Podcast di storia

Compromesso del 1877 - Definizione, risultati e significato

Compromesso del 1877 - Definizione, risultati e significato


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Il Compromesso del 1877 fu un accordo informale tra i Democratici del Sud e gli alleati del repubblicano Rutherford Hayes per regolare il risultato delle elezioni presidenziali del 1876 e segnò la fine dell'era della Ricostruzione.

Subito dopo le elezioni presidenziali del 1876, divenne chiaro che l'esito della corsa dipendeva in gran parte dai contestati ritorni della Florida, della Louisiana e della Carolina del Sud, gli unici tre stati del sud con governi repubblicani dell'era della Ricostruzione ancora al potere. Mentre una commissione congressuale bipartisan discuteva sull'esito all'inizio del 1877, gli alleati del candidato del Partito Repubblicano Rutherford Hayes si incontrarono in segreto con i Democratici meridionali moderati per negoziare l'accettazione dell'elezione di Hayes. I democratici hanno deciso di non bloccare la vittoria di Hayes a condizione che i repubblicani ritirino tutte le truppe federali dal sud, consolidando così il controllo democratico sulla regione. Come risultato del cosiddetto Compromesso del 1877 (o Compromesso del 1876), Florida, Louisiana e Carolina del Sud tornarono ad essere democratiche, ponendo effettivamente fine all'era della Ricostruzione.

Compromesso del 1877: le elezioni del 1876

Entro il 1870, il sostegno alle politiche razzialmente egualitarie della Ricostruzione stava diminuendo, una serie di leggi messe in atto dopo la guerra civile per proteggere i diritti degli afroamericani, specialmente nel sud. Molti bianchi del sud erano ricorsi all'intimidazione e alla violenza per impedire ai neri di votare e ripristinare la supremazia bianca nella regione. A partire dal 1873, una serie di decisioni della Corte Suprema limitarono la portata delle leggi dell'era della ricostruzione e il sostegno federale ai cosiddetti emendamenti alla ricostruzione, in particolare il 14° emendamento e il 15° emendamento, che davano agli afroamericani lo status di cittadinanza e la protezione del Costituzione, compreso l'importantissimo diritto di voto.

Inoltre, le accuse di corruzione all'interno dell'amministrazione di Ulysses S. Grant e di depressione economica avevano accresciuto il malcontento nei confronti del Partito Repubblicano, che era alla Casa Bianca dal 1861. Con l'avvicinarsi delle elezioni presidenziali del 1876, i Democratici scelsero il governatore Samuel B. Tilden di New York come loro candidato, mentre i repubblicani nominarono Rutherford B. Hayes, governatore dell'Ohio. Nella sua accettazione della nomina, Hayes ha scritto che, se eletto, avrebbe portato "le benedizioni di un'autogoverno locale onesto e capace" al Sud, in altre parole, avrebbe limitato l'applicazione federale delle politiche impopolari dell'era della Ricostruzione.

Compromesso del 1877: risultati elettorali

Il giorno delle elezioni di novembre, i Democratici sembravano avere la meglio, vincendo gli stati oscillanti del Connecticut, dell'Indiana, di New York e del New Jersey. A mezzanotte, Tilden aveva 184 dei 185 voti elettorali di cui aveva bisogno per vincere e guidava il voto popolare di 250.000. Tuttavia, i repubblicani si rifiutarono di accettare la sconfitta e accusarono i sostenitori democratici di intimidire e corrompere gli elettori afroamericani per impedire loro di votare in tre stati del sud: Florida, Louisiana e Carolina del Sud. A partire dal 1876, questi erano gli unici stati rimasti nel sud con governi repubblicani.

