Podcast di storia

10 marzo 1943

10 marzo 1943


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

10 marzo 1943

Marzo 1943

1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031
>aprile

Guerra in mare

Il sommergibile tedesco U-633 è affondato con tutto l'equipaggio nel Nord Atlantico



Quonset Point, R. I. – 10 marzo 1943

La mattina del 10 marzo 1943, un aereo PV-1 Ventura della US Navy, (Bu. No. 29834), con cinque uomini a bordo, stava decollando dalla stazione aerea navale di Quonset Point. Il pilota iniziò un normale decollo e mentre l'aereo procedeva lungo la pista iniziò una graduale deriva verso sinistra. L'aereo si è alzato in volo poco prima di raggiungere il bordo sinistro della pista, momento in cui è stato osservato che la punta dell'ala sinistra si abbassa di circa 15 gradi e colpisce un cumulo di neve. Al momento dell'impatto l'ala ha preso fuoco e il velivolo è tornato a terra. Entrambe le eliche hanno colpito il suolo strappando i motori dai loro supporti. La fusoliera in fiamme scivolò lungo il terreno fermandosi a 150 iarde a sinistra della pista. L'aereo è stato completamente consumato dal fuoco.

Un membro dell'equipaggio, Tenente, (Jg.) George L. Mawhinney, morto nell'incidente.

Il pilota e altri due membri dell'equipaggio hanno riportato ustioni di primo e secondo grado. Il quinto membro dell'equipaggio è fuggito con lievi contusioni.


Quonset Point, R. I. – 10 marzo 1943

La mattina del 10 marzo 1943, un aereo PV-1 Ventura della US Navy, (Bu. No. 29834), con cinque uomini a bordo, stava decollando dalla stazione aerea navale di Quonset Point. Il pilota iniziò un normale decollo e mentre l'aereo procedeva lungo la pista iniziò una graduale deriva verso sinistra. L'aereo si è alzato in volo appena prima di raggiungere il bordo sinistro della pista, momento in cui è stato osservato che la punta dell'ala sinistra si abbassa di circa 15 gradi e colpisce un cumulo di neve. Al momento dell'impatto l'ala ha preso fuoco e il velivolo è tornato a terra. Entrambe le eliche hanno colpito il suolo strappando i motori dai loro supporti. La fusoliera in fiamme scivolò lungo il terreno, fermandosi a 150 metri a sinistra della pista. L'aereo è stato completamente consumato dal fuoco.

Un membro dell'equipaggio, Tenente, (Jg.) George L. Mawhinney, morto nell'incidente.

Il pilota e altri due membri dell'equipaggio hanno riportato ustioni di primo e secondo grado. Il quinto membro dell'equipaggio è fuggito con lievi contusioni.


10 marzo 1943 - Storia

STABILIRE LOS ALAMOS
(Los Alamos: Laboratorio, 1942-1943)
Eventi > Riunire tutto, 1942-1945

L'ultimo collegamento nella vasta rete del Progetto Manhattan è stato il ricerca e sviluppo di bombe laboratorio a Los Alamos, situato nelle montagne del New Mexico settentrionale. Nome in codice "Progetto Y", il laboratorio che progettò e produsse le prime bombe atomiche iniziò a prendere forma nella primavera del 1942 quando James Conant suggerito a Vannevar Bush che il Ufficio per lo sviluppo scientifico e della ricerca e l'esercito forma un comitato per studiare lo sviluppo della bomba. Bush acconsentì e inoltrò la raccomandazione al vicepresidente Henry Wallace, al segretario alla guerra Henry Stimson e al generale George Marshall (il Top Policy Group). Al momento della sua nomina a fine settembre, Leslie Groves aveva l'ordine di istituire un comitato per studiare le applicazioni militari della bomba. Nel frattempo, tra gli scienziati del Progetto Manhattan stava crescendo il sentimento che la ricerca sul progetto della bomba doveva essere coordinata meglio. Robert Oppenheimer, tra l'altro, ha sostenuto una struttura centrale in cui il lavoro teorico e sperimentale potesse essere condotto secondo protocolli scientifici standard. Ciò assicurerebbe la precisione e la velocità di progresso. Oppenheimer suggerì che il laboratorio di progettazione della bomba operasse segretamente in un'area isolata ma consentisse il libero scambio di idee tra gli scienziati dello staff. Groves accettò il suggerimento di Oppenheimer e iniziò a cercare un luogo appropriato. Entro la fine dell'anno, si erano stabiliti in un luogo improbabile per il laboratorio: una scuola maschile isolata su un'altura nelle montagne Jemez (mappa a sinistra).

Groves scelse Oppenheimer per dirigere il nuovo laboratorio. Ha dimostrato di essere un regista eccellente nonostante le preoccupazioni iniziali per la sua inesperienza amministrativa, le simpatie politiche di sinistra e la mancanza di un premio Nobel quando diversi scienziati che avrebbe diretto sono stati vincitori. Oppenheimer insistette, con un certo successo, che gli scienziati di Los Alamos rimanessero il più possibile una comunità accademica, e si dimostrò abile nel soddisfare i bisogni emotivi e intellettuali del suo staff altamente distinto. Sebbene Oppenheimer e Groves fossero di temperamento completamente diverso, hanno lavorato bene insieme. L'alleanza Groves-Oppenheimer, sebbene non di intimità, era caratterizzata dal rispetto reciproco ed era un fattore importante nel successo del Progetto Manhattan.

Oppenheimer ha avuto la possibilità di mostrare presto le sue capacità di persuasione quando ha dovuto convincere gli scienziati, molti dei quali già profondamente coinvolti nella ricerca bellica nei laboratori universitari, a unirsi alla sua nuova organizzazione. A complicare il suo compito c'erano i piani iniziali per far funzionare Los Alamos come laboratorio militare. Oppenheimer accettò la logica di Groves per questo accordo, ma temeva che la catena di comando militare fosse inadatta al processo decisionale scientifico e presto scoprì che gli scienziati si opponevano a lavorare come ufficiali incaricati. Il problema è giunto al culmine quando Oppenheimer ha cercato di convincere Robert F. Bacher e Isidor I. Rabi (all'estrema destra nell'immagine a sinistra) del Radiation Laboratory del Massachusetts Institute of Technology a unirsi al team di Los Alamos. Nessuno dei due pensava che un ambiente militare fosse favorevole alla ricerca scientifica. Su richiesta di Oppenheimer, Conant e Groves scrissero una lettera spiegando che la ricerca segreta relativa alle armi aveva autorità presidenziale ed era della massima importanza nazionale. La lettera prometteva che il laboratorio sarebbe rimasto civile fino al 1943, quando si riteneva che le maggiori esigenze di sicurezza avrebbero richiesto la militarizzazione delle fasi finali del progetto (in effetti, la militarizzazione non ebbe mai luogo). Oppenheimer avrebbe supervisionato tutto il lavoro scientifico e l'esercito avrebbe mantenuto il posto e fornito sicurezza (sotto).

Oppenheimer trascorse i primi tre mesi del 1943 instancabilmente attraversando il paese nel tentativo di mettere insieme uno staff di prim'ordine, uno sforzo che si rivelò di grande successo. Anche Bacher firmò, sebbene promise di dimettersi nel momento in cui sarebbe avvenuta la militarizzazione Rabi, sebbene non si fosse trasferito a Los Alamos, divenne un prezioso consulente. Non appena Oppenheimer arrivò a Los Alamos a metà marzo, iniziarono ad arrivare reclute dalle università di tutti gli Stati Uniti, tra cui California, Minnesota, Chicago, Princeton, Stanford, Purdue, Colombia, Iowa State e il Massachusetts Institute of Technology, mentre altri ancora provenivano dal Met Lab e il National Bureau of Standards. Praticamente da un giorno all'altro Los Alamos è diventata una città in espansione di frontiera di torri d'avorio, come scienziati e le loro famiglie, insieme a acceleratori di particelle e altre apparecchiature sperimentali, tra cui due generatori Van de Graaff, a Macchina Cockroft-Walton, e a ciclotrone, arrivava alla moda delle carovane alla stazione ferroviaria di Santa Fe e poi si faceva strada fino alla mesa lungo l'unica strada primitiva. Lo staff comprendeva molte stelle contemporanee e future della comunità scientifica, tra cui Luis Alvarez, Hans Bethe, Norris Bradbury, Enrico Fermi, Richard Feynman, Eric Jette, George Kistiakowsky, Seth Neddermeyer, John von Neumann, Emilio Segrè, Cyril Smith, Edward Teller, Victor Weisskopf, Robert Wilson e molti altri. Nella primavera del 1943 arrivò a Los Alamos anche un consistente contingente di scienziati britannici. È stata una straordinaria collezione di talenti e macchinari che ha stabilito questo remoto avamposto del Progetto Manhattan.

Prossimo


La decima divisione da montagna nella seconda guerra mondiale:

– Arrivato in Italia il 6 gennaio 1945 e subito entrato in combattimento

– Combattuto nei terreni più impervi d'Italia durante la seconda guerra mondiale

– Vide combattimenti a Cutigliano, Battaglia di Monte Castello, Monte Della Torraccia-Monte Belvedere, Canolle, Mongiorgio, Torbole e Nago.

– 992 uccisi in azione

– 4.154 feriti in azione

– 114 giorni di combattimento

– 1 Medaglia d'Onore (John D. Magrath)

Truppe moderne della decima divisione da montagna.

– 3 croci di servizio distinto

– 1 Distinguished Service Meda

– 449 Medaglie Stella d'Argento

– 7 Medaglie della Legione al Merito

– 15 medaglie del soldato

– 7.729 Stella di Bronzo

– La divisione ha ricevuto due streamer della campagna

(trailer della storia della decima divisione da montagna chiamata “fuoco sulla montagna”)

L'obiettivo era chiaro: sconfiggere i nazisti trincerati sulle montagne innevate d'Italia. Riunendo un gruppo d'élite di campioni di sci, alpinisti e alpinisti europei, l'esercito degli Stati Uniti ha creato la 10th Mountain Division, l'unica unità americana di combattimento di montagna e di guerra invernale. Dall'allenamento intensivo in cima alle Montagne Rocciose del Colorado alla spettacolare salita notturna della Riva Ridge in Italia - dove il 10° ha segnato la loro più grande vittoria contro le truppe di Hitler - Fire on the Mountain racconta l'emozionante storia di questi uomini robusti e coraggiosi in tutta la loro gloria. – Film Fuoco in montagna


Questo è quello che è successo al primo americano trattato con la penicillina

La "meravigliosa muffa che salva la vita", come ha detto il TIME, è stata scoperta per la prima volta da Alexander Fleming nel 1928, ma sarebbe passato più di un decennio prima che il primo paziente americano fosse trattato con penicillina in questo giorno, 14 marzo. , nel 1942.

La paziente era una donna di nome Anne Miller. La diagnosi fu setticemia, nota anche come avvelenamento del sangue, che l'aveva lasciata quasi morta per un'infezione seguita a un aborto spontaneo. Aveva avuto la febbre di almeno 103° per diverse settimane, secondo Eric Lax’s La muffa nel cappotto del dottor Florey: la storia del miracolo della penicillina, e anche la chirurgia e le trasfusioni di sangue non avevano aiutato. Per caso, un altro paziente dell'ospedale che si prendeva cura di Miller conobbe uno scienziato britannico che in quel momento stava lavorando allo sviluppo della penicillina in un farmaco commerciabile.

Il medico di Miller ha usato quella connessione per convincere il governo, che aveva uno stretto controllo sui farmaci chiave durante la guerra, a rilasciare circa un cucchiaio di penicillina per il suo paziente. Era, riferisce Lax, la metà dell'intero negozio di antibiotici in tutti gli Stati Uniti.

Nel giro di un giorno la sua temperatura è tornata alla normalità. Miller è guarito.

Perché c'è voluto così tanto tempo prima che il farmaco, che era già stato testato nel Regno Unito, arrivasse negli Stati Uniti? Una delle ragioni, notò il TIME nel 1941, era che era "difficile e costoso estrarre" dalla sua fonte di muffa originale e non era disponibile in forme sintetiche ogni volta che gli scienziati volevano produrre penicillina, dovevano aspettare che si formasse una nuova muffa. crescere. Alcuni dei primi pazienti sottoposti a test in Inghilterra erano morti dopo che sembravano riprendersi perché non c'era abbastanza farmaco per completare il corso di medicina. Anche nel 1943, la penicillina prodotta negli Stati Uniti era sufficiente per curare circa 30 persone.

Presto cambiò. Dopo che divenne chiaro che il farmaco poteva aiutare i feriti nella seconda guerra mondiale, l'Army Medical Corps chiese rapidamente che ne venisse prodotto altro. Nel maggio del 1944, si stava facendo abbastanza perché i civili potessero finalmente accedervi. “La penicillina,” annotava il TIME in una storia di copertina su Alexander Fleming quell'anno, “salverà più vite di quante ne spenda la guerra.”

Leggi TIME che affrontano “la droga miracolosa del 1943,” qui nel TIME Vault:Penicillina


6. Blizzard del giorno dell'armistizio

11 novembre – 12, 1940 154 morti

Un'altra tempesta situata nel Midwest, la Blizzard del Giorno dell'Armistizio, ha portato la neve, ma anche raffiche di vento che avrebbero sicuramente mandato un brivido lungo la schiena. Comprendendo Minnesota, Wisconsin, Michigan, Nebraska e South Dakota, la tempesta ha portato fino a 27 pollici di neve in alcune località, accompagnata da venti a 80 miglia all'ora e 20 piedi. cumuli di neve. Come se i venti non fossero abbastanza, si dice che le temperature scendano di ben 50 gradi.

Poiché metà novembre è conosciuta come la stagione della caccia alle anatre per molti, 25 cacciatori sono morti a causa della tempesta a causa della mancanza di preparazione. Si dice anche che 66 marinai siano morti sul lago Michigan, così come altri decessi per un totale di 154.


Il diario di guerra di Will S. Arnett, primo tenente USAAF: 10 marzo 1943

La seguente storia appare per gentile concessione e grazie a Will Seaton Arnett, 1st Lt. USAAF e John S. Green.

Informato alle 9 di questa mattina per un raid in Sardegna ma è stato rinviato a causa del maltempo.

Alle 12:30 siamo stati nuovamente informati di bombardare un aeroporto vicino a Tunisi. Ci siamo coordinati con il 97esimo. Avevano 40 aerei e noi ne avevamo 36 in volo. Sono un sacco di B-17 se me lo chiedi e tutti carichi di bombe a frammentazione.

Hanno bombardato un drome e noi ne abbiamo bombardato un altro.

C'era qualche difetto ma era lontano. C'erano un certo numero di combattenti, ma pochi di loro sono entrati.

Oggi sono stato copilota del capitano Bruce Edmonds.

Ha lavorato come un inferno tutto il giorno costruendo una porta e un tavolo nella nostra tenda.

Ma oggi era quello che stavo aspettando. Tutti i secondi Lt. fatto 1 Lt. tranne due o tre. I co-piloti hanno indossato l'oro per esattamente 9 mesi e 19 giorni e fratello che è molto tempo considerando tutto.

Le nostre promozioni sono entrate in vigore il 2 marzo.

Continua...
"Questa storia è stata inviata al sito People's War dal team People's War della BBC Radio Merseyside per conto dell'autore ed è stata aggiunta al sito con il suo permesso. L'autore comprende pienamente i termini e le condizioni del sito.'

© Il copyright dei contenuti forniti a questo archivio spetta all'autore. Scopri come puoi usarlo.

Questa storia è stata inserita nelle seguenti categorie.

La maggior parte dei contenuti di questo sito è creata dai nostri utenti, che sono membri del pubblico. Le opinioni espresse sono le loro e, se non diversamente specificato, non sono quelle della BBC. La BBC non è responsabile per il contenuto di eventuali siti esterni a cui si fa riferimento. Nel caso in cui ritieni che qualcosa in questa pagina violi le regole della casa del sito, fai clic qui. Per qualsiasi altro commento, per favore Contattaci.


10 marzo 1943 - Storia

Espandi la tua ricerca controllando le directory storiche online della Carolina del Nord qui.

Non sei sicuro di quale contea fa parte la tua città, paese o villaggio? Dai un'occhiata al localizzatore di città/contee di RootsWeb qui.

Contea e città
Nome del giornale
Anni coperti
Costo
Risorsa
Alamance - Graham
Spigolatrice Alamance
1881 - 1910
Gratuito
Archivio notizie di Google
Almance - Mebane
Leader di mebane
1911 - 1915
Gratuito
Collezione DigitalNC
Anson - Wadesboro
Anson Record
1955 - 1968
1970
1972 - 1981
Gratuito
Archivio notizie di Google
Anson - Wadesboro
Anson Record e il Messaggero e Intelligencer
1981 - 1982
Gratuito
Archivio notizie di Google
Chowan - Edenton
Edenton Gazzetta
1800 - 1801
Gratuito
Archivi di Stato della Carolina del Nord
Chowan - EdentonEdenton Intelligencer
1788
GratuitoArchivi di Stato della Carolina del Nord
Chowan - Edenton Insegnante di enciclopedia1800GratuitoArchivi di Stato della Carolina del Nord
Chowan - Edenton
Gazzetta della Carolina del Nord
1787GratuitoArchivi di Stato della Carolina del Nord
Chowan - Edenton
La Gazzetta della Carolina del Nord o Edenton Intelligencer1787
GratuitoArchivi di Stato della Carolina del Nord
Chowan - Edenton
Post Angelo
1800
GratuitoArchivi di Stato della Carolina del Nord
Craven - Nuova Berna
Repubblica federale della Carolina
1809 - 1818
$
GenealogiaBanca
Craven - Nuova Berna
Martin's North Carolina Gazette e New Bern Advertiser
1787Gratuito
Archivi di Stato della Carolina del Nord
Craven - Nuova Berna
Messaggero del mattino
1807 - 1808
$
GenealogiaBanca
Craven - Nuova Berna
Newbern Gazette
1798 - 1801Gratuito
Archivi di Stato della Carolina del Nord
Craven - Nuova BernaNewbern Herald
1809 - 1810
$
GenealogiaBanca
Craven - Nuova Berna
Sentinella di Newbern
1818 - 1828
$
GenealogiaBanca
Craven - Nuova BernaLa Gazzetta della Carolina del Nord
1751 - 1753
1757
1759
1768 - 1778
Gratuito
Archivi di Stato della Carolina del Nord
Craven - Nuova Berna
North Carolina Gazette e New Bern Advertiser
1785 - 1787
Gratuito Archivi di Stato della Carolina del Nord
Craven - Nuova Berna
North Carolina Gazette o Imparziale Intelligencer e inserzionista generale settimanale
1783 - 1784
Gratuito
Archivi di Stato della Carolina del Nord
Craven - Nuova Berna
Rivista della Carolina del Nord
1764 - 1765
GratuitoArchivi di Stato della Carolina del Nord
Craven - Nuova Berna
Sentinella della Carolina del Nord
1827 - 1836
$GenealogiaBanca
Craven - Nuova Berna
Gazzetta dello Stato della Carolina del Nord
1787 - 1799
$
GenealogiaBanca
Craven - Nuova Berna
vero repubblicano
1810 - 1811
$
GenealogiaBanca
Cumberland - Fayetteville
americano
1816 - 1827
$
GenealogiaBanca
Cumberland - Fayetteville
Fayetteville Gazette
1789
1792 - 1793
Gratuito
Archivi di Stato della Carolina del Nord
Cumberland - Fayetteville
Osservatore di Fayetteville
1851 - 1853
1861 - 1865
Gratuito
Collezione DigitalNC
Cumberland - Fayetteville
Voce
(Università Statale di Fayetteville)
1946 - 1965
1973 - 1992
1995
1997 - 1998
2001 - 2002
2005 - 2006
2008
2010 - 2011
Gratuito
Collezione DigitalNC
Cumberland - Fayetteville North Carolina Centinel
1795Gratuito
Archivi di Stato della Carolina del Nord
Cumberland - Fayetteville Cronaca della Carolina del Nord
1790 - 1791
Gratuito
Archivi di Stato della Carolina del Nord
Durham - Durham
Campus Echo > Golden Echo > Inaugural Echo > Summer Echo > Eagle
(Università centrale della Carolina del Nord)
1927 - 1929
1936 - 1937
1939 - 1940
1947 - 1949
1952 - 1958
1960 - 1969
Gratuito
Collezione DigitalNC
Durham - Durham
Carolina Times
1937 - 1943
1949 - 1950
Gratuito
Collezione DigitalNC
Edgecombe - Monte Roccioso
Record del Monte Roccioso
1906Gratuito
Collezione DigitalNC
Edgecombe - Monte Roccioso
Reporter settimanale
1884
Gratuito
Collezione DigitalNC
Forsyth - Winston-Salem
Notizie Argo
(Università statale di Winston-Salem)
1962 - 2011
GratuitoCollezione DigitalNC
Forsyth - Winston-Salem
Winston-Salem Journal
1898 - 1929
$GenealogiaBanca
Guilford - Greensboro

Segnala errori e collegamenti interrotti o invia suggerimenti per nuove inserzioni qui.


Storia dell'unità

Il 20th Engineer Battalion (Mech) ha una storia ricca e colorata che risale all'inizio del coinvolgimento americano nella prima guerra mondiale. Dall'Inghilterra e dalla Francia nella prima guerra mondiale, attraverso il Nord Africa francese e la Sicilia, attraverso Omaha Beach e nel profondo L'Europa nella seconda guerra mondiale, di nuovo in Germania durante la crisi di Berlino, attraverso le giungle del Vietnam, e le sabbie dell'Arabia Saudita e dell'Iraq, la lotta agli incendi in Idaho e Montana, e le operazioni di pace in Bosnia-Erzegovina, i soldati e gli ufficiali della Il 20th Engineer Regiment and Battalion ha valorosamente servito come una delle unità più orgogliose dell'esercito degli Stati Uniti. Questa storia è dedicata a quegli ufficiali e uomini che si sono addestrati, hanno combattuto e sono morti come membri del Battaglione Lumberjack.

Il 20° Reggimento Ingegneri fu formato dall'Ordine Generale numero 108 il 15 agosto 1917. Tale Ordine Generale autorizzò la formazione del 20° Reggimento Ingegneri (Silvicoltura) a Camp American nel campus dell'Università Americana a Washington, Distretto di Columbia sotto il comando del colonnello WA Mitchell. Il reggimento doveva essere riempito dal Corpo di riserva del genio arruolato reclutando dal servizio forestale del governo e dal progetto di servizio selettivo. Poiché lo spazio era limitato a Camp American, molte delle 20e truppe erano accampate a Fort Meyer e Fort Belvoir, in Virginia. La leva degli Stati Uniti riempì i ranghi del reggimento appena formato a partire dall'11 ottobre 1917 e molti dei reclutati erano boscaioli stagionati delle foreste del nord-est. Nella sua forma finale, circa un anno dopo l'organizzazione, il reggimento era costituito da un quartier generale del reggimento, 14 quartier generali di battaglione, 49 compagnie forestali, 28 compagnie di servizi di ingegneria (forestali) e due battaglioni di servizi di ingegneria annessi. Il personale totale era di 368 ufficiali e 19.385 uomini arruolati. Inoltre, c'erano 146 ufficiali e 10.760 uomini appartenenti a unità di quartiermastro che lavoravano sotto la direzione del 20° Genio.

Prima della formazione del 20° Genio, l'esercito aveva iniziato a costituire società di ingegneri forestali e stradali nel maggio 1917. Queste società erano costituite interamente da volontari anche se in seguito i coscritti dell'industria forestale riempirono i ranghi delle compagnie forestali. Ogni compagnia era composta da 250 uomini. Una di queste società, la 49th Company, fu ottenuta successivamente dalle unità di segheria del New England che furono inviate nell'Old England all'inizio dell'estate del 1917 per tagliare il legname per il governo britannico. Compagnie di ingegneri forestali e stradali, in seguito per costruire il nucleo del 20° Reggimento Ingegneri, schierate al Teatro Europeo prima della formazione del 20° Reggimento Ingegneri a Camp American.

Queste compagnie, sebbene formate da segherie del New England, avevano soldati che rappresentavano tutti i 48 stati dell'Unione. Le compagnie iniziarono a tagliare in un mulino francese nelle montagne del Giura il 26 novembre 1917 come primi boscaioli dell'American Expeditionary Force (AEF) a fornire legname per lo sforzo bellico. Sono stati istituiti sotto la sezione forestale come parte dell'ufficio del capo ingegnere, American Expeditionary Force. Il generale Taylor ha servito come capo ingegnere. Il 25 settembre 1917, la loro responsabilità fu cambiata nell'Ufficio per le forniture degli ingegneri.

Anche un battaglione di genieri forestali separato arrivò in Francia prima della formazione del 20 ° reggimento di ingegneri forestali. Il 10° Genio arrivò a Nevers il 9 ottobre 1917 e il 27 novembre 1917 iniziò ad operare il suo mulino a Mortumier vicino a Gien. Il primo battaglione assegnato al Reggimento arrivò il 28 novembre 1917 e iniziò le operazioni il 15 gennaio 1918 a Mur-De-Sologne. Tutte le unità forestali furono riunite il 18 ottobre 1918.

Entro l'11 novembre 1918, il 20th Engineer gestiva 81 segherie e produceva ogni giorno 2.000.000 di piedi di tavola di legname e prodotti tondi. A partire dal 1 dicembre 1918, il reggimento aveva tagliato 272.500.000 piedi di legname, inclusi 2.728.000 traversine ferroviarie. Sebbene l'ufficiale medico del reggimento avesse avvertito che i boscaioli del 20° Ingegnere venivano lavorati troppo duramente, una quantità crescente di legname continuava a essere prodotta mensilmente.2

I battaglioni del 20° reggimento genio hanno storie distinte e vale la pena menzionarli qui. Segue una breve storia di ciascuno dei battaglioni, ausiliari, della banda reggimentale e del Corpo forestale canadese.

1° Battaglione, 20° Reggimento Genitori (Silvicoltura)

Il 1 ° Battaglione è stato organizzato con il 20 ° Reggimento Genieri a Camp American il 28 agosto 1917. Il 1 ° Battaglione è stato organizzato da soldati del 10 ° Genio dopo la loro partenza per la Francia il 9 settembre. Per tutto il settembre e l'ottobre 1917, i due battaglioni originari del 20°, il 1° e il 2° battaglione, condussero esercitazioni ravvicinate, guardia interna ed esercizio fisico. Sempre in linea con i tempi, il 1° Battaglione addestrava i suoi soldati su una corretta igiene personale poiché molti soldati appena reclutati mancavano di quelle abilità di base.

