita attorno alla Terra e raccogliere dati atmosferici.

giugno - Vostok 6 viene lanciato dall'Unione Sovietica, inviando la prima donna nello spazio. Torna sulla Terra sana e salva due giorni dopo.

Luglio - La costruzione della Feda 1 inizia nel Kharga Complex, un complesso edilizio di nuova costruzione alla periferia di Kharga, nel governatorato egiziano di New Valley.

Agosto - Martin Luther King Jr. tiene il famoso discorso "I Have a Dream" a Washington DC.

Settembre - L'Amar 1 viene lanciato dall'UAR. È la prima sonda spaziale araba lanciata in orbita. A causa della bassa velocità di lancio, i sensori della sonda sono danneggiati e non sono in grado di raccogliere dati atmosferici.

Ottobre - I primi astronauti arabi iniziano l'addestramento al Complesso di Kharga.

Novembre  - Il presidente degli Stati Uniti John F. Kennedy viene assassinato da Lee Harvey Oswald a Dallas, in Texas. Il vicepresidente Lyndon Johnson presta giuramento come presidente, diventando il 36° presidente degli Stati Uniti.

Dicembre - L'Amar 1, dopo aver completato 700 orbite, brucia nell'atmosfera terrestre. Un involucro con i segni della sonda si schianta alla periferia di Salalah, in Oman. La Lega Araba erige un monumento sul luogo dell'incidente, commemorando il raggiungimento del primo satellite arabo.

3a bandiera della Repubblica Araba Unita, all'ingresso dell'Iraq.

Gennaio - Il governo prevalentemente arabo di Zanzibar viene rovesciato dai ribelli panafricani.

Febbraio - L'Amar 2 viene lanciato dall'UAR. Il lancio è andato a buon fine ei dati sono stati registrati con successo dalla sonda.

Marzo - Si verifica il grande terremoto in Alaska. Un terremoto di 9.2 uccide 125 persone e distrugge la città di Anchorage.

Aprile - Il Gemini 8 viene lanciato dagli Stati Uniti. Il razzo è un modello della navicella spaziale da 2 uomini senza i necessari sistemi di supporto vitale

maggio - Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti scopre che l'ambasciata degli Stati Uniti a Mosca è stata intercettata da 40 microfoni dai sovietici.

giugno - L'Amar 2 brucia nell'atmosfera terrestre. Tutti i rottami della sonda bruciano al rientro.

Luglio - Il nuovo presidente dell'Iraq, Abdul Salam Arif, dell'Unione socialista araba, chiede di aderire all'UAR. L'Iraq viene inaugurato con successo alla fine del mese, con Arif che diventa Governatore. Si aggiungono 100 nuovi posti vacanti.

Agosto - L'Assemblea nazionale dell'UAR vota per abbassare l'aliquota massima dell'imposta sul reddito al 50% per incoraggiare gli affari. Nasser inizialmente pone il veto, ma il veto viene scavalcato ottenendo il 90% dei voti. Questo è il primo di molti tentativi di abrogare le politiche economiche orientate al settore pubblico di Nasser.

Settembre - La guerra d'indipendenza del Mozambico è lanciata dal gruppo ribelle noto come FRELIMO.

Ottobre - Il Voskhod 1 viene lanciato dall'Unione Sovietica. È il primo volo multi-persona senza tute spaziali. Il volo viene interrotto e atterra il giorno successivo dopo aver completato 16 orbite.

novembre - Il presidente democratico Lyndon Johnson viene eletto per un intero mandato come presidente degli Stati Uniti contro il candidato repubblicano Barry Goldwater.

Dicembre - L'Amar 3 viene lanciato dall'UAR. Si avvia con successo, ma uno dei sensori è danneggiato durante la salita. I dati atmosferici sono imprevedibili e quindi non registrati dal PASA.

Gennaio - Lyndon Johnson viene inaugurato per il suo primo mandato completo come 36° Presidente degli Stati Uniti.

Febbraio - Malcolm X viene assassinato a New York City. Il presidente Nasser dichiara una giornata di lutto nazionale in suo onore.

Marzo - 3500 soldati americani vengono inviati nel Vietnam del Sud, diventando le prime truppe da combattimento americane nella guerra del Vietnam.

Aprile - Dopo aver completato 1755 orbite, l'Amar 3 brucia nell'atmosfera terrestre. Il relitto si disintegra al rientro.

maggio - La battaglia di Dong-yin tra la Repubblica Popolare Cinese (Taiwan) e la Repubblica Popolare Cinese (continente) si svolge nell'Oceano Pacifico. Entrambe le parti rivendicano la vittoria poiché si registrano pochissime vittime.

giugno - Il Gemini 4 viene lanciato dagli Stati Uniti. Edward White completa la prima passeggiata spaziale americana.

Luglio - La sonda spaziale americana nota come Mariner 4 vola su Marte, fornendo le prime immagini ravvicinate del pianeta.

Agosto - Il Gemini 5 viene lanciato dagli Stati Uniti. La navicella spaziale viene lanciata per una settimana per testare nuove celle a combustibile elettriche.

Settembre - Il Pakistan invade il Kashmir e l'India invade Lahore. La guerra finisce in una situazione di stallo.

Ottobre - Il Regno Unito inizia a reprimere un'imminente ribellione in Rhodesia.

Il presidente Nasser si rivolge ai suoi sostenitori in una manifestazione a Damasco.

Novembre - Nuovi partiti politici dello Yemen e dell'Iraq si iscrivono alle elezioni presidenziali. Sono i seguenti:

  • Organizzazione popolare unionista nasserista - Partito Nasserista Yemenita.
  • Partito socialista arabo yemenita Ba'ath - Capitolo yemenita del partito Ba'ath.

Dicembre - Si tiene la prima elezione presidenziale nell'UAR. Molti partiti hanno appoggiato i principali candidati dell'ASU e del partito Ba'ath.

quarta bandiera della Repubblica Araba Unita, all'atto dell'integrazione del Kuwait.

Gennaio - Jean-Bédel Bokassa depone il presidente centrafricano David Dacko in un colpo di stato militare, diventando il capo militare del paese.

Febbraio - La Luna 9 viene lanciata dall'Unione Sovietica, diventando la prima sonda spaziale ad atterrare in sicurezza sulla luna e scattare foto della superficie lunare.

Marzo - La Venera 3, lanciata dall'Unione Sovietica, si schianta sulla superficie di Venere, diventando la prima sonda spaziale a raggiungere la superficie di un altro pianeta. 

Aprile - L'emiro del Kuwait chiede al presidente Nasser di entrare a far parte dell'UAR. A causa di un nuovo emendamento alla costituzione, tutte le petizioni per aggiungere paesi all'unione devono essere approvate dall'Assemblea nazionale. La mossa deve essere approvata anche dalla popolazione del paese richiedente tramite referendum. L'emiro del Kuwait fissa la data del referendum per il prossimo mese.

maggio - In Kuwait si tiene il referendum UAR. In un referendum ufficialmente supervisionato, il 92% del Kuwait approva il provvedimento. Il Kuwait sale al sindacato con cento nuovi seggi vacanti. Sabah III diventa il governatore.

giugno - Il Gemini 9 viene lanciato dagli Stati Uniti, con il comandante Gene Cernan che completa la seconda passeggiata spaziale americana.

Luglio - Aerei da combattimento israeliani e arabi si scontrano sul fiume Giordano.

Agosto - Il Lunar Orbiter 1 viene lanciato dagli Stati Uniti, diventando la prima sonda spaziale americana ad orbitare attorno alla luna.

Settembre - L'AS Rocket 1 è testato dal PASA presso il Kharga Complex. Il razzo non riesce a lasciare la Mesosfera a causa della mancanza di sufficienti riserve di carburante.

Ottobre - Il quartier generale della NATO si sposta da Parigi, Francia, a Bruxelles, Belgio.

Novembre - Lunar Orbiter 2 viene lanciato dagli Stati Uniti.

Dicembre - L'UAR inizia a fornire armi ai ribelli giordani nel tentativo di rovesciare il re anti-arabo dell'unificazione.

Gennaio - Il Trattato sullo spazio esterno è firmato da molte nazioni delle Nazioni Unite, che non consente a nessun paese di rivendicare la sovranità sui corpi celesti.

Febbraio - L'Unione Sovietica inizia un accumulo di soldati attorno al confine cinese in risposta alla divisione sino-sovietica.

Marzo - L'equipaggio della prossima missione Amar 1 è annunciato dal PASA. Il commodoro aereo Haidar Aziz dello Yemen del Nord, il comandante di squadriglia Ahmad Al-Sabah del Kuwait e il comandante di ala Muhammad Mansour dell'Egitto sono annunciati come i 3 uomini dell'equipaggio.

Aprile - 7 MiG-21 arabi vengono abbattuti dai caccia israeliani.

maggio - Arab si mobilita al confine israeliano mentre il presidente Nasser chiede all'ONU di fermare il suo intervento di mantenimento della pace nella penisola del Sinai.

giugno - Israele bombarda l'Egitto in risposta all'aumento dei confini da parte dell'UAR. Una forza di rappresaglia composta dall'UAR e da molte altre nazioni del mondo arabo, comprese quelle esterne, si riunisce per attaccare Israele. Ciò che ne consegue è una massiccia guerra totale che sarà ricordata come la Guerra dei 90 giorni.

Luglio - Le forze arabe catturano Beersheba. Le forze israeliane hanno contrastato l'offensiva araba bombardando obiettivi strategici nel Sinai.

Agosto - Mentre le forze arabe si avvicinano a Gerusalemme dopo la presa di Tel Aviv, il primo ministro israeliano annuncia l'esistenza del programma nucleare israeliano nel tentativo di spaventare il governo arabo. In risposta, il presidente Nasser ordina alle forze armate arabe di assediare Dimona, dove gli analisti sospettano da mesi che in un complesso nelle vicinanze venissero prodotte armi nucleari. Dopo un'indagine, l'esercito arabo trova prove di un'arma nucleare nella fase finale di completamento nel sito.

Yasser Arafat annuncia lo scioglimento di Israele in una conferenza stampa a Ramallah.

Settembre - La guerra dei 90 giorni si conclude finalmente con una vittoria dell'UAR. Entrambe le parti sono completamente decimate, con l'esercito dell'UAR che non raggiunge di nuovo il pieno potere fino alla fine degli anni '70. Molte potenze mondiali condannano la conquista da parte della UAR di una nazione sovrana, ma nessuna sceglie di agire tranne Lyndon Johnson, che sospende immediatamente le operazioni dell'Ambasciata della UAR a tempo indeterminato. Israele viene dichiarato Territorio dell'UAR, da sistemare in un secondo momento. Per il momento, il presidente Nasser nomina l'OLP per gestire il territorio in un sistema oligarchico, con Yasser Arafat come il di fatto capo. Tutti i cittadini israeliani che hanno scelto di rimanere sono stati rimpatriati come cittadini UAR a pieno titolo. La maggioranza degli israeliani scelse di lasciare il paese piuttosto che vivere sotto il regime arabo, molti dei quali si recarono nell'Oblast' autonoma ebraica all'interno dell'Unione Sovietica. L'insurrezione sionista per stabilire uno stato ebraico nella loro patria d'origine ha inizio e continua fino ad oggi.

Ottobre - Reza Pahlavi viene incoronato Scià d'Iran.

Novembre - 500 seggi sono in palio per la rielezione nelle elezioni della 2a Assemblea nazionale. Nessun nuovo partito politico è stato registrato durante questo periodo.

Dicembre - L'ASU vince ancora una volta l'intera delegazione egiziana. Il partito Ba'ath ottiene una vittoria schiacciante nella delegazione siriana, assicurandosi altri 10 seggi e riducendo ciascuno dei partiti minori a un seggio ciascuno. Senza partiti politici registrati in Iraq, tutti i deputati eletti erano indipendenti. Lo stesso caso è con il Kuwait. L'Organizzazione popolare unionista nasserista ottiene 79 seggi, mentre il partito Ba'ath yemenita vince il resto.

Il presidente Lyndon Johnson annuncia la sospensione delle relazioni UAR.

Gennaio - Inaugurata la 2° Assemblea Nazionale UAR.

Febbraio - Con la sospensione dell'influenza smorzante dell'ambasciata UAR negli Stati Uniti, il presidente Nasser lancia una campagna mediatica attraverso i media statali per smettere di acquistare beni americani e smettere di vendere in America. Come risultato di tale propaganda, le esportazioni di petrolio dal paese diminuiscono drasticamente nel corso del mese. Il presidente americano Johnson è accusato in modo esponenziale per questo.

Marzo - Affermando che non sarà toccato da meschine minacce arabe, il presidente americano Johnson annuncia che continuerà la sua corsa per la presidenza, con uno dei suoi assi della piattaforma per liberare Israele dalle grinfie dell'UAR. In risposta, il presidente della UAR Nasser annuncia un divieto totale di importazioni ed esportazioni americane.

Aprile - Il Civil Rights Act del 1968 viene approvato dal presidente Johnson. Il suo indice di gradimento è aumentato dall'approvazione della legge, ma il continuo crollo economico lo spinge indietro rapidamente.

maggio - Con il suo indice di gradimento che si avvicina al 10%, il presidente Johnson abbandona la sua candidatura per la rielezione. Il divieto di importazioni ed esportazioni americane viene revocato, con Nasser che dichiara vittoria sugli Stati Uniti.

giugno - Il candidato democratico alla presidenza degli Stati Uniti Robert Kennedy viene assassinato da Sirhan Sirhan. 

Luglio - Il TNP è firmato da molte nazioni del mondo, tranne India e Pakistan.

