Podcast di storia

Quando è stata attestata per la prima volta l'AUC?

Quando è stata attestata per la prima volta l'AUC?


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Gli antichi romani generalmente identificavano gli anni con i nomi dei loro consoli. Quando era l'AUC, ab urbe condita, o una delle sue varie abbreviazioni utilizzate per la prima volta? Era molto popolare nel Rinascimento ma potrebbe essere stato usato in epoca classica (anche se non conosco casi).


Intelligente (v.)

Antico inglese smeortan "essere doloroso", dal proto-germanico *smarta- (fonte anche dell'olandese medio smerten , olandese smarten , antico alto tedesco smerzan , tedesco schmerzen "dolore", in origine "morso"), da Torta *smerd- "dolore", che è forse un'estensione della radice *mer- "to strofinare via per nuocere" Correlati: Smarted smarting .

tardo Old English smeart "doloroso, severo, pungente che provoca un dolore acuto" correlato a smeortan (vedi smart (v.)). Il significato "eseguito con forza e vigore" deriva dal c. 1300. Il significato di "rapido, attivo, intelligente" è attestato dal c. 1300, dalla nozione di "tagliare" arguzia, parole, ecc., oppure "appassionato di contrattazione". Significato "trim in abbigliamento" attestato per la prima volta nel 1718, "salire dalla cucina al salotto c. 1880" [Settimanale]. Per l'evoluzione dei sensi, confrontare sharp (agg.).

In riferimento ai dispositivi, il senso di "comportarsi come se guidato dall'intelligenza" (come in una bomba intelligente) è stato attestato per la prima volta nel 1972. "Buon senso, intelligenza" di Smarts è stato registrato per la prima volta nel 1968 (l'inglese medio aveva ingegno "capacità intellettuale, intelligenza" (inizio del XV secolo)) . Il biscotto intelligente è del 1948.

"dolore acuto", c. 1200, da intelligente (agg.). Affini con smerte olandese medio , smart olandese , smerzo antico alto tedesco , Schmerz tedesco "pain".


Negro (n.)

1786, prima neger (1568, dialetto scozzese e dell'Inghilterra settentrionale), negar, negur , dal francese nègre , dallo spagnolo negro (vedi Negro). Fin dall'uso più antico è stato "il termine che porta con sé tutto l'oblio, il disprezzo e il rifiuto che i bianchi hanno inflitto ai neri" [citato in Gowers, 1965, probabilmente Harold R. Isaacs]. Ma poiché l'inferiorità dell'Africa nera era un tempo un presupposto quasi universale nei paesi di lingua inglese, la parola in alcuni casi poteva essere usata senza insulti deliberati. Scrittori più simpatici, fine XVIII sec. e all'inizio del 19c. sembra abbia usato il nero (n.) e, dopo la guerra civile americana, la persona di colore.

Fu anche applicato dai coloni inglesi ai popoli nativi dalla pelle scura in India, Australia, Polinesia.

La rivendicazione della parola come termine neutro o positivo nella cultura nera (non universalmente considerata un'impresa meritevole), spesso con un suggerimento di "anima" o "stile", è attestata prima nel sud degli Stati Uniti, poi (1968) nel nord, movimento urbano Black Power. La variante nigga, attestata dal 1827 (come niggah dal 1835), si trova solitamente in situazioni in cui i neri usano la parola. Confronta anche nigra.

Utilizzato in combinazioni (come nigger-brown) dal 1840 per varie tonalità marrone scuro o nero o oggetti sostituzioni eufemistica (come Zulu) cominciarono ad apparire in questi sensi c. 1917. Furono chiamate le noci del Brasile dita dei piedi da negro entro il 1896. bastone da negro "Bastone della guardia carceraria" è attestato dal 1971. To lavorare come un negro "Lavora molto duramente" è del 1836.


