Podcast di storia

Buckingham Palace, 1945

Buckingham Palace, 1945


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Buckingham Palace, 1945

Questa foto di Buckingham Palace è stata scattata da Bob Tucker Sr durante una visita a Londra dopo il VE Day.

Immagini fornite dal sergente. Robert S. Tucker Sr. (Membro di: The American Air Museum in Gran Bretagna {Duxford}).
Fotolibro Robert S. WWII, Mighty 8th. AF, personale di terra


7 fatti su Buckingham Palace

Buckingham Palace, la residenza londinese ufficiale della regina Elisabetta II, è stata la sede amministrativa del monarca britannico dal 1837. Fu costruita nel 1703 come Buckingham House, residenza londinese di John Sheffield, terzo conte di Mulgrave

Questo concorso è ora chiuso

Pubblicato: 11 novembre 2020 alle 17:00

Oggi il palazzo dispone di 775 stanze in totale, tra cui 19 sale di rappresentanza, 52 camere reali e per gli ospiti, 188 camere per il personale, 92 uffici e 78 bagni. È un punto focale per importanti celebrazioni e commemorazioni nazionali, con oltre 50.000 visitatori ogni anno. Ma quanto ne sai del palazzo?

Qui, ti portiamo sette fatti storici sul palazzo ...

Il palazzo era originariamente chiamato Buckingham House

Il palazzo ebbe origine come Buckingham House, che fu costruito da John Sheffield, III conte di Mulgrave e marchese di Normandia, come sua residenza londinese nel 1703. Nello stesso anno, Sheffield fu nominato duca di Buckingham e di conseguenza chiamò la casa dopo il suo titolo.

Nel 1761, Giorgio III decise di acquistare Buckingham House per sua moglie, la regina Carlotta, al fine di creare una confortevole casa di famiglia vicino a St James's Palace. Di conseguenza, 14 dei 15 figli di George e Charlotte sono nati in casa.

Il palazzo fu costruito su un sito dove Giacomo I piantò un giardino di gelsi per coltivare i bachi da seta

Tuttavia, sembra che il re abbia usato il tipo sbagliato di cespuglio di gelso e non sia stato in grado di produrre con successo la seta.

La regina Vittoria fu il primo monarca britannico ad utilizzare Buckingham Palace come residenza ufficiale

Buckingham House fu ristrutturata in un palazzo nel 1820 dopo che Giorgio IV commissionò all'architetto John Nash. Tuttavia, fu la regina Vittoria che fu la prima monarca britannica ad utilizzare il palazzo come residenza ufficiale quando vi si trasferì nel 1837. Da allora il palazzo è stato la residenza ufficiale londinese dei sovrani britannici, e oggi è la sede amministrativa di il monarca.

La regina Vittoria fu anche la prima monarca ad utilizzare il balcone per le apparizioni pubbliche

Oggi conosciamo i membri della famiglia reale che salutano la folla dal balcone di Buckingham Palace. Tuttavia, fu solo nel 1851, durante l'apertura della Grande Esposizione - un'esposizione internazionale organizzata dal principe Alberto - che la regina Vittoria fece la prima apparizione pubblica sul balcone. Fu nel XX secolo che Giorgio VI portò la tradizione di commemorare la fine delle celebrazioni del Trooping the Colour, che segna la parata annuale del compleanno del monarca, con un volo della RAF.

Buckingham Palace ha un totale di ben 775 stanze

Con 775 camere, Buckingam Palace vanta 52 camere reali e per gli ospiti, 19 camere di rappresentanza e 78 bagni. Ci sono anche 760 finestre e 1.514 porte.

La sala della musica del palazzo è stata, nel corso degli anni, utilizzata per i battesimi reali. Il principe di Galles, la principessa Anna, il duca di York e il principe William sono stati tutti battezzati lì dall'arcivescovo di Canterbury.

Edoardo VII (1841-1910) è l'unico monarca nato e morto a Buckingham Palace

Anche Guglielmo IV è nato lì e la nostra attuale regina, Elisabetta II, ha dato alla luce il principe di Galles e il principe Andrea a palazzo.

Buckingham Palace fu al centro della campagna delle suffragette nel 1914

Nel 1914, un gruppo di donne tentò di violare le porte del palazzo per presentare la loro petizione "Voti per le donne". Anche due suffragette si incatenarono alle ringhiere del palazzo.


Articoli Correlati

Dopo che Harry e Meghan hanno affermato a Winfrey di un membro razzista della famiglia reale, la regina ha rilasciato una breve dichiarazione di 61 parole.

