Popoli, Nazioni, Eventi

Maurice Papon

Maurice Papon

Maurice Papon è morto il 17 febbraioesimo, 2007. Papon ha raggiunto l'infamia come l'uomo che ha inviato oltre 1000 francesi nei campi di sterminio della Germania nazista durante la seconda guerra mondiale. Eppure Papon divenne ministro del governo dopo la guerra.

Maurice Papon divenne un ufficiale di alto rango a Vichy in Francia - il regime fantoccio istituito sotto Marshall Petain dopo la resa della Francia. Papon, all'età di 31 anni, è stato funzionario amministrativo della prefettura di Bordeaux. Questa era la seconda posizione più alta che avrebbe potuto avere nella regione della Gironda. I nazisti ordinarono ai funzionari di Vichy di diventare più attivi nella raccolta di ebrei. Papon seguì questo ordine e mise sotto sorveglianza della polizia i conventi, le case dei bambini e le scuole, ovunque nascondessero ebrei. Quando i leader cattolici locali si sono lamentati di ciò che Papon stava facendo, ha risposto che a quel tempo il Vaticano era rimasto in silenzio sulla questione e che non vi era motivo per cui i leader religiosi locali non dovessero fare lo stesso.

Nell'estate del 1942, Papon ordinò l'arresto di 1.690 ebrei, di cui 223 bambini. Dalla Gironda furono inviati al campo di transito di Drancy nella periferia di Parigi. Furono quindi inviati ad Auschwitz. Dei primi mille inviati ad Auschwitz, solo uno sopravvisse. È noto che Papon organizzò personalmente quattro dei dodici convogli che portarono gli ebrei dalla Gironda a Drancy. I documenti al processo di Papon dimostrarono che voleva accelerare il sistema in modo che pochi ebrei avessero la possibilità di fuggire, screditando così totalmente la sua difesa che Papon fece del suo meglio per aiutare gli arrestati.

La dedizione di Papon a ciò che stava facendo lo portò persino a far pagare gli ebrei per il loro trasporto a Drancy: l'Unione Generale degli Israeliti di Francia, con sede a Parigi, ricevette le fatture e nelle circostanze dell'occupazione dovette pagarle. Il lavoro di Papon ricevette notizie positive dai suoi signori nazisti.

Quando il pieno orrore dei campi di sterminio sarebbe diventato noto dopo la guerra, si sarebbe ritenuto che Papon sarebbe stato arrestato e accusato dei suoi crimini. Lui non era. Invece Papon è salito sulla scala politica a livello nazionale. Dopo la liberazione di Parigi, Papon divenne un gollista.

La Francia appena liberata trovò difficile accettare che qualcuno fosse un collaboratore nazista al di fuori delle donne che fecero amicizia con i soldati tedeschi e che furono pubblicamente umiliati come "orizzontali". Il pubblico è stato alimentato con storie dell'eroismo della resistenza francese e dell'incessante patriottismo di Charles De Gaulle. Pertanto, chiunque sia associato a De Gaulle non potrebbe essere un "collaboratore". Il popolo francese dovette vestire le proprie ferite nazionali - e ciò includeva effettivamente chiudere un occhio su quelli di livello superiore che, secondo qualsiasi definizione della parola, collaboravano. La carriera di Papon Vichy fu aerografata. De Gaulle ha ringraziato Papon per il suo lavoro nella Resistenza francese e, a tutti gli effetti, era un eroe nazionale - come tutti i membri della Resistenza. Ha ricevuto la Legione d'onore e la Croce del combattente della resistenza

Papon fu prefetto di polizia a Parigi e rimase quasi protetto fino alla morte di De Gaulle nel 1970.

Ha servito come ministro del bilancio sotto il primo ministro Valery Giscard d'Estaing.

I crimini di Papon furono scoperti solo nel 1981 quando prestò servizio come ministro del bilancio. Ma sarebbero passati altri 17 anni prima che fosse portato in tribunale.

Papon fu sciolto da un ebreo chiamato Michel Slitinsky. Aveva eluso l'arresto nel 1942, ma in memoria di suo padre che fu arrestato e assassinato ad Auschwitz, Slitinsky si impegnò a consegnare i collaboratori alla giustizia.

Dopo la guerra, molti documenti rilevanti sono stati distrutti, il che ha reso molto difficile rintracciare i collaboratori. Tuttavia, durante i documenti di guerra sopravvissuti a Bordeaux, Slitinsky si imbatté nel suo mandato di arresto firmato da Papon. Altri documenti firmati da Papon furono trovati anche da Michel Berges, uno storico.

Quando i documenti furono pubblicati, terminarono la carriera politica di Papon. Tuttavia, ci sono stati ancora molti tentativi di impedire il trascinamento del passato e Papon ha impiegato fino al 1998 per affrontare i tribunali quando aveva 86 anni.

La difesa di Papon fu che non aveva alcun controllo su ciò che accadde agli ebrei. Sosteneva anche che lavorava segretamente per la Resistenza francese e che i leader della Resistenza gli avevano detto di rimanere nella sua posizione a Bordeaux quando voleva rassegnare le dimissioni per quanto riguardava gli ebrei. Papon ha affermato che i documenti presentati alla corte erano falsi.

Papon fu dichiarato non colpevole di omicidio in quanto non si poteva dimostrare che sapeva che quegli ebrei diretti a Drancy dalla Gironda sarebbero stati assassinati. Tuttavia, è stato dichiarato colpevole di aver organizzato il trasporto di ebrei a Drancy e condannato a dieci anni di prigione. Papon fece appello e durante il suo appello fuggì in Svizzera. Fu trovato e tornò in Francia per iniziare la sua pena nel 1999. Papon fu rilasciato dal 2002 a causa della sua cattiva salute

Guarda il video: Le proc├Ęs Maurice Papon. Archive INA (Settembre 2020).