Agosto - L'AS Rocket 2 è testato presso il Kharga Complex da PASA. Il razzo viene lanciato in orbita con successo. La missione Amar 1 è annunciata per il marzo 1969.

Settembre - Lo Zond 5 viene lanciato dall'Unione Sovietica. Riesce a registrare un carico utile biologico dalla luna, il primo del suo genere.

Ottobre - Le Olimpiadi estive del 1968 si tengono a Città del Messico, in Messico.

Novembre - Il candidato repubblicano Richard Nixon batte il candidato democratico Eugene McCarthy alle elezioni presidenziali degli Stati Uniti per diventare il 37esimo presidente degli Stati Uniti.

Dicembre - Apollo 8 viene lanciato dagli Stati Uniti. Gli astronauti diventano i primi umani a vedere il lato oscuro della luna con i propri occhi.

Gheddafi con Nasser in seguito al colpo di stato degli ufficiali liberi sostenuto dalla UAR.

Gennaio - Richard Nixon viene inaugurato come 37esimo Presidente degli Stati Uniti.

Febbraio - Il primo trasferimento di una passeggiata spaziale avviene tra i cosmonauti della Soyuz 4 e della Soyuz 5.

Marzo - La missione Amar 1 ha luogo. Un equipaggio di tre uomini dell'UAR orbita 17 volte intorno alla terra prima di tornare a terra con successo al rientro.

Aprile - Dopo un referendum che ha spazzato via molti poteri costituzionali, Charles De Gaulle si dimette da presidente della Francia.

maggio - Apollo 10 viene lanciato dagli Stati Uniti. La sua missione, che ha svolto con successo, è stata quella di eseguire una prova generale dello sbarco sulla luna.

giugno - Muammar Gheddafi, un ufficiale militare del Regno di Libia, incontra i funzionari dell'UAR per assicurarsi il sostegno a una rivoluzione contro il re Idris a favore di una Repubblica nasserista. Il governo si impegna volentieri, dando sostegno finanziario al Movimento degli Ufficiali Liberi.

Luglio - Apollo 11 viene lanciato dagli Stati Uniti. Neil Armstrong e Buzz Aldrin diventano le prime persone a camminare sulla superficie della luna, suscitando lo stupore del mondo intero. Nel tentativo di salvare il loro programma Moonshot, l'Unione Sovietica chiede l'aiuto della PASA per aiutarli a sviluppare un razzo N1 perfettamente funzionante.

Agosto - Si verifica il primo di molti gravi scontri al confine tra l'Unione Sovietica e la Cina.

Settembre - Usando armi UAR, i Liberi Ufficiali, guidati da Muammar Gheddafi, lanciano un attacco sia su Bengasi che su Tripoli, concentrandosi sul Palazzo Reale che viene distrutto senza esitazione. Gheddafi annuncia che la Libia è stata liberata, la ribattezza Repubblica Araba Libica e dichiara che la famiglia reale è ora nel braccio della morte per tradimento. Durante questo periodo, l'intera famiglia reale che è ancora in Libia viene arrestata e giustiziata. Re Idris rimane in esilio.

Ottobre - Una bomba termonucleare da 1,2 megaton viene fatta esplodere sull'isola di Amchitka in Alaska come cartina di tornasole per future esplosioni sotterranee.

Novembre - Apollo 12 viene lanciato dagli Stati Uniti come seconda missione con equipaggio sulla luna.

Dicembre - Sotto l'esame di Richard Nixon, che è uscito allo scoperto e molte volte ha denunciato la conquista di Israele, l'UAR inizia segretamente a lavorare sul loro programma di armi nucleari.

Quinta bandiera della Repubblica Araba Unita, all'ascensione della Libia.

Gennaio - Un terremoto nello Yunnan, in Cina, uccide 15.261 persone.

Febbraio - La ricognizione satellitare rivela un complesso, simile al Centro di ricerca nucleare del Negev nell'ex Israele dove venivano prodotte armi nucleari, nel deserto iracheno. Poiché l'UAR è parte del TNP, l'AIEA ordina un'indagine sul programma nucleare arabo. Nel tentativo di mettere a tacere queste affermazioni, il presidente Nasser dichiara che l'UAR ha un programma nucleare in via di sviluppo.

Marzo - Gheddafi chiede a Nasser di unirsi all'UAR. Visto che la Libia è un'enorme potenza petrolifera, l'Assemblea nazionale approva il provvedimento con voto unanime. Il referendum all'interno del Paese rileva che il 98% della popolazione libica approva, superando facilmente la soglia dei due terzi necessaria. La Libia ascende all'unione quel mese, aggiungendo una sesta stella alla bandiera e altri 100 seggi all'Assemblea nazionale, chiudendo a 600 seggi in totale.

Aprile - Una bombola di ossigeno sull'Apollo 13 esplode, costringendo l'equipaggio del modulo a interrompere l'atterraggio sulla luna e tornare sulla terra.

maggio - Il Tupolev Tu-144 sovietico diventa il primo aereo a rompere Mach 2.

giugno - Di fronte ai crescenti timori sul programma nucleare arabo, l'UAR annuncia la sua indefinita non conformità con il TNP, citando che la sua invasione nella politica interna araba è andata troppo oltre. Questa mossa è ampiamente considerata anche oggi come la mossa che ha dato il via alla rovina dell'eredità internazionale di Nasser.

Luglio - L'Amar 2 viene lanciato dall'UAR. Dopo aver completato 29 orbite, l'equipaggio di 3 uomini torna con successo sulla Terra.

Agosto - La Venera 7 viene lanciata dall'Unione Sovietica, diventando la prima sonda spaziale a trasmettere dalla superficie di un altro pianeta.

Gheddafi, poco prima di affrontare una manifestazione di sostenitori a Tripoli.

Settembre - Gamal Abdel Nasser muore per un attacco di cuore dopo il vertice della Lega araba del 1970. Per le strade del Cairo si tiene un funerale a cui partecipano oltre 20 milioni di persone provenienti da tutto il Paese, mentre il presidente ad interim Anwar Sadat annuncia che le elezioni andranno ancora come previsto e che le idee di Nasser continueranno a vivere.

Ottobre - In seguito all'allentamento della sicurezza dopo la morte di Nasser, un'unità militare iraniana su ordine dello Scià si infiltra nell'impianto nucleare di Azdahar. Mentre si trova nel complesso, l'unità scatta foto e ottiene le prove che gli arabi stanno costruendo armi nucleari con l'assistenza dei sovietici e dei cinesi. Dopo che questa prova è stata presentata alla stampa mondiale, l'UAR sospende immediatamente tutte le relazioni con l'Iran, citando che una tale violazione della sicurezza non sarebbe più tollerata. Il presidente Sadat inizia a considerare se ritirarsi o meno dal TNP ora che il loro programma di armi nucleari è di dominio pubblico.

Novembre - Poiché la Libia è la più recente nazione ad ascendere all'UAR, i suoi partiti politici devono registrarsi per partecipare alle elezioni presidenziali. Sono i seguenti:

Dicembre - Leقnd elezioni presidenziali UAR  si svolgono. Anwar Sadat si candida alla rielezione per un intero mandato sotto la nomina dell'Unione socialista araba. Tuttavia, molti vedono le politiche di Anwar Sadat come troppo lontane dagli ideali del suo predecessore, Nasser. Muammar Gheddafi, il candidato del Partito dei Liberi Ufficiali, promette di attenersi alle politiche nasseriste che Nasser aveva immaginato per il mondo arabo. Di conseguenza, Gheddafi vince le elezioni presidenziali con il 70% su Sadat, portando alla Presidenza il Movimento degli Ufficiali Liberi.

Gennaio - Muammar Gheddafi viene inaugurato come 3° Presidente della Repubblica Araba Unita, inviando il presidente ad interim Anwar Sadat. Nel suo discorso inaugurale, Gheddafi promette che la Repubblica Araba Unita si atterrà agli ideali del nasserismo a qualunque costo.

Febbraio - Apollo 14 atterra sulla luna, diventando la terza missione con equipaggio sulla luna.

Marzo - Con un nuovo sentimento anti-occidente nella mente di molti arabi, il presidente Gheddafi si ritira dal TNP, dichiarando che il trattato viola la sovranità dell'UAR.

Aprile - L'Unione Sovietica lancia la prima stazione spaziale, la Salyut 1. 

maggio - Il Sudan chiede di entrare a far parte dell'UAR. L'Assemblea nazionale vota a favore, 581-19. Un referendum trova il 91% a favore. Il Sudan ascende all'unione, diventando la settima nazione nella UAR e dando all'Assemblea Nazionale 100 seggi, con 700 in totale.

giugno - La missione Soyuz 11 lanciata dall'Unione Sovietica va incontro a un disastro quando la capsula si depressurizza e tutti e tre gli uomini all'interno muoiono di asfissia.

Luglio - L'Apollo 15 viene lanciato dagli Stati Uniti, diventando la quarta missione con equipaggio sulla luna.

Agosto - La ricognizione iraniana riferisce che un minuscolo ordigno nucleare da 20 tonnellate è stato fatto esplodere nel deserto del distretto di Al-Anbar in Iraq. Alcuni governi, compresi gli Stati Uniti, esprimono preoccupazione, ma l'UAR nega l'esistenza del dispositivo.

Settembre - A causa delle preoccupazioni economiche legate al programma nucleare, il programma di atterraggio lunare con equipaggio del PASA viene sospeso a favore delle sonde spaziali più economiche e aiuta i sovietici a far avanzare la corsa allo spazio.

Ottobre - Gli agenti di frontiera giordani riferiscono di aver visto un piccolo fungo atomico nel deserto di Al-Anbar in Iraq, vicino al confine tra Giordania e Arabia. Il governo giordano non commenta pubblicamente la questione a causa delle tensioni già esistenti con il Paese. Dopo l'assassinio di Gheddafi, documenti declassificati rivelano che una bomba nucleare da 100 tonnellate è stata testata vicino al confine.

Novembre - Il Mariner 9 viene varato dall'Unione Sovietica. La sonda diventa il primo satellite ad entrare con successo nell'orbita marziana.

Dicembre - La guerra indo-pakistana di 13 giorni termina con l'indipendenza del Pakistan orientale come Repubblica popolare del Bangladesh.

Gennaio - Una bomba nucleare da 500 tonnellate viene fatta esplodere ad Al-Anbar. L'Iran individua nuovamente la nuvola e la riporta ai media mondiali. Sebbene l'UAR neghi l'esistenza dell'esplosione, molti paesi esprimono nuovamente preoccupazione. L'Iran minaccia di tagliare le relazioni diplomatiche, avvertendo che un'unione araba nucleare potrebbe minacciare la stabilità mondiale.

Febbraio - Il presidente degli Stati Uniti Nixon incontra Mao Zedong nella RPC, riconoscendo il controllo del governo sulla terraferma.

Marzo - Il Pioneer 10 viene lanciato dagli Stati Uniti, diventando alla fine il primo satellite a lasciare il sistema solare.

Aprile - L'Apollo 16 viene lanciato dagli Stati Uniti, diventando la quinta missione con equipaggio sulla luna.

maggio - Una bomba nucleare da 6 chilotoni viene fatta esplodere ad Al-Anbar. L'esplosione, essendo troppo grande per essere ignorata, è riconosciuta dal resto del mondo. Molti paesi minacciano sanzioni, incluso il presidente degli Stati Uniti Nixon che minaccia di imporre un embargo. L'Iran interrompe immediatamente le relazioni diplomatiche.

giugno - Lo scandalo Watergate si rompe, rivelando che Richard Nixon ha intercettato la sede del Partito Democratico al Watergate Complex.

Luglio - La ricognizione iraniana riferisce che l'UAR sta costruendo una nuova bomba nucleare nel deserto libico. Il presidente Gheddafi dichiara l'esistenza dell'arsenale nucleare arabo. La sua sfida all'Occidente fa salire alle stelle la sua popolarità nell'UAR, ma la convinzione che Gheddafi utilizzerà il suo arsenale nucleare solo per scopi malvagi fa sì che la sua eredità venga gravemente contaminata al di fuori del paese.

Agosto - Le ultime truppe di terra vengono ritirate dal Vietnam.

Settembre - Come parte della sua sfida verso l'occidente, nel deserto libico avviene una detonazione nucleare da dieci chilotoni. Gli Stati Uniti dichiarano immediatamente un embargo, l'Iran intensifica la ricognizione e le nazioni della NATO impongono sanzioni economiche.

Ottobre - Dopo l'innovazione congiunta arabo-sovietica, l'N1 7L si lancia con successo ed entra in orbita. Con il razzo che funziona correttamente, il programma di esplorazione lunare sovietico è scolpito nella pietra.

Dicembre - Si tengono le elezioni della terza Assemblea nazionale.

Gennaio - Il coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra del Vietnam termina ufficialmente.

Febbraio - L'AIM occupa Wounded Knee, South Dakota e la dichiara indipendente.

Marzo - La Zvezda 1 atterra sulla Luna, diventando la prima navicella spaziale sovietica con equipaggio sulla luna e la settima missione con equipaggio sulla luna. Alexey Leonov e Valentina Tereshkova sono l'equipaggio di due persone a terra e tornano sulla Terra con grande clamore sei giorni dopo.

Aprile - Il World Trade Center di New York City è completato.

maggio - Viene lanciata Skylab, la prima stazione spaziale americana.

giugno - Il Bahrain chiede all'UAR di aderire. Sebbene l'assemblea nazionale voti a favore dell'accettazione del paese, i risultati grezzi del referendum mostrano il 59% a favore, che non è sufficiente per aderire al sindacato. Gheddafi, tuttavia, accetta di mostrare che i risultati sono favorevoli al 99% per garantire l'ascensione del Bahrain. I veri risultati non sarebbero stati rivelati fino al 1995. Il Bahrain diventa l'ottavo paese ad aderire, e quindi aggiunge 100 seggi chiudendo a 800 in totale.