In South Carolina, le elezioni erano state segnate da spargimenti di sangue su entrambi i lati della linea del partito. I sostenitori del candidato governatore democratico Wade Hampton, un ex generale confederato, avevano usato violenza e intimidazione per affrontare la maggioranza di voto afroamericana. Uno scontro tra miliziani neri e bianchi armati ad Amburgo a luglio si è concluso con la morte di cinque miliziani dopo la loro resa, mentre a Camboy (vicino a Charleston), sei bianchi sono stati uccisi quando dei neri armati hanno aperto il fuoco in un incontro politico. Con entrambe le parti che si accusano a vicenda di brogli elettorali, la Carolina del Sud, insieme a Florida e Louisiana, ha presentato due serie di dichiarazioni elettorali con risultati diversi. Nel frattempo, in Oregon, il governatore democratico dello stato ha sostituito un elettore repubblicano con un democratico (affermando che il repubblicano era stato ineleggibile), mettendo così in discussione anche la vittoria di Hayes in quello stato.

Compromesso del 1877: il Congresso interviene

Per risolvere la controversia, il Congresso istituì una commissione elettorale nel gennaio 1877, composta da cinque rappresentanti degli Stati Uniti, cinque senatori e cinque giudici della Corte Suprema. I membri della commissione includevano sette democratici, sette repubblicani e un indipendente, il giudice David Davis. Quando Davis si rifiutò di servire, il giudice repubblicano moderato Joseph Bradley fu scelto per sostituirlo.

Durante le deliberazioni della commissione, gli alleati repubblicani di Hayes si sono incontrati in segreto con i democratici meridionali moderati nella speranza di convincerli a non bloccare il conteggio ufficiale dei voti attraverso l'ostruzionismo e consentire effettivamente l'elezione di Hayes. A febbraio, in una riunione tenutasi al Wormley Hotel di Washington, i democratici hanno deciso di accettare una vittoria di Hayes e di rispettare i diritti civili e politici degli afroamericani, a condizione che i repubblicani ritirino tutte le truppe federali dal sud, consolidando così il controllo democratico in la Regione. Hayes avrebbe anche dovuto accettare di nominare un leader del sud nel suo gabinetto e di sostenere gli aiuti federali per la Texas and Pacific Railroad, una linea transcontinentale pianificata attraverso una rotta meridionale. Il 2 marzo, la commissione del Congresso ha votato 8-7 lungo le linee del partito per assegnare tutti i voti elettorali contestati a Hayes, dandogli 185 voti contro i 184 di Tilden.

Compromesso del 1877: la fine della ricostruzione

Hayes nominò David Key del Tennessee come direttore generale delle poste, ma non diede mai seguito alla concessione della terra promessa per il Texas e il Pacifico. Nel giro di due mesi, tuttavia, Hayes aveva ordinato alle truppe federali dai loro posti di guardia delle case statali della Louisiana e della Carolina del Sud, consentendo ai Democratici di prendere il controllo in entrambi gli stati. Poiché la Corte Suprema della Florida aveva precedentemente dichiarato una vittoria democratica nelle elezioni governative del 1876, i democratici erano stati ripristinati al potere in tutto il sud.

Il Compromesso del 1876 pose effettivamente fine all'era della Ricostruzione. Le promesse dei Democratici del Sud di proteggere i diritti civili e politici dei neri non sono state mantenute e la fine dell'interferenza federale negli affari del sud ha portato a una diffusa privazione del diritto di voto degli elettori neri. Dalla fine degli anni 1870 in poi, le legislature meridionali hanno approvato una serie di leggi che richiedono la separazione dei bianchi dalle "persone di colore" sui mezzi pubblici, nelle scuole, nei parchi, nei ristoranti, nei teatri e in altri luoghi. Conosciute come le “leggi Jim Crow” (dopo un atto di menestrello popolare sviluppato negli anni anteguerra), questi statuti segregazionisti governarono la vita nel Sud fino alla metà del secolo successivo, terminando solo dopo i faticosi successi del movimento per i diritti civili negli anni '60.