L'11 novembre 1917 il 1° e il 2° battaglione lasciarono Camp American e si imbarcarono sulla U.S.S. Madawaska. Il Madawaska un tempo apparteneva ai tedeschi come nave di linea nota come “Konig Wilhelm II.” Entrambi i battaglioni arrivarono a St. Nazaire il 28 novembre. Da qui, il 1 ° battaglione sarebbe stato separato in tutta la Francia per il dovere di selvicoltura. Le compagnie A e C furono assegnate al distretto di Dax, appena formato quaranta miglia a sud di Pontenx, nella parte settentrionale della regione. La compagnia B è stata inviata nella Francia centrale. La sede del distretto è stata stabilita a Dax in un'ex arena. L'esistenza di un'arena, non una caratteristica tipica in Francia, era dovuta alla stretta vicinanza della città al confine spagnolo.

“Durante l'estate del 1918 la forza del distretto fu accresciuta dall'arrivo della Sedicesima Compagnia di Servizio (di colore) che fu assegnata al campo di Arengosse.”[i] L'area ospitò anche membri del 6° Battaglione e persino diverse unità del Corpo forestale canadese. La registrazione continuò per tutta la guerra fino alla firma dell'armistizio. A questo punto il 1° Battaglione assunse compiti di costruzione di strade, ma a marzo cedettero il Distretto di Dax al 4° Battaglione. Il 21 marzo 1919, il 1° Battaglione si imbarcò sul trasporto Roanoke diretto a Hoboken, nel New Jersey. Vi sbarcarono il 18 aprile 1919.

2° Battaglione, 20° Reggimento Genitori (Silvicoltura)

Il 2º Battaglione, 20° Reggimento Genio (Forestale), come il 1º Battaglione, era uno dei battaglioni originali del reggimento. I battaglioni si addestrano, si esercitano e si preparano per il movimento all'estero strettamente allineati con il 1° battaglione. A differenza del 1° Battaglione, però, il 2° Battaglione era composto da soldati degli stati occidentali. Molti degli ufficiali e dei soldati provenivano dal Pacifico nord-occidentale e il battaglione divenne noto in tutto il reggimento come Battaglione “Native Son”.

Dopo un paio di settimane a St. Nazaire, il battaglione ricevette l'ordine di viaggiare nelle sue varie parti della Francia. Le compagnie D ed E con un distaccamento della compagnia F furono inviate nella regione dei Vosgi nel nord-est della Francia. Il resto della compagnia F fu incaricato di unirsi al 1 ° battaglione a Dax nel sud-ovest. Il quartier generale del 2° battaglione fu stabilito nella città di Epinal. Qui sono state gestite tutte le attività forestali della Advance Zone. Il distretto di Epinal comprendeva tutta quella parte della zona di avanzamento che si affacciava sulla Lorena e le regioni di St. Mihiel e Argonne.ii

La compagnia E fu pioniera in quello che doveva essere il più grande campo forestale in Francia, ad eccezione dell'Area Bruciata. Si trovavano nella città di Eclaron, a sette miglia da St. Dizier, nell'Alta Marna. Il 24 gennaio 1918 furono raggiunti dai soldati della Compagnia B del 3° Battaglione. La posizione della segheria per queste unità non era lontana dalle linee nemiche e la segheria non era immune dai raid aerei tedeschi. Fortunatamente nessun soldato è mai stato ucciso durante i raid aerei, probabilmente a causa di sistemi d'arma relativamente inefficaci utilizzati dai biplani tedeschi, tuttavia, il diamante da baseball della compagnia ha subito danni durante uno degli attacchi aerei.

Dopo la firma dell'armistizio, il 2° battaglione salpò verso casa con il 1° battaglione a bordo della Roanoke e arrivò a Hoboken il 18 aprile 1919.

3° Battaglione, 20° Reggimento Genitori (Silvicoltura)

Il 3° battaglione fu formato all'inizio dell'ottobre 1917 da reclute arrivate troppo tardi per riempire il 1° e il 2° battaglione. Poiché il 1° e il 2° battaglione non lasciarono il campo americano come previsto, lo spazio in quel campo era limitato. Il 3° Battaglione si trasferì a Fort Belvoir, poi un campo ROTC sul lato della Virginia del Potomac, a circa 20 miglia a sud di Washington, DC Il 19 novembre, il 3° fu diviso a metà, una metà tornò a Camp American per formare il nuovo battaglione autorizzato 4° Battaglione mentre l'altra metà rimase a Belvoir come 3°. Per il Giorno del Ringraziamento, 1917, il 3° era al completo.

Con Fort Belvoir troppo angusto per un battaglione completamente attrezzato, il 3° si trasferì a Fort Myer, in Virginia. Qui il battaglione ha completato il suo addestramento. Il 3 ° a Fort Myer ha avuto grandi difficoltà con la malattia e la parotite, il morbillo e la scarlattina imperversavano nel forte, ma il 2 gennaio 1918 il battaglione si trasferì a Jersey City, nel New Jersey, per salpare per la Francia. Si unirono al 4° battaglione sulla U. S. S. America e salparono per Brest.

Il 3° battaglione arrivò a Brest il 17 gennaio 1918. Da Brest il battaglione fu diviso e la compagnia A accompagnò il quartier generale del battaglione a Digione. La compagnia B fu inviata verso est nella regione dell'Alta Marna dove si unì alla compagnia E del 2 ° battaglione nell'operazione di St. Dizier. La società C ha disegnato la lavorazione del legno duro a Sauvigney les Gray nell'alta valle della Saona sotto l'amministrazione di Digione.

Dopo la firma dell'armistizio, elementi del 3° Battaglione continuarono la produzione di combustibile pesante. Nel marzo 1919 le operazioni del campo furono completate e il battaglione iniziò i preparativi per il viaggio di ritorno negli Stati Uniti. Il battaglione marciò verso Genicourt, attraversò St. Nazaire e si imbarcò sul trasporto convertito in Holland America Zeelandia. Il trasporto attraccò a Newport News, Virginia il 23 maggio 1919. Il quartier generale del battaglione e una compagnia rimasero in Francia e salparono il 14 maggio a bordo della Santa Paula. Attraccarono a New York il 28 maggio e furono sciolti a Camp Merritt.ii

4° Battaglione, 20° Reggimento Genitori (Silvicoltura)

Il 4° Battaglione, 20° Reggimento Genio fu autorizzato il 28 settembre 1917 da una comunicazione del Capo di Stato Maggiore dell'Esercito al Capo del Genio. Il 4° era formato da metà del 3° Battaglione che si stava addestrando a Fort Belvoir, in Virginia. Entro il 27 novembre, il 4 era a pieno regime e iniziò a perforare in preparazione per il movimento all'estero. Il 4th salpò il 4 gennaio 1918 a bordo dell'America.

Il 4° Battaglione sbarcò il 20 gennaio 1918 e iniziò un periodo di quarantena nella vecchia caserma napoleonica di Pontanezen. Come gli altri battaglioni, le compagnie furono separate prima di spostarsi nell'entroterra. La società D è stata inviata a Marchenoir. Il quartier generale delle compagnie E e F fu inviato nelle Landes, a sud di Bordeaux.

Dopo 16 mesi di separazione, il 4 si riunì l'11 maggio 1919 a Bordeaux. In quel giorno salparono con elementi del 3° Battaglione a bordo della U. S. S. Zeelandia e sbarcarono a Newport News, in Virginia, il 23 maggio 1919. Il 4° fu disattivato a Camp Alexandria, in Virginia.

5° Battaglione, 20° Reggimento Genitori (Silvicoltura)

Il 5th Battalion, 20th Engineer Regiment (Forestry) è stato formato a Fort Belvoir, in Virginia. Le tre compagnie del battaglione furono organizzate il 5 dicembre 1917 e il distaccamento del quartier generale seguì una settimana. Anche in questo caso molti soldati di questo battaglione furono reclutati dal nord-ovest, ma erano rappresentati quasi tutti i 48 stati.

Dopo sei settimane di addestramento, il 5° fu preparato per il movimento all'estero, ma prima che potessero schierare il battaglione fu incaricato di costruire una strada di assi da Fort Belvoir a Camp Humphreys. Resistendo a condizioni meteorologiche estremamente rigide, il battaglione completò la strada dell'asse e fu nuovamente preparato per il movimento oltremare il 10 gennaio 1918 con il 6 ° battaglione a bordo del Tuscania. Tuttavia, il destino sarebbe intervenuto. Si è manifestato un caso di meningite e il battaglione è stato messo in quarantena per un periodo annullando l'imbarco, salvando così il 5° battaglione dalla tragedia del 6° battaglione a bordo del Tuscania.

Il 25 gennaio 1918, il 5th marciò verso Mount Vernon diretto a Washington dove occuparono le baracche recentemente liberate dal 6th a Camp American. Il 29 gennaio, il Battaglione si trasferì a Jersey City, nel New Jersey, e si imbarcò sulla U.S.S. Calamares, un mercantile convertito. Il 17 febbraio il battaglione arrivò a Brest e fu sciolto. Il quartier generale del distaccamento fu incaricato di assumere il controllo del nuovo distretto nella valle della Loira, a 100 miglia a sud di Parigi. Le società A e B sono state incaricate di operare in questo distretto.

Dopo l'armistizio, gli elementi del 5 ° hanno assunto i mulini del 10 ° ingegnere in partenza vicino a Mortumier vicino alla sede del distretto di Gien. Il 5° battaglione si riunì il 10 maggio 1919 a Nantes, ma le compagnie non salparono insieme. Il battaglione si imbarcò sui trasporti Princess Matoika e Henry R. Mallory per il viaggio di ritorno. Th Matoika salpò per Charleston, South Carolina. Elementi del 5th vi sbarcarono il 23 giugno 1919 e si divisero in distaccamenti a Camp Jackson, South Carolina. Le compagnie furono quindi inviate a Camp Lewis, Washington a causa del numero sproporzionato di soldati della costa del Pacifico. Il Mallory salpò per Brooklyn e vi sbarcò il 28 maggio 1919. Il 5° Battaglione subì solo due perdite a causa del fuoco nemico quando due ufficiali furono uccisi dal fuoco di mitragliatrici nemiche vicino a un mulino a Varennes il 5 ottobre 1918.

6° Battaglione, 20° Reggimento Genitori (Silvicoltura)

Il 7 dicembre 1917 fu organizzato il 6° Battaglione, 20° Reggimento Ingegneri. La formazione iniziò a Fort Myer, in Virginia, per lo più di uomini lasciati indietro dai battaglioni precedentemente partiti. Il 6° si trasferì a Camp American subito dopo Natale, ma non raggiunse la piena forza fino a poco dopo il nuovo anno, quando arrivarono 600 nuovi boscaioli dal Pacifico nord-occidentale e dalla regione dei Grandi Laghi. Il 6 si spostò a piedi da Camp American a Fort Myer, dove presero il treno per New York. A New York il battaglione insieme ad elementi di diversi squadroni aerei si imbarcò sullo sfortunato trasporto Tuscania. (vedi pagine 16-17)

Dopo l'arrivo del battaglione in Francia il 24 marzo 1918, si trasferì a Castets dove sarebbe rimasto fino all'ottobre 1918. A Castets il 6° ebbe il dubbio onore di essere assegnato al British Forestry Service. Tutte e tre le compagnie rimasero entro cinque chilometri l'una dall'altra, centrate intorno alla città. Il battaglione, noto come “the Fighting Sixth”, a quanto pare è stato onorato in questo modo non per la loro abilità in trincea, ma a causa della mancanza di continuità tra gli ufficiali incaricati del battaglione. In ottobre, il 6 ha ceduto interamente le operazioni a Castets agli inglesi e si è trasferito a Catieux e Labrit. Dopo l'armistizio, la macinazione fu interrotta e iniziò la bonifica.

Il “Fighting Sixth” lasciò Genicourt l'11 maggio 1919 e si imbarcò sul trasporto Santa Paula. Indubbiamente molti dei soldati erano stanchi del viaggio di ritorno poiché il loro viaggio in Francia era stato segnato dalla tragedia del Tuscania. Il 28 maggio 1919 il 6th tornò negli Stati Uniti e si trasferì a Camp Merritt e si sciolse.

7° Battaglione, 20° Reggimento Genitori (Silvicoltura)

Il 7° Battaglione, 20° Reggimento Ingegneri fu organizzato a Camp American il 15 gennaio 1918. Consisteva di tre compagnie forestali, un distaccamento del quartier generale e un distaccamento medico. Il battaglione era comandato da MAJ C. E. Clark di Wilmington, North Carolina. Dopo il periodo obbligatorio di perforazione e preparazione, il battaglione è salito a bordo del trasporto Pastores. Il 7° era accompagnato da sostituzioni del 1° e 2° battaglione già in Francia.

Il 4 marzo 1918 il battaglione sbarcò a St. Nazaire per l'accampamento. Dopo pochi giorni il battaglione ricevette l'ordine di essere arruolato nell'esercito francese. Il 7°, come la maggior parte degli altri battaglioni, fu separato. La compagnia B è stata inviata a Blois, Loire et Cher. Il quartier generale e la società A hanno proceduto a Chateauroux, Indre. La compagnia C è passata ad Ardentes. Ogni compagnia iniziò le operazioni di disboscamento per rifornire l'esercito francese al fronte. Il battaglione continuò l'attaccamento all'esercito francese fino al 1 febbraio 1919, quasi tre mesi dopo la firma dell'armistizio.

Dopo la riassegnazione all'American Expeditionary Force, il battaglione era sicuro che sarebbe salpato per gli Stati Uniti in qualsiasi momento, tuttavia, l'esercito aveva altre intenzioni per il battaglione. Il battaglione è stato riassegnato per ricostruire e riparare le strade. Dal 1 agosto 1918 il battaglione era stato comandato dal CPT H. A. Maas, ex comandante della compagnia A. Una volta che il battaglione iniziò la riparazione della strada, fu assegnato come ufficiale distrettuale incaricato del lavoro di ingegneria nelle vicinanze. Al distretto fu assegnata anche una compagnia dell'816° Fanteria Pioneer.

Il 16 maggio 1919 il battaglione si trasferì a St. Nazaire e si imbarcò sul Kroonland. Il battaglione è arrivato a Hoboken, è andato in traghetto a Jersey City, e poi in treno a Tenafly. Il battaglione marciò quindi a Camp Merritt. Poiché gran parte del 7° Battaglione era stato formato in California, fu inviato nella sua interezza al Presidio di San Francisco dove condusse la sua adunata finale il 15 giugno 1919.

8° Battaglione, 20° Reggimento Genitori (Silvicoltura)

L'8° Battaglione, 20° Reggimento Ingegneri iniziò l'organizzazione il 20 gennaio 1918 a Camp American. Il reclutamento portò il battaglione a piena forza, ma diverse epidemie di parotite, morbillo e scarlattina costrinsero l'8° a richiamare soldati dal 10° battaglione appena formato. L'8th ha richiamato 60 sostituzioni dal 10th e ha lasciato Washington il 25 febbraio 1918 e si è imbarcato sulla U.S.S. Mount Vernon, precedentemente la nave di linea tedesca Kronprincessin Cecilie. Il battaglione salpò il 27 febbraio e arrivò a Brest il 10 marzo 1918.

Come gli altri battaglioni, l'8° fu diviso alla caserma di Pontanezan. Il quartier generale e la compagnia D furono inviati nella Valle della Loira. La compagnia E fu inviata a Landes e la compagnia F al confine svizzero. A differenza degli altri battaglioni però, l'8° non fu mai riunito e continuò ad esistere solo sulla carta.

La compagnia D lasciò Brest con il distaccamento di sede per La Mallardais vicino alla città di Le Gavre nella bassa valle della Loira. La sede si è poi spostata a Bauge dove è stata istituita una nuova organizzazione distrettuale. Il nuovo distretto comprendeva Le Gavre, Rennes, Marchenoir e diversi campi più piccoli. Dopo l'armistizio, la compagnia D si trasferì al campo della compagnia E e iniziò i preparativi per la navigazione verso casa. Tuttavia, come il 7° battaglione, anche l'8° sarebbe stato costretto alla ricostruzione della strada vicino a Blois. L'8 febbraio le due società hanno iniziato a lavorare su 500 chilometri di autostrada, il loro carico di lavoro è stato leggermente ridotto di 500 prigionieri di guerra tedeschi. Dopo il completamento della strada, metà dell'unità è stata inviata a Parigi per completare la costruzione dello stadio Pershing.

Il battaglione era stato separato per tutta la durata della guerra, quindi era giusto che le compagnie tornassero a casa separatamente. La compagnia D fu inviata a St Nazaire il 13 giugno 1919 e due giorni dopo fece ritorno a casa a bordo del trasporto texano. Arrivarono a Newport News il 29 giugno 1919 e si sciolsero. La compagnia E salì a bordo del trasporto K. I. Luchenbach il 16 maggio 1919 e arrivò a Hoboken il 1 giugno.Andarono a Camp Mills e si dissolsero. La compagnia F salpò il 15 giugno a bordo della U. S. S. Tiger e arrivò a New York il 1 luglio 1919. Fu sciolta poco dopo.

9° Battaglione, 20° Reggimento Genitori (Silvicoltura)

Il Nono fu l'ultimo degli originali Battaglioni del Ventesimo a formarsi, la sua organizzazione principale a partire dal febbraio 1918. Sia il Settimo che l'Ottavo partirono dalla Camp American University durante l'ultima parte di febbraio, lasciando il Nono e il Decimo, e i tre ausiliari Battaglioni Road e Bridge, per dividere le reclute, arrivando poi costantemente in grandi contingenti da tutte le parti della nazione. Il Nono raggiunse la forza autorizzata all'inizio di marzo e fu rapidamente equipaggiato e addestrato. Le precedenti difficoltà nell'ottenere truppe e rifornimenti di ingegneria erano state ampiamente superate e il battaglione si riferì pronto con un ritardo minimo. Dopo la consueta ispezione, il 27 marzo 1918 il gruppo salpò per “un porto atlantico”. Il battaglione salpò due giorni dopo a bordo del trasporto Northern Pacific e raggiunse Brest l'8 aprile.

All'arrivo il nono battaglione doveva essere in servizio nella regione montana del Giura, nella Francia orientale, e si presentò per gli incarichi al distretto forestale di Besancon, l'amministrazione del secondo battaglione, decimo genio.

La compagnia A fu staccata dall'organizzazione e inviata nel distretto di Epinal, dove divenne una delle tante unità della vasta forza operante nel raggio delle incursioni nemiche nel settore di Nancy. Le compagnie B e C rimasero con il distretto di Bourg, costruendo e facendo funzionare mulini a Mouthe, nel Doubs, e Murat, Cantal, e sviluppando, a Oyonnax, e Brenod, Ain.

Nel mese di giugno il distretto è stato rafforzato con l'aggiunta della 49a Compagnia (Società D dei 43 ingegneri) che ha rilevato l'operazione a Muray, la 26a concentrata a Brenod. Murat era così lontano da Bourg – verso l'alto di 150 miglia – che l'amministrazione presentava crescenti difficoltà, e la situazione fu risolta creando un altro nuovo distretto, con l'organizzazione del quartier generale del 14° Battaglione (43° Genio), al comando. I nuovi uffici sono stati stabiliti a Le Puy.

Dopo l'armistizio tutte le compagnie della Nona furono incluse nell'elenco destinato al servizio delle Aree Bruciate. Il quartier generale non è stato incluso negli ordini, la loro organizzazione è stata trasferita a Besancon. Il battaglione partì verso casa, salpando da Bassens per Hoboken e Camp Merritt and Home, a bordo del K. I. Luckenbach il 16 maggio 1919.

10° Battaglione, 20° Reggimento Genitori (Silvicoltura)

Il decimo e ultimo battaglione dei ventesimi genieri fu formato nel dicembre 1917 per fungere da unità di deposito per i primi battaglioni. Per tre mesi fece da stazione intermedia tra la caserma delle reclute, l'ospedale Walter Reed e gli equipaggi destinati all'imbarco immediato. Durante questo periodo il suo personale cambiò costantemente, e fu solo quando il 9° partì per la Francia il 26 marzo 1918 che il 10° fu seriamente organizzato come unità forestale d'oltremare.

Il battaglione lasciò il campo americano l'8 maggio, salpando da Hoboken due giorni dopo a bordo del trasporto Pastor che aveva già trasportato il settimo battaglione.

I Pastori ancorarono a Brest il 23 maggio, e il 10. Come per la maggior parte, la compagnia F fu ordinata al distretto di Epinal, sotto il comando del secondo battaglione, mentre il resto del 10 fu assegnato a un nuovo distretto, con Bourges, nel centro della Francia come sede.

Come il terzo e il quarto, il decimo battaglione andò oltremare con una notevole forza extra. Gli uomini attaccati erano designati come occasionali e dovevano essere impiegati come sostituti nei battaglioni precedenti. Mentre a Brest gli uomini in più, 96 in tutto, furono radunati e assegnati alla compagnia D, con la quale rimasero fino a luglio. Il 29 maggio 1918, il comando del 10° battaglione e le compagnie D ed E lasciarono Brest per il dipartimento di Cher. Il distaccamento quartier generale prese sede nell'antica città di Bourges con le compagnie dispiegate in servizio nelle vicine foreste di querce. La compagnia F lasciò Brest il 1 giugno 1918 con l'ordine di aggregarla al comando del secondo battaglione a Epinal, nei Vosgi. Un viaggio di tre giorni in auto di terza classe li portò alla loro stazione permanente, il villaggio di Cornimont, a Moselotte, circa dodici miglia a sud di Granges, dove operava il Co. D del Secondo Battaglione.

La compagnia D arrivò alla loro stazione permanente il 30 maggio 1918 nel villaggio di La Celle Bruere, Cher. A luglio l'unità è stata costretta a ricostruire l'antico ponte che attraversa lo Cher, portando il legname necessario per un raggio di tredici miglia. In agosto un distaccamento di 29 uomini è stato incaricato di gestire una segheria francese a La Ferte St. Aubin, Loiret, con una forza di 220 civili. La forza dell'operazione La Celle fu accresciuta, all'inizio di agosto, dall'arrivo della 13a Compagnia di Servizi. La domanda di legna da ardere nel campo settentrionale ha reso necessario un ulteriore aumento della forza e le compagnie B e C del 347 ° battaglione del lavoro sono arrivate il 21 dicembre.

A parte la cessazione del taglio del legname, l'armistizio non ha modificato l'attività quotidiana della società D. Solo nel marzo 1919 l'orario di lavoro è stato ridotto da dieci a otto. Il La Celle Bruere comprendeva la riparazione di circa 40 miglia di autostrada.

La mossa successiva fu quella di Brest, dove le compagnie D ed E si imbarcarono sulla corazzata New Jersey. Le due società sono arrivate a Newport News il 4 luglio. Due giorni dopo si tenne l'ispezione finale e le compagnie D ed E uscirono dalle liste dell'esercito ed entrarono nella storia.

La compagnia G del 10° battaglione era di origine e composizione uniche. Come risulta dagli atti del Capo del Genio, il Sesto Battaglione fu autorizzato ad essere aumentato di una compagnia, il 4 giugno 1918, e questa compagnia fu trasferita, previa organizzazione, al Decimo. In effetti, l'azienda era un'evoluzione della New England Forestry unit, un gruppo civile che operava in Scozia. Al termine dei loro compiti in Gran Bretagna, ai membri dell'unità fu data la possibilità di tornare negli Stati Uniti o di arruolarsi direttamente nell'A.E.F.

La nuova unità fu inviata a Winchester, nel sud dell'Inghilterra, per l'addestramento e l'equipaggiamento. Qui trascorsero due mesi partiti per la Francia il 23 agosto 1918, via Southampton e Cherbourg e raggiunsero il distretto di Bourges (decimo battaglione) il 27 agosto. Per tre settimane l'unità è stata assegnata per servizio alla La Celle Bruere. Non appena arrivarono le attrezzature, fu loro assegnata un'operazione pesante a Couleuvre, dipartimento di Allier e lì rimasero in servizio fino a dopo l'armistizio. Il grosso delle forze dell'Area Bruciata, incluso il decimo quartier generale, le compagnie F e G, lasciò le Landes il 13 maggio per Bordeaux e si imbarcò il 17 maggio a bordo del trasporto K. I. Luckenbach. Sbarcarono al molo 8, Hoboken, il 1 giugno 1919, traghettarono per uno sbarco sull'Hudson e fecero un'escursione a Camp Merritt. Qui sono stati sciolti.

41° Genio – 13° Battaglione, 20° Reggimento Genio (forestale)

I piani per la formazione di un battaglione ausiliario del 20° Genio furono finalizzati nel dicembre 1917 e l'organizzazione iniziò a Camp American nel gennaio 1918. Come previsto, i compiti della nuova unità erano principalmente la costruzione di strade e la produzione di ponti e la consegna di prodotti forestali.

L'unità era organizzata come un reggimento separato di ingegneri con quattro compagnie e una forza autorizzata di 28 ufficiali e 1024 uomini. Il suo periodo di addestramento fu breve e fu intervallato da compiti di costruzione presso il nuovo Camp Humphreys, in Virginia. Il 26 febbraio 1918 il battaglione salpò dal porto di New York a bordo del gigantesco trasporto Olympic, nave gemella del Titanic.

Il battaglione sbarcò a Liverpool, in Inghilterra, il 5 marzo 1918. O 10 marzo, il battaglione

attraversò il canale da Southampton e arrivò a Le Havre. Il quartier generale è arrivato al villaggio di Bricon, nella provincia dell'Alta Marna, a venti miglia da Chaumont. Per due settimane il distaccamento fu il centro di attrazione per gli abitanti di Bricon, poiché furono i primi americani di stanza lì. A questo punto i loro compiti permanenti erano stati definiti. L'operazione a Eclaron, Haute Marne, condotta dalla 5a e 8a compagnia, aveva assunto un'importanza sufficiente per essere diretta come un distretto separato e la 41a sede era stata assegnata alla nuova amministrazione.

Nel frattempo anche la compagnia C fu inviata a Eclaron, e si aggiunse alla forza lavoro del campo. A questo punto i piani originali per l'impiego del 41° come battaglione stradale erano completamente falliti e tutte le sue unità si erano fuse con i più vecchi stabilimenti forestali. La compagnia A fu attaccata al secondo battaglione, distretto di Epinal, e arrivò l'8 aprile a Chatenois, 10 miglia a est di Neufchateau, dove si unirono alle forze della 15a compagnia, disboscando e facendo funzionare un mulino francese.

Fu durante questo periodo che si verificò l'incidente più tragico nella carriera dell'azienda. Il capitano Harry E. McPherson, che era a capo del mulino a Ippecourt, vicino a Soully, intraprese una ricognizione del terreno appena conquistato con l'obiettivo di spostare il campo in avanti non appena le linee furono avanzate. Accompagnato da LT W. A. ​​Fair, un ufficiale medico assegnato all'unità, e un SGT, il CPT ha attraversato una radura esposta alle linee nemiche. Una raffica di mitra si aprì e il CPT cadde ferito a morte. LT Fair corse in suo aiuto, incurante della mitragliatrice, e trovò la morte al suo fianco. Una posizione determinata dai tedeschi ha reso il luogo una terra di nessuno per diversi giorni. Quando il terreno è stato finalmente conquistato, i corpi erano stati sepolti e la loro posizione non poteva essere determinata. Per il coraggio di LT Fair è stato insignito di una Distinguished Service Cross postuma, l'unica tale decorazione concessa a un membro della Twentieth Engineers e l'unica decorazione assegnata per diversi dal servizio esecutivo.