Luglio - Apollo 18 viene lanciato dagli Stati Uniti, diventando la settima missione americana con equipaggio e l'ottava in assoluto.

Agosto - L'Unione Sovietica annuncia la missione Zvezda 2.

Settembre - Viene lanciata la Soyuz 12, la prima missione con equipaggio dell'Unione Sovietica dopo il disastro della Soyuz 11.

Ottobre - I Pacificatori di Sion, un'alleanza di gruppi ribelli sionisti, ottiene il sostegno dell'amministrazione Nixon nel tentativo di riconquistare la sua popolarità. I ribelli riescono a mettere al sicuro la Palestina meridionale prima che Gheddafi ordini un bombardamento sull'intera area che non solo distrugge gran parte delle infrastrutture civili ma decima le loro forze, costringendole alla resa. Dopo l'assassinio di Gheddafi, gli investigatori delle Nazioni Unite stabiliscono che tre delle bombe sganciate sulla Palestina meridionale erano piccole bombe nucleari equivalenti a quella di una bomba di Davy Crockett.

Novembre - Mariner 10 viene lanciato dagli Stati Uniti, diventando la prima sonda spaziale ad atterrare su Mercurio.

Dicembre - Apollo 19 viene lanciato dagli Stati Uniti, diventando l'ottava missione con equipaggio americana e la nona in assoluto.

Gennaio - Gheddafi chiede alla Tunisia di aderire all'UAR, una svolta totale da parte dei paesi che chiedono di aderire all'UAR stessi. La Tunisia accetta senza dubbio e, a causa di una scappatoia nella costituzione, aggira un voto dell'Assemblea nazionale e un referendum. La Tunisia diventa il nono paese e aggiunge cento seggi all'Assemblea nazionale, che conta ormai 900 membri.

Febbraio - Gheddafi fa esplodere una bomba nucleare da 15 chilotoni nel deserto dello Yemen, il primo test sotterraneo nella storia del programma nucleare arabo. Nixon si batte per una risoluzione delle Nazioni Unite contro l'UAR. La risoluzione ha successo e le sanzioni sostenute dall'ONU vengono applicate alla nazione.

Marzo - Gheddafi annuncia che dieci armi nucleari sono nelle scorte arabe.

Aprile - I prezzi del gas iniziano a salire alle stelle negli Stati Uniti poiché l'UAR non è in grado di esportare legalmente petrolio nel paese. La popolarità di Richard Nixon crolla.

maggio - L'India testa la sua prima bomba nucleare, diventando uno stato ufficiale con armi nucleari.

giugno - La Coppa del Mondo 1974 si svolge in Germania Ovest. La Germania Ovest vince il torneo.

Luglio - Apollo 20 viene lanciato dagli Stati Uniti, diventando la nona missione americana con equipaggio e la decima in assoluto. Il presidente Nixon annuncia la fine del programma Apollo.

Agosto - Il presidente Nixon si dimette a causa dello scandalo Watergate. Gerald Ford assume la carica di 38esimo presidente degli Stati Uniti.

Settembre - Zvezda 2 è sospeso a tempo indeterminato dall'Unione Sovietica a causa di preoccupazioni economiche.

Ottobre - Dopo l'ascesa della Tunisia e la rapida espansione dell'UAR nel mondo arabo, l'Algeria chiede di aderire all'UAR. L'Assemblea nazionale approva il provvedimento, e un referendum trova l'82% a favore. L'Algeria diventa la decima nazione ad aderire, portando il numero totale dei seggi dell'Assemblea nazionale a 1000.

Novembre - In mezzo a pesanti sanzioni, Gheddafi testa un altro carico utile nucleare nel deserto dello Yemen, questa volta fuori terra e del peso di 20 chilotoni. 

Dicembre - Con i prezzi del gas ai massimi storici e scarsità di scorte, finisce l'embargo americano sulla UAR. Il presidente Ford è sia lodato che criticato per l'azione, ma i prezzi del gas iniziano a scendere e l'economia migliora a un ritmo lento. L'embargo sanzionato dalle Nazioni Unite continua, ma molti paesi continuano a fare affari con il paese in segreto.

Gennaio - Una bomba nucleare da 45 chilotoni viene fatta esplodere nel deserto tunisino dall'UAR.

Febbraio - La scorta nucleare araba raggiunge 15 armi nucleari.

Marzo - L'UAR e l'Iran risolvono la loro lunga disputa sui confini.

Aprile - Sei fazioni dell'Armata Rossa prendono il controllo dell'ambasciata della Germania occidentale a Stoccolma, in Svezia. Poco dopo vengono catturati dalla polizia svedese.

maggio - Una bomba nucleare da 60 chilotoni viene fatta esplodere nel deserto egiziano dall'UAR. L'Unione Europea, in risposta, impone la propria serie di sanzioni al Paese. Il tasso di cambio del Riyal arabo con l'Euro scende drammaticamente.

giugno - Riapre il Canale di Suez, per la prima volta dalla Guerra dei 90 giorni.

Luglio - Attraccaggio in orbita di veicoli spaziali americani e sovietici con equipaggio, il primo collegamento tra i 2 paesi.

Agosto - Il Viking 1, il primo lander marziano, viene lanciato dagli Stati Uniti.

Settembre - La Papua Nuova Guinea ottiene l'indipendenza dall'Australia.

Ottobre - Francisco'Franco si dimette da dittatore della Spagna.

Novembre - Il Sahara occidentale viene abbandonato dalla Spagna.

Dicembre - Il presidente Gheddafi, essendo uno dei presidenti più popolari dai tempi di Nasser, riesce a far saltare in aria tutte le altre competizioni presidenziali ad eccezione del candidato dell'ASU Hosni Mubarak. A causa dell'estrema popolarità di Gheddafi, Gheddafi si assicura il 95% dei voti contro Mubarak, che è visto come un passo nella giusta direzione verso il nasserismo per cui l'ASU era nota, ma non abbastanza.

maggio - La Mauritania chiede di aderire all'UAR. Un referendum trova il 79% a favore e l'Assemblea nazionale vota a favore. La Mauritania si aggiunge al sindacato, diventando l'undicesima nazione e portando il numero totale dei seggi dell'Assemblea nazionale a 1100.

Febbraio - Il presidente Gheddafi incontra segretamente rappresentanti di diverse organizzazioni islamiche, tra cui i Fratelli Musulmani e Hizb ut-Tahrir. Le trascrizioni di questi incontri sono state rilasciate dopo il suo assassinio.

Aprile - Una piccola bomba esplode nella Moschea Blu del Cairo durante le preghiere dell'alba, uccidendo 22 persone e ferendone 45. L'amministrazione Gheddafi rilascia prove false, incolpando l'attacco del partito Ba'ath. Dopo l'assassinio del presidente Gheddafi, le trascrizioni hanno rivelato che la bomba è stata in effetti fatta esplodere da Hizb ut-Tahrir per indurre simpatia per i musulmani del paese, che credevano fossero oppressi dal secolarismo. Gheddafi, che all'epoca stava attraversando uno sconvolgimento religioso, accettò di attribuire l'attacco al partito Ba'ath, la sua opposizione.

maggio - Gheddafi dichiara che la Repubblica Araba Unita è una nazione islamica, per rappresentare la grande popolazione musulmana su cui governa. Gran parte della popolazione che sostiene il nazionalismo laico va su tutte le furie, mentre l'Assemblea nazionale procede con l'impeachment per aver tradito i valori laici del paese.

giugno - Con l'Assemblea nazionale ancora divisa sui procedimenti di impeachment di Gheddafi, Gheddafi legalizza l'attuazione della legge islamica nel governo locale.

Luglio - Durante un viaggio diplomatico in Unione Sovietica, un'autobomba esplode all'interno della limousine presidenziale, uccidendo Gheddafi e il vicepresidente Abdul Al-Obeidi. L'Assemblea nazionale nomina l'ex vicepresidente e deputato Hosni Mubarak presidente ad interim fino alle prossime elezioni. Sotto la sua amministrazione, il presidente ad interim Mubarak ordina la criminalizzazione della legge islamica e il ritorno dell'UAR al laicismo. Con Gheddafi morto, il Movimento degli Ufficiali Liberi si dissolve e diventa defunto.

Settembre - Il Marocco chiede di aderire all'UAR. Il presidente in carica Mubarak è d'accordo, a condizione che salga il territorio del Sahara occidentale e un governatorato separato. Il Marocco è titubante, ma è d'accordo. A causa della costituzione che non menziona l'ascensione congiunta, il referendum e il voto dell'Assemblea nazionale vengono aggirati e il Marocco e il Sahara occidentale salgono all'unione, diventando la stella 12th e 13th sulla bandiera e portando il totale dei seggi dell'Assemblea nazionale a 1300.

Dicembre - Si tengono le IV elezioni dell'Assemblea nazionale.

Gennaio - Viene inaugurata la quarta Assemblea nazionale. 

Marzo - Lo Yemen del Sud chiede di aderire all'UAR, con un referendum fortemente favorevole già al seguito. L'Assemblea nazionale vota a favore 1200-100. L'Unione Sovietica, che ora ha perso un importante alleato in Medio Oriente, aumenta la propria influenza in Medio Oriente per cercare di trasformare più paesi in un sistema comunista. Durante questo periodo, lo Yemen del Sud ascende all'unione, unendosi allo Yemen del Nord per formare un più grande Governatorato dello Yemen, mantenendo il numero di governatorati a 1300.

Marzo - L'Arabia Saudita chiede di aderire all'UAR. Sebbene l'Assemblea nazionale voti a favore, un referendum nazionale trova solo il 69% a favore. Sebbene la popolazione sia molto più favorevole, molti seggi elettorali sono stati attaccati dai wahabiti, allontanando gli elettori.

Aprile - Si tiene un altro referendum. Poiché i seggi elettorali sono ora sotto stretta sorveglianza, i sondaggi trovano l'83% a favore. L'Arabia Saudita ascende all'unione come 14° governatorato come Governatorato del Nejd, portando il totale dei seggi dell'Assemblea nazionale a 1400.

Novembre - Un gruppo di insorti islamici occupa la Grande Moschea della Mecca. Chiedono il ripristino dell'indipendenza dell'Arabia Saudita dall'UAR secolare e l'attuazione della legge totale della Sharia all'interno del paese per contrastare i valori occidentali.

Dicembre - L'UAR, credendo che sia necessario solo un piccolo squadrone per eliminare i militanti, invia 100 soldati. Sottovalutando le dimensioni dell'insurrezione, tutti i soldati dell'UAR, tranne tre, vengono uccisi e uno degli elicotteri viene abbattuto, schiacciando parte della Kaaba nell'incidente. In risposta all'accidentale distruzione parziale della Kaaba, i militanti eseguono i 3 restanti soldati UAR su pellicola.

Gennaio - Con l'aiuto di Francia e Pakistan, l'UAR invia 10.000 soldati alla Grande Moschea per proteggere completamente l'area. Con perdite minime, tutti i militanti vengono uccisi nella battaglia. La distruzione della Grande Moschea è comunque grande, con uno dei minareti abbattuto e la Kaaba estremamente danneggiata. Il governo locale promette di ricostruire la Grande Moschea esattamente com'era prima e che non si piegherà a ulteriori minacce fondamentaliste islamiche.

Dicembre - Hosni Mubarak, non volendo rinunciare al potere, sospende tutti gli altri candidati alle elezioni con il pretesto di sconfiggere la minaccia dell'Islam politico. Viene consegnato alle elezioni poiché nessun altro candidato è in ballottaggio.

Marzo - Il Libano chiede di aderire all'UAR. Un referendum popolare trova il 91% a favore, e anche l'Assemblea nazionale trova a favore. Il Libano si unisce alla UAR quel mese, diventando il 15° governatorato e portando il totale dei seggi dell'Assemblea Nazionale a 1500.

Agosto - L'Assemblea generale del popolo si iscrive come partito nazionalista in Yemen.

Novembre - I partiti politici del Libano si sono registrati per partecipare alle elezioni della quinta Assemblea nazionale.

  • Organizzazione popolare nasserista - Partito Nasserista Libanese.
  • Lega dei lavoratori - Partito Nasserista Libanese.

Dicembre - Si tengono le elezioni della quinta Assemblea nazionale.

Ottobre - Hosni Mubarak chiede al Qatar di entrare nell'UAR. A causa della scappatoia non affrontata in precedenza, un referendum e il voto dell'Assemblea nazionale vengono aggirati e il Qatar diventa la 16a nazione dell'UAR.

Novembre - Cipro del Nord dichiara l'indipendenza.

Luglio - Hosni Mubarak chiede agli Emirati Arabi Uniti di aderire all'UAR. La scappatoia è stata nuovamente utilizzata e gli Emirati Arabi Uniti si uniscono all'UAR come 17a nazione.

Settembre - L'Assemblea nazionale vota per chiudere la scappatoia che consente al referendum e al voto dell'Assemblea nazionale di aggirare l'ammissione delle nazioni all'UAR.

Novembre - A causa della sentenza del presidente Mubarak che l'Islam politico è ancora una minaccia, solo meno di prima, tutte le registrazioni dei partiti politici sono sospese durante la quinta elezione presidenziale.

Dicembre - Mubarak decreta che solo i primi due partiti possono partecipare alle elezioni, sostenendo che per la loro popolarità, ci si può fidare. Hafez Al-Assad diventa il candidato del partito Ba'ath, mentre Hosni Mubarak rimane il candidato dell'ASU. Mubarak vince in maniera schiacciante, vincendo con il 74% dei voti.

maggio - L'Oman chiede di aderire all'UAR. Un referendum trova il 54% a favore, squalificando la loro petizione per almeno 1 anno.