Compromesso dei fatti del 1877 per i bambini

Ulisse_S._Grant_1870-1880
  • L'elezione del 1876 fu un'elezione presidenziale tra il repubblicano Rutherford Hayes e il democratico Samuel J Tilden dopo che il presidente Ulysses S Grant si rifiutò di candidarsi per la terza volta.
  • I risultati di questa elezione sono i più controversi fino ad oggi perché, sebbene Rutherford Hayes sia uscito come il vincitore finale, Samuel Tilden aveva ricevuto i voti più popolari durante il primo conteggio.
  • Ci sono state diverse accuse contro entrambe le parti di imbroglio, violenza, intimidazione e corruzione. Anche oggi il risultato di queste elezioni è molto dibattuto.
  • Il Compromesso del 1877 fu un accordo non scritto per il quale i Democratici avrebbero concesso le elezioni ai Repubblicani solo in cambio della completa rimozione delle truppe federali dal sud.
  • Ciò ha effettivamente portato alla fine dell'era della ricostruzione con conseguente privazione del diritto di voto degli elettori afroamericani nel sud.
  • Nel compromesso, i Democratici del Sud hanno promesso di proteggere i diritti civili e politici degli afroamericani dopo la partenza delle truppe federali.
  • Tuttavia, l'ala meridionale del partito democratico, chiamata i Redentori democratici, ha invece imposto la supremazia bianca.
  • Il Compromesso del 1877 allargò ulteriormente il divario tra le popolazioni bianche e nere d'America.
  • Il Compromesso del 1877 è uno dei capitoli più importanti della storia degli afroamericani.
  • La creazione di un governo tutto bianco nel sud senza la protezione dell'esercito federale ha distrutto ogni speranza di elevazione per la comunità nera.

Grande sciopero ferroviario del 1877

I nostri redattori esamineranno ciò che hai inviato e determineranno se rivedere l'articolo.

Grande sciopero ferroviario del 1877, serie di violenti scioperi ferroviari negli Stati Uniti nel 1877. Quell'anno il paese era nel quarto anno di una prolungata depressione economica dopo il panico del 1873. Gli scioperi furono accelerati dai tagli salariali annunciati dalla Baltimore and Ohio (B&O) Railroad -il suo secondo taglio in otto mesi. Il lavoro ferroviario era già mal pagato e pericoloso. Inoltre, le compagnie ferroviarie avevano approfittato delle difficoltà economiche per rompere in gran parte i nascenti sindacati formati dai lavoratori prima e dopo la guerra civile americana.

Il 16 luglio 1877, i lavoratori della stazione B&O di Martinsburg, West Virginia, risposero all'annuncio di tagli salariali del 10% sganciando le locomotive nella stazione, confinandole nella rotonda e dichiarando che nessun treno avrebbe lasciato Martinsburg a meno che il tagliata è stata revocata. Il governatore della West Virginia Henry M. Mathews ha inviato la milizia quando la polizia non è stata in grado di disperdere la folla di supporto che si era radunata. Quando la milizia si dimostrò incapace di liberare i circa 600 treni bloccati a Martinsburg (forse perché molti dei miliziani erano essi stessi ferrovieri simpatizzanti dello sciopero), Mathews chiese e ricevette assistenza dalle truppe federali. Dopo il loro arrivo, i treni hanno potuto iniziare a lasciare Martinsburg il 20 luglio.

Nel frattempo, lo sciopero aveva iniziato a diffondersi lungo la linea principale del B&O fino a Chicago, e il 19 luglio c'era anche Pittsburgh e la Pennsylvania Railroad. Il 19 luglio il portabandiera Gus Harris si rifiutò unilateralmente di lavorare su un "doppio binario" (un treno trainato da due locomotive, che richiedeva quindi meno lavoratori), e il resto dell'equipaggio si unì a lui. Lo sciopero che ne derivò crebbe rapidamente e fu raggiunto da uomini delle vicine acciaierie e fabbriche. Altrove, il 20 luglio i miliziani sono stati inviati a Cumberland, nel Maryland, dove gli scioperanti avevano fermato i treni. Almeno 10 persone in mezzo alla folla sono state uccise dai miliziani che erano in viaggio verso il deposito di Camden, spingendo l'assegnazione delle truppe federali a Baltimora, nel Maryland.