La regina ha affermato che le questioni sollevate da Harry e Meghan, in particolare relative alla razza, sono "riguardanti", ma ha chiarito che se ci fosse un'inchiesta, i risultati non sarebbero mai diventati pubblici.

"Anche se alcuni ricordi possono variare, sono presi molto sul serio e saranno affrontati dalla famiglia in privato", ha detto la regina.


Spionaggio e arte

Secondo Michelle Carter, che ha scritto una biografia intitolata "Anthony Blunt: His Lives", Blunt ha fornito agli ufficiali dell'intelligence sovietica 1.771 documenti tra il 1941 e il 1945. L'enorme quantità di materiale passato da Blunt ha reso i russi sospettosi che stesse agendo come un triplo agente.

La monografia di Blunt del 1967 sul pittore barocco francese Nicolas Poussin (la cui opera è raffigurata, La morte di Germanico) è ancora ampiamente considerato come un libro spartiacque nella storia dell'arte. (Credito immagine: dominio pubblico)

Durante la seconda guerra mondiale, Blunt fu prolifico nella pubblicazione di saggi critici e articoli sull'arte. Ha iniziato a lavorare per la Royal Collection, scrivendo un catalogo dei disegni di antichi maestri francesi al Castello di Windsor.

Presto lavorò come Surveyor of the King's (poi Queen's) Pictures dal 1945 al 1972. Durante il suo periodo in cui si occupava della Royal Collection, divenne un caro amico della famiglia reale, che si fidava di lui e in seguito gli conferì il titolo di cavaliere.

La Somerset House sullo Strand ospita il Courtauld Institute. (Credito immagine: Stephen Richards / CC BY-SA 2.0)

Blunt si è fatto strada al Courtauld Institute, diventando infine direttore dal 1947 al 1974. Durante il suo mandato, l'Istituto è passato da un'accademia in difficoltà a un centro molto rispettato del mondo dell'arte.

Blunt era uno storico dell'arte stimato e celebrato, e i suoi libri sono ancora ampiamente letti oggi.


Di casa in palazzo

Giorgio IV (1762-1830) salì al trono nel gennaio 1820. In un primo momento, desiderava rinnovare la proprietà secondo i suoi gusti. Ha cambiato idea e ha deciso che voleva un palazzo spettacolare costruito intorno alla casa esistente. Doveva avere tre ali, un grande piazzale e un arco trionfale per commemorare le vittorie militari inglesi. John Nash (1752-1835), l'architetto con cui George aveva lavorato durante la progettazione del Brighton Pavilion, fu incaricato del progetto.

Nash ha speso almeno due o tre volte la somma originale concordata ed è caduto in ritardo. Mentre i conti aumentavano, il malato Giorgio IV vide il palazzo, il suo esterno rivestito in pietra di Bath color oro, come un capolavoro. Uno incompiuto. Morì nel giugno 1830. Il nuovo re Guglielmo IV (1765-1837) e sua moglie Adelaide di Sassonia-Meiningen rimasero sconvolti dalla quantità di denaro che Nash aveva speso. Il primo ministro ha detto a Nash di essere stato licenziato.

Guglielmo IV incaricò il suo primo commissario dei boschi, foreste e rendite fondiarie, John Ponsonby, visconte Duncannon (1781-1847, poi IV conte di Bessborough) di ottenere il completamento dell'opera a un costo inferiore. Sir Edward Blore (1787-1879) fu assunto da Duncannon. Ha modificato le lunghezze delle ali e ha creato un altro ingresso sul lato sud del palazzo. Le Stanze di Stato furono completate nel 1834.

William e Adelaide non si occupavano del palazzo e quindi risiedevano a Clarence House e a Bushy House a Teddington, Londra. Quando le Camere del Parlamento subirono danni da incendio e dovettero essere ricostruite, il re offrì Buckingham Palace come luogo di incontro per i politici. Gli statisti votarono e rifiutarono.

Buckingham Palace prima del lavoro estetico sull'esterno nel 1910&apos.


Buckingham Palace, 1945 - Storia

Dal 1837 Buckingham Palace è stata la residenza londinese certificata dei monarchi britannici ed è ancora in funzione oggi come sede amministrativa. Con molti ricevimenti tenuti dalla stessa Regina nelle sale di rappresentanza, è sorprendente che più di 50.000 persone visitino ancora il Palazzo ogni anno per pranzi, ricevimenti e occasionali Royal Garden Party.