Settembre - Gibuti chiede di aderire all'UAR. Un referendum trova l'87% favorevole e l'Assemblea nazionale approva la petizione 1550-150. Gibuti diventa la 18a nazione della UAR.

Dicembre - Si tengono le seste elezioni dell'Assemblea nazionale.

Febbraio - Con il crollo del regime di Barre, la Somalia chiede di entrare nell'UAR. L'Assemblea nazionale respinge il provvedimento, anche se un referendum trova il 79% a favore. La loro petizione è squalificata per 1 anno.

Settembre - L'Oman chiede di nuovo di aderire all'UAR. L'Assemblea nazionale vota a favore all'unanimità e un referendum trova il 76% di favorevoli. L'Oman viene aggiunto come 19a nazione dell'UAR.

novembre - Il governatore territoriale Arafat dichiara la Palestina uno stato dell'UAR. A causa della mancata menzione del diritto territoriale nella costituzione dell'UAR, la Palestina è ammessa come la ventesima nazione dell'UAR.

Marzo - Somalia di nuovo petizioni. L'Assemblea nazionale vota a favore con una maggioranza ristretta. La Somalia viene aggiunta come 21a Nazione dell'UAR.

Aprile - Il Partito dell'Unione Democratica si registra come partito laico in Egitto.

Novembre - I partiti politici di Somalia, Oman e Palestina si sono registrati per partecipare alla sesta elezione presidenziale.

Dicembre - Hosni Mubarak consente a tutti i partiti politici di partecipare alle elezioni presidenziali. Saddam Hussein, governatore dell'Iraq, è diventato il candidato Ba'ath, con Hafez Al-Assad, governatore della Siria, come suo vice. Con la repressione politica di Mubarak impopolare tra molti, il governatore Hussein vince le elezioni presidenziali con il 61% dei voti.

Gennaio - La Giordania, uno dei paesi arabi più riluttanti all'inizio ad aderire all'UAR, finalmente chiede di aderire. Un referendum trova il 77% a favore e l'Assemblea nazionale vota a favore all'unanimità. La Giordania diventa la 22a nazione dell'UAR.

Settembre - L'UAR invade l'Iran per il controllo della provincia del Khuzestan. Molte nazioni si impegnano a sostenere entrambe le parti.

Dicembre - L'Unione Sovietica crolla. Il presidente Hussein ordina una giornata di festa, citando la caduta del comunismo come una nuova era per il mondo.

Dicembre - Si tengono le elezioni della settima Assemblea nazionale.

Febbraio - Le Comore chiedono di aderire all'UAR. Il referendum mostra il 78% a favore, e l'Assemblea nazionale trova 2176-24 a favore. Le Comore vengono aggiunte come 23a nazione dell'UAR.

Luglio - L'Eritrea chiede di aderire all'UAR. Sebbene un referendum trovi il 96% di voti favorevoli, l'Assemblea nazionale esita ad ammettere una nazione la cui cultura primaria non è prevalentemente araba. La loro petizione viene respinta per 1 anno.

Settembre - L'organizzazione Children of Israel viene fondata nella Repubblica Ebraica.

maggio - L'Alleanza repubblicana nazionale si iscrive come partito nazionalista laico dall'Algeria.

Luglio - Eritrea di nuovo petizioni. L'Assemblea nazionale vota a stretto favore e l'Eritrea è ammessa come 24a nazione dell'UAR. Il presidente Hussein dichiara il mondo arabo unito nella Dichiarazione dell'unità araba e la confederazione presenta una nuova bandiera e un nuovo emblema. Viene dichiarata una settimana di festa e i numerosi governatorati della nazione festeggiano

Novembre - Nessun partito politico dell'Eritrea e delle Comore si è registrato per le elezioni presidenziali.

Dicembre - Saddam Hussein, lodato per aver finalmente unito il mondo arabo, vince le elezioni presidenziali con l'83% dei voti contro il candidato dell'ASU, il governatore di Gibuti, Hassan Aptidon.

maggio - Il presidente Hussein brucia simbolicamente il Trattato sullo spazio extraatmosferico alla televisione di stato. Annuncia il giorno successivo che l'UAR si è ritirato dal trattato, consentendo loro di rivendicare la sovranità sui corpi celesti.

Febbraio - Il presidente Hussein annuncia che l'UAR non parteciperà alle Olimpiadi invernali del 1998 a causa del conflitto in corso con l'Iran.

Febbraio - Il presidente Hussein è accusato dal partito democratico curdo non registrato di aver ideato il genocidio curdo degli anni '80. Hussein nega questa affermazione e ordina che il Partito Democratico Curdo venga criminalizzato.

Settembre - La guerra arabo-iraniana volge al termine. Il trattato di pace, redatto dalle Nazioni Unite e della durata di 25 anni, elenca i termini della pace come segue:

  • L'UAR si ritirerà dalla provincia del Khuzestan.
  • Nessuna nuova base militare araba deve essere costruita entro 100 km dal confine iraniano.
  • L'UAR non deve testare o costruire bombe nucleari entro 1000 km dal confine iraniano.
  • L'UAR è quello di tagliare il supporto per l'ASMLA.
  • L'Iran non condurrà alcuna ricognizione non autorizzata sul territorio arabo.
  • L'Iran non effettuerà alcuna esercitazione militare entro 100 km dal confine arabo.

Riluttanti, ma desiderosi di porre fine al lungo conflitto, entrambi i paesi hanno accettato i termini.

Giugno - Il vicepresidente Al-Assad muore per un attacco di cuore. Il presidente Hussein annuncia che non si candiderà alla rielezione a causa della scomparsa del suo compagno di corsa.

Luglio - Respinta la candidatura della UAR per la Coppa del Mondo FIFA.

Dicembre - Il governatore yemenita Ali Abdullah Saleh viene eletto presidente dell'UAR contro molti altri candidati, vincendo con il 58% dei voti.

Febbraio - L'agenzia di stampa araba viene fondata dal presidente della UAR Saleh. In origine, Saleh intendeva che l'agenzia di stampa araba fosse semplicemente un portavoce del Congresso generale del popolo, il suo partito. Tuttavia, il canale di notizie si è espanso fino a diventare un servizio di notizie mondiali, disponibile per la visualizzazione in tutto il paese.

Settembre - Terroristi della Repubblica Araba Unita attaccano il World Trade Center e il Pentagono. L'UAR dichiara una settimana di lutto mentre crescono i timori di ritorsioni.

Dicembre - Si tengono le elezioni della nona Assemblea nazionale.

Gennaio - L'ASMLA fa esplodere due bombe ad Ahwaz, in Iran. Sebbene alcuni membri iraniani del Majlis, in particolare il leader del Partito Democratico Mohammed Kavakebian, accusino l'UAR di esserci dietro, l'indagine delle Nazioni Unite non trova alcun collegamento.

Marzo - Il movimento nazionale per la giustizia si registra come partito nazionalista laico in Bahrain.

giugno - La Coppa del Mondo FIFA 2010 si svolge nella UAR. La Spagna vince il torneo.

Agosto - Il Fronte Popolare per il Cambiamento e la Liberazione è registrato come partito nazionalista laico in Siria.

Settembre - Il Conference Party è registrato come partito laico in Egitto.

Dicembre - Si tengono le elezioni dell'undicesima Assemblea nazionale. Il partito Ba'ath vince le elezioni con il 36,23% dei voti.


Cronologia della storia egiziana

circa 8000 aC
Il prosciugamento del Sahara causato da un cambiamento climatico costringe la popolazione a concentrarsi nella valle del Nilo
Gli agricoltori egiziani diventano i primi ad allevare bovini domestici e altro bestiame

circa 6000 aC
Vengono costruite le prime navi semplici a vela singola
Gli strumenti di pietra vengono sostituiti da strumenti di metallo
I mestieri includono la tessitura di cesti e la concia

circa 5000 aC
Si sviluppano due civiltà sostanzialmente simili, una a sud (Alto Egitto) e una a nord (Basso Egitto).

circa 4000 aC
Vengono costruiti i primi grandi edifici in pietra
Si fanno progressi nei campi dell'alchimia, della cosmesi, della musica, della medicina e della ceramica
La costruzione di tombe ipogee contenenti corredi funerari anticipa pratiche successive

circa 3500 aC
Gli egiziani inventano il senet, il gioco da tavolo più antico del mondo

circa 3200 aC
Gli egizi sviluppano ulteriormente il sistema di scrittura geroglifica

circa 3100 aC
L'unione dell'Alto e del Basso Egitto crea un unico stato che si estende dal Mediterraneo a nord ad Assuan a sud

3050 ca – 333 a.C. Egitto faraonico

circa 3050 – 2687 a.C.
Primo periodo dinastico (dinastie I e II) (1 e 2)

circa 3000 aC
Il papiro viene usato per la prima volta per scrivere

circa 2750 aC
Le fortune declinano in seguito alla guerra civile tra i sostenitori rivali degli dei Horus e Set

circa 2687 – 2191 aC
Antico Regno (Dinastie III – VI) (3-6)

circa 2686 a.C.
L'Egitto entra in un'età dell'oro con l'inizio dell'Antico Regno. Questo periodo è anche conosciuto come “l'età dei costruttori di piramidi”.

2668 – 2649 a.C.
Djoser – Piramide a gradoni di Saqqara

circa 2650 aC
Si perfeziona il processo di mummificazione e si costruisce la prima delle piramidi

circa 2600 aC
L'Antico Regno raggiunge il suo apice sotto il dominio della IV dinastia

circa 2589 aC
Khufu, costruttore della Grande Piramide diventa faraone

circa 2400 aC
Gli egiziani sviluppano un calendario astronomico

circa 2190 – 2061 a.C.
Primo Periodo Intermedio (VII – XI Dinastie) (7-11)

circa 2183 a.C.
L'Antico Regno finisce e l'Egitto si rompe di nuovo in parti separate.

ca 2061-1665 a.C.
Medio Regno (XI dinastia – XIV) (11-14)

ca 2046 a.C.
La guerra civile termina quando il faraone dell'Alto Egitto sconfigge il faraone del Basso Egitto e assume il potere con l'inizio di Mentuhotep II e del Medio Regno

circa 2000 aC
I medici egiziani scrivono il primo libro di testo medico al mondo

circa 1800 a.C.
La Nubia settentrionale viene riconquistata e l'Egitto invia eserciti in Palestina

circa 1759 a.C.
Il Medio Regno si conclude con la morte del faraone Sobekneferu

circa 1664 – 1569 a.C.
Secondo Periodo Intermedio (XV – XVII Dinastie) (15-17)

circa 1674 a.C.
Gran parte dell'Egitto è invaso da tribù asiatiche chiamate Hyksos che introdussero in Egitto i carri trainati da cavalli

circa 1569 – 1081 a.C.
Il Nuovo Regno (XVIII-XX Dinastie) (18-20)

circa 1500 aC
La prima lavorazione del vetro al mondo avviene in Egitto

circa 1360 a.C.
L'impero raggiunge l'apice sotto Amenofi III

circa 1300 aC
Lo shaduf viene introdotto per irrigare i campi con l'acqua del Nilo

circa 1160 aC
Studiosi egiziani disegnano le prime mappe conosciute al mondo

circa 1081 – 711 a.C.
Terzo Periodo Intermedio (XXI – XXIII Dinastie) (21-23)

dal 1070 a.C. al 664 a.C. circa
I faraoni decadono e i sacerdoti diventano più potenti nel Terzo Periodo Intermedio

ca 818 a.C.
I faraoni rivali governano nel Basso Egitto, nel Medio Egitto e nell'Alto Egitto

circa 732 a.C.
I Nubiani invadono e sconfiggono gli eserciti combinati di diversi sovrani egiziani nativi

circa 724 – 333 aC
Periodo Tardo (XXIV – XXXI Dinastie) (24-31)

circa 700 aC
L'Egitto è impegnato in una guerra con l'Assiria

671 aC
L'Egitto è invaso dagli Assiri

664 aC
La pace è ristabilita e l'Egitto entra in una nuova era di prosperità conosciuta come il Periodo Tardo

525 aC
L'Egitto è invaso dai Persiani

343 aC
I Persiani sconfiggono l'ultimo faraone egiziano nativo, Nectanebo II

332 a.C. – 337 d.C. Egitto greco-romano

332 aC
Alessandro Magno libera l'Egitto dai Persiani

323 aC
Muore Alessandro Magno e il suo generale Tolomeo I Sotere diventa faraone

circa 300 aC
La Biblioteca Reale di Alessandria fondata durante il regno di Tolomeo II

47 aC
Con il sostegno di Giulio Cesare, Cleopatra VII sale al trono d'Egitto

30 aC
La morte di Cleopatra pone fine al periodo tolemaico e l'Egitto viene conquistato dai romani sotto Ottaviano, diventando una provincia romana

98 dC
Fortezza di Babilonia costruita in quello che oggi è conosciuto come il Cairo copto dall'imperatore romano Traiano

circa 100 dC
Il cristianesimo viene introdotto in Egitto

circa 330 – 346
La chiesa di Pachomus costruita a Faw Qibli

337 – 641 d.C. Egitto bizantino (copto)

circa 356
Monastero di Sant'Antonio fondato vicino al Mar Rosso

395
L'Egitto diventa parte dell'Impero Bizantino (Romano Orientale)

circa 390 – 420
Chiesa sospesa costruita sulla fortezza di Babilonia in quello che oggi è il Cairo copto

27 – 565
Monastero di Santa Caterina costruito per ordine dell'imperatore Giustiniano