La memoria di CPT McPherson e LT Fair è venerata dai veterani dell'azienda. Il Capitano aveva servito con il 41° sin dal suo inizio, ed è ricordato da coloro che ha guidato come un uomo d'onore e abilità.

Una volta firmato l'armistizio, la società è stata gradualmente riunita e ha ripreso l'organizzazione aziendale a Bains – les – Bains, Vosges, verso la metà di dicembre. Qui ripresero il lavoro di routine e si dedicarono alla produzione di carburante. All'inizio di aprile si recarono a Tours e prestarono servizio per due mesi in vari incarichi, incluso il servizio di convoglio. All'inizio di giugno si trasferirono a LeMans, accompagnati dalla compagnia B e salparono da St. Nazaire il 14 giugno 1919 sul trasporto texano. Sono atterrati a Newport News il 26.

Il 39th Co. è stato assegnato in tutto al distretto di Digione, sotto l'amministrazione del terzo battaglione, nel dipartimento della Cote d'Or. Immediatamente dopo aver colpito nell'entroterra da Le Havre, l'outfit si presentò a Vanvey, per assistere la Co. E dei Decimi Ingegneri in quell'operazione. Qui lavorarono finché il legname disponibile fu esaurito, in luglio, quando le forze si spostarono a St. Julian, 8 miglia a nord di Digione. Il mulino è stato costruito rapidamente – un McDonough da 20.000 capacità e la registrazione è iniziata su larga scala. La forza dell'operazione fu aumentata a 600 con l'aggiunta della 47a Compagnia. Poco dopo l'armistizio, come fu designato E della Decima, partì per casa e in aprile il 39° partì verso ovest, e si riunì alla 38a Compagnia.

La società D, ha seguito un corso completamente diverso. Da LeHavre procedettero direttamente alla regione delle Landes a sud, arrivando a Pontenx il 15 marzo, per servizio con il 1 ° battaglione, 10 ° genio. In un primo momento l'unità è stata divisa. Metà della compagnia si unì alla 33a Compagnia, assistendo per un mese nel loro campo di disboscamento sul fiume Aureilhan, poi trasferendosi al mulino sul lago. All'inizio di agosto il distaccamento fu spostato verso est nella frazione di Sore, dove costruirono un nuovo mulino.

Nel frattempo l'altro distaccamento era stato incaricato di rinforzare il distaccamento Bourricose del 10° Genio che operava in un mulino di 20.000 a due miglia a est di Pontenx. Il 14 settembre l'accampamento Bourricose fu consegnato intatto al 41° e al 32° allevando il corredo delle piaghe. Salparono a bordo del trasporto K. I. Luckenbach il 17 maggio e furono radunati a Camp Merrit all'inizio di giugno 1919. Il distaccamento del quartier generale fu sciolto nel maggio 1919.

42° Genio – (14° Battaglione, 20° Reggimento Genio (Forestale)

Di tutte le truppe del genio incorporate nel 20° reggimento genio, forse il meno annunciato e meno conosciuto era il secondo dei nostri tre originali battaglioni ausiliari, il 42° genio. Mentre le loro unità sorelle, il 41° e il 43°, furono mantenute come battaglioni del ventesimo, e continuarono come unità, sebbene ampiamente disperse, al 42° non fu accordato questo riconoscimento. Il 42° ha perforato e addestrato ed è andato in Francia come unità, ma il loro personale è tornato come società separate e orfane. A loro merito va detto che nessun membro del Reggimento Forestale ha riportato record migliori o un morale più alto.

L'organizzazione del 42° Genio è stata avviata all'inizio di marzo 1918. Come il 41° e il 43°, l'unità era destinata principalmente a strade e ponti.

Dopo un breve ma intenso periodo di preparazione, l'unità lasciò Camp American l'8 maggio 1918. La mattina dopo si imbarcarono sul trasporto Abraham Lincoln e salparono il pomeriggio successivo in convoglio con altre dodici portaerei e un incrociatore. Il viaggio è stato relativamente ricco di eventi. La Lincoln gettò l'ancora a Brest il 22 maggio. Il giorno successivo, il 42° sbarcò sul suolo francese e marciò verso Camp Bougen. Il loro primo compito all'estero fu lo scarico della barca, e quando il carico fu sgomberato l'ancora era già issata a casa e le eliche giravano. L'ultimo uomo a terra fu LT Glass della compagnia D. Un sottomarino nemico affondò la grande nave durante il viaggio di ritorno.

Venti – quattro ore dopo che l'equipaggio raggiunse il campo, la prevalente fiducia nel servizio immediato al fronte ricevette un duro colpo, quando arrivarono gli ordini per la dispersione del battaglione e l'attaccamento delle compagnie a vari reparti del 20° Genio per il servizio forestale .

La dispersione è stata rapida e completa. Il quartier generale, la compagnia A e metà della compagnia D furono mandati a sud nelle Landes. Le compagnie B e C sono andate nella zona di avanzamento nel nord-est. Anche il resto della compagnia D andò ai Vosgi per servizio temporaneo.

Da questo momento in poi, la storia della 42° è semplicemente quella delle sue parti componenti. Il quartier generale arrivò a Pontenx – les – Forges, Landes il 1 giugno e fu assegnato per servizio al 1 ° Battaglione, 10 ° Genio. Poco dopo, il distaccamento è stato trasferito alla Sezione base n. 1 e ordinato a St. Nazaire, dove hanno interrotto i collegamenti con la Sezione forestale.

Alla società A, dopo la riorganizzazione nota come 42a Compagnia, è stata assegnata un'attività di segheria a Sabres, nel distretto di Pontenx. Sebbene reclutata per lavori su strade e ponti, l'azienda ha intrapreso la sua nuova missione con successo e nel giro di un mese ha tagliato molto di più della capacità nominale del suo mulino. Rimasero a Sabres per tutta la guerra e lasciarono le Landes solo quando la conclusione del lavoro nell'Area Bruciata liberò la maggior parte delle truppe forestali rimaste. All'inizio di maggio si unirono alle truppe dirette a casa a Pontenx e salparono da Bassens a bordo della nave K. I. Luckenbach il 17 maggio.

Anche la compagnia B, dopo la riorganizzazione nota come 42a compagnia, ebbe la fortuna di essere tenuta insieme. La loro stazione assegnata era il villaggio di Vagney, nelle montagne dei Vosgi, non lontano dal settore della Lorena. Dal maggio 1918 fino alla metà di gennaio 1919, disboscarono e gestirono un mulino, sotto la direzione del distretto di Epinal. La Compagnia ha affidato il campo a un reparto di pulizia e il 17 gennaio è partita per Orville, Cote d'Or, dove sono stati impiegati per quattro mesi nella riparazione delle strade, principalmente lungo l'autostrada nazionale tra Digione e Langres. Al loro rilascio il 16 maggio, si diressero verso la costa e, dopo gli inevitabili ritardi, verso casa.

Al Distretto di Epinal fu assegnata anche la Compagnia C, poi nota come 44a Compagnia. Il distaccamento settentrionale della compagnia fu inizialmente ordinato a nord-est. Trascorse un mese a tagliare legna da ardere nelle vicinanze di Bazoilles – sur- Meuse, a sei miglia da Neufchateau. Il distaccamento fu quindi trasferito nel distretto di Bauge in Bretagna e costruì una segheria a Rennes. Non appena l'operazione stava dando i suoi frutti, il gruppo fu ordinato di tornare ai Vosgi, dove vari incarichi ausiliari li tennero fino a dopo l'armistizio. Furono quindi attaccati alla forza di spedizione della Burnt Area e arrivarono a Pontenx nel febbraio 1919.

Nel frattempo il distaccamento meridionale, che raggiunse le Landes all'inizio di giugno 1918, fu aggregato al 4° battaglione per il servizio nel distretto di Mimizan. Il distaccamento fu nuovamente diviso, i dettagli unirono l'11a Compagnia a Lamanchs e la 12a a les Pleyres. Poche settimane dopo, le unità furono assegnate per far funzionare un nuovo mulino da 10.000 capacità a Bias, a sud di Mimizan.

Dopo l'armistizio, due dei mulini del distretto di Mimizan furono trasferiti all'Incendio e il distaccamento meridionale accompagnò la 12a compagnia. All'inizio di marzo 1919 la società D fu riunita ma immediatamente ripartita tra le tre operazioni.

Dopo il rilascio, il 9 maggio, l'azienda si è unita al resto della vecchia 42a ed è partita per casa. Arrivate a Hoboken il 1 giugno 1919, le unità furono traghettate a un atterraggio a otto miglia da Camp Merritt e, nonostante le numerose strutture ferroviarie disponibili, furono percorse a piedi con l'attrezzatura completa e un sole cocente. Dopo la dispersione, la maggior parte dell'attrezzatura è stata inviata a Camp Dodge per il congedo. Gli stati del centro-nord avevano fornito di gran lunga la quota maggiore del 42° Genio, sebbene, come tutti gli altri battaglioni forestali, fossero rappresentate tutte le sezioni del paese.

43° Genio – 15° Battaglione, 20° Reggimento Genio (Silvicoltura)

L'ultimo dei tre battaglioni stradali e dei ponti, e delle truppe forestali che servirono all'estero, fu il 43° Ingegneri, organizzato a Washington, DC nel febbraio 1918. Il 41° consisteva in un distaccamento del quartier generale e le compagnie A, B, C e D Una gran parte del 41° è stata prelevata da centri di reclutamento e stanziamenti, in gran parte dal Middle West, ma un numero considerevole di uomini è stato ricevuto dal Walter Reed Hospital, uomini che erano stati lasciati indietro dalle precedenti unità forestali. La percentuale di convalescenti che componevano la Co. A era così grande da meritare per quell'unità il soprannome di "Brigata Walter Reed". aprile 1918.

L'unità fu dichiarata pronta per il servizio all'estero entro la metà di maggio 1918. Nonostante l'enorme numero di truppe da combattimento in attesa di trasporto, la richiesta di rinforzi forestali portò un'azione rapida e il 43° partì per Hoboken il 21 maggio. Il giorno successivo si imbarcarono sull'enorme trasporto Leviathan e salparono il 23 maggio. Il battaglione sbarcò sulle coste della Bretagna. Seguendo le migliaia di loro compagni, hanno arrancato sulle strade acciottolate di Brest all'aria della ”Marcia dell'emblema nazionale” suonata dalla banda di volontari. Durante il consueto riposo, le compagnie furono impiegate nei miglioramenti del campo, assolutamente necessari come attestano i sopravvissuti. I piani dettagliati per l'impiego del 43° nella sezione forestale sono stati ricevuti a breve.Il 7 giugno il distaccamento del quartier generale e le compagnie A e B si avviarono verso l'est della Francia. Tre giorni dopo il treno raggiunse la città di Neufchateau, nei Vosgi.

A causa della vicinanza delle linee nemiche il treno fu qui trattenuto fino al tramonto. Durante l'attesa avvenne quella che ancora oggi viene ricordata dai veterani come la prima vera emozione del servizio oltreoceano. È successo così: la band si è impegnata ad allietare l'attesa con un concerto improvvisato. Tra il suo pubblico c'era il colonnello francese al comando locale, che era così entusiasta delle arie marziali e dell'esibizione generale della confraternita alleata che si offrì di comprare per il gruppo. Cortesia e inclinazione si combinarono per forzare un'accettazione entusiasta, ma proprio mentre i tappi stavano saltando, un tenente coscienzioso prese una mano, arrestò gli uomini della banda e li ordinò di tornare alle macchine. Il geniale comandante francese era molto dispiaciuto e fu solo addolcito da una serie di scuse. "ii

Procedendo verso Digione, il contingente si sciolse e non fu mai più unito.

La compagnia A si spostò a nord da Digione, arrivando alla stazione di Chatenois della 15th Co. il 16 giugno. Qui l'outfit è stato suddiviso in diversi distaccamenti. Una frazione accompagnò la Prima Armata nelle Argonne. Gli altri furono utilizzati come rinforzi ai numerosi accampamenti della 20a in assistenza alla 4a, 6a, 25a e 43a compagnia. I compiti di routine, tutti pesanti e assolutamente necessari, riempivano l'autunno e l'inverno. Nel gennaio 1919, le forze disperse furono assegnate al salvataggio dei campi lasciati liberi dalle compagnie che si trasferivano nell'Area Bruciata nelle Landes. Dopo aver ripulito le operazioni di Granges e Brouvelieures, la compagnia A si trasferì a Eclaron. Alla fine di maggio, la compagnia partì per casa e, dopo le soste a Neufchateau, LeMans e Burges, si spinse verso la costa e salparono il 24 giugno sulla corazzata Rhode Island. Sbarcarono a Newport News e alla fine furono dispersi a Camp Stewart.

La compagnia B arrivò a St. Julien, Cote d’ Or il 10 giugno 1918 e si sbarazzò rapidamente dell'idea che strade e ponti fossero la loro missione. La compagnia E del decimo Engs stava conducendo operazioni di trasporto pesante su vasta scala e la compagnia B fu aggiunta alla forza dei boschi. Per tutta la durata del combattimento, e sette mesi dopo, il gruppo lavorò a St. Julien, partendo solo per il viaggio di ritorno. Il 7 giugno la compagnia si è imbarcata per il campo di imbarco. Un soggiorno di dieci giorni a LeMans e cinque a St. Nazaire, e il gruppo era in viaggio per gli Stati Uniti a bordo del trasporto Mercury. Sbarcarono a Newport News il 5 luglio 1919 e furono sciolti.

Unità ausiliarie, 20° reggimento genio (forestale)

Nessuna storia del 20° Reggimento Genio in Francia può essere raccontata senza il riconoscimento delle varie truppe ausiliarie che hanno prestato servizio con il 20° Genio. All'interno del Reggimento esistevano tre distinti gruppi di ausiliari: le Compagnie di Servizio, che alla fine facevano effettivamente parte del Ventesimo Battaglione di Servizio del Genio, e le truppe del Quartiermastro annesse per servizio all'organizzazione forestale.

Delle tre classi, le Compagnie di Servizio erano incomparabilmente le più importanti per il Reggimento, sia per addestramento superiore, servizio più lungo e maggiore efficienza amministrativa. Ma soprattutto erano importanti perché entravano effettivamente a far parte del Reggimento. La loro devozione al dovere, quando il dovere significava solo un duro, continuo lavoro non corrisposto, era insuperabile e probabilmente mai eguagliata nell'intera triste faccenda di vincere la guerra.

Praticamente nessuna delle società di servizi è stata organizzata in vista del servizio forestale. Le 28 compagnie furono formate come sette distinti reggimenti di ingegneri, solo il primo dei quali rimase in Francia per un certo periodo di tempo prima di essere assegnato al servizio con il Decimo e il Ventesimo. Le prime quattro società di servizi sono state nominate 503rd Engineers. Arrivarono in Francia poco dopo il 1° e il 2° battaglione, dopo essere salpati il ​​26 novembre 1917 a bordo del trasporto Acolus e sbarcati a St. Nazaire il 10 dicembre. L'attrezzatura è stata completamente dispersa una compagnia è stata assegnata al distretto di Pontenx, dove ha rilevato l'esercizio dei treni su diverse strade secondarie francesi, gestendo i prodotti del 1 ° battaglione del decimo (11 ° battaglione, 20 ° reggimento genio) e il 4 ° reggimento e 6a, a Mimizan e Castets. Altri distaccamenti del 503° prestarono servizio con il 5° battaglione a o vicino a Gien, e con la compagnia E, decimo genio, a Ciez-Colloutre nello stesso distretto.

Ad eccezione delle prime quattro compagnie, tutte le unità di servizio erano composte da truppe nere con ufficiali e sergenti bianchi. La maggior parte di loro aveva avuto un addestramento militare completo ed era stata mandata all'estero con l'aspettativa di svolgere compiti di prima linea. Considerando la rapidità del loro passaggio alle mansioni forestali, il loro record è davvero notevole. Alla 15a società di servizi è stato assegnato un mulino di 10.000 capacità appena completato, costruito per la 45a società a Bias nel distretto di Mimizan. Pochi giorni dopo, gli uomini di colore presidiavano e gestivano il mulino, l'unica assistenza esterna era un filer e un ingegnere. La 16a compagnia eseguì un'operazione simile ad Arengosse. In generale, comunque, le società di servizi erano impiegate nel carico del legname e nel taglio e spedizione del carburante. Quasi ogni distretto impiegava una o più unità.

Il 5° Battaglione era assistito dalle Compagnie 6°, 12° e 24° nei campi vicino a Gien. Diverse unità hanno preso parte nel distretto di Eclaron e altre intorno a Bourges. Il 517th faceva parte della spedizione pesante che accompagnò la prima armata nei boschi delle Argonne. La 9a Compagnia ha registrato record di produzione di carburante a Provencheres, nell'alta valle della Marna.

Le truppe del servizio nero provenivano principalmente dall'Alabama, dal Texas e dal Mississippi, ed erano una forza scelta, i loro compagni di corporatura inferiore gravitavano attorno alle unità di lavoro. Il morale mostrato da loro era uniformemente alto, in circostanze che non potevano essere previste dai responsabili del loro addestramento preliminare.

I battaglioni di servizio del genio annessi al ventesimo genio erano due di una serie di unità progettate per fungere da elementi di lavoro per il reggimento di addestramento superiore in linee speciali, come i reggimenti ferroviari, autostradali e forestali. Il 547° e il 548° arrivarono a Cherbourg proprio mentre veniva consumato l'armistizio e furono utilizzati nel grande sforzo per mantenere caldo l'A.E.F. durante l'inverno successivo. La maggior parte del loro servizio era nei distretti settentrionali e nell'alto bacino della Loira.

Le truppe del quartiermastro inviate al servizio forestale consistevano di quasi 11.000 uomini, impiegati esclusivamente nella produzione di legna da ardere e quasi interamente limitate alla zona di avanzamento, a distanza di spedizione dalle concentrazioni di truppe nella Germania occupata e dalle aree americane originarie della Francia nord-orientale e dai porti della base .

Banda, 20° Reggimento Ingegneri (Silvicoltura)

L'organizzazione del 20° Reggimento Genio non prevedeva una banda autorizzata. Con caratteristica iniziativa, quasi ogni battaglione formò una banda di volontari. Alcune compagnie sparse vantavano anche bande autocostruite, ma di tutte queste toccò alla banda più giovane di tutte, quella del 43° Genio, poi 46° Banda di Compagnia, ereditare in parte le glorie che avrebbero dovuto spettare ai capi marcia del più grande reggimento della storia.

Senza voti, galloni o esonero dai normali compiti di fatica, tranne in occasioni speciali, la 46a banda di volontari divenne nota, ovunque si trovassero campi della 20a, come la banda ”ufficiale”.

Organizzata da reclute del 42° e 43° Engineer, su iniziativa di MAJ H. L. Bowlby, la band si formò il 17 aprile 1918 a Camp American. A Brest il 7 giugno il personale fu trasferito alla compagnia A, la 46a, e accompagnò l'unità alla loro stazione di Chatenois, nei Vosgi. Fino all'armistizio, la manodopera era troppo scarsa per risparmiare i servizi di trenta uomini robusti, e fu solo al termine delle dieci ore di lavoro assegnate che gli strumenti entrarono in azione. Sono state escluse occasioni speciali e la maggior parte dei campi vicini del 20 è stata visitata. Per un certo periodo la banda fu assegnata al servizio a Eclaron, e poi a Granges, e l'armistizio li trovò a lavorare duramente a Vagney. La notizia del grande evento richiedeva una celebrazione dieci minuti dopo l'arrivo della notizia, la banda stava conducendo un'improvvisata parata interalleata attraverso il villaggio.

Da quel momento in poi, la band ha ricevuto riconoscimenti in modo tangibile. Il 15 novembre 1918 furono inviati in Alsazia e per la prima volta lo "Star Spangled Banner" risuonò in terra conquistata. Nel weekend del Ringraziamento la band è stata inviata a partecipare alle celebrazioni per la restaurazione della città alsaziana di Ribeauville al dominio francese. Una processione strepitosa, un concerto e un ballo, tutti imperniati sul talento e sulla resistenza della 46a Banda.

A dicembre il "dettaglio speciale" ha compiuto un viaggio aereo a Strasburgo, godendo del primato di essere le prime truppe americane ad entrare nella capitale della provincia. Il gennaio 1919 fu speso in un tour di tutti i campi forestali dei Vosgi, un tour interrotto da ordini improvvisi di accompagnare il quartier generale del 2 ° battaglione sulla costa. Le visioni selvagge di un rapido viaggio di ritorno a casa sono svanite dopo tre settimane a St. Nazaire, quando alla squadra è stato ordinato di recarsi al confine spagnolo per suonare nell'area di partenza di Luchon. Il soggiorno a St. Nazaire fu segnato da un'ispezione del generale Pershing, davanti al quale la Band si esibì potentemente, con ‘Rosie O’Grady.

Mentre si trovava a Luchon, la band ottenne l'insolita distinzione di attraversare il confine spagnolo in uniforme e di suonare un concerto al College of San Jose. Il dovere di lasciare l'area terminò all'inizio di marzo e la Banda tornò a St. Nazaire, dove gli fu ordinato di tornare nei Vosgi. Dopo sei settimane di concerti distribuiti su tutta la sezione americana, da Vaux al Woevre, fino al confine svizzero, l'8 maggio 1919 il gruppo raggiunse la 46a Compagnia a Eclaron. Il lungo viaggio di ritorno iniziò il 25 maggio a bordo della USS Rhode Island . Il 22 giugno la band con il resto della loro compagnia chiuse a Camp Stewart, in Virginia, il 6 luglio 1919.

Durante i suoi quindici mesi di esistenza, la banda aveva eseguito, oltre ai normali compiti di ingegnere, questi impegni: 311 concerti per banda, 53 spettacoli di vaudeville, 3 spettacoli di menestrello, 57 danze, 72 volte la Sveglia, 10 Ritiro, 4 monta di guardia e due parate di battaglione .

Quartier Generale Reggimento, 20° Reggimento Genio (Forestale)

Sebbene la formazione del 20° Genio fu autorizzata il 15 agosto 1917, la prima assegnazione di soldati arruolati a un distaccamento del quartier generale fu l'11 ottobre, e fu solo più tardi quel mese che l'unità assunse un'organizzazione permanente. Durante tutto il periodo di addestramento a Washington, i cambi di personale furono frequenti, sia negli ufficiali che negli uomini. I primi piani per il movimento all'estero prevedevano un quartier generale per accompagnare il 10° battaglione, ma alla fine fu deciso di instradare l'organizzazione con l'8°. Una piccola unità sotto LTC Marks, fu lasciata per segnalare gli ultimi due battaglioni pronti e il quartier generale sotto COL Mitchell, salpò con l'8° battaglione il 27 febbraio 1918, a bordo del trasporto Mt. Vernon. Dodici giorni dopo sbarcarono a Brest e fecero il consueto pellegrinaggio a Pontanezan.

Tre giorni di fango nel campo di riposo, e altri dieci a Genicart, e il Distaccamento raggiunse la sua sede permanente a Tours, la storica città sulla Loira, dove si stava sviluppando il quartier generale del servizio di approvvigionamento. Il voluminoso lavoro di coordinamento delle attività del reggimento richiese molti aumenti nella forza del distaccamento, uomini e ufficiali provenienti da diversi battaglioni. Poco prima dell'armistizio si concluse il lungo progetto di accorpamento delle truppe forestali. Secondo i termini dell'Ordine Generale 47, datato 18 ottobre 1918, il 10°, 20°, 41°, 42° e 43° Genio furono consolidati come il 20°, e il Quartier Generale del Reggimento aumentò in forza a 11 ufficiali e 82 uomini.

L'armistizio influenzò poco la routine del quartier generale. Era una conclusione scontata che l'unità sarebbe rimasta oltremare fino al traguardo, e sebbene molti dei dirigenti del reggimento fossero riusciti a redigere ordini di navigazione a vari termini, il distaccamento era praticamente intatto quando gli fu ordinato a sud di assumere il controllo dei frammenti delle forze forestali in le Lande.

Giunto a Pontenx, che era stata la base dell'11°, 4° e 10° battaglione, il Comando raccolse la retroguardia dei contingenti Burnt Area e Dax e partì per l'area di imbarco di Bordeaux alla fine di giugno. La forza aumentata, per un totale di circa 100 uomini, è filtrata attraverso il delouser il 2 luglio e si è imbarcata sul trasporto Santa Eliza il 5 luglio.

Il viaggio di ritorno non fu del tutto corretto. Durante il viaggio si erano manifestati difetti nei motori e quando la nave lasciò la Gironda doveva procedere a Brest e trasferire le sue truppe su un'altra nave. Arrivando a Brest, la carenza di navi ha portato le autorità a ordinare alla Santa Eliza di effettuare il passaggio nelle sue condizioni di storpia. Fermandosi solo per riempire di ufficiali tutte le cabine assegnate ai sottufficiali del distaccamento, e per alloggiare i sottufficiali nello spazio delle truppe condiviso con un gruppo di prigionieri generali, incluso l'esecrato “Hard-boiled Smith,” la nave partì per l'America, attracco a New York il 20 luglio 1919. L'attrezzatura fu smobilitata a Camp Mills, la loro dispersione finale segnò lo scioglimento del più grande e senza dubbio il più noto reggimento dell'esercito degli Stati Uniti.

LTC W. B. Greeley, assistente forestale degli Stati Uniti e capo della sezione forestale per il 20° reggimento ingegneri, scrisse:

I taglialegna e le guardie forestali degli Stati Uniti potrebbero essere orgogliosi degli uomini che li hanno rappresentati nell'American Expeditionary Force. Ora stanno tornando, uomini migliori per i sacrifici che hanno fatto, per il senso di organizzazione e responsabilità che hanno imparato, per le difficoltà che hanno superato e per la comprensione che hanno acquisito della cultura forestale e della parsimonia forestale in Francia . Un tale corpo di uomini addestrati rappresenta una risorsa del massimo valore per le industrie forestali d'America. Riconosciamo il loro valore e la loro capacità attraverso una direzione intelligente del ritorno di questi soldati alla vita civile in posizioni in cui la loro esperienza nel servizio nazionale può essere utilizzata efficacemente.”i

Il tributo di LTC Greeley ai boscaioli del 20th Engineer Regiment (forestry) è indicativo dei contributi significativi apportati dal reggimento allo sforzo bellico. Sebbene il coinvolgimento americano nella prima guerra mondiale, la Guerra per porre fine a tutte le guerre, fosse di durata relativamente breve, l'American Expeditionary Force accelerò la firma dell'armistizio da parte dei tedeschi e dell'impero austro-ungarico. Non meno significativo fu lo sforzo del 20° Reggimento Genio, il cui contributo portò anche a una più rapida ripresa del sistema economico francese nel dopoguerra.