Buckingham House

Buckingham Palace era inizialmente conosciuto come Buckingham House, la maggior parte di ciò che oggi costituisce la parte principale del palazzo fu originariamente costruita come residenza privata per il duca di Buckingham nel 1703. Fu solo nel 1761 quando fu ottenuta da George III come residenza privata della regina Carlotta divenne nota come "La casa della regina".

Infine nel 1837 fu acquistato dalla regina Vittoria come palazzo reale ufficiale non prima di essere ampliato nel corso del XIX secolo dagli architetti dello stato John Nash ed Edward Blore che costruirono tre ali attorno al cortile centrale.

Verifica la disponibilità del biglietto

Vuoi visitare Buckingam Palace nel 2021? Verifica subito la disponibilità dei biglietti e dei tour.

Lo stile reale nella mostra di fabbricazione

Forse l'abito da sposa più famoso al mondo è attualmente in mostra a Kensington Palace come parte della mostra "Royal Style in the Making".


Attraverso la storia

Per quasi duecento anni, dalla fine degli anni 1830 ad oggi, dalla regina Vittoria alla regina Elisabetta II, Buckingham Palace, nel cuore di Londra, è stata la sede della monarchia britannica. L'edificio è un simbolo di potere, tradizione, una fonte di orgoglio nazionale e un luogo di incontro nazionale durante i momenti di gioia e dolore. Quanti di noi ricordano le fotografie e le immagini dei cinegiornali di persone che si affollavano fuori dai cancelli di Buckingham Palace nel maggio del 1945 per celebrare il VE Day? Quanti di noi ricordano le decine di mazzi di fiori che venivano deposti contro i cancelli, accatastati contro i muri o legati alle ringhiere dai britannici in lutto per la morte della principessa Diana nel 1997?

Ma quanto sappiamo davvero di Buckingham Palace? Quanti anni ha? Quanto è grande? Quanti servizi igienici ha? Come ha preso il nome e quando è stato costruito?

Questo articolo esaminerà la storia di uno dei palazzi reali più famosi del mondo, dalle sue umili origini come sontuosa residenza cittadina, al suo gran finale come dimora dell'attuale regina.

Questo edificio sembra vagamente familiare? Potrebbe. Ecco Buckingham House, 1809.

L'edificio che è oggi Buckingham Palace era originariamente una residenza di città chiamata Buckingham House, dal nome del duca di Buckingham e Normanby e fu costruita a partire dal 1703. L'edificio fu progettato dal capitano William Winde, un notevole architetto dell'epoca famoso per progettando diversi grandi manieri. Sfortunatamente per Winde, poche delle sue strutture originali sopravvivono oggi, rinnovate, integrate in altri edifici o distrutte da un incendio negli oltre duecento anni dalla sua morte.

Tuttavia, Buckingham House non durò a lungo in mani private. Dopo essere stato costruito per il duca di Buckingham, fu poi passato al suo discendente Sir Charles Sheffield nel 1760 e successivamente in mani reali, a cominciare da re Giorgio III.

Durante i successivi sessant'anni, Buckingham House fu gradualmente rinnovata, migliorata e ampliata. Re Giorgio IV e suo fratello minore, il futuro re Guglielmo IV, fecero rinnovare e migliorare ampiamente Buckingham House. Nel 1834, il Palazzo di Westminster, il Palazzo di Westminster, fu raso al suolo da un incendio spettacolare…

La distruzione di Westminster spinse Guglielmo IV a trasformare Buckingham Palace nelle nuove Camere del Parlamento, ma il Parlamento rifiutò l'offerta del re, il che consentì ulteriori lavori di ristrutturazione del palazzo fino alla morte del re nel 1837.

Era stato il desiderio di re Guglielmo IV, che era stato una figura pubblica popolare e benvoluta, trasformare Buckingham Palace da una semplice residenza nobiliare in un palazzo e residenza degna di un re. Sebbene i lavori di ristrutturazione e di costruzione fossero in corso sin dai tempi di Giorgio IV, William, il fratello minore di George, morì prima che questi lavori di ristrutturazione fossero completati.

Il 20 giugno 1837 Victoria divenne regina del Regno Unito e divenne il primo monarca a trasferirsi nel nuovo palazzo e così Buckingham Palace entrò nel suo ruolo che lo conosciamo oggi, essendo la sede londinese del monarca britannico.