616
I Persiani conquistano l'Egitto

639
Gli arabi conquistano l'Egitto. Nel VII secolo l'esercito bizantino fu facilmente sconfitto dalle forze arabe guidate da Amr Ibn el A'as, che conquistò la Babilonia egiziana e fondò Fustat, il primo nucleo urbano del Cairo

642 – 1798 d.C. Egitto islamico

642
Prima moschea mai costruita sulla terra d'Egitto (e forse tutta l'Africa) eretta da Amr Ibn al’As, il comandante dell'esercito musulmano che conquistò l'Egitto

661 – 750 Califfato omayyade

750 – 969 Califfato abbaside

868 – 905 Dinastia Tulunide
Nel IX secolo il governatore iracheno di Samara, Ibn Tulun, fondò il primo stato islamico indipendente d'Egitto

935-969 Dinastia Ikshidi

969-1171 Dinastia Fatimide
A metà del X secolo, il califfo fatimide Al-Muezz prese il potere e fondò la nuova capitale egiziana, Al Qahira, che in seguito divenne Il Cairo

1171-1252 Dinastia Ayyubide
La dinastia fatimide fu abolita nel 1171 dal generale curdo Salah al-Din (Saladino) che difese il suo popolo dai crociati, divenendo un eroe dell'Islam

1252-1517 Dinastia mamelucca

1517-1914 dominio ottomano

1798 d.C. – Egitto moderno

1798 – 1801 Occupazione francese

1805 – 1892 Dinastia di Mohammed Ali Pasha

1811
Mohammed Ali distrugge i governanti mamelucchi alla Cittadella

1835
Il governo di Mohammed Ali fonda la prima stampa indigena nel mondo arabo, la stampa Bulaq.

1849
Muore Mohammed Ali

1869
Canale di Suez completato

1882 – 1952
occupazione britannica

1922 – 1952
Semi indipendenza

1936
Il re Farouk sale al trono

1952 –
Repubblica Araba d'Egitto

1981
Anwar Sadat assassinato

2003
Inaugurata la nuova Bibliotecha Alexandrina

2011
Rivoluzione egiziana

NB: Le date esatte delle dinastie egiziane e dei singoli regni sono oggetto di molti dibattiti accademici. Chiunque utilizzi questo sito Web dovrebbe quindi essere consapevole che le date mostrate per le dinastie e i regni individuali in questo sito possono talvolta differire dalle date utilizzate altrove. Fino al 642 d.C. la cronologia primaria utilizzata qui segue Redford (Oxford Encyclopaedia of Ancient Egypt)


Battaglia del Nilo

La battaglia tra la Marina britannica e quella della Repubblica francese ebbe luogo il 1° agosto 1798.

La battaglia che, più di ogni altra, creò la fama di Horatio Nelson iniziò al tramonto del 1 agosto 1798 su una flotta francese di diciassette navi. Quindici miglia a est di Alessandria e vicino alla foce del Nilo Rosetta, ancorate in linea attraverso la baia di Abukir sulla costa egiziana, erano in una posizione difensiva forte e accuratamente selezionata, vicino alla costa e protetta da banchi e una batteria costiera su un'isola . Nelson li aveva trovati lì dopo settimane di ansiosa ricerca nel Mediterraneo.

A trentanove anni, l'entusiasmo per l'azione, la rapidità di giudizio e l'occhio per le opportunità del contrammiraglio Sir Horatio Nelson erano impareggiabili, così come la sua capacità di ispirare i suoi subordinati. "Ho avuto la felicità di comandare una banda di fratelli", scrisse in seguito a Lord Howe, "pertanto la notte era a mio vantaggio".

Non è stato perso un momento quando la flotta britannica si è avvicinata alla baia di Abukir da nord-ovest verso le 17:30. Il comandante francese pensò che non avrebbero attaccato così tardi, ma il vento soffiava direttamente lungo la linea francese e le quattordici corazzate di Nelson si divisero in due gruppi. Un gruppo ha navigato lungo l'esterno della linea francese, mentre l'altro, guidato dal capitano Hood in Zealous e dal capitano Foley in Goliath, serpeggiava attraverso uno stretto varco tra la prima nave francese e la costa. I francesi furono sorpresi a sonnecchiare e furono attaccati da vicino da entrambi i lati contemporaneamente in una manovra nelsoniana selvaggiamente non ortodossa ed efficace. Il Culloden si incagliò sulle secche, ma le altre tredici navi inglesi caddero sulle prime otto francesi.

Il fuoco iniziò alle 18:28 e alle 7 era così buio che le navi britanniche issarono una fila di lampade bianche al picco di mezzana in modo da potersi distinguere dal nemico. Il Bellerophon al comando del capitano Darby fu disalberato e quasi naufragato da una colossale bordata dell'enorme nave ammiraglia francese L'Orient di 120 cannoni, ma l'attacco continuò e la nave francese prese fuoco poco dopo le nove e esplose alle 10:05, quando ormai le sei altre corazzate francesi si erano arrese. Alla fine solo due navi francesi di linea e due fregate riuscirono a fuggire. Lo stesso Nelson, a Vanguard, fu colpito alla fronte da un frammento di scheggia e temporaneamente accecato da un lembo di pelle che gli cadde sull'unico occhio sano. È stato rapidamente ricucito dal chirurgo e ha ripreso il comando.

Il 15, Nelson inviò sette delle sue navi con sei prede nemiche a Gibilterra e si diresse lui stesso a Napoli (dove doveva incontrare fatalmente Lady Hamilton). La notizia dell'azione fu accolta con gioia in Inghilterra e il vincitore fu elevato alla paria come barone Nelson del Nilo. Il Parlamento gli ha votato una pensione, la City di Londra gli ha donato una spada, la Compagnia delle Indie Orientali gli ha dato 10.000 sterline (equivalenti a circa 5 milioni di sterline oggi) e la Sublime Porta gli ha conferito l'Ordine della Mezzaluna con una superba aigrette o "pennacchio di trionfo". L'esercito di Napoleone in Egitto fu lasciato bloccato, tagliato fuori dalla Francia e alla fine poté solo arrendersi docilmente, e i progetti francesi sull'India furono vanificati.


Caduta di Mubarak

2010 Novembre - Sondaggi parlamentari, seguiti da proteste contro presunti brogli elettorali. I Fratelli Musulmani non riescono a conquistare un solo seggio, sebbene detenessero un quinto dei seggi nell'ultimo parlamento.

2011 Gennaio - Manifestazioni anti-governative, apparentemente incoraggiate dalle proteste di piazza tunisine che hanno provocato l'improvvisa partenza del presidente Ben Ali.

2011 Febbraio - Il presidente Mubarak si dimette e consegna il potere a un consiglio dell'esercito. Ad agosto viene processato con l'accusa di aver ordinato l'uccisione di manifestanti.

2011 Aprile-agosto - Continuano le proteste in piazza Tahrir al Cairo per il lento ritmo del cambiamento politico. I gruppi islamisti vengono alla ribalta. L'esercito finalmente disperde i manifestanti ad agosto.

2011 Novembre - Violenza in piazza Tahrir del Cairo mentre le forze di sicurezza si scontrano con i manifestanti che accusano i militari di cercare di mantenere il controllo sul potere.

2012 Gennaio - I partiti islamisti emergono come vincitori delle lunghe elezioni parlamentari.

2012 Maggio - I leader militari annunciano la fine dello stato di emergenza in vigore dall'assassinio di Anwar al-Sadat nel 1981.


Una cronologia delle epidemie dal 2000 ad oggi

Il primo resoconto del virus del Nilo occidentale negli Stati Uniti è stato a New York nell'estate del 1999. Il virus è stato trasmesso dalle punture di zanzara, concentrandosi in aree con temperature più calde all'aumentare del numero di casi umani, così come il numero di morti di uccelli. Durante un periodo di tre anni, il WNV si è diffuso in 44 stati, per un totale di 4.156 casi e 284 decessi. I sintomi tipici includono febbre alta, torcicollo e mal di testa, sebbene la maggior parte delle persone infette non mostri alcun sintomo a meno che l'infezione non sia grave.

2001 – Antrace

Dopo l'11 settembre, lettere contaminate da polvere bianca contenente spore di antrace sono state consegnate a una società di media e a due uffici di senatori degli Stati Uniti. La polvere ha permesso alle spore di antrace di galleggiare nell'aria per essere respirate. Il primo caso diagnosticato è arrivato nell'ottobre del 2001, ed è salito a un totale di 22 casi e cinque morti. L'FBI ha condotto un'indagine di nove anni su come l'antrace fosse entrato in quelle lettere e ha concluso che la polvere proveniva da un laboratorio di ricerca.

2003 – SARS-CoV

La sindrome respiratoria acuta grave, una malattia respiratoria virale causata da un coronavirus, è stata diagnosticata per la prima volta in Asia nel febbraio del 2003, per poi raggiungere gli Stati Uniti nello stesso anno. I sintomi più comuni includevano febbre alta, tosse e mancanza di respiro. Un totale di 8.098 persone in tutto il mondo si sono ammalate, con solo otto di questi casi negli Stati Uniti e 774 persone sono morte.

2006 – Parotite

Gli Stati Uniti hanno visto focolai di parotite in più stati che hanno riportato più di 6.500 casi nel 2006, concentrandosi principalmente nei campus universitari del Midwest. La parotite si è diffusa attraverso attività a stretto contatto come sport, ballo, baci, ecc. Dal 2009 al 2010, il più grande focolaio ha riportato 3.000 casi in una comunità religiosa affiatata a New York City dopo che uno studente infetto è tornato dal Regno Unito dove c'era un altro focolaio. I sintomi notevoli includono febbre, guance gonfie e mascella gonfia e tenera.

2006 – E. coli e Salmonella

Escherichia coli è stato segnalato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2006 attraverso la contaminazione di spinaci freschi, con 199 casi segnalati e tre decessi in 26 stati. L'anno successivo, Taco Bell è stato collegato a casi di E. coli nell'area nord-orientale degli Stati Uniti La contrazione di E. coli può portare allo sviluppo della sindrome emolitico uremica e potenzialmente all'insufficienza renale, mentre altri sintomi degni di nota sono diarrea grave e malattie respiratorie . Nel 2008, 49 casi in più stati sono stati collegati al consumo di Kroger Beef e nel 2009 il colpevole è stato l'impasto crudo per biscotti. Tuttavia, l'epidemia più famigerata si è verificata nel 2015 in cui sono stati segnalati un totale di 58 casi in 14 stati.

Nel 2006 i pomodori sono stati collegati alla Salmonella per un totale di 183 casi in 21 stati. L'elenco degli alimenti legati alla salmonella variava dal melone, al burro di arachidi, al pollo crudo e persino al cibo per animali domestici. Nel 2012, i casi di Salmonella legati a piccole tartarughe hanno portato a un totale di 473 casi in 43 stati, ma non sono stati segnalati decessi. I focolai più recenti sono stati segnalati dal consumo di una marca specifica di tahini nel 2018. I sintomi più comuni includono diarrea, febbre e crampi addominali.

2009 – Virus H1N1 (influenza suina)

Nell'aprile del 2009, negli Stati Uniti sono stati segnalati 20 casi di influenza suina, che alla fine è diventata un'influenza pandemica che ha raggiunto 208 paesi entro dicembre e ha provocato almeno 12.220 decessi. L'influenza suina veniva trasmessa dai maiali come malattia respiratoria, solitamente attraverso il contatto con gli allevatori o la partecipazione a fiere.

2012 – Pertosse

Conosciuta anche come pertosse, questa malattia respiratoria ha superato i 48.277 casi negli Stati Uniti nel 2012. Gli attacchi di tosse durano fino a 10 settimane o più e possono essere pericolosi per la vita dei bambini. In tutto il mondo, la stima dei casi di pertosse è di 24,1 milioni con circa 160.700 decessi all'anno secondo il National Center for Biotechnology Information.

2012 – MERS-CoV

La sindrome respiratoria mediorientale è stata trovata per la prima volta nella penisola arabica nel 2012 ed è stata anche associata al coronavirus una volta che la malattia è diventata virale. Solo due casi sono stati riscontrati negli Stati Uniti nel 2014, uno in Indiana e un altro in Florida, collegati a operatori sanitari che in precedenza lavoravano in Arabia Saudita. Fino al 2019 sono stati segnalati 2.494 casi, inclusi 858 decessi.

2014 – Ebola

L'ebola è stata trovata in Africa vicino al fiume Ebola nel 1976, ma l'epidemia che ha recentemente attirato l'attenzione del mondo è iniziata in Guinea prima di diffondersi nei paesi vicini, con i casi più alti in Sierra Leone di 14.124 e 3.956 morti. L'ebola ha raggiunto gli Stati Uniti ma ha registrato solo quattro casi e un decesso, e nel 2015 il CDC ha annunciato un vaccino contro la malattia. I focolai più recenti di Ebola si sono verificati nella Repubblica Democratica del Congo nel 2018.

2016 – Zika Virus

Le potenziali vittime più a rischio di questa malattia trasmessa dalle zanzare sono le donne incinte, che se morsi, la loro gravidanza potrebbe portare alla morte del feto, alla nascita prematura o alla perdita del feto. Nel novembre del 2016, 84 paesi hanno riportato casi di virus Zika nelle Americhe, con i primi casi segnalati in Brasile, che si sono poi diffusi in gran numero a New York, Florida e Texas.


Super Jumbo - Cronologia della storia del mondo

Sebbene sia impossibile mostrare tutto ciò che è successo nella storia su un poster, questo poster di dimensioni super jumbo mostra l'ascesa e la caduta dei grandi imperi e nazioni nel corso della storia, dal 3000 aC al 2000 dC.