La numerazione dell'anno Anno Domini è stata sviluppata da un monaco di nome Dionisio Exiguus a Roma nel 525, come risultato del suo lavoro sul calcolo della data della Pasqua. Nella sua tavola pasquale, l'anno 532 d.C. era equiparato all'anno di regno 248 dell'imperatore Diocleziano. La tavola contava gli anni a partire dalla presunta nascita di Cristo, piuttosto che dall'ascesa al trono dell'imperatore Diocleziano il 20 novembre 284, o come affermato da Dionisio: "sed magis elegimus ab incarnatione Domini nostri Jesu Christi annorum tempora praenotare. " Α] Si presume che Dionigi Exiguus intendesse che il 1 d.C. o l'1 a.C. fosse l'anno della nascita di Cristo (un "anno zero" non esiste in questo calendario). successione di consoli romani) che l'anno 1 d.C. corrisponde all'anno romano DCCLIV ab urbe condita, basato sull'epoca di Varrone, ma che non corrispondeva a quell'anno con le vite di personaggi storici ritenuti vivi, o altrimenti menzionati in relazione a l'incarnazione cristiana, ad esempio Erode il Grande o Quirinio

. 1 ab urbe condita = 753 prima di Cristo 2 AUC = 752 aC 3 AUC = 751 aC . 749 AU = 5 aC 750 AU = 4 aC (Morte di Erode il Grande) 751 AU = 3 aC 752 AU = 2 aC 753 AU = 1 aC 754 AU = 1 Anno Domini 755 AU = 2 dC 759 AU = 6 dC (Quirinio diventa governatore della Siria). 2753 AU = 2000 AD 2765 AU = 2012 AD 2773 AU = 2020 AD


Valori anomali per l'AUC

Il risultato di questo programma sarà quello di analizzare le pratiche di ordinamento dei medici e determinare eventuali valori anomali. Il PAMA richiede l'identificazione su base annua di non più del cinque percento del numero totale di medici ordinanti che sono valori anomali. Per questa analisi è richiesto l'uso di due anni di dati. I dati raccolti durante il periodo di istruzione e test 2020 non verranno utilizzati per identificare i valori anomali.

I valori anomali saranno determinati in base alla bassa aderenza all'AUC applicabile o al confronto con altri medici ordinanti. I medici che risultano essere valori anomali saranno tenuti a completare le autorizzazioni preventive per i servizi di imaging diagnostico avanzato.

Le seguenti aree cliniche prioritarie saranno al centro dell'analisi degli outlier:


L'ABC della farmacocinetica

Si parla molto di farmacocinetica (PK) nella comunità dell'HIV. PK è lo studio di ciò che il corpo umano fa alle droghe per far uscire la droga dal corpo. I principali modi in cui il corpo umano gestisce i farmaci sono elencati di seguito. Questi sono tutti una parte di PK.

Passaggio 1. Assorbimento del farmaco: Questo è il modo in cui il farmaco entra nel sangue, di solito da compresse o capsule nello stomaco e nell'intestino. Per alcuni farmaci, la quantità di acido nello stomaco, o la quantità di cibo nello stomaco, cambia davvero la quantità di farmaco che viene assorbita. Questo è il motivo per cui alcuni farmaci hanno "fabbisogni alimentari" o perché alcuni farmaci hanno avvertenze di non assumere antiacidi insieme al farmaco. (vedi Figura 1: Percorsi del metabolismo dei farmaci):

Passaggio 2. Distribuzione del farmaco: Questo è il modo in cui il farmaco viaggia nel flusso sanguigno e come entra ed esce da altre aree del corpo. Sapevi che alcune aree del corpo, come il cervello e gli organi riproduttivi, sono particolarmente protette dalle sostanze chimiche (compresi i farmaci)? È difficile misurare i livelli di droga nel cervello e negli organi riproduttivi nelle persone.

Un modo in cui viene studiata la distribuzione del farmaco nelle persone è scoprire quale percentuale del farmaco nel sangue è attaccata alle proteine ​​(chiamato legame proteico). Questo è importante perché solo un farmaco privo di proteine ​​può viaggiare dentro e fuori da altre aree del corpo per essere efficace. Il legame alle proteine ​​viene spesso studiato quando un farmaco viene sviluppato da un'azienda farmaceutica. Tuttavia, il legame alle proteine ​​non viene studiato di routine in seguito perché conoscere la concentrazione ematica totale (sia legata alle proteine ​​che priva di proteine) è generalmente abbastanza buona.