Se ti aspettavi che un palazzo degno di una regina fosse affascinante e meraviglioso, ripensaci. Victoria (allora aveva solo 18 anni) si trasferì nella sua nuova casa così in fretta che i lavori di ristrutturazione erano appena completati! Il palazzo non era stato pulito correttamente, c'erano problemi di riscaldamento a causa di malfunzionamenti con i camini (il che significava che i fuochi non potevano essere accesi nei caminetti) e probabilmente il più pericoloso di tutti, la nuova illuminazione ‘gas’ non era funziona correttamente, il che potrebbe trasformare Buckingham Palace nella bomba a orologeria più lussuosa del mondo!

Un altro problema con il nuovo palazzo era lo spazio. Se hai letto il mio articolo sulla composizione classica dei domestici, saprai che le grandi case costruite durante quest'epoca richiedevano un piccolo esercito per mantenerle pulite e ordinate e senza intoppi. Qualsiasi grande casata avrebbe fino a una dozzina o più di servitori. In un palazzo reale, questo numero è salito alle stelle a poche centinaia! Camerieri, maggiordomi, camerieri, cuochi, addetti alle pulizie, lavandaie, cortigiani, valletti, cameriere, cameriere, cameriere, e poi bisognava considerare lo spazio necessario per cortigiani, ospiti, famiglia e tutti i loro domestici! Semplicemente non c'era abbastanza spazio!

Originariamente costruito con un edificio centrale e due ali, fu deciso che Buckingham Palace avrebbe richiesto un ampliamento. Il famoso Marble Arch di Londra, costruito per commemorare le grandi vittorie navali, era in origine l'ingresso cerimoniale del palazzo. Ma era solo cerimoniale, e poco altro. È stato deciso che Marble Arch occupava troppo spazio, quindi è stato spostato all'angolo di Hyde Park, dove si trova oggi. Al suo posto fu costruita una terza ala, unendo le altre due ali e racchiudendo un cortile centrale che è il quadrilatero che conosciamo oggi. È quest'ultima aggiunta al palazzo che lo fa assomigliare a ciò che riconosciamo oggi.


Buckingham Palace come appariva nel 1910, alla fine dell'era edoardiana

La chiusura del quadrilatero fu completata nel 1847 e questo fu uno degli ultimi importanti lavori di costruzione effettuati sul palazzo fino all'inizio del XX secolo.

Un nuovo palazzo per un nuovo secolo

Con un nuovo secolo venne un nuovo re. Edoardo VII, famoso per essere grasso e amichevole e per aver dimenticato di abbottonarsi i panciotti, era noto per essere una specie di animale da festa. Amava intrattenere. Cene, balli, feste di caccia e balli erano sempre nel calendario di Eddie e il palazzo fu modernizzato e rinnovato per soddisfare le esigenze e il gusto del re.

Londra è famosa per molte cose. Uno di questi è la famigerata nebbia di Londra. La nebbia o lo smog a Londra non erano solo nuvole basse. Era tutto. Cenere. Polvere. Fuliggine. Umidità. Fumo. Grinta dalle strade. Olio e grasso dalle fabbriche. Nei giorni particolarmente brutti, lo smog di Londra era così terribile che non potevi letteralmente vedere la tua mano davanti al tuo viso. Questa nebbia sgradevole e sgradevole ha causato terribili danni estetici al palazzo. Alla fine, i danni provocati dallo smog alla muratura in pietra del palazzo furono così estesi che la muratura dovette essere completamente sostituita, un processo che richiese oltre un anno nel 1913.

Simbolo dell'orgoglio britannico, della monarchia e del patriottismo, Buckingham Palace è stato a lungo un bersaglio in tempo di guerra. Negli anni '10 con lo scoppio della prima guerra mondiale, Giorgio V fu incoraggiato a chiudere le cantine del palazzo per non dare il cattivo esempio ai suoi sudditi divertendosi e tracannando vino mentre il paese era in gravi difficoltà.

Tuttavia, la guerra ha avuto un impatto maggiore sul palazzo durante la seconda guerra mondiale. Il Blitz su Londra, dal 1940 al 1941, causò enormi danni in tutta la capitale britannica e il palazzo non fu risparmiato. Hitler sapeva che avrebbe potuto seriamente ferire il morale britannico distruggendo il palazzo e la Luftwaffe ne fece un obiettivo specifico. Fu bombardata non meno di sette volte durante la seconda guerra mondiale. Una bomba è esplosa nel quadrilatero del palazzo, facendo saltare in aria tutte le finestre interne! Questo particolare attacco occupò le prime pagine dei giornali locali e servì da morale al pubblico britannico, contento che la loro monarchia non li avesse abbandonati in questo periodo di crisi nazionale.