Dettagli del prodotto

Sfoglia per categoria
  • Libri » Bambini & Giovani adulti » Saggistica » Educazione & Riferimenti » Storia
  • libri
  • Libri » Bambini e giovani adulti
  • Libri » Bambini & Giovani Adulti » Saggistica
  • Libri » Bambini & Giovani adulti » Saggistica » Istruzione e riferimento
  • Libri » Bambini & Giovani adulti » Saggistica » Storia

Utilizziamo servizi di pagamento conformi allo standard PCI DSS al 100%. Ciò significa che le tue informazioni di pagamento sono sempre protette e non vengono mai viste da nessuno.

Restituisci qualsiasi articolo entro 30 giorni dalla consegna. Non importa perché vuoi restituire il tuo articolo, puoi farlo gratuitamente!


Egitto – XII Dinastia

La dodicesima dinastia egizia durò dal 1985-1773 a.C. circa, che è elencata nel poster della cronologia biblica con la storia del mondo in quel periodo. Cominciò con il regno di Amenemhat I alla prima regina egiziana attestata, la regina Sobekneferu. Dopo il caos del Primo Periodo Intermedio, l'Egitto fu unificato sotto l'XI dinastia che governò da Tebe. Mentuhotep II dell'Alto Egitto (2081–1938 a.C.) sconfisse la decima dinastia di Eracleopoli, quindi nel 1968 a.C. aveva riunito l'Egitto e inaugurato l'alba del Medio Regno. L'XI dinastia egizia, a partire da Mentuhotep I a Mentuhotep IV, durò 143 anni. Ciò si concluse con un colpo di stato a cui prese parte il primo faraone della XII dinastia, Amenemhat.

Questi articoli sono scritti dagli editori di L'incredibile cronologia della Bibbia
Guarda rapidamente 6000 anni di Bibbia e di storia mondiale insieme

Formato circolare unico – vedere di più in meno spazio.
Scopri i fatti che non puoi imparare solo leggendo la Bibbia
Design accattivante ideale per casa, ufficio, chiesa …

Salita al potere

Amenemhat I (1985-1956 aC) era un visir del poco conosciuto Mentuhotep IV dell'XI dinastia prima della sua ascesa come faraone. Non era di nascita reale e potrebbe aver usurpato il trono con la violenza. La profezia di Neferty potrebbe essere stata composta per affermare la legittimità del suo governo. Ad Amenemhat è attribuito il trasferimento della capitale da Tebe ad Amenemhat-itj-tawy (Itjtawy) nella regione di Faiyum. Lì il suo governo sarebbe stato più vicino all'Asia, dove spesso avvenivano le incursioni degli asiatici. Avere una nuova capitale significava anche che i funzionari con sede a Itjtawy sarebbero stati dipendenti dal Faraone e non avrebbero avuto le proprie basi di potere.

Il regno di Amenemhat I segnò il ritorno del governo centralizzato, l'aumento della burocrazia, l'aumento della ricchezza mineraria, come evidenziato dalle sepolture reali di quest'epoca e un aumento del tenore di vita per gli egiziani della classe media. Potrebbe anche aver costruito le mura sconosciute del Sovrano come menzionato nella profezia di Neferty, condotto diverse conquiste in Nubia per ottenere oro e iniziato una campagna verso ovest verso la Libia. Il regno di 30 anni di Amenemhat I terminò quando fu assassinato e suo figlio Senusret I, che a quel tempo stava razziando le tribù beduine, si affrettò a tornare a Itjtawy per assumere il trono.

Senusret I successe a suo padre come faraone d'Egitto e regnò per 45 anni (c. 1956-1911 aC). Allargò i confini dell'Egitto fino a Buhen in Nubia e vi costruì un forte. Hanno anche estratto oro, ametista, rame e altre pietre preziose per gioielli e sculture in Nubia. Gli successe il figlio Amenemhat II (c.1911-1877 aC).

Le guerre poi divennero più frequenti tra asiatici ed egiziani. Fu seguito da Senusret II (1877-1870 aC) che espanse il commercio con il Vicino Oriente e si distinse per il suo regno pacifico. Inaugurò il sistema di irrigazione del Faiyum che collegava il Nilo con la regione del Faiyum.

Rinascimento egiziano

Senusret III (C.1870-1831 a.C.) potrebbe essere stato il leggendario "Sesostris" menzionato dallo storico egiziano Manetone e da Erodoto. Fece ripetute campagne in Nubia durante il suo regno, e molte di queste furono violente. Fece anche, almeno, un'incursione in Palestina. Suo figlio, Amenemhat III (c. 1831-1786 aC), ebbe un regno lungo e pacifico. Segnò anche un picco culturale e politico durante la XII dinastia. Ad Amenemhat III fu attribuita la costruzione di forti, santuari e templi. Ha anche rafforzato i confini dell'Egitto e ha condotto estese attività minerarie. Gli ultimi anni del suo regno, tuttavia, furono contrassegnati da basse inondazioni del Nilo e gran parte delle attività edilizie prosciugarono l'economia. La combinazione di questi fattori ha contribuito al declino economico e politico dell'Egitto in quel momento.

Declino e fine della XII dinastia

Poco si sa del regno di Amenemhat IV (1786-1777 a.C.) tranne che vi giunse in età avanzata e mantenne il trono per soli nove anni.Fu seguito dalla regina Sobekkara Sobekneferu (1777-1773 a.C.) che fu la prima donna faraone attestata e fu anche moglie e sorellastra di Amenemhat IV. Il suo regno durò solo quattro anni e la sua morte senza eredi segnò la fine della XII dinastia egizia, così come il Medio Regno d'Egitto. Il dominio delle dinastie in competizione e l'ingresso degli Hyksos dall'Asia segnarono l'inizio del Secondo Periodo Intermedio.


Battaglia del Nilo, 1 agosto 1798

La battaglia del Nilo fu la prima delle tre grandi vittorie navali di Nelson (con Copenaghen e Trafalgar). Fu il più vicino a cui Napoleone e Nelson giunsero a uno scontro diretto, e aiutò a sventare i grandi piani di Napoleone a est. È stata una delle vittorie più complete nella storia della marina e ha stabilito la fama di Nelson in tutta Europa.

I francesi speravano che la loro spedizione in Egitto servisse a diversi scopi. Il loro primo obiettivo era quello di conquistare l'Egitto come colonia, ripristinare la sua prosperità dopo due decenni di rovinoso malgoverno e ottenere la sua famosa ricchezza. Il secondo obiettivo era minacciare gli inglesi in India, fonte di gran parte della ricchezza britannica. Napoleone doveva ottenere il controllo del Mar Rosso e inviare aiuti al principale nemico della Gran Bretagna in India, Tipu, sultano di Mysore. Alla fine, la spedizione ebbe il vantaggio di allontanare il giovane, di successo e popolare Napoleone da Parigi, dove era visto come una potenziale minaccia per il governo.

I francesi si aspettavano che la popolazione egiziana, che soffriva sotto i mamelucchi, li accogliesse come liberatori. Gli ultimi due decenni del dominio mamelucco erano stati disastrosi e, dopo che i francesi furono definitivamente espulsi, i mamelucchi non furono in grado di ristabilire il loro dominio. Il piano francese si basava molto sul mantenimento della neutralità degli ottomani, contando sulla loro ostilità nei confronti dei mamelucchi (dimostrata in un'invasione fallita nel 1786) che superava la loro rabbia per l'invasione francese di quella che era ancora ufficialmente una provincia ottomana.

Vele Napoleone

La spedizione francese era numerosa, anche se forse non abbastanza grande da tentare da sola l'occupazione permanente dell'Egitto. Il piano originale prevedeva l'invio di rinforzi, supponendo che la Francia avrebbe mantenuto la sua libertà di agire nel Mediterraneo. La spedizione di Napoleone comprendeva 30.000 fanti, 2.800 cavalieri, 60 cannoni da campo, 40 cannoni da assedio e due compagnie di genieri e minatori (è interessante notare che due navi qualsiasi delle flotte francesi o britanniche hanno superato questo esercito). Per trasportare un esercito di queste dimensioni in Egitto era necessaria una flotta enorme. Quasi 300 navi da trasporto erano accompagnate da 13 navi di linea e sette fregate.

Un aspetto famoso e insolito della spedizione è che è stata accompagnata da un gruppo di 167 sapienti, che avrebbero costituito il nucleo di una nuova accademia in Egitto. Il lavoro svolto da questa spedizione accademica ha probabilmente avuto l'impatto più a lungo termine, almeno in Europa. Tra le realizzazioni dei suoi membri vi fu la scoperta della Stele di Rosetta, da cui seguì la decifrazione dei geroglifici e la riscoperta della storia dell'antico Egitto.

La spedizione egiziana fu preparata a grande velocità e in impressionante segretezza. Fu proposto all'inizio del 1798, approvato il 12 aprile e partito da Tolone il 20 maggio dopo solo dieci settimane di preparazione. Il livello di segretezza era ugualmente impressionante. La notizia della loro vera destinazione è arrivata in Gran Bretagna con i giornali francesi solo il 12 luglio. Anche Nelson, in crociera nel Mediterraneo, impiegò mesi per raggiungere la flotta francese.

Napoleone salpò da Tolone il 20 maggio. La spedizione francese utilizzò diversi porti oltre a Tolone, tra cui Marsiglia, Genova, Civitavecchia e i porti della Corsica, rendendo ancora più impressionante il livello di segretezza. I soldati stessi non furono informati della loro destinazione finché non furono in mare.

Il primo successo della spedizione è arrivato a Malta. La flotta raggiunse l'isola il 9 giugno. Tre giorni dopo, Napoleone aveva il controllo. I Cavalieri di San Giovanni furono sciolti, il loro tesoro saccheggiato e l'isola completamente riformata, prima che la flotta salpasse lasciando una guarnigione francese che avrebbe tenuto Malta per i successivi due anni.

La tappa successiva del viaggio ha visto un incontro ravvicinato con la flotta di Nelson. Nella notte tra il 22 e il 23 giugno, gli ufficiali francesi hanno sentito i segnali dei cannoni della flotta britannica. Napoleone si rifiutò di credere che una flotta britannica significativa potesse essere nel Mediterraneo, non fu dato alcun allarme e le flotte passarono nella notte. Infine, la mattina del 1 luglio, subito dopo che Nelson aveva navigato frustrato verso nord, la flotta francese raggiunse la costa egiziana.

I viaggi di Nelson

Sebbene la destinazione della spedizione francese fosse tenuta segreta, la sua esistenza non lo era. Tre mesi di attività febbrili in una serie di porti del Mediterraneo non potevano che farsi notare in giro per l'Europa. L'opinione pubblica britannica pensava che la spedizione si sarebbe diretta a Napoli o in Sicilia. La situazione non fu aiutata dall'assenza della Royal Navy dal Mediterraneo, abbandonata alla fine del 1796 quando la Gran Bretagna si trovò quasi sola contro la Francia.

Di fronte alla certezza di una grande operazione francese, il governo britannico decise di rientrare nel Mediterraneo. Lord St. Vincent, comandando la flotta che bloccava Cadice, ricevette l'ordine di entrare nel Mediterraneo di persona o di inviare un forte distaccamento sotto un comandante adatto. L'arrivo di questo ordine ha coinciso con l'arrivo di Nelson.

A quel tempo, Nelson era un ammiraglio molto giovane, essendo stato promosso dopo la battaglia di Cape St. Vincent (14 febbraio 1797). La sua prima grande spedizione come ammiraglio fu un attacco a Santa Cruz alle Canarie, dove si sapeva che una nave del tesoro spagnola era ormeggiata. L'attacco era andato terribilmente male. Tra i feriti c'era lo stesso Nelson, che ha perso il braccio.

All'indomani dell'infortunio, Nelson era convinto che la sua carriera navale fosse finita, immaginando che ci sarebbe stato poco bisogno di un "ammiraglio armato", ma una volta ripresosi iniziò ad agitarsi per un comando, e l'Ammiragliato, consapevole di le sue doti, gli trovò subito una nave e lo mandò a raggiungere St. Vincent. Per una volta l'arrivo di Nelson non è stato accolto universalmente. Lord St. Vincent ricevette ordini che suggerivano che se non fosse stato incline a comandare la spedizione nel Mediterraneo, allora Nelson sarebbe stato l'ideale per il posto. La maggior parte degli altri ammiragli presenti con la flotta erano superiori a Nelson, e alcuni di loro non la presero bene. Sir John Orde era così seccato che dovette essere mandato a casa!

Nel maggio 1798 Nelson fu rispedito nel Mediterraneo con una forza di tre navi di linea. Ci si aspettava rinforzi dalla Gran Bretagna e St. Vincent promise di portare Nelson in forze non appena fossero arrivati, ma per il momento il meglio che Nelson poteva fare era guardare i francesi. La spedizione è iniziata male. Il 20 maggio la sua ammiraglia, HMS Avanguardia fu disalberato in una tempesta e quasi si arenò. La determinazione di Nelson ha giocato un ruolo cruciale nel salvare la nave, ma i capitani delle sue fregate erano convinti che Nelson sarebbe stato costretto a tornare a Gibilterra per fare le riparazioni, quindi tornarono lì da soli, lasciando Nelson senza fregate per la maggior parte del suo inseguimento.

La perdita delle sue fregate indebolì gravemente la flotta di Nelson. Le fregate erano gli occhi della flotta, in grado di superare le principali navi della linea, aumentando l'area di visibilità e le fregate potevano navigare ai limiti della visibilità della flotta principale, più che raddoppiando la quantità di mare visibile a qualsiasi volta. Senza di loro, Nelson poteva vedere solo fino alla visuale dall'albero più alto della flotta. Senza alcuna idea della destinazione francese, Nelson sperava effettivamente di imbattersi nella loro flotta durante i suoi viaggi. Se si considera quanto fosse duro il suo lavoro, forse è lodevole che ci si sia avvicinato tanto quanto ha fatto.

