Podcast di storia

Pomodon SS-486 - Storia

Pomodon SS-486 - Storia

Pomodoro SS-486

(Pomodone.

(SS-486: dp. 1.570 (surf.), 2.414 (subm.); 1.312', b. 27'; dr.
15'5"; s. 20 k. (surf.), 9 k. (subm.); cpl. 76; a. 10 21"
tt., 1 5", 1 40mm.; cl. Tinca)

Pomodon (S~486) è stato impostato il 29 gennaio 1945 dal Portsmouth Navy Yard, Portsmouth, N.H., Iaunehed 12 giugno 1945; sponsorizzato dalla signora Lorena Neff, commissionato l'11 settembre 1945, comandante Melvin H. Dry al comando

Partendo da Portsmouth il 6 gennaio 1946, Pomodon scivolò attraverso il canale di Cape Cod e si diresse verso la zona del canale di Panama per un ulteriore addestramento. A maggio il sottomarino è tornato a nord a New London per diversi giorni di operazioni prima di un periodo di disponibilità e manutenzione a New London, Connecticut.

Scivolando fuori dalla base sottomarina a New London,

Pomodon fece di nuovo rotta verso sud; transitò nel Canale di Panama arrivando a San Diego il 12 ottobre e si unì al Submarine Squadron 3. Dopo le modifiche a Mare Island, dal 25 ottobre 1946 al 26 luglio 1947, il sottomarino tornò a San Diego il 28 luglio e iniziò le operazioni nell'area come parte della Task Force 52 e 56.

La conversione aveva reso Pomodon il primo sottomarino di tipo "Guppy" della flotta del Pacifico ("Greater Underwater Propulsion Power" ottenuto da una maggiore capacità della batteria di accumulo combinata con una sovrastruttura aerodinamica).

Allo scoppio delle ostilità in Corea nel luglio 1950, Pomodon fu schierato a Pearl Harbor. Nel gennaio 1951 il Pomodon fu nuovamente modernizzato al Mare Island Naval Shipyard e nel maggio 1951 tornò in servizio come il più moderno e avanzato sottomarino Guppy della Submarine Force.

Pomodon partì da San Diego nel novembre 1951 per uno schieramento di sei mesi con le forze delle Nazioni Unite che resistevano all'aggressione comunista in Corea, seguito da operazioni nell'area di San Diego. Durante il decennio successivo, il sottomarino ha effettuato altri sei schieramenti WestPac rafforzando le forze della libertà in Estremo Oriente.

L'ottavo dispiegamento di Pomodon con la 7th Fleet, dal 6 giugno al 30 novembre 1966, la portò in acque vietnamite e operò con i cacciatorpediniere americani e la portaerei Kearsarge sulla stazione Yankee. Le operazioni di addestramento sulla costa occidentale e la revisione presso la Hunter's Point Division, il cantiere navale di San Francisco riempirono il 1967. Si diresse nuovamente a ovest attraverso il Pacifico per il suo nono dispiegamento il 22 marzo 1968. Ha operato nelle acque giapponesi, al largo di Okinawa e nelle Filippine prima di entrare la zona di combattimento del Vietnam il 13 agosto. Pomodon tornò a San Diego il 17 ottobre.

Cancellata dal registro navale il 1 agosto 1970, la Pomodon è stata venduta il 28 dicembre 1971


Pomodon SS-486 - Storia

A partire dal: B. Regola, 3931 Brookfield Ave, Louisville, KY 40207-2001

Per: RADM Richard P. Breckenridge, vice capo delle operazioni navali di guerra

Sistemi (OPNAV N97), 2000 Navy Pentagon, Washington, DC 20350-2000

Oggetto: Informazioni e problemi di sicurezza associati alla perdita della USS THRESHER

(SSN-593) il 10 aprile 1963 e Informazioni sulla perdita della USS
SCORPION (SSN-589) il 22 maggio 1968 in relazione alla perdita di THRESHER
Rif.: (a) Perdita della USS THRESHER:
http://www.jag.navy.mil/library/jagman_investigations.htm
http://www.jag.navy.mil/library/investigations/USS%20THRESHER%20PT
%201.pdf, 202.pdf, 203.pdf, 204.pdf
(b) LA REVISIONE DEL SOTTOMARINO, Inverno 2012, pp 134
(c) Amministrazione di Barack H. Obama, memorandum del 29 dicembre 2009
Attuazione dell'ordine esecutivo: informazioni classificate sulla sicurezza nazionale
(d) Decreto esecutivo presidenziale 12958 del 17 aprile 1995
(e) Decreto esecutivo 13526 del 29 dicembre 2009
(f) PERCHÉ LA USS SCORPION (SSN-589) È STATA PERSA, Nimble Books, ottobre
31, 2011. ISBN 978-1-60888-120-8
(g) LA REVISIONE DEL SOTTOMARINO, Inverno 2012, pp 151-152
(h) http://www.flickr.com/photos/oneillparker/3224878652/
(i) OPNAVINST 5513.5C: Guida alla classificazione di sicurezza 05-37
(j) Naval Ordnance Laboratory Report 69-160 del 20 gennaio 1970
(k) Naval Ordnance Laboratory Report AD/A-000-807 del 20 settembre 1974
(l) Comunicazione privata di Robert S. Price del 29 maggio 2002
(m) USS SCORPION SSN-589 (Risultati della Corte d'inchiesta)

Questa lettera fornisce informazioni sulla perdita dell'USS THRESHER il 10 aprile 1963 derivate dalle analisi delle rilevazioni acustiche dell'evento e, inoltre, fornisce informazioni sulla perdita dell'USS SCORPION il 22 maggio 1968 che si riferisce alle analisi del THRESHER acustico dati.

L'analisi dei rilevamenti del sistema di sorveglianza sonora (SOSUS) del THRESHER conferma che l'incidente iniziale del 10 aprile 1963 è stato il guasto alle 09:11 - dopo due minuti di instabilità della frequenza di linea - del bus elettrico primario (non vitale) che ha spento il principale del sottomarino Pompe del liquido di raffreddamento (MCP) che provocano l'immediato arresto (spegnimento) del reattore nucleare, ((riferimento (a)) Impossibile riavviare rapidamente il reattore per riacquistare la propulsione e non è possibile scaricare la zavorra a causa della formazione di ghiaccio nel sistema di zavorra, THRESHER affondò per crollare alle 09:18:24 a una profondità di 2400 piedi (1070 psi).