Il palazzo nel 21° secolo è ancora un'istituzione reale funzionante, proprio come lo era quando fu abitato per la prima volta dalla regina Vittoria più di cento anni fa. Eventi come grandi cene, incontri e conferenze stampa continuano ancora all'interno delle sue sale e feste in giardino per tutti, dagli adulti ai nonni ai bambini, ora si svolgono regolarmente nei giardini del palazzo.


Dentro la casa della regina Elisabetta a Buckingham Palace

C'è un bancomat nel seminterrato che stampa denaro solo per la famiglia reale britannica.

Se si considera che la monarchia britannica esiste da migliaia di anni, Buckingham Palace è un'aggiunta relativamente nuova al portafoglio di case della famiglia reale. Il suo significato, tuttavia, è profondo.

Oltre ad essere un'amata attrazione turistica, il palazzo e i suoi terreni fungono da luogo importante per ospitare cerimonie e gestire gli affari politici nel Regno Unito.

E mentre Buckingham Palace stesso è un appuntamento fisso della cultura britannica, ci sono ancora molti segreti sul palazzo e sulla sua ricca storia che poche persone conoscono. La residenza reale ha ospitato alcuni dei momenti più significativi della storia inglese, dai matrimoni reali ai bombardamenti durante la seconda guerra mondiale.

Oggi, l'edificio è 830.000 piedi quadrati, ha 775 camere, Compreso 52 camere da letto reali e degli ospiti, 188 camere da letto per il personale, 92 uffici e 78 bagni, secondo il sito reale. Dal bancomat nel seminterrato e dal cruscotto che stampa denaro solo per la famiglia reale britannica e allo splendido giardino di 39 acri, Buckingham è sicuramente un luogo da esplorare.

Ecco uno sguardo alla storia di questo magnifico palazzo.

Originariamente costruito nel 1703 come Buckingham House per il 3° Conte di Mulgrave John Sheffield, Buckingham Palace è stata la casa e il quartier generale amministrativo della famiglia reale per centinaia di anni. Prima che il palazzo fosse costruito, la residenza ufficiale del re d'Inghilterra per più di 300 anni, dal 1531 al 1837, era a St. James's Place, a solo 400 metri da Buckingham.

Il terreno su cui è stato costruito Buckingham Palace si trova nel distretto di Londra noto come Westminster ed appartiene alla famiglia reale da oltre 400 anni. Originariamente era una palude lungo il fiume Tyburn e il terreno fu acquisito dal re Giacomo I e destinato a servire come giardino per la famiglia reale. John Sheffield, che in seguito divenne il duca di Buckingham, acquistò la proprietà con la sua casa preesistente nel 1698, secondo History.com.

Sheffield in seguito fece sostituire la casa originale dalla struttura che si trova oggi. Buckingham House, come era comunemente noto, fu progettata e costruita da William Winde e John Fitch e completata nel 1705. Re Giorgio III acquistò poi la casa da Sheffield nel 1761 per utilizzarla come casa per sua moglie, la regina Carlotta, e il loro figli.

Sebbene il palazzo sia stato sottoposto a numerosi lavori di ristrutturazione, il più notevole è stato durante il periodo di re Giorgio IV, che era in pessime condizioni di salute quando commissionò a John Nash di lavorare sulla struttura. Nash ampliò il palazzo in una grande forma a U e ampliò l'edificio aggiungendo le ali ovest e le diramazioni a nord ea sud. Nash è anche responsabile dell'ammirevole arco un tempo situato nel cortile reale e ora nel vicino Hyde Park.

Dopo la morte di Giorgio IV nel 1830, suo fratello Guglielmo IV salì al trono ma scelse di continuare a vivere a Clarence Palace durante il suo regno. Dopo la morte di Guglielmo IV nel 1837, sua nipote, la regina Vittoria, divenne il primo reale ufficiale a chiamare casa Buckingham Palace. Fino ad oggi, la regina Elisabetta II usa il palazzo come luogo per incontri diplomatici, celebrazioni e casa per la sua famiglia.

Tradizioni e funzioni

Essendo uno degli edifici più importanti nella storia della famiglia reale, Buckingham ospita regolarmente funzioni e cerimonie. Nel 1851, ad esempio, la regina Vittoria fece la sua prima apparizione pubblica sul balcone salutando il pubblico durante la celebrazione dell'apertura della Grande Esposizione, vetrina della manifattura internazionale.

Dalla prima apparizione della regina Vittoria, stare in piedi sul balcone di Buckingham è diventata una sorta di tradizione per gli eventi reali. Nel 2002, la regina Elisabetta ha salutato la folla dal balcone per celebrare il suo Giubileo d'Oro. Inoltre, sul balcone sono state scattate alcune delle più famose foto del matrimonio del principe William con la duchessa di Cambridge.