Sebbene i boscaioli del 20° reggimento ingegneri non abbiano prestato servizio in trincea durante la guerra, la tragedia non è sfuggita al reggimento. Il 23 gennaio 1918, il 6° Battaglione, 20° Genio imbarcò la nave da trasporto “Tuscania” diretta in Francia. Il 5 febbraio 1918, mentre si trovava nel mare d'Irlanda tra l'Irlanda e la Scozia, il Tuscania fu silurato. Molti soldati caricarono le scialuppe di salvataggio disponibili e arrivarono sani e salvi alle coste dell'Irlanda. Quando la scorta di scialuppe di salvataggio fu esaurita, i soldati iniziarono a caricare uno dei cacciatorpediniere britannici di scorta che si erano avvicinati al Tuscania inclinato sul lato di dritta. Quattro ore dopo essere stato colpito, il Tuscania affondò nel mare d'Irlanda. Una gran parte dei 95 soldati uccisi non furono uccisi a bordo del Tuscania, ma nelle scialuppe di salvataggio che galleggiavano senza meta nell'oscurità del mare d'Irlanda. Una di queste barche è stata caricata con più di 60 uomini ed è andata alla deriva in Scozia, dove la piccola imbarcazione è stata schiacciata sugli scogli dell'isola di Islay. Solo otto soldati di questa barca sono stati salvati. Il 6° Battaglione riuscì comunque a raggiungere la Francia ed era conosciuto come “The Fighting Sixth” sotto il comando del maggiore F.S. Kellog.

Il 20° Battaglione del Genio (Mech), 1a Divisione di Cavalleria ora fa risalire la sua storia solo al 42° Genio. La 42a all'arrivo in Francia è stata sciolta, quindi ne possono parlare solo le sue quattro società. Le compagnie A, B, C e D furono smobilitate nel giugno e luglio 1919 a Camp Merrit, New Jersey e Newport News, Virginia. Tuttavia, 14 anni dopo il battaglione sarebbe tornato come battaglione nell'esercito regolare nel 1933. Sebbene ora fosse nell'esercito regolare sulla carta, il battaglione non sarebbe stato riattivato fino al 1 giugno 1940 a Fort Benning, in Georgia.

Sebbene gli Stati Uniti non fossero formalmente entrati in guerra in Europa, iniziarono i preparativi per il coinvolgimento nel conflitto. L'Inghilterra aveva già dichiarato guerra e gli Stati Uniti stavano contribuendo con forniture e attrezzature al loro sforzo bellico. Con i preparativi per la guerra, gli Stati Uniti iniziarono ad attivare unità non attive dalla prima guerra mondiale. Una di queste unità era il 42° Genio.

Attivato a Fort Benning il 1 giugno 1940, il 42° Genio era al comando del colonnello Raymond F. Fowler. Nel settembre e nell'ottobre 1940, il battaglione costruì due campi: Camp Shelby, Mississippi e Camp Beauregard, Louisiana. Il primo è ancora utilizzato come campo della Guardia Nazionale, principalmente per l'accademia dei sottufficiali e l'area di addestramento locale. I loro compiti in ogni campo erano di costruire un campo per una divisione di 15.000 ufficiali e uomini. Le strutture costruite includevano mense, mense, inceneritori, pavimenti per tende in legno e sistemi elettrici e idrici completi. Il battaglione ha anche guidato un pozzo e costruito una torre dell'acqua.

Il battaglione tornò a Fort Benning, in Georgia, il 1° novembre 1940 per concentrarsi sul completamento dell'addestramento di base, che fu condotto come un'intera unità. Questo è stato un compito enorme con l'arrivo di diverse centinaia di coscritti del servizio selettivo. Per tutto il 1941, il 20 si allenò e partecipò alle manovre della Louisiana. Nel luglio 1942, il battaglione lasciò Fort Benning per una casa temporanea a Camp Kilmer, nel New Jersey. Fu qui che il 42° fu ridisegnato come 20° reggimento da combattimento del genio il 1º agosto 1942.

Il 1 ° Battaglione, 20 ° Reggimento di combattimento del genio salì a bordo dell'USAT Cristobal il 1 ° novembre 1942 e sbarcò il 19 novembre 1942 a Casablanca, nel Nord Africa francese (ora Marocco), dove stabilirono un'area di bivacco a Priscine.

Mentre in Tunisia il colonnello Eugene Caffey, il comandante del reggimento, ha inventato indicatori direzionali codificati da utilizzare per distinguere le proprietà. Questo segno distintivo, una freccia ondulata, diede presto al 20 il soprannome di "Freccia ondulata". Il 20 ha iniziato qui la marcia automobilistica più lunga della sua storia. Si è spostato attraverso il Nord Africa francese, sulle montagne dell'Atlante, più di 1100 miglia, attraverso Meknes, Fez, Oujda, Tlemcen (Algeria), Relizane, L'Arba, Setif e in Tebessa. Tebessa era la "porta di accesso alla guerra". Qui il comandante del 1 ° Battaglione, MAJ J. E. Sonnefield "ha tenuto uno dei suoi discorsi sanguinosi e tuonanti agli ufficiali e ai sottufficiali".[ii]

Il 26 marzo 1943 il 1° Battaglione, il 20° Genio si trasferì nelle vicinanze di Kasserine. Il battaglione, dopo aver posato le cinture intorno alle aree del bivacco, si è messo al lavoro sulle strade. La strada Bekkaria-Thelepte-Sbeitla era la massima priorità poiché doveva diventare un'importante strada di rifornimento per il II Corpo.Il battaglione costruì strade, canali sotterranei, fossati scavati, roccia trasportata e la compagnia C, trasportando materiale stradale a Sbeitla, incontrò le sue prime mine S in una sanguinosa vicenda che lasciò un morto e otto feriti.

Il 5 aprile 1943 il reggimento fu allertato come riserva del II Corpo e gli fu ordinato di muoversi. La 1a divisione di fanteria e la 1a divisione corazzata avevano appena sconfitto i tedeschi e gli italiani intorno a El Guettar e Maknassy, ​​e la 20a si stava spostando in quella posizione come riserva in caso di contrattacco. I tedeschi non contrattaccarono mai e l'8a armata britannica, inseguendo l'Afrika Korps dal sud della Tunisia, si unì al II Corpo a gabes. Rommel stava ora organizzando il suo magistrale ritiro nel nord della Tunisia. L'8 aprile il reggimento tornò nelle vicinanze di Kasserine e assunse i suoi compiti di costruzione di strade e sminamento.

Il 1° battaglione meno la compagnia C fu utilizzato a sostegno del IX Corpo britannico e il 10 maggio si spostò a nord nelle vicinanze di Pichon. Il 1 ° battaglione si occupava principalmente della manutenzione delle rotte di rifornimento britanniche. Il 15 aprile il 1° Battaglione si riunì al reggimento a Kasserine e il 17 aprile il 20° Genio fu di nuovo in movimento. Verso nord attraverso Thala, LeKef e Souk-el Arba, oltre le montagne, attraverso Lacroix e LaCalle, il reggimento si trasferì con il II Corpo del generale Bradley nel nord della Tunisia. Il 25 maggio 1943 il colonnello Caffey lasciò il reggimento per prendere il comando della brigata speciale del genio. Fu sostituito dal colonnello Arnold che fu ucciso da una mina di cemento il 6 giugno 1943. Il colonnello Daley assunse il comando del reggimento.

Dopo una giornata a Roum-es-Souk per riparare i veicoli che si erano guastati durante la marcia, il reggimento si trasferì vicino a Djebel Abiod. Due giorni dopo il 1° Battaglione si mosse lungo la strada che da Sedjenane portava a Cap Serrat sul Mar Mediterraneo. Il battaglione doveva trasformare questa strada in una via di rifornimento principale per l'imminente attacco. Il 6 giugno, il 1 ° battaglione raggiunse il reggimento a El Alia attraverso il lago da Biserta. A El Alia il battaglione iniziò un periodo di addestramento intensivo che includeva esercitazioni ravvicinate, addestramento della fanteria, postazione sul campo minato, lavoro con il ponte carrabile, poligoni e ardue marce a piedi. Il 23 giugno il reggimento salì a bordo della LCI nel Lac de Bizerte e sbarcò a Yellow Beach il 26 giugno. La marcia di 16 miglia verso El Alia è stata difficile con soldati che trasportavano zaini, maschere antigas e armi, mitragliatrici leggere e pesanti, bazooka, munizioni, rilevatori di mine e radio.

Il reggimento salì nuovamente a bordo della LCI il 5 luglio per un'altra missione di addestramento. Il 6 luglio 1943 il 1 ° battaglione lasciò il porto di Biserta e attraversò Cap Bone per Sousse. Alla fine il battaglione fu informato che stava per invadere la Sicilia come parte della settima armata di George Patton. Passando in vista di Malota il 9 luglio e atterrando alle 12.30 del 10 luglio 2 miglia e mezzo a est di Licata. Il 1 ° battaglione, meno la compagnia A, fu attaccato alla 3a divisione e si spostò nell'entroterra e prese posizioni difensive sulle colline che circondano la testa di ponte. Il giorno dopo, marciarono a Licata e presero la guardia della città.

Il 12 luglio 1943, il 1 ° Battaglione si spostò con un camion sull'estremo fianco orientale della testa di ponte della 3a divisione e prese posizioni difensive in un sistema di trincee e casematte italiani. Mentre era seduto sulla collina a est di Licata, il battaglione è stato in grado di ascoltare i rapporti radiofonici, dando loro il "quadro generale". L'82a aviotrasportata scese durante la notte mentre la 1a, 3a, 45a e 2a divisione corazzata seguivano i paracadutisti su mezzi d'assalto. Le forze americane erano sbarcate sul lato meridionale dell'isola, mentre l'8a armata britannica sbarcò ad est intorno a Siracusa.

Il 15 luglio il 1° Battaglione si trasferì nelle vicinanze di Palma. Il 17 si trasferirono ad Agrigento per sedare le rivolte e passarono una giornata a caccia di souvenir ea fare prigionieri italiani stanchi della guerra. Hanno passato il giorno successivo a rimuovere ostacoli, a rimuovere blocchi stradali ea riempire le trappole per cisterne nell'area di Agrigento-Porto Empedocle. Il 18 luglio 1943 il reggimento fu liberato dalla 3rd Divisione e assegnato alla 7th Armata. Da Agrigento operavano al nord, al seguito della 3a Divisione. Il reggimento rimase in Sicilia fino a novembre.

Il 18 novembre 1943, la 20th si imbarcò sull'USAT Sloterdyke nel porto di Palermo e si mosse verso ovest attraverso il Mar Mediterraneo e lo Stretto di Gibilterra. Il 24 novembre la nave è ancorata al largo di Greenock, in Scozia. Gli uomini lasciarono lo Sloterdyke il 27 novembre e salirono su un treno a Greenock per Devizes. Il 5 dicembre, lasciarono Devizes addestrati e si recarono a Truro, in Cornovaglia. Furono fatti i primi preparativi per Exercise Duck, la prima delle grandi prove per l'invasione del continente europeo. Il 20 ha ricevuto la missione di costruire tendopoli per ospitare le truppe partecipanti.

Il 21 gennaio 1944, il 20th Engineer Combat Regiment fu ufficialmente rinominato. I reggimenti da combattimento erano un ricordo del passato e il 20° era stato uno dei pochi rimasti. Dalla ridesignazione, fu formato il 20th Engineer Combat Battalion e il personale e l'equipaggiamento furono presi dal primo battaglione del vecchio reggimento.

Il battaglione, dopo la ridesignazione, continuò a lavorare su due progetti di costruzione, Rolero e Overlord. Entrambi riguardavano le strutture abitative per il concentramento delle forze necessarie all'assalto del continente. Alla fine di gennaio, il 20th fu sollevato da tutti i lavori di costruzione e gli fu assegnato il compito di allargare le strade che portavano a Hards sul Fall River. Il 10 febbraio 1944, la 20th fu ufficialmente sollevata dall'attaccamento alla sezione della Base Meridionale e assegnata al V Corpo. Quello stesso giorno il battaglione si trasferì a Wellington, in Inghilterra, per iniziare l'addestramento per l'invasione.

Il 1 marzo 1944, la 20a ricevette la notifica di essere stata scelta dalla 1st Divisione di Fanteria per supportare l'unità nell'assalto al continente. Il 2 marzo partirono in treno per Dorchester per partecipare all'esercitazione speciale Fox, un assalto simulato su una costa ostile.

Il 5 giugno 1944, la 20th salpò nel Canale della Manica nel mezzo del più grande convoglio di navi d'assalto mai riunito al mondo. L'unità sbarcò a Omaha Beach al largo della costa della Normandia, supportando gli uomini del 16° Fanteria nell'avanzata sulla spiaggia. Al 20 è stato affidato il compito di rimuovere mine e ostacoli per spostare i mezzi di supporto fuori dalla spiaggia.

Mentre gli LCI passavano davanti alle navi di supporto verso la spiaggia, gli ufficiali del 20 iniziarono a sentirsi come se qualcosa fosse andato storto. Perché c'erano così tanti morti sulle spiagge? Il 16 era davvero uscito dalla spiaggia o era stato ridotto a brandelli dai tedeschi trincerati? La 16a e il resto della 1a divisione di fanteria riuscirono a entrare e attraversare Omaha Beach, e la 20a seguì e ripulì la spiaggia per veicoli, munizioni e rifornimenti in arrivo.

Altrove, gli uomini hanno appreso che l'invasione era andata sostanzialmente come previsto. L'82a e la 101a divisione aviotrasportata erano saltate in Normandia per interrompere le comunicazioni tedesche. Il 1° e il 29° sono atterrati a “Bloody Omaha” e si sono spinti nell'entroterra. A Point du Hoc i Rangers si erano arrampicati sulle scogliere e avevano messo fuori combattimento i cannoni costieri. A Utah Beach sono sbarcati il ​​4° e parte del 90°. Da Port-en-Bessin verso est gli inglesi ei canadesi erano sbarcati e si erano diretti verso l'interno verso Bayeaux.

Dal 7 al 14 giugno 1944, la 20 sostenne la rapida avanzata della 1 Divisione. Il 12 luglio, il 20 ricevette un altro incarico per supportare la 5a Divisione. Il nuovo incarico richiedeva il trasferimento dell'unità a Littry, dove gli uomini svolgevano una grande quantità di lavori stradali e di sminamento. Dal 9 al 16 agosto, il 20 è stato impegnato a ripulire detriti e macerie e ad aprire le reti stradali attraverso la martoriata città di Vire.

Anche in questo caso il 20 era in movimento con una lunga marcia il 17 agosto a Mortill. Qui il Battaglione ricevette la missione di supportare l'80a Divisione nella spinta contro il bordo meridionale della Falaixe Pocket. Quando il Falaixe Pocket fu eliminato, il 20 si unì all'inseguimento verso est e si spostò attraverso le città appena liberate fiancheggiate da una folla esultante fino ai confini della città di Parigi. Il 26 agosto e per i successivi quattro giorni dopo la liberazione di Parigi, il 20 eseguì ricognizioni ingegneristiche e di ponti a Parigi e dintorni. Rimossero i blocchi stradali dai viali, sorvegliarono le discariche di ingegneri catturate e costruirono lo stand di revisione per la Victory Parade.

La 20a lasciò la Francia, attraversò il Belgio ed entrò in Lussemburgo l'11 settembre 1944. L'unità era ora in appoggio alla 28a Divisione, spingendosi verso nord-est. Tutta la Francia settentrionale e il Belgio furono liberati dalle truppe tedesche e tutte le forze alleate avevano raggiunto il confine tedesco. Qui gli americani incontrarono la Linea Sigfrido, ma l'attesa dei rifornimenti aveva dato al nemico il tempo di mettere in sicurezza le difese.

La 28a Divisione aveva piantato un piccolo cuneo nella famosa linea e la 20a aveva la missione di mantenere le rotte di rifornimento. Con le piogge autunnali, le strade sterrate, sottoposte a traffico intenso, divennero rapidamente fiumi di fango. Il 20 ha aperto diverse cave e ha versato roccia sulle strade nel tentativo di mantenere le vie. Il 6 ottobre, il battaglione si è trasferito in una pineta alla periferia di Camp Elsenborn, dove ha allestito il suo bivacco a sostegno della 28a divisione. Furono eretti edifici prefabbricati per fungere da sale da pranzo e da soggiorno combinate. Durante questo periodo il 20th migliorò le strade di rifornimento nell'area di divisione e si addestrò a Robertville Lake nelle tecniche di attraversamento d'assalto per il potenziale attraversamento del Reno.

La linea Sigfrido era stata trafitta sia dalla 1a che dalla 9a divisione, ma prima che le truppe riunite potessero attraversare il fiume Roer e irrompere nella pianura di Colonia, era essenziale che le dighe di Roer fossero sequestrate. Queste grandi dighe di terra erano state costruite dai tedeschi come parte delle loro difese occidentali, e se fossero saltate mentre le forze alleate attraversavano il Roer, le inondazioni risultanti avrebbero distrutto o interrotto qualsiasi avanzata nella piana valle del Roer. Così il fiume Roer era la chiave dell'attacco e la città di Schmidt, arroccata su una collina sopra il fiume Roer, dove controllava tutti gli accessi. Il 26 ottobre, il 20 era a diretto sostegno del 122° reggimento di fanteria della 28a divisione nell'attacco a Schmidt.

L'attacco iniziò con il 20 in seguito all'assalto della fanteria. La loro missione era quella di aprire e mantenere una strada di rifornimento da Germeter a Schmidt. Gli uomini lavorarono valorosamente sotto il fuoco dell'artiglieria pesante. I tedeschi contrattaccarono con grande forza e cacciarono la 28a Divisione da Schmidt. Il 20 era impegnato come fanteria per tenere il nemico lungo la linea del fiume Kall. Questo era il combattimento più costoso in cui il battaglione si era impegnato, poiché le loro posizioni erano sotto costante tiro di artiglieria e mortaio.

A metà novembre, la 28a divisione fu sostituita e il suo posto fu preso dall'8a divisione, ma la 20a rimase nella foresta di Hurtgen a combattere il fango. A dicembre, i tedeschi fecero la loro comparsa con una forza maggiore di quanto il battaglione avesse mai visto. Colpendo con forze armate schiaccianti nelle aree scarsamente tenute, i tedeschi sfondarono le linee alleate. Il 20 è stato estratto dalla foresta di Hurtgen il 20 dicembre e inviato a La Reid, in Belgio. La loro missione era quella di erigere barriere di difesa secondarie dei campi minati e di preparare gli alberi per la demolizione.

I tedeschi attaccarono le linee alleate con l'obiettivo finale di raggiungere Anversa e il mare e quindi tagliare le 38 divisioni alleate. La linea alleata resistette e la linea perse slancio quando le linee di rifornimento tedesche furono allungate per molte miglia. La neve arrivò nelle Ardenne e il 20 fu impegnato giorno e notte a rimuovere i cumuli di neve ea tenere aperte le linee di vita alle divisioni che trattenevano i tedeschi.

Nel febbraio 1945 arrivò la primavera e la neve svanì. Sotto il pesante traffico dei movimenti di truppe, la missione di mantenere le strade divenne un compito impegnativo. Per la prima volta nella loro storia, il Battaglione aveva la fanteria che li sosteneva nel tentativo di mantenere le rotte di rifornimento.

Sostenendo la 9a divisione corazzata, la 20a attraversò nuovamente la linea Sigfrido, rimuovendo le mine e svolgendo altri lavori di ingegneria generale. Il 20 attraversò il fiume Reno e, una volta attraversato, si allontanò dalle acque del Reno, precipitandosi a est sull'autostrada fino a Weilberg, dove le compagnie A e C costruirono i ponti Bailey. Quindi da Weilberg a Kassel, il battaglione rimosse gli ostacoli e sgomberò le strade.

Nel maggio 1945, il 20 si trasferì in convoglio a Munchberg. La vittoria era vicina, ed era giusto che il 20 terminasse la campagna sostenendo nuovamente il Big Red One. Uno dei risultati eccezionali del XX durante questo periodo fu la costruzione di un enorme complesso di prigionieri di guerra per circa 100.000 prigionieri tedeschi. Il Battaglione viaggiò anche in Cecoslovacchia, sostituendo i ponti distrutti con quelli permanenti di legno e acciaio.

Durante i suoi tre anni di combattimenti intermittenti nel teatro europeo, il 20 ha combattuto duramente e bene. Il generale Patton una volta disse: “Dammi la 1st Divisione e il 20° Genio e andrò dovunque!” Il 31 maggio 1945, in una revisione formale a Suxice, i colori dell'unità furono decorati con lo striscione blu del Distinguished Citazione dell'unità. L'unità si era guadagnata questo ambito premio nell'azione del D-Day quasi un anno prima, ma mai in quell'anno intenso il 20 aveva trovato il tempo per una presentazione formale. Sotto il War Department General Order #67, agosto 1944, la citazione recita:

Il 20th Engineer Combat Battalion è citato per le eccezionali prestazioni in servizio in azione. Il 20° battaglione da combattimento del genio fu assegnato al 16° fanteria con la missione di eliminare gli ostacoli sulla spiaggia all'interno della gamma di marea della spiaggia dalle vicinanze di Vierville-sur-Mer a Coleville-sur-Mer il 6 giugno 1944. Nell'esecuzione di questo missione il battaglione sbarcò sotto tiro di artiglieria, mortaio, fucile, granata, mitragliatrice e armi leggere. Nonostante l'attività nemica persistente, il 20 ° Battaglione da combattimento del genio, con coraggiosa determinazione e tenacia, ha ripulito le lacune nel filo spinato e nei campi minati per conquistare la spiaggia. L'operazione era particolarmente complicata perché la fanteria e le altre truppe si trovavano nel raggio di pericolo di demolizioni di ostacoli. Lavorando a volte davanti alla fanteria, l'ingegnere ha ripulito un'uscita dalla spiaggia attraverso fossati anticarro, blocchi stradali e campi minati per assicurare l'avanzata ininterrotta della fanteria. Nonostante le gravi perdite e la perdita di equipaggiamento vitale, il battaglione, con splendida lungimiranza e abilità tecnica, ha portato a termine galantemente la sua difficile missione in modo coerente con le più alte tradizioni del servizio militare. Il coraggioso perseguimento di questi compiti estremamente pericolosi di fronte a forze schiaccianti e all'opposizione mortale del nemico merita la massima lode.

Oltre alla citazione dell'unità, il 20 ha guadagnato stelle filanti per la partecipazione alle campagne in Algeria, Marocco francese, Tunisia, Sicilia, Normandia, Francia settentrionale, Renania, Ardenne-Alsazia ed Europa centrale. Da parte sua nell'invasione della Normandia, il 20 ricevette la Croix de Guerre francese con la seguente citazione:

Valorosa Unità che si distinse soprattutto durante l'operazione di sbarco del 6 giugno 1944. Essendo stata incaricata di sgomberare la spiaggia da Vierville-sur-Mer a Coleville-sur-Mer, ha compiuto la sua missione in anticipo sulla fanteria, sotto violenta fuoco di artiglieria nemico, e con il più assoluto disprezzo per la morte. Permise così l'avanzata regolare e ininterrotta della fanteria alleata. La citazione porta con sé l'assegnazione della Croix de Guerre con la stella di Vermeil.

Il 20 rimase in Europa fino al 30 marzo 1946, svolgendo lavori di ingegnere generale. È stato disattivato a Francoforte, in Germania, ed è tornato negli Stati Uniti. Ciò pose fine alla partecipazione del 20° Battaglione del Genio alla seconda guerra mondiale e fu la seconda volta in 30 anni che l'unità veniva disattivata. A differenza dell'ultima pausa, il battaglione sarebbe rimasto inattivo solo per quattro anni e sarebbe tornato in Germania in soli 15 anni.

FORT BRAGG, CAROLINA DEL NORD

Il 18 settembre 1950 il battaglione fu riattivato a Fort Bragg, nella Carolina del Nord, sotto il comando dell'LTC Howard W. Penney. Il battaglione era un'unità della Terza Armata attaccata al V Corpo. Lo stato del 20° Battaglione del Genio al momento della riattivazione era disperato. LTC Penney, in una lettera all'LTC Joseph O. Killian, scrisse: "La situazione in questo battaglione è probabilmente la stessa delle altre unità del genio: due terzi dei nostri ufficiali, un terzo dei nostri quadri, la maggior parte dei delle nostre attrezzature, in una parola – resistente. Ma al ventesimo piace che sia dura

Le società del 20 non sono state attivate immediatamente. Il quartier generale e la compagnia di servizi furono attivati ​​il ​​18 settembre con il battaglione, ma le compagnie non furono attivate fino al 1 ottobre 1950 per gli ordini generali 3, 4 e 5 del quartier generale V Corpo. Il distaccamento medico è stato attivato il 20 novembre 1950 per Ordinanza Generale 6. Altre sezioni includevano una sezione di manutenzione e una sezione di aviazione. Le compagnie erano piene di soldati trasferiti da Fort Devens, Massachusetts e Fort Benning, Georgia. Molti degli ufficiali di grado aziendale erano ufficiali di riserva chiamati per un servizio attivo prolungato. Alcuni di questi ufficiali erano veterani della seconda guerra mondiale e uno, CPT Sten Johnson Jr., divenne assistente S-3, la stessa posizione che ricoprì nel 20° battaglione del genio durante la seconda guerra mondiale.

Il battaglione continuò ad addestrare i suoi soldati, sottufficiali, sottufficiali e ufficiali sulle ultime tecniche di ingegneria da combattimento. Dal 13 agosto al 27 agosto 1951 fu condotta un'esercitazione principale chiamata Esercizio Southern Pine. L'esercitazione Southern Pine includeva tutti gli elementi della 20a e secondo il rapporto storico del Motor Pool del 6 settembre 1951, i veicoli del 20º Battaglione del Genio hanno percorso 95.806 miglia durante l'esercitazione senza incidenti. Le compagnie, tra cui HSC, hanno condotto un realistico addestramento al combattimento e hanno distrutto i blocchi stradali stabiliti dalle forze di aggressori aviotrasportati.

Nei tre anni successivi il Battaglione condusse numerosi progetti di costruzione a Fort Bragg e partecipò all'Esercizio Flash Burn nel 1954. Sebbene non sia disponibile alcuna copia del MTOE dell'unità del 1954, un programma di una giornata organizzativa datato 18 settembre 1954 descrive in dettaglio le dimensioni del Battaglione. All'interno dell'HSC c'era un plotone di equipaggiamenti guidato da un maresciallo. Conteneva 4 sergenti maggiori, 15 sergenti di prima classe, 10 sergenti, 22 caporali e 40 membri arruolati. La compagnia A aveva un capitano come comandante, due sottotenenti come leader di plotone, quattro sergenti maggiori, sette sergenti di prima classe, 16 sergenti, 19 caporali e 93 membri arruolati. Le compagnie B e C erano più o meno le stesse, tranne per il fatto che erano entrambe comandate da Primi Luogotenenti.