Molteplici linee di prova indipendenti confermano che non ci sono state inondazioni prima del crollo dello scafo a pressione THRESHER. Tale allagamento, ipotizzato dalla Corte d'Inchiesta (COI) come l'evento iniziale responsabile della tragedia, sarebbe stato un evento catastrofico con il getto d'acqua prodotto dalla rottura iniziale dello scafo a pressione o di un tubo (PARERE 1a di riferimento (a) ha stimato che il tubo rotto aveva un diametro compreso tra due e cinque pollici) espandendosi all'interno del sottomarino con una velocità di circa 1800 mph (Mach 2.4) alla profondità di THRESHER di 1300 piedi. Un tale evento non sarebbe stato segnalato da THRESHER alla sua nave di scorta, la USS SKYLARK (ASR-20), alle 09:13 come (citazione) in difficoltà minori (fine citazione). Inoltre, l'allagamento ipotizzato e il relativo getto d'acqua, all'impatto con le strutture all'interno dello scafo, avrebbero generato livelli di rumore estremi non solo all'interno del compartimento violato ma anche nei compartimenti adiacenti e a livelli ridotti ma ancora elevati in tutto il sottomarino. Tali livelli di rumore avrebbero reso estremamente difficile per THRESHER comunicare con SKYLARK. Tali livelli di rumore non erano evidenti durante le comunicazioni con SKYLARK né sono stati rilevati da SOSUS.

Un altro motivo convincente per respingere la congettura del COI secondo cui l'inondazione si è verificata a una profondità di prova di 1300 piedi (580 psi) è che l'acqua che si espandeva nel vuoto relativo (15 psi) all'interno dello scafo a pressione THRESHER si sarebbe atomizzata istantaneamente in un vapore denso ( nebbia) al momento dell'impatto su superfici solide e/o vaporizzate nell'ambiente a bassa pressione rendendo difficile la visione all'interno di quegli spazi, ma subito dopo aver comunicato a SKYLARK alle 0913 che stava (citazione) riscontrando lievi difficoltà (fine citazione), THRESHER ha trasmesso ( preventivo) ti terrà informato (fine preventivo). Nessuna di queste trasmissioni è coerente con il disastro che avrebbe rappresentato l'inondazione a profondità di prova (1300 piedi).

Queste valutazioni sono confermate in modo indipendente da THRESHER COI Finding of Fact (FoF) 153 dal riferimento (a), cioè fornisce un supporto convincente della conclusione che non c'è stata inondazione prima del crollo. FoF 153 afferma: (citazione) che nel corso del procedimento si è tenuta una dimostrazione di prova per la Corte d'inchiesta nel Drydock n. 2 presso il cantiere navale di Portsmouth. Un flusso d'acqua è stato rilasciato nell'atmosfera alla pressione di profondità del test di Thresher contro un pezzo di apparecchiatura elettronica. Il flusso ha prodotto una forza tremenda, spruzzi, nebbia e rumore (citazione finale), condizioni - lo ripeto - che non sarebbero state segnalate da THRESHER a SKYLARK come (citazione) in difficoltà minori (citazione finale).

Russell Preble, CDR USN (ret), che era a Portsmouth, NH, nell'aprile 1963, e che ha effettivamente osservato questo test, ha fatto la seguente dichiarazione: (citazione) Un ricordo che spicca nella mia mente è stato guardare uno dei membri del Consiglio di Prove di inchiesta. Una vecchia console radar SS è stata posizionata sul pavimento di uno dei bacini di carenaggio vuoti e un flusso d'acqua ad alta pressione è stato diretto contro la console. Il rumore era travolgente. Ricordo di aver pensato che non si poteva sentire nulla al di sopra del rumore dell'acqua che si schiantava contro l'involucro del radar e che in una profonda immersione non si potevano sentire ordini oltre il ruggito dell'acqua che colpiva qualcosa sulla sua strada. (citazione finale) Fonte: "USS Thresher, Lest We Forget", Burke Consortium, Inc, 2013, p. 5 nome file: ThresherBooklet_printv2.pdf

Alla luce delle discussioni di cui sopra - in particolare FoF 153 - e delle discussioni che vertono su questa criticità, che vengono ampliate nella Sezione IV della presente lettera, è difficile comprendere come il COI - avendo effettivamente osservato la procedura di test descritta da FoF 153 - potrebbe ipotizzare che l'inondazione si sia verificata prima che lo scafo a pressione THRESHER crollasse alle 09:18:24 a grande profondità. È anche difficile capire perché la Marina abbia, per 50 anni, continuato a sostenere quell'errata congettura di inondazione come spiegazione ufficiale per la perdita di THRESHER quando non è in consonanza con i documenti COI componente - riferimento (a) - né è supportata dall'analisi delle rilevazioni acustiche della tragedia nota alla Marina Militare sin dalle udienze COI, come discusso dalla rif. (a).

In qualità di responsabile dell'analisi presso il Centro di valutazione SOSUS nell'aprile 1963, lo scrittore ha analizzato i rilevamenti SOSUS della perdita della USS THRESHER il 10 aprile 1963 e ha ricavato la posizione che ha fornito la base per l'ubicazione del sito del relitto, come discusso nell'Integrated Sito web del sistema di sorveglianza sottomarina (SOSUS): http://www.iusscaa.org/history.htm

Gran parte della seguente cronologia degli eventi di THRESHER, derivata da quell'analisi, è stata fornita dallo scrittore in una testimonianza davanti al THRESHER COI il 18 aprile 1963 con testimonianze a sostegno del CAPT Patrick Leahy, Bureau of Ships Code 345, e di Edwin Savasten del David Taylor Naval Ships Research and Development Center (DTNSRDC) a Carderock, MD, l'attività responsabile delle prove di rilevabilità acustica dei sottomarini nucleari statunitensi. Le informazioni fornite dalla testimonianza di chi scrive nell'aprile 1963 sono disponibili, senza attribuzione, di pubblico dominio come riferimento (a).

III. CRONOLOGIA DEGLI EVENTI ASSOCIATI ALLA PERDITA DELLA USS THRESHER

La seguente cronologia descrive gli eventi e le conclusioni riguardanti la perdita della USS THRESHER il 10 aprile 1963 derivate dalle analisi dei dati SOSUS, tutti i tempi ROMEO. I tempi di rilevamento dell'evento acustico sono stati corretti per il tempo di viaggio sonoro tra il luogo del relitto e la posizione dell'array SOSUS (1411/FOX) che ha rilevato le componenti acustiche dell'MCP, i tentativi di dezavorramento e il collasso dello scafo a pressione quindi , questi sono gli orari effettivi degli eventi ROMEO così come si sono verificati a bordo del THRESHER.

- 0845: rilevamento acustico SOSUS iniziale di MCP THRESHER in modalità FAST (modalità a 2 poli) mentre si trova a una profondità di 1000 piedi o in prossimità di essa.

- 0909: rilevamento iniziale dell'instabilità di frequenza della linea bus THRESHER non vitale alla profondità di prova: 1300 piedi. MCP ancora in FAST.

- 0910: ((Citazione dal riferimento (a)): Verso le 0910 un messaggio di THRESHER che annunciava un cambio di rotta da 090T a 000T e non dava indicazioni di alcuna difficoltà (fine citazione). Si noti tuttavia che il primo tentativo di deballast fallito descritto subito sotto è stato avviato alle 0909.8, circa un minuto prima del guasto del bus elettrico non vitale, anch'esso descritto di seguito.