Tornato a Pittsburgh, quando la polizia locale e le unità della Guardia Nazionale erano riluttanti ad agire contro i loro concittadini, il governatore della Pennsylvania John F. Hartranft chiamò le guardie da Filadelfia. Il 21 luglio, dopo che le forze locali avevano fatto solo uno sforzo simbolico per cancellare le tracce della crescente folla, le truppe di Filadelfia caricarono alla baionetta. È scoppiata una rivolta, con pistole sparate da entrambe le parti, e ne sono risultate fino a 20 morti. Mentre la rabbia cresceva tra i lavoratori, le guardie si ritirarono in una sala circolare mentre la folla dava fuoco ai motori, alle auto e agli edifici della Pennsylvania Railroad. La notte successiva si sono scambiati colpi di arma da fuoco, con la morte di altri 20 membri della folla, insieme a cinque guardie. In città seguì uno sciopero generale virtuale, con operai siderurgici, minatori e operai che si unirono all'azione.

Sebbene sia stata convocata l'intera Guardia Nazionale della Pennsylvania, molte unità hanno tardato ad arrivare a causa delle azioni degli scioperanti in altre città dello stato. A Harrisburg, fabbriche e negozi sono stati chiusi in Libano, una compagnia della Guardia Nazionale si è ammutinata e a Reading, una folla ha fatto a pezzi i binari, fatto deragliare auto e dato fuoco. Tuttavia, il 29 luglio un nuovo contingente della Guardia Nazionale, sostenuto dalle truppe federali, aveva riportato la calma a Pittsburgh e aveva riaperto le operazioni ferroviarie.

Alla fine di luglio, lo sciopero delle ferrovie si era diffuso, in misura maggiore o minore, in tutto il nord-est in città come Albany e Buffalo a New York e in città del Midwest come Newark, in Ohio, e Chicago. I leader delle principali organizzazioni confraternite ferroviarie (la Confraternita dei vigili del fuoco delle locomotive, l'Ordine dei conduttori ferroviari e la Confraternita degli ingegneri delle locomotive), tuttavia, sembrano essere stati spaventati dalle rivolte quanto le autorità. La maggior parte ha sconfessato lo sciopero. Molti nelle classi medie e alte, ricordando la Comune di Parigi di circa sei anni prima, presumevano che gli scioperi aggressivi fossero stati insurrezioni comuniste organizzate. A Chicago il Marxist Workingman's Union ha fornito più struttura e organizzazione alle manifestazioni che altrove, ma le azioni che hanno incoraggiato sono state rapidamente represse dalla polizia e dalla Guardia Nazionale. Solo a St. Louis c'era qualcosa che si avvicinasse a uno sforzo organizzato per prendere il controllo, ma alla fine di luglio gli scioperi erano crollati quasi ovunque.

Gli scioperi si sono dissipati, prima di tutto, perché l'esercito federale non si è rotto. A differenza delle milizie, quei soldati professionisti rimasero insieme e seguirono gli ordini. Gli scioperi sono crollati anche perché, nonostante i timori degli industriali e del governo, non erano rivolte organizzate ma piuttosto scoppi spontanei. Una volta esaurita la rabbia degli scioperanti e della folla, anche la rivolta. Non c'erano stati leader con una visione politica maggiore per prendere il comando degli scioperanti.

Più di 100.000 lavoratori parteciparono al Grande sciopero ferroviario del 1877, al culmine del quale più della metà del trasporto merci sui binari del paese si era fermato. Alla fine degli scioperi, circa 1.000 persone erano andate in prigione e circa 100 erano state uccise. Alla fine lo sciopero ha prodotto ben poco. Alcuni politici nazionali hanno parlato di riforme del lavoro, ma non ne è venuto fuori nulla. Gli industriali hanno continuato a tagliare i salari ea rompere i sindacati. In pochi anni il Great Railroad Strike del 1877 fu quasi dimenticato.