Passaggio 3. Metabolismo dei farmaci: Questo è il modo in cui il corpo modifica chimicamente un farmaco, di solito nell'intestino e nel fegato. Il metabolismo comporta la scomposizione di un farmaco o l'aggiunta di una sostanza chimica che rende più facile passarlo nelle urine o nelle feci. Molte interazioni farmacologiche si verificano perché un farmaco interferisce con il metabolismo di un altro farmaco (chiamato inibizione). L'inibizione provoca livelli di farmaco più elevati. D'altra parte, un farmaco può anche accelerare il metabolismo di un altro farmaco (chiamato induzione). L'induzione provoca livelli di farmaco più bassi.

Il sistema enzimatico CYP-450 (pronunciato "sip") è un noto gruppo di enzimi umani che metabolizzano farmaci e sostanze chimiche nel corpo. Gli enzimi CYP-450 si trovano principalmente nell'intestino e nel fegato.

Gli enzimi CYP-450 sono suddivisi in tre famiglie (CYP1, CYP2 e CYP3) (vedere Figura 2: Antiretrovirali e isoenzimi CYP-450). Quando medici e farmacisti parlano del sistema CYP-450, spesso si riferiscono al sistema come CYP e lasciano cadere la parte 450. All'interno del sistema CYP-450, tuttavia, esistono diverse famiglie di enzimi. Per distinguere una famiglia da un'altra, vengono aggiunti una lettera e un numero al CYP (di nuovo, eliminando la numerazione 450). Alcuni esempi di questo sono CYP1A2, CYP2D6, CYP3A4, ecc. (Nota come il 450 viene lasciato cadere, ma il CYP rimane.)

La piramide raffigura i vari enzimi CYP 450 nel corpo e le interazioni farmacologiche con gli antiretrovirali. Il CYP3A4, mostrato nella parte superiore della piramide e nella parte singola più grande della piramide, è molto importante. Le frecce indicano i vari antiretrovirali e gli effetti generali che il medicinale ha su quell'enzima. Si noti che i farmaci possono essere elencati sia come induttori che inibitori e con più enzimi.

Ogni CYP ha una diversa capacità di metabolizzare una determinata sostanza chimica o farmaco. Ad esempio, il CYP3A4 è probabilmente il più importante enzima che metabolizza i farmaci perché metabolizza la maggior parte dei farmaci, inclusi gli inibitori della proteasi.

Norvir inibisce fortemente il CYP3A4 e fa sì che la maggior parte degli altri inibitori della proteasi si accumuli nel sangue. Questo è chiamato potenziamento di Norvir. Per gli inibitori della proteasi potenziati da Norvir, i livelli ematici più elevati possono aiutare il farmaco "potenziato" a funzionare meglio. Tuttavia, per altri farmaci metabolizzati dal CYP3A4, come i farmaci per il colesterolo o per la disfunzione erettile, Norvir e gli inibitori della proteasi possono causare aumenti indesiderati delle concentrazioni ematiche (vedere l'articolo sugli inibitori della proteasi).

Passaggio 4. Eliminazione del farmaco: Questo è il modo in cui il corpo elimina il farmaco, di solito passando il farmaco nelle urine (attraverso i reni) o nelle feci (attraverso il fegato). A volte le persone hanno qualche malattia ai reni o al fegato. In queste persone, il livello ematico di alcuni farmaci può raggiungere livelli molto elevati se la dose del farmaco non viene ridotta (vedere Figura 1: Vie del metabolismo dei farmaci).

Definizioni di PK

Ci sono alcuni termini e test che i ricercatori o i medici usano quando studiano la PK. Quello che segue è un riepilogo di queste misurazioni PK e del loro significato. Fare riferimento alle Figure 3 e 4 per un'immagine di ciò che rappresentano tutte queste misurazioni PK.