- 0909.8-0911.3: primo tentativo fallito di deballast. La durata di quell'evento includeva almeno una parte del tempo di salita dell'aria fuoriuscita durante l'evento. Durante quel tempo di salita, le oscillazioni indotte dalla pressione nel volume di quell'aria (bolla) avrebbero prodotto una forte energia acustica (bolla-impulso) di conseguenza, la durata di 1,5 minuti del rilevamento non rappresenta il periodo durante il quale lo sforzo di dezavorre è stato efficace.

- 0911: guasto del bus non vitale dopo due minuti di instabilità della frequenza di linea forte segnale acustico MCP perso bruscamente.

- 0913: THRESHER trasmette a SKYLARK (ASR-20): (citazione) Difficoltà minore. tentando di soffiare. (fine citazione), come discusso dal riferimento (a). Non c'è stata alcuna menzione da parte di THRESHER di inondazioni alle 09:13 o in qualsiasi momento successivo.

- 0913.6-0914,3: secondo tentativo fallito di deballast. Come discusso in precedenza, questo periodo non rappresenta la durata di uno sforzo effettivo di deballast. La durata di questo evento - metà di quella del primo tentativo fallito di deballast - indica che il blocco di ghiaccio creato dal primo tentativo era, come previsto, ancora presente.

- 0917: Il messaggio THRESHER a SKYLARK include il numero 900 eventualmente suffisso dalla lettera N. Tale numero è stato accettato come un riferimento alla profondità del test come richiesto dalla direttiva di sicurezza OP-ORDER di immersione profonda, ovvero a 0917 , THRESHER era a 900 piedi sotto la profondità di prova oa 2200 piedi.

- 09:18:24: Lo scafo a pressione THRESHER e tutti i compartimenti interni sono crollati in circa 100 millisecondi (ms) a una profondità di 2400 piedi con un rilascio di energia pari all'esplosione di 22.500 libbre di TNT a quella profondità, un valore coerente con il rilevamento acustico dell'evento da parte di più array SOSUS come segnale di ampiezza molto elevata a distanze fino a 1300 miglia nautiche.

Il riferimento (b) discute il metodo di analisi utilizzato per derivare questi valori di profondità e rilascio di energia, vale a dire, la relazione empirica che esiste tra il volume di una struttura che collassa e la frequenza della sorgente acustica dell'impulso di bolla generata dal collasso.

Come anche determinato, la durata di 100 ms dell'evento di collasso THRESHER (distruzione completa dello scafo a pressione e di tutto il compartimento interno) è stata significativamente inferiore al tempo minimo richiesto per la percezione umana dell'evento: 50 ms per l'integrazione retinica più 100 ms per integrazione cognitiva, quindi, quelli a bordo di THRESHER non erano a conoscenza dell'effettivo evento di collasso che si è verificato troppo velocemente per essere appreso.

Non ci sono stati rilevamenti SOSUS il 10 aprile 1963 di alcuna attività del sistema di propulsione principale THRESHER come avrebbe dovuto verificarsi se fossero state impiegate velocità superiori a circa 14 nodi. Inoltre, se THRESHER avesse accelerato significativamente dopo le 09:10, un componente Doppler avrebbe dovuto essere rilevato dall'array SOSUS 1411. Nessun componente di questo tipo è stato identificato.

Si conclude che l'uso della propulsione dopo le 0909 non era un'opzione disponibile per THRESHER, altrimenti probabilmente non ci sarebbe stato un tentativo di deballast alle 0909.8 THRESHER avrebbe usato la propulsione per risalire in superficie ((riferimento (a)).

Si noti ancora che l'uso del termine (citazione) difficoltà minori (fine citazione) da parte di THRESHER nella sua trasmissione 0913 UQC a SKYLARK non è coerente con l'inondazione a profondità di prova.

Durante il periodo dal 1959 al 2007, lo scrittore ha analizzato migliaia di ore di rilevamenti acustici di S5W e altri componenti del sistema elettrico del reattore nucleare statunitense e non ha mai identificato un altro evento durante il quale si è verificata un'instabilità non vitale della frequenza della linea di autobus simile a quella esibita da THRESHER dalle 0909 alle 0911.

IV. COMMENTI E OSSERVAZIONI SULLA PERDITA DEL THRESHER

La cronologia e le conclusioni di cui sopra sono coerenti con la valutazione secondo cui THRESHER è stato perso a causa di uno schianto del reattore che ha provocato una perdita di propulsione e, come successivamente verificato da un test in banchina con la USS TINOSA (SSN-606), la formazione di ghiaccio nelle linee aeree che ha reso inefficaci i tentativi di deballast.

Non c'era nel 1963 - né c'è ora - alcuna prova a sostegno della congettura del COI secondo cui THRESHER ha subito un'inondazione prima del collasso dello scafo a pressione che, come discusso sopra, è stato determinato nel 2009 a una profondità di 2400 piedi ( 1070 psi), più di 400 piedi al di sotto della stima basata sul progetto per il collasso.

Durante il collasso idrostatico strumentato di un sottomarino diesel americano dismesso a una profondità di 1000 piedi, la velocità dell'ariete d'acqua intruso è stata misurata come circa 1650 mph (Mach 2.2). Il collasso completo di quello scafo a pressione avvenne in circa 100 ms. Se la perdita iniziale di integrità della tenuta stagna avesse coinvolto solo una piccola apertura come un tubo di diversi pollici di diametro, ipotizzato dal COI nel caso di THRESHER, il getto d'acqua ad alta velocità intruso - letteralmente un martello fluido - al passaggio di entrambi il punto di rottura e l'impatto sul lato opposto della carena a pressione THRESHER e/o sulle strutture ad essa collegate, avrebbe prodotto livelli estremi di rumore a banda larga (COI Finding of Fact 153) che avrebbero reso quasi impossibile per THRESHER hanno comunicato con SKYLARK anche da un compartimento diverso da quello del presunto allagamento. Il getto d'acqua avrebbe inoltre eccitato lo scafo a pressione e le strutture interne (come una campana che viene continuamente colpita) per irradiare molteplici risonanze acustiche, anche di estrema ampiezza. Non sono state rilevate tali risonanze da SOSUS da THRESHER dopo il tempo ipotizzato della perdita - circa 0912 - né sono stati rilevati alti livelli di rumore a banda larga da SOSUS per più di alcuni secondi. Quel rumore a banda larga è stato prodotto dal collasso dello scafo a pressione alle 09:18:24 e dalle oscillazioni indotte dalla pressione (pulsazioni) della cavità d'aria dell'evento di collasso (bolla).

Sebbene l'incapacità di SOSUS di rilevare risonanze ad alta ampiezza sia un'informazione "negativa", rappresenta comunque una linea di prova convincente a sostegno della conclusione che non vi è stata alcuna rottura di alcun tubo di brasatura d'argento collegato al mare prima del collasso, come ipotizzato dal THRESHER COI.

È un'informazione convincente perché un altro evento di collasso sottomarino - durante il quale è stato documentato un getto d'acqua ad alta velocità - ha prodotto risonanze multiple a banda stretta rilevate acusticamente come sorgenti forti per un periodo prolungato a una distanza (distanza) 25 volte la gamma di THRESHER dal 1411 /FOX SOSUS matrice. Per ripetere, THRESHER è stato perso quando l'intero scafo a pressione è stato distrutto quasi istantaneamente a una profondità di 2400 piedi senza alcuna precedente inondazione.