Un'altra tradizione di Buckingham Palace è la cerimonia reale del Cambio della Guardia, in cui un reggimento prende il posto di un altro. Per tradizione, la Nuova Guardia marcia a Buckingham Palace da Wellington Barracks con accompagnamento musicale, diventando così la Guardia della Regina nel corso della cerimonia. Conosciuto anche come "Montaggio di guardia", la tradizione si svolge alle 11:00 a giorni alterni e tutti i giorni durante l'estate. Il programma della cerimonia può essere visto sul sito web dell'esercito britannico.

Sebbene queste siano solo alcune delle tradizioni custodite dal palazzo, la casa e il parco hanno visto molti importanti momenti storici nel corso degli anni, rendendo Buckingham uno dei luoghi più influenti e storici nella storia della famiglia reale britannica.

Non è raro che i visitatori in Inghilterra si trovino incuriositi da Buckingham Palace e da ciò che ha da offrire. Ma la casa in sé non è l'unica parte del terreno che vale la pena visitare. Il giardino reale di Buckingham Palace occupa 42 acri nella City of Westminster e comprende caratteristiche come il Rose Garden (che presenta 25 diverse varietà, tra cui una creata in onore di William chiamata Royal William), un campo da tennis e un lago di tre acri . Conosciuto anche come Memorial Gardens, le aiuole di Buckingham sono disposte in un design semicircolare e includono piante esotiche come gerani scarlatti, piante ragno e fichi piangenti. Il giardino comprende anche un gelso che risale all'epoca di Giacomo I d'Inghilterra (1567).

Oltre a un magnifico giardino, i terreni di Buckingham ospitano anche un museo reale con mostre incentrate su diverse epoche della monarchia. La Queen's Gallery comprende opere di Vermeer, Rubens, Canaletto, Duccio e Dürer, oltre a gioielli che fanno parte della collezione della Regina. Tuttavia, solo una parte della collezione reale è in mostra. Comprende 7.000 dipinti, 500.000 stampe e 30.000 acquerelli e disegni.

Dopo aver visitato il museo, puoi anche visitare 19 stanze all'interno dello stesso Buckingham Palace, aperto per 10 settimane ogni estate. Le sale di rappresentanza sontuosamente decorate includono luoghi storici come il Trono di Roma, la Sala delle immagini, la Sala da ballo, lo scalone d'onore, il Salone bianco e altro ancora e sono arredate con amati tesori della Collezione Reale.

Inoltre, il Mall, la strada di fronte a Buckingham Palace, è colorato di rosso per creare l'illusione di un grande tappeto rosso che conduce al palazzo stesso. Il centro commerciale è fiancheggiato da alberi su entrambi i lati ed è decorato con bandiere dell'Unione durante le visite di stato. Spesso affollato dal pubblico durante gli eventi reali, il Mall è destinato alle principali cerimonie nazionali e gli autobus di linea non possono utilizzare il Mall o passare davanti a Buckingham Palace se non per il permesso del monarca.

Come visitare

Oggi il palazzo è aperto ai visitatori di tutto il mondo. A differenza della casa privata della regina a Sandringham, che è aperta tutto l'anno, Buckingham Palace è aperta solo per pochi mesi all'anno, quindi prenota i biglietti il ​​prima possibile se prevedi di visitare l'anno prossimo. Per ulteriori informazioni su cosa vedere e cosa fare a Buckingham, visita il sito web reale qui.


H.M. Re Giorgio

"Sono felice di avere questa opportunità di ispezionare un distaccamento della sezione britannica della polizia palestinese e di consegnare medaglie ai membri della Forza in riconoscimento della loro galanteria e del loro meritorio servizio.

Sono lieto di poter sottolineare il rispetto che noi in questo Paese proviamo per il modo in cui avete svolto il vostro dovere in Palestina. Il conflitto tra arabi ed ebrei rendeva necessario che nella sezione britannica della polizia palestinese ci fosse una forza imparziale per mantenere la legge e l'ordine e per assistere nello svolgimento del pesante compito affidatoci dal mandato. Ciò ha significato che la polizia britannica ha dovuto affrontare calunnie e provocazioni, nonché attacchi omicidi.

Ho ammirato la pazienza e il coraggio con cui avete affrontato le difficoltà ei pericoli del servizio in Palestina. Molti dei tuoi compagni hanno dato la vita e molti altri sono stati feriti in quel servizio: il loro sacrificio non sarà dimenticato.