Perché era necessario il compromesso del 1877?

Una storia di compromessi

Potremmo, in buona coscienza, chiamare l'America del XIX secolo "L'era dei compromessi". Cinque volte nel corso del 19° secolo, l'America ha affrontato la minaccia della disunione sulla questione della schiavitù.

Quattro volte la nazione è stata in grado di parlarne, con il Nord e il Sud che hanno fatto concessioni o compromessi sul “se questa nazione, nata dalla dichiarazione che tutti gli uomini sono stati creati con un uguale diritto alla libertà, continuerà ad esistere come la più grande paese schiavista nel mondo”. [10]

Di questi compromessi, i tre più noti furono il Compromesso dei tre quinti (1787), il Compromesso del Missouri (1820) e il Compromesso del 1850.

Dei cinque compromessi, solo un tentativo è fallito: il Compromesso Crittenden, il disperato tentativo del Sud di cementare la schiavitù nella Costituzione degli Stati Uniti, e la nazione è crollata in un conflitto brutale poco dopo.

Con le ferite della guerra ancora fresche, il Compromesso del 1877 fu un ultimo disperato tentativo di evitare un'altra guerra civile. Ma era uno che ha avuto un costo.

L'ultimo compromesso e la fine della ricostruzione

Per 16 anni, l'America aveva voltato le spalle al compromesso, scegliendo invece di risolvere le sue divergenze con baionette fissate a moschetti e brutali tattiche di guerra totale mai viste prima su un campo di battaglia.

Ma con la fine della guerra, la nazione iniziò a lavorare per riparare le sue ferite, lanciandosi in un periodo noto come Ricostruzione.

Alla fine della guerra civile, il Sud era in rovina, economicamente, socialmente e politicamente. Il loro stile di vita era radicalmente cambiato. La maggior parte dei meridionali perse tutto ciò che possedeva, comprese case, terra e schiavi.

Il loro mondo era stato capovolto e furono sottoposti con riluttanza al potere politico ed economico del Nord sotto le politiche della Ricostruzione nel tentativo di ripristinare l'Unione, ricostruire la società del sud e navigare nella legislazione che circondava gli schiavi appena liberati.

Per dirla gentilmente, il Sud si era stancato di fingere di adattarsi al Nord durante la Ricostruzione. Le leggi e le politiche del dopoguerra messe in atto per proteggere i diritti di quasi 4 milioni di liberti non erano proprio come si immaginavano la vita [11].

Il 13° emendamento, che metteva fuori legge la schiavitù, fu approvato anche prima della fine della guerra. Ma una volta finita la guerra, i meridionali bianchi hanno risposto emanando leggi note come "Codici neri" per impedire agli ex schiavi di esercitare i loro diritti conquistati a fatica.

Nel 1866, il Congresso approvò il 14° emendamento per cementare la cittadinanza nera nella Costituzione, e in risposta i meridionali bianchi reagirono con intimidazioni e violenze. Per proteggere i diritti di voto dei neri, il Congresso approvò il 15° emendamento nel 1869.

Sappiamo tutti che il cambiamento è difficile, specialmente quando quel cambiamento è in nome del riconoscimento dei diritti fondamentali e costituzionali dell'uomo a una parte piuttosto ampia della popolazione che ha trascorso centinaia di anni a subire abusi e uccisioni. Ma i leader politici bianchi nel sud erano disposti a fare qualsiasi cosa per riconquistare le loro posizioni politiche, sociali ed economiche e preservare quanto più possibile della loro società tradizionale.

Quindi, hanno fatto ricorso alla violenza e hanno iniziato a dilettarsi in atti di terrorismo politico per attirare l'attenzione del governo federale.

Compromesso per ridurre un'altra guerra

La situazione nel Sud si stava facendo sempre più calda e non passò molto tempo prima che fossero così impegnati a riconquistare territorio politico, sociale ed economico da essere disposti a tornare in guerra.