Basandosi sulle immagini del relitto, il getto d'acqua creato dalla rottura iniziale dello scafo a pressione THRESHER strappò quasi istantaneamente quella struttura, sia longitudinalmente che verticalmente in sei sezioni principali. La velocità del getto d'acqua alla profondità di collasso calcolata di 2400 piedi (1070 psi) era di circa 2600 mph (Mach 3.5). Pertanto, le condizioni del relitto supportano anche la conclusione che lo scafo a pressione è crollato in meno di 100 ms non vi è stato un allagamento graduale di uno scafo a pressione ancora intatto.

Durante l'affondamento strumentato della USS STERLET (SS-392) nel gennaio 1969, discusso con il riferimento (f), il tasso di affondamento dell'hulk post-crollo fu misurato come 12,9 nodi in 10.700 piedi d'acqua. L'analisi dettagliata delle registrazioni acustiche della perdita dell'USS SCORPION (SSN-589) confermano che il tasso di caduta dopo il collasso dei componenti dello scafo a pressione discusso con il riferimento (f) era inferiore a 28 nodi.

Si conclude che il tasso di caduta delle sezioni dello scafo a pressione THRESHER dopo la sua distruzione per pressione idrostatica a una profondità di 2400 piedi era di 10-15 nodi. La speculazione fatta durante le udienze del COI secondo cui lo scafo a pressione THRESHER ancora intatto si è rotto in seguito all'impatto sul fondo a una velocità di 100 nodi non è supportata dall'analisi dei dati acustici o dal rapporto tra velocità e potenza che indicano che, anche in discesa verticale, sarebbero stati necessari molti multipli della potenza installata di THRESHER per raggiungere una velocità di 100 nodi, ovvero più di 600.000 cavalli. Come discusso dal riferimento (f), nessuna carica di profondità statunitense della seconda guerra mondiale - progettata per essere idrodinamicamente efficiente - ha avuto un tasso di caduta superiore a 30 nodi.

Le sezioni dello scafo a pressione THRESHER sono cadute sul fondo dalla profondità di crollo come singoli componenti. L'errata speculazione sui 100 nodi si basava sul presupposto che il segnale acustico di ampiezza molto elevata che si è verificato alle 09:18:24 fosse un impatto sul fondo piuttosto che il crollo dello scafo a pressione. Il rilevamento acustico di una frequenza di impulsi a bolle associata ha identificato inequivocabilmente l'evento 09:18:24 come crollo dello scafo a pressione THRESHER. Nota: le forze estreme associate agli eventi di collasso dello scafo in pressione che si verificano a grande profondità sono sufficienti per annullare tutte le direzioni di movimento preesistenti.

Nel caso della USS SCORPION (SSN-589), sezioni dello scafo a pressione, che è crollato a una profondità di 1530 piedi con un rilascio di energia pari all'esplosione di 13.200 libbre di TNT a quella profondità, hanno seguito traiettorie che hanno deviato dalla verticale di meno di 100 piedi su una distanza di 9600 piedi. Il riferimento (f) discute le analisi delle rilevazioni acustiche della perdita di SCORPION da cui sono state derivate queste informazioni. Una comprensione completa delle complesse questioni tecniche discusse dal riferimento (f) è un prerequisito per comprendere il motivo per cui SCORPION è stato perso.

Il riferimento (g) fornisce la seguente revisione del riferimento (f): (citazione). è una relazione tecnica superbamente preparata basata su prove empiriche e scritta secondo elevati standard forensi. (fine citazione).

V. CONCLUSIONE: PERCHÉ LA USS THRESHER È STATA PERSA?

L'evento iniziale in una cascata di eventi che ha portato alla perdita di THRESHER è stato il guasto del bus elettrico non vitale mentre gli MCP stavano operando in FAST, la normale formazione a piena potenza per l'impianto di propulsione. Tale guasto ha causato il guasto degli MCP che, a sua volta, ha causato un immediato scram (spegnimento) del reattore nucleare che ha provocato una perdita di propulsione a profondità di prova.

(Come ripetutamente discusso sopra, non ci sono prove a sostegno della congettura COI, ancora ampiamente accettata ad alti livelli all'interno della Marina, che ci sia stata un'inondazione prima che lo scafo a pressione THRESHER crollasse all'estrema profondità di 2400 piedi.)

Coloro che possono contestare l'identificazione della fonte del rilevamento SOSUS come MCP THRESHER in FAST così come i membri del COI sono informati che il rilevamento acustico è stato valutato in questo modo non solo sulla base del contenuto di frequenza ma anche sull'identificazione di un rapporto matematico tra fonti - misurate dai dati SOSUS alla seconda cifra decimale - che era univoco per gli MCP S5W.

A marzo 2007, l'Office of Naval Intelligence (ONI) conservava ancora una fotocopia dei dati SOSUS originali su cui si basava la valutazione MCP in FAST fornita al THRESHER COI nel 1963. Le preoccupazioni sulla validità di tale MCP nell'analisi FAST possono essere dissipate richiedendo che i dati conservati dall'ONI siano esaminati dal personale DTNSRDC che abbia familiarità con le caratteristiche di progettazione e le firme acustiche degli MCP del sistema di reattori S5W. A tale personale dovrebbe essere mostrata questa lettera. Il termine di conseguenza per il personale DTNSRDC sarà (quota) vortice (fine quotazione).

Se, dopo 50 anni, la Marina ritiene opportuno (1) avanzare potenzialmente una comprensione del motivo per cui il THRESHER non-vital ha fallito, (2) respingere ufficialmente l'errata congettura del COI secondo cui si è verificata l'inondazione pre-collasso dello scafo a pressione, e (3) scagionare il personale del Cantiere Navale di Portsmouth implicato come responsabile dell'inondazione per il cedimento di un infisso di tubi in argento saldobrasato, i dati SOSUS ancora in possesso dell'ONI dovrebbero essere ulteriormente rivisti per affinare le caratteristiche dell'instabilità esibita dal non vitale impianto di THRESHER bus elettrico dalle 0909 alle 0911, cioè periodo e magnitudo.

VI. DISCUSSIONE DELLA PERDITA DELLA TREBBIA: PROBLEMI DI CLASSIFICAZIONE

Il riferimento (c), pubblicato nel Registro federale il 5 gennaio 2010, fornisce indicazioni sulla classificazione a lungo termine dei documenti con riferimento al contenuto. Nello specifico, il riferimento (c) definisce (citazione) il danno alla sicurezza nazionale (come) il danno alla difesa nazionale o alle relazioni estere degli Stati Uniti dalla divulgazione non autorizzata di informazioni, per includere la sensibilità, il valore e l'utilità di tali informazioni. (fine citazione)

Il riferimento (d) stabilisce i criteri per la classificazione delle informazioni come materiali la cui divulgazione danneggerebbe la sicurezza nazionale e richiede che l'autorità di classificazione originaria identifichi o descriva il danno, ovvero le informazioni non possono essere classificate per legge. Questo è lo standard rispetto al quale devono essere convalidati tutti i problemi di sicurezza sulla cronologia degli eventi che si sono verificati a bordo della USS THRESHER (SSN-593) il 10 aprile 1963 (derivato da dati acustici). La parte 3 del riferimento (e) si applica anche a questo problema di classificazione/rilascio.