Sopra sono i livelli ematici (asse Y) di un farmaco nel tempo (asse X) dopo che un paziente ha assunto una singola dose. In questa rappresentazione, il paziente ha assunto la dose all'ora 0 e sarebbe dovuta un'altra dose all'ora 12 (ore). Poiché il livello del tempo 0 è circa uguale al livello del tempo 12, il paziente è allo stato stazionario. Per le misurazioni dell'AUC, i livelli ematici vengono generalmente raccolti ogni ora circa. La figura n. 4 di seguito è un altro modo di considerare questi stessi concetti.

AUC (area sotto la curva): Questa è la quantità complessiva di farmaco nel flusso sanguigno dopo una dose. Gli studi AUC sono spesso utilizzati quando i ricercatori cercano interazioni farmaco-farmaco o farmaco-cibo. Il modo per ottenere un AUC prevede la raccolta di molti campioni di sangue (di solito ogni una o due ore) subito dopo che una persona ha assunto una dose fino alla dose successiva. In ogni campione di sangue, la concentrazione del farmaco viene misurata con una macchina (discussa in seguito). Quindi tutte le concentrazioni del farmaco vengono messe su un grafico basato sul tempo dopo la dose in cui sono state raccolte. Una curva viene creata collegando i punti sul grafico. L'AUC per quel farmaco viene quindi calcolato come l'area sotto questa curva di concentrazione del farmaco. Uno studio AUC contiene molte informazioni sulla PK. È probabilmente il modo migliore per capire come le persone gestiscono un farmaco (PK).

Cmax (concentrazione massima): Questa è la più alta concentrazione di farmaco nel sangue che viene misurata dopo una dose. Cmax di solito si verifica entro poche ore dall'assunzione della dose. Il tempo che Cmax accade è indicato come Tmax. Per alcuni farmaci antiretrovirali, un alto Cmax si pensa che aumenti il ​​rischio di effetti collaterali del farmaco.

Cmin o attraverso (pronunciato "troff") (concentrazione minima): Questa è la concentrazione più bassa del farmaco nel sangue che viene misurata dopo una dose. Succede subito prima che un paziente prenda la dose abituale successiva. Non è noto con certezza, ma molte persone nella comunità dell'HIV credono che mantenere la concentrazione minima (Cmin) al di sopra di un certo livello è particolarmente importante per l'attività anti-HIV.

Emivita (t ½): Questa è la quantità di tempo necessaria affinché la concentrazione del farmaco nel sangue si dimezzi. L'emivita è tra le misurazioni PK più importanti per la frequenza con cui un farmaco deve essere somministrato (una o due volte al giorno, ecc.).

Stato stazionario: Ciò significa che una persona ha assunto un farmaco per un tempo sufficiente (di solito da una a due settimane) in modo che la concentrazione del farmaco non si accumuli più nel flusso sanguigno. Il tempo necessario per raggiungere lo stato stazionario dipende dall'emivita del farmaco. Un farmaco raggiunge lo stato stazionario in circa cinque emivite.

A titolo illustrativo, prima che un paziente raggiunga lo stato stazionario, ogni dose aggiuntiva può aumentare il farmaco nel corpo in modo che ogni dose dia una C maggioremax, Cmine AUC. Ma, allo stato stazionario, ogni dose darebbe lo stesso Cmax, Cmin, e AUC nel paziente perché non si accumula più.

Aderenza: Sorprendentemente, i regimi antiretrovirali perdono efficacia anche con un piccolo calo di aderenza perfetta (o quasi perfetta). Ad esempio, passando dal 95?100% di aderenza al 90?95% di aderenza con gli inibitori della proteasi ha comportato un calo dell'efficacia (carica virale inferiore a 400) dall'81% al 64%. Sembra che i normali livelli di farmaco non siano molto più alti di quanto necessario per un'efficacia prolungata. Inoltre, l'emivita degli agenti deve essere stata relativamente rapida, in modo tale che l'esposizione al farmaco sia scesa al di sotto di un livello associato a un'elevata probabilità di efficacia dopo la dose dimenticata. Ovviamente, assumere il più vicino al 100% delle dosi antiretrovirali è di fondamentale importanza.