Il 1954 portò anche molti progetti di costruzione e soccorsi contro gli uragani. Il Battaglione ha costruito il raggio di combattimento numero 5, il raggio DTA numero 10, il raggio di transizione BAR numero 2, la riparazione della strada a Johnson Rifle Road, il raggio di transizione M-1 numero 3, il raggio di bombe a mano numero 1, la squadra nel raggio di difesa, il plotone in difesa notturna, e la gamma di bombe a mano numero 2. Il battaglione lavorò anche ai seguenti progetti stradali a Fort Bragg: Washington Road, BAR transition Road, Colonel's Creek Road e condusse operazioni di pozzo di argilla.

La distruzione lasciata sulla scia dell'uragano Hazel sulle spiagge della Carolina del Nord ha portato il Battaglione ad essere allertato la notte del 17 ottobre 1954 per i soccorsi lungo la costa. Al Battaglione fu assegnata la missione di rimuovere sabbia e detriti dalle strade delle spiagge della Carolina e di Wrightsville e di effettuare riparazioni temporanee dei servizi pubblici ove necessario. Annesso al battaglione c'erano il 66th Signal Battalion, il 981st Engineer Battalion Construction, la 618th Engineer Light Equipment Company, la 64th Engineer FL Main Company, la 322nd Engineer Topographic Company e la 37th Trans Truck Company. L'attrezzatura utilizzata per i soccorsi includeva: 2 cassone D8 12 yard, apripista D7, MRS con lama, pale caricatrici D5, pale caricatrici D4, gru mobile, livellatrice motorizzata, 8 dumper da 5 tonnellate, 11 camion da carico da 2 1/2 tonnellate , 12 dumper da 2 1/2 ton, 2 camion da carico da 5 ton, 1 cisterna di benzina da 1200 galloni, 14 camion da 3/4 ton, 15 camion da 1/4 di ton, 2 compressori d'aria, 1 demolitore da 5 ton e 2 allagamenti set di illuminazione. Dalla spiaggia di Carolina, il battaglione rimosse 89.000 iarde cubi di sabbia e detriti, e dalla spiaggia di Wrightsville il battaglione rimosse 32.000 iarde cubiche della stessa. Il sindaco Michael C. Brown di Wrightsville, NC ha scritto: "Senza l'aiuto del 20th Combat Engineers, probabilmente saremmo lontani dall'avere una parvenza di ordine nella nostra comunità".

Per il resto del 1954 e del 1955, il Battaglione fu coinvolto in progetti di costruzione e post-abbellimento di Fort Bragg, NC e Fort Jackson, SC. Il battaglione costruì il parcheggio del Fort Bragg Post Hospital e il campo di combattimento numero 4, il campo di combattimento ravvicinato numero 3, il campo di transizione M-1 numero 4 e i corsi di sicurezza per il 506° e il 502° Divarty a Fort Jackson.

Il 22 aprile 1956, il battaglione fu sollevato dall'incarico al XVIII Airborne Corps e Fort Bragg, NC, e assegnato alla 1a Armata con una nuova stazione di servizio a Fort Devens, nel Massachusetts.

FORT DEVENS, MASSACHUSETTS

Il 23 aprile 1956, il battaglione partì da Fort Bragg, NC alle 05:55 e arrivò a Fort Lee, in Virginia. Il 24 aprile, il battaglione partì da Fort Lee alle 05:35 e arrivò ad Aberdeen Proving Grounds. Il 25 aprile il battaglione partì da Aberdeen alle 06:30 e arrivò a West Point, New York. Il 26 aprile il Battaglione partì da West Point alle 0530 e arrivò a Fort Devens, Massachusetts alle 1720. Il Battaglione percorse un totale di 833 miglia con tutto il personale e l'equipaggiamento ed era pronto per il servizio appena quattro giorni dopo aver ricevuto l'ordine di muoversi.

Per tutto il 1956, il battaglione condusse test sul campo minato per il comando dell'esercito continentale e l'addestramento di supporto della Guardia nazionale e della riserva dell'esercito degli Stati Uniti a Camp Drum, New York. Il supporto a Camp Drum includeva la costruzione, la riabilitazione e la manutenzione di un parco di attrezzature pesanti insieme ad altre unità di posta, il funzionamento e la manutenzione di tutti i poligoni e le strutture di addestramento e il funzionamento della sezione del ponte. Il battaglione ha anche sostenuto il Programma ungherese per i rifugiati a Camp Kilmer, nel New Jersey.

Il Battaglione iniziò ora un ciclo di lavoro durante i mesi invernali a Fort Devens, MA e durante i mesi estivi a Camp Drum, NY. Ogni aprile, il battaglione si spostava da Devens a Drum per un periodo di 160 giorni per supportare i programmi di addestramento della Guardia nazionale e della riserva dell'esercito.

Fu a Camp Drum durante i mesi estivi che fu scritta la ventesima preghiera degli ingegneri.

Padre nostro che sei a Washington, immerso nei registri di servizio, requisizioni, tessere T.S., burocrazia e altri impedimenti che circondano l'Esercito sia in tempo di pace che in tempo di guerra, sia santificato il tuo nome. Dacci oggi la nostra paga parziale e perdonaci i nostri conti aziendali. Guidaci sulla via della Rettitudine con gli articoli di guerra, le regole e i regolamenti onniscienti. Approva i nostri permessi e permessi perché sai che il nostro non è un compito facile da ascoltare senza tempo libero. Sollevaci da tutti i doveri in modo che i nostri calli possano guarire. Liberaci dalle mani della polizia militare non funzionante perché sai che i nostri fardelli sono pesanti. Sì, anche se per diversi espedienti sono questi figli di Satana dal fegato giallo, questi sventrati disgraziati della Scuola degli Ingegneri, dopo essere stati tre volte picchiati sulla testa con una pala, hanno permesso di indossare l'odiato berretto bianco e la cintura dell'Ersatz Gestapo, loro piangono falsamente che sono i figli scelti. Guida i nostri passi piegati di piacere dalle regioni inferiori del peccato e dell'iniquità conosciute localmente come Watertown per paura di deviare e contattare certe impurità sociali che tu descrivi con tanta forza in questi film di educazione all'igiene sessuale. Non portare via i nostri strumenti di lavoro né distruggere il nostro castello, ma colpisci con una morte implacabile, rapida e orribile il nostro impiegato di compagnia, che segna il nostro libro paga, il sergente di mensa che deruba le nostre pance vuote. Per i fantasmi di coloro che ci hanno preceduto nella Siberia americana, Camp Drum, ti preghiamo.

Il 1° ottobre 1961, il battaglione fu allertato per il dispiegamento nella Germania occidentale durante la crisi di Berlino. Il battaglione, meno le compagnie B e C, fu aggregato all'11° gruppo di ingegneri in Germania. Il quartier generale e la compagnia del quartier generale si trovavano a Giessen, mentre la compagnia A era annessa alla brigata di Berlino. La missione del 20 era quella di fornire ingegneria da combattimento nella difesa dell'Europa. Mentre in Germania, il 20 ° ha partecipato a un battaglione ATT e due FTX della settima armata (Exercise Grand Slam e Exercise Fallex).

Il 15 marzo 1963, per ordine generale numero 13 della Settima Armata, entrarono in vigore le seguenti ridenominazioni provvisorie: Compagnia D, 547º Battaglione Genieri divenne Compagnia D, 20° Battaglione Genieri Compagnia E, 547esimo Battaglione Genio divenne Compagnia E, 20° Battaglione Genio e Compagnia D , 299° Battaglione Genio divenne Compagnia F, 20° Battaglione Genio. Le società D e F e HHC avevano sede a River Barracks, Giessen, Germania, e la società E era di stanza a Taylor Barracks, Mannheim, Germania.

Il quartier generale e la società del quartier generale tornarono a Fort Devens nel settembre 1963. La compagnia A fu ricostituita a Fort Devens e il quartier generale assunse il controllo delle compagnie di linea, tra cui B e C, nel settembre 1963. Ancora una volta, la 20th assunse la sua duplice missione di supporto ingegneristico generale per Fort Devens e sostenere Camp Drum durante i mesi estivi. Il battaglione costruì anche il campo da golf di Fort Devens nel 1964 da 80 acri di area di allenamento precedentemente inutilizzata.

Il 3 settembre 1965 il battaglione fu nuovamente allertato per il movimento oltremare, questa volta verso la Repubblica del Vietnam. Quando è stato allertato, il battaglione è stato pesantemente impegnato con una compagnia di linea una Fort Drum, New York, nella costruzione di strade, 90 individui in servizio speciale e supporto TDY di Fort Devens e Fort Drum, e il resto del battaglione si è impegnato nella costruzione di strutture di tiro a Fort deve. Il battaglione era anche a corto di un totale di 123 persone a causa di pesanti azioni di prelievo intraprese per riempire le unità precedentemente allertate. Al ricevimento della notifica di allerta, tutto il personale è stato richiamato dal servizio speciale e TDY, e i progetti di gamma a Fort Devens sono stati trasferiti all'86° Battaglione del Genio da Fort Dix, New Jersey.

Subito dopo la ricezione dell'ordine di allerta, è stata posta grande enfasi sull'inventario, la riparazione e/o la richiesta di tutte le forniture e le attrezzature necessarie per l'implementazione. Nel periodo dal 10 al 30 ottobre 1965 sono stati consegnati in totale 108 veicoli e attrezzature importanti e ne sono stati ricevuti circa 100. Una significativa carenza di attrezzature organizzative è perdurata durante la settima settimana di formazione e comprendeva elementi importanti come 15 camion da 2 ½ tonnellate e tutti i supporti radio.

Dopo aver ricevuto la direttiva sul movimento il 12 ottobre 1965 e l'ordine di movimento il 14 ottobre 1965, fu stabilito il coordinamento con la sede di Fort Devens per accelerare il ricevimento di personale, veicoli e attrezzature. Per il controllo interno di tutte le azioni organizzative necessarie al rispetto della data di disponibilità delle apparecchiature del novembre 1965 e della data di disponibilità del personale del 1 dicembre 1965, in considerazione del poco tempo rimanente prima del movimento, sono state stabilite le pianificazioni dei compiti, relative a ciascuna area funzionale del personale. dal 26 ottobre al 29 novembre 1965 è stato stabilito un piano di congedo graduale del personale prima dell'assunzione, che concedeva 10 giorni di ferie a ciascuno. Questo programma consentiva a tutto il personale di prendere congedo, fornendo allo stesso tempo personale sufficiente in guarnigione per preparare l'attrezzatura per il movimento e consentire la chiusura ordinata dei conti amministrativi e di proprietà a Fort Devens. Il 21 e il 24 novembre sono state ricevute le chiamate portuali per attrezzature e personale. La maggior parte delle attrezzature e dei rifornimenti furono scaricati al Boston Army Terminal sulla USNS LT James E. Robinson, che salpò il 5 dicembre 1965. Il promemoria della spedizione fu spedito per ferrovia all'Oakland Army Terminal, Oakland, California, dove fu caricato sulla MSTS Morgantown Victory per la spedizione in Vietnam. L'8 e il 9 dicembre, il corpo principale del battaglione partì da Fort Devens tramite vari aerei commerciali e militari per l'Oakland Army Terminal per il caricamento sulla USNS William Wiegel. La nave partì per il Vietnam il 9 dicembre e arrivò a Cam Ranh Bay, in Vietnam, il 1 gennaio 1966. L'Advance Party era già arrivato lì il 18 dicembre 1965.

All'arrivo a Cam Ranh Bay, il battaglione fu assegnato a tutti gli effetti al 35th Engineer Group (Costruzione), per ordine generale n. 5, quartier generale, 18a brigata del genio. Per il periodo dal 1 gennaio al luglio 1966 il 20° Battaglione Genio e l'annessa 584a Compagnia Genio (Equipaggiamento Leggero) si trovavano a Dong Ba Thin. Durante questo periodo il battaglione era impegnato principalmente in lavori di costruzione. Tuttavia, la compagnia C è stata coinvolta in missioni di supporto operativo nelle vicinanze di Nha Trang nei mesi di maggio e giugno. Il 15 gennaio 1966 la 584a Compagnia del Genio venne annessa a tutti gli effetti al 20° Battaglione del Genio. Il 15 giugno 1966 entrambe le unità furono annesse al 45° Gruppo Ingegneri.

Mentre a Dong Ba Thin il battaglione e le sue unità annesse completarono o lavorarono per completare i seguenti progetti:

1. I progetti di massima priorità nel complesso Dong Ba Thin erano di portare l'intera area a livello. È stato stimato che sarebbero stati necessari 1.500.000 iarde cubi di sabbia sfusa in prestito per aumentare l'intera area a 6,51 piedi sopra il livello medio di tenuta a Cam Ranh Bay. È stato stabilito che con questa quantità di riempimento, il complesso non sarebbe stato allagato durante la stagione dei monsoni. All'epoca in cui il battaglione partì da Dong Ba Thin, nell'area erano state piazzate oltre un milione di metri cubi.

2. Costruzione di tre miglia di fossato intercettore sul perimetro interno intorno al complesso Dong Ba Thin.

3. Costruzione di due ponti in acciaio con piloni in cemento armato su QL-1 attraverso il fosso intercettore.

4. Costruzione di spalle, superamenti e strutture di drenaggio per la pista di 3000 piedi a Dong Ba Thin.

5. Costruzione di 75 eliporti in cemento da utilizzare per elicotteri Irochesi UH-1.

6. Costruzione di un'area di parcheggio di 1200 piedi con possibilità di parcheggio per 18 velivoli CV-2.

7. Costruzione di una pista di rullaggio parallela di 3000 piedi con laterali di collegamento e grembiuli caldi in congiunzione con la pista.

8. Costruzione di un eliporto per aeromobili CH-47.

9. Costruzione di due cavalletti CH-47 (282' x 400')

10. Costruzione di tre cavalletti di manutenzione UH-1B (60' x 300').

11. Costruzione del quartier generale della 2a brigata marina della Repubblica di Corea nelle vicinanze di Dong Ba Thin per includere il movimento terra.

12. 33.000 piedi quadrati di costruzione verticale per includere edifici tropicali standard per mense, edifici amministrativi/fornitori, latrine, docce, dispensari, cambio posta, cappella e stanza delle armi per l'area di sepoltura dei 1600 soldati a Dong Ba Thin.

13. Costruzione di un'area di confinamento di 900 soldati allo standard tre per includere telai di tende su pavimenti in cemento, sale mensa e locali amministrativi/rifornimenti.

14. Numerosi piccoli progetti per includere attrezzature e supporto di falegnameria alla ROK Marine Brigade, fornendo assistenza tecnica al distacco delle forze speciali della 51a compagnia B, costruzione di una testata del frantoio e rampa di carico cinese, nonché il miglioramento degli approcci del ponte al My Ca galleggiante attraverso Baia di Cam Ranh. La compagnia B ha sostituito il ponte galleggiante M4T6 da 1100 piedi a My Ca con un ponte di classe 60. Ciò è stato realizzato in tre giorni e due notti e il ponte è stato rotto solo di notte per ridurre al minimo l'interruzione del traffico.

Nei mesi di luglio e agosto il 20° battaglione del genio con la sua annessa Light Equipment Company si è schierato in varie località. Il quartier generale del battaglione, l'HHC, la compagnia A e la 584a compagnia di ingegneri si trasferirono nelle vicinanze di Ninh Hoa per costruire il complesso del quartier generale della divisione per la nona divisione "White Horse" dell'esercito ROK. La compagnia C si è trasferita nelle vicinanze di Nha Trang per eseguire lavori di costruzione del complesso logistico dell'esercito ROK e la società B è stata schierata nelle vicinanze di Ban Me Thout per iniziare la costruzione di un'area di bivacco delle dimensioni di una brigata per la 4a divisione.

Mentre a Nha Trang e Ninh Hoa il battaglione e le sue unità annesse hanno completato i seguenti progetti:

1. Costruzione di 5 miglia di lavori standard su due strade e canali sotterranei nel quartier generale della nona divisione dell'esercito della ROK.

2. Costruzione di 4 quonset tropicali nell'area del Comandante Generale.

3. Costruzione di 24 quonset tropicali nell'area dell'Amministrazione della Divisione.

4. Costruzione di 7 miglia di lavori standard su due strade e canali sotterranei nel complesso logistico dell'esercito di Nha Trang ROK.

5. Costruzione di telai per tende, latrine per mense e docce per il complesso dell'esercito ROK.

Nel settembre 1966, la compagnia B (-) partì da Ban Me Thout per Phu Tuc per iniziare la costruzione di un complesso di aeroporti C-130 mentre un plotone si dispiegò a Nhon Co per riabilitare un aeroporto C-130 esistente. Dal 3 al 10 settembre, il battaglione ha supportato due compagnie della 101a divisione aviotrasportata nelle operazioni di ricerca e distruzione nelle vicinanze di Ninh Hoa. Squadre di demolizione sono state fornite in supporto diretto di elementi offensivi. Inoltre, è stata fornita la sicurezza per i siti dei ponti e i posti di comando, nonché il supporto logistico costituito da pasti caldi, acqua e munizioni.

Il 10 settembre 1966 il 502° Fanteria fu impegnato nella difesa della frazione di Long Hoa. In concomitanza con il movimento di quella forza a Long Hoa, la Route QL1 è stata aperta da Ninh Hoa a Tuy Hoa. Un plotone della compagnia A fu posto a diretto appoggio del 502° a difesa del casale. Una squadra della Compagnia A ha fornito la ricognizione di mine e demolizioni per il movimento del convoglio. Il comando e controllo del convoglio fu assegnato al comandante della compagnia, compagnia A. La rotta fu aperta da Ninh Hoa a Tuy Hoa il 14 settembre 1966. La difesa del villaggio terminò il 16 settembre con la compagnia A che tornò a Ninh Hoa.

Il 5 ottobre 1966, la Compagnia A fu riorganizzata come fanteria, annessa alla 1st Brigata 101st Divisione aviotrasportata e si trasferì nelle vicinanze di Long Hoa per operazioni difensive. Durante l'attacco, la Compagnia A presidiava avamposti e conduceva pattuglie di combattimento e operazioni sul sito di imboscate. Questa operazione terminò il 13 ottobre 1966.

In ottobre, il battaglione minus si dispiegò nelle vicinanze di Pleiku dove iniziò immediatamente i lavori di costruzione nel campo base 4th ID e fornì supporto operativo di combattimento all'Operazione Paul Rever III, IV e V (ribattezzata Operazione Sam Houston). Dopo l'arrivo a Pleiku, la Compagnia C si è trasferita a supporto del 3° BDE 25° ID “Tropic Lightning” e del 4° ID sull'Operazione Paul Revere IV. La missione prevedeva la costruzione di ponti e tangenziali sulla Route 509, il principale centro operativo logistico terrestre della divisione, e l'installazione di canali sotterranei e di un ponte sulla Route 14B, un'autostrada laterale che collega le Route QL19 e 509. In 17 giorni di combattimento diretto supporto, la società C ha installato 210' di canale sotterraneo, eretto 88' di ponti a secco, completato 140' di bypass del serbatoio, preparato 5 spalle AVLB e stabilizzato accessi al ponte con 415 iarde cubi di ghiaia frantumata. Durante l'Operazione Paul Revere IV la divisione ha fatto transitare su strada una media di 160 veicoli (su ruote e cingolati) al giorno. Va notato che questo ha segnato la prima volta in sei mesi che un traffico pesante ha utilizzato la Route 509 come principale via di rifornimento. L'apertura di questa strada contribuì notevolmente al successo dell'Operazione Paolo Revere III e IV. Il 10 novembre 1966 il 20° Battaglione Genitori e la 584a Compagnia Genio furono annessi al 937° Genio Genio.

Il 13 novembre 1966, la compagnia A (-) con un plotone del 4° battaglione del genio annesso, fu trasportata in aereo in una piccola zona di atterraggio vicino a ZA 6055 dove iniziò immediatamente ad ampliare l'area. Nel 1800 fu completata una LZ abbastanza grande da ospitare un battaglione di fanteria. In concomitanza con le operazioni di sgombero, il battaglione di fanteria 1/12 con l'artiglieria di supporto, si spostò nella zona di sbarco. Lo sgombero, l'ampliamento e il miglioramento delle posizioni difensive continuarono per tutto il giorno successivo e la compagnia A fu estratta il 15 novembre 1966.

Il 16 novembre 1966, la compagnia C (-) si trasferì nelle vicinanze del fiume Se San YA 7450 per continuare una strada pionieristica (designata 509B) precedentemente avviata dal 4th Engineers. La responsabilità del battaglione per la strada iniziò sulla sponda nord del fiume Se San. Quasi subito la portata dell'opera è cambiata dalla costruzione di una strada a senso unico ben sagomata, adeguatamente drenata e correttamente orientata. Due aratri di Roma (con lama libera da KG) furono attaccati alla compagnia C. Gli aratri di Roma furono assegnati per accelerare il taglio di un ampio sentiero 30 attraverso la fitta giungla. Quando il contatto nemico iniziò a calare in quest'area, i lavori sul 509B furono interrotti il ​​6 dicembre 1966 dopo che erano stati costruiti 5500 metri di carreggiata e una base di supporto antincendio. Il 2 gennaio 1967, la 3/C/20E riattraversò il fiume Se San per riprendere la costruzione della Route 509B. Al plotone erano attaccati due aratri romani, oltre a due ruspe. Sono proseguiti i lavori per la costruzione della strada a nord-ovest e la costruzione di basi di supporto antincendio in modo che l'artiglieria potesse spostarsi in una posizione avanzata.

Il 3 dicembre 1966, la compagnia D, 35o battaglione del genio, ora compagnia D, 20o battaglione del genio, si trasferì nelle vicinanze dello YA 8646 per costruire il nuovo campo CIDG di Polei Djereng e l'aeroporto C-130. Oltre al campo CIDG, è stato costruito un campo per una batteria di artiglieria statunitense. Gli sforzi sul campo CIDG consistevano nello sgomberare e livellare aree specifiche, posizionare il filo di difesa esterno e costruire una tangenziale attorno al campo. Il lavoro sulla posizione dell'artiglieria fu più esteso. Furono costruiti quattro gun pad con le relative munizioni e bunker per il personale. Inoltre sono stati costruiti una latrina, una doccia, una sala mensa, un centro di direzione antincendio e una lastra per la manutenzione e sono stati assopiti gli spazi per la futura costruzione di auto-aiuto. L'aeroporto C-130 è stato costruito. La pista era inizialmente una striscia di terra ricoperta da uno strato 62 di laterite. 3/B/20E, attaccato alla compagnia D, ha poi coperto la pista con un tappetino in alluminio MX-19, il primo utilizzo del tappetino MX-19 in Vietnam. Non erano disponibili kit di accessori ed è stato installato con successo un opportuno sistema di ancoraggio. Il 24 gennaio 1967 fu effettuato un volo di standardizzazione C-130 e la pista fu trovata in ottime condizioni.

Il 24 dicembre 1966, la compagnia C (-) si trasferì a Ban Blech per riabilitare l'aeroporto esistente, che era caduto in grave rovina.I 1000 piedi occidentali della pista erano gravemente solcati, la membrana sotto la T-17 era estremamente satura e il drenaggio dell'area era inadeguato. Dopo aver rimosso tutta la membrana T-17, la pista e il piazzale di parcheggio sono stati sacrificati. Sia la pista che il piazzale del parcheggio sono stati lasciati asciugare, sono stati riempiti e ricompattati, e la linea centrale è stata sollevata di un piede e ricoperta da uno strato di roccia decomposta da 6 pollici. La pista è stata nuovamente classificata e compattata.

Il 1° febbraio 1967, la compagnia C (-) iniziò un trasferimento a lunga distanza da Ban Blech a Duc Lap per costruire un nuovo aeroporto C-130. A causa del fatto che Duc Lap era così lontano dal quartier generale del battaglione, a circa 150 miglia attraverso un territorio non sicuro, e poiché non esisteva alcuna struttura dell'aeroporto esistente per effettuare la ricezione dei rifornimenti, tutti i materiali da costruzione, POL e razioni per il progetto sono stati assemblati e caricato su un convoglio proveniente dal quartier generale del battaglione a Pleiku e consegnato alla compagnia C a Ban Blech nel primo pomeriggio del 1 febbraio. Dopo che il convoglio di rifornimento si è sposato con il convoglio della compagnia C, il viaggio verso Duc Lap è proseguito con uno scalo a Ban Me Thout quella stessa sera.

I lavori del progetto sono iniziati il ​​4 febbraio con le operazioni di sgombero e lo spostamento di un villaggio che si trovava all'estremità orientale della linea centrale dell'aeroporto. Lo scopo del lavoro per questo progetto consisteva nella costruzione di una pista di atterraggio coperta da embrane C-130, T-17 e un piazzale di imballaggio per ospitare cinque velivoli C-130. Il 15 febbraio 1967, sei C7A atterrarono sulla pista di 1000 piedi appena completata. Inoltre, era necessaria una strada di accesso a doppio senso per tutte le condizioni atmosferiche, a circa tre miglia dalla Route QL-14 al campo delle forze speciali, che forniva il bivacco e la sicurezza del luogo di lavoro.

Il 2 febbraio 1967, la compagnia D, 35th Engineer Battalion (ora un battaglione di addestramento dell'unità di una stazione a Fort Leonard Wood, Missouri) si trasferì a Oasis per riabilitare la pista esistente di 3000 piedi ai criteri C-130, fornire servizi di parcheggio per 5 C-130 aerei, e di costruire un'area di sosta per 40 elicotteri. L'aeroporto esistente era stato coperto con una membrana T-17 che era stata gravemente danneggiata dall'uso costante e il drenaggio dell'aeroporto era fallito, causando profondi solchi sulla pista. La nuova pista da 3500 piedi doveva essere coperta con MX-19 e l'area di parcheggio C-130 con M8A1.

Il 7 febbraio 1967, il 3° plotone, la compagnia C chiuse il campo base del battaglione dopo aver esteso la Route 509B a circa 11.000 metri a nord-ovest e aver costruito due basi di supporto antincendio. Il 17 febbraio, il 3° plotone partì dal campo base per Phu Nhon per impegnarsi in un progetto di riparazione dell'aeroporto. Questo aeroporto C-130 era caduto in un grave stato di abbandono con molti solchi, punti deboli, problemi di drenaggio e gravi danni alla membrana del T-17.

Il 12 marzo 1967, la compagnia B (-) ha completato le sue missioni a Phu Tuc. Lo scopo del lavoro, come delineato nella direttiva del progetto, era costruire un aeroporto C-130 nelle vicinanze del campo delle forze speciali di Phu Tuc estendendo una pista di terra esistente di 2200 piedi a 3500 e ricoprendola con una membrana T-17. Inoltre, sono stati costruiti parcheggi per cinque velivoli C-130, un eliporto d'assalto per tre compagnie aeree, due turn-around e una strada di accesso di 5300 piedi dalla Route 7B all'area di sosta. Nel marzo 1967, la compagnia B (-) tornò al campo base di Dragon Mountain. Il 16 marzo, il 1° plotone, la compagnia A si trasferì alla cava Danner (Oasis) e iniziò a fare il pendolare per costruire un ponte piegato su pali di 80 piedi sulla Route 14 B.