Il tuo compito nella polizia palestinese è ora completato e puoi guardare indietro a un lavoro ben fatto. Presto ti dedicherai a un lavoro altrove e, ovunque sia il tuo futuro, ti auguro ogni successo".


La storia di Buckingham Palace

Buckingham Palace presenta una facciata imperscrutabile. Possiede un'aura composita di autorità, proprio come la Casa Bianca in America. L'edificio è arrivato a incarnare la voce delle dichiarazioni di royalty rilasciate al mondo da dietro queste mura che iniziano con le parole "Buckingham Palace annunciato oggi". . . .'

Oltre al suo ruolo di palazzo e residenza londinese ufficiale della regina Elisabetta II, funge anche da ufficio del Sovrano, dove intrattiene i capi di Stato, riceve i cittadini e detiene le investiture. Durante l'attuale regno, i presidenti Eisenhower, Kennedy, Nixon, Reagan, Bush e Clinton sono stati ospitati qui, e la duchessa di Windsor è rimasta per diversi giorni dopo la morte del duca nel 1972.

Enrico VIII scelse per la prima volta questa parte di Londra come residenza dei reali quando si stabilì nel palazzo del cardinale Wolsey, a Whitehall. Successivamente si trasferì nell'attuale St. James's Palace e prosciugò il terreno paludoso a sud, creando St. James's Park. Dal fiume Tyburn che scorreva attraverso Green Park, creò i laghi che ora adornano i giardini di Buckingham Palace e St. James's Park. È notevole, secoli dopo, trovare questi 40 acri di terra ancora non edificata nel centro di una fiorente città.

Lord Goring di Hurstpierpoint costruì una casa, il precursore dell'attuale palazzo, intorno al 1640. Passò attraverso varie mani prima di entrare in possesso del duca di Buckingham, un corteggiatore della regina Anna. Qui, nel 1703 costruì Buckingham House, generalmente considerata la più bella casa di Londra, con il centro commerciale che si estendeva davanti a St. James's Park. Dopo la sua morte nel 1731, Giorgio II si avvicinò alla vedova del duca con un'offerta per acquistarlo, ma fu Giorgio III a concludere l'affare nel 1762, pagando £ 28.000. Il re, uno dei più grandi collezionisti di libri nella storia dell'Inghilterra, creò una bella biblioteca nella casa.

Nel 1775, George diede Buckingham House alla regina Charlotte e da allora divenne nota come "The Queen's House". Giorgio III trascorse i suoi anni del crepuscolo al Castello di Windsor, soffrendo dei ben noti effetti della sua porfiria.

Giorgio IV contribuì notevolmente alla gloria architettonica e culturale di Londra e, come tanti re intraprendenti della cui eredità ora ci rallegriamo, i suoi contemporanei lo considerarono dissoluto e una preoccupazione per l'erario. Assunse l'architetto John Nash per riparare e migliorare la casa, che divenne Buckingham Palace nel 1825. Le sue aggiunte includevano il Marble Arch, costruito come ingresso cerimoniale al palazzo, che da allora è stato spostato nella sede attuale all'estremità settentrionale di Corsia di sosta. Giorgio IV raccolse molti dei più bei tesori del Palazzo, in particolare la favolosa Tavola dei Grandi Commendatori, commissionata da Napoleone e realizzata in un unico pezzo di porcellana di Sèvres, con intarsiati i ritratti di Alessandro Magno e altri.

Sir John Soane ha anche presentato piani per la ristrutturazione di Buckingham House. Sir John avrebbe dato ai londinesi una versione del Palazzo di Versailles, con grandi archi, colonne, plinti e cortili interni. Invece, il palazzo si è evoluto gradualmente, prima come facciata orientale con ali sud e nord, e poi con una facciata occidentale costruita (non molto soddisfacente) durante il regno della regina Vittoria. Né Giorgio IV né Guglielmo IV abitarono mai nel nuovo palazzo Guglielmo IV ne prese possesso il 5 maggio 1837, solo poche settimane prima di morire. La regina Vittoria fu la prima monarca a vivere lì come regina.

La regina Vittoria si dilettava nella sua nuova casa, trasferendosi lì da Kensington Palace. Ha ospitato balli e ricevimenti e da Buckingham Palace, è passata all'Abbazia di Westminster per la sua incoronazione nel 1838. Dopo aver sposato il principe Alberto di Sassonia-Coburgo nel 1840, ha vissuto lì con la sua famiglia in espansione fino alla morte del principe consorte nel 1861. luogo entrò in uno stato di decadenza e per alcuni anni apparve sempre più abbandonato e bisognoso di riparazioni.