Dosaggio una volta al giorno: Le terapie antiretrovirali combinate una volta al giorno sono un concetto più recente mirato a migliorare l'aderenza. Sono ora disponibili diversi regimi una volta al giorno in cui tutti i farmaci hanno esigenze dietetiche simili in modo che l'intero regime possa essere assunto contemporaneamente (vedere Figura 7: Opzioni per il dosaggio una volta al giorno). Va notato che in questo momento devono essere utilizzate solo combinazioni approvate una volta al giorno (come Truvada più Sustiva come terapia iniziale). Alcuni altri antiretrovirali sono attualmente approvati per il dosaggio due volte al giorno, ma sono in fase di studio come farmaci una volta al giorno. Questi regimi "investigativi" dovrebbero essere usati solo in ambienti molto controllati (come in uno studio). Questo perché non è ancora noto se i farmaci "sperimentali" forniscano la giusta quantità di esposizione al farmaco per un dosaggio giornaliero efficace e sicuro (soprattutto se si dimentica una dose). Quale è meglio: dosaggio una volta al giorno o due volte al giorno? La risposta conservatrice è: entrambi. Negli studi condotti fino ad oggi che confrontano il dosaggio da una a due volte al giorno, alla fine risultano uguali.

Farmacodinamica (PD): PD è solo un termine di fantasia per l'efficacia e la tossicità dei farmaci. PD si riferisce a ciò che i farmaci fanno al corpo umano. Ad esempio, i farmaci per l'HIV riducono la carica virale dell'HIV e aumentano le cellule CD4. Inoltre, i farmaci a volte causano determinati effetti collaterali e tossicità nel corpo umano.

Cosa c'entra PK con questo?

La PK è molto studiata nell'HIV ed è importante per molte ragioni.

Prima di tutto, la farmacocinetica di molti farmaci per l'HIV è davvero cambiata da certe cose. Ad esempio, i livelli ematici dei farmaci per l'HIV possono essere aumentati o abbassati non seguendo il fabbisogno alimentare con il dosaggio, assumendo antiacidi con i farmaci o assumendo alcuni altri farmaci o prodotti erboristici che causano grandi inibizioni o interazioni di induzione (vedi metabolismo sopra). È importante individuare i requisiti di dose in modo che i pazienti sappiano come assumere al meglio i farmaci.

In secondo luogo, ogni persona che assume farmaci per l'HIV è leggermente diversa nel modo in cui il proprio corpo gestisce questi farmaci (assorbimento, distribuzione, metabolismo e/o eliminazione). Ciò significa che un paziente può avere livelli ematici alti o bassi dopo aver assunto la stessa dose solo a causa del modo in cui gestiscono il farmaco.

Infine, tutto ciò è importante perché i livelli di farmaci nel tuo corpo influenzano il modo in cui il farmaco agisce contro il virus o se il farmaco potrebbe causare effetti collaterali. In caso di livelli elevati potrebbero esserci più effetti collaterali. Una scarsa efficacia contro l'HIV potrebbe derivare da bassi livelli. In alcuni casi speciali, il medico potrebbe pensare che potrebbe essere una buona idea misurare i livelli ematici dei farmaci. Sulla base del risultato, il medico può aggiustare le dosi e quindi ricontrollare i livelli ematici del farmaco per cercare di portarli esattamente dove li desidera. Questo è chiamato "monitoraggio terapeutico dei farmaci" (TDM).

Misurazione dei livelli di droga

La determinazione dei livelli di farmaco dai campioni di sangue viene solitamente eseguita solo in laboratori specializzati. Questi laboratori utilizzano test automatici chiamati "cromatografia liquida ad alte prestazioni (HPLC o LC)" e talvolta "spettrometria di massa (MS)". In genere funziona così: il sangue viene raccolto in una provetta. La provetta viene fatta girare molto velocemente in una centrifuga per far affondare i globuli rossi sul fondo della provetta lasciando il plasma sulla parte superiore. Questo viene fatto perché il livello del farmaco viene effettivamente misurato nel plasma.

