Podcast di storia

Lo stretto di Malacca era un potenziale "punto di strozzatura" durante l'età della scoperta?

Lo stretto di Malacca era un potenziale



We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Lo Stretto di Malacca corre tra la costa orientale dell'isola indonesiana di Sumatra e la penisola di Malacca sulla costa occidentale della Malesia ed è piuttosto stretto. È la via più diretta dall'India alla Cina o alla costa orientale di quella che in seguito divenne l'Indocina.

Se una potenza ostile avesse preso il controllo della penisola di Malacca e chiuso lo stretto (costringendo le navi a navigare lungo la costa occidentale di Sumatra e la parte meridionale dell'arcipelago indonesiano), quale deterrenza al commercio est-ovest avrebbe rappresentato durante il età della scoperta (XV-XVII secolo)? Sarebbe stato "solo" l'inconveniente di un percorso più lungo? Oppure i marinai trovavano impraticabile (o quasi) un simile viaggio, viste le tecnologie di navigazione e le difficoltà della rotta in quel momento? e.g. I mari della rotta alternativa erano "troppo agitati" per i carvel o altre navi dell'epoca?

(Per fare un confronto, ad esempio, il Capo di Buona Speranza potrebbe essere un importante punto di strozzatura intorno all'Africa, perché i mari non sono navigabili per più di 30-50 miglia a sud di esso.)


Non lo Stretto di Malacca di per sé; ma l'adiacente stretto di Singapore, che qualsiasi nave deve anche attraversare sia in un passaggio est-ovest che nord-sud: assolutamente. Ecco un confronto con Gibilterra all'incirca sulla stessa scala:

Come si può facilmente vedere, entrambi gli stretti hanno all'incirca la stessa larghezza, poco più di 10 km nel punto più stretto, ma lo stretto di Singapore presenta ulteriori pericoli sotto forma di acque molto meno profonde e numerosi banchi. Navigare in questo mentre si è contrastati da navi nemiche, senza piloti locali, sarebbe estremamente pericoloso e probabilmente richiederebbe sia venti che maree favorevoli.

È improbabile che il tentativo di evitare lo stretto navigando attraverso o intorno all'arcipelago a sud di Singapore abbia più successo. I promontori consentirebbero prontamente avvistamenti e segnali che trasmetterebbero rapidamente notizie di qualsiasi tentativo del genere alla base principale, probabilmente molto più rapidamente di quanto le navi dell'epoca potessero navigare in acque sconosciute. Questi canali sono anche considerevolmente più stretti dello stretto principale, sebbene due abbiano acque più profonde.


Guarda il video: Lo Stretto di Malacca a ore.. (Agosto 2022).