Solo nell'ultima parte del suo regno la regina Vittoria fece delle apparizioni occasionali al palazzo, in particolare per i suoi due giubilei nel 1887 e nel 1897. La principessa Alice (contessa di Athlone) apparve sul balcone sia nel 1887 per il giubileo d'oro della regina Vittoria che di nuovo in 1977 per l'attuale Giubileo d'Argento della Regina. Alice, la nipote della regina Vittoria, era troppo giovane per prendere parte alla processione del 1887, ma non troppo vecchia per farlo nel 1977.

Durante l'assenza di Victoria, il palazzo a volte ospitava dignitari stranieri. Nel 1873 vi soggiornò Nassered-Din, Scià di Persia. Sua Maestà Imperiale aveva abitudini personali non convenzionali: evitando il tavolo della sala da pranzo, mangiava agnello arrosto direttamente dal pavimento e una volta organizzò un incontro di boxe nei giardini del Palazzo. Si dice addirittura che sotto il prato immacolato giacciano le ossa di un suo bastone, eseguito con una corda d'arco.

Durante il regno di Edoardo VII, il Palazzo fornì l'ambientazione per grandi balli e corti serali, sebbene il re lo chiamasse "il Sepolcro". Sir Compton Mackenzie ha osservato: "Non è stato fino all'aprile 1902 che il palazzo era pronto per la residenza del re e della regina e anche ora possiamo riflettere con timore reverenziale sul profumo di quel primo sigaro acceso in quelli che erano stati gli appartamenti privati ​​della regina Vittoria" .

Giorgio V e la regina Mary ne fecero la loro casa, aggiungendo un nuovo tocco domestico. La prima guerra mondiale ha messo in ombra i primi anni del loro regno, ma in seguito la regina Mary, uno dei grandi benefattori del palazzo, intraprese una notevole riorganizzazione dei quadri e delle collezioni di porcellane, riunendo pezzi separati e rendendo la Pinacoteca meno affollata e più facile da fruire . Giorgio V trascorse molte ore felici nella Stamp Room e nel 1936 il re aveva accumulato una collezione di 250.000 francobolli in 325 grandi volumi.

Non tutti i monarchi provavano un tale affetto per Buckingham Palace. Edoardo VIII odiava il posto e vi trascorse solo poche notti durante il suo breve regno. Né ogni soggiorno è stato senza incidenti. Giorgio VI ne fece il suo quartier generale durante la seconda guerra mondiale, e subì più di un danno dai bombardamenti. Alla fine della guerra, il Palazzo prese parte alle grate celebrazioni della Nazione, quando, simbolicamente, la Famiglia Reale si riunì sul balcone con Winston Churchill, il Primo Ministro che aveva guidato la Nazione durante questo periodo traumatico della storia.

Since 1952 Buckingham Palace has been The Queen's working home. Visitors once could enter the Palace only by invitation, but this has changed somewhat during the present reign. The Royal Mews in Buckingham Palace Road opens its doors to visitors, who can see The Queen's carriages, horses, and the stables and Riding School, which are an essential part of daily life for this department of the Royal Household. The Queen's Gallery (on the site of a chapel destroyed by German bombs) opened in 1962 and has exhibited a succession of treasures from the Royal Collection.

The Queen also opened the State Rooms to visitors in the summer of 1993. In November of the previous year, fire badly damaged Windsor Castle, and though The Queen bore no official responsibility to pay for the repairs, she decided that one Royal residence should come to the assistance of another. Each summer when the Royal Family is at Balmoral, Buckingham Palace admits the public in an effort to raise 70 per cent of the money needed to repair the castle.

Visitors see the State Rooms where the Royal Family gathered for state banquets and family christenings the settings for some of Cecil Beaton's fine portraits of The Queen, The Queen Mother, and Princess Margaret and the Palace's extensive lawns, so reminiscent of the evening when, in 1762, Queen Charlotte had the entire grounds lit by thousands of coloured lamps and led King George III to the window to enjoy the full glory of his new home.

The Palace remains a private home to the Royal Family, but it is also a national treasure, a potent symbol to the British people of their own strength, continuity, and tradition. It is a highly visible part of British heritage just as the White House is a vital part of America's historic fabric. It was no accident that the Palace became a target for German bombs if it had been destroyed, the Nation would have been dealt a heavy moral blow. Fortunately for us, it survived to open its doors on another era.