Una volta in laboratorio, il farmaco deve essere purificato dal plasma perché il plasma è anche pieno di molte altre cose oltre al farmaco (un po' come filtrare il farmaco). Questa fase di "filtraggio" di solito lascia un liquido con il farmaco purificato in esso. Questa porzione di farmaco purificata viene quindi inserita in una macchina HPLC che filtra il farmaco per renderlo ancora più purificato e quindi pompa il farmaco in un rilevatore.

Esistono molti tipi diversi di rilevatori. Quelli comuni per i farmaci per l'HIV sono uno spettrometro di massa (MS) e un rilevatore di assorbanza della luce ultravioletta (UV). Una SM rileva i farmaci in base al loro peso (e anche alla carica positiva e negativa del farmaco). Il rilevatore emette un segnale in base alla quantità di droga presente. Il segnale viene confrontato con i segnali che il rilevatore fornisce per quantità note di farmaco che vengono anche immesse nella macchina (chiamata curva standard). Questo dà il livello del farmaco nel paziente.

Cose importanti su PK e TDM

Un punto importante è che il TDM non è molto utile per le armi nucleari nella maggior parte dei casi. Questo perché le armi nucleari hanno tre gruppi fosfato attaccati all'interno delle cellule per diventare attive contro l'HIV (chiamati trifosfati). Pertanto, il modo migliore per eseguire il TDM per le armi nucleari sarebbe misurare i trifosfati nucleari che si trovano nelle cellule, non il livello plasmatico delle armi nucleari. Ma questo è molto difficile da fare, quindi il TDM per le armi nucleari di solito non viene fatto.

Poiché i trifosfati nucleari all'interno delle cellule sono davvero importanti per l'attività anti-HIV, è importante che i ricercatori misurino l'emivita del trifosfato nei pazienti per capire se l'atomica può essere somministrata una volta al giorno, due volte al giorno e così via . Per molte armi nucleari, l'emivita del trifosfato nelle cellule è un po' più lunga dell'emivita nel plasma, quindi l'atomica può essere somministrata una o due volte al giorno (vedi Figura 5: plasma e emivite intracellulari di Select NRTI).

Questa cifra descrive le emivite di armi nucleari selezionate. Si noti come l'emivita nel plasma sia sempre molto più breve dell'emivita all'interno della cellula. Due esempi di ciò sono mostrati con Viread ed Emtriva.

Ad esempio, Ziagen (abacavir) ha una rapida emivita (circa 1,5 ore) nel plasma, ma l'emivita del trifosfato nelle cellule è di circa 20 ore. Quindi, abacavir può essere somministrato una volta al giorno.

D'altra parte, i PI e gli NNRTI non vengono modificati chimicamente nelle cellule per diventare attivi, quindi i livelli plasmatici possono essere utilizzati per il TDM. Ma il TDM non viene utilizzato di routine negli Stati Uniti per diversi motivi. Innanzitutto, il TDM non è stato studiato molto nei pazienti, quindi i medici non sono ancora sicuri del TDM in tutti i loro pazienti.

In secondo luogo, non è ancora chiaro esattamente come utilizzare le informazioni fornite da TDM. Ci sono alcune domande che sono ancora senza risposta riguardo al TDM, tra cui:

  1. Quali sono i livelli target di efficacia nei pazienti con virus resistenti? In questo momento, i livelli raccomandati nelle linee guida per il trattamento sono solo per i virus che non sono resistenti. Se una persona ha un virus resistente, non si sa esattamente quanto farmaco dovrebbe avere nel proprio corpo.
  2. Come è meglio regolare le dosi per raggiungere gli obiettivi - per esempio, il potenziamento di Norvir dovrebbe essere il modo principale per aumentare i livelli di PI?
  3. sono Cmax livelli utili per ridurre la tossicità?
  4. È necessario un esperto per fare TDM?
  5. E i laboratori dovrebbero essere tenuti a superare lo stesso test di garanzia della qualità per ottenere l'approvazione ufficiale per eseguire i livelli?
Questa tabella fornisce la depressione suggerita (Cmin) concentrazioni per le persone che assumono questi farmaci che non hanno un virus resistente.