I In sintesi, qualsiasi affermazione secondo cui le conclusioni di questa lettera sulla perdita dell'USS THRESHER derivate da dati acustici siano classificate deve soddisfare i requisiti per la classificazione stabiliti dai riferimenti (c), (d) ed (e), e deve anche riconoscere le informazioni che può essere in questione è disponibile di dominio pubblico come Finding of Fact 153 e/o OPINION 45 di riferimento (a) o può essere derivato da tali informazioni, ad esempio, le velocità operative (modalità) degli MCP: FAST e SLOW.

Il riferimento (h) è uno dei tanti siti Internet che forniscono informazioni relative a quella specifica area tematica, ad esempio (citazione) Interruttore della pompa del liquido di raffreddamento. 6 pompe, ciascuna con velocità veloce e lenta. Usato solo 4 alla volta in corso. stanno funzionando 2 lenti-2 lenti (2 pompe a bassa velocità a sinistra e altre 2 a dritta. (fine citazione)

Il riferimento (i) non può essere applicato al contenuto di questa lettera perché questa lettera non fornisce informazioni su (citazione) rumore esterno (identificando frequenze, livelli di rumore irradiato, strutture o larghezze di banda specifiche di quel rumore), rumore di piattaforma o auto-sonar firme acustiche (fine virgolette) oltre a quelle già fornite dal riferimento (a) e di pubblico dominio.

VII. DIFFUSIONE DI INFORMAZIONI SULLA PERDITA DELLA USS THRESHER (E DELLA USS SCORPION)

Nel 1974, l'ADM H. G. Rickover ha diretto una ricerca che ha stabilito che la corazzata statunitense MAINE (ACR-1) affondò il 15 febbraio 1898 nel porto dell'Avana a causa di un'esplosione interna e non a causa di una mina spagnola o cubana. L'Ammiraglio ha preso quell'azione, 76 anni dopo che il MAINE affondò, perché, come discusso nel 1995 in avanti al suo libro, COME È STATA DISTRUTTA LA BATTLESHIP MAINE, (citazione). l'Ammiraglio non poteva credere che la Marina non avesse utilizzato tutte le informazioni disponibili per determinare la causa di un disastro così grande. (fine citazione)

La stessa situazione esiste ora per quanto riguarda la perdita della USS THRESHER 50 anni fa. Questa lettera fornisce la base per rettificare tale situazione.

Il riferimento (f) fornisce la base per una spiegazione simile del motivo per cui la USS SCORPION è stata persa quasi 45 anni fa, una spiegazione che dovrebbe essere ufficialmente riconosciuta dalla Marina e divulgata pubblicamente.

Come ampiamente discusso e documentato dal riferimento (f), lo SCORPION Structural Analysis Group (SAG) - gli esperti della Marina nel campo della progettazione dei sottomarini, delle strutture sottomarine e degli effetti delle esplosioni sottomarine, rispettivamente Peter Palermo, CAPT Harry Jackson e Robert Price - correttamente concluso nel loro rapporto del 20 gennaio 1970 che SCORPION è stato perso perché l'idrogeno fuoriuscito dalla batteria principale è esploso, uccidendo e/o rendendo inabile l'equipaggio con una sovrapressione atmosferica di 150-200 psi nel luogo dell'esplosione che si è verificato 21 minuti e 50 secondi prima del crollo dello scafo. L'analisi riportata dal riferimento (f) indica che ci sono state rilevazioni acustiche di due esplosioni associate alla batteria TLX-53-A a 126 celle a mezzo secondo di distanza che erano contenute all'interno dello scafo a pressione SCORPION. Si sono verificati 21 minuti e 50 secondi prima del collasso.

(Esplosioni multiple associate al gruppo anteriore dell'accumulatore principale TLX-53 a 504 celle installato sulla USS POMODON (SS-486) ​​si sono verificate, con cinque vittime, il 21 febbraio 1955 mentre l'unità stava effettuando una carica in banchina a il cantiere navale di San Francisco.)

Lo SCORPION COI ha respinto la valutazione dell'esplosione della batteria SAG - che era basata sull'analisi microscopica, spettrografica e di diffrazione dei raggi X di un componente della batteria SCORPION recuperato dal personale del cantiere navale di Portsmouth - e ha erroneamente ipotizzato che SCORPION fosse perso a causa (citazione) dell'esplosione di (a) grande peso di carica esterno allo scafo a pressione del sottomarino (citazione finale). Quella congettura, una seconda congettura che SCORPION ha invertito la rotta per affrontare un problema di siluro a bordo, e una terza congettura che la sorgente acustica dell'impulso di bolla creata da un evento di collasso sottomarino potrebbe essere "inghiottita" dallo scafo a pressione e non essere rilevata acusticamente sono smentiti dal riferimento (f). Potrebbe essere stata quest'ultima congettura - smentita dalla dinamica temporale dell'evento di collasso SCORPION - che ha influenzato il COI a ignorare l'identificazione del SAG di una componente bolla-impulso e postulare la teoria dell'esplosione esterna (alla pressione-scafo). Fondamentalmente, lo scafo a pressione dello SCORPION è stato distrutto più velocemente della velocità di espansione della cavità d'aria a impulso di bolla oscillante dal punto di massima compressione, cioè nessuna struttura è rimasta intatta per contenere (inghiottire) l'impulso di bolla che è stato rilevato acusticamente da SOSUS a una distanza di 976 miglia nautiche.

Dei 17 SCORPION COI "Finding of Fact" basati o dedotti da dati acustici, 14 (82 percento) sono errati.

Tutti coloro che sono interessati a verificare la valutazione immediatamente precedente dovrebbero confrontare le affermazioni fatte dallo SCORPION COI Conclusioni dei fatti numeri 2-5, 8, 14-17, 31, 32, 43, 45 e 46 con il contenuto del riferimento (f) che, come notato dal riferimento (g): (citazione) è tecnicamente molto complesso - la stessa caratteristica che lo rende così credibile. (fine citazione) Il confronto dovrebbe includere anche il riferimento (j).

Tale confronto sarebbe un utile esercizio per coloro che sono interessati all'accuratezza tecnica e alla classificazione delle informazioni fornite dalla presente lettera sulla perdita di THRESHER, la cui determinazione dovrebbe comportare quanto segue: (1) l'applicazione da parte dei revisori delle conoscenze generali di la progettazione e le caratteristiche operative dei sottomarini nucleari statunitensi con reattori S5W, (2) una conoscenza approfondita (esperta) dei meccanismi con cui i sottomarini nucleari statunitensi irradiano involontariamente energia acustica, le caratteristiche dell'energia acustica irradiata da THRESHER in generale e, in particolare, , il 10 aprile 1963, e le caratteristiche acustiche, dinamiche e temporali degli eventi di crollo dello scafo sottomarino a pressione, e (3) una determinazione della misura in cui le informazioni contenute in questa lettera sono già disponibili di pubblico dominio come riferimento (a) o altri documenti.