Il 16 marzo 1967, la compagnia D, 299th Engineer Battalion (ora di stanza a Fort Hood, Texas) fu assegnata al 20th Engineer Battalion per supportare lo sviluppo del campo base del quartier generale dell'ID presso il Dragon Mountain Base Camp, Pleiku.

Il 22 marzo 1967, la società A si trasferì nella cava di roccia dell'Oasis. A causa della posizione remota delle Compagnie B e C, era necessario rifornirsi in aereo. Un distaccamento di retroguardia è stato istituito a Cam Rahn Bay per fornire supporto alla compagnia B a Phu Tuc e alla compagnia C a Duc Lap. Cam Rahn Bay è stata scelta come base di supporto per le sue ampie strutture logistiche e la disponibilità di aerei C-7A per il trasporto di rifornimenti. Rifornimenti tra cui parti di riparazione, POL e razioni sono stati inviati a queste compagnie dalla base dell'aeronautica di Pleiku e dal campo base del battaglione. Inoltre, sono stati utilizzati velivoli del 937th Engineer Group.

Il 17 aprile 1967, il 4th ID iniziò un nuovo OPLAN sulla difesa del campo base. Sebbene questo OPLAN sollevasse il 20 dalla responsabilità esclusiva per un sottosettore perimetrale, il Battaglione era ancora tenuto ad aumentare il personale di fanteria nella gestione dei bunker perimetrali all'interno del settore della 1a brigata. L'OPLAN ha ulteriormente integrato il battaglione nel 4° programma ID Village Visitation. Alla compagnia B è stata assegnata la responsabilità di visitare i villaggi di Plei Breng e Plei Monu Dooch e presentare rapporti periodici al 4th ID G-5.

Il 6 maggio 1967, la compagnia D chiuse il campo delle forze speciali di Duc Co per aggiornare, costruire spalle, area di sosta e sistema di drenaggio per un aeroporto C-130. Aggiorna anche il QL-19W verso est da Duc Co alla classe 35 a due vie, capacità di classe 50 a una via con una scia di carri armati di classe 55 parallela. L'aeroporto di Duc Co doveva essere ampiamente utilizzato dagli aerei a supporto delle operazioni tattiche durante la stagione dei monsoni del 1967.

Dal novembre 1966 la responsabilità della realizzazione dell'accantonamento della Divisione, sia verticale che orizzontale, è stata affidata alla Società A. Il 20 marzo 1967 la Società B solleva la Società A dalla responsabilità della realizzazione del complesso dell'area personale speciale della Divisione. La compagnia D, 299° EN BN, si unì alla compagnia B per supportare lo sviluppo del campo base.

Il 4° ID aveva ora un programma di auto-aiuto attivo. La produzione su vasta scala di edifici prefabbricati non è iniziata fino all'inizio di febbraio. Il cantiere prefabbricato Battalion è stato aperto 24 ore su 24 a partire dai primi di marzo e la produzione è aumentata a circa 10 edifici al giorno. Il cantiere era gestito durante il giorno da 8 soldati e 75 operai civili. Circa 12 uomini arruolati operavano nel cantiere di notte. La costruzione totale fino al 1967 è stata:

62.600 piedi quadrati di mensa

13.872 piedi quadrati di strutture di manutenzione

46.720 piedi quadrati di strutture mediche

8.800 piedi quadrati di strutture amministrative

62.400 piedi quadrati di alloggi per le truppe

Il cantiere prefabbricato del battaglione aveva emesso 252 edifici di 20 x 80 piedi. Inoltre, le unità del 20° Battaglione del Genio hanno costruito:

2 impianti di manutenzione binari 40 x 100

3 26 x 90 strutture di manutenzione automobilistica

1 impianto di manutenzione automobilistica 26 x 104

11 20 x 100 edifici tropicali.

Prima di essere assegnati al 4th ID Village Visition Program, il battaglione e le unità collegate hanno trovato il tempo di partecipare a molti progetti di azione civica. Tutti questi progetti sono stati intrapresi e realizzati durante il tempo libero. Alcuni dei programmi degni di nota completati sono stati:

1. Sgombero di un'area di 400 x 500 metri per i rifugiati situata a circa due miglia a nord del complesso militare di Dong Ba Thin.

2. Costruzione di una scuola per 60 alunni con relativi mobili e parco giochi adiacente nel villaggio di Than Thanh.

3. Costruzione di un dormitorio di 36 x 76 piedi presso l'orfanotrofio Loving Cross a Lap Dinh.

4. Installazione di un generatore che è stato utilizzato come fonte di energia per il villaggio di Nihn Hoa.

5. Costruzione di una serie di dighe in terra con paratoie in legno per controllare il flusso d'acqua nell'area di Nihn Hoa.

6. Assistenza nello scavo di pozzi nei villaggi Montagnard vicino a Ban Me Thuot.

7. Un programma MEDCAP aggressivo è stato istituito in tutte le aree del battaglione.

A metà del 1967, la sezione per gli affari civici del battaglione era attiva nel sostegno sociale di 2 villaggi di Montagnard che confinano con il campo base della Montagna del Drago. A metà del 1967, i soldati del 20° Battaglione del Genio erano stati insigniti di 22 Purple Hearts, 5 Bronze Stars con il dispositivo V e un totale di 103 Bronze Stars e Army Commendation Medals per servizio meritorio.

Nella seconda settimana di maggio 1967, la compagnia A chiuse a Jackson's Hole, posto di comando avanzato della 1a Brigata 4a ID e fu impegnata nell'aggiornamento e nel ricapitolare di tre MSR. Per realizzare questo progetto, un plotone di movimento terra, un plotone di autocarri con cassone ribaltabile, un plotone di linea di ingegneri e vari elementi più piccoli sono stati collegati all'azienda.

Contemporaneamente, la società D, dopo aver completato i requisiti di aggiornamento del QL-19W da Duc Co east all'incrocio stradale 14B-QL19W, ha iniziato a consolidare attrezzature e personale per iniziare il progetto di rivestimento dell'M8A1 sull'aeroporto di Duc Co. Un'indagine dell'aerodromo ha rivelato che la striscia esistente era larga 100 piedi per 3000 piedi di lunghezza. Le piogge sono continuate per 20 giorni, durante i quali il lavoro effettivo svolto è stato il taglio e la sagomatura di tutti i canali di scolo dell'aeroporto, la rimozione di circa il 75% della calotta di laterite che si era saturata e la manutenzione della Route QL-19W.

Il 22 maggio, la compagnia C si trasferì dal suo campo base a Combined Arms Hill a Danner Quarry. Alla società C è stata assegnata la costruzione di una pista per carri armati di classe 55 a due vie dal campo base di Dragon Mountain a Duc Co. Alla società è stata assegnata la missione secondaria di mantenere il QL-19W aperto al traffico durante la stagione dei monsoni. Alla società A è stato assegnato un compito simile. Un percorso di carri armati dall'intersezione di QL-19W e 14B nelle vicinanze del campo SF a Polei Djereng. È stato sottolineato che questo progetto non dovrebbe interferire con la missione di manutenzione stradale. A causa della mancanza di attrezzatura, l'avanzamento sul sentiero è stato un po' ostacolato. Il 29 maggio, i progetti per la pista dei carri armati sono stati rinviati alla fine della stagione dei monsoni poiché le attrezzature pesanti e le attrezzature di compattazione non potevano essere utilizzate in modo efficace. Entrambe le società hanno ripulito il 60% della pista dei carri armati.

Il 29 maggio 1967, la 173a Brigata Aviotrasportata (ora di stanza in Italia), presso il loro bivacco a Catecka, rimase impantanata nel fango e non fu in grado di ottenere le aree di rifornimento o di manovrare nel campo base. La società C si è impegnata a fornire drenaggio e costruire drenaggio e costruire strade per tutte le condizioni atmosferiche in tutta l'area 173.

La manutenzione delle strade, la costruzione dell'aerodromo, l'installazione di hangar per elicotteri erano a buon punto nel giugno 1967. Rivestimenti e sgombero del terreno continuarono ad essere importanti nel programma di lavoro quotidiano. La società D ha iniziato a lavorare su un eliporto di supporto in avanti. Nell'area designata dell'eliporto è stato scoperto un campo minato. Prima che i lavori potessero procedere, il campo minato è stato sgomberato. Il campo minato conteneva 88 mine M14 e M16.

Il 24 giugno 1967, la compagnia D, 299th Engineer Battalion tornò al controllo della loro unità madre. La compagnia C (-) ha lavorato nell'area di stanziamento della 173a Brigata aviotrasportata. Il 3 luglio 1967, la 173a Brigata aviotrasportata trasferì il quartier generale da Catecka a Kontum per impegnarsi nell'operazione Greely. La società C ha iniziato a dedicare il massimo impegno al mantenimento di QL-19W dall'intersezione di QL-19W e QL-14 a Danner Quarry.

Il 10 luglio 1967, la compagnia A ricevette una direttiva prioritaria per coprire la pista di atterraggio di Duc Co con MC-30 e posizionare il tappetino M8A1 su 3500 piedi di pista. Il 3° plotone fu schierato e iniziò a posare M8A1 a una media di 18-20 mila piedi quadrati al giorno. Più tardi nel mese la compagnia A ha ricevuto un'ulteriore direttiva per costruire turnaround di 150 piedi quadrati alla fine della pista. Questo progetto è stato completato il 31 luglio.

La compagnia A ha continuato la manutenzione delle autostrade QL-19W e 14B per tutta la stagione dei monsoni. Il 15 agosto, la società A ha assunto la responsabilità della riparazione e della manutenzione della sezione impraticabile di 600 metri della rete stradale interna attraverso Jackson's Hole. Il progetto prevedeva l'ammaraggio, il drenaggio e la sagomatura dei 600 metri di strada prima di collocare la quantità necessaria di pietrisco. I lavori stradali sono stati fatti principalmente a mano durante la forte pioggia. Intorno al 20 agosto, la sezione impraticabile della strada è stata aperta al traffico, consentendo ai veicoli di rifornimento del 4 ° ID disperatamente necessari a Jackson's Hole.

La società C ha continuato la manutenzione di QL-19W. Il 3 agosto e il 15 settembre, il Bailey Bridge è crollato sotto un carico combinato di un carro armato VTR e M48A1 e un UTR. La società C ha deviato i suoi sforzi per riparare un bypass esistente presso il sito del ponte, supportando la 509th Panel Bridge Company nella sostituzione del ponte distrutto. Il 3 agosto il 584th Engineer Company (LE) era impegnato nella manutenzione della porzione di QL-19W (MSR) dal sito del ponte, a est di Camp Enari. Questa missione MSR è stata assegnata alla Light Equipment Company, mentre la società C è stata impegnata nella riparazione del ponte. La 584th LE Company mantenne la responsabilità della manutenzione fino al 26 settembre 1967.

Il 15 agosto, è stata ricevuta la notizia che il lavaggio dell'elica da un elicottero CH-47 aveva spostato 480 piedi lineari della pista MX-19 a Polei Djering Airfield. Il 16 agosto il secondo e il terzo plotone della compagnia B furono trasportati in aereo a Polei Djering. Entro il 17 agosto 30.000 piedi quadrati di stuoie erano stati riallineati e ricollegati quando un altro CH-47 ha scollegato altri 435 piedi lineari di pista. Il 18 agosto, un sistema di ancoraggio conveniente sul campo, costituito da picchetti a forma di V da 36 pollici e filo di collegamento n. 9, è stato introdotto in volo e il riallineamento e il filo di ancoraggio sono stati completati il ​​19 agosto. Entrambi i plotoni erano tornati a Campo Enari entro il 20 agosto.

Il 19 agosto, la società C e la 584a compagnia di ingegneri si sono trasferite da Danner Quarry alla Wooly Bully Quarry, a 2,3 chilometri da Danner Quarry. Il nuovo sito di bivacco è stato preparato dal 1° plotone, compagnia C.

Il 35° plotone del genio (Land Clearing) fu aggregato al 20° battaglione del genio e chiuse al campo base di Campo Enari il 19 agosto 1967. Durante la settimana successiva la prima e la seconda squadra sostennero rispettivamente il 70° e il 299° battaglione del genio. La terza squadra rimase attaccata per le operazioni di sgombero del terreno al 20° Battaglione del Genio per lavori nell'area di operazione. La terza squadra ha iniziato un'operazione di sgombero su QL-19W nelle vicinanze della cava Wooly Bully il 25 agosto. Dal 25 agosto al 22 ottobre il 35th Land Clearing Platoon ha ripulito oltre 3648 acri sulle rotte QL-19W, QL-19E, QL-14S e TC-6C. Il 24 ottobre la 2 squadra del 35th fu riassegnata dal 70th battaglione del genio al 20 per lavori nel villaggio dell'insediamento di Edap Enang.

Con il trasferimento della 1a Brigata, 4a ID da Jackson's Hole all'Oasis, la Compagnia A trasferì un plotone alla cava Wooly Bully il 17 settembre per preparare un'area di bivacco di dimensioni aziendali. La società A (-) si è trasferita al campo base il 21 settembre e ha assunto diversi piccoli progetti. Il 21 ottobre 1967, la compagnia A aprì il suo CP presso la Wooly Bully Quarry, assunse la missione di manutenzione e aggiornamento della MSR del QL-19W da ovest alla Duc Co.

Il 22 settembre, la società C e la società D si sono scambiate compiti e sedi. La società C ha rilevato i progetti del campo base della società D e la società D ha assunto la responsabilità di una parte del QL-19W. Tra i progetti della società C's c'era la costruzione di 88 rivestimenti per elicotteri per il 7/17th Air Cavalry Squadron, previsto per l'arrivo nella Repubblica del Vietnam il 23 ottobre.

L'11 ottobre 1967, la compagnia B’s CP e il suo secondo plotone, rinforzati con attrezzature per movimento terra dal plotone Battalin Equipment, si trasferirono a Plei Do Lim per iniziare l'aggiornamento della Route LTC-7B dal villaggio di Plei Do Lim. Lo scopo del lavoro ha riguardato il miglioramento della carreggiata da una capacità di tempo buono a una capacità limitata per qualsiasi tempo e la riparazione di un ponte. Si trattava di una missione di supporto alle operazioni a supporto generale dell'OPLAN Middleton del 4° ID. Il primo plotone della compagnia B si trasferì all'aeroporto di Phu Tuc per riparare la pista del T-17 che era stata squarciata dal lavaggio dell'elica del C-130. Il 20 ottobre, il CP e il secondo plotone della Compagnia B sono tornati dall'aggiornamento dell'LTC-7B MRS e dalle riparazioni del ponte sono stati segnalati come completi al 100%. Il 28 ottobre, il primo plotone della compagnia B è tornato al campo base dopo aver completato le riparazioni della membrana T-17 all'aeroporto di Phu Tuc.

Il 25 ottobre 1967, il primo plotone si dispiegò a Ban Blech per iniziare i lavori di ammodernamento dell'aeroporto esistente e per fornire supporto tecnico generale al CP 2nd BDE, 4th ID. Il 2 novembre, una squadra del primo plotone Compagnia C convogliato da Ban Blech a Phu Nhon per intraprendere la riparazione della pista di atterraggio T-17. Questo progetto è stato completato il 7 novembre e la squadra è tornata a Ban Blech.

Lo sgombero e l'ammodernamento del terreno sulla QL-14B furono completati il ​​4 novembre 1967. A quel tempo, il secondo plotone della compagnia A e la sua annessa sezione di atterraggio erano impegnati a sostegno generale del 6/14° distaccamento di artiglieria e delle forze speciali a Polei Djerang . I lavori in questa posizione hanno comportato il drenaggio e il livellamento delle posizioni abbandonate. Il progetto Polei Djereng è stato completato il 10 novembre 1967. La società A è stata assegnata alla missione di potenziamento LOC di QL-19W dalla cava Wooly Bully a ovest all'intersezione di QL-19W e 14-B La società D ha mantenuto la responsabilità di QL-19W dalla cava est a Dragon Mountain.

L'11 novembre 1967, il 35th Engineer Platoon (LC) fu impegnato in supporto generale alla battaglia di Dak To. La missione del plotone distaccato era quella di condurre operazioni di terra lungo il 4th ID Pleku a Dak To MSR. Con la battaglia di Dak Al termine del 31 dicembre 1967 con la vittoria totale degli Stati Uniti, due sezioni del plotone furono restituite al controllo operativo del 20° battaglione del genio e furono nuovamente impegnate nel drenaggio agricolo a Edap Enang.

Il 10 novembre, il battaglione ha ricevuto la missione di aggiornare l'aeroporto di Ban Blech alla classe MACV II, criteri C-130, è stata inviata una squadra di rilevamento per ottenere dati sul profilo della linea centrale e condurre un rilevamento topografico della struttura esistente. Il 22 novembre 1967 si concludeva il rilievo e si avviavano la progettazione preliminare e la stima dei lavori. A causa del fatto che la pista di atterraggio era situata in un taglio attraverso la punta di una collina con un ampio riempimento ad un'estremità, sarebbe necessario eseguire operazioni di sterro e riporto massicce per soddisfare le specifiche MACV dei criteri di linea e sito di drenaggio laterale. Per questo motivo furono presentate al 937° Gruppo Ingegneri le deroghe alla visuale, il drenaggio laterale e gli oltrepassamenti. È stata approvata una deroga per la lunghezza della pista, ma tutte le altre sono state rifiutate. Le stime preliminari dei lavori indicano che l'operazione di sterro e riporto richiederebbe lo spostamento di circa mezzo milione di metri cubi di terra per conformare la striscia a criteri inderogabili. Quando queste cifre e le richieste di attrezzature di accompagnamento sono state presentate al 937th Engineer Group, è stata organizzata una conferenza con l'ufficiale logistico dell'esercito dell'IFFV. Come risultato di questa conferenza di precostruzione, l'aeroporto esistente è stato accettato con criteri di distanza laterale e linea di vista modificati.

Alla fine di novembre, l'attività nemica con l'area di operazioni del battaglione è aumentata. Il 24 novembre una squadra di dragamine del terzo plotone, la compagnia A, subì un'imboscata da una stimata compagnia della NVA a nord di Jackson's Hole. La pronta reazione del 3° plotone e delle forze di sicurezza allegate ha fatto allontanare il nemico e ha ridotto al minimo le perdite amichevoli.

Il 7 dicembre, la 584th Engineer Company (LE) ha iniziato un progetto per pavimentare QL-19W attraverso il villaggio di Tanh. Si è deciso di accelerare i lavori di pavimentazione in quest'area a causa dell'estremo problema della polvere causato dal traffico statunitense. Il 16 dicembre 1967, il progetto fu completato e la strada fu ufficialmente aperta con una cerimonia alla quale parteciparono il comandante del battaglione, il comandante del 20º battaglione del genio, il 937º gruppo del genio, il comandante generale, la 4a divisione di fanteria, il capo della provincia di Pleiku e diversi ufficiali vietnamiti locali.Gli sforzi degli Ingegneri sono stati ben accolti e al comandante della 584a Compagnia degli Ingegneri è stata consegnata una targa in segno di apprezzamento per i villaggi di Tanh Anh.

Il 20 dicembre 1967, la compagnia B fu impegnata a sostegno diretto dell'operazione Florida del 5th Special Forces Group. La missione: costruire un campo del Civic Irregular Defense Group (CIDG) e un aeroporto con capacità C-7A a Tier Atar. A causa del fatto che il livello Atar è completamente inaccessibile su strada, tutte le attrezzature, il personale e le forniture sono state spostate dal luogo di lavoro dall'elicottero CH-47 Chinook e Ch-54 Skycrane. Un gruppo di avanguardia costituito da un plotone (-) è stato trasportato in aereo sul sito il 20 dicembre. Il resto della società ha chiuso il 21 dicembre 1967 utilizzando 12 sortite di elicotteri CH-47. L'equipaggiamento tecnico aeromobile necessario per portare a termine la missione è stato ottenuto dall'8° Battaglione del Genio, dalla 1a Divisione di Cavalleria Aerea, dal 937° Gruppo Ingegneri e dal 5° Gruppo delle Forze Speciali.

L'attrezzatura è stata trasportata al campo delle forze speciali di Ban Dan da aerei C-130 e sollevata per 33 chilometri fino al luogo di lavoro da CH-54 Skycrane. Tutti i materiali da costruzione sono stati forniti dal 5th Special Forces Group e sono stati lanciati in aria nel sito di lavoro da aerei C-7A. Inizialmente tutti gli sforzi di lavoro erano diretti a costruire un perimetro di difesa e a liberare i campi di fuoco per la forza lavoro degli ingegneri e l'unità di sicurezza. Poiché l'intera area del campo e dell'aerodromo era ricca di boschi di grandi alberi di latifoglie, la pulizia era un compito importante. Tutto il lavoro possibile è stato svolto con l'attrezzatura dell'ingegnere allegata. Una squadra di demolizione ha seguito circa due giorni dietro l'attrezzatura per rimuovere grandi alberi. Il legname nativo è stato ampiamente utilizzato nella costruzione di bunker. Entro il 30 dicembre 1967, la preparazione del perimetro di difesa era sufficientemente avanzata da poter dirottare i lavori verso lo sgombero dell'aerodromo.

Il 20 dicembre 1967, furono presi accordi per il 35th Engineer Group (Costruzione) per utilizzare la sua capacità di trattore / rimorchio organico per avere stuoie e asfalto M8A1 per l'ammodernamento dell'aeroporto di Ban Blech. Il carico doveva essere spedito dal deposito logistico di Qui Nhon a Ban Blech. Con l'approvvigionamento e la consegna di questi articoli assicurati, la società C (-) si è trasferita con un convoglio da Camp Enari a Ban Blech il 21 dicembre per intraprendere il progetto. Il trasloco nel sito del bivacco è stato realizzato rapidamente e i lavori sono iniziati immediatamente. Lo scopo del lavoro prevedeva la costruzione di una pista M8A1 di 3000 piedi con un turnaround di 150 x 150 piedi e un piazzale di parcheggio di 750 x 160 piedi reciso da due vie di rullaggio da 170 piedi. Tutte le superfici da rivestire con stuoia M8A1 sono state prima trattate con pencprime e RC-3.

La fine del 1967 trovò la compagnia A, la compagnia D (-) e la 584a compagnia di ingegneri (LE) impegnate nel potenziamento del QL-19W e nel supporto della cava al livello Atar, la compagnia B continuò il potenziamento dell'aeroporto di Ban Blech e il primo plotone di La compagnia D è rimasta a Camp Enari con la responsabilità dell'impianto di lotti di battaglione e del cantiere prefabbricato. Sede e Sede Aziendale sono rimaste a Campo Enari.

Durante il periodo dal febbraio 1968 all'ottobre 1969, il 20th Engineer Battalion e le sue unità annesse, vale a dire la 584th Engineer Company (LE) e il 35th Land Clearing Platoon (riorganizzato come 538th Land Clearing Company sotto MTOE 5-500C il 20 gennaio 1969 ), hanno completato o lavorato per completare le seguenti missioni nella loro Area di responsabilità.

Dal 1 maggio 1968 al 31 luglio 1968, il 35th Land Clearing Platoon con il supporto delle compagnie C e D, liberò QL-19E dal passo Many Yang a Pleiku e QL-14N a nord di Kontum attraverso un luogo di imboscata spesso utilizzato. Alla fine di questo periodo il 35° Plotone fu distaccato dal 20° e aggregato al 35° Gruppo Ingegneri (Costruzione) per missioni a Bong Son. La superficie totale azzerata nel periodo è stata di 10.800.

Durante il periodo dal 1 maggio 1968 al 31 ottobre 1968, 2/C/20 è stato impegnato nello sgombero di 300 metri (linea di vista) lungo QL-14N. La missione ha totalizzato 330 acri di ricrescita da eliminare.

Dal 1 novembre 1968 al 31 gennaio 1969, 1/A/20 fu impegnata nella bonifica di QL-14N per un totale di 1100 acri di giungla vergine. Il 7 dicembre, il 35esimo plotone fu di nuovo attaccato al 20, e con la compagnia D iniziò a ripulire QL-14S a nord di Ban Belch fino a Ban Me Thout, proseguendo poi per 76 chilometri a sud. Utilizzando 17 aratri Rome e 10 Bull Blade 07E Dozer, alla fine del periodo erano stati sgomberati un totale di 4800 acri.

Dal 1 febbraio 1969 al 30 aprile 1969, fu data grande enfasi alle operazioni di sgombero del terreno in tutta l'area di responsabilità del 20° battaglione del genio. Le strade principali sgomberate erano QL-19E ovest da An Khe QL-2E, da Ban Blech a Muan Man per includere la costruzione di 18 chilometri di una corsia larga da 8 a 10 piedi con fossati a V e che copre un divario di 23 x 9 piedi sull'organizzazione stradale della Task Force Stinger, comprendente un'operazione di sgombero congiunta vietnamita-americana in 4 fasi che includeva un'operazione di rafting M4T6 attraverso il fiume Ea Krong che sgombera il QL-19E, da An Khe a Qui Nhon e il completamento della Task Force Bush Hog lungo QL-14S, per includere un totale di 6895 acri bonificati. L'enfasi principale su tutte le operazioni di sgombero durante questo periodo è stata la pulizia di aree densamente coperte lungo le principali rotte di rifornimento nel tentativo di ridurre la possibilità di imboscate.

Durante il periodo dal 1 maggio 1969 al luglio 1969, il completamento della Task Force Stringer fu completato con l'incorporazione di ampi progetti di affari civili. Insieme a queste ulteriori operazioni di sgombero attorno a una proposta base di fuoco per la fanteria 2/8 (Mech) e l'organizzazione della Task Force Rapid Cut lungo LTL-6B che è stata avviata il 14 giugno 1969. Dal 1 agosto al 31 ottobre 1969, il 538th Land La società di sgombero si preparava a intraprendere la perlustrazione del territorio della Task Force che consisteva nello sgomberare QL-19E attraverso i passaggi di An Khe e Mang Yang. Questo progetto è stato completato il 31 ottobre, momento in cui la Land Clearing Company ha estratto per uno stand-down di 14 giorni.

Dal 1 maggio 1968 al 31 luglio 1968 missioni aeroportuali tra cui una missione di riparazione di emergenza su Plei Djering Airfield causata da un incidente in elicottero il 18 giugno 1968 che ha danneggiato 24 pannelli MX-19 la missione è stata completata in un giorno e le prestazioni rapide hanno permesso missioni di traffico aereo per continuare senza indugio.

Durante il periodo dal 1 agosto 1968 al 31 ottobre 1968 il 20° Battaglione del Genio fu impegnato in un solo progetto di riparazione dell'aeroporto di Ban Blech. Il lavoro ha richiesto la riparazione e l'ammodernamento delle pendenze lungo la pista che aveva iniziato a erodere a causa della stagione dei monsoni. Il lavoro di riparazione consisteva nella costruzione di tre muri di sostegno fissati da picchetti a V, guidati a intervalli di 4 pollici. I fossati erosi sono stati riempiti e rimodellati secondo il contorno originale per includere un'area di 120 metri quadrati ricoperta di zolle.