Sebbene il TDM non possa essere utilizzato di routine in tutti i pazienti, ci sono alcune situazioni in cui il TDM può essere utile. Questi includono: infanzia, obesità, corporatura molto piccola, anziani, gravidanza, malattie del fegato o dei reni e interazioni farmacologiche. Inoltre, il TDM può essere utilizzato in pazienti con un effetto avverso inatteso o scarsa efficacia. Per queste occasioni, come menzionato sopra, sono suggeriti livelli target per PI e NNRTI in situazioni in cui non c'è resistenza ai farmaci (vedi Figura 6: Concentrazioni minime target consigliate per persone con HIV-1 wild-type).

Infine, se si deve intraprendere il TDM, ci sono alcune cose molto importanti da fare. In primo luogo, se il livello è per l'efficacia, è molto importante che il livello sia il più vicino possibile alla depressione. Questo è il modo migliore per interpretare il livello.

Se il livello è per la tossicità e un Cmax è desiderato, sarebbe meglio osservare la dose che viene assunta e ottenere il livello successivo. In generale, è molto importante rendersi conto che il test TDM dipende completamente dalla registrazione accurata dell'ultima volta che il paziente ha assunto la dose e dalla registrazione accurata del momento in cui è stato raccolto il sangue. Devono essere registrati anche altri farmaci che potrebbero essere stati assunti con la dose. Poiché lo stato attuale del TDM per l'HIV è in fase di sviluppo, sarebbe meglio ottenere una consulenza di esperti se si intraprendesse il TDM.


LA CERIMONIA DEL CAPPOTTO BIANCO

La cerimonia del camice bianco per gli studenti di medicina in arrivo è iniziata nel 1993 quando il dottor Arnold P. Gold l'ha istituita presso il College of Physicians and Surgeons della Columbia University a New York. Il Dr. Gold ha avviato la pratica perché credeva che gli studenti di medicina dovessero riconoscere gli standard e le responsabilità della professione prima di iniziare la formazione formale. Ha detto che gli studenti dovrebbero dichiarare il loro impegno e accettare il loro obbligo verso la professione prima di iniziare la scuola di medicina.

Ora, la cerimonia del camice bianco si svolge in 20 paesi, incluse quasi tutte le scuole di medicina statunitensi accreditate dall'AAMC. La Gold Foundation finanzia il programma tramite sovvenzioni.

Alla cerimonia del camice bianco dell'AUC, gli studenti in arrivo in genere ricevono i loro primi camici bianchi dalla facoltà dell'AUC mentre la famiglia e gli amici li incoraggiano. L'intera classe in arrivo recita quindi il giuramento dei medici, una versione moderna del giuramento di Ippocrate. Durante la pandemia di COVID-19, l'AUC organizza cerimonie virtuali.

La maggior parte degli studenti di medicina indossa camici bianchi corti e lunghi fino ai fianchi fino a quando non entrano in residenza quando i cappotti arrivano fino al ginocchio. Il corto camice bianco indossato dagli studenti di medicina e quello lungo indossato dalla maggior parte dei medici è una tradizione di lunga data e un modo per i pazienti di identificare il ruolo di ciascun fornitore di cure, secondo il dott. James Feinstein, autore di "Camice bianco corto".


Introduzione

Un'opera destinata esclusivamente a scopi masturbatori, generalmente non è considerata arte erotica, sebbene esistano eccezioni.

L'erotismo e la pornografia sono strumenti eccellenti per studiare l'ascesa dei nuovi media e delle nuove tecnologie. La tecnologia di stampa ha dato origine alla narrativa erotica e alle incisioni erotiche, la fotografia ha generato la fotografia erotica, il film ha generato il film erotico, la tecnologia VCR ha liberato il film pornografico dai teatri squallidi, Internet prospera sulle immagini erotiche e sui servizi di incontri. Gli esempi abbondano. Colin Wilson, ad esempio, ripercorre lo sviluppo del romanzo in relazione all'immaginario umano e alla narrativa erotica nella sua I disadattati, uno studio sugli outsider sessuali.