In sintesi, coloro che esaminano i documenti tecnici per accuratezza e classificazione dovrebbero conoscere almeno quanto gli autori dei documenti stessi sugli argomenti discussi da tali documenti, e quindi essere in grado di fornire essenzialmente una "revisione tra pari" che valuti l'aspetto scientifico e tecnico l'accuratezza delle informazioni nel documento rivisto e modificare tali documenti di conseguenza.

Di seguito sono riportati esempi di ciò che è accaduto perché non era il caso della documentazione SCORPION rivista e approvata per il rilascio pubblico.

Coloro che hanno esaminato il riferimento (j), "USS SCORPION (SSN 589), Risultati dell'analisi dei dati NOL", per il rilascio pubblico non erano tecnicamente qualificati per svolgere quella funzione che ha comportato la divulgazione non intenzionale di informazioni classificate sulla frequenza della sorgente acustica. The reviewers assiduously redacted acoustic event frequency information for events listed in TABLE A-4 of reference (j) where the number values were associated with the abbreviation Hz but failed to redact the period information for those same acoustic events listed in TABLE A-2 of reference (j). Since frequency is the reciprocal of period, the classified frequency values could be recovered (derived) from reference (j) after it was sanitized (became unclassified) and approved for public release. A similar oversight compromised the redacted frequency scales of frequency vs amplitude charts shown as Figures C1 through C16 of reference (j). This allowed the writer, who has never had access to the original classified (unredacted) version of the document, to compare those acoustic spectra with spectra produced by the hydrostatic collapse of cylinders of known diameters, reported by reference (k), to determine - as discussed for the first time by reference (f) - that six of the SCORPION post-pressure-hull collapse acoustic events were produced by the collapse of the submarine's torpedo tubes at depths between 3370- and 4570-feet. It is significant to note that while more than 17 post pressure-hull collapse events were acoustically detected from SCORPION, none were detected from THRESHER. That apparent anomaly is explained by the force (energy release) of the THRESHER event (22,500 pounds of TNT at 2400-feet) compared to 13,200 pounds of TNT for SCORPION at 1530-feet. That additional energy destroyed all THRESHER internal structures that survived on SCORPION to collapse at greater depth.

As discussed above, those who review technical documents for public release should examine such documents not only for classification but also of equal or greater importance - for accuracy. A cascade of uninformed technical assessments by those who reviewed references (j) and (m), the SCORPION Court of Inquiry Findings, for public release allowed the erroneous COI assessment that SCORPION was lost because of a large explosion external to the pressure-hull to become available to the public when it should have been refuted or redacted.

Issues: first: the reviewers carefully redacted most of the discussion of the erroneously estimated SCORPION collapse depth of 2000-feet but left intact the statement on page 19, Para 6.10 of reference (j) that SCORPION started to sink following collapse at a depth of (quote) 2000-feet (end quote) second: although all tabular discussions of the frequencies of SCORPION-associated acoustic events were redacted, the statement in para C.3.3.3 on page C-6 of reference (j) that the peak energy associated with the first major SCORPION-associated acoustic event was (quote) something like 5 Hz (end quote) was not redacted. Had the reviewers extended that assessment - also in para C.3.3.3 of reference (j) - that the first SCORPION acoustic event (quote) might reasonably be associated with the collapse of the SCORPION (i.e., bubble-pulse) (end quote) and applied the formula on page C-4 of reference (j), they should have realized that the explosion of 18,125 pounds (nine tons) of TNT would have been required to have produced a 5-Hz bubble-pulse frequency at a depth of 2000-feet. Note that, as discussed by reference (f), refinement in 2008 of the SCORPION bubble-pulse value to 4.46 Hz indicated pressure-hull collapse occurred at 1530-feet (not 2000-feet) with an energy release of 13,200 pounds of TNT. ((Reference (b) provides further discussions of this analysis method.))

Thus, competent technical review of reference (j) would have determined that the first major SCORPION acoustic event - equal in force to the explosion of nine tons of TNT at the conjectured depth of 2000-feet - could not possibly have been, as postulated by the COI, (quote) the explosion of (a) large charge weight external to the submarine's pressure hull (end quote). That acoustic event had to have been collapse of the pressure-hull as concluded by Robert Price and Ermine Christian who wrote on page 5.2 of the SAG Report: (quote) the first major (SCORPION) acoustic event was caused by catastrophic hull collapse (end quote). (Note: nine tons of TNT significantly exceeded the explosive yield of the entire SCORPION load of conventional weapons.)

This letter provides OPNAV N97 the opportunity to correct misinformation now in the public domain concerning why the US nuclear submarines THRESHER and SCORPION were lost.

In this regard, Robert Price, a co-author of the SAG Report, stated in reference (l) in May 2002: (quote) I see nothing in the loss of SCORPION that should be concealed, except the details of the listening systems (now open source). I think the concealment of the few facts and conclusions concerning this tragedy are a disservice to the United States and to relatives of those lost at sea. (end quote). That assessment applies equally to THRESHER.

The final word on what happened to THRESHER should belong to THRESHER, and that word was not flooding it was, as discussed above, (quote) 900 (end quote) transmitted to SKYLARK at about 0917. That value is accepted to have been an indirect reference to test-depth as required by security directive in deep-drive OP-PLAN, i.e., 900-feet below the 1300-foot test-depth. THRESHER was at 2200-feet at about 0917, a depth consistent with the acoustically-derived collapse depth of 2400-feet at 09:18:24.

As stressed in the SUMMARY, the fact that THRESHER was still able to communicate with SKYLARK after THRESHER acknowledged that (quote) minor difficulties (end quote) already had occurred is evidence those difficulties did not involve flooding with the catastrophic effects such flooding is known to create at great depth. The acoustic data provides additional confirmation of this conclusion by identifying that those difficulties involved the loss of the primary (non-vital) electrical bus with the resulting shut-down of the nuclear reactor and the loss of propulsion capability.


POMODON SS 486

Questa sezione elenca i nomi e le designazioni che la nave aveva durante la sua vita. The list is in chronological order.

    Sottomarino di classe Tench
    Keel Laid January 29 1945 - Launched June 12 1945

Naval Covers

This section lists active links to the pages displaying covers associated with the ship. There should be a separate set of pages for each name of the ship (for example, Bushnell AG-32 / Sumner AGS-5 are different names for the same ship so there should be one set of pages for Bushnell and one set for Sumner). Covers should be presented in chronological order (or as best as can be determined).

Since a ship may have many covers, they may be split among many pages so it doesn't take forever for the pages to load. Each page link should be accompanied by a date range for covers on that page.

Postmarks

This section lists examples of the postmarks used by the ship. There should be a separate set of postmarks for each name and/or commissioning period. Within each set, the postmarks should be listed in order of their classification type. If more than one postmark has the same classification, then they should be further sorted by date of earliest known usage.