La violenza politica era in aumento nel Sud e il sostegno pubblico del Nord all'intervento militare e all'interferenza nelle relazioni razziali nel Sud stava diminuendo. Con l'assenza di un intervento militare federale, il Sud stava rapidamente – e deliberatamente – crollando in una violenza attentamente calcolata.

Se i bianchi del sud non hanno potuto impedire ai neri di votare alle urne con la coercizione, lo hanno fatto con la forza mentre minacciavano apertamente di uccidere i leader repubblicani. La violenza politica nel Sud era diventata una consapevole campagna controrivoluzionaria nel tentativo di estromettere i governi repubblicani della Ricostruzione.

I gruppi paramilitari che, solo pochi anni prima, avevano funzionato in modo indipendente erano ora più organizzati e operavano apertamente. Nel 1877, le truppe federali non riuscirono, o forse non potevano, a sopprimere la schiacciante quantità di violenza politica.

Ciò che gli ex confederati non erano stati in grado di ottenere sul campo di battaglia - "la libertà di ordinare la propria società e in particolare le relazioni razziali come ritenevano opportuno" - lo avevano vinto con successo attraverso l'uso del terrorismo politico [12].

Con ciò, il governo federale ha ceduto e ha negoziato un compromesso.


Interpretazioni

Alcuni storici sostengono che le assicurazioni offerte ad alcuni democratici del sud per prevenire un ostruzionismo non fossero un "compromesso" ma una conclusione scontata. [ 3 ] Peskin ammette che l'interpretazione di Woodward è accettata quasi universalmente ma poiché non tutti i termini sono stati rispettati non dovrebbe essere definita un compromesso. Altri storici sostengono che il partito repubblicano abbia abbandonato i neri del sud al governo razzista del partito democratico per ottenere il sostegno democratico. [ 4 ] In ogni caso, la Ricostruzione terminò, e la supremazia del Partito Democratico al Sud si cementò con l'ascesa dei governi "Redentore" che soppiantarono i governi repubblicani. Dopo il 1877, la supremazia bianca in genere indusse il Sud a votare democratico nelle elezioni per l'ufficio federale (il "Sud solido") fino al 1966.

Downs in "The Mexicanization of American Politics: The United States' Transnational Path from Civil War to Stabilization" (2012) rifiuta l'idea che sia stata un'era di facile riconciliazione e stabilità politica. Invece mostra che molti americani temevano la "messicanizzazione" della politica, per cui la forza sarebbe stata usata per regolare un'elezione presidenziale, come la forza è stata usata per regolare le elezioni statali nel sud. Downs esplora il modo in cui la messicanizzazione è stata decisamente respinta e la stabilità è stata raggiunta.

Qualunque "accordo" possa o meno aver avuto luogo, in termini legali formali, l'elezione del 1876 non fu decisa da tali atti, ma dal voto ufficiale del Congresso di accettare le raccomandazioni della Commissione elettorale che essi stessi avevano istituito come un via d'uscita dall'impasse elettorale. L'aspettativa nella creazione del comitato era che le sue decisioni sarebbero state accettate dal Congresso. Fu solo quando alcuni democratici non furono d'accordo con le decisioni della commissione a favore di Hayes che questo accordo fu messo a repentaglio. Questo gruppo ha minacciato un ostruzionismo (contrariato anche dai repubblicani e dalla leadership democratica del Congresso) che avrebbe impedito persino il voto concordato. Le discussioni sui punti del presunto "compromesso" riguardavano solo convincere i democratici chiave a non acconsentire a un ostruzionismo. La stessa minaccia di ostruzionismo - misura utilizzata da una minoranza per impedire un voto - indica che c'erano già voti sufficienti per accettare le raccomandazioni della commissione.