Un altro modo di guardare all'erotismo e alla pornografia (il più delle volte i termini sono intercambiabili) è l'atto sessuale che prende coscienza di sé: la natura che diventa cultura, il sesso che diventa autoreferenziale.

Poiché la pornografia e l'erotismo sono generi che provocano reazioni fisiche, quelli che chiamo "generi del corpo", sono generalmente considerati manifestazioni culturali "basse". Tuttavia, mi piace credere che questo elenco di scrittori, artisti visivi, registi, fotografi ed editori dimostri che si possono trovare opere di alta qualità in questi generi "bassi" mal visti e diffamati.

L'erotismo porta anche la connotazione del softcore, mentre la pornografia porta la connotazione dell'hardcore. [maggio 2006]


La storia evolutiva delle popolazioni umane in Europa

Rivedo la storia evolutiva delle popolazioni umane in Europa ponendo l'accento su quanto appreso negli ultimi anni attraverso lo studio del DNA antico. Le popolazioni umane in Europa ∼ 430-39kya (europei arcaici) includevano i Neanderthal e i loro antenati, che erano geneticamente differenziati da altri eurasiatici arcaici (come i Denisova della Siberia), così come gli umani moderni. Gli umani moderni sono arrivati ​​in Europa da 45kya e sono stati geneticamente attestati per la prima volta da ∼39kya quando si stavano ancora mescolando con i Neanderthal. I primi europei che erano riconoscibilmente geneticamente imparentati con quelli moderni apparvero nel registro genetico poco dopo a ∼37kya. A ∼15kya un gruppo di cacciatori-raccoglitori in gran parte omogeneo divenne dominante nella maggior parte dell'Europa, ma con qualche mescolanza di cacciatori-raccoglitori siberiani nella parte orientale del continente. A questi cacciatori-raccoglitori si unirono i migranti dal Vicino Oriente a partire da ∼8-9kya: gli agricoltori anatolici si stabilirono nella maggior parte dell'Europa continentale e i migranti dal Caucaso raggiunsero l'Europa orientale, formando popolazioni di steppa. Dopo ∼5kya ci fu la migrazione dalla steppa verso l'Europa continentale e viceversa. Gli europei di oggi (ignorando le migrazioni a lunga distanza dell'era moderna) sono in gran parte il prodotto di questa collisione dell'età del bronzo dei pastori della steppa con i contadini del Neolitico.


4. Il modello casuale è il peggior modello possibile?

Non proprio. Un modello casuale è un classificatore che prevede un'osservazione come classe S o NO a caso. In questo caso, avremo previsioni corrette al 50%. L'AUC sarebbe 0,5 e TPR è uguale a FPR a tutte le soglie. Ma chiaramente, un tale modello non sarebbe di grande valore per noi.

Il peggior modello possibile sarebbe un modello che predice tutte le osservazioni di classe S come classe NO e le osservazioni di classe NO come classe S. L'AUC di un tale modello sarebbe 0.

In conclusione

• Ogni volta che si costruisce un modello di classificazione che predice la probabilità di un'osservazione appartenente a una classe, tracciare la sua curva ROC per visualizzarne le prestazioni. Non andare con la soglia predefinita di 0,5. Utilizza la curva ROC e la conoscenza del dominio per determinare la soglia migliore per un modello.

• Quando la distribuzione delle classi nei dati è sbilanciata o il costo dei falsi positivi e dei falsi negativi è diverso, le curve ROC sono molto utili. Ci aiutano a visualizzare un compromesso tra TPR e FPR e quindi ci aiutano a raggiungere una soglia che riduce al minimo il costo di classificazione errata.

• La forma delle curve ROC contiene molte informazioni sul potere predittivo del modello.

• Le curve ROC di diversi modelli possono essere confrontate direttamente in generale o per diverse soglie.

• L'area sotto la curva (AUC) può essere utilizzata come riepilogo dell'abilità del modello e può essere utilizzata per confrontare due modelli.

Spero che ora sarai in grado di fare un uso migliore delle curve ROC. Non vedo l'ora di sentirti :)


Guarda il video: Gosto muito de esta cuidando da minha pele (Potrebbe 2022).