A postmark should not be included unless accompanied by a close-up image and/or an image of a cover showing that postmark. Gli intervalli di date DEVONO basarsi SOLO SULLE COPERTINE NEL MUSEO e si prevede che cambieranno man mano che verranno aggiunte altre copertine.
 
>>> If you have a better example for any of the postmarks, please feel free to replace the existing example.


Final deployments [ edit | modifica sorgente]

On 16 November 1962, Pomodon sank the hulk of ex-Aspro (SS-309). Pomodon’s eighth deployment with the Seventh Fleet, 6 June to 30 November 1966, took her to Vietnamese waters and she operated with American destroyers and antisubmarine aircraft carrier Kearsarge (CVS-33) on Yankee Station. Training operations on the West Coast and overhaul at the San Francisco Naval Shipyard, filled 1967. She again headed west across the Pacific for her ninth deployment on 22 March 1968. She operated in Japanese waters, off Okinawa, and in the Philippines before entering the Vietnam combat zone 13 August. Pomodon returned to San Diego 17 October 1968.

Stricken from the Naval Vessel Register on 1 August 1970, Pomodon was sold on 28 December 1971.


USS Pomodon (SS-486)

USS "Pomodon" (SS-486), a "Tench"-class submarine, was the only ship of the United States Navy to be named for the "Pomodon" (an obsolete synonym for " Hemilutjanus ") genera of snapper . Her keel was laid down on 29 January 1945 by the Portsmouth Navy Yard in Kittery, Maine . She was launched on 12 June 1945 sponsored by Mrs. Lorena Neff, and commissioned on 11 September 1945 with Commander Melvin H. Dry in command.

Departing Portsmouth 6 January 1946 , "Pomodon" slipped through the Cape Cod Canal and set her course for the Panama Canal Zone for further training. By May the submarine was back north to New London, Connecticut , for several days operations before an availability and upkeep period at New London.

Slipping out of the Submarine Base at New London, "Pomodon" set her course southward again transited the Panama Canal arriving San Diego, California , on 12 October , and joined Submarine Squadron 3. After alterations at Mare Island from 25 October 1946 to 26 July 1947 had made "Pomodon" the first Greater Underwater Propulsive Power Program (GUPPY) submarine in the Pacific Fleet, the submarine returned to San Diego on 28 July and began operations in the area as part of Task Forces 52 and 56.

At the outbreak of hostilities in Korea in July 1950, "Pomodon" was deployed to Pearl Harbor . In January 1951, "Pomodon" was again modernized at Mare Island Naval Shipyard and in May 1951 she returned to service as the most modern and advanced GUPPY submarine in the Submarine Force.

"Pomodon" departed San Diego in November 1951 for a six month deployment with the United Nations Forces in Korea , followed by operations in the San Diego area. During the next decade, the submarine made six more WestPac deployments.

On 21 February 1955 , while recharging batteries in the San Francisco Naval Yard , a build-up of hydrogen gas caused an explosion and fire, damaging the submarine and killing five of men. TM1(SS) Charles E. Payne earned the Navy Commendation Ribbon with Medal Pendant by his actions in fighting the fire and rescuing the injured. Pasquale Talladino EnD2(SS) received the Navy Marine Corp Medal. After the third explosion he entered the control room through the conning tower in an attempt to rescue anyone who might still be alive.

On 16 November 1962 , "Pomodon" sank the hulk of ex-"Aspro" (SS-309).

"Pomodon"’s eighth deployment with the Seventh Fleet, 6 June to 30 November 1966 , took her to Vietnam ese waters and she operated with American destroyer s and antisubmarine aircraft carrier USS|Kearsarge|CVS-33|3 on Yankee Station . Training operations on the West Coast and overhaul at the San Francisco Naval Shipyard , filled 1967. She again headed west across the Pacific for her ninth deployment on 22 March 1968 . She operated in Japanese waters, off Okinawa, and in the Philippines before entering the Vietnam combat zone 13 August . "Pomodon" returned to San Diego 17 October 1968 .

Stricken from the Naval Vessel Register on 1 August 1970 , "Pomodon" was sold on 28 December 1971 .

Fondazione Wikimedia. 2010.

Guarda altri dizionari:

USS Bauer (DE-1025) — was a sclass|Dealey|destroyer escort in the United States Navy. She was named for Lieutenant Colonel Harold William Bauer, naval aviator and recipient of the Medal of Honor for extraordinary heroism and conspicuous courage as Commander of Marine… … Wikipedia

USS Aspro (SS-309) — USS Aspro (SS/AGSS 309), a Balao class submarine, was the first ship of the United States Navy to be named for the aspro, a fish found abundantly in the upper Rhône River. According to legend, the aspro comes to the surface only in bad weather,… … Wikipedia

Liste der U-Boote der United States Navy — Schiffe der United States Navy A B C D E F … Deutsch Wikipedia

Submarinos la Armada de los Estados Unidos — Anexo:Submarinos la Armada de los Estados Unidos Saltar a navegación, búsqueda Plantilla:Listas Esta es una lista de submarinos de la Armada de los Estados Unidos, ordenados según el número de casco y el nombre. Por número de casco USS Alligator… … Wikipedia Español

Anexo:Submarinos de la Armada de Estados Unidos — Esta es una lista de submarinos de la Armada de los Estados Unidos, ordenados según el número de casco y el nombre. Por número de casco USS Alligator (SSK 1) Barracuda (SSK 2) Bass … Wikipedia Español

Аварии на подводных лодках (с 1945 года) — Список аварий на подводных лодках начиная с 1945 года документирует происшествия, имевшие место после Второй мировой войны. Среди затонувших подводных кораблей было, как минимум, десять атомных подводных лодок (3 США, 5 СССР, 2 Россия),… … Википедия

Greater Underwater Propulsion Power Program — The Greater Underwater Propulsion Power Program (GUPPY) was initiated by the United States Navy after World War II to improve the submerged speed, maneuverability, and endurance of its submarines. (The Y in the acronym was added to increase… … Wikipedia

List of World War II topics (U) — # U 571 (film) # U A # U boat Front Clasp # U boat War Badge # U Boote westwärts # U Man # U.S. British Staff Conference (ABC 1) # U.S. 20th Air Base Group # U.S. 5th Interceptor Command # U.S. Army Forces Far East # U.S. Army Forces in the… … Wikipedia

Portsmouth Naval Shipyard — (14 gun Schooner) * 1799 (50 gun Frigate) * 1842 USS|Saratoga|1842|2 (24 gun Sloop of war) * 1843 USS|Portsmouth|1843|2 (24 gun Sloop of war) * 1848 USS|Saranac|1848|2 (steam sloop) * 1855 USS|Santee|1855|2 (44 gun Frigate) * 1855 LV 1 Lightship… … Wikipedia

List of United States Navy ships, P — P – Pa * USS P. H. Burnett (IX 104) * USS P. K. Bauman (SP 377) * RV Pacific Escort (warship|RV|Pacific Escort I|T AGOR 26|1) * USS Paddle (SS 263) * USS Paducah (PG 18, YTB 758) * USS Page County (LST 1076) * USS Paiute (ATF 159) * USS Pakana… … Wikipedia


USS Pomodon (SS-486) - Explosion

On 21 February 1955, while recharging batteries in the San Francisco Naval Yard, a build-up of hydrogen gas caused an explosion and fire, damaging the submarine and killing five men. TM1(SS) Charles E. Payne earned the Navy Commendation Ribbon with Metal Pendant (later renamed as the Navy Commendation Medal) by his actions in fighting the fire and rescuing the injured. Pasquale Talladino EnD2(SS) received the Navy and Marine Corps Medal. After the third explosion he entered the control room through the conning tower in an attempt to rescue anyone who might still be alive.