All'inizio la sua rotta era ovvia, ed era la stessa di Napoleone, includendo l'Elba il 12 giugno e Civitavecchia, uno dei porti utilizzati dai francesi, il 13 e il 14 giugno. Il 17 giugno si trovava a Napoli, dove l'ambasciatore britannico, Sir William Hamilton, era dell'opinione che i francesi dovessero essere diretti a Malta. Non c'erano notizie di alcun attacco a Napoli o alla Sicilia, e Nelson ora trasse la conclusione che i francesi dovevano essere diretti ad Alessandria. Ha anche immaginato che l'India fosse il loro obiettivo finale.

Altre notizie giunsero il 22 giugno, quando la flotta si trovava al largo di Capo Passaro, nell'angolo sud-orientale della Sicilia. La notizia era della cattura di Malta, a sud della Sicilia. Questa notizia non rispondeva alla domanda sulla destinazione finale di Napoleone. Da Malta poteva tornare a nord in Sicilia, o dirigersi a est in Egitto. Nelson era ancora convinto che i francesi si stessero dirigendo a est e i suoi capitani erano d'accordo. Erano dell'opinione che se i francesi fossero tornati a nord in Sicilia, allora avrebbero visto alcune prove ormai.

Le due flotte si stavano dirigendo entrambe verso l'Egitto. Napoleone aveva preso una rotta leggermente più settentrionale, costeggiando la costa di Creta, mentre Nelson si diresse dritto ad Alessandria. Il risultato è che la flotta di Nelson ha superato quella francese.

Le due flotte sembrano essersi avvicinate l'una all'altra nella notte tra il 22 e il 23 giugno, quando la flotta più veloce di Nelson ha superato i più lenti trasporti francesi. Il 29 giugno Nelson raggiunse Alessandria, dove non trovò notizie dei francesi. La sua preoccupazione ora era che i francesi si fossero effettivamente diretti da qualche parte più a ovest oa nord, dove ora erano liberi di agire senza l'interferenza britannica. Di conseguenza, salpò, sperando di trovare i francesi ovunque fossero effettivamente andati. Aveva mancato Napoleone di un giorno, ma ci sarebbe voluto più di un mese prima che tornasse ad Alessandria e trovasse finalmente la flotta francese.

Lo stress dell'inseguimento stava chiaramente pesando su Nelson a questo punto. Da Alessandria scrisse una lettera a San Vincenzo difendendo le sue azioni, nonostante il fatto che San Vincenzo non avesse modo di sapere cosa stesse facendo Nelson o dove fosse stato. Nel frattempo, la flotta di Nelson ha perlustrato il Mediterraneo orientale, navigando lungo la costa meridionale di Creta e tornando a Siracusa (19 luglio). A questo punto, Napoleone si stava già avvicinando al Cairo.

A Siracusa divenne chiaro che i francesi erano davvero da qualche parte a est. Nelson ripartì verso est, dirigendosi verso la Grecia. Finalmente, il 29 luglio, Nelson ricevette finalmente notizie attendibili dai francesi e poté navigare per la seconda volta verso Alessandria. Forse ironia della sorte, questa notizia è arrivata da un trasporto di vino francese catturato!

Questa volta non è rimasto deluso. Il 1° agosto la flotta britannica raggiunse Alessandria, dove trovarono i trasporti francesi. Trovarono anche notizie delle navi da guerra francesi, probabilmente quando le loro vele furono avvistate dalla testa d'albero di una delle navi da guerra di Nelson. La loro posizione e il loro numero sono stati confermati da segnali provenienti da navi private ad Alessandria.

Le flotte

Le due flotte presenti alla battaglia del Nilo erano più o meno uguali in forza. Gli inglesi avevano più navi di linea, ma i francesi avevano navi più grandi con più cannoni e stavano combattendo da quella che avrebbe dovuto essere una posizione preparata, supportata da forti batterie di cannoni a terra.

Il cuore della flotta di Nelson erano i suoi 74. Il settantaquattro cannoni della linea era ampiamente considerato il progetto di nave da guerra più efficace durante questo periodo. Hanno combinato una potenza di fuoco sufficiente per prendere posizione sulla linea di battaglia con una capacità di navigazione superiore.

Nelson era entrato nel Mediterraneo con tre 74. Troubridge lo raggiunse con nove 74 e il relativamente piccolo Leandro, a cinquanta cannoni considerati troppo piccoli per la linea di battaglia, anche se si unì al Nilo (dando a Nelson un totale di 938 cannoni).

Anche la flotta francese era forte in 74s, con nove. Il resto della sua flotta era più grande e tre navi da 80 cannoni e l'enorme L'Oriente con 120 cannoni (per un totale di 1026 cannoni). I francesi avevano anche quattro fregate, che Brueys non riuscì ad usare correttamente).

Il numero totale di cannoni in ogni flotta non racconta l'intera storia. Diverse navi francesi hanno giocato poco o nessun ruolo nella battaglia, eliminando ben oltre 200 cannoni dal loro totale. Tuttavia, poiché gli inglesi avvolgevano la linea francese, quelle navi coinvolte potevano sparare con tutti i loro cannoni, mentre le navi britanniche potevano usare solo metà dei loro cannoni. Nella stessa battaglia, 470 cannoni britannici affrontarono 800 cannoni francesi.

Quei cannoni francesi avrebbero dovuto essere quasi impossibili da sconfiggere. Abukir Bay era una posizione forte. Secche mal tracciate proteggevano i fianchi francesi. L'ammiraglio Brueys avrebbe potuto costruire potenti batterie di cannoni a terra per proteggere la sua flotta, una strategia che in passato aveva protetto le flotte britanniche da forti attacchi. Le sue navi avrebbero dovuto essere ormeggiate vicine, permettendo loro di sostenersi a vicenda, e incatenate insieme, impedendo a qualsiasi nemico di attraversare la linea. La nave più vicina alla linea avrebbe dovuto essere ancorata il più vicino possibile alle secche, impedendo a chiunque di navigare intorno alla testa della linea francese.

Invece, Brueys ha trascurato le sue difese terrestri. Sebbene avesse piazzato una batteria di cannoni sull'isola di Nelson, era minuscola - quattro cannoni e un solo mortaio - assolutamente inutili contro una flotta di navi di linea. Le navi francesi erano ancorate troppo distanti per sostenersi a vicenda. La maggior parte delle navi francesi erano ancorate su un'unica fune, lasciandole dondolare all'ancora. Avrebbero dovuto usare una "molla", una seconda corda che avrebbe permesso loro di controllare la loro posizione mentre erano ancorati, permettendo loro di dirigere il fuoco sulle navi britanniche in arrivo. L'ammiraglio Villeneuve in seguito affermò di averlo fatto sulla sua stessa nave, ma se così fosse stata la sua unica azione lodevole durante la battaglia - in effetti, era proprio la sua unica azione!

La battaglia

Durante la lunga ricerca, Nelson ei suoi capitani avevano discusso di ogni possibile schieramento francese e Nelson aveva esposto i suoi piani per affrontare ciascuno di loro. Ciò che Nelson differiva da tanti ammiragli del periodo era che non sempre desiderava assumere il controllo dettagliato delle azioni di ciascuna delle sue navi una volta iniziata la battaglia. Voleva che i suoi capitani fossero disposti ad agire come aveva fatto a Cape St. Vincent per sfruttare ogni opportunità che avessero individuato. Questo non significa che non ci fosse un piano. Il capitano Edward Berry, capitano di bandiera di Nelson in battaglia, scrisse un opuscolo che descriveva l'intera campagna, in cui affermava che i capitani di Nelson sapevano cosa fare se si fossero imbattuti nella flotta francese all'ancora per due mesi prima della battaglia!

Il risultato di questo atteggiamento può essere visto al Nilo. Trovando i francesi all'ancora nella baia di Abukir, i capitani di Nelson sapevano che avrebbero dovuto attaccare il furgone (anteriore) e il centro della flotta francese nel tentativo di distruggere quella parte della flotta prima che la retroguardia francese potesse intervenire.

Ad Alessandria, Nelson ordinò alle sue navi di proseguire verso est fino ad Abukir alla loro massima velocità. Questo era l'opposto del normale approccio alla battaglia, dove ogni flotta avrebbe stabilito un ordine fisso di battaglia, deciso in anticipo. Ciò permise alla flotta britannica di entrare in combattimento mentre era ancora buio, anche se significava che le navi più lente entrarono immediatamente in battaglia. Fortunatamente, poiché la flotta di Nelson era incentrata su un gruppo di buoni 74, la velocità di navigazione della maggior parte della flotta doveva essere abbastanza simile.

La prima vista che i francesi ebbero della flotta di Nelson fu mentre giravano intorno a quella che oggi è conosciuta come Nelson Island (o Aboukir Island) oltre Abukir Point all'estremità occidentale della baia. L'ammiraglio Brueys aveva respinto la possibilità di un attacco britannico dopo un breve incontro con un piccolo gruppo di fregate britanniche all'inizio del suo viaggio, e aveva quindi trascurato di usare le proprie fregate per tenere la guardia. Quando le navi britanniche apparvero per la prima volta, verso le due del pomeriggio, non erano in formazione riconoscibile. Due navi & ndash the Alessandro e il Swiftsure furono staccati dalla flotta, per compiti di ricognizione, e impiegarono un'ora in più per entrare in battaglia rispetto al resto della flotta, mentre il capitano Troubridge, il terzo in comando, seguiva la flotta con la sua nave da vino francese catturata al seguito. Il resto della flotta era disteso nell'ordine di navigazione.

Dalla loro posizione alle due, gli inglesi avrebbero impiegato diverse ore per raggiungere la posizione francese. L'oscurità sarebbe scesa intorno alle sette, lasciando gli inglesi con al massimo un'ora di luce del giorno. Nessun comandante francese avrebbe attaccato in tali circostanze. La loro reazione sarebbe stata quella di schierarsi per la battaglia la mattina seguente. Da qualche tempo Brueys sembra essere convinto che nemmeno Nelson avrebbe attaccato, e così ha preso un'azione straordinariamente piccola per rafforzare la sua posizione nelle quattro ore che sono trascorse prima che i primi colpi fossero sparati con rabbia. Alla fine, i francesi hanno semplicemente aspettato di essere attaccati.

La nave britannica principale era la HMS Golia, comandato dal capitano Foley. Vide quanto distanti e quanto fossero lontani dalla riva i francesi, e si rese conto che poteva navigare tra la linea francese e la costa, &lsquoraddoppiando&rsquo la linea francese (intrappolandoli tra due linee di navi britanniche). Questa è stata una mossa controversa all'epoca e da allora è stata dibattuta. Ci sono due principali aree di opposizione a questa mossa. La prima era che una qualsiasi nave britannica era più dell'uguale di qualsiasi nave francese, e quindi raddoppiare era uno spreco. La seconda obiezione era che le navi britanniche si sarebbero inevitabilmente sparate l'una contro l'altra causando perdite inutili.

C'è anche qualche dubbio sulle classifiche di Foley. A quel tempo, ci si aspettava che i capitani delle navi fornissero le proprie carte nautiche. Foley probabilmente aveva una copia di una classifica francese di quarant'anni fa &ndash Bellini&rsquos Petit Atlas Maritime &ndash che gli ha fornito dettagli sulla costa egiziana un po' più accurati di quelli che possedevano i suoi colleghi.

Qualunque carta avesse Foley, l'audace approccio britannico convinse i francesi che dovevano avere a bordo esperti piloti locali per aggirare le secche. Mentre alcune fonti suggeriscono che una nave locale potrebbe essere stata incontrata più avanti lungo la linea britannica, Foley agiva interamente con le proprie risorse.

All'epoca, i colleghi di Foley avevano meno dubbi. Altre quattro navi britanniche seguirono Foley all'interno della linea francese. Quelle cinque navi hanno subito perdite inferiori rispetto ai loro colleghi sul lato mare della flotta francese. Sembrerebbe che, nonostante avessero avuto quattro ore per prepararsi, i cannoni sul lato verso terra delle navi francesi non fossero stati preparati per l'azione. Le prime bordate britanniche rimasero quindi senza risposta, consentendo loro di infliggere gravi danni alle navi francesi, riducendo la capacità delle navi francesi di reagire quando finalmente entrarono in azione i cannoni verso terra.

Il Golia tentò di ancorare di fronte alla prima nave della linea francese, la Guerrier, ma finì contro il secondo in fila, Le Conquerant. Alla fine, cinque delle prime sei navi francesi furono contrastate da navi dalla loro parte verso terra. Nelson Avanguardia, ormai la sesta nave della linea, fu la prima nave ad attaccare dal lato del mare. Ha attaccato la terza nave francese, la spartito. Il resto della flotta prese posizione più in basso lungo la linea. Alla fine, tutte tranne le ultime tre navi francesi furono impegnate in una certa misura.

Il furgone francese era ora in una situazione terribile. Molti di loro stavano affrontando avversari ancorati al loro arco di fuoco e riuscivano a malapena a rispondere. Quando la luce iniziò a svanire intorno alle sette, dieci delle navi francesi furono impegnate con dieci degli inglesi. HMS Culloden si era arenata durante l'avvicinamento. Il Leandro, a 50 cannoni troppo piccoli per prendere posto nella maggior parte delle linee di battaglia, si fermò per cercare di aiutarla. Il Swiftsure e il Alessandro si trascinavano dietro la flotta, essendo stati distaccati in missione di ricognizione. Le tre navi al fronte della linea francese, comandate dall'ammiraglio Villeneuve, non presero parte attiva alla battaglia (Napoleone in seguito incolpò Villeneuve dell'intera sconfitta).