Dal 1 novembre 1968 al 31 gennaio 1969 furono intraprese due importanti missioni di riparazione degli aeroporti. Il primo consisteva in un vasto aggiornamento del sottofondo fallito sotto le vie di rullaggio dell'aeroporto di An Khe. Lo scopo del lavoro svolto includeva l'uso di cemento del suolo e stuoie M8A1 nella riparazione di 145.000 piedi quadrati di vie di rullaggio erose. La seconda missione riguardava ancora l'erosione della pista di atterraggio esistente a Cheo Reo verificatasi durante la stagione dei monsoni insieme a punti di svolta danneggiati causati dall'azione di perno dei velivoli C-130 e C-123.

La riparazione dell'aerodromo è stata eseguita anche sull'aeroporto di Ban Blech e Polei Kling tra il 1 febbraio e il 30 aprile 1969. La missione a Ban Blech includeva il posizionamento di legname e sacchi di sabbia lungo entrambi i lati della pista di atterraggio per controllare l'erosione successiva alla prossima stagione dei monsoni. A Polei Kling sono stati necessari lavori di riparazione a causa del fuoco dell'artiglieria nemica che ha causato ingenti danni ai piazzali di parcheggio esistenti e alla sottostriscia. I lavori sono consistiti nella riqualificazione e sostituzione delle aree danneggiate della pista di atterraggio e nella ricostruzione dei piazzali di parcheggio.

Dal 1° maggio 1969 al 31 luglio 1969, fu nuovamente posta maggiore enfasi sulle missioni di riparazione degli aeroporti. Un totale di quattro progetti sono stati intrapresi per includere gli aeroporti di Cheo Reo inizialmente richiedendo il posizionamento di 4 grandi toppe di cemento sulla pista di atterraggio in corrispondenza dei punti di atterraggio e di svolta. Il guasto è stato causato da problemi con il macadam di penetrazione. Durante la missione, si sono verificati ulteriori guasti da dodici sortite di C-13 atterrati sulla pista di atterraggio. Il danno è stato esteso sulla superficie della pista. L'ambito ampliato, a causa di questo guasto, includeva lo scavo di aree guaste, l'aggiornamento del sottofondo e l'applicazione di un asfalto misto freddo 4″ che copriva l'intera area della pista. All'aeroporto di An Khe il progetto di riparazione includeva la riparazione del sottofondo e la sostituzione di 105.000 piedi quadrati di tappetini M8A1 sulla pista di atterraggio causati dalla rotazione ripetuta degli aerei C-130 e C-123. L'aeroporto di Dak Seang ha richiesto il trasporto aereo di 130 barili di RC-800, un bollitore per asfalto e 1 squadra di ingegneri. L'intero aeroporto è stato carteggiato, girato con RC-800 in cappotti di traino e levigato di nuovo. La 52a pista di atterraggio di artiglieria ha richiesto un aggiornamento completo della pista di atterraggio per includere la scarificazione, la sagomatura e la richiusura utilizzando l'RC-800.

Dal 1 agosto al 31 ottobre 1969 furono intraprese due missioni di riparazione degli aeroporti. A Dak Alla pista di atterraggio, danneggiata dai colpi di artiglieria nemici in arrivo, ha ricevuto ampie riparazioni. L'aeroporto di Ben Het fallì sotto l'uso costante e la riparazione iniziò rimuovendo la SSP dall'intero aeroporto.

(3) Manutenzione delle linee di comunicazione

Durante il periodo, i lavori sull'autostrada QL-14N hanno interessato l'intera strada che va da Ben Het alla strada di accesso di Camp Enari. Durante tutto il periodo, il 20° Battaglione del Genio ha avuto il compito di aggiornare, riparare e costruire varie sezioni di questa strada per assicurare la viabilità costante. Il battaglione è stato incaricato di molti altri progetti di manutenzione lungo QL-14N, QL-19W e QL-14S. I progetti includevano i preparativi per la pavimentazione, la pavimentazione, il miglioramento del drenaggio, l'installazione di fossati e canali sotterranei laterali, il miglioramento delle superfici stradali e la manutenzione delle suddette carreggiate.

(4) Cantiere prefabbricato e impianto batch

Il cantiere prefabbricato e l'impianto di lottizzazione del battaglione furono gestiti dalla società D e dalla società B dal 1 febbraio al 30 aprile 1968. Il lavoro svolto in questi mesi includeva lo stoccaggio e l'emissione di materiali prefabbricati per varie missioni in tutto l'AOR per includere cemento per l'ammodernamento del LOC e progetti di autoaiuto.

Dal 1 maggio al 31 luglio 1968 il cantiere e l'impianto furono gestiti dal 2° plotone, compagnia B. Il lavoro svolto durante questo periodo consisteva nella prefabbricazione di edifici tropicali a due piani di 46 20 x 100 piedi, 2 magazzini 40 x 100, 13 latrine e 24 tende cornici. L'impianto batch ha prodotto oltre 676 iarde cubi di calcestruzzo durante lo stesso periodo. Ad agosto, la compagnia B aveva la responsabilità aggiuntiva di gestire un'operazione di cava di roccia alla base del monte Drago. Il 5 settembre è stata interrotta l'attività di Batch Plant a Camp Enari.

Dal 1 novembre 1968 al 31 luglio 1969, il cantiere prefabbricato del battaglione è stato gestito a pieno regime dalla società B. Il 1 febbraio 1969 le operazioni di cantiere prefabbricato sono state aumentate con l'aggiunta di 40 cittadini locali per aiutare l'azienda nella prossima stagione di costruzione . I lavori durante questo periodo includevano la prefabbricazione di capanne SEA per basi antincendio a Oasis, Blackhawk e Mary Lou, costruzione di latrine per basi antincendio Mary Lou e Ben Het e forme per Bridge 14-22-1.

Il 26 agosto 1969, con il trasferimento del Battaglione a Engineer Hill, il cantiere dei prefabbricati si trasferì da Camp Enari a Engineer Hill. Dopo il trasferimento, sono stati avviati i lavori di prefabbricazione dei complessi di bunker per l'aggiornamento del perimetro su Engineer Hill. Inoltre, è stata intrapresa un'enorme missione di prefabbricazione per costruire bunker Living/Fighting presso la base di fuoco di Ben Het. Lo scopo del lavoro era abbastanza ampio da giustificare un'altra operazione prefabbricata. La società D si è trasferita da Engineer Hill a Kontum e ha iniziato a gestire un ulteriore cantiere di prefabbricazione. Con questo nuovo cantiere in funzione, al cantiere di Engineer Hill è stata assegnata un'ulteriore missione di costruire bunker Living/Fighting per l'aggiornamento del perimetro a Tan Kanh.

(5) Responsabilità del campo minato

Poiché uno dei principali requisiti di qualsiasi unità in un ambiente di combattimento è la mobilità, la responsabilità di assicurare che tutte le principali rotte in tutta l'AOR siano mantenute aperte e prive di mine è di vitale importanza. Il 20 ° Battaglione del Genio è stato incaricato di numerose responsabilità di bonifica per includere le seguenti reti stradali: dragamine giornaliere su QL-19W, QL-14 e QL-14N.

Per assicurare la viabilità costante delle reti stradali in tutto il 20° battaglione del genio dell'AOR, l'accento è stato posto sulla costruzione e riparazione di ponti per tutto il 1969. I ponti sono stati riparati lungo il QL-19W, la costruzione di bypass per i ponti QL-19W-47 e QL-19W -38, riparazione del ponte QL-14B-1, riparazione del ponte QL-19-30, costruzione di un ponte su pali piegati a nord del ponte 19-33 e un bypass al ponte 19-38. È stata inoltre completata la costruzione di un moncone AVLB presso il ponte QL-19-37. Sul ponte sono stati sostituiti una doppia corteggiata e una carreggiata. Altri progetti di costruzione di ponti includevano un ponte di classe 120, un ponte MACV di tipo L sull'IA Meneye e la costruzione del ponte 19-37. Il ponte 19-37 era un ponte a campata singola di 60 piedi con traverse in acciaio e ampliato con impalcato in legno.

(a) Oasis Airfield – Molte costruzioni sono state realizzate all'Oasis Airfield. Il 3° plotone della compagnia B aveva il compito di riparare i rivestimenti degli elicotteri del 7th Squadron, 17th Air Cavalry. Lo scopo del lavoro includeva l'ampliamento dei rivestimenti esistenti, la modifica dell'altezza dei vari rivestimenti e l'adeguamento delle aree di finitura intorno ai rivestimenti. Il 2 maggio 1968, la società C iniziò la costruzione di piazzole per cannoni e banchine per pezzi di artiglieria pesante. Il lavoro consisteva nella costruzione di quanto segue: 1 piazzola per cannoni da 8 pollici, 3 piazzole per cannoni da 175 mm, 8 bunker di stoccaggio delle munizioni, 1 centro operativo tattico, 1 bunker esecutivo e 1 sala mensa.

(b) Tieu Airstrip – Lo scopo del lavoro a Plei Djerang includeva la costruzione e il montaggio di 2 bunker di stoccaggio delle munizioni, la ridefinizione delle esistenti piattaforme per armi da 175 mm, 3 bunker per il personale, 1 bunker per armi e 4 bunker aggiuntivi per il deposito di munizioni che erano necessari a causa del fatto che il complesso di bunker esistente era stato distrutto o gravemente danneggiato da un attacco missilistico nemico. Il campo di applicazione è stato esteso per includere 2 polveriere sotterranee e caricatori di proiettili. Il lavoro è stato fatto anche per l'artiglieria 6/14 per includere la ridefinizione di 4 piazzole per cannoni da 40 piedi.

(c) Campo Enari – La costruzione del campo base per la 4a divisione di fanteria a Campo Enari consisteva in molti progetti diversi tra cui 1 edificio amministrativo a due piani 1 magazzino 40 x 100 2 negozi di riparazione e utilità 40 x 100 4 edifici prefabbricati PASCOE in acciaio per il Centro per lo sviluppo dell'istruzione generale 1 edificio tropicale di tipo teatro-palestra 90 x 160 3 cuscinetti per armi da 175 mm 6 bunker di stoccaggio delle munizioni 1 appendiabiti per la manutenzione degli aerei per il 7/17° Cavalleria incluso un edificio modulare in legno standard 800 x 140 con una piattaforma di cemento armato da 12 pollici 3 piazzole in cemento 20 x 50 1 piazzola in cemento 40 x 100 per il 704th Manutenzione Elettrica/Comunicazioni Ricostruzione di uno snack bar 40 x 130 per il concessionario 4° ID PX distrutto da un incendio un appendiabiti 80 x 144 per la 7/17th Cavalleria che compreso il getto di 440 metri cubi di cemento armato un'officina di manutenzione motori in ambiente controllato e 4 scarichi a valle di 72 piedi 2 magazzini 40 x 100, struttura in legno con instal lazione di 5000 piedi quadrati di spazio sugli scaffali una piattaforma di cemento 60 x 100, piedi per le colonne e pareti laterali per un palcoscenico rialzato compreso l'uso di 240 metri cubi di cemento per l'Ivy Theatre prefabbricazione di rivestimenti per generatori per la centrale elettrica 7 50 x 50 piazzole di lavaggio per eliporto in cemento.

(d) 283° Dust Off – Pleiku – I lavori includevano la costruzione di 2 torri di guardia alte 19 piedi, 1 bunker di protezione da 50 uomini, 10 bunker da combattimento da 3 uomini, 5 rivestimenti per aerei 30 x 50 per la protezione degli elicotteri UH-1H .

(e) Camp Holloway – I lavori includevano il completamento di una torre di controllo dell'aeromobile che è stata trasferita al 20° dal 70° Battaglione del Genio che si stava preparando a trasferirsi in un nuovo AO. Il lavoro consisteva nell'erezione di parapetti sul tetto della cabina, finestre in plexiglas, 3 condizionatori d'aria, piazzole in cemento armato da 6 pollici per ospitare un capannone del generatore di 14 x 17 piedi e un furgone delle comunicazioni FAA.

F mense che sostituiscono il cinese danneggiato per includere i posti, i piè di pagina, il piano di calpestio e il raccordo.

(g) 815a cava di ingegneria – Lo scopo del lavoro includeva il posizionamento di 6000 metri di recinzione a tripla fisarmonica, 2500 metri di recinzione ciclonica e la costruzione e la sostituzione di 10 torri di guardia attorno al perimetro.

(h) Blackhawk Firebase – La costruzione consisteva in una mensa, cinque bunker abitativi e di munizioni e rivestimenti per camion. La costruzione è iniziata su un punto di riarmo dell'elicottero per includere taglio, riempimento e drenaggio 16 punti di riarmo dell'elicottero 8 ogni rivestimento di 32 x 9 piedi e un'applicazione completa di pencprime su tutta l'area.

(i) An Khe – Costruzione di 60 rivestimenti da 8 piedi che sono stati prefabbricati a Engineer Hill e poi trasportati ad An Khe per il montaggio di rivestimenti per elicotteri presso il campo da golf installazione di uno stallo B-40 alto 24 piedi intorno ai serbatoi POL nel Un Khe Tank Farm per includere l'innalzamento delle banchine esistenti e la costruzione di ulteriori 5 piedi di rivestimenti per aerei U-21 che assemblano l'interramento di cinque miglia di tubi a ovest di An Khe. Il lavoro includeva la posa di 26.000 piedi di tubi accoppiati utilizzando cinque trincee e un MCA Gradall che includeva un'operazione di 24 ore con uno sforzo di due plotoni.

(j) Kontum – Costruzione di eliporto FOB II per elicotteri CH-34 per includere la riparazione e la superficie di una base di fuoco di 30 x 200 piedi a Kontum per includere la preparazione del sito con la costruzione di 4 pad per cannoni da 175 mm/8 pollici, rivestimenti, e berms otto bunker di stoccaggio munizioni pronti e due bunker di polvere ciascuno costruzione di una torre per supportare 3000 galloni d'acqua otto bunker di stoccaggio munizioni e sostituzione del piano di calpestio sui pad delle armi a Mary Lou B-40 stallo per impianto di asfalto inclusa la guida di 38 pile da 12 pollici su 16 piedi centrali e appendere una tenda di recinzione a ciclone alta 20 piedi, inoltre 2 cancelli da 16 x 16 piedi sono stati costruiti con tubi da 3 pollici e recinzione a ciclone e lavorano su un progetto MACV Get Well.

(k) Ben Het – La costruzione includeva 2 bunker da 20 x 20 proiettili ciascuno, due bunker da 20 x 20 polvere, collegati da un lato di 15 piedi da 14 alti da 60 lungo passaggio coperto sostituito decking su 4 tamponi per cannoni da 175 mm rimessa a nuovo intorno alle munizioni e bunker di polvere 15 20 x 40 bunker di vita/combattimento 5 fosse di mortaio 5 strade prioritarie, 1 eliporto e un piazzale per la pista di atterraggio.

Dal 1 gennaio 1970 al 28 agosto 1971, il 20th Engineer Battalion con le sue unità annesse, il 584th Engineer (LE), il 15th Engineer Company (LE) e la 509th Engineer Company (PB) fornirono praticamente tutto il supporto ingegneristico negli altopiani centrali di MRII. Situato principalmente vicino a Pleiku, il battaglione perseguì la sua missione ingegneristica da Dak To a nord a Ban Me Thout a sud e dalle operazioni cambogiane a ovest fino ad An Khe a est.Durante i primi mesi di questo periodo, il battaglione è stato coinvolto in un processo di cambiamento dalla missione primaria di fornire supporto al combattimento alla 4a divisione di fanteria ad una missione con enfasi sulla costruzione di linee di comunicazione. Di conseguenza l'unità si trovava in una situazione molto fluida.

Il supporto della 4a divisione di fanteria richiese che la compagnia A fosse situata a Camp Enari vicino a Pleiku smontando i ganci di manutenzione e preparandoli per il movimento verso la nuova base cmap della 4a fanteria a Camp Radcliff vicino ad An Khe. La compagnia B era a Camp Radcliff per costruire bunker di vita/combattimento e costruire una base di fuoco dell'artiglieria. Nel marzo 1970, la compagnia A si trasferì a Camp Radcliff per ricostruire i ganci di manutenzione che avevano smontato a Enari. La sede della compagnia era situata a Engineer Hill vicino a Pleiku insieme a una parte della compagnia D e A. La compagnia D aveva elementi sia a Engineer Hill che a Camp Enari. Un plotone della 584th Engineer Company e un plotone della 15th Engineer Company stavano preparando il movimento terra del QL-14S. La 538th Engineer Company (LC)( aveva sede a Engineer Hill ma trascorreva la maggior parte del tempo in accampamenti stradali su QL-14S e QL-14N a causa della loro missione di sgombero del terreno. Il resto del battaglione era di stanza presso l'industria Weigt-Davis Sito, 40 chilometri a sud di Pleiku, dove la società C e la 584a compagnia di ingegneri sono state coinvolte nella costruzione di camme di base, nella preparazione di un impianto di stabilizzazione del suolo per produrre la base nera per QL-14S e nelle operazioni di cava e frantoio.

Con il progredire della stagione di costruzione del 1970 e l'impegno del Battaglione nell'Operazione Last Chance, è stata avviata un'enorme spinta per completare il maggior numero possibile di chilometri di pavimentazione e in febbraio il Battaglione ha costituito una società provvisoria di autocarri con cassone ribaltabile per fornire il supporto di trasporto per il estese operazioni di pavimentazione. I camion sono stati tirati da ogni compagnia di linea e dalla 509a compagnia di ingegneri (PB) che era solo OPCON al battaglione in quel momento. Fu stabilito un quartier generale completo dell'azienda e la nuova unità assunse rapidamente un ruolo importante nel trasporto di asfalto dal cantiere CTA vicino a Pleiku, corso base dalla cava Webb vicino a Pleiku e base nera da Weigt-Davis. La compagnia D si è trasferita a Campo Enari per essere più vicina al sito di pavimentazione poiché il Battaglione ha risposto pienamente all'operazione.

Verso l'ultimo di febbraio, la società B ha gareggiato con il suo supporto operativo della 4a ID, si è trasferita a Engineer Hill e ha iniziato il suo contributo ai progetti LOC riparando i ponti 19-33 e 19-34. Quando la stagione secca del 1970 raggiunse la sua seconda metà, il Battaglione continuò a riadattarsi per soddisfare in modo efficiente i suoi requisiti di costruzione di strade. Alla fine di marzo 1970, la compagnia D, dopo aver completato l'impianto di stabilizzazione del suolo, trasferì un plotone a Cheo Reo per eseguire un aggiornamento di 24 miglia della Route TL-7B tra Cheo Reo e 14-S. Per aumentare le capacità di trasporto del battaglione, la 585a compagnia di ingegneri (DT) fu attaccata al battaglione vicino al primo aprile e si trovava a Weigt-Davis. La compagnia provvisoria di autocarri con cassone ribaltabile del battaglione rimase a Engineer Hill, Pleiku, per essere più vicina all'impianto di asfalto nel cantiere della CIA. Il 1 aprile 1970, la 509a compagnia del genio (PB) fu ufficialmente annessa al 20° battaglione del genio.

Sebbene i maggiori sforzi del battaglione fossero nel campo della manutenzione della linea di comunicazione, il 20° battaglione del genio non abbandonò la missione ad alta priorità di supporto operativo. Durante la primavera e l'estate del 1970, furono eseguiti lavori di bonifica per l'artiglieria 1/92, la costruzione di campi di aviazione e rivestimento, nonché la riparazione per il 52° battaglione di aviazione a Camp Holloway, la riabilitazione di diverse basi di supporto antincendio e l'ammodernamento degli aeroporti periferici. la stagione si è conclusa con il Battaglione che ha completato QL-14S tra Enari e LTL-7B e ha continuato il movimento terra e la base nera posata su QL-14S, a sud di LTL-7B e su LTL-7B stesso. Anche le riparazioni del ponte del 19-33 e del 19-34 erano state completate.

Durante i mesi di maggio e giugno il battaglione si preparò a lasciare Engineer Hill e trasferirsi a Camp Wilson vicino a Pleiku. Questa mossa è stata completata a luglio con HHC, società A, società B e la 509a occupare il posto. L'Ingegnere Hill è stato affidato ad elementi degli Ingegneri dell'ARVN. La fine della stagione dei lavori stradali determinò il distacco della 585a Compagnia degli Ingegneri a fine giugno alla 589a. La 538a compagnia del genio (LC) si trasferì alla 299a a metà luglio e il 1o plotone della 15a compagnia del genio (LE) tornò alla sua unità madre.

Poiché la stagione dei monsoni del 1970 copriva gli altopiani centrali, il 20° battaglione del genio iniziò a prepararsi per la prossima stagione di costruzione e spostò anche parte della sua enfasi sulla costruzione verticale. I momenti salienti di agosto, settembre e novembre sono stati il ​​trasferimento dell'impianto di asfalto dal cantiere della CIA a Weigt-Davis. La società A è stata chiamata a smontare, trasportare e rimontare l'impianto mentre alla società D è stato affidato il compito di preparare il sito a Weigt-Davis. La compagnia B è stata coinvolta nella riparazione della pista di Camp Holloway per il 52° Battaglione dell'aviazione e nella costruzione di una testata per un frantoio da 75 TPH a Weigt-Davis. La 509a compagnia di ingegneri si trasferì a Weigt-Davis e ricevette l'esclusiva responsabilità del trasporto del materiale di base nero e dell'asfalto. Il 20 ° Battaglione Genieri è stato costantemente coinvolto nel miglioramento della sua posizione difensiva e delle condizioni di vita poiché la stagione dei monsoni ha offerto una buona opportunità per aumentare questi sforzi. La società C ha costruito nove nuove torri di guardia a Camp Wilson, migliorando anche il cavo perimetrale e la società B è stata incaricata della costruzione di quattro capanne SEA nel complesso. Alla fine di ottobre un plotone rinforzato della Compagnia A si è trasferito a Ban Me Thout per assumere la responsabilità dei progetti del 19° Battaglione del Genio dopo la loro disattivazione. Era coinvolto il Progetto 1000 che richiedeva la costruzione di venti edifici PASCOE e il Progetto 25 che richiedeva la costruzione di quattro edifici di 96 x 20 piedi presso il MACV Team 25. Entrambi i progetti erano stati appena avviati dal 19° Battaglione del Genio lasciò il 20° Battaglione del Genio come unico grande Unità di ingegneri statunitensi in tutti gli altopiani centrali.

Con la fine dei monsoni il Battaglione diresse ancora una volta i suoi sforzi verso la costruzione del LOC. a causa di un incendio distruttivo presso l'impianto di asfalto di nuova costruzione a Weigt-Davis, la costruzione del QL-14S è stata ritardata di poco più di 30 giorni. La società B ha ricostruito le sezioni danneggiate e l'impianto è tornato operativo ai primi di dicembre. La società D ha ricevuto ancora una volta la missione di posizionare il corso di base e l'asfalto nella spinta per completare QL-14S a Ban Blech entro la fine della stagione di costruzione. La 584th Engineer Company ha continuato il suo eccezionale supporto alle operazioni preparando il movimento terra e gestendo l'operazione di frantumazione della cava a Weigt-Davis. La 509th Engineer Company (PB) è stata ancora una volta trasformata in una società provvisoria di autocarri con cassone ribaltabile che utilizza gli autocarri con cassone ribaltabile da cinque tonnellate delle società A, B e D. Hanno fornito la capacità di trasporto necessaria per il lavoro sulle rotte QL-14S e QL-14N.

A metà novembre la 15th Engineer Company si trasferì da Quin Nhon a Camp Wilson con la missione di correggere il movimento terra e il drenaggio sulla Route QL-14N. Hanno iniziato a lavorare immediatamente e hanno completato il loro progetto alla fine di marzo. L'allora si preparò a spostarsi a sud per assistere il 584° nelle esigenze di movimento terra e nella costruzione del QL-14S. Dopo aver aggiornato la tangenziale di Pleiku a novembre, la società C è stata incaricata di aggiornare la Route QL-14N posizionando 5 piedi di base nera sulle spalle recentemente costruite dal 15° Ingegneri e riparando quelle aree che mostravano prove di cedimento del sottosuolo o della pavimentazione. Questo progetto è continuato per tutta la stagione di costruzione ed è stato completato dopo numerose ispezioni nell'agosto 1971.

La Compagnia A inizialmente iniziò a lavorare sulla riparazione dell'area danneggiata alla Curva di Deadman's 8217 su QL-19E, ma all'inizio di febbraio fu chiamata a trasferirsi a Ban Me Thout a sostegno della Task Force Sierra. Durante il periodo la società A è stata assegnata alla Task Force. Il costruito il sito industriale di Ban Me Thout. Hanno anche aperto la cava, gestito i lavori di sterro necessari, preparato i siti di frantumazione, costruito l'impianto di asfalto, un impianto di manutenzione a sette baie, una mensa, un edificio del quartier generale e vari altri edifici. Hanno completato la loro missione il 1 luglio 1971.

Nel frattempo, su QL-14S, la compagnia D era avanzata abbastanza a sud con operazioni di pavimentazione da richiedere un trasferimento. Nel giro di pochi giorni fu costruita una nuova LZ dalla compagnia D, un plotone dalla 584th e un plotone dalla compagnia C. La nuova LZ fu chiamata LZ Lonely e le operazioni di pavimentazione stradale dopo la metà di febbraio ebbero origine da lì. Appena a sud di LZ solitario, il ponte 14-17 ha presentato un serio ostacolo alla spinta verso sud delle attrezzature per il movimento terra. Un ponte Bailey triplo singolo lungo 150 piedi, è stato costruito sul ponte parzialmente distrutto dalla compagnia C a metà febbraio per consentire ai 290 e ai bulldozer D-9 di continuare il loro lavoro.

Mentre il treno di pavimentazione e le operazioni di movimento terra procedevano verso sud in febbraio e marzo, l'attività nemica aumentò notevolmente. Gli incidenti in miniera sono diventati un evento quotidiano, agguati e fuoco di cecchini hanno causato molti ritardi, ma la pavimentazione è continuata. Infine, il 16 marzo, fu lanciata un'importante offensiva della NVA nell'area e diretta principalmente contro la città di Phu Nhon, che si trovava a cavallo della carreggiata 14S tra Weigt-Davis e LZ Lonely. Il 95th NVA Regiment (rinforzato) stabilì il controllo sui 5-6 chilometri di 14S a nord di Phu Nhon e di conseguenza tagliò i rifornimenti a LZ Lonely. Un immediato trasporto aereo di rifornimenti a LZ Lonely ha permesso alle unità di prepararsi sulla difensiva. L'assedio di Phu Nhon fu finalmente revocato dalla NVA il 22 marzo 1971 e i veicoli furono nuovamente in grado di viaggiare verso LZ Lonely. Tuttavia, il 1 aprile 1971 la strada fu nuovamente interrotta dalle unità della NVA. Nonostante il fatto che LZ Lonely abbia ricevuto quotidianamente attacchi di mortaio e razzi, nessun KIA statunitense è stato sostenuto durante questa azione e 5 ingegneri sono rimasti feriti.