Compromesso del 1877 - Definizione, risultati e significato - STORIA

L'episodio della storia noto come "Il compromesso del 1877" è una delle storie più interessanti della storia degli Stati Uniti. Questo compromesso non solo ha posto fine a un disaccordo che ci impediva di selezionare un presidente, ma ha anche determinato cambiamenti radicali nel clima sociale, politico ed economico del sud. Questo articolo esaminerà il significato storico di "The Compromise of 1877".
Nel 1876, la ricostruzione nel sud era agli sgoccioli. Gli sforzi per ricostruire gli stati che si erano separati durante la guerra civile avevano portato a risultati contrastanti. C'erano stati alcuni miglioramenti e la situazione dei neri nel Sud era migliorata per la maggior parte. Ma quando i "repubblicani radicali" del nord iniziarono a essere sostituiti con membri conservatori più orientati agli affari, gli interessi personali presero il sopravvento sulla "ricostruire" del sud. A tutti gli stati del sud tranne tre era stato concesso il "governo domestico", il che significa che il potere era stato restituito ai democratici del sud dai repubblicani della ricostruzione. La ricostruzione si sarebbe ufficialmente conclusa l'anno successivo dopo le elezioni presidenziali più controverse, amare e prolungate della storia americana. Questi tre stati giocherebbero un ruolo importante nel decidere quelle elezioni.
Sia i Democratici che i Repubblicani scelsero nel 1876 candidati che si dimostrarono riformatori. I democratici hanno scelto il popolare governatore di New York Samuel J. Tilden mentre i repubblicani hanno scelto il governatore dell'Ohio Rutherford B. Hayes. Entrambi i candidati hanno promesso di ripristinare l'home rule in Louisiana, South Carolina e Florida, il che implica che i bianchi del sud potrebbero ora occuparsi dei problemi dei diritti dei neri. Nessuno si aspettava una gara così ravvicinata, ma quando i voti furono contati, Tilden aveva vinto il voto popolare di quasi duecentocinquantamila voti, ma era un voto elettorale in meno della maggioranza necessaria. Tilden aveva 184 voti elettorali e Hayes ne aveva 165. Ma venti voti elettorali erano in discussione e diciannove di questi erano in Louisiana, nel sud.


Compromesso del 1877 - Definizione, risultati e significato - STORIA

Il Compromesso del 1877 segnò l'alba di una nuova era nella storia americana. La maggior parte degli eventi dopo il compromesso, decenni dopo, sono risultati diretti del compromesso. In particolare i neri sono stati i più colpiti da questo. I diritti che erano stati loro promessi quando hanno combattuto con il nord nella guerra civile erano scomparsi. I diritti non sono stati tolti per dire, ma semplicemente non applicati. Il compromesso che molto probabilmente ha salvato la nazione dall'irrompere nella guerra civile ha avuto un effetto valanga sulla vita di tutti dopo che è stato fatto.
La ricostruzione è stata un imperativo nella storia degli Stati Uniti. Subito dopo la guerra civile, la nazione e il suo ex nemico erano ora in pace e pronti a diventare di nuovo una cosa sola. Ha permesso al sud di ricongiungersi alla nazione in determinate condizioni. In alternativa il sud si è riunito ma ha adottato cose come i codici neri per continuare a perseguitare gli ex schiavi. Facendo arrabbiare il nord, il sud fu posto sotto il dominio militare per far rispettare le clausole concordate per ricongiungersi alla nazione. Mentre il nord si industrializzava e prosperava, il sud si aggrappava all'agricoltura e alla schiavitù con tutte le sue forze. La tensione era di nuovo alta e gli Stati Uniti erano di nuovo sull'orlo della guerra.
Il Compromesso del 1877 impedì a una nazione in guerra di tornare in battaglia. Essenzialmente sia il nord che il sud hanno ottenuto alcune cose che volevano e altre che hanno fatto, la definizione di un compromesso. Le truppe sono state rimosse dal sud, Hayes è stato eletto in attesa di un membro democratico nel suo gabinetto, una seconda ferrovia transcontinentale nel sud e una legislazione fatta per aiutare l'industrializzazione del sud. Questo sembrava giusto per tutti, ma ovviamente non per i neri. Il Compromesso del 1877 fu un accordo tra repubblicani e democratici. L'accordo era che i Democratici avrebbero accettato di dare a Hayes la vittoria nelle elezioni presidenziali che non aveva chiaramente vinto. In cambio, il nuovo presidente ha accettato di rimuovere le restanti truppe federali.