Alle otto, le prime cinque navi francesi erano fuori uso. Il Swiftsure, Alessandro e Leandro ora si è unito alla battaglia, concentrandosi sull'ammiraglia francese L'Oriente. Aveva già combattuto fuori il Bellerofonte, anche se non senza subire gravi danni. L'ammiraglio Breuys comandava la sua nave piuttosto meglio della sua flotta, continuando a dirigere i combattimenti anche dopo aver perso entrambe le gambe. Alla fine fu ucciso da un colpo diretto di una palla di cannone. Sfortunatamente, la nave non era stata adeguatamente autorizzata per la battaglia. Un po' di olio, usato per dipingere la nave, era stato lasciato in una posizione vulnerabile e presto aveva preso fuoco. Mentre il fuoco si diffondeva, il capitano della Swiftsure notò le fiamme e ordinò di concentrare il fuoco sulle fiamme.

Quando l'incendio si diffuse, divenne evidente che la nave era condannata. Molti marinai abbandonarono la nave e furono salvati dagli inglesi. Infine, verso le dieci, le fiamme raggiunsero il caricatore della nave, e L'Oriente esploso. L'esplosione si è potuta sentire al Cairo ed è stata generalmente accettata come il rumore più forte mai sentito dai presenti. Detriti in fiamme hanno inondato ogni nave nelle vicinanze. L'esplosione è stata così sorprendente che i combattimenti si sono fermati per dieci minuti!

La perdita di L'Oriente segnò la fine dell'effettiva resistenza francese. Alcune delle navi rimanenti continuarono a combattere per un'altra ora. L'ammiraglio Blanquet Le Franklin si arrese alle undici e mezza, ora in cui solo tre cannoni erano ancora in azione. Tuttavia, la perdita di L'Oriente ebbe un impatto specifico sul resto del periodo di Napoleone in Egitto. La maggior parte del suo denaro, insieme al tesoro sottratto a Malta, era ancora a bordo dell'ammiraglia. Napoleone avrebbe dovuto cavarsela senza i suoi soldi.

All'alba del mattino successivo, l'entità della vittoria britannica divenne evidente. Le prime sei navi francesi erano state tutte catturate. L'Oriente è stato affondato. Tre dei restanti sei si erano arenati cercando di evitare l'esplosione (incluso Le Mercure, secondo dal fronte della flotta francese, e relativamente lontano dai combattimenti!). Le restanti tre navi francesi, sotto l'ammiraglio Villeneuve, erano ancora relativamente intatte. La maggior parte delle navi britanniche furono gravemente danneggiate e se Villeneuve avesse scelto di rischiare un attacco, avrebbe potuto causare un po' di confusione (anche se sembrerebbe più probabile che avrebbe semplicemente gettato via le sue navi). Nel caso, non ha fatto tale tentativo. Invece, ha segnalato la ritirata. Anche questo è stato bocciato. Le Timoleon, che forse aveva subito più danni delle restanti due navi, si rivelò incapace di farlo e si arenò. Alla fine, Villeneuve riuscì a fuggire con due navi di linea &ndash Le Guillaume Tell e Le Genereux.

La battaglia del Nilo fu una delle vittorie navali più complete mai viste. Una flotta francese di tredici navi di linea e quattro fregate era stata ridotta a due navi di linea e due fregate. Nessuna nave britannica era stata persa. Nelson stimò che i francesi avevano perso 9.000 uomini uccisi o catturati, sebbene le cifre delle vittime in una flotta sconfitta fossero sempre difficili da calcolare durante questo periodo. Gli inglesi avevano perso 218 morti e 677 feriti, meno di un decimo delle perdite francesi.

Conseguenze

I risultati della battaglia del Nilo sembrano alquanto deludenti se paragonati all'entità della vittoria. La campagna egiziana di Napoleone continuò. Nelson passò al suo periodo di minor successo, attaccato alla corte di Napoli. La Seconda Coalizione, creata nel corso dell'anno successivo, ottenne poco e iniziò a disfarsi proprio mentre Nelson stava tornando a casa nel 1800.

Il primo dovere di Nelson dopo la battaglia fu di inviare rapporti alle principali parti interessate. Il Leandro fu inviato per portare la notizia a Lord St. Vincent, e poi in Gran Bretagna. Al capitano Berry fu dato l'onore di portare la notizia, ma questo fallì quando il Leandro è stato catturato da Le Genereux, uno dei due fuggitivi francesi! Nelson era ben consapevole dei pericoli che correva una nave solitaria nel Mediterraneo e non appena le sue fregate raggiunsero Alessandria inviò una seconda nave con la notizia, questa volta direttamente all'Ammiragliato, mentre il brigantino ammutinamento fu mandata a Napoli, e le sue notizie arrivarono. Allo stesso tempo, il capitano Hardy è stato spostato dal ammutinamento per agire come capitano di bandiera di Nelson. Infine, un tenente Duval che serve sotto il Capitano Hood nel Zelante fu inviato via terra in India, attraverso il Golfo Persico, dove la notizia fu accolta con grande sollievo.

La flotta fu quindi divisa. Saumarez ricevette l'onore di scortare le navi francesi catturate a Gibilterra, insieme a una scorta di sette navi di linea. Nelson ora sentiva che il Avanguardia aveva bisogno del tipo di riparazioni che richiedevano un porto (aveva subito gravi danni in una tempesta all'inizio della campagna, oltre a danni di battaglia), e decise di combinare questo con un tentativo di ottenere il sostegno attivo della corte di Napoli.

Il capitano Hood fu lasciato a capo del blocco dell'Egitto. La battaglia del Nilo ha alterato la natura della spedizione francese. Ha incoraggiato la resistenza in Egitto. Durante la battaglia, i beduini e i mamelucchi locali avevano allineato la baia di Aboukir, facendo il tifo per gli inglesi. Dopo la battaglia i loro festeggiamenti erano durati tre notti, illuminati da falò alimentati dai relitti delle navi francesi. La perdita della sua flotta isolò Napoleone. Non poteva più aspettarsi rinforzi. La maggior parte dei suoi soldi è stata persa con L'Oriente. I francesi avevano sperato di finanziare la loro spedizione con le entrate fiscali egiziane, che caddero a causa del blocco britannico. Napoleone fu costretto ad abbandonare la sua campagna contro i Mamelucchi nell'Alto Egitto. Infine, la vittoria incoraggiò l'Impero ottomano a dichiarare guerra ai francesi. Il meglio che Napoleone potesse realisticamente sperare in questo momento era che la sua spedizione sopravvivesse in Egitto. Una lettera scritta dal pagatore dell'esercito, M. Poussielgue, e catturata dagli inglesi mentre attraversava il Mediterraneo catturò parte dell'umore tra le forze francesi in Egitto, descrivendo la battaglia come &lsquoquesto fatale scontro&rsquo (clicca qui per leggere l'intera lettera).

Nelson ebbe subito successo a Napoli. La notizia della vittoria è stata accolta con stravagante gioia e l'arrivo di Nelson è stato accolto da una flottiglia di oltre cento barche, con passeggeri tra cui Lord e Lady Hamilton, e il re stesso. I festeggiamenti sono andati avanti per giorni. La regina di Napoli era la sorella di Maria Antonietta, la regina di Francia giustiziata. Gli elogi che ricevette a Napoli furono ampiamente considerati aver sopraffatto Nelson, che rimase attaccato alla corte napoletana per i successivi due anni. Questo periodo vide anche l'inizio della sua famigerata relazione con Lady Emma Hamilton.

Già prima della battaglia, Napoli si stava allontanando dalla neutralità, firmando un'alleanza con l'Austria. Ora Nelson riuscì a persuadere il re a tentare la liberazione di Roma. La spedizione andò gravemente storta, terminando con la perdita di Napoli e la corte costretta all'esilio in Sicilia!

Si ritiene che la battaglia del Nilo abbia avuto un ruolo nell'incoraggiare la formazione della Seconda Coalizione. Questa coalizione non ha avuto successo. Dopo il suo ritorno in Francia, Napoleone prese presto il potere e condusse i suoi eserciti ad altre vittorie contro l'Austria. Alla fine del 1802 la guerra si stava esaurendo e nel 1803 la pace di Amiens portò a una temporanea fine dei combattimenti. Il fallimento della Seconda Coalizione non dovrebbe sminuire la portata della vittoria di Nelson. La battaglia del Nilo fu la vittoria più schiacciante delle guerre napoleoniche in mare, forse dell'intera guerra. Stabilì la reputazione di Nelson e fornì a Napoleone la sua prima vera sconfitta.

L'ultima delle navi

Le due navi francesi sopravvissute rimasero in libertà per due anni, prima di cadere sotto gli inglesi all'inizio del 1800. Nelson avrebbe avuto un ruolo di primo piano nella cattura di una e avrebbe avuto un ruolo più distante nella seconda. Per la maggior parte del tempo, Nelson era stato impantanato nella politica del Regno di Napoli, oltre a sviluppare la sua famosa relazione con Lady Emma Hamilton. Il suo comandante in capo, Lord Keith, finalmente si stancò dell'inattività di Nelson e lo convocò ad un incontro a Livorno il 20 gennaio 1800. Da lì i due ammiragli tornarono a Napoli, prima di salpare verso Malta, dove la guarnigione francese era stata assediata per diciotto mesi.

Allo stesso tempo, i francesi avevano finalmente deciso di fare un tentativo per rifornire i difensori di Malta. Un piccolo squadrone è stato messo insieme sotto l'ammiraglio Perréé, con Le Genereux come il suo fiore all'occhiello. Questa flotta era vicina a Malta quando, il 18 febbraio 1800, si scontrò con la piccola forza di Nelson. La sua nave, la Foudroyant, ha iniziato l'inseguimento al secondo posto dietro HMS Northumberland, ma Nelson era determinato a sparare i primi colpi, ed è riuscito a revisionarla. Davanti all'inseguimento è stata avvistata una strana vela, che si è rivelata essere la fregata britannica da 32 cannoni HMS Successo. Nelle battaglie tra flotte, le fregate normalmente non attaccavano le navi di linea, ma negli scontri più piccoli questo non era il caso, e Nelson ordinò al Successo per attaccare la nave francese molto più grande.

A volte viene suggerito che il Successo correva il vero pericolo di essere affondato rapidamente da Le Genereux. Non c'è dubbio che fosse esposta al rischio di gravi danni, ma una fregata da 32 cannoni non era molto più piccola di una nave da 60 cannoni di linea. La maggior parte della differenza nel numero di cannoni era dovuta al fatto che il ponte inferiore di una fregata non conteneva cannoni, il che la rendeva più adatta alla navigazione rispetto alle navi di linea di dimensioni simili. Le Genereux era una nave di linea da 80 cannoni, ma meno manovrabile della fregata. Il Successo sparò con la sua bordata di dritta, e fu quindi in grado di girarsi e sparare con i suoi cannoni di babordo prima che i francesi fossero in grado di rispondere, quindi nel caso in cui 64 cannoni affrontassero 80 per una singola bordata, prima che Nelson ordinasse il Successo fuori dalla battaglia.

Il rischio preso dal Successo pagato. Le Genereux è stato rallentato dall'incontro, e un colpo di prova dal Foudroyant dimostrato che ora era nel raggio d'azione. Seguì un breve scontro a fuoco, ma una volta che Northumberland si unì, la nave francese si arrese. Nelson fu felice e capì che era già stato coinvolto nella cattura di diciannove navi di linea e quattro ammiragli! Fu questo incidente che ispirò uno dei capitani di Nelson (Alexander Ball) a riferirsi a lui come ad un "ammiraglio nato in paradiso", sulla base del fatto che durante la sua prima visita a Malta aveva incontrato il primo tentativo francese di rifornire la loro guarnigione per diciotto mesi.

Tuttavia, la sua gioia per la cattura di Le Genereux non bastava a trascinarlo lontano dalle delizie napoletane. L'ultimo francese sopravvissuto al Nilo, Le Guillaume Tell, è stato intrappolato nel porto di La Valletta, ed è stato ampiamente previsto di fuggire. Lord Keith ordinò a Nelson di assumere il comando personale dell'assedio, ma dichiarando problemi di salute, Nelson tornò rapidamente a Napoli. Il suo comportamento a Napoli era ormai noto, ma la sua salute potrebbe essere stata davvero pessima a questo punto.

A fine marzo, Le Guillaume Tell l'ha fatta muovere. Ancora una volta, il Foudroyant fu coinvolto, questa volta sotto il comando del capitano di bandiera di Nelson, Sir Edward Berry. Ancora una volta una fregata, la Penelope, è stato coinvolto nel ritardare la nave francese di linea. Questa volta la battaglia durò più a lungo, dalle sei di sera del 30 marzo a poco dopo le otto. Con la resa di Le Guillaume Tell l'ultimo superstite della flotta francese distrutta al Nilo fu catturato.

La linea su un vento, Noel Mostert. Questo è un eccellente resoconto della più grande guerra navale dell'era della vela. Mostert copre una gamma di argomenti più ampia rispetto alla maggior parte dei libri su questo argomento, pur rimanendo sempre leggibile. C'è una buona sezione sull'ascesa della potenza navale americana e sulla guerra del 1812 [vedi altro]


Guarda il video: EL RIO NILO DOCUMENTAL, El RIO NILO DONDE NACE Y DESEMBOCA, EL RIO NILO DOCUMENTAL EN ESPAÑOL. (Ottobre 2021).