Il 20 aveva pianificato di ridistribuire una compagnia di linea e una società di attrezzature leggere in una LZ (LZ Marlar) di nuova costruzione vicino a Ben Blech, il punto terminale dei lavori stradali assegnati. Queste unità dovevano iniziare i lavori di sterro e drenaggio verso nord da Ban Blech per collegarsi con le unità che si spostavano a sud. L'intensa attività nemica provocò però un rinvio di questa mossa e una rivalutazione dell'importanza del QL-14S.

L'importanza del completamento del 14S per Ben Blech è stata valutata rispetto alla massiccia sicurezza che sarebbe stata richiesta dalle unità ARVN nell'area, le possibili vittime nell'ARVN e nelle unità del genio, e l'ovviamente lento progresso che sarebbe stato fatto. È stato deciso di cessare le operazioni su 14S, uscire da LZ Lonely e iniziare il prima possibile le operazioni di pavimentazione verso est da Pleiku su QL-19E. Il piano era quello di aggiornare 19E agli standard modificati CECOM E. Il sito industriale di Weigt-Davis doveva fornire il corso di base e l'asfalto per i treni di pavimentazione.

QL-19E è diventato di grande importanza per il 20 ° Battaglione del Genio. Dopo che le operazioni di pavimentazione sono state ritirate da 14S a metà aprile. Inizialmente, i piani erano di pavimentare verso est da Pleiku e di aggiungere 1,5 metri di roccia di spalla il più lontano possibile. Maltempo imprevisto, difficoltà di equipaggiamento e piani alterati hanno causato diversi ritardi. Alla fine fu deciso che il battaglione potesse aggiornare le spalle da Pleiku a un punto a 12 chilometri verso est e che una sezione di 4 chilometri tra i ponti 34 e 33 fosse asfaltata. Ciò è stato realizzato entro l'8 agosto 1971.

Alcuni lavori di riparazione critici sulla 19E sono stati assegnati al battaglione in coincidenza con le operazioni di pavimentazione sulla strada. I ponti 19-33 e 19-23 sono stati riparati e l'intero tratto di strada alla curva di Deadman è stato sostituito.

Forse il progetto principale sulla 19E era la riparazione di un cedimento di un pendio alla curva di Deadman's 8217s. A causa di un canale sotterraneo e di un cedimento del pendio in quel punto, il pieno su cui era stata costruita la strada era completamente otturato e la strada rischiava di scivolare in un burrone. È stato deciso di costruire una tangenziale, rimuovere il canale sotterraneo danneggiato, posizionare quattro canali sotterranei da 72 pollici e quindi riallineare la strada man mano che veniva aggiunto un nuovo riempimento. Inizialmente era necessario pompare molte migliaia di litri d'acqua dal lato a monte del riempimento per individuare il vecchio canale sotterraneo e rimuovere il riempimento danneggiato. A metà giugno sono stati rimossi quasi 100.000 metri cubi di terra per raggiungere una base stabile. Il riempimento è stato quindi aggiunto e quindi compattato fino all'elevazione desiderata dei quattro grandi cunicoli. I canali sotterranei sono stati posizionati e sono stati costruiti ampi muri di testata in cemento armato per assicurare che il canale sotterraneo non si guastasse come in passato. Al completamento delle testate a metà luglio è ripreso il riempimento. Il voto finale è stato raggiunto il 9 agosto, dopo aver utilizzato 84.000 iarde cubiche di riempimento. È stato posizionato un ascensore di sei pollici del percorso di base e l'area è stata pavimentata da appaltatori civili. Il bypass è stato rimosso e la palude sul lato a monte del riempimento drenato con l'uso di 2144 libbre di esplosivo. Una sezione della 19E molto pericolosa e precedentemente in avaria, che era stata spesso luogo di imboscate, era stata sostituita con una sezione di strada ad alta velocità e ben drenata.

L'arresto del 20° battaglione del genio iniziò il 28 luglio 1971 e fu completato il 28 agosto 1971. Durante questo periodo ogni equipaggiamento di sette compagnie fu consegnato alla struttura Keystone a Cha Rang Valley o trasferito lateralmente ad altre unità. Solo attraverso un'ampia pianificazione, un lavoro estremamente duro e un'aggressiva risoluzione dei problemi l'unità è stata in grado di rispettare la scadenza del 28 agosto. Uno dei problemi principali è stato il trasporto di oltre 120 ascensori pesanti per oltre 100 miglia allo stabilimento di Keystone. Tutti i carichi pesanti, sotto forma di apripista, pale caricatrici, rulli, camion in scadenza, ecc., sono stati trasportati da trattori e rimorchi organici. Sebbene l'unità di trasporto vicino a Pleiku fornisse camion da carico da cinque tonnellate per oggetti vari, non erano in grado di trasportare carichi pesanti. Solo grazie ai grandi sforzi della sezione di manutenzione del battaglione il battaglione è stato in grado di continuare il suo carico di vita pesante. Molti 10 ton e lowboys che erano stati precedentemente scaduti sono stati convertiti in uno stato operativo grazie al duro lavoro e alla straordinaria manutenzione preventiva da parte degli operatori. Le 13 dieci tonnellate furono la chiave per il successo delle operazioni di stand-down del battaglione.

Il fatto che il battaglione abbia rispettato la data stabilita e completato le sue vitali missioni di costruzione è un tributo alle attitudini e alle energie degli uomini e degli ufficiali del 20° battaglione del genio. I colori furono orgogliosamente racchiusi il 20 agosto 1971 e trasportati di nuovo a Fort Campbell, nel Kentucky, dove il 51° Battaglione Ingegneri assunse il lungo lignaggio e l'eredità del Battaglione Wavy Arrow.

Il 20 agosto 1971, il battaglione ha racchiuso i suoi colori nella Repubblica del Vietnam e si è trasferito a Fort Campbell, nel Kentucky, dove ha preso il posto del 51° Battaglione del Genio, recentemente disattivato. Qui le storie del 20 e del 51 sono combinate. Il 51° per tutto il 1971 aveva svolto normali operazioni di addestramento e costruzione a Fort Campbell. I colori del 20 erano ancora in Vietnam per gran parte dell'anno. Quando i colori del 20° tornarono a Fort Campbell, le storie annuali delle compagnie riflettono le storie del 51° Battaglione del Genio così come quelle delle compagnie del 20° Battaglione del Genio.

Per il resto del 1971, le aziende del 20th condussero vari progetti post, avvisi NBCAIC (Nuclear, Biological, Chemical Accident/Incident Control), miglioramenti dell'edificio, avvisi 24 ore su 24 e brevi esercitazioni sul campo. Ciascuna delle società ha riportato gravi carenze di manodopera nelle loro storie di ottobre. In un tentativo di soccorso, molti soldati della 173a Brigata Aviotrasportata che hanno rifiutato lo status di salto sono stati riassegnati alla 20a. Sebbene questa fosse una soluzione temporanea, questi soldati non erano all'altezza dello standard dell'Ingegnere e molti erano AWOL nel giro di pochi mesi.

Nel 1971 e nel 1972, il Battaglione stava di nuovo completando progetti di costruzione a Fort Campbell, inclusi poligoni, eliporti, punti di rifornimento di munizioni, tracce di carri armati e riabilitazione di edifici di staccionata. La società D ha anche lavorato a un progetto di azione civica nella comunità di Bowling Green, nel Kentucky. L'azienda ha costruito un parco ricreativo, ha eliminato i detriti, ha costruito un ponte pedonale, ha installato canali sotterranei e ha costruito tavoli da picnic. HHC ha anche fornito competenze edilizie al centro di Hopkinsville, Kentucky Senior Citizen's Center, costruendo un negozio di lavorazione del legno, ristrutturando il tetto e cablando e appendendo luci fluorescenti.

Nel 1972, il Battaglione partecipò anche all'Operazione Flamingo alla Homestead Air Force Base, in Florida. L'operazione ha comportato il caricamento di 88 velivoli con soldati, veicoli e attrezzature come esercizio di preparazione al dispiegamento. Il battaglione era ancora molto basso di soldati e nell'ottobre 1972 riportò solo un riempimento del 35% di meccanici. Nello stesso mese il 114º distaccamento del genio (autopompa dei pompieri) e il 26º distaccamento del genio (depurazione dell'acqua) furono assegnati al 20º battaglione del genio. Nell'ambito del Programma di azione civica sono stati completati anche progetti di costruzione a Flatwoods, Tennessee, Clarksville, Tennessee e Eddyville, Kentucky.

Il 29 maggio 1973, il 20th Engineer Battalion fu la prima unità non divisionale a Fort Campbell a ricevere l'ambito premio Outstanding Unit dell'8217 Commanding General.

Il Battaglione completò anche l'Indian Mound Airfield per Fort Campbell nel 1973. La compagnia B ed elementi del 326th Engineer Battalion rimodellò e incoronarono la pista e condussero operazioni di frantumazione della roccia in preparazione dell'Operazione Brave Shield VII. Il progetto ha anche sostenuto l'operazione Orbiting Eagle II a metà novembre 1973.

I progetti di azione civica sono stati in prima linea nelle missioni del 20° battaglione del genio durante il 1973 e il 1974. Sono stati completati i seguenti progetti:

West Point, GA demolizione di 1000 piedi di lunghezza e 85 piedi di altezza sul litorale del litorale ponte ferroviario che attraversa il fiume Chatahoochee

Area ricreativa di campagna di Cleveland, TN, inclusi campi sportivi e aree picnic

Parco della fiera di Clarksville, TN

OPERAZIONE DESERT SHIELD/TEMPESTA

Come la maggior parte delle unità di Fort Campbell, nel Kentucky, il 20° Battaglione del Genio si è schierato in Arabia Saudita nel 1990 a sostegno dell'Operazione Desert Shield. Questa raccolta si basa su un'intervista orale condotta dal MAJ Robert B. Honec III del 116° Distaccamento di storia militare con LTC Frank D. Ellis, comandante del 20° battaglione del genio e su un riassunto storico compilato nel 1991 dallo storico dell'unità, 1LT David H. .Tavassoli.

Al momento della notifica del 18 agosto 1990, il 20th Engineer Battalion era una risorsa di ingegneria non divisionale assegnata al comando delle forze armate degli Stati Uniti, sebbene il battaglione sostenesse abitualmente la 101st Airborne Division (Air Assault). In preparazione per lo spiegamento, i soldati, i sottufficiali e gli ufficiali del 20 ° Battaglione del Genio hanno condotto numerosi esercizi di addestramento per includere l'addestramento MOPP e NBC, la qualificazione delle armi e la marcia su strada in preparazione al caldo del deserto arabo. Il battaglione è stato anche parte integrante della manifestazione e della mobilitazione della 101a divisione aviotrasportata per il dispiegamento in Arabia Saudita.Dopo che il 101° ebbe lasciato Fort Campbell, il 20° iniziò i propri preparativi inviando veicoli su strada e su rotaia al porto di Jacksonville, in Florida. Il battaglione si schierò con 674 ufficiali, sottufficiali e soldati tra il 2 e il 20 ottobre 1990.

All'arrivo in Arabia Saudita, il battaglione è stato separato in due luoghi diversi: il MABCO (un parco industriale e la co-locazione con la Brigade Rear) e Camp Beacon Hill. Camp Beacon Hill era composto da dormitori a due piani con una cucina che è stata convertita in una mensa del battaglione. I veicoli, che erano stati spediti da Jacksonville su sette navi diverse, arrivarono a Dhahran due giorni dopo la chiusura del battaglione. Quando i veicoli furono scaricati dalle navi, il battaglione si consolidò a Camp Beacon Hill, dove rimase per circa due settimane. I veicoli sono stati allestiti a Guardian City mentre i soldati sono rimasti a Camp Beacon Hill.

Originariamente al battaglione era stato ordinato di fornire supporto ingegneristico generale alla 101a divisione aviotrasportata, al 3o reggimento di cavalleria corazzata (ACR) e alla 24a divisione di fanteria (meccanizzata), ma quando la missione divenne più chiara il battaglione fu organizzato sotto la 20a brigata del genio da Fort Bragg, Carolina del Nord comandata dal colonnello Robert Flowers. Sotto la 20a brigata del genio c'erano le sue due unità organiche, il 27º battaglione del genio (ABN) e il 37º battaglione del genio (ABN). Tutte queste unità erano allineate sotto il 937th Engineer Group, lo stesso gruppo a cui il 20th Engineer Battalion fornì supporto durante il conflitto del Vietnam.

Il 20° era il Battaglione centrale del Gruppo, di stanza vicino alla sede del Gruppo e supportava la 101° Divisione Aviotrasportata mentre il 37° sosteneva il 3° ACR, e il 27° fu incaricato di costruire una grande strada. Il battaglione si spostò quindi a nord in un campo a circa 20 chilometri a ovest sulla Tapline dalla città di An Nariyah. Qui c'era Camp Bastogne dove era accampato il 101esimo. Sebbene il 20th sostenesse il 101st, il battaglione trovò difficile stabilire normali canali di supporto attraverso la divisione. Il battaglione ha imparato molto rapidamente a sostenersi e ha fatto regolarmente viaggi di ritorno ad Ad Damman per posta e rifornimenti.

Il Battaglione costruì un campo base molto funzionale destinato ad ospitare circa 700 soldati. Il Battaglione utilizzava tende GP Medium, anche se non organiche all'unità, per ospitare i numerosi soldati del Battaglione. Alla fine il Battaglione avrebbe aggiornato ogni tenda per avere un pavimento in legno e un sistema di alimentazione elettrica. Il Battaglione ha costruito le proprie docce con un sistema di distribuzione dell'acqua in grado di elaborare circa 12.000 galloni di acqua al giorno. Inoltre costruirono intorno al campo base un sistema stradale adatto alla corsa, anche in formazione. Seguì un valido programma di PT, un lusso non concesso a molte unità di stanza nel Golfo.

Il Battaglione ha anche costruito un elaborato sistema di bunker per proteggersi da possibili attacchi missilistici SCUD. Con la costruzione dei bunker, i soldati hanno condotto simulazioni di attacchi missilistici, esercitazioni sulle forze di reazione e allarmi NBC. Poiché la maggior parte della distribuzione del lavoro era per gli operatori dell'equipaggiamento, gli ingegneri di combattimento del battaglione addestravano e conducevano continuamente esercitazioni in preparazione di un attacco dal Kuwait da parte degli iracheni.

Inizialmente, LTC Ellis era preoccupato per la posizione avanzata del battaglione. Il battaglione era una delle unità più avanzate dell'Arabia Saudita e LTC Ellis si chiedeva perché il battaglione non fosse stato incaricato di posizionare campi minati o fossati di carri armati per fermare un attacco in Arabia Saudita. Sebbene fermare l'aggressione irachena in Arabia Saudita sembrava essere lo scopo dell'operazione Desert Shield, gli alti ufficiali sapevano che Saddam Hussein e l'Iraq erano più interessati all'aggressione americana. L'Iraq era troppo impegnato a installare la propria difesa per condurre un attacco efficace contro l'Arabia Saudita. Così il Battaglione si è rivolto alla sua missione primaria di costruzione orizzontale.

Il primo grande progetto di costruzione di strade consisteva nella costruzione di un punto di rifornimento di munizioni noto come Skibbie. Divenne un punto di rifornimento di munizioni a corto raggio da 47.000 tonnellate a circa 20 chilometri a sud di An Nariyah. Al termine, l'ASP aveva una strada di accesso sterrata di quattro miglia e strade sterrate interne per ospitare i trattori M915. Il battaglione ha anche aggiornato una sezione di 42 miglia della Tapline Road agli standard per tutte le stagioni e ha costruito posizioni di sopravvivenza per la 75a brigata di artiglieria da campo e la 212a brigata di artiglieria da campo.

Il Battaglione costruì anche un intero campo base per il 561° Battaglione di supporto al combattimento, comprese strutture, banchine, piattaforme e strade e fornì supporto logistico a molte altre unità nell'area. Poco prima dell'inizio della guerra aerea, il 17 gennaio 1991, il battaglione fu incaricato di costruire una piattaforma per elicotteri per la visita del vicepresidente Dan Quayle. Il plotone incaricato del progetto ha potuto incontrare e stringere la mano al vicepresidente e al comandante del XVIII Corpo aviotrasportato, LTG Gary E. Luck.

Con il progredire della guerra aerea, il battaglione doveva essere pronto a muoversi con breve preavviso. Il battaglione ricevette quattro ore di preavviso per spostarsi dalla Log Base Charlie e fece muovere i primi scaglioni in sole due ore. Dopo alcuni problemi minori con il punto di trasferimento del petrolio, l'obiettivo principale del battaglione, l'area di assemblaggio tattico Elm è stata istituita il 17 gennaio 1991. Entro 36 ore, avevano soddisfatto i requisiti iniziali della base di tronchi. Il Battaglione costruì un punto di rifornimento di munizioni in grado di gestire 25.000 tonnellate corte con tre vie di accesso e di uscita, piazzole per due milioni di galloni di acqua sfusa, strade per punti vendita sia di carburante che di acqua, sette ospedali, un cantiere di Classe I, nonché come assistenza logistica per le unità vicine. Il battaglione ha anche aiutato nella costruzione di MSR Texas e una pista di atterraggio in avanti. Durante il suo periodo al TAA Elm, il Battaglione è stato finalmente in grado di azzerare le armi dei soldati e di sparare AT-4, armi anticarro a spalla.

Il 20 ° Battaglione del Genio è stato anche incaricato di tagliare l'accesso attraverso la scarpata, il percorso per la 6a divisione corazzata leggera francese e l'82a divisione aviotrasportata americana in Iraq. Questa missione fu completata il 20 febbraio 1991 e furono predisposti i piani per l'offensiva di terra.

Al G-2, 22 febbraio 1991, il Battaglione si spostò di circa 10 miglia per essere in grado di lanciare l'attacco in Iraq sull'estensione della MSR Texas. I soldati del battaglione hanno trascorso la notte del G-2 dormendo nei loro veicoli in preparazione all'attacco. Il G-1, 23 febbraio 1991, il Battaglione si spostò di altre 10 miglia più vicino all'Iraq e di nuovo dormì nei loro veicoli in preparazione per una mossa delle 04:00. Sul G-1, il giorno prima dell'inizio della guerra di terra, il Battaglione fu nuovamente incaricato di tagliare un'altra via di accesso attraverso la scarpata per i treni da combattimento francesi.

Il G-Day, invece di muoversi alle 04:00 come previsto, il battaglione non poteva muoversi fino alle 16:00 circa mentre attendevano che i francesi e l'82° Airborne attraversassero la scarpata. Una volta su MSR Texas, il battaglione si spostò a quattro chilometri dal 27° battaglione del genio. Su G+1 quando i francesi e l'82° presero l'obiettivo Reauchambeau, il battaglione continuò a muoversi lungo la MSR verso l'obiettivo bianco dove bivaccarono per la notte vicino alla città di Al Salman. Alle prime luci su G+2, il Battaglione scese sulla MSR Virginia, liberandola mentre procedeva, e finì nell'Obiettivo Brown. L'obiettivo Brown era stato cancellato dalla 24a divisione di fanteria e la 20a iniziò la costruzione della Log Base Romeo.

Alla Log Base Romeo, iniziarono a costruire strutture per l'ospedale della 44a Brigata Medica e punti carburante e acqua. Mentre le azioni offensive continuavano a muoversi rapidamente a nord e ad est in Iraq, la necessità di Log Base Romeo diminuiva. Il 20° comandante di brigata del genio ha informato l'LTC Ellis di essere pronto a muoversi immediatamente per supportare l'attacco in corso. Dovevano trasferirsi a Objective Purple, vicino alla città di Al Bussayyah, alle prime luci del giorno G+4, il giorno successivo.

Mentre il battaglione si preparava a partire alle prime luci dell'alba, LTC Ellis ha sentito alla radio che il presidente George Bush aveva appena annunciato che tutte le azioni offensive in Iraq si sarebbero fermate entro due ore. LTC Ellis chiamò il comandante della brigata, COL Robert Flowers, che poi ordinò al battaglione di stare in piedi. Dopo essere rimasto fermo per due ore, il comandante di brigata ha diretto il movimento del battaglione verso la MSR Virginia verso l'obiettivo Purple. MSR Virginia vicino ad Al Bussayyah era disseminata di ordigni americani inesplosi lasciati dalla campagna aerea. A causa della quantità di ordigni disseminati nel deserto, il 37° battaglione del genio, che guidava un convoglio lungo 20 miglia di unità di supporto al combattimento americane, stava ripulendo e livellando un percorso attorno a gran parte degli ordigni. Questo ha rallentato il traffico fino a quasi fermarlo mentre hanno completato il percorso di tangenziale. Quando il battaglione iniziò a muoversi, il comandante della brigata ordinò al 20° di ripulire l'Obiettivo Purple dagli ordigni inesplosi, distruggere i bunker e le munizioni, e di ripulire e distruggere le armi e le munizioni nella città di Al Bussayyah. Il battaglione ha dovuto anche liberare MSR Virginia e 100 metri su ciascun lato della strada per il traffico sicuro. Dopo che l'LTC Ellis ha condotto una ricognizione di Al Bussayyah con il comandante della brigata, ha chiesto di essere assolto dalla missione di sgomberare la città. Sosteneva che la città era troppo grande e la missione troppo pericolosa per i suoi soldati. Il comandante della brigata acconsentì e il battaglione continuò la missione di distruggere armi, munizioni e bunker.

All'epoca l'LTC Ellis non sapeva nulla, ma ad altre tre unità di ingegneri nell'area era stata assegnata la stessa missione di sgomberare Al Bussayyah e l'area vicina. Il 326° Battaglione del Genio, il 101° Battaglione del Genio della 101a Divisione Aviotrasportata e il 588° Battaglione del Genio e un'unità per l'eliminazione di ordigni esplosivi erano tutt'intorno ad Al Busayyah sgomberando l'area dagli ordigni inesplosi e distruggendo le attrezzature. LTC Ellis ha preso il controllo della situazione, ha contattato il comandante del 326° Battaglione del Genio e ha diffuso la situazione prima che i soldati venissero feriti. Con la situazione sotto controllo, il battaglione si trasferì ad Al Busayyah e distrusse 750 fucili d'assalto AK-47, munizioni di sottocalibro e un veicolo NBC molto simile al veicolo American Fox. Il 20, insieme al 326° e al 588° Genio, si concentrò anche nelle aree circostanti la città distruggendo sei carri armati, sei cannoni antiaerei e tonnellate di munizioni. Il battaglione ha ripulito l'MSR da oltre 60 munizioni a grappolo.

La mattina dopo il battaglione riprese il lavoro sulla MSR Virginia con solo la compagnia D rimasta ad Al Busayyah per liberare l'equipaggiamento nemico rimanente. Mentre la compagnia D ripuliva la città, un soldato di un'altra unità raccolse una bomba a grappolo e la lanciò. L'esplosione che ne risultò gli mise delle schegge nel braccio, nel petto e nella gamba, ma il soldato sopravvisse. Il medico assegnato al 20° Genio ha curato il soldato e lo ha evacuato. La mattina dopo fu ordinato al Battaglione di prepararsi a tornare alle prime luci dell'alba verso Log Base Romeo.

Una volta a Log Base Romeo, il Battaglione ha ricominciato a fornire supporto tecnico generale. Sebbene disperatamente a corto di materiale di superficie, il Battaglione continuò a mantenere circa 60 miglia di MSR Virginia intorno a Romeo. A LTC Ellis è stato detto che il battaglione sarebbe rimasto a Romeo per circa sette giorni, ma due giorni dopo gli è stato ordinato di tornare nell'area di assemblaggio tattico Elm da cui il battaglione aveva lanciato la campagna di terra.

Al TAA Elm, il 20° Battaglione del Genio ha iniziato una fase di stallo consistente in manutenzione intensiva, consegna di munizioni e forniture, pulizia e contabilità di tutte le proprietà. L'attrezzatura è stata pulita, inventariata e caricata in conex e milvan. Anche la forma fisica è stata sottolineata durante lo stand down e la 20th Engineer Brigade ha incoraggiato questo con la competizione Best Company in cui la D Company ha vinto il premio come Best Combat Engineer Line Company nella Brigata. Il 22 marzo 1991, il corpo principale tornò al MABCO nella Seconda Città Industriale. Il 6 aprile, il battaglione tornò a Khobar Towers, l'ultima area di ridispiegamento. Entro il 12 aprile 1991, il corpo principale del battaglione arrivò al Campbell Army Airfield per essere accolto dalle famiglie e dalla 101a banda della divisione aviotrasportata. Il 25 aprile, tutti gli elementi del 20° Battaglione del Genio erano tornati a Fort Campbell dopo la singola campagna militare di maggior successo nella storia americana.

A Fort Campbell, il 20° battaglione del genio era costituito da un quartier generale e da una società del quartier generale, quattro compagnie di linea e un'annesso Medium Girder Bridge Company. Il quartier generale e la compagnia del quartier generale avevano nove sezioni: amministrazione (S-1), intelligence (S-2), operazioni (S-3), rifornimento (S-4), manutenzione, comunicazioni, attrezzature mediche, pesanti e costruzione di combattimento. Ognuna delle quattro compagnie di linea aveva tre plotoni di ingegneri da combattimento, una sezione del quartier generale e un plotone di mobilità/contromobilità.

Nel 1992, al battaglione fu ordinato di trasferirsi da Fort Campbell, Kentucky a Fort Hood, in Texas, per entrare a far parte della 1a divisione di cavalleria. Come parte dell'Iniziativa di ristrutturazione degli ingegneri, le divisioni meccanizzate, che in precedenza avevano avuto un solo battaglione di genieri, furono riorganizzate con tre battaglioni di ingegneri e un quartier generale di brigata di ingegneri. Il 20 ° Battaglione del Genio, mentre era a Campbell un Battaglione del Genio su ruote del Corpo assegnato al Comando delle Forze, fu riorganizzato come battaglione del genio meccanizzato a Fort Hood. Il cambiamento è stato significativo. Il battaglione di Fort Campbell è stato autorizzato 809 soldati. Sotto il sistema ERI, il Battaglione era autorizzato a 444 soldati.

Al completamento dell'ERI, il 20° battaglione del genio era composto da un quartier generale e da una compagnia del quartier generale, tre compagnie di linea e un plotone di supporto. Il quartier generale e la società del quartier generale avevano sette sezioni: amministrazione (S-1), intelligence (S-2), operazioni (S-3), rifornimento (S-4), manutenzione, comunicazioni e assistenza medica. Ognuna delle tre compagnie di linea era composta da due plotoni di ingegneri da combattimento, una sezione del quartier generale e un plotone di assalto e ostacolo.


Guarda il video: 10. ožujka 2020. (Potrebbe 2022).