Compromesso del 1877

Il Compromesso del 1877 segnò l'alba di una nuova era nella storia americana. La maggior parte degli eventi dopo il compromesso, decenni dopo, sono risultati diretti del compromesso. In particolare i neri sono stati i più colpiti da questo. I diritti che erano stati loro promessi quando hanno combattuto con il nord nella guerra civile erano scomparsi. I diritti non sono stati tolti per dire, ma semplicemente non applicati. Il compromesso che molto probabilmente ha salvato la nazione dal ricadere nella guerra civile ha avuto un effetto valanga sulla vita di tutti dopo che è stato fatto.

La ricostruzione è stata un imperativo nella storia degli Stati Uniti. Subito dopo la guerra civile, la nazione e il suo ex nemico erano ora in pace e pronti a diventare di nuovo una cosa sola. Ha permesso al sud di ricongiungersi alla nazione in determinate condizioni. In alternativa il sud si è riunito ma ha adottato cose come i codici neri per continuare a perseguitare gli ex schiavi. Facendo arrabbiare il nord, il sud fu posto sotto il dominio militare per far rispettare le clausole concordate per ricongiungersi alla nazione. Mentre il nord si industrializzava e prosperava, il sud si aggrappava all'agricoltura e alla schiavitù con tutte le sue forze. La tensione era di nuovo alta e gli Stati Uniti erano di nuovo sull'orlo della guerra.

Il Compromesso del 1877 impedì a una nazione in guerra di tornare in battaglia. In sostanza, sia il nord che il sud hanno ottenuto alcune cose che volevano e alcune non hanno avuto la definizione di un compromesso. Le truppe furono rimosse dal sud, Hayes fu eletto in attesa di un membro democratico nel suo gabinetto, una seconda ferrovia transcontinentale nel sud e una legislazione fatta per aiutare l'industrializzazione del sud. Questo sembrava giusto per tutti... tranne che per i neri.

Nel 1877 il compromesso critico fatto per salvare la pace della nazione fragile riunita fu un enorme tradimento agli ex schiavi, uomini e donne neri, del sud. I neri hanno combattuto per il nord, per la loro libertà, e poi una volta ci sono riusciti.


Bibliografia: "Miss Ida B. Wells, The New York Public Library, 1892." In America: A Concise History, di James A. Henretta e David Brody (Boston, New York: Bedford/ St. Martin's, 2010), 570, immagine 1.
"Nativismo protestante patriottico, consulenti e archivi per la ricerca di immagini, 1920." in America: A Concise History, di James A. Henretta e David Brody (Boston, New York: Bedford/ St. Martin's, 2010), 685, immagine 1.
"La marcia su Washington, Bob Adelman/ Magnum Photos, 1963." in America: A Concise History, di James A. Henretta e David Brody (Boston, New York: Bedford/ St. Martin's, 2010), 828, immagine1.
"The Shores Family, Custer County, Nebraska, 1877, Nebraska State Historical Society." In America: A Concise History, di James A. Henretta e David Brody (Boston, New York: Bedford/ St. Martin's, 2010), 475, immagine 1.


Le regole di entrambi i principali partiti stabiliscono che se l'apparente vincitore muore in tali circostanze e il suo vicepresidente è ancora in grado di assumere la presidenza, allora il vicepresidente deve diventare il presidente eletto con gli elettori diretti a votare per il ex vicepresidente candidato alla carica di presidente.

Il Compromesso del 1876 pose effettivamente fine all'era della Ricostruzione. Le promesse dei Democratici del Sud di proteggere i diritti civili e politici dei neri non sono state mantenute e la fine dell'interferenza federale negli affari del sud ha portato a una diffusa privazione del diritto di voto degli elettori neri.