Famous quotes containing the word explosion :

&ldquo Frau Stöhr . began to talk about how fascinating it was to cough. Sneezing was much the same thing. You kept on wanting to sneeze until you simply couldn’t stand it any longer you looked as if you were tipsy you drew a couple of breaths, then out it came, and you forgot everything else in the bliss of the sensation. a volte il explosion repeated itself two or three times. That was the sort of pleasure life gave you free of charge. &rdquo
&mdashThomas Mann (1875�)

&ldquo Moderation has never yet engineered an explosion . &rdquo
&mdashEllen Glasgow (1873�)


Descrizione

We are happy to offer a classic style 5 panel custom US Navy submarine SS 486 USS Pomodon embroidered hat.

Per un costo aggiuntivo (e facoltativo) di $ 7,00, i nostri cappelli possono essere personalizzati con un massimo di 2 righe di testo di 14 caratteri ciascuna (spazi inclusi), ad esempio con il cognome, la tariffa e il grado di un veterano sulla prima riga, e anni di servizio in seconda linea.

Our SS 486 USS Pomodon embroidered hat comes in two styles for your choosing. Un tradizionale stile “alto profilo” con chiusura a scatto a becco piatto (con un autentico sottovisiera verde sul fondo del becco piatto) o uno stile moderno "8220profilo medio” con chiusura a velcro a becco curvo & #8220berretto da baseball”. Entrambi gli stili sono “taglia unica”. I nostri cappelli sono realizzati in resistente cotone 100% per traspirabilità e comfort.

Date le elevate esigenze di ricamo su questi cappelli “fatti su ordinazione”, ti preghiamo di attendere 4 settimane per la spedizione.

Se hai domande sulle nostre offerte di cappelli, contattaci al 904-425-1204 o inviaci un'e-mail all'indirizzo [email protected] e saremo felici di parlare con te!


Altre informazioni

From researcher Kathy Franz:

Known as “Jack,” he graduated from Ardsley High School in 1945. Honor Society 9 years Class President ’41, ’43 Class Vice-president ’42 Vice-president Honor Society ’45 Third Degree ’45 J.V. Basketball ’43 Baseball ’43 French Club ’41, ‘42’ Asst. Editor 1944 ARDSLEYAN Student Council ’41, ’42, ’43 Band & Orchestra ’41, ’42, ’43 Ballad for Americans ’41 Interclass Basketball ’41-’42 Softball ’44.

He was survived by his wife, Sylvia Marilyn Hackett, and is buried in California.


Pomodon SS-486 - History

Silent Service Photo Index. Login or Register Sign Our Guest Book Search Subase Pearl Harbor Det 716 "We Served With Honor and Pride" Photo Gallery Silent Service Index Leave A Comment. Silent Service Photo Index. U.S. Navy Submarines Frequently Asked Questions. U.S. Navy Submarines Lost What is unusual about serving on a submarine? A submarine is among the most technologically advanced machines ever built. The combination of computer technology, precision navigation, atmosphere regeneration, sensitive sonar equipment, sound quieting, nuclear power, and precision weapons make for a most unusual environment. World's Biggest Submarines Typhoon Class.

How a World War II Submarine Works (720p) New investment in Successor submarines - News stories. The Successor submarines, which will carry the UK’s strategic nuclear deterrent, will be the largest and most advanced boats operated by the Navy, and their design and construction will be the most technologically complex in the history of the UK. Two contracts worth £47 million and £32 million have been awarded to BAE Systems Maritime-Submarines who are leading on the design of the vessels. The investment will allow BAE Systems, who currently have more than a thousand people working on the Successor programme, to begin work on some initial items for the submarines that are due to replace the Vanguard Class from 2028.

It is essential these items, which include structural fittings, electrical equipment, castings and forgings are ordered now to ensure the submarines are able to meet their in-service date. MOD has also released a picture today which shows for the first time how the early designs of Successor are taking shape. Defence Secretary Philip Hammond said: Fate. Sottomarini. INSIDE LOOK at 21st CENTURY STEALTH SUBMARINE (Full Documentary) HD Quality. World War II Submarine Warfare - rare footage. U Boat War : Documentary on the Submarine Battle of World War 2. USS Sabalo SS-302. USS Pomodon SS-486. USS Clamagrore Walkthru. USS Pomodon (SS-486) USS Pomodon (SS-486), a Tench-class submarine, was the only ship of the United States Navy to be named for the Pomodon (an obsolete synonym for Hemilutjanus) genera of snapper.

Her keel was laid down on 29 January 1945 by the Portsmouth Navy Yard in Kittery, Maine. She was launched on 12 June 1945 sponsored by Mrs. Lorena Neff, and commissioned on 11 September 1945 with Commander Melvin H. Dry in command. Departing Portsmouth 6 January 1946, Pomodon slipped through the Cape Cod Canal and set her course for the Panama Canal Zone for further training. Slipping out of the Submarine Base at New London, Pomodon set her course southward again transited the Panama Canal arriving San Diego, California, on 12 October, and joined Submarine Squadron 3. At the outbreak of hostilities in Korea in July 1950, Pomodon was deployed to Pearl Harbor. Stricken from the Naval Vessel Register on 1 August 1970, Pomodon was sold on 28 December 1971. Photo gallery at navsource.org. USS Cusk SS-348. USS Kamhhameha SSBN-642. The Hunley: The mystery of the Confederate Civil War submarine. For nearly 14 years, scientists, historians and a genealogist have studied the first submarine to sink an enemy vessel.

The H.L. Hunley did just that 150 years ago, February 17, 1864, during the American Civil War. The 40-foot submarine was brought up amid much fanfare off Charleston, South Carolina, in August 2000. Author Clive Cussler and a team discovered the Hunley five years earlier, buried in the sand more than 100 yards beyond its target, the USS Housatonic. Conservators later this year will begin a new process -- filling the tank that holds the Hunley with chemicals that will strip away what is called "concretion": organic material that has coated the hull and interior.

Visitors to a laboratory and exhibit hall in North Charleston, South Carolina, can gaze down on the Hunley on weekends. The large tank is empty when scientists in the Hunley Project are at work. The hull is in pretty good shape, despite exposure to sea currents and elements for decades. Lt. Confederate submarine H.

List of site sources >>>


Guarda il video: USNM Interview of David Hinkel Part Three Service on the USS Pomodon SS 486 and Conclusion of Servic (Gennaio 2022).